AREA DELLA DIDATTICA AREA DELLA DIDATTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AREA DELLA DIDATTICA AREA DELLA DIDATTICA"

Transcript

1 AREA DELLA DIDATTICA Contesto: Analisi dei bisogni formativi del territorio. Elaborazione dati valutazione degli apprendimenti Elaborazione dati valutazione dei genitori.input: Competenze dei docenti Esigenze dell utenza Processi: Scelte didattiche: la progettazione. Scelte didattiche: la metodologia. Offerta formativa e ampliamento offerta formativa. Continuità educativa e didattica. Gite ed escursioni didattiche. Output: Attività curriculari attivate. Ampliamento offerta formativa Attività di continuità. Visite guidate ed escursioni Valutazione degli apprendimenti

2 CONTESTO: Analisi dei bisogni formativi del territorio Per quanto riguarda il contesto, si rimanda all area organizzativa. CONTESTO: Elaborazione dati valutazione apprendimenti Dall elaborazione dei dati relativi all anno scolastico 2011/2012, si è potuto constatare, per quanto riguarda gli alunni frequentanti la scuola Primaria, che la maggior parte di essi ha acquisito le conoscenze e le abilità progettate. Gli alunni che necessitavano di potenziamento hanno conseguito buoni risultati grazie ai LARSA che sono stati attivati in tutte le classi. Per quanto concerne la progettazione dei laboratori opzionali: si è potuto constatare che gli alunni, durante le attività di laboratorio, non solo conseguono più facilmente gli obiettivi prefissati, ma si pongono anche in un positivo atteggiamento di disponibilità ad apprendere. Anche per gli alunni diversamente abili sono state raggiunte tutte le abilità programmate. Per quanto concerne le attività di laboratorio programmate per i piccoli della scuola dell Infanzia sono stati rilevati risultati pressoché ottimi.

3 CONTESTO: Elaborazione dati valutazione dei genitori Dall analisi dei verbali dei Consigli di Circolo e Interclasse si evidenzia da un lato la partecipazione attiva e propositiva delle famiglie, dall altro il riconoscimento della valenza educativa dell offerta formativa della scuola. I genitori, infatti, condividono con i docenti la scelta degli obiettivi formativi e delle attività connesse al percorso curricolare, nonché le motivazioni educative e didattiche che sono alla base della progettazione dei laboratori opzionali. Tale informazione è tratta anche dalla lettura dei dati di segreteria i quali hanno registrato un incremento delle iscrizioni. Anche il progetto di circolo che vedeva il coinvolgimento dei genitori alla vita della scuola ha riscosso una notevole partecipazione e adesione.

4 INPUT: Competenze docenti ed esigenze dell utenza Il Circolo, ispirandosi ai principi della dottrina della qualità (cfr. Premessa al POF), tenendo in considerazione la ricognizione delle risorse umane presenti e in coerenza con le richieste dell utenza ha proceduto all elaborazione dell offerta formativa e dell ampliamento dell offerta formativa. Le esigenze dell utenza sono state prese come punto di partenza fondamentale per motivare l offerta formativa e l ampliamento dell offerta formativa (cfr. Processi offerta formativa e ampliamento offerta formativa). Per rispondere infine all adeguatezza tra risorse e attività proposte si fa presente la ricognizione delle strutture e l inventario dei mezzi a disposizione della scuola. A riguardo si rimanda alla documentazione allegata (c. f. r. risorse materiali)

5 PROCESSI SCELTE DIDATTICHE: LA PROGETTAZIONE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA. LA PROGETTAZIONE DELLE COMPETENZE La stesura del curricolo della Scuola dell Infanzia e della scuola Primaria scaturisce dalla necessità della nostra scuola di delineare un iter educativo vissuto come interrogativo/scoperta/avventura e apra la via a un processo di ricerca che non si arresti con l età adulta. Per poter ottenere ciò ci sembrano necessari: La partenza dalle conoscenze che sono già presenti nel bambino; il riconoscimento del valore dell immaginario per lo sviluppo di una crescita culturale che si fonda sulla visione del mondo e sugli interrogativi che emergono dal gruppo; l attivazione della curiosità culturale per un esplorazione conoscitiva tesa alla chiarificazione scientifica, in una prospettiva di ricerca che parte dalle domande e dalle ipotesi del singolo e del gruppo; la costante attenzione al significato e alla funzione della socializzazione come stimolo per l emergere e il crescere del sapere nella relazione interna alla classe (alunni/ insegnanti), aperta alla scuola e all extra scuola; la sollecitazione della spontaneità che, attraverso ogni forma di comunicazione e confronto si arricchisca di tecniche e strumenti, pervenendo a forme via via più complesse di creatività; l integrazione organica delle conoscenze derivanti dalla molteplicità delle esperienze indirizzata verso la scoperta dell unità del sapere.

6 In quanto facilitatori dell apprendimento, gli obiettivi formativi condivisi dai docenti della scuola deli Infanzia e Primaria sono adatti ai ritmi, tempi e stili di apprendimento degli alunni e significativi nell indirizzare le capacità di ciascuno verso lo sviluppo di competenze concrete. Per il loro carattere generale, essi interessano tutte le dimensioni della crescita e della maturazione dell alunno e garantiscono, anche in percorsi didattici differenti, unitarietà, coerenza e continuità al processo di apprendimento.

7 FONTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ANALISI DEL CONTESTO E DEI BISOGNI FORMATIVI SCOPI CREARE UN PROGETTO UNITARIO E ORGANICO, ESPRESSIONE DELL IDENTITA CULTURALE E SOCIALE DELLA NOSTRA SCUOLA. EVITARE SOVRAPPOSIZIONI E DISCONTINUITA NELL INSEGNAMENTO. ESSERE STRUMENTO DI UN SISTEMA DI VALUTAZIONE ISPIRATO AI CRITERI DI OGGETTIVITA E TRASPARENZA.

8

9 Per approfondire i temi della riforma e per rendere il più possibile efficiente ed efficace l iter precedentemente descritto, i docenti impegnati nell elaborazione del curricolo, si sono distribuiti i compiti all interno di dipartimenti disciplinari. Tale impegno, consentirà il conseguimento di obiettivi comuni a tutti gli alunni della scuola per classi parallele e potrà anche garantire percorsi omogenei così come richiede l O.F. del Circolo. Partendo dagli obiettivi di apprendimento ministeriali, ciascun dipartimento, sulla base di principi concordati con gli altri dipartimenti, ha costruito il percorso didattico da effettuare annualmente, declinando tutti gli obiettivi di apprendimento e stabilendo le competenze e i livelli essenziali da raggiungere alla fine di ogni classe.( cfr. All.n. 1 ).Il processo attivato per la stesura della Progettazione di Circolo ( Allegato n.2), ovvero per la declinazione degli obiettivi di apprendimento e per la scelta degli obiettivi formativi e delle competenze in uscita dalla scuola dell Infanzia e dalla scuola Primaria è il seguente: SOGGETTI FASE INTERESSATI MOVIMENTO DESTINATARI Lettura degli Dipartimenti Collegio dei Obiettivi di disciplinari in docenti apprendimento orizzontale F.S. Fariello Declinazione degli Dipartimenti Collegio dei obiettivi di apprendimento Elaborazione delle Unità di apprendimento disciplinari in docenti orizzontale F.S. Fariello Teams docenti della scuola Alunni Primaria e Infanzia

10 ARTICOLAZIONE DELLE UNITA DI APPRENDIMENTO. La progettazione didattica. è costituito dall insieme delle Unità di apprendimento (U.A.) progettate dall équipe pedagogica e svolte dagli alunni. Ciascuna U.A. è così strutturata: OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DECLINATI CONTENUTI ATTIVITA SCELTE METODOLOGICHE E PROCEDURE DIDATTICHE SOLUZIONI ORGANIZZATIVE LARSA DI RECUPERO E/O DI POTENZIAMENTO TEMPI SPAZI MODALITA DI OSSERVAZIONWE E VERIFICA VALUTAZIONE

11 All interno di ciascuna classe, i docenti possono individuare gruppi di livello, per i quali la progettazione delle Unità di apprendimento si diversifica non tanto negli obiettivi da perseguire, che per la loro valenza educativa e didattica non potrebbero essere oggetto di semplificazione, ma nelle attività proposte agli alunni. Quest ultime, infatti possono variare per una maggiore o minore articolazione, per il ricorso o meno all astrazione, per l utilizzo di un linguaggio più o meno complesso, per il coinvolgimento contemporaneo di più capacità. La diversificazione delle attività comporta, di conseguenza, l utilizzo di strategie d insegnamento che siano ad esse funzionali, come ad esempio la metodologia laboratoriale, il cooperative learning, il mutuo insegnamento. La documentazione comprovante tale adeguamento è data dal verbale d interclasse e dai verbali della programmazione settimanale.

12 Per gli alunni diversamente abili, l équipe pedagogica cmposta da insegnanti di base e di sostegno predispone e coordina attività a loro favore e periodicamente sottopone al vaglio del collegio dei docenti le modalità di lavoro. Il processo attivato per la scelta del modello di programmazione è il seguente FASE Lettura della diagnosi funzionale redatta dall unità multidisciplinare Profilo funzionale dinamico SOGGETTI INTERESSATI Docenti di sostegno Docenti di sostegno, famiglia, A.S.L. MOVIMENTO DESTINATARI Team docente Team docente Check list Docenti di sostegno Team docente Elaborazione PEI Equipe pedagogica Alunni diversamente abili

13 PROCESSI: Ampliamento offerta formativa I docenti della scuola dell Infanzia e della scuola Primaria, per quanto riguarda l ampliamento dell offerta formativa, hanno proceduto come segue nella scelta del modello di progettazione da realizzare: FASE Analisi Contesto Rilevazione Bisogni Formativi SOGGETTI MOVIMENTO DESTINATARI INTERESSATI F. S. area 1 Commissioni Progettazione e valutazione F.S. area 1 Commissioni Progettazione e Valutazione Elaborazione Modello Progettazione Commissioni Progettazione valutazione e F.S. area 1 e Collegio Docenti.

14 AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA AREA DELLA DIDATTICA La scuola dell Autonomia deve mettere in evidenza in modo pregnante la centralità dell alunno nel processo di apprendimento, dal momento che ha per legge ( D.P.R. 275/91 ) l obbligo di garantire il successo formativo a tutti i suoi iscritti. In risposta a tale impegno i docenti del 4 Circolo hanno deliberato attività di arricchimento dell offerta formativa in orario curriculare ed extracurriculare per integrare sia il recupero tempestivo dell insuccesso scolastico che lo sviluppo potenziamento delle fondamentali abilità di studio. A questo proposito la nostra scuola sottolinea la necessità di creare un clima sociale positivo con l organizzazione di forme di lavoro di gruppo e di aiuto reciproco nell attivare laboratori. L organizzazione di attività laboratoriale in cui ognuno impari a partecipare responsabilmente, collaborando con gli altri per il raggiungimento di un obiettivo comune, o l attuazione di strategie didattiche quali quelle del mutuo insegnamento in cui i bambini più dotati insegnano a quelli in difficoltà, sono modalità utili per creare condizioni favorevoli all apprendimento. Per l anno scolastico 20011/012 la nostra scuola, al fine di ampliare l offerta formativa producendo successo scolastico, autostima e comportamenti sani sono stati attivati laboratori curriculari per le classi quarte e quinte del Circolo. Gli alunni saranno impegnati in un progetto di legalità dal titolo: A SCUOLA DI DEMOCRAZIA:UNA STRADA VERSO IL BEN ESSERE Tale progetto nasce dalla necessità: di arricchimento professionale dei docenti sul piano delle conoscenze e delle competenze; di arricchimento dei genitori nelle conoscenze e nelle competenze relativamente all educazione e alla formazione dei figli con particolare riguardo alla costruzione delle intelligenze personali e alla legalità democratica; di coinvolgere i genitori affinché operino in sinergia con l istituzione scolastica sul piano educativo e formativo;

15 di approfondire il tema: la costruzione dell io personale e sociale, attraverso interventi di educazione, formazione e istruzione, miranti allo sviluppo della persona, adeguati alla domanda delle famiglie, alle caratteristiche specifiche dei soggetti coinvolti convinti che un bambino-ragazzo che cresca in armonia con se stesso e con gli altri sia la base necessaria per la costruzione di una cultura della legalità democratica; di dare concretezza alle prime forme di rappresentanza democratica e di sperimentarle ulteriormente, ove siano già in atto; di costruire il senso etico, favorendo negli alunni l acquisizione di valori umanitari elevati ai quali ispirare i propri comportamenti (presentazione di modelli positivi), analizzando insieme a loro le regole del vivere civile con l intento di promuovere comportamenti positivi necessari per laformazione dell uomo e del cittadino

16 I progetti e i laboratori, pagati con i fondi che il Ministero assegna all Istituzione scolastica sono finalizzati a: _ migliorare la qualità dell offerta formativa _ favorire l acquisizione di linguaggi diversificati (linguistico, teatrale, motorio ) _ promuovere e valorizzare lo sviluppo di tutte le forme di intelligenza del bambino Ogni bambino è portatore di competenze, interessi, attitudini e indicazioni che danno vita alla sua personale forma intellettiva permettendogli di entrare in contatto con la realtà, per osservarla, comprenderla ed operare su di essa. I nostri progetti sono mirati non solo ad accogliere, facilitare l espressione e lo sviluppo di tali caratteristiche, ma anche a favorire la creatività, la consapevolezza delle proprie possibilità, l autostima, il rispetto delle regole e il rapporto con gli altri. In sintesi i progetti attivati nella nostra scuola: A SCUOLA DI DEMOCRAZIA: UNA STRADA VERSO IL BEN..ESSERE CLASSI QUARTE A noi la parola Giornalino scolastico ( Per cfr. migliorare, All. n. 6 completare, 7 ) ampliare la capacità di produrre consapevolmente messaggi CLASSI QUINTE A scuola di democrazia Per avvicinare gli alunni alle istituzioni attraverso la loro conoscenza e con forme di partecipazione attiva

17 Il giovedì dalle ore alla ore TI LEGGO UNA STORIA VECCHIA COME IL MONDO Percorso di lettura animata per gli allievi delle classi prime RI AMBIENTIAMOCI Percorso di educazione ambientale attraverso l invenzione e la drammatizzazione di una storia con marionette per le classi seconde LA VOCE DEI BAMBINI Percorso sui diritti dei bambini per gli allievi delle classi terze BENE CON SE STESSI BENE CON GLI ALTRI Percorso di educazione alimentare per gli allievi delle classi quarte HO SCOPERTO..UN TESORO Percorso di sensibilizzazione e conservazione del patrimonio artistico del nostro territorio per gli allievi delle classi quinte

18 PROCESSI: Le scelte metodologiche: come insegniamo Le insegnanti di scuola Primaria e di scuola dell Infanzia, per quanto riguarda le scelte di carattere metodologico, hanno così proceduto: FASE Analisi principali metodologie SOGGETTI INTERESSATI Equipe pedagogica MOVIMENTO DESTINATARI Commissione Progettazione e F.S. Elaborazioni dati ottenuti Commissione Progettazione Collegio docenti dei Scelte delle metodologie più usate e con maggiori risultati Commissione Progettazione e F.S. Collegio dei Docenti In sede di Commissione Progettazione coordinata dalle F.S. Fariello Scarfato si è potuto constatare che i docenti della scuola Primaria prediligono, per le attività curriculari dell offerta formativa, la lezione frontale perché meglio rispondente alle esigenze di organizzazione oraria. Invece, per le attività di ampliamento offerta formativa, si prediligono le metodologie laboratoriali, dove meglio si sperimentano la ricerca/azione, il brainstorming, lezioni stimolo.

19 Per quanto concerne le insegnanti di sostegno, le metodologie si diversificano in base alla tipologia dell handicap. In gran parte sono attivate lezioni individualizzate, lezioni con piccoli e grandi gruppi. La scuola dell Infanzia, considerata la particolare fascia di età evolutiva, preferisce lavorare organizzando attività di gruppo

20 PROCESSI Come adeguiamo le nostre UA: i LARSA La scuola, per assicurare pari opportunità di apprendimento a tutti gli alunni, ha attivato tale processo che assicura il controllo e il monitoraggio delle abilità, competenze raggiunte e contenuti appresi dagli allievi e che consentano, laddove necessario, interventi di recupero. Il processo è così schematizzato: FASE Condivisione Prove Verifica Somministrazione Prove Raccolta prove Valutazione Tabulazione Dati Predisposizione LARSA Ridefinizione delle UA SOGGETTI INTERESSATI Docenti Ambiti Disciplinari di classi parallele Equipe pedagogica Equipe pedagogica F.S. Manna Docente Interessato Docente Interessato MOVIMENTO DESTINATARI Commissione Progettazione Valutazione e F.S: Alunni F.S. Manna Collegio Docenti Alunni Dirigente Scolastico Consiglio Interclasse

21 L adeguamento delle UA avviene seguendo questi criteri: Declinazione più dettagliata degli Obiettivi di apprendimento prefissati; mantenimento degli Obiettivi di apprendimento della classe, ma diversificati per strategie di intervento; predisposizione di un piano individualizzato. La documentazione comprovante tale adeguamento è data dal verbale di interclasse e dai verbali delle programmazioni settimanali.

22 PROCESSI Visite guidate ed escursione didattiche Considerato che le mete delle diverse visite di istruzione costituiscono obiettivo specifico inserito nelle unità di apprendimento di ogni singola classe, globalmente si terrà conto del seguente processo: FASE Progettazione didattica Compilazione Modello preposto Raccolta Modelli compilati SOGGETTI INTERESSATI Team docenti classi parallele Team docenti F.S. T : Pascucci MOVIMENTO DESTINATARI Consiglio Interclasse Componente genitori F.S. T. Pascucci Collegio Docenti Compilazione Modello riassuntivo Gara Appalto Trasporto F. S. T. Pascucci D.S.G.A. D.S.G.A. Consiglio di Circolo Contatti Strutture scelte F.S. T.Pascucci Docenti Alunni

23 Documentazione Relazione in riferimento all uscita Team docenti Dirigente Scolastico

24 LA BIBLIOTECA SCOLASTICA Il Circolo dispone di una biblioteca scolastica che ogni anno si arricchisce di nuovi titoli. Attualmente si contano numerosi libri di narrativa, distinti per fasce di età La gestione della biblioteca è affidata alla docente G. Di Fiore che dedica un ora settimanale ai prestiti e allo scambio: ogni alunno può scegliere liberamente il libro che lo attira maggiormente, non è vincolato ad alcuna scadenza per la restituzione ed ha solo il dovere di averne cura in quanto bene appartenente a tutta la comunità scolastica. Gli alunni delle classi prime possono utilizzare i libri nelle loro aule, ascoltare le storie lette dagli insegnanti, giocare e fantasticare con le immagini. Tali attività sono funzionali ad un obiettivo che da sempre è perseguito nella nostra scuola: avvicinare gli alunni al mondo dei libri per amarli e per apprezzarli anche come amici del tempo libero e dello svago, oltre che come strumenti di studio e di conoscenza. La diffusione dei nuovi mezzi di informazione impegna ancora di più la scuola ad essere promotrice di una cultura che valorizzi la funzione educatrice del libro, per il contributo, insostituibile, di contribuire allo sviluppo di forme di pensiero autonome, capaci di far nascere idee personali e giudizi liberi da condizionamenti.

25 PROCESSI: la continuità L inserimento dei bambini in diversi contesti, quali la famiglia, la scuola, le agenzie di socializzazione territoriali, è parte integrante del loro processo di crescita e di maturazione sociale, così come il passaggio da un ordine di scuola all altro fa parte del percorso formativo che ogni alunno compie. Se da una parte, è senza dubbio vero che tali processi sono tappe obbligate della crescita di ciascun individuo, è altrettanto vero che il cambiamento può essere vissuto in maniera problematica, come fonte di ansia e di preoccupazione. Per questo, la prima forma di continuità da perseguire è quella educativa, che si costruisce prima di tutto attraverso il dialogo, il confronto e la mediazione tra le persone e le istituzioni, in funzione di un modello valoriale condiviso e coerente. La continuità tra i diversi gradi di scuola nasce dall esigenza di costruire un sistema formativo integrato che renda possibile forme di cooperazione educativo - didattiche, pur nel rispetto delle specificità di ogni segmento scolastico. La ricerca dell unità nell articolazione dei percorsi e degli interventi, diviene inevitabilmente obiettivo prioritario della progettazione del nostro Circolo, che crede nella possibilità di creare solidi ponti per facilitare il passaggio degli alunni da un esperienza scolastica a quella successiva.

26 CONTINUITA ORIZZONTALE: LA SCUOLA INCONTRA LE FAMIGLIE All inizio dell a.s. per i genitori degli alunni che si iscrivono per la prima volta alla sc. Infanzia e alla sc. Primaria. Durante l anno scolastico come stabilito dal calendario dei seminari del progetto Insieme per (Allegato 5 ) Al termine del primo e del secondo quadrimestre. QUANDO Durante le assemblee e i colloqui individuali. Ogni qualvolta se ne avverte la necessità. Durante e al termine dell a.s. per la socializzazione di progetti ed attività

27 Per aiutare i docenti a conoscere meglio gli alunni e il loro vissuto Per conoscere la comunità scolastica, la sua organizzazione e le sue regole. Per consentire l integrazione degli alunni nel contesto scolastico in modo graduale e sereno. (Progetto Continuità all. n.7) Per essere partecipi dei progressi raggiunti dai bambini e dei traguardi conseguiti. PERCHE Per essere informata sull offerta formativa, l organizzazione didattica, le proposte e la progettualità del Circolo. Per essere propositivi e cooperare per migliorare la qualità della scuola. Per condividere con la scuola la responsabilità di formare i bambini,proponendo modelli e stili educativi coerenti.

28 LA SCUOLA INTERAGISCE CON IL TERRITORIO APERTURA DELLA SCUOLA AD INIZIATIVE PROMOSSE DA ENTI, ASSOCIAZIONI TERRITORIALI, PARROCCHIA PROGETTO LETTURA distrettuale per stimolare nei ragazzi l interesse e l amore per la lettura EVENTUALI RICHIESTE DI INTERVENTO DA PARTE DEI SERVIZI SOCIALI COMUNALI. INTERVENTI PER LA SOLUZIONE DI PROBLEMATICHE FAMILIARI E SOCIALI. INTESA CON IL COMUNE PER L EROGAZIONE DI SERVIZI. SERVIZIO MENSA E TRASPORTO. CONSULENZE PERIODICHE CON IL SERVIZIO DI MEDICINA SCOLASTICA DELL ASL. INTERVENTI A FAVORE DEI BAMBINI DIVERSAMENTE ABILI O CON DIFFICOLTA DI APPRENDEMENTO.

29 DISPONIBILITA A CREARE RETI TRA SCUOLE PER ARRICCHIRE L OFFERTA FORMATIVA PROGETTO BIBLIOTECA NOVE IN RETE SOCIALIZZAZIONE DEI PROGETTI DI CIRCOLO. COINVOLGIMENTO DELLE FAMIGLIE NEL PERCORSO PROGETTUALE DEGLI ALUNNI.

30 I contesti e i contenuti della Continuità Adozione di criteri di valutazione condivisi per tutte le classi della scuola primaria e per tutte le sezioni della sc.infanzia. Collegio docenti congiunto sc.infanzia /sc. Primaria Partecipazione dei docenti sc.infanzia e Primaria ad analoghi corsi di formazione Stesura della progettazione delle competenze di Circolo C O N T I N U I T A V E R T I C A L E Commissioni composte da docenti di sc.infanzia e Primaria Realizzazione del progetto Alla scoperta della mia città per fare conoscere ai bambini di 5 anni le caratteristiche del proprio territorio. Condivisione di progetti, obiettivi, contenuti e metodologie di insegnamento.

31 La Commissione programmazione ha predisposto per l anno scolastico 2011/12 un preciso piano di intervento. Il processo è stato strutturato nel modo seguente: FASE Informazione scuola -famiglia SOGGETTI INTERESSATI Dirigente scolastico Docenti MOVIMENTO DESTINATARI Famiglie Iniziative per l inserimento alunni classi prime e alunni anni tre. Docenti Scuola dell Infanzia, Primaria Alunni Raccordo tra la scuola dell Infanzia, Primaria,Sec.1. Elaborazione Progetto Una giornata insieme Attivazione Progetti Commissione Programmazione. Team docenti classi quintescuola Infanzia, doc. scuola Sec.1 Docenti dei tre ordini di scuola Collegio Docenti Collegio Docenti Alunni dei tre ordini di scuola

32 SCHEMA RIASSUNTIVO PER LA VALUTAZIONE DELL AREA DELLA DIDATTICA FATTORE QUALITA Congruenza tra POF e progettazione di circolo Raggiungimento livelli essenziali presenti nella progettazione delle competenze Ottimizzazione compresenze delle Integrazione alunni diversamente abili. Iniziative per favorire le pari opportunità Utilizzo laboratorio multimediale per attività opzionale. INDICATORE QUALITA STANDARD QUALITA % di progettazioni che rispettano il POF 100% Progettazioni adattate alle esigenze degli alunni Criteri di flessibilità per organizzazione laboratori. % ore supplenze coperte dai docenti titolari Interazione famiglia/asl/scuola. Modifiche e integrazioni alle Unità di apprendimento per 100% MODALITA VERIFICA Utilizzo di tutti gli obiettivi formativi nelle unità di apprendimento, verbali riunioni interclasse/equipe, registri di classe. Progettazione di Unità di apprendimento personalizzate o differenziate. Registri di classe. 100% Tabelle rilevazione 100% Analisi documentale. Registri di classe attivazione L.A.R.S.A. % di classi che utilizzano il laboratorio. 100% Tabella rilevazione Garanzia di un percorso formativo organico e completo. Ricerca/azione con metodologie di insegnamento Raccordo pedagogico curricolare fra i tre ordini di scuola di base Coerenza tra escursioni sul territorio e offerta formativa 80% Verbali riunioni, incontri formali, passaggio di informazioni 100% Relazione finale

33 VALUTAZIONE APPRENDIMENTI ALUNNI La valutazione degli apprendimenti costituisce un momento importante per la nostra scuola in ragione anche dell output definiti nel P.O.F. Per la valutazione degli apprendimenti si è proceduto tenendo conto della C.M. 85/04 che è stata discussa e condivisa collegialmente per poi adottare sulla scorta dei suggerimenti della commissione progettazione e valutazione le scelte più opportune. I criteri adottati sono: - Scelta condivisa degli strumenti di valutazione e verifica quali i registri e il portfolio che vengono adottati per tutte le classi. - Scelta condivisa del tipo di scheda di valutazione che comprende anche l attestato finale. - Scelta condivisa per le modalità di verifica dell area della didattica così come riportato nello schema riassuntivo. Gli strumenti per la rilevazione di circolo sono individuati nei modelli 5 e saranno tabulati a fine anno. La nostra scuola parteciperà anche alla valutazione degli apprendimenti prevista dall INVALSI per le classi seconde e quarte e per le discipline di italiano. Scienze e matematica. La lettura dei tabulati INVALSI e quella dei tabulati della nostra scuola, nonché i chiarimenti che dovranno pervenire a cura del ministero riguardo la certificazione delle competenze renderanno forse necessari ulteriori modifiche che si effettueranno nel corso dell anno o nel progettare il P.O.F. per il prossimo anno scolastico.

34 ALLEGATI AREA DELLA DIDATTICA Allegato n. 1: Progettazione delle competenze Scuola Primaria e Scuola dell Infanzia Allegato n. 2 : Progetti e laboratori scuola dell infanzia Allegato n. 3: Progettazione laboratoriale Scuola Primaria Allegato n. 4: Progetto continuità La mia scuola per la pace

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA. Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie

CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA. Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie Porre al centro del progetto educativo l alunno significa attribuire una grande attenzione all originalità di ciascuno, rispettare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 NAIC86400X@istruzione.it - http://www.icsdelpozzo.it C.MEC. NAIC86400X C.F.

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

2. CAMPO DI APPLICAZIONE 1. SCOPO Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le prime azioni d inserimento degli alunni stranieri e favorire il dibattito intorno alle nuove prospettive dell educazione interculturale

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Via F.lli Cervi, 4 27011 Belgioioso (PV) Tel. 0382 969143 0382 960306-fax. 038 2972315 e-mail uffici : sms.adanegri.belg@libero.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Funzione Strumentale Giovanna Perrella Un po di normativa I perché della Continuità L itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

A.F.A.E. PROGETTO. per la gestione del Servizio di assistenza alla comunicazione nelle scuole per soggetti audiolesi

A.F.A.E. PROGETTO. per la gestione del Servizio di assistenza alla comunicazione nelle scuole per soggetti audiolesi A.F.A.E. Associazione Famiglie degli Audiolesi Etnei PROGETTO per la gestione del Servizio di assistenza alla comunicazione nelle scuole per soggetti audiolesi 1. Premessa Il presente progetto per la gestione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA "Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili" A.S.2014/15

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili A.S.2014/15 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE "RENATO FUCINI" Scuola Infanzia-Primaria e Secondaria di I grado di Monteroni d' Arbia e Murlo Viale delle Rimembranza, 127- tel. 0577/375118- fax 0577/372049 email

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

Atto di indirizzo Docenti di sostegno 5 Circolo Didattico E. De Amicis, Livorno

Atto di indirizzo Docenti di sostegno 5 Circolo Didattico E. De Amicis, Livorno ACCOGLIENZA DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO TITOLARITA ASSEGNAZIONE all alunno e alla classe ORARIO SERVIZIO L insegnante di sostegno sarà accolto dal Dirigente Scolastico e dalla Funzione Strumentale per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ Creare le condizioni ed i presupposti per un sereno passaggio dei bambini dalla Scuola dell Infanzia alla scuola primaria, con particolare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FUMASONI BERBENNO DI VALTELLINA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FUMASONI BERBENNO DI VALTELLINA ISTITUTO COMPRENSIVO G. FUMASONI BERBENNO DI VALTELLINA IL PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA Il Protocollo è un atto formale che riconosce la specificità dei bisogni delle famiglie e dei minori stranieri: bisogni

Dettagli

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero. Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764 E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.it Progetto a.s.2013/2014 Funzioni Strumentali Area 3 CONTINUITA

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «ALESSANDRO VOLTA» Sintesi del Piano dell Offerta Formativa SCUOLA PRIMARIA Dirigente Scolastico Prof. Incoronata

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Prot. n 2475/A36 San Costantino Cal. 29.04.2015 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Il Coordinatore del G.L.I. 1 PARTE I Obiettivi di miglioramento dell

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO da VINCI 30173 Mestre - Venezia PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa Nel

Dettagli

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA I.C. MAHATMAGANDHI,VIA CORINALDO 41 ROMA 5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA - Continuità- Integrazione Orientamento Nido-Infanzia Infanzia- Primaria Primaria- Secondaria - Diversità, integrazione e inclusione

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (PROGETTO H ).

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (PROGETTO H ). A I S T I T U T O M A G I S T R A L E S T A T A L E T O M M A S O S T I G L I A N I con Indirizzi: LICEO SCIENZE UMANE - LICEO SCIENZE UMANE opzione ECONOMICO SOCIALE LICEO LINGUISTICO LICEO MUSICALE Via

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI Anno scolastico 2013-14 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI L educatore è impegnato sì ad esplorare il volto dell altro, la sua domanda di umanità, di infinito, ma il riscontro di questa esplorazione

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ: dalla SCUOLA D INFANZIA alla SCUOLA PRIMARIA alla SCUOLA SECONDARIA- Questo documento denominato Protocollo di Continuità per gli alunni

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia della scuola poiché traduce in prassi un comune senso

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Progetto A.M.I.C.O. Azioni Metodologiche ed Iniziative per la Cooperazione aa.ss. 2014/2015 Sede/i di realizzazione del progetto: Plessi di scuola primaria della

Dettagli

LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NEL CONTESTO DELLA RIFORMA

LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NEL CONTESTO DELLA RIFORMA LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NEL CONTESTO DELLA RIFORMA Di che cosa parlerò: 1. Il quadro normativo e culturale 2. le novità sul piano pedagogico 3. Le prospettive 1 PARTE il quadro normativo e culturale

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO L ISTITUZIONE SCOLASTICA E IL NUOVO SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE L Istituzione Scolastica ha proceduto alla definizione del proprio Curricolo operando l essenzializzazione

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità Premessa Il Contesto culturale. Da molti anni l Istituto Martini, pone al centro della sua azione formativa, l attenzione allo studente e alle famiglie coniugando metodologie di apprendimento moderne a

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

VADEMECUM insegnante di sostegno - IPSSAR Tognazzi

VADEMECUM insegnante di sostegno - IPSSAR Tognazzi ACCOGLIENZA DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO TITOLARITA ORARIO SERVIZIO STESURA DEL P.D.F. (PROFILO DINAMICO FUNZIONALE) L insegnante di sostegno sarà accolto dal Dirigente Scolastico e dalla Funzione Strumentale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4.

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4. Istituto Omnicomprensivo Statale Beato Simone Fidati Scuola d Infanzia, Primaria, Secondaria primo grado e Secondaria Superiore (IPSIA) Località La Stella - 06043 Cascia (PG) 074376203 0743751017 074376180

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019 I.C. 6 QUASIMODO DICEARCHIA 80078 POZZUOLI (NA)-Via Caio Vestorio,3 Tel e Fax 081/8042620 Cod. Fisc. 96029330634 Cod.Mecc. NAIC8DY002 http://www.ic6quasimododicearchia.gov.it e-mail: NAIC8DY002@istruzione.it

Dettagli

Imparare facendo. Imparare collaborando

Imparare facendo. Imparare collaborando Imparare facendo Imparare collaborando La conoscenza non può essere considerata principalmente qualcosa che la gente possiede in qualche luogo della testa, ma qualcosa che la gente produce, si scambia

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri.

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. Direzione Didattica Statale di Caluso Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. 1 Indice Premessa Finalità Contenuti Prima fase di accoglienza : - domanda di iscrizione; - compiti della segreteria.

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPITONE

SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPITONE SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPITONE PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO a. s. 2008/2009 INSEGNANTI DI SEZIONE : CANAL Chetti FRANCIA Meri VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE INIZIALE La scuola dell infanzia di Capitone

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO Referente alla Disabilità Prof. ssa Nardiello Paola Referente BES (bisogni educativi speciali) Prof. ssa Cappello Monica Anna INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO

Dettagli