INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma"

Transcript

1 Punto 5 dell ordine del giorno: INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C (C) I nuovi bandi del MISE a valere sulla Legge 46/82 FIT Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma

2 Asse I Obiettivo operativo 2 Azione I Progetti di Innovazione Industriale e interventi collegati (Mobilità sostenibile, Efficienza energetica, Made in Italy) Azione II Progetti di Innovazione per la g valorizzazione delle specifiche potenzialità delle aree Convergenza - Sportello FIT analisi fattuale

3 Asse II Obiettivo operativo 1 Azione I Interventi finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo Sportello FIT PON generalista Sportello FIT REACH Sportello FIT start-up D. Lgs. 185/00 Completamento Legge 488/92 Completamento PIA Innovazione DM 23 luglio li 2009 Lavoro e Sviluppo 4 Asse II Obiettivo operativo 2 Azione I Capitalizzazione delle PMI e accesso al credito (capitale di rischio e Fondo di Garanzia) Riserva PON R&C del Fondo Centrale di Garanzia

4 PII: Mobilità sostenibile, Efficienza energetica, Made in Italy Asse I Obiettivo operativo 2 - Azione I Progetti di Innovazione Industriale e interventi collegati) Mobilità Sostenibile Efficienza Energetica Presentati 50 progetti che coinvolgono 420 imprese e 225 organismi di ricerca. Graduatoria adottata t con D.D. D 23/12/2008. Con D.D. D 30/07/2009 sono stati tiassegnati 22,4 M di risorse PON. I progetti complessivamente finanziabili risultano essere 29 (di cui 19 in aree CONV). Alla data del 31/03/2010 risultano decretati 8 progetti, 4 dei quali agevolati con risorse PON. Presentati 92 progetti che coinvolgono 474 imprese e 375 organismi di ricerca. Graduatoria adottata con D.D. 03/03/2009 e D.D. 26/05/2010. Con D.D. 22/07/2009 e D.D. 23/11/2009 sono stati assegnati complessivamente 51,3 M di risorse PON. I progetti complessivamente finanziabili risultano essere 37 (di cui 26 in aree CONV). Alla data del 31/03/2010 risultano decretati 13 progetti, 8 dei quali agevolati con risorse PON. Made in Italy Presentati 429 progetti che coinvolgono oltre 3000 imprese e 1000 organismi di ricerca. Graduatoria adottata con D.D. 24/05/2010 / e D.D. 28/05/2010. / Con D.D. 24/05/2010 / sono stati assegnati 120,0 M di risorse PON. I progetti complessivamente finanziabili risultano essere 158. Sono in corso le procedure per il finanziamento con risorse PON dei 75 progetti agevolabili nelle Regioni CONV.

5 PII Bando Mobilità Sostenibile Asse I Obiettivo operativo 2 - Azione I Progetti di Innovazione Industriale e interventi collegati Distribuzione per Regione dei progetti finanziabili Regione Partner beneficiari CONV NO CONV Complessivo Agevolazione CONV Agevolazione totale Calabria Campania Puglia Sicilia NO CONV Totale Distribuzione per Natura/Dimensione del Partner Natura/Dimensione Partner Partner beneficiari Calabria Campania Puglia Sicilia Complessivo Agevolazione CONV Agevolazione totale Piccole Imprese Medie Imprese Grandi Imprese Organismi di Ricerca Totale

6 PII Bando Mobilità Sostenibile Partner beneficiari I Partner ubicati nelle Regioni CONV rappresentano l 11,5% del totale. Gli Organismi di Ricerca (OR) rappresentano più del 21% dei Partner beneficiari. Partner beneficiari i i Investimenti Investimenti

7 PII Bando Efficienza energetica Asse I Obiettivo operativo 2 - Azione I Progetti di Innovazione Industriale e interventi collegati Distribuzione per Regione dei progetti finanziabili Regione Partner Agevolazione Agevolazione Erogazioni beneficiari CONV NO CONV Complessivo CONV totale Calabria Campania Puglia Sicilia NO CONV Totale Distribuzione per Natura/Dimensione del Partner Natura/Dimensione Partner Agevolazione Agevolazione Erogazioni Partner beneficiari Calabria Campania Puglia Sicilia Complessivo CONV totale Piccole Imprese Medie Imprese Grandi Imprese Organismi di Ricerca Totale

8 PII Bando Efficienza energetica Partner beneficiari IPartnerubicati nelle Regioni CONV rappresentano il 17,7% del totale. Gli Organismi di Ricerca (OR) rappresentano circa il 28% dei Partner beneficiari. Partner beneficiari i i Investimenti Investimenti

9 PII Bando Made in Italy Asse I Obiettivo operativo 2 - Azione I Progetti di Innovazione Industriale e interventi collegati Distribuzione per Regione dei progetti finanziabili Regione Partner beneficiari CONV NO CONV Complessivo Agevolazione CONV Agevolazione totale Calabria Campania Puglia Sicilia NO CONV Totale Distribuzione per Natura/Dimensione del Partner Natura/Dimensione Partner Partner beneficiari Calabria Campania Puglia Sicilia Complessivo Agevolazione CONV Agevolazione totale Piccole Imprese Medie Imprese Grandi Imprese Organismi di Ricerca Totale

10 PII Bando Made in Italy Partner beneficiari IPartnerubicati nelle Regioni CONV rappresentano il 19,2% del totale. Gli Organismi di Ricerca (OR) rappresentano il 20,3% dei Partner beneficiari. Partner beneficiari Investimenti Investimenti

11 I Fondi FIT PON Fondo per l innovazione tecnologica (FIT) istituito dall art. 14 della Legge 46/82 cofinanziato nell ambito del PON R&C. Supporta la competitività del sistema imprenditoriale delle Regioni Convergenza, sostenendo le attività di sviluppo sperimentale comprendenti anche attività non preponderanti di ricerca industriale.

12 IF Fondi difit: le cinque riserve Sono state costituite cinque riserve separate delle risorse PON del Fondo per l'innovazione tecnologica ex legge 46/82, di diretta gestione del Ministero con le seguenti dotazioni finanziarie: Fondo FIT PON 46 analisi fattuale 25 Meuro (Asse I) Fondo FIT PON 46 analisi fattuale, 25 Meuro (Asse I) Fondo FIT PON "46 generalista", 25 Meuro (Asse II) Fondo FIT PON 46 "Reach", 10 Meuro (Asse II) Fondo FIT PON 46 "Start up", 5 Meuro (Asse II) Fondo FIT PON PIA INNOVAZIONE, 108 Meuro (Asse II)

13 I Fondi FIT: analisi fattuale e generalista Riferimenti e dotazioni Bando a sportello Legge 46/82 FIT (D.M. 24 settembre 2009 in GURI n. 239 del 14/10/2009), articolato in 2 sezioni Lo sportello FIT analisi fattuale Attuazione Asse I, Obiettivo operativo Aree tecnologico-produttive per la competitività del sistema II Azione Progetti di Innovazione per la valorizzazione delle specifiche potenzialità delle aree Convergenza Lo sportello FIT generalista Nell ambito dell attuazione dell Asse II, Obiettivo operativo Rafforzamento del sistema produttivo I Azione Interventi finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo Dotazione finanziaria complessiva: M M per l Asse I (spesa certificata t al 100 M per l Asse II (spesa certificata t al 31/12/2009 M 25) 31/12/2009 M 25) Il bando, aperto dal 14 dicembre 2009 al 12 aprile 2010, ha registrato un forte interesse da parte dei potenziali beneficiari. L entità delle domande pervenute è tale da assorbire l intera disponibilità di risorse finanziarie stanziate

14 I Fondi FIT: analisi fattuale e generalista Finalità Lo sportello FIT analisi fattuale Finalizzato ad agevolare programmi di sviluppo sperimentale, comprendenti eventualmente anche attività non preponderanti di ricerca industriale, riguardanti innovazioni di prodotto e/o di processo a favore di progetti proposti da imprese ubicate nelle aree dell Obiettivo Convergenza per programmi riferiti ai settori dell energia da fonti rinnovabili, dell efficienza energetica, delle nanotecnologie e dell ICT Lo sportello FIT generalista Finalizzato ad agevolare programmi di sviluppo sperimentale, comprendenti eventualmente anche attività non preponderanti di ricerca industriale, riguardanti innovazioni di prodotto e/o di processo a favore di progetti proposti da imprese ubicate nelle aree dell Obiettivo Convergenza per settori diversi rispetto a quelli ammissibili allo sportello FIT analisi fattuale

15 I Fondi FIT: analisi fattuale e generalista Domande presentate Totale domande presentate: 414 di cui n. 53 Grandi Imprese, n. 134 Medie Imprese e n. 227 Piccole Imprese TOTALE DOMANDE PRESENTATE Numero doma ande totale GI totale MI totale PI SICILIA PUGLIA CAMPANIA CALABRIA Regioni Convergenza

16 I Fondi FIT: Sportello FIT REACH Asse II Obiettivo operativo 1 Azione I Interventi finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo Lo sportello FIT REACH (D.M. 13 marzo 2009) aperto dall 8 giugno al 5 ottobre 2009 dotazione di risorse PON pari a 40 M spesa certificata al 31/12/2009: 10 M per la costituzione del Fondo domande presentate in area Convergenza n. 27.

17 I Fondi FIT: Sportello FIT REACH Domande presentate Totale domande presentate: 27 di cui n. 6 Grandi Imprese, n. 2 Medie Imprese e n. 19 Piccole Imprese Domande pre esentate TOTALE DOMANDE PRESENTATE totale GI totale MI totale PI 0 sicilia campania calabria puglia Regioni Convergenza

18 I Fondi FIT: Sportello FIT START UP Asse II Obiettivo operativo 1 Azione I Interventi finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo Lo sportello FIT start up (D.M. 7 luglio 2009) aperto dal 23 settembre 2009 al 21 gennaio 2010 dotazione di risorse PON pari a 20 M destinate ai programmi realizzati in unità produttive ubicate nei territori dell'obiettivo Convergenza e per i quali almeno il 75% dei costi sia sostenuto nell'ambito delle medesime unità produttive. spesa certificata al 31/12/2009: 5 M per la costituzione del Fondo domande presentate in area Convergenza n Il Bando mira ad agevolare programmi di sviluppo sperimentale, g p g pp p comprendenti eventualmente anche attività non preponderanti di ricerca industriale, attuati da imprese start up.

19 I Fondi FIT: Sportello FIT Start up Domande presentate Totale domande presentate: 120 di cui n. 12 Grandi Imprese, n. 10 Medie Imprese e n.98 Piccole Imprese Domande pre esentate TOTALE DOMANDE PRESENTATE totale GI totale MI totale PI sicilia campania calabria puglia Regioni Convergenza

20 D. Lgs. 185/00 Asse II Obiettivo operativo 1 Azione I Interventi ti finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo Cofinanziamento del D. Lgs 185/00 finalizzato al sostegno di programmi di investimento presentati dalle imprese. Lo strumento prevede due tipologie di intervento: Autoimprenditorialità titolo I con cui si promuove imprenditorialità giovanile Autoimpiego titolo II con cui si sostiene la promozione di nuova imprenditorialità verso soggetti target g Il D. Lgs 185/00 (Tit. 1 e Tit. 2) a fronte degli impegni assunti pari a circa 107 M presenta una spesa al 30 aprile 2010 pari a circa 83 M.

21 Completamento Legge 488/92 Asse II Obiettivo operativo 1 Azione I Interventi finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo Distribuzione per Regione Regione Imprese Agevolazione Erogazioni Calabria Campania Puglia Sicilia Totale Imprese beneficiarie Investimenti Erogazioni

22 Completamento PIA Innovazione Asse II Obiettivo operativo 1 Azione I Interventi finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo Imprese beneficiarie Distribuzione per Regione Regione Imprese Agevolazione Erogazioni Calabria Campania Puglia Sicilia Totale Investimenti Erogazioni

23 Lavoro e Sviluppo 4 Asse II Obiettivo operativo 1 Azione I Interventi finalizzati al riposizionamento i i competitivo del sistema produttivo Convenzione triennale ( ) Lavoro e Sviluppo siglata in data 28 luglio li 2009 Dotazione finanziaria triennale: 120 M Obiettivo triennale: n tirocini/percorsi formativi Obiettivo prima annualità: n tirocini/percorsi formativi n tirocini avviati di cui: n in aree Convergenza n. 347 tirocini in mobilità geografica Ad aprile 2010 risultano conclusi n. 356 tirocini. i i

24 Lavoro o e Sviluppo 4 Asse II Obiettivo operativo 1 Azione I Interventi finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo n. tirocini avviati in area Convergenza n. tirocini avviati in mobilità

25 DM 23 luglio 2009 I bandi PON del nuovo regime di aiuti per l industrializzazione Asse II Obiettivo operativo 1 Azione I Interventi finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo Principali caratteristiche dello strumento aiuti agli investimenti produttivi i secondo le possibilità previste dal Regolamento di esenzione (CE) n. 800/08; flessibilità e ampio campo di applicazione (es. possibilità di attivare diverse forme di aiuto, diverse modalità procedurali ecc.); selettività degli interventi: applicazione mirata attraverso specifici i decreti ministeriali i i (bandi) che di volta in volta definiscono gli obiettivi e gli ambiti di intervento.

26 DM 23 luglio 2009 Il MISE sta per emanare specifici bandi per l attivazione delle seguenti linee di intervento (tra quelle previste dal DM 23 luglio 2009): sviluppo di piccole imprese di nuova costituzione; industrializzazione dei risultati di programmi qualificati di ricerca o di sviluppo sperimentale; perseguimento di specifici obiettivi di innovazione, miglioramento competitivo e tutela t ambientale (inclusi i interventi ti nel settore turismo). Dotazione finanziaria prevista: circa 400 M Inoltre nell ambito del POI EE è in corso di attivazione la linea del DM 23luglio 2009, relativa alla realizzazione di programmi di investimento volti al risparmio energetico e/o alla riduzione degli impatti ambientali delle unità produttive (dotazione prevista circa 350 M ).

27 DM 23 luglio 2009 Soggetti beneficiari: PMI e Grandi imprese per la linea sviluppo di piccole imprese di nuova costituzione solo piccole imprese costituite da non più di ventiquattro mesi riserve di fondi previste per le PMI e per le reti di imprese/distretti produttivi settori: manifatturiero, produzione e distribuzione di energia, alcune specifiche attività dei servizi e del turismo (specificità e/o limitazioni a seconda della linea di intervento) Programmi ammissibili: realizzazione di nuove unità produttive; ampliamento di unità produttive esistenti; diversificazione della produzione di un unità produttiva in nuovi prodotti/servizi aggiuntivi; cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un unità produttiva esistente.

28 DM 23 luglio 2009 Procedura per la concessione: valutativa a sportello; Istruttoria: ammissibilità formale; valutazione tecnica economica e finanziaria; valutazione di coerenza tecnologica del programma di valutazione di coerenza tecnologica del programma di investimento oggetto della domanda di agevolazioni anche tramite il ricorso ad esperti

29 DM 23 luglio 2009 Agevolazioni previste*: Contributi in c/ impianti + finanziamenti agevolati Piccole imprese Medie Imprese Grandi imprese Contributo Finanz. Contributo Finanz. Contributo Finanz. Agevolato Agevolato Agevolato 45% 30% 33% 42% 22% 53% * espresse in percentuali nominali delle spese ammissibili, nel rispetto delle intensità massime di aiuto in ESL previste dalla Carta degli Aiuti a finalità regionale Modalità di erogazione : sulla base di SAL relativamente a lotti funzionali di investimenti non inferiori al 20%. La prima quota delle agevolazioni, nella misura massima del 30% dell ammontare del contributo può essere erogata a titolo di anticipazione (fideiussione).

30 Gli strumenti di Ingegneria finanziaria nel PON R&C Ricorso a tali strumenti ti per: - l attuazione dell Asse II Azione II Capitalizzazione delle PMI e accesso al credito - l operatività di una parte degli interventi relativi all Asse I - l operatività di una parte degli interventi relativi all Asse II Azione II Progetti di Innovazione per la valorizzazione delle specifiche potenzialità delle aree Convergenza ) Azione I Interventi finalizzati al riposizionamento competitivo del sistema produttivo

31 Riserva PON R&C del Fondo Centrale di Garanzia Asse II Obiettivo operativo 2 Azione I Capitalizzazione delle PMI e accesso al credito (capitale di rischio e Fondo di Garanzia) - La riserva PON R&C del Fondo Centrale di Garanzia Riserva, con contabilità separata, costituita nell ambito del Fondo di garanzia per le PMI, di cui all art art. 2, comma 100, lett. a) della legge 23 dicembre 1996 n. 662, con decreto interministeriale del MISE- MEF dell 11 dicembre 2009, in cui sono state versate risorse del Programma, Asse II, Obiettivo operativo Miglioramento del mercato dei capitali - Azione Capitalizzazione delle PMI e accesso al credito per un importo pari a M 100 Finalità dello strumento Interventi di controgaranzia, cogaranzia e garanzia diretta (quest ultimo ultimo consentito solo a fronte di investimenti realizzati da pool di imprese aventi caratteristiche e finalità comuni) a favore delle piccole e medie imprese (secondo la definizione di cui all allegato I al Regolamento CE n. 800/2008), le cui sedi operative siano ubicate nelle Regioni Convergenza

32 Gli strumenti di Ingegneria finanziaria nel PON R&C I Fondi FIT-PON Costituzione di specifici fondi rotativi con risorse PON nell ambito del FIT Fondo per l Innovazione Tecnologica, istituito dall art. 14 della Legge n. 46/82, per il sostegno delle attività di sviluppo sperimentale comprendenti anche attività non preponderanti di ricerca industriale Nel dettaglio, si tratta di 5 riserve separate delle risorse PON del FIT ex legge 46/82, di diretta gestione MISE, con le seguenti dotazioni finanziarie (importi già versati al 31/12/2009): Fondo FIT-PON 46 analisi fattuale 25 M Fondo FIT-PON 46 generalista Fondo FIT-PON 46 Reach 25 M 10 M Fondo FIT-PON 46 Start-up 5 M Fondo FIT-PON PIA INNOVAZIONE 108 M

Informativa sulle azioni in corso di attivazione al 31 maggio 2011 Comitato di Sorveglianza Roma, 17 giugno 2011

Informativa sulle azioni in corso di attivazione al 31 maggio 2011 Comitato di Sorveglianza Roma, 17 giugno 2011 Punto 4 dell ordine del giorno: Informativa sulle azioni in corso di attivazione al 31 maggio 2011 Comitato di Sorveglianza Roma, 17 giugno 2011 Parte di competenza del Ministero dello Sviluppo Economico:

Dettagli

PON R&C - STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AL 30.04.2014

PON R&C - STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AL 30.04.2014 PON R&C - STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AL 30.04.2014 Con riferimento agli strumenti di ingegneria finanziaria attivati dall OI MiSE-DGIAI nell ambito competitività del

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

(A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT

(A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT 2 (A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT Il sistema di monitoraggio in dotazione al MIUR (AdG del Programma) è basato su sistemi già collaudati, completamente autonomi, e in grado di fornire un monitoraggio

Dettagli

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Gli incentivi nazionali alla Ricerca Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca (FAR) - MIUR Caratteristiche generali (1)

Dettagli

PIANO DI AZIONE E COESIONE MISE-DGIAI RELAZIONE SINTETICA 2013 SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI E ATTIVITÀ SVOLTE

PIANO DI AZIONE E COESIONE MISE-DGIAI RELAZIONE SINTETICA 2013 SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI E ATTIVITÀ SVOLTE PIANO DI AZIONE E COESIONE MISE-DGIAI RELAZIONE SINTETICA 2013 SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI E ATTIVITÀ SVOLTE INDICE 1. L attuazione del Programma... 3 1.1 Articolazione programmatica in

Dettagli

I nuovi bandi del Ministero dello sviluppo economico a favore dei progetti di R&S a valere sul Fondo per la Crescita Sostenibile

I nuovi bandi del Ministero dello sviluppo economico a favore dei progetti di R&S a valere sul Fondo per la Crescita Sostenibile I nuovi bandi del Ministero dello sviluppo economico a favore dei progetti di R&S a valere sul Fondo per la Crescita Sostenibile Ing. Giuseppe Incardona Direzione Generale per gli incentivi alle imprese

Dettagli

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Ecosistema delle startup innovative Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro Alessandro Galli 17 Dicembre 2014 - Sala Convegni Corso Europa,

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia: mission e obiettivi Invitalia è l Agenzia del Governo che ha l obiettivo di contribuire ad accrescere la competitività

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI 2011. 1 ottobre 2011

BANDI E FINANZIAMENTI 2011. 1 ottobre 2011 BANDI E FINANZIAMENTI 2011 1 ottobre 2011 1 PREMESSA La Regione Lazio e primari Enti/Istituzioni nazionali sostengono, attraverso finanziamenti e concessioni di garanzie, lo sviluppo di iniziative imprenditoriali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese. Incentivi Europei nel settore Agroalimentare

Ministero dello Sviluppo economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese. Incentivi Europei nel settore Agroalimentare Ministero dello Sviluppo economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese Incentivi Europei nel settore Agroalimentare 2 La direzione per gli incentivi alle imprese presenta il quadro delle

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

Avviso Pubblico Insieme per vincere

Avviso Pubblico Insieme per vincere Avviso Pubblico Insieme per vincere Obiettivo Obiettivo generale del presente avviso è quello di incentivare, tra le imprese del Lazio la condivisione di innovazione per favorirne il rafforzamento, il

Dettagli

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Sabina De Luca Capo Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Roma, 29 Novembre 2012 1 Fondi

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Punto 5 dell Ordine del Giorno: Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Cosa sono i Contratti di Sviluppo Strumento attuativo

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE

LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE regione LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE IMPRESE E DEL LAVORO LE NUOVE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO E DI AUTOIMPRENDITORIALITÀ NUOVA POLITICA INDUSTRIALE REGIONALE HI-TECH INNOVAZIONE FILIERE MANIFATTURIERO Strategia

Dettagli

POR FESR FVG 2014-2020

POR FESR FVG 2014-2020 { POR FESR FVG 2014-2020 Investimenti a favore { della crescita e dell occupazione 5 assi tematici (231 meuro) Asse 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione: 77 meuro Asse 2 Promuovere

Dettagli

Poi Energia. Nuove opportunità di finanziamento per le regioni Convergenza

Poi Energia. Nuove opportunità di finanziamento per le regioni Convergenza Poi Energia. Nuove opportunità di finanziamento per le regioni Convergenza Il POI Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 è il risultato di un intenso lavoro di concertazione tra il Ministero

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area programmazione strategica e socio-economica Servizio 2 - Programmazione strategica e comunitaria DOCUP Ob. 2 (2000-2006) Comitato di Sorveglianza del 12-13 dicembre

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI (legge 662/96)

Il Fondo di Garanzia per le PMI (legge 662/96) Il Fondo di Garanzia per le PMI (legge 662/96) Link Campus University Il Riposizionamento del Sistema dei Confidi e del Fondo di Garanzia nel Nuovo Contesto Normativo Guglielmo Belardi Presidente del Comitato

Dettagli

PON IC - Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020

PON IC - Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 PON IC - Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 Carlo Castaldi Assistenza Tecnica Ministero dello Sviluppo Economico adg.ponic@mise.gov.it Principali caratteristiche Ambiti tematici

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Dott.ssa Letizia Donati donati@eurosportello.eu Eurosportello Confesercenti 9 ottobre 2015 I Fondi Strutturali per la Cultura e Turismo

Dettagli

MICROCREDITO PER LE DONNE

MICROCREDITO PER LE DONNE UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI BARI UNAGRACO BARI INCENTIVI PER LE IMPRESE: I RECENTI PROVVEDIMENTI NAZIONALI E REGIONALI BANDO PER INVESTIMENTI INNOVATIVI NELLE REGIONI CONVERGENZA MICROCREDITO

Dettagli

Fare impresa con gli strumenti di Invitalia

Fare impresa con gli strumenti di Invitalia Fare impresa con gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Business Unit - Finanza e Impresa Promozione Ferrara, 18 aprile

Dettagli

Indice. Il contesto di riferimento La dotazione finanziaria del POR

Indice. Il contesto di riferimento La dotazione finanziaria del POR L'attivazione dei Fondi d'ingegneria finanziaria Incontro annuale 2011 tra la Commissione Europea e le Autorità di Gestione dei PO FESR 2007-20132013 Roma, 27 ottobre 2011 Indice Il contesto di riferimento

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese La Regione Toscana interviene sul sistema delle imprese artigiane ed industriali per supportarle

Dettagli

Punto 10 all Ordine del Giorno

Punto 10 all Ordine del Giorno QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 PER LE REGIONI DELLA CONVERGENZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA (CCI: 2007IT161PO006) Punto 10 all Ordine del Giorno INFORMATIVA SULLE MODALITÀ

Dettagli

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia CIRCOLARE A.F. N. 157 del 18 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia

Dettagli

Comitato di Sorveglianza 15 giugno 2012 Roma

Comitato di Sorveglianza 15 giugno 2012 Roma Punto 5 dell ordine del giorno: Aggiornamento del reporting di Monitoraggio al 30/04/2012 e informativa sulle azioni di nuovo avvio Avviso 84/Ric. del 2/3/2012 SMART CITIES AND COMMUNITIES AND SOCIAL INNOVATION

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1: OBIETTIVI E FINALITÀ Promozione di maggiore intensità e qualità degli investimenti in Ricerca e Sviluppo; Potenziamento degli investimenti

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI LUGLIO 2014 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI LUGLIO 2014 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI LUGLIO 2014 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE VOUCHER FORMAZIONE LAVORATORI CUNEO CONTRIBUTI IMPRESE

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Silvia Lorenzini

Dettagli

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

Sono esclusi gli interventi finalizzati alla mera commercializzazione e assemblaggio di componenti.

Sono esclusi gli interventi finalizzati alla mera commercializzazione e assemblaggio di componenti. PIA FILIERA ENERGIA Insediamento di linee di produzione di sistemi e componenti nel campo dell efficienza energetica e dello sfruttamento delle energie rinnovabili POR FESR 2007-2013 Asse I Asse III Regione

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Febbraio 2015 Invitalia: chi siamo Invitalia è l Agenzia nazionale che agisce su mandato del Governo per sostenere i settori strategici per lo sviluppo

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio

Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 9 Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio FONDO DI GARANZIA

Dettagli

Agevolazioni ed incentivi Gennaio 2015

Agevolazioni ed incentivi Gennaio 2015 Sportello SUPI accr.to Puglia Sviluppo - Giovani, Sviluppo e Lavoro Si riceve Lunedì e Giovedì dalle 10.00 alle 12.00 Telefono: 0831869222 / 334561742 Mail: supi.comunevillacastelli@gmail.com Sito Web:

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia.

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia. Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione dei risultati del sistema

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

1 Agevolazioni a favore di micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane delle regioni dell'obiettivo «Convergenza».

1 Agevolazioni a favore di micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane delle regioni dell'obiettivo «Convergenza». 1 Agevolazioni a favore di micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane delle regioni dell'obiettivo «Convergenza». SETTORI DI ATTIVITÀ: Artigianato, Commercio, Pubblico, Industria, Servizi/No

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 1327 del 23/12/2014

Decreto Dirigenziale n. 1327 del 23/12/2014 Decreto Dirigenziale n. 1327 del 23/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Dentro la Notizia. 4 Ottobre 2013

Dentro la Notizia. 4 Ottobre 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 126/2013 OTTOBRE/4/2013 (*) 4 Ottobre 2013 GLI INCENTIVI PER LE START-UP

Dettagli

INFO-DAY ACCORDO DI PROGRAMMA

INFO-DAY ACCORDO DI PROGRAMMA INFO-DAY ACCORDO DI PROGRAMMA Ancona, 16 Novembre 2012 ACCORDO DI PROGRAMMA (ADP) PER LA REINDUSTRIALIZZAZIONE DELLE AREE COLPITE DALLA CRISI A. MERLONI INDICE -QUADRO GENERALE DELL ADP -ASSE 1, SVILUPPO

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. AVVISO PUBBLICO destinato a giovani campani, tipologia progettuale : assegni di ricerca

REGIONE CAMPANIA. AVVISO PUBBLICO destinato a giovani campani, tipologia progettuale : assegni di ricerca REGIONE CAMPANIA AVVISO PUBBLICO destinato a giovani campani, tipologia progettuale : assegni di ricerca POR Campania FSE 2007 2013/ POR Campania FSE 2014 2020 Asse IV Capitale Umano Asse V Transnazionalità

Dettagli

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Jesi, 11 ottobre 2013 Il quadro strategico

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Edizione

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Capitolo 2 - Misura 1.11 Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 1.11 - Promozione di una forza lavoro competente e di nuova imprenditorialità a supporto della protezione e valorizzazione del

Dettagli

Il Fondo di Garanzia. Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia

Il Fondo di Garanzia. Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Il Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese Novembre 2015 Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Il Fondo di Garanzia per le PMI E un Fondo di diritto pubblico, totalmente detenuto dallo Stato,

Dettagli

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7.

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7. Elementi di sintesi del piano Progetto di Innovazione Industriale Efficienza energetica per la competitività e lo sviluppo sostenibile Industria 2015 1 Agenda 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità Task Force P.O. Sicilia PON ATAS Mis. I.2 Ob. 1 e APQ Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità PO FSE e PO FESR - ricognizione su obiettivi, linee di

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Normativa Ente gestore Data chiusura DM 29/12/2014 Sui Contratti di Sviluppo DM 14/02/2015 N 97 Riforma disciplina del contratti

Dettagli

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore INCENTIVI PER LE IMPRESE N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore 1 PIA A sportello Piccole-medie imprese Da 200.000,00 a 1.000.000,00 2 Titolo II A sportello Microimprese

Dettagli

Calabria: prestito d onore per i nuovi bacini d impresa e per le iniziative di autoimpiego promosse da donne

Calabria: prestito d onore per i nuovi bacini d impresa e per le iniziative di autoimpiego promosse da donne Calabria: prestito d onore per i nuovi bacini d impresa e per le iniziative di autoimpiego promosse da donne Descrizione In breve Incentivi a sostegno dell'avvio di nuove iniziative imprenditoriali e di

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni e integrazioni, recante Disposizioni

Dettagli

Come funziona il Fondo di garanzia?

Come funziona il Fondo di garanzia? Con il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, l Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario perché non dispongono di sufficienti

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA POI OPERAZIONE DI CONTROGARANZIA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA POI OPERAZIONE DI CONTROGARANZIA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE Allegato 21b Modulo conferma controgaranzia POI - Pagina 1 di 13 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA POI (Barrare una casella) ATTIVITÀ 1.1: INTERVENTI DI ATTIVAZIONE DI FILIERE PRODUTTIVE CHE INTEGRINO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito

Dettagli

CIRCOLARE settimanale MARZO 2007 n.3

CIRCOLARE settimanale MARZO 2007 n.3 PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA 21042 - Caronno Pertusella (Va) Via IV Novembre, 455 MILANO Via Santa Radegonda, 8 ang.piazza DUOMO Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 e-mail:progea@pro-gea.it CIRCOLARE

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali)

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Ingegneria finanziaria Articolo 44 Strumenti di ingegneria finanziaria Nell'ambito di un programma operativo, i Fondi strutturali possono finanziare spese

Dettagli

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Dati al 30.06.2015 Digitalizzazione R&S Tabella di sintesi*/1 Incentivo In vigore dal Attuazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013

Dettagli

Attività dell Helpdesk REACH in ambito nazionale e comunitario. Ing. Franco De Giglio Ministero Sviluppo Economico

Attività dell Helpdesk REACH in ambito nazionale e comunitario. Ing. Franco De Giglio Ministero Sviluppo Economico Attività dell Helpdesk REACH in ambito nazionale e comunitario Ing. Franco De Giglio Ministero Sviluppo Economico Sommario Attività in ambito comunitario e nazionale Dati di Flusso Sezioni del sito Informazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 NANOXM - Polo Regionale per le Nanotecnologie Firenze, 8 Febbraio 2012 Il Bando unico di R&S In attuazione del POR CREO FESR 2007/2013 il Bando Unico 2012

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA MEMORIA DI GIUNTA Linee guida per il più efficace utilizzo degli strumenti di Ingegneria Finanziaria per favorire l accesso al credito delle P.M.I. del Lazio 1) PREMESSA I Fondi di Ingegneria Finanziaria

Dettagli

Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 8. Data:

Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 8. Data: Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 8 Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Servizio Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio FONDO DI

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 303 del 08/08/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 303 del 08/08/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 303 del 08/08/2013 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PIANO DI

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Perchè puntare sulle competenze digitali per promuovere l occupabilità?

Perchè puntare sulle competenze digitali per promuovere l occupabilità? 1 Crescere in Digitale il MLPS e Unioncamere (in partnership con Google) hanno stipulato il 26/03/2015 una Convenzione per l attuazione del Progetto Crescere in Digitale Giovani per le Imprese attraverso

Dettagli

TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO"

TURISMO, BRAMBILLA: 400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO" "Per la prima volta in Italia, il governo dispone un concreto e significativo

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

Fondo di garanzia per le Pmi: le ultime modifiche

Fondo di garanzia per le Pmi: le ultime modifiche Agevolazioni Finanziarie 21 di Pietro Gioja Gioja e associati Fondi di garanzia Fondo di garanzia per le Pmi: le ultime modifiche Numerose le novità introdotte dal Mise e da Banca del Mezzogiorno Mediocredito

Dettagli