Regolamento MUSEO CASA ORTEGA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento MUSEO CASA ORTEGA"

Transcript

1 COMUNE DI SAN GIOVANNI A PIRO (Provincia di Salerno) Regolamento del MUSEO CASA ORTEGA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 30/01/2013 1

2 PREMESSA Norme di riferimento Il presente regolamento, attuativo del Museo Casa Ortega di San Giovanni a Piro, è stato redatto secondo le disposizioni di cui all art. 8 della L.R. 12 del , nonché degli artt. 4 e 5 del regolamento di attuazione n.5 del , D.M DENOMINAZIONE E SEDE Il Museo Casa Ortega di San Giovanni a Piro ha sede nella frazione di Bosco, in Piazza S. Rosalia PROPRIETA E DISPONIBILITA DELLA SEDE La sede del Museo è di proprietà del Comune di San Giovanni a Piro (SA). NATURA DI ORGANISMO PERMANENTE E SENZA SCOPO DI LUCRO Il Museo Casa Ortega di San Giovanni a Piro (SA) è una istituzione permanente senza scopo di lucro, organizzato ed operante secondo le norme del presente Regolamento, redatto secondo i criteri tecnoscentifici e gli standard disciplinati dal D.M del e secondo la normativa nazionale e regionale vigente in materia L.R. 12/05. Il Museo raccoglie 10 pannelli in cartapesta realizzati dal maestro spagnolo Josè Ortega, allievo di Picasso, che a Bosco ha deciso di trascorrere gli ultimi vent anni della propria vita. Esule per scelta, antifascista convinto, combattente in nome della libertà, il pittore Ortega ha lasciato nella sua abitazione ai piedi del Monte Bulgheria un ricco patrimonio pittorico. Quest ultimo a seguito degli accordi sanciti tra Amministrazione Comunale e familiari dello stesso pittore - è stato in parte esposto nel Museo, allestito ed inaugurato dal Comune il 18 marzo I lavori in cartapesta, dai colori intensi e vivaci, raccontano il vissuto dell artista e la storia della terra spagnola: la disperata tragicità della guerra civile, l opprimente e soffocante piglio della dittatura franchista, ma anche quello fermamente leggiadro della democrazia, cui Ortega invita a tendere. Per Ortega l arte non è passatempo, ma necessità di legge morale, di ordine etico. Le sue opere si propongono infatti come un sermone di impegno civile alle generazioni presenti e future. FINALITA E MISSIONE Il Museo Casa Ortega è un istituto artistico-culturale al servizio della comunità locale ed extralocale, aperto al pubblico (di venerdì e sabato nel periodo invernale, ogni giorno nel periodo estivo), il cui obiettivo prioritario è la valorizzazione dell artista Ortega, nonché la promozione e fruizione delle sue opere pittoriche. FORME DI GOVERNO E GESTIONE MODALITA DI AFFIDAMENTO DEI SERVIZI IN CONCESSIONE Il Museo Casa Ortega dipende dall Assessorato Turismo e Cultura del Comune di San Giovanni a Piro (SA). È gestito direttamente dal Comune mediante un Direttore, individuato nella persona dell arch. Raffaele Laino, Responsabile dell Ufficio Tecnico Comunale, che provvederà alla gestione in nome e per conto dell Ente proprietario. Sono a carico dell Ente proprietario l apertura e la manutenzione ordinaria e straordinaria oltre che dell immobile anche delle collezioni, previa consultazione con il Direttore che formalmente è il Conservatore e curatore scientifico delle collezioni. Il Direttore riveste anche le funzioni di Responsabile amministrativo e le svolge di concerto con il Responsabile finanziario dell Ente. FUNZIONI E COMPITI Il Museo Casa Ortega ha una sua propria autonomia scientifica e di programmazione e progettazione culturale. Nello svolgimento dei propri compiti e fini, applicando le normative che regolano la materia secondo le metodologie definite dai competenti organi statali: cura le collezioni e ne favorisce l ampliamento; assicura l inventario e la catalogazione dei beni posseduti; 2

3 propone iniziative volte a promuovere sia l artista Ortega sia le sue opere custodite nel Museo attraverso pubblicazioni, convegni, mostre a tema, conferenze, seminari, tavole rotonde; promuove una sinergia con le Scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio di riferimento e non solo, oltre che con gli altri organismi culturali insistenti sul territorio; si confronta e collega con istituzioni ed enti analoghi a livello locale, nazionale ed internazionale; offre servizi finalizzati alla divulgazione scientifico-didattica e turistico-culturale. ASSETTO FINAZIARIO E ORDINAMENTO CONTABILE Il Comune di San Giovanni a Piro (SA) provvede al mantenimento del Museo Casa Ortega mediante fondi di bilancio ordinari, nonché con l impiego di contributi ordinari e/o straordinari che potranno provenire sia dallo Stato, sia dalla Regione e Provincia di Salerno, e/o da altri Enti Pubblici e privati, così come da eventuali sponsorizzazioni, enti morali, imprese e/o organizzazioni o associazioni che liberamente intendono sostenerlo economicamente. Altre tipologie di entrate economiche possono essere rappresentate dall offerta di diversi ed eventuali servizi connessi alla gestione delle collezioni come: bookshop, merchandising ed altri eventuali leciti e chiari proventi. Per mantenimento s intende la copertura economico-finanziaria di tutti i costi inerenti alla gestione ordinaria e straordinaria dell immobile adibito a Museo, degli impianti e degli arredi, nonché più in genere delle spese ritenute utili e necessarie per il raggiungimento dei fini del presente regolamento. Oltre alle spese succitate, si considerano uscite anche le spese di attività di studio e di ricerca scientifica, stampa di pubblicazioni e realizzazione di eventi inerenti (mostre, conferenze, iniziative culturali connesse alle collezioni e/o al territorio di riferimento). Uscite sono rappresentate anche dalla realizzazione di piani di promozione, dagli eventuali adeguamenti tecnologici e alla messa in essere di tutti quegli interventi strutturali necessari ed indispensabili. La programmazione finanziaria ed economica del Museo è di competenza del Direttore del Museo che, entro il mese di Febbraio dell anno successivo, presenta il bilancio consuntivo e la relazione sulle attività svolte nel precedente anno. Il Direttore del Museo, d intesa con l Assessore Comunale al Turismo e alla Cultura, presenterà entro il 30 novembre di ciascun anno il programma preventivo delle attività pianificate per l anno seguente, nonché il relativo piano economico comprendente entrate ed uscite previste ai fini della predisposizione del bilancio di previsione del Comune. In caso di iniziative straordinarie promosse dal Museo, enti privati, ditte, organizzazioni o associazioni che contribuiscono alla loro realizzazione, mediante l erogazione di sovvenzioni e prestazioni di beni e di servizi, potranno godere di benefici pubblicitari autorizzati dal Direttore e dall Amministrazione comunale. NORME E DOTAZIONE DI PERSONALE RAPPORTI DI COLLABORAZIONE E CONSULENZA Al fine di assicurare le attività generali del Museo Casa Ortega, il Comune di San Giovanni a Piro (SA) mette a disposizione il proprio personale comunale, ove possibile, con funzioni di coadiutore all attività del Direttore e Conservatore del Museo. Nello specifico, il personale comunale impegnato nella gestione del Museo avrà il compito di garantire l apertura e l assistenza al pubblico; la custodia, la sorveglianza delle sale espositive e la manutenzione ordinaria dei beni esposti. Per le eventuali altre attività di visita e/o di laboratorio, allestimento mostre temporanee, il personale viene introdotto ed aggiornato sui temi e sui contenuti trattati dal Museo dal Direttore e Conservatore dello stesso, d intesa con l Assessore al Turismo e alla Cultura, ricevendone gli indirizzi e le disposizione necessarie all espletamento delle funzioni previste e all assistenza sotto il profilo tecnico-scientifico ed operativo. RESPONSABILITA DEL MUSEO E DEL CONSERVATORE Il Direttore e Conservatore è responsabile della conservazione e della sicurezza delle collezioni a lui affidate; ne è il consegnatario e responsabile nei confronti dell Ente proprietario. Insieme all Assessore al Turismo e alla Cultura: si occupa della gestione e della diretta valorizzazione del Museo; 3

4 è responsabile dell identità e della missione del Museo Casa Ortega ; predispone i piani di manutenzione ordinaria e conservazione delle collezioni; contribuisce ad elaborare i criteri e i progetti di esposizione delle raccolte; conduce e coordina attività di ricerca scientifica; collabora alla valorizzazione delle collezioni attraverso le attività culturali, educative e di divulgazione scientifica; progetta e coordina attività relative alle esposizioni temporanee e di editoria del Museo. L incarico viene formalizzato con Atto che ne specifichi funzioni e responsabilità e tempi nei quali sia garantita la continuità d incarico al fine di permettere il completamento dei progetti inseriti nei programmi pluriennali dell Amministrazione e dello stesso Direttore e Conservatore. Inoltre, la sua nomina deve essere comunicata alle competenti Soprintendenze e alla Direzione Regionale per i Beni Culturali oltre che alla Giunta Regionale della Campania Area Generale di Coordinamento Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Politiche Giovanili -Settore Musei e Biblioteche- Area 17, settore 02. All atto dell incarico il Direttore e Conservatore riceve in consegna dall Amministrazione comunale con regolare verbali le raccolte ed i relativi inventari, la sede, le attrezzature, gli arredi; viene così ad assumere la completa responsabilità circa la cura e la conservazione, la custodia e la valorizzazione di quanto affidatogli. Al Direttore e Conservatore spetta la direzione scientifica della ricerca ed il coordinamento della struttura operativa del Museo. Predispone, d intesa con l Assessore al Turismo e alla Cultura, i programmi generali delle attività finalizzate alla valorizzazione e promozione del Museo e ne cura lo svolgimento; assicura l ordinata conservazione del patrimonio; sovrintende le iniziative scientifiche, culturali e didattiche. Alla fine di ogni anno il Direttore e Conservatore, d intesa con l Assessore al Turismo e alla Cultura, elabora la relazione annuale sulle attività di propria pertinenza e competenza svolte e sullo stato del Museo, sull affluenza del pubblico e sull attività generale; entro il 30 novembre di ogni anno predispone, sempre d intesa con l Assessore di competenza, il programma di previsione per l anno successivo. Lasciando l incarico il Direttore e Conservatore consegna all Amministrazione comunale con regolari verbali quanto affidatogli in precedenza. Resta intesa la responsabilità dell Amministrazione comunale nel caso di danni o furti al patrimonio del Museo derivanti dal dolo, colpa o semplice negligenza. Il Direttore e Conservatore, tenuto conto dell entità dell attività da svolgersi, può avvalersi di personale tecnico-scentifico specializzato e di collaboratori generici al fine di espletare: la promozione ed il coordinamento delle manifestazioni culturali inerenti al Museo e il patrimonio turistico-culturale di San Giovanni a Piro, quali mostre, convegni, pubblicazioni, attività didattiche ed eventi in genere; valutazioni di eventuali donazioni e/o acquisizioni di beni al patrimonio del Museo, nonché di eventuali beni in convenzione di deposito o di comodato; la programmazione degli interventi di restauro e/o manutenzione dei beni custoditi all interno del Museo Casa Ortega. PRINCIPI E CRITERI GENERALI RELATIVI ALLA DOTAZIONE ORGANICA E FORME DI RECLUTAMENTO ED INQUADRAMENTO DEL PERSONALE Le figure professionali necessarie ad un corretto svolgimento delle attività museali sono: 1. Direttore e Conservatore del Museo con funzioni di Responsabile Amministrativo. Oltre a svolgere le funzioni di cui sopra, garantisce il controllo di gestione in ambito amministrativo e finanziario del Museo, nonché della gestione del personale e della redazione del bilancio di missione e del rapporto annuale. Svolge anche funzioni di: a) progettazione delle strategie di crescita economica del Museo e dei suoi piani di finanziamento; b) realizzazione del business plan; c) verifica della fattibilità economica di programmi e progetti; d) valutazione di piani di valorizzazione ed aggiornamento delle risorse umane; e) tiene la contabilità e verifica costantemente lo stato della spesa e della cassa; f) verifica che la gestione del Museo e dei servizi sia impostata in base a criteri di economicità, efficacia, efficienza e trasparenza. 2. Operatore dei servizi di custodia ed accoglienza al pubblico. 4

5 È preposto alla vigilanza del patrimonio museale all interno dei locali espositivi; accoglie il pubblico e fornisce loro le prime informazioni; svolge funzioni connesse all accesso al pubblico; provvede alla distribuzione e vendita di materiali informativi e promozionali del Museo, segnalando la necessità di rifornimento degli stessi; garantisce la sorveglianza degli ambienti e del patrimonio museale; interpreta e segnala malfunzionamenti delle strumentazioni informative, videosorveglianza, antintrusione, antifurto, antincendio; allerta il Direttore e Conservatore in caso di emergenza; assicura il rispetto del regolamento del Museo; interpreta le esigenze d informazione delle diverse fasce di utenza; fornisce informazioni sui percorsi, opere, servizi ed attività del Museo; fa da tramite tra il pubblico ed i Responsabili del Museo per le informazioni specifiche; osserva e segnala al Direttore e Conservatore le esigenze e le difficoltà esposte dai visitatori; svolge le operazioni di vendita dei biglietti. IL PATRIMONIO Il patrimonio del Museo Civico è così costituito: 1. Da 10 pannelli in cartapesta (Il Pronunciamento, Il dittatore, Manifestazione, Compagno morto, Madri dolorose, Nascita, Libertà, La casa rossa, Bambino solo, Fucilazione); 2. Dalle 10 stampe del Decalogo della democrazia ; 3. Dai pezzi costituenti l arredo e l allestimento del Museo; I pannelli in cartapesta esposti sono di proprietà esclusiva della famiglia Ortega, come da nota agli atti sottoscritta tra la moglie del pittore spagnolo ed il Comune di San Giovanni a Piro. Gli allestimenti e quant altro presente all interno del Museo Casa Ortega sono di esclusiva proprietà comunale. TUTELA DEL PATRIMONIO Il Museo garantisce la disponibilità di strutture e servizi adeguati alla conservazione, alla custodia e alla sicurezza dei beni e delle persone. PRINCIPI GENERALI, CRITERI E MODALITA DI GESTIONE E CURA DEL PATRIMONIO MUSEALE E/O DELLE COLLEZIONI Inventario Il Museo Casa Ortega è dotato di un registro inventariale nel quale sono debitamente elencate tutte le opere in dotazione al Museo stesso. PRINCIPI GENERALI E MODALITA DI EROGAZIONE DEI SERVIZI AL PUBBLICO (Orario di apertura) a) Il Museo Casa Ortega è aperto al pubblico con orario stabilito dall Amministrazione comunale/assessorato al Turismo e alla Cultura (ogni venerdì e sabato mattina nel periodo invernale; tutti i giorni nel periodo estivo). L orario è esposto al pubblico, oltre ad essere pubblicato sul sito istituzionale dell ente comunale. Ogni sua eventuale variazione verrà tempestivamente comunicata all utenza. b) Per la visita alle sale di esposizione viene stabilito un diritto d ingresso suscettibile di adeguamento nel tempo. (Biglietto) L ingresso al Museo Casa Ortega avviene previo pagamento di un corrispettivo determinato annualmente dalla Giunta Comunale considerate le diverse tipologie di utenza. (Norme Generali) I visitatori debbono tenere nel Museo un comportamento adeguato e rispettoso delle regole della civile educazione. È rigorosamente vietato al pubblico toccare i pezzi esposti, così come fumare, mangiare, bere e compiere qualsiasi altro atto che possa creare danno o mettere in pericolo i pezzi delle collezioni esposte o recare disturbo agli altri visitatori presenti. Per quanto non espressamente disposto dal presente Regolamento vengono rispettate: Le disposizioni di Legge in materia di Servizio museale e dei Beni Culturali soggetti a tutela; 5

6 Le Leggi regionali sul pubblico servizio dei Musei e ogni altra Norma che abbia riferimento al funzionamento e/o alle attività del Museo stesso. (Rapporti con il territorio) Il Museo Casa Ortega di San Giovanni a Piro (SA) partecipa alle iniziative culturali nel settore che gli è proprio e le promuove nell ambito della vita cittadina e del territorio di riferimento. Promuove la conoscenza e la valorizzazione del proprio patrimonio; Svolge continuativamente attività educative e didattiche; Si confronta, si collega e si rapporta con Istituzioni ed Enti analoghi a livello locale, nazionale ed internazionale; Offre servizi finalizzati alla divulgazione scientifico-didattica e turistico-culturale. MODALITA DI RACCOLTA DEI DATI SULL ATTIVITA E LA GESTIONE DEL MUSEO A FINI STATISTICI E DI PROGRAMMAZIONE Ai fini statistici per la gestione e per la programmazione delle attività dovranno essere raccolti mediante l utilizzo di un registro di presenza - tutti i dati necessari sull andamento delle visite al Museo e riferiti annualmente al Direttore ed all Assessorato competente. Dovrà, inoltre, essere realizzata annualmente una relazione sulle diverse attività svolte dal Museo con la relativa indicazione delle presenze. All interno del Museo verrà consegnato un questionario di gradimento anonimo, che verrà poi imbucato in un apposita cassetta all uscita. Ai fini statistici anche per gli ingressi gratuiti sarà distribuito il relativo biglietto omaggio. VIGILANZA Il Comune di San Giovanni a Piro (SA), unitamente al Direttore e Conservatore del Museo e di tutte le altre figure istituzionali contemplate nel presente regolamento, debbono assicurare un adeguata custodia dei locali e di tutti i beni ivi custoditi con il necessario personale nell orario di apertura e con adeguati sistemi di sicurezza durante la chiusura. Copia del presente Regolamento verrà pubblicato sul sito istituzionale del Comune e consultato, su richiesta, all interno dello stesso Museo. ENTRATA IN VIGORE Il presente Regolamento entra in vigore con l esecutività della delibera di approvazione. 6

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

STATUTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO SA DOMU E SU NURAXI ARRUBIU E DELL AREA ARCHEOLOGICA NURAGHE ARRUBIU DI ORROLI

STATUTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO SA DOMU E SU NURAXI ARRUBIU E DELL AREA ARCHEOLOGICA NURAGHE ARRUBIU DI ORROLI STATUTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO SA DOMU E SU NURAXI ARRUBIU E DELL AREA ARCHEOLOGICA NURAGHE ARRUBIU DI ORROLI Approvato con deliberazione del consiglio comunale n 74 in data 26/11/2010.. Art. 1.

Dettagli

Museo Archeologico Ambientale REGOLAMENTO. del MUSEO ARCHEOLOGICO AMBIENTALE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

Museo Archeologico Ambientale REGOLAMENTO. del MUSEO ARCHEOLOGICO AMBIENTALE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO) REGOLAMENTO del MUSEO ARCHEOLOGICO AMBIENTALE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO) INDICE: 1. DENOMINAZIONE E SEDE 2. NATURA DI ORGANISMO PERMANENTE E SENZA SCOPO DI LUCRO 3. COMPITI E FINALITÀ 4. POSSESSO

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM Approvato con D.G.C. n. 50 del 18/05/09 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Art. 1 E istituito IL MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO, denominato Del BOSCO a seguito del deposito dei beni storico archeologici provenienti

Art. 1 E istituito IL MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO, denominato Del BOSCO a seguito del deposito dei beni storico archeologici provenienti Art. 1 E istituito IL MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO, denominato Del BOSCO a seguito del deposito dei beni storico archeologici provenienti prevalentemente dal territorio relativo al comune di Supersano e i

Dettagli

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO Approvato con Delibera di C.C. n. 12 del 19 marzo 2012 ART. 1 Denominazione e sede Il Museo Civico di Palagiano denominato

Dettagli

Museo Archeologico Ambientale

Museo Archeologico Ambientale STATUTO del MUSEO ARCHEOLOGICO AMBIENTALE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO) Art. 1 Denominazione e sede Il Museo Archeologico Ambientale è una struttura di cui Ente titolare è il Comune di San Giovanni

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 29.03.2013 Indice: Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE...3

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

Comune di Verucchio REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI VERUCCHIO

Comune di Verucchio REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI VERUCCHIO Comune di Verucchio Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI VERUCCHIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 75/2008 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

Regolamento comunale dei Musei di Savignano

Regolamento comunale dei Musei di Savignano COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Via Doccia n. 64, 41056 Savignano sul Panaro (MO) COPIA Regolamento comunale dei Musei di Savignano Il presente regolamento: è stato approvato con atto

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF DIPARTIMENTO STRUTTURE SERVIZIO MUSEI LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF Ai sensi del D.L. 138/2003 Riordino dell'istituto Nazionale di Astrofisica (art. 3, comma 1, lettera i) e del

Dettagli

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore Premessa Il Museo Palazzo Corte Metto (ex Museo della Flora, Fauna e Mineralogia) farà parte della costituenda rete museale

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

Regolamento del MUSEO CIVICO DI CASTELLEONE

Regolamento del MUSEO CIVICO DI CASTELLEONE Deliberazione della Giunta regionale 20 dicembre 2002 n -7/II643 (BURL-16 gennaio 2003-2 supp. Str.) recante i criteri e linee guida per il riconoscimento dei musei e delle raccolte museali in Lombardia,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUST - MUSEO DEL TERRITORIO VIMERCATESE

REGOLAMENTO DEL MUST - MUSEO DEL TERRITORIO VIMERCATESE REGOLAMENTO DEL MUST - MUSEO DEL TERRITORIO VIMERCATESE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 66 del 22 dicembre 2004 SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Art. 1 Istituzione, denominazione

Dettagli

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI TELEFONO 0744/710119-710723 - FAX 0744/710159 - E-MAIL: COMUNECALVI@TISCALINET.IT ART. 1 Il Comune di Calvi dell Umbria, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Premessa Il MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE di Schilpario successivamente indicato solamente come MUSEO ETNOGRAFICO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO

REGOLAMENTO DEL MUSEO REGOLAMENTO DEL MUSEO Approvato con deliberazione del Consiglio d Istituto del 17 gennaio 2013 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Il presente regolamento disciplina l organizzazione e il funzionamento del Museo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL MUSEO ARCHEOLOGICO DEL FINALE

REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL MUSEO ARCHEOLOGICO DEL FINALE Museo Archeologico del Finale Complesso Monumentale di Santa Caterina 17024 Finale Ligure Borgo (SV), Italia Tel. +39.019.690020 fax +39.019.681022 www.museoarcheofinale.it info@museoarcheofinale.it REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI. TITOLO I Costituzione del servizio

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI. TITOLO I Costituzione del servizio REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI TITOLO I Costituzione del servizio 1 Costituzione, denominazione e sede Il Comune di Mantova, richiamate: la fondazione del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO DELLA PREISTORIA DELLA TUSCIA E DELLA ROCCA FARNESE. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

REGOLAMENTO DEL MUSEO DELLA PREISTORIA DELLA TUSCIA E DELLA ROCCA FARNESE. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. REGOLAMENTO DEL MUSEO DELLA PREISTORIA DELLA TUSCIA E DELLA ROCCA FARNESE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 del 21/11/2008 INDICE Premesse Art. 1 Denominazione, Sede, Appartenenza

Dettagli

COMUNE DI PIADENA. (Provincia di Cremona) Regolamento del Museo Archeologico Platina

COMUNE DI PIADENA. (Provincia di Cremona) Regolamento del Museo Archeologico Platina COMUNE DI PIADENA (Provincia di Cremona) Regolamento del Museo Archeologico Platina Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 del 23/11/2009 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

1 29/11/02 Approvato con deliberazione C.C. 29/11/2002 n. 88

1 29/11/02 Approvato con deliberazione C.C. 29/11/2002 n. 88 Pagina 1 di 5 Documento Rev. Data Oggetto della revisione 1 29/11/02 Approvato con deliberazione C.C. 29/11/2002 n. 88 Redazione A. Mazzucchi Controllo Approvazione B. Armone Caruso F.to A. Mazzucchi F.to

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

Approvato con delibera n. 45/CC del 26.11.2008 TITOLO I PRINCIPI GENERALI, FINALITA E ORGANIZZAZIONE DEL MUSEO CAPO I NORME GENERALI

Approvato con delibera n. 45/CC del 26.11.2008 TITOLO I PRINCIPI GENERALI, FINALITA E ORGANIZZAZIONE DEL MUSEO CAPO I NORME GENERALI REGOLAMENTO DEL MUSEO ARCHEOLOGICO COMUNALE COMUNE DI DICOMANO Provincia di Firenze (Legge Regionale 4 dicembre 1980, n. 89, D.M. 10 maggio 2001 Atto di indirizzo sui criteri tecnico scientifici e sugli

Dettagli

Comune di Castell Arquato Provincia di Piacenza REGOLAMENTO. Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 8 del 06.02.

Comune di Castell Arquato Provincia di Piacenza REGOLAMENTO. Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 8 del 06.02. Comune di Castell Arquato Provincia di Piacenza REGOLAMENTO DEI MUSEI CIVICI DI CASTELL ARQUATO Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 8 del 06.02.2009 Art. 1 DENOMINAZIONI E SEDI

Dettagli

REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO. Maggio 2012

REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO. Maggio 2012 REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO Maggio 2012 Il museo denominato Museo Laboratorio della Mente (d ora in avanti MLM) con sede a Roma Piazza S. Maria della Pietà n.5, Padiglione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU16 23/04/2015

REGIONE PIEMONTE BU16 23/04/2015 REGIONE PIEMONTE BU16 23/04/2015 Codice A20090 D.D. 30 marzo 2015, n. 140 MRSN. Avvio della trattativa mediante procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara (art. 57 del D.Lgs 163/2006)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO (Testo coordinato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO DEL RISORGIMENTO E DELLA RESISTENZA

REGOLAMENTO DEL MUSEO DEL RISORGIMENTO E DELLA RESISTENZA REGOLAMENTO DEL MUSEO DEL RISORGIMENTO E DELLA RESISTENZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 16/104426/08 del 23/02/2009 CAPITOLO I Disposizioni generali Articolo 1 Il Museo Civico del Risorgimento

Dettagli

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi:

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi: CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico Macro categoria attività Museo della Città Finalità attività Il Museo della Città, è il luogo

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MUSEO DELLA CIVILTA ' DEL VINO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MUSEO DELLA CIVILTA ' DEL VINO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA COMUNE DI BUTTRIO P R O V I N C I A D I U D I N E REGOLAMENTO COMUNALE DEL MUSEO DELLA CIVILTA ' DEL VINO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA Approvato con deliberazione consiliare n 35/2000

Dettagli

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Comune di Clusone Deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 27/12/2005 Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Art. 1 (Oggetto del Regolamento) E istituito il MAT

Dettagli

Questionario di autovalutazione

Questionario di autovalutazione Questionario di autovalutazione SCHEDA ANAGRAFICA i Denominazione del museo e recapiti A.1.1 Denominazione. A.1.2 Complesso di appartenenza (1). A.1.3 Indirizzo (2) A.1.4 Località (3). A.1.5 CAP A.1.6

Dettagli

COMUNE DI MONTELEONE DI SPOLEO

COMUNE DI MONTELEONE DI SPOLEO COMUNE DI MONTELEONE DI SPOLEO (Provincia di Perugia ) MUSEO CIVICO COMUNALE ECOMUSEO DELLA DORSALE APPENNINICA UMBRA Regolamento (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 75 del 22.10.2014) Il

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT Art. 1- L Associazione di volontariato Museo della Cultura Contadina più avanti chiamata per

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 PRESENTAZIONE TITOLO PRIMO: Finalità del servizio TITOLO SECONDO: Direzione, personale e

Dettagli

Prot. n.22411 Varese, 5 aprile 2013 AVVISO ESPERIMENTO PROCEDURA DI MOBILITA EX ART. 30 D.LGS. N.165/2001

Prot. n.22411 Varese, 5 aprile 2013 AVVISO ESPERIMENTO PROCEDURA DI MOBILITA EX ART. 30 D.LGS. N.165/2001 Prot. n.22411 Varese, 5 aprile 2013 OGGETTO: AVVISO ESPERIMENTO PROCEDURA DI MOBILITA EX ART. 30 D.LGS. N.165/2001 In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n.86 del 26/02/2013 si rende noto

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO

COMUNE DI MONTEMILETTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI NONCHE DI BENI MOBILI ED IMMOBILI AD ASSOCIAZIONI, ENTI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO 3 ART. 2 - COOPERAZIONE INTERBIBLIOTECARIA 3 ART. 3 - DOCUMENTAZIONE DI RILEVANZA LOCALE E SEZIONE LOCALE

Dettagli

COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI. Regolamento del Museo d Arte di Roccarainola MAR

COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI. Regolamento del Museo d Arte di Roccarainola MAR COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI Regolamento del Museo d Arte di Roccarainola MAR Art.1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE, SEDE E NATURA Ai sensi degli art. 58 e seguenti dello Statuto del Comune

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Comune di Spilamberto REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 28.05.2012, divenuta esecutiva ai

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA - Fondazione Allegato a) alla decisione n. 23/PR del 8.03.2006 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA Art. 1 - Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFITTO TEMPORANEO DEGLI SPAZI DEL PARCO REGIONALE BOSCHI DI CARREGA

REGOLAMENTO PER L AFFITTO TEMPORANEO DEGLI SPAZI DEL PARCO REGIONALE BOSCHI DI CARREGA Approvato con atto di Comitato Esecutivo n. 25 del 15/03/2013) REGOLAMENTO PER L AFFITTO TEMPORANEO DEGLI SPAZI DEL PARCO REGIONALE BOSCHI DI CARREGA CENTRO PARCO CASINETTO-CENTRO VISITE LEVATI-VIVAIO

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Statuto Museo d Arte Moderna e Contemporanea A. Ortiz Echague

Statuto Museo d Arte Moderna e Contemporanea A. Ortiz Echague COMUNE DI ATZARA PROVINCIA DI NUORO Via Vittorio Emanuele, 27 08030 ATZARA telefono 0784/65205 fax 0784/65380 e-mail: servizi.sociali@comune.atzara.nu.it UFFICIO SERVIZI SOCIALI Statuto Museo d Arte Moderna

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

N 23 del 29 settembre 2014

N 23 del 29 settembre 2014 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 23 del 29 settembre 2014 Oggetto: Modifica statuto e adozione regolamento Polo Museale Casa Zapata per partecipazione al bando Riconoscimento Regionale dei musei

Dettagli

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Convegno Standard per i musei della Regione Piemonte GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Adriano Da Re Torino, 3 Dicembre 2007 Agenda La Fondazione Torino Musei

Dettagli

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE CAPO I Servizio di economato Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE COMUNE DI RANZANICO PROVINCIA DI BERGAMO SEDE: PIAZZA DEI CADUTI, 1 - C.A.P. 24060 - CODICE FISCALE E PARTITA I.V.A. 00579520164 TEL. (035) 829022 - FAX (035) 829268 - E-MAIL: info@comune.ranzanico.bg.it

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF)

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) tra i Comuni di: Bagno a Ripoli, Barberino Val d Elsa, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Figline Valdarno,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica Art. 1. È costituita l Associazione culturale denominata MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica.

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA.

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. Art. 1 Oggetto del Disciplinare Il presente disciplinare regola l uso dei locali di proprietà

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL MUSEO CIVICO AMEDEO LIA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL MUSEO CIVICO AMEDEO LIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL MUSEO CIVICO AMEDEO LIA Visti gli atti di liberalità rogati in Roma dal Notaio Leonardo Milone rispettivamente il 6.6.1995 ed il 12.06.1996 Visti i conseguenti atti di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Fondazione Deutsche Bank Italia

Fondazione Deutsche Bank Italia Fondazione Deutsche Bank Italia STATUTO Articolo 1 Costituzione Denominazione Sede È costituita una fondazione denominata Fondazione Deutsche Bank Italia, con durata illimitata, avente sede in Milano,

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O COMUNE DI VENZONE UDINE PROVINCIA DI ************************************************************************************************ R E G O L A M E N T O PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRI DI RICERCA

REGOLAMENTO CENTRI DI RICERCA REGOLAMENTO CENTRI DI RICERCA (con la modifiche proposta al Senato Accademico nella seduta del 25 novembre 2014 e deliberate dal Comitato Esecutivo nella seduta del 10 dicembre 2014) Regolamento del Centro

Dettagli

MUSEOLOGIA. Prof. Francesco Morante

MUSEOLOGIA. Prof. Francesco Morante MUSEOLOGIA Prof. Francesco Morante I.C.O.M. International Council of Museum Organizzazione internazionale non governativa che ha sede presso l UNESCO. Fondata nel 1948, coordina le attività museali in

Dettagli

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE COPIA C O M U N E D I M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 151 Reg. Deliberazioni N. 26069/2014 di Prot. G. OGGETTO: Provvedimenti per la valorizzazione e

Dettagli

Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo

Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo Promozione Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo Concessione contributi, finanziamenti e patrocini. Contributi e patrocini possono essere concessi per interventi, opere, iniziative e attività

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione scolastica Scuola Elementare E.Fermi Approvato con deliberazione di C.C. n. 44 del 20.12.2005 e modificato con deliberazione

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO Approvazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 09 in data 22/02/2013 Pubblicazione Pubblicato all

Dettagli

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie)

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie) L.R. 01 Febbraio 2008, n. 1 Norme generali relative alle agenzie regionali istituite ai sensi dell'articolo 54 dello Statuto. Disposizioni transitorie relative al riordino degli enti pubblici dipendenti

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

Regolamento del Sistema museale di Montespertoli e dei singoli musei

Regolamento del Sistema museale di Montespertoli e dei singoli musei ALL. D) Regolamento del Sistema museale di Montespertoli e dei singoli musei Premessa Il Sistema museale del Comune di Montespertoli è stato istituito con delibera di Consiglio Comunale n. 72 del 30/10/2013

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FI- NANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI, COMITATI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

DOCUMENTO DELLA QUALITA

DOCUMENTO DELLA QUALITA DOCUMENTO DELLA QUALITA INTRODUZIONE Il Documento della Qualità di Share Training srl ha come obiettivo quello di rendere note le caratteristiche della propria attività secondo criteri di trasparenza,

Dettagli

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 BANDO LOMBARDIA REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 Progetti di promozione Beneficiari educativa e culturale di preminente interesse Enti locali, Università, soggetti pubblici e soggetti privati no regionale

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM REGOLAMENTO ISTITUTIVO

REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM REGOLAMENTO ISTITUTIVO REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM Il Consiglio Direttivo del due aprile 2012 visto il verbale di consegna da parte dell Ufficio Tecnico Erariale all Associazione per gli Studi di Storia e Architettura Militare

Dettagli

Legge regionale 19 gennaio 2010, n.2 Tutela del patrimonio e dei valori storici, sociali e culturali delle Società di Mutuo Soccorso

Legge regionale 19 gennaio 2010, n.2 Tutela del patrimonio e dei valori storici, sociali e culturali delle Società di Mutuo Soccorso Legge regionale 19 gennaio 2010, n.2 Tutela del patrimonio e dei valori storici, sociali e culturali delle Società di Mutuo Soccorso ( B.U. REGIONE BASILICATA n. 3 del 19 gennaio 2010 ) Art. 1 Finalità

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI ALLEGATO A DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI Art. 1) Ambito di applicazione Il presente disciplinare individua e regola i criteri

Dettagli

ISTITUZIONE CULTURALE DI MONTEROTONDO DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. DELIBERA n. 2 del 19.02.2015

ISTITUZIONE CULTURALE DI MONTEROTONDO DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. DELIBERA n. 2 del 19.02.2015 ISTITUZIONE CULTURALE DI MONTEROTONDO DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA n. 2 del 19.02.2015 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE INDAGINE DI MERCATO PER AFFIDAMENTO SERVIZI AGGIUNTIVI PRESSO LA BIBLIOTECA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA Comune di Villasor Provincia di Cagliari Regolamento comunale per lo Sport Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011 INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Regolamento del Sistema Museale Urbano Lecchese ( SiMUL )

COMUNE DI LECCO. Regolamento del Sistema Museale Urbano Lecchese ( SiMUL ) COMUNE DI LECCO Regolamento del Sistema Museale Urbano Lecchese ( SiMUL ) Art. 1 - Denominazione e sede Il Sistema Museale Urbano Lecchese ( SiMUL ) ha origine dal Museo di Storia Naturale Carlo Vecelloni,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO (APPROVATO CON DELIBERA N. 73 DEL 24/6/88 E MODIFICATO CON LE DELIBERE N. 45 E N. 4 DEL 30/10/95 E DEL 2/2/96) Premessa La promozione della cultura e

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di tipo culturale denominata MAD EVENTI con sede in Lucca, frazione Monte San Quirico, Via

Dettagli

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre.

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Servizio Mostre Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Coadiuva il Responsabile nel rendere attuativi e operativi i progetti messi a punto

Dettagli

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano STATUTO DELLA Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano Statuto della Fondazione Bergamo nella storia* Art. 1 - È costituita la fondazione

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA AREA CULTURA

COMUNE DI BOLOGNA AREA CULTURA COMUNE DI BOLOGNA AREA CULTURA CONVENZIONE PLURIENNALE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE ORLANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE, RICERCA E INIZIATIVA DELLE DONNE DELLA CITTA

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO COMMISSARIALE. NR. 50 DEL 17/06/2004, CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI REGOLAMENTO Art. 1 - Istituzione del Centro Il presente Regolamento concerne le attribuzioni, la gestione e il funzionamento del Centro di

Dettagli