CORSI INTERAZIENDALI A CATALOGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSI INTERAZIENDALI A CATALOGO"

Transcript

1 CORSI INTERAZIENDALI A CATALOGO CONFINDUSTRIA LA SPEZIA

2 Sommario 3.1 CORSI INTERAZIENDALI A CATALOGO AREA MANAGEMENT A) SVILUPPO COMPETENZE MANAGERIALI B) GESTIONE RISORSE UMANE CORSI INTERAZIENDALI A CATALOGO AREA SVILUPPO GESTIONALE A) IL CONTROLLO DI GESTIONE NELLE IMPRESE CHE PRODUCONO SU COMMESSA O SU PREVISIONE B) METODOLOGIE E STRUMENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DI UN PIANO DI SVILUPPO/RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE C) TECNICHE DI PROJECT MANAGEMENT CORSI INTERAZIENDALI A CATALOGO AREA AMBIENTE, SICUREZZA E ENERGIA A) IL RISCHIO ELETTRICO PES-PAV- PEI B) FORMAZIONE PARTICOLARE AGGIUNTIVA PER PREPOSTI C) AGGIORNAMENTO RSPP D) ADDETTO SQUADRA EMERGENZE PRIMO SOCCORSO E) ADDETTO SQUADRA EMERGENZE ANTINCENDIO F) FORMAZIONE FORMATORI PER LA SICUREZZA... 8 PREMESSA NORMATIVA CORSI PER ASPP e RSPP G) MODULO A MODULO BASE PER ASPP E RSPP H) MODULO C FORMAZIONE SPECIFICA PER RSPP I) MODULO B - MACRO SETTORE ATECO 3 (FORMAZIONE SPECIFICA PER ASPP E RSPP) L) MODULO B - MACRO SETTORE ATECO 4 (FORMAZIONE SPECIFICA PER ASPP E RSPP) M) MODULO B - MACRO SETTORE ATECO 5 (FORMAZIONE SPECIFICA PER ASPP E RSPP) N) MODULO B - MACRO SETTORE ATECO 6 (FORMAZIONE SPECIFICA PER ASPP E RSPP) O) MODULO B - MACRO SETTORE ATECO 8 (FORMAZIONE SPECIFICA PER ASPP E RSPP) Q) ENERGY MANAGEMENT SYSTEM LA NORMA UNI CEI EN ISO 50001: R) INTRODUTTIVO SUI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE E REGOLAMENTO EMAS

3 3.1 CORSI INTERAZIENDALI A CATALOGO AREA MANAGEMENT 3.1 a) SVILUPPO COMPETENZE MANAGERIALI PREMESSA: Il corso si rivolge a tutti gli interessati ad approfondire le tematiche trattate, individuati dalle imprese come ad alto potenziale e si pone l obiettivo di consolidare competenze utili per il loro attuale o futuro ruolo professionale (organizzazione leadership gestione collaboratori economia d impresa marketing strategico). OBIETTIVI: L obiettivo del corso è quello di sviluppare competenze/professionalità tali da rendere in grado i partecipanti di consolidare competenze manageriali utili per il loro attuale o futuro ruolo professionale La leadership e la gestione del ruolo Il ruolo mattone di qualunque struttura organizzativa cambiamenti di contesto e diversa interpretazione del ruolo analisi del proprio ruolo il ruolo del capo : Il capo come gestore di risorse; Il capo come mentore il capo come coach Costruzione e gestione di un gruppo di lavoro: il processo di sviluppo dei gruppi le regole per l efficacia del team Negoziazione: dalla spartizione all integrazione l utilizzo del contrasto e la gestione del conflitto Pianificare i tempi per non gestire l emergenza L efficacia del processo comunicativo Valutazione delle proprie modalità comunicative e definizione dei margini di miglioramento Economics Relazioni fra impresa e mercato Problematiche organizzative e gestionali dell impresa Ciclo gestionale e variabili economico-finanziarie Gestione economico-finanziario dell impresa Il marketing strategico Fondamenti del marketing Il percorso di pianificazione di marketing La definizione delle strategie DURATA: 80 h NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI MINIMO : b) GESTIONE RISORSE UMANE PREMESSA: Il corso si rivolge a chi necessita di abilità concrete e specifici strumenti per affrontare le quotidiane problematiche legate alla gestione dei collaboratori. Data una breve panoramica su tipologie di prodotto/mercato e stili di gestione, si affronterà, mediante una didattica esperienziale, tutto ciò che è inerente al processo di selezione, alle modalità e agli strumenti di gestione, valutazione e sviluppo dei collaboratori. OBIETTIVI: sviluppare competenze utili ad un efficace Gestione delle Risorse Umane con particolare riferimento alle più frequenti problematiche presenti nelle piccole e medie imprese. Equilibrio tra: prodotto/ mercato e stili di gestione/comportamenti organizzativi di successo Il processo di selezione: analisi dei bisogni ( la posizione e il profilo cercato) il reclutamento ( i diversi canali) la selezione ( tecniche e strumenti) l inserimento (progettazione e condivisione del percorso) La motivazione e le leve di gestione le persone ci mettono anche il cuore quando come riconoscere e rispondere ai bisogni del singolo La valutazione come strumento di sviluppo che cosa, come e quando valutare dall etero all autovalutazione consolidare i successi e progettare il miglioramento Assertività : stile comunicativo efficace riconoscere il proprio stile comunicativo individuare i margini di miglioramento DURATA: 40 h NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI MINIMO : 6 3

4 3.2 CORSI INTERAZIENDALI A CATALOGO AREA SVILUPPO GESTIONALE 3.2 a) IL CONTROLLO DI GESTIONE NELLE IMPRESE CHE PRODUCONO SU COMMESSA O SU PREVISIONE PREMESSA: Il corso si rivolge a personale non specialista del controllo di gestione principalmente impiegato in ruoli appartenenti all area amministrativa e ruoli di coordinamento. OBIETTIVI: Il corso si pone l obiettivo di fornire ai partecipanti adeguate conoscenze e competenze necessarie al fine di comprendere il significato e le modalità di funzionamento del controllo di gestione. Il modello azienda / impresa le finalità dell impresa e i suoi rapporti con il mercato; il sistema impresa e le principali dinamiche organizzative; le correlazioni fra fasi di gestione e aspetti economico-finanziari. Il controllo di gestione le finalità del controllo di gestione; le modalità di funzionamento; i limiti, gli oggetti, le fasi, e i momenti del controllo del controllori gestione; la contabilità direzionale. La classificazione dei costi e dei ricavi e metodi per la loro determinazione la classificazione dei costi; il full costing o direct costing; la distinta base; il costo standard e il costo a preventivo; i metodi per la stima delle principali categorie di costo; la classificazione dei ricavi; il significato e le principali modalità di rappresentazione del conto economico (margine di contribuzione a costi fissi, margine operativo lordo, valore aggiunto, ecc.); l analisi del conto economico. I prospetti finanziari il significato e la struttura dello stato patrimoniale riclassificato; l analisi dello stato patrimoniale; le finalità e la struttura dei flussi di cassa; le finalità e la struttura del rendiconto finanziario. I progetti e le commesse le caratteristiche delle lavorazioni su commessa; la gestione tecnica delle commesse attraverso il project management; la gestione organizzativa delle commesse; la gestione economica della commessa; la gestione finanziaria della commessa L elaborazione del budget il contenuto dei budget per area funzionale; le fasi di elaborazione del budget; il budget finanziario e le sue principali matrici di calcolo; esempio di formazione del budget globale d azienda; I Decision Support System l analisi di bilancio tramite i principali indicatori di solidità, equilibrio finanziario, redditività, rinnovamento ed efficienza; l analisi costo-volume-risultato e il pricing; la convenienza economico-finanziaria degli investimenti e delle strategie tramite i metodi dell analisi del valore e dell analisi costi-benefici; L analisi di commessa tramite i principali indicatori di performance di progetto il business plan: finalità, struttura e contenuti. Il controllo dei risultati il concetto di efficienza-efficacia-ottimizzazione; le principali formule per la misurazione; l analisi degli scostamenti. DURATA: 40 h 4

5 3.2 b) METODOLOGIE E STRUMENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DI UN PIANO DI SVILUPPO/RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE PREMESSA: Il corso si rivolge a tutti coloro che ricoprono ruoli direttivi e di coordinamento coinvolti nelle attività di programmazione gestionale dell impresa nonché a professionisti che erogano servizi di supporto manageriali alle aziende. OBIETTIVI: - Sviluppare competenze nella programmazione strategica finalizzate al miglioramento del posizionamento dell impresa; - Acquisire metodologie, strumenti e tecniche volte alla redazione di piani di sviluppo/riorganizzazione aziendale Sviluppare competenze per l organizzazione e gestione delle risorse nel corso delle crisi aziendali Acquisire metodologie, strumenti e tecniche per l attivazione degli strumenti di ammortizzazione sociale. CONTENUTI Le finalità e i contenuti del Piano di sviluppo Aziendale. L analisi quali/quantitative delle opportunità di business. L analisi quali/quantitative della crisi aziendale e delle soluzioni di risanamento. Il processo di elaborazione di un Piano di Sviluppo/Riorganizzazione aziendale Aziendale. I piani di marketing, produzione e dell area gestionale. La valutazione economico-finanziaria e di rischiosità del Piano di Sviluppo/Riorganizzazione Aziendale. Gli strumenti per supportare le aziende nella gestione del personale in periodo di crisi Gli strumenti per la gestione di una crisi temporanea d impresa: la cassa integrazione ordinaria Crisi aziendale e riorganizzazione: la cassa integrazione straordinaria I contratti di solidarietà Gli strumenti in deroga Licenziamenti individuali e collettivi Il ruolo delle Organizzazioni sindacali DURATA: 40 h 3.2 c) TECNICHE DI PROJECT MANAGEMENT PREMESSA: Il corso si rivolge tutti gli interessati ad approfondire le tematiche trattate - occupati in ruoli professionali che richiedono la gestione di progetti OBIETTIVI: il corso si pone l obiettivo di fornire ai partecipanti metodologie e strumenti per pianificare, gestire e controllare lo sviluppo di un progetto. Project management (introduzione) Il concetto di Project Management Campi di utilizzo del Project Management Il sistema organizzativo per la gestione dei progetti Le tipologie di progetto La pianificazione del progetto: - PBS, - WBS, - OBS La programmazione e controllo dei tempi L analisi e l utilizzo di software applicativi (Win Project) La pianificazione reticolare Pert/CPM/DPM La gestione documentale dei progetti La preventivazione e il controllo dei costi Il flusso finanziario del progetto DURATA: 24 h 5

6 3.3 CORSI INTERAZIENDALI A CATALOGO AREA AMBIENTE, SICUREZZA E ENERGIA 3.3 a) IL RISCHIO ELETTRICO PES-PAV- PEI PREMESSA: Il corso si rivolge principalmente al personale tecnico; Installatori elettrici, responsabili tecnici, responsabili di impianti, Preposti, lavoratori che operano sugli impianti elettrici, reparti interni delle imprese con attività nel campo della manutenzione e dell installazione elettrica di macchine ed impianti, appaltatori di lavori elettrici. Per quanto detto nella premessa, il corso si rivolge, a partire dal 1 febbraio 2014, anche a coloro che, pur non eseguendo interventi su installazioni elettriche, eseguono lavori in prossimità di parti attive accessibili OBIETTIVI: Il corso si propone di fornire ai partecipanti le conoscenze tecniche per eseguire i lavori elettrici quali per esempio le nuove installazioni, la manutenzione sulle macchine e sugli impianti con parti in o fuori tensione secondo i requisiti della Norma tecnica CEI Manutenzione elettrica (Guida CEI 0 10 alla manutenzione degli impianti elettrici). Legislazione sulla sicurezza dei lavori elettrici. La valutazione del rischio negli ambienti di lavoro: piani di sicurezza, misure di prevenzione e protezione. Le figure, i ruoli, le responsabilità delle persone adibite ai lavori elettrici, con particolare riferimento ai lavori sotto tensione (Norma CEI ed altri riferimenti La Norma CEI EN Esercizio degli impianti elettrici La Norma CEI Esecuzione dei lavori su impianti elettrici a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata Trasmissione e scambi di informazioni tra persone interessate ai lavori I lavori elettrici in bassa tensione: fuori tensione, in prossimità di parti attive, in tensione e criteri generali di sicurezza. Shock elettrico ed arco elettrico; effetti fisiologici sul corpo umano. Scelta delle attrezzature per i lavori elettrici e particolarità per i lavori sotto tensione Scelta ed impiego dei D.P.I. per i lavori elettrici e particolarità per i lavori sotto tensione. Conservazione delle attrezzature e dei D.P.I. La gestione delle situazioni di emergenza: valutazione del rischio elettrico e del rischio ambientale Indicazioni di primo soccorso a persone colpite da shock elettrico ed arco elettrico Procedure per i lavori sotto tensione su impianti in bassa tensione; le preparazione al lavoro Esempi di schede di lavoro con descrizione delle fasi di lavoro Dimostrazioni della corretta metodologia di esecuzione dei lavori sotto tensione 3.3 b) FORMAZIONE PARTICOLARE AGGIUNTIVA PER PREPOSTI PREMESSA: Il corso rappresenta il percorso di formazione obbligatoria ai sensi dell'art 37 del Dlgs 81/08 e disciplinato nei contenuti dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26/01/12 per il preposto (art. 2 Dlgs 81/08) ovvero responsabili di funzione, servizio, area o settore, ai capireparto, capisquadra, capisala, capiturno, capocantieri etc., e più in generale a tutti coloro che ricadono nel ruolo di preposto, con o senza investitura formale (quindi anche di fatto), in quanto in posizione di preminenza rispetto ad altri lavoratori, così da poter impartire ordini, istruzioni o direttive nel lavoro da eseguire. OBIETTIVI: L'obiettivo della formazione particolare aggiuntiva per i preposti, in rispetto dell'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per affrontare e risolvere le problematiche connesse e alla gestione della sicurezza e salute sul lavoro, poter comprendere adeguatamente il proprio ruolo di preposto, i propri obblighi e responsabilità in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale e relazione tra i vari soggetti interni ed esterni ad esso; Definizione ed individuazione dei fattori di rischio; Incidenti ed infortuni mancati; Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori; Valutazione dei rischi in azienda; Individuazione misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione; Modalità di esercizio della funzione di controllo dell osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali e di uso dei mezzi di protezione collettivi e individuali DURATA: 8 h DURATA: 16 h 6

7 3.3 c) AGGIORNAMENTO RSPP La normativa vigente prevede che la persona che ricopre il ruolo di RSPP partecipi a corsi di aggiornamento specifici per il settore ATECO in cui svolge la propria attività. Per favorire questo adempimento sarà organizzato un corso delle durata di 24 ore riguardante i temi della prevenzione e della salute e sicurezza sul lavoro. Il monte ore complessivo di aggiornamento che deve svolgere un RSPP può essere distribuito nell arco temporale di 5 anni ed è costituito da un numero differente di ore in funzione del codice ATECO dell azienda in cui ricopre questo ruolo; per i macrosettori di attività ATECO sono previste 60 ore di aggiornamento mentre per i macrosettori ATECO e 9 sono previste 40 ore di aggiornamento. La frequenza al corso soddisfa, per il numero di ore previste, l obbligo normativo di aggiornamento che viene confermato con la consegna, a fine anno, di un regolare attestato di frequenza DURATA: 24 h 3.3 d) ADDETTO SQUADRA EMERGENZE Primo soccorso PREMESSA: Il corso si rivolge a lavoratori incaricati delle attività di primo soccorso che debbano ricevere un adeguata e specifica formazione.. OBIETTIVI: Il corso ha come obiettivo fornire ai partecipanti le conoscenze necessarie per svolgere in azienda il ruolo di addetto al primo soccorso come previsto dalla normativa vigente Allertare il sistema di soccorso Cause e circostanze dell infortunio;comunicare le predette informazioni in maniera chiara e precisa ai Servizi di assistenza sanitaria di emergenza Riconoscere un emergenza sanitaria Scena dell infortunio: raccolta delle informazioni; previsione di pericoli evidenti e probabili Accertamento delle condizioni psico-fisiche del lavoratore infortunato Nozioni elementari di anatomia e fisiologia dell apparato cardiovascolare e respiratorio Tecniche di auto protezione del personale addetto al soccorso Attuare gli interventi di primo soccorso Riconoscimento e limiti d intervento di primo soccorso Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro Cenni di anatomia dello scheletro Lussazioni, fatture e complicanze Traumi e lesioni toraco-addominali Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro Lesioni da freddo e da calore, Lesioni da corrente elettrica Lesioni da agenti chimici, Intossicazioni Ferite lacero contuse Acquisire capacità di intervento pratico Tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del S.S.N. Tecniche di primo soccorso nelle sindromi celebrali acute Tecniche di primo soccorso nella sindrome di insufficienza respiratoria acuta Tecniche di rianimazione cardio polmonare Tecniche di tamponamento emoraggico Tecniche di sollevamento,spostamento e trasporto traumatizzato Tecniche di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologico DURATA: 16 h 7

8 3.3 e) ADDETTO SQUADRA EMERGENZE Antincendio PREMESSA: Il corso si rivolge a tutti coloro che hanno un incarico di addetto all incendio e all evacuazione OBIETTIVI: Il corso ha come obiettivo formare gli addetti all antincendio e all evacuazione sui principi fondamentali di prevenzione incendi e sulle procedure da adottare in caso di incendio ed evacuazione. L'incendio e la prevenzione incendi Principi sulla combustione e l'incendio Le sostanze estinguenti Triangolo della combustione Le principali cause di un incendio Rischi alle persone in caso di incendio Principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio Le principali misure di protezione contro gli incendi Vie di esodo Procedure da adottare quando si scopre un incendio o in caso di allarme Procedure per l'evacuazione Rapporti con i vigili del fuoco Attrezzature ed impianti di estinzione Sistemi di allarme Segnaletica di sicurezza Illuminazione di emergenza 3.3 f) FORMAZIONE FORMATORI PER LA SICUREZZA PREMESSA:. Il corso, conforme al Decreto interministeriale del 6 marzo 2013 sui "Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro si rivolge a consulenti, dirigenti, datori di lavoro, responsabili e addetti SPP, professionisti della sicurezza e dell'igiene del lavoro, formatori. Il decreto considera qualificato il formatore che, al di là del prerequisito del possesso del Diploma di scuola secondaria di secondo grado, possieda un'esperienza ed un percorso formativo che gli consenta di poter erogare interventi formativi, usufruendo non solo di una solida preparazione tecnica sulle specifiche tematiche trattate ma anche di tecniche, strumenti e metodologie didattiche che possano rendere utili ed efficaci tali interventi OBIETTIVI: Il percorso si propone di fornire ai partecipanti gli strumenti e le metodologie finalizzate alla corretta gestione dei processi formativi inerenti le tematiche della sicurezza. Il corso, dunque, fornirà conoscenze volte a garantire la qualità dei processi formativi relativi alla salute e alla sicurezza sui luoghi di lavoro, favorendo la trasmissione dei contenuti e il loro apprendimento. La formazione dei lavoratori in relazione alla sicurezza sui luoghi di lavoro: quadro normativo di riferimento L'individuazione dei fabbisogni e la progettazione di attività didattiche sui temi della sicurezza Come comunicare la sicurezza e relative metodologie formative L'impostazione di un percorso formativo aziendale: strumenti, contenuti e materiali Esame finale DURATA: 24 h Esercitazioni pratiche Presa visione e chiarimenti sui mezzi di estinzione più diffusi Presa visione e chiarimenti sulle attrezzature di protezione individuale Esercitazioni sull'uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo di naspi e idranti DURATA: 8 h 8

9 PREMESSA NORMATIVA CORSI PER ASPP e RSPP L Accordo tra il Governo e le Regioni e Province autonome, attuativo dell articolo 2, commi 2, 3, 4 e 5 del decreto legislativo 23 giugno 2003, n. 195, che integra il decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, in materia di prevenzione e protezione dei lavoratori sui luoghi di lavoro approvato nella seduta del 26/01/2006 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 febbraio 2006, costituisce attuazione dell art. 8 bis del decreto legislativo 626 del 1994, successivamente sostituito dall art. 32 del D.lgs 81/08, dando seguito a quanto lo stesso dispone in ordine ai corsi di formazione ed ai requisiti dei soggetti formatori. I percorsi di formazione delle due figure professionali di Responsabile dei servizi di prevenzione e protezione - RSPP e di Addetto dei servizi di prevenzione e protezione - ASPP sono strutturati in tre moduli (A, B e C). Il MODULO A) costituisce il corso di base, per lo svolgimento della funzione di RSPP e di ASPP. Il MODULO B) di specializzazione, è il corso adeguato alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. La sua durata varia da 12 a 68 ore, a seconda del macrosettore di riferimento (vedi tabella). Come il modulo A, anche il modulo B è comune alle due figure professionali di RSPP e di ASPP. Il MODULO C) di specializzazione per le sole funzioni di RSPP, è il corso su prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e psico-sociale, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali. Dal 15/02/2006 pertanto, decorrono le "NUOVE REGOLE" che fissano i REQUISITI e le CAPACITA' professionali di RSPP, in assenza dei quali NON si potrà più svolgere (o assumere) la funzione di RSPP/ASPP. Con DELIBERAZIONE DI GIUNTA N. 921 del , La Regione Liguria ha emanato le Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di RSPP e di ASPP di cui all Accordo Governo, Regioni e Province autonome attuativo art. 2, commi 2, 3, 4, e 5 del D.Lgs. 195/2003, al fine di consentire, in fase di prima applicazione, una sperimentazione utile a testare il nuovo impianto formativo Il percorso formativo è articolato in tre moduli, la cui durata ed i contenuti sono definiti nell ambito dell Accordo. TABELLA MACROSETTORI DI RIFERIMENTO CLASSIFICAZIONE MACRO SETTORI DI ATTIVITÀ Settori ATECO Modulo B di riferimento Durata Corso Agricoltura A 1 36 ore Pesca B 2 36 ore Estrazione minerali CA Altre industrie estrattive CB 3 60 ore Costruzioni F Industrie Alimentari DA Tessili, Abbigliamento DB Conciarie, Cuoio DC Legno DD Carta, editoria, stampa DE Minerali non metalliferi DI Metallurgia, fabbricazione di prodotti in metallo DJ 4 48 ore Fabbricazione macchine, apparecchi meccanici DK Fabbricazione macchine apparecchi elettrici, elettronici DL Autoveicoli DM Mobili - Altre Industrie Manifatturiere DN Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas, acqua E Smaltimento rifiuti O Raffinerie, trattamento combustibili nucleari DF Industria chimica, Fibre DG 5 68 ore Gomma, Plastica DH Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali G Trasporti, Magazzinaggi, Comunicazioni I 6 24 ore Sanità Servizi sociali N 7 60 ore Pubblica Amministrazione L Istruzione M 8 24 ore Alberghi, Ristoranti H Immobiliari, Informatica J Assicurazioni K Associazioni ricreative, culturali, sportive O 9 12 ore Servizi domestici P Organizzazioni Extraterrit. Q 3.3 g) Modulo A Modulo Base Per Aspp E Rspp PREMESSA: L Accordo tra il Governo e le Regioni e Province autonome, attuativo dell articolo 2, commi 2, 3, 4 e 5 del decreto legislativo 23 giugno 2003, n. 195, che integra il decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, in materia di prevenzione e protezione dei lavoratori sui luoghi di lavoro approvato nella seduta del 26/01/2006 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 febbraio 2006, costituisce attuazione dell art. 8 bis del decreto legislativo 626 del 1994, successivamente sostituito dall art. 32 del D.lgs 81/08, dando seguito a quanto lo stesso dispone in ordine ai corsi di formazione ed ai requisiti dei soggetti formatori. OBIETTIVI: Il modulo è inteso, appunto, come formazione di base propedeutica, finalizzata alla conoscenza della normativa generale e specifica di riferimento in tema di igiene e sicurezza del lavoro, nonché della identificazione dei pericoli e classificazione dei rischi necessaria per la redazione del documento di valutazione dei rischi e a garantire una buona organizzazione e gestione del Sistema di Prevenzione e Sicurezza Presentazione Corso L approccio alla prevenzione attraverso il D.Lgs. 81/08 per un percorso di miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori Il sistema legislativo: esame delle normative di riferimento Criteri e strumenti per la valutazione dei rischi Documento di valutazione dei rischi I soggetti del Sistema di Prevenzione aziendale secondo il D.Lgs. 81/08: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali Il Sistema Pubblico della prevenzione La valutazione di alcuni rischi specifici in relazione alla relativa normativa di sicurezza e di igiene del lavoro Rischio incendio ed esplosione La valutazione di alcuni rischi specifici in relazione alla relativa normativa di sicurezza e di igiene del lavoro La valutazione di alcuni rischi specifici in relazione alla relativa normativa di sicurezza e di igiene del lavoro Le ricadute applicative e organizzative della valutazione del rischio Feedback ESAME FINALE TEST DI ACCERTAMENTO DELLE CONOSCENZE ACQUISITE DURATA: 28 h (escluso esame finale) 9

10 3.3 h) Modulo C Formazione Specifica per RSPP PREMESSA: Costituisce il corso di specializzazione per la sola funzione di RSPP, e verte sulla prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e psico-sociale, su organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative, su tecniche di comunicazione in azienda e i relazioni sindacali La frequenza al modulo C, vale per qualsiasi macrosettore e costituisce Credito Formativo permanente. OBIETTIVI: Il modulo integra il percorso formativo dei Responsabili SPP, al fine di sviluppare le capacità gestionali e relazionali e di far loro acquisire elementi di conoscenza su: sistemi di gestione della sicurezza; organizzazione tecnico-amministrativa della prevenzione ; dinamiche delle relazioni e della comunicazione; fattori di rischio psico-sociali ed ergonomici;progettazione e gestione dei processi formativi aziendali MODULO C1 Presentazione Corso Organizzazione e sistemi di gestione La valutazione del rischio come: Processo di pianificazione della prevenzione Conoscenza del sistema di organizzazione aziendale come base per l individuazione e l analisi dei rischi Elaborazione di metodi per il controllo dell efficacia ed efficienza nel tempo dei provvedimenti di sicurezza presi Il sistema di gestione della sicurezza: linee guida UNI INAIL, integrazione e confronto con norme e standard (OSHAS ISO, ecc.) Il processo di miglioramento continuo Organizzazione e gestione integrata delle attività tecniche amministrative (capitolati, percorsi amministrativi, aspetti economici) MODULO C2 Il sistema delle relazioni e della comunicazione (2h) Il sistema delle relazioni: RLS, Medico competente, lavoratori, datore di lavoro, enti pubblici Gestione della comunicazione nelle diverse situazioni di lavoro Metodi, tecniche e strumenti della comunicazione Gestione degli incontri di lavoro e della riunione periodica Negoziazione e gestione delle relazioni sindacali Rischi di natura psicosociale (2h) Elementi di comprensione e differenziazione fra: stress/mobbing e burn-out Conseguenze lavorative dei rischi da tali fenomeni sulla efficienza organizzativa, sul comportamento del lavoratore e sul suo stato di salute Strumenti metodi e misure di prevenzione Analisi dei bisogni didattici MODULO C3 Rischi di natura ergonomica L approccio ergonomico nell impostazione dei posti di lavoro e delle attrezzature L approccio ergonomico nell organizzazione aziendale L organizzazione come sistema: principio e proprietà dei sistemi MODULO C4 Ruolo dell informazione e della formazione Dalla valutazione dei rischi alla predisposizione dei piani di informazione e formazione in azienda (D.Lgs. 81/08 e altre direttive europee) Le fonti informative su salute e sicurezza sul lavoro Metodologie per una corretta informazione in azienda (riunioni, gruppi di lavoro specifici, conferenze, seminari informativi, ecc.) Strumenti di informazione su salute e sicurezza del lavoro (circolari, cartellonistica, opuscoli, audiovisivi, avvisi, news, sistemi di rete, ecc.) Elementi di progettazione didattica: Analisi dei fabbisogni Definizione degli obiettivi didattici Scelta dei contenuti in funzione degli obiettivi Metodologie didattica Sistemi di valutazione dei risultati della formazione in azienda Feed-back Al termine del percorso i partecipanti dovranno, pertanto, sostenere un ESAME FINALE per conseguire l idoneità, affrontando un colloquio obbligatorio e finalizzato a verificare le competenze organizzative, gestionali e relazionali previste DURATA: 24 h 10

11 3.3 i) Modulo B - Macro settore Ateco 3 (Formazione specifica per ASPP e RSPP) PREMESSA: Costituisce il corso di specializzazione, ed è adeguato alla natura dei rischi presenti sui luogo di lavoro e correlati alle attività lavorative che rientrano nel macrosettore ATECO 3. OBIETTIVI: Al termine del percorso i partecipanti dovranno essere in grado di: Avere conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti nello specifico comparto. Presentazione Corso Rischi agenti cancerogeni e mutageni (4 ore) Rischi chimici(4 ore) Gas, vapori, fumi Polveri, fumi, nebbie Liquidi Etichettatura Rischi fisici (12 ore) Rumore Vibrazione Microclima e illuminazione Radiazioni Rischi organizzazione lavoro (12 ore) Ambienti di lavoro Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione merci: app. sollevam. / mezzi di trasporto Rischi infortuni (14 ore) Rischio elettrico Rischio meccanico (macchine, attrezzature) Cadute dall alto Rischio da esplosione (4 ore) Atmosfere esplosive Sicurezza antincendio (6 ore) Prevenzione incendi (decreto ministeriale 10 marzo 98) DPI Dispositivi di protezione individuale (4 ore) DURATA: 60 h 3.3 l) Modulo B - Macro settore Ateco 4 (Formazione specifica per ASPP e RSPP) PREMESSA: Costituisce il corso di specializzazione, ed è adeguato alla natura dei rischi presenti sui luogo di lavoro e correlati alle attività lavorative che rientrano nel macrosettore ATECO 4. OBIETTIVI: Al termine del percorso i partecipanti dovranno essere in grado di: Avere conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti nello specifico comparto. Presentazione Corso Rischi agenti cancerogeni e mutageni (4 ore) Rischi chimici(4 ore) Gas, vapori, fumi Polveri, fumi, nebbie Liquidi Etichettatura Rischi biologici (4 ore) Rischi fisici (12 ore) Rumore Vibrazione Videoterminali Microclima e illuminazione Radiazioni Rischi organizzazione lavoro (8 ore) Ambienti di lavoro Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione merci: app. sollevam. / mezzi di trasporto Rischi infortuni (6 ore) Rischio elettrico Rischio meccanico (macchine, attrezzature) Cadute dall alto Rischio da esplosione (2 ore) Atmosfere esplosive Sicurezza antincendio (4 ore) Prevenzione incendi (decreto ministeriale 10 marzo 98) DPI Dispositivi di protezione individuale (2 ore) DURATA: 48 h 11

12 3.3 m) Modulo B - Macro settore Ateco 5 (Formazione specifica per ASPP e RSPP) PREMESSA: Costituisce il corso di specializzazione, ed è adeguato alla natura dei rischi presenti sui luogo di lavoro e correlati alle attività lavorative che rientrano nel macrosettore ATECO 5. OBIETTIVI: Al termine del percorso i partecipanti dovranno essere in grado di: Avere conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti nello specifico comparto. Presentazione Corso Rischi agenti cancerogeni e mutageni (8 ore) Rischi chimici(4 ore) Gas, vapori, fumi Polveri, fumi, nebbie Liquidi Etichettatura Rischi biologici (4 ore) Rischi fisici (16 ore) Rumore Vibrazione Microclima e illuminazione Radiazioni Rischi organizzazione lavoro (12 ore) Ambienti di lavoro Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione merci: app. sollevam. / mezzi di trasporto Rischi infortuni (12 ore) Rischio elettrico Rischio meccanico (macchine, attrezzature) Cadute dall alto Rischio da esplosione (4 ore) Atmosfere esplosive Sicurezza antincendio (4 ore) Prevenzione incendi (decreto ministeriale 10 marzo 98) DPI Dispositivi di protezione individuale (4 ore) DURATA: 68 h 3.3 n) Modulo B - Macro settore Ateco 6 (Formazione specifica per ASPP e RSPP) PREMESSA: Costituisce il corso di specializzazione, ed è adeguato alla natura dei rischi presenti sui luogo di lavoro e correlati alle attività lavorative che rientrano nel macrosettore ATECO 6. OBIETTIVI: Al termine del percorso i partecipanti dovranno essere in grado di: Avere conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti nello specifico comparto. Presentazione Corso Rischi agenti cancerogeni e mutageni (4 ore) Rischi chimici(4 ore) Gas, vapori, fumi Polveri, fumi, nebbie Liquidi Etichettatura Rischi biologici (1 ore) Rischi fisici (4 ore) Rumore Vibrazione Microclima e illuminazione Radiazioni Rischi organizzazione lavoro (4 ore) Ambienti di lavoro Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione merci: app. sollevam. / mezzi di trasporto Rischi infortuni (2 ore) Rischio elettrico Rischio meccanico (macchine, attrezzature) Cadute dall alto Rischio da esplosione (2 ore) Atmosfere esplosive Sicurezza antincendio (2 ore) Prevenzione incendi (decreto ministeriale 10 marzo 98) DPI Dispositivi di protezione individuale (1 ore) DURATA: 24 h 12

13 3.3 o) Modulo B - Macro settore Ateco 8 (Formazione specifica per ASPP e RSPP) PREMESSA: Costituisce il corso di specializzazione, ed è adeguato alla natura dei rischi presenti sui luogo di lavoro e correlati alle attività lavorative che rientrano nel macrosettore ATECO 8. OBIETTIVI: Al termine del percorso i partecipanti dovranno essere in grado di: Avere conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti nello specifico comparto. Presentazione Corso Rischi chimici(4 ore) Gas, vapori, fumi Polveri, fumi, nebbie Liquidi Etichettatura Rischi biologici (1 ore) Rischi fisici (8 ore) Rumore Vibrazione Microclima e illuminazione Radiazioni Rischi organizzazione lavoro (6 ore) Ambienti di lavoro Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione merci: app. sollevam. / mezzi di trasporto Rischi infortuni (2 ore) Rischio elettrico Rischio meccanico (macchine, attrezzature) Cadute dall alto Sicurezza antincendio (2 ore) Prevenzione incendi (decreto ministeriale 10 marzo 98) DPI Dispositivi di protezione individuale (1 ore) DURATA: 24 h 3.3 P) Modulo B - Macro Settore Ateco 9 (Formazione Specifica Per Aspp E Rspp) PREMESSA: Costituisce il corso di specializzazione, ed è adeguato alla natura dei rischi presenti sui luogo di lavoro e correlati alle attività lavorative che rientrano nel macrosettore ATECO 9. OBIETTIVI: Al termine del percorso i partecipanti dovranno essere in grado di: Avere conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti nello specifico comparto. Presentazione Corso Rischi chimici(2 ore) Gas, vapori, fumi Polveri, fumi, nebbie Liquidi Etichettatura Rischi biologici (1 ore) Rischi fisici (2 ore) Rumore Vibrazione Microclima e illuminazione Radiazioni Rischi organizzazione lavoro (3 ore) Ambienti di lavoro Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione merci: app. sollevam. / mezzi di trasporto Rischi infortuni (2 ore) Rischio elettrico Rischio meccanico (macchine, attrezzature) Cadute dall alto Sicurezza antincendio (1 ore) Prevenzione incendi (decreto ministeriale 10 marzo 98) DPI Dispositivi di protezione individuale (1 ore) DURATA: 12 h 13

14 3.3 q) ENERGY MANAGEMENT SYSTEM LA NORMA UNI CEI EN ISO 50001:2011 PREMESSA:. La norma specifica i requisiti per creare, avviare, mantenere e migliorare un sistema di gestione dell energia. L obiettivo di tale sistema è di consentire che un organizzazione persegua, con un approccio sistematico, il miglioramento continuo della propria prestazione energetica comprendendo in questa l efficienza energetica nonché il consumo e l uso dell energia OBIETTIVI: Il corso ha l obiettivo di trasferire ai partecipanti i contenuti della norma fornendo un interpretazione chiara e operativa degli stessi a vantaggio di chiunque partecipi allo sviluppo dei sistemi e dei processi necessari per il miglioramento dell efficienza energetica UNI CEI EN ISO 50001:2001: la nuova norma nella gestione dell energia L analisi della prestazione energetica Contabilità energetica; normalizzazione dei consumi e TEP Le opportunità di miglioramento della prestazione energetica: valutazione tecnica ed economica Energy baseline ed Indicatori di prestazione energetica Attuazione e funzionamento del SGE Verifica dell SGE. Audit interni e riesame Principali adempimenti legislativi in materia energetica DURATA: 16 h 3.3 r) INTRODUTTIVO SUI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE E REGOLAMENTO EMAS PREMESSA: Le attività delle imprese, enti, organizzazioni in generale, possono comportare degli impatti più o meno significativi sull'ambiente (inquinamento delle acque, dell'aria, produzione di rifiuti, uso del suolo, ecc.); è possibile gestire gli impatti ambientali in primo luogo adempiendo alla molteplice normativa ambientale, ma se si volesse "fare un qualcosa in più" per il nostro ambiente, ci si può dotare di un "sistema di gestione ambientale". Grazie ad esso, infatti, è possibile da un lato dotarsi di strumenti utili per mantenersi sempre conformi alla normativa, dall'altro prefiggersi degli obiettivi di miglioramento per la riduzione dei propri impatti ambientali. OBIETTIVI: Il corso ha l obiettivo di fornire un quadro generale delle Norme della Serie ISO 14001; evidenziare le implicazioni che ciascun requisito normativo comporta in fase di Attuazione del Sistema Ambientale in un organizzazione aziendale; consentire ai partecipanti di entrare in possesso di nozioni indispensabili per l accesso a eventuali altri corsi specialistici sull argomento, quali quelli per valutatori dei Sistemi di Gestione Ambientale. Quadro normativo europeo nazionale sulle tematiche ambientali I Sistemi di Gestione Ambientale Aspetti ed Impatti sull ambiente ISO analisi dei requisiti: PIANIFICAZIONE (PLAN) ISO analisi dei requisiti: ATTUAZIONE (DO) ISO analisi dei requisiti: MONITORAGGIO (CHECK) ISO analisi dei requisiti: AUDIT E RIESAME (CHECK & ACT) DURATA: 16 h 14

15 cisita Formazione Superiore 15

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese PRESENTAZIONE Il presente lavoro si propone l obiettivo di fornire un modello organizzativo ispirato ai Sistemi

Dettagli

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio di attività ANNO

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19 Certificata La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA Sicurezza sul Lavoro LL.PP. Urbanistica CERTIFICAZIONI Qualità-Ambiente-Sicurezza CONSULENZA FONDI INTERPROFESSIONALI SOFTWARE PERSONALIZZATI

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli