Casi Antitrust. Davide Arduini. Corso di Economia Industriale 2. Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Casi Antitrust. Davide Arduini. Corso di Economia Industriale 2. Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino"

Transcript

1 Casi Antitrust Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino

2 1. Il caso Caronte e le politiche di prezzo predatorie (1) - Quando: caso trattato dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) nel Oggetto: possibili comportamenti predatori da parte dell operatore dominante nel mercato (Caronte) dei servizi di traghettamento (stretto di Messina) a danno di un nuovo entrante (Diano) * la società Diano apre una nuova rotta, rispetto quella principale, per il traghettamento di mezzi gommati * la società Caronte risponde con l apertura di un nuovo servizio di traghettamento sulla nuova rotta applicando tariffe sottocosto e orari sovrapposti a quelli del nuovo entrante (creando seri problemi di gestione delle operazioni in porto) - Mercato rilevante: servizi di traghettamento su mezzi gommati (autoveicoli e autotreni) nello stretto di Messina - Vengono escluse le altre rotte di maggiore distanza tra 2 la Sicilia e il continente

3 1. Il caso Caronte e le politiche di prezzo predatorie (2) * AGCM individua due segmenti all interno del mercato rilevante caratterizzati da legami di differenziazione per qualità: 1) la rotta principale (quella dell operatore dominante) che per tempi di percorrenza e per facilità di accesso provenendo dalla rete autostradale, è più vantaggiosa per attraversare lo stretto 2) la nuova rotta risulta appetibile per alcuni segmenti della domanda (veicoli commerciali e pendolari) meno sensibili agli orari di partenza ma molto attenti al prezzo praticato - Quote di mercato nel periodo (in termini di fatturato): - Sulla rotta principale: Caronte (79%), Ferrovie dello Stato (17%) e Diano (4%) - Sulla nuova rotta: Diano (53%), Caronte (47%) 3

4 1. Il caso Caronte e le politiche di prezzo predatorie (3) - Condizioni di accesso al mercato: queste condizioni risultano condizionate da aspetti amministrativi (A) e infrastrutturali (B) che devono essere valutati attentamente A) gli approdi della rotta principale sono messi a disposizione in base a concessioni quadriennali (che Caronte detiene dagli anni 70); mentre quelli della nuova rotta sono regolati da concessioni mensili B) il porto (di andata) della rotta principale non consente l utilizzo contemporaneo di più di due operatori - Questa analisi dimostra la posizione dominate di Caronte sull intero mercato - Accertata l esistenza di una posizione dominante l AGCM sposta l analisi sull adozione di strategie predatorie in materia di tariffe e di orari 4

5 1. Il caso Caronte e le politiche di prezzo predatorie (4) - Verifica della presenza di una strategia predatoria: l AGCM basa questa verifica ricostruendo i costi effettivi di erogazione del servizio di traghettamento - Il modello di riferimento è quello dei costi incrementali - Il modello ipotizza che nella prima fase di una strategia predatoria l impresa dominante riduca i prezzi aumentando la produzione - I costi incrementali corrispondono ai maggiori costi che l impresa dominante dovrà sostenere in questa fase - Per verificare se la strategia predatoria ha comportato perdite o guadagni (variazione dei profitti) bisogna confrontare i costi incrementali con i maggiori ricavi ottenuti nella fase predatoria - Risultati: nei due anni considerati ( ) i ricavi 5 incrementali della nuova rotta risultano inferiori ai costi

6 1. Il caso Caronte e le politiche di prezzo predatorie (5) - Le perdite di profitti per l impresa dominante risultano nell ordine del 5-10% nel primo anno e del 25-30% nel secondo anno di eserciziol - Conclusioni: l AGCM conferma l esistenza di una strategia dominante e sanziona Caronte per un ammontare pari al 4,5% del suo fatturato 6

7 2. Il caso Seat Tele Monte Carlo (1) - Quando: caso trattato dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) nel Oggetto: fusione tra la società acquirente Seat Pagine Gialle (Seat), operatore importante nel settore dell editoria telefonica europea (controllata da Telecom Italia -TI) e la società venditrice Cecchi Gori Communications (CGC), titolare delle concessioni per le trasmissioni televisive di TMC e TMC2 * la fusione mirava a riposizionare le due emittenti televisive su un pubblico di telespettatori giovane (età inferiore ai 35 anni) - Mercato rilevante: le due società risultano presenti su svariati segmenti di mercato rendendo complessa l individuazione del mercato rilevante - Segmenti di mercato rilevati dall AGCM: mercato dell emittenza televisiva in chiaro e della raccolta pubblicitaria sul mezzo televisivo; mercato della TV a pagamento; mercato 7 dell accesso alle reti locali di TLC

8 2. Il caso Seat Tele Monte Carlo (2) - mercato dei servizi di accesso a Internet; mercato della raccolta pubblicitaria sugli annuari telefonici e categorici; mercato della raccolta pubblicitaria on line; nuovi mercati derivanti dalla convergenza tra i settori delle TLC e dell emittenza televisiva - Le possibili limitazioni della concorrenza vengono individuate, dall AGCM, su tre segmenti di mercato: quello dell accesso alle reti locali di TLC; quello dei contenuti e quello della pubblicità sugli annuari telefonici e on line - Il filo conduttore dei tre segmenti di mercato è lo sviluppo di nuovi servizi (caratterizzati da intensa dinamica innovativa) legati alla convergenza tra TLC, Internet e media * lo sviluppo di questi nuovi servizi richiede l esistenza di reti a banda larga capaci di trasmettere dati-informazioni-immaginidocumenti più velocemente e la disponibilità di nuovi contenuti 8 capaci di attrarre maggior pubblico

9 2. Il caso Seat Tele Monte Carlo (3) - Il pericolo, per l AGCM, era la possibile estensione della posizione dominate del gruppo TI (Telecom Italia) - La fusione comporta la presenza di TI in tutti gli stadi della nuova catena del valore creata dalla convergenza dei tre segmenti di mercato: creazione/fornitura di contenuti; fornitura dell infrastruttura necessaria per la diffusione del contenuto; fornitura della connettività; distribuzione del contenuto/servizio Reti a banda larga - TI, rappresenta oggi, l unico operatore TLC nazionale dotato di: una rete di accesso locale agli utenti finali (Unbundling Local Loop ULL); una capillare dorsale di trasporto in fibra ottica a lunga distanza (Backbone) e di alcune reti locali in fibra ottica di media - breve distanza (Backhauling) 9

10 2. Il caso Seat Tele Monte Carlo (4) - Gli altri operatori di TLC (alternativi a TI), visti gli elevati costi della posa della fibra ottica, avevano dorsali proprietarie con estensione molto limitata - Vista la necessità di reti a banda larga per veicolare nuovi servizi multimediali (tecnologicamente avanzati in quanto sempre più interattivi e pesanti) TI deteneva un vantaggio competitivo rispetto ai suoi concorrenti - La risoluzione del problema, per l AGCM, era di due tipi: A) ULL: possibilità per gli operatori TLC (alternativi a TI) di affittare la rete TLC di TI e collegarsi direttamente con gli utenti finali (senza sostenere alti costi nella posa della fibra) B) possibilità per gli operatori TLC (alternativi a TI) di dotarsi di reti proprie in fibra ottica sfruttando infrastrutture civili esistenti che permettono di abbattere i costi della posa della fibra ottica (risparmio fino al 90%) 10

11 2. Il caso Seat Tele Monte Carlo (5) Contenuti - I contenuti rappresentano una risorsa chiave e ampia del gruppo CGC - Essi derivano dai programmi delle reti TMC/TMC2 e dalla produzione e distribuzione cinematografica - L AGCM temeva che il vantaggio derivante dalla fusione nello sfruttamento dei contenuti, insieme alla posizione dominante del gruppo CGC, avrebbe dato al nuovo gruppo (post fusione) un vantaggio difficile da recuperare per i concorrenti Raccolta pubblicitaria - Altri vantaggi post fusione, possono derivare da un offerta pubblicitaria che può basarsi su diversi canali: televisivi e internet 11

12 2. Il caso Seat Tele Monte Carlo (6) - L AGCM era preoccupata che il nuovo gruppo rafforzasse il potere di mercato nella raccolta pubblicitaria (on line e annuari telefonici) attraverso una politica coordinata nei confronti dei propri inserzionisti - L analisi congiunta dei 3 segmenti di mercato porta l AGCM a ritenere che la fusione/concentrazione tra i due gruppi comporti la costituzione per TI di una posizione dominante sui mercati in via di sviluppo - TI sarà in grado di offrire un servizio integrato che va dalla fornitura delle infrastrutture TLC alla fornitura di servizi TLC avanzati e dell emittenza televisiva con una copertura territoriale e una massa critica di utenti molto più ampie di quelle dei concorrenti Imposizioni dell AGCM - l AGCM definisce 4 imposizioni, necessarie per il rilascio 12 dell autorizzazione alla fusione:

13 2. Il caso Seat Tele Monte Carlo (7) 1) TI doveva consentire agli Operatori TLC alternativi di affittare (in modalità IRU Indefeasible Right of Use Diritto Irrevocabile d Uso) la propria infrastruttura civile per la posa di cavi in fibra ottica 2) TI non poteva rinviare la consultazione delle Pagine Gialle negli spot delle reti TMC e TMC2 3) Per 3 anni TI non poteva acquistare dal gruppo CGC contenuti da veicolare su internet e garantire ai concorrenti interessati la disponibilità di questi contenuti 4) TI poteva vendere servizi televisivi interattivi solo se la stessa capacità di banda trasmissiva utilizzata fosse messa a disposizione anche dei concorrenti 13

14 3. Il caso Enel - Infostrada (1) - Quando: caso trattato dalla Commissione Europea e dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) nel Oggetto: fusione tra la società di TLC Wind (controllata da ENEL e France Telecom) e Infostrada (società del gruppo Vodafone) - Mercato rilevante: complessa l individuazione del mercato rilevante data l appartenenza della nuova società (New Wind) ad una impresa elettrica (ENEL) presente su svariati segmenti di mercato dei servizi di pubblica utilità - La fusione comportava una valutazione molto accurata in quanto si ponevano le basi per la creazione del secondo operatore italiano di TLC, capace di fronteggiare la posizione dominante di TI 14

15 3. Il caso Enel - Infostrada (2) - La UE espresse parere positivo circa gli effetti della fusione sul mercato TLC e lasciò all AGCM l analisi degli effetti della stessa sul mercato italiano della fornitura di energia elettrica - In particolare, l AGCM fece un analisi sull assetto del comparto della generazione, della fornitura ai clienti idonei e delle offerte combinate di elettricità e TLC Generazione di elettricità - Nel 2000 ENEL aveva una quota di mercato nazionale pari al 66% - La quota pari a 19% era detenuta dagli altri produttori e municipalizzate - Il rimanete 13% della produzione era coperto da altri impianti costruiti con incentivi statali 15

16 3. Il caso Enel - Infostrada (3) Fornitura ai clienti idonei - Clienti idonei: utenti liberi di approvvigionarsi o presso il distributore locale o da un altro operatore - ENEL copriva il 50% della domanda totale (clienti di grandi dimensioni) - EDISON copriva il 20% della domanda totale (clienti medio piccoli) - la rimanente quota di mercato veniva coperta da altri 80 produttori (clienti medio piccoli) Alcune conclusioni - La quota elevata di ENEL venne interpretata dall AGCM come indicatore della sua posizione dominante - Inoltre, esistevano scarsi canali di approvvigionamento per i 16 concorrenti di ENEL

17 3. Il caso Enel - Infostrada (4) - ENEL praticava ai concorrenti prezzi di vendita dell energia più alti di quelli praticati per la sua società ENEL trade - Questo andamento rappresentava per l AGCM una strategia che poteva danneggiare lo sviluppo del processo di liberalizzazione dell energia elettrica - È evidente il forte legame tra potere di mercato di ENEL nella generazione di elettricità (rendendola una fonte insostituibile di approvvigionamento per i concorrenti) e l effetto di preclusione nel mercato della fornitura ai clienti idonei - Mercato rilevante: al fine di valutare l operazione di fusione/concentrazione, AGCM individua come mercato rilevante quello della fornitura di energia elettrica ai clienti idonei, effettivi e potenziali 17

18 3. Il caso Enel - Infostrada (5) - L AGCM affronta un altro problema legato alle strategie multiutility di ENEL - Il problema è legato ai vantaggi che poteva ottenere ENEL da un offerta congiunta di servizi diversi: elettricità, gas, acqua e telecomunicazioni - I vantaggi di questa offerta congiunta sono diversi: riduzione dei costi operativi e di personale, facilitazione nella misurazione e monitoraggio dei consumi finali, riduzione della dimensione ottima minima dei call centers, emissione di una bolletta unica, strategie di discriminazione di prezzo, vantaggio (rispetto ai concorrenti) di estendere ai nuovi servizi un marchio affermato e conosciuto - Con la fusione ENEL avrebbe potuto offrire un pacchetto di servizi elettrici e di TLC ai clienti idonei (liberi di scegliere il fornitore di elettricità) e a quelli che si prestavano a 18 diventarlo

19 3. Il caso Enel - Infostrada (6) - In questo modo ENEL: * manteneva il suo potere di mercato sui clienti elettrici nonostante la liberalizzazione del mercato * poteva sviluppare offerte congiunte a una fascia di clienti telefonici (quelli di Infostrada) che si apprestavano a passare da clienti elettrici vincolati a clienti liberi di scegliere il fornitore di elettricità * poteva sfruttare l effetto portafoglio grazie all ampia gamma di servizi offerti (multiutility) che gli permetteva di rafforzare la posizione dominante nella fornitura di elettricità ai clienti idonei - La decisione finale dell AGCM sulla fusione Wind - Infostrada è stata di obbligare ENEL a vendere alcune centrali di produzione di elettricità per indebolire la sua posizione dominante nella generazione di elettricità 19

20 3. Il caso Enel - Infostrada (7) - Nel 2002, l AGCM annulla i rimedi proposti in precedenza (dismissione di alcune centrali produttive) vista l evoluzione del mercato della fornitura e la riduzione della quota di mercato di ENEL al 30% 20

21 4. Il caso TIM - Omnitel (1) - Quando: caso trattato dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) nel Oggetto: comportamenti collusivi (accordi) dei due operatori di telefonia mobile (TIM e Omnitel) relativi a pratiche concordate e intese nella fissazione di alcuni prezzi per i servizi di telefonia mobile * l AGCM sanziona TIM per 50 Mln. di euro e Omnitel per 23 Mln. di euro * le accuse e relative sanzioni formulate dall AGCM non verranno accolte in sede di appello - Alla fine del 1998 il mercato di telefonia mobile era così ripartito: TIM (14 milioni di utenti), Omnitel (oltre 6 milioni di utenti - La fissazione del prezzo finale viene decisa dal soggetto 21 titolare del servizio

22 4. Il caso TIM - Omnitel (2) - Il principio della titolarità delle condizioni economiche conferito al gestore che origina la chiamata era valido nella maggior parte dei Paesi Europei - La motivazione economica del principio risiedeva nel fatto che una chiamata è decisa dall utente che chiama, non da quello che riceve - Il gestore potrà influenzare le scelte dell utente attraverso la fissazione dei prezzi dei servizi offerti - Scegliendo i prezzi dei servizi utilizzati dal cliente, il gestore può sviluppare le proprie strategie commerciali e competere con i concorrenti - Inizialmente, la normativa di settore italiana, invece, decide di conferire la titolarità delle condizioni economiche agli operatori mobili 22

23 4. Il caso TIM - Omnitel (3) - Lasciando la titolarità del servizio fisso mobile ai gestori mobili, la normativa italiana assicurava a loro una rendita nella fase di decollo del mercato a svantaggio degli utenti di telefonia fissa - Dal 1998 cambia la normativa italiana, che si adegua a quella UE, conferendo la titolarità del servizio fisso mobile ai nuovi operatori di rete fissa - Sempre nel 1998 gli operatori mobili, in base all intervento dell AGCM, perdono la titolarità della tariffa fisso mobile verso l operatore dominante TI - Questi ultimi interventi nella regolamentazione del settore hanno spinto TIM e Omnitel a reagire con due nuove politiche di prezzo per i servizi fisso mobile e per l interconnessione alle reti mobili per i nuovi operatori di rete fissa 23

24 4. Il caso TIM - Omnitel (4) - Mercati rilevanti: l AGCM individua (1) il mercato dei servizi di telefonia mobile su standard TACS (standard analogico) e GSM (standard numerici) e (2) il mercato dei servizi di interconessione alle reti mobili 1) Il mercato dei servizi di telefonia mobile su standard TACS e GSM 1.1) Dal 1996 TIM e Omnitel attuano una certa differenziazione nelle loro offerte sia per quanto riguarda le tipologie di contratti che per le condizioni economiche ad essi associate per i servizi m m e m - f 1.2) Gli operatori praticano prezzi differenziati rispetto gli orari di punta e quelli delle fasce ridotte 1.3) l AGCM conclude che in questo segmento di mercato non esistono collusioni tra i due gestori mobili; si assiste a politiche di prezzi e contrattuali concorrenziali 24

25 4. Il caso TIM - Omnitel (5) 1.4) Al contrario, l AGCM rileva strategie collusive nel caso della fissazione delle condizioni economiche del servizio f m * come detto in precedenza, bisogna ricordare che TIM e Omnitel erano titolari delle condizioni economiche di questo servizio 1.5) Fino al 1999, i due gestori praticano prezzi omogenei e fissano sconti ai grandi clienti molto simili 2) Il mercato dei servizi di interconessione alle reti mobili 2.1) l AGCM rileva forme di negoziazione tra i due operatori mobili e i nuovi operatori di rete fissa (Albacom, Infostrada e Tiscali) 2.2) questi accordi hanno portato a condizioni economiche simili per le terminazioni sulle reti di TIM e Omnitel 25

26 4. Il caso TIM - Omnitel (6) 2.3) le strategie dei due operatori mobili nelle terminazioni m m, dopo lunghi periodi di prezzi bassi, portano a triplicare i prezzi nei confronti di tutti gli operatori in risposta all entrata del terzo operatore mobile 2.4) le terminazioni f m praticate nei confronti dei nuovi operatori fissi (titolari della tariffa) riproducevano i livelli molto alti che TIM e Omnitel praticavano a TI quando erano titolari della tariffa f m Alcune conclusioni - l AGCM rileva numerosi documenti che testimoniano l esistenza di contatti (pratiche concordate) tra i due operatori mobili per lo sviluppo del mercato dei servizi mobili GSM - Questi contatti si intensificano man mano che il mercato in questione diventa sempre più competitivo in quanto entrano 26 nuovi operatori e cambia il quadro regolamentare

27 4. Il caso TIM - Omnitel (7) - Dai contatti si passa agli accordi tra i due operatori mobili per influenzare l evoluzione dell attività regolatoria - In definitiva, L AGCM ritiene TIM e Omnitel responsabili di pratiche concordate volte alla fissazione delle condizioni economiche per i servizi f m e per l interconnessione alle proprie reti - Queste infrazioni avrebbero portato ad una riduzione della concorrenza nel mercato in questione 27

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

IL CASO DIANO / TOURIST- CARONTE

IL CASO DIANO / TOURIST- CARONTE IL CASO DIANO / TOURIST- CARONTE (Provvedimento n. 10650 ( A267 ) DIANO/TOURIST FERRY BOAT-CARONTE SHIPPING-NAVIGAZIONE GENERALE ITALIANA) F. Barigozzi competition policy 1 A livello nazionale, un importante

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato C alla delibera n. 417/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Multi-utility, multiservizi e la nuova regolamentazione dei mercati dell energia

Multi-utility, multiservizi e la nuova regolamentazione dei mercati dell energia Multi-utility, multiservizi e la nuova regolamentazione dei mercati dell energia Alfredo Macchiati Milano, 5 maggio 2003 2 Tre possibili linee di riflessione 1) Multiutility: perché esistono (legame dal

Dettagli

La liberalizzazione dei mercati dell energia: rischi ed opportunità

La liberalizzazione dei mercati dell energia: rischi ed opportunità Conferenza Europea CECODHAS La liberalizzazione dei mercati dell energia: rischi ed opportunità Guido Bortoni Direttore Mercati Autorità per l energia elettrica e il gas DIREZIONE MERCATI Ancona, 21 aprile

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

energie straordinarie

energie straordinarie energie straordinarie ENERGIA ELETTRICA e GAS NATURALE 3_8 GREEN ENERGY 9_13 PERCHé SCEGLIERE Gelsia 14 ENERGIA ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGIA ENERGY ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGY GAS NATURALE

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Caso n. COMP/M.2216 Enel / FT / Wind / Infostrada. REGOLAMENTO (CEE) n. 4064/89 SULLE CONCENTRAZIONI. Articolo 9 (3) data: 19/01/2001

Caso n. COMP/M.2216 Enel / FT / Wind / Infostrada. REGOLAMENTO (CEE) n. 4064/89 SULLE CONCENTRAZIONI. Articolo 9 (3) data: 19/01/2001 IT Caso n. COMP/M.2216 Enel / FT / Wind / Infostrada Il testo in lingua italiana è il solo disponibile e facente fede. REGOLAMENTO (CEE) n. 4064/89 SULLE CONCENTRAZIONI Articolo 9 (3) data: 19/01/2001

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Audizione presso la X Commissione del Senato Roma, 18 Gennaio 2011 Sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia TWh Obiettivo rinnovabili

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

DELIBERA N. 221/00 L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 dicembre 2000,

DELIBERA N. 221/00 L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 dicembre 2000, DELIBERA N. 221/00 AVVIO DI ISTRUTTORIA CONOSCITIVA CONCERNENTE EVENTUALI EFFETTI INDOTTI DA INIZIATIVE ASSUNTE DALL ENEL SPA NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI SULLA PRODUZIONE E SULLA EROGAZIONE DEI

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ MISURE PER LA COMPETITIVITÀ Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Pier Carlo Padoan Ministro dell Economia e Finanze 18 giugno 2014 LA BOLLETTA DIMAGRISCE 2 PIÙ ENERGIA ALLA COMPETITIVITÀ Le

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Corso di Strategia d impresa A.A. 2010/2011 Prof. Tonino Pencarelli, Dott. Simone Splendiani Andrea Cristiana Padua Giovanni Iaffaldano Marta Porrà Vito Mastronardi

Dettagli

Luca Zanetta Uniontraspor ti. Piani per lo sviluppo delle infrastrutture di rete in Calabria

Luca Zanetta Uniontraspor ti. Piani per lo sviluppo delle infrastrutture di rete in Calabria Luca Zanetta Uniontraspor ti Piani per lo sviluppo delle infrastrutture di rete in Calabria Reti a banda larga e ultralarga Le reti di telecomunicazione ad alta velocità sono un infrastruttura strategica

Dettagli

La tutela dell economia e della finanza: il ruolo della Guardia di Finanza e delle Autorità garanti nella prospettiva dell Unione europea

La tutela dell economia e della finanza: il ruolo della Guardia di Finanza e delle Autorità garanti nella prospettiva dell Unione europea La tutela dell economia e della finanza: il ruolo della Guardia di Finanza e delle Autorità garanti nella prospettiva dell Unione europea Federico Luiso Direzione Osservatorio, Vigilanza e Controlli Autorità

Dettagli

Azienda. Business. Servizi

Azienda. Business. Servizi Azienda Servizi Aetherna è tra i 20 operatori nel settore delle telecomunicazioni abilitati alla posa della fibra ottica in Italia. Con l intento di favorire il progresso delle imprese, Aetherna offre

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

L ITALIA riparte con ENERGIA

L ITALIA riparte con ENERGIA L ITALIA riparte con ENERGIA Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e

Dettagli

La Larga Banda della Pubblica Amministrazione. AlexCurti.it

La Larga Banda della Pubblica Amministrazione. AlexCurti.it AlexCurti.it problema Oggi internet rappresenta uno strumento imprescindibile per l'economia e lo sviluppo di un paese, ed è l'unico media attraverso il quale è ancora possibile fare e avere informazione

Dettagli

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista 1.Definizione. 2.Tipologia delle imprese editoriali e giornalistiche. 3.Lo statuto dell impresa

Dettagli

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 La separazione funzionale nel settore energetico... 3 1.2 Il

Dettagli

Bringing it all together. BT Mobile. Nasce la convergenza per le aziende. Bringing it all together.

Bringing it all together. BT Mobile. Nasce la convergenza per le aziende. Bringing it all together. BT Mobile Bringing it all together. Nasce la convergenza per le aziende. Bringing it all together. Continuità di soluzioni, nell evoluzione del business. Il mondo del lavoro è in continuo mutamento, chi

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Facoltà di Giurisprudenza DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO DEGLI AFFARI XXIII CICLO Gli obblighi giuridici di condivisione delle infrastrutture

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Obiettivi. Patti Territoriali

Obiettivi. Patti Territoriali Obiettivi realizzare infrastrutture in fibra ottica nelle aree svantaggiate rispetto alla disponibilità di infrastrutture di telecomunicazioni, secondo i principi di precompetitività e salvaguardia del

Dettagli

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni)

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni) 1. L'energia solare Produzione di energia elettrica attraverso i pannelli fotovoltaici, che sfruttano le proprietà di particolari materiali, come il silicio, in grado di produrre energia elettrica se irradiati

Dettagli

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione Banda Ultra Larga Sardegna Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione D.G. Affari Generali e Società dell Informazione Servizio Infrastrutture Tecnologiche per

Dettagli

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND Roma, 21 marzo 2003 Enel ha presentato oggi i risultati finanziari consolidati 2002

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1 La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto La disponibilità del prodotto 1 Linea guida Importanza della disponibilità del prodotto Fattori influenzanti il livello ottimo della disponibilità

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

MOBILITA ELETTRICA. L ESPERIENZA di ACSM S.P.A. a PRIMIERO

MOBILITA ELETTRICA. L ESPERIENZA di ACSM S.P.A. a PRIMIERO MOBILITA ELETTRICA L ESPERIENZA di ACSM S.P.A. a PRIMIERO SOMMARIO 1. Il progetto Mobilità Elettrica Primiero: gli obiettivi 2. La convenzione tra gli enti partecipanti del 2012 3. Il contenuto del progetto

Dettagli

Lo sviluppo della Banda Larga. Direzione Sistemi Informativi

Lo sviluppo della Banda Larga. Direzione Sistemi Informativi Lo sviluppo della Banda Larga Direzione Sistemi Informativi 1 Il modello di Sviluppo della Banda Larga in Veneto Regione del Veneto - coerentemente al Piano Nazionale per lo Sviluppo della Banda Larga

Dettagli

La filiera del gas naturale

La filiera del gas naturale La filiera del gas naturale Per comprendere appieno le caratteristiche del servizio di distribuzione bisogna inserirlo nel contesto più ampio della filiera del gas. Bisognerà analizzare, almeno nelle fasi

Dettagli

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Database delle Prove scritte parte Teoria 1. La definizione di azienda, formulata da Giannessi, è complessa in termini dinamico- strutturali in quanto risponde

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 Bari 21/11/05 Prot. n. 38/A/7899 Alla Commissione Europea STATEAIDGREFFE@CEC.EU.INT

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*)

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*) Il settore delle telecom, tra crescita e creazione di valore di Massimo Lazzari (*) Prosegue con questo contributo il filone dedicato all analisi di una serie di settori industriali tipicamente Business

Dettagli

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Antonio Nodari Amministratore Delegato Pöyry Management Consulting Italia Roma, 15 marzo 2011

Dettagli

Energia. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia

Energia. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia ww Energia 2 0 0 5 Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione ref. Osservatorio Energia A cura di: Claudia Checchi Il Rapporto è stato realizzato dal gruppo di lavoro dell Osservatorio Energia sotto

Dettagli

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ MISURE PER LA COMPETITIVITÀ Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Pier Carlo Padoan Ministro dell Economia e Finanze 18 giugno 2014 LA BOLLETTA DIMAGRISCE 2 PIÙ ENERGIA ALLA COMPETITIVITÀ Le

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

La tutela dell economia e della finanza: il ruolo della Guardia di Finanza e delle Autorità garanti nella prospettiva dell Unione europea

La tutela dell economia e della finanza: il ruolo della Guardia di Finanza e delle Autorità garanti nella prospettiva dell Unione europea La tutela dell economia e della finanza: il ruolo della Guardia di Finanza e delle Autorità garanti nella prospettiva dell Unione europea Rosita Carnevalini Direttore Direzione Osservatorio, Vigilanza

Dettagli

I principali trend del mercato dei servizi IT

I principali trend del mercato dei servizi IT I principali trend del mercato dei servizi IT Risultati del questionario promosso da Achab, Kaseya e Top Trade Informatica nel mese di novembre 2009 O ltre 200 aziende italiane hanno risposto al questionario

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità Autorità per l energia elettrica e il gas Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi COMUNICATO STAMPA Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas

Dettagli

REGOLAZIONE E CONCORRENZA NEL MERCATO ENERGETICO

REGOLAZIONE E CONCORRENZA NEL MERCATO ENERGETICO SAGGI GIUSEPPE MORBIDELLI REGOLAZIONE E CONCORRENZA NEL MERCATO ENERGETICO SOMMARIO: 1. Nozione di regolazione. 2. Le lacune di competitività nel mercato europeo dell energia. 3. La disciplina comunitaria

Dettagli

Prospettiveper ilmercatodel gas

Prospettiveper ilmercatodel gas Prospettiveper ilmercatodel gas in Europa Riccardo Pasetto CH4 L industria del gas: tendenze e prospettive Bologna 22 ottobre 2014 Il contestopolitico-economico Scenario altamente instabile a causa di:

Dettagli

Il ruolo delle Infrastrutture nello sviluppo dei servizi a Banda Larga

Il ruolo delle Infrastrutture nello sviluppo dei servizi a Banda Larga Il ruolo delle Infrastrutture nello sviluppo dei servizi a Banda Larga Salvatore Lombardo Infratel Italia spa La Banda Larga Strade Acqua Gas Energia Banda larga La possibilità di accedere a servizi a

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Roma, 9 luglio 2013 AGENDA 2 Introduzione L ecosistema digitale: la dieta degli italiani

Dettagli

La tutela dell economia e della finanza: il ruolo della Guardia di Finanza e delle Autorità garanti nella prospettiva dell Unione europea

La tutela dell economia e della finanza: il ruolo della Guardia di Finanza e delle Autorità garanti nella prospettiva dell Unione europea La tutela dell economia e della finanza: il ruolo della Guardia di Finanza e delle Autorità garanti nella prospettiva dell Unione europea Ing. Guido Alosi Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema

Dettagli

Mario Porzio & Carlo Spampatti. Bergamo a.a. 09/10

Mario Porzio & Carlo Spampatti. Bergamo a.a. 09/10 Mario Porzio & Carlo Spampatti Università degli studi di Università degli studi di Bergamo a.a. 09/10 Catena elettrica Produzione:costruzione e gestione degli impianti mirati a produrre energia elettrica

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante Publication: Key4Biz Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante La Reding ribadisce la necessità di un'authority europea e di un'agenzia Ue per lo spettro. La liberalizzazione

Dettagli

IL BUSINESS WIMAX: LE POSSIBILITA SECONDO NOKIA SIEMENS NETWORKS

IL BUSINESS WIMAX: LE POSSIBILITA SECONDO NOKIA SIEMENS NETWORKS IL BUSINESS WIMAX: LE POSSIBILITA SECONDO NOKIA SIEMENS NETWORKS Il business di WiMax si basa sull incontro tra una domanda variegata di servizi, sia destinati al consumatore che per le aziende, ed un

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

STRATEGIE DI CRESCITA DELLE PUBLIC UTILITIES. Francesca Lecci

STRATEGIE DI CRESCITA DELLE PUBLIC UTILITIES. Francesca Lecci STRATEGIE DI CRESCITA DELLE PUBLIC UTILITIES Francesca Lecci Agenda Le dimensioni del comparto delle public utilities: fabbisogno di crescita Le strategie di crescita Le alleanze strategiche Definizione

Dettagli

ATTIVITA DELL AUTORITA ANTITRUST (AGCM)

ATTIVITA DELL AUTORITA ANTITRUST (AGCM) ATTIVITA DELL AUTORITA ANTITRUST (AGCM) INTESE-ACCORDI - IMPLICITI - ESPLICITI ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE OPERAZIONI DI CONCENTRAZIONE ATTIVITA DI SEGNALAZIONE PARERI RELAZIONI VERTICALI MONOPOLISTA

Dettagli

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Piero Leone Terna Spa Direzione Pianificazione e Sviluppo Rete - Statistiche email:piero.leone@terna.it (versione provvisoria) Sintesi: Fra i primi in

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI

OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI PER LE IMPRESE, ENTI PUBBLICI ED ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI IMPORTANTE LO STUDIO COMPARATIVO EFFETTUATO NON HA COSTI NE VINCOLI CONTRATTUALI PER L AZIENDA 1 FACILITY

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere RELAZIONI VERTICALI Relazione tra un impresa a monte (produttore) e un impresa a valle (rivenditore). Produttore Rivenditore Consumatore Relazione tra imprese. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza,

Dettagli