Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Il sistema di controllo interno 20 principi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Il sistema di controllo interno 20 principi"

Transcript

1 Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Il sistema di controllo interno 20 principi

2

3 I 20 principi per un efficace controllo interno Ambiente di controllo Valutazione del rischio Attività di controllo Informazione e comunicazione Monitoraggio 7 principi 3 principi 4 principi 4 principi 2 principi Slide 3

4 Ambiente di controllo Principio 1 Integrità e valori etici Integrità e valori etici - particolarmente per le posizioni apicali - sono elaborati e compresi e costituiscono le fondamenta su cui costruire il codice di condotta per il financial reporting Caratteristiche del principio Definizione di chiari valori Monitoraggio della conformità Identificazione delle violazioni Approcci per applicare il principio Formulare chiaramente e mettere in pratica I valori etici e di integrità Comunicare al personale I valori etici e di integrità Dimostrare che il management si adopera attivamente nel mettere in atto i valori etici e di integrità nell organizzazione Slide 4

5 Ambiente di controllo Principio 1 Integrità e valori etici Newsletter finalizzata a potenziare i valori etici e di integrità Newsletter mensile a tutto il personale. Una sezione tratta argomenti quali l etica, la mission, casi di questione etica e relativa soluzione raccomandata Promuovere la conoscenza di comportamenti etici Incontri periodici con il personale - Convention Allineare gli incentivi ai valori etici Una quota del 30% degli incentivi sono legati all osservanza dei valori e del codice di comportamento Slide 5

6 Ambiente di controllo Principio 1 Integrità e valori etici Promuovere l impegno all etica Il codice di condotta è reso disponibile a tutto il personale e a terzi tramite sito Internet. Ogni dipendente riceve il codice e firma una attestazione di averne letto e compreso il contenuto Incoraggiare il personale a segnalare illeciti Implementazione di un canale riservato (ethic hot line /whistleblower). I dipendenti possono segnalare frodi potenziali o altri illeciti senza tema di ritorsione Attivare interventi correttivi in caso di evento illecito In presenza di sospetti illeciti/frodi la procedura prevede il blocco temporaneo degli accessi fisici e logici. Se i sospetti sono confermati si procede a sanzioni adeguate alla gravità del fatto Slide 6

7 Ambiente di controllo Principio 2 Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione svolge un ruolo di supervisione e possiede conoscenze adeguate in materia di financial reporting e relativo controllo interno Caratteristiche Definisce i poteri Opera con indipendenza avendo un opportuno numero di amministratori indipendenti Svolge interventi di monitoraggio Ricomprende membri esperti del financial reporting Supervisiona la qualità e l affidabilità del reporting Supervisiona le attività di audit Slide 7

8 Ambiente di controllo Principio 2 Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione svolge un ruolo di supervisione e possiede conoscenze adeguate in materia di financial reporting e relativo controllo interno Approcci Identificare gli amministratori indipendenti Definire i ruoli e i poteri del CdA Il Comitato per il Controllo Interno esamina l efficacia del controllo interno Il Comitato per il Controllo Interno incontra i revisori Il Comitato per il Controllo assume un atteggiamento scettico Il Comitato per il controllo interno esamina policy e procedure Il Comitato per il Controllo acquisisce informazioni tramite i whistle-blower L attestazione di conformità del comitato per il Controllo Interno Riunioni del CdA e del Comitato per il Controllo Interno senza la presenza del management Slide 8

9 Ambiente di controllo Principio 2 Consiglio di Amministrazione Esame e documentazione delle attività fondamentali del CdA Il Comitato per il Controllo Interno esamina budget vs actual, partecipa alle più importanti decisioni operative della società, nomina la società di revisione, esamina l attività dell internal audit, valuta la propria attività, Indipendenza dal Comitato per il Controllo Interno e degli esperti in financial reporting Il presidente del Comitato per il Controllo Interno incontra periodicamente l audit partner. Esame delle stime di bilancio Il Comitato per il Controllo Interno discute le stime di alcune voci rilevanti del bilancio sia con il management che con la società di revisione. Il Comitato per il Controllo Interno interagisce con la società di revisione Il Comitato per il Controllo Interno monitora le performance della società di revisione Slide 9

10 Ambiente di controllo Principio 2 Consiglio di Amministrazione Il Comitato per il Controllo Interno determina se il management è potenzialmente in grado di eludere i controlli Il controllo è svolto attraverso il programma whistle-blower e interviste con il management non direttamente responsabile del financial reporting Cambiare la composizione del CdA di aziende familiari Amministratori indipendenti ed esperti in finanza e contabilità. Il Comitato per il Controllo Interno redige l agenda dei lavori Calendario degli argomenti di interesse da trattare nel corso dell anno successivo Slide 10

11 Ambiente di controllo Principio 3 Filosofia e stile di direzione La filosofia e lo stile di direzione contribuiscono a rendere efficace il controllo interno finalizzato al financial reporting Caratteristiche Determina il carattere generale dell organizzazione Influenza i comportamenti nella scelta dei principi contabili e la determinazione delle stime di bilancio Definisce chiaramente gli obiettivi Approcci Enfatizzare l importanza di mitigare il rischio Enfatizzare i requisiti del processo contabile Enfatizzare l importanza dell accuratezza Stabilire e formulare con chiarezza gli obiettivi del financial reporting Slide 11

12 Ambiente di controllo Principio 3 Filosofia e stile di direzione Enfatizzare l importanza del financial reporting Monitorare l attività del management operativo avvalendosi per aspetti particolari di una società esterna di internal audit Sollecitare suggerimenti per accrescere l efficacia del controllo interno Spronare I dipendenti a fornire suggerimenti per il miglioramento del controllo interno Enfatizzare la filosofia di direzione con i soggetti esterni Sottolineare ai propri clienti l impegno della società per l eccellenza e per una condotta eticamente corretta Slide 12

13 Ambiente di controllo Principio 4 Struttura organizzativa La struttura organizzativa di un impresa contribuisce a rendere efficace il controllo interno finalizzato al financial reporting Caratteristiche Definisce i livelli gerarchici interessati al financial reporting Definisce la struttura organizzativa che faciliti un efficace reporting e altre comunicazioni relative al controllo interno Approcci Definire l organigramma Allineare i ruoli ai processi Definire e aggiornare un mansionario Definire le strutture organizzative Definire la struttura della funzione internal audit Slide 13

14 Ambiente di controllo Principio 4 Struttura organizzativa Definire un mansionario Realizzare ed aggiornare periodicamente un organigramma contenente le posizioni e le linee di riporto all interno di ogni unità Riorganizzare per supportare la struttura di controllo Documentare I processi operativi per evidenziare I rischi chiave, I relativi controlli e le responsabilità del personale che opera nei processi. Slide 14

15 Ambiente di controllo Principio 5 Competenze in materia di financial reporting Personale esperto e competente in materia di contabilità e bilancio e che svolge un ruolo di supervisione deve essere trattenuto ed incentivato Caratteristiche Identifica le competenze Trattiene il personale Valuta le competenze periodicamente e se necessario richiede aggiornamenti Approcci Definire il profilo professionale ovvero conoscenze, competenze e attitudini Rafforzare le competenze con specialisti esterni Programmare interventi di formazione Valutare le competenze dei responsabili che svolgono ruoli chiave nell area del financial reporting Esaminare e valutare le competenze del personale Slide 15

16 Ambiente di controllo Principio 5 Competenze in materia di financial reporting Avvalersi di un fornitore esterno di servizi Es. Esternalizzazione elaborazione e gestione cedolini paga Allineare le competenze con il profilo necessario per le posizioni chiave del financial reporting Controllo performance dipendenti e verifica competenze vs ruoli e responsabilità. Ricorrere ai servizi di una ditta di consulenza tributaria Avvalersi della consulenza di personale esperto in materie fiscali Valutare il personale chiave coinvolto nel financial reporting Il management definisce le capacità e le performance del personale chiave coinvolto nel financial reporting e decide il tipo di formazione da erogare e l assegnazione degli incarichi. Slide 16

17 Ambiente di controllo Principio 6 Attribuzione dei poteri e delle responsabilità Sono attribuiti al management e ai dipendenti adeguati poteri e responsabilità per agevolare il funzionamento efficace del controllo interno finalizzato al financial reporting Caratteristiche Definisce le responsabilità e i poteri al personale Definisce i limiti di autorità Approcci Definire gli obiettivi e le responsabilità Il Comitato per il Controllo Interno esamina le posizioni chiave su poteri e responsabilità Attribuzione dei poteri e delle responsabilità (SOD) Delegare poteri ai dipendenti per realizzare i miglioramenti nei processi operativi Allineare le posizioni con le responsabilità e I poteri Slide 17

18 Ambiente di controllo Principio 6 Attribuzione dei poteri e delle responsabilità Il Comitato per il Controllo Interno esamina i ruoli del management Esame delle responsabilità del management rispetto alla struttura organizzativa della società, sull esperienza e sulle capacità dei singoli manager di esercitare praticamente le responsabilità assegnate Esame e approvazione del piano di intervento dell internal audit Annualmente il direttore della funzione internal audit comunica al CFO, al CEO e al Comitato per il Controllo interno il piano di audit e il budget dell anno successivo La riorganizzazione delle linee gerarchiche attuato dal top management Riallineare le responsabilità del management per supportare adeguatamente gli obiettivi del financial reporting Slide 18

19 Ambiente di controllo Principio 6 Attribuzione dei poteri e delle responsabilità Progetto di ridefinizione dei ruoli avviato dal Ceo con il supporto del Consiglio di Amministrazione Gli obiettivi di business vengono rivisti e allineati con I ruoli specifici e le responsabilità del management, relativi al processo di elaborazione del financial reporting Assegnazione delle deleghe Elaborazione di un organigramma che evidenzia, per tutto il personale, le responsabilità assegnate a tutti I livelli e i riferimenti al mansionario Slide 19

20 Ambiente di controllo Principio 7 Risorse Umane Le politiche e le prassi relative alle risorse umane sono progettate e realizzate per agevolare il funzionamento efficace del controllo interno finalizzato al financial reporting Caratteristiche Stabilisce prassi di gestione delle risorse umane Favorisce la ricerca e la ritenzione del personale Attiva adeguati corsi di formazione Valuta le performance e le risorse premianti Slide 20

21 Ambiente di controllo Principio 7 Risorse Umane Le policy e le prassi relative alle risorse umane sono progettate e realizzate per agevolare il funzionamento efficace del controllo interno finalizzato al financial reporting Approcci Definire e aggiornare le descrizioni relative alle diverse posizioni organizzative Definire e aggiornare le policy e le procedure aziendali relative alle risorse umane Esaminare i curricula vitae e verificare le referenze dei candidati Intervistare il personale che lascia la società Definire un sistema premiante Esaminare il sistema premiante Valutare le capacità del personale Attuare un processo di esame e valutazione del personale Formazione Slide 21

22 Ambiente di controllo Principio 7 Risorse Umane Definire le prassi di gestione delle risorse umane Un gruppo di lavoro formato da diversi manager definisce le policy per la gestione delle risorse umane Esame periodico delle politiche di gestione delle risorse umane Esame del contenuto, della rilevanza e della rapidità di diffusione delle policy e del loro livello di comprensione da parte del personale Ricerca e ritenzione del personale che occupa posizioni chiave per il financial reporting Il candidato viene selezionato direttamente dalla società tramite colloqui con il management seguiti da un incontro con il Cfo. Al candidato vengono offerti una buona retribuzione e periodi di formazione. Slide 22

23 Ambiente di controllo Principio 7 Risorse Umane Valutare l integrità e l etica nel processo di selezione del candidato Tutti I neo assunti ricevono il codice di condotta della società e devono firmare una dichiarazione di presa visione del codice Assicurare adeguati corsi di formazione professionale Il programma dei corsi di formazione viene comunicato a tutti i dipendenti, la società documenta la frequenza a tali corsi Applicare principi contabili complessi Inviare i manager a dei corsi di formazione per sviluppare le competenze contabili richieste Slide 23

24 Ambiente di controllo Principio 7 Risorse Umane Formazione erogata da organismi professionali Inviare i manager a corsi di formazione organizzati dagli ordini professionali di appartenenza Valutazione periodica delle performance Le performance vengono valutate periodicamente sulla base degli obiettivi stabiliti a inizio anno. Alla chiusura dell esercizio viene svolto un esame più formale a seguito del completamento del processo di reporting di fine anno. Slide 24

25 Valutazione del rischio Principio 8 Obiettivi del financial reporting Il management determina gli obiettivi del financial reporting con chiarezza e adotta criteri adeguati per consentire l identificazione dei rischi che possono pregiudicarne l attendibilità per es.mancata acquisizione/contabilizzazione di tutte le operazioni, contabilizzazione nel periodo sbagliato, cancellazione di operazioni già contabilizzate Caratteristiche E conforme ai principi contabili generalmente accettati Supporta l informativa di bilancio Rispecchia la realtà aziendale E supportato dalle pertinenti asserzioni di bilancio Approcci Identificare le asserzioni di bilancio Considerare l estensione delle attività di valutazione delle operazioni aziendali per garantire la loro completa rilevazione in bilancio Comparare le policy contabili con il mercato per lo stesso settore di attività Slide 25

26 Valutazione del rischio Principio 8 Obiettivi del financial reporting Esame delle policy contabili Esaminare la correttezza delle policy adottate, gli incentivi che spingono un manager ad adottare determinate policy, le policy adottate da aziende concorrenti e i legami tra policy contabili controverse Esame dei processi del financial reporting Classificare i sottoprocessi in due categorie quelli che hanno un impatto diretto sul financial reporting e quelli che contribuiscono prevalentemente alla efficienza delle operazioni aziendali Slide 26

27 Valutazione del rischio Principio 9 Rischi del financial reporting L impresa identifica e analizza i rischi, che potrebbero pregiudicare il conseguimento degli obiettivi del financial reporting, anche al fine di stabilire come gestirli Caratteristiche Considera i processi operativi Considera le risorse umane Considera le tecnologie informatiche Coinvolge appropriati livelli di management Considera fattori sia esterni che interni Valuta la probabilità e l impatto Approcci Attuare il processo di identificazione dei rischi Mappare i controlli Interagire con soggetti esterni Esaminare i fattori esterni Aggiornare la valutazione dei rischi Incontri con il personale Stabilisce indicatori per rivalutare il rischio Slide 27

28 Valutazione del rischio Principio 9 Rischi del financial reporting Analizzare i rischi per funzione I rischi vengono valutati considerando l impatto potenziale sul financial reporting e la probabilità di accadimento. Successivamente viene compilata una matrice che descrive ciascun rischio, la sua valutazione e i fattori che l hanno determinata. Analizzare i rischi riguardanti le operazioni con i terzi Valutare anche i rischi associati ad operazioni svolte in outsourcing. Analizzare i rischi connessi all IT Stabilire quali sono i sistemi informativi sui quali il management può fare affidamento ai fini del financial reporting Slide 28

29 Valutazione del rischio Principio 9 Rischi del financial reporting Determinare i criteri che attivano il processo di rivalutazione dei rischi del financial reporting Nel caso di cambiamenti nella normativa che definisce i requisiti del finacial reporting, o di cambiamenti nelle policy contabili utilizzate o di cambiamenti all interno della società risulta necessario rivalutare i rischi associati al financial reporting. Valutare i rischi delle voci più significative del bilanci Nella valutazione dei rischi si tengono presenti i seguenti aspetti: impatto sul bilancio, caratteristiche delle voci di bilancio, caratteristiche dei processi operativi, rischio di frode e fattori a livello complessivo aziendale Utilizzo di un sistema per la valutazione dei rischi Es. Diversi livelli di rischio (ALTO_MEDIO_BASSO) Slide 29

30 Valutazione del rischio Principio 10 Rischio di frode L eventualità che si verifichino errori significativi a causa di azioni fraudolente viene esplicitamente considerata quando si valutano i rischi che influiscono sul conseguimento degli obiettivi del financial reporting Caratteristiche Considera gli incentivi e le sollecitazioni verso pratiche fraudolente Considera i fattori di rischio Fissa le responsabilità Approcci Esamina gli incentivi e le sollecitazioni, legati ai sistemi premianti, verso pratiche fraudolente Condurre una valutazione del rischio di frode Definire le potenziali prassi per eludere o aggirare i controlli Utilizzare gli strumenti informativi Definire processi investigativi e piani di azione in caso di azioni fraudolente Considerare il rischio di frode nell attività di internal auditing Slide 30

31 Valutazione del rischio Principio 10 Rischio di frode Individuare vendite fittizie o esposte in bilancio in modo errato Analizzare un campione di vendite registrate per attestarne la validità Prevenire la corruzione nel settore navale Creazione di una linea etica anonima a cui tutti i dipendenti della società possono comunicare potenziali infrazioni al codice etico commesse dai colleghi Prevenire le frodi sui buoni omaggio nel settore delle vendite al dettaglio Utilizzo di procedure automatiche per evitare frodi di questo tipo Rilevare e indagare sulle frodi in una società finanziaria di credito al consumo Controlli trimestrali sulle segnalazioni anonime da parte dei dipendenti di potenziali attività fraudolente Slide 31

32 Valutazione del rischio Principio 10 Rischio di frode Promuovere l impegno all etica Il codice di condotta è reso disponibile a tutto il personale e a terzi tramite sito Internet. Ogni dipendente riceve il codice e firma una dichiarazione in cui assicura di averne letto e compreso il contenuto Incoraggiare il personale a segnalare illeciti Implementazione di un canale riservato (ethic hotline /whistleblower). I dipendenti possono segnalare frodi potenziali o altri illeciti senza paura di ritorsione Attivare interventi correttivi in caso di evento illecito In presenza di sospetti illeciti/frodi la procedura prevede il blocco temporaneo degli accessi fisici e logici. Se i sospetti sono confermati si procede a sanzioni adeguate alla gravità del fatto Slide 32

33 Attività di controllo Principio 11 Integrazione con la valutazione del rischio Si intraprendono le necessarie azioni per gestire il rischio al fine di conseguire gli obiettivi del financial reporting Caratteristiche Contenere i rischi Considera tutti gli aspetti più significativi del processo contabile Considera l IT Approcci Esaminare i controlli a livello aziendale (enitity level control) Organizzare workshop per identificare e valutare i controlli Utilizzare matrici rischi/controlli per identificare e valutare i controlli Adottare liste predefinite per identificare e valutare i controlli Adottare report del tipo Sas 70 Slide 33

34 Attività di controllo Principio 11 Integrazione con la valutazione del rischio Focalizzarsi sui rischi e sui controlli relativi alle stime di bilancio e alle scritture di attestamento Definizione degli obiettivi del financial reporting, delle asserzioni di bilancio, dei rischi identificati e dei controlli. Le analisi riguardando la tenuta della contabilità generale, gli accantonamenti, le stime di bilancio, le riserve, la chiusura periodica dei conti, le procedure di consolidamento, la redazione del bilancio,. Adattare modelli di riferimento per le attività di controllo più comuni Esaminare la lista dei controlli più comuni ed associare ogni controllo ad un rischio identificato nel corso del processo di valutazione dei rischi al fine di elaborare policy e procedure adeguate rispetto all operatività aziendale. Slide 34

35 Attività di controllo Principio 11 Integrazione con la valutazione del rischio Utilizzo del report Sas 70 redatto da una società esterna che elabora buste paga Un auditor esterno verifica i controlli relativi all identificazione, all elaborazione e alla registrazione delle transazioni della società esterna ed emette un report Sas 70 di tipo II Slide 35

36 Attività di controllo Principio 12 Selezione e sviluppo delle attività di controllo Le attività di controllo sono selezionate e sviluppate in funzione del loro costo e della loro potenziale efficacia nel mitigare i rischi che possono pregiudicare il conseguimento degli obiettivi del financial reporting Caratteristiche Considera i range di attività Comprende i controlli preventivi e successivi Richiede la separazione dei compiti Contempla un adeguato rapporto costi-benefici Approcci Separa attività incompatibili Monitora quando non è possibile attuare la limitazione degli accessi Predisporre il report Sas 70 Valutare il rapporto costi/benefici dei vari approcci al controllo Utilizzare l organigramma per identificare funzioni incompatibili Considerare i controlli compensativi Slide 36

37 Attività di controllo Principio 12 Selezione e sviluppo delle attività di controllo Utilizzare controlli preventivi e successivi per la salvaguardia delle attività patrimoniali Definizione di tre livelli di difesa contro accessi non autorizzati nelle aree di giacenza merce preziosa e riconciliazione giacenze settimanale. Separazione dei compiti nell area dei pagamenti Separazione della funzione pagamenti dalla funzione amministrativa-contabile La separazione dei compiti nell area magazzino Separazione dei compiti tra chi accede al magazzino e chi tiene la relativa contabilità, al fine di mitigare il rischio di perdite di materiali o di appropriazioni indebite, senza alcuna possibilità di individuare queste disfunzioni Slide 37

38 Attività di controllo Principio 12 Selezione e sviluppo delle attività di controllo La separazione dei compiti nell area degli acquisti Distinzione di: addetto al ricevimento di materiali, addetto al magazzino, addetto ai pagamenti e controller La separazione dei compiti nell area delle immobilizzazioni materiali Separazione dei compiti per minimizzare il rischio di furti d cespiti e di errori o frodi relativi all accuratezza e alla completezza dell elaborazione dei dati delle registrazioni contabili Bilanciare i costi con relativi benefici Ciclo Magazzino : per mitigare il rischio che le quantità contabili coincidano con quelle fisiche il management decide di implementare una rigida politica di inventario fisico trimestrale Slide 38

39 Attività di controllo Principio 13 Policy e procedure Le policy riguardanti l attendibilità del financial reporting sono definite e diffuse in tutta l impresa, assieme alle relative procedure da eseguire derivanti da direttive del management Caratteristiche Richiede l integrazione delle attività di controllo nei processi operativi e la definizione delle responsabilità e la conseguente rendicontazione Approcci Elaborare e documentare policy e procedure Esaminare i controlli preventivi e successivi Elaborare policy da applicare a livello aziendale Esige che le procedure si attuino tempestivamente e si implementino integralmente Contempla lo svolgimento di indagini sulle eccezioni rilevate e il riesame periodico Slide 39

40 Attività di controllo Principio 13 Policy e procedure Servirsi di modelli di riferimento per documentare le policy Utilizzare un modello di riferimento standard per l elaborazione delle policy La documentazione e l approvazione delle policy Documentare formalmente le policy per i processi operativi di maggior rilievo sotto forma di linee guida, che sono approvate dal CdA e comunicate a tutto il personale della società attraverso il portale aziendale. Le policy dei pagamenti Policy applicata a tutti i livelli della scala gerarchica indicante i limiti di approvazione fissati in funzione dei poteri assegnati a persone o gruppi. Servirsi del sw per documentare le attività di controllo Realizzare diagrammi di flusso per documentare le attività di controllo Slide 40

41 Attività di controllo Principio 14 Information technology I controlli sui sistemi informativi, se del caso, sono progettati e realizzati per favorire il conseguimento degli obiettivi del financial reporting Caratteristiche Considera i controlli applicativi Esamina i controlli generali sui sistemi informativi Considera l End User Computing Complessità Approcci Sviluppo di sistemi Gestione del cambiamento Manutenzione dei sistemi realizzati in ambienti IT Controlli sulla sicurezza degli accessi Controlli applicativi End user approaching Slide 41

42 Attività di controllo Principio 14 Information technology Gestire lo sviluppo e l implementazione di un nuovo software in ambienti più complessi Sviluppo di un nuovo sw in-house dopo aver identificato le funzionalità necessarie e i rischi associati. Implementazione, testing e passaggio in produzione del nuovo sw. Gestione delle modifiche ai pacchetti sw standard negli ambienti informativi meno complessi Analisi dei motivi per cui il cambiamento risulta necessario e delle relative implicazioni Gestione delle modifiche del sw sviluppato internamente negli ambienti informatici più complessi Utilizzo di un applicazione per la verifica e la migrazione dei dati in ambiente di produzione e per la gestione del versionamento Slide 42

43 Attività di controllo Principio 14 Information technology Accesso mediante password in ambienti meno complessi Utilizzo di password di accesso alle applicazioni critiche, ai db, ai sistemi operativi e alla rete Controlli sulla sicurezza logica in ambienti più complessi Profili utente, Controlli di autenticazione, Profili privilegiati, Verifiche delle applicazioni e Verifiche di sicurezza Definizione dei parametri per la restrizione alla connettività esterna in ambienti più complessi Limitare l accesso ai firewall, configurare i routers, bloccare i pacchetti che non corrispondono alle impostazioni di sicurezza, monitorare gli accessi Controllo del fornitore esterno Verifica annuale report Sas 70, accordo contro la divulgazione di informazioni riservate da parte dell outsourcer, gestione rapporti con l outsourcer Slide 43

44 Informazione e comunicazione Principio 15 Informazioni per il financial reporting Informazioni pertinenti sono identificate, acquisite ed utilizzate da tutti i livelli della scala gerarchica aziendale, e distribuite e presentate nella forma e nei tempi previsti, di modo che si faciliti il conseguimento degli obiettivi e del financial reporting. Caratteristiche Acquisisce i dati Include informazioni economichefinanziarie Utilizza fonti interne ed esterne Include informazioni operative Approcci Utilizzo di matrici per analizzare i flussi informativi Ottenere informazioni da fonti esterne Riunioni con il personale di altre aree organizzative Mantiene costante nel tempo la qualità dell informazione Slide 44

45 Informazione e comunicazione Principio 15 Informazioni per il financial reporting L uso delle matrici per rilevare i flussi informativi Le matrici evidenziano informazioni sulle persone o sulle funzioni responsabili di produrre, modificare, approvare, utilizzare e monitorare le informazioni in ciascun processo o sottoprocesso. Utilizzare gli incontri con il management per convalidare e documentare le ipotesi di base Incontri con il CFO e con tutti i responsabili di funzione per convalidare o documentare le ipotesi di base Utilizzare le informazioni operative per il financial reporting Considerare leggi e disposizioni di legge Slide 45

46 Informazione e comunicazione Principio 16 Informazioni per il sistema di controllo interno Informazioni che facilitano il funzionamento degli altri componenti del sistema di controllo interno, sono identificate, acquisite e diffuse nella forma e nei tempi che consentono al personale di esercitare le responsabilità di controllo interno assegnate. Caratteristiche Acquisisce i dati Provoca decisioni e cambiamenti Mantiene costante la qualità nel tempo Approcci Sviluppare e mantenere la mappatura dei dati informativi Identificare le informazioni tramite colloqui Slide 46

47 Informazione e comunicazione Principio 16 Informazioni per il sistema di controllo interno L uso della mappatura delle informazioni nell area dei debiti verso fornitori La mappatura descrive come è utilizzata l informazione ai fini del controllo interno o come base per monitorare e testare i processi di controllo. Il management è in grado di determinare le aree chiave del processo dove i rischi di affidabilità dell informazione sono più elevati Utilizzare il sw per integrare la documentazione dei processi, dei controlli e dei sistemi Il sw agevola la rilevazione integrata del processo, dei controlli relativi e la documentazione del sistema, identifica l input del processo, le attività di processo, i controlli e i sistemi di supporto all informazione. Slide 47

48 Informazione e comunicazione Principio 16 Informazioni per il sistema di controllo interno La valutazione dei rischi tiene conto delle variazioni avvenute nei sistemi informativi Identificazione dei nuovi rischi che sono stati accertati, compresi quelli generati da cambiamenti nei sistemi, nei processi di gestione del personale o nelle altre attività. Slide 48

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Obiettivi generali del revisore

Obiettivi generali del revisore Obiettivi generali del revisore Acquisire una ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi, dovuti a frodi o a comportamenti o eventi non intenzionali, che

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Policy sull etica del business e sulla conformità alla legge

Policy sull etica del business e sulla conformità alla legge Policy sull etica del business e sulla conformità alla Approvata dal CdA di Adecco Italia Holding di Partecipazione e Servizi S.p.A. in data 9 Luglio 2007 Distribution List A: Ufficio Ruolo Note Tutti

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore Università degli studi di Pavia Obiettivo=Relazione Team di Revisione Principi Contabili/Principi

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO (adattato da: Guide to Quality Control for Small- and Medium-Sized Practices, Second Edition, IFAC, ottobre 2010) A. Premessa 1. Hai ottenuto

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors Associazione Italiana Information Systems Auditors Agenda AIEA - ruolo ed obiettivi ISACA - struttura e finalità La certificazione CISA La certificazione CISM 2 A I E A Costituita a Milano nel 1979 Finalità:

Dettagli

Piano Anticorruzione It.City S.p.A.

Piano Anticorruzione It.City S.p.A. Piano Anticorruzione It.City S.p.A. 2014 2016 Indice Premessa... 2 Organizzazione... 4 Referenti... 5 Compiti operativi dei Referenti... 7 Aree di rischio... 8 I Controlli... 9 La Trasparenza... 10 Codice

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

Il controllo della qualità nella revisione legale (ISA Italia n. 220 e ISQC1 Italia) Luisa Polignano

Il controllo della qualità nella revisione legale (ISA Italia n. 220 e ISQC1 Italia) Luisa Polignano Il controllo della qualità nella revisione legale (ISA Italia n. 220 e ISQC1 Italia) Luisa Polignano Controllo "esterno" Consob: per i Revisori con incarichi sugli EIP, artt. 20 e 22, D.Lgs. 39/10 MEF:

Dettagli

Evoluzione della definizione di Internal Auditing 1941 V.Z. Brink 1957 Statement sull Internal Auditing

Evoluzione della definizione di Internal Auditing 1941 V.Z. Brink 1957 Statement sull Internal Auditing Evoluzione della definizione di Internal Auditing Nel 1941 V.Z. Brink, Presidente del Dipartimento di Ricerca dell Institute of Internal Auditors statunitense l Internal Auditing come attività organizzata

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Centro Servizi Metalli Group Codice etico e di condotta Approvato con delibera del CDA in data 23-04-2012

Centro Servizi Metalli Group Codice etico e di condotta Approvato con delibera del CDA in data 23-04-2012 Approvato con delibera del CDA in data 23-04-2012 File: CSM_Codice rev.00 del marzo 2012 IT - Pagina 1 di 9 Il nostro codice etico e di condotta Sommario 1. Presentazione... 3 2. Introduzione... 3 3. Obiettivi

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Convegno Ecoreati e gestione del rischio aziendale.

Convegno Ecoreati e gestione del rischio aziendale. In collaborazione con : Convegno Ecoreati e gestione del rischio aziendale. Presentazione di : Ing. Gianpaolo Sara Presidente - Euranet Ing. Guido Galazzetti CEO Euranet 29 ottobre 2015 Palazzo dei Congressi

Dettagli

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 ( RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA D IMPRESA) La norma

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo 1 Indice Obiettivi dell intervento Nota Metodologica Quadro dell attuale sistema

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Politica per la Sicurezza

Politica per la Sicurezza Codice CODIN-ISO27001-POL-01-B Tipo Politica Progetto Certificazione ISO 27001 Cliente CODIN S.p.A. Autore Direttore Tecnico Data 14 ottobre 2014 Revisione Resp. SGSI Approvazione Direttore Generale Stato

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD FORMAZIONE E DIFFUSIONE Codice Documento: MOG 231 PFD 1 COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti sono sottoposti

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Struttura del controllo sui rischi Valore delle rimanenze determinato

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi

I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi Antonio La Mattina Prevenire le frodi a danno dell azienda: il Fraud Risk Assessment Roma, 31 gennaio 2013 Fraud Management: ambiti di

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

MANDATO INTERNAL AUDIT

MANDATO INTERNAL AUDIT INTERNAL AUDIT MANDATO INTERNAL AUDIT Il presente Mandato Internal Audit di Società, previo parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi in data 30 ottobre 2012 e sentito il Collegio Sindacale e l

Dettagli

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce 2014 Fiat Group 2 Fiat Group Indice 1. Premessa... 3 2. Normativa esterna e interna applicabile... 3 3. Compiti e responsabilità... 3 4. Processo... 4 5. Controllo... 4 6. Comitato denunce... 4 7. Registro

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A.

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Meccanismi organizzativi e amministrativi posti in essere per prevenire ed evitare conflitti di interesse in rapporto alle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI ANALISI DEI RISCHI

DOCUMENTO DI SINTESI ANALISI DEI RISCHI SOLCO MANTOVA CONSORZIO DI COOPERATIVE SOCIALI - SOCIETA' COOP A.R.L. DOCUMENTO DI SINTESI ANALISI DEI RISCHI RELATIVO AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/01 Documento

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA Sommario PREMESSA... 2 1. COMPITI DELL ORGANISMO DI VIGILANZA... 2 1.1 PIANO DI ATTIVITA... 3 1.2 RELAZIONE FINALE... 4 2. PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELL ORGANISMO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Procedura GESTIONE DENUNCE

Procedura GESTIONE DENUNCE Procedura GESTIONE DENUNCE Torino, 23 dicembre 2004 INDICE PARTE GENERALE 1 PREMESSA...3 2 NORMATIVA ESTERNA E INTERNA APPLICABILE...3 3 COMPITI E RESPONSABILITÀ...3 4 PROCESSO...4 5 CONTROLLO...4 6 COMITATO

Dettagli

La certificazione CISM

La certificazione CISM La certificazione CISM Firenze, 19 maggio 2005 Daniele Chieregato Agenda Ruolo del Security Manager Certificati CISM Domini Requisiti Ruolo del Security Manager La gestione della Sicurezza Informatica

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e i processi aziendali. Introduzione ai Processi aziendali

Il sistema di gestione dei dati e i processi aziendali. Introduzione ai Processi aziendali Il sistema di gestione dei dati e i processi aziendali Introduzione ai Processi aziendali Obiettivi della sessione Al termine di questa sessione sarete in grado di: Spiegare cosa siano obiettivi di business,

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 1. SCOPO La presente procedura ha lo scopo di disciplinare le attività e i controlli relativi alla Gestione delle Risorse Umane di Torino Wireless. 2. VALIDITÀ La presente

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS Sede Legale: Loc.Cascina Castagna, 4-26854 Pieve Fissiraga (LO) Cod.Fisc. 07124640157 Uff. Amministrativi: Via Bonfadini, 11-23100 Sondrio - 0342-200844 Fax 0342-216702

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità

Sistema di Gestione per la Qualità Pagina 1 di 8 Manuale Qualità Sistema di Gestione per la Qualità INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 14.03.2003 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione I modelli organizzativi di prevenzione nelle cooperative e i nuovi reati del D.Lgs. 231/01 L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione Paolo Maestri Unilab Consulenze Aziendali 9 aprile

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE Maggio 2006 1 La costituzione dell Audit Interno La rivisitazione del modello per i controlli di regolarità amministrativa e contabile è stata

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

GESTIONE RECLAMI E SEGNALAZIONI

GESTIONE RECLAMI E SEGNALAZIONI Pag 1/7 PROCEDURA PG. A 5.4 TITOLO GESTIONE RECLAMI E SEGNALAZIONI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1 Gestione dei reclami, suggerimenti/proposte,

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione Pag. 1 di 9 SISTEMA DI GESTIONE QUALITA del LABORATORIO VOLANTE S.R.L. 01 12.12.2008 Seconda emissione 00 28/08/02 Prima emissione Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ Approvazione D.G. Pagina

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

La sicurezza dell informazione

La sicurezza dell informazione La sicurezza dell informazione come costruire il sistema di gestione per la sicurezza dell informazione Ing. Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Qualità, Agosto 2000) 1 Introduzione L informazione, nel linguaggio

Dettagli

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito 1 ISA 610 USING THE WORK OF INTERNAL AUDITORS Questo principio tratta

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Il controllo interno per l attendibilità del financial reporting

Il controllo interno per l attendibilità del financial reporting Edizione italiana a cura di Associazione Italiana Internal Auditors e Il controllo interno per l attendibilità del financial reporting Executive Summary COSO Committee of Sponsoring Organizations of the

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli