ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA SEZIONE DI VERCELLI E PROVINCIA Lodi s immola Ten.Mo.O.V.M. Paolo Solaroli di Briona Cap.M.O.V.M. Amedeo De Rege Thesauro Annesso al Regolamento Interno DISPOSIZIONI SULLE CERIMONIE 1. PREMESSA. Il presente documento ha lo scopo di definire: a. le norme da applicare nelle cerimonie organizzate dalla Sezione; b. conferire una necessaria uniformità di comportamento durante tali cerimonie. Le presenti disposizioni, per motivi di chiarezza e facilità di ricerca, hanno preso in esame diversi tipi di cerimonie che possono essere anche considerati atti o momenti di una cerimonia più completa. Per esempio, una cerimonia può comprendere: la formazione di un corteo per raggiungere la chiesa dal luogo di ritrovo, la S.Messa, la deposizione di una corona al Monumento ai Caduti, una rievocazione di fatti d arme ecc. 2. TIPOLOGIA DELLE CERIMONIE. a. Cerimonie civili: (1) Alzabandiera; (2) Ricorrenze di anniversari storici di fatti d arme; (3) Deposizione di corona al Monumento ai Caduti; (4) Formazione del corteo. b. Cerimonie religiose: (1) S.Messa in suffragio dei Caduti; (2) Esequie. 3. CERIMONIE CIVILI. a. Alzabandiera.

2 (1) La cerimonia dovrà prevedere: (a) l addetto incaricato di issare materialmente la bandiera. O ulteriori addetti nel caso vi siano più bandiere da issare (per es. bandiera dell Unione europea, della Regione Piemonte ecc.); (b) un area per posizionare la banda. In mancanza di questa si può sopperire con un trombettiere per i segnali di ATTENTI e RIPOSO e/o un impianto di diffusione; (c) un area per l eventuale picchetto armato; (d) un area per lo schieramento dei vari vessilli (Allegato A). (e) una posizione per le Autorità che presiedono alla cerimonia; (f) un area dove concentrare i radunisti. A questo proposito, senza che sia necessario impartire gli ordini militari, i radunisti si devono schierare allineati e coperti su più righe secondo lo spazio disponibile. (g) un area per gli ospiti e familiari dei radunisti. (2) Svolgimento: (a) il militare presente con il grado più elevato, ovvero il Presidente di Sezione ovvero chi lo rappresenta dà il seguente ordine ATTENTI ALZABANDIERA (b) la banda o il trombettiere o con l impianto di diffusione verranno eseguiti tre squilli di tromba seguiti dall Inno Nazionale; (c) dopo i tre squilli e alle prime note dell Inno Nazionale l addetto [vds. precedente para (1) (a)] inizierà a issare la bandiera coordinandosi con la musica in modo tale che la bandiera sia al vertice al termine dell Inno Nazionale; (d) TUTTI dovranno accompagnare la musica con il canto; (e) alla fine dell Inno Nazionale, il militare presente con il grado più elevato, ovvero Presidente di Sezione ovvero chi lo rappresenta darà l ordine RIPOSO seguito dal previsto segnale. b. Ricorrenze di anniversari storici (1) La cerimonia dovrà prevedere: (a) una posizione centrale per l oratore, comprensiva di leggio, impianto di diffusione (eventuale) e, nel caso non sia presente un trombettiere, la possibilità di trasmettere segnali e musiche militari; (b) un area, al lato dell oratore, per lo schieramento dei vessilli presenti (Allegato A). Quando l oratore ufficiale è il Presidente della Sezione, il porta-stendardo con lo Stendardo si posizionerà alla sua destra;

3 (c) un area, possibilmente di fronte all oratore, dove concentrare i radunisti. A questo proposito, senza che sia necessario impartire gli ordini militari, i radunisti si devono schierare allineati e coperti su più righe secondo lo spazio disponibile. (d) un area, sul lato opposto ai vessilli per gli ospiti e familiari dei radunisti. (2) Svolgimento: (a) la cerimonia inizierà con la lettura dei messaggi di augurio da parte del Cerimoniere; (b) prenderà poi la parola l oratore ufficiale, di norma il Presidente di Sezione, che traccerà brevemente il fatto storico per il quale la cerimonia è stata organizzata; (c) al termine potrà essere comandata una Carica. (d) potrà essere previsto anche l intervento di altra Autorità. c. Deposizione di corona al Monumento ai Caduti. (1) La cerimonia dovrà prevedere: (a) gruppo-corona costituito da due porta-corona e corona; (b) altri eventuali accompagnatori del Presidente di Sezione o chi lo rappresenta nella deposizione della corona ( 1 ): (c) un area per lo schieramento del corpo musicale (eventuale); (d) un area per l eventuale picchetto armato; (e) un area per lo schieramento dei vari vessilli, possibilmente a fianco al monumento (Allegato A). (f) un area dove schierare i radunisti. A questo proposito, senza che sia necessario impartire gli ordini militari, i radunisti si devono schierare allineati e coperti su più righe secondo lo spazio disponibile. (g) un area per gli ospiti e familiari dei radunisti. (2) Svolgimento: (a) il gruppo-corona, seguito da coloro designati a depositare la corona si posizionano a una certa distanza in fondo allo schieramento; 1 ( ) A seconda delle circostanze, può essere il militare in servizio presente più elevato in grado ovvero l ex- Comandante dei Cavalleggeri di Lodi più anziano presente ovvero un Autorità civile ovvero il Decano dei Sottufficiali ovvero eventuale altro personaggio importante.

4 (b) il militare presente con il grado più elevato ovvero il Cerimoniere di Sezione dà il seguente ordine ATTENTI! ONORI AI CADUTI (c) la banda ovvero un trombettiere ovvero l impianto di diffusione esegue tre squilli di tromba. (d) subito dopo i tre squilli di tromba, il gruppo-corona ( 2 ) e accompagnatori si muovono verso il monumento; (e) successivamente, la banda o l impianto di diffusione esegue la Leggenda del Piave; (f) i porta-corona depositano la corona al monumento, il Presidente aiuta i porta-corona nella posa, eventualmente sistemando i nastri, mentre i due porta-corona si pongono sull attenti ai lati della corona, spalle al monumento; (g) la banda ovvero il trombettiere ovvero l impianto di diffusione esegue il Silenzio; (h) il Presidente ed eventuali accompagnatori, posti in raccoglimento davanti al monumento, salutano durante tutta l esecuzione del Silenzio; (i) al termine del Silenzio, il militare presente con il grado più elevato Cerimoniere di Sezione dà il RIPOSO, seguito dal previsto segnale. d. Formazione del corteo (schema all Allegato B). Il corteo viene formato con il seguente ordine: (1) Corpo musicale (eventuale) (2) Gonfalone del Comune ospitante (eventuale) (3) Gonfaloni dei Comuni, Provincia, Regione (eventuali) (4) Vessilli e Labari di Associazioni NON di Cavalleria (5) Vessilli e Labari di Associazioni Civili (6) Scolaresche (eventuali) (7) Autorità civili e Rappresentanze Militari (8) Gruppo-corona (9) Medagliere Nazionale, Stendardo Nazionale (eventuali) (10) Colonnella Regionale (eventuale) 2 () I due porta-corona dovranno marciare con la corona eseguendo il passo del geniere e cioè, invece di del consueto sinist-dest, marceranno alternando il passo esternointerno.

5 (11) Stendardo della Sezione di Vercelli e Provincia scortato dal Presidente e dal Consiglio Direttivo (12) Stendardi di altre Sezioni di Cavalleria con scorta (13) Radunisti (14) Popolazione 4. CERIMONIE RELIGIOSE. a. S.Messa in suffragio ai Caduti. (1) Si dovrà prevedere: (a) la posizione dei Vessilli, Labari e Stendardi, possibilmente all interno dell abside (Allegato A); (b) alcune prime fila di banchi, possibilmente sul lato destro, per le Autorità e ospiti di riguardo; (c) la disponibilità di un trombettiere o impianto di diffusione; (d) i Soci della Sezioni preposti alla lettura delle epistole (da concordare preventivamente con il sacerdote officiante); (e) il Socio preposto alla lettura della Preghiera del Cavaliere ( 3 ) (2) Durante la Messa, il Presidente di Sezione ovvero il Cerimoniere darà i seguenti ordini( 4 ): (a) all inizio l ATTENTI e qualche secondo dopo il RIPOSO; (b) all elevazione, l ATTENTI. Al termine dell elevazione il RIPOSO; Al termine della comunione dei fedeli e prima della liturgia di chiusura verrà letta la Preghiera del Cavaliere con questa sequenza: (a) il Socio incaricato si porterà davanti al leggio da dove è stato letto il Vangelo; (b) il Presidente di Sezione ovvero il Cerimoniere darà l ATTENTI; 3 ( ) In caso di funzione per i Caduti del Reggimento Cavalleggeri di Lodi, la Preghiera del Cavaliere sarà sostituita dalla Preghiera del Cavalleggero. 4 () In talune circostanze (per es. quando si interviene alla S.Messa domenicale dei fedeli), se è presente il trombettiere o l impianto di diffusione, non sono previsti comandi a voce.

6 (c) il Socio incaricato della lettura inizierà: PREGHIERA DEL CAVALIERE A Te Dio Onnipotente, Signore del Cielo e della Terra ; (d) al termine verrà dato il RIPOSO. Se è presente un trombettiere, i suddetti ordini di ATTENTI e RIPOSO saranno seguiti dai relativi squilli di tromba. b. Esequie. (1) E opportuno che l Addetto al Cerimoniale della Sezione prenda preventivi accordi con la famiglia del Socio defunto, prima della cerimonia funebre. (2) Laddove possibile, è opportuno prevedere che sia disposto un cuscino con le decorazioni, copricapo, le eventuali sciabola e sciarpa. (3) Le disposizioni per tale cerimonia sono uguali a quelle previste per la S.Messa in suffragio dei Caduti. (4) Se è presente un trombettiere ovvero con un impianto di diffusione, al termine del rito funebre sarà eseguito il SILENZIO. (5) Se le circostanze lo permettono e se si reputa opportuno, si può prevedere di incaricare quattro Soci che trasportino il feretro a spalla, limitatamente all ingresso e all uscita dalla chiesa, ed eventualmente, durante la celebrazione del rito funebre, formino un picchetto d onore ai lati del feretro. In chiesa tutti stanno a capo scoperto, eccetto il nucleo Stendardo, il trombettiere e, nelle cerimonie funebri, il picchetto d onore al feretro. 2. DISPOSIZIONI PARTICOLARI. a. Stendardo della Sezione. (1) Nucleo Stendardo: (a) deve essere costituito da Soci che indossino, possibilmente, una simile uniforme sociale e guanti bianchi; (b) può avere una delle seguenti composizioni: Porta-stendardo, Aiutante Maggiore alla sua sinistra, scorta di due Soci a tergo; Porta-stendardo, scorta di due Soci a tergo in triangolare simmetria con esso; Porta-stendardo e Aiutante Maggiore alla sua sinistra.

7 (2) Il Porta-stendardo deve impugnare l asta dello Stendardo come una lancia nella posizione di bracc-lanc tenendolo sollevata 30 cm. da terra. Lo Stendardo, anche durante lunghe cerimonie, non dovrà possibilmente mai toccare il terreno. (3) I componenti del Gruppo Stendardo dovranno assumere e mantenere la posizione di ATTENTI per tutto il periodo di svolgimento della cerimonia. (4) Lo Stendardo rende gli onori, inclinandolo di 30, solo a: (a) Presidente della Repubblica; (b) Stendardi e Bandiere di Guerra e di Istituti delle FF.AA. e dei Corpi Armati dello Stato; (c) ai Decorati di Medaglia d Oro al Valor Militare; (d) ai Gonfaloni delle città decorati di Medaglia d Oro al Valor Militare. (e) durante l elevazione della S.Messa. b. Saluti individuali nelle cerimonie. (1) Durante le cerimonie quando inquadrati in un unico blocco, si saluta: (a) individualmente portando la mano destra al basco: all alzabandiera; la Bandiera/Stendardo di Guerra; i decorati di M.O.V.M.; i Gonfaloni della città decorati di M.O.V.M.. (b) in tutti gli altri casi, si assume la posizione di attenti e il saluto, portando la mano destra al basco, viene reso solo dal Presidente o chi lo rappresenta. (2) Durante la S.Messa, si saluta assumendo la posizione di attenti: (a) all inizio; (b) all elevazione; (c) alla lettura della Preghiera del Cavaliere. ALLEGATI:

8 - Allegato A: Schieramento dei Vessilli - Allegato B: Schema della formazione del corteo - Allegato C: Le preghiere

Prefettura di Salerno Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Salerno Ufficio Territoriale del Governo OGGETTO: Salerno 25 aprile 2012 : cerimonia per la celebrazione del 67 Anniversario della Liberazione. Deposizione di corona al Monumento ai Caduti ed alla Lapide del Partigiano Ten. Ugo Stanzione. ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Dettagli

PROSPETTO DELLE UNIFORMI DA INDOSSARE NELLE VARIE CIRCOSTANZE

PROSPETTO DELLE UNIFORMI DA INDOSSARE NELLE VARIE CIRCOSTANZE PROSPETTO DELLE UNIFORMI DA INDOSSARE NELLE VARIE CIRCOSTANZE N. CIRCOSTANZE Unità Allegato A 1 In servizio non armato S. (1) (2) (2) (3) (2) (3) (2) (3) 2 In servizio isolato armato S.A. 1 (2) (2) S.A.

Dettagli

PROGRAMMA TRIESTE. 12 GIUGNO 2014 Ore 11,30: Conferenza stampa presso la sala del palazzo della Regione;

PROGRAMMA TRIESTE. 12 GIUGNO 2014 Ore 11,30: Conferenza stampa presso la sala del palazzo della Regione; PROGRAMMA TRIESTE 12 GIUGNO 2014 Ore 11,30: Conferenza stampa presso la sala del palazzo della Regione; 13 GIUGNO 2014 Ore 9,00: Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco - Onori ai caduti dei Vigili del

Dettagli

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone.

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 47 del 10/04/2014 Esecutivo dal 10 aprile 2014 INDICE CAPO

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA FESTA DELL UNITA NAZIONALE GIORNATA DELLE FORZE ARMATE 97 ANNIVERSARIO DELLA VITTORIA Domenica 8 Novembre 2015

CELEBRAZIONE DELLA FESTA DELL UNITA NAZIONALE GIORNATA DELLE FORZE ARMATE 97 ANNIVERSARIO DELLA VITTORIA Domenica 8 Novembre 2015 CELEBRAZIONE DELLA FESTA DELL UNITA NAZIONALE GIORNATA DELLE FORZE ARMATE 97 ANNIVERSARIO DELLA VITTORIA Domenica 8 Novembre 2015 P R O G R A M M A ore 10.00 Ritrovo per formazione corteo presso il Cimitero

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO C O M U N E D I S C A L E T T A Z A N C L E A (PROVINCIA DI MESSINA) REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Approvato

Dettagli

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune.

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. Città di Nardò Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. - 1 - Capo I CONTENUTO DEL REGOLAMENTO Art.1

Dettagli

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di svolgere a Torino, prima Capitale d Italia, il 3 Raduno

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL USO DELLO STEMMA DEL COMUNE, DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE, DELLE BANDIERE, DELLA CONCESSIONE

Dettagli

Comune di Cogoleto Provincia di Genova. REGOLAMENTO per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere

Comune di Cogoleto Provincia di Genova. REGOLAMENTO per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere Comune di Cogoleto Provincia di Genova REGOLAMENTO per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere Articolo 1 Scopo CAPO I SCOPO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. I N D I C E CAPO

Dettagli

DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF

DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF La Direzione Nazionale, riunitasi presso la sede nazionale a Roma, il giorno 17 giugno 2011, viste le proposte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO COMUNE DI SAN SECONDO DI PINEROLO C.A.P. 10060 Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO Approvato con deliberazione Consiliare n. 46

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE Approvato con delibera di C.C. n. 32 del 14/07/2005 ART.1 FINALITA E CONTENUTO Il cerimoniale contiene l insieme

Dettagli

Capitolo I CERIMONIE IN CHIESA O IN LUOGHI CHIUSI

Capitolo I CERIMONIE IN CHIESA O IN LUOGHI CHIUSI Capitolo I CERIMONIE IN CHIESA O IN LUOGHI CHIUSI 1. Assegnazione dei Posti I banchi delle prime file centrali, nel numero stimato per le autorità e le persone di rilievo, devono essere riservati, ponendovi

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

MANUALE delle CERIMONIE

MANUALE delle CERIMONIE BOZZA Associazione Nazionale Carabinieri ISPETTORATO REGIONALE PER IL VENETO MANUALE delle CERIMONIE Edizione 2009 36100 Vicenza, via Paolo Calvi, 58 0444.304836 anc.veneto@alice.it www.ancispettoratoveneto.

Dettagli

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER L USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO. Approvato con delibera C.C.

Dettagli

XXVIII RADUNO NAZIONALE ARTIGLIERI d ITALIA PRATO 20 23 GIUGNO 2013

XXVIII RADUNO NAZIONALE ARTIGLIERI d ITALIA PRATO 20 23 GIUGNO 2013 XXVIII RADUNO NAZIONALE ARTIGLIERI d ITALIA PRATO 20 23 GIUGNO 2013 I Soci, Amici e Simpatizzanti che intendessero partecipare sono pregati di comunicare al più presto il proprio nominativo alla Segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI COMUNE DI CESENA (Provincia di Forlì-Cesena) REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

19 RADUNO NAZIONALE DELL ASSOCIAZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO DEL CORPO NAZIONALE L AQUILA 9 GIUGNO 2012 ORDINE DI SFILATA

19 RADUNO NAZIONALE DELL ASSOCIAZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO DEL CORPO NAZIONALE L AQUILA 9 GIUGNO 2012 ORDINE DI SFILATA Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale Iscritta al n. 161/2002 del Registro delle Persone Giuridiche presso l UfficioTerritoriale del Governo Roma Firmissima est inter pares amicitia

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

N. 2852 di prot. Roma, lì 12.09.2005. OGGETTO: Partecipazione dell Associazione Nazionale Finanzieri d Italia alle cerimonie militari.

N. 2852 di prot. Roma, lì 12.09.2005. OGGETTO: Partecipazione dell Associazione Nazionale Finanzieri d Italia alle cerimonie militari. N. 2852 di prot. Roma, lì 12.09.2005 OGGETTO: Partecipazione dell Associazione Nazionale Finanzieri d Italia alle cerimonie militari. A TUTTE LE SEZIONI A.N.F.I. = LORO SEDI = e, per conoscenza: AI VICEPRESIDENTI

Dettagli

Venerdì 17 ottobre 2008

Venerdì 17 ottobre 2008 186 ANNUALE DI FONDAZIONE DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO DA 186 ANNI FORZE DELLA NATURA ROMA, 17-18-19-20 ottobre 2008 Venerdì 17 ottobre 2008 Area espositiva Il Corpo forestale dello Stato: un avamposto

Dettagli

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.09 del 31.03.2005) CAPO I FINALITA DEL

Dettagli

Allegato al verbale del C.D.N. dell 11 ottobre 2014 CERIMONIALE A.N.A. Allegato al verbale C.D.N. del 15 febbraio 2003 CERIMONIALE A.N.A.

Allegato al verbale del C.D.N. dell 11 ottobre 2014 CERIMONIALE A.N.A. Allegato al verbale C.D.N. del 15 febbraio 2003 CERIMONIALE A.N.A. Allegato al verbale del C.D.N. dell 11 ottobre 2014 CERIMONIALE A.N.A. PRESENTAZIONE 2ª EDIZIONE A distanza di oltre 10 anni dalla precedente edizione, si è sentita l esigenza di effettuare qualche aggiustamento

Dettagli

A ssociazione N azionale C arabinieri

A ssociazione N azionale C arabinieri Montevarchi e Arezzo, Corpo Associato della Polizia Municipale di Terranuova Bracciolini Montevarchi e degli Arbitri AIA del Valdarno. La sera del 16 giugno 2012, al termine del torneo sarà organizzata

Dettagli

Cantare le Esequie. Indicazioni per un repertorio diocesano comune di canti per il Rito delle Esequie

Cantare le Esequie. Indicazioni per un repertorio diocesano comune di canti per il Rito delle Esequie CURIA VESCOVILE DI CREMONA UFFICIO PER IL CULTO DIVINO Curia Vescovile di Cremona Piazza S. Antonio Maria Zaccaria, 5 Te. 0372 495011 Fax 0372 495017 liturgia@diocesidicremona.it Cantare le Esequie Indicazioni

Dettagli

CERIMONIALE ANA Approvato dal Consiglio Direttivo Nazionale 15 febbraio 2003

CERIMONIALE ANA Approvato dal Consiglio Direttivo Nazionale 15 febbraio 2003 CERIMONIALE ANA Approvato dal Consiglio Direttivo Nazionale 15 febbraio 2003 PRESENTAZIONE Da quando ho iniziato a presenziare alle varie manifestazione associative ho avuto modo di rilevare i differenti

Dettagli

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin.

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Regolamento per l uso dell'uniforme dei Volontari del Soccorso Regolamento di applicazione dell art.7, comma 3, del Regolamento dei Volontari del Soccorso emanato

Dettagli

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT COMUNE DI GRESSONEY-SAINT SAINT-JEAN REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento comunale disciplinante l'uso del gonfalone e dello stemma del comune, nonché i necrologi di partecipazione al lutto Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO INDICE Articolo 1: Uso del Gonfalone Articolo 2: Partecipazione del Gonfalone Articolo 3: Portagonfalone e scorta

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 192 del 13/10/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA CELEBRAZIONE DEL 96 ANNIVERSARIO DELLA VITTORIA IV

Dettagli

ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO

ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA REGOLAMENTO DEL CERIMONIALE approvato con delibera di Consiglio Comunale n.40 del 09/10/2012 ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO Il presente regolamento contiene l insieme delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL GONFALONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DEL GONFALONE COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DEL GONFALONE COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 48 del 30.11.2010 ART. 1 Contenuto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina la rappresentanza

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento comunale per il cerimoniale, l esposizione delle bandiere e la cittadinanza onoraria

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento comunale per il cerimoniale, l esposizione delle bandiere e la cittadinanza onoraria CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento comunale per il cerimoniale, l esposizione delle bandiere e la cittadinanza onoraria Approvato con D.C.C. n. 14 del 16/04/2013 TITOLO I - Regole Generali Art. 1 - Finalità

Dettagli

MANUALE per le BENEMERITE

MANUALE per le BENEMERITE Associazione Nazionale Carabinieri Sezione Di Rimini MANUALE per le BENEMERITE Gennaio 2009 47921 Rimini Via Giacomo Matteotti, 28/B Tel. 0541781666 asnaca.rimini@alice.it www.ancrimini.com PREMESSA Nell

Dettagli

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002 COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002 Regolamento Comunale per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e

Dettagli

REGOLAMENTO KIZOMBA FLASH MOB ESTE

REGOLAMENTO KIZOMBA FLASH MOB ESTE REGOLAMENTO KIZOMBA FLASH MOB ESTE 1. LOCATION E DATA DELL EVENTO Kizomba Flash Mob Este è un evento organizzato dai maestri di ballo Elisa Terzo e Simone Balbo (d ora in poi Segreteria Organizzativa)

Dettagli

Convegno diocesano Cori liturgici giovani Cattedrale - Treviso, 23 febbraio 2014, ore 14.30 VII domenica del Tempo ordinario A

Convegno diocesano Cori liturgici giovani Cattedrale - Treviso, 23 febbraio 2014, ore 14.30 VII domenica del Tempo ordinario A Convegno diocesano Cori liturgici giovani Diocesi di Treviso Ufficio Liturgico & Pastorale Giovanile Diocesi di Treviso Ufficio Liturgico - Pastorale Giovanile Convegno diocesano Cori liturgici giovani

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI CERIMONIALE

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI CERIMONIALE Comune di Bastia Umbra Provincia di Perugia DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI CERIMONIALE (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 319 del 15/12/2009) SOMMARIO TITOLO I REGOLE GENERALI ART.

Dettagli

Disposizioni per le esequie

Disposizioni per le esequie Disposizioni per le esequie Steso da Nome: Cognome: Data di nascita: Luogo di residenza: Avvertenza: Vi preghiamo di consegnare le disposizioni per le esequie a una persona di fiducia o di depositarle

Dettagli

IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI

IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE UFFICIO LITURGICO ASCOFOTO CONFCOMMERCIO PORDENONE GRUPPO PROVINCIALE FOTOGRAFI IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI Regolamento

Dettagli

CONCORSO NAZIONALE DI COMPOSIZIONE DI MUSICA SACRA. Santa Giulia 2015. Bando & Regolamento del Concorso

CONCORSO NAZIONALE DI COMPOSIZIONE DI MUSICA SACRA. Santa Giulia 2015. Bando & Regolamento del Concorso CONCORSO NAZIONALE DI COMPOSIZIONE DI MUSICA SACRA Santa Giulia 2015 P R I M A E D I Z I O N E Bando & Regolamento del Concorso CONCORSO NAZIONALE DI COMPOSIZIONE DI MUSICA SACRA SANTA GIULIA Prima edizione

Dettagli

SEZIONE DI UDINE CERIMONIALE UDINE - Viale Trieste 137

SEZIONE DI UDINE CERIMONIALE UDINE - Viale Trieste 137 SEZIONE DI UDINE CERIMONIALE 33100 UDINE - Viale Trieste 137 Tel. 0432.502456 (martedì, giovedì e sabato, ore 16:00-19:00) - Fax 0432.506279 e-mail: udine@ana.it - anaudine@pec.anaudine.it - Sito: www.anaudine.it

Dettagli

XVIII RADUNO INTERSEZIONALE 1 RAGGRUPPAMENTO SEZIONI DEL PIEMONTE, LIGURIA, VALLE D'AOSTA E FRANCIA

XVIII RADUNO INTERSEZIONALE 1 RAGGRUPPAMENTO SEZIONI DEL PIEMONTE, LIGURIA, VALLE D'AOSTA E FRANCIA XVIII RADUNO INTERSEZIONALE 1 RAGGRUPPAMENTO SEZIONI DEL PIEMONTE, LIGURIA, VALLE D'AOSTA E FRANCIA ACQUI TERME 10-11 OTTOBRE 2015 1 PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE Sabato 3 ottobre ore 15.00 - Inaugurazione

Dettagli

Associazione Nazionale Carabinieri Ispettorato Regionale per il Veneto Sezione di Vicenza

Associazione Nazionale Carabinieri Ispettorato Regionale per il Veneto Sezione di Vicenza !!!! 11 Associazione Nazionale Carabinieri Ispettorato Regionale per il Veneto Sezione di Vicenza "!!# %$& ' ' )( * +, -. + +/! + +!# -.0, 12 1 + + + + VII RADUNO INTERREGIONALE ANC VENETO (Regioni: Veneto

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

DESCRIZIONE GIOCHI E REGOLAMENTO

DESCRIZIONE GIOCHI E REGOLAMENTO Associazione di Promozione Sociale AGUGLIASTRA.IT Il sito dell Ogliastra DESCRIZIONE GIOCHI E REGOLAMENTO 1. COSTRUISCI IL NURAGHE n. partecipanti per età 4 4 4 4 4 n. partecipanti per squadra 20 n. squadre

Dettagli

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Parlare oggi, di Cavalli e Cavalieri nella storia e sopratutto parlare di Cavalieri Medioevali, ci rievoca nei nostri pensieri immagini stereotipati d uomini senza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 1 del

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O Associazione Nazionale Brigata Sassari Sa vida pro sa patria 2 Ordini Militari 4 Medaglie d Oro al Valor Militare alle bandiere dei Reggimenti 151 e 152 2 Medaglie d Oro al Valor dell Esercito alle Bandiere

Dettagli

XVIII RADUNO INTERSEZIONALE 1 RAGGRUPPAMENTO SEZIONI DEL PIEMONTE, LIGURIA, VALLE D'AOSTA E FRANCIA

XVIII RADUNO INTERSEZIONALE 1 RAGGRUPPAMENTO SEZIONI DEL PIEMONTE, LIGURIA, VALLE D'AOSTA E FRANCIA XVIII RADUNO INTERSEZIONALE 1 RAGGRUPPAMENTO SEZIONI DEL PIEMONTE, LIGURIA, VALLE D'AOSTA E FRANCIA ACQUI TERME 10-11 OTTOBRE 2015 1 PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE Sabato 3 ottobre ore 15.00 - Inaugurazione

Dettagli

Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE

Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE COMUNE di BRUGHERIO Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 112 del 17 dicembre 2010 S O M M A R I O TITOLO I REGOLE

Dettagli

PERCORSO SFILATA RADUNO ASSOCIAZIONE NAZIONALE VVF L AQUILA 9 GIUGNO 2012 SLIDE N 1

PERCORSO SFILATA RADUNO ASSOCIAZIONE NAZIONALE VVF L AQUILA 9 GIUGNO 2012 SLIDE N 1 BASILICA DI COLLEMAGGIO PERCORSO SFILATA MONUMENTO AI CADUTI VIALE CRISPI CORSO FEDERICO II A U T O VIALE COLLEMAGGIO PIAZZA DEL DUOMO B U S SLIDE N 1 MONUMENTO AI CADUTI SLIDE N 2 LEGENDA 1 - BANDA MUSICALE

Dettagli

NOTE TECNICHE. - responsabilità (allestimento e organizzazione) di ogni stand sarà affidata:

NOTE TECNICHE. - responsabilità (allestimento e organizzazione) di ogni stand sarà affidata: EVENTO CONCLUSIVO SULLA CAMPAGNA SUI NUOVI STILI DI VITA CONTRO LA LUDOPATIA Il Coordinamento Cittadino di Terlizzi come già avvenuto nelle altre città della nostra Diocesi si è fatta carico dell organizzazione

Dettagli

C I T T A D I B AG H E R I A Provincia di Palermo

C I T T A D I B AG H E R I A Provincia di Palermo C I T T A D I B AG H E R I A Provincia di Palermo --------ooooo------- REGOLAMENTO DEL CERIMONIALE COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 58 del 30 Aprile 2008 in vigore dal 29 Giugno

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008 Art. 26 del D.Lgs. 81/08 - Obblighi connessi al contratto di appalto" (D.U.V.R.I.Documento unico di Valutazione dei rischi da interferenze) relativo alle sedi di lavoro. N.B: il suddetto documento è allegato

Dettagli

Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO

Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGIE DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO **************** ************* ******* *** * Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO DEL CERIMONIALE (Allegato alla delibera del CC. n 13 del 22/03/2005)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO DEL CERIMONIALE (Allegato alla delibera del CC. n 13 del 22/03/2005) COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO DEL CERIMONIALE (Allegato alla delibera del CC. n 13 del 22/03/2005) SOMMARIO TITOLO I REGOLE GENERALI ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO ART. 2 - CERIMONIERE

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 07.03.2012 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RAPPRESENTANZA DEL COMUNE CON GONFALONE CIVICO

REGOLAMENTO PER LA RAPPRESENTANZA DEL COMUNE CON GONFALONE CIVICO 24 REGOLAMENTO PER LA RAPPRESENTANZA DEL COMUNE CON GONFALONE CIVICO ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 2/27348 P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/01/1989 24 Art. 1 Contenuto del regolamento Il

Dettagli

Canti per la Settimana Santa, Pasqua 2009

Canti per la Settimana Santa, Pasqua 2009 Canti per la Settimana Santa, Pasqua 2009 Domenica delle Palme Rito della benedizione delle palme (in fondo alla navata) Canto d inizio: Hosanna (Frisina) - n.42-1 semitono Benedizione dei rami e aspersione

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 130 DEL 20 DICEMBRE 2011 ART. 1 DEFINIZIONI Ai fini della Legge Regionale 3 agosto 2011 n. 15 costituisce trasporto

Dettagli

Alcun interesse debitore, penali o commissioni massimo scoperto trimestrali, quali oneri per passaggi a debito, possono essere accettati.

Alcun interesse debitore, penali o commissioni massimo scoperto trimestrali, quali oneri per passaggi a debito, possono essere accettati. Allegato 1 1. Caratteristiche del mandato: Gli scopi principali dell appalto sono: - esecuzione delle transazioni sia in partenza che in arrivo per via elettronica - ottenimento del miglior tasso creditore

Dettagli

4 CONCORSO NAZIONALE di Musica d insieme REGOLAMENTO

4 CONCORSO NAZIONALE di Musica d insieme REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Leopoldo Montini Via Scarano, 9 Tel 0874/405740 (Uffici) Fax 0874/405750 Tel. 0874/405741 (Presidenza) C.F.80003530708 Cod. mecc. CBIC822004 E-mail: cbmm00300q@istruzione.it

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

CELEBRAZIONE DI QUARESIMA COME IL CIRENEO

CELEBRAZIONE DI QUARESIMA COME IL CIRENEO CELEBRAZIONE DI QUARESIMA Indirazzato a: bambini dai 7 ai 10 anni COME IL CIRENEO Anch io posso aiutare Luogo: sala utilizzata per il consueto incontro di catechismo. Deve essere allestita prima dell arrivo

Dettagli

FONDAMENTI DI CERIMONIALE ROTARIANO

FONDAMENTI DI CERIMONIALE ROTARIANO FONDAMENTI DI CERIMONIALE ROTARIANO 1. PREMESSA Vengono riportate di seguito le regole fondamentali del Cerimoniale Rotariano; quelle di una tale rilevanza che il loro rispetto, in qualsiasi evento della

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA PROVINCIA DI LATINA Via XXVIII Maggio - 04010 Roccagorga (LT) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CERIMONIALE

COMUNE DI ROCCAGORGA PROVINCIA DI LATINA Via XXVIII Maggio - 04010 Roccagorga (LT) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CERIMONIALE COMUNE DI ROCCAGORGA PROVINCIA DI LATINA Via XXVIII Maggio - 04010 Roccagorga (LT) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CERIMONIALE TITOLO I REGOLE GENERALI ART. 1 FINALITA E CONTENUTO. Il presente regolamento

Dettagli

ORDINANZA AMMINISTRATIVA CONCERNENTE IL PROTOCOLLO

ORDINANZA AMMINISTRATIVA CONCERNENTE IL PROTOCOLLO ORDINANZA AMMINISTRATIVA CONCERNENTE IL PROTOCOLLO CAPITOLO I - ESPOSIZIONE DI BANDIERE Art. 1 Le bandiere, comunale, cantonale e federale, vengono esposte a Palazzo Marcacci e a Casa Bastoria: - il 1.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CERIMONIALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CERIMONIALE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CERIMONIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 21/02/2012 TITOLO I REGOLE GENERALI ARTICOLO 1 FINALITÀ E CONTENUTO 1. Il presente Regolamento contiene

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova Prot. n. 486/15 Reggio Calabria, 26 ottobre 2015 Ai RR Parroci Alle Superiore Istituti Religiosi LL.SS. Oggetto: 1. Formazione degli Adoratori Eucaristici 2. Rinnovo/istituzione dei Ministri Straordinari

Dettagli

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare fonti normative D. Lgs. 15 marzo 2010, n. 66 Codice dell'ordinamento militare. Art. 99 Concessione di ricompense alle Forze armate 1. Il conferimento alla bandiera

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO DELLE REGGENZE DI CONTRADA E DEI SOCI DEL COLLEGIO DEI CAPITANI E DELLE CONTRADE

NORME DI COMPORTAMENTO DELLE REGGENZE DI CONTRADA E DEI SOCI DEL COLLEGIO DEI CAPITANI E DELLE CONTRADE NORME DI COMPORTAMENTO DELLE REGGENZE DI CONTRADA E DEI SOCI DEL COLLEGIO DEI CAPITANI E DELLE CONTRADE Vengono di seguito definite le NORME COMPORTAMENTALI a cui le Reggenze di Contrada e i Soci del

Dettagli

COMUNE DI VIAREGGIO. Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA E DELLA BANDIERA COMUNALE

COMUNE DI VIAREGGIO. Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA E DELLA BANDIERA COMUNALE COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA E DELLA BANDIERA COMUNALE INDICE ART. 1- OGGETTO ART. 2- IL GONFALONE ART. 3- CUSTODIA DEL GONFALONE ART. 4- USO

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Catalogo MINIMEDIA 2015

Catalogo MINIMEDIA 2015 Catalogo MINIMEDIA 2015 paoline.it paolinestore.it Indice generale Cod. Pag. Biglietti Arte nuova ATN 3 Auguri vari AV 3 Biglietti con CD BC 4 Biglietti san Paolo BP 4 Biglietti vari BV 5 Circostanze varie

Dettagli

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora MISTERO DELL INCARNAZIONE lezionario festivo anno B Sabato 15 novembre 2014,

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE. di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria

PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE. di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria L'Archivio Storico Tito Belati di Perugia presta la propria opera di documentazione

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

ATTI DELLA CERIMONIA CIVILE

ATTI DELLA CERIMONIA CIVILE ATTI DELLA CERIMONIA CIVILE Per le manifestazioni civili del 4 Novembre e del 25 Aprile, l Amministrazione Comunale, all orario convenuto, si riunisce in un luogo prestabilito. Il corteo si apre con la

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO

LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO 1 PREMESSA Nell ambito delle azioni dirette all innalzamento del livello qualitativo delle competizioni ed al miglioramento

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

LISTINO PREZZI RISERVATO A.N.A.

LISTINO PREZZI RISERVATO A.N.A. LISTINO PREZZI RISERVATO A.N.A. GAZEBO PROFESSIONALE Gazebo in alluminio Misura 3x3 Tetto bianco con personalizzazione laterale 580,00 cad. Parete per gazebo, colore bianco tinta unita 65,00 cad. Dettagli

Dettagli

COMUNE DI CASSINO Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Frosinone GABINETTO DEL SINDACO

COMUNE DI CASSINO Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Frosinone GABINETTO DEL SINDACO 70 ANNIVERSARIO DELLA DISTRUZIONE DELLA CITTA DI CASSINO DOMENICA 11 MAGGIO 2014 Ore 10.00 Abazia di Montecassino accensione della Fiaccola dei Giochi a cura dell Ordinario Militare per l Italia e partenza

Dettagli

Sistema di Gestione Integrato ISTRUZIONE OPERATIVA CONSUNTIVAZIONE ON - LINE ISO 9001:2000 ISO 14001:2004

Sistema di Gestione Integrato ISTRUZIONE OPERATIVA CONSUNTIVAZIONE ON - LINE ISO 9001:2000 ISO 14001:2004 Pag. 1 di 8 1. OBBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. CAMPI DI APPLICAZIONE 4. MODALITA OPERATIVE FORNITORE 4.1. Accesso al Sistema...2 4.2. Maschera Principale...3 4.3. Inserimento consuntivo...3 4.4. Non Approvazione

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso NORME PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 66/1982) Art. 1 OBBLIGHI PER CHI RITROVA

Dettagli

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it 1/5 Unità proponente: CUT - Direzione Cultura e Turismo Oggetto: Organizzazione Commemorazione dei Caduti e Giornata dell Unità Nazionale e delle Forze Armate Anno 2012. Assunzione impegno di spesa Euro

Dettagli

CENTOCINQUANTENARIO DELLA BATTAGLIA DI MOLA DI GAETA FORMIA 7-10 OTTOBRE 2010. Stralcio delle attività previste per la manifestazione

CENTOCINQUANTENARIO DELLA BATTAGLIA DI MOLA DI GAETA FORMIA 7-10 OTTOBRE 2010. Stralcio delle attività previste per la manifestazione CENTOCINQUANTENARIO DELLA BATTAGLIA DI MOLA DI GAETA FORMIA 7-10 OTTOBRE 2010 Stralcio delle attività previste per la manifestazione PROGRAMMA GIORNO/ORA LOCALITA ATTIVITA 7-8 ottobre Istituti scolastici

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Scoprire la DESTRA e la SINISTRA

Scoprire la DESTRA e la SINISTRA Rif. 20537 CONTENUTO Scoprire la DESTRA e la SINISTRA - 32 schede con cornice blu, con fotografie di un personaggio (16 di fronte e 16 di spalle) con un oggetto alla sua destra o alla sua sinistra. - 1

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli