1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO"

Transcript

1 1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Via San Secondo,13 PINEROLO (TO) 1

2 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE 3. DESCRIZIONE E STATO DI MANUTENZIONE 4. DATI CATASTALI 5. INQUADRAMENTO URBANISTICO ED EVENTUALI VINCOLI 6. SUPERFICIE CONVENZIONALE 7. SITUAZIONE LOCATIVA ALLEGATI 2

3 Scheda riassuntiva Data sopralluogo: 08 marzo 2011 Indirizzo: Via San Secondo,13 Pinerolo ( TO ) Descrizione: Trattasi di complesso immobiliare costituito da un lotto di terreno indipendente con due corpi di fabbrica con annessa area cortilizia di pertinenza. L aspetto è dimesso e formalmente non contiene rilevanze particolari sotto l aspetto architettonico. Dal punto di vista planimetrico, il primo c.f., ad uso abitativo, si presenta con base rettangolare. Il fabbricato si sviluppa in tre piani fuori terra e solo in parte con sottostante cantinato (locali tecnici)i. La struttura portante verticale è in muratura tradizionale mista, mentre le solette e i sistemi voltati sono a struttura mista in calcestruzzo di cemento armato e laterizi). La copertura è a padiglione (quattro falde), la struttura è costituita da travi e puntoni, e travetti con sovrastanti coppi. L accesso carraio, al complesso, è consentito attraverso un cancello in ferro a doppia anta, posto su via San Secondo, attraverso il quale si accede all area parcheggio e alle aree esterne circostanti. Gli spazi esterni, circostanti il fabbricato, sono costituiti da aree verdi e aree cortilizie, totalmente recintante. La recinzione di queste aree è costituita in parte, dal muro perimetrale della caserma Berardi con cui confina, ed in parte dal muro di cinta antistante via San Secondo. Il secondo c.f.,ad uso cantine, si presenta con base rettangolare. L aspetto è dimesso e formalmente non contiene rilevanze particolari sotto l aspetto architettonico. Il fabbricato si sviluppa in un solo livello ed è suddiviso in quattro locali. Si presenta con una struttura portante verticale in muratura tradizionale mista. La copertura realizzata è in legno costituita da travi e travetti con sovrastanti lastre di eternit e pannelli di lamiera ondulata. Data di costruzione dell edificio: 1930 Data di eventuale ristrutturazione unità immobiliare: Nessuna ristrutturazione Consistenza unità immobiliare: mq 95 Attuale uso unità immobiliare: Libero Identificativi catastali: L unità immobile cod. ETO0484 risulta censito al Catasto Terreni e Catasto Fabbricati della provincia di Torino Comune di Pinerolo come di seguito riportato. Catasto Terreni: intestato ENTE URBANO Foglio P.lla Sub. Qualità Classe Consistenza R. D. [ ] R. A. [ ] 3

4 (mq.) / 282 / / / / 282 / 139 / / Catasto fabbricati : intestato a DEMANIO DELLO STATO CON SEDE IN ROMA Foglio P.lla Sub. Categoria Classe Consistenza Rendita Catastale [ ] A/4 2 5,5 (vani) 298, C/ (mq.) 45, C/6 1 3 (mq.) 12, C/ (mq.) 39, C/2 2 7 (mq.) 18, C/ (mq.) 53,71 (Allegato 2 estratto di mappa, planimetrie catastali e relative visure) 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE Con riferimento alle attività previste dall art.6 comma 5 del D.M. n. 112 del 18/05/2010 Regolamento per l attuazione del programma pluriennale per la costruzione, l acquisto e la ristrutturazione di alloggi di servizio per il personale militare, di cui all art. 2, comma 629, della Legge 24/12/2007 n. 244 e s.m.i., il presente documento contiene la descrizione delle caratteristiche intrinseche ed estrinseche, ai fini della determinazione del valore di mercato, dell unità immobiliare (codice alloggio ETO0484 ) sita lato al piano terra del fabbricato, ubicato in Provincia di Torino, nel Comune di Pinerolo alla.. Via San Secondo, UBICAZIONE Il compendio dispone di una vasta area cortilizia ove sono collocati i posti auto scoperti. Ubicazione e accessibilità 4

5 L edificio, in cui è ubicata l unità immobiliare oggetto di valutazione, è sito in una zona periferica, a circa 1,6 Km dal centro della cittadina. Nelle immediate vicinanze del quale transitano alcune linee di trasporto pubblico urbano che consentono di raggiungere agevolmente qualsiasi zona della città. La viabilità è agevole. (sintetica descrizione del contesto viario, e del contesto socio-economico in cui il bene ricade: dotazione di servizi come scuole, negozi, uffici pubblici, strutture sanitarie etc ), La zona è scarsamente dotata. di aree pubbliche di parcheggio. Indicare inoltre: a. se l unità immobiliare presenta particolari caratteristiche di panoramicità, rispetto a elementi paesaggistici (mare, fiumi, parchi, altro) o di interesse storico-artistico (monumenti, piazze, altro) ovvero quando il fabbricato si trovi in posizione di particolare pregio o valore (su strade, piazze, di particolare interesse commerciale o immobiliare). b. se l unità risente di elementi negativi connessi alla posizione, quali l ubicazione all interno del perimetro militare, la prossimità di attività industriali o artigianali che arrecano disagio o punti di particolare degrado sociale. Il compendio non presenta particolare caratteristiche di panoramicità e risente di elementi negativi connessi alla posizione, quali l ubicazione confinante con il perimetro militare della caserma Berardi. Confini Il fabbricato confina a Nord, Est e Sud con la caserma Berardi, a Ovest con la strada comunale. (descrizione delle eventuali altre porzioni che delimitano i confini del bene, delle parti comuni dell edificio, strade, altro). 5

6 Mappa della città o dell area in cui è inserito il bene da valutare da cui si possa evincere la posizione rispetto a grandi strade di collegamento ed inquadramento territoriale. 6

7 Particolare di mappa della città o dell area in cui è inserito il bene da valutare da cui si possa evincere il contesto urbanistico in cui è inserito il bene. 3. DESCRIZIONE Caratteri generali e tipologici L edificio, in cui è ubicata l unità immobiliare oggetto della presente valutazione, costruito negli anni 1930 è del tipo edificio isolato. e si eleva in n.3 piani fuori terra e n. 1 piano interrato ( solo parzialmente cantinato), aventi destinazione d uso abitativa. (Specificare eventuali ristrutturazioni sia dell edificio che della sola unità immobiliare). In relazione al livello di piano dell unità immobiliare ed alla presenza dell ascensore, barrare la casella di interesse. seminterrato terreno primo secondo Tabella coefficienti di piano per edifici non dotati di ascensore 7

8 terzo quarto quinto sesto e oltre Struttura e finiture dell edificio L edificio possiede le seguenti caratteristiche: trattasi di complesso immobiliare costituito da un lotto di terreno indipendente e da due corpi fabbrica. Il primo corpo fabbrica, adibito ad uso abitativo è un edificio isolato e decentrato, rispetto all intera area del lotto. Il secondo corpo fabbrica, adibito ad uso cantine è un edificio decentrato, rispetto all intera area del lotto, ma diametralmente opposto al 1 c.f., e la sua struttura è stata realizzata in aderenza con un fabbricato con cui confina il lotto. L apparenza del complesso è dimessa e formalmente i fabbricati,non contengono rilevanze particolari sotto l aspetto architettonico. Dal punto di vista planimetrico, il primo c.f., si presenta con una base rettangolare e una appendice posta centralmente, sul lato lungo del rettangolo, parte prospiciente il cortile interno, appendice di forma rettangolare, determinata dall ingombro del vano scala. Il fabbricato si sviluppa in tre piani fuori terra e solo in parte con sottostante cantinato ( locali tecnici). Le sei unità abitative sono poste al piano terra, al 1 e 2 piano, in modo speculare rispetto al vano scala e si differenziano per il numero di vani che le costituiscono. Le unità abitative poste al 1 e 2 piano lato destro, insieme alle due unità abitative ubicate al piano terra, hanno lo stesso numero di vani e la stessa estensione (mq.), mentre le due unità dei piani superiori ( 1 e 2 piano), posti a sinistra hanno un vano in più ed un estensione (mq.) maggiore. I collegamenti verticali sono consentiti da una scala a sbalzo con pozzo centrale. Il fabbricato si presenta con una struttura portante verticale in muratura tradizionale mista, le solette e i sistemi voltati sono a struttura mista in calcestruzzo di cemento armato e laterizi. La soletta del 2 piano presenta una particolarità, poiché costituita da due tipologie diverse di costruzione, una sovrapposta all altra, creando una camera d aria. La prima soletta è del tipo cannucciata intonacata, la seconda soletta, realizzata in tempi più recenti, è costituita da una intelaiatura in profilati di ferro e pannelli in cartongesso. I tamponamenti perimetrali sono a tamponature monostrato o a corpo unico con spessore 40 cm.. Le tramezzature interne costituite da mattoni pieni. Esternamente le murature sono intonacate alla piemontese e pitturate. Le facciate presentano modeste modenature, al livello del piano terra ( zoccolatura).in generale le rifiniture sono del tipo economico.. La copertura è a padiglione ( quattro falde e aggetto di gronda), la struttura è costituita da tetto in legno, con travi e puntoni, e travetti con sovrastanti coppi tipo marsigliesi. La lattoneria ( canali di gronda in aggetto, doccioni e pluviali) è del tipo metallica in lamiera zincata per le parti superiori, in ghisa la parte terminale dei pluviali. Le finestrature sono composte dalle chiusure interne e dalle chiusure esterne. Le chiusure interne sono costituite da infissi, a doppia anta con specchiature vetrate, di diversa tipologia, in profilati di alluminio anodizzato, per alcune unità e in legno per le altre. Le chiusure esterne sono composte dalle persiane in legno, realizzate alla piemontese con stecche chiuse a doppia anta e pitturate a smalto. Anche le vetrature degli infissi sono di diverse tipologie : in vetro camera per alcuni infissi ed in vetro semplice per altri. I davanzali sono costituiti da lastre in pietra. Il secondo c.f., dal punto di vista planimetrico, si presenta con base rettangolare. Si sviluppa su un solo livello ed è suddiviso in quattro locali, ad uso cantine. Si presenta con una struttura portante verticale in muratura tradizionale mista, in mattoni e pietrame locale, costruita in aderenza con fabbricato confinante. Il prospetto principale è in pietra a facciavista e il prospetto secondario in mattoni pieni a facciavista. Anche gli stipiti, i davanzali e gli architravi 8

9 ( ad arco a sesto ribassato) delle aperture, sono costituite da mattoni pieni a facciavista. Vi sono alcune caratteristiche modanature al livello marcapiano, formate anch esse da mattoni pieni a facciavista. La copertura a falda inclinata è realizzata in legno ed è costituita da travi e travetti con sovrastanti pannelli di eternit e pannellature di lamiera ondulata. Gli infissi sono in legno costituiti da finestre a doppia anta, le porte, per gli accessi ai singoli locali, sono in legno, anch esse a doppia anta. Le pareti sono intonacate e pitturate. La pavimentazione è del tipo marmette in cemento. Nel fabbricato le parti comuni sono costituite da un accesso pedonale (androne), da un vano scala, da un sottotetto, dal locale tecnico, da un area cortilizia/verde, da un accesso carraio. L accesso, al fabbricato, è consentito da un ingresso pedonale(androne) direttamente dalla via pubblica, tramite un portoncino in legno massello, costituito da due ante con sopraluce vetrato. Le due ante di legno, a battente, costituite da montanti e specchiature in legno massello sono del tipo stile inglese, il sopraluce vetrato è formato da vetri lavorati. L apertura del portoncino è del tipo con elettroserratura con pulsante elettrico situato nel posto interno di risposta ( impianto citofonico), collocato presso ogni singola unità immobiliare. L apparecchiatura citofonica, composta da un posto esterno di chiamata, con pulsantiera multichiamata, è posta sullo stipite del vano accesso esterno. Attraverso il portoncino, si accede all androne formato da un vano con pareti intonacate e pitturate, zoccolatura smaltata, pavimentazione costituita da mattoni in cemento e graniglia tipo pavimenti artistici posti in posa a scacchiera con cornici perimetrali e zoccoletto battiscopa in legno. Dall androne si raggiunge il vano scala utilizzando i due gradini rivestiti in pietra ( necessari per superare la differenza di quota fra quella dell androne e quella del vano scala ) ed una porta in legno costituita da due ante mobili e due ante fisse con sopraluce vetrato, tipologia stile inglese. Tutte le specchiature sono in vetro lavorato. Il vano scala, assicura i collegamenti verticali tramite una scala a sbalzo con pozzo centrale( costruita con il solo incastro dei gradini nella muratura). Ha un impianto planimetrico a due rampe parallele, con pianerottolo intermedio di riposo, che collega i vari livelli e il seminterrato ove è posto il locale tecnico ( ex locale caldaia). La scala è costituita da un blocco sagomato in C.A. rivestito con lastre di pietra bocciardata.i pianerottoli intermedi di riposo, di partenza e d arrivo sono pavimentati con mattoni in cemento e graniglia tipo pavimenti artistici posati a scacchiera con cornici perimetrali, senza zoccoletto battiscopa, La ringhiera è costituita da un parapetto in mattoni, rivestito con intonaco, sormontato da una balaustra in legno. Il pozzo scala fruisce d aerazione ed illuminazione diretta, per mezzo di finestrature raggiungibili dal pianerottolo intermedio delle rampe e posizionate sul lato prospiciente il cortile interno ( lato con appendice). Le finestrature sono composte dalle chiusure interne e dalle chiusure esterne. Le chiusure interne sono costituite da infissi in legno a doppia anta con specchiature vetrate. Le chiusure esterne sono composte dalle persiane in legno, realizzate alla piemontese con stecche chiuse a doppia anta e pitturate a smalto. Le vetrature degli infissi sono in vetro semplice. I davanzali sono costituiti da lastre in pietra. Le pareti del vano scala sono intonacate e pitturate, la zoccolatura è smaltata. Il sottotetto non abitabile è grezzo, non coibentato, comunicante per tutta la lunghezza del corpo fabbrica, d altezza minima di 0,0m. e massima di 2.5 m.,. E raggiungibile attraverso una passaggio ( botola in ferro) posta nel soffitto del pianerottolo di arrivo del 2 piano. Utilizzando la scala si raggiunge il seminterrato ove è ubicato il locale tecnico ( ex centrale termica).il locale comune è composto di un solo vano, che occupa tutta la parte seminterrata del complesso. Affluiscono a questo locale le tubazioni idriche e fognarie delle unità abitative poste sul lato sinistro del complesso. Le pareti e i soffitti sono intonacati, il pavimento è formato da marmette in cemento, l accesso avviene per mezzo di una porta in legno. Il locale fruisce di aerazione ed illuminazione diretta per mezzo di finestrature, di modeste dimensioni. Le finestrature sono costituite da infissi in profilato in ferro con specchiature vetrate. Area esterna è costituita da area cortilizia e area a 9

10 verde. L area cortilizia costituisce quasi la totalità dell area esterna mentre l area a verde è caratterizzata, essenzialmente da tre alberi d alto fusto. L area cortilizia è composta oltre che dal parcheggio auto, adiacente al 2 corpo fabbrica che costeggia il lato lungo del lotto, è definita anche dagli spazi comuni e da un marciapiede perimetrale al fabbricato, formato da mattoni in cemento e da una cordolatura in cls, necessario per lo smaltimento ( sul terreno circostante) delle acque piovane provenienti dai pluviali, il cui scarico è stato realizzato a cielo aperto, per l assenza di un collettore fognario ( necessario per il collegamento delle tubazioni fognarie, condominiali, verso le tubazioni fognarie pubbliche che percorrono la via san Secondo). Per l assenza del collettore, sopraindicato, la raccolta delle acque nere, è svolta dalle due fosse imhoff, che sono collocate ( nell area cortilizia) ai due vertici, del lato lungo del rettangolo, ( retro fabbricato). Gli spazi aperti, articolati in diversi ambiti con caratteristiche proprie, aree a verde, aree cortilizie, aree di stallo, sono totalmente recintanti. La recinzione, è composta in parte dalle mura che costituiscono la cinta muraria della caserma con cui confinano ( caserma Berardi) e per l altra parte da un muro di cinta proprio, antistante la via San Secondo. L accesso carraio è composto da un apertura sul muro di cinta, prospiciente la via San Secondo,attraverso la quale si accede all area cortilizia di pertinenza.. L accesso è formato da un cancello in ferro a doppia anta, tipo stile ferro battuto, incerneriato su pilastri in muratura. Struttura e finiture dell unità immobiliare L unità immobiliare possiede le seguenti caratteristiche: L apparenza dell unita abitativa è dimessa e formalmente non contiene rilevanze particolari sotto l aspetto architettonico. Posta al piano terra vi si accede dal vano scala. Si compone di n. 3 camere, n..1 locale cucina, n. 1 locale bagno, una cantina ed un box auto( posti nel 2 corpo fabbrica), un posto auto scoperto ( presso l area cortilizia). Tutte le pareti e le soffittature sono intonacate e pitturate. Le pavimentazioni delle camere, della cucina e del corridoio, sono realizzate con mattoni in cemento e graniglia tipo pavimenti artistici posti in posa a scacchiera con cornici perimetrali, lo zoccoletto battiscopa è in legno. Il portoncino d ingresso è costituito da un telaio e due ante di legno massello. Le due ante sono del tipo con specchiature formate da pannelli in legno massello. Le porte interne sono costituite da un telaio di legno ed un anta, con specchiature di legno massello. La specchiatura della porta dei servizi igienici è in vetro opaco lavorato.. Tutti i locali fruiscono d aerazione ed illuminazione diretta per mezzo di finestrature. Le finestrature sono composte dalle chiusure interne e dalle chiusure esterne. Le chiusure interne sono costituite da infissi in alluminio anodizzato o in legno verniciato, a doppia anta con specchiature a vetro camera o vetro semplice. Le chiusure esterne sono composte dalle persiane in legno, realizzate alla piemontese con stecche chiuse a doppia anta. I davanzali sono costituiti da lastre di pietra. Le essenze, delle chiusure interne ed esterne, sono ricoperte da uno strato di smalto sintetico. Le pareti del vano cucina sono rivestite con piastrelle di ceramica, le pareti sono rivestite fino ad un altezza di 1,6 m. Le pareti e il pavimento del vano servizi igienici sono rivestiti con piastrelle in ceramica di colore chiaro. L alloggio non è stato più occupato dal Impianti tecnologici dell edificio L edificio è dotato degli impianti di seguito descritti: impianto citofonico, elettrico del vano scale e area esterna, rete idrica, di scarico e del gas, non dispone di impianto di ascensore. Impianti tecnologici dell unità immobiliare L unità immobiliare è dotata degli impianti di seguito descritti: Impianto elettrico: la fornitura elettrica viene effettuata dall ENEL con linea B-T a 220 v. La potenza impegnata è di 3 KW. I cavi sono posizionati in tubazioni incassate su pareti e/o affogate a pavimento, i punti di utilizzo sono costituiti da prese tipo civile da 10 e 16 amp., i 10

11 punti luce sono del tipo tradizionale con lampade di potenza massima pari a 100 w. Gli interruttori e le prese sono del tipo montato su scatola a frutto rettangolare, con all esterno la placca in plastica. Impianto idrico-sanitario: L impianto idrico-sanitario garantisce l alimentazione dell acqua fredda e calda nei servizi e cucina. L impianto è costituito dalle tubazioni di carico e di scarico dei servizi igienici e della cucina. L impianto di adduzione, sia per l acqua fredda potabile sia per quella calda sanitaria, è realizzato in parte con tubi in ferro posti sottotraccia. La produzione dell acqua calda sanitaria viene eseguita con boiler elettrico. Impianto di riscaldamento: presso l unità abitativa non esiste l impianto L unità immobiliare..è dotato dell'attestato di certificazione energetica (ACE). Stato manutentivo dell edificio Lo stato manutentivo dei due edifici è da definirsi scadente. Le problematiche dovute a diversi fattori hanno creato un degrado delle strutture, dei prospetti, delle coperture e degli impianti. Si farà riferimento alla seguente tabella (barrare la casella di interesse): Stato manutentivo buono Stato manutentivo normale Stato manutentivo scadente Per la determinazione dello stato manutentivo e conservativo dell edificio, si tiene conto dei seguenti elementi: Prospetti esterni; impianto elettrico (illuminazione perimetrale e scale), citofonico/videocitofonico; copertura; accessi, infissi comuni, scale, parti comuni; impianto di riscaldamento centralizzato; ascensore. In particolare, lo stato si considera: o buono, qualora sia in scadenti condizioni fino ad uno degli elementi sopra citati; o normale, qualora siano in scadenti condizioni fino a tre degli elementi sopra citati; o pessimo, qualora siano in scadenti condizioni oltre tre degli elementi sopra citati. Ai fini della definizione di scadenti condizioni, si precisa che per quanto riguarda: i prospetti esterni si intenderanno scadenti quando l intonaco od altri tipi di paramento risultano gravemente deteriorati, in misura superiore al 10% della superficie complessiva della facciata, ovvero presentino lesioni diffuse e passanti o risultino in uno stato di umidità permanente; l impianto elettrico (illuminazione perimetrale e scale), citofonico/videocitofonico sarà considerato scadenti nel momento in cui non rispetta la vigente normativa in materia ovvero sono riscontrati malfunzionamenti tali da richiedere consistenti interventi di manutenzione straordinaria dell impianto e/o l integrale rifacimento 11

12 la copertura sarà considerata scadente nel momento in cui consente l infiltrazione di acque piovane ; le scale, e parti comuni; saranno considerati scadenti quando verranno riscontrate condizioni tali da rendere necessaria la sostituzione di oltre il 30% delle relative superfici ovvero presentino lesioni diffuse e passanti; l impianto di riscaldamento centralizzato; sarà considerato scadente quando l impianto presenta malfunzionamenti non riparabili tali da non rendere economicamente conveniente la sua riparazione; l ascensore sarà considerato scadente quando non conforme alla normativa vigente. (barrare la casella di interesse) Tabella riepilogativa stato conservativo elementi costitutivi dell unità immobiliare SCADENTE NON SCADENTE Prospetti esterni Impianto elettrico, citofonico/videocitofonico Copertura Scale, e parti comuni Impianto di riscaldamento centralizzato Ascensore Prospetti esterni : l esposizione dell edificio agli agenti atmosferici e le condizioni d uso a cui esso è sottoposto hanno provocato uno stato di degrado generalizzato (disgregazione, lesioni, ). Coperture: la situazione attuale è un diffuso stato di degrado, sia della struttura lignea che del manto in tegole, che causa infiltrazioni nel sottotetto ( non abitabile ) e anche,parzialmente, nell ultimo piano dell edificio; inoltre il sottotetto è diventato un ambiente alquanto malsano e insalubre, oltre a essere sede di crolli di partizioni interne ( vedi torrette da camino crollati ) o di varie discontinuità del sistema di copertura. Impianto elettrico: la distribuzione e l alimentazione del complesso non è conforme alle disposizioni legislative vigenti. Impianto ricezione TV: l impianto ricezione tv è composto da materiali vetusti e sottodimensionati, non è conforme alle disposizioni legislative vigenti. Impianto citofonico : l impianto citofonico esistente composto da materiale vetusto non è conforme alle disposizioni legislative vigenti. Stato manutentivo dell unità immobiliare 12

13 Lo stato manutentivo dell unità è da definirsi pessimo. Si farà riferimento alla seguente tabella (barrare la casella di interesse): unità immobiliare nuova, recentissima o ristrutturata unità immobiliare 1-20 anni unità immobiliare anni unità immobiliare oltre 40 anni stato ottimo stato buono stato mediocre stato pessimo Per la determinazione dello stato manutentivo e conservativo dell unità immobiliare, si tiene conto dei seguenti elementi: a. pavimenti; b. pareti e soffitti; c. infissi esterni; d. infissi interni; e. impianto elettrico; f. impianto idrico-sanitario (tubazioni) e servizi igienici (compresi sanitari, rubinetterie, pavimenti e rivestimenti); g. impianto termico. In particolare, lo stato si considera: o ottimo, qualora nessuno degli elementi sopra riportati sia in scadenti condizioni; o buono, qualora sia in scadenti condizioni almeno uno degli elementi sopra citati; o mediocre, qualora siano in scadenti condizioni almeno tre degli elementi sopra citati; o pessimo, qualora siano in scadenti condizioni almeno cinque degli elementi sopra citati. Ai fini della definizione di scadenti condizioni, si precisa che per quanto riguarda: a. pavimenti: si intenderanno scadenti nel momento in cui verranno riscontrate condizioni tali da rendere necessaria la sostituzione di oltre il 30% delle relative superfici. b. pareti, soffitti: si intenderanno scadenti nel momento in cui verranno riscontrate condizioni tali da rendere necessario il rifacimento di oltre il 30% delle relative superfici. c. infissi interni: si intenderanno scadenti nel momento in cui verranno riscontrate condizioni o problemi tali da rendere necessaria la sostituzione di oltre la metà della dotazione presente. d. infissi esterni: si intenderanno scadenti nel momento in cui verranno riscontrati rilevanti problemi di tenuta agli agenti atmosferici tali da rendere necessaria la sostituzione di oltre la metà della dotazione presente. e. impianto elettrico: sarà definito scadente quando lo stesso non rispetta la vigente normativa in materia. f. impianto idrico e servizi igienico-sanitari: saranno considerati scadenti nel momento in cui verranno riscontrati malfunzionamenti tali da richiedere consistenti interventi di manutenzione straordinaria dell impianto e/o l integrale rifacimento. 13

14 g. impianto di riscaldamento: sarà definito scadente qualora gli elementi radianti dell unità immobiliare presentino malfunzionamenti non riparabili tali da richiedere la sostituzione di oltre la metà della dotazione presente. (barrare la casella di interesse) Tabella riepilogativa stato conservativo elementi costitutivi dell unità immobiliare SCADENTE NON SCADENTE Pavimenti Pareti e soffitti Infissi esterni Infissi interni Impianto elettrico Impianto idrico-sanitario e servizi igienici Impianto termico Infissi: le finestrature esterne sono costituite da chiusure interne in legno a doppia anta con vetrature tipo vetro semplice o in alluminio con retrocamera e chiusure esterne a doppia anta costituite da persiane in legno Gli infissi esistenti presentano uno stato di deterioramento causato dall azione degli agenti atmosferici e dalla mancata manutenzione ordinaria e straordinaria che hanno generato, oltre la corrosione degli elementi in ferro, l alterazione cromatica e lo sfibramento della vernice che ricopre gli infissi. Lo sfibramento ha permesso, alle sollecitazioni meccaniche dovute ai cambiamenti di stato e alle conseguenti micro variazioni di volume ( gelo e disgelo), di alterare il tessuto ligneo e compromettere, oltre l aspetto estetico, anche la geometria dei telai e quindi il funzionamento dell infisso. Infissi interni: sono costituiti dal portoncino di accesso e dalle porte interne. Realizzati in legno massello, sono in uno stato di abbandono e degrado strutturale. Da qui ne consegue l incoerenza funzionale che oggi causa parecchi problemi di dispersione termica e acustica. Sono in pessimo stato manutentivo. L impianto elettrico di distribuzione e alimentazione dell unità non è conforme alle disposizioni legislative vigenti. L impianto idrico sanitario: l impianto idrico, rete di distribuzione, apparecchiature sanitari e rubinetteria sono in pessimo stato manutentivo. I rivestimenti presentano ampie parti in fase di distacco. L unità abitativa è priva di impianto di riscaldamento. Il fabbricato destinato a bx auto e cantine presenta un generale stato di degrado nelle parti murarie, nella copertura, negli infissi e nella pavimentazione 14

15 Servitù attive e passive Agli atti non risultano servitù od altri atti insistenti sulla proprietà (Allegato 1 fotografie: almeno otto tra esterni ed interni). 4. DATI CATASTALI L unità immobile cod. ETO0484 risulta censito al Catasto Terreni e Catasto Fabbricati della provincia di Torino Comune di Pinerolo come di seguito riportato. Catasto Terreni: intestato ENTE URBANO Foglio P.lla Sub. Qualità Classe Consistenza (mq.) R. D. [ ] R. A. [ ] / 282 / / / / 282 / 139 / / Catasto fabbricati : intestato a DEMANIO DELLO STATO CON SEDE IN ROMA Foglio P.lla Sub. Categoria Classe Consistenza Rendita Catastale [ ] A/4 2 5,5 (vani) 298, C/ (mq.) 45, C/6 1 3 (mq.) 12, C/ (mq.) 39, C/2 2 7 (mq.) 18, C/ (mq.) 53,71 (Allegato 2 estratto di mappa, planimetrie catastali e relative visure) 5. INQUADRAMENTO URBANISTICO ED EVENTUALI VINCOLI L immobile è stato sottoposto a verifica dell interesse culturale di beni del patrimonio immobiliare pubblico. 15

16 La Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte, con il foglio n /11 cl dell 11/11/2011 ha dichiarato che l immobile non presenta caratteristiche tali da motivare il riconoscimento dell interesse culturale descritto dall Art del Dlgs 42/ SUPERFICIE CONVENZIONALE La consistenza da considerare ai fini della valutazione tecnico-estimativa è determinata dalla somma della superficie catastale della singola unità immobiliare calcolata ai sensi del D.P.R. 23 marzo 1998 n. 138, e delle superfici di eventuali pertinenze, quali box auto e posti auto coperti e scoperti. Tabella riepilogativa consistenza Superficie catastale unità immobiliare (m 2 ) Eventuale superficie catastale box di pertinenza dell unità immobiliare (m 2 ) Eventuale superficie catastale posto auto coperto di pertinenza dell unità immobiliare (m 2 ) Eventuale superficie catastale posto auto scoperto di pertinenza dell unità immobiliare (m 2 ) / 13 (Allegato 3 planimetrie dell unità immobiliare oggetto di valutazione) 7. SITUAZIONE LOCATIVA Indicare sinteticamente, secondo lo schema sotto riportato, la situazione locativa del bene al momento della valutazione. Usuario/Conduttore libero Scadenza atto di concessione Canone annuo ( ) TORINO. IL COMANDANTE 16

17 ALLEGATI Allegato 1 Documentazione fotografica; Allegato 2 Estratto di mappa, planimetrie catastali e relative visure; Allegato 3 Vincoli architettonici Allegato 4 Certificato ACE; Allegato 5 Certificato di destinazione urbanistica Allegato 6. Tabelle millesimali e ripartizione oneri 17

18 Allegato 1 Documentazione fotografica prospetto esterno fabbricati bassi 18

19 vano scale prospetto interno 19

20 cucina portoncino di ingresso 20

21 bagno Camera 21

1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO

1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO 1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO Ufficio Demanio e Servitù Militari RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Corso Francia,22 SUSA (TO) ETO 0508 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE 3. DESCRIZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE di BERGAMO Via PINETTI n. 23 Ex Caserma Zanchi ALLOGGIO EBG0012 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI PAVIA VIA RIVIERA 20 ALLOGGIO EPV0030 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA BOLOGNA VIA SABOTINO 27 ALLOGGIO EBO 0213

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA BOLOGNA VIA SABOTINO 27 ALLOGGIO EBO 0213 ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 6 REPARTO INFRASTRUTTURE RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA BOLOGNA VIA SABOTINO 27 ALLOGGIO EBO 0213 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE

Dettagli

1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO

1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO 1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO - Ufficio Demanio e Servitù Militari - RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA ESP 0010 LA SPEZIA ID 5376 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE 3. DESCRIZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Trento, 97 UDINE (UD) 1 Allegato

Dettagli

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA LA SPEZIA RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI CHIAVARI (GE)

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA LA SPEZIA RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI CHIAVARI (GE) DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA LA SPEZIA RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI CHIAVARI (GE) Via Parma, 14 ALLOGGIO ASI MGE0071 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Tullio, 24 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI COMO VIA FRIGERIO 1/B PALAZZINA B ALLOGGIO ECO0018 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI PAVIA VIA TASSO 2/A PALAZZINA DEMANIALE ALLOGGIO EPV0007 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO

1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO 1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Via Cavour,41 ALESSANDRIA 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE 3. DESCRIZIONE E STATO DI MANUTENZIONE 4. DATI CATASTALI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE

MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE VIA TODI N. 6 00181 ROMA Unità Immobiliare ERM 0206 Via G. A. Cesareo, n. 11 CITTÀ Roma INDICE 1. OGGETTO E

Dettagli

Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma

Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma Allegato A Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ERM3234

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE

MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE VIA TODI N. 6 00181 ROMA Unità Immobiliare ERM 0192 Via G. A. Cesareo, n. 7 CITTÀ Roma INDICE 1. OGGETTO E

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via D Aronco, 9 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE

MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE VIA TODI N. 6 00181 ROMA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Unità Immobiliare ERM 0049 Viale Angelico n. 120 CITTÀ

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

Palazzina Sottufficiali ID.797

Palazzina Sottufficiali ID.797 1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO Ufficio Demanio, Servitù Militari e Infrastrutture Inattive NUCLEO TECNICO DI GENOVA RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA IMPERIA (IM) - Via Vecchia Piemonte, civ. 41 Palazzina

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE

AERONAUTICA MILITARE AERONAUTICA MILITARE 2 Reparto Manutenzione Missili Aeroporto Gino Allegri Via Sorio, 87 35141 Padova RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA APD 915 Via Roveri, 1 int. 1 Pal. B 35031 ABANO TERME ( PD) Indice

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019 ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 6 REPARTO INFRASTRUTTURE RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA REGGIO EMILIA Via Antonio Allegri n 10 ALLOGGIO ERE0019 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Casimiro Donadoni 19/23, TRIESTE

Dettagli

PIACENZA VIA EMILIA PAVESE, 112 ALLOGGIO EPC0104

PIACENZA VIA EMILIA PAVESE, 112 ALLOGGIO EPC0104 ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 6 REPARTO INFRASTRUTTURE RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA PIACENZA VIA EMILIA PAVESE, 112 ALLOGGIO EPC0104 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE

AERONAUTICA MILITARE AERONAUTICA MILITARE 15 STORMO 515 GRUPPO S.L.O. Sezione Servizi Impianti Nucleo Tecnico Via Confine, 547 48015 CERVIA (RA) RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA ARN 1155 Via Marecchiese, 110 Palazzina n 20,

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE

MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE MINISTERO DELLA DIFESA ISPETTORATO DELL INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 8 REPARTO INFRASTRUTTURE VIA TODI N. 6 00181 ROMA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Via Tommaso Pendola n. 7 CITTÀ Roma INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

ISPETTORATO PALERMO. alloggio

ISPETTORATO PALERMO. alloggio ISPETTORATO O DELLE INFRASTRUTTURE DELL'ESERCITO 11 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Demanio e Servitù Militari Sezione Demanio PALERMO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA A DELL'ALLOGGIOO EPA 0069 sito in CASTRO

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. fg.26 mapp.75/8 fg.26 mapp.76/1 Appartamento Piano Primo

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. fg.26 mapp.75/8 fg.26 mapp.76/1 Appartamento Piano Primo 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Indirizzo del bene da stimare PIZZIGHETTONE (CR) Via Quartiere n. 3 Alloggio Cod. ECR0039 Unità immobiliare:

Dettagli

FASCICOLO DATI TECNICO AMMINISTRATIVI

FASCICOLO DATI TECNICO AMMINISTRATIVI 5 REPARTO INFRASTRUTTURE PADOVA FASCICOLO DATI TECNICO AMMINISTRATIVI ID 6551 ALLOGGIO ETV12 Indirizzo del bene da stimare CITTA' TREVISO (TV) ETV12 pag. 1 1. UBICAZIONE Ubicazione e accessibilità L'immobile

Dettagli

ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO. Sezione Staccata Autonoma

ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO. Sezione Staccata Autonoma ISPETTORATODELLEINFRASTRUTTUREDELL ESERCITO SezioneStaccataAutonoma PiazzaUnione,2465127PESCARA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA ALLOGGIO EAN 0027 FALCONARA MARITTIMA (AN) Via Fiumesino, n. 5 1 Indice 1.

Dettagli

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA TARANTO RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. COMUNE DI TARANTO VIA MAGNAGHI, 10 Alloggio AST - MTA0061

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA TARANTO RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. COMUNE DI TARANTO VIA MAGNAGHI, 10 Alloggio AST - MTA0061 DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA TARANTO RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI TARANTO VIA MAGNAGHI, 10 Alloggio AST - MTA0061 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE 3.

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A EUD0728 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice EUD0728 Via Priesnig, 10 - TARVISIO

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE

AERONAUTICA MILITARE AERONAUTICA MILITARE 2 Reparto Manutenzione Missili Aeroporto Gino Allegri Via Sorio, 87 35141 Padova RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA AVE 0203 Via Casetta, 5/D 30015 CHIOGGIA (VE) 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE 2 REPARTO MANUTENZIONE MISSILI Aeroporto Gino Allegri

AERONAUTICA MILITARE 2 REPARTO MANUTENZIONE MISSILI Aeroporto Gino Allegri AERONAUTICA MILITARE 2 REPARTO MANUTENZIONE MISSILI Aeroporto Gino Allegri Via Sorio, 87 35141 PADOVA RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA AVI 1389 Via Battaglione Aosta n 32 Palazzina n 5 di P.G. 36100 VICENZA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Diaz, 33 - TARVISIO (UD) 1 Allegato

Dettagli

3 REPARTO GENIO A.M. RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA VIA OSSERVATORIO N 2 MESSINA AME0564

3 REPARTO GENIO A.M. RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA VIA OSSERVATORIO N 2 MESSINA AME0564 3 REPARTO GENIO A.M. RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA VIA OSSERVATORIO N 2 MESSINA AME0564 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE 3. DESCRIZIONE E STATO DI MANUTENZIONE 4. DATI CATASTALI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. COMUNE DI TARANTO VIA MAGNAGHI, 4 PALAZZINA D Alloggio ASI - MTA0292

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. COMUNE DI TARANTO VIA MAGNAGHI, 4 PALAZZINA D Alloggio ASI - MTA0292 DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA TARANTO RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI TARANTO VIA MAGNAGHI, 4 PALAZZINA D Alloggio ASI - MTA0292 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Viale Venezia, 398 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

Aliquota ex Caserma D. Chiesa ID.803 Palazzina Principale

Aliquota ex Caserma D. Chiesa ID.803 Palazzina Principale 1 REPARTO INFRASTRUTTURE TORINO Ufficio Demanio, Servitù Militari e Infrastrutture Inattive NUCLEO TECNICO DI GENOVA RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA SAVONA (SV) - Via Bonifacio del Vasto, civ. 4 Aliquota

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. Alloggio codice ERM3349 Via A. da Sangallo, 19 - Civitavecchia (RM)

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. Alloggio codice ERM3349 Via A. da Sangallo, 19 - Civitavecchia (RM) Ministero della Difesa Direzione dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissioni Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ERM3349 Via A. da Sangallo,

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

PERIZIA ESTIMATIVA immobili comunali, siti in Via Vailate 14, avuti dal Demanio attraverso la procedura c.d. Federalismo Demaniale -

PERIZIA ESTIMATIVA immobili comunali, siti in Via Vailate 14, avuti dal Demanio attraverso la procedura c.d. Federalismo Demaniale - COMUNE DI AGNADELLO PROVINCIA DI CREMONA Ufficio Tecnico AREA 1 URBANISTICA E LAVORI PUBBLICI Oggetto: ALIENAZIONE IMMOBILI DI PROPRIETA' DEL COMUNE DI AGNADELLO PERIZIA ESTIMATIVA immobili comunali, siti

Dettagli

LOTTO n. 6 Castello 1964

LOTTO n. 6 Castello 1964 LOTTO n. 6 Castello 1964 Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato, esternamente in stato manutentivo normale, con struttura portante in muratura,

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

LOTTO n. 24 San Polo 965

LOTTO n. 24 San Polo 965 LOTTO n. 24 San Polo 965 Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato, esternamente in stato manutentivo mediocre, ubicato tra la Calle della Donzella

Dettagli

Determinazione del valore di mercato

Determinazione del valore di mercato INAIL DIREZIONE REGIONALE PUGLIA Consulenza Tecnica per l Edilizia Settembre 2014 RELAZIONE TECNICO ESTIMATIVA Appartamento in Lecce Via Martiri d Otranto 2 piano quinto int. 10 RELAZIONE TECNICO - ESTIMATIVA

Dettagli

LOTTO n. 19 San Marco 2511/A

LOTTO n. 19 San Marco 2511/A LOTTO n. 19 San Marco 2511/A Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato di forma regolare con struttura portante in muratura, copertura a falde e rivestimento

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE

AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE AL MORENA S.R.L. - PIAZZA MISSORI 3 MILANO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE MAPPALE 462 - TRICESIMO CAPITOLATO SINTETICO DELLE OPERE FONDAZIONI Fondazioni costituite da travi rovesce e platee in cemento armato,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI STIMA

RELAZIONE TECNICA DI STIMA RELAZIONE TECNICA DI STIMA Il sottoscritto Zanella geom. Roberto, nato a Cesena il 18/12/50, ivi residente in Viale Abruzzi, 27, regolarmente iscritto all'albo dei Geometri della Provincia di Forlì - Cesena

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE COMANDO AEROPORTO CAMERI GRUPPO S.L.O. Servizio Impianti

AERONAUTICA MILITARE COMANDO AEROPORTO CAMERI GRUPPO S.L.O. Servizio Impianti AERONAUTICA MILITARE COMANDO AEROPORTO CAMERI GRUPPO S.L.O. Servizio Impianti RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA APV 0905 Via A. Ferrarin, 18 Palazzina A 2 piano, int. 6 27025 GAMBOLO (PV) fraz. Remondò APV

Dettagli

COUNE DI CITTA METROPOLITANA DI TORINO UFFICIO TECNICO COMUNALE

COUNE DI CITTA METROPOLITANA DI TORINO UFFICIO TECNICO COMUNALE COUNE DI CITTA METROPOLITANA DI TORINO UFFICIO TECNICO COMUNALE BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE DISPONIBILI PER RISULTA IN UNO DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PREMESSA E SCOPO Con la presente, il sottoscritto Ing. Francesco Guerrera iscritto all' Albo professionale

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEDA DESCRITTIVA DEI BENI

ALLEGATO 1 SCHEDA DESCRITTIVA DEI BENI ALLEGATO 1 SCHEDA DESCRITTIVA DEI BENI 1. IMMOBILE IN VIA SANTA MARIA 50, PIANO TERRA 2. APPARTAMENTO IN VIA SANTA MARIA 50, PIANO PRIMO LATO SX 3. APPARTAMENTO IN VIA SANTA MARIA N. 50, PRIMO PIANO LATO

Dettagli

Determinazione del valore di mercato

Determinazione del valore di mercato INAIL DIREZIONE REGIONALE PUGLIA Consulenza Tecnica per l Edilizia Settembre 2014 RELAZIONE TECNICO ESTIMATIVA Appartamento in Lecce Via Martiri d Otranto 2 piano primo int. 2 RELAZIONE TECNICO - ESTIMATIVA

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA

PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA RICHIEDENTE: COMUNE DI LARI - UFFICIO TECNICO; OGGETTO: APPARTAMENTO PER CIVILE ABITAZIONE, ANNESSO LOCALE AUTORIMESSA E QUOTA DI UN TERZO SUL RESEDE. ALLEGATI: Estratto di Mappa;

Dettagli

LOTTI n. 9-10 Dorsoduro 434

LOTTI n. 9-10 Dorsoduro 434 LOTTI n. 9-10 Dorsoduro 434 Ubicazione Planimetria sub 7 LOTTO N. 9 Planimetria sub 8 LOTTO N. 10 Stato dell immobile sub 7 LOTTO N. 9 Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato di forma rettangolare

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE 2 Reparto Genio A.M. Viale di Marino s.n.c. Ciampino - Roma

AERONAUTICA MILITARE 2 Reparto Genio A.M. Viale di Marino s.n.c. Ciampino - Roma AERONAUTICA MILITARE 2 Reparto Genio A.M. Viale di Marino s.n.c. Ciampino - Roma RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA OSTIA Via delle Baleari n.3 ALLOGGIO ARM1459 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE

AERONAUTICA MILITARE AERONAUTICA MILITARE SCUOLA LINGUE ESTERE Gruppo Servizi Generali Sezione Impianti Via S. Giovanni Bosco, 31 60025 LORETO (AN) RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA AMC 0686 Via Roma, 259 1 piano, int. 2 62100

Dettagli

LOTTO n. 26 San Polo 1535

LOTTO n. 26 San Polo 1535 LOTTO n. 26 San Polo 1535 Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato, esternamente in stato manutentivo mediocre, con struttura portante in muratura,

Dettagli

SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI

SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI TRIBUNALE DI TREVISO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESEC. IMMOB. N 432/2009 RELAZIONE DI CONSULENZA TECNICA D UFFICIO LOTTO UNICO N.C.E.U. - COMUNE DI MESER Sez. A - Foglio 2 - Mappale n. 475 sub. 144,

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

TRIBUNALE DI TREVISO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE R.G. ESEC. IMM.RI 228/2010 RAPPORTO DI STIMA LOTTO UNICO

TRIBUNALE DI TREVISO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE R.G. ESEC. IMM.RI 228/2010 RAPPORTO DI STIMA LOTTO UNICO TRIBUNALE DI TREVISO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE R.G. ESEC. IMM.RI 228/2010 RAPPORTO DI STIMA LOTTO UNICO Beni siti in Via Risorgimento n. 9 nella frazione Parè a Conegliano -

Dettagli

LOTTO N.23: EX SCUOLA ELEMENTARE SCANDALI, VIA TAVERNELLE

LOTTO N.23: EX SCUOLA ELEMENTARE SCANDALI, VIA TAVERNELLE LOTTO N.23: EX SCUOLA ELEMENTARE SCANDALI, VIA TAVERNELLE OGGETTO UBICAZIONE DESCRIZIONE STRUTTURA DESCRIZIONE L immobile è ubicato in via Tavernelle 1, quartiere Tavernelle, sito nella prima periferia

Dettagli

INDICE GENERALITÀ... 2

INDICE GENERALITÀ... 2 INDICE GENERALITÀ... 2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO... 2 DATI GENERALI... 2 ACCESSI AL FABBRICATO... 2 STRUTTURE PORTANTI... 3 COPERTURA... 3 DESCRIZIONE INTERVENTO PROPOSTO... 3 IMPIANTO TERMICO.... 3 ISOLAMENTO

Dettagli

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO Consulenza Tecnica per l Edilizia Regionale ROMA Via Giorgio Ghisi, 22 - interno 7 sc. L p.2

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO Consulenza Tecnica per l Edilizia Regionale ROMA Viale Dei Quattro Venti 98 interno 18 piano

Dettagli

Fabbricato colonico in Comune di Dicomano

Fabbricato colonico in Comune di Dicomano Fabbricato colonico in Comune di Dicomano Il fabbricato, posto in via Campana n 31 del Comune di Dicomano, si sviluppa su due piani fuori terra. È attualmente diviso in quattro unità immobiliari: un appartamento,

Dettagli

LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI E.R.P. SITI IN CISTERNINO (BR) LOTTI 4-5, VIA LIGURIA. Fondi F.S.C. 2007/2013-300.000,00

LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI E.R.P. SITI IN CISTERNINO (BR) LOTTI 4-5, VIA LIGURIA. Fondi F.S.C. 2007/2013-300.000,00 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE (P.I.R.P) LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI E.R.P. SITI IN CISTERNINO (BR) LOTTI 4-5, VIA LIGURIA Fondi F.S.C. 2007/2013-300.000,00 0 GENERALITA DATI E

Dettagli

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga RESIDENZA MARAINI Edificazione n. 4 appartamenti Lugano - Mapp.2437 Via Maraini Sommaruga INQUADRAMENTO Residenza MARAINI a LUGANO LOCALIZZAZIONE SEDIME LUGANO Via Maraini Sommaruga Mapp. 2437 Residenza

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1 CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE Residenze in LAINATE via Rho pag. 1 STRUTTURE - La struttura portante del fabbricato è costituita da un intelaiatura di travi e pilastri in cemento armato gettati

Dettagli

Allegato D2) COMUNE DI CREMONA. SCHEDA TECNICA IMMOBILE A DESTINAZIONE RESIDENZIALE posto in Comune di Cremona via Agazzina n. 6

Allegato D2) COMUNE DI CREMONA. SCHEDA TECNICA IMMOBILE A DESTINAZIONE RESIDENZIALE posto in Comune di Cremona via Agazzina n. 6 COMUNE DI CREMONA SCHEDA TECNICA IMMOBILE A DESTINAZIONE RESIDENZIALE posto in Comune di Cremona via Agazzina n. 6 DESCRIZIONE DEL BENE Ubicazione L edificio oggetto di stima è posto nel Comune di Cremona,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE OPERE

DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE OPERE Centro Residenziale Vicus Cecilianus DESCRIZIONE SOMMARIA DELLE OPERE APPARTAMENTI IN VILLA 1 OPERE ESTERNE Facciate esterne: Le facciate esterne dell edificio saranno rifinite con intonaco fine colorato,

Dettagli

PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA

PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA RICHIEDENTE: COMUNE DI LARI - UFFICIO TECNICO; OGGETTO: APPARTAMENTO PER CIVILE ABITAZIONE, ANNESSO LOCALE RIPOSTIGLIO IN COMPROPRIETA E QUOTA DI UN TERZO SUL RESEDE. (UNITA

Dettagli

Comitato locale di Monza

Comitato locale di Monza Una CASA per la CROCE ROSSA Comitato locale di Monza Progetto di Massima e stima per la manutenzione straordinaria di parte dell immobile sito in Via Pacinotti, 2 a MONZA (MB) Una CASA per la CROCE ROSSA

Dettagli

PERIZIA TECNICA DI STIMA

PERIZIA TECNICA DI STIMA Provincia di Alessandria DIPARTIMENTO AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE DIREZIONE EDILIZIA - TRASPORTI UFFICIO TECNICO EDILIZIA PERIZIA TECNICA DI STIMA Ex Casa Cantoniera Lungo la ex S.S. n 35 dei

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo Quartiere

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE

Dettagli

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE A due passi dal centro storico, immobili in fase di realizzazione con finiture di pregio. Possibilità di scegliere materiali e disposizione interna. Pannelli

Dettagli

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE A due passi dal centro storico, immobili in fase di realizzazione con finiture di pregio. Possibilità di scegliere materiali e disposizione interna. Pannelli

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante Pali trivellati Fondazioni profonde Pali battuti Micropali Verifica strutture Platea Fondazioni superficiali Plinti Manutenzione fondazioni Travi rovesce Verifica statica Pilastri Travi STRUTTURE IN C.A.

Dettagli

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Alloggio di civile abitazione ubicato in Firenze Via dei Serragli n. 76. (N.C.E.U. Foglio di mappa

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona)

REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona) REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona) LAVORI DI RECUPERO DL SOTTOTETTO DELLA SCUOLA PRIMARIA C. COLLODI LOTTO 1 CODICE 08-2001/1 OPERE EDILI PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

Dettagli

Si precisa che le operazioni peritali svolte presso i locali in data 25/01/2010

Si precisa che le operazioni peritali svolte presso i locali in data 25/01/2010 TRIBUNALE DI CREMONA Cancelleria Fallimentare FALLIMENTO Nr 24/ 2009 Il sottoscritto Ingegner Alessandro Laudati, nato a Cremona il 16/05/1968, ivi residente, con studio in Viale Trento e Trieste 53, iscritto

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA GEOMETRA MONTALTI GIANFRANCO Via Fioravanti n. 21 40129 BOLOGNA Tel. 051 364384 - Fax 051 364384 E-mail: gianfranco.montalti@collegiogeometri.bo.it TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 ESTRATTO DEL CAPITOLATO LAVORI DEMOLIZIONI Demolizione edificio esistente SCAVI E RINTERRI Scavo di sbancamento

Dettagli