NEWSLETTER THETIS ANNO VIII - NUMERO 16, AGOSTO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSLETTER THETIS ANNO VIII - NUMERO 16, AGOSTO 2012"

Transcript

1 NEWSLETTER THETIS ANNO VIII - NUMERO 16, AGOSTO 2012 REDAZIONE: THETIS S.P.A. Castello 2737/f Venezia - pec: Coordinatore della Redazione: Giannandrea Mencini; Comitato di Redazione: Elisa Andreoli, Fabiola Bresca, Chiara Castellani, Antonietta Grandesso, Roberta Lazzarini, Giovanni Zarotti; Grafica Editoriale: Claudia Ombrelli; Foto copertina by Giorgio Mainoldi

2 THETIS REALIZZA 4 Secondo convegno internazionale del Progetto Shape: primi risultati 4 Progetto Gemar 6 THETIS PRESENTA 8 L Arsenale e l evento del America s Cup World Series 8 Cosa c è di nuovo nella casetta Studio C Progetto di creazione di aree a molluschicoltura a scopo commerciale e di vivaio per gli interventi morfologici con tecniche d ingegneria naturalistica a elevato valore ambientale in laguna di Venezia 12 La modellistica numerica di Thetis a supporto dell Autorità Portuale di Salerno 14 Thetis partecipa a REMTECH BILANCIO CULTURALMENTE 22 SPAZIO THETIS 24

3 4 Secondo convegno internazionale del Progetto SHAPE: primi risultati Elisa Andreoli, Emiliano Ramieri 5 Nelle giornate del 5 e 6 giugno 2012 è stato organizzato a Venezia, dalla Regione del Veneto con la collaborazione di Thetis, il secondo convegno internazionale sulla integrazione tra la Gestione Integrata delle Zone Costiere (GIZC) e la Pianificazione Spaziale Marittima (MSP) nell ambito del progetto SHAPE (Shaping an Holistic Approach to Protect the Adriatic Environment between coast and sea). Il Progetto coinvolge tutte le regioni italiane e gli stati che si affacciano sull Adriatico, complessivamente 13 partner provenienti da 6 paesi (Italia, Croazia, Slovenia, BosniaHerzegovina, Montenegro e Albania). per il Mediterraneo e la Roadmap sulla Pianificazione Spaziale Marittima (MSP) in Adriatico (http://www. shape-ipaproject.eu/). In tale ambito il convegno internazionale ha rappresentato l opportunità per condividere esperienze e migliori pratiche sulla implementazione della GIZC e della MSP alla scala di regioni e sottoregioni marittime europee. Il convegno ha analizzato con particolare attenzione i temi dell integrazione tra GIZC e MSP e della loro integrazione con le altre politiche e direttive comunitarie che assumono particolare rilievo ai fini della pianificazione e gestione sostenibile delle coste e delle aree marine (tra le quali MSFD, WFD, Habitat Directive, ecc.). Il convegno ha promosso un approfondita discussione tra esperti, portatori di interessi del bacino Adriatico e partner di SHAPE sui temi dell implementazione della GIZC e della MSP nel Mare Adriatico, costituendo un opportunità per capire i principali ostacoli, i vincoli, le necessità, le opportunità e priorità. In tale prospettiva il convegno costituisce un passaggio iniziale per lo sviluppo di una metodologia comune e di linee guida per l applicazione della MSP in Adriatico. Nord, Mar Baltico, ecc.) grazie alla partecipazione di esperti internazionali; Esperienze internazionali su MSP: scala sub-regionale ; con l analisi di esperienze di implementazione della MSP a scala sub-regionale con casi di studio specifici (Inghilterra, Olanda, Belgio, Golfo di Botnia, ecc...); MSP nel mare Adriatico con specifica attenzione al Mar Adriatico al fine di discutere le principali questioni connesse alla reale implementazione della MSP in tale bacino; MSP nel mare Adriatico - tavola rotonda dei portatori di interesse finalizzata a coinvolgere un ampia varietà di portatori di interesse nella discussione dell implementazione della MSP in Adriatico; MSP in Veneto: opportunità e conflitti ; finalizzata a promuovere la discussione sulla MSP alla scala della Regione Veneto. Complessivamente le tre giornate di convegno hanno visto la partecipazione di numerosi esperti di livello internazionale e portatori di interesse locali e nazionali impegnati sui temi della gestione integrata della fascia costiera e della pianificazione marittima che, nel corso delle diverse sessioni, hanno cercato di mettere a sistema le proprie esperienze e competenze al fine di promuovere una visione strategica comune e condivisa per la gestione e la tutela del Mare Adriatico e delle sue coste. Il Progetto, finanziato dalla Unione Europea attraverso il programma di cooperazione transfrontaliera IPA Adriatico , mira allo sviluppo di un sistema di governance multilivello ed intersettoriale, basato sull applicazione di un approccio olistico e sulla gestione integrata delle risorse naturali, la prevenzione dei rischi e la risoluzione dei conflitti tra gli usi delle aree costiere e del Mare Adriatico. Le attività di progetto intendono promuovere l applicazione del Protocollo sulla Gestione Integrata delle Zone Costiere Thetis ha contribuito all organizzazione tecnica delle 5 sessioni del convegno ed ha partecipato con una presentazione dell Ing. Rossetto, Responsabile della Direzione Ingegneria, volta ad illustrare le esperienze maturate da Thetis sia a livello locale sia in campo internazionale nell ambito delle tematiche ICZM e MSP. In particolare sono state descritte le attività che Thetis ha svolto per conto della Commissione Europea e dell European Topic Centre on Climate Change and Vulnerability, i progetti di sviluppo infrastrutturale in ambito marino (Terminal Ro-Ro e Terminal Off- Shore) e i progetti nel campo della gestione del traffico marittimo (progetti SIMNAV, STIM, MARNIS, SEAMARINER, VTMIS, ecc). Le 5 sessioni plenarie del convegno hanno invece riguardato molteplici tematiche e in particolare: Esperienze internazionali su MSP: Europa e Regioni marine ; con l analisi di esperienze di implementazione della MSP a scala Europea e di Regione marina (Mar Mediterraneo, Mare del

4 6 Progetto GEMAR Eva Cassetta 7 Il progetto GEMAR nasce con lo scopo di studiare e mettere a punto un generatore in grado di produrre energia elettrica da correnti sottomarine. L idea è stata premiata e co-finanziata da un bando della Regione Veneto secondo la Legge Regionale n.9/ Bando per la concessione di contributi a sostegno di attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale, innovazione e diffusione del trasferimento tecnologico. (DGR n.4222/2008). Il progetto è stato sviluppato da una cordata di aziende coadiuvata da un team di consulenti tecnico scientifici di alto livello. Le aziende promotrici del progetto sono: FIP Industriale Spa, Berengo SpA, Mf Marchiori Srl, InComet Snc e Arca Compositi Srl. Tra i consulenti scientifici: Thetis SpA, Aster Srl, Interconsuting, il Parco Scientifico Tecnologico del Molise, l Università Federico II di Napoli, l Università degli Studi di Padova. L innovatività di questo generatore GEMAR sta nel non essere vincolato in maniera fissa al fondale ma nel configurarsi come uno scafo galleggiante ai cui lati sono alloggiate due turbine, trattenuto nella corrente solo da un cavo di ormeggio. Questa configurazione permette al generatore di ridurre a zero l impatto visivo, di non compromettere la navigazione, ovunque venga alloggiato, a patto che sia possibile lasciare un franco di 10 metri al di sopra di esso, di rendere più semplice la manutenzione ma soprattutto di auto allinearsi spontaneamente alla corrente per sfruttare la massima energia disponibile. Il progetto è stato condotto in due fasi successive: la prima, quella di studio e di sperimentazione, in vasca navale, presso l Università di Napoli, tramite un modello in scala; la seconda invece finalizzata alla messa a punto e realizzazione del vero e proprio prototipo in scala reale da testare in mare. Il generatore, realizzato per la messa in acqua, monta due turbine le cui pale hanno dimensioni di 1,5 metri, supportate da uno scafo di quasi 10 metri di lunghezza, ed è in grado di generare fino a 20kW di potenza, in corrispondenza di correnti di velocità pari a 1,7 m/s. La consulenza tecnico-scientifica di Thetis è stata fondamentale in particolare nella seconda fase del progetto per molteplici aspetti. Thetis si è occupata di selezionare il sito ideale per la sperimentazione in acqua, indagando le velocità della corrente per effetto dell alternanza delle maree all interno della laguna di Venezia. L esito di queste indagini ha individuato l area antistante l ex Forte di Sant Andrea nel Canale di San Nicolò. Essendo l area interessata dall installazione all interno della Laguna, Thetis ha contestualmente condotto lo screening VinCA. La committenza si è avvalsa della consulenza di Thetis anche per la procedura di permitting ambientale: trattandosi di un progetto di carattere eccezionale per il contesto lagunare, Thetis ha avuto il compito di contattare, informare e interfacciarsi con tutti gli enti politico-amministrativi che hanno competenze sull area in questione, al fine di ottenere i permessi necessari per le operazioni di posa, di esercizio e di dismissione. Gli enti interessati sono stati dunque: la Capitaneria di Porto di Venezia, l Autorità Portuale di Venezia, il Magistrato alle Acque di Venezia, il Comune di Venezia, Enel, GSE, l Ufficio di Tutela Ambientale, l Agenzia del Demanio. Per l Agenzia del Demanio, è stata redatta anche una relazione paesaggistica focalizzata sull impatto dell infrastruttura elettrica ed elettronica di supporto al prototipo che doveva essere installata a terra. La fase di sperimentazione in acqua si è svolta nei mesi di marzo e aprile di quest anno. Durante questo periodo, Thetis ha fornito il proprio supporto nell attività di monitoraggio e raccolta dati in continuo del profilo della corrente in arrivo al generatore e del moto ondoso, per consentire di relazionare le prestazioni del prototipo con le contestuali condizioni di corrente marina. A tal fine è stato posizionato un correntometro acustico sul fondale in prossimità del GEMAR.

5 8 L Arsenale e l evento del America s Cup World Series Giovanni Zarotti L iniziativa di far svolgere una delle tappe della America s Cup World Series a Venezia ha rappresentato una straordinaria opportunità di collegare le vocazioni della città verso il mare con l esperienza di un evento velico di primaria importanza e grande rilievo sportivo e tecnico. L Arsenale di Venezia è apparso da subito il luogo più adatto ove ospitare la principale base delle attività della tappa veneziana del America s Cup World Series, in virtù della sua posizione strategica rispetto ai campi di regata, dell offerta di infrastrutture e spazi disponibili, tra i quali i bacini di carenaggio, le darsene interne e i capannoni storici, del suo essere integrato nel tessuto urbano della città antica di Venezia ed infine del suo pregio storico e monumentale con edifici e strutture edificate nell arco di oltre otto secoli a partire dal 200, ricongiungendo in modo ideale esperienze antiche e contemporanee nel campo della nautica a vela. La nostra azienda ha fatto parte del Comitato Organizzatore VivereVenezia (VIVE) che aveva come scopo principale quello di organizzare e valorizzare la manifestazione della regata e seguire gli aspetti logistici e infrastrutturali che accompagnavano l arrivo dei catamarani e l operatività di squadre e del team America s Cup Event Authority (Acea). Thetis ha collaborato per lo studio di fattibilità e la progettazione preliminare dell insediamento della infrastrutturazione, prevedendo in particolare di organizzare il village in due macroaree, la prima relativa alle funzioni tecniche localizzata nell area del bacino grande di carenaggio, impiegando quest ultimo per il rimessaggio dei catamarani AC45, e la seconda relativa alle funzioni logistiche, direzionali, di rappresentanza e divulgazione all interno di alcuni dei capannoni della Novissima con l antistante banchina come elemento di snodo e collegamento tra le aree, nonché come principale punto di fruizione pubblica in ragione anche della vista privilegiata sulla darsena grande, nel cui specchio acqueo era previsto l ormeggio delle imbarcazioni da regata nel periodo transitorio tra gli eventi agonistici. Per quanto riguarda più in particolare l insedimento delle funzioni tecniche si è deciso queste fossero concentrate nell area del bacino grande, prevedendo l installazione delle basi dei team lungo le sponde del bacino e di pontili galleggianti al suo interno per facilitare le operazioni di alaggio degli AC45. Le rimanenti funzioni, tra cui la sala stampa, gli uffici tecnici dell ACEA, gli spazi per eventi si è previsto fossero collocate all interno di alcuni dei più suggestivi edifici dell Arsenale nord nell area della Novissima Grande. È stato inoltre previsto che tutta l area fosse resa accessibile e visitabile liberamente dal pubblico attraverso percorsi dedicati che si sarebbero snodati dall accesso all Arsenale, nei pressi della storica porta da mar, lungo le sponde della darsena grande fino all area dei bacini di carenaggio, consentendo di poter ammirare le peculiarità dell architettura di questa parte della città e al contempo di poter osservare da vicino le caratteristiche tecnologiche ed innovative delle imbarcazioni da regata. Il successivo svolgimento della manifestazione, nell ambito del quale Thetis ha anche svolto, in coordinamento con il comitato direttivo, una parte delle attività di coordinamento e gestione degli eventi, ha dimostrato l efficacia e funzionalità dell insediamento così come progettato sia sotto il profilo della gestione sportiva dell evento sia sotto il profilo della fruizione pubblica degli spazi, confermando la possibilità di conciliare nel contesto arsenalizio iniziative ed eventuali eventi culturali e sportivi con le attività produttive in esso insediate. Al termine della manifestazione, l opportunità offerta dall aver ripristinato, ancorché temporaneamente, un collegamento diretto, attraverso l area della Marina Militare, tra l area nord dell arsenale e la riva dei sette martiri, e da qui in breve all area di San Marco, ha mostrato in concreto come l Arsenale possa tornare facilmente ad essere una parte attiva della città e vicina al suo baricentro.

6 Cosa c è di nuovo nella casetta Giovanni Cecconi L unità PREV, collocata nel nuovo edificio, Casetta 62, si occupa di analizzare, progettare, e verificare l affidabilità del sistema che sovrintende alle manovre di sollevamento ed abbassamento delle schiere di paratoie alle quattro bocche di porto. Si riproducono per mezzo di modelli idrodinamici tutti gli effetti che possono condizionare le manovre delle barriere mobili: le previsioni meteo-marine, le misure di marea, la pioggia e il vento, il traffico portuale. Per una miglior ed immediata consultazione delle previsioni e delle simulazioni del sistema decisionale è stato installato all interno dell edificio un Videowall. Il videowall è un maxischermo composto da 18 monitor (3x6) di dimensione 16:9 ciascuno, sono stati collegati n 30 cavi in Fibra ottica lunghi 20 metri per la connessione tra la parte server di gestione (presente in sala CED) e i Video. I 18 monitor sono stati suddivisi in 3 gruppi di sei monitor. videowall sinistra videowall centro videowall destra Un apposito software gestirà le rappresentazioni su videowall utilizzando informazioni grafiche costituite da: Pagine WEB; Parti di schermo di Workstation; Schermate di programmi funzionanti sotto Windows; Video ed immagini multimediali in generale, con ingressi diretti anche TV e Radio. Il videowall visualizzerà sempre le informazioni fondamentali per chi deve prendere delle decisioni: 1. Modalità standard: è quella per cui nessuno dei sistemi monitorati evidenzia eventi meteomarini straordinari. 2. Modalità operativa: è quella per cui uno o più dei sistemi monitorati evidenzia eventi meteomarini straordinari che potrebbero portare alla decisione di operare sulle paratoie. 3. Modalità di emergenza: è un caso particolare della modalità operativa in cui uno o più dei sistemi monitorati è in condizione di ritardo nel ricevere o fornire i dati, oppure è soggetto a malfunzionamento o guasto. Saranno gli operatori, sui monitor della loro postazione, ad avere il dettaglio del singolo sistema e il controllo dei dati puntuali. Ogni sistema deve essere dotato di una logica di presentazione riassuntiva in modo da limitare le informazioni da mostrare sul videowall a ciò che effettivamente è in quel momento necessario. I gruppi saranno distinti in: Videowall di sinistra (Vp): videowall relativo al sistema di gestione sullo stato delle paratoie e monitoraggio aree di bocca; Videowall di centrale (Vd): videowall relativo al sistema di supporto alle decisioni; Videowall di destra (Ve): videowall relativo al sistema di gestione delle emergenze. In assenza di emergenze tale videowall sarà impiegato per presentare altri dati meteomarini integrativi e webcam assieme ad immagini da satellite e campi di previsione meteorologica.

7 12 Studio C Progetto di creazione di aree a molluschicoltura a scopo commerciale e di vivaio per gli interventi morfologici con tecniche d ingegneria naturalistica a elevato valore ambientale in laguna di Venezia Claudia Cerasuolo 21 Si è svolto nel pomeriggio del 18 luglio presso la sala conferenze di Thetis il workshop relativo al Progetto di creazione di aree a molluschicoltura a scopo commerciale e di vivaio per gli interventi morfologici con tecniche di ingegneria naturalistica ad elevato valore ambientale in laguna di Venezia (Studio C.1.7) promosso dalla Regione del Veneto e dal Magistrato alle Acque di Venezia con la collaborazione del Consorzio Venezia Nuova, Thetis SpA, Agriteco, Laguna Project. Ad aprire il workshop, l ing Valerio Volpe del Magistrato alle Acque di Venezia, che ha inquadrato il ruolo e le attività di competenza dello Stato, realizzate attraverso il concessionario Consorzio Venezia Nuova e finalizzate alla salvaguardia fisica e ambientale di Venezia e della sua laguna. E poi intervenuto l Ing. Giovanni Cecconi che ha ricordato come sia i lavori sui litorali che quelli per il Sistema MOSE hanno reso necessaria la realizzazione di strutture rigide, in pietrame, con uno sviluppo lineare totale di oltre 30 chilometri. Questi elementi costituiscono un vero e proprio nuovo substrato solido collocato in un ambiente costiero caratterizzato principalmente dai sedimenti incoerenti dei fondali sabbioso-limosi. Queste scogliere artificiali oltre a svolgere il ruolo primario di protezione da moto ondoso e correnti, rappresentano una risorsa da valorizzare nell ambito dell ecosistema costiero. Costituiscono infatti nuovi habitat di substrato duro, di ragguardevoli dimensioni alla scala dell Alto Adriatico, con un elevato potenziale di richiamo e aggregazione per comunità biologiche innescando anche importanti meccanismi bioecologici capaci di accrescere la biodiversità tipica locale. canale S. Giuliano. Per la realizzazione della struttura biostabilizzante nella zona prossima al canale S. Giacomo-Scomenzera sono stati utilizzati gusci di molluschi bivalvi e gasteropodi provenienti dal Nord Adriatico e organismi vivi di ostriche (Crassostrea gigas) e mitili (Mytilus galloprovincialis) provenienti da un vivaio a mare appositamente avviato. Il vivaio è situato a circa 1,8 miglia dalla costa nella fascia antistante il litorale di Porto Tolle a largo della Sacca di Scardovari. I mitili insediati sono cresciuti ed hanno permesso di fornire 400 reste per la realizzazione delle strutture modulari, mentre non è stato possibile utilizzare le ostriche a causa di una manovra di un imbarcazione a strascico che ha provocato la rottura di alcuni cavi di sostegno delle ceste con le ostriche. Nel corso dei monitoraggi effettuati per circa un anno dalla realizzazione è stato appurato che la struttura biostabilizzante, costituita in parte da materiale vivo (ostriche e mitili), è risultata una struttura efficace per lo smorzamento del moto ondoso e che ha favorito processi di colonizzazione biologica da parte sia di organismi macroalgali che di organismi animali quali spugne, ascidie, anemoni e mitili. Inoltre la formazione di questo reef artificiale ha contribuito all arrivo di altri organismi animali quali piccoli crostacei e molluschi (gammaridi, gamberetti, paguri, granchi, murici) e di piccoli pesci, soprattutto blennidi e gobidi. In conclusione è stato affrontato l argomento tecnico e le metodologie adottate per la realizzazione della struttura biologica (biostabilizzante) a protezione del fondale a lato del canale Scomenzera in prossimità dell isola di San Giacomo in Paludo in laguna Nord, realizzata sulla base di una convenzione stipulata fra Magistrato alle Acque di Venezia e Regione del Veneto, nell ambito della LR 15/2007. Tali strutture sono state progettate sulla base dell esperienza maturata nelle sperimentazioni condotte dal Magistrato alle Acque di Venezia negli anni lungo il

8 14 La modellistica numerica di Thetis a supporto dell Autorità Portuale di Salerno Luca De Nat 15 Il Piano di Sviluppo per la Razionalizzazione della Portualità Turistica e del Sistema dei Trasporti via Mare nell Ambito Salernitano, oggetto del Protocollo d Intesa del 14 febbraio 2003 tra la Regione Campania, il Comune di Salerno e l Autorità Portuale di Salerno, prevede la realizzazione di un porto turistico nel piccolo specchio acqueo di Santa Teresa, confinante con il porto commerciale di Salerno. Allo stato attuale il previsto porto turistico, con le sue strutture di difesa contro le mareggiate, non è ancora stato realizzato, e lo stato di agitazione ondosa nello specchio acqueo, oltre a non garantire una fruibilità ottimale dello stesso per l ormeggio in periodo invernale, determina anche un potenziale pericolo di inondazione della banchina di riva e dei locali sottoposti, limitandone di fatto la completa operatività. Per la protezione dal moto ondoso del bacino di Santa Teresa è pertanto attualmente in fase di progettazione un intervento provvisionale consistente nella modifica/ prolungamento dell esistente scogliera di 145 m che costituisce il più settentrionale dei due moli che lo separano dal mare. Al fine di ottimizzare l intervento, l Autorità Portuale di Salerno ha affidato a Thetis SpA lo svolgimento di uno studio su modello matematico per la ricostruzione dei campi d onda e di corrente in prossimità dell imboccatura e all interno del bacino di Santa Teresa sia nello stato di fatto che in presenza dell opera. L analisi modellistica è stata eseguita utilizzando i moduli di simulazione Mike 21 PMS (modello di propagazione dell onda) e Mike 3 HD FM (modello idrodinamico 3D a maglia flessibile) commercializzati da DHI Water & Environment, che costituiscono lo stato dell arte per questo tipo di studio. Particolare attenzione è stata posta durante le simulazioni alle condizioni di moto ondoso lungo la banchina di riva, per evitarne la tracimazione, ma anche all influenza dell opera sulle correnti litoranee in prossimità dell imboccatura del bacino, ai fini di garantire l accesso alle imbarcazioni in condizioni meteomarine perturbate. Lo studio, eseguito in stretta collaborazione con il progettista, ha permesso di identificare la configurazione migliore dell opera tra diverse possibili alternative. Si tratta di una configurazione a mazza di golf del tratto terminale della scogliera, ottenuta con un prolungamento in due tratti, di cui il primo, di 50 m, in prosecuzione dell allineamento precedente e il successivo, di 65 m, ruotato di circa 60 in senso orario rispetto al precedente, in modo da disporsi parallelamente all andamento locale delle isobate. Stato di progetto. Altezza d onda (Hrms = 0.7 Hs) nell area di indagine per Direzione di provenienza 195 N e Tr = 10. Stato di progetto. Campi di corrente nell area di indagine per la mareggiata di direzione di provenienza 195 N e Tr = 10. Ulteriori simulazioni modellistiche sono state eseguite per verificare la risposta alle mareggiate della configurazione finale del porticciolo turistico, da realizzare in un secondo momento all interno del bacino, che prevede tra l altro: l ulteriore modifica della parte terminale della scogliera di protezione nord del bacino di Santa Teresa, con la realizzazione di una seconda testata che restringe a 50 m la larghezza utile dell ingresso al porto; la realizzazione nel bacino di Santa Teresa di una struttura fissa di accosto (piccolo molo) a forma di T che si protende verso l imboccatura del bacino; il dragaggio della metà settentrionale del bacino di Santa Teresa, con la realizzazione di un piano intermedio a quota -5 m e di un piano a quota -3.5 m che si estende fino alla banchina di riva; la realizzazione di due connessioni idrauliche tra il bacino di Santa Teresa e il confinante Porto Commerciale, intese a consentire il transito di piccole imbarcazioni e ad aumentare circolazione ed il ricambio dell acqua nella marina; il prolungamento di 180 m verso sud della banchina del porto commerciale, a protezione della parte di quello specchio acqueo che assieme all intero bacino di santa Teresa formerà il futuro porto turistico. Mesh di calcolo e batimetria implementata per il modello del nuovo porto turistico dettaglio dell area del porto. L analisi svolta ha evidenziato come nel caso degli eventi decennali di attacco ondoso l altezza d onda significativa all interno del porto turistico non superi mai i 25 cm, neppure nelle aree più sollecitate. Il seppur minimo dislivello indotto dal frangimento del moto ondoso tra il bacino di Santa Teresa e le aree interne del porto commerciale risulta tuttavia in grado di indurre una corrente anche significativa all interno del porto turistico attraverso il nuovo varco creato per consentire il transito delle piccole imbarcazioni.

9 16 Thetis partecipa a REMTECH 2012 Roberta Lazzarini è il numero dello stand affidato a Thetis all interno del padiglione 4 nella sezione CoastEXPO della fiera Remtech, il Salone delle Bonifiche di Ferrara che quest anno si terra dal 19 al 21 settembre REMTECH è l evento più specializzato in Italia sulle bonifiche dei siti contaminati e la riqualificazione territoriale. Giunto alla sesta edizione, quest anno il comitato scientifico e l organizzazione della fiera, grazie alla collaborazione delle diverse istituzioni, delle regioni costiere e delle autorità portuali, ha deciso di accrescere la proposta fieristico congressuale focalizzando maggiormente i temi dei dragaggi, dei sedimenti, delle opere di difesa e tutela del mare, dei bacini e dei corsi d acqua. Altra importante novità di quest anno riguarda le opportunità di incontro e di scambio con i principali buyers nazionali e internazionali, provenienti anche da Russia, Cina, Brasile, Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Tunisia, Turchia, Israele, Giordania, Siria, Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna, con i quali Thetis potrà instaurare rapporti di lavoro e promuovere nuovi contatti e occasioni di business. In contemporanea con REMTECH avrà luogo Coast Expo, alla sua terza edizione che rappresenta l appuntamento più qualificato in Italia sulla protezione della costa e del mare. CoastEXPO punta quest anno i riflettori, come scrivevamo prima, su temi dei dragaggi, dei sedimenti e delle opere di difesa e tutela del mare. E questa la sessione specifica dove Thetis ha posizionato il suo stand. Per comunicare questa integrazione e trasversalità delle due aree, Thetis ha scelto di raccontarsi producendo materiale promozionale elaborato attraverso nuove soluzioni grafiche studiate ad hoc capaci di comunicare in modo efficace, sintetico e immediato le attività e le referenze maturare da Thetis in questi specifici ambiti. Ma oltre allo stand, presidiato da personale tecnico in grado di fornire con competenza e professionalità le risposte alle richieste dei visitatori e dei potenziali clienti, Thetis avrà anche altre opportunità per far conoscere le proprie attività. Il giorno 19, giorno dell inaugurazione dell evento, alle nella sala Arena, l ing. Giovanni Cecconi relazionerà su un argomento ritenuto dal Comitato Scientifico di grande interesse: l intervento verterà sui lavori, effettuati per conto del Magistrato alle Acque di Venezia, che riguardano il riuso dei sedimenti di dragaggio per la ricostruzione degli habitat lagunari e costieri. Nel pomeriggio dello stesso giorno in una sala adatta a ricevere un centinaio di persone, Thetis organizzerà un workshop tecnico dal titolo Masterplanning in siti contaminati costieri dove sono previsti anche interventi di rappresentanti istituzionali. I servizi e le attività che Thetis ha deciso di evidenziare in questa occasione, sono in prevalenza di competenza dell area Ambiente e Territorio (AMTE) e dell area Ingegnerica Civile, Sistemi e Impianti (INCE) che operano in modo trasversale e integrato offrendo al cliente un vero valore aggiunto: la capacità di erogare soluzioni anche innovative in grado di gestire varie fasi legate ai processi di site remediation, alla caratterizzazione ambientale, alla progettazione della bonifica, alla gestione degli aspetti economici e commerciali.

10 18 Bilancio 2011 Chiara Castellani 19 L andamento dell esercizio 2011 e le prospettive future Nel 2011 Thetis ha conseguito il miglior risultato dalla sua costituzione, significativamente superiore alle aspettative, in un contesto di mercato caratterizzato dalla recessione economica. La Società ha conseguito importanti risultati sia sotto il profilo economico, con la crescita del valore della produzione, sia sotto il profilo finanziario, con il miglioramento della situazione di cassa e conseguente riduzione del livello di indebitamento finanziario netto. Sul piano dei processi e degli investimenti, l esercizio 2011 ha prodotto migliore efficienza e razionalità operative attraverso la rivisitazione delle procedure, il controllo dei costi, l ottimizzazione degli investimenti nelle dotazioni operative, la razionalizzazione degli aspetti logistici e lo sviluppo di nuove competenze distintive aziendali. Le prospettive della Società per l esercizio 2012 sono positive, potendo contare su commesse già acquisite o in acquisizione per un valore complessivo superiore al 77% dei risultati previsti per l esercizio e su concrete possibilità di ulteriori acquisizioni. I settori di business Sul piano operativo, l attività nel settore dell Ingegneria Civile, Energia e Impianti ha esteso le attività tradizionali legate agli interventi nell area dell Arsenale a nuovi filoni orientati alla progettazione impiantistica e all ottimizzazione e certificazione energetica degli edifici. Importanti attività, oltre a quella della progettazione del terminal petrolifero offshore al largo della costa veneziana, sono quelle legate alla progettazione strutturale e impiantistica del nuovo distretto sanitario del Lido di Venezia, del nuovo compendio sanitario di Pesaro e l avviamento della certificazione LEED del nuovo Museo M9 di Mestre. L attività del settore Direzione Lavori ha riguardato le Opere Mobili alle bocche di porto e i servizi per gli interventi di Salvaguardia di Venezia e della sua laguna, oltre ai servizi offerti per le attività di scavo dei canali portuali di grande navigazione svolte per conto del Commissario Delegato e dell Autorità Portuale di Venezia. L attività nel settore dell Ambiente e Territorio si è focalizzata, oltre che nel campo tradizionale degli studi, dei monitoraggi e delle attività sperimentali inserite nel quadro degli interventi per la Salvaguardia di Venezia e della sua Laguna, sulle attività di permitting ambientale, in particolare gli Studi di Impatto Ambientale, e sui progetti di bonifica relativi ad alcune importanti iniziative di riqualificazione del territorio veneziano. Al di fuori del contesto locale, vanno ricordati inoltre gli studi sulla gestione delle aree costiere condotti per conto della Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea e le attività di monitoraggio su piattaforme off-shore dell ENI eseguite per conto del CNR. L attività nel settore delle applicazioni ITS per il trasporto marittimo è stata caratterizzata dalla gestione del Sistema SIMNAV, il Sistema Informativo e di Monitoraggio della Navigazione per il controllo del traffico navale alle Bocche di Porto, e dalla prosecuzione del progetto STIM, il Sistema Telematico Integrato di Monitoraggio per aumentare l operatività del Porto di Venezia. L attività nel settore delle applicazioni ITS per la mobilità sostenibile è stata caratterizzata dal completamento e collaudo dei progetti di Roma TPL e Arriva Malta, che utilizzano la nuova gamma Thetis di prodotti hardware e software per la gestione del trasporto pubblico. Sono state inoltre avviate le attività per la realizzazione del centro di supervisione del trasporto pubblico per la città di Liverpool ed è stata realizzata una dimostrazione delle nuove tecnologie per l informazione ai passeggeri a Pechino, nell ambito del progetto Viajeo. Sono, infine, proseguite le attività di manutenzione dei sistemi già installati dalla Società a supporto della gestione del trasporto pubblico di Venezia, Bologna e Parma. Nel corso del 2011 è stato costituito a Thetis il Centro Sistemi di Previsione e Modelli. Le attività del Centro si sono concentrate sul miglioramento e mantenimento delle reti dei dati meteomarini, dei sistemi di previsione dei livelli di marea, del moto ondoso e degli apporti dal bacino scolante e nello sviluppo e messa in esercizio operativo del sistema decisionale.

11 20 Bilancio 2011 Chiara Castellani 21 Proseguono, inoltre, a cura dell Area Unione Europea e R&D, le attività finalizzate alla partecipazione di Thetis ai progetti promossi dall Unione Europea e da altri organismi internazionali e alle collaborazioni con l University of California - San Diego e lo Scripps Institution of Oceanography, due tra le maggiori autorità mondiali sulle tematiche dello sviluppo sostenibile. Infine, un contributo fortemente multidisciplinare è stato fornito da tutti i settori specialistici della società nell ambito dello Studio di Avviamento alla gestione del Mose, che coinvolge competenze strutturali, impiantistiche, sistemistiche, informatiche e ambientali e che costituirà uno degli elementi portanti dell attività di Thetis anche per il prossimo esercizio. Ordinamento e organico della società L evoluzione organizzativa della Società e la necessità di rispondere al meglio agli scenari di riferimento ipotizzabili per il suo ulteriore sviluppo e rafforzamento nei mercati di interesse ha suggerito di razionalizzarne i processi produttivi e di staff, al fine di metterne in evidenza i caratteri distintivi e i fattori critici di successo e, al contempo, di aumentarne l efficienza e l efficacia nel tempo. A partire da fine luglio 2011, la Società ha inteso, pertanto, dotarsi di una nuova struttura organizzativa articolata su sei Aree Operative attive nei settori dell Ambientale e del Territorio (AMTE), dell Ingegneria Civile, Energia e Impianti (INCE), della Direzione Lavori (DILA), dell ITS e Sistemi Integrati (DITS), del Centro Sistemi di Previsione e Modelli (PREV) e dell Unione Europea e R&D (UERD). Nel mese di novembre 2011, grazie alla sempre più stretta integrazione con il Consorzio Venezia Nuova, l Area ITS di Thetis si è trasferita a Venezia lasciando gli uffici del Vega di Marghera. In questo modo tutta la struttura di Thetis è ora operativa presso gli uffici dell Arsenale, facilitando così l integrazione tra le persone e ottimizzando i processi operativi della Società.

12 22 In Arsenale la troupe di GEO & GEO 23 Nel gennaio 2012 Thetis ha ospitato nei propri spazi lo staff di Cose dell altro Geo la fortunata trasmissione di RAI 3 presentata da Massimiliano Ossini. Il programma molto seguito si interessa di natura, di animali, di ambiente e dei luoghi più suggestivi dell Italia e di tutto il mondo. Ben due puntate sono state girate nel Veneto e a Venezia. Ossini ha dedicato parte della puntata veneziana all Arsenale e alla sua millenaria storia intervistando negli spazi di Thetis il Vicepresidente del Magistrato alle Acque di Venezia Gianpietro Mayerle. Una bella occasione per mostrare al grande pubblico televisivo l area dell Arsenale recuperata da Thetis e, nel contempo, vivere una simpatica esperienza assieme allo staff della trasmissione.

13 24 Spazio Thetis a cura di Antonietta Grandesso ed Eleonora Mayerle 25 (Chi mi identifica? Chi può, me, riconoscere?), Renato Meneghetti (Mutante), Alfredo Romano (Cielo), Antonio Riello (Fragile & Precious) ed Eva Jospin (Details d une Forêt). Sono più di venti le donazioni che Thetis ha ricevuto nell ultimo anno dagli artisti ospitati nei suoi spazi e che vanno ad aggiungersi al centinaio già presente nella sua collezione. Tra queste opere citiamo alcune delle più importanti: Beverly Pepper (Perazim II), Marco Nereo Rotelli

14 Sede Castello 2737/f Venezia Tel Fax pec: thetislegalmail.it web:

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SEZIONE VENEZIA E LA SUA LAGUNA PATRIMONIO MONDIALE UNESCO PIANO DI GESTIONE 2012-2018 DOCUMENTO DI SINTESI

SEZIONE VENEZIA E LA SUA LAGUNA PATRIMONIO MONDIALE UNESCO PIANO DI GESTIONE 2012-2018 DOCUMENTO DI SINTESI SEZIONE VENEZIA E LA SUA LAGUNA PATRIMONIO MONDIALE UNESCO PIANO DI GESTIONE 2012-2018 DOCUMENTO DI SINTESI I VENEZIA E LA SUA LAGUNA PATRIMONIO MONDIALE UNESCO PIANO DI GESTIONE 2012-2018 DOCUMENTO DI

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli