SELEZIONE BANDI UE. CALL Cluster Go International (COS-CLUSTER ) ...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SELEZIONE BANDI UE. CALL Cluster Go International (COS-CLUSTER-2014-3-03) ..."

Transcript

1 L Ufficio dell Agenzia ICE di Bruxelles, in virtù della competenza, del network e della posizione strategica, intende offrire alle piccole e medie imprese italiane - oltre ai classici servizi di assistenza - uno strumento informativo molto pratico, finalizzato ad agevolare l accesso ai finanziamenti europei, anche attraverso la fornitura di servizi personalizzati. Indice

2 SELEZIONE BANDI UE 2 CALL Cluster Go International (COS-CLUSTER ) ABSTRACT L obiettivo principale di questa azione è di intensificare la collaborazione transfrontaliera e transettoriale tra network di cluster e reti di business, per sostenere la creazione di un Partenariato Strategico Europeo dei Cluster, capace di guidare la cooperazione internazionale tra clusters in settori di interesse strategico, con particolare riguardo allo sviluppo delle industrie emergenti. L azione si concentra sulla promozione dell internazionalizzazione dei clusters, all interno dei quali i consorzi interessati abbiano la possibilità di sviluppare e attuare una strategia di internazionalizzazione congiunta e sostenere l internazionalizzazione delle PMI nei confronti dei Paesi terzi. I beneficiari sono consorzi e organizzazioni di cluster e/o reti di imprese, attivi in uno dei Paesi partecipanti a COSME, che siano interessati a organizzare e gestire un partenariato strategico europeo di Cluster. I partenariati sono tenuti a sviluppare una visione strategica comune europea, con una prospettiva globale e obiettivi comuni verso specifici mercati terzi. I consorzi candidati sono liberi di proporre le attività che ritengano pertinenti. Tuttavia, è essenziale che tutte le attività siano debitamente giustificate e chiaramente correlate agli obiettivi stabiliti per ciascuno strand : strand 1: sostegno alle azioni preparatorie per l istituzione e la definizione dei nuovi Partenariati Strategici Europei di Cluster; per cui risultati attesi e deliverables siano un accordo di partnership, un piano strategico di internazionalizzazione ed una roadmap di implementazione; strand 2: sostenere la prima implementazione, il test e l ulteriore sviluppo di partenariati strategici europei di cluster, per cui i risultati attesi e deliverables siano le attività di collaborazione sviluppate e realizzate con i partner internazionali e un quadro di valutazione di monitoraggio con indicatori verificabili. Esempi di attività ammissibili per lo Strand 1: Individuazione di partner strategici iniziali in tutta Europa, ad esempio conducendo una complementarità, compatibilità e disponibilità in termini di strategie, abilità, capacità linguistiche, etc, per l individuazione dei giusti; Partnership building, per esempio attraverso attività di formazione/coaching su come affrontare collaborazione, coordinamento e gestione di Partnerships, e organizzazione di visite ai cluster per i membri della Partnerships e delle loro PMI, gli attori regionali e gli altri soggetti interessati; Consulenza legale per lo sviluppo di una rappresentazione ufficiale del consorzio, ad esempio, esplorando la necessità di una struttura di coordinamento o di gestione, per creare una identità, attraverso, ad esempio, lo sviluppo di una strategia di comunicazione, marketing e branding congiunta, lo sviluppo di un logo comune e di una identità visiva del partenariato; Raccolta di informazioni, per esempio studi e analisi su conoscenza dei mercati e tendenze ed opportunità globali; approfondimenti sugli attori in competizione, sul posizionamento, sulle tendenze ed opportunità del mercato; definizione del valore aggiunto delle competenze combinate all interno del partenariato; individuazione delle opportunità di cooperazione nei Paesi terzi prescelti; visite di prospezione nei Paesi terzi o invito di esperti provenienti da Paesi terzi; Pianificazione della collaborazione, ad esempio coaching/servizi di consulenza per la formulazione di una visione strategica comune e obiettivi comuni; favorire l impegno e la preparazione verso la cooperazione quanto a risorse, staff,conoscenze, IPR; condurre indagini tra i membri delle PMI e altri soggetti interessati per valutare le loro esigenze ed il loro interesse verso la cooperazione; definire l ambito e le modalità di attuazione delle azioni comuni; altre attività pertinenti che associno sviluppo di strategie e azioni di collaborazione operative, con gli attori dei cluster, in particolare le PMI; Azioni congiunte di pianificazione, ad esempio coaching/servizi di consulenza per il tutoraggio alle PMI finalizzato all individuazione di opportunità internazionali nei Paesi terzi strategici; generazione di idee per la collaborazione con i Paesi terzi e individuazione delle azioni comuni da sviluppare e attuare in una seconda fase. Esempi di attività ammissibili per lo Strand 2: Cooperation building con i Paesi terzi finalizzata, in particolare, ad individuare i partner giusti nei Paesi terzi, ad organizzare missioni d informazione ad hoc nei Paesi terzi, unendo i network più rilevanti ed ospitando missioni conoscitive su misura in Europa per i partner internazionali; Ufficio di Bruxelles...

3 Attività di creazione di identità e attività promozionali congiunte su misura, come lo sviluppo di una strategia di comunicazione, marketing e branding congiunta, adattata ai Paesi terzi di destinazione; studi di fattibilità ed assistenza necessaria per definire la funzione di ambasciatore o l apertura di un ufficio di rappresentanza congiunta, nei Paesi terzi; studio di fattibilità sulla creazione di una rappresentanza permanente delle delegazioni internazionali in Europa; esplorazione delle possibilità di utilizzo di uffici regionali/nazionali esistenti all estero, per sostenere la promozione e visibilità congiunta; Attività di matchmaking internazionale con i Paesi terzi, che coinvolga i membri delle PMI della Partnership, come l organizzazione di missioni internazionali di matchmaking tra di matchmaking; nei Paesi terzi e in Europa facilitando incontri su misura C2C e B2B; attività di follow-up sul potenziale di cooperazione individuati in occasione degli eventi di matchmaking; Ciascuna Partnership dovrà allocare una parte di budget nell ambito del progetto strand 2 e senza fare affidamento su finanziamenti COSME supplementari, per partecipare a due eventi di matchmaking internazionali, organizzati in Paesi terzi e/ o in Europa, dai servizi della Commissione europea o dall Agenzia EASME; Collaborazioni operative con i Paesi terzi, che coinvolgano i membri delle PMI del cluster e altre parti interessate. negli Stati membri dell UE o in Paesi partecipanti al programma COSME. I candidati devono presentare: una descrizione di ogni cluster e rete di business coinvolti come partner nel progetto, dimostrando che offra o veicoli servizi di supporto per le imprese, in conformità alla definizione descritta nella sezione 1.3, allegato I del nuovo quadro UE per gli aiuti di Stato alla ricerca, sviluppo e innovazione ; il profilo di cluster completo di ciascun candidato registrato o che pianifichi di registrarsi sulla Piattaforma Europea di Collaborazione. 31/03/2015 CONTRACTING AUTHORITY Commissione europea, DG Imprese & Industria INDICATIVE Il bilancio totale stanziato per il cofinanziamento dei progetti è stimato a Il contributo massimo dell UE concesso per progetto sarà di per lo strand 1 e per lo strand 2. Le azioni di sostegno obbligatorie, nel quadro dello strand 2, includono anche: Attività di apprendimento e di monitoraggio, che possano portare ad un ampliamento e/ o rimodellamento del partenariato, quali la promozione degli scambi tra i partenariati che sviluppino attività nel quadro dello strand 2; contaminazione incrociata e scambio di esperienze, traendo esempio dai casi di successo; attività di monitoraggio che valutino l impatto delle partnership a livello di business e di innovazione. Le attività di monitoraggio dovranno essere collegate agli obiettivi di cooperazione dei partenariati. ogni rappresentante delle PMI di una Partnership dovrà partecipare ad un evento annuale europeo per la promozione delle attività di apprendimento e di monitoraggio, svolte dai diversi partenariati. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ I candidati ammissibili sono organizzazioni di cluster e reti di imprese registrate o che prevedano di registrarsi sulla Piattaforma Europea dei Cluster. Le organizzazioni candidate devono essere stabilite CALL Bando COST: Cooperazione europea nei settori della Scienza e della Tecnologia ABSTRACT COST è una struttura intergovernativa per la cooperazione europea nei settori della scienza e della Tecnologia, che riunisce ricercatori europei, ingegneri e studiosi di diversi paesi membri COST, per sviluppare congiuntamente idee e nuove iniziative in tutti i settori scientifici e tecnologici, attraverso la cooperazione transeuropea. COST incoraggia e incentiva approcci trans/multi/ inter-disciplinari, integrando ricercatori, ingegneri e studiosi in diversi campi e orizzonti, quali le università, i centri di ricerca, le imprese (in particolare piccole e medie) ed altri attori rilevanti. Il bando COST mira a favorire sviluppi scientifici innovativi che portino a nuovi concetti e prodotti, contribuendo così a ridurre la frammentazione ed a rafforzare le potenzialità di ricerca e innovazione in Europa. 3 Gennaio

4 COST NON finanzia la ricerca in quanto tale, ma sostiene il networking attraverso diversi strumenti come incontri, missioni scientifiche a breve termine, scuole di formazione e attività di divulgazione. A tal fine, il bando COST ha individuato una serie di obiettivi che mirano al sostegno di network collaborativi di alta qualità in tutti i campi della scienza e della tecnologia, generando allo stesso tempo un focus sulle aree tecnologiche esistenti, ma meno battute, consentendo così di accrescere l impatto generale del bando: unire gli sforzi e sviluppare programmi di Scienza e Tecnologia comuni, che coordinino attività di di ricerca finanziate a livello nazionale, condotti da networks paneuropei collaborativi e di alta qualità, nei settori di Scienza e Tecnologia; sviluppare le capacità fornendo opportunità di networking leadership ai talenti emergenti, costruendo o rinforzando in tal modo comunità di Scienza e Tecnologia eccellenti; affrontare sfide sociali promuovendo approcci nuovi e transettoriali, ed identificando anticipatamente segnali di allarme di imprevisti problemi sociali, con l intento di contribuire alla sfida Societal Challenges ; rafforzare lo spirito inclusivo del bando COST, favorendo un migliore accesso e integrazione ai poli di conoscenza dell Area Europea della Ricerca per Paesi con attività di ricerca meno intensa. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ Le proposte per azioni COST devono rappresentare un network di proponenti (ricercatori, università, centri di ricerca, imprese, in particolare piccole e medie) da almeno 5 Paesi membri COST o cooperanti. 24/03/2015 CONTRACTING AUTHORITY COST Association; Commissione europea, DG Ricerca & Innovazione INDICATIVE Le proposte selezionate riceveranno un sostegno finanziario di circa l anno, per un arco temporale che è normalmente di 4 anni, in base alle disponibilità di budget. FET-Open - Nuove idee per tecnologie radicalmente nuove - Azioni di coordinamento e di supporto 2015 (H2020-FETOPEN CSA, Sub call of: H2020-FETOPEN , Pilastro Excellent Science) Topic: FET Take-Up Coordination and Support Activities 2015 ABSTRACT Sfida specifica: La sfida è quella di rendere l Europa il luogo ideale per la ricerca collaborativa sulle tecnologie emergenti e future, al fine di contribuire alla competitività e la crescita europea, ed a porre le basi per la società nei decenni a venire. Grandi risultati stanno emergendo dalla ricerca finanziata FET (Future and Emerging Technologies), ma la loro adozione fuori dal laboratorio (se del caso) è sempre una sfida, data la natura a lungo termine della ricerca sulle tecnologie emergenti e del futuro, e l origine accademica dei consorzi. Questo bando si propone di favorire in un numero sempre più ampio di casi, la pratica di un rapido passaggio dalla ricerca al mercato. Ambito: Le proposte devono riguardare tema FET Take-Up: azioni per stimolare l adozione dei risultati della ricerca FET su impatto e innovazione, in modi che siano complementari e che vadano oltre i confini dei singoli progetti di ricerca. Alcuni esempi possono includere la sensibilizzazione di investitori e imprenditori, l uso di canali non convenzionali, come ad esempio ONG o artisti, o nuovi target rispetto a pubblico e finalità, come ad esempio l innovazione sociale, lo sviluppo globale o la pace. Impatto atteso: Leadership europea di pensiero sulle nuove ed emergenti tecnologie, con un forte impegno di scienziati, cittadini, innovatori e responsabili politici; Miglioramento del potenziale di innovazione sul lungo periodo in Europa, in termini di nuove idee e di attori pronti a portarle avanti; Miglioramento della disponibilità in Europa ad impegnarsi in collaborazioni e ad intraprendere nuove pratiche di ricerca e innovazione; Maggiore adozione dei risultati dei risultati di scienza e tecnologia sul lungo periodo. Tipo di azione: Azioni di coordinamento e di supporto - CSA (Funding rate: 100%) 4 CALL CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ Sono ammessi a partecipare i soggetti giuridici aventi sede legale in uno degli Stati membri UE o Ufficio di Bruxelles...

5 Paesi associati, nei Paesi e Territori d Oltremare e nella quasi totalità dei Paesi terzi. Budget totale Cut-off date: 31/03/2015 Deadline: 29/09/2015 CONTRACTING AUTHORITY Commissione europea, DG Ricerca & Innovazione INDICATIVE SELEZIONE APPALTI UE 2015/S Polonia-Varsavia: Valutazione ambientale servizi meteorologici e oceanografici 27/02/2015 Frontex 2015/S Francia-Lione: Servizi informatici 06/03/2015 Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) 2015/S Appalto per forniture Germania-Monaco di Baviera: Acquisto e consegna di articoli di cancelleria presso i siti dell Ufficio europeo dei brevetti a L Aia, Monaco di Baviera e Berlino 03/02/2015 Ufficio europeo dei brevetti 02/02/2015 ICPO Interpol 2015/S Italia-Parma: Servizi di consulenza in materia di gestione 2015/S Appalto per forniture Belgio-Geel: Fornitura di 800 ampolle di quarzo per la preparazione di materiali di riferimento di uranio 27/02/2015 Commissione europea, Centro comune di ricerca, Istituto dei materiali e misure di riferimento 5 Gennaio

6 2015/S Regno Unito-Londra: Prestazione di assistenza alle attività di comunicazione (servizi comprendenti consulenza nella comunicazione, stampa e materiale espositivo) EMA/2014/16/COM Belgio-Bruxelles: Strumenti di comando, controllo e comunicazione per eventi riguardanti i voli della flotta europea di trasporto aereo (EATF) 16/02/2015 Agenzia europea per la difesa 10/02/2015 Agenzia europea per i medicinali 2015/S Repubblica ceca-praga: GSA/CD/14/14 «Operatore di servizi Galileo» 27/02/2015 Agenzia del GNSS europeo (GSA) 2015/S Appalto per srvizi Belgio-Bruxelles: Studio relativo alla fattibilità di alternative ai rating del credito e allo stato del mercato dei rating del credito 25/02/2015 Commissione europea, DG Mercato interno e servizi 2015/S /S Portogallo-Lisbona: Appalto di servizi relativo alla disponibilità di imbarcazioni di intervento per la lotta contro l inquinamento da idrocarburi 18/02/2015 Agenzia europea per la sicurezza marittima Belgio-Bruxelles: Prestazione di servizi di valutazione e di servizi connessi alla valutazione d impatto (TAXUD/2014/AO-06) 16/02/2015 Commissione europea, direzione generale della Fiscalità e dell unione doganale 2015/S /S Appalto per forniture Spagna-Barcellona: Fabbricazione di bobine di campo poloidale e collaudo a freddo per ITER 16/03/2015 Ufficio di Bruxelles...

7 L impresa comune europea per ITER e lo sviluppo dell energia da fusione 2014/S /S Lussemburgo-Lussemburgo: FL/GENAFF14 Servizi di traduzione 23/02/2015 Centro di traduzione degli organismi dell Unione europea Appalto per forniture Belgio-Bruxelles: Gestione e fornitura di contenuti a favore del portale TIC di supporto all industria del turismo 11/03/2015 Agenzia esecutiva per le piccole e le medie imprese (EASME) 2014/S /S Belgio-Bruxelles: Studio sulle migliori pratiche internazionali per la pianificazione dello spazio marittimo transfrontaliero MARE/2014/40 31/03/2015 Commissione europea, DG Affari marittimi e pesca Appalto per forniture Spagna-Alicante: Progettazione, fornitura, installazione, collaudo e messa in servizio dei nuovi gruppi elettrogeni dell edificio AE41 dell UAMI ad Alicante 18/02/2015 Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (UAMI) 2014/S /S Belgio-Bruxelles: Sostegno della cooperazione internazionale tra le reti di imprese e di cluster attraverso l ulteriore sviluppo della piattaforma europea di collaborazione tra cluster 13/02/2015 Agenzia esecutiva per le piccole e le medie imprese (EASME) Appalto per lavori Spagna-Barcellona: Lavori infrastrutturali di cantiere (TB16) 16/02/2015 L impresa comune europea per ITER e lo sviluppo dell energia da fusione 2014/S Gennaio

8 Appalto per lavori Germania-Karlsruhe: Costruzione dell ala M del laboratorio presso l Istituto dei transuranici opere di rustico e di completamento 09/02/2015 Commissione europea, Centro comune di ricerca (JRC) 05/02/2015 Commissione europea, Centro comune di ricerca, Istituto per la salute e la protezione dei consumatori 2014/S /S Appalto per forniture Paesi Bassi-Amsterdam: Moduli fotovoltaici solari 20/02/2015 FRES Foundation Rural Energy Services 2014/S Italia-Ispra: Contratto quadro di servizi per il funzionamento del centro di diffusione del sistema europeo di allerta in caso di inondazioni (EFAS) a sostegno del servizio di gestione delle emergenze Copernicus/sistema di allarme rapido 18/02/2015 Commissione europea, DG Centro comune di ricerca (JRC), Istituto dell ambiente e della sostenibilità 2014/S Appalto per forniture Italia-Ispra: Contratto quadro per la fornitura di prodotti di consumo e accessori per cromatografia e spettroscopia Italia-Torino: Prestazione di servizi relativi a contenuti 11/02/2015 ETF European Training Foundation 2014/S Italia-Ispra: Contratto quadro per la fornitura di dati relativi al telerilevamento satellitare e servizi associati a supporto dei controlli nell ambito della politica agricola comune (PAC) profilo a risoluzione estremamente alta 11/02/2015 Commissione europea, DG Centro comune di ricerca (JRC), Istituto dell ambiente e della sostenibilità 2014/S Italia-Ispra: Contratto quadro di servizi relativo alla raccolta di dati meteorologici e idrologici osservati a supporto dei sistemi di allarme rapido del servizio di gestione delle emergenze Copernicus 2 lotti Ufficio di Bruxelles...

9 20/02/2015 Commissione europea, DG Centro comune di ricerca (JRC), Istituto dell ambiente e della sostenibilità 2014/S Italia-Ispra: Contratto quadro di servizi per il funzionamento del centro computazionale dell EFAS a sostegno del servizio di gestione delle emergenze Copernicus/sistemi di allarme rapido 18/02/2015 Commissione europea, DG Centro comune di ricerca (JRC), Istituto dell ambiente e della sostenibilità 2014/S Italia-Torino: Prestazione di servizi di impaginazione, pubblicazione elettronica e stampa 09/02/2015 ETF European Training Foundation 2014/S Italia-Ispra: Produzione di articoli di falegnameria e meccanici e fornitura di materie prime (3 lotti) 05/02/2015 Commissione europea, Centro comune di ricerca, gestione del sito di Ispra, unità gestione beni e logistica ANTEPRIMA APPALTI UE 2015/S Regno Unito-Reading: Servizi di ricerca e sviluppo nonché servizi di consulenza affini Belgio-Bruxelles: Studi vari Commissione europea, DG CONNECT European Centre for Medium-Range Weather Forecasts (ECMWF) 2015/S /S Irlanda-Dublino: Servizi vari Eurofound Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro 9 Gennaio

10 2014/S Belgio-Bruxelles: Organizzatore di eventi e conferenze Commissione europea, ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) 2015/S Appalto per frniture Belgio-Bruxelles: Installazione di sistemi di conteggio elettrico, energetico e volumetrico Comitato delle regioni (CdR) Per informazioni mirate, assistenza personalizzata ed avvio e gestione contatti con la Commissione Europea, vogliate contattare l ufficio di Bruxelles a: NOTIZIE DA BRUXELLES 10 Eventi dal vivo: webinair sul turismo digitale Affinchè l Europa conservi la sua posizione dominante come destinazione turistica, la qualità dei servizi offerti deve essere continuamente migliorata. In quest ottica, la Commissione europea promuove iniziative che hanno l obiettivo di migliorare le competenze e la mobilità, con particolare attenzione ai network digitali ed al sostegno agli imprenditori del settore del turismo. Gli eventi dal vivo sono una serie di webinar che mirano a fornire supporto, conoscenze e orientamenti su questioni digitali nel settore del turismo alle piccole e medie imprese, nonché a fornire consigli pratici per la gestione aziendale quotidiana. Questi webinar sono stati progettati specificamente per soddisfare le esigenze delle piccole e medie imprese operanti nell ambito del turismo. Condotti da selezionati relatori, tali webinair esamineranno le recenti tendenze relative all uso della tecnologia da parte dei turisti, per scoprire, pianificare e condividere le proprie esperienze di viaggio. Ogni webinar sarà guidato da un esperto del settore su uno dei seguenti argomenti: Marketing your business online 28 gennaio 2015, ore 16:00 Managing your online reputation 11 febbraio 2015, ore 16:00 Importance of content 25 febbraio 2015, ore 16:00 Succeeding in social media 11 marzo 2015, ore 16:00 Thinking mobile 1 aprile 2015, ore 16:00 Per entrare in contatto con i relatori, esperti e leader del settore nel giorno della manifestazione in diretta, è sufficiente utilizzare Twitter e l hashtag #MyTourismBiz per condividere i propri commenti. Per una descrizione più ampia dei contenuti dei singoli webinair, cliccare qui. Lancio del PREMIO H2020 Materiali per la qualità dell aria Per migliorare la qualità dell aria nelle città, la Commissione europea bandisce un premio da 3.Ml per sviluppare soluzioni innovative per materiali in grado di ridurre la concentrazione di particolato nell aria. Il particolato (PM) è l inquinante atmosferico che ha l impatto più forte sulla salute. Attualmente, quasi l 83% della popolazione delle città europee i cui esistono dati sul PM, è esposta a livelli superiori rispetto a quelli indicati nelle linee guida dell OMS. L aspettativa di vita media nell Unione europea è stimata ad 8,6 mesi in meno, a causa dell esposizione al particolato derivante da attività umane. L inalazione di particolato può portare ad asma, cancro del polmone, malattie cardiovascolari e respiratorie, difetti di nascita e morte prematura. Oltre al suo impatto sulla salute umana, il particolato può avere effetti negativi sul cambiamento climatico e sugli ecosistemi. Il Premio Horizon sui Materiali per l aria pulita sarà assegnato alla soluzione più accessibile, sostenibile ed innovativa, in grado di ridurre della maggior quantità la concentrazione di particolato nelle aree urbane. Il concorso sarà aperto a individui, persone giuridicache o gruppi di soggetti giuridici stabiliti negli Stati membri dell UE o dei Paesi associati ad Horizon Una volta chiuso il concorso, una giuria di alto livello valuterà tutte le proposte valide in base ai seguenti criteri di aggiudicazione generale: Applicabilità dimostrata delle soluzioni incentrate sui materiali in ambienti rilevanti (almeno un prototipo); Riduzione dimostrata di particolato, come specificato nelle regole del concorso; Sostenibilità; Accessibilità. Le regole del concorso saranno pubblicate in occasione del lancio del bando, previsto per il primo trimestre del Informazioni più dettagliate sul programma saranno pubblicate a breve a questo link. Ufficio di Bruxelles...

11 NOTIZIE DA BRUXELLES Lancio del bando RegioStars Awards 2015 Sono aperte le candidature per i RegioStars Awards 2015, iniziativa organizzata dalla Commissione europea dal 2008, con l obiettivo di è identificare buone pratiche nello sviluppo regionale, e mettere in luce progetti originali ed innovativi che possano essere interessanti e d ispirazione anche per altre regioni. Come nelle precedenti edizioni, anche quest anno i RegioStars Awards daranno spazio ai più interessanti e promettenti progetti cofinanziati nell ambito della Politica di coesione. Dopo una selezione operata da una giuria indipendente, i project managers e rappresentanti delle Autorità di gestione dei progetti finalisti saranno invitati a partecipare alla cerimonia RegioStars 2015 Awards, organizzata durante la Settimana europea delle Regioni e delle Città (ed.2015). I progetti vincitori riceveranno un trofeo ed il certificato RegioStars Winner certificate come riconoscimento, e un video sul progetto, che potrà essere usato a scopo pubblicitario. Le categorie premiate nel 2015 saranno le seguenti: 1. CRESCITA INTELLIGENTE: far esplodere il potenziale di crescita delle PMI per un economa digitale 2. CRESCITA SOSTENIBILE: Mobilitare investimenti nell ambito dell efficienza energetic a favour dei cittadini e della società 3. CRESCITA INCLUSIVA: Integrazione dei gruppi a rischio di esclusione sociale 4. CITYSTAR: Trasformare le città in vista delle sfide future I formulari di adesione, sottoscritti o sostenuti dale varie Autorità di gestione, devono essere presentati in inglese, francese o tedesco entro il 28 febbraio I finalisti saranno informati entro fine maggio 2015, e la cerimonia di premiazione si terrà il 13 ottobre Application guide & Application form sono reperibili a questo link. NOTIZIE DA BRUXELLES Summit europeo sull Innovazione nell ambito dell invecchiamento attivo e sano - Una nuova Agenda per il cambiamento sociale e lo sviluppo economico sostenibile, Bruxelles 9-10 marzo 2015 Il cambiamento demografico costituisce una sfida sociale colossale che coinvolge tutti. Il vertice sull innovazione per un invecchiamento attivo e sano ha lo scopo di richiamare politici e leader nei servizi e nel mercato europeo, al fine di creare un idea condivisa su come l Europa possa affrontare tale sfida e cogliere le opportunità derivanti dal cambiamento demografico attraverso ICT e innovazione, e in questo modo contribuire alla ripresa economica. Tema centrale: come possono la tecnologia, l innovazione e le nuove forme di cooperazione aiutare l Europa a trasformare questa sfida in un opportunità? Dimostrazioni dal vivo e un esposizione interattiva mostreranno direttamente ciò che viene discusso e messo in evidenza nei dibattiti tematici e sessioni di condivisione delle conoscenze. Una grande varietà di incontri ed eventi collaterali con un unico obiettivo: trasformare le opportunità dell invecchiamento demografico in crescita ed occupazione per l Europa. Diversi commissari europei, ministri nazionali, autorità regionali e leader dell industria, comprese le PMI e le start-up, così come la società civile, prenderanno la parola e condurranno dibattiti. La popolazione dell UE sta cambiando drasticamente a causa di una maggiore aspettativa di vita e una minore fertilità: una vita più lunga e minori nascite. Il numero di cittadini europei over 80 raddoppierà entro il 2025, mentre il mercato del lavoro si sta restringendo. L invecchiamento della popolazione può minare le fondamenta dei sistemi sanitari e di assistenza sociale in Europa. I nostri mercati del lavoro, forza lavoro e nel complesso la nostra coesione sociale sono a rischio, così come il rapporto tra numero di persone attive e persone inattive si sta spostando radicalmente. Ma il cambiamento demografico offre anche nuove opportunità per l innovazione, la crescita e la trasformazione della società, da cui molti milioni di persone possono trarre beneficio. Nel nostro mondo frenetico e interconnesso, guidato da tecnologie innovative, le innovazioni giuste per un invecchiamento attivo e in buona salute possono aiutare i nostri cittadini a rimanere attivi e indipendenti più a lungo, generando risparmi per i governi e creando profitti per le imprese. Un mercato unico digitale può ad esempio supportare una società più sostenibile, prospera e più equa, e le opportunità offerte dalla Silver Economy sono immense. Leader e gruppi di testa dell industria e di governo, della politica e della finanza, del settore medico e farmaceutico, dell assistenza sociale e sanitaria, della società civile e dei consumatori, si riuniranno per condividere idee e innovazioni che soddisfino le esigenze della popolazione europea silver. Una overview del programma dell evento è disponibile cliccando qui. Manifestazioni di interesse a partecipare possono essere trasmesse inviando una breve Gennaio

12 PROGRAMMI DI ASSISTENZA ESTERNA UE VERSO I PAESI TERZI Con la nuova programmazione comunitaria dell assistenza esterna per il periodo , la Commissione europea ha previsto, a beneficio dei Paesi terzi, i seguenti programmi: - Strumento di assistenza alla pre-adesione II (Instrument for Pre-accession Assistance) per i Paesi candidati a divenire membri UE; - Strumento europeo di vicinato ENI (European Neighbourhood Instrument) per i paesi ai confini orientali e meridionali dell UE; - Strumento di cooperazione e sviluppo DCI (Development Cooperation Instrument) soprattutto per i paesi asiatici e latino-americani; - Fondo Europeo di Sviluppo EDF (European Development Fund) per paesi di Africa, Caraibi e Pacifico (ACP) aderenti all accordo di Cotonou. PROGRAMMA II Lo strumento finanziario comunitario del processo di preadesione è stato rinnovato (dando così vita all II) con una dotazione complessiva di 11,699 miliardi di euro per il periodo L II è stato concepito per rispondere alle esigenze dei paesi beneficiari in preadesione, in modo da perseguire priorità, quali stato di diritto e diritti fondamentali, governance economica e competitività, sviluppo socio-economico, cooperazione regionale, recepimento dell acquis comunitario. Esso opererà in base a regole semplificate e l assistenza sarà realizzata, in modo da essere più flessibile e adattata agli specifici bisogni, come anche orientata ai risultati, da ciò conseguendo: l attenzione su un numero limitato di aree e settori (che permettano di raggiungere le priorità appena indicate); un più stretto collegamento tra le strategie per l allargamento e le priorità per l assistenza; un riferimento più stretto ai bisogni dei paesi beneficiari, in modo da garantire l accesso all assistenza senza distinzioni, basate sullo status del paese (candidato o potenziale candidato); il miglioramento dell efficacia dell assistenza, mediante una maggiore flessibilità nell allocare i fondi a favore di azioni maggiormente orientate al risultato. Paesi beneficiari: ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Islanda, Montenegro, Serbia, Turchia (paesi candidati); Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo (paesi potenziali candidati). PROGRAMMA ENI 12 Con una dotazione complessiva di 15,433 miliardi di euro per il periodo , l ENI è il nuovo strumento europeo di vicinato, che fornisce assistenza comunitaria finalizzata alla creazione di una zona di prosperità tra l Unione europea, Paesi e territori limitrofi dell UE (Paesi partner) non aventi una prospettiva di adesione all UE, ma con i quali l UE ha avviato una politica di vicinato. Ha sostituito il precedente programma ENPI. Tale strumento finanziario si focalizzerà soprattutto su: promozione dei diritti umani e dello stato di diritto; sviluppo di una società civile prospera; crescita sostenibile ed inclusiva e sviluppo economico, sociale e territoriale; mobilitazione e contatti interpersonali (inclusi gli scambi di studenti); integrazione regionale (inclusi i programmi di cooperazione transfrontaliera). Principali elementi del nuovo programma saranno: migliore diversificazione del sostegno dato, adattando l assistenza alle necessità e ai progressi dei paesi beneficiari; un approccio basato sugli incentivi, in modo da consentire alla UE di aumentare il suo sostegno ai paesi, che realizzeranno una democrazia sostenibile e le riforme concordate; miglioramento delle disposizione sui programmi di cooperazione transfrontaliera tra gli Stati membri UE e i paesi partner, per facilitare una loro attuazione efficace e veloce; collegamenti più stretti con le politiche e gli strumenti interni della UE, per permettere ai paesi beneficiari ed ai loro cittadini di partecipare ai programmi comunitari in aree, quali ricerca e innovazione, gioventù, sviluppo delle PMI, etc.. Riguardo la Russia (beneficiaria del vecchio programma ENPI), essa rimarrà eleggibile per i programmi multibeneficiari del nuovo ENI (tra cui cooperazione regionale e Erasmus +) e per i programmi di cooperazione transfrontaliera. Paesi beneficiari: Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldova, Ucraina (ad est); Algeria, Autorità Palestinese di Cisgiordania e Gaza, Egitto, Giordania, Israele, Libano Libia, Marocco, Siria e Tunisia (a sud). PROGRAMMA DCI Il nuovo DCI è diretto al sostegno della cooperazione allo sviluppo in diverse aree del mondo e per il periodo possiede una dotazione complessiva di 19,662 miliardi di euro. Esso ha come obiettivi principali (in linea, tra l altro con l Agenda for Change sulla politica UE di sviluppo) la riduzione della povertà ed il raggiungimento di altre finalità dirette ad accelerare lo sviluppo economico, sociale ed ambientale, come anche la promozione della democrazia e della buona governance. Oltre ai consueti programmi geografici (bilaterali e regionali), il nuovo strumento finanziario prevede sia due Ufficio di Bruxelles...

13 programmi tematici denominati Global public goods and challenges, con attenzione ai cambiamenti climatici, all energia ed allo sviluppo umano, e Civil society organisations and local authorities, affinché le stesse giochino un ruolo più ampio nelle strategie per lo sviluppo, sia un nuovo programma panafricano, per sostenere il partenariato strategico tra UE e Africa. Anche in relazione a tale strumento finanziario, verrà adottato un approccio differenziato per rispondere a bisogni, capacità e risultati dei paesi partner, indirizzando la cooperazione allo sviluppo della UE dove la stessa abbia un impatto maggiore, dando priorità ai paesi meno sviluppati ed a basso reddito. Regioni beneficiarie: Asia; Asia Centrale; Medio Oriente; America Latina; Sud Africa. FONDO EUROPEO DI SVILUPPO (EDF) Il Fondo europeo di sviluppo (FES) rappresenta lo strumento principale degli aiuti comunitari per la cooperazione allo sviluppo con gli Stati ACP, nonché con i paesi e territori d oltremare (PTOM). Esso è finanziato dagli Stati membri e dispone di regole finanziarie proprie, rappresentando tuttora la pietra angolare delle relazioni ACP-UE, ed intervenendo nelle seguenti aree: sviluppo economico; sviluppo sociale ed umano; cooperazione ed integrazione regionale. Il prossimo 11^ FES ( ) continuerà a sostenere la cooperazione con i paesi ACP, prevedendo un budget complessivo di 30,506 miliardi di euro (al riguardo, si segnala che, poiché lo stesso fondo è ancora oggetto di ratifica da parte degli Stati membri della UE, dall 1 gennaio 2014 sono operative delle misure transitorie nella forma di una Bridging facility ). Esso differirà poco dal fondo precedente e, analogamente agli altri strumenti finanziari, mirerà ad assicurare più flessibilità e reazione rapida in caso di eventi inattesi, prevedendo, tra l altro, che il finanziamento regionale includa allocazioni a copertura di bisogni imprevisti che abbiano appunto dimensione regionale, nonché la costituzione di uno schema, che aiuti i paesi ACP a mitigare gli effetti a breve termine di shock esogeni, quali crisi economiche o disastri naturali. Si ritiene che, analogamente al 10^ FES, tale fondo realizzerà la cooperazione con i paesi ACP attraverso il finanziamento di progetti di sviluppo a livello nazionale e regionale con le seguenti priorità: consolidamento istituzionale, sostegno al bilancio, realizzazione di infrastrutture, assistenza tecnica, sostegno al settore dell educazione, contributo alla diversificazione delle colture agricole, etc.. Regioni (paesi) beneficiari: Africa subsahariana (48 paesi); Caraibi (15 paesi); Pacifico (15 paesi). L iter di definizione delle strategie di intervento e dei relativi Programmi d azione, definiti dalla Commissione europea, in stretto contatto con i governi locali e gli altri attori nazionali e regionali, comprende: - Country Strategy Papers (CSP) e Regional Strategy Papers (RSP) definiscono gli obiettivi specifici ed i settori di intervento dell assistenza comunitaria, rispettivamente sui singoli Paesi beneficiari e su aree regionali;za nto dell assistenz - Programmi Indicativi nazionali (NIP) e Programmi indicativi regionali (RIP) aventi un carattere temporale più limitato (3-4 anni) e soggetti a revisione a medio termine;revisione a medio termine; - Piani annuali di azione (AAP), in linea con i NIP/RIP, individuano in concreto le azioni da realizzare in ogni singolo Paese o regione, nei settori precedentemente identificati negli stessi CSP e RSP. Con l approvazione dei Piani annuali di azione da parte del Comitato di gestione che riunisce, per ogni Programma di azione esterna UE, i rappresentanti della Commissione europea e degli Stati membri, l intero processo decisionale di finanziamento viene formalmente concluso e la gara di appalto (o call for proposals in caso di sovvenzione) può essere avviata. A seconda del programma di azione esterna della UE, la concreta gestione della gara viene trasferita alle Delegazioni dell UE presenti nei vari Paesi beneficiari (procedura di deconcentrazione ), oppure alle stesse autorità dei paesi beneficiari (procedura di decentralizzazione ). La presente newsletter evidenzia una selezione delle gare aperte (nella rubrica Selezione bandi azioni extra UE ) e delle anteprime (nella rubrica Anteprima bandi azioni extra UE ), lanciate nell ambito dei progetti adottati dai suddetti Comitati, con l obiettivo di informare in anticipo le società/imprese eventualmente interessate, al fine di programmare una possibile partecipazione alla futura gara. SELEZIONE BANDI AZIONI EXTRA UE Turchia-Ankara: Supervisione per la costruzione del centro per lo sviluppo delle imprese di Sivas 20/02/2015 Ministero della Scienza, dell industria e della tecnologia, DG per gli affari esteri e l UE, direzione programmi finanziari dell UE, Ankara, TURCHIA ENPI Tunisia-Tunisi: ENPI Assistenza tecnica nel settore della salute 20/02/2015 Unità di appoggio del programma di sostegno per la competitività dei servizi (PACS), Tunisi, TUNISIA Gennaio

14 ENPI Armenia-Erevan: ENPI Sviluppo e studi strategici 16/02/2015 Unione europea, rappresentata dalla Commissione europea, in nome e per conto del paese partner, Erevan, ARMENIA Turchia-Ankara: Controllo della costruzione del centro regionale di progettazione industriale e modellazione di Gaziantep (GETAM) 02/02/2015 Ministero della Scienza, dell industria e della tecnologia, DG per gli affari esteri e l UE, Ankara, TURCHIA FES Santa Lucia-Castries: FES Fornitura e installazione di un impianto di trattamento delle acque a Desruisseaux 18/03/2015 Ufficio dell ordinatore nazionale, ministero delle Finanze, affari economici, pianificazione e sicurezza sociale, Castries, SANTA LUCIA Importo massimo: n.d. Turchia-Ankara: Costruzione dell impianto di trattamento delle acque reflue di Kahramanmara 17/04/2015 Dipartimento degli investimenti dell UE, ministero dell Ambiente e dell urbanizzazione, Balgat/Ankara, TURCHIA Serbia-Belgrado: Sviluppo di un sistema d informazione sostenibile per il ministero dell Agricoltura, delle foreste e della gestione delle risorse idriche (MAFWM) 12/02/2015 Unione europea, rappresentata dalla delegazione dell Unione europea nella Repubblica di Serbia, in nome e per conto del paese partner, Belgrado, REPUBBLICA DI SERBIA Turchia-Ankara: Assistenza tecnica per lo sviluppo di un corridoio per il turismo invernale a Erzurum, Erzincan e Kars 02/02/ Importo massimo: n.d. Ministero della Scienza, dell industria e della Ufficio di Bruxelles...

15 tecnologia, DG per gli affari esteri e l UE, direzione programmi finanziari dell UE, Ankara, TURCHIA del progetto relativo alla zona costiera di Valona fase 1 23/03/2015 FES L Unione europea, rappresentata dalla Commissione europea, a sua volta rappresentata ai fini del presente contratto dalla delegazione dell Unione europea in Albania, in nome e per conto del governo dell Albania, Tirana, ALBANIA Eritrea-Asmara: FES Fornitura e installazione di sistemi di irrigazione a goccia alimentati da energia fotovoltaica Importo massimo: n.d. 14/04/2015 Il governo dello Stato d Eritrea, rappresentato dall ordinatore nazionale, Asmara, ERITREA Importo massimo: n.d. FES Sierra Leone-Freetown: FES-Lotto 1: lavori di costruzione per il miglioramento/costruzione di 3 ponti situati sui fiumi Sewa, Waanje e Moa; lotto 2: riattamento della strada dal ponte sul fiume Moa al confine con la Liberia (58,4 km); riattamento della strada da Bandajuma al ponte sul fiume Moa (45,2 km) 15/04/2015 ENPI Libano-Beirut: ENPI Fornitura, consegna e installazione di attrezzature per il trattamento dei rifiuti solidi per i comuni di Bar Elias, Qab Elias ed El Marj 17/02/2015 Ministero degli Interni e delle municipalità, Beirut, LIBANO Importo massimo: n.d. Governo della Repubblica di Sierra Leone, Freetown, SIERRA LEONE Turchia-Ankara: Costruzione del sistema di acque reflue di Bulancak Importo massimo: n.d. 23/03/2015 Albania-Tirana: Lavori per la costruzione Dipartimento degli investimenti dell Unione europea, ministero dell Ambiente e dell urbanizzazione, Ankara, TURCHIA Importo massimo: n.d. 15 Gennaio

16 ANTEPRIMA BANDI AZIONI EXTRA UE DCI Guatemala-Città del Guatemala: DCI Fornitura di apparecchiature informatiche e mobili per i centri di informazione, gli sportelli unici per il lavoro ed altri servizi di sviluppo di microimprese che promuovono la creazione di fonti di lavoro per i giovani PUBBLICAZIONE BANDO Febbraio 2015 Ministero dell Economia della Repubblica del Guatemala, Città del Guatemala, GUALA PUBBLICAZIONE BANDO Gennaio 2015 Ministero dell Ambiente e dell urbanizzazione, dipartimento degli investimenti dell Unione europea, Ankara, TURCHIA Importo massimo n.d. ENPI Importo massimo n.d. Bielorussia-Minsk: ENPI Fornitura di attrezzature per l energia verde e la gestione integrata dei rifiuti per sostenere lo sviluppo regionale in Bielorussia PUBBLICAZIONE BANDO Febbraio Kosovo-Pristina: Studio di fattibilità per l ambiente e altre misure per la centrale termoelettrica Kosovo B PUBBLICAZIONE BANDO Febbraio/Marzo 2015 Unione europea, rappresentata dalla Commissione europea, in nome e per conto del paese/i partner gestione diretta, Pristina, KOSOVO Turchia-Ankara: Fornitura di attrezzature per il progetto di gestione dei rifiuti solidi di Diyarbakır Unione europea, rappresentata dalla Commissione europea, in nome e per conto della Repubblica di Bielorussia, Minsk, BIELORUSSIA Importo massimo n.d. FES Mali-Bamako: FES Lavori di installazione di sistemi di adduzione d acqua potabile e di unità di produzione idraulica nelle regioni di Koulikoro e Tombouctou, nonché realizzazione di pozzi trivellati nella regione di Tombouctou nella Repubblica del Mali PUBBLICAZIONE BANDO Febbraio 2015 Ministero degli Affari esteri, dell integrazione africana e della cooperazione internazionale, ordinatore nazionale del FES, Bamako, REPUBBLICA DEL MALI Ufficio di Bruxelles...

17 Importo massimo n.d. DCI Turchia-Ankara: Fornitura di attrezzature nell ambito dell iniziativa per la formazione e l imprenditorialità nel settore della confezione di abiti («GATE for women») PUBBLICAZIONE BANDO Aprile 2015 Dipartimento di coordinamento dell Unione europea del ministero del Lavoro e della sicurezza sociale della Repubblica di Turchia, Ankara, TURCHIA Mali-Bamako: FES Lavori di installazione di sistemi di adduzione d acqua potabile e istituzione di un servizio post-vendita in 40 centri rurali o semi-urbani (di cui 15 nella regione di Ségou e 25 nella regione di Sikasso) e di 10 unità di produzione idraulica (di cui 3 nella regione di Ségou e 7 nella regione di Sikasso) PUBBLICAZIONE BANDO Febbraio 2015 Ministero degli Affari esteri, dell integrazione africana e della cooperazione internazionale, ordinatore nazionale del FES, direzione «Europa», quartiere Koulouba, Bamako, REPUBBLICA DEL MALI Importo massimo n.d. Importo massimo n.d. Per informazioni mirate, assistenza personalizzata ed avvio e gestione contatti con la Commissione Europea, vogliate contattare l ufficio di Bruxelles a: FOCUS SU: H FTIPilot : Strumento pilota H Fast Track to Innovation Lanciato lo scorso 6 gennaio, lo strumento-pilota Fast Track per l Innovazione (FTI) è la nuovissima misura finanziata all interno di Horizon 2020, per promuovere attività di innovazione vicine al mercato. Il Fast Track per l innovazione prevede il finanziamento di proposte bottom-up per le attività di innovazione vicine al mercato in ogni settore della tecnologia e relative aree di applicazione. Questa apertura tematica - combinata con la possibilità per tutti i protagonisti dell innovazione di lavorare insieme e fornire innovazione sul mercato e/o nella società - deve coltivare la cooperazione transdisciplinare ed intersettoriale. I principali obiettivi sono quelli di: ridurre il tempo dall'idea al mercato; stimolare la partecipazione di nuovi candidati ai finanziamenti UE per la ricerca; aumentare gli investimenti del settore privato nella ricerca e nell'innovazione. Chi può partecipare al FTI Pilot? Lo strumento è aperto a tutto i tipi di partecipanti. Le proposte di finanziamento devono essere presentate da consorzi costituiti da tre a cinque soggetti giuridici stabiliti in almeno tre diversi Stati membri dell UE o dei paesi associati a Horizon I consorzi devono coinvolgere partecipanti provenienti dall industria, università, poli tecnologici e centri di ricerca ed ulteriori attori dell innovazione. Attori che possono svolgere un ruolo chiave nel processo di commercializzazione sono invitati a prendere parte, come ad esempio le organizzazioni di cluster, gli utenti finali, le associazioni industriali, gli incubatori, gli investitori o il settore pubblico. I candidati dell industria e le PMI che partecipano per la prima volta sono particolarmente benvenuti. Quali azioni sono ammissibili? Le azioni finanziate nell ambito del pilota devono essere business-driven, perché sono destinati a 17 Gennaio

18 dare a promettenti idee innovative l ultima spinta necessaria ad arrivare fino al mercato ed alla commercializzazione. Pertanto, la partecipazione sostanziale dell industria in azioni FTI sarà obbligatorio per garantire un rapido market takeup ( veloce significa entro un periodo di tre anni dopo l inizio dell azione FTI). Questo coinvolgimento del settore comporterà: o l assegnazione di almeno il 60% del budget ai partner del consorzio appartenenti al mondo dell industria, o la presenza di un numero minimo di due partner appartenenti all industria in un consorzio costituito da tre o quattro parti, o di tre operatori del settore industriale in un consorzio di cinque partner. Lo strumento sarà implementato nel 2015 e 2016, con un budget totale di 200 Ml di euro (100 Ml all anno), nell ambito del pilastro Societal Challenges di Horizon 2020, e dell obiettivo specifico Leadership in Enabling and Industrial Technologies (LEITs), senza ulteriori restrizioni rispetto all argomento specifico. E prevista un unica call aperta, che permette di presentare proposte progettuali in qualsiasi momento. identifichi i passaggi successivi e specifichi gli altri attori coinvolti. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla protezione dei diritti di proprietà intellettuale ed alla possibilità di sfruttamento commerciale ( freedom to operate ). L impatto previsto dovrebbe essere chiaramente descritto in termini sia qualitativi che quantitativi. Fattori come le criticità correlate al tempo la situazione della concorrenza internazionale dovrebbero essere considerati alla luce dei campi della tecnologia innovazione dei settori industriali interessati. Possibili impatti sulla sostenibilità o il cambiamento climatico, in particolare, o su altri obiettivi trasversali di Orizzonte 2020, dovrebbero essere evidenziati. Saranno valutati anche i criteri di eccellenza e implementazione, ma solo se si sia raggiunto il punteggio minimo rispetto al criterio dell impatto. Altri fattori che giocheranno un ruolo importante durante il processo di valutazione saranno la dimensione del bilancio assegnato ai partecipanti dell industria (in particolare le PMI), il numero di partecipanti del mondo dell industria e l equilibrio di genere nello staff che rappresenta il consorzio nella proposta. Le proposte devono quindi specificare i risultati previsti dal progetto e descriverne gli indicatori chiave di performance criteri di successo. Le valutazioni saranno espresse seguendo le 3 cutoff dates annuali, che per il 2015 sono le seguenti: 29 aprile, 01 settembre e 01 dicembre (deadline). Le proposte devono basarsi su un business plan, e concentrarsi soprattutto sul raggiungimento di un forte impatto (punteggio minimo di almeno 4 su 5 durante la valutazione). Il business plan deve ben descrivere il potenziale di mercato (potenziali utenti/clienti e relativi benefici; mercati-obiettivo globali o europei, ecc), le opportunità di business per i partecipanti, le misure per migliorare la probabilità di eventuali take-up commerciali, ed una strategia di commercializzazione credibile, che E possibile approfondire ulteriormente l argomento e trovare tutta la documentazione necessaria per candidarsi cliccando QUI. 18 Ufficio di Bruxelles...

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Il contenuto di questa pubblicazione non riflette l opinione ufficiale dell Unione europea. La responsabilità delle informazioni in

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE I TERMINI DEL PRESENTE BANDO. PARTECIPANDO, LEI PRESTA IL CONSENSO A ESSERE VINCOLATO AI TERMINI E ALLE CONDIZIONI DESCRITTE

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli