Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo"

Transcript

1 Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012

2 CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE 1 LA «CRISI» : LO SCENARIO 2 LE STRATEGIE FINANZIARIE 3 RIORGANIZZAZIONE FINANZIARIA 4 FINANZA E SVILUPPO 2

3 LA CRISI CRISI GLOBALE CRISI UE CRISI NAZIONALE 3

4 CRISI NAZIONALE FINANZIARIA ECONOMICA SOCIALE 4

5 CRISI ECONOMICA MERCATO DOMESTICO MERCATO ESTERO Requisiti per l internazionalizzazione 5

6 CRISI ECONOMICA E SOCIALE Contrazione DOMANDA PREMIATI SOLO I PIU MERITEVOLI Contrazione più marcata OFFERTA VALUTAZIONE DEL COSTO DA PAGARE (CRISI SOCIALE) 6

7 CRISI FINANZIARIA LA CRISI FINANZIARIA COME AVVIO E SOLUZIONE DEL PROBLEMA AGGREGAZIONI/FUSIONI NUOVE AREE STRATEGICHE AFFARI CONTINUI CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI BASILEA 7

8 CRISI FINANZIARIA LA FINANZA MOTORE DELL ECONOMIA (oggi c è poca benzina ) TEMPI DI RISPOSTA SOSTEGNO ALLO SVILUPPO RIORGANIZZAZIONI FINANZIARIE MANTENIMENTO FIDI ESISTENTI 8

9 CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE 1 LA «CRISI» : LO SCENARIO 2 LE STRATEGIE FINANZIARIE 3 RIORGANIZZAZIONE FINANZIARIA 4 FINANZA E SVILUPPO 9

10 Il PUNTO DI PARTENZA : L ANALISI FINANZIARIA QUALSIASI AZIENDA IN QUALSIASI CONDIZIONE DEVE : 1. COMPRENDERE IL PRESENTE 2. PERCEPIRE IL PROBLEMA 3. ORGANIZZARE LE METODOLOGIE DI SOLUZIONE 10

11 POSSIBILI RISULTATI DELL ANALISI FINANZIARIA SOSTEGNO ALLA CRESCITA RIORGANIZZAZIONE FINANZIARIA ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI 11

12 Requisiti dell Impresa Ambiente socio/politico Settore merceologico Esogeni Mercato Impresa Concorrenza Endogeni Clienti/Fornitori Risorse umane affidabili (imprenditori, professionisti...) Organizzazione interna qualificata (personale, layout, ciclo...) Corretto sistema di P.P.C. (pianificazione, programmazione e controllo gestionale) 12

13 Istituto di Credito Impresa Soggetto di supporto degli investimenti aziendali Soggetto beneficiario delle fonti necessarie OBIETTIVO Rapporto continuativo di reciproca soddisfazione Tranquillità Fidelizzazione 13

14 IL MERITO DI CREDITO BASILEA RATING CAPACITA DI COMPRENSIONE E RELAZIONE 14

15 IL RATING SI BASA ESSENZIALMENTE SU: BILANCIO CENTRALE RISCHI ANDAMENTALE 15

16 BASILEA 2 COME OPPORTUNITA BASILEA 2 PERICOLO OPPORTUNITA CAPACITA DI COMPRENDERE E GOVERNARE IL CAMBIAMENTO CULTURA DELLA CONOSCENZA LEVA DI COMPETITIVITA FATTORE CRITICO DI SUCCESSO SOSTITUZIONE DELL ECONOMIA DELLA CONOSCENZA ALL ECONOMIA DEI CAPITALI 16

17 IL CORRETTO APPROCCIO AZIENDALE COGLIERE LE OPPORTUNITA DI BASILEA 2 PER CAPIRE MEGLIO CHI SIAMO E DOVE STIAMO ANDANDO NON SUBIRE PASSIVAMENTE IL CAMBIAMENTO COMPRENDERE I CAMBIAMENTI IN ATTO, INDIVIDUARE L IMPATTO PER LA PROPRIA REALTA SPECIFICA E PREPARARSI A MINIMIZZARE I RISCHI E GLI EFFETTI NEGATIVI 17

18 IL CORRETTO APPROCCIO AZIENDALE AREE DI INTERVENTO SUL BREVE TERMINE DARE MAGGIORE IMPORTANZA ALLA FINANZA E ALLA TESORERIA: * DOTARSI DI SISTEMI DI AUTOVALUTAZIONE DI QUALITA, UTILIZZABILI NEL CONFRONTO CON LE BANCHE.. * MIGLIORARE I PROCESSI DI TESORERIA, SOPRATTUTTO QUELLI FINALIZZATI A PREVENTIVARE I FABBISOGNI FINANZIARI. AREE DI INTERVENTO SUL MEDIO TERMINE MIGLIORARE LA QUALITA DEI PROCESSI PPC E DELLE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DEL BUSINESS, PER POTERLE UTILIZZARE NELLA COMUNICAZIONE ESTERNA 18

19 IL RUOLO DELLA FINANZA NELLA CONTINUITA AZIENDALE * RICERCATORE DI EQUILIBRI Riorganizzazione della situazione pregressa * MOTORE NELLO SVILUPPO Sostegno alla crescita 19

20 FINANZA AZIENDALE 1 LA «CRISI» : LO SCENARIO 2 LE STRATEGIE FINANZIARIE 3 RIORGANIZZAZIONE FINANZIARIA 4 FINANZA E SVILUPPO 20

21 PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA 1. ANALISI SQUILIBRI FINANZIARI IN ESSERE 2. ANALISI FABBISOGNI DI BREVE E MEDIO TERMINE DETERMINATI DALLA PIANIFICAZIONE FINANIARIA 3. IMPLEMENTAZIONE INTERVENTI DA EFFETTUARE: A. RIEQUILIBRIO DELLA FINANZA IN ESSERE. B. PREDISPOSIZIONE DELLA COPERTURA DEI FABBISOGNI DI BREVE E MEDIO TERMINE CON UN NUMERO LIMITATO DI PARTNERS FINANZIARI (INCREMENTO FIDELIZZAZIONE). 21

22 FONTI DI BREVE MARGINE DI TESORERIA MARGINE DI STRUTTURA FONTI CONSOLIDATE IMPIEGHI FONTI LIQUIDITA' IMMEDIATE LIQUIDITA' DIFFERITE DEBITI A BREVE SCADENZA DISPONIBILITA' DEBITI ML CAPITALE NETTO CAPITALE INVESTITO CAPITALE ACQUISITO 22 IMMOBILIZZAZIONI CAPITALE CIRCOLANTE LORDO ATTIVO IMMOBILIZZATO CAPITALE CIRCOLANTE NETTO

23 Stato Patrimoniale cod mastro CON - 31/12/ mezzi propri , passività finanziarie a medio/lungo termine , altri debiti a medio/lungo termine Passività Permanenti , immobilizzazioni materiali , immobilizzazioni immateriali , immobilizzazioni finanziarie , altri crediti a medio/lungo termine ,28 Attivo Fisso Netto ,83 MARGINE DI STRUTTURA , rimanenze , clienti , altri crediti a breve termine , fornitori , fondi accantonamento correnti , altri debiti a breve ,79 CAPITALE CIRCOLANTE NETTO OPERATIVO , attività finanziarie a breve termine , banche c/c , banche portafoglio ,81 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA ,21 SALDO 23

24 Stato Patrimoniale data cod mastro CON - 31/12/2009 CON - 31/12/2010 Scost. [2;1] mezzi propri , , , passività finanziarie a medio/lungo termine , , , altri debiti a medio/lungo termine - Pa ssività Pe rma ne nti , , , immobilizzazioni materiali , , , immobilizzazioni immateriali , , , immobilizzazioni finanziarie , ,70-512, altri crediti a medio/lungo termine , , ,65 Attivo Fisso Ne tto , , ,71 MARGINE DI STRUTTURA , , , rimanenze , , , clienti , , , altri crediti a breve termine , , , fornitori , , , fondi accantonamento correnti , , , altri debiti a breve , , ,44 CAPITALE CIRCOLANTE NETTO OPERATIVO , , , attività finanziarie a breve termine 1.189, , , banche c/c , , , banche portafoglio , , ,77 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA , , ,10 SALDO

25 PROBLEMATICHE PATRIMONIALI SOTTOCAPITALIZZAZIONE (SCARSO EQUILIBRIO TRA MEZZI PROPRI E MEZZI DI TERZI) CARENZA DI LIQUIDITA (SCARSO EQUILIBRIO TRA FONTI E IMPIEGHI DI BREVE TERMINE) 25

26 ESAME SOTTOCAPITALIZZAZIONE 1. BASE DI PARTENZA: A. - ANALISI DELLA FASE EVOLUTIVA AZIENDALE. 2. PRINCIPALI CAUSE: A. - INCAPACITA DI AUTOFINANZIAMENTO. B. - DISTRIBUZIONE UTILI. C. - SCARSO IMPIEGO DI MP DA PARTE DELLA PROPRIETA. 3. POSSIBILE RIMEDIO: A. - RICAPITALIZZAZIONE (AD ES. PRESTITO PARTECIPATIVO). 26

27 ESAME CARENZA DI LIQUIDITA 1. BASE DI PARTENZA: A. - ESAME RAPPORTO TRA INDEBITAMENTO A BREVE E M/L TERMINE (ESAME VERTICALE SULLA STESSA SEZIONE). B. - RAFFRONTO DATI CON LA STRUTTURA DEGLI IMPIEGHI (ESAME ORIZZONTALE SU SEZIONI CONTRAPPOSTE). 2. PRINCIPALI CAUSE: A. - ESAGERATO RICORSO ALLO SCOPERTO DI C/C. B. - SCORRETTA GESTIONE CREDITI/DEBITI. C. - SCORRETTA GESTIONE DEL MAGAZZINO. 3. POSSIBILE RIMEDIO: A. - CONSOLIDAMENTO PASSIVITA (AD. ES. NORM. FIDI) 27

28 SITUAZIONE DI PARTENZA: MIX DI PROBLEMI ATTIVITA' CORRENTI ,00 40,0% PASSIVITA' CORRENTI ,00 62,0% ATTIVITA' IMMOBILIZZATE ,00 60,0% PASSIVITA' CONSOLIDATE ,00 35,0% CAPITALE NETTO ,00 3,0% TOTALE ATTIVITA' ,00 100,0% TOTALE PASSIVITA' ,00 100,0% 28

29 INTERVENTO: MIX DI PROBLEMI ATTIVITA' CORRENTI ,00 40,0% PASSIVITA' CORRENTI ,00 62,0% ATTIVITA' IMMOBILIZZATE ,00 60,0% PASSIVITA' CONSOLIDATE ,00 35,0% CAPITALE NETTO ,00 3,0% TOTALE ATTIVITA' ,00 100,0% TOTALE PASSIVITA' ,00 100,0% 29

30 SOLUZIONE: MIX DI PROBLEMI ATTIVITA' CORRENTI ,00 40,0% PASSIVITA' CORRENTI ,00 30,0% PASSIVITA' CONSOLIDATE ,00 60,0% ATTIVITA' IMMOBILIZZATE ,00 60,0% CAPITALE NETTO ,00 10,0% TOTALE ATTIVITA' ,00 100,0% TOTALE PASSIVITA' ,00 100,0% 30

31 CALCOLO CONVENIENZA ECONOMICA COMPARATA CONVENIENZA ECONOMICO-FINANZIARIA COMPARATA OPERAZIONE : MUTUO , 10 ANNI ( 1 PREAMMORTAMENTO ) AZIENDA : XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX ANNO TOTALI Mutuo BPC 6/92-6/ C/c ipotecario BPC (1) Liquidità (2) A tot B mut Med i=6,17% DIFF.ANNO DIFF.PROGR ONERE TOTALE RISPARMIO ANNUO RISP.GLOBALE ATTUALIZZATO A = SITUAZIONE ATTUALE B = SITUAZIONE RIPIANIFICATA DIFF.CASSA DIFF.CASSA (completa di oneri e ricapitalizzazione) DIFF.ONERI TASSO 14,000% Risparmio Globale Attualizzato Euribor 6 mesi di base 4,80% (1) Tasso stabilito in contratto di apertura di credito ipotecario in c/c: 8,25% (non considerate spese accessorie ed extra fido) (2) Tasso calcolato in documento allegato (non considerato extra fido) 31

32 FINANZA AZIENDALE 1 IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA 2 BASILEA 2 3 RIORGANIZZAZIONE FINANZIARIA 4 FINANZA E SVILUPPO 32

33 IL VOLANO DELLO SVILUPPO ( LE 3 C ) CULTURA DELLA CONOSCENZA STIMOLO CONTINUO ALLA CREATIVITA CONDIVISIONE NELL ORGANIZZAZIONE DI COMPETENZE SPECIFICHE INNOVAZIONE 33

34 LE TIPOLOGIE DI INNOVAZIONE 1. INNOVAZIONE DI PRODOTTO / SERVIZIO 2. INNOVAZIONE DI PROCESSO 3. INNOVAZIONE DI MARKETING * PROMOZIONE * DISTRIBUZIONE * PACKAGING * 4. INNOVAZIONE DEL MANAGEMENT * EFFICACIA NELLA COMUNICAZIONE INTERNA * GESTIONE SISTEMA PPC * TRADUZIONE OPERATIVA STRATEGIE * EFFICACIA NELLA COMUNICAZIONE ESTERNA * 34

35 INNOVAZIONE DEL MANAGEMENT IN CHIAVE FINANZIARIA IMPORTANZA EFFICACIA COMUNICAZIONE ESTERNA FORNIRE MASSIMA TRASPARENZA CORRETTA GESTIONE SISTEMA PPC 35

36 SISTEMA PPC Pianificazione strategica flessibile Budget globale Reporting 36

37 CRESCITA E SVILUPPO AZIENDALE Valutazione degli investimenti Analisi della copertura economico finanziaria 37

38 VALUTAZIONE DELLA CONVENIENZA AD INVESTIRE A. TECNICA - Compete ai tecnici di produzione che utilizzano l investimento. - Giudizio sulle potenzialità, efficienza, durata,... B) ECONOMICO - FINANZIARIA - Compete agli organi della finanza. - Criteri matematici 1) P.R., periodo di recupero 2) T.M.R., tasso medio di rendimento - Criteri matematico-attuariali 1) V.A.N., valore attualizzato netto 2) T.I.R., il metodo del tasso interno di rendimento 38

39 IL BUDGET FINANZIARIO VERIFICA LA FATTIBILITA DEI PROGRAMMI OPERATIVI SOTTO IL PROFILO FINANZIARIO A. IN CHE MISURA L AZIENDA POTRA FAR FRONTE CON MEZZI PROPRI B. IN CHE MISURA L AZIENDA DOVRA RIVOLGERSI ALL ESTERNO, NON SOLO SOTTO L ASPETTO QUANTITATIVO MA ANCHE DIPENDENTE: DALLA QUALITA DI TALI MEZZI, VALE A DIRE LA TIPOLOGIA PIU ADATTA NELLE FONTI IMPIEGATE. DAL LORO COSTO, IN VIRTU DI NON COMPROMETTERE L EQUILIBRIO GESTIONALE. DAL TEMPO IN CUI SARANNO DISPONIBILI PER EVITARE CARENZE DI LIQUIDITA. PIANO NON FATTIBILE REVISIONE DEI PROGRAMMI 39

40 IL BUDGET FONTI E IMPIEGHI CONSIDERA: 1. TUTTI GLI INVESTIMENTI ( O IMPIEGHI DI CAPITALE ) CHE L IMPRESA DOVRA REALIZZARE NEL PERIODO CONSIDERATO DERIVANTI DA: a) Budget delle scorte. b) Budget degli investimenti. c) Impieghi in crediti verso clienti - ammontare delle vendite - termini di pagamento concessi alla clientela. d) Rimborso di finanziamenti. 2. TUTTI I FINANZIAMENTI ( O FONTI ) SU CUI L IMPRESA PUO CONTARE NEL PERIODO CONSIDERATO E DERIVANTI DA: a) Autofinanziamento. b) Aumento di capitale proprio. c) Finanziamento con capitale di credito. d) Disinvestimento di capitale fisso o circolante. 40

41 IL BUDGET FONTI E IMPIEGHI Stato Patrimoniale data cod mastro CON - 31/12/2010 CON - 31/12/2011 Scost. [2;1] BUD - 31/12/2011 Scost. [3;2] mezzi propri , , , , , passività finanziarie a medio/lungo termine , , , , , altri debiti a medio/lungo termine - - Passività Permanenti , , , , , immobilizzazioni materiali , , , , , immobilizzazioni immateriali , , , , , immobilizzazioni finanziarie , ,17 106, ,61 134, altri crediti a medio/lungo termine , , , , ,71 Attivo Fisso Netto , , , , ,80 MARGINE DI STRUTTURA , , , , , rimanenze , , , , , clienti , , , , , altri crediti a breve termine , , , , , fornitori , , , , , fondi accantonamento correnti , , , , , altri debiti a breve , , , , ,50 CAPITALE CIRCOLANTE NETTO OPERATIVO , , , , , attività finanziarie a breve termine , , , , banche c/c , , , , banche portafoglio , , , , ,47 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA , , , , ,79 SALDO

42 BUDGET DI CASSA LIMITE DEL FONTI E IMPIEGHI: FATTIBILITA FINANZIARIA DEL PROGRAMMA A LIVELLO GLOBALE ANNUO LIQUIDITA = ATTITUDINE A FRONTEGGIARE TEMPESTIVAMENTE ED ECONOMICAMENTE OGNI ESIGENZA DI ESBORSO MONETARIO IMPOSTA DALLA GESTIONE. BUDGET DI CASSA = ESPRIME I FABBISOGNI DI MEZZI LIQUIDI IN DETERMINATE EPOCHE DELL ANNO A. ENTRATE COLLEGATE AI RICAVI D ESERCIZIO (ES. VENDITA PRODOTTI, AFFITTI ATTIVI ). COLLEGATE AL REALIZZO DI INVESTIMENTI (ES. VENDITA DI MACCHINARI). COLLEGATE AI FINANZIAMENTI ESTERNI (CON VINCOLO DI CAPITALE PROPRIO O DI CAPITALE DI CREDITO). USCITE COLLEGATE AI COSTI D ESERCIZIO (ES. ACQUISTO DI MATERIE, MANO D OPERA, SPESE GENERALI...). COLLEGATE AD INVESTIMENTI (ES.ACQUISTO DI IMPIANTI). COLLEGATE AL RIMBORSO DI DEBITI O DI CAPITALE PROPRIO. 42

43 BUDGET DI CASSA VOCE GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC TOT SALDO INIZIALE ENTRATE TOTALI VENDITE ALTRI PROVENTI USCITE TOTALI USCITE COMMERCIALI ACQUISTI ENERGIA TRASPORTI TELEFONO RISCALDAMENTO USCITE FINAZIARIE ONERI FINANZIARI MUTUO BANCA XXX USCITE VARIE ASSICURAZIONI ISCRIZIONI E TASSE ALTRE USCITE SALDO MENSILE SALDO PROGRESSIVO

44 BUDGET DI CASSA SALDO MENSILE SALDO PROGRESSIVO GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC 44

45 Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Le dinamiche di una situazione finanziaria

Le dinamiche di una situazione finanziaria FORMAZIONE CONTINUA AGI LOMBARDIA VIA LENTASIO 7 MILANO Le dinamiche di una situazione finanziaria Prof. Riccardo Bauer PER POTER LEGGERE UN BILANCIO BISOGNA CONOSCERE LE DINAMICHE RELATIVE Significa conoscere

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli