Strategia d investimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategia d investimento"

Transcript

1 Private Banking Strategia d investimento no. 2 / : Petrolio: Tattica: la politica monetaria continuerà a incidere sullo sviluppo dei corsi l'offerta eccessiva provoca un crollo dei prezzi Posizionamento nei mandati Baloise Investment Advice (BIA) Pagina 6 Pagina 8 Pagina 10

2 2 Strategia d investimento no. 2 / Editoriale Editoriale Editoriale 2 4 Retrospettiva 4 Svizzera 4 Estero 6 Mercati emergenti 7 Mercati dei capitali 8 Tema speciale 9 L'internet delle cose 9 Tattica d'investimento 10 Posizionamento nei mandati Baloise Investment Advice (BIA) 10 Impressum 11 Contatto 12 Abolizione della soglia minima di cambio di 1,20 franchi per un euro Il 15 gennaio l abolizione della soglia minima di cambio di 1,20 franchi per un euro ha scosso la borsa svizzera. Molti dirigenti paventano la perdita di competitività per l'export svizzero. Inoltre, i dipendenti temono la perdita del posto di lavoro. Lo Swiss Market Index (SMI) ha dissipato in due giorni oltre il 14 %, un vero e proprio tracollo (perdita di circa il 20 %). Nel giro di due mesi lo SMI ha ricuperato il terreno perso. Gli operatori di mercato sono ora dell'avviso che le conseguenze dell'abolizione della soglia minima di cambio non saranno così drammatiche come temuto inizialmente EUR/CHF Il corso EUR / CHF è sceso il 15 gennaio di circa il 23 % superando addirittura la parità (di 1:1). Da allora il corso EUR / CHF ha riguadagnato circa il 10 % assestandosi a 1.07 circa. Il franco svizzero è pertanto decisamente sopravvalutato e dovrebbe permanere per il momento a questo livello. Economia reale La competitività delle imprese svizzere è messa seriamente a repentaglio dal rafforzamento del franco svizzero. Secondo le previsioni più diffuse la crescita economica della Svizzera (PIL) dovrebbe subire una flessione dall'attuale 1,5 % allo 0,8 %. Passando da 136'000 a 138'000, il numero dei disoccupati è salito dalla fine del 2014 e fino alla fine di febbraio solo lievemente, soprattutto rispetto all'europa. Noi abbiamo ancora una situazione di piena occupazione. Dopo solo due mesi lo choc è superato e gli effetti si rivelano meno drammatici rispetto ai timori. Il nuovo contesto Per evitare che il CHF continui la sua cavalcata nei confronti dell'eur, la Banca Nazionale Svizzera (BNS) ha introdotto interessi negativi sugli averi depositati sui conti giro. Ciò ha

3 Strategia d investimento no. 2 / Editoriale 3 provocato inevitabilmente un ulteriore abbassamento del livello dei tassi dopo il 15 gennaio. I tassi d'interesse ai minimi storici hanno i loro lati positivi e negativi. I debitori ipotecari e le imprese con un'elevata quota di capitale di terzi beneficiano di sostanziali risparmi sugli interessi. In seguito alle nuove procedure di produzione e alle tendenze deflazionistiche a livello mondiale sono scesi sensibilmente anche i costi energetici (petrolio, gas naturale, carburanti). Approfittano di tale andamento non solo i consumatori ma anche vari settori industriali che utilizzano vettori energetici per la produzione o il trattamento di prodotti. I tassi bassi e i costi energetici sgravano in modo considerevole il budget, aumentando consumo e prodotto interno lordo. Stando alle stime degli economisti il PIL dei Paesi importatori di petrolio dovrebbe crescere di circa lo 0,3 0,5 % Yield Swiss Bond Index BBB Il rovescio della medaglia (dei tassi bassi) sono i rendimenti obbligazionari. Il rendimento di un'obbligazione della Confederazione con una durata di 10 anni è negativo. Tale circostanza non ha una valenza storica solo per la Svizzera, bensì anche sul piano internazionale. Simile si presenta il quadro delle obbligazioni societarie. Le obbligazioni in CHF con un rating d'investimento BBB e una durata di circa 4 anni rendono al momento solo lo 0,8 % (vedi grafico). Poiché alla luce dei rendimenti esigui non vale più la pena acquistare obbligazioni, gli investitori con un'elevata quota di investimenti a tasso fisso devono mettersi alla ricerca di alternative. un livello dei tassi più elevato, l'investitore deve fare i conti con il rischio legato ai corsi di cambio. Il rischio legato alle monete estere può essere ben più elevato rispetto al vantaggio in termini di interessi delle obbligazioni nella moneta nazionale. Per questo motivo non vi è alternativa ai titoli di partecipazione. I rendimenti da dividendi dello Swiss Market Index superiori al 3 % sono di gran lunga al di sopra di quelli delle obbligazioni in CHF. Le azioni si orientano alle prospettive degli utili di un'impresa e sono pertanto maggiormente soggette alle oscillazioni rispetto agli investimenti a tasso fisso. Da quando gli interessi sono bassi le azioni difensive sono ricercate come alternativa agli investimenti a tasso fisso, il che si rispecchia già nei parametri di valutazione. Benché i valori difensivi approfittino in misura relativamente esigua di una ripresa congiunturale, essi evidenziano valutazioni elevate. Per questo motivo consigliamo non solo azioni difensive, bensì anche azioni di imprese che presentano una distribuzione del dividendo solida e in avvenire sono in grado di incrementare i loro utili in modo lungimirante. Con un orizzonte temporale sufficientemente lungo, eventuali fasi di correzione del mercato azionario possono essere superate. E con una distribuzione o un rendimento sotto forma di dividendo relativamente elevati, l'azionista dorme sonni tranquilli anche durante una possibile correzione. Il vostro / La vostra consulente sarà lieto / a di assistervi offrendovi altre alternative o soluzioni per superare la situazione dei tassi bassi o per sottoporvi offerte personalizzate commisurate alle vostre esigenze in materia d'investimento. Attendiamo la vostra presa di contatto. Il nuovo contesto richiede una verifica delle strategia d'investimento? Il livello dei tassi a minimi storici dovrebbero persistere ancora per un po' di tempo alla luce del rafforzamento del franco. Nell'eurozona gli interessi sono scesi notevolmente in seguito al programma di acquisto di obbligazioni attuato dalla Banca centrale europea. In riferimento ai Paesi che dispongono di Jürg Ritz CEO Baloise Bank SoBa

4 4 Strategia d investimento no. 2 / Retrospettiva Nel primo trimestre vi sono stati almeno tre gli eventi che hanno modificato il contesto degli investimenti. Il 15 gennaio la Banca Nazionale Svizzera (BNS) ha abolito la soglia minima del cambio CHF / EUR. Una settimana dopo la Banca centrale europea ha annunciato l'inizio del programma di acquisto di obbligazioni. In Grecia, infine, un governo di sinistra ha preso in mano le redini del Paese. Dopo la decisione positiva da parte della Corte di giustizia dell Unione europea riguardo all'acquisto illimitato di titoli di Stato nell'eurozona, la BNS ha abolito la soglia minima del cambio EUR / CHF. La Banca nazionale ha inoltre ridotto il tasso negativo dello 0,5 % portandolo a 0,75 %, al fine di impedire un maggiore rafforzamento del franco svizzero. Come terzo provvedimento la BNS ha spostato la fascia di oscillazione per il LIBOR a 3 mesi ulteriormente verso il basso collocandolo in territorio negativo fra 1,25 % e 0,25 %. Con l'annuncio dell'abolizione della soglia minima il franco svizzero si è apprezzato di un sol colpo del 23 % sfondano la parità. Gli investitori alla borsa si sono fatti prendere dal panico. Performance Equity Indices* 2015 (23th March in local currency) SMI 5.6 % DAX (Germany) 21.3 % Euro Stoxx % Dow Jones Industrial (US) 2.2 % Nasdaq Composite (US) 6.2 % Nikkei 225 (Japan) 13.5 % Hang Seng (China) 4.3 % *Dividends included Lo Swiss Market Index (SMI) è sceso in due giorni di oltre il 14 %, un vero e proprio tracollo (e una perdita di circa il 20 %). Nel giro di due mesi lo SMI ha recuperato il terreno perso. Gli operatori di mercato sono ora dell'avviso che le conseguenze dell'abolizione della soglia minima del cambio EUR / CHF non saranno così drammatiche come temuto inizialmente. Sulla base dei fondamentali la valutazione è salita poiché il rafforzamento del franco incide negativamente sia sulla cifra di affari, sia sui margini. La corsa al rialzo delle azioni svizzere è stata sostenuta anche da un dollaro statunitense più solido. Il corso USD / CHF è balzato da a superando la parità. In più molti dirigenti di imprese hanno attuato misure tese a difendere la competitività come l'incremento dell'orario del lavoro, la delocalizzazione della produzione all'estero e la riduzione delle retribuzioni. Inoltre molte imprese svizzere hanno aumentato notevolmente le loro distribuzioni in virtù di risultati migliori. Lo Swiss Performance Index segna al momento un rendimento da dividendi del 3,1 %. I mercati azionari europei hanno superato per la prima volta dalla crisi finanziaria del 2009 le borse americane. Dall'inizio dell'anno l'euro Stoxx 50 è salito di oltre il 18 %, mentre l's & P 500 americano marcia sul posto. Tale outperformance è riconducibile al programma di acquisto di titoli annunciato il 25 gennaio dalla Banca centrale europea (BCE). Il programma prevede l'acquisto di obbligazioni per un importo pari a 60 miliardi di euro al mese (volume complessivo di EUR 1,14 bilioni). Mario Draghi è intenzionato a continuare l'acquisto di titoli fino a settembre 2016, se necessario anche oltre. Il primo giorno, il 9 marzo, la BCE ha acquistato titoli di Stato per un valore di ben 3,2 miliardi di euro. Gli investitori sono convinti che questa misura darà una spinta all'economia europea. L'idea dell'allentamento quantitativo si fonda sul principio secondo cui i tassi bassi incentivano gli investimenti. L'acquisto di titoli con lunghe durate comporta anche una curva degli interessi piatta, il che a sua volta provoca un abbassamento dei tassi a lungo termine. I tassi bassi a lungo termine favoriscono gli investimenti edilizi. Negli Stati Uniti l'acquisto di titoli ha già avuto effetti positivi sull'economia. In seguito alla crisi finanziaria e al calo della domanda, la banca centrale americana (Fed) ha attuato tre allentamenti quantitativi. Ne è conseguita una crescita del prodotto interno lordo (PIL) del 2,4 % l'anno scorso, mentre l'economia europea ha segnato solo un più 0,9 %. Le difficoltà finanziarie della Grecia o una possibile uscita ellenica dall'eurozona (cosiddetto Grexit) ha avuto riflessi solo esigui sull'andamento delle borse. Anche il perdurare della crisi ucraina non è riuscito a offuscare il clima positivo. Al momento pare che non vi sia alternativa alcuna ai mercati azionari se si considerano i tassi ai minimi storici e la ripresa economica nell'eurozona. Svizzera Il mercato azionario svizzero ha recuperato prima del previsto il terreno perso in seguito all'abolizione della soglia minima dell'euro. Lo Swiss Market Index ha già toccato i 9'200 punti, livello precedente all'annuncio della Banca Nazionale Svizzera

5 Strategia d investimento no. 2 / (BNS). Tale ricupero ha sorpreso gli operatori, tanto più che un franco svizzero più forte si riflette negativamente per la maggior parte delle imprese svizzere sia sulla cifra di affari, sia sui margini. La Svizzera è e rimane un Paese che dipende dall'export. Un corso del franco svizzero più alto riduce la competitività internazionale. Gli economisti prevedono però a lungo termine un innalzamento del corso di cambio EUR / CHF. Poiché la Banca centrale europea è solo agli inizi del suo programma di acquisto di titoli, il corso EUR / CHF dovrebbe assestarsi a breve e medio termine al livello attuale di CHF Le valutazioni delle imprese non si basano solo sulle aspettative riguardo all'utile previsto per l'anno corrente, bensì anche per gli anni futuri (successivi). Secondo le stime generalmente condivise, la crescita del prodotto interno lordo (PIL), che l'anno scorso ha segnato un +1,98 %, dovrebbe indebolirsi a un +0,8 %. Gli economisti prevedono però già per il 2017 una crescita dell'1,7 %. Da indagini della finanza comportamentale (Behavioral Finance) emerge che dinanzi a sorprese di questo tipo gli investitori si fanno spesso prendere dal panico e che i mercati si lasciano andare a reazioni sproporzionate, ignorando temporaneamente del tutto il valore equo. Molte imprese hanno inoltre attuato misure tese a salvaguardare la competitività (aumento dell'orario di lavoro, delocalizzazione di posti di lavoro e produzione all'estero, riduzione delle retribuzioni). Per questo motivo il ricupero dei corsi azionari è comprensibile. 10'000 9'500 9'000 8'500 8'000 7'500 7'000 Swiss Market Index 6' L'allentamento quantitativo (acquisto di obbligazioni in euro) introdotto dalla Banca centrale europea (BCE) ha contribuito a fare cambiare l'area che si respira nell'economia reale e soprattutto sui mercati azionari europei. Si intravvedono già i primi segnali di ripresa economica nell'eurozona. Poiché l'europa è per la Svizzera il partner commerciale più importante, anche l'export rossocrociato potrebbe trarre vantaggio da tale andamento positivo. Già in passato la Svizzera ha avuto modo di dimostrare di essere in grado di difendere la propria competitività nonostante un franco svizzero forte attraverso incrementi dell'efficienza. Con una valutazione di 17.7x (stima ampiamente condivisa) per il 2015, un rendimento da dividendi attuale del 3 % e la rianimazione dell'economia europea, il mercato azionario sviz- EpicStockMedia

6 6 Strategia d investimento no. 2 / zero evidenzia per l'anno in corso un potenziale verso l'alto. A livello di comparti preferiamo i titoli ciclici che traggono vantaggio dalla crescente espansione economica nell'eurozona. Manteniamo i titoli difensivi solo per motivi di diversificazione. Non escludiamo piccole correzioni sul mercato azionario, visto che i livelli alti che ha già raggiunto. Estero I mercati azionari europei hanno fatto registrare, a sorpresa, una forte impennata. Dall'inizio dell'anno l'euro Stoxx 50 (l'indice delle 50 imprese europee quotate in borsa con la maggiore capitalizzazione) è progredito del 18 %. In passato rialzi di questa entità si constatavano (erano possibili) solo dopo recessioni. Dopo lo scoppio della bolla dei crediti nel 2008, l'euro Stoxx 50 è cresciuto del 144 % DAX Index CAC Index Indices Europe vengono acquistate in primo luogo obbligazioni a lunga durata, la propensione agli investimenti evolve positivamente. I valori ciclici dovrebbero trarre il maggior profitto VIX Index S&P 500 (implied volatilities) Non solo i bassi costi di rifinanziamento ma anche la caduta dei prezzi delle materie prime, soprattutto il crollo del prezzo del petrolio, dovrebbero incrementare in modo sensibile il consumo. Il comportamento di consumo segna l'orientamento dell'andamento delle borse. Negli Stati Uniti gli allentamenti quantitativi (QE) già portati a termine hanno fatto innalzare i rendimenti obbligazionari. Storicamente i rendimenti obbligazionari sono strettamente correlati all'andamento dei corsi dei valori ciclici. I valori ciclici sono nettamente più convenienti rispetto ai titoli difensivi. Nei periodi recessivi, come ad esempio gli anni 2012 e 2013, i comparti difensivi erano molto richiesti. Che cosa ha spinto gli attori di mercato a operare questi acquisti? Dopo due anni consecutivi di profonda recessione nell'eurozona e di una generale politica volta al risparmio attuata dagli Sati europei, la Banca centrale europea (BCE) si è vista costretta a prendere provvedimenti straordinari al fine di stimolare la crescita. Mario Draghi, Presidente della BCE, ha ribadito a più riprese di voler far tutto il possibile per salvare l'economia europea. La BCE, non sapendo più che pesci pigliare, ha deciso di optare per la soluzione che negli Stati Uniti aveva già avuto successo. Il 25 gennaio la BCE ha deciso di attuare un programma di acquisto di obbligazioni per un importo di 1,14 bilioni di euro. Con una somma mensile di 60 miliardi di euro, messa in campo per gli acquisti obbligazionari, si è andati oltre le previsioni per il 20 %. Il programma dovrebbe durare fino alla fine di settembre 2016, potrebbe però all'occorrenza anche essere prorogato. Secondo le previsioni largamente condivise, il PIL dovrebbe far registrare una progressione di quasi il 40 % rispetto all'anno precedente, vale a dire da un +0,8 % a un +1,3 %. Poiché A livello di Paesi diamo la preferenza all'europa, poiché il ciclo economico americano è in una fase molto avanzata, il che si rispecchia nelle valutazioni già abbastanza elevate. In più l'euro Stoxx 50 evidenzia un rendimento da dividendi nettamente superiore pari al 3,2 %, mentre quello dell's&p 500 americano si ferma al 2 %. Dow Jones Index 19'000 18'500 18'000 17'500 17'000 16'500 16'000 15'500 15'000 14'500 14'000 13'500 13'000 12'

7 Strategia d investimento no. 2 / Anche se le azioni europee hanno segnato da metà gennaio un notevole balzo diventando di conseguenza maggiormente soggette a una correzione, la fase rialzista dei titoli europei non dovrebbe ancora esser giunta al capolinea. La BCE è tuttora impegnata a stimolare la congiuntura attraverso il rallentamento quantitativo e quindi a combattere contro i pericoli di una deflazione. Oltre ai titoli di partecipazione mancano quasi del tutto le alternative. I rendimenti delle obbligazioni europee, in particolare quelle a breve durata, si attestano già in territorio negativo. Con il miglioramento della congiuntura e il cambiamento del clima, poi, aumenta anche la propensione al rischio. Mercati emergenti Gli Stati BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) evidenziano da alcuni anni sviluppi divergenti tra loro. L'acronimo BRIC è stato citato per la prima volta dalla Investment Bank Goldman Sachs nel 2000 in un'indagine di ricerca. I Paesi con una crescita rapida esistevano però già negli anni Ottanta, come ad esempio le «tigri asiatiche» (Taiwan, Singapore, Corea del Sud e Hong Kong). La tesi principale dello studio sui Paesi BRIC metteva in risalto la rincorsa dei Paesi emergenti in termini di benessere nei confronti dei Paesi industrializzati. Dopo poco meno di un decennio di tassi di crescita a due cifre, tali tassi divergono nei quattro Paesi. È tuttavia normale che i tassi di crescita di tutti e quattro i Paesi siano scesi nel corso degli anni. È il risultato di un maggiore benessere. Gli aumenti di efficienza diminuiscono con il tempo. Anche lo sviluppo demografico è mutato dall'inizio della fase di crescita. 1'150 1'100 1'050 1' MSCI Emerging Market Index Emerging Markets Con un'espansione di oltre il 7 %, la crescita della Cina continua comunque a essere il doppio di quella degli Stati Uniti. Diversa la situazione di Brasile e Russia. La crescita del prodotto interno lordo di questi due Paesi è negativa. Un motivo principale è il crollo del prezzo delle materie prime. La dipendenza di Brasile e Russia dalla materie prime è enorme. Cina e India, per contro, importano la maggior parte dei loro prodotti di base beneficiando di prezzi più bassi. La Cina ha però davanti a sé una grande sfida. Il modello di crescita si basava su un export in forte espansione. Nel corso degli anni i salari sono aumentati in modo considerevole, il che costringe la Cina a scalare lungo la catena di creazione del valore. Per superare la transizione, le riforme avviate devono produrre i loro effetti, mentre vanno abbattuti gli squilibri e l'eccesso di capacità produttiva. Fra i Paesi BRIC l'india è di sicuro la rivelazione. Come unico Paese BRIC l'india evidenzia tassi di crescita in aumento. Ciò è senza dubbio attribuibile al nuovo governo che avviato gli sforzi a favore delle riforme. In più, il presidente della banca centrale in carica Rajan ha conferito maggiore credibilità alla banca nazionale indiana. L'India presenta tuttora il maggior potenziale di ricupero. Il PIL pro capite è un quinto rispetto a quello della Cina. Lo sviluppo demografico è il più vantaggioso fra quelli dei Paesi BRIC. Partendo dal presupposto che gli sforzi a favore delle riforme vadano a buon fine, la crescita del PIL indiano potrebbe persistere all'8 %, superando la crescita della Cina. I mercati emergenti non hanno perso il loro appeal per gli investitori. I trend globali come il crollo del prezzo delle materie prime non vanno però trascurati. Il peso di questi quattro Paesi BRIC è sensibilmente aumentato sull'arco di un decennio. Già oggi i Paesi BRIC incidono sulla prestazione economica globale per il 22 %, quando nel 2000 tale quota era pari solo all'8 %. Oltre ai Paesi BRIC esistono altre nazioni emergenti che evidenziano un potenziale di ricupero maggiore. Determinante per lo sviluppo del valore non è solo la selezione dei Paesi, manche quella di comparti e titoli. Per questo motivo raccomandiamo un fondo dei mercati emergenti che seleziona attivamente settori, titoli e Paesi

8 8 Strategia d investimento no. 2 / Mercati dei capitali Mercati dei capitali Benché il corso del cambio EUR / CHF si sia sensibilmente ripreso dal livello minimo segnato dopo l'annuncio choc della BNS (a 1,07), esso non dovrebbe riuscire a raggiungere il livello di 1.20 entro la fine dell'anno. Il rafforzamento del franco svizzero dovrebbe intaccare fortemente la competitività dell'economia svizzera. Il prodotto interno lordo è cresciuto l'anno scorso dell'1,98 %. Una recessione sembra però improbabile. Ciononostante gli economisti prevedono per il 2015 una crescita di solo lo 0,8 %. Con l'abolizione della soglia minima del corso a metà gennaio i rendimenti in franchi svizzeri sono crollati. I rendimenti di un'obbligazione della Confederazione con una durata di 10 anni si attesta al momento a 0.07 %. La Banca Cantonale di Zurigo prevede un rendimento fra un anno di solo lo 0,20 %. I tassi d'interesse a breve termine sono di gran lunga più «scarsi». Il tasso del mercato monetario a tre mesi è pari a 0.85 %. Le stime a 12 mesi permangono in territorio negativo a 0.60 %. La ricerca di opportunità di rendimento sul mercato dei tassi svizzeri rimane un compito arduo. Le obbligazioni societarie offrono ancora dei rendimenti positivi, ma solo quelle con durate lunghe. Bisogna pertanto correre un rischio sui tassi relativamente alto. In alternativa esiste la possibilità di correre un rischio di credito più elevato. Rappresentano una variante le emissioni di città e Cantoni Interest Rate Government Bond Switzerland 10Y Negli Stati Uniti si specula su un primo innalzamento dei tassi dopo lo scoppio crisi creditizia. Si conviene su un aumento dei tassi per metà anno. Poiché nei mesi estivi l'economia spesso segna un rallentamento, riteniamo che un aumento del tasso di riferimento possa essere annunciato al più presto in autunno. La banca nazionale statunitense non vuole rischiare una frenata della congiuntura che al momento procede bene. Alternative ai tassi bassi Le alternative di investimento ai tassi ai minimi storici potrebbero derivare da prodotti strutturati. Alla luce dei tassi bassi, rappresenta una sfida anche trovare fra questi prodotti un profilo rischio / rendimento equilibrato. I prodotti con protezione di capitale sono composti di due componenti, ovvero da un'obbligazione e da un'opzione. L'obbligazione funge da copertura per il capitale investito. Mediante l'opzione l'investitore partecipa al rispettivo valore di base. Oltre al rischio dell'emittente, il rischio è limitato e viene determinato preliminarmente. L'opzione si rifà spesso alle azioni. Poiché bisogna correre un certo rischio di perdita e il potenziale di guadagno è limitato, un prodotto con protezione del capitale rappresenta solo un'alternativa in una situazione di tassi molto bassi. Mirek Kijewski Anche negli altri Paesi europei limitrofi i rendimenti sono ai minimi storici. Il programma di acquisto di titoli lanciato a marzo dalla Banca centrale europea per un ammontare di 1,14 bilioni di euro abbassa il livello dei tassi nell'eurozona. Anche nel segmento euro solo le obbligazioni societarie a lungo termine con un elevato rischio di credito offrono un rendimento congruo. Inoltre, nei Paesi che presentano un livello dei tassi più elevato di quello delle Svizzera sussiste un rischio legato alle monete estere che non va sottovalutato.

9 Strategia d investimento no. 2 / L'Internet delle cose 9 L'Internet delle cose Il computer personale viene sempre più sostituito da «oggetti intelligenti». Anziché essere al centro dell'attenzione delle persone, come lo è al momento, l'«internet delle cose» (in inglese: Internet of Things, IoT) dovrà assistere le persone nelle loro attività e sfide in modo impercettibile. I computer sempre più piccoli inglobati eseguiranno con l'ausilio di sensori operazioni semplici e più tardi molto probabilmente anche attività più complesse. Nel suo articolo del 1991 The Computer for the 21st Century Mark Weiser parlò per la prima volta di questa visione. Benché il concetto non fosse nominato così fino al 1999, l'internet delle cose si trovava in fase di sviluppo da decenni. L'obiettivo dell'internet delle cose è minimizzare il gap informativo fra il mondo reale e quello virtuale. Uno dei primi oggetti connessi a Internet è stato un apparecchio Coca-Cola all'università Carnegie Melon nei primi anni Ottanta. I programmatori connessero il distributore automatico di bevande a Internet, in modo da poter monitorare lo stato dell'apparecchio. Ciò consentiva di verificare se erano ancora disponibili lattine di Coca-Cola refrigerate e se quindi valeva la pena recarsi al distributore. Applicazione complessa l'auto senza conducente: Google è molto impegnata nella ricerca dell'auto senza conducente dall'inizio del millennio ed è già a buon punto. Anche i maggiori produttori di automobili investono somme ingenti in questa tecnologia. Il 15 ottobre sono state testate due Audi su un circuito da corsa nella Germania settentrionale. L'auto senza conducente è giunta al traguardo cinque secondi prima dell'auto con conducente. Mercedes-Benz dota già oggi i suoi nuovi modelli C di un pilota Stop & Go opzionale. Caso di studio: produzione di automobili, General Motors con Cisco Mediante la connessione di oggetti o esseri naturali al computer (collegamenti di oggetti) si riducono i tempi di produzione nonché il consumo energetico e di materiale grezzo e quindi i costi di produzione. Nell'Internet delle cose, la cosa può essere una persona con un elettrocardioscopio impiantato, un animale in una fattoria con un semiconduttore biologico, un automobile con sensori o un altro oggetto naturale o fabbricato con un indirizzo IP che consente lo scambio di dati con una rete. Nell'applicazione è spesso sufficiente l'utilizzo di poche componenti o funzioni tecniche: tracciamento dei pacchi tramite Internet: le imprese che recapitano i pacchi consentono di seguire attraverso un codice a barre il tragitto percorso da un pacco durante il processo di trasporto. Ordinazione di cartucce per stampanti: le cartucce per stampanti vengono indentificate già oggigiorno mediante chip che tengono sotto controllo il livello di riempimento. Non appena il livello di riempimento raggiunge una certa soglia viene avviata automaticamente un'ordinazione tramite il sito web. Bild: «Business Transformation Series Connected Manufacturing» Cisco 2010 Fino a oggi l'internet delle cose era perlopiù connessa mediante la comunicazione M2M da macchina a macchina nella fabbricazione nonché nell'approvvigionamento di elettricità, olio e gas. Le possibilità di impiego sono però pressoché illimitate. Le previsioni per il mercato dell'internet delle cose sono promettenti. Secondo la rivista Computerworld del 4 agosto 2014, questo segmento informatico diventerà fino al 2020 un mercato di disparati bilioni. Sarà decisivo per lo sviluppo la standardidazzione per i consumatori. Per la maggior parte questi vengono definiti già oggi dai software degli smartphone (telefonia cellulare) come Apple e Google.

10 10 Strategia d investimento no. 2 / Tattica d'investimento Tattica d'investimento Posizionamento nei mandati Baloise Investment Advice (BIA) Diamo la preferenza agli investimenti azionari. Le azioni traggono beneficio in particolare dalla ripresa congiunturale in Europa che va prendendo sempre più forma, dai bassi prezzi del petrolio e dalla politica monetaria espansiva a livello globale. Il programma di acquisto di obbligazioni avviato a marzo dalla BCE (60 miliardi di euro ogni mese), i tassi negativi attuati in Svizzera e il tentennamento della banca centrale americana nell'annunciare un intervento sui tassi hanno conferito alla politica monetaria espansiva dall'ottica dei mercati azionari una valenza ancora più elevata. Alla luce delle valutazioni elevate delle azioni e della forte progressione dei corsi registrata negli ultimi anni, diamo maggior peso a questa categoria d'investimento solo in maniera limitata. Preferiamo le azioni europee e, in misura minore, i titoli dei Paesi emergenti, rimanendo scettici nei confronti dei titoli a stelle e strisce. Le azioni europee beneficeranno a nostro parere in modo duraturo dell'allentamento quantitativo attuato dalla BCE. Vale a dire che per le società estere l'euro basso porterà ricavi derivanti dall'export e utili più proficui. Inoltre, dopo un clima negativo protrattosi per anni, finalmente anche in Europa riprende la propensione al consumo. I titoli americani invece saranno sempre più in difficoltà. Sia il dollaro forte, sia l'imminente aumento dei tassi da parte della banca centrale americana frenano l'economia. Per quanto riguarda le azioni svizzere, pare che gli investitori abbiano digerito un po' troppo velocemente l'abolizione della soglia minimo del cambio EUR / CHF decisa dalla BNS. Sulla scia della decisione della BNS, le stime di utili si sono ridotte di colpo di circa il 20 %. Per l'economia svizzera la situazione di tensione si è sufficientemente alleviata grazie al sensibile rafforzamento del dollaro americano nonché a un parziale ricupero dell'euro, fattori che per la maggior parte degli investitori giustificano i nuovi livelli record registrati dagli indici. Anzi, i tassi negativi sembrano addirittura aver aumentato la disponibilità a investire in azioni svizzere. Obbligazioni La mancanza di potenziale di rendimento in Svizzera e in Europa impone una sottoponderazione netta di questa categoria d'investimento. La domanda crescente di titoli di Stati in euro, stimolata dal programma della BCE, sembra già essere stata anticipata dai mercati, motivo per cui non prevediamo ulteriori utili di corso significativi. Finché la situazione in Grecia non si inasprisce, la pressione su tassi d'interesse svizzeri non dovrebbe aumentare ulteriormente. Un deciso intervento sui tassi da parte della banca nazionale americana, previsto prossimamente, è passato in secondo piano alla luce dei dati deludenti relativi alla congiuntura statunitense. In passato gli investitori sono stati spesso colti di sorpresa dai considerevoli e «dolorosi» aumenti dei tassi decretati dalla FED. Per la fine dell'anno prevediamo un aumento moderato dei tassi d'interesse americani, mentre quelli europei dovrebbero rimanere a livello baso. Dopo che le obbligazioni dei Paesi emergenti sono stati scansati dagli investitori in vista di interessi statunitensi in rialzo, riteniamo tali investimenti relativamente allettanti. Immobili Svizzera Dopo il balzo dei corsi registrato nei due mesi successivi alla decisione della BNS sia dai titoli azionari immobiliari, sia dai fondi immobiliari, raccomandiamo ora una ponderazione neutra di questa categoria d'investimento. Se è vero che gli introiti d'affitto non sembrano a rischio, è altrettanto vero che i tempi di forti plusvalenze appartengono ormai perlopiù al passato. I tassi bassi così come gli elevati rendimenti da dividendi dovrebbero però proteggere questa categoria d'investimento da forti perdite dei corsi. Investimenti alternativi Dopo il crollo dei prezzi delle materie prime siamo moderatamente ottimisti nei confronti della categoria d'investimento delle materie prime alla luce della crescita economica globale. Gli investimenti in petrolio dovrebbero risultare nel secondo semestre nuovamente interessanti in seguito alla prevista penuria dell'offerta. Vacclav

11 Strategia d investimento no. 2 / *Risikofreudig *Ausgewogen*Sicherheitsorientiert * Propensa al rischio 14% 4% * Propensa al rischio 14% 4% 82% * Bilanciata 15% 6% 82% 32% * Bilanciata 15% 6% 47% 32% * Orientata alla sicurezza 15% 26% Impressum Redazione Bernard Genzoni, Analyst 47% 11% * Orientata alla sicurezza 15% 26% 11% 48% Liquidità *) In piú offriamo le Obbligazioni seguenti strategie: Prudente Orientata alla crescita Investimenti alternativi 48% Liquidità Obbligazioni Investimenti alternativi Fonti Baloise Bank SoBa Bloomberg Julius Bär, INSIGHTS, März 2015, ZKB, Anlagen Schweiz Aktien, März 2015 ZKB, Anlagen Schweiz Obligationen, März 2015 ZKB, Anlagen International, März 2015 ZKB, BRIC Revisited, Market Insights, B. Schumacher, ZKB, Anlagebarometer, Februar 2015 Computerworld lot will become multitrillion market by 2020 WatIs.com The hardware download, Goldman Sachs, B. Shope, Periodicità 3 x anno Chiusura redazionale Disclaimer Il presente documento è stato redatto dalla Baloise Bank SoBa. Esso serve unicamente a scopo informativo e non costituisce nessuna offerta e nessun invito all acquisto o alla vendita di strumenti d investimento. La Baloise Bank SoBa non risponde per perdite derivanti dall utilizzo di queste informazioni. Si consiglia di richiedere una consulenza ad un esperto qualificato. Le informazioni contenute in questo documento non sono il risultato di un analisi finanziaria. A questo documento non si applicano le «Direttive a garanzia dell indipendenza dell analisi finanziaria» dell Associazione svizzera dei banchieri. Queste informazioni non sono destinate alla diffusione negli USA e per U.S. Person. Si prega gli investitori di altri Paesi di attenersi alle eventuali restrizioni di vendita per i singoli investimenti.

12 Contatto Telefono / Internet Private Banking Baloise Service Line, , Aeschengraben 25, 4001 Basel Murtenstrasse 143, 3027 Bern Centralstrasse 8, 2540 Grenchen Rue Pichard 13, 1002 Lausanne Frohburgstrasse 4, 4601 Olten Amthausplatz 4, 4502 Solothurn Förrlibuckstrasse 10, 8037 Zürich Investment Center Amthausplatz 4, 4502 Solothurn, AM Institutionelle Amthausplatz 4, 4502 Solothurn, La vostra sicurezza ci sta a cuore! i 2.15

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Private Banking Strategia d investimento no. 1 / 3 2016 : Materie prime: Tattica: Ancora preponderanti 7 anni di valori minimi per il petrolio Posizionamento nei mandati Baloise Investment Advice (BIA)

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Investire in bond: quando il gioco si fa duro

Investire in bond: quando il gioco si fa duro Investire in bond: quando il gioco si fa duro No. 3 - Maggio 2013 Investire in bond: quando il gioco si fa duro Dopo la corsa agli elevati rendimenti generalizzati degli ultimi anni, il mercato obbligazionario

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Fondi basati sulle tendenze BFI Mantenere la calma. Sfruttare le opportunità limitare le perdite

Fondi basati sulle tendenze BFI Mantenere la calma. Sfruttare le opportunità limitare le perdite Fondi basati sulle tendenze BFI Mantenere la calma Sfruttare le opportunità limitare le perdite Sfruttare le opportunità Puntare sui migliori trend di investimento I mercati finanziari internazionali offrono

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30. Inchiesta congiunturale 2014/2015

Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30. Inchiesta congiunturale 2014/2015 Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30 Inchiesta congiunturale 2014/2015 Dopo il miglioramento fatto registrare nel 2013, la situazione delle aziende ticinesi nel 2014 si è stabilizzata in

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Settembre 2015 La volatilità torna alla ribalta Nel 2015 l indice azionario S&P 500 non solo ha fatto registrare

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO Merrill Lynch: Brunswick Ana Iris Reece Gonzalez aireece@brunswickgroup.com Natasha Aleksandrov naleksandrov@brunswickgroup.com +39 02 92 886200 / 03 Capgemini: Community - consulenza nella comunicazione

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

Le nostre soluzioni d investimento. Offerte individuali e vantaggiose per accumulare un patrimonio

Le nostre soluzioni d investimento. Offerte individuali e vantaggiose per accumulare un patrimonio Le nostre soluzioni d investimento Offerte individuali e vantaggiose per accumulare un patrimonio Siamo al vostro fianco per aiutarvi a raggiungere gli obiettivi d investimento che vi siete prefissi.

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Solida redditività operativa Maggior utile netto

Solida redditività operativa Maggior utile netto Esercizio 2009 Fa stato il testo orale Solida redditività operativa Maggior utile netto Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della conferenza stampa annuale del

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

2014 meglio del 2013?

2014 meglio del 2013? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica 2014 meglio del 2013? Roberto Cesarini Intesa Sanpaolo Private Banking 20 marzo 2014 - Milano Contesto 1/2 Quadro economico in lento

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Aprile 2015 Quo vadis, FED? Ancora una volta un trimestre è stato fortemente influenzato dalle banche centrali.

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Vendere titoli o fondi o cambiare semplicemente fondi significa pagare subito questa nuova tassa sugli interessi maturati.

Vendere titoli o fondi o cambiare semplicemente fondi significa pagare subito questa nuova tassa sugli interessi maturati. FEBBRAIO 2016 Vediamo di riassumere sinteticamente in questa mail le cause che hanno portato allo storno delle borse e grazie all ausilio delle informazioni ricevute da alcuni dei principali gestori mondiali,

Dettagli

Schroders Private Banking

Schroders Private Banking Schroders Private Banking Weekly newsletter Schroders Italy SIM S.p.A. Via della Spiga, 30-20121 Milano Tel: 0276377.1 Fax: 0276377300 www.schroders.it 1 Il Mercato Europeo Andamento dei principali indici

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

Incontro ABT con i politici ticinesi

Incontro ABT con i politici ticinesi 1 Incontro ABT con i politici ticinesi C. Genasci, Membro della Direzione generale Vezia, 15 febbraio 2007 2006 in generale 2 Congiuntura! PIL (crescita reale 2006) Mondo: +5% (tasso di crescita superiore

Dettagli

Technical View (01/10/2015)

Technical View (01/10/2015) Technical View (01/10/2015) 1 Indice azionario Europa (STOXX600) Lo STOXX600 è tornato a ritestare la trend line dinamica che passa a 330/340 punti disegnando una sorta di doppio minimo. Crediamo che da

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Strategie di gestione di una asset class azionaria

Strategie di gestione di una asset class azionaria Strategie di gestione di una asset class azionaria Premessa: Il mercato azionario rappresenta la risorsa di investimento potenzialmente più remunerativa almeno tanto quanto la sua potenziale capacità di

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

gestione patrimoniale Attiva, professionale e responsabile

gestione patrimoniale Attiva, professionale e responsabile gestione patrimoniale Attiva, professionale e responsabile chi siamo e da dove veniamo La Banca Migros apre i battenti nel 1958 come piccola banca senza pretese al 3 piano del palazzo Migros, sulla Limmatplatz

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Morning Call 14 GENNAIO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Tassi:

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Giugno 2015 Il ritorno della volatilità Nelle ultime settimane, agli investitori è stato ricordato che

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli