UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA"

Transcript

1 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe per animali d affezione della Regione Lazio informatizzata (iscrizione, cancellazione, trasferimenti di residenza, trasferimenti di proprietà, smarrimenti, adozioni, etc ); Rilascio, vidimazione e legalizzazione passaporto europeo cani, gatti e furetti Rilascio certificati per l espatrio cani, gatti; Rilascio autorizzazioni: mostre, centri importazione, centri addestramento, dog sitting; Servizio di accalappiamento cani vaganti e consegna alle strutture di ricovero; Denunce smarrimento e ritrovamento cani; Raccolta sulle pubbliche strade di carcasse di piccoli animali; Primo soccorso per cani e gatti vaganti feriti; Profilassi antirabbica randagi; Rilascio accreditamento ai Medici Veterinari Liberi Professionisti, per l identificazione e l iscrizione informatizzata nella Anagrafe per animali d affezione della Regione Lazio dei cani, gatti, furetti; Gestione canili sanitari; Applicazione procedure sanitarie per la leishmaniosi; Visita annuale per cani appartenenti al registro speciale L.R. 33/03; Vigilanza canili rifugio, ricoveri privati, strutture con concentramento di cani e gatti; Censimento e interventi di sterilizzazione e gestione sanitaria delle colonie feline; Adesione e coordinamento di campagne regionali e comunali per la prevenzione del randagismo sul territorio; Rilascio parere cane di quartiere e cane libero accudito; Esposti di igiene urbana veterinaria, benessere animale, maltrattamento, etc Collaborazione con Forze di Polizia; Rapporti con associazioni zoofile, guardie zoofile; Rapporti con le amministrazioni comunali deputate alla tutela degli animali d affezione e prevenzione del randagismo; Attività di informazione ed educazione a proprietari, scuole, associazioni animaliste, personale dei canili, etc.; Corsi di formazione per proprietari di cani Patentino; RESPONSABILE Il responsabile dell U.O.S.D. L.34/97 Anagrafe Canina è il Dott. Natalino Cerini DIREZIONE Ariccia Via delle Cerquette, 56/A tel Fax PEC: ORARI E SEDI DEGLI UFFICI ANAGRAFE CANINA Ariccia Via delle Cerquette, 56/A tel Fax orari: mercoledì giovedì / Anzio Viale Severiano, 5 Tel orari: venerdi Montecompatri Via A. Rosmini, 1 tel orari: martedì Velletri Via San Biagio, 13 tel Fax orari: martedì

2 MODALITA' ISCRIZIONE ANAGRAFE CANINA L iscrizione in anagrafe canina del proprio cane deve avvenire entro 60 giorni dalla nascita del cane e può essere effettuata da un Medico Veterinario libero professionista autorizzato, muniti di: Ricevuta di pagamento importo 8,72 su conto corrente postale n , intestato ad ASL ROMA H Servizi Veterinari, casuale versamento: iscrizione anagrafe canina; dati anagrafici e codice fiscale della persona che si intesta il cane, un recapito telefonico. Il professionista provvederà, sia all inserimento del microchip al cane, sia al rilascio del certificato di iscrizione in anagrafe canina dell animale. MODALITA VARIAZIONE ANAGRAFICHE ANIMALE Qualsiasi variazione anagrafica dell animale ( trasferimento residenza, trasferimento proprietà, decesso, smarrimento, etc) deve essere denunciata all ufficio anagrafe competente, compilando e presentando presso i Ns. uffici gli appositi modelli, pubblicati sul sito aziendale nello spazio per il cittadino, in modulistica: DENUNCIA DI VARIAZIONE ART 14 L.R. 34/97 (richiesti diritti sanitari per trasferimento proprietà e residenza) DENUNCIA DECESSO (gratuita). Lo smarrimento o il decesso devono essere denunciati entro 5 giorni. La cessione o il trasferimento di residenza, anche fuori Regione Lazio, devono essere denunciati entro 15 giorni. Si sottolinea il divieto per chiunque (privati, ditte, negozi di animali, allevamenti, importatori, etc) di cedere a qualsiasi titolo animali di età inferiore ai 60 giorni, nonché di cani non identificati e registrati in anagrafe canina. MODALITA PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO CANI/GATTI/FURETTI Il passaporto europeo è necessario per la movimentazione di cani, gatti e furetti; viene rilasciato, previa presentazione della documentazione sottoelencata, esclusivamente nella sede di Ariccia in Via delle Cerquette 56/A tel Fax nei giorni di mercoledì giovedì / Documenti necessari per il rilascio del passaporto europeo: Richiesta passaporto compilata, come da MODELLO RICHIESTA PASSAPORTO, pubblicato sul sito aziendale nello spazio per il cittadino, in modulistica ; Certificato di iscrizione in anagrafe canina ( in alternativa per gatti e furetti certificato di impianto microchip ); Certificato di vaccinazione antirabbica, effettuata da almeno 21 gg; Ricevuta pagamento Euro 37,05 con causale: rilascio passaporto cane/gatto/furetto: - mediante versamento su C/C , intestato ad ASL RMH- Servizi Veterinari, - mediante bonifico bancario su conto: BANCA UNICREDIT IBAN: IT97O(lettera) POSTE IT IBAN: IT57C intestati ad ASL ROMAH. Si ricorda che per alcuni Paesi Europei, nonché per viaggi in Paesi extracomunitari, sono necessarie ulteriori certificazioni; per i necessari adempimenti si consiglia sempre di rivolgersi alle Ambasciate dei Paesi di destinazione.

3 Oggetto: ANAGRAFE CANINA DENUNCIA DECESSO ALL UFFICIO ANAGRAFE CANINA RMH Il sottoscritto nato il a Prov residente a Prov in via CAP tel documento di identità n rilasciato da il C.F quale proprietario/detentore del cane di nome razza sesso data di nascita mantello taglia microchip n tatuaggio n iscritto all Anagrafe canina ASL RMH nel Comune Prov. RM DENUNCIA Ai sensi dell art.14 della Legge Regionale del Lazio 21 Ottobre 1997 n 34 Il decesso del suddetto cane avvenuto in data ; si allega: certificato di morte certificato di avvio/avvenuto smaltimento dichiaro sotto la mia responsabilità che il decesso del proprio cane è avvenuta in data dichiaro sotto la mia responsabilità che lo smaltimento del cadavere del suddetto cane è avvenuto nel proprio terreno a norma di legge ( Reg.CE 1069/ Reg.UE 142/2011 e successive ) Il Proprietario/ Detentore

4 Oggetto: ANAGRAFE CANINA Denuncia di variazione Art. 14 L.R. 34/97 Il sottoscritto nato il a Prov residente a Prov in via CAP tel documento di identità n rilasciato da il C.F quale proprietario/detentore del CANE di nome razza sesso data di nascita taglia mantello microchip /tatuaggio DENUNCIA Ai sensi dell art.14 della Legge Regionale del Lazio 21 Ottobre 1997 n 34 Lo smarrimento del cane avvenuto il in Via nel Comune di Prov. La variazione della propria residenza nel Comune di Prov. in Via CAP La cessione del cane in data al Sig. nato il a Prov. e residente nel Comune di Prov. CAP Via Tel C.F./P.IVA _ doc. identificazione n rilasciato il da ASL di appartenenza Il Proprietario/ Detentore Per accettazione il nuovo Proprietario/Detentore

5 RICHIESTA RILASCIO PASSAPORTO Io sottoscritto/a Residente in Via nato il a Cod.fiscale Tel cell richiedo: RILASCIO del passaporto del cane gatto furetto MICROCHIP Paese di destinazione data partenza Allega: certificato vaccinazione antirabbica titolazione anticorpale ricevuta pagamento 37,05 causale: rilascio passaporto versamento C/C n intestato: ASL RMH bonifico bancario su conto bancario Beneficiario: ASL ROMAH - BANCA UNICREDIT IBAN: IT97O(lettera) POSTE IT IBAN: IT57C Data rilascio passaporto Firma Il passaporto viene rilasciato contestualmente all accettazione della documentazione richiesta e comunque non oltre i 5 giorni lavorativi nel caso di problemi tecnico amministrativi. RICHIESTA RINNOVO PASSAPORTO Il Sig./Sig.ra Comune richiede il RINNOVO del passaporto europeo N Allega: certificato vaccinazione antirabbica ricevuta pagamento 8,72 causale: rilascio passaporto versamento C/C n intestato: ASL RMH bonifico bancario su conto bancario, Beneficiario: ASL ROMAH - BANCA UNICREDIT IBAN: IT97O(lettera) POSTE IT IBAN: IT57C

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe canina informatizzata (iscrizione, cancellazione, trasferimenti di residenza, trasferimenti

Dettagli

Prevenzione veterinaria

Prevenzione veterinaria Prevenzione veterinaria Animali da compagnia Sportello unico di front office per la gestione delle pratiche amministrative relative all Anagrafe degli Animali d Affezione (iscrizioni, passaggi di proprietà,

Dettagli

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Grazie al contributo della micro chip anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Hanno realizzato questo opuscolo: micro chip Annalisa Lombardini Azienda USL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio

Dettagli

Anagrafare i cani è un dovere

Anagrafare i cani è un dovere Anagrafare i cani è un dovere Proteggili Chiedi al tuo veterinario 2012 Anagrafare i cani è un dovere Per assicurare il controllo del randagismo; Garantire la salute pubblica e l incolumità dei cittadini;

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. Direzione Sanità Pubblica Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI Allegato alla deliberazione della C.S. n. 74 del 21/06/2011 COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI PROGETTO ADOTTA UN AMICO Progetto adotta un amico 1 Indice Articolo 1 Oggetto...

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. PREMESSA Il randagismo rappresenta una fonte di rischio per la popolazione umana ed animale. La diffusione di malattie infettive,

Dettagli

Associazione Animalista La Voce del Cane mail-lavocedelcane@yahoo.it www.lavocedelcane.eu www.lavocedelcane.org

Associazione Animalista La Voce del Cane mail-lavocedelcane@yahoo.it www.lavocedelcane.eu www.lavocedelcane.org Associazione Animalista La Voce del Cane mail-lavocedelcane@yahoo.it www.lavocedelcane.eu www.lavocedelcane.org Di (ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELL ANIMALE) : Tel.3474374795 SCHEDA DI AFFIDO DATA Genere (cane,

Dettagli

COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI

COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 45 del 29.09.2009 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 MODALITA DI ADESIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI FRATTAMINORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n.23 del 29/09/2008 INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 MODALITA DI ADESIONE ART.3 INCENTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI SAN GIULIANO DEL SANNIO PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Adottato con delibera di Consiglio comunale n. 3 del 07.03.2014 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI

Dettagli

Microchip - Passaporto europeo

Microchip - Passaporto europeo Microchip - Passaporto europeo Passaporto Microchip Vaccinazioni http://www.ministerosalute.it/canigatti/paginamenucani.jsp?menu=viaggiare&lingua=italiano 1 Arriva cane senza microchip. che fare? 1) iscrizione

Dettagli

COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n. 32 del 27/11/2009 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI ART. 1 Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO

CITTÀ DI CASTELVETRANO CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani ttttt UN FIDO AIUTO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 10 del 27 febbraio 2013 INDICE ART. 1 OGGETTO ART.

Dettagli

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni Regolamento Comunale per l adozione ed il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale ricoverati nelle strutture convenzionate con il Comune di Piaggine Adottato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI

Dettagli

BANDO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BONNANARO CONCESSIONE CONTRIBUTI AI SENSI DELLA L.R.

BANDO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BONNANARO CONCESSIONE CONTRIBUTI AI SENSI DELLA L.R. BANDO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BONNANARO CONCESSIONE CONTRIBUTI AI SENSI DELLA L.R. 21/94 E DELLA D.G.R. 17/39 DEL 27/04/2010. Art. 1 (Finalità) Il presente

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.-

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.- DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 Identificativo Atto n. 1345 Oggetto: ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.- IL DIRIGENTE UNITA ORGANIZZATIVA VETERINARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. DEL INDICE Art. 1 Oggetto...3 Art. 2 Modalità di adozione...3 Art. 3 Incentivi

Dettagli

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI Approvato con Deliberazione G.C. n. 34 del 25.03.2015 INDICE - PREMESSA ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE ART. 3 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA.

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. ART. 1 - Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

MODALITÀ OPERATIVE INERENTI L ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 21 DICEMBRE 2006 N. 920

MODALITÀ OPERATIVE INERENTI L ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 21 DICEMBRE 2006 N. 920 MODALITÀ OPERATIVE INERENTI L ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 21 DICEMBRE 2006 N. 920 A) APPLICAZIONE MICROCHIP & ISCRIZIONE ALL ANAGRAFE Come già ribadito nella D.G.R. n. 920/2006 l iscrizione dei cani in anagrafe

Dettagli

Comune di Giano dell Umbria

Comune di Giano dell Umbria Comune di Giano dell Umbria Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI (Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 15.03.2011) (Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

IL PASSAPORTO. Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Area C Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

IL PASSAPORTO. Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Area C Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche IL PASSAPORTO Dal 1 ottobre 2004 è entrata in vigore la nuova normativa sanitaria dell Unione Europea che disciplina il trasporto, anche senza scopo commerciale, di cani, gatti e furetti accompagnati dal

Dettagli

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO REGALA UNA CASA A UN AMICO A 4 ZAMPE Approvato con deliberazione della G.C. n. 32 del 05.04.2016 1/5 Art.1 - Finalità La

Dettagli

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO COMUNALE DI BAGNOLO SAN VITO Art. 1 La

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI.

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. Approvato con Delibera di G.C. n. 148 del 7 agosto 2014 INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Domanda per l affidamento

Dettagli

Comune di Gissi Provincia di Chieti

Comune di Gissi Provincia di Chieti Comune di Gissi Provincia di Chieti AVVISO PUBBLICO CAMPAGNA PER L ADOZIONE DEI CANI ABBANDONATI ANNO 2014 ADOTTA UN AMICO A QUATTRO ZAMPE! Premesso: che presso il canile Abruzzo Servizi S.r.l. servizio

Dettagli

Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili

Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili PROGETTO "ADOTTA un AMICO di cui mi FIDO" Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Modalità di adozione progetto "ADOTTA

Dettagli

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO C O M U N E D I S A L T A R A PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI Approvato con delibera C.C. n. 9/2010 INDICE Art. 1 - Finalità

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi.

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi. La D.G.R. n. 4-9730 del 06.1032008 Riorganizzazione nell ambito delle Aziende Sanitarie Locali degli interventi di sanità pubblica veterinaria per gli animali di affezione prevede l istituzione degli sportelli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI 2 CONVENZIONATI CON IL COMUNE 2 ART. 1 - FINALITÀ 2 ART. 2 - DOMANDA DI AFFIDAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI 2 CONVENZIONATI CON IL COMUNE 2 ART. 1 - FINALITÀ 2 ART. 2 - DOMANDA DI AFFIDAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI 2 CONVENZIONATI CON IL COMUNE 2 ART. 1 - FINALITÀ 2 ART. 2 - DOMANDA DI AFFIDAMENTO 2 ART. 3 - AFFIDAMENTO 2 ART. 4 - CONSEGNA DEL MATERIALE A CORREDO

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

La detenzione di animali esotici

La detenzione di animali esotici La detenzione di animali esotici La Legge regionale n. 89/1990, all articolo 1, definisce gli animali esotici: tutte le specie di mammiferi, uccelli, rettili e anfibi facenti parte della fauna selvatica

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

C O M U N E D I I T R I

C O M U N E D I I T R I C O M U N E D I I T R I Provincia di Latina Deliberazione Copia della Giunta Comunale N. 104 del 24.09.2013 OGGETTO: ADOTTA UN CANE -APPROVAZIONE LINEE GUIDA L'anno duemilatredici il giorno ventiquattro

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO ANIMALI DA COMPAGNIA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO ANIMALI DA COMPAGNIA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO ANIMALI DA COMPAGNIA Ai sensi della DGR 18 DICEMBRE 2006, N. 866 Recepimento accordo

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA. Regolamento struttura comunale di ricovero per cani

COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA. Regolamento struttura comunale di ricovero per cani COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA Regolamento struttura comunale di ricovero per cani Approvato con Deliberazione Consiliare n. 46 del 29.11.2011 1 SOMMARIO ART.1 FINALITA DEL REGOLAMENTO ART.2 ATTIVITA

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE E IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE CANINA E FELINA

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE E IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE CANINA E FELINA Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA TUTELA E IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE E IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE CANINA E FELINA Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta

Dettagli

Randagismo: un problema regionale

Randagismo: un problema regionale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO ALLA SANITÁ Dipartimento Attività Sanitarie ed Osservatorio Epidemiologico Randagismo: un problema regionale Agrigento, 9 marzo 2012 SERVIZIO 9 SANITÁ

Dettagli

Progetto Performance PA QUESTIONARIO SULLA GESTIONE DEL RANDAGISMO

Progetto Performance PA QUESTIONARIO SULLA GESTIONE DEL RANDAGISMO Progetto Performance PA QUESTIONARIO SULLA GESTIONE DEL RANDAGISMO Dicembre 2014 1. DATI IDENTIFICATIVI (nel Comune è presente un Ufficio/Servizio dedicato alla tutela degli animali e/o alla lotta al randagismo?

Dettagli

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI ART.1-FINALITA'... ART.2-REQUISITI E DOMANDA PER L'AFFIDAMENTO DEGLI

Dettagli

COMUNE DI GIOIOSA IONICA 89042 (Provincia di Reggio Calabria )

COMUNE DI GIOIOSA IONICA 89042 (Provincia di Reggio Calabria ) COMUNE DI GIOIOSA IONICA 89042 (Provincia di Reggio Calabria ) Partita IVA 00288960800 - (0964) 51536 - Fax (0964) 410520 DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ALL ADOZIONE DEI CANI CUSTODITI PRESSO

Dettagli

Comune di Vicopisano Provincia di Pisa

Comune di Vicopisano Provincia di Pisa Comune di Vicopisano Provincia di Pisa BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI FINALIZZATI ALL AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI CONVENZIONATI CON IL COMUNE Approvato con deliberazione G.C.

Dettagli

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014 copia COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014 OGGETTO: LINEE GUIDA PER INCENTIVARE L ADOZIONE DI CANI RANDAGI. L anno duemilaquattordici, il giorno

Dettagli

Città di Troia Provincia di Foggia

Città di Troia Provincia di Foggia Città di Troia Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE ART. 1 (OGGETTO E FINALITÀ) Il presente regolamento disciplina l'adozione da parte di privati

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013 COMUNE DI PALO DEL COLLE Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI RICOVERATI NEL CANILE RIFUGIO CONVENZIONATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL 25-01-1993 Norme sulla prevenzione e sul controllo del randagismo.istituzione anagrafica canina e protezione degli animali di affezione BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI D IGIENE URBANA. L'anno ( ), il giorno. - Il Comune di Campi Bisenzio, con sede il Piazza Dante,

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI D IGIENE URBANA. L'anno ( ), il giorno. - Il Comune di Campi Bisenzio, con sede il Piazza Dante, CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI D IGIENE URBANA VETERINARIA E ATTIVITA CONGIUNTE ALLA TUTELA DEGLI ANIMALI TRA IL COMUNE DI CAMPI BISENZIO E L AZIENDA SANITARIA ASL 10 DI FIRENZE L'anno ( ),

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 28.04.2016

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE Titolo I. - Adozione...2 Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Requisiti per l affidamento dell animale...2 Art. 3 Modalità

Dettagli

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL 1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL L elevata presenza sul territorio nazionale di animali da compagnia (secondo l'istat

Dettagli

Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL.

Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL. Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL. Dr.ssa Carla De Giacomi Dr. Paolo Castelli Veterinari Ufficiali ASL della Provincia di Bergamo Seriate,, 29 ottobre 2013 I gatti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E FUNZIONAMENTO DEL CANILE RIFUGIO DI SAN LAZZARO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E FUNZIONAMENTO DEL CANILE RIFUGIO DI SAN LAZZARO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E FUNZIONAMENTO DEL CANILE RIFUGIO DI SAN LAZZARO DELIBERA DI CONSIGLIO n. 11 del 02-03-2012 - Pag. 1 - COMUNE DI GUALDO TADINO Articolo 1- Oggetto del regolamento TITOLO 1

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE SETTORE PREVENZIONE E SICUREZZA IN AMBIENTI DI VITA E DI LAVORO, ALIMENTI

Dettagli

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E CITTÀ DI COSENZA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E ~ 2 ~ ARTICOLO 1... 3 FINALITÀ... 3 ARTICOLO 2... 3 ADOZIONI... 3 ARTICOLO 3... 3 AGEVOLAZIONI... 3 ARTICOLO 4...

Dettagli

COMUNE DI SCIARA. 1 Settore POLIZIA MUNICIPALE e AMMINISTRATIVO

COMUNE DI SCIARA. 1 Settore POLIZIA MUNICIPALE e AMMINISTRATIVO COMUNE DI SCIARA L i b e r o C o n s o r z i o C o m u n a l e d i P a l e r m o 1 Settore POLIZIA MUNICIPALE e AMMINISTRATIVO CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CATTURA, RICOVERO, VITTO E MANTENIMENTO IN

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 109

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 109 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 109 OGGETTO: APPROVAZIONE BOZZA DI

Dettagli

Unita Operativa Semplice Dipartimentale L.34/97 Anagrafe Canina E Igiene Urbana Veterinaria

Unita Operativa Semplice Dipartimentale L.34/97 Anagrafe Canina E Igiene Urbana Veterinaria Unita Operativa Semplice Dipartimentale L.34/97 Anagrafe Canina E Igiene Urbana Veterinaria Le attività di questa Unità Operativa Semplice Dipartimentale (U.O.S.D.) sono le seguenti: Funzioni di polizia

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1627 del 09 settembre 2014 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 1627 del 09 settembre 2014 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1627 del 09 settembre 2014 pag. 1/7 LINEE GUIDA PER L IDENTIFICAZIONE MEDIANTE MICROCHIP DEI CANI E DEGLI ALTRI ANIMALI D AFFEZIONE 1) Premesse Il

Dettagli

COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI

COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 77 DEL 25.11.2009 Art. 1 Strutture e finalità

Dettagli

Anagrafe degli Animali d Affezione: aggiornamenti normativi e dati relativi alla provincia di Ferrara

Anagrafe degli Animali d Affezione: aggiornamenti normativi e dati relativi alla provincia di Ferrara Anagrafe degli Animali d Affezione: aggiornamenti normativi e dati relativi alla provincia di Ferrara Dott.ssa Silvia Scaioli, Dirigente Veterinario Referente Anagrafe Canina Area Sanità Pubblica Veterinaria

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5106 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SBROLLINI Istituzione del Servizio sanitario veterinario convenzionato e norme per favorire

Dettagli

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO La legge quadro sul randagismo n 281 del 1991 La 281 è la Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Tra le enunciazioni principali

Dettagli

[] in qualità di LEGALE RAPPRESENTANTE della società: con sede legale

[] in qualità di LEGALE RAPPRESENTANTE della società: con sede legale Marca da bollo da 14,62 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO ED ADDESTRAMENTO DI ANIMALI DA COMPAGNIA (ai sensi della L.R. n. 5/2005

Dettagli

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / / (atto n. p. s. ), in vita residente a,

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / / (atto n. p. s. ), in vita residente a, Marca da bollo 16,00 Spett.le Ufficio Servizi Cimiteriali Servizio SUAP Piazza San Michele 1 30020 QUARTO D ALTINO Tel. 0422 826233 Fax. 0422 826256 servizicimiteriali@comunequartodaltino.it PEC comune.quartodaltino.ve@pecveneto.it

Dettagli

L'anno duemilatredici il giorno 21 del mese di gennaio in Manfredonia e nel Palazzo di Citta';

L'anno duemilatredici il giorno 21 del mese di gennaio in Manfredonia e nel Palazzo di Citta'; Città di Manfredonia Provincia di Foggia 4 Settore Polizia Locale e Protezione Civile DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 17 DEL 21/01/2013 OGGETTO: LIQUIDAZIONE SALDO FATTURE IN FAVORE DELL E.N.P.A. SEDE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Lavori Pubblici Mobilità Urbana e Ambiente DIRETTORE PAGLIARINI ing. MARCO Numero di registro Data dell'atto 1579 21/10/2015 Oggetto : Approvazione per l'anno

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 1040 26/08/2014 OGGETTO

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 1040 26/08/2014 OGGETTO Città di Manfredonia Provincia di Foggia 4 Settore Polizia Locale DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 1040 del 26/08/2014 OGGETTO: LIQUIDAZIONE SALDO FATTURE IN FAVORE DELL E.N.P.A. SEDE CENTRALE ROMA - CANILE

Dettagli

Banca Dati Regionale dell Anagrafe Canina

Banca Dati Regionale dell Anagrafe Canina Banca Dati Regionale dell Anagrafe Canina L Anagrafe Canina Regionale - BAC La BAC riunisce gli archivi dell Anagrafe Canina, prima gestiti a livello di singola Asl, in un unica banca dati centralizzata

Dettagli

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia 25/11/2010 Dott.ssa Daniela Zucca Per contrastare il fenomeno del randagismo e promuovere il rispetto degli

Dettagli

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 23.06.2015. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec.

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 23.06.2015. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec.it Via Luigi Bruno n.79-83020 0825.674081 0825/660977 Regolamento per l'adozione ed il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale

Dettagli

COMUNE DI VILLAROSA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Tel. e Fax 0935567002 e-mail poliziamunicipalevillarosa@virgilio.

COMUNE DI VILLAROSA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Tel. e Fax 0935567002 e-mail poliziamunicipalevillarosa@virgilio. COMUNE DI VILLAROSA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Tel. e Fax 0935567002 e-mail poliziamunicipalevillarosa@virgilio.it REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL

Dettagli

[] in qualità di LEGALE RAPPRESENTANTE della società: con sede legale

[] in qualità di LEGALE RAPPRESENTANTE della società: con sede legale Marca da bollo da 14,62 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER STRUTTURE DI COMMERCIO, PENSIONE, TOELETTATURA, ALLEVAMENTO E ADDESTRAMENTO DI ANIMALI DA COMPAGNIA (ai sensi della L.R. n. 5/2005 Norme

Dettagli

N. 100. COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE

N. 100. COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N. 75 DEL 15/11/2012 N. 100 ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA (Prov. CA) Regolamento per l incentivazione all affido di cani randagi ( Approvato con deliberazione C.C.

COMUNE DI CAPOTERRA (Prov. CA) Regolamento per l incentivazione all affido di cani randagi ( Approvato con deliberazione C.C. COMUNE DI CAPOTERRA (Prov. CA) Regolamento per l incentivazione all affido di cani randagi ( Approvato con deliberazione C.C. n 3 del 22/02/11) Art.1) Finalità e scopo. La finalità del presente regolamento

Dettagli

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani Le strutture per il controllo e la tutela dei cani piacenza, 25 gennaio 2012 1988 CATTURA ABBATTIME NTO dopo 3 gg L.R. nr. 5 del 25 febbraio 1988 CATTUR A RICOVE RO IN CANILE LEGGE 14 agosto 1991, nr.

Dettagli

COMUNE DI GALATONE. Provincia di Lecce Comando Polizia Municipale

COMUNE DI GALATONE. Provincia di Lecce Comando Polizia Municipale REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE ED IL SOSTEGNO-ADOZIONE A DISTANZA DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLE STRUTTURE CONVENZIONATE CON IL COMUNE DI GALATONE Articolo 1 Finalità e

Dettagli

AVVISA. - il Comune di Bitritto ha approvato il Progetto SterilizziAMOli e che tale progetto si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

AVVISA. - il Comune di Bitritto ha approvato il Progetto SterilizziAMOli e che tale progetto si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi: COMUNE DI BITRITTO (Provincia di Bari) Assessorato alla Polizia Municipale e alle Politiche per l Ambiente Servizio Polizia Municipale - Settore Randagismo AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA

Dettagli

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI Tel. 0873.913121-913106 Fax 0873.913175 P.I. 00243570694 Piazza Donato Iezzi, 15 66020 Torino di Sangro PEC protocollo@comunetorinodisangro.legalmail.it www.comune.torinodisangro.ch.it

Dettagli

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1 CITTÀ DI SANT ELPIDIO A MARE PROVINCIA DI FERMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE ED IL SOSTEGNO- ADOZIONE A DISTANZA DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLE STRUTTURE CONVENZIONATE

Dettagli

struttura: SANITA' ANIMALE E IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI - direttore dott. Marco LOVESIO - tel 019/840.5862 - mail m.lovesio@asl2.liguria.

struttura: SANITA' ANIMALE E IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI - direttore dott. Marco LOVESIO - tel 019/840.5862 - mail m.lovesio@asl2.liguria. S.C. SANITÀ ANIMALE E IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI MODU177 Rev. 00 del 15.01.2015 Foglio di lavoro 1 di 1 struttura: SANITA' ANIMALE E IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI - direttore dott.

Dettagli

Città di Imola REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. Approvato con delibera C.C. n. 126 del 24.06.2005, esecutiva

Città di Imola REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. Approvato con delibera C.C. n. 126 del 24.06.2005, esecutiva Città di Imola REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE Approvato con delibera C.C. n. 126 del 24.06.2005, esecutiva Modificato con delibera C.C. n. 62 del 27.03.2006, esecutiva Modificato con delibera

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SPORTELLO ANIMALI D AFFEZIONE ATTIVITA ANNO 2009

RAPPORTO ANNUALE SPORTELLO ANIMALI D AFFEZIONE ATTIVITA ANNO 2009 RAPPORTO ANNUALE SPORTELLO ANIMALI D AFFEZIONE ATTIVITA ANNO 2009 PREMESSA Con l obiettivo di riorganizzare l'attività di prevenzione e controllo Veterinario nel settore degli animali d'affezione e di

Dettagli

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Nuove norme per la protezione dei cani e per l istituzione dell anagrafe canina (B.U.R. Molise n. 6 del 16 marzo 2005) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Regolamento del servizio canile sanitario e del rifugio per cani

Regolamento del servizio canile sanitario e del rifugio per cani 1 Regolamento del servizio canile sanitario e del rifugio per cani Indice Art. 1 - Compiti del Canile Sanitario e del Rifugio per cani Città di Molfetta Art. 2- Servizio cattura cani randagi Art. 3 Gestione

Dettagli

C O M U N E D I S A N T A N G E L O R O M A N O Provincia di Roma DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto N.

C O M U N E D I S A N T A N G E L O R O M A N O Provincia di Roma DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto N. C O M U N E D I S A N T A N G E L O R O M A N O Provincia di Roma DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto N.15 del 2/3/2006 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI OSPITI DI

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. REGIONE MOLISE LEGGE REGIONALE 4 marzo 2005, n.7 NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI CANI E PER L'ISTITUZIONE DELL'ANAGRAFE CANINA. (Pubblicata nel Bollettino ufficiale

Dettagli

Regolamento per il funzionamento e la gestione del canile/gattile del Comune di Lucca e per la disciplina dei servizi correlati. Articolo 1 Oggetto

Regolamento per il funzionamento e la gestione del canile/gattile del Comune di Lucca e per la disciplina dei servizi correlati. Articolo 1 Oggetto Regolamento per il funzionamento e la gestione del canile/gattile del Comune di Lucca e per la disciplina dei servizi correlati. Articolo 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina il funzionamento della

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it originale DELIBERAZIONE

Dettagli

TUTTO sul mio CANE. Azienda Sanitaria Locale di Milano Dipartimento Veterinario. Norme legali sulla detenzione dei cani nella Città di Milano

TUTTO sul mio CANE. Azienda Sanitaria Locale di Milano Dipartimento Veterinario. Norme legali sulla detenzione dei cani nella Città di Milano Azienda Sanitaria Locale di Milano Dipartimento Veterinario Distretto Veterinario Nord - Via Quarenghi, 40 (zone civiche 7-8) Lun. e Giov. 8.30 12.00, Merc. 13.30-15.30 - Tel. 02/85788921 Fax 02/38102916

Dettagli