(Daniela Perco, Elisa Bellato) Regionale Cultura - Informazione e Flussi Migratori, Canova, Treviso, 1999.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(Daniela Perco, Elisa Bellato) Regionale Cultura - Informazione e Flussi Migratori, Canova, Treviso, 1999."

Transcript

1 Il museo etnografico è uno specchio in cui una comunità può riconoscersi, leggendo la propria origine, la propria identità, il proprio futuro, ed è lo strumento con cui essa può comprendere i problemi del suo avvenire George Henri Rivière (Daniela Perco, Elisa Bellato) I MUSEI ETNOGRAFICI NEL VENETO L intervento qui di seguito vuole essere una introduzione sintetica alla realtà dei musei etnografici della Regione del Veneto. Si tratta di una panoramica che non intende essere esaustiva, ma solo registrare alcuni aspetti che emergono da una visione di insieme e dare dunque l avvio ad un approfondimento del settore. Museo, collezione o deposito? Prima di esaminare alcuni dati relativi ai musei locali, che pur mostrando alcune significative differenze hanno parecchi elementi in comune, vorremmo sottolineare il fatto che in qualche caso la denominazione museo risulta inadeguata. Si tratta infatti spesso di collezioni più o meno consistenti, nate da istanze locali, depositate in luoghi di fortuna, che non hanno gli standard minimi richiesti ad un museo. Oppure di siti il cui uso tradizionale è stato dismesso e viene allora organizzata una fruizione pubblica. Questo non significa che tali strutture non abbiano svolto e non svolgano un ruolo importante all interno del territorio in cui si trovano. Il rischio però è che i dati delle rilevazioni statistiche riportino una situazione museale del Veneto magari molto ricca sul piano numerico, ma a cui non corrisponde una vera consistenza di realtà con un ruolo culturale significativo, anche solo per orario garantito di apertura al pubblico ed efficacia comunicativa dell esposizione. Molto spesso la carenza principale rilevata da più parti, specificatamente in questo settore, riguarda proprio la mancanza di un confronto con strumenti e risorse professionali di gestione, che consentano a queste strutture di aprirsi a orizzonti di possibilità più ampi ed utili. Dati a confronto L ultimo censimento ufficiale dei musei del Veneto, realizzato tra il 2004 e il , registra un incremento considerevole di unità rispetto alla rilevazione precedente del Si è passati da 243 a 340 musei rinvenuti nel territorio regionale. Il forte aumento del numero di musei riguarda particolarmente il 1 Realizzato dall istituto di ricerca Observa per conto della Regione Veneto. 2 L. Bernardi, I musei del Veneto. Un indagine statistica, Giunta regionale del Veneto. Direzione Regionale Cultura - Informazione e Flussi Migratori, Canova, Treviso, 1999.

2 settore DEA demo-etno-antropologico, anche se la lettura dei dati non è immediata da questo punto di vista. Infatti materiale riconducibile all ambito dell etnografia, utilizzato per una interpretazione articolata dell ambiente nei suoi contenuti storici e antropici, è presente in varia misura in musei di diversa categoria. Il censimento distingue, oltre ai musei specificatamente etnografici e antropologici (50), i musei compositi (25), musei della storia del territorio (35) e musei specializzati (84). Tutti comunque si può riconoscere concorrano, da prospettive e con strumenti diversi, ad analizzare spaccati di cultura locale, magari evidenziandone le connessioni e gli sviluppi in ambiti più vasti. Categoria dei musei BL PD RO TV VE VI VR totale Storia del territorio Etnografia e ,0% 11,4% 0,0% 11,4% 22,9% 20,0% 14,3% 100,0% antropologia 22,0% 14,0% 10,0% 8,0% 6,0% 26,0% 14,0% 100,0% Specializzato Composito ,3% 17,9% 6,0% 14,3% 13,1% 17,9% 16,7% 100,0% ,0% 12,0% 16,0% 8,0% 16,0% 12,0% 24,0% 100,0% (Dati tratti da A. Zambonin, 2005: censimento dei musei del Veneto, Giunta regionale del Veneto. Direzione regionale Beni Culturali, collana Strumenti dell Osservatorio Regionale dei Musei del Veneto, n. 7, Venezia, dicembre 2005, p.7) Province capofila La distribuzione territoriale di questi musei non è uniforme, in particolare si distingue per numero la provincia di Vicenza con un primato assolutamente recente. È degli ultimi 5-6 anni infatti la nascita di nuovi 9 musei di interesse etnografico e 7 musei che raccontano da punti di vista vari il territorio vicentino. Si conferma invece il forte interesse coltivato nel tempo per questo settore dalla provincia di Belluno. Tale fatto sembra poter essere collegato sia alla configurazione del territorio, sia alla presenza significativa di minoranze etnico-linguistiche (cimbri, ladini, sappadini), che sembrano particolarmente sensibili all urgenza di rappresentare le loro peculiarità storico-culturali anche attraverso i musei, sia infine al ruolo dell emigrazione temporanea e permanente che ha sconvolto l assetto sociale, ancor prima dei processi di industrializzazione. Molto spesso infatti le iniziative museali di recupero di contesti di vita e di lavoro del passato sono promosse proprio da coloro che si sono allontanati, in maniera più o meno permanente, dalla realtà di origine (geograficamente o anche solo culturalmente per professione) e che con questa hanno sviluppato un legame identitario rafforzato proprio dalla distanza. Tappe costitutive Il desiderio di raccogliere e conservare le tracce materiali di una civiltà in via di trasformazione e sparizione, è stato innescato evidentemente dagli stravolgimenti economici e sociali in atto a partire dagli anni 50 e 60. Nel concreto però la realizzazione di questa tipologia di musei è iniziata solo alla

3 fine degli anni 80, con poche eccezioni precedenti. E le motivazioni per questo tipo di iniziative persistono. Si continua infatti a registrare la nascita di nuovi musei e altri sono in fase di istituzione. In realtà capita anche che molti di questi progetti rivelino una origine lontana nel tempo, richiedendo molti anni per riuscire ad essere concretizzati. A conferma di una complessità particolare di questa tipologia museale, apparentemente di facile e immediata realizzazione, ma che richiede invece il coinvolgimento di più competenze, e suscita sempre delle reazioni nella comunità di riferimento. Etnografi spontanei I protagonisti di questa museografia di base non sono quasi mai degli antropologi o storici, ma appassionati di formazione ed estrazione diversa: componenti di gruppi folkloristici, che accanto ad un'attività di riproposta di canti e balli ispirati alla tradizione, hanno raccolto nel tempo oggetti di varia natura, associazioni, cultori della perfetta, pur semplice, funzionalità degli attrezzi artigianali, infine intellettuali organici alle comunità, spesso insegnanti di vario grado. Più rare sono le figure di collezionisti veri e propri (come Alberto Cosulich fondatore del Museo dell Uomo di Susegana), nelle cui raccolte si legge una certa organicità di intenti e un filo conduttore più propriamente museologico. Esempio di particolare interesse in questo caso è il Museo dell Uomo. Uno dei problemi di questo tipo di rappresentazione della realtà è il legame troppo stretto tra persone e cose, tra storie individuali e collezioni. Gli artefici di tali iniziative sono quasi sempre coloro che hanno creato il museo, che contemporaneamente ne garantiscono l apertura al pubblico, guidandolo a capire quel frammento di passato che hanno voluto conservare. Generalmente sanno tutto o quasi degli oggetti esposti, ne conoscono le qualità intrinseche e l efficacia tecnica, li fanno rivivere attraverso l esperienza personale, stabiliscono connessioni pertinenti. Molto spesso li restaurano alla ricerca di una integrità di forme e funzioni che riesca a suscitare l interesse dei visitatori riportandoli all uso originario. E si tratta, di frequente, di operazioni in contrasto con le esigenze scientifiche di conservare l oggetto, senza snaturarne l aspetto determinato dal suo attraversamento delle epoche storiche. Limiti e risorse informative Il materiale raccolto è raramente catalogato e non ha didascalie. La carenza di supporti informativi, in questi casi è compensata dalla comunicazione orale. L esposizione viene allora valorizzata tramite la visita guidata, strumento fondamentale per ogni museo, ma che evidentemente non può essere garantita in ogni momento. Il legame esclusivo tra queste iniziative e i loro promotori fa si che con la scomparsa di questi etnografi spontanei, come li ha definiti Pietro Clemente, i musei/collezioni perdano gran parte del loro significato e le relazioni tra gli oggetti risultino incomprensibili ai più. Un esame della tipologia dei reperti conservati in tali luoghi di memoria appare rivelatore, poiché ciò che prevale è un intento documentario e interpretativo del proprio microcosmo, in cui gli oggetti siano in grado di suscitare emozioni

4 legate a un vissuto, di far riemergere storie, parole, situazioni di un passato recente. Sono dunque, in molti casi, manufatti abbastanza comuni e diffusi, relativi all ambito domestico e lavorativo, con forti squilibri verso alcune categorie (per es. i filatoi, gli arcolai, gli aratri, i gioghi, gli scaldaletto, le suppellettili della cucina), scarsamente rivelatori della specificità culturale dell'area a cui si riferiscono. Varietà tipologica e istituzionale Nel panorama veneto, accanto a musei che si pongono l'obiettivo di rappresentare una civiltà rurale, una comunità nel suo complesso dispiegarsi, ve ne sono altri che isolano un aspetto della realtà particolarmente significativo. Si tratta di iniziative di natura diversa, sia per intenti che per appartenenza istituzionale. Ci sono musei privati legati a delle aziende come il Museo della Grappa Poli Jacopo a Bassano (VI) e il Museo dell olio a Cisano di Bardolino (VR); musei inseriti in una rete museale come il Museo etnografico sulla lavorazione del legno a San Vito di Leguzzano (VI) e il Museo dell arte serica e laterizia a Malo (VI), volti a documentare cicli produttivi o tecnologie particolari; musei che si distinguono perché espongono numerose varianti di uno stesso manufatto, esaltando la specificità artigianale del territorio, come: il Museo dei cuchi - fischietti di terracotta- a Cesuna (VI), il Museo del merletto a Burano (VE), il Museo della ceramica di Nove (VI)). Particolarmente numerosi quelli che affrontano temi legati all acqua, soggetto evidentemente significativo per questa regione: il Museo civico della navigazione fluviale di Battaglia Terme (VE), il Museo degli zattieri del Piave, Centro internazionale studi sulle zattere di Codissago (BL), il Museo del cìdolo e del legname di Perarolo di Cadore (BL), il Museo della bonifica di San Donà di Piave (VE) e il Museo del territorio e delle Valli della Laguna di Venezia a Campagna Lupia (VE). Musei specializzati Ultimamente si è affermata una positiva tendenza alla specializzazione che segnala la necessità di investire in iniziative museali ben focalizzate. Approfondendo temi e aspetti specifici si rende così più articolato il panorama espositivo regionale, evitando il ripetersi di esposizioni generaliste di scarso aiuto nella comprensione dell ambiente in cui sorgono. Pensiamo ad esempio al Museo del ferro e del chiodo di Forno di Zoldo (BL), al Museo Canal di Brenta (sui terrazzamenti e la coltivazione del tabacco) a Valstagna (VI), al Museo internazionale della maschera Amleto e Donate Sartori ad Abano Terme (PD).In questa categoria di musei di approfondimento rientra una realtà particolarmente interessante: il Museo nazionale della giostra e dello spettacolo popolare di Bergantino (RO). Inaugurato nel 1999, il museo nasce da un progetto di ricerca voluto dalla provincia di Rovigo e dal Comune di Bergantino, a cui hanno partecipato l Accademia dei Concordi di Rovigo, il Centro Etnografico Ferrarese e il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma.

5 Musei provinciali come riferimenti territoriali Vorremmo concludere questo breve excursus, soffermandoci sui due musei provinciali attualmente esistenti nel Veneto, che come tali svolgono un ruolo di riferimento nell area di competenza per le altre realtà del settore: Il Museo etnografico della provincia di Belluno e del Parco Nazionale delle Dolimiti Bellunesi e il Museo etnografico provinciale Case Piavone a Treviso. Il primo, la cui parte funzionale è stata inaugurata nel 1997, ha sede in una villa ottocentesca a Seravella di Cesiomaggiore (BL). Il Museo etnografico della provincia di Belluno e del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi è nato da un progetto scientifico di documentazione e di studio sulla cultura popolare nella provincia di Belluno, attuato dalla Comunità Montana Feltrina a partire dal 1979, attraverso il Centro per la documentazione della cultura popolare, in stretta collaborazione con il Gruppo folkloristico di Cesiomaggiore. La gestione, in base ad una convenzione tra gli enti promotori, è affidata all'amministrazione provinciale di Belluno. Il Museo si configura come centro di coordinamento di iniziative riguardanti la cultura popolare nel territorio, fornendo strumenti scientifici e supporti operativi per il loro sviluppo. Svolge tra l altro attività di catalogazione, di ricerca e pubblicazione. Ha costituito un archivio sonoro - fotografico e una biblioteca specializzata sui temi della cultura popolare. La parte ostensiva del Museo si snoda in un insieme di percorsi antropologici (mobilità ed emigrazione, cura del corpo, balie da latte, rapporto uomini e animali, ecc.) che cercano di restituire la notevole varietà di situazioni presenti in provincia di Belluno (la zona ladino-dolomitica, la comunità di Sappada di origine carinziana, la fascia prealpina), evidenziando al tempo stesso gli stretti legami esistenti con altre aree dell arco alpino. Il Museo ospita un Punto Informazioni del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Con questo ente, parte del Comitato di gestione, è stato avviato un progetto pluriennale che prevede indagini agronomiche ed etnobotaniche sulle varietà dell agricoltura tradizionale. Il Museo etnografico provinciale Case Piavone, inaugurato nell aprile 2002, è una realtà in divenire, che ha sede in un complesso architettonico rurale adiacente al parco urbano dello Storga, con una estensione di 67 ettari. Nato dalla stretta collaborazione tra il Gruppo Folcloristico Trevigiano, che in trent anni di attività ha raccolto un importante patrimonio di oggetti, e l Amministrazione provinciale di Treviso, il Museo comprende un Centro Studi e Ricerche, dotato di una Biblioteca e di un Archivio sonoro e visivo, gestito in stretta collaborazione con l Istresco 3. La parte espositiva, prevede l organizzazione di mostre temporanee che approfondiscono di volta in volta temi legati alla cultura tradizionale locale. La prima mostra è stata dedicata alla abitazione e ai lavori di un tempo. Attualmente è in corso una seconda esposizione dedicata alle bilance nella storia. 3 Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea della Marca Trevigiana.

6 Tendenze innovative I musei locali di interesse etnografico continuano a proliferare nel territorio veneto, spesso dietro la spinta di associazioni culturali, che auspicano in parallelo la fondazione di centri di documentazione, o di Comuni e Comunità Montane che vedono nei musei un occasione di valorizzazione del territorio. Da non dimenticare inoltre i contributi in termini finanziari provenienti, negli ultimi anni, a questo settore dalla Comunità Europea. È significativo notare come le modalità con cui vengono perseguiti gli obiettivi siano cambiate nel tempo risultando meno improvvisate: si cerca in genere la consulenza di antropologi e storici, si richiedono progetti scientifici che definiscano i contenuti, e che precedano la progettazione da parte dell architetto della struttura espositiva. Si accetta in sostanza l idea che la realizzazione di un museo etnografico debba avvalersi di competenze specifiche. Le denominazioni adottate per definire la natura di questi musei continuano a essere piuttosto eterogenee. Spesso però vengono scelte locuzioni che sottolineano il legame del museo con il contesto geografico a cui appartiene, esaltando dunque la specificità locale del patrimonio riconosciuta come caratteristica di valore. Si coglie anche un uso abbastanza diffuso del termine etnografico, definizione che progressivamente ha sostituito aggettivi quali folklorico, contadino o popolare, intendendo suggerire un approccio maggiormente scientifico. Questioni gestionali Un aspetto che appare ancora complessivamente limitato è la progettualità a lunga scadenza e cioè la capacità degli enti o realtà varie, che promuovono e finanziano la nascita di nuovi musei, di prevederne anche una gestione ordinaria efficace, con un adeguato investimento di spesa che consenta la presenza di professionisti competenti, al di là del contributo offerto dal volontariato, risorsa evidentemente importante ma non sufficiente. Si sta invece affermando in varie province del Veneto l istituzione di reti museali, di sistemi, di itinerari, di ecomusei che collegano tra loro le diverse realtà, anche piccole e non necessariamente di natura strettamente etnografica. Di particolare interesse è ad esempio la rete dei musei dell Alto Vicentino, che si sviluppa in un territorio ricco di siti della civiltà industriale e che collega testimonianze del lavoro artigianale (Museo dell arte serica e laterizia di Malo, Museo del maglio di Breganze, Museo civico della ceramica di Nove, Museo dei cappelli di paglia di Marostica) e realizzazioni dell industria moderna (Museo delle macchine tessili di Valdagno). In maniera similare, il Sistema Museale della Lessinia riunisce e coordina musei di tipologie diverse che illustrano la complessità del paesaggio nei suoi aspetti naturalistici, etnografici e storici. In questa prospettiva di valorizzazione territoriale, auspicata anche dalla Regione del Veneto, assumono un particolare rilievo le numerose iniziative di restauro conservativo e di apertura al pubblico di opifici proto-industriali o

7 legati alla bonifica (il maglio di Pagnano d Asolo, il mulino di Arabba o quello di Pramaggiore, l idrovora ottocentesca di Adria) o di costruzioni significativamente legate ad un economia di tipo agricolo o silvo-pastorale: la giassara (ghiacciaia) del Griez (VI) e il Baito della Colletta (per la lavorazione del burro), le calchère (fornaci) della Val Canzoi (BL), la latteria di Fornesìghe (BL), la fucina del Favero di Perarolo di Cadore (BL), ecc. L auspicio allora è di rafforzare il coordinamento di questo settore ricco di motivazioni, entusiasmo e impegno partecipativo, ma troppo spesso povero di risorse di vario tipo, non solo economiche, che gli consentano di rimanere una realtà in grado di rispondere alle esigenze di un mondo in continua e veloce trasformazione. Nota bibliografica - Musei e biblioteche della provincia di Belluno, a cura di P. Conte, Amministrazione Provinciale di Belluno, Belluno, Per un sistema museale della provincia di Treviso, Catalogo generale dei musei e delle realtà similari, E. Bellato e A. Bellieni, Ed. Provincia di Treviso, Treviso, Guida ai Musei Etnografici Italiani, R. Togni e G. Forni e F. Pisani, Leo S. Olschki, Firenze, Musei etnografici del Veneto, a cura di U. Bernardi, Regione del Veneto, Guide Artistiche Electa, Milano, I musei del Veneto. Un indagine statistica, L. Bernardi, Osservatorio Regionale Musei del Veneto, Direzione Regionale Cultura-Informazioni e Flussi migratori, Treviso, Itinerari Etnografici del Veneto. La Piave, a cura di D. Perco, Regione del Veneto, Feltre, Itinerari etnografici del Veneto. Le Campagne, a cura di D. Gasparini, Regione del Veneto, Verona, I musei etnografici nel Veneto e la tutela dei beni demoetnoantropologici, D. Perco, in Il patrimonio museale antropologico. Itinerari nelle Regioni Italiane: riflessioni e prospettive, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Roma, 2002, ristampa : censimento dei musei del Veneto, A. Zambonin, Giunta regionale del Veneto. Direzione regionale Beni Culturali, collana Strumenti dell Osservatorio Regionale dei Musei del Veneto, n. 7, Venezia, dicembre Oggetti e luoghi: un percorso tra i musei etnografici, E. Bellato e D. Perco, in Belluno nel regno delle Dolomiti, Biblos - Regione del Veneto, Cittadella, 2005, pp Musei della Marca Trevigiana. Analisi e prospettive, L. Baldin e A. Gobbo, Regione del Veneto, Treviso, 2006

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Premessa Il MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE di Schilpario successivamente indicato solamente come MUSEO ETNOGRAFICO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2655 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GASPARINI, CASATI, CIMBRO, COVA, FIANO, LAFORGIA, MAL- PEZZI, MARZANO, MAURI, PELUFFO, PICCOLI

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MUSEO DELLA CIVILTA ' DEL VINO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MUSEO DELLA CIVILTA ' DEL VINO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA COMUNE DI BUTTRIO P R O V I N C I A D I U D I N E REGOLAMENTO COMUNALE DEL MUSEO DELLA CIVILTA ' DEL VINO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA Approvato con deliberazione consiliare n 35/2000

Dettagli

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore Premessa Il Museo Palazzo Corte Metto (ex Museo della Flora, Fauna e Mineralogia) farà parte della costituenda rete museale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

Il museo della scuola e dei bambini

Il museo della scuola e dei bambini Il museo della scuola e dei bambini Plesso Collodi scuola Gigante Neghelli Cavalleggeri d Aosta Napoli Senza Memoria non c è Futuro Dietro una piccola porta, al piano terra della scuola Collodi di Napoli,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Denominazione Ente: Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina Indirizzo: Via E. Mach, 2 38010 San Michele all Adige (TN) Recapito telefonico: 0461-650314

Dettagli

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 L attività si è sviluppata attraverso tre linee di lavoro: 1. costituzione di reti provinciali e di un

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

LA VIA DEL RICAMO Intrecci di fili, intrecci di vita

LA VIA DEL RICAMO Intrecci di fili, intrecci di vita KIZE teatro in collaborazione con MUSEO DELLA TAPPEZZERIA VITTORIO ZIRONI PRESENTANO LA VIA DEL RICAMO Intrecci di fili, intrecci di vita Spettacolo sui tesori ricamati dell industria artistica emiliana

Dettagli

Il Museo Giovanni Alberto Agnelli e l'archivio Storico Antonella Bechi Piaggio

Il Museo Giovanni Alberto Agnelli e l'archivio Storico Antonella Bechi Piaggio Il Museo Giovanni Alberto Agnelli e l'archivio Storico Antonella Bechi Piaggio Un caso di successo e integrazione tra passione e rapporto col territorio Mariamargherita Scotti Fondazione Piaggio Breve

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

STRUTTURA DI PROGETTAZIONE

STRUTTURA DI PROGETTAZIONE prof. Giancarlo Baronti dott. Daniele Parbuono STRUTTURA DI PROGETTAZIONE TAVOLO ALLARGATO PARTECIPATIVO: - Amministrazione Comunale di Castiglione del Lago - Regione Umbria - Provincia di Perugia - Università

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

La sperimentazione della scheda BDI (Beni demoetnoantropologici immateriali)

La sperimentazione della scheda BDI (Beni demoetnoantropologici immateriali) Corsi formativi per catalogatori di beni culturali L.R. 2/1986. Anno 2007. Assegnazione di contributo ex DGR n.3555 del 13 novembre 2007 La sperimentazione della scheda BDI (Beni demoetnoantropologici

Dettagli

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni Il Gruppo di Lavoro Italiano per la definizione dei Criteri di Qualità dei Siti Web della Cultura nella prima riunione tenutasi a Roma l 11 novembre 2002, ha fissato il proprio programma di lavoro come

Dettagli

Proposte di attività con le scuole

Proposte di attività con le scuole In collaborazione con i Comuni di Cismon del Grappa, Valstagna, San Nazario, Campolongo sul Brenta, Solagna, Pove del Grappa, Romano d Ezzelino, Bassano del Grappa OP!IL PAESAGGIO È UNA PARTE DI TE Proposte

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Regione Veneto Provincia di Venezia Comune di Venezia. Assessorato all Istruzione della Provincia di Venezia

BANDO DI CONCORSO. Regione Veneto Provincia di Venezia Comune di Venezia. Assessorato all Istruzione della Provincia di Venezia 1 BANDO DI CONCORSO MAV IL MUSEO DI ALTINO CHE VERRÀ Concorso per le scuole di ogni ordine e grado del Veneto Il concorso, promosso dal Museo Archeologico Nazionale di Altino, dai Servizi Educativi della

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Roma, marzo 2015. Roma, 9 marzo 2015. Zétema Progetto Cultura. Dott.ssa Roberta Biglino

Roma, marzo 2015. Roma, 9 marzo 2015. Zétema Progetto Cultura. Dott.ssa Roberta Biglino Roma, 9 marzo 2015 Zétema Progetto Cultura Dott.ssa Roberta Biglino 1 Un azienda multiservizi La Società opera in più aree strategiche e agisce in una logica di integrazione, specializzazione e coordinamento:

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo:

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo: PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO PILOTA DI RICONVERSIONE COLTURALE, CON FINALITÁ ECOLOGICHE E PAESAGGISTICHE, DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE DEI COMUNI DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei

4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei 4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei SCHEDA 4 DATI GENERALI EVENTO CULTURALE: Federico Zandomeneghi, impressionista veneziano LUOGO: Milano, Fondazione Antonio Mazzotta PERIODO: 20

Dettagli

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI Oggetto del bando Il bando mira a selezionare 12 persone al fine di costruire un gruppo che possa partecipare con motivazione, interesse

Dettagli

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO Regione Autonoma della Sardegna Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO DIRETTIVE SCIENTIFICHE PER IL TRIENNIO 2006/2008 E PROGRAMMA ANNUALE DI ATTIVITÀ 2006 Direttive scientifiche

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso 1 1. PREMESSA Con deliberazione n.57 del 12 Luglio 2007 il Consiglio Regionale

Dettagli

Laboratorio della Memoria

Laboratorio della Memoria Comune di Gemmano Laboratorio della Memoria Progetto 2006 a cura dell Auser Provinciale di Rimini 1 Laboratorio della Memoria 2006 Premessa Il presente progetto è la prosecuzione del progetto approvato

Dettagli

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI VILLAGGI In questa azione il concetto di accesso a un bene patrimoniale viene esteso ad una più ampia valorizzazione della vita

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Il TCI ha il merito di aver inventato il turismo in Italia e di aver fatto dell Italia dei primi anni del 900 un Paese reale, vicino e accessibile.

Il TCI ha il merito di aver inventato il turismo in Italia e di aver fatto dell Italia dei primi anni del 900 un Paese reale, vicino e accessibile. Il Touring Club Italiano (T.C.I.), con sede in Milano, costituito l'8 novembre 1894 con la denominazione di Touring Club Ciclistico Italiano, ha come scopo lo sviluppo del turismo, inteso anche quale mezzo

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

GESTIRE E VALORIZZARE I BENI CULTURALI Il contributo strategico dei servizi di Facility Management

GESTIRE E VALORIZZARE I BENI CULTURALI Il contributo strategico dei servizi di Facility Management FMI - Facility Management Italia GESTIRE E VALORIZZARE I BENI CULTURALI Il contributo strategico dei servizi di Facility Management Arch. Carmen Voza Roma, Auditorium Ara Pacis 24.11. 15 Beni Culturali

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

Il nostro paese. Incontro con Collegio Docenti

Il nostro paese. Incontro con Collegio Docenti Il nostro paese Incontro con Collegio Docenti Concorezzo, 28 Ottobre 2015 1 L Archivio Storico (ASC) Via S.Marta 20 Concorezzo www.archiviodiconcorezzo,it mail: info@archiviodiconcorezzo.it L Archivio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO FOLGARIA LAVARONE LUSERNA

ISTITUTO COMPRENSIVO FOLGARIA LAVARONE LUSERNA ISTITUTO COMPRENSIVO FOLGARIA LAVARONE LUSERNA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA' ORGANIZZATE IN COLLABORAZIONE TRA L ISTITUTO COMPRENSIVO DI FOLGARIA, LAVARONE E LUSERNA E LA MAGNIFICA

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA

PROGETTAZIONE DIDATTICA Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice - PROGETTAZIONE DIDATTICA Classe II sezione A PROGETTAZIONE DIDATTICA DI GEOGRAFIA Scuola secondaria di primo grado Anno scolastico 2013-2014 1. FINALITÀ

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

2 & 3 ZONA RURALE TUTELATA E TURISMO SOSTENIBILE:

2 & 3 ZONA RURALE TUTELATA E TURISMO SOSTENIBILE: UTILIZZO della MISURA 323 del PSR Sottomisura B Azione 2 & 3 ZONA RURALE TUTELATA E TURISMO SOSTENIBILE: valorizzazione e recupero del patrimonio testimonianza dell economia rurale E Azione 4 Il Piano

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

La Filosofia dello Urban Center Una delegazione bresciana in viaggio a Torino

La Filosofia dello Urban Center Una delegazione bresciana in viaggio a Torino Brescia, 6 Ottobre 2008 COMUNICATO STAMPA La Filosofia dello Urban Center Una delegazione bresciana in viaggio a Torino Mercoledì 8 ottobre, una delegazione bresciana si recherà a Torino per incontrare

Dettagli

Incontri d Arte CONTENUTI. 2 edizione La Botte

Incontri d Arte CONTENUTI. 2 edizione La Botte Incontri d Arte 2 edizione La Botte 05/08/2015 CONTENUTI La mostra itinerante Incontri d Arte La Botte è il racconto di come, duemila anni fa, la scoperta della botte sia stata cruciale per l espansione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO. ATTiVITà didattica

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO. ATTiVITà didattica ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO ATTiVITà didattica MUSEo del tessuto Con i suoi 3.600 mq di superficie espositiva, il Museo del Tessuto è il più dinamico centro culturale d Italia

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI. TITOLO I Costituzione del servizio

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI. TITOLO I Costituzione del servizio REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI TITOLO I Costituzione del servizio 1 Costituzione, denominazione e sede Il Comune di Mantova, richiamate: la fondazione del

Dettagli

I Centri Servizio Volontariato del Veneto

I Centri Servizio Volontariato del Veneto I Centri Servizio Volontariato del Veneto l sette Centri Servizi Volontariato - CSV gestiti dai coordinamenti provinciali del volontariato (Enti gestori), sono enti che raggruppano 1.716 associazioni,

Dettagli

www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni

www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni il progetto La città di Mantova custodisce nei suoi

Dettagli

Veneto cantiere cultura energia creativa

Veneto cantiere cultura energia creativa Veneto cantiere cultura energia creativa Atlante Veneto della Cultura FEDERCULTURE statistiche e analisi sulle dinamiche del settore cultura in Veneto Roberto Grossi, Presidente Federculture L ATLANTE

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE !! 1. INTRODUZIONE Il Progetto d integrazione tra lavoratori e soggetti svantaggiati si inserisce in un attività più ampia realizzata nell ambito del Progetto Equal S.O.LE., e precisamente nell attività

Dettagli

ISTITUTO CANOSSIANO MADONNA DEL GRAPPA TREVISO. Conegliano 10 settembre 2008 CONOSCERE I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DYSLEXIC?

ISTITUTO CANOSSIANO MADONNA DEL GRAPPA TREVISO. Conegliano 10 settembre 2008 CONOSCERE I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DYSLEXIC? ISTITUTO CANOSSIANO MADONNA DEL GRAPPA TREVISO Conegliano 10 settembre 2008 CONOSCERE I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DYSLEXIC? CHE COS E L A.I.D. E un organizzazione di volontari senza scopo di

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

LA SALA VIRTUALE DELL INDUSTRIA LECCHESE

LA SALA VIRTUALE DELL INDUSTRIA LECCHESE Rotary Club Lecco Comune di Lecco Musei Civici LA SALA VIRTUALE DELL INDUSTRIA LECCHESE Inaugurazione ufficiale Sabato 19 Gennaio 2008 ore 11,00 Museo Storico - Palazzo Belgiojoso Lecco 2 1. Gli Obiettivi

Dettagli

Allegato alla Delibera di GIUNTA COMUNALE. n. 129 del 29.04.2015

Allegato alla Delibera di GIUNTA COMUNALE. n. 129 del 29.04.2015 Allegato alla Delibera di GIUNTA COMUNALE n. 129 del 29.04.2015 Premesso che La tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale concorrono a preservare la memoria della comunità nazionale e del suo

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 10 2. TITOLO AZIONE VINCERE LE DIPENDENZE SI PUO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

La sostenibilità incontra i paesaggi italiani PTCP di Prato e di Lecce. Chiara Barattucci

La sostenibilità incontra i paesaggi italiani PTCP di Prato e di Lecce. Chiara Barattucci Università IUAV di Venezia Facoltà di Architettura Clasa - AA 2010-2011 Progettazione urbanistica 1G La sostenibilità incontra i paesaggi italiani PTCP di Prato e di Lecce Chiara Barattucci (Sintesi per

Dettagli

Progetto Da donna a donna

Progetto Da donna a donna Progetto Da donna a donna Un mosaico di iniziative in occasione dei 40 anni del Circolo BNL Presentato dalla Sezione Palcoscenico CCRS BNL di Roma in collaborazione con Il circolo BNL Nel cuore La fase

Dettagli

Progetto EST. Educare alla Scienza e alla Tecnologia

Progetto EST. Educare alla Scienza e alla Tecnologia Progetto EST Educare alla Scienza e alla Tecnologia Educare alla Scienza e alla Tecnologia (EST) è un progetto educativo pluriennale che si rivolge ai bambini e ai ragazzi delle scuole elementari e medie

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

4 motivi per partecipare

4 motivi per partecipare 4 motivi per partecipare È un occasione per entrare in contatto con 60.000 visitatori, attenti, curiosi e interessati, alla ricerca di nuovi materiali e idee per arredare o per rinnovare gli ambienti della

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze VERSO I TRAGUARDI DI COMPETENZA Geografia 5ª si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali; riconosce e denomina i principali oggetti

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

idee per il libero mercato

idee per il libero mercato idee per il libero mercato Quali forme di gestione per i musei italiani? La Grande Brera e il futuro del nostro patrimonio culturale Finalità dello studio Produrre una panoramica anche attraverso l esposizione

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE 1 SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE Come i musei si aprono alla società: l organizzazione dei servizi educativi I Servizi educativi dei Musei si collocano nel progetto di valorizzazione

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELL'UTENTE DEL MUSEO DI STORIA NATURALE ED ARCHEOLOGIA DI MONTEBELLUNA

CARTA DEI DIRITTI DELL'UTENTE DEL MUSEO DI STORIA NATURALE ED ARCHEOLOGIA DI MONTEBELLUNA CARTA DEI DIRITTI DELL'UTENTE DEL MUSEO DI STORIA NATURALE ED ARCHEOLOGIA DI MONTEBELLUNA Il fruitore di servizi del museo ha diritto A) A ricevere in modo chiaro ed efficace tutte le informazioni sul

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Mendrisio, 18 marzo 2008 Conferenza stampa del 18.03.2008 - ore 10.30 - Mendrisio

COMUNICATO STAMPA Mendrisio, 18 marzo 2008 Conferenza stampa del 18.03.2008 - ore 10.30 - Mendrisio COMUNICATO STAMPA Mendrisio, 18 marzo 2008 Conferenza stampa del 18.03.2008 - ore 10.30 - Mendrisio Il coordinamento di piccoli e grandi istituti culturali di una Regione e la promozione delle loro attività

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Asse 3 Patrimonio naturale e culturale

Asse 3 Patrimonio naturale e culturale INTERREG V : ITALIA AUSTRIA 2014-2020 Asse 3 Patrimonio naturale e culturale Flavia Zuccon UCR Veneto direttore Sezione Cooperazione Transfrontaliera e Territoriale Europea IP 6 c Conservare proteggere

Dettagli

MUSEI DI CLASSE. Premessa

MUSEI DI CLASSE. Premessa MUSEI DI CLASSE Attività didattica per la scuola primaria e secondaria Premessa 1 La didattica museale acquista sempre maggiore importanza all interno delle attività ordinarie dei musei per la sua valenza

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO Presentazione Da qualche anno il turismo è diventato in quasi tutto

Dettagli

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7 Bando per la selezione di manifestazioni di interesse ad interventi per la fruibilità turistica e ricreativa in aree interessate da attività estrattive Articolo 1. Contenuto del bando ed obiettivi 1. Il

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

I SOGGETTI DI SPETTACOLO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA

I SOGGETTI DI SPETTACOLO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA I SOGGETTI DI SPETTACOLO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Censimento. Anno 2007. La ricerca ha come obiettivo quello di fotografare il sistema dello spettacolo nella Provincia di Ravenna, attraverso il monitoraggio

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza LA GRANDE CRISI RACCONTATA DAI NUMERI di Maurizio Gambuzza Saldi delle posizioni lavorative dal 3 giugno 28 per genere e cittadinanza 5-5 -1-15 -2-25 Uomini italiani Donne italiane Uomini stranieri Donne

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI,

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ACCORDO ATTUATIVO dell Accordo di collaborazione per la valorizzazione e l integrazione

Dettagli