1. STALKING-INSIEME CONTRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. STALKING-INSIEME CONTRO"

Transcript

1 Newsletter consumatori Marche 1. STALKING-INSIEME CONTRO 2. DECRESCITA FELICE: ESSERE INFORMATI PER UNA VITA SANA IN TEMPO DI CRISI 3. GESTIRE IL BILANCIO FAMILIARE PER PREVENIRE IL SOVRAINDEBITAMENTO Si riportano i report di alcuni degli interventi realizzati nell ambito del Programma generale di intervento 2010 Periodico di informazione realizzato da Adiconsum Marche nell ambito del Programma Generale di intervento 2010 della Regione Marche Azioni di sensibilizzazione, informazione e promozione del consumatore int.8 Attività di comunicazione Regione Marche Assessorato Tutela Consumatori

2 STALKING-INSIEME CONTRO Realizzato da ADOC MARCHE L intervento ha quale oggetto il contrasto ad un fenomeno sociale in costante aumento, che trova sempre maggiore riscontro anche da parte delle associazioni dei consumatori, a cui un numero crescente di cittadini si rivolge per risolvere situazioni più o meno spiacevoli di rapporti e relazioni con altri individui all interno dei più svariati contesti. In particolare, è in aumento la richiesta di informazione e di assistenza riferita a fatti persecutori che vedono più frequentemente quali vittime specialmente soggetti di sesso femminile. Tale richiesta è andata crescendo dopo che, nella legislazione italiana, con il D.L. 23 febbraio 2009, numero 11, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 25 febbraio 2009, è stato introdotto nel codice penale l'articolo 612-bis, dal titolo "atti persecutori". Dall esperienza svolta è possibile affermare che, in genere, l interessato è alla ricerca di un contatto diretto con l associazione e di una risposta immediata, una prima informazione o un consiglio. In occasione di tale contatto l operatore dell associazione effettuare una prima valutazione del caso, fornendo le prime indicazioni sul tipo di comportamento più adeguato da tenere, sulle eventuali azioni legali da intraprendere e riguardo alla possibilità di effettuare un primo incontro gratuito con un legale e/o con un psicologo, laddove si siano ravvisate situazioni che possano realmente costituire una minaccia per la stabilità e l incolumità stessa della persona. Inoltre, l operatore fornisce anche alcuni suggerimenti su questioni di carattere più burocratico, come la documentazione o le prove eventualmente necessarie per un azione legale. Intento dell Associazione Adoc Marche è, però, anche e soprattutto quello di prevenire forme di stalking o degenerazione delle stesse, attraverso una campagna di comunicazione, finalizzata all informazione sia di coloro che si trovano nelle condizioni di vittime e quindi nella necessità di conoscere diritti e opportunità, sia di quanti, attraverso comportamenti non adeguatamente ponderati, possono rischiare l accusa di stalker, ma anche per una generale maggiore consapevolezza del problema tra la cittadinanza. E a tale scopo che l intervento ha visto la realizzazione di una serie di incontri sul territorio: -il 9 marzo 2011 presso l Aula verde della Regione Marche, con la partecipazione del Presidente nazionale dell'adoc Carlo Pileri e la responsabile dell'adoc Marche Marina Marozzi, dell'assessore per la Tutela dei consumatori della Regione Marche Antonio Canzian, del Dirigente dello stesso Servizio regionale Pietro Talarico, della dott.ssa Cinzia Grucci, Dirigente compartimentale della Polizia Postale e comunicazioni, del legale Matteo Catalani, dello psicopedagogista Filippo Sabatini e della psicologa Tatiana Stefani. Nel corso dell incontro gli esperti hanno analizzato il fenomeno a 360 gradi, rispondendo anche alle domande dei presenti, tra cui una scolaresca del Liceo classico e psico-pedagogico Vittorio Emanuele II di Jesi. -Il 21 aprile 2011 è stato organizzato un incontro pubblico presso la sede della Uil di Pesaro, dove la psicologa Tatiana Stefani e lo psicopedagogista Filippo Sabattini hanno illustrato le finalità dello sportello antistalking e hanno risposto alle domande degli intervenuti. -Il 23 giugno 2011 a Jesi, sono stati organizzati due incontri dal titolo Bulli e pupi: né vittime né prepotenti con altrettanti gruppi di ragazzini di età compresa tra i 10 e 14 anni, complessivamente oltre un centinaio, del Centro estivo delle Parrocchie di San Giuseppe e San Pietro Martire per affrontare il problema della aggressività e prepotenza tra gli adolescenti. I ragazzini hanno ascoltato e partecipato attivamente all incontro con lo psicopedagogista Filippo Sabattini. Il il 12 luglio 2011 a Fano presso i locali dell EBAM, in Via Gabrielli, 57, è stato organizzato l incontro dal titolo La finestra sul cortile: dal regolamento di condominio agli atti di stalking, che ha avuto quale tema centrale lo stalking condominiale.

3 L attività di informazione attraverso gli incontri sul territorio è ripresa con il secondo modulo dell intervento ed, in particolare: DECRESCITA FELICE: ESSERE INFORMATI PER UNA VITA SANA IN TEMPO DI CRISI Realizzato da ACU MARCHE - Il 25 febbraio 2013 al Liceo Artistico di Fermo con la presenza dei professionisti esperti nelle materie legale/psicologica. -Il 15 aprile 2013 all Istituto Tecnico commerciale e per geometri Antinori sono stati organizzati due incontri rispettivamente nella sede di Matelica e in quella di Camerino. -Il 24 maggio 2013 ad Ascoli Piceno, presso la sala del Consiglio provinciale, che ha visto la partecipazione del presidente della Provincia di Ascoli Piceno Piero Celani e del Consiglio provinciale Armando Falcioni, con la partecipazione del legale Matteo Catalani, della psicologa Tatiana Stefani, dello psicopedagogista Filippo Sabattini e con gli interventi introduttivi della coordinatrice del progetto Marina Marozzi e dell assessore per la Tutela dei consumatori della Regione Marche Antonio Canzian. :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: L intervento ha lo scopo di fornire ai consumatori utili e puntuali informazioni e allo stesso tempo fare formazione ed educazione per promuovere una corretta alimentazione ed idonei stili di vita, oltre che una serie di suggerimenti pratici per muoversi tra i servizi pubblici e privati in modo facile, accessibile a tutti, soprattutto a chi ha poca dimestichezza con le Leggi, con le procedure obbligatorie di conciliazione e di accesso alla giustizia. Questo intervento consiste anche nel diffondere la cultura della Decrescita felice, in rapporto ad una nuova visione del futuro. Da un lato sono state analizzate le problematiche cardine del tema della decrescita felice, basata sull uso intelligente di risorse scarse (anche recuperando comportamenti antichi ma rispettosi dell ambiente e della salute), approfondendo le questioni che ruotano intorno ad acqua energia e rifiuti. In secondo luogo, considerato che l attuale tenore di vita comporta fattori di stress e malattie, riconducibili anche agli alimenti e all inquinamento dell aria e delle acque, si intende promuovere un corretto stile di vita puntando a migliorare la qualità ed il consumo di prodotti, di beni e servizi, al fine di conseguire un più alto grado di conoscenza e di tutela della salute, applicando il principio di precauzione su tutto ciò che potenzialmente può essere dannoso senza trascurare l esistenza e l incidenza di impianti nocivi vicini ai centri abitati, ed alle situazioni di stress correlate ai disservizi che, spesso i cittadini devono fronteggiare, promuovendo la cultura della legalità. I temi e le problematiche, oggetto dell intervento sono affrontate mediante lezioni tematiche, conferenze e convegni pubblici, tenuti da esperti.

4 Con l informazione si attuerà anche un processo di formazione dei cittadini e dei giovani coinvolti, ai quali sarà fornito materiale informativo di supporto che contribuirà a sviluppare la coscienza di un consumo critico e consapevole nonché la conoscenza dei loro diritti. Un ulteriore obiettivo è la promozione della nascita di gruppi di consumatori orientati alla difesa dei propri diritti (con particolare riferimento ai settori di acqua, energia e rifiuti), alla ricerca di un consumo sostenibile (con la nascita di gruppi di autoconsumo) ed alla diffusione delle conoscenze acquisite in modo da avviare, un circuito virtuoso di informazione permanente. Finalità prioritaria è anche quella di promuovere: informazione, conoscenza e coscienza della prevenzione, comportamenti corretti, soprattutto in materia di alimentazione e salute. Sensibilizzare e migliorare la conoscenza dei cittadini circa la sostenibilità in materia di energia, rifiuti (da considerare come risorsa), acqua, al fine di evitare scorretti stili di vita dannosi alla salute e all ambiente, promozione di una conoscenza diffusa dei principi relativi all agricoltura biologica ed alle sue modalità di funzionamento e produzione, nonché delle criticità che possono metterla a rischio. Tutte problematiche afforntate unitamente alla QUALITA DELL ARIA, politiche ENERGETICHE, SVILUPPO SOSTENIBILE, RIFIUTI ZERO e SALUTE per le persone che vivono nelle vicinanze di un inceneritore. Obiettivo prioritario di questi incontri/lezioni è stato quello di fornire informazioni circostanziate in materia di Sanità, Ambiente, Energia, acqua, Gestione Rifiuti, ecc. Con l informazione che siamo riusciti a veicolare è iniziato un processo di formazione dei cittadini e degli immigrati coinvolti, ai quali sarà costantemente fornito altro materiale informativo di supporto che contribuirà a sviluppare la loro coscienza critica, la consapevolezza dei propri diritti. E stato allestito uno STAND informativo in occasione della Festa della Madre Terra a Fermo (FM), e un video con intervista sui corretti stili di vita per una dieta equilibrata con la Dott.ssa Rosella Sbarbati biologa ed esperta di scienze dell alimentazione. - Inoltre incontri e materiale informativo: : - Il 05/10/12 a Capparuccia di Ponzano di Fermo riunione provinciale per organizzazione delle attività. - Il 06/10/12 ad Ancona incontro presso il Punto di Assistenza su: Crisi: il punto di vista degli immigrati. - Il 28/10/12 a Fermo partecipazione alla 3 Festa della Madre Terra - banchetto informativo in piazza. - Il 11/12/12 a Capparuccia di Ponzano di Fermo riunione direttivo per organizzazione attività Il 14/02/13 a Civitanova Marche intervista alla Dott.ssa Rosella Sbarbati Biologa e dietologa * ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

5 GESTIRE IL BILANCIO FAMILIARE PER PREVENIRE UL SOVRAINDEBITAMENTO Realizzato da ADICONSUM MARCHE La crisi economica, si è trasformata in un processo di recessione, che impatta profondamente a livello economico e sociale tutti gli strati della popolazione. I primi segnali di allarme li abbiamo registrati già da tempo, ma è negli ultimi mesi che la richiesta di aiuto da parte di cittadini-consumatori sempre più in difficoltà a far fronte ai propri impegni sta avendo un incremento costante e preoccupante, che coinvolge in particolare soggetti con problemi di natura occupazionale, ma anche e sempre più, pensionati, diventati l ancora di salvataggio per figli a loro volta in difficoltà. E in questo contesto che è nato e sta il progetto, con la necessità di affrontare tale situazione attraverso la promozione e l educazione al bilancio familiare L intervento si pone l obiettivo di orientare verso una gestione più corretta del proprio bilancio familiare fornendo strumenti conoscitivi sulle varie forme di finanziamento, sulla gestione del conto corrente e su come predisporre la griglia del bilancio familiare finalizzata soprattutto all analisi delle criticità esistenti. In sintesi prevenzione e educazione finanziaria. Un numero sempre maggiore di cittadini non riesce più non solo a far fronte a debiti relativi a impegni finanziari assunti con Banche e società finanziarie, ma anche a pagare bollette relative alle principali utenze, tasse e imposte, a provvedere al sostentamento della famiglia. Paradossalmente aumenta la propensione all indebitamento, complice sia la scarsa conoscenza degli strumenti finanziari, sia una pubblicità che per arginare il calo dei consumi incentiva all acquisto attraverso pagamenti rateali e dunque prestiti. Nei soli primi nove mesi del 2012 la percentuale di famiglie indebitate è passata dal 2,3 al 6,5 per cento. Palesiamo anche il rischio concreto che a fronte del mancato credito legale si ricorra a quello illegale. Non solo, una attenzione particolare va posta anche alle società che promettono miracoli nella ricontrattazione dei debiti, che come già verificatosi possono essere truffe. Si assiste così ad un rapido e costante scivolamento verso un disagio che evolve verso una situazione non più sostenibile che trascina molte famiglie non solo nella povertà relativa ma in quella assoluta. Una povertà invisibile, che investe famiglie e giovani che incontriamo ogni giorno, senza saperlo, una povertà che porta all esclusione sociale e alla rottura del principio di cittadinanza democratica. Il rapporto Unicef su povertà infantile vede l italia 15,9% dei bambini e degli adolescenti tra 0 e 17 anni vive in una condizione di povertà relativa. In questa classifica, l Italia è agli ultimi posti: 29 su 35. Ora, forzatamente sempre più persone, non solo devono rivedere il proprio stile di vita in un ottica di sobrietà, ma spesso non riescono a soddisfare i bisogni primari. Cambiamenti repentini vissuti in solitudine all interno del proprio nucleo familiare, dove a fianco della impossibilità di provvedere al sostentamento della famiglia c è la vergona del cambiamento del proprio stato sociale, che si tende a nascondere, fino ad arrivare a gesti deprecabili. Assumerne consapevolezza non è semplice, e per questo motivo abbiamo preso i contatti con l Associazione di Auto Mutuo Aiuto, con l obiettivo di creare una rete per indirizzare verso un percorso di dialogo e condivisione. Al di là di una rivisitazione complessiva del welfare, e del sistema fiscale, è stata lanciata la necessità di individuare forme di mutualità anche attraverso appositi fondi in grado di dare risposte concrete. Fondi e quote di servizio sono realizzabili in tutti i settori del consumo, dal finanziario, al turismo, alle aziende che gestiscono i servizi pubblici, ecc.

6 Metterci in rete e sperimentare nuove modalità, (buone pratiche stanno nascendo qua e là, anche la Confindustria di Ancona, ha attivato un fondo Confamily) partendo dalla società civile, da un mondo di associazioni che, pur non indenni dalle difficoltà finanziarie, operano sui valori della solidarietà e del bene comune, dalle aziende sane, dalle Istituzioni e anche dal tanto discusso sistema bancario per affrontare queste nuove emergenze sociali per intercettare gli invisibili è stato il tema predominante della tavola rotonda del 22 aprile Alla tavola rotonda tenutasi presso la sala verde della Regione Marche, hanno partecipato l Assessore alla tutela dei consumatori Antonio Canzian, Marco Profeti Direttore distretto Ancona Centro Unicredit, Filippo Schittone direttore Confindustria Ancona e Presidente della Fondazione Confamily, Roberto Piccinini per Lega Autonomie locali, Andrea Tondi Osservatorio Povertà e risorse Caritas e Marcello Gidoni Presidente Associazione di Mutuo aiuto, Silvana Santinelli dell Adiconsum Marche e il segretario generale dell Adiconsum Pietro Giordano. A novembre 2012 è stato attivato il desk regionale e nel mese di dicembre e gennaio è stata pubblicizzata l iniziativa attraverso i media, i siti, i nostri sportelli, le associazioni dei pensioniati del volontariato e dei periodici parrocchiali con l obiettivo di informare per prevenire. Siamo stati ospiti sull emittente privata etv marche in una rubrica dei pensionati FNP sulla cessione del 5 della pensione e l accattivante pubblicità delle finanziarie, sulla rubrica lavori in corso della CISL, unitamente al Vescovo di Ancona che trattava le difficoltà delle famiglie. Sono stati realizzati articoli per il magazine cartaceo e on-line Why Marche e dal mese di marzo a maggio 2013 sono andate in onda su etvmarche 7 rubriche tematiche di approfondimento. Inoltre è stato realizzato l opuscolo gestire il bilancio familiare per prevenire il sovraindebitamento, oltre a schede tematiche e una griglia di bilancio familiare utilizzate negli incontri. Iniziative volte all educazione finanziaria e al bilancio familiare attraverso incontri pubblici: -3 marzo 2013 Ascoli Piceno, 4 marzo 2013 Ancona, 17 marzo 2013 Macerata - 2 incontri con i lavoratori in difficoltà lavorativa, nei quali si è fornita informazione sulla tenuta del bilancio familiare e sugli strumenti finanziari, con particolare riferimento ai finanziamenti. Carte di credito e cessione del quinto: 17 giugno 2013 Santa Maria Nuova, 2 maggio 2013 Ancona L iniziativa ha raccolto molto interesse nei mass media marchigiani e siamo stati ospiti di due speciali sul tema: tv Centro Marche, il 29 aprile, e RAI3 Marche. Il desk ha supportato i cittadini e imprese nell ascolto, nell informazione e formazione, nell aiuto concreto di rinegoziazione, nell indirizzo a istituzioni e associazioni. :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

2) FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

2) FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE 2) FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE Alcuni aspetti della crisi economica, in particolare quelli che ricadono sulle famiglie e le persone, possono trovare terreno fertile nella mancanza di conoscenza su temi

Dettagli

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 Premessa 1/2 Il titolo del Convegno recita: «Siamo indebitati perché non siamo

Dettagli

L obiettivo del progetto è quello di favorire l inclusione sociale di persone in situazioni di povertà estrema, soggetti che hanno rotto tutti i

L obiettivo del progetto è quello di favorire l inclusione sociale di persone in situazioni di povertà estrema, soggetti che hanno rotto tutti i STORIE DI CONFINE Campagna emergenza freddo 2011/2012 L obiettivo del progetto è quello di favorire l inclusione sociale di persone in situazioni di povertà estrema, soggetti che hanno rotto tutti i legami

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

PROGETTO: " LA SALUTE VIEN MANGIANDO" Sensibilizzazione e contrasto povertà

PROGETTO:  LA SALUTE VIEN MANGIANDO Sensibilizzazione e contrasto povertà PROGETTO: " LA SALUTE VIEN MANGIANDO" Sensibilizzazione e contrasto povertà Titolo idea: LA SALUTE VIEN MANGIANDO- Sensibilizzazione e contrasto povertà Sintesi del progetto: Il progetto prevede la realizzazione

Dettagli

COMUNE DI MEZZAGO c.a.p. 20883 Provincia di Monza e Brianza tel. 039606761 fax 0396020383

COMUNE DI MEZZAGO c.a.p. 20883 Provincia di Monza e Brianza tel. 039606761 fax 0396020383 COMUNE DI MEZZAGO c.a.p. 20883 Provincia di Monza e Brianza tel. 039606761 fax 0396020383 Qualità Sociale - Progetto di mutuo aiuto Guida per l accesso alle forme di sostegno sociale, attuate per fronteggiare

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

CURRICULUM ADOC DI ROMA E DEL LAZIO

CURRICULUM ADOC DI ROMA E DEL LAZIO CURRICULUM ADOC DI ROMA E DEL L'Adoc (Associazione per la Difesa e l Orientamento dei Consumatori) del Lazio, riconosciuta ai sensi della legge regionale n. 44 del 10 novembre 1992, fa parte fin dalla

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Progetto Linea terza Età Insieme contro la povertà Rapporto di ricerca Indagine conoscitiva fra i consumatori ANZIANI E POVERTÀ

Progetto Linea terza Età Insieme contro la povertà Rapporto di ricerca Indagine conoscitiva fra i consumatori ANZIANI E POVERTÀ Progetto Linea terza Età Insieme contro la povertà Rapporto di ricerca Indagine conoscitiva fra i consumatori ANZIANI E POVERTÀ Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai

Dettagli

CONSUMER-LAB Gruppo Montepaschi e Associazioni dei Consumatori insieme per le famiglie italiane

CONSUMER-LAB Gruppo Montepaschi e Associazioni dei Consumatori insieme per le famiglie italiane CONSUMER-LAB Gruppo Montepaschi e Associazioni dei Consumatori insieme per le famiglie italiane Ispirandosi alla convinzione che i temi consumeristici contengano delle significative opportunità di miglioramento

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

CONVEGNO RECESSIONE, CARO BOLLETTA, POVERTA ENERGETICA

CONVEGNO RECESSIONE, CARO BOLLETTA, POVERTA ENERGETICA CONVEGNO RECESSIONE, CARO BOLLETTA, POVERTA ENERGETICA. QUALI RISPOSTE? ORGANIZZATO DA ADOC LAZIO - FEDERCONSUMATORI LAZIO LEGA CONSUMATORI LAZIO SALA CENTOFIORI VIA GOITO 35 B - ROMA - 3 DICEMBRE 2013-0RE

Dettagli

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno Rete Antiviolenza Città di Livorno Comune di Livorno Questura di Livorno Arma dei Carabinieri Livorno Azienda USL 6 Livorno Ippogrifo Associazione PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI LIVORNO/ASSESSORATO

Dettagli

REPORT REGIONE MARCHE. Istituti Statali di Istruzione Secondaria di Secondo Grado A.S. 2010/2011

REPORT REGIONE MARCHE. Istituti Statali di Istruzione Secondaria di Secondo Grado A.S. 2010/2011 Regione Marche ANAGRAFE REGIONALE DEGLI STUDENTI REPORT REGIONE MARCHE Istituti Statali di Istruzione Secondaria di Secondo Grado A.S. 2010/2011 In collaborazione con: Provincia di Ancona Provincia di

Dettagli

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA TITOLO IDEA : SOCIAL MARKET LA CAMBUSA Breve sintesi idea : La Cambusa consiste nella realizzazione di un MARKET SOCIALE: un punto di recupero e distribuzione di alimenti, prodotti per l igiene, utensili

Dettagli

SINTESI. XI Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia. A cura di Caritas Italiana Fondazione Zancan

SINTESI. XI Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia. A cura di Caritas Italiana Fondazione Zancan Poveri di diritti XI Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia A cura di Caritas Italiana Fondazione Zancan SINTESI È un titolo fortemente evocativo quello del nuovo rapporto Caritas Zancan su

Dettagli

Doriano Magosso Direttore SPISAL AULSS 17

Doriano Magosso Direttore SPISAL AULSS 17 I rischi psicosociali in Europa e gli obiettivi della Campagna Europea 2014-2015. Stato dell arte della Legge Regionale 8/2010 per la prevenzione e contrasto del disagio negli ambienti di lavoro e promozione

Dettagli

VALDELSA CON TE EMPORIO DELLA SOLIDARIETA DI POGGIBONSI

VALDELSA CON TE EMPORIO DELLA SOLIDARIETA DI POGGIBONSI Valdelsa con Te Emporio della Solidarietà VALDELSA CON TE EMPORIO DELLA SOLIDARIETA DI POGGIBONSI VALDELSA CON TE La crisi che sta colpendo le nostre famiglie è tale da richiedere uno sforzo congiunto

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

RELAZIONE SUL SERVIZIO SPORTELLO STRANIERI Comune di Cento

RELAZIONE SUL SERVIZIO SPORTELLO STRANIERI Comune di Cento 2 A N N O 2 0 0 3 RELAZIONE SUL SERVIZIO SPORTELLO STRANIERI PRESENTAZIONE Dopo più di un anno dall apertura del Servizio Sportello Stranieri, sembra opportuno riproporre una relazione in cui si presentano

Dettagli

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE Il 2012 è stato un anno in cui abbiamo registrato una situazione sostanzialmente immutata nelle richieste di aiuto e nelle erogazioni di servizi. Diversi fenomeni

Dettagli

UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15

UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15 UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15 Iniziative didattiche di prevenzione e di contrasto della dispersione scolastica Premessa: a cura di Patrizia Selleri e Isabella

Dettagli

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI GELA

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI GELA BOZZA DI PROTOCOLLO DI INTESA SOTTOPOSTO AI DECISORI RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI GELA Comune di Gela Comune di Mazzarino Comune di Niscemi Comune di

Dettagli

Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4

Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4 Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4 Comuni di : Barbarano Romano Bassano Romano Blera Capranica Caprarola Carbognano Monterosi

Dettagli

promossa da Associazione SpazioAmbiente e Comune di Fermo

promossa da Associazione SpazioAmbiente e Comune di Fermo Expo e mostra mercato della sostenibilità Ecologicamente Vivere bene, risparmiando 6 ediz. - Ingresso Gratuito 16.17.18 Ottobre 2009 Fermo (Padiglione espositivo Località Girola) promossa da Associazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre n. 20 71100 Foggia Tel.: 0881.791795 -

Dettagli

Studio Legale Telefono 0541/53035 Via Serpieri n.20 Fax 0541/28795 47900 RIMINI RELAZIONE ATTIVITA SPORTELLO DONNA COMUNE DI RICCIONE

Studio Legale Telefono 0541/53035 Via Serpieri n.20 Fax 0541/28795 47900 RIMINI RELAZIONE ATTIVITA SPORTELLO DONNA COMUNE DI RICCIONE Avv. Carla Lunedei Studio Legale Telefono 0541/53035 Via Serpieri n.20 Fax 0541/28795 47900 RIMINI carlalunedei@libero.it RELAZIONE ATTIVITA SPORTELLO DONNA COMUNE DI RICCIONE PERIODO : 12-4-2011 / 11-4-2012

Dettagli

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna:

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: la legislazione di riferimento, alcune priorità di lavoro e di prospettiva Ferrara 15 gennaio 2013

Dettagli

PROGETTO CRESCERE NELLA CULTURA DELLA LEGALITA. Associazione Chiara Melle

PROGETTO CRESCERE NELLA CULTURA DELLA LEGALITA. Associazione Chiara Melle PROGETTO CRESCERE NELLA CULTURA DELLA LEGALITA Associazione Chiara Melle Perché la legalità? Vivere la legalità è vivere il valore della regola come: strumento di libertà e progresso; garanzia affinché

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ E VERSO UNA SCUOLA AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ E VERSO UNA SCUOLA AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ E VERSO UNA SCUOLA AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Referenti: Annalisa Specchierla (Scuola primaria Collodi) Cinzia Ciulli (Scuola secondaria di 1 grado Da Vinci) Premessa L educazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via Milano, 21 - Falconara Marittima (AN)

CURRICULUM VITAE. Via Milano, 21 - Falconara Marittima (AN) CURRICULUM VITAE Cognome e nome : Mastrovincenzo Antonio Data e luogo di nascita : 25/8/1968 - Camerino (MC) Residenza : Via Milano, 21 - Falconara Marittima (AN) Titolo di studio : Laurea in Giurisprudenza

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

Quattro anni di attività in Consiglio Regionale della Campania. Un anno di attività come Assessore alle Politiche Sociali

Quattro anni di attività in Consiglio Regionale della Campania. Un anno di attività come Assessore alle Politiche Sociali Quattro anni di attività in Consiglio Regionale della Campania Un anno di attività come Assessore alle Politiche Sociali Incarichi assunti in seno alla Giunta Regionale della Campania: Assessore regionale

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework SINTESI RAPPORTO LIGURIA A cura di ELISABETTA BECCARIA Salerno, 04 novembre 2009 Chi siamo Agenzia

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia Comune di Imperia Comune di Sanremo Comune di Ventimiglia In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia *** E-state IN SALUTE! *** 1 di 5 Obiettivo generale Realizzazione

Dettagli

Studio grafico e impaginazione: Elisabetta Farnè Stampa: Fantigrafica - Cremona

Studio grafico e impaginazione: Elisabetta Farnè Stampa: Fantigrafica - Cremona Ideazione e gestione del progetto: Caterina Ruggeri, Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Cremona Maurilio Segalini, Direttore del Settore Personale, Sviluppo Organizzativo, Comunicazione, Politiche

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI PREMESSA

PROGETTO PORCOSPINI PREMESSA PROGETTO PORCOSPINI COORDINATE PSICO-PEDAGOGICHE- ORGANIZZATIVE PER L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALL ALFABETIZZAZIONE EMOTIVA COME PREVENZIONE AL DISAGIO E AL MALTRATTAMENTO PREMESSA Il Lions Club, associazione

Dettagli

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA Ente Promotore: Assessorato alle politiche della Salute del Comune di Bologna Oggetto: Piano di Comunicazione per una Cultura della Corretta Alimentazione 1 DEFINIZIONE

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

FIORI CHE RINASCONO Etiopia

FIORI CHE RINASCONO Etiopia FIORI CHE RINASCONO Etiopia Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

Giornata Europea sulla Depressione

Giornata Europea sulla Depressione Giornata Europea sulla Depressione Giornate europee sulla Depressione: ottobre 2011 Programma Titolo Progetto Mandato di Ricerca internazionale Depressione: identikit & arresto! Convegno sulla solitudine

Dettagli

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto R. Orlich - Gli interventi economici dei Comuni La legge regionale n. 6/06, relativa

Dettagli

Venerdì 8 novembre, ore 11.15 Sala San Francesco Casa Pio X Padova, via Vescovado 29

Venerdì 8 novembre, ore 11.15 Sala San Francesco Casa Pio X Padova, via Vescovado 29 INVITO CONFERENZA STAMPA COM MUNITAS Venerdì 8 novembre, ore 11.15 Sala San Francesco Casa Pio X Padova, via Vescovado 29 Padova, 6 novembre 2013 Com Munitas: la Giusta Strada è il progetto sostenuto da

Dettagli

Progetto: NGG - NEW GREEN GENERATION

Progetto: NGG - NEW GREEN GENERATION Progetto: NGG - NEW GREEN GENERATION CONTESTO E GIUSTIFICAZIONE In Basilicata, la questione ambientale, di sicurezza e di sviluppo eco-sostenibile rivestono ruoli cruciali e urgenti, da cui non si può

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE: 1 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MICROCREDITO PER IL JOB CREATION ANNUALITÀ 2012/2013, TESO A PREVENIRE IL FENOMENO DELL USURA E RIVOLTO PRIORITARIAMENTE AI CITTADINI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center RACCOLTA DATI PRESSO CENTRI PER L IMPEGO, STUDIO DI UN CASO: I CALL CENTER (Stefania Doglioli, Elena Ottolenghi, Gabriella Rossi, Michele Fortunato)

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA SINTESI PROGETTO Perché il progetto VERSO CONDOMINI ATTENTI ALL AMBIENTE E AL RISPARMIO DELLE RISORSE Con-divivere la sostenibilità attraverso il coinvolgimento

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: Genitori in controtendenza: accogliere i bambini e camminare con le famiglie 1. Tipologia del progetto

Dettagli

IL MIO MONDO IL TUO MONDO. Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità

IL MIO MONDO IL TUO MONDO. Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità IL MIO MONDO IL TUO MONDO Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità L'idea di creare uno sportello d'ascolto presso il Comune di Aversa nasce da un approfondito confronto tra persone

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DELLA CITTA DI AGRIGENTO

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DELLA CITTA DI AGRIGENTO RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DELLA CITTA DI AGRIGENTO COMUNE DI AGRIGENTO - PROVINCIA REGIONALE DI AGRIGENTO - PROCURA DELLA REPUBBLICA C/O TRIBUNALE ORDINARIO DI AGRIGENTO - QUESTURA

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Carlo Scheggia Indirizzo Corso Matteotti 57-62100 Macerata Telefono(i) +39 0733 280230 Cellulare: +39 339 8775717 Fax +39 0733 443114 E-mail

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA 1 PROTOCOLLO D'INTESA TRA: Il Comune di Padova, in seguito denominato Comune, con sede a Padova, in via del Municipio n. 1, C.F. 00644060287, e in particolare:

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

La protezione dei diritti dei minori in Europa

La protezione dei diritti dei minori in Europa La protezione dei diritti dei minori in Europa Intervista all on. Franco Frattini Vice presidente della Commissione Europea Responsabile del portafoglio giustizia, libertà e sicurezza di Anna Scalfati

Dettagli

Assessorato alla Tutela dei Consumatori

Assessorato alla Tutela dei Consumatori Assessorato alla Tutela dei Consumatori Assessorato alla Tutela dei Consumatori Ministero dello Sviluppo Economico ADICONSUM MARCHE Ancona - Via dell industria, 17 Tel. 071/505234 - Fax 071/505207 adiconsummarche@virgilio.it

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

AREE TRASVERSALI. Contesti senza confini Strumenti comunicativi Condivisone delle buone prassi Lavorare sulle contaminazioni fra servizi Mediazione

AREE TRASVERSALI. Contesti senza confini Strumenti comunicativi Condivisone delle buone prassi Lavorare sulle contaminazioni fra servizi Mediazione Disabilità Promozione e Comunità Disagio adulto Minori PIANO D AMBITO Povertà Immigrati Anziani Pagina 1 AREE TRASVERSALI La Città del Benessere Lavorare in maniera intersettoriale, coinvolgendo le diverse

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: INTER_ AZIONE SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il presente progetto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA A 11: DONNE CON MINORI A CARICO E DONNE IN DIFFICOLTA

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA A 11: DONNE CON MINORI A CARICO E DONNE IN DIFFICOLTA ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: AIUTACI AD AIUTARLE SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA A 11: DONNE CON MINORI A CARICO E DONNE IN DIFFICOLTA OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

Dott.ssa Catia Bufacchi Psicologa- psicoterapeuta-coordinatrice Progetto Girasole Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - Roma

Dott.ssa Catia Bufacchi Psicologa- psicoterapeuta-coordinatrice Progetto Girasole Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - Roma Dott.ssa Catia Bufacchi Psicologa- psicoterapeuta-coordinatrice Progetto Girasole Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - Roma L incontro di oggi Descrizione del Progetto Maestramica di Roma nei presupposti

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di:

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di: 3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007 Ai sensi di: - Deliberazione di C.R. n. 615 del 16/11/2004 - Determinazione regionale del Servizio politiche familiari, infanzia

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: BIO-logica-MENTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione Culturale [E] 04- Educazione al cibo OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI Dire fare abitare Fondo Fei 2013, Azione 6, prog. 105060 - CUP D18D14000570008 EMERGENZA ABITATIVA Dal

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Interventi per l emersione del lavoro regolare - Azioni di sensibilizzazione

Dettagli

CONCORSO DI IDEE ART. 1 OBIETTIVO

CONCORSO DI IDEE ART. 1 OBIETTIVO CONCORSO DI IDEE Bando per la richiesta di contributo per attività di sostegno alla fragilità della popolazione anziana e di prevenzione della non autosufficienza nell ambito del Progetto Fragilità del

Dettagli

C era una volta... Progetto di promozione della lettura ad alta voce ai bambini

C era una volta... Progetto di promozione della lettura ad alta voce ai bambini impaginato def:layout 1 15/03/2010 12.23 Pagina 27 POLITICHe SOCIALI Infanzia e adolescenza Giunta dei Piccoli Un progetto per l educazione civica dei più piccoli Il progetto Giunta dei Piccoli è stato

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

Centro di Ascolto. "St'Oria Nuova" - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO

Centro di Ascolto. St'Oria Nuova - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO Centro di Ascolto? 1 IL CENTRO DI ASCOLTO fa dell'ascolto il suo MODO PROPRIO di SERVIZIO Ascoltare non è udire (atto puramente fisico e involontario) L ascolto implica la volontà, l atteggiamento di accoglienza,

Dettagli