Deliberazione n. 355

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deliberazione n. 355"

Transcript

1 Protocollo RC n /12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 21 DICEMBRE 2012) L anno duemiladodici, il giorno di venerdì ventuno del mese di dicembre, alle ore 11,30, nella Sala delle Bandiere, in Campidoglio, si è adunata la Giunta Capitolina di Roma, così composta: 1 ALEMANNO GIOVANNI.. Sindaco 2 BELVISO SVEVA.... Vice Sindaco 3 AURIGEMMA ANTONIO. Assessore 4 BORDONI DAVIDE... 5 CAVALLARI ENRICO CORSINI MARCO DE PALO GIANLUIGI.. 8 FUNARI LUCIA. Assessore 9 GASPERINI DINO. 10 GHERA FABRIZIO. 11 LAMANDA CARMINE.. 12 SENSI ROSELLA 13 VISCONTI MARCO... Sono presenti l On.le Sindaco, il Vice Sindaco e gli Assessori Aurigemma, Cavallari, Corsini, De Palo, Funari, Gasperini, Ghera, Lamanda e Visconti. Partecipa il sottoscritto Segretario Generale Dott. Liborio Iudicello. (O M I S S I S) Deliberazione n. 355 Approvazione progetto di riorganizzazione dei servizi di assistenza domiciliare per persone anziane, disabili e minori. Revoca deliberazioni Giunta Comunale n. 479/2006 e Giunta Comunale n. 730/2006. Premesso che, in attuazione del Regolamento Comunale per l Accreditamento di Organismi operanti nei Servizi alla Persona, di cui alla D.C.C. n. 90/2005, la Giunta Comunale con deliberazione n. 479/2006 individuava le modalità tecniche ed economiche di realizzazione dei servizi domiciliari in favore di anziani (SAISA), disabili (SAISH) e minori (SISMIF); Che, negli anni, tale impostazione ha fatto registrare alcune criticità, in particolare: una eccessiva rigidità dei cosiddetti pacchetti di servizio costruiti secondo lo schema indicato dalla citata D.G.C. n. 479/2006, che sono risultati poco flessibili nella costruzione dei piani di intervento individuale predisposti dai servizi sociali; il mancato adeguamento dei costi del personale impiegato nei servizi domiciliari la condizione di forte instabilità del sistema, caratterizzato dalla scarsa possibilità di programmazione per gli enti gestori dei servizi; Che, la consapevolezza della necessità di rimuovere tali fattori negativi, ha condotto l Amministrazione ad avviare, già nell anno 2011, un attenta analisi del sistema degli

2 2 interventi domiciliari e l elaborazione di un modello volto a superare le criticità sopra rappresentate; Che tale percorso è stato prima oggetto di un analisi congiunta con le Strutture territoriali che gestiscono l assistenza domiciliare, poi è divenuto parte integrante della deliberazione Giunta Capitolina n. 317/2011 con la quale, oltre ad approvare la sperimentazione delle nuove modalità, sono stati sanciti alcuni principi sui quali costruire i nuovi modelli: centralità del bisogno quale fondamento per la costruzione del progetto di assistenza; introduzione di uno strumento di valutazione del bisogno, la c.d. scheda di valutazione, a carattere multidimensionale il più possibile oggettiva e, soprattutto, uniforme in tutto il territorio cittadino; avvio di un processo dinamico di revisione del sistema complessivo dei servizi sociali integrati volto al perseguimento dell obiettivo di equità sociale nell erogazione degli interventi; introduzione del principio di compartecipazione alla spesa per il SAISH, già previsto in precedenza per il SAISA, mediante l utilizzo dei valori reddituali ISEE; potenziamento della flessibilità degli interventi realizzati quale sistema di adattamento e di migliore risposta al bisogno individuale; Che sono stati individuati quattro Municipi pilota per realizzare la sperimentazione delle nuove modalità proposte con la succitata deliberazione n. 317/2011, mentre sono state coinvolte tutte le Strutture territoriali per effettuare la valutazione del bisogno attraverso l apposita scheda, sia per i soggetti assistiti che per quelli in lista d attesa dell intero territorio capitolino; Che l Osservatorio sulla Sperimentazione della proposta di riforma, istituito presso il Dipartimento Promozione dei Servizi sociali e della Salute, ha reso possibile un ampio confronto sull andamento della sperimentazione, tra i Municipi, le AA.SS.LL., le Consulte Municipali Disabili, le Centrali Cooperative e le OO.SS., dal quale sono emersi elementi validi e indicativi, sia sulle opportunità offerte dalla fase di prima sperimentazione, sia sull impianto metodologico utilizzato; Che le attività realizzate dagli Uffici Dipartimentali e Municipali dopo l approvazione della D.G.C. n. 317/2011, hanno dimostrato l efficacia delle azioni e delle metodologie proposte, per cui, oggi, queste possono essere introdotte nella costruzione dei percorsi assistenziali sia per assicurare una maggiore flessibilità degli interventi, sia per fornire i parametri e le misure per l adeguamento dei costi dei servizi richiesti agli Organismi, nel pieno rispetto dei contenuti della D.C.C. n. 90/2005; Che, nel quadro generale delle attività volte alla riorganizzazione dei servizi di assistenza domiciliare, si è ritenuto di codificare una nuova definizione e articolazione dei pacchetti di servizio, rispetto a quanto previsto dalla D.G.C. n. 479/2006, includendo tra gli interventi che concorrono alla costruzione del Piano Individuale di Intervento anche l assistenza domiciliare indiretta per disabili e anziani; Che, infatti, ove sussistano i presupposti previsti all art. 39, c. 2, lettera I ter, della L. n. 104/1992, l intervento si sostanzia nel finanziamento, in tutto o in parte, di programmi di aiuto alla persona nei quali la risposta al bisogno, definita nel Piano Individuale di Intervento, preveda un attività prevalente di superamento degli stati di non autosufficienza e il contesto di relazioni garantisca l individuazione di una figura di riferimento, ovvero un care giver; Che, quindi, occorre ridefinire il pacchetto dei servizi come individuato nella D.G.C. n. 479/2006 in relazione alla rispettiva tipologia di intervento, con la quantificazione economica unitaria del costo orario, in relazione alla effettiva intensità

3 3 assistenziale, determinata dal numero di interventi possibili, all interno di una scala di valori (minimo/massimo) previsti per ciascun livello, in coerenza con le effettive necessità emerse dalla valutazione del bisogno individuale, stabilendo anche l opportunità di riconoscere, nei casi di specie, l assistenza indiretta, o per l intera copertura del Piani di Intervento Individuale (PII) o anche come quota/ percentuale dello stesso; Che, per quanto attiene le attività assistenziali condotte nei Centri Diurni, si procederà all adeguamento dei costi riguardanti i soli Centri Diurni per Anziani Fragili (CEDAF) mentre, per i Centri Diurni per persone anziane affette dal morbo di Alzheimer e Parkinson, il Dipartimento Promozione dei servizi Sociali e della Salute U.O. Terza età e Case di Riposo ha avviato un lavoro di riordino di tali servizi e la ridefinizione dei relativi costi, con riferimento sia alle strutture gestite a livello centrale sia a quelle istituite e gestite in alcuni Municipi, al fine di garantire la necessaria uniformità in tutto il territorio capitolino; Che, in relazione alla costruzione degli interventi, viene introdotto il concetto di budget individuale, corrispondente al valore economico complessivo del Piano di Intervento, calcolato sulla base del numero interventi previsti * costo intervento previsto, rappresentato anche sottoforma di quote/percentuali di interventi, individuati come idonei per il singolo cittadino; Che, altresì, si ritiene di dover realizzare nel futuro, tra gli interventi innovativi, percorsi di assistenza integrata H24 in relazione al servizio dedicato alle disabilità (SAISH), avviando la costituzione di un gruppo di lavoro al quale parteciperanno anche i rappresentanti delle AA.SS.LL. che produrrà uno studio di fattibilità su tale ipotesi; Che, inoltre, nella fase di sperimentazione prevista dalla deliberazione Giunta Capitolina n. 317/2011 è stato introdotto il principio di compartecipazione alla spesa per i fruitori del SAISH, unito all obiettivo di revisionare il sistema di compartecipazione al SAISA adottato in via sperimentale con deliberazione Giunta Comunale n. 535/2002, in conformità agli indirizzi formulati nel nuovo Piano Regolatore Sociale (Dec. G.C. n. 100/2011); Che, al riguardo, si ritiene di dare continuità a tale principio con il quale, seppure in modalità ancora virtuale, grazie alla quale sarà possibile verificare l equità del sistema delle quote (cfr. le tabelle G e H), anche in attesa dell annunciata revisione nazionale della normativa in tema di ISEE per la quale si rischierebbe di vanificare una elaborazione definitiva degli indicatori economici attualmente individuati; Che, altresì, si è ritenuto di includere nella riorganizzazione dei servizi domiciliari in atto, anche quelli in favore dei minori (SISMIF), accogliendo i risultati delle iniziative promosse e condivise, negli ultimi anni, dalla competente U.O. dipartimentale attraverso un gruppo di lavoro, prima con i referenti dei SISMIF delle strutture territoriali, successivamente tramite una sperimentazione coordinata dalla Unità Interdistrettuale Minori (UIM) nelle aree del quadrante ASL RM/E (Municipi 17, 18, 19, 20) congiuntamente ai Servizi ASL TRSEE (tutela salute mentale e riabilitazione in l età evolutiva) dei corrispondenti Distretti ASL; Che, tali iniziative hanno prodotto un nuovo modello di erogazione degli interventi a favore dei minori, fondato sui medesimi principi ispiratori della D.G.C. n. 317/2011 per SAISA e SAISH (valutazione del bisogno redazione del Piano Educativo Individuale individuazione dei livelli di bisogno e relativi livelli di intensità) che prevede, tra l altro, l introduzione di criteri di differenziazione degli interventi in relazione alle diverse età cui si rivolge il servizio e la possibilità di includere nei Piani Educativi Individuali (PEI), per minori in particolari condizioni di disagio, ulteriori interventi integrativi rispetto a quelli standard; Che, nel nuovo modello rivolto ai minori, particolare importanza assumerà nel tempo la possibilità di costituzione, in ciascun territorio, del Nucleo di Valutazione

4 4 Multidimensionale, composto da rappresentanti sia del Municipio che del competente Distretto Sanitario, volto a validare e sostenere le attività dell operatore titolare di ciascun PEI; Che la configurazione di tale modello assicura, peraltro, il superamento dei limiti evidenziati in passato, sia rispetto al sistema professionale e organizzativo del servizio dedicato ai minori, sia con riferimento alla rigidità dell impianto assunto con i pacchetti di servizio come determinati nella citata D.G.C. n. 479/2006; Che i nuovi modelli assistenziali, partendo dalla valutazione multidimensionale del bisogno dell individuo, sono in grado di rendere effettivamente personalizzato il Piano Individuale di Intervento, garantendo a ciascun cittadino un insieme di interventi che assicurino il grado più elevato di rispondenza ai bisogni rilevati, pur mantenendo la spesa entro i limiti sostenibili dalle risorse di Bilancio; Che, quindi, occorre, da un lato dare stabilità ai percorsi avviati con la D.G.C. n. 317/2011 per quel che concerne i servizi domiciliari, l implementazione del SISMIF e la codifica dell assistenza indiretta, determinando le nuove modalità per la costruzione dei pacchetti di servizio, nel rispetto della deliberazione di Consiglio Comunale n. 90/2005, dall altro, è necessario proseguire la sperimentazione del sistema di compartecipazione del cittadino alla spesa sostenuta dall Amministrazione per i servizi di cui trattasi; Che, inoltre, in coerenza con l ampia revisione dei servizi domiciliari in argomento, occorre predisporre un nuovo schema quadro ai sensi del comma 10 dell art. 9 della deliberazione Consiglio Comunale n. 90/2005, al fine di recepire le nuove modalità di costruzione dei pacchetti di servizio, rispetto a quello approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 730/2006, ai fini dell affidamento dei servizi in parola, che, pertanto, verrà revocata; Che, pertanto, si ritiene di sottoporre all approvazione della Giunta Capitolina e nel rispetto della citata deliberazione consiliare n. 90/2005, la nuova determinazione dei contenuti dei pacchetti di servizio e dei livelli di intensità assistenziale, sulla base del lavoro prodotto e condiviso tra il Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute e le Strutture Territoriali, per rendere più adeguato ed efficiente il settore dei servizi di assistenza domiciliare, nonché la prosecuzione della sperimentazione per un ulteriore anno, del sistema di compartecipazione alla spesa per i servizi SAISH e SAISA, con contestuale revoca della deliberazione di Giunta Comunale n. 479/2006; Che, al riguardo, il sistema di compartecipazione che si sperimenterà nelle due aree SAISH e SAISA nel rispetto degli indirizzi contenuti nel nuovo Piano Regolatore Sociale di Roma Capitale terrà conto: della determinazione di una quota mensile in relazione all ISEE dell assistito, bilanciato da un criterio di decremento delle quote stesse inversamente proporzionale al livello del bisogno; delle agevolazioni sulle detrazioni per il canone di locazione e per la prima casa fortemente maggiorate rispetto a quelle dell ISEE standard; dell applicazione dell ISEE più favorevole tra quello del solo assistito o quello dell intero nucleo familiare per i cittadini cui è stato riconosciuto un handicap permanente grave (art. 3, co. 3 della legge n. 104/1992) e per le persone non autosufficienti; di una soglia di esenzione per le persone disabili pari a Euro 9.000,00; di una soglia di esenzione per le persone anziane pari a Euro 8.500,00; Che, altresì, nel quadro di riordino delineato dal presente provvedimento, al fine di garantire un erogazione dei servizi domiciliari secondo il nuovo modello di intervento, contestualmente, su tutto il territorio di Roma Capitale da parte delle diverse Strutture territoriali per conseguire l omogeneità del servizio ed agevolare la prevista attività di

5 5 monitoraggio dell andamento del medesimo, occorre fissare un termine di riferimento per l espletamento delle relative procedure selettive nei termini di legge, da un minimo di 62 gg. ad un massimo di 102 gg.; Che, quindi, ciascuna Stazione Appaltante interessata alla ricognizione delle offerte idonee a realizzare i servizi domiciliari in favore di anziani, disabili e minori, dovrà avere concluso le procedure al massimo entro i 102 giorni dalla data di approvazione della presente deliberazione, provvedendo con immediatezza ad affidare i servizi SAISA, SAISH e SISMIF nel rispetto delle valutazioni svolte dalle singole Commissioni e del diritto di scelta dell utente previsto dalla D.C.C. n. 90/2005; Che, per quanto riguarda la scheda di valutazione del bisogno per il servizio integrato SAISH, attesa la complessità degli elementi ivi contenuti, con il presente atto si approva la scheda risultante dalle modifiche apportate in sede di sperimentazione a quella contenuta quale allegato nella deliberazione di Giunta Capitolina n. 317/2011, peraltro già validata dalle strutture territoriali preposte alla fase di valutazione del bisogno e, contemporaneamente, in recepimento di specifiche richieste da parte delle AA.SS.LL., si procederà a sperimentare per sei mesi in modo virtuale una nuova scheda di valutazione del bisogno, proposta ed elaborata da un apposito gruppo di lavoro composto anche dai medici delle AA.SS.LL. che verificherà la possibilità di differenziare la valutazione del disabile per fascia di età (minore adulto); Che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento i seguenti allegati: Allegato A: Indice degli allegati alla presente deliberazione; Allegato B: Linee Guida di funzionamento SAISA e SAISH; Allegato C: Modulistica SAISA; Allegato D: Modulistica SAISH; Allegato E: Linee Guida di funzionamento SISMIF e modulistica; Allegato F: Schema quadro intesa formale affidamento servizi domiciliari; Allegato G: Tabelle compartecipazione sperimentale ISEE SAISH; Allegato H: Tabelle compartecipazione sperimentale ISEE SAISA; Allegato I: Scheda sperimentale SAISH, valutazione bisogno Adulti (a) e valutazione bisogno Minori (b); Che, infine, occorre considerare che le innovazioni introdotte, in ragione della peculiarità dei servizi domiciliari, richiedono una ulteriore e attenta attività di monitoraggio e verifica da parte dell Amministrazione, affinché il modello assunto possa effettivamente rappresentare la risposta più adeguata al miglioramento di tali servizi, anche in merito ai nuovi contenuti dei pacchetti di servizio; Che, a tal fine, il Dipartimento Promozione Servizi Sociali e della Salute è incaricato di realizzare, sia un sistema di controllo e verifica dei servizi prestati ai cittadini, sia un sistema di valutazione dell impatto delle modifiche introdotte nei modelli dei servizi domiciliari, in relazione all adeguatezza e alla qualità dei servizi erogati con le nuove modalità, nonché al livello di soddisfazione percepito dai cittadini assistiti e dalle loro famiglie; Visto il Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali di cui al D.Lgs. 18 agosto n. 267/2000 e s.m.i.; Vista la L. n. 328/2000; Visto lo Statuto del Comune di Roma; Vista la deliberazione dell Assemblea Capitolina n. 29 del 16 dicembre 2010; Vista la deliberazione del Consiglio Comunale n. 90 del 28 aprile 2005; Vista la deliberazione della Giunta Capitolina n. 317 del 21 settembre 2011; Vista la decisione di Giunta Capitolina n. 100 del 12 ottobre 2011;

6 6 Che in data 12 dicembre 2012 il Direttore del Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute, ai sensi e per gli effetti dell art. 49 del T.U.E.L. di cui al D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e s.m.i., ha espresso il parere che di seguito si riporta: Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnico-amministrativa della proposta di deliberazione in oggetto. Il Direttore F.to: A. Scozzafava ; Che, in data 12 dicembre 2012 il Direttore del Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute ha attestato ai sensi dell art. 29, lettere h) e i), del Regolamento sull ordinamento degli Uffici e Servizi, come da dichiarazione in atti la coerenza della proposta di deliberazione in oggetto con i documenti di programmazione dell Amministrazione, approvandola in ordine alle scelte di natura economico-finanziaria o di impatto sulla funzione dipartimentale che essa comporta. Il Direttore F.to: A. Scozzafava; Che, in data 12 dicembre 2012 il Dirigente della XXIII U.O. della Ragioneria Generale ha espresso il parere che di seguito integralmente si riporta: Ai sensi e per gli effetti dell art. 49 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, si esprime la non rilevanza contabile della proposta di deliberazione di cui all oggetto. Il Dirigente F.to: M.L. Santarelli ; Che sulla proposta in esame è stata svolta, da parte del Segretario Generale, la funzione di assistenza giuridico-amministrativa, ai sensi dell art. 97, comma 2, del Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali, approvato con D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e s.m.i.; LA GIUNTA CAPITOLINA per i motivi espressi in narrativa, DELIBERA al fine di adottare il nuovo modello di erogazione dei servizi domiciliari in favore di anziani, disabili e minori, nel rispetto dei principi sanciti con deliberazione Giunta Capitolina n. 317/2011, di seguito riportati: l individuazione del bisogno quale elemento determinante per l accesso ai servizi e l intensità degli interventi erogati; l uniformazione dei processi di valutazione del bisogno e di costruzione dei Piani di Intervento Individuale tramite la costruzione di appositi strumenti, per ciascuna fascia di area assistita, da applicare in ciascun Municipio; il rispetto dell equità sociale; l individuazione di costi standard contemplando livelli uniformi di assistenza a valere su tutti i Municipi; la valorizzazione dei servizi sociali municipali, accentuandone le attività professionali volte alla rilevazione del bisogno e alla costruzione di piani di intervento individuali effettivamente aderenti a bisogni espressi; la centralità dei bisogni degli Utenti quale elemento determinante per la costruzione dei Piani di Intervento, con la partecipazione attiva costruzione degli stessi, da parte degli utenti stessi; l inserimento, all interno della costruzione dei Piani di Intervento Individuali, delle modalità per la fruizione da parte del cittadino dell assistenza indiretta;

7 7 la promozione della stabilità del lavoro del terzo settore, degli operatori sociali e la qualità del lavoro professionale; la promozione di un azione volta all elaborazione di un sistema di compartecipazione economica dei cittadini assistiti; la definizione di un sistema di controllo qualitativo e quantitativo della esecuzione dei servizi di assistenza domiciliare; 1. di approvare, nel rispetto dei limiti derivanti dagli stanziamenti in Bilancio, la nuova determinazione dei pacchetti di servizio e la definizione dei livelli di intensità assistenziale per i servizi domiciliari SAISH, SAISA e SISMIF nel rispetto dell art. 9, commi 7 e 8, della deliberazione di Consiglio Comunale n. 90 del 28 aprile 2005 in relazione sia alla rispettiva tipologia di intervento che alle effettive necessità emerse dalla valutazione del bisogno individuale, come dettagliato negli allegati di seguito elencati che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione: Allegato A: Indice degli allegati; Allegato B: Linee Guida di funzionamento SAISA e SAISH; Allegato C: Modulistica SAISA; Allegato D: Modulistica SAISH; Allegato E: Linee Guida di funzionamento SISMIF e modulistica; Allegato F: Schema quadro intesa formale affidamento servizi domiciliari; Allegato G: Tabelle compartecipazione sperimentale ISEE SAISH; Allegato H: Tabelle compartecipazione sperimentale ISEE SAISA; Allegato I: Scheda sperimentale SAISH, valutazione bisogno Adulti (a) e valutazione bisogno Minori (b); 2. di autorizzare, nelle more dell adozione di un apposito provvedimento deliberativo, in via sperimentale per un anno dalla data di approvazione del presente provvedimento, l elaborazione e l applicazione virtuale del sistema di compartecipazione alla spesa per il SAISH ed il SAISA di cui agli allegati G ed H parti integranti del presente provvedimento sulla base dei seguenti elementi: determinazione di una quota mensile in relazione all ISEE dell assistito, bilanciato da un criterio di decremento delle quote stesse in modo inversamente proporzionale al livello del bisogno; ulteriori agevolazioni rispetto a quelle previste dall ISEE standard per il canone di locazione e per la prima casa; applicazione dell ISEE più favorevole tra quello del solo assistito o quello dell intero nucleo familiare per i cittadini cui è stato riconosciuto un handicap permanente grave (art. 3, co. 3 della legge n. 104/1998) e per le persone non autosufficienti; applicazione di una soglia di esenzione per le persone disabili pari a Euro 9.000,00; applicazione di una soglia di esenzione per le persone anziane pari a Euro 8.500,00; 3. di autorizzare, per il periodo di sei mesi dalla data di approvazione del presente provvedimento, la sperimentazione virtuale di una scheda di valutazione del bisogno per l accesso al SAISH, come da allegato I, parte integrante del presente provvedimento; 4. di stabilire il termine da un minimo di 62 giorni ad un massimo di 102 giorni, a partire dalla data di approvazione della presente deliberazione, entro il quale le

8 8 Stazioni Appaltanti devono espletare le procedure di ricognizione delle offerte per la realizzazione degli interventi assistenziali, nei termini di legge; 5. di incaricare il Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute di: costituire un gruppo di lavoro, con la partecipazione di rappresentanti delle AA.SS.LL. cittadine e delle Conferenze Sanitarie Locali, volto a individuare un modello di assistenza integrata H24 per il servizio dedicato alle disabilità (SAISH); la partecipazione al suddetto gruppo di lavoro deve intendersi a titolo gratuito; realizzare un sistema di valutazione per verificare l impatto delle modifiche introdotte nei modelli dei servizi domiciliari, in relazione sia all adeguatezza e alla qualità dei servizi erogati con le nuove modalità, sia al livello di soddisfazione percepito dai cittadini assistiti e dalle loro famiglie.

9 9

10 10

11 11

12 12

13 13

14 14

15 15

16 16

17 17

18 18

19 19

20 20

21 21

22 22

23 23

24 24

25 25

26 26

27 27

28 28

29 29

30 30

31 31

32 32

33 33

34 34

35 35

36 36

37 37

38 38

39 39

40 40

41 41

42 42

43 43

44 44

45 45

46 46

47 47

48 48

49 49

50 50

51 51

52 52

53 53

54 54

55 55

56 56

57 57

58 58

59 59

60 60

61 61

62 62

63 63

64 64

65 65

66 66

67 67

68 68

69 69

70 70

71 71

72 72

73 73

74 74

75 75

76 76

77 77

78 78

79 79

80 80

81 81

82 82

83 83

84 84

85 85

86 86

87 87

88 88

89 89

90 90

91 91

92 92

93 93

94 94

95 95

96 96

97 97

98 98

99 99

100 100

101 101

102 102

103 103

104 104

105 105

106 106

107 107

108 108

109 109

110 110

111 111

112 112

113 113

114 114

115 115

116 116

117 117

118 118

119 119

120 120

121 121

122 122

123 123

124 124

125 125

126 126

127 127

128 128

129 129

130 130

131 131

132 132

133 133

134 134

135 135

136 136

137 137

138 138

139 139

140 140

141 141

142 142

143 143

144 144

145 145

146 146

147 147

148 148

149 149

150 150

151 151

152 152

153 153

154 154

155 155

156 156

157 157

158 158

159 159

160 160

161 161

162 162

163 163

164 164

165 165

166 166

167 167

168 168

169 169

170 170

171 171

172 172

173 173

174 174

175 175

176 176

177 177

178 178

179 179

180 180

181 181

182 182

183 183

184 184

185 185

186 186

187 187

188 188

189 189

190 190

191 191

192 192

193 193

194 194

195 195

196 196

197 197

198 198

199 199

200 200

201 201

202 202

203 203 L'On. PRESIDENTE pone ai voti, a norma di legge, il suesteso schema di deliberazione che risulta approvato all'unanimità. Infine la Giunta, in considerazione dell'urgenza di provvedere, dichiara, all'unanimità, immediatamente eseguibile la presente deliberazione a norma di legge. (O M I S S I S) IL PRESIDENTE G. Alemanno IL SEGRETARIO GENERALE L. Iudicello

204 204 La deliberazione è stata pubblicata all Albo Pretorio dal al.. e non sono state prodotte opposizioni. La presente deliberazione è stata adottata dalla Giunta Capitolina nella seduta del 21 dicembre Dal Campidoglio, lì.. p. IL SEGRETARIO GENERALE...

DIPARTIMENTO PROMOZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA SALUTE. Direzione

DIPARTIMENTO PROMOZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA SALUTE. Direzione DIPARTIMENTO PROMOZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA SALUTE Direzione Schema di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Capitolina OGGETTO: Approvazione progetto di riorganizzazione

Dettagli

"Progetto di sperimentazione di un nuovo modello di assistenza domiciliare per persone con disabilità e anziani".

Progetto di sperimentazione di un nuovo modello di assistenza domiciliare per persone con disabilità e anziani. Protocollo RC n. 13615/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 21 SETTEMBRE 2011) L anno duemilaundici, il giorno di mercoledì ventuno del mese di settembre, alle

Dettagli

Deliberazione n. 163

Deliberazione n. 163 Protocollo RC n. 8938/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 6 GIUGNO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di mercoledì sei del mese di giugno, alle ore 14,30,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 1 FEBBRAIO 2013)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 1 FEBBRAIO 2013) Protocollo RC n. 1725/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 1 FEBBRAIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì uno del mese di febbraio, alle ore 13,05,

Dettagli

Deliberazione n. 65. "Regolamento per la gestione e l'uso dei veicoli in dotazione a Roma Capitale".

Deliberazione n. 65. Regolamento per la gestione e l'uso dei veicoli in dotazione a Roma Capitale. Protocollo RC n. 13856/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 16 MARZO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di venerdì sedici del mese di marzo, alle ore 13,35,

Dettagli

Deliberazione n. 303

Deliberazione n. 303 Protocollo RC n. 16033/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 25 OTTOBRE 2012) L anno duemiladodici, il giorno di giovedì venticinque del mese di ottobre, alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 29 GENNAIO 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 29 GENNAIO 2014) Protocollo RC n. 148/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 29 GENNAIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì ventinove del mese di gennaio, alle

Dettagli

Deliberazione n. 115. Indirizzi finalizzati alla sospensione del Servizio delle Pubbliche Affissioni a carico dell'amministrazione Capitolina.

Deliberazione n. 115. Indirizzi finalizzati alla sospensione del Servizio delle Pubbliche Affissioni a carico dell'amministrazione Capitolina. Protocollo RC n. 5272/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 5 APRILE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì cinque del mese di aprile, alle ore 13,00,

Dettagli

Deliberazione n. 158

Deliberazione n. 158 Protocollo RC n. 7277/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 MAGGIO 2011) L anno duemilaundici, il giorno di mercoledì undici del mese di maggio, alle ore 14,45,

Dettagli

Deliberazione n. 286

Deliberazione n. 286 Protocollo RC n. 12205/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 4 AGOSTO 2011) L anno duemilaundici, il giorno di giovedì quattro del mese di agosto, alle ore 14,40,

Dettagli

Deliberazione n. 193

Deliberazione n. 193 Protocollo RC n. 11240/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 4 LUGLIO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di mercoledì quattro del mese di luglio, alle ore 14,50,

Dettagli

Deliberazione n. 203

Deliberazione n. 203 Protocollo RC n. 11807/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 LUGLIO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di mercoledì undici del mese di luglio, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 378

Deliberazione n. 378 Protocollo RC n. 15399/09 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 2 DICEMBRE 2009) L anno duemilanove, il giorno di mercoledì due del mese di dicembre, alle ore 14,45,

Dettagli

Deliberazione n. 130

Deliberazione n. 130 Protocollo RC n. 17046/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 DICEMBRE 2010) L anno duemiladieci, il giorno di mercoledì ventidue del mese di dicembre, alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 FEBBRAIO 2013)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 FEBBRAIO 2013) Protocollo RC n. 2435/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 FEBBRAIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì otto del mese di febbraio, alle ore 16,50,

Dettagli

Deliberazione n. 240

Deliberazione n. 240 Protocollo RC n. 7334/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di maggio, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 450. Regolamento per l'organizzazione e la pubblicazione dei contenuti sul Portale istituzionale del Comune di Roma.

Deliberazione n. 450. Regolamento per l'organizzazione e la pubblicazione dei contenuti sul Portale istituzionale del Comune di Roma. Protocollo RC n. 12334/09 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 23 DICEMBRE 2009) L anno duemilanove, il giorno di mercoledì ventitre del mese di dicembre, alle ore

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 10 OTTOBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 10 OTTOBRE 2014) Protocollo RC n. 16656/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 10 OTTOBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di venerdì dieci del mese di ottobre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 180

Deliberazione n. 180 Protocollo RC n. 7702/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 2 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di giovedì due del mese di maggio, alle ore 14,50,

Dettagli

Deliberazione n. 189. Fissazione delle tariffe per il servizio di inumazione e di cremazione.

Deliberazione n. 189. Fissazione delle tariffe per il servizio di inumazione e di cremazione. Protocollo RC n. 8635/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 25 GIUGNO 2010) L anno duemiladieci, il giorno di venerdì venticinque del mese di giugno, alle ore 12,00,

Dettagli

Deliberazione n. 253

Deliberazione n. 253 Protocollo RC n. 8367/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di maggio, alle ore

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) Protocollo RC n. 4481/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 325

Deliberazione n. 325 Protocollo RC n. 29015/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 13 OTTOBRE 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di martedì tredici del mese di ottobre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 397

Deliberazione n. 397 Protocollo RC n. 19401/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 18 NOVEMBRE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di lunedì diciotto del mese di novembre, alle ore

Dettagli

Approvazione in via sperimentale di una formula gestionale innovativa per il funzionamento di alcuni nidi comunali di prossima apertura.

Approvazione in via sperimentale di una formula gestionale innovativa per il funzionamento di alcuni nidi comunali di prossima apertura. Protocollo RC n. 10407/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 3 AGOSTO 2010) L anno duemiladieci, il giorno di martedì tre del mese di agosto, alle ore 16,45, nella

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 DICEMBRE 2013)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 DICEMBRE 2013) Protocollo RC n. 21919/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 DICEMBRE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì venti del mese di dicembre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 116

Deliberazione n. 116 Protocollo RC n. 5745/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 5 APRILE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì cinque del mese di aprile, alle ore 13,00,

Dettagli

Affidamento della gestione della Casa del Cinema alla Società Zètema Progetto Cultura S.r.l.

Affidamento della gestione della Casa del Cinema alla Società Zètema Progetto Cultura S.r.l. Protocollo RC n. 17069/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 DICEMBRE 2010) L anno duemiladieci, il giorno di mercoledì ventidue del mese di dicembre, alle

Dettagli

Deliberazione n. 328. Proposta di riorganizzazione della rete scolastica di Roma Capitale - Anno scolastico 2013-2014.

Deliberazione n. 328. Proposta di riorganizzazione della rete scolastica di Roma Capitale - Anno scolastico 2013-2014. Protocollo RC n. 18857/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 NOVEMBRE 2012) L anno duemiladodici, il giorno di mercoledì ventotto del mese di novembre, alle

Dettagli

Deliberazione n. 234

Deliberazione n. 234 Protocollo RC n. 15544/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 LUGLIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì trenta del mese di luglio, alle

Dettagli

Deliberazione n. 283

Deliberazione n. 283 Protocollo RC n. 11036/09 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 16 SETTEMBRE 2009) L anno duemilanove, il giorno di mercoledì sedici del mese di settembre, alle ore

Dettagli

? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A

? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A Prot. Serv. Deliberazioni n. 1469/03? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 18 NOVEMBRE 2003) L anno duemilatre, il giorno di martedì

Dettagli

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma.

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma. Protocollo RC n. 5798/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 MARZO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di venerdì ventotto del mese di marzo, alle ore

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 17 APRILE 2015)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 17 APRILE 2015) Protocollo RC n. 10400/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 17 APRILE 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì diciassette del mese di aprile, alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 19 MARZO 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 19 MARZO 2014) Protocollo RC n. 5044/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 19 MARZO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì diciannove del mese di marzo, alle

Dettagli

Deliberazione n. 261

Deliberazione n. 261 Protocollo RC n. 16673/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 AGOSTO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di lunedì undici del mese di agosto, alle ore

Dettagli

Programma di interventi per il potenziamento della raccolta differenziata.

Programma di interventi per il potenziamento della raccolta differenziata. Protocollo RC n. 10953/09 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 9 SETTEMBRE 2009) L anno duemilanove, il giorno di mercoledì nove del mese di settembre, alle ore 14,20,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 7 SETTEMBRE 2005)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 7 SETTEMBRE 2005) Protocollo RC n. 15297/05 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 7 SETTEMBRE 2005) L anno duemilacinque, il giorno di mercoledì sette del mese di settembre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 281

Deliberazione n. 281 Protocollo RC n. 11310/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 15 SETTEMBRE 2010) L anno duemiladieci, il giorno di mercoledì quindici del mese di settembre, alle

Dettagli

Deliberazione n. 280. Iscrizione anagrafica dei cittadini senza fissa dimora presso le Associazioni di volontariato.

Deliberazione n. 280. Iscrizione anagrafica dei cittadini senza fissa dimora presso le Associazioni di volontariato. Protocollo RC n. 22948/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 AGOSTO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di martedì undici del mese di agosto, alle ore

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Proroga del Contratto di Servizio tra Roma Capitale e Roma Servizi per la Mobilità S.r.l. fino al 28 febbraio 2015.

Proroga del Contratto di Servizio tra Roma Capitale e Roma Servizi per la Mobilità S.r.l. fino al 28 febbraio 2015. Protocollo RC n. 28174/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Approvazione Contratto di Servizio tra Roma Capitale e Azienda Speciale Palaexpo - Anno 2014.

Approvazione Contratto di Servizio tra Roma Capitale e Azienda Speciale Palaexpo - Anno 2014. Protocollo RC n. 28190/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 3 AGOSTO 2007)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 3 AGOSTO 2007) Protocollo RC n. 18509/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 3 AGOSTO 2007) L anno duemilasette, il giorno di venerdì tre del mese di agosto, alle ore 12,40, nella

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 18 del 18.05.2015

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 18 del 18.05.2015 ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 18 del 18.05.2015 OGGETTO: Approvazione modalità sperimentali di calcolo della compartecipazione ai costi del servizio di assistenza domiciliare e della soglia di accesso

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Deliberazione n. 136

Deliberazione n. 136 Protocollo RC n. 8694/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 7 MAGGIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì sette del mese di maggio, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 281

Deliberazione n. 281 Protocollo RC n. 163296/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DELL 11 SETTEMBRE 2008) L anno duemilaotto, il giorno di giovedì undici del mese di settembre, alle ore

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 27466/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Deliberazione n. 203

Deliberazione n. 203 Protocollo RC n. 7959/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì otto del mese di maggio, alle ore 11,05,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 17 NOVEMBRE 2004)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 17 NOVEMBRE 2004) Protocollo RC n. 27877/04 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 17 NOVEMBRE 2004) L anno duemilaquattro, il giorno di mercoledì diciassette del mese di novembre, alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 31149/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di lunedì dieci del mese di marzo,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 30 MARZO 2005)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 30 MARZO 2005) Protocollo RC n. 7863/05 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 30 MARZO 2005) L anno duemilacinque, il giorno di mercoledì trenta del mese di marzo, alle ore 14,15,

Dettagli

Deliberazione n. 279. Variazione al Bilancio di previsione 2015 e pluriennale 2015-2017 e del Piano degli investimenti 2015-2017 - opere giubilari.

Deliberazione n. 279. Variazione al Bilancio di previsione 2015 e pluriennale 2015-2017 e del Piano degli investimenti 2015-2017 - opere giubilari. Protocollo RC n. 22945/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 AGOSTO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di martedì undici del mese di agosto, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 440

Deliberazione n. 440 Protocollo RC n. 19699/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 DICEMBRE 2011) L anno duemilaundici, il giorno di mercoledì ventotto del mese di dicembre, alle

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

Disciplina dell'accesso in Z.T.L. per categorie speciali. Parziale modifica della deliberazione G.C. n. 553 del 26 settembre 2001.

Disciplina dell'accesso in Z.T.L. per categorie speciali. Parziale modifica della deliberazione G.C. n. 553 del 26 settembre 2001. Protocollo RC n. 18495/05 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 3 AGOSTO 2005) L anno duemilacinque, il giorno di mercoledì tre del mese di agosto, alle ore 14,15,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 114 05/02/2015 Oggetto : Approvazione della prima tranche di spesa,

Dettagli

"Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata".

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata. Protocollo RC n. 3688/06 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 15 FEBBRAIO 2006) L anno duemilasei, il giorno di mercoledì quindici del mese di febbraio, alle ore 14,15,

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 676 06/05/2015 Oggetto : Approvazione della seconda tranche di spesa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159 Nuove modalità di calcolo dell

Dettagli

Deliberazione n. 19 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO

Deliberazione n. 19 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO Comune di Roma Prot. n. CA/38791/2009. Anno 2009 VERBALE N. 39 Seduta del 28 maggio 2009. PRESIDENZA: Stefano Marin. Deliberazione n. 19 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO

Dettagli

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA ORIGINALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 133delReg.Delib. data 27.05.2015 OGGETTO: Distretto Socio Sanitario 44. Erogazione dei Servizi di

Dettagli

14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104)

14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104) BOZZA DI STAMPA Protocollo RC n. 28129/14 Anno 2015 Ordine del giorno n. 4 14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104) Indirizzi programmatici e linee guida per la predisposizione del nuovo Contratto

Dettagli

Deliberazione n. 70. Interventi per la razionalizzazione e il contenimento della spesa di Roma Capitale e delle società partecipate.

Deliberazione n. 70. Interventi per la razionalizzazione e il contenimento della spesa di Roma Capitale e delle società partecipate. Protocollo RC n. 4535/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 16 MARZO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di venerdì sedici del mese di marzo, alle ore 13,35,

Dettagli

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia COPIA CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 179/2010 Oggetto: DEFINIZIONE DELLE QUOTE DI COMPARTECIPAZIONE DEI CITTADINI AI COSTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

C O M U N E D I S E N I G A L L I A

C O M U N E D I S E N I G A L L I A C O M U N E D I S E N I G A L L I A PROVINCIA DI ANCONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 153 Seduta del 13/08/2013 OGGETTO: CONTINUITA' SERVIZI ALLA PERSONA 2' SEMESTRE 2013 - ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Che a Roma Capitale sono state assegnate per il triennio 2012-2014 le seguenti somme, ripartite in parte corrente e in parte capitale:

Che a Roma Capitale sono state assegnate per il triennio 2012-2014 le seguenti somme, ripartite in parte corrente e in parte capitale: Protocollo RC n. 18768/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 16 NOVEMBRE 2012) L anno duemiladodici, il giorno di venerdì sedici del mese di novembre, alle ore

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 129 DEL 17.07.2012 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO 'SPORTELLO ON LINE AL CITTADINO'. L anno duemiladodici

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 483 del 21/09/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 483 del 21/09/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 483 del 21/09/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: DISCIPLINA E DEFINIZIONE

Dettagli

Assemblea dei Sindaci dell Ambito. Deliberazione n. 10 del 6 maggio 2013

Assemblea dei Sindaci dell Ambito. Deliberazione n. 10 del 6 maggio 2013 Assemblea dei Sindaci dell Ambito Deliberazione n. 10 del 6 maggio 2013 Oggetto: Ambito Distrettuale 6.1. Sistema di compartecipazione degli utenti ai servizi dell Ambito anno 2013 Approvazione. Il giorno

Dettagli

Deliberazione n. 244

Deliberazione n. 244 Protocollo RC n. 16430/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 AGOSTO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di venerdì otto del mese di agosto, alle ore

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

Deliberazione n. 207

Deliberazione n. 207 Protocollo RC n. 13008/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 9 LUGLIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì nove del mese di luglio, alle ore

Dettagli

LA RIFORMA DELL ACCREDITAMENTO E DELLA ASSISTENZA DOMICILIARE. Presentazione della D.G. 317 del 21.9.2011

LA RIFORMA DELL ACCREDITAMENTO E DELLA ASSISTENZA DOMICILIARE. Presentazione della D.G. 317 del 21.9.2011 LA RIFORMA DELL ACCREDITAMENTO E DELLA ASSISTENZA DOMICILIARE Presentazione della D.G. 317 del 21.9.2011 PIANO REGOLATORE SOCIALE 2011 2015 «la riforma dell accreditamento e della assistenza domiciliare»

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI SEDUTA DEL 16 DICEMBRE 2015 Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 87 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME ALL ORIGINALE OGGETTO: ADESIONE ALLA CONVENZIONE

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE Servizi domiciliari per persone non autosufficienti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 8 del 25 febbraio 2010 Il Consiglio regionale

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Deliberazione n Approvazione del Regolamento di organizzazione del Servizio di Economato e degli Agenti Contabili Interni di Roma Capitale.

Deliberazione n Approvazione del Regolamento di organizzazione del Servizio di Economato e degli Agenti Contabili Interni di Roma Capitale. Protocollo RC n. 1923/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 18 LUGLIO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di mercoledì diciotto del mese di luglio, alle ore

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 maggio 2015, n. 1160

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 maggio 2015, n. 1160 25264 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 88 del 23 06 2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 maggio 2015, n. 1160 Attuazione dell art. 32 del Reg. R. 18 gennaio 2007, n. 4, per la determinazione

Dettagli

Deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Deliberazione del Consiglio di Amministrazione Deliberazione del Consiglio di Amministrazione N. 6/2015 Data 24/02/2015 OGGETTO: CERTIFICAZIONE ISO 9001 ERSU URBINO. PL/AR L'anno duemilaquindici il giorno 24 del mese di Febbraio alle ore 15,30 nella

Dettagli

C O M U N E D I I S C H I A

C O M U N E D I I S C H I A C O M U N E D I I S C H I A ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DI COMMISSARIO STRAORDINARIO Seduta del 28/12/2006 N. 94 OGGETTO: LEGGE 8.11.2000, N.328.LEGGE QUADRO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 65522/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di lunedì ventotto del mese di

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DI CAGLIARI Allegato A REGOLAMENTO RECANTE MODALITA D INSERIMENTO IN STRUTTURA DI ADULTI, ANZIANI E DISABILI INDICE Art. 1 Oggetto Art 2 Destinatari Art. 3 Requisiti Art. 4 Valutazione del bisogno

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata - seconda annualità.

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata - seconda annualità. Protocollo RC n. 4461/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 26 FEBBRAIO 2007) L anno duemilasette, il giorno di lunedì ventisei del mese di febbraio, alle ore 9,20,

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 del 24/01/2013 Oggetto: APPROVAZIONE TARIFFE ANNO 2013 SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. L anno duemilatredici il

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 93 del 22/07/2014 OGGETTO: RIMBORSO

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA. Deliberazione n. Protocollo RC n. 4158/16 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA L anno duemilasedici, il giorno di venerdì diciotto del mese

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ***********************************************************************************************

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** Codice 11044 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** G. C. N. 46 DATA 12.3.2014 ***********************************************************************************************

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli