Seminario. Educazione alla finanza etica, responsabile, felice. 2 intervento LA FINANZA ETICA IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario. Educazione alla finanza etica, responsabile, felice. 2 intervento LA FINANZA ETICA IN ITALIA"

Transcript

1 Prima di dicevano di investire in azioni, questi dovevano raddoppiare e perciò potevo da subito comperare una bella casa grande, poi mi dicevano che era meglio spostarsi su obbligazioni che rendevano bene tanto i rischi erano bassi,.. Oggi devo fare ogni tanto qualche lavoretto per arrotondare, dicono che mi fa bene. Però ho incontrato anche tante persone importanti: i sig.ri Lehman, Tanzi

2 Seminario Educazione alla finanza etica, responsabile, felice 2 intervento LA FINANZA ETICA IN ITALIA Trento, Trento,

3 LA FINANZA ETICA IN ITALIA A) I PROTAGONISTI B) LE FILOSOFIE C) L OFFERTA DEI SERVIZI E STUMENTI FINANZIARI

4 LA FINANZA ETICA IN ITALIA A) I PROTAGONISTI F. W. RAIFFEISEN e la nascita della prima banca etica L attuale sistema etico cooperativo nazionale BANCA ETICA ETICA SGR Il sistema delle piccole banche locali

5 F. W. RAIFFEISEN e la nascita della prima banca etica L'esperienza cooperativa nasce intorno al 1840 nei settori dove l iniziativa privata non è in grado di conciliare l aspetto sociale con quello economico. In genere, in ogni paese prevale una diversa tipologia: le cooperative di consumo nel Regno Unito, di produzione e lavoro in Francia, agricole in Danimarca e le banche cooperative in Germania. La prima Cassa Rurale viene istituita da F.W. Raiffeisen ad Anhausen, nella valle del Reno. Attraverso l erogazione del credito esclusivamente ai soci e l applicazione di un tasso di interesse contenuto, la banca si propone di favorire gli investimenti e la modernizzazione del settore agricolo, caratterizzato dalla presenza di imprese di piccole e talvolta piccolissime dimensioni. In Italia il Credito Cooperativo si prefigge fin dalle origini obiettivi di utilità sociale, rispondendo alla necessità di liberare le fasce più umili della popolazione dalla miseria e di contrastare l usura. La prima Cassa Rurale, sul modello Raiffeisen, nasce il 20 giugno 1883 a Loreggia, in provincia di Padova, ad opera di Leone Wollemborg. Riunisce 32 soci fondatori, soprattutto contadini e piccoli proprietari terrieri.

6 L attuale sistema etico cooperativo nazionale Differenti per struttura e organizzazione Il modello organizzativo del Credito Cooperativo ruota intorno alle 430 BCC complessivamente presenti sul territorio nazionale con sportelli (il 12,1% degli sportelli bancari italiani), attraverso una presenza diretta in Comuni (in 549 Comuni rappresentano l unica realtà bancaria) ed in 98 Province. Le BCC sono supportate da un lato dal sistema associativo e dall altro dal sistema imprenditoriale.

7 Crescita interna: + 26 % di occupazione I collaboratori: continua la crescita I collaboratori delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali a giugno 2008 raggiungevano quota (ai quali vanno aggiunti i circa dipendenti delle Federazioni, società del Gruppo Bancario Iccrea, Casse Centrali e organismi consortili), registrando un incremento del 4,2 per cento annuo. Costantemente in questi anni il Credito Cooperativo ha creato occupazione. La crescita del personale delle BCC nel periodo è stata superiore al 26%, in controtendenza con la progressiva contrazione degli organici del sistema bancario complessivo esauritasi solo negli ultimi mesi (-1,6% nel periodo ). I dati sulla composizione del personale evidenziano un crescente peso della componente femminile. A dicembre 2007, i collaboratori donne erano , ovvero il 35,1% del totale, rispetto ai uomini, il 64,9% del totale. Il loro numero è aumentato in un anno del 5,5%, rispetto al 3,8% degli uomini. Le donne, infine, erano più numerose nella fascia d età fino a 30 anni, dove rappresentano il 50,5% dei collaboratori, rispetto alla fascia d età più elevata (oltre 55 anni), dove pesano per il 9,8%. Secondo le stime disponibili, a fine 2007, più dei tre quarti dei dipendenti del Credito Cooperativo sono inquadrati nelle aree professionali, i quadri direttivi rappresentano poco più del 20% del totale, mentre i dirigenti incidono per il 2,8%. All interno di questi ultimi, molto bassa è la differenza di genere. L attenzione che le BCC-CR pongono nei confronti dei loro collaboratori è dimostrata anche dall investimento nella formazione. Nel 2007 sono state erogate 735 mila ore di formazione (+9,4% rispetto al 2005) per un esborso di circa 18 milioni di euro (+19,1% rispetto al 2005), pari all 1% del totale delle spese per il personale (1.738 milioni di euro a fine 2007

8 BANCA ETICA ETICA SGR &

9 Il sistema delle piccole banche locali

10 B) LE FILOSOFIE LE 3 FUNZIONI DELLE BANCHE ETICHE IL SOSTEGNO ALLA COLLETTIVITA LOCALE IL VALORE AGGIUNTO AL RENDIMENTO

11 Dall economia globale La Banca di Credito Cooperativo Banca Etica a quella LOCALE

12 La La Banca di di Credito Cooperativo Funzione Funzione 1 Finanziamenti, Finanziamenti, (mutui, (mutui, crediti, crediti, fidi fidi ecc.) ecc.) => => raccolta raccolta diretta diretta

13 La La Banca di di Credito Cooperativo Funzione Funzione 1 Finanziamenti, Finanziamenti, (mutui, (mutui, crediti, crediti, fidi fidi ecc.) ecc.) => => raccolta raccolta diretta diretta Funzione Funzione 2 Gestione Gestione di di capitali capitali (risparmi-investimenti) => => raccolta raccolta indiretta indiretta

14 Il risparmio L investimento

15 IL IL CICLO CICLO DELLA DELLA VITA VITA FINANZIARIA FINANZIARIA Lavoro Famiglia Reddito Risparmio Investimento

16 PERCHE RISPARMIARE? E un atto di fiducia nel futuro ed è un atto di responsabilità. Se si crede che ci sarà un futuro e che questo non sia completamente in balia del caso, ma dipendente in parte anche dalle decisioni che si prendono quotidianamente, allora ha senso risparmiare. Perché il risparmio di oggi è il consumo di domani. Rendersene conto è semplicissimo: la quota di reddito che accantoniamo oggi, potremo spenderla domani o in qualunque altro giorno successivo, allo scopo di soddisfare i nostri bisogni. Ma di quanto avremo bisogno domani? Obiettivo: --Ottimizzare i i rendimenti (il (il guadagno) guadagno) limitare i i rischi Creare un un valore aggiunto (alpha)!!

17 IL TASSO DI SOSTITUZIONE LA PENSIONE FUTURA La riforma delle pensioni approvata nel 1995 (riforma Dini) prevede il graduale passaggio del metodo di calcolo dal sistema retributivo al sistema contributivo, e cioè la pensione viene calcolata sui contributi effettivamente versati in tutta la vita lavorativa anziché sull ultima retribuzione. Questo sistema porterà ad una graduale ma sensibile riduzione della pensione rispetto all ultima retribuzione. RAPPORTO TRA PENSIONE E ULTIMA RETRIBUZIONE PREVISIONE ANNI DIPENDENTI AUTONOMI % 64.4 % % 64.7 % % 41.2 % % 30.7 % % 29.4 % % 29.2 %

18 Ma ci sono anche eventi straordinari

19 La La Banca di di Credito Cooperativo Funzione Funzione 1 Finanziamenti, Finanziamenti, (mutui, (mutui, crediti, crediti, fidi fidi ecc.) ecc.) => => raccolta raccolta diretta diretta Funzione Funzione 2 Gestione Gestione di di capitali capitali (risparmi-investimenti) => => raccolta raccolta indiretta indiretta Funzione Funzione 3 Gestione Gestione del del cliente/dei cliente/dei bisogni bisogni

20 La La Banca di di Credito Cooperativa Funzione Funzione 1 Finanziamenti, Finanziamenti, (mutui, (mutui, crediti, crediti, fidi fidi ecc.) ecc.) => => raccolta raccolta diretta diretta Funzione Funzione 2 Gestione Gestione di di capitali capitali (risparmi-investimenti) => => raccolta raccolta indiretta indiretta Funzione Funzione 3 Gestione Gestione del del cliente/dei cliente/dei bisogni bisogni Sostegno Sostegno della della collettività collettività locale locale

21 I SEGRETI DEL BUON INVESTITORE Asset Allocation (91,5 %) (composizione portafoglio) Stock picking (4,6 %) (scelta dei titoli) Market timing (1,8 %) (scelta dell attimo d intervento) Vari (2,1 %)

22 Contributo % alle performance di portafoglio Timing Asset Allocation Stock Selection mesi 1 anno 5 anni 10 anni

23 Dalla Dalla diagnosi al al rimedio!

24 Fanno parte del risparmio gestito i seguenti strumenti finanziari: I FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO LE SICAV LE GESTIONI PATRIMONIALI MOBILIARI (GPM) GESTIONI PATRIMONIALI IN FONDI (GPF) LE POLIZZE VITA I FONDI PENSIONE

25 LOGICA MULTI - MANAGER

26 L ABC L ABC dei dei fondi fondi.. NEF NEF A = alpha alpha B = beta beta

27 135 BCC Collocatrici di Nord Est Fund 28 BCC Alto Adige 47 BCC Trentino 10 BCC Friuli V.G. 1 Valle D Aosta 3 Lombardia 36 BCC Veneto 4 BCC Piemonte 5 BCC E. Romagna 4 BCC Marche 2 BCC Toscana 1 BCC Lazio 3 BCC Puglia 1 BCC Calabria

28 Dall economia locale di ritorno a quella globale ETICA SGR

29 C) L OFFERTA DEI SERVIZI E STUMENTI FINANZIARI I risparmi a rate : il piano d accumulo (PAC) La struttura dei costi I rendimenti equilibrati Gli accessori gratuiti Il fondo pensione Pensplan Labor- e Plurifonds: la regione etica Il fondo pensione Pensplan Plurifonds: la linea etica I fondi etici di Etica SGR

30 C) L OFFERTA DEI SERVIZI E STUMENTI FINANZIARI I risparmi a rate : il piano d accumulo (PAC)

31 ACCESSIBILITA all investimento Sottoscrizione PIC: importo minimo 500 euro e multipli di 1 euro Sottoscrizione PAC: importo minimo 25 euro e multipli di 1 euro

32 C) L OFFERTA DEI SERVIZI E STUMENTI FINANZIARI La struttura dei costi

33 Dati tecnici PAC - NEF Rata minima 25 euro Versamento iniziale 25 euro minimo o qualsiasi importo superiore Frequenza mensile, trimestrale, semestrale, annuale Switch (passaggio fra comparti) sia rate che capitale: gratuito Rimborso Sospensione Durata Spese invio rata Costo bonifico/rid Costo Banca corrispondente sia totale che parziale gratuito possibile anche dopo il 1 versamento non prevista (consigliata min. 5 anni) Opzione: codice 9999 (fino a revoca) nessuna nessuno nessuno

34 LA STRUTTURA COMMISSIONALE DEL FONDO Commissioni di Switch: (passaggio fra comparti) Commissioni di Uscita: Commissioni di performance: assenti assenti assenti Costi di banca corrispondente: Costi per singoli operazione: assenti assenti

35 C) L OFFERTA DEI SERVIZI E STUMENTI FINANZIARI I rendimenti equilibrati

36

37 C) L OFFERTA DEI SERVIZI E STUMENTI FINANZIARI Gli accessori gratuiti

38 NORD EST FUND POLIZZA ASSICURATIVA PAC Caratteristiche e Operatività

39 NORD EST FUND POLIZZA PAC CARATTERISTICHE La polizza offre una copertura assicurativa in caso di morte o di invalidità permanente (uguale o superiore al 40%), entrambe in seguito ad infortunio. La polizza ha durata 12 mesi: dal giorno di incremento/sottoscrizione del PAC fino alla mezzanotte del giorno antecedente la medesima data dell anno successivo Nel caso di malaugurato evento entro i 12 mesi dalla data di apertura/incremento del PAC, la compagnia di assicurazione verserà un importo pari a di 10 anni di PAC (10 volte il capitale annuo versato). La polizza si attiva in presenza di un incremento su PAC vecchio o di una apertura di PAC nuovo pari, in entrambi i casi, ad un capitale annuo versato minimo di 600 e massimo di Per attivare la polizza PAC è necessaria una rata minima di 50euro mensili.

40 NORD EST FUND POLIZZA PAC CARATTERISTICHE La polizza si intende attivata nei confronti sia di posizioni PAC monointestate che cointestate. Nel caso di PAC co o pluri intestati, la polizza si intende riferita per quota parte a tutti gli intestatari. In caso di malaugurato evento sarà rimborsata la quota parte di capitale assicurato riferita all intestatario coinvolto. Nel caso dei PAC minori o a favore di terzi la polizza si intende attivata fino a scadenza nei confronti del procuratore/tutore. La polizza cessa/decade al venire meno dei requisiti previsti (interruzione del PAC, sospensione della rata, riduzione del capitale annuo versato al di sotto dei minimi previsti, etc). La polizza può essere attivata fino al compimento dell 80 anno di età. IL CONTRAENTE è NORD EST ASSET MANAGEMENT, quindi non vi è alcun onere economico a carico del sottoscrittore.

41 NORD EST FUND POLIZZA PAC CARATTERISTICHE Il PAC può essere aperto con rata mensile, trimestrale, semestrale o annuale. Rata minima: 50euro. Ciò che funge da riferimento per la prestazione assicurativa è il capitale annuo versato, che deve essere almeno di 600 euro e può raggiungere al massimo 3.600euro. Nel caso di versamento iniziale, l importo contribuisce a formare cumulo con la sommatoria delle rate annue. La Polizza PAC è valida solo per le Banche che operano con Cassa Centrale Banca come Soggetto Incaricato dei Pagamenti.

42 C) L OFFERTA DEI SERVIZI E STUMENTI FINANZIARI I fondi etici di Etica SGR

43 Fondo monetario Fondo azionario I fondi etici di Etica SGR Fondo bilanciato Fondo obbligazionario

44 Gli azionisti di Etica Sgr Banca Popolare di Sondrio 11,10% Cassa Centrale BCC Nord Est 11,50% Banca Popolare Etica 49,90% Banca Popolare di Milano 27,50% Banca Popolare Etica controlla la società Capitale Sociale: 4 milioni di euro 44

45 Etica Sgr ed il mercato domestico dei fondi etici (dati al 31/10/2009) Patrimonio in gestione di Etica SGR Variazione + 93% 100 dec04 dec05 dec06 dec07 dec08 gen-09 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09 ott-09 Patrimonio in OICR Etici collocati in Italia Variazione - 40% dec04 dec05 dec06 dec07 dec08 gen-09 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09 ott-09

46 I fondi etici non sono tutti uguali! Fonte Fonte 46

47 I richiami istituzionali L enciclica CARITAS IN VERITATE (par. 45/48/49/51 L economia infatti ha bisogno dell etica per il suo corretto funzionamento; non di un etica qualsiasi, bensi` di un etica amica della persona. Oggi si parla molto di etica in campo economico, finanziario, aziendale. Nascono Centri di studio e percorsi formativi di business ethics; si diffonde nel mondo sviluppato il sistema delle certificazioni etiche, sulla scia del movimento di idee nato intorno alla responsabilità sociale dell impresa. Le banche propongono conti e fondi di investimento cosiddetti «etici». Si sviluppa una «finanza etica» soprattutto mediante il microcredito e, più in generale, la microfinanza. Questi processi suscitano apprezzamento e meritano un ampio sostegno il tema dello sviluppo è oggi fortemente collegato anche ai doveri che nascono dal rapporto dell uomo con l ambiente naturale. le questioni legate alla cura ed alla salvaguardia dell ambiente devono oggi tenere in debita considerazione le problematiche energetiche E necessario un effettivo cambiamento di mentalità che ci induca ad adottare nuovi stili di vita nei quali la ricerca del vero, del bello e del buono e la comunione con gli altri uomini per una crescita comune siano gli elementi che determinano le scelte dei consumi, dei risparmi e degli investimenti. Intervento di Mario Draghi apparso sulla prima pagina dell'osservatore Romano in data 9 luglio 2009 La crisi attuale conferma la necessità di un rapporto fra etica ed economia, mostra la fragilità di un modello prono a eccessi che ne hannodeterminato il fallimento. Un modello in cui gli operatori considerano lecita ognimossa, in cui si crede ciecamente nella capacità del mercato di autoregola-mentarsi,in cui divengono comuni gravi malversazioni, in cui i regolatori dei mercati sonodeboli o prede dei regolati, in cui i compensi degli alti dirigenti d impresa sono ai più eticamente intollerabili, non può essere un modello per la crescita del mondo. Uno sviluppo di lungo periodo non è possibile senza l etica. Questa è unaimplicazione fondamentale, per l economista, dell amore nella verità caritas in veritate di cui scrive il Papa nella sua enciclica. Per riprenderela via dello sviluppo occorre creare le condizioni affinché le aspettative generali, quelle chekeynes chiamava di lungo periodo, tornino favorevoli. E necessario ricostituire la fiducia delle imprese, delle famiglie, dei cittadini, delle persone nella capacità di crescita stabile delle economie. A lungo andare questa fiducia non può essere disgiunta da una istanza morale, dalla speranzaprofonda, nelle parole di Giovanni Paolo II, alla vigilia del terzo millennio, di creare un modello di eco economia a servizio di ogni persona 47

48 Premesse sui fondi socialmente responsabili La valutazione delle società quotate e degli Stati estesa ai temi del sociale, dell ambiente, della governance consentono un miglior controllo del rischio: il rating sociale più efficiente del rating finanziario I portafogli SRI sono tecnicamente efficienti Il costo dei fondi socialmente responsabili é competitivo La responsabilità socio-ambientale é oggetto di autorevoli richiami La clientela se sollecitata risponde in modo positivo e rimane fidelizzata 48

49 Elementi qualificanti l attivitl attività sui fondi V.R. Etica Sgr è l unica società di gestione italiana che istituisce e promuove esclusivamente fondi comuni di investimento socialmente responsabili I numerosi criteri utilizzati sia positivi di valutazione sia negativi di esclusione sono chiaramente dettagliati sul sito web Per ogni fondo è visibile la lista completa di titoli in portafoglio Esiste la sola commissione di gestione fissa annua; volontariamente lo 0,1% della somma sottoscritta può essere destinata a favore di un fondo di garanzia per progetti di microcredito in Italia. Etica Sgr esercita attivamente i diritti di voto connessi ai titoli che detiene per stimolare la riflessione delle imprese sugli aspetti sociali e ambientali 49

50 L economicità dei fondi etici Fonte Fonte 50

51 I fondi Valori Responsabili FONDO / Benchmark MONETARIO 80% JPM Morgan EMU 1-3 Y 20% JP Morgan Cash Index Euro 3m Tipologia di investimento 100% Titoli di Stato Rischio Orizzont e temporal e Commission e di gestione annuale T.E.R. annuo 2008 (verso 2006) Basso 1,5 anni 0,60% 0,69% (0,76%) OBBLIG. MISTO 65% JP Morgan EMU 25% JP Morgan Cash Index Euro 3m 10% MSCI DMW (in euro) max 20% Azioni Medio 3-5 anni 1,20% 1,31% (1.48%) BILANCIATO 60% MSCI DVW (in euro) 35% JP Morgan EMU 5% JP Morgan Cash Index Euro 3m AZIONARIO 90% MSCI DMW (in euro) 10% JP Morgan Cash Index Euro 3m max 70% Azioni fino a 100% Azioni Medio /Alto 4-6 anni 1,80% 1,93% (1.96%) Alto 6-8 anni 1,85% N.D. 51

52 Rendimenti al 31 ottobre 2009 YTD 1Y Posizione a 1Y ** 3Y* 5Y* Morningstar V.R. Monetario 1,69% 2,79% 35 su 44 3,31% 2,44 % Benchmark 3,27% 4,74% - 3,66% 2,68% - V.R. Obbligazionario Misto 4,58% 6,08% 14 su 29 2,89% 2,61 % Benchmark 4,73% 6,75% - 1,71% 2,12% - V.R. Bilanciato 19,49% 12,72% 1 su 29-0,43% 2,73 % Benchmark 11,32% 5,08% - - 5,07% - 0,19% V.R. Azionario 27,34% 14,47% 2 su n. d. Benchmark 12,81% 0,81% Il rendimento del fondi e dei benchmark è al netto delle ritenute fiscali e di oneri di altra natura * Rendimento medio annuo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri ** Classifica Fondi Comuni Italiani, effettuata sulla base di dati MoneyMate e della classificazione Assogestioni

53 I riconoscimenti ottenuti Valori Responsabili Monetario Morningstar - società leader nella fornitura di ricerche finanziarie indipendenti CFS Rating - agenzia di analisi su fondi di investimento. Fornisce le valutazioni per il Sole 24 Ore Osservatorio Finanziario agenzia che monitora tutti i servizi bancari sul Web 4 stelle migliore fondo obbligazionario etico nel mercato italiano per il 2008 Valori Responsabili Obbligazionario Misto Short Term over 3 years Best Bond Eurozone ( ) Tripla A rendimenti ad 1 anno (2008) Best Mixed Asset EUR Conservative - Eurozone over 3 years ( ) 53

54 Il processo integrato di valutazione e di gestione Universo di partenza: 68 Stati e circa 2800 imprese quotate: EIRIS Presenza in attività economiche controverse e in settori produttivi critici ETICA SGR Valutazione ESG degli Stati e delle Imprese: team di ricerca interna Lista aggiornata degli Stati e delle Imprese: Comitato Etico indipendente ETICA SGR Universo investibile finale: 15 stati e circa 350 imprese Scelta settori di investimento (topdown) e dei titoli (bottom-up e style bias) Buy List meeting mensile BIPIEMME SGR BIPIEMME SGR

55 Le banche dati in tema SRI Etica Sgr utilizza la piattaforma European Portfolio Manager (EPM), concessa in licenza dalla società di ricerca indipendente inglese EIRIS. Quest ultima con sede a Londra, è la prima società di analisi SRI fondata in Europa (1983). Il team è composto da 32 ricercatori che aggiornano quotidianamente due banche dati - Imprese e Stati - usate da oltre 100 clienti istituzionali Le banche dati contengono informazioni dettagliate sulla condotta sociale, ambientale e di governance di: oltre imprese considerando i titoli dei seguenti indici: internazionali: FTSE All Share, DJ Eurostoxx 600, S&P s 350 nazionali: DAX 30, IBEX 35, DJ Nordic 30, CAC 40, S&P MIB 68 Stati di cui 30 Paesi membri OECD e 38 Paesi emergenti Le fonti delle informazioni sono bilanci delle imprese, questionari, rapporti e documenti messi a disposizione da più di 70 ONG tra le quali: Action Aid, Amnesty International, WWF, Ethical Consumer, Global Witness, Greenpeace, Human Rights Watch, Transparency International 55

56 I criteri di esclusione Gli STATI valutati sono 68; sono esclusi dai portafogli quelli che : non garantiscono le libertà politiche ed diritti civili prevedono nel loro ordinamento la pena di morte Le IMPRESE escluse a causa della loro presenza nei seguenti settori: producono armi vendono e producono tabacco sono coinvolte nel gioco d azzardo modificano geneticamente animali o vegetali per scopi non medici producono energia nucleare producono e vendono pesticidi commercializzano legname proveniente da foreste protette effettuano test sugli animali per prodotti cosmetici 56

57 Stati: attuale lista STATO PUNTEGGIO * Il paese è stato mentenuto perché la sua valutazione complessiva rimane buona e la penalizzazione che porta il punteggio al di sotto di 7.5 è dovuto ad un diverso peso attribuito ad un criterio di valutazione ambientale Sweden Austria Denmark United Kingdom Finland Germany Norway Netherlands Hungary Portugal New Zealand Australia Slovenia Iceland France* 8,26 8,24 7,98 7,89 7,87 7,83 7,78 7,70 7,69 7,69 7,65 7,56 7,53 7,53 7,47 57

58 I criteri positivi di valutazione per gli Stati Governance Libertà di stampa Percezione Libertà civili della corruzione Sociale Donne in % della forza lavoro Spesa pubblica per l istruzione Spesa pubblica per la sanità Indice Accesso di alle Sviluppo cure mediche Umano (HDI) Ambiente Emissioni di CO2 Qualità delle acque Produzione energia da fonti rinnovabili Aree protette Uso di fertilizzanti/ha Foreste Rifiuti pro capite Le IMPRESE HGGFFF I tre ambiti di valutazione utilizzano 55 criteri Ad ogni indicatore viene attribuito un punteggio da 0 a 10 Sono promossi gli Stati che ottengono un punteggio finale superiore a 7,

59 Il tema dell ambiente per gli Stati Emissioni di CO2 ratifica del protocollo di Kyoto e del protocollo di Montreal - fonte: segreterie del Protocollo di Kyoto e di Montreal raggiungimento degli obiettivi iniziali del protocollo di Kyoto - fonte: UNFCC U. N. Framework Convention on Climate Change emissioni di CO2 rapportate PIL, alla popolazione e al tasso di cambiamento delle emissioni stesse - fonte:world Resources Institute emissioni pro capite di gas serra diversi dal CO2 - fonte: WRI Produzione di energia da fonti rinnovabili percentuale di energia proveniente da fonti rinnovabili rapportata al totale dell energia utilizzata - fonte WRI Tutela dell ambiente ratifica della convenzione di Rio e del CITES (Convention on International Trade in Endangered Species) - fonte: segreterie della Convenzione di Rio e del CITES). Tutela delle biodiversità: specie animali in pericolo, aree naturali protette percentuale di specie animali in pericolo di estinzione - fonte WRI percentuale di aree protette per la tutela delle biodiversità rispetto al totale del territorio - fonte: NIPR -New Ideas in Pollution Regulation - della Banca Mondiale presenza di una agenzia di protezione ambientale - fonte WRI Qualità delle acque percentuale di acqua utilizzata dal Paese rispetto al totale delle fonti d acqua interne - fonte WRI BOD (bio-oxygen demand), misura di quanto l utilizzo d acqua da parte del Paese per usi civili e industriali ne influenzi la qualità - fonte WRI BOD per lavoratore, misura di quanto l utilizzo d acqua da parte del Paese per usi industriali ne influenzi la qualità - fonte WRI ratifica della UNCLOS, la Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare - fonte: segreteria UNCLOS Sfruttamento delle risorse ittiche quantità di pescato in termini assoluti (tonnellate) - fonte: World Development Indicators della Banca Mondiale quantità di pescato in termini relativi (tonnellate pro capite) fonte: World Development Indicators della Banca Mondiale Deforestazione evoluzione delle aree forestali - fonte WRI Uso di fertilizzanti quantità relativa di fertilizzanti utilizzati (chilogrammi per ettaro) - fonte WRI evoluzione dell utilizzo di fertilizzanti - fonte WRI Gestione dei rifiuti quantità di rifiuti industriali e civili prodotti - fonte WRI

60 I criteri positivi di valutazione delle Imprese Sono utilizzati 65 criteri riassumibili in quattro aree: Ambiente (23 criteri) Riduzione delle emissioni di inquinanti Certificazioni ambientali Uso efficiente dell energia Rispetto delle norme ambientali Governance (11 criteri) Gestione dei rischi sociali e ambientali Presenza di donne nel Consiglio di Amministrazione Separazione del ruolo di Presidente da quello di AD Presenza di consiglieri indipendenti Presenza e applicazione di un codice etico Diritti Umani (11 criteri) Politiche e impegno sui diritti umani Sistema di gestione della politica sui diritti umani Prepara un rapporto sui diritti umani Problematiche di diritti umani tra i dipendenti Problematiche di diritti umani con i fornitori Sociale Stakeholder issues (19 criteri) Sicurezza sul luogo di lavoro Partecipazione dei lavoratori Formazione del personale Qualità dei contratti di lavoro Rapporti con i fornitori e i clienti 60 60

61 Il tema della governance per le imprese Organizzazione del Consiglio di Amministrazione separazione del ruolo di Presidente da quello di Direttore Generale/ Amministratore Delegato presenza di più del 33% degli Amministratori indipendenti non esecutivi presenza di un Comitato di controllo composto per più del 50% da Amministratori indipendenti non esecutivi attenzione del Consiglio di Amministrazione nei confronti delle istanze degli stakeholder Donne nel Consiglio numero di donne tra i componenti del Consiglio di Amministrazione della società Trasparenza trasparenza in merito alla remunerazione dei manager Codici etici ampiezza del codice etico sistema di implementazione del codice etico Gestione dei rischi sociali e ambientali livello di attenzione posto dal Consiglio e dal management ai rischi etici, sociali e ambientali dell impresa imprese formalmente accusate di aver infranto, direttamente o indirettamente, i principi contro la corruzione

62 Il comunicato di Etica Sgr sul comparto banche

63 Il Comitato Etico Il Comitato, nominato su proposta di B. Etica, ha funzioni consultiva e propositiva: propone nuovi criteri di selezione vigila sull eticità della gestione esprime proprie osservazioni sugli aggiornamenti dell universo investibile. Ad oggi tutte le proposte del Comitato Etico sono state accolte dal Consiglio di Amministrazione di Etica Sgr. I suoi membri sono: Franco DelBen (Presidente) professore Chimica Università di Trieste Gianni Caligaris (Vice Presidente) Francesco Marsico Vice Direttore Generale Caritas Italiana Maurizio Decastri Professore Economia Università Tor Vergata Roma Mario Molteni Professore Economia Università Cattolica di Milano Andrea Baranes Campagna Riforma Mondiale delle Banche Angelo Gentili Legambiente

64 Le attività di azionariato attivo del 2009 Etica Sgr esercita attivamente i diritti di voto collegati alle azioni delle imprese presenti nei portafogli dei fondi Valori Responsabili. Nell Ottobre 2007 sono state approvate le prime linee guida sull'azionariato attivo per rendere chiare le modalità di dialogo ed intervento nei confronti delle imprese 29 Aprile Indesit Company partecipazione diretta all assemblea 30 Aprile Astra Zeneca Etica ha votato contro alla Relazione sulla Remunerazione degli Amministratori 01 luglio Home Retail Group Etica si è astenuta, pur valutando positivamente il congelamento della componente fissa della remunerazione dei consiglieri esecutivi per l esercizio terminato al 28 febbraio 2009 e il non avere liquidato bonus per l anno in corso 03 luglio Tesco Etica ha votato contro l approvazione della Relazione sulla Remunerazione 15 luglio Jsainsbury partecipazione attraverso una specifica piattaforma predisposta per l azionariato attivo 64

65 Il tema oggetto della campagna assembleare 2009 trasparenza nelle modalità di quantificazione Remunerazioni dei manager variazione percentuale nel tempo divario con la retribuzione media dei dipendenti adozione di indicatori di responsabilità sociale d impresa nei piani di incentivazione retributiva variabile bonus 65

66 Microcredito Chi compra i fondi Valori Responsabili non paga commissioni d entrata o di uscita ma devolve lo 0,1% della somma sottoscritta a favore di un fondo che fa da garanzia a progetti di microcredito in Italia. Grazie al fondo Banca Etica puo concedere piccoli prestiti a: persone che si trovano in situazioni di bisogno persone che vogliono avviare attività imprenditoriali cooperative sociali che hanno bisogno di ricapitalizzarsi I progetti finanziati sono oltre 60 per una garanzia totale di circa euro

67 Contatti e sito web Alessandra Viscovi, Direttore Generale mail: Michele Guerrieri, Responsabile Area Commerciale mail: mobile: Daniela Carosio, Responsabile Area Ricerca mail: mobile: Francesca Colombo, Responsabile Area Comunicazione e Marketing mail: mobile: Sul sito internet di Etica Sgr sono disponibili informazioni dettagliate su: criteri etici di selezione dei titoli su Imprese e Stati, politiche di azionariato attivo perseguite, progetti di microcredito finanziati elenco completo dei titoli che compongono il portafoglio dei singoli fondi.

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 1 INDICE 1 CONOSCERE LASSETL CLASS E IL MERCATO 2 I VANTAGGI AD INVESTIRE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa?

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Editoriale n. 6 del 18/5/2009 Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Dai dati del Taxing wages

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli