Unione Associazioni No Profit Società e Salute onlus luglio anno i - n. 0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unione Associazioni No Profit Società e Salute onlus luglio 2014 - anno i - n. 0"

Transcript

1 Unione Associazioni No Profit Società e Salute onlus luglio anno i - n. 0 UNI NEnewsle te r

2 Unione Associazioni No Profit Società e Salute onlus luglio anno i - n. 0 UNI NEnewsle te r Editoriale Unione Newsletter nasce dall'esigenza di creare un network attivo tra i vari organismi che operano in ambiente socio-sanitario, per far fronte ad un sempre maggiore bisogno di restare aggiornati rispetto alle novità della ricerca scientifica, alle attività sul campo e agli eventi culturali. L'iniziativa editoriale online si sviluppa grazie al lavoro sinergico dell'aris (Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani), dell'unione Associazioni No Profit Società e Salute ONLUS, e dei Comitati Consultivi Aziendali dell area metropolitana di Palermo, affinchè possa diventare uno strumento di comunicazione veloce ed efficace, atto a stimolare l'azione di volontariato e a sostenere la creazione di una rete di informazioni utili per la comunità. Tra i vari obiettivi, quello di sviluppare skills di base per consentire agli operatori di affiancare alle proprie competenze tecnico-professionali le abilità comunicative e relazionali nell accogliere, comprendere, informare, curare e gestire le interazioni con i pazienti; la redazione di attenti resoconti delle varie attività svolte dagli enti; informare sui prossimi eventi in programma, tra cui meeting, conferenze, tavole rotonde e campagne di sensibilizzazione; aggiornare la collettività attraverso comunicati stampa e notizie in breve. Già da tempo l Aris ha deciso di procedere con il canale informatico, adeguandosi alle necessità che gli utenti richiedono, con cosi come Un.A.P.S.S. con e con questa newsletter, poichè la digitalizzazione consente una diffusione su larga scala tra gli ospedali, le associazioni e i pazienti, riuscendo così ad informare ed aggiornare una buona parte del territorio siciliano, con specifico interesse e riferimento all area metropolitana di Palermo. Rocco Di Lorenzo Presidente UnANPSS sommario Orlando incontra i Comitati Consultivi Aziendali: al via le migliorie al sistema sanitario palermitano. Prevenzione e riabilitazione: ARIS e UIC firmano la convenzione con l assessore alla Salute Lucia Borsellino. ARIS e prevenzione: consulenza genetica a Villa Sofia-Cervello. Monitorare le malattie eredodegenerative della retina. Social Info Point : uno sportello di orientamento e assistenza per i cittadini. Palermo: Il valore della vista. La salute degli occhi tra bisogni e realtà. You talkin' to me? You talkin' to me? «Ehi tu, dici a me? Ma stai parlando con me?!» Rete antiviolenza di Palermo: incontro sull aiuto concreto alle donne vittime di violenza di genere. 1 Oscar del cane: gara di bellezza canina a Palermo. Accessibile a tutti: la spiaggia Tangram a Follonica. 1

3 Orlando incontra i Comitati Consultivi Aziendali: al via le migliorie al sistema sanitario palermitano SSi è svolto a Villa Niscemi mercoledì 2 luglio, l incontro previsto tra il sindaco Leoluca Orlando, i presidenti dei Comitati Consultivi Aziendali (CCA) dell Area Metropolitana di Palermo (AMP) e il presidente della Conferenza dei CCA Pieremilio Vasta, che si sono confrontati sui temi quali collaborazione tra Comitati, Aziende e Comune riguardo le problematiche della salute; attuazione del progetto rete civica della salute grazie all intesa tra CCA, Regione e Comuni e calo di donazioni e trapianti del I presidenti, che stanno portando avanti lo studio del Piano Attuativo Provinciale al fine di poter esprimere pareri e proposte rispetto a temi quali Malattie Rare, Rete Oftalmologica e malattie croniche ed altri, vedono concretizzarsi le azioni, gli interventi e le proposte previste nell anno Ha introdotto l incontro il dott. Rocco Di Lorenzo, presidente del CCA di Villa Sofia-Cervello e rappresentante dei presidenti dei CCA dell AMP, evidenziando che i comitati rappresentano la volontà dei cittadini di rendere i servizi socio-sanitari più efficenti ed efficaci, attraverso una visione critica costruttiva e un intesa unitaria a sostegno delle positività e delle eccellenze in ambito sanitario. Il sindaco Orlando ha dichiarato che proprio in questi giorni ha attribuito la delega della Sanità all ass. Agnese Ciulla, già in carica per gli Affari Sociali, riempiendo così quel vuoto istituzionale nell interlocuzione tra le aziende sanitarie e il Comune di Palermo, ed ha inoltre discusso di tematiche delicate come donazione e trapianto di organi e tessuti, e il rispettivo calo nel 2013 con conseguente aumento delle liste d attesa e dei viaggi della speranza. Da sinistra, Pieremilio Vasta (presidente della Conferenza dei CCA), Tania Pensabene, Francesco Paolo La Placa, Il Sindaco Leoluca Orlando, Salvatore Camiolo, Anna Sapienza, Giuseppe Palazzotto, Rocco Di Lorenzo. Nella splendida cornice di Villa Niscemi si è affrontato, con l intervento di Pieremilio Vasta, l ambizioso progetto rete civica della salute, in condivisione tra CCA e Assessorato Regionale della Salute. A seguito di ciò, è stata concordata la stipula di un protocollo di intesa con Orlando, in duplice veste di sindaco e presidente dell ANCI Sicilia, al fine di favorire il miglioramento dei servizi socio-sanitari attraverso la collaborazione dei 390 sindaci siciliani. mv, mo 2

4 Prevenzione e riabilitazione: ARIS e UIC firmano la convenzione con l assessore alla Salute Lucia Borsellino Firmata mercoledì 2 luglio la convenzione per la prevenzione della cecità in Sicilia tra l Assessore alla Salute della Regione Siciliana Lucia Borsellino, l Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani (ARIS) e l Unione Italiana Ciechi (UIC). L accordo, stipulato alla presenza di una delegazione di professionisti e soci delle associazioni, ha visto concretizzarsi il piano di impegno del presidente dell ARIS Rocco Di Lorenzo e del presidente regionale dell UIC Pippo Castronovo, in merito alla realizzazione, nel triennio , di programmi di prevenzione e riabilitazione visiva, come previsto dalla L. 284/97. In particolare l ARIS, utilizzando la dotazione organica, le attrezzature sanitarie e gli spazi dell Azienda Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello di Palermo, si è posta come obiettivo il potenziamento del Centro di Ipovisione e Riabilitazione visiva, da anni impegnato a sostegno della fascia adulta della popolazione, e la creazione di un centro, assente nel centro sud, dedicato alla riabilitazione e assistenza dell altra fascia debole, i bambini ipovedenti. mv ARIS e prevenzione: consulenza genetica a Villa Sofia-Cervello Monitorare le malattie eredodegenerative della retina Nel mondo delle patologie genetiche ereditarie la prevenzione ricopre un ruolo importantissimo: informare in maniera completa ed esaustiva i pazienti portatori di malattie genetiche permette loro di prendere con maggiore coscienza la decisione di avere figli, calcolando i rischi di trasmissione delle patologie. Non è un caso allora che l ARIS ha tenuto venerdì 30 maggio presso l AOOR Villa Sofia-Cervello incontri di consulenza genetica ad una decina di famiglie di pazienti affetti da malattie eredodegenerative retiniche grazie alla collaborazione di genetisti ed oculisti tra i quali Elena D Alcamo, biologa del reparto di Ematologia II dell Azienda stessa, Fabiana D Esposito, genetista dell Università di Napoli, e Maria Piccione, responsabile del Centro di riferimento regionale per il controllo e la cura delle malattie rare. L evento si è presentato come un ulteriore occasione di potenziamento della rete di intervento dei centri di genetica molecolare e di ricerca che si occupano di malattie rare, confluendo nel progetto dell ARIS di realizzazione di un Centro di riferimento per lo studio, la diagnosi, la terapia e l assistenza dei pazienti affetti da malattie rare della retina, che si avvarrà della collaborazione del Centro Regionale Malattie Rare diretto dalla Dott.ssa Maria Piccione, dell Assessorato Regionale della Sanità e del protocollo d intesa con l U.O. Ematologia (Direttore Aurelio Maggio). mv Da sinistra: Andrea Giffrè, Lucia Borsellino, Rocco Di Lorenzo, Alessandra Iacò, Sara Giordanella. 3

5 SOCIAL INFO POINT uno sportello di previdenza sociale Aris Aris (Associazione Retinopatici ed Ipovedenti L Siciliani) da alcuni mesi ha intrapreso un lavoro di progett-azione mirato all attivazione di uno sportello, Social Info Point, che si mette a disposizione dei cittadini offrendo un azione informativa capillare sul territorio rispetto alle prassi di assistenza e previdenza sociale, finalizzate al riconoscimento dei diritti di partecipazione e cittadinanza attiva. A riguardo, l Associazione intende istituire un solido punto di riferimento ospedaliero-territoriale che, in collegamento funzionale con le realtà formali e non del territorio palermitano, accoglie ed orienta le richieste di aiuto dei pazienti con disabilità visiva e non solo garantendone la continuità assistenziale e l accompagnamento nei vari setting di cura. In tal senso, Social Info Point, pur avendo sede presso l Aris, via Ammiraglio Gravina n.55, assicura un azione dinamica nelle diverse strutture ospedaliere quali l Azienda Ospedaliera Ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello, via Trabucco n.180 e Presidio Ospedaliero C.T.O. Via A.Cassarà. L ottica dell intervento risiede nella definizione di un nuovo modello di organizzazione dell assistenza che, ponendo al centro il paziente e le sue necessità, mira all analisi appropriata, efficace ed efficiente dei percorsi socio-sanitari nonché di riabilitazione della persona in relazione ai suoi bisogni di salute e alle risorse familiari e comunitarie. Con l avvio di tale punto di riferimento socio-informativo, che assume le vesti di un vero e proprio sportello di orientamento ed assistenza, l Aris favorisce la presa in carico globale della persona con disabilità mediante il supporto all utente nella comprensione dei suoi diritti (con particolare attenzione alle leggi 104/1990 e 138/2001) e nella gestione delle pratiche di invalidità civile, di accompagnamento, nonché di rilascio degli ausili sanitari. Gli obiettivi operativi sono, difatti, facilitare la comunicazione intra-ospedaliera ed extraterritoriale funzionale all accesso alle prestazioni legislative, economico-giuridiche, sociali e sanitarie nonchè favorire la messa in rete dei servizi territoriali pubblici, privati e del no-profit garantendo il più ampio sinergismo comunitario a vantaggio della persona. Il progetto prevede, quindi, la costituzione di un gruppo di lavoro multidisciplinare composto da assistenti sociali, psicologi, ortottisti, infermieri e operatori socio-assistenziali (OSA), impegnato nell implementazione dei percorsi di aiuto, tesi a garantire l analisi dei bisogni del cittadino e la predisposizione di interventi ad elevata integrazione socio-sanitaria, necessari alla valorizzazione dell autonomia della persona. Social Info Point espleta la sua mission mediante le seguenti azioni ed attività a carattere multidisciplinare: Segretariato Sociale: attività di accoglienza, ascolto attivo e diagnosi psicosociale; Accompagnamento dell utente nella compilazione delle pratiche suddette presso gli enti competenti (Patronati e Aris); Cura delle procedure di prescrizione dei dispositivi ottici ed elettronici in favore dei soggetti ipovedenti nonché dei ausili sanitari di vario genere; Gestione dei raccordi interistituzionali e non con gli enti pubblici, privati e no-profit del territorio (ASP, INPS, Patronati, Uffici di Servizio Sociale Comunali ed Associazioni del terzo settore ed in particolare con quelle afferenti ai Comitati Consultivi Aziendali-CCA). mi, mjlv, mo 4

6 eventi recenti Palermo: "Il valore della vista. La salute degli occhi tra bisogni e realtà" Al via la serie di convegni itineranti denominata Il valore della vista. La salute degli occhi tra bisogni e realtà, promossa da Novartis e Alcon, patrocinata dall Aris (Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani) e organizzata in collaborazione con il Sole 24 Ore, che ha come obiettivo quello di affrontare l argomento della prevenzione della cecità e della disabilità ad essa correlata. Il programma 2014 prevede una serie di tappe in diverse città italiane per approfondire le specifiche realtà sanitarie regionali, durante le quali esperti dell area oftalmica, rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni di pazienti, si confronteranno sulle misure di prevenzione e i percorsi diagnostico-terapeutici in un area cruciale per la salute pubblica, non solo della Sicilia ma anche di tutta l Italia. La prima tappa si è tenuta il 26 giugno presso Palazzo Branciforte a Palermo, e ha visto la collaborazione di diverse personalità del settore socio-sanitario, tra i quali il Dott. Rocco Di Lorenzo, presidente dell Aris e presidente del CCA dell A.O. Villa Sofia-Cervello, il Prof. Salvatore Cillino, direttore U.O.C di Oculistica dell Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Giaccone, il Dott. Antonino Pioppo, direttore U.O.C di Oculistica della A.O. Villa Sofia-Cervello e il Dott. Massimo Scimemi, direttore U.O.C di Oculistica A. O. ARNAS Civico, che sono intervenuti in merito alle problematiche dell ipovisione e il management clinico delle malattie della vista, riguardo sostenibilità e innovazione. Un contributo importante,che ha visto il coinvolgimento di esponenti della medicina, delle case farmaceutiche e del mondo delle associazioni, volto ad analizzare l impatto individuale e sociale delle malattie della vista, al fine di migliorare il ben-essere bio-psico-sociale e la piena autonomia della persona. mv, mo "You talkin to me? You talkin to me?" «Ehi tu, dici a me? Ma stai parlando con me?!» Sicuramente Robert De Niro nel film Taxi Driver risulta essere un eccellente comunicatore. Uscendo dall ambito cinematografico, la comunicazione è senza dubbio un tema molto delicato che influenza diversi ambiti, soprattutto quello lavorativo e socio-culturale. L abuso dei mezzi tecnologici condiziona costantemente il modo di relazionarsi e l approccio con il prossimo, infatti, se da una parte permette una migliore interazione linguistica tra utenti di diversi paesi, dall altra impoverisce il lessico e il modo di comportarsi quando non si è dietro un pc. Pertanto è necessario ripristinare o acquisire un linguaggio comunicativo corretto. In questa direzione si è mossa l Aris, che nei giorni 13 e 14 Giugno ha attivato un corso intitolato Il facilitatore della comunicazione in ambito socio-sanitario, rivolto alla collettività e soprattutto a coloro che operano in ambito socio- sanitario. Il corso ha avuto come obiettivo quello di permettere ai partecipanti di acquisire gli elementi fondamentali che caratterizzano la comunicazione interpersonale e di ottenere consapevolezza della propria modalità di comunicazione. I relatori, attraverso un percorso laboratoriale hanno analizzato sapientemente alcuni aspetti dei processi relazionali in modo da migliorare la capacità di trasmettere e raccogliere messaggi, utilizzandoli al meglio in ambito professionale. Giunto alla seconda edizione, il corso di formazione si è distinto per le modalità di insegnamento, poichè, oltre alla classica lezione frontale, il lavoro è stato strutturato attraverso dinamiche non formali di tipo esperienziale, attraverso role playing, attività di gruppo, e simulazione di mediazione e negoziazione, che hanno entusiasmato e coinvolto, i corsisti, in maniera del tutto innovativa. di 5

7 Rete antiviolenza di Palermo: incontro sull aiuto concreto alle donne vittime di violenza di genere Si è tenuto martedì 9 luglio dalle ore alle il convegno, organizzato dal Comune di Palermo, l Assessorato alla Cittadinanza sociale con Le Onde Onlus e la Rete antiviolenza della città di Palermo, nell ambito del progetto A.S.T.R.A. (Accoglienza Specializzata in rete e percorsi di Autonomia per le donne), realizzato con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Durante l evento, tenutosi presso la Sala de Seta dei Cantieri Culturali alla Zisa, è stato presentato alla città il sistema integrato di aiuto concreto alle donne e ai minori della città di Palermo che si strutturato in 15 anni di esperienza di lavoro di rete, soffermandosi sugli strumenti di emergenza e presa in carico, attraverso l intervento di ospedali, forze dell ordine e servizi sociali. Realizzata in collaborazione con ANCI Sicilia, D.i.Re Donne in rete contro la violenza, Assessorato alla Cultura e i Cantieri Culturali alla Zisa, è stata illustrata la mappa elaborata per evidenziare il percorso per le donne che chiedono aiuto, considerando tutti i punti di accesso alla Rete e i nodi coinvolti nel percorso di uscita dalla violenza, sia in emergenza/urgenza, sia nella fase delicata del progetto individuale o familiare. Una mappa delle connessioni sostenuta da procedure interne agli enti e integrate tra loro, che rappresenta uno dei risultati del progetto A.S.T.R.A. e delle collaborazioni avviate a livello nazionale o regionale in materia. BASTA! mv 1 Oscar del cane Gara di bellezza canina a Palermo Grande successo per il 1 Oscar del cane che si è tenuto a Palermo presso la location Villa Doroty di Via Villagrazia n 182 lo scorso mese, organizzato dalla dott.ssa Maria Grazia La Valle (Presidente della prima commissione attività sociali della Seconda Circoscrizione del Comune di Palermo). I cani di piccola, media e grande taglia si sono esibiti davanti una giuria che li ha valutati e ha premiato i primi classificati per ogni categoria consegnando l Oscar-premio. Per tutta la durata dell esibizione è stato promosso il tema dell adozione, in particolare dei nostri amici a quattro zampe del canile municipale di Palermo. Hanno partecipato all iniziativa veterinari, unità cinofile e varie associazioni quali l OIPA Palermo, LIDA Palermo, Lega del Cane, Lo scodinzolo, EDE e Lega Nazionale per la difesa del cane. L Aris (Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani) ha messo a disposizione i suoi volontari del Servizio Civile Nazionale e coinvolto Mario Messina con il suo cane guida, che ha concentrato l attenzione sulle problematiche relative alle disabilità visive e criticità sull accessibilità alle varie strutture nell ambito socio-sanitario. Inoltre l ASP 6 ha dato il suo contribuito effettuando le microchippature a chiunque volesse usufruire del servizio a titolo gratutito. gp, mf 6

8 MIND THE ACCESSIBILITY GAP Spiagge accessibili a tutti: l esempio dello stabilimento di Tangram di Follonica remiata la spiaggia Tangram di Follonica, situata in P provincia di Grosseto in Toscana, nella sede della Commissione Europea a Bruxelles, nell'ambito del convegno «Mind the accessibility gap» sul turismo accessibile. In questa occasione sono state premiate le strutture ricettive che da anni lavorano per mettere a disposizione infrastrutture accessibili a tutti, in un contesto che includeva progetti realizzati in Romania, Malta, Austria e Italia. Lo stabilimento balneare è frutto dell impegno della cooperativa Il Nodo, cooperativa sociale Onlus e rappresenta la concreta risposta a come si debba superare il concetto di abbattimento di barriere architettoniche e avere una nuova visione globale che già in fase di progettazione elimini gli impedimenti per le persone che hanno necessità particolari. L obiettivo principale è stato quello di garantire la possibilità di muoversi nella struttura: un camminamento in legno corre dalla strada, lungo la struttura, fino al bar; intorno agli ombrelloni vi sono piazzole per una maggiore accessibilità della persona su sedia a rotelle all'ombrellone; altri camminamenti in plastica sono stati predisposti per servire due file di ombrelloni, il tutto per un totale di circa 130 metri lineari. Sono state installate inoltre 2 solar beach, postazioni ombra accessibili dotate di pedane e gazebo adatti ad accogliere gruppi e vi è la possibilità per anziani e disabili di usufruire gratuitamente di sedie Job, adatte al trasporto di persone con ridotte capacità motorie. Le strutture di camminamento in legno o le pedane sulla sabbia sono studiate in modo tale che anche gli ipovedenti possano attraversarle senza difficoltà e per il loro accesso in mare la spiaggia si è dotata di uno strumento conosciuto a tutti, la musica. Il metodo consiste nell utilizzo della musica ad alto volume direzionata verso il mare tramite un apposito amplificatore, che permette agli ipovedenti di non perdere l orientamento quando si trovano all interno dell acqua e di ritrovare con facilità la via del ritorno alla spiaggia in totale autosufficienza. La struttura rappresenta un passo avanti nella lotta all abbattimento delle barriere architettoniche, da sempre ostacolo alla possibilità di usufruire in maniera agevole dei luoghi pubblici da parte dei disabili o degli anziani, in un ottica di pianificazione e realizzazione efficiente per tutta la cittadinanza. mv 7

9 Ad Unione Newsletter lavorano i dodici volontari del Servizio Civile Nazionale in seno al progetto 2014 dell Aris Ridurre l ipovisione con l informazione e la prevenzione, atto a promuovere la prevenzione e l assistenza rispetto alle problematiche della vista attraverso diversi mezzi di comunicazione tra i quali le riviste trimestrali Ipovisione: scienza, informazione, cultura e mercato e Unione News e i siti e it. Gli argomenti affrontati sono di natura scientifica, legislativa, lavorativa, psicologica, sociale e culturale, inserendosi nell ottica del potenziamento delle attività di sensibilizzazione e prevenzione delle malattie eredodegenerative retiniche che causano ipovisione e cecità, in particolare nelle fasce di soggetti in età evolutiva e nella terza età, al fine di favorire la riabilitazione, l autonomia della persona e l informazione riguardo le iniziative portate avanti dalle associazioni di volontariato. In foto: da sinistra, Cristian Conigliaro, Maria Josè Lo Verde, Marta Ienzi, Noemi D'aria, Antonino Coffaro, Maria Foti, Gessica Peritonno, Matteo Volpe, Daniele Inglese, Antonina Germana Paruta, Salvatore Lentini, Viviana Randazzo. editore Aris/UnANPSS direttore responsabile Rocco di Lorenzo capo redattore Matteo Volpe redattori Maria Foti, Marta Ienzi, Daniele Inglese, Maria Josè Lo Verde, Maria Orlando, Gessica Peritonno raccolta materiali Antonino Coffaro, Maria Foti, Sara Giordanella, Daniele Inglese, Maria Orlando, Gessica Peritonno segretaria Sara Giordanella, Maria Orlando gestione web Andrea Giambona, Salvatore Lentini grafica Leonardo Antonio Mesa Suero UNI NEnewsle ter 8

10

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

Il volontariato nella sanità Attività di governance, di comunicazione, integrazione e mediazione culturale

Il volontariato nella sanità Attività di governance, di comunicazione, integrazione e mediazione culturale Unione Associazioni No Profit Società e Salute Onlus L Unione Associazioni no Profit - società e salute onlus in breve Un.ANPSS-Onlus è un coordinamento di Associazioni e di Servizi che operano in forma

Dettagli

Progetto. Donna in libertà

Progetto. Donna in libertà Progetto Donna in libertà finanziato dal Ministero nell ambito di interventi finalizzati a Rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza I numeri che parlano della violenza

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva

Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva L.PINELLO CENTRO REGIONALE SPECIALIZZATO PER L IPOVISIONE INFANTILE E DELL ETA EVOLUTIVA Dip.

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Art. 12: Reti di riferimento

Art. 12: Reti di riferimento Progetto Mattone Internazionale: Workshop Applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Perugia, 10 maggio 2013 Approfondimenti su tematiche specifiche legate

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

Presentazione UILDM VERONA ONLUS Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare. Sede di Verona Sede staccata di Cerea

Presentazione UILDM VERONA ONLUS Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare. Sede di Verona Sede staccata di Cerea Presentazione Sede di Verona Sede staccata di Cerea Presentazione Presentazione Missione Presentazione UILDM Verona é un'organizzazione di Volontariato iscritta al Registro Regionale del Volontariato VR0059.

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA ASL ASL LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate WORKSHOP SORVEGLIANZA DELLA VIOLENZA E DEGLI INCIDENTI (TRAUMI, USTIONI, AVVELENAMENTI, SOFFOCAMENTO): RICONOSCIMENTO E INTERVENTO NEI CASI OSSERVATI IN AMBITO OSPEDALIERO E SANITARIO Roma, 20 febbraio

Dettagli

PREFERISCI IL TECNICO O IL PROFESSIONALE? 1 SABATO LIBERO I.I.S. SELLA-AALTO-LAGRANGE A.S. 2014-2015

PREFERISCI IL TECNICO O IL PROFESSIONALE? 1 SABATO LIBERO I.I.S. SELLA-AALTO-LAGRANGE A.S. 2014-2015 I.I.S QUINTINO SELLA Via Montecuccoli 12 10121 TORINO Tel. 011-542470 Fax 011-547883 I.I.S. ALVAR AALTO Via Paolo Braccini 11 10141 TORINO Tel. 011-3828181 Fax 011-3808842 I.I.S. LUIGI LAGRANGE Via Genè

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

"Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni"

Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni "Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni" Mario Melazzini Direttore Scientifico Centro Clinico NeMo, Fondazione Serena, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda, Milano Il punto di partenza

Dettagli

Modulo Sanitario Prof. A. Francomano Professore Aggregato di Psichiatria Università degli Studi di Palermo, Presidente SIP Regionale

Modulo Sanitario Prof. A. Francomano Professore Aggregato di Psichiatria Università degli Studi di Palermo, Presidente SIP Regionale I.A.S.P. e IFOTES SCHEDA ESPLICATIVA CORSO DI FORMAZIONE PRONTO? CHI AMA RISPONDE L AIUTO TELEFONICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI SULL APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE ALLA PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ARMA DEI CARABINIERI COMANDO PROVINCIALE, LA QUESTURA DI CATANIA, L AZIENDA OSPEDALIERA O.V.E. FERRAROTTO S. BAMBINO DI CATANIA - L AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI CATANIA -

Dettagli

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO.

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. Supporto psicologico a favore degli operatori e dei familiari coinvolti nel lavoro di assistenza

Dettagli

Corso di Alta Formazione per le professioni di aiuto: Counselling, Musicoterapia & Arti Terapie

Corso di Alta Formazione per le professioni di aiuto: Counselling, Musicoterapia & Arti Terapie Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Corso di Alta Formazione per le professioni di aiuto: Counselling, Musicoterapia & Arti

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI Il Comitato Direttivo dell AUSER nazionale riunito a Roma in data 24 giugno 2015 - valutando

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

II CORSO DI LIVELLO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE DEI DISABILI VISIVI

II CORSO DI LIVELLO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE DEI DISABILI VISIVI TITOLO CORSO: II CORSO DI LIVELLO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE DEI DISABILI VISIVI AREA: DISABILI CODICE: D2 Obiettivi dettagliati che il percorso persegue Nell ambito del supporto istituzionale offerto

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

LO PSICOLOGO DELLA SALUTE IN OSPEDALE: L ESPERIENZA DELLA SICILIA

LO PSICOLOGO DELLA SALUTE IN OSPEDALE: L ESPERIENZA DELLA SICILIA S.I.P.S.A. Società Italiana di Psicologia della Salute X Congresso Nazionale Orvieto 10/12 maggio 2013 LO PSICOLOGO DELLA SALUTE IN OSPEDALE: L ESPERIENZA DELLA SICILIA Paolo Bozzaro Presidente Ordine

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

STRUTTURA. Denominazione. Ubicazione ORGANIZZAZIONE

STRUTTURA. Denominazione. Ubicazione ORGANIZZAZIONE STRUTTURA Denominazione AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) Onlus Sezione Provinciale di Chieti Responsabile Giulia Franco Di Aimola Biase Ubicazione Viale Abruzzo, 322 66100 Chieti Scalo (CH)

Dettagli

COMUNE DI SIZIANO Provincia di Pavia

COMUNE DI SIZIANO Provincia di Pavia COPIA COMUNE DI SIZIANO Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Verbale N. 173 / 19.10.2015 ****************** OGGETTO: ADESIONE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE

Dettagli

COMMISSIONE FORMAZIONE

COMMISSIONE FORMAZIONE COMMISSIONE FORMAZIONE ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI Componenti Barbara Giacconi Silvia Eugeni Michela Bomprezzi Orazio Coppe N. incontri 12 Obbiettivi inizi 1. Dialogo e confronto con gli iscritti.

Dettagli

Rete Provinciale contro la violenza di genere

Rete Provinciale contro la violenza di genere Assessorato alle Pari Opportunità Protocollo d intesa per la costituzione della Rete Provinciale contro la violenza di genere Protocollo d intesa per la costituzione della Rete Provinciale contro la violenza

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura SETTORE e Area di intervento: Assistenza Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO: Contribuire a migliorare le condizioni

Dettagli

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorpapardopiemonte.it

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorpapardopiemonte.it REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE Ctr. Papardo 98158 Messina - tel.090-3991 Codice Fiscale e Partita IVA 03051880833 Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email:

Dettagli

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici Progetto Mosaico network di analisi delle terapie e studi epidemiologici IMS Health IMS Health è un grande gruppo internazionale leader nel mondo nella fornitura di servizi di informazioni di mercato per

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

PREFERISCI IL TECNICO O IL PROFESSIONALE? SABATO LIBERO I.I.S. SELLA-AALTO-LAGRANGE A.S. 2014-2015

PREFERISCI IL TECNICO O IL PROFESSIONALE? SABATO LIBERO I.I.S. SELLA-AALTO-LAGRANGE A.S. 2014-2015 I.I.S QUINTINO SELLA Via Montecuccoli 12 10121 TORINO Tel. 011-542470 Fax 011-547883 I.I.S. ALVAR AALTO Via Paolo Braccini 11 10141 TORINO Tel. 011-3828181 Fax 011-3808842 I.I.S. LUIGI LAGRANGE Via Genè

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

RELAZIONE SANITARIA 2007

RELAZIONE SANITARIA 2007 RELAZIONE SANITARIA 2007 A CURA DELL OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PROVINCIALE Agosto 2008 1 Copie disponibili presso: Osservatorio Epidemiologico Provinciale Ripartizione Sanità Via Canonico M. Gamper 1

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 PROGETTO TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 Premessa Il Progetto si configura come nuovo sistema di telefonia che assorbe e da continuità alla sperimentazione

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

L assistenza al malato e all anziano in casa

L assistenza al malato e all anziano in casa L assistenza al malato e all anziano in casa Prima edizione 2014 PRENDIAMOCENE CURA CON CROCE ROSSA ITALIANA DESIO e NUCLEO BRIANTEO - ASSOCIAZIONE REGIONALE LOMBARDIA INFERMIERE/I L AMORE PER I PROPRI

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

ATTIVITA AIDAI TOSCANA 2016 E PROPOSTE PER I SOCI

ATTIVITA AIDAI TOSCANA 2016 E PROPOSTE PER I SOCI ATTIVITA AIDAI TOSCANA 2016 E PROPOSTE PER I SOCI AIDAI TOSCANA L Associazione Italiana Disturbi di Attenzione e Iperattivita e patologie correlate, sezione TOSCANA (AIDAI-TOSCANA) è un Associazione di

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI ZEVIO Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI ZEVIO Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI ZEVIO Provincia di Verona N. 182 Reg. Delibere VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROPOSTA, AL CONSIGLIO COMUNALE, DI LEGGE REGIONALE "ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PSICOLOGIA

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni

I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni Dr. Michele Corcio Vicepresidente Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità Cecità legale: definizioni e classificazione cecità legale fino

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

TRA SI CONVIENE E STIPULA

TRA SI CONVIENE E STIPULA CONVENZIONE TRA L ASL VC VERCELLI E L UNIONE ITALIANA CIECHI ED IPOVEDENTI O.N.L.U.S. SEZ. PROVINCIALE DI VERCELLI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOVRAZONALE PER LA PREVENZIONE, DIAGNOSI, RIABILITAZIONE

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA Come ci si può documentare sull UE? Il modo più veloce per documentarsi sull UE è la consultazione del sito ufficiale dell Unione europea (http://europa.eu), dal quale

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING 17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING Nel 2000 è stato istituito il Sistema Comunicazione e Marketing, in applicazione di una specifica normativa ed in attuazione del Piano Sanitario Regionale 1999-2001.

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli specializzati L esperienza del Servizio Accoglienza extra

Dettagli

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese I questionari compilati devono essere consegnati entro il 28/02/2011 al Cesvov: Per e-mail (scannerizzato)

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PREMESSO che il Servizio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Valdichiana Senese

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli