Newsletter. Una panoramica del Progetto Healthreats (Carmelo Scarcella, ASL Brescia, Italia)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter. Una panoramica del Progetto Healthreats (Carmelo Scarcella, ASL Brescia, Italia)"

Transcript

1 Newsletter 2010, Numero 2 Una panoramica del Progetto Healthreats (Carmelo Scarcella, ASL Brescia, Italia) Sommario Una crisi, intesa come un evento che minaccia il funzionamento di un'organizzazione e interferisce con le sue normali attività, minando il benessere e la sicurezza della comunità, è una questione di vitale importanza in qualsiasi settore. La gestione di una crisi è un processo complesso e la sua preparazione deve compiersi in tempi ordinari, durante i quali è necessario definire la struttura organizzativa e le procedure da implementare. L'adeguata sinergia tra questi due aspetti è fondamentale, al fine dell'effettiva capacità di un'organizzazione di gestire con successo una crisi. La gestione delle situazioni di crisi è un grosso problema per il sistema della Sanità Pubblica Europeo, non solo per la complessità della sua organizzazione, ma anche per la mancanza di collegamento tra i programmi internazionali, nazionali e locali, di gestione delle minacce sanitarie. Questo gap è dovuto al fatto che detti programmi spesso dedicano risorse qualitativamente e quantitativamente differenti per affrontare la questione e non offrono soluzioni applicabili in contesti diversificati. E' pertanto importante sviluppare strumenti in grado di funzionare a livello locale, per convertire i programmi strategici in programmi operativi. Per questa ragione nel 2007 la Direzione Generale dell'azienda Sanitaria Locale della provincia di Brescia ha promosso un consorzio di istituzioni pubbliche e private, a livello nazionale ed europeo, rappresentativo di competenze non solo in questioni sanitarie ma anche di innovazione tecnologica, sviluppo gestionale e pianificazione della formazione, al fine di proporre un progetto di sviluppo per soluzioni integrate, miranti ad aumentare la capacità delle istituzioni sanitarie europee di rispondere in maniera efficace e coordinata alle minacce sanitarie. Oggi questo Progetto è giunto a termine e il convegno Le Minacce Sanitarie nell'unione Europea" tenutasi a Brescia il 24 settembre, ha rappresentato la fase divulgativa finale dello stesso. Questa newsletter contiene il riassunto delle presentazioni del Una panoramica del Progetto Healthreats 01 Healtreats PDT 02 La localizzazione del PDT I progetti UE sull allerta nei casi di emergenza sanitaria convegno Healthreats, nonché alcune informazioni relative ad altri progetti europei connessi al tema della gestione delle situazioni di crisi nell'ambito della Sanità Pubblica.

2 Healthreats PDT Le seguenti presentazioni illustrano il pacchetto Healthreats PDT (Processi - Sistema di Supporto alle Decisioni - Formazione). La presentazione del dr. Baitelli riguarda le attività svolte per analizzare e descrivere gli eventi e i piani di intervento relativi alla gestione di una crisi di pandemia influenzale. Gli eventi e i piani di intervento costituiscono gli input di maggiore importanza per il Sistema di Supporto alle Decisioni, l'applicazione web descritta nel discorso del prof. Baroni. Infine, il dr. Ferrari presenta le attività di training ideate, pianificate e implementate da Laser, in collaborazione con gli altri partner. The processess (Baitelli Guglielmino, ASL Brescia, Italy) Di fronte ad una emergenza sanitaria biologica altamente diffusiva, come quella di una pandemia, è certamente importante conoscere le procedure appropriate con cui gestire la situazione. Proprio per la definizione di queste procedure, è stato costituito un gruppo di lavoro comprendente esperti con ruoli sanitari specifici e differenziati, sia organizzativi, sia procedurali/manageriali. Il lavoro ha preso le mosse dall'analisi dei processi internazionali di decision-making e dei requisiti necessari per le fasi relative al periodo di allarme pandemia (fase 3, 4 e 5), periodo di pandemia (fase 6) e periodo di post-pandemia, così come definite nel "Programma globale di allerta influenza OMS" ed è poi continuato con lo studio dei risultanti processi di decision-making nazionali e locali. I processi sono stati espressi tramite un linguaggio grafico semi-formale, facilmente comprensibile sia dagli addetti ai lavori, sia dai knowledge engineer e dai programmatori software, in previsione delle fasi successive riguardanti l'implementazione del Sistema di Supporto alle Decisioni. Tutti i modelli del processo sono infatti destinati a diventare gli input principali del sistema, in quanto parte fondamentale della sua base cognitiva. HT-DSS: The Healthreats Decision Support System (Pietro Baroni, Loredana Parasiliti Provenza, Università di Brescia, Claudio Greppi, Argonet Srl, Italia) Il Sistema di Supporto alle Decisioni sviluppato nell'ambito del progetto Healthreats (in breve definito HT-DSS) fornisce supporto a coloro che devono gestire le crisi sanitarie a diversi livelli organizzativi, nel prendere decisioni relative all'attivazione ed esecuzione di piani d'azione in risposta ad eventi critici e nell'assegnare e monitorare le adeguate risorse umane e materiali. Anche se lo studio della pandemia influenzale ha rappresentato il caso di riferimento per la sua programmazione e il suo sviluppo, il HT-DSS è stato concepito come uno strumento generale e riutilizzabile. In particolare, il linguaggio di modellazione standard BPMN (Business Process Modeling Notation) è stato adottato per assicurare che il HT-DSS possa essere applicato in qualsiasi contesto, laddove risulti opportuno quello stesso tipo di rappresentazione del progetto e di supporto decisionale. Il HT-DSS è costituito da un'architettura web-based che assicura accesso costante e uno stile interattivo noto alla maggior parte degli utenti. Pagina 2 Newsletter

3 The training (Giacomo Ferrari, Laser Soc. Coop., Italia) Le attività di formazione ideate e condotte nell'ambito del progetto Healthreats hanno accompagnato le varie fasi nelle quali esso era suddiviso, intervenendo a livelli differenti e collegandosi strettamente agli altri due macro-obiettivi del progetto: analisi e riorganizzazione dei processi, nonché sviluppo del DSS. L'organizzazione delle attività di training ha previsto quattro momenti definiti specificatamente come: l'organizzazione delle sessioni di training mirate ai rappresentanti del consorzio; la costituzione e promozione di una Comunità Virtuale di Studio nell'ambito del consorzio; l'esecuzione delle attività di training per gli operatori delle strutture coinvolte nel progetto e di quelle non coinvolte; l'organizzazione e implementazione di una sessione di training per l'utilizzo degli strumenti computerizzati di supporto alle decisioni (DSS). La localizzazione del PDT Questa parte mostra i risultati delle localizzazioni del pacchetto PDT in Italia, Slovenia, Spagna e Romania, nonché l'attività di sperimentazione condotta in Portogallo. Il dr. Besozzi presenta la localizzazione italiana realizzata nell'asl di Brescia, il dr. Schwarz descrive l'esperienza della Catalogna, il dr. Pribakovic mostra i risultati realizzati dall'istituto Nazionale di Salute Pubblica della Repubblica di Slovenia, il dr. Zolotusca presenta la localizzazione in Romania. Per finire, l'ing. Correia parla della sperimentazione portoghese. La localizzazione in Italia (Fabio Besozzi Valentini, ASL Brescia, Italia La localizzazione in Italia, che ha avuto luogo nel territorio dell'asl di Brescia, più precisamente in Val Trompia, distretto n. 4, è stata preparata tra la metà di maggio e la metà di giugno 2010 e ha compreso: training specifico del personale del distretto interessato; implementazione computerizzata di un set di dati preselezionati; approntamento dell'ambiente locale sia per quanto riguarda l'hardware, sia per quanto riguarda la rete, al fine di migliorare le attività di localizzazione del Sistema di Supporto alle Decisioni connesso e renderlo disponibile alla rete interna dell'asl; la presenza di due persone con il ruolo di osservatori e valutatori esterni per il periodo della localizzazione. La fase di localizzazione ha avuto luogo il 14 e 16 giugno 2010 e, nel corso delle sue attività specifiche, il team ha sottoposto a test sette programmi attivati da tre eventi. Il Sistema di Supporto alle Decisioni testato è solo un primo prototipo che lascia spazio a futuri miglioramenti e interessanti spunti di ricerca. Sembra essere uno strumento utile per monitorare le azioni prese e quelle da intraprende in una situazione di crisi; è certamente efficace come guida 2010, Numero 2 Pagina 3

4 per restare in linea con il corso degli eventi tracciati; evita che troppe persone simultaneamente prendano decisioni riguardanti le operazioni da intraprendere ed aumenta la sensazione di coinvolgimento nell'organizzazione da parte degli operatori. Inoltre, rappresenta una nuova modalità di conoscenza della modellizzazione; esso consente una maggiore chiarezza dei documenti chiave relativi a una determinata situazione e, soprattutto, permette di averli prontamente disponibili. Il Sistema di Supporto alle Decisioni testato può inoltre essere uno strumento utile nella gestione di altre emergenze, oltre a quella della pandemia influenzale. L'efficacia di tale strumento è strettamente connessa alla qualità dei dati immessi, in particolare in riferimento alla loro completezza e aggiornamento in tempo reale. La gestione di una crisi richiede abilità multiple e colui che ne è a capo necessita di una specifica competenza teorica. Il team che affronta una situazione di crisi deve pertanto essere addestrato e conoscere a fondo il modello e l'organizzazione (PDT - Processi, Decision Support System, Training). La localizzazione in Spagna (Simon Schwarz, Secretary s Office for Strategy and Coordination of the Ministry of Health of the Catalan Government, Spagna) La Sottodirezione Generale di Vigilanza e Intervento per le Emergenze Sanitarie Pubbliche, responsabile della sorveglianza epidemiologica di malattie contagiose e focolai epidemici in Catalogna, ha condotto la sperimentazione del Sistema di Supporto alle Decisioni. Lo scenario ipotetico scelto per la simulazione è stato quello della diffusione del morbo del legionario. La simulazione non è stata condotta a livello centralizzato, bensì in un infrastruttura complementare, in una sorta di sperimentazione in-vitro, in quanto i database della Sanità Pubblica, e tutte le loro informazioni storiche, sono attualmente sottoposti a un processo di migrazione. La sperimentazione ha dato risultati positivi ma si devono citare anche alcuni inconvenienti. Il sistema fornisce una conoscenza reale dello stato dell'evento, vengono suggerite misure decisionali secondo un ragionamento automatico; la visualizzazione delle informazioni è accattivante e semplice da seguire da parte degli utenti a qualsiasi livello; è inoltre facilitata una comunicazione rapida, puntuale e completa tra tutte le parti coinvolte. L'inconveniente principale riguarda le risorse umane necessarie per mantenere le informazioni aggiornate (linee guida per l'utente e informazioni all'elenco dei contatti) richieste dal HT-DSS. La localizzazione in Slovenia (Rade Pribakovic, National Institute of Public Health, Ljubljana, Slovenia ) La localizzazione è stata organizzata al Centro Malattie Trasmissibili (CCD) all'istituto Nazionale di Salute Pubblica (NIPH). Tra i compiti principali del CCD è inclusa la sorveglianza epidemiologica nazionale, la cooperazione nella sorveglianza epidemiologica internazionale, le diagnosi di laboratorio, l'approntamento di strategie di vaccinazione, la formazione degli operatori sanitari, ecc. Proprio per queste sue competenze, il delegato del CCD rappresenta il NIPH presso il Comitato di Coordinamento Nazionale per l'allarme Pandemia e l Assistenza Sanitaria del Ministero della Salute. Il prototipo del DSS è stato adattato al contesto specifico del sito di sperimentazione in Slovenia. Si è deciso che le fasi di localizzazione e sperimentazione del DSS avrebbero dovuto concentrarsi su due diverse si- Pagina 4 Newsletter

5 tuazioni di crisi: una pandemia influenzale, come esempio di grave situazione di emergenza con ampio spettro di attività interconnesse a diversi livelli di intervento; un focolaio dilagante di meningite meningococcica, come esempio di una situazione di crisi rapidamente evolvente in un ambiente localizzato. Durante le fasi di sperimentazione, abbiamo identificato svariati benefici e punti di forza del PDT. Riteniamo che il Sistema di Supporto alle Decisioni abbia un grande potenziale per un approccio a livello europeo della gestione delle pandemie. La localizzazione in Romania (Laurentiu Zolotusca, Romanian Society for Disaster and Emergency) In questa prima fase di implementazione del progetto e di test del prototipo del DSS, le istituzioni centrali coinvolte sono state il Centro Nazionale di Vigilanza e Controllo, il Ministero Rumeno della Sanità e l'ispettorato Generale per le Situazioni di Emergenza, nonché, a livello locale, il Dipartimento di Salute Pubblica del Comune di Bucarest. Successivamente, conformandosi ai bisogni, il sistema includerà gradualmente fino a 42 distretti della Romania, rispettivamente tutti i Dipartimenti Distrettuali di Salute Pubblica e tutti gli Ispettorati Distrettuali per le Situazioni di Emergenza. Inizialmente le procedure si riferiranno alla pandemia influenzale, per poi includere l'influenza aviaria e la SARS. Gradualmente il prototipo DSS andrà ad includere anche le procedure per altre minacce sanitarie, a seconda del loro verificarsi. La sperimentazione in Portogallo (Joao Correia, INOVAMAIS, Portogallo) La localizzazione portoghese è stata condotta presso INO- VAMAIS con l'intento di fornire una versione in lingua portoghese del sistema Healthreats PDT. Sebbene INOVAMAIS non sia un utente finale, è stato importante non perdere l'opportunità di avere una versione portoghese che sarà utile non solo alle autorità sanitarie portoghesi ma anche alla comunità dei paesi di lingua portoghese. Il processo di localizzazione ha avuto inizio con sessioni di training per il team di localizzazione, composto da elementi delle unità di Ricerca e Sviluppo Tecnologico e di Training. La traduzione in portoghese di Processi, Eventi, software DSS e tutti i relativi dati e parametri, si è basata sul campione generico in inglese. Una sperimentazione pratica dell'intero sistema è stata condotta al fine di testare il DSS e in particolare la localizzazione portoghese. 2010, Numero 2 Pagina 5

6 La valutazione interna del Progetto Healthreats (Martin Znidarsic, Jozef Stefan Institute, Slovenia) La valutazione interna di un progetto è costituita da una serie di azioni condotte al fine di ottenere una regolare autovalutazione delle attività e dello stato del progetto. Lo scopo dell'autovalutazione è di monitorare le attività e i risultati del progetto, di presentarli e valutarli in modo obiettivo e di fornire un feedback sotto forma di avvertimenti e consigli. Questo aiuta a rilevare le potenziali debolezze che necessitano di tempestivo intervento e miglioramento, evitando così che problemi potenziali diventino problemi reali. La valutazione interna del progetto rappresenta una buona pratica manageriale che dovrebbe sempre essere seguita al fine di aumentare il tasso di successo dei progetti di collaborazione. La metodologia della valutazione interna si basa per lo più sulla metodologia del supporto alle decisioni multi-attributo, ma prevede anche approcci specifici che facilitano il monitoraggio e la valutazione dello stato di un progetto, come la valutazione intermedia continuativa di obiettivi specifici e il raggiungimento di pacchetti di lavoro pianificati. La metodologia è stata stabilita nel piano di valutazione formale, quindi adattata e rifinita nel corso del progetto in riferimento ad ambiti minori. Durante il progetto Healthreats, i risultati disponibili della valutazione intermedia sono stati riportati con scadenza semestrale, in forma di rapporto interno ai partner del progetto. Il nucleo di questi rapporti era rappresentato dalla valutazione di traguardi specifici, poi utilizzata come strumento di orientamento per il monitoraggio e la messa a punto del lavoro. La metodologia presentata è stata ben accetta dai partner e ha ricevuto un feedback particolarmente favorevole da parte della Commissione Europea. Sulla base della nostra esperienza, siamo ora in grado di fare alcune osservazioni e dare dei suggerimenti. E' molto importante che i partner, specialmente i responsabili dei pacchetti di lavoro, siano coinvolti nella pianificazione dell'auto-valutazione e che forniscano indicatori rilevanti e misurabili per i loro specifici compiti. Inoltre, è importante revisionare e trasmettere i risultati dell'auto-valutazione in forma (grafica) di facile lettura e quanto più frequentemente possibile. L'intervallo di sei mesi scelto per il progetto Healthreats potrebbe essere ridotto a tre mesi, per mantenere più aggiornata l'iniziativa. Pagina 6 Newsletter

7 I progetti UE sull'allerta nei casi di emergenza sanitaria L'ultima parte di questa newsletter riguarda i riassunti delle presentazioni di alcuni progetti europei in corso, finanziati dall'agenzia Esecutiva per la Salute e i Consumatori (EAHC) e connessi con l'allerta in caso di emergenza sanitaria. Il dr. Pugliese presenta il progetto FluModCont, il cui scopo è la modellazione della diffusione della pandemia influenzale e delle strategie per il suo contenimento. La dr.ssa Riccardo mostra i risultati di EPISOUTH, una rete per il controllo delle malattie trasmissibili nei paesi mediterranei e del sud Europa. Infine, il dr. Amlôt descrive il progetto ORCHIDS, che si occupa della valutazione, ottimizzazione, sperimentazione e modellizzazione delle procedure di decontaminazione di massa delle vittime di incidenti. Il Progetto FluModCont (Andrea Pugliese, Università di Trento, Italia) FluModCont è un progetto finanziato dal Settimo Programma Quadro UE (FP7). Lo spunto è stato dato dal riconoscimento, specie dopo l'emergenza del virus H5N1 dell'influenza aviaria, della minaccia potenzialmente catastrofica dei nuovi ceppi di influenza A, che acquisiscono trasmissibilità tra le persone provocando una pandemia umana. L'emergenza per il nuovo ceppo di influenza suina A/H1N1 ha reso ancora più evidente il bisogno di essere preparati all'evento di una pandemia influenzale, ma è stata anche una sfida per i ricercatori in termini di applicazione delle tecniche di modellizzazione in tempo reale, nonché per le autorità sanitarie che hanno dovuto ri-valutare le strategie di sanità pubblica pianificate in vista di infezioni più gravi. Il progetto FluModcont mira a migliorare la teoria della diffusione delle malattie e, per mezzo di studi statistici e nuovi software, implementare una modellizzazione accurata e basata sui dati raccolti, del previsto decorso di una pandemia influenzale e dell'impatto delle misure di salute pubblica adottate. L'emergenza della pandemia influenzale A/H1N1 è stata una sfida in termini di valutazione e modellizzazione in tempo reale dei parametri. In questa occasione si è fatto ampio uso della modellizzazione matematica che ha offerto un utile consiglio, sarebbe però opportuno creare una migliore interazione tra sistemi di modellizzazione e istituzioni di salute pubblica. Il Progetto EPISOUTH (Flavia Riccardo, Istituto Superiore di Sanità, Italia) Ad eccezione di poche malattie infettive per le quali è disponibile un vaccino valido ed efficace, la vigilanza è il solo strumento utilizzabile dal personale sanitario per contenere questo tipo di malattie. Dal momento che esse non conoscono confini internazionali e si diffondono attraverso lo spostamento di beni e persone, sono essenziali approcci collettivi di sorveglianza e controllo, così da favorire un clima di fiducia e la divulgazione delle informazioni. I paesi dell'area mediterranea hanno in comune le frontiere marittime del mare Mediterraneo; essi costituiscono un riconosciuto sistema di migrazione di popoli e condividono problemi di salute pubblica comuni. EpiSouth è un network in collaborazione tra 27 paesi del Mediterraneo e dei Balcani che negli scorsi tre anni si è dedicato al potenziamento dello scambio di informazioni, nonché alla valutazione e al controllo delle debolezze nei sistemi di vigilanza delle malattie trasmissibili. L'eccezionale cornice di collaborazione e fiducia che si è sviluppata, ha permesso lo studio specifico dei bisogni di formazione, delle zoonosi emergenti e delle malattie prevenibili tramite vaccino tra le popolazioni migranti, come pure una raccolta di informazioni intra-nazionale e di un sistema di vigilanza transfrontaliera nell'area interessata. 2010, Numero 2 Pagina 7

8 Il Progetto ORCHIDS (Richard Amlot, UK Health Protection Agency, Inghilterra) Un'efficace doccia decontaminante è di importanza fondamentale per l'esito di incidenti con rilascio intenzionale di sostanze potenzialmente dannose e un grande numero di vittime contaminate. Per questo motivo il progetto OR- CHIDS mira a esaminare gli aspetti cruciali della decontaminazione di massa di vittime civili, che non sono mai stati oggetto di indagine scientifica accurata. Le capacità di intervento possono essere migliorate identificando le modalità di ottimizzazione dei processi di decontaminazione in situazioni di emergenza, riducendo anche il rischio di contaminazione secondaria del personale di soccorso e delle attrezzature. Il progetto apporta un significativo valore aggiunto alle esistenti conoscenze nel campo della sanità pubblica. Applicando direttamente queste conoscenze nelle sperimentazioni di ricerca operativa e nelle esercitazioni di decontaminazione di massa, il progetto offre un nuovo, significativo contributo alla pratica della salute pubblica in questo specifico settore. Il progetto contribuirà ad integrare le linee-guida della normativa europea relativa alla decontaminazione, nonché alla tutela dei cittadini europei contro minacce alla salute, deliberate o accidentali, richiedenti una decontaminazione di emergenza. Project Coordinator Dr. Carmelo Scarcella General Manager of ASL Brescia Editor in chief Carmelo Scarcella Editorial Board Umberto Gelatti - ASL Brescia Fiorenza Comincini - ASL Brescia Laura Antonelli - ASL Brescia Emilia Palazzo - Laser Giacomo Ferrari - Laser Massimiliano Giacomin - Università di Brescia (UNIBS) Le presentazioni del Convegno sono disponibili sul sito di Healthreats Pagina 8 Newsletter La newsletter Healthreats è una pubblicazione registrata al Tribunale di Brescia, numero 35/2009 del 30/06/2009

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto

Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto Dr. Luigi Barbero Distretto di Cuneo Borgo San Dalmazzo CARD Piemonte Ma, che cos è il Distretto?

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE D.M. 9 gennaio 2006. Istituzione dell'unità centrale di crisi per l'influenza aviaria. (pubbl in Gazz. Uff. n. 18 del 23 gennaio 2006). IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto il regolamento di Polizia veterinaria

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

L esperienza della SSPA

L esperienza della SSPA Presidenza del Consiglio dei Ministri Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Convegno di presentazione dei risultati Osservatorio sull e-learning CNIPA AITech-Assinform 2006 L esperienza della

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Il progetto FLUMODCONT

Il progetto FLUMODCONT Il progetto FLUMODCONT (Modelli della diffusione della pandemia influenzale e strategie per il contenimento e la mitigazione) Stefano Merler Fondazione Bruno Kessler PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE GIORNATA

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il sesto numero della newsletter LearnIT. In questo numero spiegheremmo lo sviluppo del i corsi LearnIT, la selezione dei

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale Dott. Simone Cavestro La Sfida attuale In uno scenario in continua evoluzione, dove si sviluppano con velocità crescente Organizzazione Tecnologie

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

La Cultura del Diritto d'autore

La Cultura del Diritto d'autore La Cultura del Diritto d'autore Realizzazione portale web per la comunità accademica (docenti e studenti) focalizzato al rispetto del diritto d autore SOGGETTO CAPOFILA: Università degli Studi di Padova

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015 Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management 04 giugno2015 La COOP : Il Distretto Nord Ovest Il Sistema Coop si presenta come un insieme articolato di Cooperative e Consorzi

Dettagli

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Principio guida...1 Le persone sono fondamentali per il raggiungimento della nostra missione...1

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: programma ambientale di cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione Istituto

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2000D0096 IT 05.09.2012 006.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 1999 relativa

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Giornata di Studio TuBerColosi: ieri e oggi

Giornata di Studio TuBerColosi: ieri e oggi Regione Liguria Università degli Studi di Genova Giornata di Studio TuBerColosi: ieri e oggi Strategie regionali di prevenzione e linee guida Dott.ssa Speranza Sensi - Dirigente Servizio Igiene Pubblica

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma LE BIOBANCHE IN MEDICINA VETERINARIA

Dettagli

Manuale di gestione della Qualita

Manuale di gestione della Qualita SOMMARIO 6. 6.1. Messa a disposizione delle risorse 6.2. Risorse umane 6.3. Infrastrutture 6.4. Ambiente di lavoro 6.1 Messa a disposizione delle risorse L organizzazione di volontariato Croce Bianca di

Dettagli

Contaminazione dei Prodotti

Contaminazione dei Prodotti Response XL Italia XL Group Insurance Contaminazione dei Prodotti 2 01 Introduzione 02 Response XL il nostro network, il nostro approccio 03 Servizio di consulenza per la gestione delle crisi e dei rischi

Dettagli

Esistono cose urgenti perché ci si è mossi tardi

Esistono cose urgenti perché ci si è mossi tardi Consulenza Organizzativa e di Direzione Aziendale Esperti nella creazione, sviluppo e implementazione di Sistemi per l organizzazione aziendale: - Qualità ISO 9001 (2015) - Ambiente ISO 14001 - Gestione

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli

Alta Formazione e aggiornamento di Mediatori Interculturali per la prevenzione e il contrasto alle Mutilazioni Genitali Femminili

Alta Formazione e aggiornamento di Mediatori Interculturali per la prevenzione e il contrasto alle Mutilazioni Genitali Femminili Istituto Nazionale per la Salute, i Migranti e la Povertà Roma, Italia National Institute for Health, Migrants and Poverty Rome, Italy INMP Presentazione Progetto Macro-area C Formazione Alta Formazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Black &Blue. Black & Blue Via Biffi Levati 25 20900 Monza (MB) Tel: 392-5027610 / 347-9158776 Web: www.blackandblue.it Email: corsi@blackandblue.

Black &Blue. Black & Blue Via Biffi Levati 25 20900 Monza (MB) Tel: 392-5027610 / 347-9158776 Web: www.blackandblue.it Email: corsi@blackandblue. Black&Blue è una società di consulenza aziendale che opera nell'ambito della Formazione, dello Sviluppo delle Risorse Umane e della Consulenza in ambito organizzativo. La creatività e la fantasia sono

Dettagli

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche Competenze finali per le professioni sanitarie SUP Versione III 9 maggio 2011 Documenti tradotti dal testo ufficiale in lingua tedesca e francese pubblicato sul sito della Conferenza dei Rettori delle

Dettagli

Master Programma di Formazione in Epidemiologia Applicata (PROFEA) Assumere informazioni epidemiologiche

Master Programma di Formazione in Epidemiologia Applicata (PROFEA) Assumere informazioni epidemiologiche Master Programma di Formazione in Epidemiologia Applicata (PROFEA) Assumere informazioni epidemiologiche Progettare, attuare e valutare programmi sanitari Comunicare informazioni utili per la salute della

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

CA Clarity PPM. Panoramica. Vantaggi. agility made possible

CA Clarity PPM. Panoramica. Vantaggi. agility made possible SCHEDA PRODOTTO CA Clarity PPM agility made possible CA Clarity Project & Portfolio Management (CA Clarity PPM) supporta l'innovazione con agilità, trasforma il portafoglio con fiducia e sostiene il giusto

Dettagli

III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS. Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS

III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS. Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS 1 PRINCIPI La salute è la sfida centrale del nostro tempo. Le città, in quanto primo

Dettagli

La salute animale in Svizzera Prevenire e agire tempestivamente

La salute animale in Svizzera Prevenire e agire tempestivamente Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV La salute animale in Svizzera Prevenire e agire tempestivamente Ufficio federale della sicurezza

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Fotografare il presente Pianificare il futuro. L imprenditore sempre al centro. Metodologia sviluppata alla fine degli anni 80 da Norton e Kaplan

Fotografare il presente Pianificare il futuro. L imprenditore sempre al centro. Metodologia sviluppata alla fine degli anni 80 da Norton e Kaplan Franco Allora Nato a Torino, laureato in scienze biologiche con successivo training in business administration Oltre 30 anni di vita aziendale in imprese multinazionali e nazionali Esperienze diversificate

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Art. 12: Reti di riferimento

Art. 12: Reti di riferimento Progetto Mattone Internazionale: Workshop Applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Perugia, 10 maggio 2013 Approfondimenti su tematiche specifiche legate

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

SysAround S.r.l. L'efficacia delle vendite è l elemento centrale per favorire la crescita complessiva dell azienda.

SysAround S.r.l. L'efficacia delle vendite è l elemento centrale per favorire la crescita complessiva dell azienda. Scheda Il CRM per la Gestione delle Vendite Le organizzazioni di vendita sono costantemente alla ricerca delle modalità migliori per aumentare i ricavi aziendali e ridurre i costi operativi. Oggi il personale

Dettagli

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI L esperienza ABI nell analisi di impatto economico della normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI Convegno Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo

Dettagli

LE INDAGINI DI LABORATORIO IL RISCHIO HIV

LE INDAGINI DI LABORATORIO IL RISCHIO HIV DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI: ATTUALITA E SICUREZZA 24-25-26 NOVEMBRE 2008 AOU G.MARTINO LE INDAGINI DI LABORATORIO IL RISCHIO HIV Isa Picerno Pasquale Spataro UOS di Sorveglianza Epidemiologica delle

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate Linee guida per la costruzione di test per la valutazione degli esiti dei percorsi di apprendimento per Coordinatori all interno delle strutture residenziali per anziani Queste linee guida sono rivolte

Dettagli

CATALOGO CORSI GRATUITI GARANZIA GIOVANI

CATALOGO CORSI GRATUITI GARANZIA GIOVANI CATALOGO CORSI GRATUITI GARANZIA GIOVANI SOMMARIO Competenze informatiche per l office automation... 3 Competenze informatiche: Software di videoscrittura... 4 Competenze informatiche: Software fogli di

Dettagli

Appendice III. Competenza e definizione della competenza

Appendice III. Competenza e definizione della competenza Appendice III. Competenza e definizione della competenza Competenze degli psicologi Lo scopo complessivo dell esercizio della professione di psicologo è di sviluppare e applicare i principi, le conoscenze,

Dettagli

Workshop sulla Sicurezza degli Alimenti Parma 5 maggio 2011. Gisèle Gizzi Ufficio del Direttore Esecutivo

Workshop sulla Sicurezza degli Alimenti Parma 5 maggio 2011. Gisèle Gizzi Ufficio del Direttore Esecutivo Workshop sulla Sicurezza degli Alimenti Parma 5 maggio 2011 Gisèle Gizzi Ufficio del Direttore Esecutivo 1 Com è nata l EFSA Origini Serie di emergenze alimentari (per es. BSE, diossine) Perdita di fiducia

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E09 Edilizia, urbanistica e ambiente Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Dettagli