Il comportamento economico delle famiglie straniere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il comportamento economico delle famiglie straniere"

Transcript

1 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché parlare di comportamento economico p. 2 Il comportamento economico delle straniere p. 2 Famiglie straniere e italiane a confronto p. 3 o Reddito p. 4 o Consumo p. 6 o Risparmio p. 7 o Disponibilità immobiliare p. 8 Caratteristiche delle del campione p. 11 Avvertenze metodologiche p. 13 Febbraio

2 Perché parlare di comportamento economico Analizzare il comportamento economico delle significa studiare la struttura dei redditi, dei consumi e dei risparmi; ma significa anche indagare sui livelli di povertà. E parlare di povertà degli stranieri significa stimolare riflessioni e fornire elementi utili dai quali partire per creare politiche migratorie coerenti con una realtà in continua evoluzione, specie in un periodo di crisi come quello attuale. Scopo di questo studio e quello di approfondire proprio questo aspetto che si rileva di cruciale importanza economia e sociale. Si evidenzia come lo stato di povertà in cui versano molte straniere indichi chiaramente l esistenza di una marginalità sociale che non deve essere sottovalutata. La distanza tra straniere e italiane in relazione all entità e alla struttura dei redditi e delle forme di risparmio e di investimento, rende evidente l entità di tali disuguaglianze. La crisi economica in atto, che sta mostrando come gli stranieri siano l anello debole del mercato del lavoro, rischia di privare gli immigrati dell unica fonte di reddito su cui le possono fare affidamento: il reddito da lavoro dipendente. Senza lavoro, oltre a perdere la regolarità del permesso di soggiorno, gli stranieri vedranno peggiorare la propria situazione economica, aggravando il proprio livello di benessere e creando nuova povertà. Partendo dall indagine della Banca d Italia sui Bilanci delle italiane nell anno 2010 si è provveduto a fotografare la famiglia sotto l aspetto economico, prendendo in considerazione una molteplicità di parametri: l ammontare del reddito, del consumo, del risparmio, il livello di povertà, il possesso di immobili (in Italia e all estero), le tipologie più diffuse di risparmio, le caratteristiche dell abitazione di residenza. Il comportamento economico delle straniere Oltre il 40% delle straniere vive al di sotto della soglia di povertà. A questo dato si perviene analizzando l ammontare dei redditi familiari: le straniere possono contare su un reddito medio annuo di , derivante nell 84,3% dei casi da lavoro dipendente. Il consumo annuo, che ammonta a consente alle di risparmiare appena 636 : risparmio che non viene però investito in azioni o obbligazioni, ma che viene depositato in banca, i cui conti correnti mostrano un saldo medio di per famiglia. Le straniere vivono in affitto in abitazioni medio-piccole (71 mq) e spendendo di canone di locazione oltre un quarto del proprio reddito disponibile. Appena il 23,8% delle straniere è proprietaria di immobili, di cui 9,5% localizzati all estero. Queste le informazioni più rilevanti che riguardano il comportamento economico delle straniere. Ma per capire in realtà il livello di disagio economico occorre mettere in relazione le caratteristiche delle straniere con quelle italiane. Questa operazione permette di misurare il grado disuguaglianza che si esprime con i numeri dell economia e che trova la sua traduzione nell analisi delle dinamiche sul piano sociale. 2

3 Il comportamento economico delle straniere E' proprietaria di immobili in appena il 23,8% dei casi il 42,2% vive al di sotto della soglia di povertà economica Ha un reddito di Spende il 27,4% del reddito in affitto Soprattutto reddito da lavoro dipendente 84,3% Vive in abitazione di 71 mq La famiglia... Il consumo è di Vive in affitto 72,8% Riesce a risparmiare 636 Ha un c/c che ammonta a Mette il poco risparmio in c/c 84,4% Famiglie straniere e italiane a confronto Il reddito di una famiglia ammonta mediamente a euro, quasi 45% in meno rispetto ad una famiglia. D altro lato, il consumo medio annuo è di a euro, quando invece una famiglia di origine spende all anno euro (il 30% in meno). Questo consente di stimare il risparmio familiare: per le straniere questo risulta di poco positivo (636 euro), per quelle italiane ammonta a quasi 8 mila euro. Quindi le straniere mediamente spendono leggermente di meno di quanto guadagnano, e ciò permette di calcolare una propensione al consumo (rapporto tra consumo e reddito) che è pari al 96,6%, quando per le italiane la quota si aggira attorno al 76%. 3

4 La quota di individui stranieri che sono definiti poveri 1, indicatore che tecnicamente viene chiamato indice di povertà economica, risulta pari al 42,2%. Per i componenti di italiane gli individui poveri sono il 12,6%. Redditi, consumi, risparmi e povertà economica delle Differenza % tra straniere e italiane Reddito familiare (in ) ,4% Consumo familiare (in ) ,6% Risparmio familiare (in ) ,0% Propensione al consumo 96,6% 76,2% 76,9% Indice di povertà economica 42,2% 12,6% 14,4% REDDITO Il reddito delle straniere (che ammonta a euro annui) deriva in prevalenza da redditi da lavoro dipendente: l 84,3% di tutte le entrate proviene infatti da questa voce. Segue il lavoro autonomo, per l 8,2%, e il reddito da capitale per l 8,7%. Per quanto riguarda i trasferimenti netti, le straniere mostrano un saldo negativo tra entrate e uscite, dal momento che una buona parte dei trasferimenti in essere viene destinata a soggetti che vivono all estero sotto forma di rimesse. Per questo motivo si registra un contributo negativo dai redditi per trasferimento. Diversa è la composizione dei redditi delle di origine che ammonta a euro annui: il reddito da lavoro dipendente, pur essendo la voce prevalente, copre appena il 38% di tutte le entrate (quindi meno della metà rispetto alle straniere), mentre le pensioni e i trasferimenti netti e il reddito da capitale contribuiscono, rispettivamente, per il 26,4% e il 22,7%. Infine il reddito da lavoro autonomo che concorre a formare il reddito familiare per il 13%. L esistenza di rilevanti disparità tra la condizione economica degli stranieri e quella degli italiani è confermata dall osservazione della distribuzione del reddito tra la popolazione. La figura sottostante mostra come i redditi degli stranieri siano concentrati nella parte sinistra del grafico, mentre gli italiani hanno una distribuzione un po più omogenea e la loro presenza nelle classi di reddito superiori è più significativa. Calcolando le percentuali cumulate, oltre il 60% delle straniere vive con meno di 20mila euro all anno, contro il 31,7% di quelle italiane. La distribuzione dei redditi familiari per decili di consente di capire quanta parte del reddito totale viene detenuta dalle più ricche e da quelle più povere. Se per gli italiani il 10% delle 1 Rifacendosi alla definizione della Banca d Italia per individui poveri si intende la % di persone che vive al di sotto della soglia di povertà che per il 2010 ammonta a

5 più povere (cioè con reddito più basso) percepisce il 2,2% del totale dei redditi, per le straniere si tratta del 7,5%; invece il 10% delle italiane più ricche (cioè con reddito più alto) percepisce il 27% del reddito totale, mentre quelle straniere appena il 4,3%. Questo significa che tra le italiane (anche se mediamente più ricche rispetto a quelle straniere) il reddito viene distribuito meno equamente mostrando dei livelli di disuguaglianza molto più evidenti rispetto a quanto si osserva tra le straniere: queste ultime (anche se più povere di quelle italiane) hanno tutte mediamente redditi bassi e quindi la maggior parte del reddito totale degli immigrati è concentrato tra le povere. Struttura del reddito delle (composizione %) e ammontare del reddito familiare in Reddito da lavoro dipendente 84,3% 38,0% 39,5% Pensioni e trasferimenti netti -1,1% 26,4% 25,4% Reddito da lavoro autonomo 8,2% 13,0% 12,8% Reddito da capitale 8,7% 22,7% 22,2% 100,0% 100,0% 100,0% Ammontare in Distribuzione del reddito delle per classi di reddito 60,0% 50,0% Italiani Stranieri 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% meno di 10 tra 10 e 20 tra 20 e 30 tra 30 e 40 tra 40 e 50 tra 50 e 60 oltre 60 5

6 Quote di reddito per decimi di Fino a 1 decile 7,5% 2,2% 2,4% Dal 1 al 2 decile 20,4% 3,6% 4,2% Dal 2 al 3 decile 12,1% 5,1% 5,3% Dal 3 al 4 decile 15,6% 6,1% 6,4% Dal 4 al 5 decile 13,8% 7,4% 7,7% Dal 5 al 6 decile 8,2% 9,0% 9,0% Dal 6 al 7 decile 9,4% 10,6% 10,6% Dal 7 al 8 decile 3,1% 12,9% 12,6% Dal 8 al 9 decile 5,6% 16,0% 15,7% Oltre il 9 decile 4,3% 27,0% 26,1% 100,0% 100,0% 100,0% CONSUMO Per quanto riguarda i consumi, il comportamento delle straniere non si differenzia di molto rispetto a quello delle italiane (se non per l importo annuo come visto precedentemente). La quasi totalità dei consumi è destinata a spese per beni non durevoli: 94,3% per le straniere contro il 93,5% per quelle italiane. Il rimanente per la spesa di beni durevoli: 5,7% per gli stranieri, 6,5% per gli italiani. Per le proprie spese gli stranieri utilizzano maggiormente i contanti rispetto agli italiani anche se per importi più contenuti: infatti il 52,3% della spesa media per consumi degli stranieri viene pagata cash, mentre per gli italiani si tratta del 42,2%. Ma se gli stranieri mediamente sbordano 787 in contanti al mese, per gli italiani si tratta di poco più di 900. L utilizzo di strumenti di pagamento alternativi al contante è molto più frequente tra gli italiani che tra gli stranieri: se i primi fanno uso di almeno una tra carte di credito, bancomat o carta prepagata, per i secondi si tratta dell 86,1%. Tra questi tre strumenti, il più utilizzato dalle straniere (così come quelle italiane) è il bancomat, seguito dalla carta di credito (11%) e dalle carte prepagate (9,6%). 6

7 Struttura dei consumi delle (composizione %) e ammontare dei consumi familiari in Spesa per beni durevoli 5,7% 6,5% 6,5% di cui per mezzi di trasporto 3,4% 4,0% 4,0% di cui per mobili, elettrodomestici, vari 2,3% 2,5% 2,5% Spesa per beni non durevoli 94,3% 93,5% 93,5% spesa per consumi 100,0% 100,0% 100,0% Ammontare in Utilizzo del contante: spesa in contante sul consumo medio Spesa media mensile in contanti (in ) Spesa in contanti sul consumo medio mensile (in %) 52,3% 42,2% 42,7% Utilizzo degli strumenti di pagamento Carta di credito 11,0% 33,4% 32,1% Bancomat 65,5% 68,9% 68,7% Carta prepagata 9,6% 12,2% 12,1% 86,1% 114,5% 112,8% RISPARMIO Le straniere che riescono a risparmiare, per la maggior parte decidono di indirizzare il proprio denaro depositandolo in conti correnti bancari o postali: si tratta dell 84,4% delle. Una parte molto marginale decide di investire in obbligazioni (0,9%), in titoli di stato (0,4%) o in altre forme di investimento (1,1%). Diverso è invece il comportamento di risparmio delle italiane: sebbene la quasi totalità di esse lasci comunque depositati parte dei propri soldi in conto corrente (92,0%), si osserva comunque una maggiore varietà di investimento. Il 13,1% delle italiane possiede obbligazioni o quote di fondi 7

8 comuni, l 8,7% possiede titoli di stato e il 18,5% investe in altre forme (come azioni, partecipazioni, gestioni patrimoniali e prestiti a cooperative). Mediamente l ammontare di risparmio in conto corrente delle straniere è la metà di quello delle italiane: contro Forme di risparmio delle Depositi bancari in c/c 84,4% 92,0% 91,5% Titoli di stato 0,4% 8,7% 8,2% Obbligazioni 0,9% 13,1% 12,4% Altro 1,1% 18,5% 17,4% 86,8% 132,3% 129,6% Ammontare medio dell importo in conto corrente (in ) DISPONIBILITA IMMOBILIARE Le straniere nel 72,8% dei casi vivono in affitto nell abitazione di residenza e appena il 13,8% ne è il proprietario. Il rimanente 13,4% è in usufrutto o in uso gratuito. Anche in questo caso risulta molto diversa la modalità di godimento della casa di residenza per le italiane: la maggior parte di esse vive infatti in immobili di proprietà (71,8%), mentre l 17,8% vive in affitto. Per quel che riguarda le caratteristiche dell abitazione di residenza, le straniere, rispetto alle italiane, si concentrano di più nelle aree periferiche delle città, vivono in abitazioni più piccole (71 mq in media) e mostrano una situazione di sovraffollamento 2 più frequente: il 32,8% delle straniere infatti vive in case dalla superficie procapite più bassa. La proprietà delle abitazioni di residenza delle straniere che vivono in affitto sono per la maggior parte dei casi persone private (83,7%). Appena il 4,7% prende in affitto l abitazione da enti pubblici o da parenti (2,2%), mentre per gli italiani questa ultima opzione è scelta nel 34,3% dei casi. 2 Seguendo la definizione data dalla Banca d Italia si ha sovraffollamento se la dimensione dell abitazione di residenza è inferiore a 30, 50, 65, 80, 100 e 125 mq nel caso in cui i componenti conviventi siano rispettivamente, 1, 2, 3, da 4 a 6, 7, 8 e oltre. 8

9 Ma se gli italiani spendono il 12,5% del proprio reddito in affitto, le straniere destinano a questa spesa il 27,4%, quindi oltre un quarto delle proprie disponibilità economiche. Per quanto riguarda gli immobili posseduti, si osserva come le italiane abbiano un maggior numero di proprietà rispetto alle straniere. Gli italiani infatti nel 71,8% dei casi sono proprietari dell abitazione di residenza, il 15,1% di altre abitazioni, il 6,5% di altri fabbricati, il 10,2% di terreni agricoli e l 1,9% di terreni non agricoli. Il 24,9% delle italiane non possiede invece alcuna proprietà. Se si considerano invece le straniere, il 76,2% non ha alcuna proprietà, quindi oltre tre volte in più rispetto agli italiani. Appena il 13,8% delle straniere possiede invece l abitazione di residenza e il 9,7% altre abitazioni. Tra queste abitazioni sono annoverate proprietà immobiliari all estero: il 9,5% delle straniere infatti dichiara di possedere almeno una proprietà fuori dall Italia. In proporzione le italiane risultano essere indebitate per l acquisto di immobili: si tratta dell 11,8% contro l 8,7% delle straniere. Ma se per le prime la rata del mutuo pesa per il 19,2% del reddito complessivo, per le seconde di tratta del 36,1%, quindi oltre un terzo del reddito disponibile. Titolo di godimento dell abitazione di residenza delle Proprietà 13,8% 71,8% 68,4% Affitto 72,8% 17,8% 21,1% Altro titolo 13,4% 10,4% 10,5% 100,0% 100,0% 100,0% Ubicazione dell immobile di residenza Centro 25,7% 23,0% 23,1% Tra periferia e centro 25,2% 34,6% 34,0% Periferia 42,2% 35,2% 35,6% Zona agricola 5,8% 6,8% 6,8% Altro 1,1% 0,4% 0,5% 100,0% 100,0% 100,0% 9

10 Superficie dell immobile di residenza (in mq) 71 mq 106 mq 104 mq Percentuale di che vive in situazione di sovraffollamento 32,8% 9,4% 10,8% Proprietà dell immobile di residenza in affitto Parenti 2,2% 34,3% 29,1% Persone fisiche 83,7% 42,6% 49,2% Società private 3,6% 2,2% 2,4% Enti pubblici 4,7% 18,8% 16,5% Altro 5,8% 2,2% 2,8% 100,0% 100,0% 100,0% Peso dell affitto per l abitazione di residenza sul reddito familiare 27,4% 12,5% 13,4% Proprietà possedute dalle Nessun immobile 76,2% 24,9% 27,9% Abitazione dove abita la famiglia 13,8% 71,8% 68,4% Altre abitazioni 9,7% 15,1% 14,8% Altri fabbricati 0,5% 6,5% 6,2% Terreni agricoli 1,8% 10,2% 9,7% Terreni non agricoli 0,1% 1,9% 1,8% 100,0% 100,0% 100,0% 10

11 Percentuale di che possiedono immobili all estero 9,5% 0,3% 0,8% Percentuale di indebitate per immobili 8,7% 11,8% 11,6% Peso delle rate del mutuo per l abitazione di residenza sul reddito familiare 36,1% 19,2% 19,6% Caratteristiche delle Le straniere sono in prevalenza costituite da un unico componente (37,4%), mentre per le italiane la classe più frequente riguarda i nuclei con 2 componenti (31,3%). Nel 72,8% dei casi il capofamiglia straniero è maschio, mentre per le italiane la percentuale arriva al 68,0%. Per gli immigrati si tratta di persone mediamente molto giovani: quasi il 30% ha meno di 34 anni, quando per gli italiani questa percentuale di attesta appena al 9,2%. Per quanto riguarda la condizione professionale, gli stranieri sono in prevalenza occupati soprattutto come dipendenti (88,2%) e, in percentuali inferiori, autonomi (7,0%). Tra i dipendenti spicca la figura dell operaio (83,6%), mentre gli impiegati o i dirigenti sono appena il 4,6%. Infine il 4,8% è disoccupato. Per quanto riguarda invece la condizione lavorativa dei capifamiglia italiani il 43,6% è dipendente (appena il 19,3% ricopre ruoli da operaio) e il 13,3% è un lavoratore autonomo. Quello che balza all occhio è che quasi quattro soggetti su dieci sono pensionati e appena l 1,8% è disoccupato. Infine, gli stranieri del campione sono concentrati nelle aree settentrionali del nostro Paese dove vivono il 70% delle, il 23,5% al Centro e appena il 6,4% nel Mezzogiorno. La distribuzione delle italiane risulta invece molto più omogenea nel territorio nazionale. 11

12 Caratteristiche delle del campione Caratteristiche del capofamiglia SESSO Maschi 72,8% 68,0% 68,3% Femmine 27,2% 32,0% 31,7% 100,0% 100,0% 100,0% ETA fino a 34 anni 29,5% 9,2% 10,3% anni 39,3% 19,8% 21,0% anni 25,8% 20,2% 20,6% anni 5,0% 17,1% 16,4% >64 anni 0,3% 33,7% 31,8% 100,0% 100,0% 100,0% CONDIZIONE PROFESSIONALE Dipendente 88,2% 43,6% 46,2% Operaio 83,6% 19,3% 23,1% Impiegato 4,3% 19,2% 18,3% Dirigente 0,3% 5,1% 4,8% Autonomo 7,0% 13,3% 12,9% Imprenditore, libero professionista 1,1% 5,7% 5,4% Altro autonomo 5,9% 7,6% 7,5% Non occupato 4,8% 43,1% 40,9% Pensionato 1,3% 39,7% 37,5% Disoccupato 3,0% 1,8% 1,9% Altri non occupati 0,5% 1,6% 1,5% 100,0% 100,0% 100,0% 12

13 SETTORE DI ATTIVITA Agricoltura 3,9% 4,7% 4,7% Industria 21,4% 19,6% 19,8% P.A. e servizi pubblici 5,1% 23,0% 21,3% Altri settori 69,5% 52,7% 54,3% 100,0% 100,0% 100,0% MACROAREA Nord 70,0% 47,1% 48,4% Centro 23,5% 19,7% 19,9% Sud e Isole 6,4% 33,2% 31,6% 100,0% 100,0% 100,0% NUMERO DI COMPONENTI DELLA FAMIGLIA 1 componente 37,4% 24,1% 24,9% 2 componenti 16,8% 31,3% 30,4% 3 componenti 16,6% 19,6% 19,5% 4 e più componenti 29,2% 24,9% 25,2% 100,0% 100,0% 100,0% Avvertenze metodologiche I dati presentati in questo studio si riferiscono all indagine campionaria della Banca d Italia sui Bilanci delle italiane nell anno 2010 condotta tra gennaio e agosto Per famiglia si intende la famiglia che ha come capofamiglia un soggetto di cittadinanza non. Su intervistate, 411 hanno queste caratteristiche. Tutte le informazioni presentati nello studio fanno riferimento alle caratteristiche del capofamiglia. 13

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 Le persone che hanno usufruito degli interventi, sia con risorse proprie della Fondazione, e sia

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE Analisi e mappatura del disagio economico delle famiglie in Italia suddivise tra famiglie straniere, miste e italiane GENNAIO 2011 FINALITA DELLO STUDIO Lo studio

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS)

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Il modello di riferimento Per le simulazioni è stato impiegato

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

INDAGINE SUI CONSUMI FAMIGLIE SAMMARINESI E LO STILE DI VITA DELLE (ANNO DI RIFERIMENTO 2011)

INDAGINE SUI CONSUMI FAMIGLIE SAMMARINESI E LO STILE DI VITA DELLE (ANNO DI RIFERIMENTO 2011) REPUBBLICA DI SAN MARINO UFFICIO INFORMATICA, TECNOLOGIA, DATI E STATISTICA INDAGINE SUI CONSUMI E LO STILE DI VITA DELLE FAMIGLIE SAMMARINESI (ANNO DI RIFERIMENTO 2011) 1 Indagine sui consumi e lo stile

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014)

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014) San Marino, 2 Settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2014) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012) San Marino, 26 Giugno 2013 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2012) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

INDAGINE SUI CONSUMI FAMIGLIE SAMMARINESI E LO STILE DI VITA DELLE (ANNO DI RIFERIMENTO 2011)

INDAGINE SUI CONSUMI FAMIGLIE SAMMARINESI E LO STILE DI VITA DELLE (ANNO DI RIFERIMENTO 2011) REPUBBLICA DI SAN MARINO UFFICIO INFORMATICA, TECNOLOGIA, DATI E STATISTICA INDAGINE SUI CONSUMI E LO STILE DI VITA DELLE FAMIGLIE SAMMARINESI (ANNO DI RIFERIMENTO 2011) 1 Indagine sui consumi e lo stile

Dettagli

Benessere e disuguaglianze: come vivono gli stranieri in Italia e in Calabria

Benessere e disuguaglianze: come vivono gli stranieri in Italia e in Calabria 10 Benessere e disuguaglianze: come vivono gli stranieri in Italia e in Calabria Domenico Tebala e Stefano Vitaletti Istat, Direzione Centrale per lo sviluppo e il coordinamento della rete territoriale

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

L IMPATTO DELLA MANOVRA SULLE FAMIGLIE STRANIERE. Costano quasi mezza mensilità

L IMPATTO DELLA MANOVRA SULLE FAMIGLIE STRANIERE. Costano quasi mezza mensilità L IMPATTO DELLA MANOVRA SULLE FAMIGLIE STRANIERE Costano quasi mezza mensilità Nel 2011 sono state realizzate 3 manovre fiscali: a Luglio (DL 98/2011), a Ferragosto (DL 138/2011) e a Dicembre (DL 201/2011).

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2013)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2013) San Marino, 4 Novembre 2014 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2013) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola Il lavoro intende analizzare i livelli di reddito disponibile delle famiglie umbre e il grado di disuguaglianza nella sua distribuzione. Le

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare?

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare? Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario isee - documentazione cosa presentare? Documentazione da produrre per il rilascio dell ISEE Nucleo Familiare Codice fiscale

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie I bilanci delle famiglie italiane nell anno 00 Nuova serie Anno XXII - 5 Gennaio 0 Numero 6 INDICE pag.. Introduzione... 7. La struttura della

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico Materiali di lavoro 7 Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico In questa scheda si presentano alcune stime riguardanti gli

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

Quali badanti per quali famiglie?

Quali badanti per quali famiglie? STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Quali badanti per quali famiglie? I lavoratori domestici in Italia (dagli archivi Inps) pag. 2 Quanti sono e quanto contribuiscono L identikit del lavoratore

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

La relazione tra banche e migranti in Italia

La relazione tra banche e migranti in Italia La relazione fra migranti e banche in Italia è venuta emergendo come un tema di grande interesse, suscitando l attenzione sia delle istituzioni pubbliche che del mondo economico e finanziario. Ciò ha comportato

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

RISPARMIO Scheda di lavoro

RISPARMIO Scheda di lavoro Domande di comprensione Spuntate le affermazioni corrette, e motivate ogni volta la vostra risposta. Esercizio 1 Quali affermazioni sul risparmio sono corrette? Fornite una motivazione per ogni risposta.

Dettagli

L abitazione delle famiglie residenti in Italia Anno 2008

L abitazione delle famiglie residenti in Italia Anno 2008 26 febbraio 2010 L abitazione delle famiglie residenti in Italia Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 TORINO 4-5 FEBBRAIO 2013 DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSULENTI DEL LAVORO TORINO CORSO MATTEOTTI 44 TEL. 011 5623588 (3 LINEE R.A.) fax 011

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

sulle condizioni sociali dei cittadini con più di 55 anni

sulle condizioni sociali dei cittadini con più di 55 anni TORINO TORINO COMUNE DI AVIGLIANA sulle condizioni sociali dei cittadini con più di 55 anni Elaborazione dei 444 Questionari riconsegnati Perchè un'indagine sulle condizioni sociali dei cittadini Aviglianesi

Dettagli

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea;

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea; Al Sig. Sindaco del Comune di Altopascio P.zza Vittorio Emanuele, 24 55011 Altopascio (LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO 2014 in esenzione da bollo ai sensi del D.P.R. 642/72 tab. B art. 8 comma 3 Il

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO Dott. Fabrizio SCOSSA LODOVICO Modena, 10 maggio 2013 FONTI NORMATIVE Articolo 22 Decreto Legge 78/2010 Articolo 38 D.P.R. 600/73 (come modificato dal D.L. 78/2010) D.M. 24 dicembre

Dettagli

Famiglie e abitazioni

Famiglie e abitazioni Famiglie e abitazioni A Milano le famiglie in affitto sono più di 380.000 per un totale di quasi quasi 1 milione persone e occupano il 25% delle abitazioni della città circa il 50% delle abitazioni in

Dettagli

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014 Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO MILANO 30 Gennaio 2014 Temi trattati Il mercato della locazione in Italia: trend recenti di contratti, domanda, offerta, quotazioni

Dettagli

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di 1 di 5 11/09/2011 14:52 LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE A cura di Roberto Praderi. Come nelle elaborazioni precedenti ci siamo basati su documenti ufficiali, in questa facciamo riferimento allo 2

Dettagli

Indicatore della Situazione Economica Equivalente

Indicatore della Situazione Economica Equivalente Indicatore della Situazione Economica Equivalente La certificazione Ise serve a documentare la situazione economica del nucleo familiare nel momento in cui si richiedono prestazioni sociali agevolate o

Dettagli

Il disagio economico delle famiglie

Il disagio economico delle famiglie delle famiglie Cristina Freguja Dirigente Servizio Condizioni economiche delle famiglie Cagliari, 17 settembre 2010 Gli indicatori di deprivazione materiale L indagine reddito e condizioni di vita EU-SILC

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE (ART. 11 - LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N.

DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE (ART. 11 - LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N. SPETT. ISTITUZIONE COMUNALE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI AL CITTADINO COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Via XX Settembre n.49 SAN MARTINO BUON ALBERGO (VR) DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Dipartimento di Scienze Sociali Università degli Studi di Napoli Federico II enrica.morlicchio@unina.it La riduzione dell occupazione nella crisi

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Numero 3 Maggio 2005 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA Primo obiettivo dell indagine sui consumi delle famiglie, condotta dall Istituto nazionale di Statistica,

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ. (P. Silvestri, 2014-15) 1

QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ. (P. Silvestri, 2014-15) 1 Lezione 5.2 QUALCHE DATO SU DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E POVERTÀ (P. Silvestri, 2014-15) 1 Fonti Eurostat, l Indagine europea sui redditi e sulle condizioni di vita delle famiglie (Eu-Silc) (European statistics

Dettagli

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 . Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 I cinesi fuori dalla Cina 9,3 milioni sono i cinesi emigrati nel mondo oggi, pari allo

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2004: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE - IL RICORSO ALLE ASTE IMMOBILIARI E AI MUTUI

L INDAGINE TECNOBORSA 2004: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE - IL RICORSO ALLE ASTE IMMOBILIARI E AI MUTUI L INDAGINE TECNOBORSA 2004: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE - IL RICORSO ALLE ASTE IMMOBILIARI E AI MUTUI a cura di Giovanni Chessa e Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FVG PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA. Giuseppe Forte ottobre 2014

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FVG PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA. Giuseppe Forte ottobre 2014 DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FVG PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA Giuseppe Forte ottobre 2014 1 Le principali dimensioni di analisi Diseguaglianza economica in Friuli

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

Popolazione e famiglie - Milano

Popolazione e famiglie - Milano - - 3 4 Popolazione e famiglie - Milano 650.000 1.600.000 635.000 n. famiglie 620.000 605.000 1.500.000 1.400.000 popolazione famiglie popolazione 590.000 1.300.000 575.000 1981 1991 2001 2002 2003 2004

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA'

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Le principali novità contenute nel modello 730/2015 sono le seguenti: - il CUD è stato sostituito dalla Certificazione

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie I bilanci delle famiglie italiane nell anno 0 Nuova serie Anno XXIV - 7 Gennaio 04 Numero 5 INDICE pag.. Introduzione... 5. La struttura della

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 16 dicembre 2013 Anno 2012 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2012, il 29,9% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

Abbigliamento e accessori per motociclisti

Abbigliamento e accessori per motociclisti ITALIA Abbigliamento e accessori per motociclisti Potenzialità del mercato e comportamenti d acquisto. Lo studio si concentra sui due canali di vendita preferiti: negozi specializzati e concessionari.

Dettagli

SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi

SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi Numero... Cognome...Nome... SETTORE SERVIZI SOCIALI Ufficio affitti onerosi Fo -AFFITTO ONEROSO- MODULO PER RICHIESTA CONTRIBUTO Cognome Nome Numero - SPORTELLO COMUNALE AFFITTO - (Art. 11, Comma 3 della

Dettagli

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA Giuseppe Forte 6 novembre 2014 1 Le principali dimensioni di analisi Diseguaglianza

Dettagli

(LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO

(LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO Al Sig. Sindaco del Comune di Altopascio P.zza Vittorio Emanuele, 24 55011 Altopascio (LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO 2015 in esenzione da bollo ai sensi del D.P.R. 642/72 tab. B art. 8 comma 3 Il

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie Nuova serie Anno XXV - 3 Dicembre 05 Numero I bilanci delle famiglie italiane nell anno 04 64 INDICE pag. I PRINCIPALI RISULTATI SUL 04. Introduzione...

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO E indetto il bando di cui alla D.G.C. n. 91 del 07/11/2014

Dettagli

COME SI CALCOLA L ISEE

COME SI CALCOLA L ISEE Introdotto dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n.109, successivamente modificato dal decreto legislativo n.130 del 3 maggio 2000 è lo strumento necessario per poter accedere ad una serie di prestazioni

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

Gli stranieri alla ricerca del lavoro

Gli stranieri alla ricerca del lavoro STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Gli stranieri alla ricerca del lavoro Dinamiche occupazionali straniere, caratteristiche e modalità di ricerca del lavoro desiderato dai disoccupati stranieri

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Questioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) Il mercato del credito alle famiglie dopo cinque anni di crisi: evidenze dall indagine sui loro bilanci di Silvia Magri e Raffaella Pico Ottobre 2014

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

La povertà soggettiva in Italia

La povertà soggettiva in Italia ISTITUTO DI STUDI E ANALISI ECONOMICA Piazza dell Indipendenza, 4 Luglio 2005 00185 Roma tel. 06/444821 - fax 06/44482229 www.isae.it Stampato presso la sede dell Istituto La povertà soggettiva in Italia

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Nel giudicare l equità del trasferimento di risorse implicito nel finanziamento pubblico degli atenei va considerato

Dettagli

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? L indebitamento delle famiglie italiane Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia 1 Risparmi e debiti delle famiglie

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

Città di Casorate Primo

Città di Casorate Primo BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI NUCLEI FAMILIARI E DEI CITTADINI RESIDENTI A CASORATE PRIMO CHE HANNO SUBITO RIDUZIONE DEL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE A SEGUITO DELLA CRISI ECONOMICA

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli