ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE"

Transcript

1 RECESSO DEL SOCIO ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE A) Valore di liquidazione della quota superiore al corrispondente valore contabile del patrimonio netto Consideriamo il caso in cui: la società ha un capitale sociale di euro ,00; il socio che recede partecipa al 20%; il valore dell intera azienda societaria è pari ad euro ,00, di cui: euro 5.000,00 relativi a riserve di utili di precedenti esercizi non distribuiti; euro ,00 relativi ad utili in corso di maturazione nel periodo compreso tra l inizio dell esercizio e la data di efficacia del recesso; euro ,00 relativi ad un maggior valore rispetto a quello contabile degli impianti; euro ,00 per avviamento latente. La contabilizzazione della liquidazione della quota può essere eseguita sulla base degli orientamenti precedentemente visti nel capitolo dedicato agli aspetti fiscali. Abbiamo le seguenti possibilità. a) Iscrizione nell attivo di bilancio della differenza tra valore di liquidazione e quello contabile a titolo di avviamento La liquidazione della quota potrebbe essere così contabilizzata: Diversi a Debiti per liquidazione ,00 quota Capitale sociale ,00 Riserva utili esercizi 1.000,00 precedenti Avviamento ,00 Il conto Avviamento va iscritto alla voce B) I 5) nell attivo dello stato patrimoniale, e sarà ammortizzato in più esercizi.

2 260 Parte II: Eserciziario b) Rivalutazione dei beni recanti plusvalenze latenti L intera operazione di liquidazione della quota potrebbe essere così contabilizzata: b1) rivalutazione di beni Impianti a Riserva di rivalutazione ,00 Il conto Riserva di rivalutazione va iscritto nel passivo dello stato patrimoniale alla voce A) III, e costituisce una posta del patrimonio netto. b2) liquidazione della quota. Diversi a Debiti per liquidazione quota ,00 Capitale sociale ,00 Riserva utili esercizi 1.000,00 precedenti Utili in corso di formazione 6.000,00 Riserva di rivalutazione 2.000,00 Avviamento 6.000,00 c) Iscrizione di un credito verso gli altri soci Diversi a Debiti per liquidazione quota ,00 Capitale sociale ,00 Riserva utili esercizi precedenti 1.000,00 Crediti verso soci ,00 d) Imputazione a conto economico La liquidazione della quota potrebbe essere così contabilizzata: Diversi a Debiti per liquidazione quota ,00 Capitale sociale ,00 Riserva utili esercizi precedenti 1.000,00 Utili in corso di maturazione 6.000,00 Costi di avviamento 8.000,00 per liquidazione quota I conti Costi di avviamento per liquidazione quota e Utili in corso di maturazione costituiscono componenti negativi di reddito di competenza dell esercizio nel quale ha efficacia il recesso, di natura straordinaria, da allocare alla voce E) 21) del conto economico.

3 Recesso del socio 261 Nel caso in cui, in luogo di utili, stiano invece maturando perdite nel periodo compreso tra l inizio dell esercizio e la data di efficacia del recesso (ad esempio, euro ,00), la scrittura contabile che si propone è la seguente: Diversi a Diversi Capitale sociale ,00 Riserva utili esercizi precedenti 1.000,00 Costi di avviamento 8.000,00 per liquidazione quota ,00 a Debiti per liquidazione quota ,00 a Rimborso perdite infrannuali 3.000,00 Il conto Rimborso perdite infrannuali costituisce un componente positivo di reddito, di natura straordinaria, da allocare alla voce E) 20) del conto economico. Negli esempi fatti, si è sempre considerato che la liquidazione della quota del socio receduto abbia comportato anche una riduzione del capitale sociale, corrispondente all ammontare sottoscritto dal socio receduto. Per evitare il possibile problema causato dall art c.c., ossia l opposizione alla riduzione del capitale sociale da parte dei creditori sociali (problema invero più teorico che pratico, in quanto è molto difficile che i creditori consultino il registro delle imprese, oltretutto con cadenza quasi trimestrale, per informarsi sulle operazioni compiute dalla società), è opportuno evitare di procedere a tale riduzione, ed utilizzare finché possibile le riserve. Per esemplificare consideriamo il seguente caso: la società ha un capitale sociale di euro ,00; il socio che recede partecipa al 20%; gli altri due soci partecipano al 40% ciascuno; il valore dell intera azienda societaria è pari ad euro ,00, di cui: euro ,00 relativi a riserve di utili di precedenti esercizi non distribuiti; euro ,00 relativi ad utili in corso di maturazione nel periodo compreso tra l inizio dell esercizio e la data di efficacia del recesso; euro ,00 relativi ad un maggior valore rispetto a quello contabile delle immobilizzazioni materiali e ad avviamento. La scrittura contabile della liquidazione della quota che si propone è la seguente: Diversi a Debiti per liquidazione quota ,00 Riserva utili esercizi precedenti ,00 Utili in corso di maturazione 2.000,00 Costi di avviamento 2.000,00 per liquidazione quota

4 262 Parte II: Eserciziario L uscita del socio con invarianza del capitale sociale determina una variazione della misura della partecipazione ai diritti patrimoniali e amministrativi dei soci rimasti. In pratica, la quota di capitale sociale del receduto viene ripartita tra i restanti soci in proporzione alla quota di capitale sociale da essi posseduta prima dell uscita. Nell esempio considerato, ciascun socio superstite parteciperà al 50%. Quest ultima scrittura contabile è identica a quella che va eseguita quando a recedere è il socio d opera, dato che tale socio non ha una partecipazione al capitale sociale. B) Valore di liquidazione della quota inferiore al corrispondente valore contabile del patrimonio netto. Consideriamo il caso in cui: la società ha un capitale sociale di euro ,00; non sono presenti perdite pregresse portate a nuovo; il socio che recede partecipa al 20%; il valore dell intera azienda societaria è pari ad euro ,00, per effetto di minusvalenze latenti sui beni aziendali e di perdite in corso di maturazione. Tenuto conto di quanto indicato nel principio contabile n. 28 approvato dai Consigli Nazionali dei dottori commercialisti e dei ragionieri, secondo cui la differenza negativa rispetto al valore contabile della quota va accreditata alle perdite portate a nuovo o a riserva, la liquidazione della quota potrebbe essere così contabilizzata: Capitale sociale a Diversi ,00 a Debiti per liquidazione quota 8.000,00 a Riserva straordinaria 4.000,00 da liquidazione quota Il conto Riserva straordinaria da liquidazione quota va iscritto nel passivo dello stato patrimoniale alla voce A) III, e costituisce una posta del patrimonio netto. ESERCIZIO 2 PARTECIPAZIONE ALLE OPERAZIONI IN CORSO La partecipazione alle operazioni in corso può produrre un risultato positivo o negativo a favore del socio, dipendente dal loro esito. Considerando l esempio precedente, nel caso in cui le operazioni in corso al momento del recesso abbiano prodotto un utile di euro ,00 la scrittura sarà la seguente: Utili su operazioni in corso a Debiti per liquidazione 2.000,00 operazioni in corso

5 TRASFORMAZIONE DI UNA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO IN UNA SOCIETÀ PER AZIONI SCHEMA DI SVOLGIMENTO: 1. Aspetti essenziali della trasformazione di una società in nome collettivo in una società per azioni. 2. Impostazioni contabili 3. Analisi di un caso pratico. 1. ASPETTI ESSENZIALI DELLA TRASFORMAZIONE DI UNA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO IN UNA SOCIETÀ PER AZIONI Alcuni lineamenti giuridici L istituto della trasformazione è stato notevolmente rinnovato con la riforma del diritto societario. Il previgente art c.c. permetteva la trasformazione di società di persone in società di capitali (c.d. trasformazione evolutiva) per eliminare la responsabilità patrimoniale dei soci. Può essere attuata la trasformazione anche in pendenza di procedura concorsuale (purché non esista incompatibilità con le finalità della stessa). Il primo comma dell art conferma l obbligo dell atto pubblico per la trasformazione in società di capitali. L art stabilisce che con la trasformazione l ente trasformato conserva i diritti e gli obblighi e prosegue in tutti i rapporti anche processuali del soggetto giuridico che ha effettuato la trasformazione. Il principio di continuità dei rapporti giuridici comporta il riconoscimento, all istituto della trasformazione, di una mera vicenda modificativa dell originario contratto sociale mutamento dell atto costitutivo e non estinzione della società preesistente con creazione di un nuovo soggetto, anche se assume personalità giuridica; assenza quindi di novazione soggettiva che non implica trasferimenti di elementi patrimoniali. La società trasformata continua l attività d impresa con una veste giuridica diversa. L art ter disciplina la trasformazione di società di persone. La trasformazione di una società in nome collettivo in una società per azioni comporta solamente una nuova organizzazione della stessa con un nuovo regime giuridico (trasformazione omogenea). Per questo motivo non è necessario versare in un istituto di credito il 25% del denaro presente nella società che si trasforma. Tale versamento dovrà essere effettuato se con l operazione di trasformazione vi sarà l ingresso di nuovi soci. La decisione di trasformare una società di persone in società di capitali può essere presa con il consenso della maggioranza dei soci determinata secondo la parte attribuita a ciascuno negli utili (prima era necessario il consenso unanime dei soci). In ogni caso, al socio che non ha concorso alla decisione spetta il diritto di recesso. Per le obbligazioni anteriori all iscrizione nel registro delle imprese della delibera di trasformazione, i

6 448 Parte III: Temi svolti soci a responsabilità illimitata non sono liberati dai loro obblighi inadempiuti, se non risulta che i creditori sociali hanno dato il consenso alla trasformazione consenso che si presume se i creditori sociali, ai quali la delibera di trasformazione deve essere comunicata per raccomandata (o con altri mezzi che garantiscano la prova dell avvenuto ricevimento) o non lo hanno espressamente negato nel termine di 60 giorni. I creditori sociali non possono opporsi alla trasformazione, ma solamente alla liberazione del socio dalla responsabilità per le obbligazioni precedenti. In caso di fallimento della società trasformata, i soci illimitatamente responsabili falliscono anch essi (art. 147 l.f.) in riferimento ai debiti insoluti risalenti agli esercizi anteriori alla trasformazione. Il fallimento non può essere dichiarato decorso un anno dall iscrizione della delibera di trasformazione nel registro delle imprese o se i creditori sociali hanno liberato i soci per le obbligazioni precedenti). 2. IMPOSTAZIONI CONTABILI Capitale risultante dalla trasformazione In maniera diversa da quanto indica il nuovo art c.c. (che regola la trasformazione stabilendo la continuità dei rapporti giuridici), l art ter (trasformazione di società di persone in società di capitali) prescrive che il capitale sociale della società trasformata debba essere determinato sulla base dei valori attuali (o correnti) degli elementi e del passivo, come stabiliti nella relazione di stima redatta dall esperto nominato dal tribunale (per evitare che le attività non siano sopravalutate e le passività sottostimate), in modo tale che il patrimonio iniziale presente nella società risultante dalla trasformazione sia almeno uguale al valore indicato come capitale nominale (che non potrà mai superare la valutazione patrimoniale indicata dall esperto). Se la perizia attesta una consistenza effettiva del patrimonio inferiore ai valori di libro dei beni, la società che deve trasformarsi è obbligata ad adeguare questi valori a quelli di perizia mediante l iscrizione di un apposito fondo svalutazione in riduzione delle voci dell attivo sopravvalutate e consequenziale riduzione del capitale netto. Il valore del patrimonio netto risultante dalla trasformazione non deve essere, comunque, imputato interamente al capitale sociale, ma potrà essere ripartito in capitale nominale e riserve. Nell ipotesi di trasformazione di società di persone in società di capitali non esiste alcuna prescrizione legislativa che imponga di imputare a capitale della società trasformata il patrimonio netto della società di persone, di ammontare superiore al capitale preesistente (e attestato dal perito). La disposizione in esame permette, quindi, di rivalutare i beni (in deroga a quanto previsto dall art c.c. criteri di valutazione; rivalutazioni possibili con l applicazione degli IAS) che nei precedenti bilanci erano iscritti al valore di costo, sebbene permanga l unicità dell azienda trasformata e non esista alcun trasferimento patrimoniale da un soggetto ad un altro. Il 2 comma dell art quater (con significativa innovazione) stabilisce che il socio d opera ha diritto all assegnazione di un numero di azioni (o di una quota) in misura corrispondente alla partecipazione che l atto costitutivo gli riconosceva precedentemente alla trasformazione o, in mancanza, d accordo tra i soci ovvero, in assenza di patto, determinata dal giudice. Le azioni (o quote) assegnate agli altri soci si riducono proporzionalmente. Sostanzialmente la norma indica che la presta-

7 Trasformazione di una società in nome collettivo in una società per azioni 449 zione lavorativa conferita dal socio, valutata (attraverso la stima del valore attuale delle prestazioni future) e imputata al capitale della S.n.c. che si trasforma, la corrispondente partecipazione viene proporzionata al capitale della società trasformata. In caso contrario, al socio d opera vengono assegnate azioni riducendo proporzionalmente quelle attribuite ai soci che avevano conferito beni in proprietà. Pertanto, con la trasformazione viene mantenuta la pregressa posizione del socio d opera, che non viene escluso per impossibilità sopravvenuta a prestare la propria opera a causa del divieto posto dall ultimo comma dell art c.c. («Non possono formare oggetto di conferimento le prestazioni d opera e di servizi»). Ad esempio, nella S.n.c. che si trasforma vi sono tre soci di cui: due hanno conferito beni in proprietà per un valore pari a euro 99 ciascuno; il terzo la propria opera valutata anch essa 99. Il capitale della S.n.c. risulta di euro 297 (è stata capitalizzata l attività lavorativa). Se la S.n.c. si trasforma (con stima peritale), le azioni assegnate al socio d opera avranno un valore di euro 99 (così pure quelle attribuite agli altri soci). In maniera diversa, se il contratto sociale della S.n.c. non contiene la valutazione dell attività lavorativa (è necessario, comunque, che il capitale sociale accolga tutte le entità conferibili) e il socio d opera partecipa agli utili (art c.c.), l assegnazione delle azioni della società trasformata verrà ripartita riducendo quelle attribuite ai soci non prestatori d opera. Nel caso esaminato: valore azioni emesse euro 198; al socio d opera saranno assegnate azioni per euro 66; uguali a quelle distribuite agli altri soci. Bilancio di chiusura Poiché con la trasformazione in esame si verifica una modifica del regime giuridico e fiscale (la società trasformata è soggetta ad IRES, la prima ad IRE), è necessario separare la gestione svolta prima del cambiamento della forma societaria, da quella svolta successivamente. La società trasformanda procede alla formazione del bilancio di chiusura. Trattasi di un bilancio ordinario infrannuale finalizzato alla determinazione dei valori contabili delle attività e passività che compongono il patrimonio sociale e del calcolo del risultato economico ante trasformazione. La società trasformata riapre la contabilità con i valori di trasformazione risultanti dal bilancio straordinario. Le operazioni contabili attinenti alla trasformazione possono riassumersi nel modo seguente: 1) rettifiche dei valori attivi e passivi del patrimonio, 2) determinazione del capitale netto di trasformazione; 3) eventuale conguaglio fra i soci; 4) trasferimento delle attività e passività alla società trasformata; 5) apertura dei conti della società trasformata. Numerosi autori rilevano in un conto speciale, avente natura di netto e denominato «Rettifiche di trasformazione», i valori di assestamento al fine di armonizzare i valori esposti nella contabilità prima della trasformazione, con quelli evidenziati dal perito. Il saldo di questo conto è successivamente imputato al conto «Capitale netto di trasformazione» (aumentandolo o riducendolo). Riteniamo che se tali rettifiche de-

8 450 Parte III: Temi svolti rivino dall assunzione di valori correnti, esse non devono influenzare la contabilità della società trasformanda, la quale deve procedere alla chiusura dei conti e alla determinazione dell utile o della perdita per il periodo che precede la trasformazione, con i criteri valevoli per il bilancio ordinario di esercizio, dal momento che con l operazione in esame non si verifica un trasferimento di beni. 3. ANALISI DI UN CASO PRATICO La società in nome collettivo Y, composta dai soci A, B, C, ha un capitale sociale di euro Il socio A ha conferito euro (67%); il socio B euro (16,5%); il socio C euro (16,5%). In data 1/7/n, di comune accordo, viene decisa la trasformazione in una società per azioni. Situazione contabile Impianti e macchinari Fondo ammortamento impianti Crediti clienti Denaro in cassa Capitale sociale Riserva Debiti v/fornitori Banca c/c Costi di esercizio: oneri diversi di gestione Ricavi di esercizio Scritture di assestamento relative al periodo fra inizio di esercizio e data di effetto della trasformazione, necessarie per la tassazione dei redditi della S.n.c. Si rilevano le quote di ammortamento per 6/12 (con aliquota del 12%). Registrazione in partita doppia. Ammortamento a Fondo ammortamento impianti e macchinari impianti e macchinari Si registrano interessi passivi maturati sullo scoperto bancario. Interessi passivi a Banca c/c Si quantificano rimanenze prodotti finiti. Magazzino prodotti finiti a Variazioni rimanenze prodotti finiti

9 Trasformazione di una società in nome collettivo in una società per azioni 451 Effettuate le operazioni di assestamento, la situazione contabile appare così espressa: Attivo Stato Patrimoniale Passivo B) Immobilizzazioni: A) Patrimonio netto: II - Immobilizzazioni materiali: 2) impianti e macchinari I - Capitale Fondo ammortamento VII - Altre riserve C) Attivo circolante: I - Rimanenze: IX Perdita d esercizio in corso ) prodotti finiti D) Debiti: II Crediti: 4) verso banche ) verso clienti ) verso fornitori IV Disponibilità liquide: 3) denaro in cassa Conto Economico A) Valore della produzione: 1) Ricavi delle vendite ) Variazioni delle rimanenze di prodotti finiti B) Costi della produzione: 10) ammortamenti e svalutazioni: b) ammortamento impianti e macchinari ) Oneri diversi di gestione Differenza fra valore e costi di produzione (A - B) C) Proventi e oneri finanziari: 17) interessi e altri oneri finanziari ) Perdita d esercizio in corso I soci decidono di reintegrare totalmente la perdita provvisoria d esercizio in proporzione alle percentuali di partecipazione. Diversi a Perdita d esercizio Socio A c/reintegro Socio B c/reintegro Socio C c/reintegro Cassa a Diversi a Socio A c/reintegro a Socio B c/reintegro a Socio C c/reintegro 6.401

10 452 Parte III: Temi svolti Reintegrata la perdita, la situazione patrimoniale (che viene consegnata al perito), risulta così aggiornata, secondo l art. 2500ter c.c.: Attivo Stato Patrimoniale Passivo A) Patrimonio netto: B) Immobilizzazioni: II - Immobilizzazioni materiali: I - Capitale ) impianti e macchinari fondo ammortamento VII - Altre riserve C) Attivo circolante: D) Debiti: I - Rimanenze: 4) prodotti finiti ) debiti verso banche II - Crediti: 1) verso clienti ) debiti verso fornitori IV) Disponibilità liquide: 3) denaro in cassa Epilogo di alcune parti ideali a patrimonio netto di trasformazione. Diversi a Patrimonio netto di trasformazione Capitale sociale Altre riserve Trasferimento delle attività e passività alla società trasformata. Diversi a Diversi Banca c/c Fornitori Socio A c/trasformazioni Socio B c/trasformazioni Socio C c/trasformazioni a Impianti a Magazzino prodotti finiti a Crediti v/clienti a Cassa Chiusura dei conti. Patrimonio netto a Diversi di trasformazione a Socio A c/trasformazioni a Socio B c/trasformazioni a Socio C c/trasformazioni Situazione patrimoniale redatta dal perito. Successivamente, l esperto nominato dal Tribunale, redige la seguente situazione patrimoniale (bilancio straordinario di trasformazione).

11 Trasformazione di una società in nome collettivo in una società per azioni 453 Attività Stato patrimoniale Passività e netto Impianti e macchinari Fondo imposte Fondo ammortamento Magazzino prodotti finiti Crediti clienti Banca c/c Fondo svalutazione Fornitori Cassa Capitale netto di trasformazione Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti: prestazioni socio d opera Scritture contabili della società trasformata Le immobilizzazioni materiali sono state svalutate in relazione al maggior grado di usura. I prodotti finiti sono stati adeguati al valore di realizzo sul mercato, al netto dei costi di commercializzazione. I crediti sono stati svalutati in base al presumibile valore di realizzo. Si è proceduto ad un accantonamento al fondo imposte per accertamenti tributari. È stata capitalizzata la residua prestazione d opera di un socio (socio B); prestazione prevista nel contratto della S.n.c. e inizialmente capitalizzata. Le rettifiche di trasformazione non sono transitate nella contabilità generale della società in nome collettivo. Sono state inserite in un prospetto extracontabile e successivamente iscritte in un nuovo libro giornale della società trasformata, come parte del bilancio d apertura. Apertura dei conti della società trasformata nei suoi nuovi libri contabili (bilancio straordinario di trasformazione). Contabilizzazione. Diversi a Diversi Impianti e macchinari Magazzino prodotti finiti Crediti clienti Cassa Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti prestazioni socio d opera a Fondo ammortamento a Fondo svalutazione crediti a Fondo imposte a Fornitori a Banca c/c a Capitale netto di trasformazione

12 454 Parte III: Temi svolti Imputazione integrale del capitale netto di trasformazione al capitale sociale. Capitale netto a Capitale sociale di trasformazione Di seguito verranno assegnate le azioni emesse agli ex soci della S.n.c. in proporzione alle precedenti partecipazioni (con eventuali conguagli). Bilancio d apertura della società trasformata È opportuno che venga redatto il bilancio d apertura della società trasformata, sebbene non esplicitamente richiesto. Sostanzialmente, esso coincide con la situazione patrimoniale compilata dall esperto, in quanto accoglie i valori da costui stimati. Problematiche relative all iscrizione del capitale nel bilancio della società trasformata Persistono ancora dei dubbi sulla possibilità d iscrizione nel bilancio della società trasformata di valori inferiori a quelli risultanti dalla perizia ex art c.c. Alcuni studiosi lo ritengono possibile attraverso la stessa lettura del citato articolo, che prevede l adozione di criteri prudenziali con il controllo, entro 180 giorni dalla iscrizione della trasformazione, delle valutazioni contenute nella perizia da parte degli amministratori, i quali devono procedere alla revisione della stima se sussistono fondati motivi (norma richiamata dal 2 comma, art ter c.c). Altri affermano che sia necessario non superare il valore complessivo attribuito dal perito al patrimonio aziendale, ritenendo valida la possibilità di valutare i singoli beni in misura maggiore o minore di quella evidenziata dall esperto; altri ancora sostengono che la società è obbligata ad adeguare i valori di bilancio a quelli di perizia solamente se da questa risultano valutazioni inferiori a quelli di libro attraverso l iscrizione di un apposito fondo svalutazione delle voci dell attivo sopravvalutate. Reputiamo che il bilancio di apertura della società trasformata debba accogliere i valori attuali degli elementi dell attivo e del passivo indicati nella perizia, come prescritto dal menzionato art ter, 2 comma, che indica la discontinuità dei valori. Aspetti tributari Imposte dirette L art. 170 TUIR dispone che la trasformazione della società non costituisca realizzo, né distribuzione delle plusvalenze e minusvalenze dei beni, comprese quelle relative alle rimanenze e al valore dell avviamento. Il legislatore tributario, sul presupposto che la trasformazione salvaguarda il patrimonio esistente, stabilisce il principio di neutralità fiscale. L operazione non genera materia imponibile purché la società trasformata assuma i beni ai medesimi valori fiscali precedentemente riconosciuti. Ne consegue che i maggiori valori iscritti nella contabilità della trasformata, validi ai fini civili, non concorrono a formare il suo reddito (le plusvalenze emergeranno successivamente all atto dell eventuale cessione di tali beni). Nella stessa maniera risultano fiscalmente irrilevanti le minusvalenze riscontrate.

13 Trasformazione di una società in nome collettivo in una società per azioni 455 In ottemperanza al sopra indicato art. 170, le riserve costituite prima della trasformazione con utili imputati ai soci (art. 5 TUIR), se dopo la trasformazione sono state iscritte in bilancio con indicazione della loro origine (riserve ex s.n.c.), non concorrono a formare il reddito dei soci in caso di distribuzione. L imputazione di esse a capitale e successiva distribuzione non implica la loro tassazione come dividendi percepiti. Il primo bilancio della nuova società trasformata comprenderà il periodo di esercizio relativo alla gestione della ex s.n.c. (già tassato) e quello successivo all operazione (da assoggettare ad IRES). Riporto delle perdite nella trasformazione. Nella trasformazione di società di persone in società di capitali, dal momento che le perdite prodotte dalla società trasformanda prima dell operazione sono già state imputate ai vari soci in proporzione alla loro quota di partecipazione agli utili, esse non potranno più essere riportate dalla società trasformata. IRAP Per le dichiarazioni ai fini dell IRAP si osserveranno le disposizioni e i termini previsti per le dichiarazioni dei redditi. Imposte indirette IVA L operazione di trasformazione è ininfluente ai fini IVA. Le «cessioni» di beni effettuate in occasione di questa operazione non sono soggette ad imposta. La variazione intervenuta deve essere comunicata all ufficio competente entro 30 giorni. La dichiarazione annuale IVA, presentata dalla società trasformata, conterrà le operazioni ante e post trasformazione. Imposta di registro La lettera C dell art. 4 della tariffa allegata, parte I, al D.P.R , n. 131, assoggetta ad imposta fissa le trasformazioni societarie (euro 168). La registrazione la deve effettuare il notaio. L atto non è soggetto a valutazione da parte dell Ufficio.

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica Dott. Francesco Masci Definizione Limitazione della nostra trattazione al conferimento d azienda o di ramo d

Dettagli

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione Finalità della liquidazione Trasformazione in denaro delle attività Estinzione delle passività Distribuzione tra i soci dell attivo netto residuo Cause

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE 1 Operazione di natura straordinaria modificazione della forma giuridica senza che consiste nella -mutamento del soggetto

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Dott.ssa Silvia Bocci SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Aspetti pratici e fiscali Giovedì 11 novembre 2004 Auditorium della Cultura e della Economia - Prato

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE Evento organizzato da R LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE con la collaborazione di e la sponsorizzazione di Materiale didattico non vendibile riservato

Dettagli

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I 20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I Il candidato proceda preventivamente ad illustrare sotto il profilo civilistico e fiscale le caratteristiche dell operazione di cessione d azienda. Successivamente

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto.

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. A) IX - Utile (perdita) di esercizio - Premessa Come stabilito dalla Nota operativa

Dettagli

Stazione di Erba - Anni 30

Stazione di Erba - Anni 30 1 Stazione di Erba - Anni 30 2 3 Eurocombi S.r.l. in liquidazione Liquidatore Massimo Stoppini BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE 6 BILANCIO DI ESERCIZIO 31.12.2013 _ Situazione Patrimoniale

Dettagli

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 ESERCIZIO N.1 Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 Stato Patrimoniale al 31.12.2001 B) IMMOBILIZZAZIONI A) PATRIMONIO NETTO I Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

CRED.IT SOCIETA' FINANZIARIA SPA. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

CRED.IT SOCIETA' FINANZIARIA SPA. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 CRED.IT SOCIETA' FINANZIARIA SPA Codice fiscale 10954791009 Partita iva 10954791009 VIA FRATTINA 89-00187 ROMA RM Numero R.E.A. 1267202 Registro Imprese di ROMA n. 10954791009 Capitale Sociale 1.500.000,00

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Reg. Imp. 96015140823 Rea 259417 Sede in VIA GARIBALDI 2 C/O UFFICI COMUNALI - 90018 TERMINI IMERESE (PA) Capitale sociale Euro 100.000,00 di cui Euro 79.250,00

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Le imposte nell informativa di bilancio

Le imposte nell informativa di bilancio Le imposte nell informativa di bilancio 1 Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it Brescia, 5 marzo 2015 OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC 28: Patrimonio Netto www.pirolapennutozei.it OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera www.pirolapennutozei.it

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 Introduzione Il Bilancio al 31 Dicembre 2014 è formato dallo

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Via Poli 29, 00187 Roma

Organismo Italiano di Contabilità Via Poli 29, 00187 Roma Organismo Italiano di Contabilità 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 Sito: Fondazioneoic.it Organismo Italiano di Contabilità Via Poli 29, 00187 Roma Proposte in materia di bilancio

Dettagli

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 Nota integrativa del bilancio al 31 dicembre 2011 ** ** ** I. STRUTTURA

Dettagli

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità)

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità) Esercitazione II In data 28 Febbraio X la società Alfa S.p.A. acquista una partecipazione del 75% nella società Beta S.p.A. pagando un prezzo di euro 13.000. Lo stato patrimoniale della società controllata

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO 1 GIOVANI E AMICI COOPERATIVA SOCIALE A RL Sede in TERRASSA PADOVANA, VIA NAVEGAURO, 50 Codice Fiscale e Partita Iva: 02269930281 Iscrizione Albo Cooperative n. A122759 Sezione Cooperative Mutualità Prevalente

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento sono le scritture di fine periodo che modificano, con operazioni di storno e di integrazione, i «dati grezzi» desunti dalla contabilità generale

Dettagli

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011 Tirreno Acque S.c.r.l. - Bilancio finale di liquidazione Codice Fiscale 01500410509 Tirreno Acque - Società consortile a responsabilità limitata in liquidazione Capitale sociale 70.232,00 i.v. Sede in

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 Il Preventivo Economico 2015, approvato dal Consiglio con delibera n.13 del 16/12/2014, è stato redatto secondo le indicazioni dettate

Dettagli

LE SOCIETA DI PERSONE

LE SOCIETA DI PERSONE DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA LE SOCIETA DI PERSONE PARTE SECONDA PAOLO VILLA martedi 28 ottobre 2014 SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011 La costituzione delle spa I finanziamenti dei soci 23 marzo 2011 1 le fonti di finanziamento Possono essere a titolo di: capitale proprio o di rischio (patrimonio netto) capitale di debito o di terzi (passività)

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO Art. 2426 c.c. SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE LA PARTECIPAZIONE E VALUTATA PER UN IMPORTO PARI ALLA CORRISPONDENTE FRAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI & ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI Sede in VIA N. COLAJANNI 4-00100 ROMA Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 24.229

Dettagli

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI 11.1. Il prestito obbligazionario: aspetti giuridici ed economicoaziendali Il prestito obbligazionario rappresenta una modalità di finanziamento a medio-lungo

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

Il metodo della partita doppia

Il metodo della partita doppia DISPENSA 4 Economia ed Organizzazione Aziendale Il metodo della partita doppia - Parte II - 1 La tecnica di redazione del bilancio Per la definizione delle varie voci di bilancio è necessario contabilizzare

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni d azienda Cessione d azienda (Cap. I) Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 9 IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO

ESERCITAZIONE N. 9 IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO Le imposte rappresentano una quota del reddito di esercizio da erogare allo Stato. Le differenti normative civile e fiscale, considerano diversamente alcuni componenti di reddito (positivi

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

CONFERIMENTO D AZIENDA

CONFERIMENTO D AZIENDA CONFERIMENTO D AZIENDA Relatore - Dott. Giulio Salvi Università degli Studi di Bergamo 22 Febbraio 2008 1 Studio Legale Tributario in association with Definizione Il conferimento d azienda è un operazione

Dettagli

Snc e sas: la destinazione dell utile, la copertura della perdita e i finanziamenti

Snc e sas: la destinazione dell utile, la copertura della perdita e i finanziamenti Albez edutainment production Snc e sas: la destinazione dell utile, la copertura della perdita e i finanziamenti Classe IV ITC 1 In questo modulo: La destinazione dell utile d esercizio La copertura delle

Dettagli

Operazioni tipiche di una s.n.c.: rilevazioni in Co.Ge.

Operazioni tipiche di una s.n.c.: rilevazioni in Co.Ge. Esercitazioni svolte 2013 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 6 Operazioni tipiche di una s.n.c.: rilevazioni in Co.Ge. Raffaela Caputo In data 12/04/n (1 esercizio) tra i sigg. Rossi, Verdi e Fini si costituisce

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA TEMI SOTTOPOSTI AI CANDIDATI ANNO 2002 - SECONDA SESSIONE PRIMA PROVA SCRITTA PROVA N. 1 Il candidato rediga il bilancio di verifica

Dettagli

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE Il codice civile si prefigge la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della società con chiarezza ed in modo veritiero e corretto mentre

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA Svolgimento della prima prova scritta I temi scelti dalla Commissione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

FONDAZIONE THEVENIN - Onlus. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014

FONDAZIONE THEVENIN - Onlus. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 C.F. 80000150518 P.I. 02106220516 FONDAZIONE THEVENIN - Onlus Sede in via Sassoverde n.32-52100 AREZZO (AR) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 Premessa Attività svolte La Fondazione svolge

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

S.E.A.B. S.p.A. Nota Integrativa Bilancio al 31/12/2011

S.E.A.B. S.p.A. Nota Integrativa Bilancio al 31/12/2011 B.9. Costi per il personale La voce comprende l intera spesa per il personale dipendente ivi compresi i passaggi di categoria, i miglioramenti di merito e contrattuali, gli accantonamenti di legge e derivanti

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Prof.ssa Sabrina Pucci Corso di Bilancio Anno Accademico 2011-2012 Esercitazione n 3

Prof.ssa Sabrina Pucci Corso di Bilancio Anno Accademico 2011-2012 Esercitazione n 3 ESERCIZIO N 1 Valutazione delle immobilizzazioni secondo il codice civile Il 10 gennaio del 2009, l impresa GAMMA acquista un terreno sostenendo un costo pari a euro 250.000 ed un impianto per 300.000.

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Le modifiche alla fiscalità di banche e assicurazioni, delle imprese petrolifere e delle

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 8 LE SCRITTURE CONTABILI Le partecipazioni TITOLI E PARTECIPAZIONI I titoli sono composti principalmente da: titoli di credito: lo stato, che emette

Dettagli

La revoca della liquidazione: problematiche contabili e fiscali

La revoca della liquidazione: problematiche contabili e fiscali Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * La revoca della liquidazione: problematiche contabili e fiscali Nell attuale fase di crisi economica, la revoca della liquidazione è un operazione sempre più

Dettagli

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a.

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Esercitazioni svolte 2008 Scuola Duemila 91 Esercitazione n. 17 Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Obiettivi Saper fare: effettuare le procedure di calcolo relative alle operazioni tipiche

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO Sede in VIA TRIBUNALI SNC - 83031 ARIANO IRPINO (AV) Codice Fiscale 02318880644 - Numero Rea AVELLINO 150113 P.I.: 02318880644 Capitale Sociale Euro 1.067.566

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Macroarea di Ingegneria ----------------------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO Normativa italiana 1. Allocazione di valori nello Stato patrimoniale Si proceda all individuazione delle poste di Stato patrimoniale nelle quali trovano iscrizione

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

Articolo 227 Rendiconto della gestione

Articolo 227 Rendiconto della gestione TITOLO VI DLGS 267/200 RILEVAZIONE E DIMOSTRAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE Articolo 227 Rendiconto della gestione 1. La dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il rendiconto, il quale

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO Allegato A/4 Allegato n. 4/4 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO 1. Definizione e funzione del bilancio consolidato del gruppo amministrazione pubblica Il

Dettagli

TRASFORMAZIONI OMOGENEE TRASFORMAZIOI ETEROGENEE I RAPPORTI GIURIDICI

TRASFORMAZIONI OMOGENEE TRASFORMAZIOI ETEROGENEE I RAPPORTI GIURIDICI TRASFORMAZIONI OMOGENEE TRASFORMAZIONI SCISSIONI E BILANCIO Relatore: dott. Francesco Barone Nella trasformazione omogenea si modifica il tipo societario con riferimento alla sola veste organizzativa,

Dettagli

AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO. Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG. Codice fiscale 02101190169 * * * * *

AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO. Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG. Codice fiscale 02101190169 * * * * * AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG Codice fiscale 02101190169 * * * * * NOTA INTEGRATIVA ABBREVIATA 2013 EX ART. 2427 E 2435 BIS CODICE CIVILE Signori Soci,

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro INNOVAETICA SRL Sede in ROMA Codice Fiscale 12170501006 - Numero Rea ROMA 1355872 P.I.: 12170501006 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Società in liquidazione:

Dettagli