CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio die Ministri del 07/06/1995)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio die Ministri del 07/06/1995)"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio die Ministri del 07/06/1995) La carta dei servizi, allom stato attuale, costituisce il documento di garanzia di qualità del servizio scolastico messo a disposizione degli alunni e die genitori ai fini di assicurare loro una corretta fruizione del servizio. Essa si ispira ai principi democratici sanciti dalla Costituzione e della Carta Internazionale sui diritti dell Infanzia. Fa inoltre riferimento diretto a quanto previsto dallo Statuto delle Studentesse e degli Studenti, emanato con il D.P.R. 24 giugno N. 249, dal Regolamento del Autonomia delle Istituzione Scolastiche, emanato con il D.P.R. 8 marzo 1999, n. 275, del D.P.R. 10 ottobre 1996, n. 257, e sue modifiche e integrazioni. E coerente e funzionale al Piano dell Offerta Formativa adottato dall Istituto. La seguente carta die servizi dell Istituto Comprensivo M. Buonarroti ha quali principi ispiratori gli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione italiana. Essa si compoine di: Parte I: Area didattica Parte II: Servizi Amministrativi Parte III: Condizioni Ambientali della Scuola Parte IV: Procedura die reclami e valutazione del servizio Parte V: Attuazione Al fine di potenziare gli impegni educativi ed organizzativi oltre che il dialogo con l utenza, fa propri i princiopi fondamentali di uguaglianza e imparzialità garantendone la completa attuazione conle disposizioni che si articolano in: PRINCIPI FONDAMENTALI Uguaglianza e pari opportunità Imparzialità e Regolarità Accoglienza e Integrazione 1

2 Diritti e doveri degli alunni/e degli studenti e delle studentesse Obbligo scolastico e freqwuenza Libertà di insegnamento e di aggiornamento del personale UGUAGLIANZA E PARI OPPORTUNITA Nessuna discriminazione nell erogazione del servizio scolastico può essere compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche o socioeconomiche. La scuola si impegna a perseguire il diritto allo studio nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità sociali e culturali di ciascun bambino. La scuola, nell erogazione del proprio servizio, si impegna a garantire pari opportunità mediante: 1. Criteri collegialinell assegnazione degli alunni alle classic he promuovano l integrazione culturale tra alunni di religione, di lingua, di razza, di etnia diverse. 2. Iniziative didattiche curricolari (es. Attività di gruppo) e proposte educative funzionali alla storia e alla cultura degli alunni non italiani. 3. Provvedimanti atti ad eliminare eventuali barriere architettoniche per alunni diversamente abili. 4. Provvedimenti atti a garantire la piena offerta formativa agli alunnidi condizioni socioeconomiche disagiate. IMPARZIALITA E REGOLARITA Gli utenti hanno diritto ad essere trattati in modo obiettivo ed imparziale. La scuola, attraverso tutte le sue componenti, garantisce, nei limiti dell ordinamento vigente e die Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro del comparto scuola, la regolarità e la continuità delk servizio e delle attività educative. 1. I soggetti erogatori del servizio sclastico agiscono secondo criteri di obiettività ed equità. 2. La scuola, attraverso tutte le sue componenti, garantisce la tempestiva informazione alle famiglie sulle eventuali variazioni al funzionamento del servizio. 3. La scuola, attraverso tutte le sue componenti, garantisce la regolarità e la continuità del 2

3 4. servizio. 5. In caso di sciopero del personale la Scuola utilizzerà, per la vigilanza degli alunni presenti, tutte le unità disponibili. ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE Soprattutto nel primo anno di scuola l accoglienza assume un grande rilievo poichè bisogna tenere presente che la scuola deve essere luogo di benessere e non di disagio; pertanto bisogna favorire le relazioni tra le varie componenti (alunni, docenti, ambiente) al fine di permettere agli alunni di esprimere al meglio le proprie abilità. L organizzazione dell accoglienza sarà curata da parte di tutta l istituzione scolastica (Dirigente scolastico, docenti, genitori, ambiente) mediante: Iniziative e/o progetti atti a far conoscere agli alunni l ambiente scolastico e le sue regole di funzionamento con particolare riguardo alle classi iniziali. Riconoscimento da parte die docenti dei diritti e degli interessi dello studente. Incontri periodici e costanti con i familiari per potenziare il rapporto scuola-famiglia. Incontri fra docenti die vari ordini di scuola per garantire la continuità didattica, attraverso un raccordo metodologico. Conoscenza dei nuovi iscritti attraverso test e questionari (socio-affettivi, cognitivi, sociologici culturali) al fine di impostare una corretta programmazione educativa e didattica. Organizzazione di incontri tra genitori degli alunni nuovi iscritti e docenti del Consiglio di Classe. La scuola si impegna a rendere l ambiente scolastico il più sereno possibile, cercando di favorire negli alunni il superamento di situazioni di disagio e difficoltà. DIRITTI DI SCELTA OBBLIGO SCOLASTICO E FREQUENZA 1. La scuola si impegnaa prevenire e controllare l evazione e la dispersione scolastica attraverso il monitoraggio continuo della regolarità delle frequenze ed il controllo dell elenco degli obbligati. 2. L utente ha facoltà di scelta fra le istituzione scolastiche dello stesso tipo, nei limiti di capienza obiettiva di ciascuna di esse. In caso di eccedenza delle richieste si applica il criterio della territorialità. 3. Gli studenti sono tenuti a: - Frequentare regolarmente i corsi e ad assolvere assiduamente agli impegni di studio - Ad avere nei confronti del capo d Istituto, die docenti, del personale tutto della scuola e dei loro compagni, lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi - Ad asservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai regolamenti die singoli istituti - Ad utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e a non arrecare danni al patrimonio della scuola PARTECIPAZIONE, EFFICENZA E TRASPARENZA 3

4 La scuola, nel determinare le scelte organizzative s uspira ai criteri di efficenza, efficacia e flessibilità; ricerca la semplificazione delle procedure, garantisce un adeguata informazione su tutte le attività promosse, ricerca e promuove la partecipazione di tutte le componenti della comunità scolastica. A tal fine: 1. Gli operatori scolastici garantiscono trasparenzanei rapporti interni amministrativi e in quelli con l utenza. 2. Gli operatori, inoltre, chiedono la partecipazione attiva di tutti i genitori e soprattutto di quelliche vogliono mettere a disposizione della scuola le loro competenze. 3. La scuola si impòegna ad agevolare le attività extra-scolastiche che realizzano la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile consentendo l uso degli edifici e delle attrezzature fuori dell orario scolastico, in accordo con le Amministrazioni Comunali e nei limiti della normativa vigente. LIBERTA DI INSEGNAMENTO ED AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE Nella programmazione la scuola assicura il rispetto della libertà di insegnamento al fine di garantire la formazione dell alunno e contribuire allo sviluppo armonico della sua personelità, nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali e comunitari, generali e specifici. L esercizio della libertà d insegnamento si fonda sulla conoscenza aggiornata delle teorie psico-pedagogiche, delle strategie didattiche, delle moderne tecnologie educative. L aggiornamento è un obbligo per l amministrazione e un diritto per il dicente, il quale deve essere preventivamente informato dell argomento e delladurata del calendario die corsi. L adesione die docenti sarà libera e si adeguerà alle norme di legge. PARTE I AREA DIDATTICA a. La scuola, con l apporto delle competenze professionali del personale e con la collaborazione ed il concorso dell famiglie, delle istituzioni e della società civile, si impegna ad adeguare le attività educative alle esigienze culturali e formative degli alunni nel rispetto delle finalità istituzioneli. b. Al fine di assicurare la continuità educativa l Istituto individua ed elabora un piano di attività realizzabile, sia per continuità orizzontale che verticale, nei tre ordini di scuola di base. Le iniziative riguarderanno: 4

5 1. 2. Istituto Statale Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Incontri con i docenti degli alunni di passaggio. Incontri degli alunni delle classi iniziali e terminali per attività comuni. Acquisizione ed integrazione del fascicolo personale dell alunno nuovo iscritto. Coordinamento die curricoli e delle programmazioni didattiche. Costruzione comune di criteri e strumenti di verifica e di valutazione. c. Nella scelta die libri di testo e delle strumentazioni didattiche, la scuola assume come criteri di riferimento la validità culturale e la funzionalità educativa con particolare riguardo agli obiettivi formativi e la rispondenza alle esigenze dell utenza. d. Nella programmazione dell azione educativa e didattica i docenti, nella scuola dell obbligo, devono adottare, con il coinvolgimento delle famiglie, soluzioni idonee e rendere possobile un equa distribuzione die testi scolastici, in modo da evitare un sovraccarico di materiali didattici da trasportare. e. I docenti cercheranno di equilibrare, nell arco della settimana, l massegnazione die compiti per assicurare il tempo da dedocare al gioco o all attività sportiva. f. Nel rapporto con gli allievi, i docenti stabiliscono, in un clima di serenità, strategie didattiche fondate sulla gratificazione ed adottano forme adeguate di convincimenbto. La scuola garantisce l melaborazione, l adozione ela pubblicazione, oltre alla presente Carta dei servizi, die seguenti documenti: 1. Piano dell offerta Formativa (P.O.F.) 2. Regolamento d Istituto 3. Regolamento uscite nel territorio, visite guidate e viaggi di istruzione 4. Programmazione educativa 5. Programmazioni didattiche 6. Patto educativo PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Integrato da Regolamento d Istituto e dal Regolamento viaggi di istruzione definisce il piano organizzativo in funzione delle proposte culturali, delle scelte educative e degli obiettivi elaborati dai competenti organi della scuola. Contiene dati struttutali della scuola, la progettazione curricolare ed extracurricolare educativa ed organizzativa, le attività di formazione. 5

6 REGOLAMENTO D ISTITUTO Il Regolamento d Istituto comprende le norme relative a: o Comportamento all interno degli edifici scolastici e vigilanza sugli alunni o Assenze-ritardi, permessi, disciplina, malori, responsabilità, danni o Rapporti Scuola Famiglia o Uso degli spazi e ambienti scolastici o Sicurezza REGOLAMNENTO USCITE NEL TERRITORIO, VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Contiene le norme dirette a discièplinare le modalità di organizzazione e svolgimento delle uscite, visite guidate e viaggi d istruzione dell istituzione scolastica. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Definisce i percorsi formativi e gli obiettivi generali annuali die segmenti formativi dell Istituto. Ha validità pluriennale ed è aggiornata dal Collegio Docenti ogni anno. E parte integrante del POF. PROGRAMMAZIONE DIDATTICHE Precisano i percorsi formativi e gli obiettivi di ogni singola classe. Viene redatta durante il corso dell anno scolastico dagli insegnanti di classe e di interclasse. IL PATTO EDUCATIVO In esso la scuola, la famiglia, gli alunni condividono rapporti di reciproco rispetto e collaborazione secondo i principi illuistrati nella presente Carta. E parte integrante del POF. 6

7 PARTE II SERVIZI AMMINISTRATIVI L Istituto Comèprensivoindividua i seguenti fattori di qualità die servizi amministrativi cheintende sviluppare e rafforzare. a) Cortesia e rispetto reciproco b) Informazione e trasparenza degli atti amministrativi c) Celerità dell procedure d) Informatizzazione die servizi di segreteria e) Flessibilità degliu orari La presente carta assicura i tempi ei modi già indicati nello schema ministeriale; in particolare essa individua i seguenti standard specifici perle singole procedure: a) Iscrizione: le famiglie vengono avisate in tempo utile sulla data di scadenza die termini; l iscrizione avviena al momento della richiesta in un tempo massimo di dieci minuti. I documenti anagrafici e i certificati sanitari vengono richiesti direttamente dalle scuola agli uffici componenti e acquisti agli atti. I dati anagrafici e sanitari possono essere autocertificai: verranno effettuati controlli a campione. b) Rilascio di documenti: le certificazioni attinenti agli alunni o di nulla-osta sono rilasciate nei normali orari di apertura della segreteria al pubblico, a vista o, quando non è possibile, entro 3 giorni lavorativi. Gli attestati di scuola elementare e media, sono consegnati a vista a partire dal 3 giorno lavorativo successivo alla pubblicazione die risultati finali. I documenti di valutazione entro 5 giorni lavorativi dalla conclusione delle operazioni di scrutinio a cura degli insegnanti interessati in un apposito incontro con lefamiglie. Al momento non è possibile stabilire i tempi di conmsegna die diplomi di locenza media. Ogni altra richiesta di certificazione relativa agli alunni e al personale verrà rilasciata entro 5 giorni lavorativi, tranne i casi per i quali è prevista una procedura più complessa. c) Orari di apertura ufficio di segreteria: l ufficio di segreteria garantisce un orario di apertura al pubbliuco di mattina e di pomeriggio, funzionale alle esigenze degli utenti e del territorio. Mattino: dalle ore 11 alle 13 dal lunedì al sabato Pomeriggio: dalle alle dal lunedì al venerdì Nei giorni di sospensione delle attività didattiche: Mattino dalle ore alle ore Il Capo d Istituto riceve il pubblico su appuntamento telefonico, oppure nei seguenti orari: Martedì e giovedì dalle alle E comunque sempre opportuno un preavviso telefonico, considerati gli impegni, a volte imprevedibili, del Dirigente Scolastico. L Ufficio di segreteria assicura, durante gli orari di apertura, la tempestività del contatto telefonico. 7

8 L impiegato che risponde comunica: il nome dell Istituto, la propria qualifica e il proprio nome. Nel caso non sia in grado di rispondere alle domande propostegli, con cortesia indirizza l utente verso la persona o l ufficio in grado di fornire le informazioni richieste. d) Per l informazione sono seguiti i seguenti criteri: o La scuola predispone spazi ben visibili adibiti all informazione, in particolare sono assicurati: Tabella dell orario di lavoro dei dipendenti (orario dei docenti; funzioni e dislocazionedel personale amministrativo ed ausiliario) Organogramma Organico del personale docwente, amministrativo ed ausiliario Albo generale di Istituto e) Sono inoltre predisposti i seguenti spazi: Albo Organi Collegiali Alkbo Docenti Albo Personale ATA Albo Studenti e Studentesse Albo Genitori Albo sindacale f) L Istituto Compresivo Statale M. Buonarroti garantisce per tutti i plessi la presenza, presso l ingresso e presso gli uffici, di operatori scolastici ben riconascibili in grado di fornire all utenza le prime informazioni per la fruizione del servizio. g) Tutti gli operatori scolastici in servizio indosseranno per l intero orario di lavoro il cartellino di identificazione. h) Il regolamento di lavoro e glin orari del personale amministrativo ed ausiliario devono avere adeguata pubblicità mediante affissione all Albo, così come ul Regolamento Generale di Istituto e le norme di funzionamento degli Organi Collegiali e dlle Assemblee. In particolare l oario di servizio del personale ATA, fissato dal C.C.N.L. in 36 ore settimanali, sarà attuato in accordo con la contrattazione d Istituto. PARTE III CONDIZIONI AMBIENTALI DELLA SCUOLA La scuola s impegna inoltre asensibilizzare le istituzioni interessate e i genitori al fine di 8

9 garantire agli alunni la sicurezza interna ed estrna (quest ultima, nell ambito del circondario Istituto Statale Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e scolastico). Gli Enti sono responsabili die seguenti standard qualitativi ambientali, nelle scuole del proprio territorio, in ordine a: o Adeguamento defli uffici alle direttive per la sicurezza sui luoghi di lavoro. o Eliminazione delle barriere architettoniche. o Sufficienza di aule necessarie per la realizzazione delle attività deliberate. PARTE IV PROCEDURA DEI RECLAMI E VALUTAZIONE DEL SERVIZIO a. I reclami possono essere espressi in forma orale o scritta, deve essere chiara l identità del proponente il cui nominativo, su sua richiesta, può essere conosciuto solomdal Capo d Istituto. Questi, dopo aver esperito ogni possibile indagine i n merito, risponde, nella forma in cui è stato presentato il reclamo, con celerità e comunque entre dieci giorni da quando ne è venuto a conoscenza, attivandosi per rimuovere le cause che hanno provocato il reclamo. Qualora questo non sia di competenza del Capo d Istituto, al reclamante vengono fornite indicazioni circa il corretto destinatario, Annualmente il Capo d Istituto formula al Consiglio d Istituto una relazione analitica sui reclami e sui successivi provvedimenti, fatta salva la tutela della riservatezza per quanto riguarda le persone. Il Collegio Docenti, aal fine di ciascun anno scolastico, redige una relazione sull attività Normativa dell ascuola che viene sottoposta all attenzione del Consiglio d Istituto. b. Valutazione del servizio L Istituto si propone l obiettivo del miglioramento continuo e progressivo del servizio scolastico attraverso il monitoraggio die seguenti fattori di qualità: o Grado di soddisfacimento delle aspettative dell utenza sul puiano amministrativo e didattico. o Efficacia delle attività di recupero e sostegno e loro incidenza ugli abbandoni o Livello di soddisfcimento della domenda d aggiornamento professionale degli operatori. o Tassi di utilizzazione d impianti, attrezzature, laboratori, biblioteca. Livelli di rispondenza della progettazione generale e di classe. La raccolte di elementi utili alla valutazione del servizio offerto dall Istituto Comprensivo 9

10 ècompito dello Staff di direzione. Istituto Statale Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e PARTE V ATTAUZIONE a) La presente Carta die servizi è approvata dal Collegio Docenti nella seduta del 19/11/2005, adottata con delibera n. 2 del 10/02/2006 dal Consiglio d Istituto e pubblicizzata nei locali della scuola. b) Le indicazioni contenute nella presente Carta si applicano fino a quando non vengono modificate con delibera del Consigliod Istituto o per sopravvenute diverse disposizioni normative. 10

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana. ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 info@itemelloni.gov.it www.itemelloni.gov.it PRINCIPI FONDAMENTALI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G.B. GRASSI LICEO MUSICALE LECCO CARTA DEI SERVIZI

LICEO SCIENTIFICO G.B. GRASSI LICEO MUSICALE LECCO CARTA DEI SERVIZI LICEO SCIENTIFICO G.B. GRASSI LICEO MUSICALE LECCO CARTA DEI SERVIZI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 1 PARTE TERZA I SERVIZI AMMINISTRATIVI ORARIO DI APERTURA DELL ISTITUTO art. 3.1 3.3 SERVIZI AMMINISTRATIVI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995)

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) La Carta dei servizi è il documento, espressione dell autonomia progettuale della scuola, che definisce e rende noti all utenza le finalità,

Dettagli

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento Carta dei Servizi Scolastici ITI Buonarroti Trento PREMESSA La Carta dei Servizi dell I.T.I. Buonarroti è il documento che riassume i principi ispiratori delle attività della scuola e rende esplicite tali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado. Piazza della Sapienza 82021 APICE (BN) Con sede distaccata a Paduli Tel.-fax- 0824-922063- C.M. BNIC81700B- Web- http://www.icapice.gov.it CARTA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CENTALLO VILLAFALLETTO Scuola dell infanzia Scuola primaria - Scuola secondaria di primo grado Via delle Scuole 8-12044 Centallo (CN) Tel. 0171214049 fax 0171214049 email cnic84300r@istruzione.it

Dettagli

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO Parte I - PRINCIPI FONDAMENTALI CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi del Liceo Artistico Scuola del Libro di Urbino trae i suoi principi fondamentali dagli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Dettagli

Istituto Comprensivo Gentile da Foligno CARTA DEI SERVIZI

Istituto Comprensivo Gentile da Foligno CARTA DEI SERVIZI Istituto Comprensivo Gentile da Foligno CARTA DEI SERVIZI L Istituto Comprensivo Gentile da Foligno si compone della scuola primaria (plesso di Fiamenga, via Lago di Cecita) e della scuola secondaria di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (approvata dal Consiglio di Istituto in data 8 febbraio 2013)

CARTA DEI SERVIZI (approvata dal Consiglio di Istituto in data 8 febbraio 2013) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA ELIO TONELLI DI PESARO Istituto Comprensivo Elio Tonelli di Pesaro dall'a.s. 2013/14 Strada Statale Adriatica, 151-61121 PESARO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI DIREZIONE DIDATTICA STATALE SEREGNO 1 CIRCOLO PIAZZALE CADORNA, 3 20038 SEREGNO MILANO Tel/fax: 0362 231325 SCUOLA DELL INFANZIA NOBILI, SCUOLA PRIMARIA CADORNA CARTA DEI SERVIZI PREMESSA La presente Carta

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UGUAGLIANZA

CARTA DEI SERVIZI UGUAGLIANZA Liceo Classico Statale "Pitagora" Piazza Umberto I, 15 0962/905731 Fax 0962/20922 Cod. Fisc. 81004910790790 e-mail: KRPCO2000L@istruzione.it sito web www.liceopitagoracrotone.it 88900 CROTONE CARTA DEI

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO Giovanni Bovio Largo Di Vagno,13-70037 Ruvo di Puglia

1 CIRCOLO DIDATTICO Giovanni Bovio Largo Di Vagno,13-70037 Ruvo di Puglia 1 CIRCOLO DIDATTICO Giovanni Bovio Largo Di Vagno,13-70037 Ruvo di Puglia Tel.080-3611001 Fax 080-3620399 Sito web: www.scuolaelementarebovioruvo.it Email: baee15700e@istruzione.it C.F. 80016960728 - Pec:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO 2 MONTESARCHIO Ad indirizzo musicale Via Vitulanese, 48 Montesarchio ( BN) Segreteria tel./fax 0824834094 bnic855006@istruzione.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA La CARTA DEI SERVIZI delle scuole elementari e medie dell'istituto Comprensivo Pietrocola Mazzini di Minervino Murge si fonda sui seguenti articoli della Costituzione: art.

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri LICEO G. MARCONI San Miniato Pisa Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri Questo documento intende presentare una modalità corretta e pianificata con la quale affrontare e facilitare l inserimento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PRINCIPI FONDAMENTALI

CARTA DEI SERVIZI PRINCIPI FONDAMENTALI ISTITUTO COMPRENSIVO V. MONTI VIA BOLDORINI, 2 62010 POLLENZA MC Tel/fax. 0733/549800 Codice ISTITUTO MCIC817008 CF. 80007300439 E-MAIL: mcic817008@istruzione.it POSTA PEC: mcic817008@pec.istruzione.it

Dettagli

Nella nostra infanzia c è sempre un momento in cui una porta si apre e lascia entrare l avvenire... Graham Greene

Nella nostra infanzia c è sempre un momento in cui una porta si apre e lascia entrare l avvenire... Graham Greene Nella nostra infanzia c è sempre un momento in cui una porta si apre e lascia entrare l avvenire... Graham Greene 1 La Carta dei Servizi scolastici è stata introdotta nell ordinamento dal Decreto del Presidente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI Via Porrettana, 258 40037 SASSO MARCONI (Bologna) Tel.:

Dettagli

ISTITUTI SCOLASTICI PARITARI SCUOLA DOMANI

ISTITUTI SCOLASTICI PARITARI SCUOLA DOMANI 1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI SCUOLA PARITARIA ARTICOLO 1) - Ente gestore 1.1 Denominazione Istituti Scolastici Paritari Scuola Domani S.r.l. è l ente gestore dell Istituto Tecnico Commerciale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Premessa:

CARTA DEI SERVIZI. Premessa: CARTA DEI SERVIZI Premessa: La Carta dei Servizi è uno strumento utile al cittadino per essere informato sulle caratteristiche del servizio offerto, sulla organizzazione degli uffici comunali, sugli standards

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA DELL INFANZIA P R E M E S S A La carta dei servizi è un documento pubblico, in cui sono contenuti: i principi fondamentali a cui si ispira i fattori

Dettagli

Istituto "Michele Giua" - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI

Istituto Michele Giua - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI PREMESSA Articolo 1 L Istituto considera finalità generali del proprio operare pedagogico i principi di cui agli artt. 3, 33, 34, della Costituzione Italiana. Articolo 2 La seguente carta

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (D.P.C.M. 15/06/1995 n. 138) Anno scolastico 2016/2017

CARTA DEI SERVIZI (D.P.C.M. 15/06/1995 n. 138) Anno scolastico 2016/2017 CARTA DEI SERVIZI (D.P.C.M. 15/06/1995 n. 138) Anno scolastico 2016/2017 Ente promotore e gestore E il Centro Studi Don Bosco ONLUS - Società Cooperativa Sociale, con sede legale in Perugia via Cortonese,

Dettagli

Protocollo di accoglienza degli studenti stranieri

Protocollo di accoglienza degli studenti stranieri Protocollo di accoglienza degli studenti stranieri PROCEDURA PROGRAMMA DI ACCOGLIENZA 1. Obiettivi Garantire pari opportunità di accesso all istruzione e di successo scolastico agli studenti stranieri.

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

LA CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE GALLARATE LICEO SCIENTIFICO STATALE Leonardo da Vinci GINNASIO LICEO CLASSICO "Giovanni Pascoli" LA CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI Principi fondamentali La carta dei servizi

Dettagli

Patto di Corresponsabilità Educativa

Patto di Corresponsabilità Educativa LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Patto di Corresponsabilità Educativa P.E.C. A.S. 2014/2015 0 PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

Dettagli

Circolare interna n. 3 Bisceglie, 3 settembre 2013

Circolare interna n. 3 Bisceglie, 3 settembre 2013 Circolare interna n. 3 Bisceglie, 3 settembre 2013 Oggetto: Istanze FF.SS. a.s. 2013/2014 Ai Sigg. Docenti Al sito web All ALBO S E D I di BISCEGLIE E TRANI Si comunica che le istanze, corredate dai curricula,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Istituto Statale di Istruzione Superiore Devilla Dessì La Marmora - Giovanni XXIII Via Donizetti, 1 Via Monte Grappa, 2-07100 Sassari, Tel 0792592016-210312 Fax 079 2590680 REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI LA CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CUORE DELLO STELLA DI RIVIGNANO 1. PREMESSA La CARTA DEI SERVIZI dell'istituto comprensivo Cuore dello Stella di Rivignano si fonda sui seguenti articoli

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI 1 PREMESSA La Carta dei Servizi scolastici, regolamentata dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/95, trova la sua origine all interno di un vasto movimento

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI. richiamare i principi fondamentali cui si ispira il servizio scolastico

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI. richiamare i principi fondamentali cui si ispira il servizio scolastico Istituto Istruzione Secondaria Superiore Luigi Pirandello Bivona sezioni ad indirizzo: Classico, Scientifico, Linguistico, Odontotecnico Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera, Costruzioni Ambiente e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

PREMESSA I - PRINCIPI FONDAMENTALI. Articolo 1 (Uguaglianza e imparzialità)

PREMESSA I - PRINCIPI FONDAMENTALI. Articolo 1 (Uguaglianza e imparzialità) PREMESSA La presente Carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art. 149 del Trattato dell Unione Europea e costituisce un documento di

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BOLZANO V-GRIES 1 Via Duca d Aosta, 46 Bolzano Tel. 0471/272092 CARTA DEI SERVIZI

ISTITUTO COMPRENSIVO BOLZANO V-GRIES 1 Via Duca d Aosta, 46 Bolzano Tel. 0471/272092 CARTA DEI SERVIZI ISTITUTO COMPRENSIVO BOLZANO V-GRIES 1 Via Duca d Aosta, 46 Bolzano Tel. 0471/272092 CARTA DEI SERVIZI 1. PREMESSA La CARTA DEI SERVIZI è un documento nel quale la scuola presenta all utenza le sue prestazioni.

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Emanato con D.R. n. 686 del 29 novembre 2010 Entrato in vigore il 1 dicembre

Dettagli

Piano Annuale delle Attività a.s. 2015/2016 predisposto ai sensi dell art. 28, comma 4, CCNL 2006/09

Piano Annuale delle Attività a.s. 2015/2016 predisposto ai sensi dell art. 28, comma 4, CCNL 2006/09 Piano Annuale delle Attività a.s. 2015/2016 predisposto ai sensi dell art. 28, comma 4, CCNL 2006/09 14 settembre 2015 (inizio delle lezioni) 08 giugno 2016 (fine delle lezioni) 30 giugno 2016 (fine delle

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Ambito Servizi al Lavoro. ISO 9001 cert. N. 5673/1

CARTA DEI SERVIZI. Ambito Servizi al Lavoro. ISO 9001 cert. N. 5673/1 CARTA DEI SERVIZI Ambito Servizi al Lavoro ISO 9001 cert. N. 5673/1 INDICE CERTIFICATO ISO 9001:2008..... 3 1. COS E LA CARTA DEI SERVIZI... 4 1.1 Caratteristiche di questa carta... 4 2. NORME E PRINCIPI...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Anno scolastico 2014-2015

CARTA DEI SERVIZI. Anno scolastico 2014-2015 M.I.U.R. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I. Morra Codice Meccanografico: MTIS009001 Servizi Socio-Sanitari - Servizi Commerciali Produzioni Industriali e Artigianali - Chimica, Materiali e Biotecnologie

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI LONATE POZZOLO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 30/03/2016, divenuta esecutiva in data 29/04/2016

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

IMPRESA GENERALE GLOBAL SERVICE. Carta dei Servizi

IMPRESA GENERALE GLOBAL SERVICE. Carta dei Servizi Carta dei Servizi Introduzione: La presente Carta dei Servizi si rivolge agli utenti che accedono alla Dorigo Servizi Srl, ma anche a chiunque altro sia interessato a conoscerne le attività e le modalità

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Regolamento (D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122) Testo in vigore dal 20.08.2009 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Finalità e caratteri della valutazione 2. La valutazione è espressione

Dettagli

Procedura GESTIONE DEL POF

Procedura GESTIONE DEL POF SOMMARIO Pag 1 di 7 1. Scopo... 2 2. Applicabilità... 2 3. Termini e Definizioni... 2 4. Riferimenti... 2 5. Responsabilità ed Aggiornamento... 2 6. Modalità operative... 3 6.1 Individuazione esigenze

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA All.10 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA ONZA PER GLI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente

Dettagli

Via S. Esuperanzio, 2 62011 CINGOLI Tel. 0733602314 E-mail: mcic811009@istruzione.it C.F.:80006120432 cod. mecc. MCIC811009

Via S. Esuperanzio, 2 62011 CINGOLI Tel. 0733602314 E-mail: mcic811009@istruzione.it C.F.:80006120432 cod. mecc. MCIC811009 ISTITUTO COMPRENSIVO E. MESTICA Via S. Esuperanzio, 2 62011 CINGOLI Tel. 0733602314 E-mail: mcic811009@istruzione.it C.F.:80006120432 cod. mecc. MCIC811009 CARTA DEI SERVIZI A.s. 2014/2015 Premessa La

Dettagli

MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA-GENITORI

MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA-GENITORI Pag. 1 di pag. 5 NORME UNI EN ISO 9001 : 2008 MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA-GENITORI INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. PROCEDURA 4.1 Obiettivi e tempi della comunicazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola Secondaria di I grado M.M.Boiardo - Sezione Ospedaliera Sede: Via Previati, 31

Dettagli

Istituto comprensivo M. Anzi di Bormio

Istituto comprensivo M. Anzi di Bormio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Piazza V Alpini, 5-23032 Bormio (SO) - Tel. e fax: 0342/901467 C.F. 93022020148 Sito web: http://www.comprensivobormio.gov.it/

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL i.m. M.T. VARRONE CASSINO

CARTA DEI SERVIZI DELL i.m. M.T. VARRONE CASSINO CARTA DEI SERVIZI DELL i.m. M.T. VARRONE CASSINO CARTA DEI SERVIZI I. M. VARRONE CASSINO Pagina 1 di 10 PREMESSA La carta dei servizi è stata istituita dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE L. AMABILE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE L. AMABILE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE L. AMABILE Via De Concilii, 13 83100 AVELLINO Tel. 0825.1643241 Fax 0825. 1643242 E-mail: AVTD03000B@istruzione.it PEC: AVTD03000B@PEC.ISTRUZIONE.IT Sito web: www.itcamabile.it

Dettagli

Approfondimenti e-book: I laboratori come strategia didattica autore: Antonia Melchiorre

Approfondimenti e-book: I laboratori come strategia didattica autore: Antonia Melchiorre Approfondimenti e-book: I laboratori come strategia didattica autore: Antonia Melchiorre Breve excursus delle risoluzioni giuridiche introdotte per garantire il diritto al Successo formativo nella scuola

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

MPIAOODGOS prot. n. 2135/R.U./U Roma, 30.3.2011. Ai Direttori generali degli Uffici Scolastici regionali LORO SEDI

MPIAOODGOS prot. n. 2135/R.U./U Roma, 30.3.2011. Ai Direttori generali degli Uffici Scolastici regionali LORO SEDI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti scolastici e per l Autonomia Scolastica Ufficio X MPIAOODGOS prot. n. 2135/R.U./U

Dettagli

TOTALE CLASSI ITIS. Prime 6 1 7 131 22 153. Seconde 7 2 9 138 33 171. Terze 6 2 1 9 99 38 27 166. Quarte 8 3 11 124 53 176. Quinte 9 3 12 92 50 144

TOTALE CLASSI ITIS. Prime 6 1 7 131 22 153. Seconde 7 2 9 138 33 171. Terze 6 2 1 9 99 38 27 166. Quarte 8 3 11 124 53 176. Quinte 9 3 12 92 50 144 Istituto Tecnico Tecnologico - Terni Lorenzo Allievi - Antonio da Sangallo" Pag.1 Carta dei Servizi (art. 2, comma 2, Decreto-Legge n.163 del 12/5/95 e Direttiva 27/1/94) Delibera Consiglio Istituto: Premessa

Dettagli

Gestione della formazione del personale

Gestione della formazione del personale Gestione della formazione del personale INDICE 1. GENERALITA 2. RESPONSABILITA' 3. PROCEDURA o 3.1 Personale Docente 3.1.1 Corsi interni all Istituto 3.1.2 Corsi esterni o 3.2 Personale non docente o 3.3

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

SOMMARIO. Destinatario pag. 3. Normativa di riferimento pag. 3. Finalità del progetto pag. 3. Obiettivi generali pag. 3

SOMMARIO. Destinatario pag. 3. Normativa di riferimento pag. 3. Finalità del progetto pag. 3. Obiettivi generali pag. 3 1 SOMMARIO Destinatario pag. 3 Normativa di riferimento pag. 3 Finalità del progetto pag. 3 Obiettivi generali pag. 3 Obiettivi educative e didattici pag. 3 Obiettivi specifici di apprendimento pag. 4

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di autonomia dell Università del Salento ed in particolare l art. 29;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di autonomia dell Università del Salento ed in particolare l art. 29; OGGETTO: Emanazione del Regolamento per la formazione del personale tecnicoamministrativo novellato dalla delibera del Consiglio di Amministrazione in data 22/12/2010. IL RETTORE D.R. N. 1 VISTO lo Statuto

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Centro Provinciale per l Istruzione degli Adulti Via Giordano Bruno sn 97100 RAGUSA

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA FINALITA Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione degli alunni

Dettagli

MODALITÀ ISCRIZIONE ON LINE

MODALITÀ ISCRIZIONE ON LINE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 - LATINA Via Bachelet n. 5-04100 LATINA MODALITÀ ISCRIZIONE ON LINE Per effettuare

Dettagli

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica www.comune.bottanuco.bg.it Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 40 del 29.9.2005 e modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI 5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI FUNZIONI STRUMENTALI: Sono funzioni strategiche nell organizzazione della scuola autonoma, che vengono assunte da docenti incaricati i quali, oltre alla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA «S. BIVONA» Prot. n.7951/a6 Circolare n.18/sp Menfi, 09/11/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA «S. BIVONA» Prot. n.7951/a6 Circolare n.18/sp Menfi, 09/11/2013 Unione Europea Repubblica Italiana Regione Sicilia REGIONE SICILIANA-DISTRETTO SCOLASTICO N.65 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA «S. BIVONA» Contrada Soccorso s. n. tel./ fax 092571895-092573400

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DELLA CITTÀ DI IMOLA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

1 PIANO D ISTITUTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO A.S. 2012/2013

1 PIANO D ISTITUTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO A.S. 2012/2013 I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA STATALE 6 Circolo - R. GIRONDI Via Zanardelli, 29-70051 BARLETTA (BA) - Tel. 0883 333522 - Fax 0883 349489 E mail: baee06400r@istruzione.it Cod. Mecc. BAEE06400R Cod. Fisc. 81003590726

Dettagli

GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP ISTITUTO COMPRENSIVO E. CURTI GEMONIO Pagina 1 di 6 GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Entro i termini e i criteri previsti dalla legge, sulla base del numero di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Carta della qualità dei servizi

Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta Carta della qualità dei servizi Museo Archeologico dell antica Allifae PRESENTAZIONE

Dettagli

Carta dei servizi (Approvata dal Consiglio d Istituto del 19/05/2015)

Carta dei servizi (Approvata dal Consiglio d Istituto del 19/05/2015) Carta dei servizi (Approvata dal Consiglio d Istituto del 19/05/2015) PREMESSA La Carta dei Servizi scolastici è prevista dal DPCM del 7 giugno 1995. La Carta dei Servizi è un documento nel quale la scuola

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 511031/2004 del 01/03/2005 Preambolo IL CONSIGLIO PROVINCIALE Visto l art. 117, comma

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli