+39 (0) dove il Treasury a dieci anni è scivolato sotto la soglia dell 1,8%,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "+39 (0)11-3991001 dove il Treasury a dieci anni è scivolato sotto la soglia dell 1,8%,"

Transcript

1 Analisi dei mercati Le decisioni delle Banche Centrali influenzano i mercati: I mercati finanziari: 26 gennaio 2015 Le aspettative relative al programma di acquisto di titoli di Stato da parte della BCE, atteso ed infine annunciato in occasione dell incontro di fine gennaio, hanno condizionato la dinamica Giulio Casuccio dei mercati nelle prime settimane dell anno. I tassi di interesse, in Responsabile Gestioni tradizionali particolare, hanno proseguito la loro discesa sia negli Stati Uniti, +39 (0) dove il Treasury a dieci anni è scivolato sotto la soglia dell 1,8%, Cristina Iemma sia nell area Euro, portando il Bund tedesco su nuovi livelli minimi Gestore di rendimento inferiori allo 0,5%. In attesa delle prossime mosse +39 (0) della Federal Reserve, sicuramente non prima dell inizio del Cristina Chiossi secondo semestre del 2015, la pressione sui tassi rimane al Gestore ribasso, coerentemente con lo scenario di politiche monetarie +39 (0) espansive e scarsa pressione sui prezzi al consumo. L effetto Marina Bosio BCE è stato complessivamente positivo anche per i mercati Relazione con gli investitori azionari, soprattutto in Europa e nei paesi emergenti, mentre gli +39 (0) indici statunitensi rimangono in una fase di elevata volatilità e assenza di direzionalità avviata lo scorso mese di dicembre. L impatto più evidente delle misure straordinarie della BCE, però, è stato quello sulla moneta unica: l Euro, infatti, ha accelerato il proprio deprezzamento rispetto alle principali valute internazionali, prossimo al 10% contro il Dollaro statunitense e nei confronti dello Yen a partire da inizio dicembre. Il mercato valutario, infine, è stato animato dalla decisione improvvisa della Banca Centrale Svizzera di abbandonare le misure di protezione del livello di cambio tra il Franco e l Euro a quota 1,20 innescando un repentino apprezzamento della moneta elvetica ed un ulteriore contrazione dei tassi di interesse. Il quadro macroeconomico: Tanto tuonò che piovve! Alla fine la BCE ha annunciato quanto ormai atteso dalla totalità degli investitori e analisti economici, e cioè un vero e proprio quantitative easing attraverso l acquisto diretto di titoli di Stato, in aggiunta alle operazioni già avviate su strumenti di credito. Nonostante le stesse dichiarazione del Presidente Draghi degli ultimi mesi avessero alimentato aspettative relativamente elevate, riflesse dall indebolimento dell Euro e dalla contrazione dei tassi di interesse e dello spread tra paesi core e periferici, il piano messo a punto a Francoforte è riuscito a sorprendere positivamente i mercati. Diversi punti, infatti, evidenziano l ampiezza delle risorse potenzialmente a disposizione della Banca Centrale: la dimensione, prima di tutto, pari a 60 miliardi al mese almeno fino a settembre 2016 per un totale superiore ai mille miliardi di Euro e quindi oltre le attese più ottimistiche, la tipologia di strumenti, Pagina 1

2 Analisi dei mercati poiché gli acquisti comprenderanno titoli con scadenza fino a 30 anni, obbligazioni indicizzate all inflazione e, sotto determinate condizioni, anche titoli greci (un assist in vista delle prossime elezioni) e, infine, la durata, poiché non è esclusa la possibilità di proseguire oltre il termine previsto in assenza degli effetti sperati sull inflazione. L unico elemento contradditorio è il coinvolgimento delle diverse Banche Centrali nazionali (coordinate dalla BCE) nell acquisto dei titoli di Stato e, soprattutto, nella condivisione del rischio di credito sottostante, il quale rimarrà per l 80% sulle spalle dei singoli Stati. Questo rappresenta una chiara concessione (l unica) alla Germania ed alle posizioni contrarie a qualsiasi forma di sostegno ai singoli paesi dell area Euro ed un sintomo inequivocabile delle divergenze politiche che persistono all interno dell Unione, continuando a pesare sulle effettive aspettative di crescita. Meglio tardi che mai? Forse. Sicuramente la BCE non pagherà poco i tanto desiderati titoli governativi, alla luce del significativo apprezzamento di cui già ha goduto il mercato, sia dei paesi core sia della periferia, ad anche l impatto sul proprio bilancio in termini di interessi incassati e di movimento dei prezzi, sarà completamente differente rispetto a quanto sarebbe accaduto intervenendo nel momento di maggiore crisi. Nel caso in cui l autorità di politica monetaria raggiungesse il proprio obiettivo e l inflazione (o le aspettative di inflazione) tornasse a crescere, inoltre, questo determinerebbe una pressione al ribasso sul prezzo delle obbligazioni e quindi sul valore (di mercato) degli strumenti acquistati: un eventualità attualmente remota ma che mette in evidenza un aspetto importante, e cioè le condizioni di subottimalità dell intervento della BCE indotte dalla mancata coesione politica europea, anche, e soprattutto, nel confronto con l azione apparentemente simile di altre banche centrali (Fed innanzitutto). E giungiamo alla più importante delle domande: (quanto)servirà tutto questo per contrastare le pressioni al ribasso sull inflazione dell area Euro ed innescare una più solida ripresa economica? Ai posteri l ardua sentenza! Oggettivamente il livello dei tassi di interesse (già molto bassi) e la quantità di liquidità presente nel sistema non rappresentano, ormai da diverso tempo, un ostacolo alla crescita europea, sulla quale pesa, invece, la difficile circolazione della liquidità stessa (a sostegno di investimenti e consumi), riflesso dell enorme capacità produttiva inutilizzata (disoccupazione) e della continua contrazione del reddito disponibile. L impatto diretto del QE della BCE potrà essere, quindi, limitato: l intervento appare, piuttosto, come una sorta di assicurazione per gli investitori contro i rischi finanziari della crisi europea, utile a concedere (ulteriore) tempo ai governi nazionali ed alle istituzioni comunitarie per intraprendere le riforme strutturali necessarie. Ma rappresenta, soprattutto, una misura efficace al fine di allentare, nel breve e medio periodo, la pressione sui tassi di interesse e, di conseguenza, l urgenza delle politica di austerità, permettendo di distinguere tra riforme strutturali, indispensabili ma efficaci nel medio-lungo periodo, ed interventi immediati di sostegno all economia. Il QE della BCE, quindi, è l ennesima opportunità, forse l ultima, per i governanti europei per superare diffidenza reciproca e difesa degli interessi nazionali, individuando soluzioni politicamente e socialmente Pagina 2

3 Analisi dei mercati sostenibili al fine di riportare l economia europea su un percorso di crescita, nell ambito di un indispensabile processo di riforma e consolidamento delle istituzioni e della governance dell Unione Europea. Il nostro Outlook Favoriti i mercati azionari: Le prospettive relativamente all evoluzione del quadro macroeconomico nel medio periodo sono, in ogni caso, positive a livello aggregato, alla luce di un atteso consolidamento della crescita globale sostenuto dal continuo rafforzamento della ripresa statunitense e dalle politiche espansive in Europa e Giappone, con un effetto complessivamente positivo del calo del prezzo del petrolio. Lo scenario rimane, quindi, favorevole ai mercati azionari, in un contesto di maggiore volatilità ed eterogeneità tra aree geografiche differenti, favorendo gli Stati Uniti ed i paesi emergenti, caratterizzati da fondamentali più solidi, rispetto all area Euro, condizionata dall incertezza politica e dalle misure di austerità adottate. I tassi di interesse saranno, invece, ancora influenzati dalla divergenza tra le politiche monetarie della Fed e della BOE rispetto alla BCE ed alla BOJ, con approccio però cauto della Banca Centrale statunitense: l assenza di pressioni inflazionistiche rilevanti ed un crescita globale moderata riducono le possibilità di un rialzo repentino dei tassi. Le aspettative sono, quindi, moderatamente negative per i mercati obbligazionari nel loro complesso ma con opportunità ancora presenti sia nell area Euro, nonostante il livello ormai contenuto dei tassi di interesse e degli spread limitino lo spazio per un ulteriore apprezzamento, e nei mercati emergenti, caratterizzati da tassi di interesse più interessanti, ma attraverso un approccio più dinamico ed opportunistico. Come già accaduto negli ultimi mesi, infine, la gestione dell esposizione valutaria continuerà ad essere un elemento fondamentale nella definizione dei risultati: i tassi di cambio rifletteranno le divergenze tra le scelte di politica monetaria delle diverse banche centrali, attraverso un ulteriore indebolimento dell Euro verso le principali valute internazionali, anche emergenti, a fronte di un continuo apprezzamento del Dollaro statunitense e di una crescente eterogeneità tra i paesi in via di sviluppo. I nostri Fondi: Tutti i fondi di Fondaco hanno ottenuto risultati positivi da inizio anno. In ambito obbligazionario, Fondaco Euro Gov Beta, ha guadagnato l 1,7%; Fondaco World Gov Active Beta Non Euro e Fondaco Lux Asia Gov Active Beta hanno beneficiato del forte deprezzamento dell Euro nei confronti delle principali valute estere e, in misura minore, della riduzione dei tassi d interesse a livello globale, ottenendo rispettivamente un rendimento da inizio anno prossimo al 7,5% e 6,30%. In ambito obbligazionario a breve termine, Fondaco Euro Cash è cresciuto di circa 15 centesimi, mentre il fondo monetario Fondaco Lux Euro Cash è rimasto stabile, coerentemente con le caratteristiche del mercato di riferimento. In ambito multi-asset, Fondaco Global Opportunities è cresciuto di circa 90 centesimi, mentre Fondaco Multi-Asset Income ha ottenuto un rendimento prossimo al 4,5%. Il Fondaco Select Opportunities, fondo di fondi hedge, al 28 novembre 2014 ha conseguito un rendimento annuale positivo pari a +9,3%; dall avvio del fondo (luglio 2011) la performance è positiva e pari a +27% a fronte di una volatilità prossima al 4%. Pagina 3

4 Analisi dei mercati 125 Fondaco Euro Cash 165 Fondaco Euro Gov Beta ,32 1,47% 0,28% 0,16% 160,24 15,37% 4,43% 1,66% Fondaco World Gov Active Beta Fondaco Global Opportunities ,69 18,86% 8,47% 7,49% 113,18 9,38% 0,80% 0,87% 102,35 Fondaco Lux Euro Cash 120 Fondaco Lux Asia Gov Active Beta , , , ,30 0,06% % % 115,49 22,48% 10,30% 6,27% 114,00 112, ,00 106,00 104,00 102, ,00 Fondaco Multi-Asset Income Price Performance 23-gen dic set dic-14 0,12 11,69% 7,59% 4,92% Pagina 4

5 Appendice Macroeconomic Data Euro Area Data Paese Indicatore Periodo Atteso Effettivo Precedente 9-gen EC BCE Annuncio tassi GEN 0,05% 0,05% 0,05% 14-gen EC Produzione industriale area Euro m/m NOV 1,8% 3,0% 0,1% 10-gen FR Produzione industriale m/m NOV 0,4% 1,3% -0,3% 9-gen GE Produzione industriale m/m NOV 1,5% 1,9% -1,2% 13-gen IT Produzione industriale m/m NOV n.d. 1,4% -0,1% 8-gen GE Esportazioni m/m NOV 0,8% 0,3% 0,2% 8-gen GE Ordini di fabbrica NOV 1,5% 2,1% -2,2% 7-gen GE Vendite al dettaglio m/m NOV 0,2% 1,0% 1,9% 8-gen EC Vendite al dettaglio m/m NOV 0,1% 1,4% 0,4% 20-gen IT Ordini Industriali m/m NOV 0,0% 2,3% -2,5% 8-gen IT Disoccupazione NOV 12,6% 12,7% 12,5% 7-gen EC Disoccupazione NOV 11,5% 11,5% 11,5% 18-gen GE IFO Aspettative DIC 100,5 101,1 99,7 16-gen EC CPI m/m DIC -0,1% -0,1% -0,2% 16-gen EC CPI a/a DIC -0,2% -0,2% 0,3% Le ultime rilevazioni macroeconomiche nell area Euro sono state miste in un contesto di una scarsa crescita, domanda debole e deflazione, rendendo più concreto il pericolo di una depressione economica; dopo le revisione al ribasso delle stime di crescita e soprattutto di inflazione, la Banca Centrale Europea ha annunciato la partenza del programma di quantitative easing. A livello aggregato, la produzione industriale è cresciuta del 3% rispetto a ottobre, trainata dal contributo di Francia, Germania, Spagna e Italia; le vendite al dettaglio sono cresciute dell 1,4% su base mensile, in misure superiore alle attese. Le rilevazioni riguardo all economia tedesca sono state moderatamente positive: la domanda interna è stata positiva a novembre, con un incremento delle vendite al dettaglio pari all 1% su base mensile; anche la domanda estera è cresciuta, ma in misura modesta, con un incremento delle esportazioni dello 0,3% a novembre, inferiore alle attese; sul fronte produttivo, gli ordini di fabbrica sono cresciuti (+2,1%), in misura sensibilmente superiore alle aspettative, così come la produzione industriale (+1,9%); inoltre, le aspettative di crescita, misurate grazie all indice IFO, ha subito il secondo incremento mensile consecutivo dopo mesi di calo, riflettendo una maggiore fiducia per le prospettive dell economia tedesca. L economia italiana mostra deboli segnali di ripresa: la produzione industriale e gli ordini industriali sono cresciuti rispettivamente dell 1,4% e del 2,3% rispetto a novembre, ma la disoccupazione rimane alta e penalizza in particolare i giovani. A novembre, l indice dei prezzi al consumo è sceso dello 0,1% su base mensile, influenzato anche dal calo del prezzo del petrolio, ed è diminuito dello 0,2% su base annua. La BCE ha mantenuto i tassi al minimo storico e ma ha annunciato l inizio del programma di quantitative easing, la cui durata sarà strettamente correlata all andamento dell inflazione, coerentemente con il mandato della Banca Centrale. Pagina 5

6 Macroeconomic Data United States Data Paese Indicatore Periodo Atteso Effettivo Precedente 23-dic US Reddito personale NOV 0,4% 0,4% 0,2% 14-gen US Vendite al dettaglio DIC -0,1% -0,9% 0,7% 23-dic US Consumo personale 3 TRIM 2,5% 3,2% 2,2% 9-gen US Variazione salari non agricoli DIC 240k 252k 321k 9-gen US Disoccupazione DIC 5,7% 5,6% 5,8% 6-gen US Ordini di fabbrica NOV -0,5% -0,7% -0,7% 23-dic US Ordini di beni durevoli NOV 3,0% -0,7% 0,4% 15-gen US Indice dei prezzi al consumo m/m DIC -0,4% -0,4% -0,3% 15-gen US CORE CPI m/m DIC 0,1% 0,0% 0,1% 15-gen US Indice dei prezzi al consumo a/a DIC 0,7% 0,8% 1,3% 15-gen US CORE CPI a/a DIC 1,7% 1,6% 1,7% 16-gen US Produzione industriale DIC -0,1% -0,1% 1,3% Il quadro economico statunitense rimane positivo, nonostante le rilevazioni miste del mese di dicembre. L economia statunitense continua a beneficiare delle misure di politica economica, fiscale e monetaria intraprese negli ultimi anni. La dinamica dei consumi è stata positiva nel terzo trimestre (+3,2%), superiore rispetto al secondo trimestre; la crescita del reddito personale (+0,4%) e la fase di stabilizzazione e crescita del mercato del lavoro, con aumento dell occupazione a dicembre superiore alle attese, continuano a sostenere l economia; le vendite al dettaglio si sono però ridotte dello 0,9% rispetto a novembre, in misura leggermente superiore alle attese, la produzione industriale è calata dello 0,1% e sia gli ordini di beni durevoli, sia gli ordini di fabbrica sono diminuiti dello 0,7% rispetto a ottobre. Le prospettive dell economia reale continuano a essere positive, confermando le aspettative di una nuova accelerazione della crescita nei prossimi mesi. Osservando la dinamica dell inflazione, l indice dei prezzi al consumo è sceso dello 0,4% su base mensile, influenzato dal calo del prezzo del petrolio, mentre è cresciuto dello 0,8% su base annua; il dato core è rimasto fermo rispetto a novembre, mentre è aumentato dell 1,6% su base annua. Pagina 6

7 Market Monitor Equity Indices DJ EuroStoxx S&P ,56% 6,95% 7,72% ,40% 4,66% -0,26% 200 MSCI World (Euro) FTSE MIB ,46% 13,36% 7,50% ,18% -1,78% 7,93% 2050 Topix 370 MSCI Emerging Mkt (Euro) ,94% 5,94% -0,30% ,18% 11,15% 11,49% Dopo un inizio anno turbolento, è tornata la propensione al rischio sui mercati azionari globali: i mercati europei hanno recuperato le perdite subite a fine anno raggiungendo nuovi massimi, beneficiando dell atteso e annunciato programma di politica monetaria ultra-espansiva da parte della BCE: da inizio anno l indice EuroStoxx ha guadagnato circa otto punti percentuali; inizio d anno positivo anche per il mercato domestico, con l indice FTSE MIB positivo di quasi otto punti percentuali. Maggior volatilità si osserva, invece, sul mercato azionario statunitense, dove pesano alcune indicazioni poco incoraggianti sul fronte delle trimestrali: da inizio anno l indice S&P500 ha perso circa trenta centesimi; tuttavia una crescita economica sostenuta, che dovrebbe condurre ad un incremento del PIL nel 2015, insieme ad un atteggiamento ancora accomodante da parte della FED, la quale conferma un atteggiamento prudente nel percorso di rialzo dei tassi, sostengono un trend rialzista di lungo periodo. Le prospettive di maggior liquidità a livello globale hanno, inoltre, favorito anche i mercati azionari dei paesi emergenti, tornati sui massimi dello scorso anno, realizzando da inizio anno un rendimento prossimo al 7,5%. Inizio d anno volatile per la borsa di Tokio, con l indice Topix negativo di circa trenta centesimi. Pagina 7

8 Market Monitor Fixed Income Indices 235 Citigroup EGBI 580 Citigroup WGBI ,63% 4,99% 2,16% ,00% 9,80% 6,77% Citigroup AGBI JP Morgan GBI-EM , ,32% 13,99% 10,26% ,78% 7,98% 9,70% Da inizio anno la dinamica del mercato obbligazionario governativo è stata positiva, sia per i paesi sviluppati sia per i paesi emergenti, beneficiando di un ulteriore riduzione dei tassi d interesse a livello globale: mentre la crescita dell indice europeo è stata più contenuta e prossima a due punti percentuali, l indice globale è cresciuto di quasi sette punti percentuali, favorito anche dall apprezzamento del dollaro statunitense verso le principali valute estere; I movimenti sui tassi e soprattutto sulle valute hanno favorito anche i mercati obbligazionari dei paesi emergenti, con rendimenti prossimi al 10% sia per l indice generale sia per quello asiatico. Le prospettive di medio periodo per i mercati sviluppati sono, però, moderatamente negative, con scarso spazio per un ulteriore apprezzamento nel breve termine, mentre più positive per i mercati emergenti anche se caratterizzati da una crescente volatilità. Pagina 8

9 Market Monitor Inflation Linked and Commodities Indices 245 BarCap World Inflation Linked Bond (HedEUR) 210 BarCap Euro Inflation Linked Bond ,69% 6,01% 3,38% 208 8,10% 2,21% 2,68% BarCap US Inflation Linked Bond (USD) DJUBS Commodities 288 6,63% 2,36% 2,11% ,55% -14,79% -3,06% WTI Crude Oil Golds 45,6-53,69% -49,99% -15,10% ,34% 7,11% 9,22% Da inizio anno la dinamica dei titoli indicizzati all inflazione è stata positiva, con risultati migliori per l indice europeo, il quale ha accelerato il ritmo di crescita a partire da metà mese, rispetto a quello statunitense, la cui crescita risulta più graduale. A livello globale, l indice generale è cresciuto di oltre tre punti percentuali da inizio anno. Prosegue, invece, il trend negativo per il mercato delle commodities sotto pressione per l eccesso di offerta di materie prime, in particolare per il settore energetico, con il prezzo del petrolio che ha toccato nuovi minimi, scendendo sotto il livello dei 45 dollari al barile, subendo una perdita da inizio anno di quindici punti percentuali, e per i timori sulla crescita economica globale. Differente è stata, invece, la dinamica dell oro, il quale si è apprezzato di quasi dieci punti percentuali da inizio anno. Pagina 9

10 Market Monitor German Interest Rates 0,20 0,05-0, ,20 GE 1YR 0,30 0, ,20 GE 2YRS -0,16-0,34% -% -% -0,17-0,38% -0,09% -0,07% GE 5YRS GE 10YRS 1,10 0,90 0,70 0,50 0,30-2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 0,75 0,50 0,25-0,02-0,95% -0,17% -0,04% 0,36-1,57% -0,59% -0,18% 3,00 2,75 2,50 2,25 2,00 1,75 1,50 1,25 1,00 GE 30YRS Price Variation 23-gen dic set dic-14 1,07-1,69% -0,81% -0,32% Da inizio anno il livello dei tassi d interesse tedeschi è ancora diminuito su tutte le scadenze, con un movimento più evidente sul tratto lungo della curva: i tassi a uno e due anni offrono un rendimento negativo di circa sedici centesimi, mentre il decennale è sceso sotto la soglia dello 0,36%. Pagina 10

11 Market Monitor Italian Interest Rates 1,10 0,85 0,60 0,35 IT 1YR 1,40 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 0,20 IT 2YRS 0,16-0,75% -% -0,13% 0,32-0,94% -0,04% -0,21% 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 IT 5YRS 4,50 4,00 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 IT 10YRS 0,71-2,02% -0,31% -0,24% 1,53-2,60% -0,81% -0,36% IT 30YRS 5,00 4,50 4,00 3,50 3,00 2,50 Price Variation 23-gen dic set dic-14 2,68-2,19% -0,95% -0,54% Il mercato dei titoli di Stato italiani è stato caratterizzato da una discesa dei tassi d interesse, in particolare sul tratto più lungo della curva: il livello del BTP a dieci anni è diminuito di trenta centesimi da inizio anno, raggiungendo nuovi minimi e offrendo ora un tasso prossimo all 1,50%. Negli ultimi giorni è stato importante anche il movimento sul trentennale, diminuito di circa cinquanta centesimi, offrendo un tasso inferiore al 2,70%. Pagina 11

12 Market Monitor US Interest Rates 0,25 0,23 0,20 0,18 0,13 0,08 0,05 US 1YR 0,85 0,75 0,65 0,55 0,45 0,35 0,25 US 2YRS 0,04% 0,05% -0,07% 0,49 0,11% -0,08% -0,18% 2,00 1,80 1,60 1,40 1,20 1,00 US 5YRS 3,10 2,90 2,70 2,50 2,30 2,10 1,90 1,70 1,50 US 10YRS 1,31-0,43% -0,45% -0,34% 1,80-1,23% -0,69% -0,37% 4,00 3,75 3,50 3,25 3,00 2,75 2,50 2,25 US 30YRS Price Variation 23-gen dic set dic-14 2,37-1,59% -0,82% -0,38% Da inizio anno il livello dei tassi d interesse statunitensi è diminuito su tutte le scadenze, con un movimento più deciso, di oltre trentacinque centesimi, sulle scadenze superiori ai cinque anni. Il tasso a due anni è prossimo ai cinquanta centesimi, il decennale è prossimo all 1,80% mentre il tasso trentennale è sceso sotto la soglia del 2,5%. Pagina 12

13 Market Monitor UK Interest Rates 0,65 0,55 0,45 0,35 0,25 0,05 UK 1YR 1,05 0,95 0,85 0,75 0,65 0,55 0,45 0,35 0,25 0,05 UK 2YRS 0,29-0,08% -0,25% 0,01% 0,34-0,23% -0,49% -0,11% 2,20 2,00 1,80 1,60 1,40 1,20 1,00 0,80 UK 5YRS 3,20 3,00 2,80 2,60 2,40 2,20 2,00 1,80 1,60 1,40 UK 10YRS 0,94-0,92% -0,83% -0,22% 1,48-1,54% -0,95% -0,28% 3,90 3,70 3,50 3,30 3,10 2,90 2,70 2,50 2,30 2,10 UK 30YRS Price Variation 23-gen dic set dic-14 2,15-1,52% -0,91% -0,36% Nelle ultime settimane il livello dei tassi d interesse dei titoli di Stato del Regno Unito è sceso su tutte le scadenze, ad eccezione delle scadenze a brevissimo termine, con variazioni maggiori sul tratto medio-lungo della curva. Il tasso ad un anno, dopo aver raggiunto i livelli massimi nel mese di settembre, ora è sotto la soglia dello 0,3%, il tasso a dieci anni è sceso all 1,50% mentre il tasso trentennale è poco sopra la soglia del 2%. Pagina 13

14 Market Monitor Japanese Interest Rates 0,08 0,06 0,04 0,02-0,02-0,04 JPY 1YR 0,05-0,05 JPY 2YRS -0,01 -% -0,07% 0,01% -0,01-0,11% -0,09% 0,01% 0,30 0,25 0,20 0,05 JPY 5YRS 0,90 0,65 0,40 JPY 10YRS 0,02-0,23% -0,16% -0,02% 0,23-0,51% -0,30% -% JPY 30YRS 1,75 1,60 1,45 1,30 1,15 1,00 Price Variation 23-gen dic set dic-14 1,21-0,53% -0,41% -0,03% I tassi d interesse dei titoli di Stato giapponesi, sono rimasti stabili da inizio anno, rimanendo su livelli estremamente bassi, con i tassi ad uno e due diventati negativi, il decennale sceso sotto i venticinque centesimi e il trentennale all 1,20%. Pagina 14

15 Market Monitor Euro vs Currencies 1,40 1,37 1,34 1,31 1,28 1,25 1,22 1,19 1,16 1,13 1,10 USD 0,86 0,84 0,82 0,80 0,78 0,76 0,74 GBP 1,25 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 1,126-18,38% -10,88% -6,98% 0,749-9,95% -3,75% -3,49% CHF JPY 0,988-19,35% -18,04% -17,83% 132,640-8,61% -4,22% -8,53% Nel mese di gennaio la Banca Centrale della Svizzera ha eliminato a sorpresa il floor imposto al cambio EUR/CHF, vincolato a 1,20 da settembre 2011, con il conseguente repentino apprezzamento della valuta elvetica, la quale nel corso della giornata dell annuncio ha toccato il livello dello 0,80, per poi assestarsi intorno alla parità. Continua il movimento di deprezzamento dell Euro nei confronti delle principali valute e, in particolare, verso il dollaro statunitense e verso lo Yen: dopo l annuncio del quantitative easing da parte della BCE, il cambio EUR/USD è scivolato sotto l 1,13, mentre lo Yen da inizio anno si è apprezzato di oltre otto punti percentuali e mezzo. Anche la Sterlina britannica si è apprezzata nei confronti dell Euro, con una variazione da inizio anno prossima ai tre punti percentuali e mezzo. Pagina 15

16 Market Monitor Money Market Euribor 3 Month EONIA 0,35 0,70 0,30 0,25 0,20 0,05 0,60 0,50 0,40 0,30 0,20-0,05-0,23% -0,03% -0,03% -0,02-0,47% -0,22% -0,16% 0,60 Future Euribor 3M Marzo ,60 Future Euribor 3M Giugno ,45 0,40 0,30 0,20-0,02-0,39% -% -0,09% 0,04-0,51% -0,03% -0,02% Dopo il taglio dei tassi effettuato nel mese di settembre, il Presidente della BCE nel corso della riunione di gennaio ha mantenuto i tassi invariati, confermando il tasso di rifinanziamento al minimo storico dello 0,05% e il tasso di interesse sui depositi detenuti dalla banche presso la BCE negativo e pari a -0,20%. Il punto principale della riunione è stato l annuncio, atteso e già in parte scontato dai mercati, da parte del Presidente Draghi di procedere con il programma di acquisto di titoli di Stato ( quantitative easing ) a partire dal mese di marzo pari ad un ammontare di 60 miliardi di Euro al mese fino a settembre 2016, con l obiettivo di riportare il livello d inflazione vicino al target del 2%. Il tasso Euribor a tre mesi è diminuito ancora di qualche centesimo nel mese di gennaio, assestandosi intorno allo 0,05%, così come anche il tasso EONIA, offrendo un tasso negativo pari a -0,02%. I livelli a termine dei contratti futures sulle scadenze di marzo e giugno 2015 sono diminuiti da inizio anno, con tassi prossimi allo zero: il primo offre un tasso negativo di circa due centesimi mentre il secondo un tasso positivo di quattro centesimi. Pagina 16

17 Il presente documento è stato redatto da Fondaco SGR S.p.A. per i propri clienti istituzionali ( operatori qualificati ai sensi dell art. 31 del Regolamento Intermediari della Consob). Esso è distribuito dal giorno 26/01/2015. Le informazioni e le opinioni contenute in questo documento si basano su fonti ritenute attendibili, ma l esattezza e la completezza delle stesse non è garantita da Fondaco SGR. Il documento è fornito a solo scopo informativo: esso non costituisce proposta contrattuale, offerta o sollecitazione all acquisto e/o vendita di strumenti finanziari o, in genere, all investimento, né costituisce consulenza in materia di investimenti. Fondaco SGR non fornisce alcuna garanzia di raggiungimento di qualunque previsione e/o stima contenuto nel documento stesso. Le informazioni o le opinioni ivi contenute possono variare senza alcun conseguente obbligo di comunicazione in capo a Fondaco SGR. Pertanto, né Fondaco SGR, né i suoi amministratori, dipendenti e collaboratori, possono essere ritenuti responsabili (per colpa o altro) per danni derivanti dall utilizzo o dal contenuto del presente documento. E vietata la riproduzione e/o la ridistribuzione, in tutto o in parte, direttamente o indirettamente, del presente documento, non espressamente autorizzata. Pagina 17

24 giugno 2015 La vicenda greca è tornata prepotentemente alla ribalta nelle ultime settimane: l inasprimento della trattativa e l avvicinarsi

24 giugno 2015 La vicenda greca è tornata prepotentemente alla ribalta nelle ultime settimane: l inasprimento della trattativa e l avvicinarsi Analisi dei mercati La Grecia alimenta forti tensioni sui mercati I mercati finanziari: 24 giugno 2015 La vicenda greca è tornata prepotentemente alla ribalta nelle ultime settimane: l inasprimento della

Dettagli

+39 (0)11-3991001 Euro è stata evidente: la minore avversione al rischio degli

+39 (0)11-3991001 Euro è stata evidente: la minore avversione al rischio degli Analisi dei mercati Mercati più eterogenei nel mese di Febbraio: I mercati finanziari: 24 febbraio 2015 Dopo un inizio di anno particolarmente positivo per i mercati www.fondacosgr.it finanziari, il mese

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice FtseMib: andamento I temi del giorno Macro: Pmi dei servizi (Area euro) in miglioramento, Ism non manifatturiero (Usa) in calo sotto i 60 punti Bce:

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 Sotto i riflettori Eur/Jpy: andamento I temi del giorno Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Tassi: Treasury a 10 anni in lieve rialzo al 2,35%;

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 14 GENNAIO 2016 Sotto i riflettori Indice S&P500: andamento I temi del giorno Macro Area euro: calo marcato per la produzione industriale dell Area, a dicembre -0,7% su base mensile Banche

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Morning Call 14 GENNAIO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Tassi:

Dettagli

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Morning Call 9 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Tassi: spread

Dettagli

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento intraday ieri e oggi I temi del giorno La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Tassi:

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Morning Call 18 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Curva a scadenza dei Treasury: oggi e al 30 settembre 2015 I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Mercati

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la. nell Area euro

Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la. nell Area euro Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la produzione industriale nell Area euro Tassi: per

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Morning Call 21 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Indie FtseMib: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Prosegue la tendenza

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre Morning Call 30 OTTOBRE 2015 I temi della settimana Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. la Fed, possibile il rialzo a dicembre Pil Usa del terzo trimestre in calo all 1,5%

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

UBS Dynamic. Portfolio Solution

UBS Dynamic. Portfolio Solution Dynamic 30 giugno 2013 UBS Dynamic Linee di Gestione di UBS (Italia) S.p.A. Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced Linea Equity Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Morning Call 15 APRILE 2015 Sotto i riflettori Irs a 5 anni: andamento I temi del giorno Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Pil della Cina nel primo

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei rcati Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Performance deludenti per i titoli e le materie prime a più alto rischio dal momento che questa settimana

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Euribor ad 1 mese: andamento I temi del giorno Macro Usa: sotto le attese i nuovi occupati ad agosto a +173mila unità, tasso di disoccupazione al 5,1% Tassi:

Dettagli

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Europa: oggi i prezzi al consumo in Francia. Stati Uniti: oggi l indice principale e la fiducia commerciale elaborata dalla Fed di Philadelphia.

Europa: oggi i prezzi al consumo in Francia. Stati Uniti: oggi l indice principale e la fiducia commerciale elaborata dalla Fed di Philadelphia. Morning Call 19 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Rendimento Treasury a 10 anni: andamento I temi del giorno Grecia: domani l Eurogruppo per trovare un compromesso; la Bce amplia a 68,3 miliardi l Ela per

Dettagli

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Eur/Usd: andamento a 5 giorni I temi del giorno Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Tassi: le aspettative

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net 10 otto, 2010 Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Il mercato azionario ha avuto un impennata a metà settimana per poi consolidarsi durante gli ultimi giorni dal momento

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

Fondo Interno Core. 31 luglio 2012

Fondo Interno Core. 31 luglio 2012 Fondo Interno Core 31 luglio 2012 Indice FIDEURAM VITA INSIEME Commento mensile FVI - Fondo Interno Core Classe K FVI - Fondo Interno Core Classe Y FVI - Fondo Interno Core Classe Z Indice Luglio 2012

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 Quadro macro globale 60 ISM manif atturiero Usa PMI manif atturiero Germania PMI manif atturiero Cina 55 50 45 Fonte:

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale in Germania e la riunione della Banca d Inghilterra. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale in Germania e la riunione della Banca d Inghilterra. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 9 APRILE 2015 Sotto i riflettori Tasso implicito del future Euribor 3 mesi dic 2019: andamento I temi del giorno Macro Area euro: vendite al dettaglio in rialzo del 3,0% su base annua; deludono

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 17 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Grecia, oggi il via libera dei Paesi Ue al prestito ponte da 7mld; nuovi fondi Ela per la banche greche

Dettagli

Europa: oggi i prezzi al consumo tedeschi e francesi e le minute della Bce. Stati Uniti: oggi le vendite al dettaglio.

Europa: oggi i prezzi al consumo tedeschi e francesi e le minute della Bce. Stati Uniti: oggi le vendite al dettaglio. Morning Call 13 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Market movers Cina: terza svalutazione per lo yuan, nuova parità

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

Morning Call 23 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa del terzo trimestre rivisto al +2,1% trimestrale annualizzato

Morning Call 23 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa del terzo trimestre rivisto al +2,1% trimestrale annualizzato Morning Call 23 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Curva spot a scadenza dei tassi Euribor I temi del giorno Macro: Pil Usa del terzo trimestre rivisto al +2,1% trimestrale annualizzato Scambi ridotti in

Dettagli

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bonos a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Tassi: rendimenti

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

Morning Call 22 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Giornata decisiva per gli sviluppi della situazione greca: ieri nuova proposta di Tsipras

Morning Call 22 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Giornata decisiva per gli sviluppi della situazione greca: ieri nuova proposta di Tsipras Morning Call 22 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Giornata decisiva per gli sviluppi della situazione greca: ieri nuova proposta

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Dopo il forte rally di giovedì nei mercati azionari statunitensi, le azioni si sono consolidate e sono avanzate leggermente. Un risultato sulle Vendite al dettaglio negli USA peggiore delle attese è stato

Dettagli

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed.

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed. Morning Call 2 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Dow Jones: andamento I temi del giorno Macro: nella manifattura in calo l Ism (Usa), stabile il Pmi (Area euro) Fmi: il rallentamento della Cina

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro. La Federal Reserve Sta per cambiare politica? 4 aprile 2011 Il doppio Mandato della Federal Reserve- Dal 1978, la Federal Reserve è stata incaricata dal Congresso statunitense del doppio mandato di promuovere

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

IL CONTESTO Dove Siamo

IL CONTESTO Dove Siamo IL CONTESTO Dove Siamo INFLAZIONE MEDIA IN ITALIA NEGLI ULTIMI 60 ANNI Inflazione ai minimi storici oggi non è più un problema. Tassi reali a: breve termine (1-3 anni) vicini allo 0 tassi reali a medio

Dettagli

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Morning Call 30 MARZO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Tassi: resta sui

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Scenario economico e politiche

Scenario economico e politiche Scenario economico e politiche Fedele De Novellis Bergamo, 14 giugno 2013 www.refricerche.it Schema generale Rallentamento economia globale nel 2012 (crisi della periferia europea) Reazione politiche monetarie

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Quadro generale L ultimo mese dell anno è stata sostanzialmente positivo per gli investitori, anche se caratterizzato da una significativa

Quadro generale L ultimo mese dell anno è stata sostanzialmente positivo per gli investitori, anche se caratterizzato da una significativa Quadro generale L ultimo mese dell anno è stata sostanzialmente positivo per gli investitori, anche se caratterizzato da una significativa volatilità, e segnato, soprattutto, da un evoluzione diversa dalle

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 1 Gennaio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Considerazioni riassuntive degli indicatori analizzati

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico ASSET SG S.p.A. A SOCIO UNICO Via Tre Settembre, 210 47891 Dogana R.S.M.

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Rialzo dei mercato azionari durante questa settimana grazie ai dati migliori delle attese provenienti dalla Cina che hanno ridato

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti. Morning Call 22 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Ibex: andamento I temi del giorno Macro: oggi il dato finale del Pil Usa del terzo trimestre Il voto spagnolo e lo stallo politico pesano su azionario

Dettagli