SBS Newsletter. L incontro del CdA di SBS e l Assemblea Generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SBS Newsletter. L incontro del CdA di SBS e l Assemblea Generale"

Transcript

1 N.3 Giugno 2015 Versione Italiana SBS Newsletter In questo numero: CdA e Assemblea Generale di SBS Seminario nazionale - Austria Relazione di Ernst & Young Seminario nazionale - Lettonia SBS promuove la Guide 17 La valutazione sulle necessità delle PMI Incontri strategici a livello europeo Building Information Modelling CEN BT accetta il modello finale dell Allegato ZA SBS participate al CENELEC BT Advisory Group: Antincendio Servizi, brevetti & ascensori BIM: Nuovo esperto di SBS News tecniche: Legno Camini Mobili eidas Porte interne Ascensori Protezione vie respiratorie L incontro del CdA di SBS e l Assemblea Generale Il 27 maggio a Parigi, ospitati dall organizzazione membro di SBS APCMA, hanno avuto luogo la prima Assemblea Generale di SBS e il secondo incontro del CdA di SBS. La discussione avvenuta in occasione del CdA di SBS si è focalizzata sulla gestione delle attività di coordinazione degli esperti e sui metodi per assicurare la consegna dei documenti relativi alla nomina e alla partecipazione degli esperti di SBS nei comitati tecnici dei tre organismi europei di standardizzazione (CEN, CENELEC ed ETSI) così come dell organizzazione internazionale di standardizzazione (ISO). All interno di questa cornice è stato confermato il ritiro - dovuto ad altri obblighi professionali - di tre esperti precedentemente nominati da SBS. Si tratta di Mogens Kjeldal, esperto nel CEN TC 144 WG 1 (trattori e macchine agricole per l agricoltura e le foreste); Panagiotis Dimitropoulos, esperto nel CEN TC 225 (identificazione automatica e tecnologie di raccolta dei dati); e Philippe Berodis, esperto nel CEN TC 369 (candele). D altro lato, SBS ha nominato esperti in altri tre comitati tecnici al fine di mantenere inalterati i suoi obiettivi di rappresentanza a livello di organismi europei di standardizzazione: Eric Drésin, direttore presso l organizzazione europea degli appaltatori agricoli e rurali (CEETTAR) sostituirà il Sig. Kjeldal nel CEN TC 144 WG 1, al fine di mantenere la presenza di SBS nel campo dei macchinari; Philippe Moretto, esperto di SBS nel CLC/TC 5 WG 1, estenderà il suo lavoro al ETSI TC SES SCN modo da aumentare la copertura degli interessi delle PMI in un altro comitato tecnico che tratta questioni relative al mandato 496, emanato nel 2011 e indirizzato a CEN, CENELEC ed ETSI per sviluppare standard nel settore dell industria spaziale; Guido Sabatini, funzionario addetto alla standardizzazione presso EBC (membro del consorzio di SBS) e ingegnere tecnico

2 Pagina 2 rappresenterà gli interessi delle PMI fino alla fine del 2015 nel CEN TC 442 (Building Information Modelling) di nuova creazione che si riunirà per la prima volta il prossimo settembre I membri del CdA di SBS hanno anche iniziato a discutere riguardo al programma di lavoro da mettere in atto nell arco del 2016 con il patrocinio della Commissione Europea. Ulteriori sviluppi a riguardo avranno luogo in occasione del prossimo incontro del CdA previsto per ottobre A seguito dell incontro del CdA di SBS, l Assemblea Generale di SBS ha dato l assenso sul cambiamento dello statuto di SBS, già operativo dallo scorso 1 gennaio 2015 a seguito dell Assemblea Generale delll 11 dicembre 2014, e relativo all ammissione delle associazioni di PMI degli Stati membro dell EFTA e dei Paesi in via di adesione all UE. Oltre all Assemblea Generale e al CdA di SBS, è stato costituito un gruppo di lavoro sul regolamento interno formato da rappresentanti delle organizzazioni membro di SBS quali APCMA, CNA, Confartigianato Imprese, EBC, ECAP, PIN-SME, WKÖ e ZDH. Il gruppo di lavoro sul regolamento interno è aperto a tutti i membri di SBS e si propone di rafforzare l efficienza delle prestazioni dell associazione attraverso il lavoro su una serie di regole interne. Il primo seminario nazionale di SBS sulla standardizzazione per PMI La camera di commercio austriaca (WKÖ) e SBS hanno organizzato congiuntamente a Vienna, il 27 aprile scorso, il primo dei 5 seminari di standardizzazione. Titolato Strategie di successo nel campo della standardizzazione Cooperazione e Partecipazione delle PMI in un contesto globale, il seminario nazionale ha riunito 39 rappresentanti delle associazione professionali austriache e imprenditori per conoscere il ruolo di SBS nel sistema di standardizzazione a livello europeo e discutere l importanza degli standard per il mercato interno europeo. Il funzionario sulle politiche economiche di WKÖ Regina Michelitsch ha dato il benvenuto ai partecipanti al seminario e ospitato l evento. Il Direttore del dipartimento federale per la gestione dell artigianato di WKÖ Reinhard Kainz e il Capo del dipartimento delle politiche economiche di WKÖ Christoph Schneider hanno tenuto un discorso di benvenuto nel quale hanno entrambi enfatizzato l importanza degli standard e il bisogno di utilizzarli in un contesto ragionevole e costruttivo, senza creare barriere per le PMI. A seguito, SBS ha presentato il suo lavoro e le sue attività così come il funzionamento del sistema europeo di standardizzazione nel quadro dei mandati di standardizzazione emanati dalla Commissione e il coinvolgimento di SBS all interno di questo processo. Il Direttore per lo sviluppo degli standard di ASI (istituto di standardizzazione austriaco) Karl Grün ha fornito un esaustiva panoramica del processo di stesura degli standard e sottolineato gli strumenti e le misure messe in pratica da ASI al fine di aiutare le PMI ad essere coinvolte nella standardizzazione e offrire loro un più facile accesso agli standard strumento già utilizzato da più di imprese austriache. La sessione pomeridiana del seminario ha offerto interessanti spunti agli imprenditori delle PMI e agli esperti tecnici riguardo agli standard. L installatore di sanitari e di impianti di riscaldamento,

3 Pagina 3 ventilazione e condizionamento dell'aria e imprenditore Michael Mattes ha presentato la sua esperienza professionale sull accesso alle informazioni, agli standard e all uso degli standard nel suo lavoro quotidiano. L imprenditore e consulente Franz Schmid ha trattato principalmente degli standard a livello nazionale nel campo della protezione dalla corrosione. L esperto di SBS Christian Vanik ha presentato il suo lavoro, la sua esperienza diretta e la sua visione in quanto esperto direttamente coinvolto nel processo di stesura degli standard a livello dei comitati tecnici. Infine, Reinhard Kainz e Christoph Schneider hanno parlato dell importanza di coinvolgere le PMI nel processo di stesura degli standard e, cosa più importante, hanno sottolineato come gli standard dovrebbero essere utilizzati attentamente e mai ridimensionare il potenziale innovativo delle PMI. La revisione indipendente del sistema europeo di standardizzazione da parte di Ernst & Young La Commissione Europea ha pubblicato il 4 maggio 2015 la revisione indipendente del sistema europeo di standardizzazione. La relazione è stata preparata dalla compagnia di consulenza Ernst & Young per la Commissione Europea in modo da offrire una prima valutazione del sistema europeo di standardizzazione a seguito dell entrata in vigore del Regolamento (EU) 1025/2012. A SBS è stata offerta l opportunità di partecipare all esercizio di valutazione attraverso la partecipazione a tre casi di studio, ovvero quello riguardo alle tecnologie dell'informazione e comunicazione, quello relativo al primato della standardizzazione internazionale e, infine, quello relativo all inclusione delle organizzazioni Annex III all interno del sistema europeo di standardizzazione. SBS accoglie favorevolmente le raccomandazioni fatte nel documento di revisione indipendente, specialmente quelle riguardo al maggior supporto alla competitività dell imprenditoria europea attraverso un miglioramento della partecipazione delle PMI nello sviluppo e nell uso degli standard e un miglior coinvolgimento e partecipazione delle organizzazioni Annex III nella standardizzazione, in modo da garantire loro adeguati diritti (in particolare, un rafforzato diritto di appello) e assicurare che il loro valore aggiunto nella standardizzazione ( ) sia riflesso negli incarichi europei sviluppati a livello internazionale. La revisione indipendente enfatizza le barriere che le PMI incontrano nel prendere parte alla standardizzazione e ribadisce con forza che tali problematiche devono essere contrastate. SBS apprezza i contenuti del rapporto ed è lieta di notare come il suo contributo sia stato integrato nella revisione indipendente e che le problematiche all interno del sistema europeo di standardizzazione a danno delle PMI siano state globalmente riconosciute e messe in evidenza. Tuttavia, SBS nota con rammarico che il suggerimento promosso congiuntamente dalle organizzazioni Annex III per la creazione una specifica categoria di partnership non è stato adeguatamente preso in considerazione nella relazione indipendente. Ciononostante, il documento riflette nel suo complesso le problematiche che sono di più grande importanza per SBS e per le altre organizzazioni Annex III riguardo alla rappresentanza dei loro specifici gruppi di interesse. Una tavola rotonda aperta al pubblico con gli stakeholder del sistema europeo di standardizzazione sarà organizzata dalla Commissione il giorno 1 luglio 2015.

4 Pagina 4 SBS tiene il suo secondo seminario nazionale a Riga In data 4 giugno, SBS ha tenuto a Riga il suo secondo seminario nazionale per le PMI coinvolte nel campo della standardizzazione. Il seminario è stato ospitato dal membro di EBC LBA (associazione dei costruttori lettone), in cooperazione con LVS (ufficio di standardizzazione lettone) e il Ministero dell Economia lettone. Il seminario era parte del programma ufficiale della Presidenza lettone dell UE per la Settimana delle Costruzioni ed ha pertanto affrontato temi da un punto di vista settoriale, toccando questioni quali la messa in atto del Regolamento sui prodotti da costruzioni (CPR), il dibattito sull edilizia sostenibile e il contributo sulla standardizzazione e l attuazione degli Eurocodici nei Paesi balcanici. Più di 30 imprenditori hanno preso parte all incontro presieduto dal Presidente di LBA Normund Gringbergs e aperto dal vice-capo unità della Commissione Europea Hein Bollens, che si sono detti soddisfatti del lavoro di SBS. Il Segretario Generale di UEAPME Peter Faross ha fornito una visione generale della posizione delle PMI sull importanza economica della standardizzazione, per poi spiegare il ruolo concreto di SBS nel sistema di standardizzazione e mettere in evidenza il fatto che SBS conta sul contributo dei suoi membri nazionali per azioni condivise. Il Direttore di LVS Ingars Pilmanis ha presentato il ruolo di LVS e dei comitati specchio nazionali, sottolineando la possibilita di incrementare la partecipazione delle PMI tramite un sito internet ad-hoc di consultazione, gia lanciato all interno del progetto di CEN-CENELEC sulle piattaforme di commento online. L approccio settoriale è stato presentato dal Segretario Generale di EBC Riccardo Viaggi, con alcune osservazioni relative al dibattito attuale sull attuazione del CPR e sul recente successo di SBS nell introdurre concrete misure di semplificazione per micro-imprese nel modello di stesura per future norme armonizzate sui prodotti da costruzione. Tra gli altri argomenti affrontati durante il seminario, si annoverano la sostenibilità dei prodotti da costruzione e l attuazione degli Eurocodici nei Paesi baltici. In ultimo, il dibattito ha fatto emergere il problema della disponibilità di standard in lingua nazionale così come l importanza di poter disporre di sintesi di standard precise e pertinenti al fine di indentificare facilmente lo standard da acquistare. SBS continua a promuovere la Guida 17 La Guida 17 di CEN-CENELEC, titolata Guida per la scrittura di standard considerando i bisogni delle micro, piccole e medie imprese (PMI), rappresenta lo strumento per facilitare l inclusione delle PMI all interno del processo di stesura degli standard. La promozione e l applicazione della Guida 17 costituisce un aspetto centrale del lavoro di SBS. All interno del quadro del Gruppo di lavoro del CEN-CENELEC sulle PMI, SBS conduce la promozione dei principi della Guida 17 attraverso iniziative come l organizzazione del webinar dello scorso marzo In parallelo, SBS ha combinato i suoi sforzi attraverso il lavoro dei suoi esperti presenti nei comitati tecnici del CEN e del CENELEC, lavorando alla valutazione dell applicazione della Guida 17 in comitati tecnici specifici. Inoltre, durante l ultimo Gruppo di lavoro del CEN-CENELEC sulle PMI, è stata concordata la possibilità per gli esperti di SBS di tenere delle presentazioni nei relativi comitati tecnici sui principi

5 Pagina 5 della Guida 17. Quest anno, la promozione della Guida 17 è cominciata con la presentazione tenuta dall esperto di SBS Riccardo Viaggi in occasione della riunione plenaria del CEN TC 33. Questo approccio, insieme al supporto del Gruppo di lavoro del CEN-CENELEC sulle PMI, sarà esteso agli altri comitati tecnici ai quali partecipano gli esperti di SBS. Il lavoro di valutazione sulle necessità delle PMI nel processo di stesura degli standard SBS sta conducendo un esercizio di ricerca su alcuni standard esistenti in relazione alla loro adeguatezza con i principi della Guida 17. A seguito della consultazione con i membri, per l esercizio di ricerca sono stati selezionati gli standard qui elencati: Prodotti manufatti di sicurezza: ISO TC 94 SC 15 e standard del Comitato tecnico 79 del CEN; Costruzioni: EN ; Camini: pren e pren rev; Cosmetici: TC 392 (documenti del Joint Research Centre - JRC). L esercizio di ricerca è ora entrato nella sua seconda fase, che consiste nel valutare e descrivere i processi di stesura e i risultati dei sopracitati standard con riferimento all attuazione dei principi descritti nella Guida 17. Il contributo e il coinvolgimento delle associazioni e degli esperti costituirà un elemento chiave per offrire agli stakeholder un controllo reale sull attuazione dei principi della Guida 17 attraverso la pubblicazione di un rapporto sui risultati dello studio. SBS partecipa ad incontri strategici a livello europeo SBS ha preso attivamente parte a vari incontri con stakeholder di prima importanza, tra i quali Stati membri (in occasione del comitato sugli standard) e la comunità di standardizzazione a livello europeo (in occasione del Summit dell UE e delle assemblee generali del CEN e del CENELEC). L ultimo incontro del comitato sugli standard, avvenuto il 27 aprile 2015, ha visto la partecipazione dei rappresentanti degli Stati membri, della Commissione Europea, degli organismi europei di standardizzazione e di SBS, così come di altre organizzazioni Annex III. I principali argomenti trattati sono stati la versione finale della revisione indipendente sul sistema europeo di standardizzazione scritta dall azienda di consulenza Ernst & Young e la revisione della bozza del Vademecum sul sistema europeo di standardizzazione. Inoltre, SBS ha contribuito agli incontri annuali del CEN e del CENELEC e al Summit europeo sulla standardizzazione tenutisi dal 3 al 5 giugno a Riga, ed entrambi facenti parte del programma ufficiale della Presidenza lettone dell UE. Il tema del 4 Summit europeo sulla standardizzazione è stato incentrato sulle modalità di supporto della standardizzazione, specialmente nel settore delle costruzioni, verso una la transizione orientata a un economia più verde e intelligente. Infatti, il settore delle costruzioni rappresenta la più larga parte del mercato unico europeo ed è di primaria importanza per l economia lettone. SBS ha attivamente contribuito con presentazioni settoriali

6 N Pagina 6 specifiche alla discussione in una delle sessioni parallele sulla progettazione e la gestione degli edifici. Le assemblee generali del CEN e del CENELEC hanno costituito un segnale importante per SBS in quanto partner ma anche in quanto leader di due progetti all interno del Gruppo di lavoro del CEN-CENELEC sulle PMI. SBS accoglie favorevolmente la rielezione di Scott Steedman e Gudrún Rögnvaldardóttir, rispettivamente come Vicepresidente alle politiche e Vicepresidente tecnico. Steedman presiede il gruppo li lavoro sulle PMI ed è stato di grande supporto per SBS nel promuovere le sue attività e l inclusivisi delle PMI nel sistema di standardizzazione a livello europeo. SBS presenta la sua posizione su Building Information Modelling (BIM) SBS ha contribuito al recente impulso per le attività di standardizzazione su Building Information Modelling (BIM) attraverso la presentazione delle sue posizioni in occasione del 4 Summit sulla standardizzazione europea tenutosi a Riga lo scorso 4 giugno. David Amadon (Direttore degli affari tecnici di CAPEB e membro del CdA di SBS) ha tenuto una presentazione sulla necessità per SBS di contribuire attivamente ai lavori di standardizzazione su BIM, così da rappresentare gli interessi delle PMI in questo nuovo settore. Amadon ha poi spiegato come la partecipazione di SBS alle attività del CEN/TC 442 su BIM sarà orientato ad evitare lo sviluppo di standard applicabili solamente da una piccola parte del mercato o guidati dagli interessi commerciali di un limitato numero di attori, e a porre l accento sulle necessità e le aspettative delle micro, piccole e medie imprese sulle modalità di progettazione di un approccio europeo standardizzato per BIM. Amadon ha concluso il suo intervento con i proposito di consolidare una posizione delle PMI su BIM attraverso il coinvolgimento di esperti in un comitato specchio di SBS e di aumentare la consapevolezza a riguardo mantenendo informati i membri di SBS e altri stakeholder di rilievo sui lavori del CEN/TC 442. Il consiglio di amministrazione tecnico del CEN approva la versione finale del modello per l Allegato ZA I comitati tecnici del CEN che preparano standard armonizzati a supporto del Regolamento EU 305/2011 (CPR) sono invitati ad utilizzare immediatamente il nuovo modello di Allegato ZA. Questo deriva dalla decisione presa dal consiglio di amministrazione tecnico del CEN di approvare il documento-guida Applicazione del CPR negli standard armonizzati Modello per l Allegato ZA (disponibile solo in lingua inglese). La decisone è operativa a partire dal 2 giugno 2015 ed è il frutto di un articolato dibattito che ha portato anche all approvazione della proposta di SBS sull introduzione di un riferimento alle procedure semplificate previste dall articolo 37 del CPR per le micro-imprese. Il documento sarà presto disponibile sul sito internet del CEN (nella cartella Construction/Guidance for specifications writers).

7 Pagina 7 La partecipazione di SBS all incontro del consiglio di amministrazione tecnico del CENELEC Il maggio, SBS ha preso parte come osservatore all incontro del consiglio di amministrazione tecnico del CENELEC. Nel contesto della collaborazione con il CEN-CENELEC, SBS partecipa agli incontri dell ufficio tecnico senza diritto di voto. Oltre ai rapporti tecnici su temi relativi ai comitati tecnici e agli standard, il consiglio di amministrazione tecnico ha discusso importanti questioni per tutti i partner del CENELEC, con particolare riguardo ai risultati dell incontro del WG 7 del Consiglio di amministrazione tecnico del CEN-CENELEC sulla cosiddetta riduzione del tempo di sviluppo. L ufficio tecnico ha appoggiato le raccomandazioni del WG 7 per stabilire l approccio progettuale degli incarichi definiti e non da mandati. In più il consiglio di amministrazione tecnico ha deciso che il Centro di Gestione del CEN-CENELEC (CCMC) dovrà sviluppare una proposta per questo approccio progettuale insieme a un dettagliato piano di attuazione. Si prevede che questa attività prenderà luogo nei prossimi 3 anni. Inoltre, il Consiglio di amministrazione tecnico ha deciso di supportare la proposta del WG 7 di condurre un gruppo pilota ad-hoc per la richiesta di standardizzazione dell Urban ITS (servizi di Information Technology). L obiettivo è quello di creare un gruppo ad-hoc per ogni richiesta di standardizzazione. Ogni gruppo sarà dunque incaricato di guidare il lavoro preparatorio dei relativi comitati tecnici e prendere in considerazione questioni sostanziali relative al contenuto, alle tempistiche e alla collaborazione tra i comitati tecnici degli organismi europei di standardizzazione coinvolti. Lo scopo finale del gruppo ad-hoc sarà quello di decidere se un mandato debba essere accettato o rifiutato. I risultati del gruppo pilota saranno valutati in modo da avallare una raccomandazione formale da rivolgere al consiglio di amministrazione tecnico sullo scopo e il funzionamento degli stessi gruppi ad-hoc, e le condizioni per la loro formazione. Questi gruppi includeranno membri del consiglio di amministrazione tecnico e delegati permanenti, il CCMC, il segretariato e il presidente del comitato tecnico di riferimento, un rappresentante del forum settoriale (se applicabile) e le organizzazioni partner interessate. Se interessate, le organizzazioni partner potranno infatti partecipare al gruppo ad-hoc anche se non rappresentate in uno specifico comitato tecnico. Questo è un aspetto estremamente interessante per SBS e tutte le altre organizzazioni Annex III. Il processo sarà valutato dopo un anno dalla sua attuazione. Advisory Group: la discussione delle caratteristiche antincendio dei prodotti La discussione avvenuta in occasione dell ultimo Advisory Group (AG) sulle costruzioni lo scorso 8 maggio ha principalmente affrontato tematiche antincendio quali: il lavoro della Commissione Europea su atti delegati relativi alla classificazione di specifici prodotti da costruzione senza testare la loro performance di reazione al fuoco; l introduzione della caratteristica essenziale combustione continua senza fiamma in alcuni standard; la valutazione della resistenza al fuoco delle facciate; e

8 Pagina 8 la modifica del mandato M/105 (camini, condotti e prodotti specifici) con l aggiunta della caratteristica essenziale reazione al fuoco. La modifica del mandato M/105 consente alla caratteristica essenziale reazione al fuoco di essere applicata non solo ai rivestimenti in plastica. Tale modifica è stata proposta da uno Stato membro alla Commissione in modo da non limitare l applicazione della caratteristica essenziale ai rivestimenti in plastica, ma di estenderla ad altre componenti dei camini. SBS ha condiviso questa informazione con l esperto di riferimento nel gruppo di lavoro 1 del Comitato Tecnico 166 (CEN TC 166 WG1) per garantire il necessario contributo durante i prossimi incontri e garantire che l attuazione delle citate misure sia in linea con gli interessi delle PMI. L incontro dell Advisory Group ha anche permesso ai partecipanti di discutere lo stato delle decisioni prese durante lo scorso incontro di gennaio. La Commissione ha quindi presentato l accordo finale con il CEN riguardo al nuovo modello per l Allegato ZA e riguardo alle attività sul progetto di mandato per introdurre nuove classi e soglie negli standard armonizzati. Infine, dato l interesse degli Stati membri e delle associazioni compresa SBS nell aprire la discussione sull attuazione dell articolo 5 del CPR, la Commissione ha invitato le delegazioni a contribuire per iscritto in modo da garantire un approccio sistematico alla questione in occasione dell incontro della del comitato permanente per la costruzione (SCC) che si terrà intorno alla metà di settembre Prima di tale data, SBS lancerà una consultazione con i suoi membri per raccogliere posizioni e idee sulla possibilità di derogare alla stesura della dichiarazione di prestazione dei prodotti. Servizi, brevetti e ascensori SBS ha nominato rappresentanti per prendere parte a gruppi tematici organizzati dalla Commissione Europea. Il gruppo di lavoro sugli ascensori è un gruppo di esperti composto di rappresentanti e stakeholder degli Stati membri dell UE e stabilito dalle EC con l obiettivo di discutere l applicazione pratica della direttiva sugli ascensori 2014/33/EU. L esperto di SBS Giuseppe Iotti (EFESME) ha partecipato per conto di SBS all incontro del gruppo di lavoro sugli ascensori tenutosi il 3 marzo Il gruppo ha trattato varie questioni pratiche relative all entrata in vigore della direttiva sugli ascensori nei prossimi due anni: tra queste il rinnovo e l accreditamento della notifica per gli organismi notificati nel settore degli ascensori. L esperto di SBS ha poi portato all attenzione del gruppo di lavoro sugli ascensori la questione della sicurezza degli ascensori con ridotto spazio di sicurezza verticale che sarà anche discussa in occasione del prossimo incontro di novembre. Il 9 marzo 2015, Andrea Scalia (Confartigianato Imprese) ha rappresentato SBS nel gruppo di lavoro sui brevetti e sulla standardizzazione creato dalla Commissione Europea. L obiettivo dell incontro è stato il dibattito sulle misure orientate all allineamento dei diritti di proprietà intellettuale con la necessità di avere standard accessibili. Inoltre, si è discusso riguardo ai brevetti essenziali per gli standard e ai mezzi (ad esempio condizioni di mercato di carattere equo, ragionevole e non discriminatorio, pool di brevetti e rispetto della trasparenza) necessari per assicurare l accessibilità a tali brevetti che rappresentano le tecnologie essenziali per competere nel mercato.

9 Pagina 9 Il funzionario di ZDH Tim Krögel ha rappresentato invece SBS in occasione dell Advisory Group strategico sui servizi (SAGS) tenutosi il 24 aprile e che ha offerto campo ai rappresentanti delle organizzazioni nazionali di standardizzazione e al CEN per discutere sugli standard nel campo dei servizi e, in particolare, sul rapporto del CEN sugli standard per i servizi orizzontali e sul mandato della Commissione Europea M/517. BIM: SBS nomina un nuovo esperto All ultimo CdA di SBS, tenutosi il 27 maggio a Parigi, è stata approvata la nomina di un nuovo esperto per il Comitato tecnico 442 del CEN su Building Information Modelling (BIM). SBS sarà quindi rappresentata da Guido Sabatini (membro dello staff di EBC) fino a quando non sarà lanciato uno specifico bando per esperti. BIM si presenta come un elemento innovativo per costruire meglio, più velocemente e a minor costo, e andrà a cambiare il modo in cui gli edifici, le infrastrutture e i servizi saranno pianificati, disegnati, costruiti e gestiti. Lo scopo del CEN TC 442 riguarda la standardizzazione nel campo semantico delle informazioni sul ciclo di vita dell ambiente edilizio. Il comitato svilupperà un pacchetto strutturato di standard, specifiche e rapporti che andranno a specificare le metodologie per definire, descrivere, scambiare, monitorare, registrare e gestire in sicurezza dati, semantica e processi con riferimento a dati geo-spaziali e altri dati esterni. In questo contesto, è importante che il punto di vista delle PMI sulle applicazioni di BIM sia reso evidente, assicurando che gli strumenti sviluppati siano accessibili agli artigiani e alle PMI in termini di tempi, costi e competenze. News Tecniche CEN TC 250 SC5 WG5 Progettazione di strutture in legno Il settore delle giunture in legno ha sempre visto una sovrapposizione tra le competenze del CEN e quelle di EOTA (l Organizzazione europea per i benestare tecnici). Questo è principalmente dovuto al fatto che alcuni tra i principali produttori hanno deciso di non marcare i loro prodotti con il marchio CE secondo lo standard EN 14592, considerato carente e non applicabile. Infatti, essi hanno esteso lo scopo dei loro prodotti includendo scopi di rinforzo della struttura (non coperti dal mandato del CEN) e fatto domanda per una richiesta di valutazione tecnica europea (ETA). Questi produttori potrebbero quindi ottenere più velocemente un marchio CE basato su un approvazione tedesca, anziché attenersi alla procedura del CEN. Nell utilizzare il marchio CE dell EOTA come uno strumento di mercato, le principali aziende pubblicizzano la loro valutazione tecnica europea come un marchio CE di prima categoria, rendendo quindi indirettamente il marchio CE ottenuto secondo la procedura del CEN un marchio CE di seconda categoria. Questo approccio di mercato è altamente negativo per gli interessi delle PMI, dato che discredita il loro marchio CE basato sull applicazione della procedura del CEN, forzandoli di fatto a ricorrere al più costoso marchio CE rilasciato da EOTA per avere accesso al mercato europeo. Al momento, l Eurocodice 5 (progettazione di strutture in legno) non è coerente con il marchio CE emanato da EOTA per le giunture in legno. Le richieste di valutazione tecnica europea di EOTA

10 Pagina 10 devono quindi tener conto della questione della progettazione, discostandosi dall Eurocodice e/o aggiungendo nuovi elementi. Gli sforzi delle PMI si concentrano sulla modifica dello standard EN insieme ad uno specifico lavoro sul design di prodotto, procedendo alla stesura dello standard in cooperazione con il CEN/TC 124 WG4 (che lavora sui giunti in legno) e il CEN/TC 250 SC5 WG5. Nonostante le PMI premano per una rapida revisione dell Eurocodice 5, questa sembra lontana dal concretizzarsi. Sembra infatti che il lavoro di preparazione per la revisione dell Eurocodice 5 sia portato avanti perlopiù all interno del progetto europeo COST, accessibile solo alle università coinvolte nel progetto. In questa prospettiva, l esperto di SBS Barbara Sorgato si sta adoperando al fine di stabilire maggiori contatti con COST, il progetto che costituisce il quadro a supporto della cooperazione transnazionale tra ricercatori, ingegneri e universitari in Europa. Questo potrebbe permettere all esperto di SBS di seguire il lavoro tecnico sull Eurocodice 5 e rafforzare la cooperazione tra le università che lavorano sull Eurocodice 5 attraverso il progetto COST e le università che lavorano con le PMI alla revisione dello standard EN CEN/TC 166 WG 1 - Camini La discussione in occasione dell incontro del CEN/TC 166 WG 1 tenutosi a Berlino (Germania) il febbraio e a Baiona (Spagna) il aprile è stata incentrata tra le altre questioni - sulla revisione della bozza di standard pren Camini Metodi di test per sistemi di camini Parte 1: Metodi di test generali. In particolare, si è dibattuto riguardo allo stabilire la minima distanza (in mm) tra materiali combustibili durante le configurazioni base dei test di un dato sistema di camino. Il riferimento alla clausola nella bozza di standard pren che riporta queste configurazioni base dei test è fatto anche in un altro standard specifico riguardo ai requisiti generali dei prodotti per camini e in uno standard armonizzato, entrambi trattati nel CEN TC 166. Alla fine, questa informazione potrebbe essere riportata nella dichiarazione di prestazione a supporto del marchio CE del sistema di camini al momento dell immissione del prodotto nel mercato interno secondo le disposizioni dei Regolamento 305/2011/UE sui prodotti da costruzione. Dal momento che non sono disponibili metodi di calcolo per la determinazione della distanza minima tra materiali combustibili adiacenti, l esperto di SBS Franci Ceklin ha proposto di fare riferimento nella bozza di standard a prestazioni convenzionalmente accettate, cioè valori minimi (conservativi) tabellari che le PMI possono facilmente adottare al momento della valutazione della prestazione dei loro prodotti di sistemi di camini. Ciononostante, gli esperti del CEN/TC 166 WG 1 ritengono che questo approccio semplificativo non possa ancora essere applicato dati i diversi metodi di installazione per i sistemi di camini disponibili sul mercato, anche tenuto conto dei diversi requisiti normativi in vigore nei vari Stati membri. Per questa ragione, l esperto di SBS ha proposto ai membri del gruppo di lavoro una possibile soluzione alternativa per semplificare la decisione sulla distanza minima, ovvero fare riferimento nella bozza di standard a casi di classificazione senza ulteriori prove (CWFT). Sfortunatamente, questo approccio richiede di mettere in pratica un certo numero di test inziali su varie installazione i cui risultati, insieme alle relative richieste e alle giustificazioni, devono essere consegnate alla Commissione Europea. Nel caso di un approvazione della richiesta e la conseguente stesura di un atto delegato, gli esperti incaricati della stesura dello standard potrebbero

11 Pagina 11 inserire questa misura riferendosi a tale atto delegato, abilitando di fatto le PMI a mantenere fede ai requisiti necessari per l immissione del mercato senza applicare ulteriori test per la valutazione di prestazione dei loro prodotti per sistemi di camini. Mobili CEN TC 207 Nel giugno 2015, lo standard EN 1116 (mobili da cucina misure coordinate per mobili da cucina ed elettrodomestici per la cucina ) è stato sottoposto ad una consultazione pubblica. Il principale obiettivo dello standard in vigore è quello di definire misure per apparecchi elettrici nella progettazione delle cucine. Tuttavia, sarebbe più utile se lo standard fosse stato uno strumento di pianificazione di base per la definire misure che permettessero ai produttori di mobili di considerare aspetti relativi alla sicurezza e all ergonomia. Nonostante lo standard sia ancora ad uno stadio pre-operativo, potrebbe in futuro avere un impatto su tutti i produttori di mobili. Attraverso il lavoro del suo esperto, SBS continuerà a monitorare gli sviluppi della discussione nei prossimi mesi. Lo scorso febbraio, in occasione dell incontro del CEN TC 207 WG 1, sono stati affrontati i seguenti temi: lo scopo dello standard EN 1116, chiarificando che esso specifica le dimensioni per integrare apparecchiature nelle unità di cucina; l aggiunta di definizioni per unità per pavimenti e muri in accordo con lo standard EN 14749; l aggiunta che sarà fatta, in forma di definizione, della distanza tra le piastre di cottura e l estrattore d aria; l altezza di installazione delle aperture, attualmente limitate ad un altezza massima di 1780 mm, nonostante il mercato offra un ampia gamma di installazioni più alte. L ultimo punto sulle altezze sarà probabilmente argomento centrale della prossima discussione. eidas: un potenziale per PMI in quanto utilizzatrici e fornitrici di servizi I servizi per la firma e l identificazione elettronica (eidas) costituiscono un importante strumento per facilitare transazioni transfrontaliere e intersettoriali con vaste conseguenze nell ulteriore miglioramento e rafforzamento del mercato interno della UE. A seguito dell entrata in vigore, il 1 luglio 2014, del regolamento UE sui servizi di identificazione elettronica per le transazioni elettroniche nel mercato interno, il comitato per le firme e infrastrutture elettroniche (ESI) dell Istituto europeo per le norme di telecomunicazione (ETSI) sta lavorando verso l armonizzazione di standard in linea con il nuovo Regolamento 910/2014/EU. I servizi per la firma e l identificazione elettronica permettono di creare e fare uso di documenti elettronici sicuri e verificati, firme elettroniche legalmente valide, documenti autentici attraverso sigilli elettronici e conferme di ricezione elettroniche. Di fatto, tutto questo garantisce una migliore trasparenza e responsabilità reciproca, fiducia nei servizi e interoperabilità di transazioni elettroniche a livello nazionale e internazionale. Il processo attuale di stesura degli standard produce rilevanti possibilità imprenditoriali per le PMI che possono beneficiare del nuovo quadro legislativo dato dal Regolamento e dei lavori di standardizzazione sia in quanto utilizzatrici che come fornitrici di servizi. Come utilizzatrici di servizi per la firma e l identificazione elettronica, le PMI possono

12 Pagina 12 esercitare transazioni elettroniche e, i quanto fornitrici di sevizi, le PMI possono beneficiare di uno schema di qualificazione nuovo e accessibile. Il comitato ESI ha recentemente approvato la prima bozza dello standard EN sulla valutazione di conformità dei servizi fiduciari. L attuale versione prevede importanti opportunità per le PMI per offrire diversi tipi di servizi fiduciari sia all interno che al di fuori dell UE. La condizione per accedere a tali opportunità è l accreditamento presso un ente di valutazione della conformità (CAB) che, comunque, dovrà essere stabilito al più presto in modo da far fronte ai requisiti del Regolamento sui servizi per la firma e l identificazione elettronica. Come prossimo passo, il comitato ESI si propone di trattare la questione relativa alle firme digitali. Porte interne: CEN/TC 33 WG1 La bozza di standard pren su porte interne senza caratteristiche antincendio/antifumo è il primo standard sotto il CPR che viene discusso dal CEN TC 33 WG 1. Il voto formale a riguardo è stato lanciato durante l ultimo incontro plenario del comitato tecnico avvenuto a Vienna (Austria) in aprile. Questo standard costituirà una pietra miliare nella stesura e revisione di altri standard come il su finestre e porte esterne senza caratteristiche antincendio/antifumo e potrebbe essere usato per definire la struttura di tutti gli standard da discutere in tutti i gruppi di lavoro del CEN TC 33. L importanza della discussione per gli interessi delle PMI riguarda l applicazione di procedure semplificate per i test iniziali di tipo (ITT) e le regole di intercambiabilità delle componenti. Inoltre, la discussione sulla bozza di standard pren ha trattato la necessità di fare riferimento a valori esaurienti per la determinazione tabellare (senza test) delle proprietà acustiche. Nell ottica di un utilizzo più diffuso di metodi meno onerosi per la valutazione della prestazione dei prodotti da costruzione, l esperto di SBS Samuele Broglio ha presentato e continuerà a sviluppare una proposta per ottenere semplici regole per l interpolazione dei risultati delle prove, finalizzata ad evitate la moltiplicazione dei test. Ascensori ISO TC 178, WG4 Per facilitare il libero mercato ed eliminare ostacoli tecnici, il comitato tecnico 178 ISO ha previsto di cominciare un lavoro preliminare per la creazione di uno standard EN/ISO sulla sicurezza, inizialmente nominato ISO XX, basato sugli standard EN e EN Oltre al lavoro di verifica portato avanti dal presidente dell ISO TC 178 sulla fattibilità di un possibile piano d azione, il gruppo della cosiddetta task force sulla convergenza ha preparato una bozza di piano d azione accettata dal TC 178 WG 4. La task force sulla convergenza supporta il WG 4 attraverso la preparazione delle prime bozze orientate alla convergenza dei vari standard locali sulla sicurezza per gli ascensori verso standard a livello mondiale. Il documento azioni, base logica e metodi di attuazione del piano d azione ISO 22558/6-7 è orientato a spiegare gli obiettivi e i vari passi necessari a completare l intero processo. Dunque, ogni gruppo di studi sulle norme locali (EUSG per l Europa, NASG per in Nord America, JPSG per il Giappone), è incaricato di unificare i requisiti e gli standard nazionali attualmente in vigore, così da allinearsi al documento ISO TS X. Al fine di completare adeguatamente l unificazione con gli standard EN e gli standard EN81-50, sta per essere

13 Pagina 13 sviluppato un nuovo standard ISO TS Y. L inclusione di un simile standard aggiuntivo nella serie ISO completerebbe perfettamente la copertura di tutti i requisiti necessari per portare avanti correttamente la valutazione di conformità degli ascensori e delle componenti di sicurezza con i requisiti dell ISO E importante che il documento finale non devii dalle regole stabilite dagli standard europei. Infatti, gli standard europei sono stati sviluppati in modo tale da includere la maggior parte dei bisogni delle PMI per ottenere eque condizioni di mercato e attività di post vendita. Apparecchi di protezione delle vie respiratorie - ISO TC94, SC 15 Il progetto ISO sullo standard EN (Apparecchi di protezione delle vie respiratori requisiti di prestazione- Parte 1: apparecchi per rifornimento di gas respirabile) e sullo standard EN (Apparecchi di protezione delle vie respiratori requisiti di prestazione- Parte 2: apparecchi di filtraggio) è stato ritirato prima della scadenza e sarà ripristinato nel luglio Ciò lo si deve ai validi 600 commenti ricevuti sulla bozza del comitato e a rigetto della stessa bozza in occasione della consultazione pubblica. Nel frattempo, la bozza del comitato sarà modificata in modo da prendere in considerazione i commenti ricevuti e presentarla come nuova proposta di elemento di lavoro (NWIP). La nuova proposta, tuttavia, avrà già un certo vantaggio su un dato processo equivalente, visto che essa deriva dal lavoro portato avanti negli ultimi 12 anni. Come considerazione generale, l introduzione di un nuovo e più complicato sistema di classificazione per gli apparecchi di protezione delle vie respiratorie richiede una costosa formazione per gli utilizzatori, specialmente per le PMI. Ciò costituirebbe un costo inutile e difficilmente accettabile per le PMI e potrebbe in più mettere in pericolo lavoratori costretti a cambiare completamente le loro abitudini al fine di selezionare e indossare apparecchi di protezione delle vie respiratorie marcati e categorizzati in modo diverso e più complicato. Lo standard EN andrà anche ad impattare in modo evidente sui produttori di apparecchi di protezione delle vie respiratorie e sulle PMI in particolare. Infatti gli apparecchi di protezione delle vie respiratorie ricadono sotto la direttiva 89/686 e devono essere certificati adeguatamente. La quantità e la complessità dei test richiesti dallo standard ISO andrà a causare un incremento di 5 volte dei costi di certificazione. L aumento dei costi indotto dallo standard ISO andrà a favorire una strategia miope, insieme ad un incertezza di benefici, nonché una minor sicurezza nei luoghi di lavoro, ovvero l opposto dello scopo dichiarato del nuovo standard. 4, Rue Jacques de Lalaing B-1040 Bruxelles Telefono: Small Business standard (SBS) è un'associazione europea senza scopo di lucro fondata nel 2013 con il sostegno della Commissione europea. SBS si dedica esclusivamente alla rappresentanza e difesa degli interessi delle PMI nel sistema di standardizzazione a livello europeo e internazionale. I suoi 22 membri sono associazioni nazionali ed europee sia interprofessionali che settoriali rappresentanti le PMI in tutta Europa. L'adesione è quindi aperta a tutte le associazioni che soddisfano questi criteri. SBS è stato creata per soddisfare l'aspirazione dell'unione europea di rendere il sistema di standardizzazione il piú inclusivo, trasparente e aperto possibile, rafforzando la partecipazione degli stakeholder "deboli" quali le PMI. Il lavoro condotto da SBS è commissionato e f i n a n z i a t o d a l l a Commissione Europea

SBS Newsletter. Realizzato il mandato sui documenti del Vademecum sulla standardizzazione a livello europeo

SBS Newsletter. Realizzato il mandato sui documenti del Vademecum sulla standardizzazione a livello europeo N.2 Aprile 2015 Versione Italiana SBS Newsletter In questo numero: Vademecum 1 SBS e EFTA 2 Nuova procedura di domanda Webinar congiunto SBS & CEN- CENELEC GL del BT sulla Rilevanza di mercato Rapporti

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS)

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Art. 1 Costituzione del Network Viene costituito, su iniziativa del Gruppo di Lavoro ICT operante all interno del Distretto Toscano Scienze della Vita,

Dettagli

Le Materie Prime nel programma "Orizzonte 2020"

Le Materie Prime nel programma Orizzonte 2020 Le Materie Prime nel programma "Orizzonte 2020" Info Day 2 Ottobre 2015, Roma Mattia Pellegrini, Commissione Europea Direzione generale del Mercato interno, dell industria, dell imprenditoria e delle PMI

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

i rapporti di classificazione Dossier/16034 Chiusure tagliafuoco e tagliafumo 416 NUOVAFINESTRA www.guidafinestra.it

i rapporti di classificazione Dossier/16034 Chiusure tagliafuoco e tagliafumo 416 NUOVAFINESTRA www.guidafinestra.it 68 Dossier/16034 Chiusure tagliafuoco e taglia El2-C5-Sa: tutto chiaro? La nuova norma di prodotto per porte e finestre con proprietà tagliafuoco e taglia EN 16034 entra in vigore a partire dal 01.12.2015,

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott.ssa Angela Ferruzza Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott.ssa Angela Ferruzza Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle statistiche europee in tema di gas naturale ed energia elettrica e che abroga la Direttiva 2008/92/CE del Parlamento europeo

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE Anno 2014 (Art. 7, comma 3, legge 11 novembre

Dettagli

Il ruolo delle ESCO nel mercato dell efficienza energetica

Il ruolo delle ESCO nel mercato dell efficienza energetica Convegno FIRE - Expoconfort/NextEnergy Fiera di Milano - 5 marzo 2004 Il Mercato dell Efficienza energetica Il ruolo delle ESCO nel mercato dell efficienza energetica Mario de Renzio FIRE - Federazione

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 Indice: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa 2015-2017......2 1. Responsabilità, elaborazione, adozione e aggiornamento del Programma...4 2. I dati da pubblicare sul sito istituzionale

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI) * Traduzione a cura dell Ufficio Relazioni Internazionali e Comunitarie maggio 2007 INTOSAI STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta Richiesta contributi Le regioni partner di THE ISSUE Progetto FP7 e Nereus - Rete delle regioni europee utilizzatrici di Tecnologie Spaziali - richiedono contributi

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI)

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) GIULIO SACCHETTI NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) Sintesi della dispensa 1. LE NORME UNI EN ISO SERIE 9000 1.1 INTRODUZIONE A partire dalla seconda metà del 1900 si sono verificati eventi

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Quando nel 2004, come CNVVF siamo stati chiamati a partecipare alla stesura del Testo Unitario

Dettagli

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento Programma Gioventù in Azione Maggio 2011 1. Introduzione Il Servizio Volontario Europeo (SVE), facente parte del Programma dell Unione Europea

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Come è ormai noto a quanti operano nel campo della qualità, è stata pubblicata la nuova revisione della ISO 9001. Le Norme ISO toccano numerosi ambiti

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI Accordo volontario settoriale per l utilizzo delle biomasse legnose di origine agricola

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI STATUTO RURENER Principi, diritti e doveri dei membri RURENER Disclaimer La responsabilità esclusiva del contenuto di questa pubblicazione è degli autori. Non riflette necessariamente l opinione delle

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

DOCUMENTI. Le nuove regole per l immissione sul mercato di macchine nuove e per la verifiche di sicurezza di macchine usate

DOCUMENTI. Le nuove regole per l immissione sul mercato di macchine nuove e per la verifiche di sicurezza di macchine usate DOCUMENTI Le nuove regole per l immissione sul mercato di macchine nuove e per la verifiche di sicurezza di macchine usate Renato Delmastro Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole

Dettagli

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE 16.5.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 122/47 RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 12 maggio 2009 sull applicazione dei principi di protezione della vita privata

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

Grazie per la collaborazione.

Grazie per la collaborazione. Non visualizza le immagini? Apra il messaggio nel browser Indice Il Parlamento europeo vota la fiducia alla nuova Commissione Agevolazioni e Finanziamenti > Supporto al trasferimento tecnologico attraverso

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

ACCREDIA SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08)

ACCREDIA SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08) SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08) I protagonisti SINAL 1988 SINAL accredita i Laboratori competenti per qualsiasi tipo di prova. E stato costituito

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DEGLI OBBLIGHI EMAS TRIESTE 10 DICEMBRE 2014 DOTT. ROBERTO CARIANI Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

La Qualificazione del Personale Addetto ai Servizi di Sicurezza: Il Settore Antincendio

La Qualificazione del Personale Addetto ai Servizi di Sicurezza: Il Settore Antincendio La Qualificazione del Personale Addetto ai Servizi di Sicurezza: Il Settore Antincendio D.M. 10 Marzo 1998 D.M. 37 22/01/2008 Direttiva Servizi TC4 CEN/CLC A cura di Mirco Damoli DM 10/3/1998 Criteri generali

Dettagli

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? IS0 50001 INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la 17000:2005 e l architettura concettuale di Giovanni Mattana INTRODUZIONE La valutazione della conformità di prodotti, sistemi,

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Statuto tipo del Club Rotaract

Statuto tipo del Club Rotaract Statuto tipo del Club Rotaract Obiettivi Sponsorizzazíone di un Rotary Club Qualificazione Effettivo ART. 1 Costituzione e denominazione È costituita l associazione Rotaract Club di [inserire il nome].

Dettagli

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+ ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ Erasmus+ KA1 Obiettivi Generali Migliorare le competenze chiave e le capacità dei giovani, inclusi quelli con minori

Dettagli

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza Consorzio Nazionale Serramentisti Insieme per fare la differenza Insieme LegnoLegno è un Consorzio Nazionale di servizi per la valorizzazione delle attività imprenditoriali del settore serramento. Il marchio

Dettagli

SEGNALAZIONE N. 37/2014 DEL 09.10.2014 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES

SEGNALAZIONE N. 37/2014 DEL 09.10.2014 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES SEGNALAZIONE N. 37/2014 DEL 09.10.2014 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES AVENUE DES ARTS, 3-4-5, 1210 BRUXELLES TEL. +32(0)2.894.99.70 FAX +32(0)2.894.99.71

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani Scheda riassuntiva

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani Scheda riassuntiva Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani Scheda riassuntiva Premessa La presente iniziativa è volta a promuovere, a livello interregionale,

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 595 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI GIOVEDÌ 3 MAGGIO 2001 Risoluzione del Parlamento europeo sull

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015 Oggetto: Strategia per l internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. Programma regionale triennale per l internazionalizzazione 2015-2018. L Assessore dell industria evidenzia alla Giunta

Dettagli

DOSSIER PER LA STAMPA

DOSSIER PER LA STAMPA DOSSIER PER LA STAMPA INDICE ERASMUS GIOVANI IMPRENDITORI : UN NUOVO PROGRAMMA DI SCAMBIO...3 CHI PUO' PARTECIPARE?... 5 QUALI BENEFICI E PER CHI?...6 COME FUNZIONA? STRUTTURA E IMPLEMENTAZIONE...7 CHI

Dettagli

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Principi generali e metodologia M. Flavia Di Noto - 9 dicembre 2010 Venezia Fasi di una proposta di progetto presentata a Europe-Aid

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI L efficienza energetica nell industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck La normativa tecnica come strumento Sandro Picchiolutto Comitato

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA *

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * 71 5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * Il processo di integrazione finanziaria in Europa è attualmente in pieno svolgimento. La realizzazione del mercato unico degli strumenti e dei servizi

Dettagli

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo.

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo. L 320/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea IT 17.11.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 1078/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per il monitoraggio che devono

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata

Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata di un gruppo di professionisti. La società, sorta per

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. per le attività di cooperazione relative a EXPO Milano 2015. tra. l Autorità Nazionale Anticorruzione italiana (A.N.AC.

PROTOCOLLO D INTESA. per le attività di cooperazione relative a EXPO Milano 2015. tra. l Autorità Nazionale Anticorruzione italiana (A.N.AC. PROTOCOLLO D INTESA per le attività di cooperazione relative a EXPO Milano 2015 tra l Autorità Nazionale Anticorruzione italiana (A.N.AC.) e l Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Memorandum Of Understanding. Italia Digitale. Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga

Memorandum Of Understanding. Italia Digitale. Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga Memorandum Of Understanding Italia Digitale Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga 1 Oggetto Il presente Memorandum of Understanding (nel seguito MOU ) ha come oggetto la definizione

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE DELL EDILIZIA E DEI LAVORI PUBBLICI NELL AMBITO DEL PROGETTO SPORTELLO APPALTI IMPRESE

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE DELL EDILIZIA E DEI LAVORI PUBBLICI NELL AMBITO DEL PROGETTO SPORTELLO APPALTI IMPRESE INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE DELL EDILIZIA E DEI LAVORI PUBBLICI NELL AMBITO DEL PROGETTO SPORTELLO APPALTI IMPRESE Relazione di sintesi sulla Delegazione a Bucarest, 1-3 marzo 2015

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 C(2009) 3177 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE che integra le raccomandazioni 2004/913/E e 2005/162/CE per quanto riguarda il regime concernente

Dettagli

Le Carte della Diversità in Europa

Le Carte della Diversità in Europa Le Carte della Diversità in Europa La Commissione Europea, negli ultimi anni, ha incoraggiato i datori di lavoro a inserire con maggiore impegno, la gestione della diversità e delle pari opportunità nelle

Dettagli