TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA LOMBARDIA. Sezione Terza udienza del 19 marzo 2009 ATTO DI COSTITUZIONE DEL CONTROINTERESSATO NEL GIUDIZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA LOMBARDIA. Sezione Terza udienza del 19 marzo 2009 ATTO DI COSTITUZIONE DEL CONTROINTERESSATO NEL GIUDIZIO"

Transcript

1 TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Sezione Terza udienza del 19 marzo 2009 ATTO DI COSTITUZIONE DEL CONTROINTERESSATO NEL GIUDIZIO DAVANTI AL TAR (art. 22 comma 1 L. TAR) di SAGI S.n.c., in persona del legale rappresentante dott. Arch. Flavio Saracino, con sede in Cafasse (TO), Via Roma n. 178, rappresentata e difesa, in virtù di delega a margine del presente atto, dall'avv. Alberto Savoini e Mauro Pigino del Foro di Vercelli, elettivamente domiciliata presso la sede di Servizi Amministrativi S.r.l. in Milano, Via Crocefisso n. 5, - controinteressato - nel ricorso n. 2551/08 promosso dall Associazione La Casa del Consumatore, con gli avvocati Mattia Crucioli, Giovanni Ferratri e Luca Luparia - ricorrente - contro l Autorità per l'energia elettrica ed il gas, in persona del Presidente in carica, rappresentata e difesa per legge dall Avvocatura Distrettuale dello Stato di Milano - resistente - per l annullamento della deliberazione 4 agosto 2008, ARG/elt 109/08 Revisione dei prezzi minimi garantiti di cui alla deliberazione dell Autorità per l energia elettrica ed il gas 6 novembre 2007, n. 280/07. * * * * 1

2 Si costituisce in giudizio la SAGI S.n.c., col ministero del sottoscritto procuratore, il quale contesta integralmente il ricorso per i seguenti motivi. FATTO L atto impugnato si inserisce in un processo di incentivo e sostegno alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili per impianti, che, date le loro dimensione ridotte, non sarebbero in grado di sostenere i costi della produzione senza il pubblico intervento. La formulazione dei Prezzi Minimi Garantiti è adottata in Italia dal 1998 con la delibera 162/98 AEEG. Nella relazione allegata alla successiva delibera n. 82/99 AEEG sono enunciati molto dettagliatamente i presupposti per la determinazione di tali prezzi di cessione in riferimento al combinato disposto dall art. 22, comma 5 della Legge 9 gennaio 1991 n.9 e dall art. n. 3 comma 12 del Decreto Legislativo 16 marzo 1999 n. 79. Successivamente i minimi garantiti sono confermati dalla delibera AEEG n. 56/2000, conformemente a quanto avviene negli altri paesi dell Unione Europea. Sempre l AEEG definisce le condizioni economiche di ritiro dell energia elettrica prodotta ai sensi degli articoli 13, commi 3 e 4, del d.lgs. n. 387/03 e dell articolo 1, comma 41, della legge n. 239/04, da parte del Gestore dei Servizi Elettrici GSE S.p.A. (c.d. ritiro dedicato). Il c.d. ritiro dedicato è una forma alternativa di vendita dell energia elettrica rispetto al mercato e ai contratti bilaterali, cui può accedere il produttore stipulando un apposita convenzione con il GSE, che è l intermediario commerciale tra i produttori ed il sistema elettrico, rivendendo l energia ritirata sul mercato elettrico. 2

3 Con delibera 23 febbraio 2005, n. 34/05, l Autorità ha definito modalità e condizioni del ritiro dedicato, tenendo conto della peculiarità degli impianti di dimensioni ridotte alimentati da fonti rinnovabili, caratterizzati da costi di esercizio e manutenzione elevati e da produzioni annue limitate (pochi milioni di KWh annui). In particolare, agli impianti alimentati da fonte idrica di potenza nominale media fino a 1 MW (c.d. mini-idro) e da altre fonti rinnovabili sempre di potenza nominale media fino a 1 MW sono stati riconosciuti prezzi minimi garantiti di ritiro dell energia, applicati sulla base di scaglioni progressivi di produzione, in modo da adeguare tali prezzi ai costi specifici degli impianti di diverse dimensioni. I prezzi minimi garantiti hanno la funzione di assicurare la sopravvivenza economica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili di piccole dimensioni, consentendo la copertura dei costi di esercizio e di manutenzione, anche negli anni caratterizzati da scarsità della fonte rinnovabile e nel caso in cui i prezzi di mercato dovessero scendere significativamente e non essere remunerativi. La finalità è quella quindi di assicurare, anche ai piccoli impianti che sfruttano risorse rinnovabili marginali, la remunerazione dei costi di produzione, in considerazione dei benefici in termini ambientali, di tutela del territorio e sviluppo delle risorse residuali che la massimizzazione dell utilizzazione di tali impianti comporta. Tali prezzi minimi sono applicati dal GSE, su richiesta del produttore, limitatamente ai primi 2 milioni di kwh di energia elettrica immessa. Per l energia elettrica che eccede tale misura, i prezzi applicati sono pari ai prezzi di ritiro definiti per tutti gli altri aventi diritto al ritiro dedicato. 3

4 Con delibera 27 dicembre 2006, n. 317, l Autorità ha avviato un procedimento avente ad oggetto l analisi dei costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, cui è seguito un Documento per la consultazione 7 febbraio Con la delibera 6 novembre 2007, n. 280, è stata abrogata la delibera n. 34/05, prevedendo che, in esito alle analisi sui costi condotte dall Autorità nell ambito del procedimento avviato con la delibera n. 317/06, con successivi provvedimenti, i prezzi minimi garantiti debbano esse rivisti e differenziati per fonti, a partire dalle fonti per le quali vi sono già dati disponibili. Nelle more della revisione, l articolo 7, commi 4 e 5, della delibera n. 280/07 definisce i prezzi minimi garantiti aggiornando i prezzi in vigore nell anno precedente sulla base dell indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Nell ambito del procedimento avviato con la delibera n. 317/06, nel corso dell anno 2008, con riferimento agli impianti idroelettrici di potenza nominale media fino a 1 MW (mini-idro), sono stati acquisiti elementi comprovanti un considerevole incremento dei costi di esercizio e di manutenzione degli impianti, che ha notevolmente inciso sui costi di produzione di energia elettrica soprattutto inferiore a kwh annui. I costi di gestione degli impianti mini-idro sono risultati superiori ai prezzi medi ottenibili sul mercato, che non erano coperti dalle tariffe in vigore prima della ultima Deliberazione impugnata dalla controparte. Con delibera 4 agosto 2008, ARG/elt 109/08, pertanto, l Autorità ha proceduto, in via transitoria, alla revisione dei prezzi minimi garantiti riconosciuti agli impianti idroelettrici di potenza nominale media annua fino a 1MW, rinviando a futuri provvedimenti l eventuale revisione dei prezzi minimi garantiti per gli anni successivi. 4

5 Per gli impianti alimentati da altre fonti rinnovabili, invece, per l anno 2008, non sono stati acquisiti elementi sufficienti a giustificare la revisione dei prezzi minimi garantiti. Giova rammentare che dalle conclusioni tecnico-economiche dei due studi di settore elaborati dalla Federpern Italia, Federazione Produttori Idroelettrci e consegnati alla Direzione Mercati della AEEG (doc. 2), si ottenevano dei valori di Costo di Produzione unitario del kwh decisamente SUPERIORI a quelli della Del. 109/2008. DIRITTO La ricorrente deduce l illegittimità della delibera ARG/elt 109/08 per difetto di motivazione e carenza di istruttoria, in quanto l incremento dei prezzi minimi non sarebbe giustificato dall incremento dei costi di produzione degli impianti idroelettrici minori costi che sarebbero invece diminuiti bensì dalla volontà di incentivare tale produzione, in contrasto con le finalità dell intervento regolatorio. Le censure non meritano di essere accolte, perché inammissibili ed infondate. Sono inammissibili nella parte in cui contengono obiezioni di merito contro la valutazione con cui l Autorità ha ritenuto attendibili gli elementi presentati dalle associazioni dei produttori a prova dell incremento dei costi di produzione degli impianti mini-idro. Tale valutazione, che non è né illogica né irrazionale, non può essere evidentemente sindacata per quanto attiene al merito delle scelte tecnico discrezionali compiute dall Autorità. Sono comunque censure infondate nella parte in cui contestano la legittimità del provvedimento, per difetto di motivazione e istruttoria e contraddittorietà dei presupposti. 5

6 Per quanto concerne la posizione del controinteressato, va rilevato che attraverso l associazione di categoria Federpern Italia cui aderisce ha fornito ogni elemento utile ad un istruttoria sui prezzi, che peraltro la AEEG non ha recepito, indicando nella delibera valori inferiori a quelli prospettati. Quanto ai presupposti del provvedimento, essi paiono invece quanto mai coerenti con l indirizzo dell amministrazione di sostegno della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili: il mantenimento in regolare esercizio produttivo di questa importante realtà produttiva ha generato nel 2008, vedasi dati di consuntivo energia ritirata in regime di Ritiro Dedicato da parte del GSE (doc. 3), una producibilità pari a circa 1,859 miliardi di kwh, assolutamente non trascurabili se rapportati all energia elettrica consumata annualmente in Italia. Un ipotetica e non auspicabile riduzione delle tariffe a minimo garantito comporterebbe una fermata e/o definitiva chiusura delle piccole centrali idroelettriche, con ripercussioni sia sulla produzione di energia pulite sia in perdite di posti di lavoro. Va poi precisato che tali tariffe a minimo garantito sono divenute negli ultimi anni molto aderenti al prezzo di mercato rilevato nella borsa elettrica nazionale; anzi, nello scaglione compreso tra 1 milione e 2 milioni di kwh prodotti all anno sono INFERIORI a quelli di MERCATO (78 /MWH) contro contratti stipulati nel corso del 2008 con Trader nazionali per l anno 2009 a 92./MWH a tariffa unica indifferenziata, percepibili da impianti di grande taglia produttiva. Parimenti fuorvianti, senza alcun riscontro oggettivo, risultano essere le asserzioni della ricorrente sul tema della DIMINUZIONE dei costi di esercizio e manutenzione per gli impianti in oggetto, derivanti da analisi desunte da siti 6

7 internet di Associazioni generiche, non supportate da Professionisti qualificati operanti nello specifico settore Idroelettrico. Sono invece palesi i sostanziali aumenti di materiali e servizi accessori, canoni di concessione e canoni di uso di acque pubbliche registrati negli ultimi anni, nuove apparecchiature di protezione, nuovi contatori di misura elettronici, con relative tarature triennali, verifiche periodiche di sicurezza sugli impianti elettrici e meccanici, ecc, nonché i costi di mantenimento in esercizio delle opere idrauliche di competenza delle piccole centrali. Inoltre il ricorrente confonde il concetto tra il grande Idroelettrico e la MINI e MICRO HYDRO. Le evidenti diseconomie di scala sono realtà inconfutabili. Il costo di produzione di un grande impianto Idroelettrico risultano ben differenti se comparate con uno di piccola taglia; certamente un raffronto (in termini meramente economici) tra una generazione a FONTI FOSSILI e un grande Idroelettrico può essere logica; ma come non tenere in debito conto le componenti AMBIENTALI, con il grande beneficio dell intera collettività nazionale derivato dalla mancata emissione di gas serra e sostanze inquinanti l atmosfera ( CO2 SOX ecc,). Lo sfruttamento (sottoutilizzato) delle fonti rinnovabili è un obiettivo ritenuto altamente prioritario dalla Comunità europea (Direttiva 2001/77/CE), in considerazione dell impatto positivo del loro impiego sulla protezione dell ambiente e sullo sviluppo sostenibile. La forma alternativa di vendita dell energia prodotta dalle fonti rinnovabili, di cui all articolo 13, commi 3 e 4, del d.lgs. n. 387/03, costituita dal c.d. ritiro dedicato è funzionale a favorire un maggiore contributo delle fonti rinnovabili alla produzione di energia elettrica nel mercato italiano, anche da parte di produttori di piccola scala. 7

8 Il sistema dei prezzi minimi garantiti, in particolare, ha la finalità di consentire lo sfruttamento delle fonti rinnovabili anche marginali e residuali, proprio in ragione dei benefici che l utilizzo di tali fonti arrecano, anche laddove le ridotte dimensioni degli impianti e la scarsità delle fonti non consentano una produzione di energia elettrica remunerativa, cioè tale da essere almeno sufficiente a coprire i costi di esercizio e manutenzione dell impianto. I prezzi minimi garantiti consentono la sopravvivenza degli impianti di piccole dimensioni, e non costituiscono un incentivo alla produzione, non essendo finalizzati alla copertura dei costi di investimento. Sono definiti minimi proprio perché hanno la finalità di assicurare l economicità della produzione, qualora il prezzo ottenibile sul mercato sia in media inferiore al livello dei costi sostenuti (elevati) dei piccoli impianti alimentati da fonti rinnovabili. La piccola scala di tali impianti non consente loro di ammortizzare, attraverso la produzione, gli elevati costi fissi di esercizio e di manutenzione. La copertura dei costi di esercizio assicurata da tali prezzi vale peraltro solo per produzioni di modesta quantità, pari ai primi 2 milioni di kwh immessi (cfr.articolo 7, commi 4 e 5, della delibera n. 280/07). È chiaro quindi che, poiché la funzione dei prezzi minimi è sempre stata, sin dalla loro introduzione, quella di assicurare la sopravvivenza economica degli impianti di piccole dimensioni, il valore dei prezzi di ritiro è determinato in funzione dei costi di produzione di tali impianti (e non dell andamento del prezzo di mercato). Con la delibera n. 317/06, è stato avviato un procedimento per analizzare i costi di produzione degli impianti aventi diritto al ritiro dedicato. Nel corso di 8

9 tale indagine, è stato rilevato per l anno 2008 un aumento dei costi di produzione degli impianti idroelettrici di piccole dimensioni. In coerenza con la finalità istituzionale dei prezzi minimi, l Autorità ha adeguato i prezzi di ritiro dell energia per l anno 2008 all incremento dei costi di produzione dei mini idro. Tale intervento è una logica e ragionevole conseguenza della funzione di tali prezzi, perfettamente consequenziale rispetto alla causa del potere esercitato, che è da sempre quello di sostenere la sopravvivenza di tali imprese e non di incentivarne gli investimenti..*.*. La ricorrente lamenta l irretroattività dell aumento della componente tariffaria A3 a partire dal 1 gennaio 2008 e il danno che ne deriverebbe ai consumatori. Anche tale censura non merita di essere accolta. L aggiornamento tariffario della componente A3 opera a partire dal trimestre successivo all entrata in vigore della delibera ARG/elt 109/08. Nessun effetto retroattivo, quindi, si è prodotto sulla componente tariffaria con riguardo ai prezzi minimi praticati nel periodo antecedente all agosto Per quanto riguarda il presunto danno subito dai consumatori, la quantificazione suggerita dalla ricorrente è del tutto priva di riscontri. In verità i dati economici estrapolati dai dati forniti dal GSE, evincono che al Consumatore finale si imputano costi pari a circa 0, Euro/kWh (cinquecentonovantamillesimi di Euro) a consumatore. L onere aggiuntivo sopportato dagli utenti è quindi talmente esiguo da non essere nemmeno percepibile dal singolo consumatore. Inoltre, in una comparazione tra gli interessi in gioco, appare di gran lunga prevalente l interesse pubblico (degli stessi consumatori) allo sfruttamento 9

10 prioritario delle fonti rinnovabili nella produzione di energia elettrica, in ragione dei benefici in termini di protezione dell ambiente e sviluppo sostenibile che il loro impiego contribuisce a realizzare. Tutto ciò premesso, la SAGI S.n.c., rapp.ta e dom.ta ut supra CHIEDE che l Ecc.mo Tribunale Amministrativo voglia dichiarare il ricorso irricevibile e/o inammissibile o comunque rigettarlo perché infondato in fatto e in diritto. Con ogni conseguente pronuncia, anche in ordine alle spese del giudizio. Si depositano: 1. copia del ricorso notificato; 2. n. 2 relazioni sul costo di produzione dell energia elettrica per impianti idroelettrici; 3. documentazione tecnica GSE 13/2/2009. Vercelli/Milano, li 18 marzo (Avv. Alberto Savoini) (Avv. Mauro Pigino) 10

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita FederIdroelettrica Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed efficienza energetica Autorità

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 618/2013/R/EFR DEFINIZIONE DEL VALORE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI DI POTENZA FINO A 1 MW PER I QUALI È CONSENTITO L ACCESSO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Delibera n. 280/07 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 novembre 2007. Visti:

Delibera n. 280/07 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 novembre 2007. Visti: Delibera n. 280/07 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 DICEMBRE 2003, N. 387/03, E DEL COMMA

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 20 DICEMBRE 2012 559/2012/R/EEL REVISIONE DEI FATTORI PERCENTUALI CONVENZIONALI DI PERDITA APPLICATI ALL ENERGIA ELETTRICA PRELEVATA SULLE RETI DI MEDIA E BASSA TENSIONE E DISPOSIZIONI IN

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

RIDEFINIZIONE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA FINO A 1 MW ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

RIDEFINIZIONE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA FINO A 1 MW ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 486/2013/R/EFR RIDEFINIZIONE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA FINO A 1 MW ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Documento per la consultazione

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete Ritiro dedicato e Scambio sul posto TIPI DI ENERGIA EFV =Energia prodotta dall impianto FV Eu =Energia utilizzata EIMM = Energia immessa in rete EPREL =Energia prelevata dalla rete EFV =Energia prodotta

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

il mini eolico quanto costa e quanto rende

il mini eolico quanto costa e quanto rende il mini eolico quanto costa e quanto rende quanto costa e quanto rende Il costo di un sistema mini eolico installato chiavi in mano (IVA esclusa) per taglie comprese fra 5 kw e 20 kw è compreso fra 3.000

Dettagli

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ 1. Quando entra in vigore il DM 5 Luglio 2012, ovvero il Quinto Conto Energia? Il Quinto Conto Energia (il Decreto ) è entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale,

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 dicembre 2012 Pagina 1 di 7 PREMESSA

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01648/2014 REG.PROV.COLL. N. 02724/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

Decreta: Roma, 27 novembre 2014. D ordine del Ministro il capo di Gabinetto C OZZOLI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Decreta: Roma, 27 novembre 2014. D ordine del Ministro il capo di Gabinetto C OZZOLI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO l adozione del provvedimento di sottoposizione della cooperativa in oggetto alla procedura di liquidazione coatta amministrativa; Visto l art. 198 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267; Tenuto conto,

Dettagli

Modalità copertura gestione, verifica. ica

Modalità copertura gestione, verifica. ica Modalità operative per il riconoscimento delle tariffe a copertura dei costi sostenuti dal GSE per le attività di gestione, verifica e controllo relative ai meccanismii di incentivazione e sostegno delle

Dettagli

Il ritiro dedicato dell energia elettrica

Il ritiro dedicato dell energia elettrica Il ritiro dedicato dell energia elettrica prodotta da impianti fino a 10 MVA e da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili: la delibera n. 280/07 Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili,

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Ai sensi del D.Lgs n. 79/1999, non vi è decadenza dalle incentivazioni previste per le fonti di energia rinnovabile se le autorizzazioni

Dettagli

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 3 giugno 2008 - ARG/elt 74/08 Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna).

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna). Scheda D Analisi e valutazioni relative al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 di attuazione della Direttiva 2004/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e altre norme in materia di cogenerazione

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica da fonte

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO l articolo 1 del decreto legge n. 145 del 23 dicembre 2013, convertito, con

Dettagli

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Francesco Trezza GSE - Direzione Operativa - Unità Ingegneria Seminario Assolombarda Milano, 20-02- 2007 www.gsel.it

Dettagli

ARTICOLATO DELLA DELIBERAZIONE N. 34/05, COME MODIFICATO E INTEGRATO DALLE DELIBERAZIONI N. 49/05, N. 64/05, N. 165/05, N. 256/05 E N.

ARTICOLATO DELLA DELIBERAZIONE N. 34/05, COME MODIFICATO E INTEGRATO DALLE DELIBERAZIONI N. 49/05, N. 64/05, N. 165/05, N. 256/05 E N. ARTICOLATO DELLA DELIBERAZIONE N. 34/05, COME MODIFICATO E INTEGRATO DALLE DELIBERAZIONI N. 49/05, N. 64/05, N. 165/05, N. 256/05 E N. 300/05 Articolo 1 Definizioni 1.1. Ai fini dell applicazione delle

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA N. 10269/2012 REG.PROV.COLL. N. 08214/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Ter) ha pronunciato

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012 1 PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA Verona, 11 maggio 2012 Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni, 4-20100 Milano Tel 02 763281 2 Il D. Lgs 115/2008 Articolo

Dettagli

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 MASSIMA Obbligo di indicazione degli oneri per la sicurezza interferenziali. Offerta con ribasso di quasi 80%, offerta inattendibile. Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 N. 01147/2015 REG.PROV.COLL.

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016

DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016 DELIBERAZIONE 17 DICEMBRE 2015 625/2015/R/GAS DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Nella

Dettagli

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO?

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Rinnovabili: I nuovi incentivi per il settore elettrico Bolzano, 25 luglio 2012 INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Andrea Zaghi Centro Studi L Associazione Aper

Dettagli

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ).

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ). La tariffa fissa omnicomprensiva per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili diverse rispetto alla energia solare : natura e corretto trattamento da un punto di vista fiscale alla luce della Risoluzione

Dettagli

Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile

Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile Corso: I sistemi fotovoltaici connessi in rete e integrati negli

Dettagli

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori Seminario AEIT, 22 Maggio 2015 Agenda Contesto normativo e regolatorio Attività GSE Regole Tecniche

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL Atto n. 33/06 ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL DISPACCIAMENTO DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE CIP 6/92 Documento per la consultazione 5 dicembre 2006 1 Premessa Ai sensi della vigente normativa,

Dettagli

Spalma incentivi volontario

Spalma incentivi volontario Spalma incentivi volontario Guida alla lettura con esempi numerici Spalma incentivi volontario: guida alla lettura Riferimenti normativi: DECRETO LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 (c.d. Destinazione Italia

Dettagli

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale 1 CERTIFICATI VERDI, CONTO ENERGIA E TARIFFA ONNICOMPRENSIVA Legge Finanziaria 2008 (legge 24 Dicembre 2007, n. 244), art. 2, commi da 143 a 157, articolo 2, commi da 136 a 140 D.M 18/12/2008 (decreto

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Deliberazione 16 dicembre 2004 Determinazione del contributo tariffario da erogarsi ai sensi dell

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO. CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili -

ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO. CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili - ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili - Che cos'è E' in piccolo, quello che si fa con un impianto idroelettrico ma senza costruire una diga: l'acqua che

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 23 GENNAIO 2014 13/2014/R/EFR DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO A COPERTURA DEI COSTI SOSTENUTI DAI DISTRIBUTORI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA A

Dettagli

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili Incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi Sommario Incentivi alla Produzione di energia elettrica e termica da impianti

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna.

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna Bologna, Sezione Seconda, Sentenza del 2 settembre 2014 n. 834 sull inammissibilità del ricorso nell ipotesi in cui l atto di riassunzione venga

Dettagli

Le principali novità del V Conto Energia

Le principali novità del V Conto Energia Vittorio Chiesa L entrata in vigore Le modalità di accesso all incentivazione Lo scambio sul posto Le principali novità del V Conto Energia Il limite ai volumi incentivabili Le tariffe incentivanti www.energystrategy.it

Dettagli

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA IL COMMISSARIO AD ACTA DELIBERAZIONE n.1 del 15.2.2013 PREMESSO CHE: Con sentenza emessa dal TAR del LAZIO sede

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 6 30/04/2012 8.25 N. 00556/2012 REG.PROV.COLL. N. 00023/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Direzione Gestione Energia Roma, 25 luglio 2012 Contenuti Normativa di

Dettagli

IMPIANTO DI PIEVE TORINA

IMPIANTO DI PIEVE TORINA IMPIANTI IDROELETTRICI SUL CORSO DEL FIUME CHIENTI DI PIEVE TORINA IMPIANTO DI PIEVE TORINA PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 1 1. PREMESSA Per la migliore valutazione della proposta

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione infrastrutture, unbundling e certificazione infrastrutture@autorita.energia.it Milano, 4

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

Nuovo regime di ritiro dedicato. Delibera AEEG n. 280/07. Roma, 29 novembre 2007

Nuovo regime di ritiro dedicato. Delibera AEEG n. 280/07. Roma, 29 novembre 2007 Nuovo regime di ritiro dedicato Delibera AEEG n. 280/07 Roma, 29 novembre 2007 Nuovo regime di ritiro dedicato: Deliberazione AEEG n. 280/07 Contenuti: 1. Aspetti normativi della Deliberazione AEEG n.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale (Omissis)

Dettagli

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO DCO 38/11 CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti

Dettagli

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 33 del 22 luglio 2015 Sono presenti i componenti

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 29 dicembre 2008 - ARG/elt 206/08 Modifiche della deliberazione dell Autorità 29 dicembre 2007, n. 351/07 per la definizione di meccanismi di premi e penalità ad incentivazione della società

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 2 OTTOBRE 2014 478/2014/I/EFR PARERE AL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E AL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SULLO SCHEMA DI DECRETO RECANTE CRITERI PER LA RIMODULAZIONE

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

DELIBERA AEEG n. 280/07

DELIBERA AEEG n. 280/07 DELIBERA AEEG n. 280/07 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 DICEMBRE 2003, N. 387/03, E DEL

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 3/2015 Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità.

Dettagli

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER LO SCAMBIO

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI 151 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Settore Ambiente e Attività Produttive Servizio Ambiente Unità Organizzativa Energia PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

Fotovoltaico: rimodulazione delle tariffe incentivanti ed effetti sugli acconti per gli imprenditori

Fotovoltaico: rimodulazione delle tariffe incentivanti ed effetti sugli acconti per gli imprenditori Fotovoltaico: rimodulazione delle tariffe incentivanti ed effetti sugli acconti per gli imprenditori agricoli di Ennio Trivella - dottore commercialista e revisore legale Per effetto di quanto stabilito

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) SENTENZA N. 00376/2014 REG.PROV.COLL. N. 00440/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione energia elettrica Milano, 12 aprile 2006 1 Sommario 1. Introduzione...3 2. Il quadro normativo di

Dettagli

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Stefano Ristuccia Ravenna, 8 Ottobre 2008 Percorso 3 Energia Lab meeting M: Conto Energia e dintorni Prospettive

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 25 GIUGNO 2015 307/2015/R/EEL DETERMINAZIONI IN MERITO AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ESSENZIALI NELLA DISPONIBILITÀ DI ENEL PRODUZIONE S.P.A. L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL

Dettagli

HOME REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Seconda) SENTENZA.

HOME REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Seconda) SENTENZA. Torna alla pagina precedente HOME N. 00452/2014 REG.PROV.COLL. N. 00290/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Seconda)

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 26 FEBBRAIO 2015 75/2015/R/GAS CHIUSURA DEL PROCEDIMENTO, AVVIATO CON DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ 350/2013/R/GAS, PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE AGLI ANNI 2012 E 2013 DELLA

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 1 Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 PICCOLI impianti IAFR Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo all energia immessa

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

CENTRALI FRIGORIFERE

CENTRALI FRIGORIFERE CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Caesar s Hotel- via Darwin 2/4 Cagliari 8 maggio 2014 - CAGLIARI Delibera AEEG del 19 dicembre 2013 n.607/2013/r/eel: La nuova tariffa elettrica

Dettagli

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti Impianti fotovoltaici su immobili pubblici e risparmio energetico nella pubblica amministrazione: Un opportunità per il riequilibrio dei conti (A cura dell Ing. Gianluca Toso) 1. Cenni sul Nuovo Conto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte 2^ Sezione ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte 2^ Sezione ha pronunciato la seguente TAR Piemonte, Sez. II, Sentenza n. 1180 del 10 marzo 2007 Nel concorso per titoli ed esami indetto dalla ASL per la copertura di un posto di dirigente medico, la mancata predeterminazione dei criteri di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Prima) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Prima) SENTENZA T.A.R. Liguria, sez. I, 15 gennaio 2014, n. 96 Edilizia e urbanistica - Sanatoria edilizia - Reiezione di concessione in sanatoria per mancanza requisiti di abitabilità - Legittimità. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA - Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia Sezione staccata di SENTENZA LAZZARINI ANGELO,

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia Sezione staccata di SENTENZA LAZZARINI ANGELO, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia Sezione staccata di Brescia ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n. 113/1992, proposto

Dettagli

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail. Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.com TRIBUNALE DI MILANO Magistratura del Lavoro - Ricorso ex artt. 414-442

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 98 del 2010, integrato da motivi aggiunti,

sul ricorso numero di registro generale 98 del 2010, integrato da motivi aggiunti, N. 00041/2011 REG.PROV.COLL. N. 00098/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento (Sezione Unica) ha pronunciato

Dettagli

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli