Professione esercitata ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 (G.U. n. 22 del )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Professione esercitata ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 (G.U. n. 22 del 26.01.2013)"

Transcript

1 FIGAROLI & BENZONI S.N.C. Viale G. Gusmini Clusne (Bg) Tel e Fax: PEC: Cd. Fisc. - P.IVA - Registr delle Imprese di Bergam: R.E.A Prfessine esercitata ai sensi della legge 14 gennai 2013, n. 4 (G.U. n. 22 del ) Settre: Amministrazini Cndminiali Settre: Cnsulenza Sicurezza del Lavr LE AZIENDE SOGGETTE AGLI ADEMPIMENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO HANNO L OBBLIGO DI ADDESTRARE TUTTE LE FIGURE PRESENTI IN AZIENDA, DAI LAVORATORI A TUTTI GLI ADDETTI FACENTI PARTE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (SPP) (il SSP è quella squadra, rganizzata dal Datre di Lavr per bblig nrmativ, incaricata alla gestine delle emergenze aziendali ed all applicazine delle nrme sulla sicurezza del lavr all intern dell azienda) I CORSI PRINCIPALI SONO: PER RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP): DI FORMAZIONE PER TUTTI I LAVORATORI PER PREPOSTI PER DIRIGENTI PER RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) PER ADDETTO ANTINCENDIO PER ADDETTO AL PRIMO SOCCORSO Ricrdiam che questi sn i principali crsi che impne il Test Unic D.Lgs. 81/08, ciò nn tglie che esistn anche altri crsi che pssn diventare bbligatri a secnda della tiplgia e della realtà aziendale (crs per mntaggi/smntaggi pnteggi, crs per alimentaristi in sstituzine dei libretti sanitari, crs per l utilizz di dispsitivi di prtezine anticaduta, ecc) I crsi spra indicati risultan diversi per prgramma e durata a secnda della realtà aziendale. Cn la presente infrmativa, pertant, si vule dare un aiut alle aziende per aiutarle ad identificare il prpri grupp di appartenenza in relazine al crs prescelt in md schematic e semplice. I NOSTRI CONSULENTI SONO COMUNQUE SEMPRE A DISPOSIZIONE PER ASSISTERVI E PRIMA DELL ACCETTAZIONE DEI SERVIZI ATTUERANNO UN CONTROLLO PER GARANTIRVI LA CLASSIFICAZIONE CORRETTA DELLA VS AZIENDA. I CORSI RIMARRANNO SEMPRE VALIDI ANCHE IN CASO DI CAMBIO AZIENDA (SE APPARTENENTE ALLO STESSO GRUPPO DI APPARTENENZA) CORSO PER RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) SVOLTO DIRETTAMENTE DAL DATORE DI LAVORO Attività BASSO RISCHIO 16 ORE 5 ANNI 6 ORE MEDIO RISCHIO 32 ORE 5 ANNI 10 ORE ALTO RISCHIO 48 ORE 5 ANNI 14 ORE Crsi di 16 re attuati ai sensi del DM : entr il I clienti che hann attuat il crs cn il nstr studi da marz 2007 risultan già in nta nei nstri scadenziari per ricrdar lr l in prssimità della scadenza. Esnerati ai sensi dell art. 95 del D.Lgs. 626/94 (cmunicazine dell assunzine di incaric di RSPP da parte del Datre di Lavr ad Asl ed Ispettrat del Lavr entr il ): entr il Per l identificazine del livell di rischi della prpria azienda cnsultare le pagine 4, 5, 6 della presente infrmativa. Pagina 1 di 15

2 CORSO PER RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) DIVERSO DAL DATORE DI LAVORO Il crs viene divis su 3 mduli che varian di prgramma e durata a secnda della tiplgia di azienda. Per valutare a quale crs bisgna partecipare è necessari verificare il prpri settre ATECO di appartenenza. Attività Mdul A Mdul B Mdul C Ttale re crs ATECO 1 28 ORE 36 ORE 24 ORE 88 ORE 5 ANNI 40 ORE ATECO 2 28 ORE 36 ORE 24 ORE 88 ORE 5 ANNI 40 ORE ATECO 3 28 ORE 60 ORE 24 ORE 112 ORE 5 ANNI 60 ORE ATECO 4 28 ORE 48 ORE 24 ORE 100 ORE 5 ANNI 60 ORE ATECO 5 28 ORE 68 ORE 24 ORE 120 ORE 5 ANNI 60 ORE ATECO 6 28 ORE 24 ORE 24 ORE 76 ORE 5 ANNI 40 ORE ATECO 7 28 ORE 60 ORE 24 ORE 112 ORE 5 ANNI 60 ORE ATECO 8 28 ORE 24 ORE 24 ORE 76 ORE 5 ANNI 40 ORE ATECO 9 28 ORE 12 ORE 24 ORE 64 ORE 5 ANNI 40 ORE La frmazine dell può essere anche distribuita sui 5 anni I gruppi ATECO vengn csi suddivisi: La tabella tiene presente la classificazine ATECO 2002 Pagina 2 di 15

3 CORSO DI FORMAZIONE PER TUTTI I LAVORATORI Attività BASSO RISCHIO MEDIO RISCHIO ALTO RISCHIO 8 ORE (4 generali + 4 specifiche) + eventuali attività di addestrament 12 ORE (4 generali + 8 specifiche) + eventuali attività di addestrament 16 ORE (4 generali + 12 specifiche) + eventuali attività di addestrament 5 ANNI 6 ORE 5 ANNI 6 ORE 5 ANNI 6 ORE Risulta valida la frmazine pregressa a cndizine che sia attuata in accrd cn gli rganismi paritetici e cmpleta di tutti i rischi aziendali (bisgna valutare cas per cas). Gli stessi dvrann attuare l dp 5 anni dall ultima frmazine. Chi l ha effettuata prima del ha temp fin al per fare l. I clienti che hann attuat il crs cn il nstr studi da marz 2007 risultan già in nta nei nstri scadenziari per ricrdar lr l in prssimità della scadenza. Per l identificazine del livell di rischi della prpria azienda cnsultare le pagine 4, 5, 6 della presente infrmativa. I lavratri che nn svlgan mansini che cmprtin la lr presenza, anche saltuaria, nei reparti prduttivi, pssn frequentare i crsi individuati per il crs bass, a prescindere dal settre di appartenenza. (Impiegate, ecc) CORSO DI FORMAZIONE PER PREPOSTI Attività BASSO RISCHIO MEDIO RISCHIO ALTO RISCHIO 16 ORE (8 re frmazine lavratri + 8 re frmazine particlare di prepst) 20 ORE (12 re frmazine lavratri + 8 re frmazine particlare di prepst) 24 ORE (16 re frmazine lavratri + 8 re frmazine particlare di prepst) 5 ANNI 6 ORE 5 ANNI 6 ORE 5 ANNI 6 ORE Risulta valida la frmazine pregressa attuata in accrd cn gli rganismi paritetici. Gli stessi dvrann attuare l dp 5 anni dall ultima frmazine. Chi l ha effettuata prima del ha temp fin al per fare l. I clienti che hann attuat il crs cn il nstr studi da marz 2007 risultan già in nta nei nstri scadenziari per ricrdar lr l in prssimità della scadenza. Per l identificazine del livell di rischi della prpria azienda cnsultare le pagine 4, 5, 6 della presente infrmativa. CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI Attività TUTTE MINIMO 16 ORE 5 ANNI 6 ORE Pagina 3 di 15

4 TABELLE PER L IDENTIFICAZIONE DEL LIVELLO DI RISCHIO DELLA PROPRIA AZIENDA IN RIFERIMENTO AL PROPRIO CODICE ATECO: Cntrllate il prpri cdice ATECO 2007, acquisite le prime 2 cifre e verificate in quale tabella sn riprtate le stesse. RISCHIO BASSO Pagina 4 di 15

5 RISCHIO MEDIO RISCHIO ALTO 33 - RIPARAZIONE, MANUTENZIONE, E INSTALLAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHIATURE Pagina 5 di 15

6 CORSO PER RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Il D.Lgs. 81/08 stabilisce che la durata minima dei crsi è di 32 re iniziali, di cui 12 sui rischi specifici presenti in azienda e le cnseguenti misure di prevenzine e prtezine adttate, cn verifica di apprendiment. La cntrattazine cllettiva nazinale disciplina le mdalità dell'bblig di peridic, la cui durata nn può essere inferire a 4 re annue per le imprese che ccupan da i 15 ai 50 lavratri e a 8 re annue per le imprese che ccupan più di 50 lavratri. Attività FINO A 50 LAV. MINIMO 32 ORE 1 ANNO 4 ORE OLTRE I 50 LAV. MINIMO 32 ORE 1 ANNO 8 ORE CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO Attività BASSO RISCHIO DI INCENDIO MEDIO RISCHIO DI INCENDIO ALTO RISCHIO DI INCENDIO 4 ORE 8 ORE + in pchi casi attestazine di idneità tecnica da parte dei VV.F. 16 ORE + Attestazine di idneità tecnica da parte dei VV.F. Da prgrammare all emanazine delle dispsizini di cui al cmma 3 dell articl 46 del D.Lgs. 81/08 Il numer di addetti necessari dipende dalla dimensine e dalle caratteristiche rganizzative dell azienda (un auttrasprtatre un azienda che lavra a turni è diversa da un uffici). Slitamente si cnsiglia di nminare un minim di 2 persne e si cnta circa 1-2 addetti gni 10 lavratri. Indicativamente risultan a MEDIO rischi le attività sggette a SCIA (Segnalazine Certificata di Inizi Attività - ex Certificat di Prevenzine Incendi (CPI)) vver sggette al sprallug dei Vigili del Fuc, le restanti sn a BASSO rischi. Ad ALTO rischi sn sl alcune attività particlari. Nell specific la nrmativa classifica: BASSO RISCHIO: Allegat I DM A) LUOGHI DI LAVORO A RISCHIO DI INCENDIO BASSO Si intendn a rischi di incendi bass i lughi di lavr parte di essi, in cui sn presenti sstanze a bass tass di infiammabilità e le cndizini lcali e di esercizi ffrn scarse pssibilità di svilupp di principi di incendi ed in cui, in cas di incendi, la prbabilità di prpagazine dell stess è da ritenersi limitata. Allegat IX DM ATTIVITA' A RISCHIO DI INCENDIO BASSO Rientran in tale categria di attività quelle nn classificabili a medi ed elevat rischi e dve, in generale, sn presenti sstanze scarsamente infiammabili, dve le cndizini di esercizi ffrn scarsa pssibilità di svilupp di fclai e ve nn sussistn prbabilità di prpagazine delle fiamme. La frmazine dei lavratri addetti in tali attività deve essere basata sui cntenuti del crs A. Pagina 6 di 15

7 MEDIO RISCHIO: Allegat I DM B) LUOGHI DI LAVORO A RISCHIO DI INCENDIO MEDIO Si intendn a rischi di incendi medi i lughi di lavr parte di essi, in cui sn presenti sstanze infiammabili c/ cndizini lcali e/ di esercizi che pssn favrire l svilupp di incendi, ma nei quali, in cas di incendi, la prbabilità di prpagazine dell stess è da ritenersi limitata. Si riprtan in allegat IX, esempi di lughi di lavr a rischi di incendi medi. Allegat IX DM ATTIVITA' A RISCHIO DI INCENDIO MEDIO A titl esemplificativ e nn esaustiv rientran in tale categria di attività: a) i lughi di lavr cmpresi nell'allegat al D.M. 16 febbrai 1982 e nelle tabelle A e B annesse al D.P.R. n. 689 del 1959, cn esclusine delle attività cnsiderate a rischi elevat; b) i cantieri tempranei e mbili ve si detengn ed impiegan sstanze infiammabili e si fa us di fiamme libere, esclusi quelli interamente all'apert. La frmazine dei lavratri addetti in tali attività deve essere basata sui cntenuti del crs B. ALTO RISCHIO: Allegat I DM C) LUOGHI DI LAVORO A RISCHIO DI INCENDIO ELEVATO Si intendn a rischi di incendi elevat i lughi di lavr parte di essi, in cui: - per presenza di sstanze altamente infiammabili e/ per le cndizini lcali e/ di esercizi sussistn ntevli prbabilità di svilupp di incendi e nella fase iniziale sussistn frti prbabilità di prpagazine delle fiamme, vver nn è pssibile la classificazine cme lug a rischi di incendi bass medi. Tali lughi cmprendn: - aree dve i prcessi lavrativi cmprtan l'utilizz di sstanze altamente infiammabili (p.e. impianti di verniciatura), di fiamme libere, la prduzine di ntevle calre in presenza di materiali cmbustibili; - aree dve c'è depsit maniplazine di sstanze chimiche che pssn, in determinate circstanze, prdurre reazini estermiche, emanare gas vapri infiammabili, reagire cn altre sstanze cmbustibili; aree dve vengn depsitate maniplate sstanze esplsive altamente infiammabili; - aree dve c'è una ntevle quantità di materiali cmbustibili che sn facilmente incendiabili; - edifici interamente realizzati cn strutture in legn. Allegat IX DM ATTIVITA' A RISCHIO DI INCENDIO ELEVATO La classificazine di tali lughi avviene secnd i criteri di cui all'allegat I al presente decret. A titl esemplificativ e nn esaustiv si riprta un elenc di attività da cnsiderare ad elevat rischi di incendi: a) industrie e depsiti di cui agli articli 4 e 6 del DPR n. 175/1988, e successive mdifiche ed integrazini; b) fabbriche e depsiti di esplsivi; c) centrali termelettriche; d) impianti di estrazine di li minerali e gas cmbustibili; e) impianti e labratri nucleari; f) depsiti al chius di materiali cmbustibili aventi superficie superire a m 2 g) attività cmmerciali ed espsitive cn superficie aperta al pubblic superire a m 2 ; h) scali aerprtuali, stazini ferrviarie cn superficie, al chius, aperta al pubblic, superire a 5000 m 2 e metrplitane; i) alberghi cn ltre 200 psti lett; l) spedali, case di cura e case di ricver per anziani; m) scule di gni rdine e grad cn ltre 1000 persne presenti; n) uffici cn ltre 1000 dipendenti; ) cantieri tempranei mbili in stterrane per la cstruzine, manutenzine e ripara ine di gallerie, caverne, pzzi ed pere simili di lunghezza superire a 50 m; p) cantieri tempranei mbili ve si impiegan esplsivi. I crsi di frmazine per gli addetti nelle svra riprtate attività devn essere basati sui cntenuti e durate riprtate nel crs C. D.M (G.U. n. 86 del ) La presente nrma ha impst il crs ad Elevat Rischi + Abilitazine idneità tecnica press i Vigili del fuc (L. 609/96) per gli alberghi cn ltre i 100 psti lett. Pagina 7 di 15

8 LE ATTIVITA SOGGETTE ALLA SCIA SONO QUELLE AZIENDE CHE RIENTRANO IN UNA O PIU CATEGORIE DEL DPR 151/11 (CHE HA ABROGATO E SOSTITUITO IL DM CITATO NEL DM ) E CIOE : Attività 1 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn e/ impiegan gas infiammabili e/ cmburenti cn quantità glbali in cicl superiri a 25 Nm3/h Attività 2 : Impianti di cmpressine di decmpressine dei gas infiammabili e/ cmburenti cn ptenzialità superire a 50 Nm 3 /h, cn esclusine dei sistemi di riduzine del gas naturale inseriti nelle reti di distribuzine cn pressine di esercizi nn superire a 0,5 MPa Attività 3 : Impianti di riempiment, depsiti, rivendite di gas infiammabili in recipienti mbili: cmpressi cn capacità gemetrica cmplessiva superire uguale a 0,75 m 3 ; discilti liquefatti per quantitativi in massa cmplessivi superiri uguali a 75 kg. Attività 4 : Depsiti di gas infiammabili in serbati fissi: cmpressi per capacità gemetrica cmplessiva superire uguale a 0, 75 m 3 ; discilti liquefatti per capacità gemetrica cmplessiva superire uguale a 0,3 m 3 ; Attività 5 : Depsiti di gas cmburenti cmpressi e/ liquefatti in serbati fissi e/ recipienti mbili per capacità gemetrica cmplessiva superire uguale a 3 m 3 Attività 6 : Reti di trasprt e di distribuzine di gas infiammabili, cmpresi quelli di rigine petrlifera chimica, cn esclusine delle reti di distribuzine e dei relativi impianti cn pressine di esercizi nn superire a 0,5 MPa Attività 7 : Centrali di prduzine di idrcarburi liquidi e gasssi e di stccaggi stterrane di gas naturale, piattafrme fisse e strutture fisse assimilabili, di perfrazine e/ prduzine di idrcarburi di cui al decret del Presidente della Repubblica 24 maggi 1979, n. 886 ed al decret legislativ 25 nvembre 1996, n. 624 Attività 8 : Oledtti cn diametr superire a 100 mm Attività 9 : Officine e labratri cn saldatura e tagli dei metalli utilizzanti gas infiammabili e/ cmburenti, cn ltre 5 addetti alla mansine specifica di saldatura tagli Attività 10 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn e/ impiegan, liquidi infiammabili e/ cmbustibili cn punt di infiammabilità fin a 125 C, cn quantitativi glbali in cicl e/ in depsit superiri a 1 m 3 Attività 11 : Stabilimenti ed impianti per la preparazine di li lubrificanti, li diatermici e simili, cn punt di infiammabilità superire a 125 C, cn quantitativi glbali in cicl e/ in depsit superiri a 5 m 3 Attività 12 : Depsiti e/ rivendite di liquidi infiammabili e/ cmbustibili e/ li lubrificanti, diatermici, di qualsiasi derivazine, di capacità gemetrica cmplessiva superire a 1 m 3 Attività 13 : Impianti fissi di distribuzine carburanti per l'auttrazine, la nautica e l'aernautica; cntenitri - distributri rimvibili di carburanti liquidi: Impianti di distribuzine carburanti liquidi; Impianti fissi di distribuzine carburanti gasssi e di tip mist (liquidi e gasssi). Attività 14 : Officine labratri per la verniciatura cn vernici infiammabili e/ cmbustibili cn ltre 5 addetti. Attività 15 : Depsiti e/ rivendite di alcli cn cncentrazine superire al 60% in vlume di capacità gemetrica superire a 1 m 3 Attività 16 : Stabilimenti di estrazine cn slventi infiammabili e raffinazine di li e grassi vegetali ed animali, cn quantitativi glbali di slventi in cicl e/ in depsit superiri a 0,5 m 3 Attività 17 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn, impiegan detengn sstanze espldenti classificate cme tali dal reglament di esecuzine del test unic delle leggi di pubblica sicurezza apprvat cn regi decret 6 maggi 1940, n. 635, e successive mdificazini ed integrazini Attività 18 : Esercizi di minuta vendita e/ depsiti di sstanze espldenti classificate cme tali dal reglament di esecuzine del test unic delle leggi di pubblica sicurezza apprvat cn regi decret 6 maggi 1940, n. 635, e successive mdificazini ed integrazini. Esercizi di vendita di artifici pirtecnici declassificati in "libera vendita" cn quantitativi cmplessivi in vendita e/ depsit superiri a 500 kg, cmprensivi degli imballaggi; Attività 19 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn, impiegan detengn sstanze instabili che pssn dar lug da sle a reazini periclse in presenza nn di catalizzatri ivi cmpresi i perssidi rganici Attività 20 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn, impiegan detengn nitrati di ammni, di metalli alcalini e alclin-terrsi, nitrat di pimb e perssidi inrganici Pagina 8 di 15

9 Attività 21 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn, impiegan detengn sstanze sggette all'accensine spntanea e/ sstanze che a cntatt cn l'acqua sviluppan gas infiammabili Attività 22 : Stabilimenti ed impianti ve si prduce acqua ssigenata cn cncentrazine superire al 60% di perssid di idrgen Attività 23 : Stabilimenti ed impianti ve si prduce, impiega e/ detiene fsfr e/ sesquislfur di fsfr Attività 24 : Stabilimenti ed impianti per la macinazine e la raffinazine dell zlf; depsiti di zlf cn ptenzialità superire a kg Attività 25 : Fabbriche di fiammiferi; depsiti di fiammiferi cn quantitativi in massa superiri a 500 kg Attività 26 : Stabilimenti ed impianti ve si prduce, impiega detiene magnesi, elektrn e altre leghe ad alt tenre di magnesi Attività 27 : Mulini per cereali ed altre macinazini cn ptenzialità girnaliera superire a kg; Depsiti di cereali e di altre macinazini cn quantitativi in massa superiri a kg Attività 28 : Impianti per l'essiccazine di cereali e di vegetali in genere cn depsiti di prdtt essiccat cn quantitativi in massa superiri a kg Attività 29 : Stabilimenti ve si prducn surrgati del caffè Attività 30 : Zuccherifici e raffinerie dell zuccher Attività 31 : Pastifici e/ riserie cn prduzine girnaliera superire a kg Attività 32 : Stabilimenti ed impianti ve si lavra e/ detiene fglia di tabacc cn prcessi di essiccazine cn ltre 100 addetti cn quantitativi glbali in cicl e/ in depsit superiri a kg Attività 33 : Stabilimenti ed impianti per la prduzine della carta e dei cartni e di allestiment di prdtti carttecnici in genere cn ltre 25 addetti cn materiale in lavrazine e/ in depsit superire a kg Attività 34 : Depsiti di carta, cartni e prdtti carttecnici, archivi di materiale cartace, bibliteche, depsiti per la cernita della carta usata, di stracci di cascami e di fibre tessili per l'industria della carta, cn quantitativi in massa superiri a kg Attività 35 : Stabilimenti, impianti, depsiti ve si prducn, impiegan e/ detengn carte ftgrafiche, calcgrafiche, eligrafiche e ciangrafiche, pellicle cinematgrafiche, radigrafiche e ftgrafiche cn materiale in lavrazine e/ in depsit superire a kg Attività 36 : Depsiti di legnami da cstruzine e da lavrazine, di legna da ardere, di paglia, di fien, di canne, di fascine, di carbne vegetale e minerale, di carbnella, di sugher e di altri prdtti affini cn quantitativi in massa superiri a kg cn esclusine dei depsiti all'apert cn distanze di sicurezza esterne superiri a 100 m Attività 37 : Stabilimenti e labratri per la lavrazine del legn cn materiale in lavrazine e/ in depsit superire a kg Attività 38 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn, lavran e/ detengn fibre tessili e tessuti naturali e artificiali, tele cerate, linleum e altri prdtti affini, cn quantitativi in massa superiri a kg Attività 39 : Stabilimenti per la prduzine di arredi, di abbigliament, della lavrazine della pelle e calzaturifici, cn ltre 25 addetti Attività 40 : Stabilimenti ed impianti per la preparazine del crine vegetale, della trebbia e simili, lavrazine della paglia, dell spart e simili, lavrazine del sugher, cn quantitativi in massa in lavrazine in depsit superiri a kg Attività 41 : Teatri e studi per le riprese cinematgrafiche e televisive Attività 42 : Labratri per la realizzazine di attrezzerie e scengrafie, cmpresi i relativi depsiti, di superficie cmplessiva superire a 200 m 2 Attività 43 : Stabilimenti ed impianti per la prduzine, lavrazine e rigenerazine della gmma e/ labratri di vulcanizzazine di ggetti di gmma, cn quantitativi in massa superiri a kg; Depsiti di prdtti della gmma, pneumatici e simili, cn quantitativi in massa superiri a kg; Attività 44 : Stabilimenti, impianti, depsiti ve si prducn, lavran e/ detengn materie plastiche, cn quantitativi in massa superiri a kg Attività 45 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn e lavran resine sintetiche e naturali, fitfarmaci, clranti rganici e intermedi e prdtti farmaceutici cn l'impieg di slventi ed altri prdtti infiammabili Attività 46 : Depsiti di fitfarmaci e/ di cncimi chimici a base di nitrati e/ fsfati cn quantitativi in massa superiri a kg Pagina 9 di 15

10 Attività 47 : Stabilimenti ed impianti per la fabbricazine di cavi e cnduttri elettrici islati, cn quantitativi in lavrazine e/ in depsit superiri a kg; Depsiti e/ rivendite di cavi elettrici islati cn quantitativi superiri a kg. Attività 48 : Centrali termelettriche, macchine elettriche fisse cn presenza di liquidi islanti cmbustibili in quantitativi superiri a 1 m 3 Attività 49 : Gruppi per la prduzine di energia elettrica sussidiaria cn mtri endtermici ed impianti di cgenerazine di ptenza cmplessiva superire a 25 kw Attività 50 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn lampade elettriche e simili, pile ed accumulatri elettrici e simili, cn ltre 5 addetti Attività 51 : Stabilimenti siderurgici e per la prduzine di altri metalli cn ltre 5 addetti; attività cmprtanti lavrazini a cald di metalli cn ltre 5 addetti ad esclusine dei labratri artigiani di reficeria ed argenteria fin a 25 addetti. Attività 52 : Stabilimenti, cn ltre 5 addetti, per la cstruzine di aermbili, veicli a mtre, materiale rtabile ferrviari e tramviari, carrzzerie e rimrchi per autveicli; cantieri navali cn ltre 5 addetti Attività 53 : Officine per la riparazine di: veicli a mtre, rimrchi per autveicli e carrzzerie, di superficie cperta superire a 300 m 2 ; materiale rtabile tramviari e di aermbili, di superficie cperta superire a 1000 m 2 ; Attività 54 : Officine meccaniche per lavrazini a fredd cn ltre 25 addetti Attività 55 : Attività di demlizini di veicli e simili cn relativi depsiti, di superficie superire a 3000 m 2 Attività 56 : Stabilimenti ed impianti ve si prducn laterizi, mailiche, prcellane e simili cn ltre 25 addetti Attività 57 : Cementifici cn ltre 25 addetti Attività 58 : Pratiche di cui al D.Lgs. 230/95 s.m.i. sggette a prvvedimenti autrizzativi (art. 27 del D.Lgs.230/95 ed art. 13 legge 31 dicembre 1962, n. 1860) Attività 59 : Autrimesse adibite al ricver di mezzi utilizzati per il trasprt di materie fissili speciali e di materie radiattive (art. 5 della legge 31 dicembre 1962, n. 1860, sstituit dall'art. 2 del decret del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1965, n. 1704; art. 21 del D.Lgs. 230/95) Attività 60 : Impianti di depsit delle materie nucleari ed attività assggettate agli artt. 33 e 52 del decret legislativ 17 marz 1995, n. 230 e s.m.i., cn esclusine dei depsiti in crs di spedizine Attività 61 : Impianti nei quali sian detenuti cmbustibili nucleari prdtti residui radiattivi [art. 1, lettera b) della legge 31 dicembre 1962, n. 1860] Attività 62 : Impianti relativi all'impieg pacific dell'energia nucleare ed attività che cmprtan pericli di radiazini inizzanti derivanti dal predett impieg: impianti nucleari; reattri nucleari, eccettuati quelli che faccian parte di un mezz di trasprt; impianti per la preparazine fabbricazine delle materie nucleari; impianti per la separazine degli istpi; impianti per il trattament dei cmbustibili nucleari irradianti; attività di cui agli artt. 36 e 51 del decret legislativ 17 marz 1995, n. 230 e s.m.i. Attività 63 : Stabilimenti per la prduzine, depsiti di sapne, di candele e di altri ggetti di cera e di paraffina, di acidi grassi, di glicerina grezza quand nn sia prdtta per idrlisi, di glicerina raffinata e distillata ed altri prdtti affini, cn ltre 500 kg di prdtt in lavrazine e/ depsit Attività 64 : Centri infrmatici di elabrazine e/ archiviazine dati cn ltre 25 addetti Attività 65 : Lcali di spettacl e di tratteniment in genere, impianti e centri sprtivi, palestre, sia a carattere pubblic che privat, cn capienza superire a 100 persne, vver di superficie lrda in pianta al chius superire a 200 m 2. Sn escluse le manifestazini tempranee, di qualsiasi genere, che si effettuan in lcali lughi aperti al pubblic. Attività 66 : Alberghi, pensini, mtel, villaggi alberg, residenze turistic - alberghiere, studentati, villaggi turistici, allggi agrituristici, stelli per la giventù, rifugi alpini, bed & breakfast, drmitri, case per ferie, cn ltre 25 pstilett; Strutture turistic-ricettive nell'aria aperta (campeggi, villaggi-turistici, ecc.) cn capacità ricettiva superire a 400 persne. Attività 67 : Scule di gni rdine, grad e tip, cllegi, accademie cn ltre 100 persne presenti; asili nid cn ltre 30 persne presenti Pagina 10 di 15

11 Attività 68 : Strutture sanitarie che ergan prestazini in regime di ricver spedalier e/ residenziale a cicl cntinuativ e/ diurn, case di rips per anziani cn ltre 25 psti lett; Strutture sanitarie che ergan prestazini di assistenza specialistica in regime ambulatriale, ivi cmprese quelle riabilitative, di diagnstica strumentale e di labratri, di superficie cmplessiva superire a 500 m 2 Attività 69 : Lcali adibiti ad espsizine e/ vendita all'ingrss al dettagli, fiere e quartieri fieristici, cn superficie lrda superire a 400 m 2 cmprensiva dei servizi e depsiti. Sn escluse le manifestazini tempranee, di qualsiasi genere, che si effettuan in lcali lughi aperti al pubblic. Attività 70 : Lcali adibiti a depsiti di superficie lrda superire a 1000 m 2 cn quantitativi di merci e materiali cmbustibili superiri cmplessivamente a 5000 kg Attività 71 : Aziende ed uffici cn ltre 300 persne presenti Attività 72 : Edifici sttpsti a tutela ai sensi del D.Lgs. 22 gennai 2004, n. 42 destinati a cntenere bibliteche ed archivi, musei, gallerie, espsizini e mstre, nnché qualsiasi altra attività cntenuta nel presente Allegat. Attività 73 : Edifici e/ cmplessi edilizi a us terziari e/ industriale caratterizzati da prmiscuità strutturale e/ dei sistemi delle vie di esd e/ impiantistica cn presenza di persne superire a 300 unità, vver di superficie cmplessiva superire a 5000 m 2, indipendentemente dal numer di attività cstituenti e dalla relativa diversa titlarità Attività 74 : Impianti per la prduzine di calre alimentati a cmbustibile slid, liquid gasss cn ptenzialità superire a 116 kw Attività 75 : Autrimesse pubbliche e private, parcheggi pluriplan e meccanizzati di superficie cmplessiva superire a 300 m 2 ; lcali adibiti al ricver di natanti ed aermbili di superficie superire a 500 m 2 ; depsiti di mezzi rtabili al chius (treni, tram ecc.) di superficie superire a 1000 m 2 Attività 76 : Tipgrafie, litgrafie, stampa in ffset ed attività similari cn ltre cinque addetti Attività 77 : Edifici destinati ad us civile, cn altezza antincendi superire a 24 m Attività 78 : Aerstazini, stazini ferrviarie, stazini marittime, cn superficie cperta accessibile al pubblic superire a 5000 m 2 ; metrplitane in tutt in parte stterranee Attività 79 : Interprti cn superficie superire a m 2 Attività 80 : Gallerie stradali di lunghezza superire a 500 m e ferrviarie superiri a 2000 m ELENCO DELLE ATTIVITÀ CHE DEVONO ANCHE OTTENERE UN ATTESTATO DI IDONEITÀ TECNICA PRESSO I VIGILI DEL FUOCO. ALLEGATO X - D.M LUOGHI DI LAVORO OVE SI SVOLGONO ATTIVITA' PREVISTE DALL'ARTICOLO 6, COMMA 3 Si riprta l'elenc dei lughi di lavr ve si svlgn attività per le quali, ai sensi dell'articl 6, cmma 3, è previst che i lavratri incaricati dell'attuazine delle misure di prevenzine incendi, ltta antincendi e gestine delle emergenze, cnseguan l'attestat di idneità tecnica di cui all'articl 3 della legge 28 nvembre 1996, n. 609: a) industrie e depsiti di cui agli articli 4 e 6 del DPR n. 175/1988, e successive mdifiche ed integrazini; b) fabbriche e depsiti di esplsivi; c) centrali termelettriche; d) impianti di estrazine di li minerali e gas cmbustibili; e) impianti e labratri nucleari; f) depsiti al chius di materiali cmbustibili aventi superficie superire a m2; g) attività cmmerciali e/ espsitive cn superficie aperta al pubblic superire a m2 ; h) aerprti, stazini ferrviarie cn superficie, al chius, aperta al pubblic, superire a m2 e metrplitane: i) alberghi cn ltre 100 psti lett; 1) spedali, case di cura e case di ricver per anziani; m) scule di gni rdine e grad cn ltre 300 persne presenti; n) uffici cn ltre 500 dipendenti; ) lcali di spettacl e tratteniment cn capienza superire a 100 psti; p) edifici pregevli per arte e stria, sttpsti alla vigilanza dell Stat ai sensi del R.D. 7 nvembre 1942 n. 1564, adibiti a musei, gallerie, cllezini, bibliteche, archivi, cn superficie aperta a pubblic superire a 1000 m2; q) cantieri tempranei mbili in stterrane per la cstruzine, manutenzine e riparazine di gallerie, caverne, pzzi ed pere simili di lunghezza superire a 50 m; r) cantieri tempranei mbili ve si impiegan esplsivi. Pagina 11 di 15

12 CORSO PER ADDETTO AL PRIMO SOCCORSO Attività GRUPPO A 16 ORE 3 ANNI 6 ORE GRUPPO B 12 ORE 3 ANNI 4 ORE GRUPPO C 12 ORE 3 ANNI 4 ORE Il numer di addetti necessari dipende dalla dimensine e dalle caratteristiche rganizzative dell azienda (un auttrasprtatre un azienda che lavra a turni è diversa da un uffici). Slitamente si cnsiglia di nminare un minim di 2 persne e si cnta circa 1-2 addetti gni 10 lavratri. I Gruppi vengn csì classificati: n lavratri ttali 1-2 GRUPPO C 3-5 GRUPPO B 6 e ltre Quanti cn indice di inabilità permanente superire a 4? 1-5 GRUPPO B 6 e ltre GRUPPO A II Se l azienda fa parte del cmpart AGRICOLTURA si valuta il n lavratri ccupati a temp indeterminat e se sn: 1-2 GRUPPO C 3-5 GRUPPO B 6 e ltre GRUPPO A III Si classifica direttamente cme Grupp A I le aziende che rientran a MAGGIO RISCHIO e ciè: aziende sggette all'bblig di dichiarazine ntifica, di cui all'articl 2, del decret legislativ 17 agst 1999, n. 334 centrali termelettriche, impianti e labratri nucleari di cui agli articli 7, 28 e 33 del decret legislativ 17 marz 1995, n. 230 aziende estrattive ed altre attivita' minerarie definite dal D.Lgs. 25/11/96, n. 624 lavri in stterrane di cui al D.P.R. 20 marz 1956, n. 320 aziende per la fabbricazine di esplsivi, plveri e munizini Cme tteng l indice di inabilità permanente? È necessari reperire la vce/grupp di tariffa INAIL (che è un cdice di 4 cifre) dei singli lavratri. In azienda ci pssn essere più cdici di tariffa a secnda delle mansini svlte dai lavratri (impiegat, muratre, idraulic, ecc) e può essere persin divis in percentuali su gni addett (esempi: 80% muratre 20% impiegat). La vce di tariffa è quella indicata nel mdul per la dichiarazine delle retribuzini inviat dall Inail ad gni azienda per l autliquidazine dei premi (nella figura di esempi, il numer di quattr cifre da cmunicare è all intern del camp 9 cerchiat in verde). Pagina 12 di 15

13 Ottenut i cdici è necessari verificare l indice di inabilità permanente visinand la tabella frnita da Minister del Lavr (riprtata qui di seguit) e classificare l azienda seguend la prcedura precedentemente descritta. Indici di frequenza d'infrtuni in Italia per grupp di tariffa INAIL(*) tip di cnseguenza: inabilità permanente Cdici di Tariffa INAIL Indice Cdici di Tariffa INAIL Indice 1100 Lavrazini meccanic-agricle 10, Metalmeccanica 4, Mattazine e macellazine - Pesca 6, Macchine 3, Prduzine di alimenti 3, Mezzi di trasprt 3, Chimica, plastica e gmma 2, Strumenti e apparecchi 1, Carta e pligrafia 2, Gelgia e mineraria 8, Pelli e cui 2, Lavrazine delle rcce 6, Cstruzini edili 8, Lavrazine del vetr 4, Cstruzini idrauliche 9, Lavrazini tessili 2, Strade e ferrvie 7, Cnfezini 1, Linee e cndtte urbane 9, Trasprti 4, Fndazini speciali 12, Facchinaggi 15, Impianti 5, Magazzini 3, Energia elettrica 2, Attività cmmerciali 2, Cmunicazini 2, Turism e ristrazine 2, Gasdtti e ledtti 2, Sanità e servizi sciali 1, Impianti acqua e vapre 4, Pulizie e nettezza urbana 5, Prima lavrazine legname 7, Cinema e spettacli 2, Falegnameria e restaur 7, Istruzine e ricerca 1, Materiali affini al legn 5, Uffici e altre attività 0, Metallurgia 5,74 (*) Per 1000 addetti. - Media ultim trienni dispnibile Pagina 13 di 15

14 CORSI DI ABILITAZIONE PER L USO DI ATTREZZATURE DI LAVORO Attrezzatura PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI che peran su stabilizzatri PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI che peran senza stabilizzatri TUTTI E DUE I TIPI DI PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI GRU PER AUTOCARRO GRU A TORRE cn rtazine in bass GRU A TORRE cn rtazine in alt TUTTI I DUE TIPI DI GRU A TORRE CARRELLI INDUSTRIALI SEMOVENTI CARRELLI SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO CARRELLI/SOLLEVATORI/ELEVATORI SEMOVENTI TELESCOPICI ROTATIVI TUTTI I TRE TIPI DI CARRELLI GRU MOBILI AUTOCARRATE E SEMOVENTI CON BRACCIO TELESCOPICO O TRALICCIATO ED EVENTUALE FALCONE FISSO GRU MOBILI SU RUOTE CON FALCONE TELESCOPICO E BRANDEGGIANTE TRATTORI A RUOTE TRATTORI A CINGOLO ESCAVATORI IDRAULICI ESCAVATORI A FUNE CARICATORI FRONTALI TERNE AUTORIBALTABILI A CINGOLI ESCAVATORI IDRAULICI + CARICATORI FRONTALI + TERNE POMPE PER CALCESTRUZZO 8 ORE (4 teria + 4 pratica) 8 ORE (4 teria + 4 pratica) 10 ORE (4 teria + 6 pratica) 12 ORE (4 teria + 8 pratica) 12 ORE (8 teria + 4 pratica) 12 ORE (8 teria + 4 pratica) 14 ORE (8 teria + 6 pratica) 12 ORE (8 teria + 4 pratica) 12 ORE (8 teria + 4 pratica) 12 ORE (8 teria + 4 pratica) 16 ORE (8 teria + 8 pratica) 14 ORE (7 teria + 7 pratica) 22 ORE (di cui 14 re spra + 8 re (4 teria + 4 pratica)) 7 ORE (3 teria + 5 pratica) 7 ORE (3 teria + 5 pratica) 10 ORE (4 teria + 6 pratica) 10 ORE (4 teria + 6 pratica) 10 ORE (4 teria + 6 pratica) 10 ORE (4 teria + 6 pratica) 10 ORE (4 teria + 6 pratica) 16 ORE (4 teria + 12 pratica) 14 ORE (7 teria + 7 pratica) 5 ANNI 4 ORE I crsi entran in vigre il 12 marz 2013 ed i lavratri, che a tale data sn incaricati all us di tali apparecchiature, avrann l bblig di attuare la frmazine entr il 12 marz Ricrdiam che già ggi, anche se nn risulta bbligatria l abilitazine di cui spra, il datre di lavr ha l bblig di infrmare frmare ed addestrare i lavratri sull impieg in sicurezza delle attrezzature in us. Risulta valida la frmazine pregressa: Crsi cn durata nn inferire a quella prevista cn mdul teric, mdul pratic e verifica finale di apprendiment: dvrann attuare l dp 5 anni dalla verifica finale di apprendiment Crsi cn durata inferire a quella prevista cn mdul teric, mdul pratic e verifica finale di apprendiment: dvrann attuare l di 4 re entr il 12 marz 2015 ed i successivi aggirnamenti quinquennali verrann calclati dalla data della frmazine di integrazine. Crsi di qualsiasi durata senza verifica di apprendiment: dvrann attuare l di 4 re cn una verifica di apprendiment entr il 12 marz 2015 ed i successivi aggirnamenti quinquennali verrann calclati dalla data della verifica di apprendiment. I lavratri nel settre agricl che al 12 marz 2013 sn in pssess di esperienza dcumentata almen pari a 2 anni, ptrann attuare l entr il 12 marz Aggirnament: Il termine per l entrata in vigre dell bblig dell abilitazine all us delle macchine agricle è differit al 22 marz (Legge n. 98 del 9 agst 2013, S.O. 63/L G.U. 194 del ). Pagina 14 di 15

15 CORSI POSA SEGNALETICA STRADALE E DELIMITAZIONE CANTIERI STRADALI IN PRESENZA DI TRAFFICO VEICOLARE Incaricat ADDETTO 8 ORE 4 ANNI MINIMO 3 ORE GRUPPO B 12 ORE 3 ANNI MINIMO 3 ORE GRUPPO C 12 ORE 3 ANNI MINIMO 3 ORE I lavratri che al 20 aprile 2013 peran già nel settre da almen 12 mesi, ptrann attuare l entr il 20 aprile 2015 restand esnerati dal crs di frmazine cmplet. Pagina 15 di 15

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi,

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE INCENDI

LA NUOVA NORMATIVA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE INCENDI LA NUOVA NORMATIVA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI DVD PAOLO CICIONE 1 REGOLAMENTI DI PREVENZIONE INCENDI E SEMPLIFICAZIONE DPR 689/ 59 e DPR 37/ 98 e DPR 214/06 e DM 16/02/82 DPR 151/ 11 DVD PAOLO

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

Guida pratica alla nuova prevenzione incendi

Guida pratica alla nuova prevenzione incendi Gioacchino Giomi Guida pratica alla nuova prevenzione incendi Applicazione del D.P.R. 1/8/2011 n. 151 e del D.M. 7/8/2012 Progettare, realizzare, gestire nel rispetto degli standard antincendio II edizione

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli