Avv. Emanuela Moretti Via Carpanelli 10 Pavia Tel 0382/26454 fax 0382/ LA RIFORMA DEL CONDOMINIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avv. Emanuela Moretti Via Carpanelli 10 Pavia avv.moretti@tiscali.it Tel 0382/26454 fax 0382/302453 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO"

Transcript

1 Avv. Emanuela Moretti Via Carpanelli 10 Pavia Tel 0382/26454 fax 0382/ LA RIFORMA DEL CONDOMINIO La L n. 220, in vigore dal , ha apportato rilevanti modifiche alla disciplina del condominio contenuta nel codice civile e nelle disposizioni di attuazione del codice civile, adeguandola alle mutate condizioni sociali ed alle innovazioni tecniche intervenute. Novità relative al condominio: TABELLE MILLESIMALI: La riforma ha introdotto una sostanziale modifica dell art. 69 disp. Att. c.c. stabilendo il principio della possibilità di revisione o di rettifica delle tabelle millesimali a semplice maggioranza (ex art c.c.: metà del valore dell edificio + maggioranza degli intervenuti in assemblea), nei soli casi di errore della tabella o di alterazione (per più di un quinto) del valore proporzionale dell unità immobiliare, a seguito di modifiche apportate alle singole unità immobiliari (es. sopraelevazione o recupero del sottotetto). E stato così recepito l orientamento giurisprudenziale espresso recentemente dalla Cassazione a Sezioni Unite (Sentenze C.Cass. Sez. Un /2010 e n /2010), che ha segnato un punto di svolta rispetto al precedente principio secondo cui qualunque modifica delle tabelle millesimali richiedeva l unanimità dei consensi, anche in caso di errore o di notevole alterazione volumetrica dell immobile. In queste ipotesi, in presenza di veto o di ostruzionismo in assemblea, al condomino non rimaneva altra soluzione che quella di pervenire ad una pronuncia giudiziaria di revisione della tabella millesimale, convenendo tutti i condomini. Per effetto della riforma, invece, nel caso in cui in assemblea non si raggiunga la maggioranza precedentemente indicata per la modifica, potrà essere citato in giudizio unicamente il condominio, in persona dell amministratore (art. 69 comma 2 disp.att. c.c.). L amministratore naturalmente dovrà dare notizia all assemblea dell iniziativa giudiziaria, incorrendo in caso contrario nella revoca e nel risarcimento del danno. N.B. L unanimità dei consensi continua ad essere richiesta per la modifica della tabella millesimale, tutte le volte in cui non vi sia un errore della tabella o quando l alterazione del valore dell edificio non sia superiore al quinto. REGOLAMENTO DI CONDOMINIO: Il condominio deve dotarsi di un regolamento nel caso in cui il numero dei condomini sia superiore a dieci. L art c.c. disciplina il regolamento formato dall assemblea dei condomini, che viene approvato a maggioranza (ex art co. 2 c.c. maggioranza degli intervenuti e almeno metà valore edificio) non può imporre una disciplina che sia in contrasto con i patti contenuti nei singoli atti di acquisto e non può derogare alle norme relative all amministrazione e gestione condominiale. La riforma ha introdotto l obbligo di pubblicità del regolamento, che deve essere allegato al registro dei verbali delle assemblee. Un altra importante novità riguarda le clausole c.d. contrattuali del regolamento, ossia quelle da approvarsi all unanimità dei condomini - imitative dei diritti di godimento sulle parti comuni, o attributive di maggiori diritti ad alcuni condomini, o derogative dei criteri di ripartizione delle spese ex art c.c. o, ancora, limitative dei diritti sulla proprietà esclusiva (es. divieto di adibire l immobile a bar). La riforma ha stabilito che il regolamento non può più prevedere limiti alla destinazione d uso delle unità di proprietà esclusiva. Non sarà più possibile, inoltre, prevedere nel regolamento clausole che vietino il possesso di animali da compagnia (da intendersi come animali domestici). N.B. Il nuovo art c.c. è destinato ad avere efficacia solo per il futuro, stante il principio dell irretroattività della legge. La norma non rientra inoltre tra quelle considerate inderogabili, con la conseguenza che sarà ancora pienamente ammissibile un regolamento contrattuale (approvato quindi all unanimità) che contenga una clausola di divieto del possesso o detenzione di animali domestici. in caso di violazione del regolamento Il nuovo art. 70 disp. Att. c.c. prevede ora un aggiornamento della sanzione (fino ad ora assolutamente irrisoria) da 0,052 ad 200,00, ulteriormente aumentata in caso di recidiva fino ad 800,00, da devolversi ad un fondo per le spese ordinarie. PARTI COMUNI La riforma ha ampliato l elenco delle parti del condominio da presumersi comuni, prendendo atto dell evoluzione tecnologica raggiunta e tentando di dirimere dubbi interpretativi legati alla 1

2 formulazione originaria dell art c.c.. I beni sono stati suddivisi in tre categorie: parti strutturali dell edificio - locali al servizio del condominio -opere accessorie. Il novero delle parti che si presumono comuni (in base ad atti formali come il regolamento di condominio o anche a circostanze di fatto come la destinazione funzionale del bene) è stato implementato con la previsione di: pilastri. travi portanti e facciate; aree destinate al parcheggio e i sottotetti destinati all uso comune (quest ultimi oggetto fino ad oggi di ampio contenzioso nelle aule giudiziarie); impianti per il condizionamento (fino ad ora non menzionati) e riscaldamento dell aria; impianti per la ricezione televisiva e per l accesso a qualunque genere di flusso informatico, da satellite e via cavo. SUPERCONDOMINIO La riforma del condomino è applicabile, come prevede l art bis c.c. introdotto ex novo, anche ai c.d. supercondomini, ossia ai complessi edilizi articolati, distinti in diversi corpi di fabbrica dotati di autonomia strutturale ma caratterizzati da opere o servizi di uso comune. TUTELA DELLA DESTINAZIONE D USO la riforma ha inserito anche l art ter c.c., che introduce una specifica tutela contro attività contrarie alla destinazione d uso delle parti comuni, con previsione della diffida da parte dell amministratore o del singolo condomino e della possibilità di convocare l assemblea, che delibererà in merito alla cessazione dell attività con la maggioranza ex art comma 2 c.c. (metà del valore dell edificio e maggioranza degli intervenuti). DISTACCO DALL IMPIANTO DI RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO art comma 4 c.c. La riforma ha recepito l orientamento espresso costantemente dalla giurisprudenza, rendendo possibile il distacco da parte del singolo condomino, a condizione che: A) l unità abitativa non goda della normale erogazione di calore a causa di problemi tecnici dell impianto centralizzato non risolti nell arco dell intera stagione di riscaldamento B) il distacco non comporti squilibri tali da compromettere la normale erogazione del calore agli altri condomini o aggravi di spesa. In questi casi il condomino continuerà a contribuire alle spese di conservazione e manutenzione straordinaria dell impianto, non essendo ammissibile (se non con il consenso di tutti i condomini) la rinuncia a questo bene, che costituisce una parte comune. N.B. rimane da valutare la concreta compatibilità con la legislazione regionale di settore dell iniziativa relativa al distacco dall impianto da parte del singolo condomino (si vedano, ad esempio, i Chiarimenti della Regione Piemonte Prot. 3310). DIVISIBILITA DELLE PARTI COMUNI art c.c La riforma ha confermato il principio della divisibilità delle parti comuni dell edificio solo in casi eccezionali, introducendo però la necessità di una preventiva delibera assembleare adottata all unanimità, avente ad oggetto la modifica della destinazione d uso del bene comune e, conseguentemente, la divisione in parti corrispondenti ai diritti di ciascuno. Caso tipico è costituito dalla riutilizzazione del locale che originariamente ospitava la caldaia a deposito delle biciclette, con assegnazione ai condomini di appositi spazi. OPERE SU PARTI DI PROPRIETA O USO INDIVIDUALE l art c.c. è stato modificato nella sua intestazione (che nella sua precedente formulazione si riferiva, impropriamente, ad opere su parti di proprietà comune). La norma disciplina il divieto di eseguire interventi che danneggino le parti comuni o pregiudichino il decoro architettonico, la stabilità o la sicurezza dell edificio (con un richiamo alla disciplina delle innovazioni ex art c.c.) e introduce l obbligo di dare preventiva notizia all amministratore dell iniziativa, affinchè riferisca all assemblea. GESTIONE DELLE PARTI COMUNI DA PARTE DEL SINGOLO CONDOMINO La riforma ha sostanzialmente confermato il contenuto dell art c.c., precisando che l iniziativa del condomino che sostiene spese per le parti comuni è qualificabile come negotiorum gestio, con diritto al rimborso solo in caso di iniziativa assunta in condizioni di urgenza e nell impossibilità di convocare l assemblea. INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RICEZIONE TELEVISIVA E DI VIDEOSORVEGLIANZA La materia viene disciplinata per la prima volta, con l introduzione dell art bis c.c., che riconosce il diritto del condomino di ricevere i servizi televisivi e radiofonici con impianti individuali satellitari o via cavo liberamente realizzabili, senza preventivo consenso assembleare, a condizione che venga arrecato il minor pregiudizio possibile alle parti comuni e alle proprietà individuali e che venga rispettato il decoro architettonico. La norma consente anche la realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinati a servire le singole unità, sul lastrico solare o altra idonea superficie comune o anche sulla proprietà individuale. Solo se l intervento incide su una parte comune, il condomino dovrà avvisare preventivamente l assemblea, che potrà prescrivere modalità alternative o imporre cautele e, quanto agli impianti di produzione di energia, provvedendo a ripartire l uso del lastrico solare onde consentire a tutti il 2

3 potenziale utilizzo. La maggioranza prevista è quella ex art comma 5 c.c. (maggioranza intervenuti e 2/3 valore edificio) MANUTENZIONE DI SCALE E DI ASCENSORI La riforma ha sostanzialmente mantenuto il criterio della ripartizione delle spese di manutenzione e sostituzione (sostituendo l originaria ricostruzione ) per metà in ragione del valore e per metà in misura proporzionale all altezza di ciascun piano dal suolo. La novità consiste nell estensione da parte dell art c.c. di questo criterio anche alle spese relative all ascensore, in armonia con l orientamento espresso dalla giurisprudenza e con la prassi. N.B. La norma si riferisce alla manutenzione, sia ordinaria che straordinaria e non fa invece alcuna menzione dell attività di pulizia ed illuminazione delle scale, a proposito della quale sarebbe stato opportuno introdurre una regola di disciplina, considerata la variabilità delle decisioni giurisprudenziali sul punto (applicazione del criterio ex art c.c. dell uso potenziale, oppure ripartizione secondo l altezza del piano). Non rientrano nel campo di applicazione della norma le spese di adeguamento dell ascensore, per le quali deve applicarsi il criterio di suddivisione secondo i millesimi di proprietà, essendo questi interventi connessi direttamente con la proprietà del bene comune e con esigenze di sicurezza che prescindono dall intensità dell uso. Novità relative all assemblea: CONVOCAZIONE l art. 66 disp.att. c.c. introduce nuove modalità di invio dell avviso (anche via Pec, fax, racc. a mano, posta racc.), che deve essere comunicato (come prima) entro cinque giorni dalla data fissata per l assemblea. Viene recepito l orientamento giurisprudenziale secondo cui la delibera è annullabile in caso di omessa o tardiva convocazione e viene inoltre stabilito che l assemblea in seconda convocazione non può tenersi nel medesimo giorno solare della prima convocazione. NUOVE MAGGIORANZE La riforma ha inteso facilitare l adozione delle deliberazioni in condominio, prevedendo quorum più ridotti. L art c.c.,integralmente riformulato, richiede per l assemblea: IN PRIMA CONVOCAZIONE: quorum costitutivo = intervento maggioranza dei partecipanti al condominio (anziché i 2/3) che rappresentino almeno i 2/3 del valore dell edificio. Quorum deliberativo (invariato) = voto maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno ½ del valore edificio. IN SECONDA CONVOCAZIONE: quorum costitutivo (introdotto ex novo) = intervento di 1/3 dei partecipanti al condominio che rappresentino almeno 1/3 del valore dell edificio. Quorum deliberativo = voto maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno 1/3 del valore dell edificio (anziché 1/3 dei partecipanti al condominio e almeno 1/3 del valore dell edificio) Devono essere adottare con quorum deliberativo = voto maggioranza degli intervenuti e almeno 50% valore edificio le delibere in merito a: nomina/revoca amministratore liti attive e passive ricostr. edificio e spese straord. di notevole entità tutela destinazione d uso parti comuni (ex nuovo art 1117 quater c.c.) innovazioni ex art c.c. installazione impianti videosorveglianza autorizz. per partecip. a progetti di istituzioni territoriali (art comma 2 c.c.). Le innovazioni ex art comma 1 c.c. (sicurezza e salubrità degli edifici ed impianti/abbattimento barriere architettoniche/contenimento consumi energetici/parcheggi/installazione impianti fonti energia rinnovabili/impianti centralizz. televisivi e telematici) richiedono il quorum deliberativo = voto maggioranza degli intervenuti e almeno 2/3 del valore dell edificio (prima era richiesto il voto della maggioranza dei partecipanti al condominio e almeno 2/3 valore edificio). DELEGHE La materia è stata disciplinata ex novo, prevedendo che l amministratore non possa ricevere le deleghe dai condomini (per evitare rischi di conflitto di interesse) e stabilendo che, in caso di edifici con più di 20 condomini, il delegato non possa rappresentare più di 1/5 dei condomini e del valore dell edificio. FONDO SPECIALE PER LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA l art n. 4 prevede l obbligatoria istituzione di tale fondo, fino ad ora solo facoltativo, per tutelare il condominio di fronte al rischio che, a causa della morosità dei condomini, vengano a mancare le risorse per provvedere ad interventi preventivati. Il fondo non può essere costituito per far fronte a lavori non ancora deliberati o per generiche future eventualità. Naturalmente, nulla vieta che l assemblea approvi la costituzione di un ulteriore fondo di riserva che consenta al condominio di avere una costante disponibilità di risorse. 3

4 IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA E stato introdotto l art ter c.c. che prevede, con la maggioranza ex art c.c. (voto 50%+1 intervenuti e almeno 50% valore edificio) la possibilità di installare impianti per la ripresa di spazi comuni. RENDICONTO CONDOMINIALE La riforma ha introdotto l art bis. c.c., che disciplina espressamente il contenuto del rendiconto, che deve prevedere specifiche voci contabili allo scopo di assicurare la trasparenza della gestione contabile e la possibilità di controllo di ciascun condomino. Il rendiconto dovrà in particolare prevedere: il registro di contabilità, il riepilogo finanziario ed una nota di accompagnamento sintetica, che illustri la gestione annuale e le questioni pendenti. E stata anche prevista la possibilità da parte dell assemblea di nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio (delibera adottata con la stessa maggioranza prevista per la nomina dell amministratore:.). Viene espressamente disciplinata la figura del consiglio di condominio, che può essere nominato negli edifici con almeno dodici unità abitative e che ha funzioni consultive e di controllo Sempre per finalità di controllo è stata prevista la POSSIBILITÀ DI ATTIVAZIONE DI UN SITO INTERNET CONDOMINIALE, per consentire l accesso ai documenti condominiali (maggioranza ex art comma 2 c.c.) art. 71 ter disp. Att. c.c. IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE L art c.c. è stato riformulato, chiarendo una serie di aspetti fino ad ora oggetto di controversie interpretative: viene in primis meglio precisato che la legittimazione attiva non spetta solo al condomino dissenziente, ma anche all assente ed all astenuto (con conseguente diversa decorrenza del termine perentorio di 30 giorni di esercizio dell azione). Viene precisato inoltre che l impugnazione riguarda solo i vizi di annullabilità della delibera e non anche per i vizi di nullità (del tutto residuali), che è possibile far valere in ogni tempo. Viene poi disciplinata la sospensione dell efficacia esecutiva della delibera, chiarendo che non costituisce un effetto automatico dell azione ma che dovrà essere espressamente disposta dal Giudice. Si chiarisce infine che un eventuale richiesta di sospensiva formulata ante causam non sospende l esecuzione della delibera, né interrompe i termini dell impugnazione (con il conseguente venir meno, quindi, di ogni interesse ad esperire questo procedimento in via autonoma e prima dell azione). Novità relative all amministratore: NOMINA E REVOCA DELL AMMINISTRATORE: l art c.c. nel suo nuovo testo stabilisce che la nomina dell amministratore deve essere effettuata quando i condomini sono più di otto (nel testo previgente dovevano essere più di quattro). L amministratore, una volta nominato e ad ogni rinnovo dell incarico, ha l obbligo di comunicare i propri dati anagrafici e professionali, ed i giorni in cui ogni interessato potrà prendere visione dei registri. Una novità della riforma è costituita dalla previsione della possibilità che l assemblea possa subordinare la nomina alla presentazione di una polizza assicurativa per la responsabilità civile, i cui massimali dovranno poi essere adeguati nel caso in cui vengano deliberati lavori straordinari, e nei limiti dell importo di spesa previsto. La polizza dovrà essere integrata con una dichiarazione dell assicurazione che garantisca le condizioni previste. Da notare che nel corso dell iter parlamentare era stato previsto l obbligo per l amministratore di dotarsi di una polizza fideiussoria, poi giustamente espunto in considerazione dei costi sensibilmente più elevati rispetto alla polizza assicurativa. La riforma impone che venga data un adeguata pubblicità al nome dell amministratore, nel luogo di accesso al condominio. Un ulteriore novità è costituita dall obbligo di accendere uno specifico conto corrente intestato al condominio, sul quale movimentare in via esclusiva le somme ricevute od erogate per conto del condominio, con possibilità di monitoraggio da parte dei condomini, per il tramite dell amministratore. NUOVE ATTRIBUZIONI è stata prevista l introduzione dell obbligo di tenuta della contabilità e dei due nuovi registri (in aggiunta al registro dei verbali delle assemblee e del registro di nomina e revoca dell amministratore) dell anagrafe condominiale e della contabilità. All obbligo di aggiornamento dei registri da parte dell amministratore si aggiunge quelli dei condomini di comunicare prontamente ogni variazione della proprietà, pena la responsabilità nel pagamento dei contributi condominiali. OBBLIGO DI AGIRE PER LA RISCOSSIONE FORZOSA l art c.c. impone all amministratore una rigorosa tempistica per la riscossione dei contributi non pagati, dovendo egli agire entro sei mesi dalla chiusura dell esercizio nel quale il credito è compreso. Rimane invariata la previsione della possibilità di ottenere (ex l art. 63 Disp. Att. c.c.) un decreto ingiuntivo sulla base dello stato di ripartizione approvato dall assemblea, senza bisogno di sua autorizzazione. N.B. Secondo una recentissima pronuncia della 4

5 Suprema Corte, il decreto ingiuntivo potrà essere richiesto sulla base del solo bilancio preventivo approvato, finché non venga sostituito dal consuntivo (C.Cass n ). Si può ragionevolmente ritenere che il mancato rispetto del termine di sei mesi non faccia venir meno la legittimazione dell amministratore ad agire, sia pure in ritardo, per la riscossione delle somme dovute dai condomini. L art. 1129, comma 9 c.c. fa comunque salva la possibilità che l amministratore venga espressamente dispensato dall assemblea dall agire per la riscossione entro il previsto termine, derogando così ad una causa legale di revoca del mandato. Al di là di questa ipotesi, l inerzia dell amministratore nella riscossione, se protratta per oltre sei mesi, è fonte di responsabilità per l amministratore,il quale può essere chiamato a rispondere del danno causato al condominio, del quale è mandatario. REVOCA DELL AMMINISTRATORE: la riforma ha inasprito i casi di revocabilità dell amministratore. La revoca può essere deliberata: in ogni tempo dall assemblea con la stessa maggioranza prevista per la nomina o con quella prevista dal regolamento di condominio,dall autorità giudiziaria su ricorso di ciascun condomino anche se: non rende il conto della gestione anche per un solo anno; commette gravi irregolarità. L art c.c. prevede un elencazione esemplificativa delle gravi irregolarità in cui può incorrere l amministratore. Tra esse è menzionata la mancata apertura del conto corrente; il consenso prestato alla cancellazione delle formalità a favore del condominio in presenza di un credito insoddisfatto; il non aver coltivato con diligenza l azione giudiziaria (art comma 12 c.c.) RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI e OBBLIGO DI PREVENTIVA ESCUSSIONE: L art. 63 Disp. Att. c.c. prevede una maggior tutela per i creditori del condominio. E stato infatti introdotto l obbligo per l amministratore di comunicare i dati dei condomini morosi ai creditori non ancora soddisfatti che glielo richiedano e, parallelamente, l importante principio per cui questi ultimi, prima di agire nei confronti dei condomini in regola con i pagamenti, dovranno preventivamente escutere gli altri condomini morosi. La riforma ha, quindi, reintrodotto il principio della solidarietà passiva dei condomini rispetto alle obbligazioni del condominio, seppur mitigata dall obbligo del creditore di agire preventivamente nei confronti dei condomini morosi. Il principio in precedenza affermato dalla Cassazione a Sezioni Unite (C. Cass. Sez. Un. 9148/08 era, all opposto, quello della parziarietà dell obbligazione, che doveva essere imputata ai condomini in proporzione alle rispettive quote). Un ulteriore novità è costituita dalla possibilità di sospendere la fruizione dei servizi comuni suscettibili di uso separato, in caso di mora protratta per un semestre, per effetto dell eliminazione della necessità di una apposita clausola autorizzativa contenuta nel regolamento di condominio. In caso di cessione dell immobile, viene confermata la responsabilità solidale del cedente e dell avente causa per il pagamento dei contributi relativi all anno in corso ed a quello precedente. La riforma ha previsto inoltre che la responsabilità solidale del cedente si estenda anche ai contributi maturati fino alla data di trasmissione all amministratore della copia autentica dell atto di cessione (non è quindi sufficiente una semplice informativa all amministratore, non accompagnata dall atto in copia autentica). PREDEDUCIBILITA DEI CONTRIBUTI IN CASO DI FALLIMENTO Una novità assoluta introdotta dalla riforma è costituita dalla previsione della prededucibilità del contributi relativi alle spese di manutenzione sia ordinaria che straordinaria ed alle spese relative alle innovazioni. Ciò significa che in caso di fallimento del condomino il condominio avrà diritto di essere soddisfatto prima degli altri creditori, sia privilegiati che chirografari. Pavia, 6 marzo 2013 Avv. Emanuela Moretti 5

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

Riforma del Condominio L.220/2012

Riforma del Condominio L.220/2012 Riforma del Condominio L.220/2012 IMPORTANTI NOVITA PER TUTTI PROPRIETARI, CONDUTTORI, AMMINISTRATORI ED ALTRI TITOLARI DI DIRITTI REALI E DI GODIMENTO LA RIFORMA DEL CONDOMINIO MODIFICA IL CODICE CIVILE,

Dettagli

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi.

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum costitutivi dell assemblea Prima convocazione: - più del 50% dei condomini - almeno i 2/3 dei millesimi. Seconda convocazione: - almeno 1/3 dei condomini - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum deliberativi

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Nuovo Art. 1117 bis c.c.: Sede : Via B. Buozzi 10 21013 GALLARATE (VA) Tel. 0331/772967 Cell. 334/8172125 RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Introduce il concetto di supercondominio

Dettagli

Riforma del Condominio 2012: analisi delle principali novità parte 1

Riforma del Condominio 2012: analisi delle principali novità parte 1 Numero 251/2012 Pagina 1 di 9 Riforma del Condominio 2012: analisi delle principali novità parte 1 Numero : 251/2012 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : NOVITÀ RIFORMA DEL CONDOMINIO ARTT. 1117-1139 C.C.;

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA

RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA NOVITA PER LE PARTI COMUNI E INNOVAZIONI manutenzione ascensori Ampliamento definizione parti comuni - parti comuni: tutte le parti dell edificio di uso

Dettagli

RIFORMA CONDOMINI. Di seguito trovate una sintesi ragionata delle novità introdotte dalla riforma condomini.

RIFORMA CONDOMINI. Di seguito trovate una sintesi ragionata delle novità introdotte dalla riforma condomini. RIFORMA CONDOMINI La cosiddetta riforma condominio (Legge n 220 del 11/12/2012) è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n 203 del 17/12/2012 e pertanto entrerà in vigore dal 18/06/2013. La riforma

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) LE NUOVE COMPETENZE ATTRIBUITE ALL ASSEMBLEA

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139 Indice pag. Articolo 1117. Parti comuni dell edificio 1 Articolo 1117-bis. Ambito di applicabilità 5 Articolo 1117-ter. Modificazioni delle destinazioni d uso 7 Articolo 117-quater. Tutela delle destinazioni

Dettagli

Le principali novità della riforma del condominio

Le principali novità della riforma del condominio Le principali novità della riforma del condominio Via libera del Senato alla riforma del condominio. La commissione Giustizia ieri ha approvato in sede deliberante la legge che cambia le regole per la

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041 Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento istituzioni Modifica alla disciplina del condominio negli

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it

Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it di Donato Palombella Giurista d'impresa Finalmente è giunto il via libera alla riforma del condominio. Dopo un

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 21 1. Premesse... 21 2. Un po di storia recente... 21 3. La riforma in pillole... 22

1. INTRODUZIONE... 21 1. Premesse... 21 2. Un po di storia recente... 21 3. La riforma in pillole... 22 INDICE PREMESSA.................................................. 20 1. INTRODUZIONE............................................ 21 1. Premesse............................................. 21 2. Un po

Dettagli

ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA

ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Responsabile Scientifico: Avv. Alfredo Righi Riva I LEZIONE (4 ore) sabato 21/3/2015

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO CREDITI E DEBITI IN. Verona 31 Maggio 2013 Auditorium Banco Popolare

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO CREDITI E DEBITI IN. Verona 31 Maggio 2013 Auditorium Banco Popolare LA RIFORMA DEL CONDOMINIO CREDITI E DEBITI IN CONDOMINIO Verona 31 Maggio 2013 Auditorium Banco Popolare Nuove responsabilità dell amministratore Adempimenti: Dal lato attivo (recupero spese vs morosi)

Dettagli

Le (nuove)maggioranze in assemblea

Le (nuove)maggioranze in assemblea Le (nuove)maggioranze in assemblea Prima convocazione: è necessaria la presenza della maggioranza dei condomini che abbiano almeno 2/3 dei millesimi Seconda convocazione è necessaria la presenza di 1/3

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

Le principali maggioranze assembleari

Le principali maggioranze assembleari AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI Gestioni e consulenze condominiali Dott. Rag. Roberto Attisano - Codice Fiscale TTSRRT82H22L117H - Cell. 333 9784125 E-mail: amministrazioniattisano@gmail.com - www.amministrazioni.altervista.org

Dettagli

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole Breve guida pratica al Condominio Una micro società con le sue regole Quando nasce il condominio? Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti

Dettagli

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA Convocazione Condomini Millesimi Prima maggioranza dei partecipanti al condominio 667/1.000 Seconda un terzo dei partecipanti al condominio

Dettagli

SEMINARIO SUL CONDOMINIO

SEMINARIO SUL CONDOMINIO Fondazione Forense Bolognese (Consiglio dell'ordine degli Avvocati) SEMINARIO SUL CONDOMINIO 7, 24 OTTOBRE e 14 NOVEMBRE 2011 ore 15.00 18.00 Sede del corso Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a

Dettagli

I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l escussione degli altri condomini.

I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l escussione degli altri condomini. Art. 61 Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzione di piano a proprietari diversi si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, il condominio

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

ANAGRAFE CONDOMINIALE

ANAGRAFE CONDOMINIALE ANAGRAFE CONDOMINIALE In base all art. 1130 c.c., così come modificato dalla L. 220/12, gli amministratori di condominio hanno l obbligo di curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA ASSEMBLEA

SOMMARIO PARTE PRIMA ASSEMBLEA SOMMARIO PARTE PRIMA ASSEMBLEA Premessa pag. 3 F1. Convocazione di assemblea condominiale in prima convocazione pag. 8 F2. Convocazione di assemblea condominiale in seconda convocazione pag. 12 F3. Convocazione

Dettagli

LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA

LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA Rossana De Angelis ARTICOLO 1129 CODICE DEL 1942 CODICE DAL GIUGNO 2013 Nomina e revoca dell amministratore. Quando i condomini sono più di quattro,

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE 1. L assemblea ed i suoi poteri... 1 2. I limiti ai poteri dell assemblea in tema di: a) modifica del regolamento di condominio c.d. contrattuale... 3 3. b) approvazione

Dettagli

L AMMINISTRATORE NELLA RIFORMA DEL CONDOMINIO

L AMMINISTRATORE NELLA RIFORMA DEL CONDOMINIO ANACI VERONA presenta L AMMINISTRATORE NELLA RIFORMA DEL CONDOMINIO A cura del Centro Studi Via Virgilio Zavarise n.1 37125 - Verona - Tel: 045.8303295 - email info@anaci-verona.net http://www.anaci-verona.net

Dettagli

La Riforma del Condominio Guida alle novità

La Riforma del Condominio Guida alle novità Condo Free Il tuo o su Internet... Free! www.condofree.net La Riforma del Condominio Guida alle novità L amministratore I requisiti La nomina e la revoca La polizza assicurativa Il sito web Il conto corrente

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P.

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Le norme contenute nel presente regolamento disciplinano le autogestioni dei servizi accessori, degli spazi

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. 1 PARTI COMUNI 2 Art. 1 L'articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. - (Parti comuni

Dettagli

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E CONTENUTO DEL CORSO I materiali utilizzati nel corso, il corso stesso e le prove finali d esame devono avere riguardo alle materie indicate

Dettagli

Tabella Le maggioranze dell assemblea condominiale

Tabella Le maggioranze dell assemblea condominiale Tabella Le maggioranze dell assemblea condominiale 2 a CONVOCAZIONE Quorum costitutivo (art. 1136/3 c.c.): 1/3 cond. + 1/3 valore edificio Quorum deliberativo ordinario (Regola generale): + val. edifi

Dettagli

VALIDITA' DELL'ASSEMBLEA

VALIDITA' DELL'ASSEMBLEA 1. DELIBERE A MAGGIORANZA ORDINARIA 2. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "A" 3. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "B" 4. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "C" 5. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "D" 6. DELIBERE

Dettagli

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Centro Studi e Formazione PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

Guida alla. Riforma della disciplina del Condominio

Guida alla. Riforma della disciplina del Condominio Guida alla Riforma della disciplina del Condominio AGENDA Obiettivo Novità in materia di Parti Comuni Novità in materia di Amministratore Novità in materia di Rendiconto Condominiale Novità in materia

Dettagli

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia Costo del corso 350 massimo 35 partecipanti Corso di Abilitazione alla Professione di Amministratore di Condominio Corso di abilitazione alla professione di Amministratore di Condominio aggiornato alle

Dettagli

Le tabelle millesimali

Le tabelle millesimali La riforma del condominio Le tabelle millesimali Formazione Revisione Impugnazione Camera di Commercio di Torino 11 novembre 2013 avv. Roberto Bella DEFINIZIONE Le tabelle millesimali rappresentano le

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Il creditore che individua beni riferibili al condominio può aggredirli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Il creditore che individua beni riferibili al condominio può aggredirli CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Creditore: condomini morosi Il creditore che individua beni riferibili al condominio può aggredirli direttamente, senza che occorra procedere all escussione dei singoli

Dettagli

IL RECUPERO DEL CREDITO CONTRO IL CONDOMINIO. Cass. Civ. 9148/2008 e Riforma. non c è (era) più solidarietà, casi pratici e privacy

IL RECUPERO DEL CREDITO CONTRO IL CONDOMINIO. Cass. Civ. 9148/2008 e Riforma. non c è (era) più solidarietà, casi pratici e privacy IL RECUPERO DEL CREDITO CONTRO IL CONDOMINIO Cass. Civ. 9148/2008 e Riforma del Condominio L. 220/2012 non c è (era) più solidarietà, casi pratici e privacy Verona, Corso ANACI 2013/14 Il recupero del

Dettagli

L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012

L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012 L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012 A cura di Marina Leogrande Manca ormai circa un mese al 18 giugno 2013, data di entrata in vigore della Legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

N. 01/2013. 13 Aprile 2013

N. 01/2013. 13 Aprile 2013 N. 01/2013 13 Aprile 2013 Il bilancio condominiale Innanzitutto cerchiamo di intenderci sul concetto di bilancio condominiale, termine non proprio del condominio ma delle società. In maniera estremamente

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. È obbligatoria la canna fumaria esterna tanto per le caldaie individuali

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. È obbligatoria la canna fumaria esterna tanto per le caldaie individuali CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Caldaie È obbligatoria la canna fumaria esterna tanto per le caldaie individuali quanto per quelle centralizzate. L obbligo dello sbocco sopra il tetto è escluso soltanto

Dettagli

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI 1 L INVALIDITÀ DELL AVVISO DI CONVOCAZIONE La questione... 1 Analisi dello scenario... 1 Inquadramento strategico... 2 Natura e funzioni dell avviso di convocazione...

Dettagli

La Riforma del Condominio Guida alle novità

La Riforma del Condominio Guida alle novità Condo Free Il tuo o su Internet... Free! www.condofree.net La Riforma del Condominio Guida alle novità aggiornato alle modifiche del Decreto Destinazione Italia D.L. 23 dicembre 2013, n. 145 (convertito

Dettagli

( * ) Bologna 17 ottobre 2013 Seminario tecnico giuridico Palazzo Segni Masetti ----------------- ------------ -----

( * ) Bologna 17 ottobre 2013 Seminario tecnico giuridico Palazzo Segni Masetti ----------------- ------------ ----- 1 ASSOCIAZIONE LIBERI AMMINISTRATORI CONDOMINIALI SEDE DI BOLOGNA - GRUPPO ASCOM CASA- - ADERENTE A CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L ITALIA - alac@ascom.bo.it - www.alac.bo.it - Strada Maggiore 23 40125 Bologna

Dettagli

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE La termoregolazione e contabilizzazione del calore sono poco praticate La ripartizione dei costi del servizio riscaldamento deve essere eseguita rispettando

Dettagli

L'Abc della riforma del condominio

L'Abc della riforma del condominio L'Abc della riforma del condominio di Claudio Tucci Assemblee, regolamenti, amministratori, si cambia. In 32 articoli vengono riscritte in larga parte le norme sul condominio contenute nel codice civile

Dettagli

Novità Riforma Condominio

Novità Riforma Condominio Novità Riforma Condominio 1 Novità Riforma Condominio: la riforma è legge. La Commissione Giustizia del Senato in sede deliberante ha infatti dato il via libera definitivo al disegno di legge sulla Riforma

Dettagli

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola DIRITTO DI PARABOLA Per installare una parabola non occorrono autorizzazioni La giurisprudenza ha affermato che il diritto alla installazione di antenne riconduce al diritto primario alla libera manifestazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SGOBIO. Modifiche al codice civile in materia di condominio negli edifici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SGOBIO. Modifiche al codice civile in materia di condominio negli edifici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1199 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SGOBIO Modifiche al codice civile in materia di condominio negli edifici Presentata il 26

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una porzione di area condominiale Lo spostamento del muro perimetrale, durante i lavori di ristrutturazione

Dettagli

Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio

Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio DIRITTI DEL CONDOMINO di Francesco Tavano Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio Testo utilissimo per condòmini, amministratori

Dettagli

Breve guida pratica al CONDOMINIO

Breve guida pratica al CONDOMINIO 1 Breve guida pratica al Una micro società con le sue regole. Quando nasce il condominio? 2 Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti almeno

Dettagli

FOCUS. Novità in materia condominiale. Vicenza, 25 e 26 ottobre 2013

FOCUS. Novità in materia condominiale. Vicenza, 25 e 26 ottobre 2013 FOCUS Novità in materia condominiale Vicenza, 25 e 26 ottobre 2013 Obiettivi Il seminario si propone di esaminare gli istituti del diritto condominiale che pongono nella pratica quotidiana rilevanti problematiche

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Delibera condominiale: nomi favorevoli e contrari La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine perentorio di trenta giorni a decorrere dalla

Dettagli

Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2

Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2 Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2 2. Il condominio negli edifici. Ipotesi diversa dalla comunione, sebbene per certi versi analoga, è costituita dal condominio

Dettagli

La riforma del Condominio

La riforma del Condominio Emilio Brancadoro 1 Riforma del Condominio La riforma del condominio A 70 anni esatti dall entrata in vigore delle disposizioni del codice civile che regolano la vita in condominio, è stata varata la legge

Dettagli

La parola agli addetti ai lavori.

La parola agli addetti ai lavori. La parola agli addetti ai lavori. Il parere degli Amministratori condominiali sulla riforma. Commenti, critiche e consigli degli amministratori. (a cura dell Avv. Nicola Nicodemo Damiano) Intervista all

Dettagli

Èormai nota l approvazione definitiva in Parlamento del testo di legge di riforma in materia condominiale.

Èormai nota l approvazione definitiva in Parlamento del testo di legge di riforma in materia condominiale. La riforma del Condominio: tutte le novità punto per punto Presentiamo una completa panoramica di tutte le principali novità introdotte dal testo di riforma della disciplina del Condominio negli edifici,

Dettagli

Assemblea condominiale tabelle riepilogative sui quorum richiesti

Assemblea condominiale tabelle riepilogative sui quorum richiesti Assemblea condominiale tabelle riepilogative sui quorum richiesti QUORUM PER LA COSTITUZIONE DELL ASSEMBLEA: OGGETTO CONDOMINI MILLESIMI CONVOCAZIONE Costituzione dell Assemblea 2/3 del valore dell intero

Dettagli

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 A cura di Massimo Fracaro Testi di Germano Palmieri Fotocomposizione: Nuova MCS - Firenze ISBN 978-88-17-06572-6 Copyright 2013

Dettagli

CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO. Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini

CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO. Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini che non riescono ad avere la casa sufficientemente riscaldata o al contrario che si ritrovano

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 19 ore)

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 19 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it CORSO PER AMMINISTRATORI DEL

Dettagli

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. 13 DEL 26.01.2000 TITOLO I PREMESSE Art 1. Ambito di applicazione Il presente regolamento trova applicazione

Dettagli

INDICE PREMESSA... 20 PREMESSA... 15

INDICE PREMESSA... 20 PREMESSA... 15 INDICE PREMESSA................................................ 20 PREMESSA................................................ 15 1. AMMINISTRATORE: Nomina Dimissioni................... 17 1.01 Preventivo

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012

RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012 RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012 Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. (Parti comuni dell edificio). Sono oggetto

Dettagli

Sindacato Territoriale Pensionati di Milano Metropoli

Sindacato Territoriale Pensionati di Milano Metropoli Per chi vuole saperne di più.. nuove regole CONDOMINIALI La riforma del condominio: ecco cosa cambia La legge 11 dicembre 2012, n. 220, Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici, è stata pubblicata

Dettagli

LM franchising s.r.l. Centro Studi. Formazione di base degli Amministratori di Condominio

LM franchising s.r.l. Centro Studi. Formazione di base degli Amministratori di Condominio LM franchising s.r.l. Centro Studi Formazione di base degli Amministratori di Condominio Anno 2014-2015 Piano di Studi Principi di diritto immobiliare: La proprietà nel Codice Civile e nella Costituzione

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili.

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili. A Tutti i sigg. Condomini Loro sedi OGGETTO: la Riforma del condominio. Un cambiamento sostanziale. Gentile Condòmino, con la stesura del presente documento informativo intendo metterla a conoscenza che

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

II CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

II CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO II CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del 13/8/2014 attuativo della legge

Dettagli

Condominio, per i risparmi energetici basta la maggioranza dei presenti.ipsoa.it

Condominio, per i risparmi energetici basta la maggioranza dei presenti.ipsoa.it Condominio, per i risparmi energetici basta la maggioranza dei presenti.ipsoa.it Claudio Bovino La riforma della disciplina del condominio, nel modificare l'articolo del codice civile dedicato alle innovazioni,

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO. Art. 1.

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO. Art. 1. LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. (Parti comuni dell edificio). Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 15 OTTOBRE 2015 AL 26 NOVEMBRE 2015 (Durata 20 ore)

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 15 OTTOBRE 2015 AL 26 NOVEMBRE 2015 (Durata 20 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it CORSO PER AMMINISTRATORI DEL

Dettagli

CORSO PER REVISORI DELLA CONTABILITA' CONDOMINIALE (art. 1130 - bis Codice Civile) PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 25 GIUGNO 2015 (Durata 15 ore)

CORSO PER REVISORI DELLA CONTABILITA' CONDOMINIALE (art. 1130 - bis Codice Civile) PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 25 GIUGNO 2015 (Durata 15 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it CORSO PER REVISORI DELLA CONTABILITA'

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO E GESTIONE CONTABILE

RIFORMA DEL CONDOMINIO E GESTIONE CONTABILE RIFORMA DEL CONDOMINIO E GESTIONE CONTABILE Marco Castioni Corso Anaci 2013 2014 BUONA GESTIONE E TRASPARENZA minaccia esonero su richiesta anche di un solo condomino. Considerati casi di gravi irregolarità

Dettagli

Il condominio e le barriere architettoniche

Il condominio e le barriere architettoniche Il condominio e le barriere architettoniche Aspetti legali e normativi Avv. Corrado Tarasconi Rimini 4 Dicembre 2007 I riferimenti normativi - Legge 9 gennaio 1989 n. 13 art. 2 - Legge 9 gennaio 1989 n.

Dettagli

AMMINISTRATORE CONDOMINIALE

AMMINISTRATORE CONDOMINIALE AMMINISTRATORE CONDOMINIALE AI SENSI DELLA LEGGE 220/2012 Percorso formativo L obiettivo del corso Condominiale è quello di formare professionisti nella consulenza condominiale in relazione alla gestione

Dettagli

Articolo 1117. - (Parti comuni dell edificio)

Articolo 1117. - (Parti comuni dell edificio) 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: Articolo 1117. - (Parti comuni dell edificio) Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari dei diversi piani o porzioni di piano di un

Dettagli

IL NUOVO CONDOMINIO La legge di riforma n. 220/12

IL NUOVO CONDOMINIO La legge di riforma n. 220/12 COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI CUNEO 14 FEBBRAIO 2013 IL NUOVO CONDOMINIO La legge di riforma n. 220/12 Avv. Augusto Cirla Dott. Giacomo Rota Partner LS LexJus Sinacta Milano Magistrato Sez.

Dettagli

Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera

Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera Il testo approvato alla Camera il 27 settembre 2012 Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal «Art. 1117. (Parti comuni

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido I comproprietari di una unità immobiliare sono responsabili in solido nei riguardi del condominio, indipendentemente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Sede centrale: Vicolo Grossardi, 16/A - 43100 Parma tel. 0521-215111

Dettagli

La riforma del condominio (legge 17.12.2012 n.220 entrata in vigore il 17.06.2013).

La riforma del condominio (legge 17.12.2012 n.220 entrata in vigore il 17.06.2013). La riforma del condominio (legge 17.12.2012 n.220 entrata in vigore il 17.06.2013). Art.1117 Codice Civile (Parti comuni dell edificio) Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Tetto: sostituzione con un terrazzo ad uso esclusivo Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto dell edificio con un terrazzo

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE Clausola tipo 1 Definizioni L Assistenza telefonica e/o online ha ad oggetto un servizio di call center di helpline via telefonica e/o telematica (via email o web

Dettagli

Domvs Consulting S.r.l.s.

Domvs Consulting S.r.l.s. Approfondimenti in Condominio n. 020/2015 Per realizzare un impianto ascensore in un edificio in condominio che ne sia sprovvisto, vi sono due strade: quella collegiale - condominiale che nella disciplina

Dettagli

Seminari di aggiornamento sulla "Riforma del condominio"

Seminari di aggiornamento sulla Riforma del condominio ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari SEDE PROVINCIALE DI LECCE VIA TRAPANI 7/B Seminari di aggiornamento sulla "Riforma del condominio" Centro Studi Anaci LECCE INFO:

Dettagli