DELIBERAZIONE N X / 2565 Seduta del 31/10/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N X / 2565 Seduta del 31/10/2014"

Transcript

1 DELIBERAZIONE N X / 2565 Seduta del 31/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA CAPPELLINI ALBERTO CAVALLI GIOVANNI FAVA MASSIMO GARAVAGLIA MARIO MELAZZINI MAURO PAROLINI ANTONIO ROSSI CLAUDIA TERZI Con l'assistenza del Segretario Fabrizio De Vecchi Su proposta dell'assessore Mario Mantovani Oggetto RECEPIMENTO DELL ACCORDO STATO/REGIONI DEL 6/12/2012 (REP. ATTI N. 233/CSR) E ULTERIORI INDICAZIONI IN ORDINE ALLA PREVENZIONE E CURA DELLA MALATTIA DIABETICA Si esprime parere di regolarità amministrativa ai sensi dell'art.4, comma 1, l.r. n.17/2014: Il Dirigente Luca Merlino Il Direttore Generale Walter Bergamaschi L'atto si compone di 13 pagine di cui / pagine di allegati parte integrante

2 PREMESSO che: il diabete è una delle patologie a più ampia diffusione nel mondo, in particolare nei Paesi industrializzati e costituisce una delle più rilevanti e costose malattie sociali della nostra epoca, soprattutto per il suo carattere di cronicità, per la tendenza a determinare complicanze nel lungo periodo e per il progressivo spostamento dell insorgenza verso età giovanili; l assistenza alle persone affette da diabete rappresenta nel mondo, ormai anche nei Paesi in via di sviluppo, uno dei principali problemi di organizzazione dei sistemi sanitari; il diabete è in aumento, sia come incidenza che come prevalenza, è causa di scarsa qualità di vita, determina spesso morte prematura ed è tra le maggiori cause di morte; è la seconda causa di insufficienza renale terminale; è la più comune causa di cecità, di amputazioni non traumatiche e la più comune malattia cronica fra i bambini; nella malattia diabetica il considerevole impatto sociale, economico e sanitario impone la ricerca di percorsi organizzativi in grado di minimizzare il più possibile l incidenza degli eventi acuti o delle complicanze invalidanti che comportano costi elevatissimi, diretti ed indiretti; attualmente, in Italia, vivono almeno tre milioni di persone con diabete a cui si aggiunge una quota di persone, stimabile in circa un milione, che, pur essendo già affette dalla malattia, non ne sono però ancora a conoscenza; le disuguaglianze sociali agiscono fortemente sul rischio diabete: la prevalenza della malattia è, infatti, più elevata nelle classi sociali maggiormente disagiate e tale effetto è evidente in tutte le classi di età; le indicazioni internazionali ed europee Risoluzione ONU 2006 e 2009; Forum di New York 2007; Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Piano d azione ; Consiglio dell Unione Europea (EPSCO) del 2/6/2006; lavori della Commissione Europea su Information to patient ; risoluzioni del Parlamento Europeo del 2011 e del evidenziano la necessità di sviluppare politiche nazionali per la prevenzione, il trattamento e la cura del diabete in linea con lo sviluppo sostenibile dei vari sistemi sanitari, nonché di elaborare strumenti adeguati per il raggiungimento di livelli di assistenza appropriati che abbiano l obiettivo di stabilizzare la malattia e migliorare la qualità di vita del paziente; VISTI: la Legge n. 115 del 16/03/1987 Disposizioni per la prevenzione e la cura del diabete mellito che: considera il diabete come malattia di alto interesse sociale, sia per l'impatto 1

3 sulla vita di relazione della persona, che per le notevoli influenze sulla società e raccomanda di favorire l'inserimento delle persone con diabete nelle attività scolastiche, sportive e lavorative; all'art. 2 dispone che vengano stabiliti con atto di indirizzo e coordinamento, gli interventi operativi più idonei per individuare le fasce di popolazione a rischio diabetico e per programmare gli interventi sanitari su tali fasce; all art. 5 prevede che vengano stabiliti criteri di uniformità validi per tutto il territorio nazionale, relativamente a strutture e parametri organizzativi dei servizi diabetologici, metodi di indagine clinica, criteri di diagnosi e terapia, anche in armonia con i suggerimenti dell'oms; impegna le Regioni a predisporre idonee iniziative dirette a fronteggiare la malattia; il Protocollo d'intesa tra il Ministro della Sanità ed il Presidente del Consiglio dei Ministri del 30/07/1991 che, in attuazione dell'articolo 5 della richiamata legge n. 115/1987, ha definito le azioni più idonee per individuare le fasce di popolazione a rischio diabetico e programmare i relativi interventi e che ha individuato criteri uniformi su tutto il territorio nazionale relativamente a strutture e parametri organizzativi dei servizi diabetologici, metodi di indagine clinica, criteri di diagnosi e terapia della malattia diabetica; il Piano Sanitario Nazionale che al punto Il diabete e le malattie metaboliche evidenzia l opportunità di attivare programmi di prevenzione primaria e secondaria con l obiettivo di ridurre i tassi di ospedalizzazione ed i tassi di menomazione permanente, nonché strategie per migliorare la qualità di vita dei pazienti, attraverso programmi di educazione ed informazione sanitaria; il Piano Nazionale della Prevenzione che considera, quali aree di intervento prioritarie, le complicanze del diabete e prevede la realizzazione di progetti regionali basati su linee operative messe a punto dal Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie (CCM) e finalizzati, appunto, a prevenirne le complicanze tramite l'adozione di programmi di gestione integrata della patologia sull'esempio del disease management e/o del chronic care mode. In questo contesto metodologico si colloca il progetto IGEA dedicato all Integrazione, gestione e assistenza per la malattia diabetica a cui ha partecipato, tra gli altri, Regione Lombardia; il Piano Sanitario Nazionale che al fine di incrementare l adesione del paziente ai protocolli diagnostici terapeutici, dichiara che lo Stato e le Regioni hanno concordato sull attuazione del Piano Nazionale di Prevenzione che prevede, tra l altro, l iscrizione dei pazienti diabetici in appositi registri e 2

4 l integrazione in rete delle strutture territoriali deputate alla prevenzione e alla gestione del paziente diabetico; il Piano Nazionale della Prevenzione che definisce i seguenti obiettivi : individuare precocemente la malattia nella popolazione a rischio aumentato, secondo criteri e caratteristiche di appropriatezza; predisporre protocolli per il controllo e la gestione integrata del diabete, secondo criteri di evidenza di efficacia e analisi costi-benefici, anche con riguardo alla fornitura di presidi per il monitoraggio della glicemia; definire percorsi assistenziali con particolare riguardo all'appropriatezza del ricovero o trattamento ambulatoriale, della gestione da parte del medico di assistenza primaria o specialistica e dell'educazione terapeutica dei pazienti, considerando anche la frequente presenza di comorbosità; valutare, per ciascuna Regione, la rete assistenziale per l'acuzie e la cronicità e introdurre criteri di standardizzazione e razionalizzazione; favorire l'implementazione di sistemi informativi e banche dati che facilitino la gestione e la valutazione dei programmi; il Piano Sanitario Nazionale che pone il diabete fra le priorità per il Sistema Sanitario Nazionale, insieme ad altre malattie croniche non trasmissibili; VISTA la legge regionale n. 33/2009 Testo Unico delle leggi regionali in materia di sanità e s.m.i. che abroga e sostituisce la precedente legge regionale n. 8/1992 e che detta norme in materia di diabete nel Titolo IV - Capo IV Prevenzione e cura del diabete mellito, in particolare: istituisce un sistema di prevenzione e cura del diabete mellito in attuazione della Legge n. 115/1987, strutturato su 4 livelli: - Centro di Riferimento Regionale per il diabete; - Unità Operativa di diabetologia; - Sezioni specialistiche di diabetologia; - Cure primarie a livello di distretto; elenca, fra le finalità del sistema, la promozione della profilassi delle malattie diabetiche e l educazione sanitaria dei diabetici e delle loro famiglie; assicura la formazione ed educazione permanente rivolta ai malati diabetici, secondo modalità definite dalle competenti strutture. Ogni Unità Operativa o Sezione specialistica cura la partecipazione dei pazienti e dei famigliari a momenti educativi; RICHIAMATE: la d.g.r. n. VI/48301 del 21/2/2000 Indirizzi funzionali ed organizzativi per la 3

5 prevenzione e la cura del diabete mellito che fornisce linee guida diagnostico-terapeutiche per la prevenzione e cura del diabete e delinea un modello organizzativo che prevede una forte integrazione tra equipe diabetologica e Medico di Medicina Generale (MMG), con adozione del Disease Management come strumento di analisi del percorso assistenziale; la d.g.r. n. VII/8678 del 9/4/2002 Definizione delle procedure per la gestione integrata del paziente diabetico che ribadisce l importanza della gestione integrata attraverso un approccio globale alla malattia misurato con indicatori di qualità, sia per il MMG, che per il Centro Diabetologico; la d.g.r. n. VIII/217 del 27/06/2005 Determinazioni inerenti il Piano Regionale della Prevenzione Attiva ai sensi dell intesa fra il Governo, le Regioni e Province Autonome del 23 marzo 2005 che: pianifica e programma, per il triennio , gli interventi di prevenzione ed, in particolare per quanto riguarda la patologia diabetica, fornisce indicazioni relativamente ai percorsi da adottare per rendere operativi gli indirizzi contenuti negli atti di programmazione regionale sulla gestione integrata del diabete; identifica le ASL e le AO quali responsabili del monitoraggio della qualità dell assistenza che deve essere effettuata tramite dati epidemiologici di popolazione, analisi dei consumi (farmaci, ricoveri, specialistica ambulatoriale ecc.) e attraverso indicatori che permettano di valutare la corretta applicazione dei Percorsi Diagnostico Terapeutici (PDT) da parte degli operatori sanitari (MMG e CDO Centri Diabetologici Ospedalieri); la d.g.r. n. VIII/1258 del 30/11/2005 Prevenzione attiva del diabete mellito e delle sue complicanze: Piano Regionale di dettaglio ai sensi della d.g.r. n. VIII/217 del che: recepisce le indicazioni nazionali ed internazionali, affermando la necessità di identificare requisiti di qualità per le prestazioni erogate, definiti e misurabili attraverso indicatori di processo e di risultato, non solo per garantire un adeguato livello delle cure, ma anche per garantire il mantenimento dell appropriatezza dei percorsi di presa in carico ed un coerente uso delle risorse; identifica i soggetti (Regione ed ASL) che, all interno del Sistema Sanitario Regionale, devono contribuire alla realizzazione della gestione integrata del diabete e ne definisce i rispettivi ruoli; la Circolare 30/SAN 2005: Linee guida sul diabete giovanile per favorire l inserimento del bambino diabetico in ambito scolastico ; 4

6 RICHIAMATA, in particolare, la d.g.r. n. X/888 del 31/10/2013 Proposta di accordo con le farmacie per l erogazione di ausili e presidi per il controllo della glicemia per i pazienti diabetici nelle more della definizione delle gare da parte di ARCA per la relativa fornitura e distribuzione che consentirà, per i prossimi 3 anni agli oltre lombardi affetti da diabete, di recarsi in qualsiasi farmacia del territorio regionale e ritirare gratuitamente il kit di autocontrollo della glicemia in ottemperanza al principio che l autocontrollo del malato rappresenta un importantissimo supporto alla terapia che permette al paziente e al medico il raggiungimento e la verifica costante di molti obiettivi clinici ed educativi. Infatti, l automonitoraggio della glicemia è parte integrante della cura del paziente diabetico; i suoi risultati vengono utilizzati dallo stesso paziente e dal personale sanitario per valutare l efficacia della terapia, per personalizzare la dieta, l attività fisica e la somministrazione dei farmaci, in modo da ottenere e mantenere nel tempo un adeguato controllo metabolico e raggiungere un miglioramento della qualità di vita delle persone con diabete, contribuendo a ridurre, in ultima analisi, i costi per il Sistema Sanitario; RICHIAMATI in particolare i seguenti atti di programmazione sanitaria; il Piano Socio Sanitario Regionale approvato con d.c.r. n. VII/462 del 13/03/2002 che prevede, nell ambito delle linee di intervento prioritario, tra gli obiettivi di salute e di benessere sociale, il controllo e la cura delle malattie ad ampio impatto sociale, tra le quali il diabete, patologia ad elevata morbilità e mortalità; il Piano Socio Sanitario Regionale approvato con d.c.r. n. VIII/257 del 26/10/2006, che, nel capitolo Le linee di intervento prioritario : riconosce la necessità di aumentare la sistematicità ed il coordinamento della gestione dei pazienti diabetici da parte dei MMG e delle strutture diabetologiche ospedaliere, integrando le competenze di primo e secondo livello, anche attraverso la creazione di reti di patologia; ritiene fondamentale l interazione di diverse professionalità per la prevenzione e la cura delle complicanze diabetiche ed a tal fine, promuove il coinvolgimento di tutte le professionalità, dai MMG ai medici specialisti ospedalieri ed ambulatoriali, valorizzando anche il contributo delle associazioni dei pazienti diabetici; il Piano Socio Sanitario Regionale approvato con d.c.r. n. X/88 del 17/11/2010 che: riconosce come l area della cronicità, in progressiva crescita, è senza dubbio il tema meritevole di maggiori attenzioni in quanto rappresenta più della metà del fabbisogno di servizi e di assorbimento di risorse; sottolinea l opportunità di utilizzare strutture territoriali che consentano la 5

7 gestione integrata della cronicità sul territorio per quelle fasi della patologia cronica che non necessitano del potenziale diagnostico e terapeutico dell ospedale per acuti; sottolinea l importanza del ruolo del MMG, i quali rappresentano lo snodo organizzativo in grado di garantire la migliore adesione ai percorsi diagnostico-terapeutici, sia in termini di compliance con le terapie farmacologiche, sia in termini di tempestiva effettuazione delle diagnostiche di monitoraggio; ribadisce la continuità del processo di diagnosi e cura programmato in filiera domicilio territorio ospedale territorio domicilio, per la gestione delle patologie della cronicità; RICHIAMATE, inoltre, le seguenti determinazioni annuali in ordine alla definizione delle regole di gestione del Sistema Sanitario Regionale: d.g.r. n. VIII/1375 del 14/12/2005 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2006 che ribadisce l importanza di definire operativamente le attività di prevenzione da condurre nelle diverse aree del territorio e l importanza delle azioni dirette alla gestione integrata del diabetico che devono contemplare una forte integrazione tra MMG e Specialista; d.g.r. n. VIII/3776 del 13/12/2006 Determinazione in ordine alla gestione del servizio socio-sanitario regionale per l esercizio 2007 la quale indica, per quanto riguarda la prevenzione, diagnosi e cura della patologia diabetica, l attuazione da parte delle ASL nel corso del 2007, della gestione integrata del paziente diabetico con l utilizzo di specifici indicatori definiti a livello regionale; d.g.r. n. VIII/8501 del 26/11/2008 Determinazione in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2009 che: sottolinea l interesse per alcuni aspetti peculiari relativi alla gestione del paziente diabetico, ovvero l uniformità delle prescrizioni e dei percorsi di assistenza e l identificazione delle specificità della rete diabetologica; stabilisce il proseguimento della raccolta di indicatori di risultato relativamente alla gestione integrata dei pazienti diabetici attuata nel 2008; d.g.r. n. VIII/10804 del 16/12/2009 Determinazione in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2010 che: indica la prosecuzione per tutto il 2010, dell attività di raccolta ed analisi degli indicatori da parte delle ASL; indica il consolidamento della gestione integrata dei pazienti affetti da 6

8 malattie del metabolismo tra gli operatori della Primary Care e la rete dei servizi specialistici di diabetologia e malattie del metabolismo; d.g.r. n. IX/937 dell 1/12/2010 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2011 che, prevede di implementare sperimentalmente il CReG (Chronic Related Group), quale innovativa modalità di presa in carico dei pazienti affetti da malattie croniche che consente di garantire l insieme dei servizi extra-ospedalieri necessari per una buona gestione clinico-organizzativa delle patologie croniche (prevenzione secondaria, follow-up, monitoraggio della persistenza terapeutica, specialistica ambulatoriale, protesica, farmaceutica); d.g.r. n. IX/1479 del 30/03/2011 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l'esercizio II Provvedimento di aggiornamento in ambito sanitario che fornisce, ulteriori indicazioni per l implementazione del CReG; d.g.r. n. IX/4334 del 26/10/2012 "Determinazioni in ordine alla gestione del Servizio Socio Sanitario Regionale per l'esercizio 2013" che prevede di proseguire nel 2013 la sperimentazione CReG; d.g.r. n. X/1185 del 20/12/2013 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l'esercizio 2014 che stabilisce l ulteriore prosecuzione della sperimentazione CReG nelle 5 ASL individuate (Bergamo, Como, Lecco, Milano e Milano 2) attraverso il follow-up attivo della coorte di pazienti già arruolati, con l obiettivo di valutare l impatto della presa in carico in base ad indicatori di qualità e di salute, nonché in base ai consumi e alla spesa sanitaria; DATO ATTO che la d.g.r. X/1465 del 06/03/2014, dà attuazione a quanto stabilito dalla d.g.r. n. X/1185/2013 impegnando le ASL di Bergamo, Como, Lecco, Milano e Milano2 a proseguire la sperimentazione CReG attraverso il follow-up attivo della coorte dei pazienti già arruolati e istituendo un Comitato Regionale finalizzato al monitoraggio della sperimentazione; DATO ATTO che Regione Lombardia ha partecipato a programmi ministeriali di ricerca sanitaria e a progettualità/studi nazionali in tema di diabete che qui vengono elencati: Studio QUADRI : nel corso del 2004, l Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha coordinato lo studio epidemiologico QUADRI (QUalità dell Assistenza alle persone Diabetiche nelle Regioni Italiane), con l obiettivo di fornire un immagine della qualità e delle modalità dell assistenza dal punto di vista dei pazienti diabetici. In particolare, lo studio si è focalizzato sui seguenti parametri: 7

9 caratteristiche sociodemografiche delle persone con diabete in Italia frequenza delle complicanze e i relativi fattori di rischio modelli di assistenza e follow-up clinici aderenza alle linee guida in uso in Italia conoscenze sulla malattia misure comportamentali e terapeutiche intraprese dai pazienti per controllare la malattia, la loro percezione sulla qualità dell assistenza erogata e il grado di informazione sui propri diritti; Progetto IGEA: il Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie (CCM) e l'istituto Superiore di Sanità (ISS) hanno predisposto, a partire dal 2006, il progetto IGEA con l obiettivo di ottimizzare i percorsi diagnostici e terapeutici, ponendo il paziente e non il sistema, al centro dell organizzazione assistenziale e operando attraverso la realizzazione di un modello che: garantisca interventi efficaci per la totalità dei diabetici attui gli interventi secondo i principi della medicina basata sulle prove assicuri la possibilità di misurare sia la qualità delle cure, che il miglioramento degli esiti assicuri la possibilità di attivare gradualmente un modello di assistenza su tutto il territorio nazionale, tenendo conto delle diverse realtà territoriali, ma garantendo comunque, uniformità negli interventi. Regione Lombardia nell ambito del progetto IGEA, ha realizzato un insieme di azioni volte a favorire il miglioramento dell assistenza al paziente diabetico attraverso il consolidamento, nelle singole ASL, del modello organizzativo di gestione integrata e attraverso il monitoraggio e la valutazione degli interventi su scala regionale; Progetto RADICI: nell ambito del programma di ricerca sanitaria finalizzata 2004, in attuazione degli articoli 12 e 12 bis del D.lgs n. 502/1992 e s.m.i. il Ministero approva il progetto RADICI - Reti A Diversa Intensità di Cura Integrate con i seguenti obiettivi: censire programmi e modelli di assistenza valutare le esperienze di assistenza definendo criteri e indicatori di misurazione uniformi e confrontabili creare un modello di rete per l erogazione di servizi sanitari secondo differenti livelli di intensità di diagnosi e cura applicare il modello attraverso percorsi-tipo definire una tariffazione sperimentale per i percorsi-tipo che verranno identificati; 8

10 DATO ATTO che Regione Lombardia dopo avere delineato i criteri organizzativi e fornito linee di indirizzo alle ASL per l appropriatezza dell approccio globale alla malattia diabetica, ha realizzato un intensa attività di monitoraggio iniziata nel 2003, al fine di riscontrare a livello territoriale, il grado di attuazione della gestione integrata; DATO ATTO che Regione Lombardia Direzione Generale Salute, attraverso i documenti dal titolo: La gestione integrata del diabetico nelle ASL lombarde. Dati 2007, pubblicato nell ottobre del 2009; La gestione integrata del diabetico nelle ASL lombarde. Dati Confronto dati , pubblicato nel novembre 2011; La gestione integrata del diabetico nelle ASL lombarde Dati 2009 pubblicato nell agosto 2012, ha definito un quadro globale e condiviso di informazioni sulla patologia diabetica e sulla sua gestione, come esito della raccolta di un set di indicatori di monitoraggio, relativi all anno 2007, 2008 e 2009, richiesti alle ASL e alle Strutture di ricovero accreditate; DATO ATTO che dalla complessa e articolata attività di monitoraggio e verifica testé menzionata, si è rilevato che l assistenza diabetologia in Lombardia ha raggiunto ragguardevoli livelli in relazione sia agli standard nazionali, che internazionali e che tutte le ASL lombarde hanno attuato esperienze o programmi di gestione integrata del diabete con una sostanziale uniformità di indicazioni operative, in coerenza con le indicazioni programmatiche regionali; EVIDENZIATO che Regione Lombardia ha da sempre affrontato le tematiche della prevenzione e dell approccio diagnostico-terapeutico della malattia diabetica, attraverso l apporto tecnico-scientifico di Gruppi di Lavoro altamente qualificati composti da professionisti e associazioni di pazienti, in particolare: Gruppo di lavoro per la predisposizione di un documento che definisca gli strumenti per la trasferibilità nella pratica degli indirizzi di gestione integrata del paziente diabetico, in attuazione delle d.g.r. 21 febbraio 2000 n e 9 aprile 202 n 8678 costituito con decreto della DG Sanità (ora DG Salute) n 8219 del 21/05/2003; Gruppo di lavoro prevenzione diagnosi e cura della patologia diabetica costituito con decreto DG Sanità n del 17/10/2005 con i seguenti obiettivi: 1) definire gli strumenti per valutare la trasferibilità nella pratica clinica degli indirizzi di gestione integrata del diabetico; 2) definire le procedure di 9

11 monitoraggio; Gruppo di Approfondimento tecnico (GAT) Diabete attivato con nota del Direttore Generale della DG Sanità del 26/02/ prot. H con i seguenti obiettivi: 1) uniformità delle prescrizioni; 2) percorso di assistenza diabetologica al paziente fragile; 3) razionalizzazione della rete diabetologica; VISTO l Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano del 6/12/2012 sul documento recante Piano sulla malattia diabetica, (Rep. Atti n. 233/CSR) che: sottolinea il valore imprescindibile della prevenzione primaria per salvaguardare la salute e la sostenibilità del sistema per ridurre il peso della malattia con un miglioramento della qualità di vita delle persone con diabete e per ridurre, infine, i costi per il Sistema Sanitario: afferma l importanza di un approccio multidisciplinare e multiprofessionale; illustra le principali vie per affrontare le problematiche relative alla malattia, individuando obiettivi centrati prioritariamente sulla prevenzione, sulla diagnosi precoce, sulla gestione della malattia e delle complicanze, sul miglioramento dell assistenza e degli esiti; disegna un modello razionale di assistenza, da adottare da parte delle Regioni italiane per aggiornare i propri approcci di assistenza che consente, in un ottica di razionalizzazione delle risorse, di ridurre i costosi ricoveri dovuti a scompensi glicemici e a complicanze; prevede, in un cambiamento di paradigma assistenziale, un passaggio dal curare al prendersi cura : la necessità di ricercare differenti e nuovi equilibri in cui la persona, e non la malattia, sia al centro del percorso assistenziale; individua le modalità per perseguire buoni risultati nell assistenza ed evidenzia la necessità di implementare i Livelli Essenziali di Assistenza secondo le priorità di salute delle persone con diabete nel rispetto delle evidenze scientifiche, dell Health Technology Assessment, dell appropriatezza delle prestazioni e della condivisione dei Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali (PDTA); individua, quali elementi essenziali, l organizzazione e la corretta allocazione delle risorse umane e strutturali per sviluppare linee di lavoro che portino all integrazione fra ospedale e territorio, alla salvaguardia della funzione della rete specialistica e alla rivalutazione del ruolo del Medico di Medicina Generale (MMG) e del Pediatra di Libera Scelta (PLS), nonché di tutti gli altri interlocutori sanitari i quali devono migliorare le loro conoscenze per fornire appropriate indicazioni ed assumere, ove necessario, comportamenti in grado di garantire anche un supporto psicosociale; 10

12 sottolinea il ruolo del Volontariato, che è interlocutore stabile nelle attività di programmazione e verifica e che, attraverso specifici processi di qualificazione, può divenire partner per lo sviluppo di programmi e attività di informazione/educazione dei pazienti e dei caregiver; DATO ATTO che, l Accordo di cui trattasi, stabilisce che le Regioni si impegnano a recepire con propri provvedimenti il "Piano sulla malattia diabetica" e a dare attuazione ai suoi contenuti nei rispettivi ambiti territoriali nel rispetto dei modelli organizzativi e operativi delle singole Regioni e delle specificità dei contesti locali; RITENUTO, pertanto, di recepire i contenuti dell Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano del 6/12/2012 (Rep. Atti n. 233/CSR) concernente il Piano sulla malattia diabetica ; EVIDENZIATO che Regione Lombardia, attraverso la propria programmazione sanitaria e attraverso i provvedimenti di attuazione e le iniziative sopra richiamate, ha attivato già da anni, un approccio globale e integrato alla malattia diabetica che si pone coerentemente nel solco culturale e metodologico del Piano nazionale; EVIDENZIATO, inoltre, che l approccio di Regione Lombardia nei confronti della gestione della malattia diabetica, ha anticipato l impostazione del Piano diabete e che la costante azione di governo regionale, ha già prodotto un elevato grado di realizzazione delle indicazioni nazionali, anche mediante l avvio della sperimentazione del CREG (Chronic Related Group) quale nuovo modello organizzativo per coordinare e integrare i servizi extra-ospedalieri a favore dei pazienti cronici; DATO ATTO che il GAT Diabete sopra menzionato, ha il compito di elaborare ulteriori documenti tecnici a supporto della definizione di percorsi diagnostico-terapeuticoassistenziali, nonché linee guida per il costante miglioramento di percorsi organizzativi finalizzati allo sviluppo della rete dei professionisti delle diverse strutture sanitarie, per una corretta presa in carico globale del paziente diabetico in una prospettiva di appropriatezza, continuità assistenziale e integrazione tra la medicina territoriale e quella specialistica; RITENUTO di dare mandato alla DG Salute di validare e approvare con propri successivi provvedimenti, i documenti tecnici elaborati dal GAT Diabete, coerenti con le indicazioni programmatiche del Piano Nazionale sulla malattia diabetica del 11

13 quale ne costituiscono un ulteriore attuazione e sviluppo; RITENUTO di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul sito web della DG Salute; VAGLIATE e fatte proprie le predette considerazioni; A VOTI UNANIMI espressi nelle forme di legge; DELIBERA 1) di recepire i contenuti del Piano sulla malattia diabetica, approvato con l Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano del 6/12/2012 (Rep. Atti n. 233/CSR); 2) di dare mandato alla DG Salute di validare e approvare con propri successivi provvedimenti, i documenti tecnici elaborati dal Gruppo di Approfondimento Tecnico (GAT) Diabete coerenti con le indicazioni programmatiche del Piano Nazionale sulla malattia diabetica del quale ne costituiscono un ulteriore attuazione e sviluppo; 3) di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul sito web della DG Salute. IL SEGRETARIO FABRIZIO DE VECCHI 12

DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3003 Seduta del 09/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3003 Seduta del 09/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3003 Seduta del 09/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3612 Seduta del 21/05/2015

DELIBERAZIONE N X / 3612 Seduta del 21/05/2015 DELIBERAZIONE N X / 3612 Seduta del 21/05/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3299 Seduta del 16/03/2015

DELIBERAZIONE N X / 3299 Seduta del 16/03/2015 DELIBERAZIONE N X / 3299 Seduta del 16/03/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4153 Seduta del 08/10/2015

DELIBERAZIONE N X / 4153 Seduta del 08/10/2015 DELIBERAZIONE N X / 4153 Seduta del 08/10/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI CRISTINA CAPPELLINI GIOVANNI

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2656 Seduta del 14/11/2014

DELIBERAZIONE N X / 2656 Seduta del 14/11/2014 DELIBERAZIONE N X / 2656 Seduta del 14/11/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 590 Seduta del 02/08/2013

DELIBERAZIONE N X / 590 Seduta del 02/08/2013 DELIBERAZIONE N X / 590 Seduta del 02/08/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3817 Seduta del 14/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3817 Seduta del 14/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3817 Seduta del 14/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2573 Seduta del 31/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2573 Seduta del 31/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2573 Seduta del 31/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013

DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013 DELIBERAZIONE N X / 681 Seduta del 13/09/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/ 12 DEL 31.10.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/ 12 DEL 31.10.2007 DELIBERAZIONE N. 44/ 12 Oggetto: Aumento del numero massimo di strisce per autocontrollo della glicemia concedibili gratuitamente ai pazienti diabetici in età pediatrica e adolescenziale. L Assessore dell

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2938 Seduta del 19/12/2014

DELIBERAZIONE N X / 2938 Seduta del 19/12/2014 DELIBERAZIONE N X / 2938 Seduta del 19/12/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014

DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014 DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3995 Seduta del 04/08/2015

DELIBERAZIONE N X / 3995 Seduta del 04/08/2015 DELIBERAZIONE N X / 3995 Seduta del 04/08/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2162 Seduta del 18/07/2014

DELIBERAZIONE N X / 2162 Seduta del 18/07/2014 DELIBERAZIONE N X / 2162 Seduta del 18/07/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2520 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3059 Seduta del 23/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3059 Seduta del 23/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3059 Seduta del 23/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2344 Seduta del 12/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2344 Seduta del 12/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2344 Seduta del 12/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1453 Seduta del 28/02/2014

DELIBERAZIONE N X / 1453 Seduta del 28/02/2014 DELIBERAZIONE N X / 1453 Seduta del 28/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2889 Seduta del 12/12/2014

DELIBERAZIONE N X / 2889 Seduta del 12/12/2014 DELIBERAZIONE N X / 2889 Seduta del 12/12/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2372 Seduta del 19/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2372 Seduta del 19/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2372 Seduta del 19/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3834 Seduta del 14/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3834 Seduta del 14/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3834 Seduta del 14/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Cristina Della Rosa Dipartimento Cure Primarie ASL Como ASSISTENZA PROTESICA ED INTEGRATIVA Nell ambito dell assistenza al paziente cronico l assistenza protesica ed integrativa rappresentano un aspetto

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2628 Seduta del 07/11/2014

DELIBERAZIONE N X / 2628 Seduta del 07/11/2014 DELIBERAZIONE N X / 2628 Seduta del 07/11/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4526 Seduta del 10/12/2015

DELIBERAZIONE N X / 4526 Seduta del 10/12/2015 DELIBERAZIONE N X / 4526 Seduta del 10/12/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE DGR 729 del 4 agosto 2005-08-29 REGIONE LAZIO OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alla Sanità; VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2643 Seduta del 14/11/2014

DELIBERAZIONE N X / 2643 Seduta del 14/11/2014 DELIBERAZIONE N X / 2643 Seduta del 14/11/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3431 Seduta del 17/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3431 Seduta del 17/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3431 Seduta del 17/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Gruppo Appropriatezza/Terapia personalizzata

Gruppo Appropriatezza/Terapia personalizzata MODELLI DI CCM: IL PROGETTO AMD Roberta Assaloni Marco Gallo 18% Note: Il DM è un importante capitolo di spesa per tutti i sistemi sanitari. Secondo i dati diffusi dal Ministero, la gestione di una persona

Dettagli

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro Davide Lauri, MMG Scuola di Formazione e Ricerca in Medicina di Famiglia Presidente Coop Medici Milano Citta H. Niguarda, Milano 23 Gennaio 2012 ADI

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 943 Seduta del 14/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 943 Seduta del 14/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 943 Seduta del 14/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3457 Seduta del 24/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3457 Seduta del 24/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3457 Seduta del 24/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si...

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si... Page 1 of 5 Atto suddiviso in articoli Stampa Indietro Conferenza Unificata ACCORDO 25 maggio 2011 Accordo, ai sensi dell'articolo 9 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le regioni,

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Gennaio 2012 Indice 1 Premessa 3 2 Percorso 5 2.1.1 Avvio 5

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia Diabete e confini Valerio Miselli, Reggio Emilia I mutamenti demografici e sociali in corso, la necessità di presa in carico del cittadino durante l intero arco della vita, pongono il tema dell integrazione

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 01-09-2014 (punto N 3 ) Delibera N 724 del 01-09-2014 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE INDICE PREMESSA ANALISI DELLE CRITICITA' TERRITORIALI AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO NEL RISPETTO DEGLI INDIRIZZI

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 143 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, BINI, BOCCIA, CARRA, COCCIA, COVA, D INCECCO, FEDI, FIANO, CINZIA MARIA

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 993 Seduta del 29/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 993 Seduta del 29/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 993 Seduta del 29/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI N. 535 IN 27/03/2015 RICHIAMATI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA -

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 09-02-2009 (punto N. 16 ) Delibera N.90 del 09-02-2009 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 09-02-2009 (punto N. 16 ) Delibera N.90 del 09-02-2009 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 09-02-2009 (punto N. 16 ) Delibera N.90 del 09-02-2009 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 65 BIS DEL 12 DICEMBRE 2005

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 65 BIS DEL 12 DICEMBRE 2005 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 65 BIS DEL 12 DICEMBRE 2005 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 18 novembre 2005 - Deliberazione N. 1584 - Area Generale di Coordinamento N.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 125 Seduta del 14/05/2013

DELIBERAZIONE N X / 125 Seduta del 14/05/2013 DELIBERAZIONE N X / 125 Seduta del 14/05/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più Medicina d iniziativa rivolta al paziente cronico: una piattaforma integrata per il telemonitoraggio domiciliare a supporto del Medico di Medicina Generale in Lombardia con i servizi di Telbios e la tecnologia

Dettagli