Musica e strumenti. La parola musica L evoluzione musicale è andata di pari passo con il cammino dell uomo. I miti musicali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Musica e strumenti. La parola musica L evoluzione musicale è andata di pari passo con il cammino dell uomo. I miti musicali"

Transcript

1 PERCORSO 4 Musica e strumenti musicali Molte sono le teorie sull origine della musica: c è chi sostiene che essa, come ogni altra attività creativa, abbia ricevuto impulso in seguito alla nascita delle civiltà urbana. Secondo tale ipotesi, la distinzione fra musicista e non musicista costituisce uno dei primi processi di differenziazione dei compiti all interno delle comunità. Darwin stesso ricavò dall osservazione del mondo animale, in particolare dagli uccelli, la tesi secondo cui la musica sarebbe connaturata ai processi di seduzione fra i due sessi. Altri studiosi hanno poi sostenuto che la musica sia collegata alla naturale inclinazione di ogni essere umano a esprimere un ritmo musicale, battendo le mani, i piedi e utilizzando ogni oggetto a disposizione. Sarebbe in realtà il tentativo di riprodurre il primo suono percepito ancora nel ventre materno, cioè il battito cardiaco. Al di là di queste constatazioni gli etnomusicologi, oggi, sono concordi nel ritenere che l origine dell espressione musicale non sia da connettersi a un processo unico, uguale per tutti, ma sia comunque collegata alla nascita del linguaggio. 1 I miti musicali Affresco raffigurante un musicista, proveniente dalla tomba di Rekhmire a.c. La parola musica L evoluzione musicale è andata di pari passo con il cammino dell uomo nella storia. Ogni società antica associava alla musica un mito che ne narrasse l origine e, soprattutto, il suo potere fascinatorio (si pensi al mito greco di Orfeo, il cui il protagonista, grazie al canto, era stato capace di riportare in vita la sposa, Euridice). Anche l origine della parola musica è molto dibattuta: per alcuni deriverebbe dal termine greco moúsa, cioè musa, una delle divinità protettrici delle arti, dal momento che in origine la parola musica (in greco mousiké) non indicava un arte particolare ma tutte indistintamente, riferendosi a qualcosa di perfetto e bello in sé. I miti egizi Presso gli Egizi la divinità protettrice della musica, della poesia, della danza e dell amore era Hathor, madre celeste, che offriva il proprio latte alle stelle per alimentarne lo splendore. Lo strumento a lei sacro era il sistro, mentre l altro strumento molto diffuso in Egitto era il flauto, sacro al dio Amon. Plutarco sosteneva invece che fosse stato il dio Toth a inventare la musica e che al suono delle trombe, sacre al suo culto, Osiride avesse civilizzato il mondo. La letteratura egizia è ricca di riferimenti musicali: in una delle storie leggendarie sul faraone Cheope, ad esempio, è presente un gruppo di dee travestite da musiciste itineranti. Molti sono inoltre gli inni egizi in cui si fa riferimento alla musica: in uno rivolto ad Amon, risalente al periodo del Nuovo Regno, si dice: Io canto a te, ebbro della tua bellezza / con le mani sull arpa del cantore. / Io insegno ai fanciulli dei cantori / a celebrare la bellezza del tuo volto. Platone stesso lodava la perfezione del modello musicale egizio e riteneva che Pitagora avesse elaborato le sue teorie musicali proprio in quella terra. 1

2 La creazione del mondo tramite la musica Musica e strumenti musicali Percorso 4 Miti di creazione legati alla musica si ritrovano anche nelle civiltà non occidentali: il dio indiano Prajâpati con la sua voce creò il cielo, le acque e la terra, mentre, secondo alcune tribù indiane d America, il mondo è stato creato cantando tre volte. Il suono e la parola sono anche alla base del mito ebraico della creazione, come si può leggere nei primi versetti della Bibbia; in questo testo numerosi sono gli episodi in cui il suono e la musica sono protagonisti: ad esempio le mura di Gerico furono abbattute dagli squilli di tromba delle milizie d Israele e re David placò con il suono dell arpa la follia di re Saul. Un uomo che balla e canta; stele proveniente dal Guatemala. X-IV sec. a.c. 2 Il ruolo dei suonatori I miti greci Molti sono i miti greci sulla musica: ad esempio Anfione, figlio di Zeus e Antiope, con il suono della lira, che aveva il potere di radunare le pietre, edificò le mura di Tebe e gli alberi stessi al suono del suo flauto si offrirono come carpentieri. Le mura così create avevano sette porte, quante erano le corde della lira. Quasi tutti i miti greci inoltre hanno una dimensione sonora. Del resto, come altri popoli, i Greci considerarono la musica un dono degli dèi, alcuni dei quali erano identificati da strumenti musicali o da suoni, soprattutto di origine naturale: il tuono ad esempio era la voce di Zeus. Talora agli dèi era attribuita la creazione anche di strumenti musicali: Ermes ricavò la lira dal carapace vuoto di una tartaruga, mentre, secondo la leggenda, il flauto e il flauto ad ancia furono inventati rispettivamente da Iagnis e Marsia. Il padre del canto, come abbiamo accennato, fu Orfeo, mentre al flautista Olimpo fu attribuita la nascita delle melodie tradizionali. Le popolazioni primitive I popoli primitivi ponevano al vertice della struttura sociale chi aveva l autorità di pronunciare le formule rituali, nelle quali il suono indistinto, misterioso ed enigmatico prevaleva sulla parola. Canti rituali hanno da sempre accompagnato i momenti fondamentali della vita di ogni individuo e della comunità, come la nascita, la circoncisione, le nozze, la morte, la guarigione, e quelli legati al cambio delle stagioni. Le civiltà antiche Nelle civiltà antiche i sacerdoti traevano il loro potere dalla conoscenza di formule e canti magici: in Mesopotamia i musici erano formati in apposite scuole e costituivano una classe sociale a sé stante. Presso i Sumeri la musica aveva anche un ruolo educativo: nelle raffigurazioni spesso si scoprono piccole orchestre di bimbi e donne, guidate dai maestri. Gli Assiri ponevano i musicisti di corte al di sopra dei sapienti, preceduti solo da dèi e sovrani. Nella civiltà egizia la musica aveva un ruolo importante nei rituali del tempio ed era eseguita da sacerdoti-cantori. Dalle raffigurazioni apprendiamo che durante il Nuovo Regno anche donne musiciste, appartenenti a famiglie nobili, partecipavano ai riti religiosi, mentre nel tempio erano presenti danzatori e danzatrici addetti al culto, molto spesso schiavi di origine straniera. Un intensa attività musicale si svolgeva alla corte del faraone, presso cui cantanti e strumentisti avevano una posizione di prestigio: di alcuni di essi sono giunti fino a noi perfino i nomi. Lo storico greco Erodoto, descrivendo i costumi dei Persiani, narra: I Persiani per dona- Bronzetto raffigurante aedo all opera da Creta. VIII sec. a.c. 2

3 Competizione musicale tra Apollo (con la cetra) e Marsia (un satiro che suona il flauto); rilievo proveniente dal santuario di Latona a.c. Atene, Museo Archeologico Nazionale. 3 Le occasioni della musica re al loro Dio non praticavano il sacrificio, non accendevano il fuoco sacro e non spargevano il vino sulle tombe, però uno dei loro sacerdoti cantava un inno religioso e noi oggi sappiamo che questi canti religiosi erano gli inni di Zarathustra. Tra i Persiani i musicisti appartenevano a una casta prestigiosa. La musica in Grecia Le cerimonie religiose in Mesopotamia Tra VIII e VII secolo a.c. in Grecia coesistettero tre diverse espressioni musicali. Gli aedi erano professionisti che cantavano le gesta degli eroi e degli dèi, accompagnandosi con il kitháris, una lira di grandi dimensioni. Nelle campagne invece la musica e la danza avevano come protagonista principale la sýrinx, ossia una specie di flauto. Il canto corale infine accompagnava le cerimonie religiose e civili. Tra VI e V secolo a.c. il teatro raccolse la tradizione musicale precedente: il coro, che accompagnava le rappresentazioni, talora supportato dalla lira o dal flauto, faceva da commento alla vicenda ed eseguiva anche danze nell orchestra, lo spazio davanti alla scena. In Grecia si creò quindi un indissolubile unione tra musica e poesia; si ricordano infatti poeti che furono anche grandi riformatori musicali: secondo la leggenda, Terpandro avrebbe aumentato il numero delle corde della cetra, Stesicoro avrebbe riformato i cori e uno dei pochi frammenti di musica greca pervenutici sarebbe opera di Pindaro. I popoli della Mezzaluna fertile utilizzavano la musica prevalentemente nell ambito di cerimonie religiose, durante rituali che si svolgevano nel tempio, oppure in occasione di feste, ricorrenze, vittorie militari. Esisteva inoltre un legame tra riti funebri e lamentazioni musicali, giustificabile con il carattere spirituale e quasi sacro attribuito ai suoni, tanto che prima di suonare uno strumento, i musicisti si lavavano le mani per purificarle. Molte canzoni dell area mesopotamica giunte sino a noi sono rivolte alla dea Inanna, inoltre la musica e la danza erano parte integrante delle celebrazioni quotidiane; nei templi i riti musicali erano suonati in occasione di matrimoni e nascite nelle famiglie reali. Gli Ebrei attribuivano al canto un enorme importanza religiosa: durante il regno di David, le cerimonie erano imponenti e vi prendevano parte migliaia di coristi che si accompagnavano con strumenti musicali. Suonatore di arpa, tavoletta proveniente da Diyala a.c. La musica in Egitto Gli Egizi consideravano la musica un dono degli dèi, fonte di letizia e di serenità; durante l Antico Regno la musica aveva una funzione magica e propiziatoria e i sacerdoti tramandavano il proprio sapere musicale da una generazione all altra. Canti e danze, accompagnati con arpe, flauti, cimbali, erano eseguiti anche durante le processioni cultuali pubbliche, mentre danzatori e suonatori eseguivano lamenti durante i funerali. Al di fuori dell ambito rituale sono rimasti canti di lavoro (per la mietitura, la trebbiatura, la pigiatura dell uva) e canti d amore. Numerosi testi parlano di grandissime orchestre e di sterminati cori. La prevalenza di strumenti a percussione o comunque rumorosi, quali tamburi, crotali, sistri, fa ritenere che la musica fosse molto ritmata e chiassosa; in privato, invece, doveva essere molto dolce, almeno stando alle caratteristiche degli strumenti utilizzati: l arpa, il liuto, il flauto. Sembra che fosse la voce ad accompagnare gli strumenti e che particolarmente apprezzate 3

4 fossero le cantatrici siriache. Gli Egizi credevano che il suono degli strumenti musicali avesse anche un potere terapeutico: il sistro, ad esempio, poteva scacciare il male e le forze negative. Menadi danzanti davanti alla statua di Dioniso. Particolare di una coppa a figure rosse a.c. Berlino, Museo statale. Musica e filosofia greca Verso la fine del periodo arcaico cominciò a svilupparsi in Grecia una lirica monodica, affidata a una voce sola ed eseguita in contesti conviviali. Monodiche furono, ad esempio, le intonazioni con cui si declamavano i poemi omerici e la lirica di epoca alessandrina e romana. In alcune città come Sparta, invece, dove era sviluppato un forte senso dello Stato e della dimensione collettiva della vita, la musica non poteva che essere corale, rivolta a celebrare unicamente eventi pubblici religiosi e laici. Forme di lirica corale erano: il peana in onore di Apollo, il ditirambo in onore di Dioniso, l imeneo, o canto di nozze, il thrénos, o canto funebre, il partenio, o canto di fanciulle, e gli epinici in onore dei vincitori delle gare sportive. Nella lirica corale alla poesia si aggiungeva inoltre la danza, sempre eseguita dal coro. La musica non era concepita dai Greci come attività indipendente, ma come nucleo principale dell educazione, assieme alla cultura fisica: lo stesso Platone ne sottolineò l importanza educativa, mentre a Pitagora si attribuisce la scoperta del nesso tra musica e stati d animo: ogni tipo di musica, secondo Pitagora, imitava un carattere umano. Platone raccolse l eredità pitagorica, secondo cui il cosmo era organizzato da rapporti numerici che sono essi stessi armonia musicale, la cosiddetta armonia delle sfere (armonia pitagorica), ragion per cui, secondo Platone, la musica deve essere considerata una scienza e, in quanto tale, oggetto non dei sensi ma della ragione. La musica può dunque avvicinarsi alla filosofia sino a identificarsi con essa. Aristotele diede una giustificazione antropologica dell arte, in quanto insita nella natura umana, ma legata ai momenti di riposo: la musica, infatti, ha come fine il piacere, e come tale, rappresenta l ozio, cioè qualcosa che si oppone al lavoro e all attività. La musica a Roma I Romani, al contrario dei Greci, fecero un uso più superficiale della musica e quasi esclusivamente pratico: ritroviamo infatti la musica tra gli elementi spettacolari inseriti nelle attività connesse al divertimento. Certamente la musica non era assente nelle feste religiose, ma questa non era la sua funzione principale. Soprattutto in epoca imperiale essa divenne parte integrante delle feste pubbliche e private, dei sontuosi banchetti dei nobili, delle parate militari, delle cerimonie, dei giochi pubblici, delle opere teatrali. Si trattava tuttavia non tanto di amore per la musica in sé, quanto della smania di creare rappresentazioni grandiose, che gli imperatori incoraggiavano (e sovvenzionavano) considerandolo un mezzo di propaganda per distrarre l attenzione delle masse dalle sofferenze i quotidiani. I Romani non ebbero mai uno stile musicale originale, ma adattarono e fusero gli stili musicali delle civiltà con le quali vennero in contatto. Vari suonatori durante un rito misterico. Partocolare di un affresco dalla Villa dei Misteri a Pompei. 50 a.c. 4

5 4 musicali Soldato che suona il corno; particolare da una stele romana commemorativa. 45 a.c. primitivi Inizialmente la musica si è identificata in suoni gutturali e colpi sordi e indistinti, non solo prodotti dall uomo ma anche da strumenti quali tamburi, corni, flauti. Sugli strumenti musicali delle popolazioni primitive si sono compiuti numerosi studi, che hanno consentito di rilevare anzitutto che i primi strumenti furono adattamenti di utensili impiegati per fini pratici, compreso lo stesso corpo umano, e che solo più tardi si giunse alla costruzione di veri e propri strumenti musicali. Uno studio approfondito degli strumenti dei popoli primitivi fu compiuto dal musicologo tedesco Curt Sachs ( ), che classificò gli strumenti primitivi basandosi sui loro caratteri morfologici, suddividendoli in idiofoni, membranofoni, aerofoni e cordofoni. più diffusi, anche perché costituiti da oggetti di uso comune, sono gli idiofoni, cioè quelli in cui il corpo vibrante coincide con quello dello strumento, per cui dalla percussione del corpo umano o di sue parti si passò alla percussione del terreno con i piedi. Altri idiofoni primitivi erano i tronchi d albero distesi sul terreno, aperti o scavati nel senso della lunghezza: la loro percussione era effettuata con i piedi, con le mani, con mazze o battagli. Altri ancora sono i sonagli ottenuti riempiendo di sassolini o di semi di frutti essiccati pelli di animali e vasi o infilando pezzi di metallo in contenitori di legno e argilla. I tipi più evoluti di idiofoni sono gli xilofoni, i litofoni, i gong. Tra gli strumenti più antichi ritrovati c è proprio un tamburo a fessura, ovvero un cilindro cavo, con una fessura longitudinale lungo la superficie esterna, che era suonato percuotendolo con le bacchette sulla fessura stessa. Meno vari in epoca primitiva sono i membranofoni, frutto di una tecnologia più evoluta, e costruiti con pelli d animali tese su un vaso o su una cavità costituta da una zucca, un tronco cavo o una noce di cocco. A stadi più evoluti appartengono i tamburi, in cui una o due pelli sono tese su un recipiente di argilla o su di un telaio di legno di forme diverse. Tra gli aerofoni lo strumento più semplice è il bastone sibilante, una tavola di legno fissata a una corda che, volteggiando in aria, produceva sibili di varie altezze, secondo la velocità. Non è difficile immaginare le origini degli altri strumenti musicali a fiato, nati dalle grosse conchiglie marine, dalle corna degli animali uccisi, dalle canne vuote. Più tardi l uomo perfezionò la canna del flauto, rendendola capace di produrre suoni diversi; i più antichi tipi di flauti sono ricavati da ossi di animali, svuotati e forniti di fori laterali. In seguito furono costruiti flauti di legno e flauti d argilla. Il flauto più antico finora scoperto risale a quasi anni fa e fu ricavato dalla zanna d avorio di un mammut. La lavorazione dei metalli condusse poi l uomo a fabbricare le prime trombe. meno diffusi nelle culture primitive sono i cordofoni. Tra le forme più arcaiche sono da citare l arco, una corda tesa fra due estremità di un bastone elastico o tenuta con un estremità in bocca e pizzicata, e il salterio di canna, costruito con sottili strisce di scorza di canna di bambù. Con questi princìpi (un telaio fisso e corde elastiche tese su di esso e attraverso esso) furono costruiti i cordofoni più perfezionati, le cetre e le arpe. Caricatura di suonatore di tamburo. Statuetta in ceramica, proveniente dalla Cina d.c. 5

6 nella Bibbia Nei testi sacri dell Ebraismo si accenna per la prima volta alla musica quando si parla di Jubal, figlio di Lamec e di Ada, del quale viene detto che fu il padre di quelli che suonano il kinnor (una cetra o chitarra di piccole dimensioni) e il flauto (Genesi 4,21). Un altro strumento tipico era il tabret o tof (timpano). Strumenti riservati al culto erano lo shofar, un corno d ariete, la hazozra, una tromba, e il pa amon, un sonaglio usato solo dai sacerdoti. La citazione tratta dalla Bibbia, secondo gli studiosi, si può collocare storicamente in un epoca compresa tra il 3200 e il 3000 a.c., il che dimostrerebbe come la varietà strumentale fosse già allora varia e ben consolidata. Strumenti sumeri Ci sono molte prove che i Sumeri amassero la musica. La scoperta di numerosi strumenti musicali nelle tombe reali e la raffigurazione di musicisti fa ritenere che essa avesse un ruolo importante nella vita religiosa e civile della terra di Sumer. Sono state ritrovate arpe, sistri, flauti, oboi, trombe, corni, lire, liuti e quantità di percussioni. Le arpe, le percussioni e i flauti erano diffusi sin dagli albori di questa civiltà; le trombe metalliche, i liuti o i corni appartengono invece a fasi storiche più recenti. Suonatore di lira, particolare di un vaso greco afigure rosse. V sec. a.c. Strumenti egizi Gli Egizi possedevano strumenti musicali più complessi e, come i Sumeri, allestivano vere e proprie orchestre, in cui armonie e melodie riuscivano a intrecciarsi in una trama di suoni suadente e strutturata. Strumenti egizi sono i crotali, strumenti a percussione in legno o avorio, spesso intagliati a forma di mani e decorati con teste umane o animali; i sistri, sonagli muniti di dischi di metallo infilati su una o più bacchette, che venivano scossi per produrre il suono; i tamburi di varie fogge: alcuni di forma cilindrica con due membrane tese con una rete di corda, altri a forma di barile; i tamburelli, di due tipi: a cornice circolare e a cornice rettangolare con i lati concavi; le trombe (famose sono le due trombe militari rinvenute nell anticamera della tomba di Tutankhamon in argento e in rame, con campane di legno stuccate e dipinte con cartigli del Re); i flauti, strumenti a fiato di varie forme, dimensioni e materiali, con intervalli da foro a foro che corrispondevano approssimativamente a toni e semitoni; i liuti, strumenti a pizzico dotati di una cassa di risonanza sulla quale erano tese le corde, le lire, altro strumento a corda con un telaio quadrangolare comprendente una cassa armonica, due braccia e una traversa, e le arpe, con tante ripetizioni nelle ottave più alte e più basse quante ne permetteva il numero delle corde; infine l organo, inventato nel III secolo a.c. dall egizio Ctesibio di Alessandria, conosciuto con il nome di organo idraulico e poi molto diffuso in epoca romana: esso funzionava ad aria ma sulla base del principio idraulico dei vasi comunicanti. in Grecia La lira o cetra era senz altro lo strumento più diffuso in Grecia: era formata da una cassa di risonanza (spesso un guscio di testuggine), dalle cui estremità salivano due bracci collegati in alto da un giogo, e da 4 o 7 o un numero ancora superiore di corde, tese tra la cassa e il giogo, che venivano pizzicate con un plettro, solitamente d avorio; vi era poi l aulós, una sorta di flauto a doppia canna, simile al nostro oboe, che veniva fermato tra le labbra attraverso una striscia di cuoio che girava intorno al capo del musicista. Erano in uso anche strumenti a percussione, tra cui i tamburi e i cimbali, meglio noti come piatti, i sistri e i crotali. Altri strumenti erano la siringa, o flauto di Pan, formato da 7 canne disposte una vicina all altra e di altezza degradante, e la tromba., per i Greci, avevano un anima e una personalità, ed erano spesso collegati a una divinità. L aulós, ad esempio, era sacro al culto di Dioniso, dio del vino, dell ebbrezza e dell incantamento, mentre la lira era ritenuta sacra ad Apollo, il dio della bellezza e della musica. 6

7 a Roma Tipici strumenti musicali romani furono la tuba e la buccina, usati per soli scopi militari, per dare segnali alle truppe, incitarle al combattimento o accompagnare le imponenti marce trionfali. La tuba era una tromba dritta, in bronzo o legno ricoperto di cuoio, mentre la buccina era un corno animale. Altri strumenti musicali di uso militare erano il corno, simile alla buccina ma di forma semicircolare e di metallo, il lituus, a canneggio diritto con il padiglione ripiegato all indietro, e la tuba di bronzo a canna diritta. I Romani si servivano poi di altri strumenti come la tibia, un flauto simile a quello greco, la zampogna, proveniente dal Medio Oriente, e il già citato organo ad acqua. a corda comprendevano la greca kithára e vari tipi di arpe, mentre le percussioni comprendevano lo scabellum, una tavoletta battente, il sistro, cimbali, tamburelli e campane. Flautista; particolare di un affresco proveniente dalla Tomba del Triclinio di Tarquinia. V sec. a.c. La teoria musicale Non è semplice stabilire se le civiltà antiche avessero sviluppato una teoria musicale o un sistema di note, perché la musica inizialmente è stata un arte fondata per secoli sulla sola oralità; solo intorno alla metà del primo millennio a.c. i Greci, associando l arte musicale alla matematica, cominciarono a produrre un ampia riflessione sull arte musicale che poi si è trasmessa a tutto il mondo occidentale. Ciò non significa che dobbiamo escludere completamente la possibilità che vi fosse una tradizione musicale precedente più o meno codificata. Alcuni studiosi hanno ipotizzato che già in Mesopotamia esistesse un sistema di note ed è certo che Egizi e Sumeri conoscessero gli intervalli di quinta, quarta e ottava e ne facessero il punto di partenza di diverse scale, o serie di note a intervalli regolari. È più che un ipotesi inoltre il fatto che nell antico Egitto esistesse una scrittura musicale che dava indicazioni di tipo ritmico e melodico. Le note musicali L esistenza della notazione vera e propria risale alla Grecia del IV secolo a.c. C erano due tipi di notazione: la notazione vocale, che impiegava, con poche varianti, i segni dell alfabeto greco maiuscolo, e la notazione strumentale, che utilizzava segni dell alfabeto fenicio, usati diritti, inclinati o capovolti. L altezza dei suoni veniva stabilita a seconda della posizione della lettera all interno dell alfabeto stesso. Esistevano inoltre i cosiddetti tónoi, o scale, i quali venivano trasposti creando una specie di sistema armonico simile al nostro. Bibliografia essenziale R. ALLORTO, Nuova storia della musica, Milano A. BASSO (a cura di), Dizionario enciclopedico universale della musica e dei musicisti, Torino S. BOCCARDI, La musica antica, Milano G. COMOTTI, La musica nella cultura greca e romana, Torino M. MILA, Breve storia della musica, Torino M. PINTACUDA, La musica nella tragedia greca, Cefalù D. RESTANI (a cura di), Musica e mito nella Grecia Antica, Bologna C. SACHS, La musica nel mondo antico. Oriente e Occidente, Firenze

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una

Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una 37 Aerofoni Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una vibrazione di aria, senza l uso di corde o membrane

Dettagli

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin La scuola pitagorica - Storia 1 Gianluigi Bellin December 22, 2010 Storia. Di Pitagora sappiamo che nacque a Samo intorno al 570 ac., che viaggiò molto, anche in Egitto ed a Crotone, nel golfo di Taranto,

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Tesi 3. La musica per i Greci Romani. La musica per gli antichi Greci

Tesi 3. La musica per i Greci Romani. La musica per gli antichi Greci Tesi 3 La musica per i Greci Romani La musica per gli antichi Greci La storia della musica occidentale ha inizio nella Grecia Antica, infatti, i greci ne studiarono le attinenze con le altre arti, con

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito La Religione egizia La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito magico religioso. Pantheon molto variegato

Dettagli

Concezione musicale Origine divina della musica (Dio Thot) Potere magico e funzione importante nei riti religiosi (canti, inni, lamentazioni);

Concezione musicale Origine divina della musica (Dio Thot) Potere magico e funzione importante nei riti religiosi (canti, inni, lamentazioni); Prime civiltà Egiziani Periodo Arcaico (ca. 5000 2850 a.c.)) Antico Regno (2850 2160 a.c.) Primo periodo intermedio Medio Regno (2040 1650 a.c.) Secondo periodo intermedio Nuovo Regno (1550 1070 a.c.)

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

due armonie con l aggiunta di una nota finale chiamata Proslambanòmenos dava origine al sistema Teleion o sistema perfetto. Tutto questo sproloquiare

due armonie con l aggiunta di una nota finale chiamata Proslambanòmenos dava origine al sistema Teleion o sistema perfetto. Tutto questo sproloquiare I Greci Anche se siamo consci che in fondo le origini della musica si perdono effettivamente nella notte dei tempi, anche se gli studi darwiniani e post-darwiniani ci hanno proposto un nuovo scenario del

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

UN ALFABETO MISTERIOSO

UN ALFABETO MISTERIOSO UN ALFABETO MISTERIOSO Oggi in classe i bambini hanno trovato una strana iscrizione sulla lavagna: Mattia, il più studioso, riconosce subito i simboli della scrittura utilizzata nell antico Egitto: il

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

GLI STRUMENTI MUSICALI DEGLI EGIZI

GLI STRUMENTI MUSICALI DEGLI EGIZI GLI STRUMENTI MUSICALI DEGLI EGIZI I FLAUTI Erano lunghi, sottili,dritti o leggermente arcuati. Soffiandovi dentro producevano un suono molto dolce. Chiudendo i buchi variava l altezza del suono prodotto.

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

Gent.ma dott. Daniela Buzio Preside dell Istituto Comprensivo Cavour, Corso Cavour 49-27100 Pavia e p.c.

Gent.ma dott. Daniela Buzio Preside dell Istituto Comprensivo Cavour, Corso Cavour 49-27100 Pavia e p.c. Salvatore Alberghina, via Eredi Farina 27, 27100 Pavia cell: 3458528679 email: salvoalberghina86@gmail.com Gent.ma dott. Daniela Buzio Preside dell Istituto Comprensivo Cavour, Corso Cavour 49-27100 Pavia

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza.

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. CLASSE 1^ altri. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. Esprimersi attraverso la musica utilizzando diverse modalità. Cogliere all ascolto gli aspetti espressivi

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

MUSICA - CLASSE PRIMA

MUSICA - CLASSE PRIMA MUSICA - CLASSE PRIMA Discriminare sonorità e ascoltare brani musicali interpretandoli con diversi linguaggi espressivi. L alunno sa esplorare e discriminare eventi sonori. Gestisce possibilità espressive

Dettagli

Curricolo verticale di Musica scuola primaria

Curricolo verticale di Musica scuola primaria Curricolo verticale di Musica scuola primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria (1) L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo,

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Musica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : L alunno esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali,

Dettagli

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO GIAMPIERO BARILE IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO Corso di solfeggio per bambini Esercizi ritmici di preparazione Illustrazioni: Giorgia Serafini Sigh!! Non Ä giusto voglio imparare anche io la musica ma

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) Ascoltare in modo consapevole eventi sonori e brani musicali. Produrre e rappresentare eventi sonori con la voce, il corpo, strumenti musicali e tecnologici. Individuare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

musica per i ragazzi

musica per i ragazzi musica per i ragazzi concerti lezione per la scuola materna, primaria, media inferiore Musica per i ragazzi è una rassegna didattica indirizzata alle scuole dell obbligo (materna, primaria e secondaria

Dettagli

ESERCITAZIONE ASSOCIAZIONE DELLE

ESERCITAZIONE ASSOCIAZIONE DELLE ESERCITAZIONE ASSOCIAZIONE DELLE ACCEZIONI DI TERMINOLOGIA MUSICALE A UNA Esercitazione URL: TASSONOMIA DI DOMINIO (STRUMENTI MUSICALI) http://www.alphabit.net/home/index.php?option=com_content&view=article&id=249

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA PRODUZIONE VOCALE/ STRUMENTALE Utilizzare la voce, il proprio corpo, semplici strumenti o oggetti vari in giochi, situazioni, storie e varie attività per espressioni parlate,

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE stituto Comprensivo Galileo Galilei di Pieve a Nievole LA CLASSE B AL MUSEO GARDNO D ARCHMEDE Firenze - 8 Marzo 2013 by Paolo Sturlini Fonti utilizzate: wikipedia, fotografie Alla scoperta del Giardino

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA MUSICA CLASSE PRIMA 1 Ascoltare e discriminare i suoni e i rumori della realtà ambientale dal vivo o registrati. 2 Attribuire significati a segnali sonori

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente

Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente I periodi fondamentali della scrittura corrispondono a tre fasi della sua evoluzione: scrittura delle idee o sintetica, scrittura delle

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria

CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria CLASSE 1^ ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO Usa la voce, il proprio corpo e oggetti vari,a partire da stimoli musicali, motori, ambientali

Dettagli

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconosce che la Bibbia è il

Dettagli

Musica e strumenti musicali nella classicità. Fonti letterarie. Fonti iconografiche. Fonti musicali. Mousiké téchne = l arte delle Muse

Musica e strumenti musicali nella classicità. Fonti letterarie. Fonti iconografiche. Fonti musicali. Mousiké téchne = l arte delle Muse Musica e strumenti musicali nella classicità Fonti letterarie Fonti iconografiche Fonti musicali * Mousiké téchne = l arte delle Muse Lirica monodica: unico esecutore con accompagnamento di strumentale.

Dettagli

LABORATORIO PER LA COSTRUZIONE DI STRUMENTI MUSICALI

LABORATORIO PER LA COSTRUZIONE DI STRUMENTI MUSICALI LABORATORIO PER LA COSTRUZIONE DI STRUMENTI MUSICALI Strumenti musicali con materiali di recupero Progetto per la scuola primaria, finalizzato alla sensibilizzazione sulle tematiche del riuso e del riciclaggio

Dettagli

DISCIPLINA: MUSICA SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE

DISCIPLINA: MUSICA SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Padroneggia le potenzialità musicali del proprio corpo. 2. Discrimina l alternanza suono silenzio per imitazione. 3. Esegue semplici

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a

In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a CON LE PICCOLE GUIDE A SPASSO PER LA CITTA In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a A e 4 a

Dettagli

LA SCRITTURA: memoria degli uomini

LA SCRITTURA: memoria degli uomini LA SCRITTURA: memoria degli uomini Roberto Iozzino ASL Roma A Via dei Sardi 35 tel 0677307774 ARIEE-APS Via Alvise Cadamosto 14 06 45665257 Diciassettemila anni fa alcuni uomini tracciano i primi disegni.

Dettagli

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo.

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Con questa attività, il bambino, non solo si avvicina alla musica e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

LA MUSICA DEGLI UOMINI PRIMITIVI

LA MUSICA DEGLI UOMINI PRIMITIVI LA MUSICA DEGLI UOMINI PRIMITIVI Prima di iniziare questo percorso è necessario che i bambini conoscano le onomatopee; in caso contrario approfittiamo di questa occasione per spiegare cosa esse siano e

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Docente Responsabile: Prof. Marco Carnevale A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 2 ALBINO BERNARDINI SINISCOLA PROGETTO POTENZIAMENTO

Dettagli

PREFAZIONE. ** Non poteva mancare, infine, un piccolo repertorio di brani solistici e per la musica d insieme;

PREFAZIONE. ** Non poteva mancare, infine, un piccolo repertorio di brani solistici e per la musica d insieme; 3 PREFAZIONE ** Quando viene pubblicato un nuovo metodo ogni autore cerca di dare un contributo con delle idee innovative anche se poi i concetti fondamentali del suonare uno strumento musicale ed in particolare

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura Scuola PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III MUSICA Docente: Milena Giannoni Preliminarmente alla presentazione

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte Corso di Storia delle Arti visive 2. L origine dell arte 1 Il mondo antico: l origine dell arte L arte figurativa del Paleolitico ha lo scopo di favorire la caccia per cui vengono rappresentati prevalentemente

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

La classificazione degli strumenti musicali

La classificazione degli strumenti musicali La Storia della musica e l opera d arte musicale La Storia della musica ha come oggetto di studio la musica d arte occidentale, che è caratterizzata dalla presenza di un supporto scritto (la partitura).

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

Pietro Abbà Cornaglia

Pietro Abbà Cornaglia Pietro Abbà Cornaglia (1851-1894) Compositore, organista, didatta e critico musicale Palazzo Ghilini, sec. XIX I primi anni Compositore, organista, critico musicale; nato ad Alessandria (Piemonte) il 20

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Riconoscere suoni familiari. Saper riconoscere alcuni parametri del suono: (durata e intensità).

Riconoscere suoni familiari. Saper riconoscere alcuni parametri del suono: (durata e intensità). ISTITUTO COMPRENSIVO DONADONI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2015/2016 DISCIPLINA MUSICA CLASSI PRIME Distinguere ed esplorare eventi sonori. Utilizzare la voce in varie situazioni. Eseguire in gruppo semplici brani

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Storia facile per la classe terza

Storia facile per la classe terza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini per la classe terza L origine della Terra e la Preistoria Scuola primaria

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA 1 Competenze in uscita per la classe prima 2 NU CLE I FON DA NTI O.S.A. -Individuare i ritmi interni del corpo aventi andamento costante (cardiaco, respiratorio) -Riconoscere

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : La consapevolezza ed espressione culturale è la competenza che più contribuisce a costruire l identità sociale e culturale, attraverso la capacità di fruire dei

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ITALO CALVINO Progetto musicale a cura di Sonia Spirito L Associazione L Albero della Musica, operante da diversi anni nel settore della didattica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

TEATRO BRECHT SAN SISTO SCUOLA PRIMARIA LA FONTE CLASSI 1 A -1 B ANNO SCOLASTICO 2013/14

TEATRO BRECHT SAN SISTO SCUOLA PRIMARIA LA FONTE CLASSI 1 A -1 B ANNO SCOLASTICO 2013/14 TEATRO BRECHT SAN SISTO SCUOLA PRIMARIA LA FONTE CLASSI 1 A -1 B ANNO SCOLASTICO 2013/14 Gli strumenti musicali della fiaba musicale sono: GLI ARCHI:si chiamano così perché suonati con un archetto che

Dettagli

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno Quando centinaia di navi, alcune guidate dal grande James Cook, gettarono le ancore nei vari porti naturali del territorio australiano, in nome del re d Inghilterra, non fecero altro che razziare le coste,

Dettagli