Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fatti i conti in... BUSTA PAGA"

Transcript

1 DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati l ingresso nel mondo del lavoro avviene tramite un contratto di stage o una collaborazione coordinata e continuativa a progetto. Solo al termine di questo primo periodo si arriva a parlare di assunzione vera e propria. Ognuna di queste tre modalità di lavoro è assoggettata ad una propria particolare disciplina normativa che regola le forme di stesura del contratto, i diritti e i doveri del lavoratore e del datore di lavoro, le condizioni di svolgimento della prestazione lavorativa. Anche il compenso che viene pattuito tra le parti subisce un trattamento previdenziale e fiscale che differisce anche notevolmente, a seconda che si tratti di un assegno di studio previsto da un contratto di stage, del corrispettivo di una collaborazione a progetto, o di una retribuzione di lavoro dipendente. In tutti e tre i casi, infatti, il datore di lavoro in qualità di sostituto d imposta provvede a calcolare ed a trattenere al lavoratore i contributi e le tasse da lui dovuti, per poi riversarli per suo conto agli enti pubblici competenti. Ma le regole di determinazione delle trattenute, come vedremo, sono diverse. I risultati delle operazioni che portano dal compenso lordo al netto effettivo sono riepilogati nella busta paga. È importante quindi imparare a conoscerne i meccanismi, non solo perché è il documento ufficiale che certifica le entrate di un lavoratore e le imposte che lo stesso versa allo Stato, ma anche perché oggi, sempre più spesso, rappresenta lo strumento indispensabile per ottenere un mutuo o un finanziamento ad esempio per l acquisto dell auto. Non esiste un mo-

2 dello standard di prospetto paga, ma tutti quelli generalmente adottati dalle aziende hanno una struttura simile e si può dire che siano idealmente composti da tre sezioni principali. Nella prima in alto sono riportati i dati generali dell Azienda o della Filiale da cui si dipende, i dati anagrafici del lavoratore e la qualifica attribuita (stagista, co.co.pro., impiegato), la data di assunzione, l anno ed il mese di riferimento. Solitamente in alto si trovano anche il simbolo Inail (sotto forma di timbro circolare o logo), il numero progressivo del cedolino e alcuni dati relativi alle autorizzazioni rilasciate a chi materialmente compila la busta paga (solitamente il Consulente del lavoro dell Azienda). Nel cosiddetto corpo centrale della busta compaiono le somme lorde erogate nel mese. Naturalmente si tratterà di una o due voci nel caso di stage o contratto di collaborazione, mentre solitamente compaiono voci più dettagliate in caso di lavoro dipendente. In tutte e tre le ipotesi, ad esempio, oltre al compenso lordo effettivamente pattuito, potrebbero essere previste delle somme a titolo di rimborso spese a piè di lista (rimborsi chilometrici per l utilizzo dell auto propria, documenti di trasporto, ricevute relative ad acquisti anticipati per conto della Società, ecc.). Nella parte bassa della busta, indubbiamente la più complessa da comprendere, sono riportati i dati relativi a: contributi ed imposte trattenute, eventuali acconti già erogati, arrotondamenti e netto finale risultante dai conteggi. Di seguito proponiamo tre esempi di cedolino nelle diverse ipotesi in esame e cerchiamo di spiegare come a partire dallo stesso lordo, che ipotizziamo in 1.000,00 euro mensili, si arrivi ai tre differenti importi di netto. LA BUSTA PAGA DELLO STAGISTA È sicuramente la meno articolata. Gli importi non sono assoggettati a trattenuta contributiva (poiché in questo periodo il lavoratore non ha nessuna copertura pensionistica nè di malattia) e quindi occorre preoccuparsi solo della tassazione. Il calcolo dell Irpef è solitamente piuttosto complesso, in quanto l imposta lorda si ottiene applicando aliquote crescenti in base a scaglioni di reddito. Poiché sino all importo annuo di ,00 euro l aliquota è del 23%, nel nostro caso l Irpef lorda è pari ad euro 230,00.

3 Dall importo così ottenuto si sottrae la detrazione per lavoro dipendente, che si ricava da una formula un po macchinosa, che ha sostanzialmente lo scopo di correggere in diminuzione la tassazione sui redditi più bassi e che, a parità di imponibile, varia ogni mese in funzione del numero di giorni di calendario retribuiti. Nell esempio la detrazione è pari ad euro 131,91 e di conseguenza l Irpef netta effettivamente pagata dal lavoratore è pari ad euro 98,09. Dalla formula Compenso lordo - irpef netta e con gli opportuni arrotondamenti, si ottiene così il netto in busta, pari ad euro 902,00. Se nel mese in questione venissero erogati dei rimborsi spese a piè di lista, tali somme, essendo esenti sia da contribuzione che da tassazione, andrebbero direttamente a sommarsi al netto. LA BUSTA PAGA DEL COLLABORATORE Il contratto di collaborazione a progetto prevede l iscrizione del lavoratore ad una particolare forma di previdenza obbligatoria presso l INPS denominata Gestione Separata. Essa garantisce una tutela pensionistica per il collaboratore (pur se in misura inferiore rispetto a quanto previsto in caso di lavoro subordinato) ed è alimentata da un contributo, per il 2010 pari al 26,72% dei compensi lordi, che si ripartisce per due terzi a carico del datore di lavoro e per un terzo a carico del lavoratore. Inoltre il collaboratore è assicurato presso l INAIL, che è l istituto pubblico di tutela dei lavoratori nei casi di infortunio sul lavoro. Il premio dovuto per questo tipo di copertura (che è prevista anche per gli stagisti, ma interamente a carico dell Ente promotore e quindi senza alcun riflesso sulla busta paga) è anche in questo caso per due terzi a carico del datore di lavoro e per un terzo del lavoratore e la sua entità è determinata in base ad un tasso che assegna l Inail in funzione della pericolosità della mansione (per le attività intellettuali si può ipotizzare un 5,05 per mille dei compensi). In questo caso i conteggi sono ulteriormente complicati dal fatto che la percentuale è applicata su un importo minimo mensile (il cui valore viene determinato annualmente dall Inail). Ecco così che nel nostro esempio, nella prima riga della parte bassa della busta paga, accanto alla casella dell imponibile previdenziale, compaiono il contributo previdenziale di euro 89,10 (pari ad un terzo del 26,72% del compenso lordo) ed il contributo Inail di euro 2,01 (calcolato sul minimale Inail che compare nella busta in fondo a sinistra). Per il calcolo dell Irpef si applicano le stesse regole viste per la fattispecie dello stage, solo che questa volta l importo a cui applicare la tassazione, il cosiddetto imponibile fiscale, si ottiene deducendo dal compenso lordo i contributi previdenziali ed Inail. Avremo quindi un Irpef lorda pari ad euro 209,04 (il 23% di euro 908,89), detrazione pari ad euro 138,57 e conseguente Irpef netta pari ad euro 70,47. La formula per giungere al netto questa volta sarà Compenso lordo contributo Inps contributo Inail irpef netta + arrotondamento per un risultato, nel nostro caso, di euro 839,00 netti. Anche in questo caso eventuali rimborsi spese a piè di lista, non presenti nell esempio, andrebbero a sommarsi al netto.

4 LA BUSTA PAGA DEL DIPENDENTE Il rapporto di lavoro subordinato è regolato da una normativa molto ampia ed articolata ed è disciplinato nel dettaglio dal CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) del settore di appartenenza della Società. Compito del CCNL è quello di stabilire ad esempio il trattamento economico minimo dovuto al lavoratore in funzione della qualifica e delle mansioni attribuite e di specificare tutte le altre condizioni di svolgimento del rapporto di lavoro (solo per citarne alcune: periodo di prova, orario di lavoro, durata delle ferie, tutele in caso di assenza per malattia, infortunio o maternità, periodo di preavviso in caso di recesso). La busta paga del dipendente quindi si arricchisce, generalmente nella sezione in alto, dei riferimenti al CCNL applicato e all inquadramento attribuito al lavoratore: nell esempio abbiamo ipotizzato un impiegato di 3 livello del CCNL Commercio (anche conosciuto come CCNL del Terziario), assunto con contratto part time di 30 ore settimanali (percentuale di part time pari al 60%). Sempre nella parte alta del cedolino compaiono i dati relativi alla composizione della retribuzione normale mensile (paga base, contingenza, eventuali scatti di anzianità o superminimi individuali ed altri elementi fissi). Il compenso lordo mensile è il risultato del riproporzionamento della retribuzione globale di fatto in base alla percentuale di part time (naturalmente nessun riproporzionamento in caso di lavoro a tempo pieno). E così ci ritroviamo nel corpo del cedolino con il nostro compenso di 1.000,00 euro, sottoforma di retribuzione mensile. Questa volta compaiono anche altre voci, che danno indicazioni riguardo a ferie e/o permessi goduti nel mese (che non incidono sui compensi lordi e quindi confluiscono nell ultima colonna, riservata ai dati statistici), o che servono a compensare eventuali prestazioni di lavoro straordinario (che abbiamo omesso nell esempio, per non complicare troppo). La retribuzione lorda (addizionata degli ulteriori compensi quali straordinari o premi

5 mensili) costituisce l imponibile previdenziale sui cui si calcola il contributo a carico del lavoratore. L aliquota da applicare varia in ragione del numero di dipendenti occupati dall Azienda: nel nostro esempio, in cui abbiamo ipotizzato una Società commerciale con oltre 50 dipendenti, il contributo a carico del dipendente è pari al 9,49% dell imponibile (94,90 euro). Possiamo ora calcolare la tassazione utilizzando il medesimo sistema previsto per le due fattispecie già analizzate, ottenendo un Irpef lorda pari ad euro 208,17, che dedotta la detrazione di euro 127,82, porta ad un Irpef netta di euro 80,35. La formula Compenso lordo contributo Inps irpef netta + arrotondamento ci permette di arrivare all importo netto in busta di euro 824,00. Un ultima notazione a commento della differenza che abbiamo rilevato esistere tra i netti nelle diverse ipotesi. Non bisogna infatti stupirsi del minor guadagno mensile risultante per l impiegato, che è ampiamente compensato dalle più ampie tutele a garanzia del rapporto di lavoro dipendente (maggiore stabilità, migliore copertura pensionistica, garanzia della retribuzione in caso di assenze tutelate come la malattia o la maternità, forme integrative della retribuzione quali le mensilità supplementari ed il TFR). a cura di: Stefania Magri Consulente del Lavoro Osservando la parte bassa del cedolino del lavoratore dipendente, possiamo notare che vi compaiono alcuni dati relativi all effettivo svolgimento del rapporto di lavoro, quali il numero di giornate ed ore lavorate, le ore di permesso ed i giorni di ferie maturati e goduti, l importo di trattamento di fine rapporto accantonato. Quest ultima è una voce molto importante della retribuzione del lavoratore, che si accantona ogni mese e viene liquidata dal datore di lavoro in occasione della cessazione del rapporto di lavoro.

6 GLOSSARIO Irpef: imposta sul reddito delle persone fisiche - per i redditi di lavoro dipendente e assimilati (collaborazioni, stages) è calcolata e trattenuta dal datore di lavoro. Inquadramento: qualifica e livello attribuiti al lavoratore dipendente in base alle mansioni esercitate, avendo riguardo alla classificazione operata dal CCNL di riferimento. Paga base: trattamento minimo previsto dal CCNL di riferimento - varia in base al livello di appartenenza e si incrementa ad ogni rinnovo contrattuale. Contingenza: elemento della retribuzione minima previsto da alcuni Contratti Collettivi - oggi in misura fissa, fino al 1995 si aggiornava ogni sei mesi in base all andamento del costo della vita. Scatti di anzianità: aumenti retributivi che maturano periodicamente (ogni tre anni nel Commercio, ogni due in molti altri settori) in funzione dell anzianità di servizio presso la stessa azienda - variano in base al livello. Superminimo: voce della retribuzione che integra il minimo contrattuale per adeguare il compenso a quanto pattuito tra il datore di lavoro ed il dipendente. TFR: trattamento di fine rapporto - forma retributiva che matura annualmente (in misura approssimativamente pari al 6,9% dei compensi lordi) e che viene erogata dal datore di lavoro al momento della cessazione del rapporto, o in corso d esso per particolari esigenze del lavoratore (es. acquisto prima casa, spese mediche rilevanti). Mensilità supplementari: sono previste dai CCNL di riferimento: es. tredicesima in occasione delle festività natalizie e quattordicesima unitamente allo stipendio di giugno.

7

8

9

10

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

Come leggere la busta paga

Come leggere la busta paga Come leggere la busta paga Indice Che cosa è pag. 3 A cosa serve pag. 4 La struttura della busta paga pag. 5 Intestazione (dati ditta dati anagrafici e contrattuali lavoratore) pag. 6 Corpo della Busta

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

Guida alla lettura della busta paga

Guida alla lettura della busta paga Guida alla lettura della busta paga La busta paga è un documento che deve essere obbligatoriamente consegnato dal datore di lavoro al lavoratore dipendente al fine di certificare la retribuzione e le ritenute

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA COME LEGGERE LA BUSTA PAGA Vediamo come si legge in pratica una busta paga, come individuare gli elementi della retribuzione, i vari tipi di trattenute, il loro calcolo e la loro interpretazione fino a

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati.

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati. Guida alla lettura della busta paga Riferimenti normativi e nozione R.D.L. 10 settembre 1923, n. 1955 R.D.L. 28 agosto 1924, n. 1422 (*) L. 5 gennaio 1953, n. 4, art. 1 D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797, artt.

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale Durata: 60 ore Inizio corso: da definire Sede: Corso Raffaello 17/D - Torino Docente: dottore consulente del lavoro con esperienza consolidata

Dettagli

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI FORMAZIONE - week end ROMA 2011 Calendario didattico: sabato 05/marzo - domenica 06/marzo sabato 12/marzo - domenica 13/marzo sabato 19/marzo - domenica 20/marzo sabato 26/marzo - domenica 27/marzo Docenti:

Dettagli

La busta paga: questa sconosciuta

La busta paga: questa sconosciuta La busta paga: questa sconosciuta Elementi contrattuali, fiscali e previdenziali. Giorgio Cavallero La retribuzione netta si ottiene: a) retribuzione lorda b) contributi previdenziali/assistenziali obbligatori

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

5. ANALISI DEI COSTI DETERMINAZIONE DEL COSTO

5. ANALISI DEI COSTI DETERMINAZIONE DEL COSTO DETERMINAZIONE DEL COSTO DETERMINAZIONE DEL COSTO 5. ANALI DEI COSTI DETERMINAZIONE DEL COSTO TIPOLOGIE DI CONTRATTI Al fine di procedere con una comparazione quanto più omogenea, si raffrontano i vari

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

ELEMENTI FISSI: ELEMENTI VARIABILI:

ELEMENTI FISSI: ELEMENTI VARIABILI: LA BUSTA PAGA E' il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per un determinato periodo di lavoro. Il datore di Lavoro ha l'obbligo di consegnare (Legge n. 4 del 1953) prospetto

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

Il regime fiscale della previdenza complementare

Il regime fiscale della previdenza complementare Il regime fiscale della previdenza complementare INCA Regime fiscale dei fondi pensione Le fasi di partecipazione alla previdenza complementare Il finanziamento del fondo (contribuzione) la gestione finanziaria

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale.

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale. Roma, 21 dicembre 2009 LE TREDICESIME DEL 2009 * * * Nelle famiglie stanno per arrivare le tredicesime, un flusso di danaro che sempre di più verrà utilizzato per soddisfare bisogni primari a discapito

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE CONTABILITA GENERALE 19 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 29 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

COME SI LEGGE IL CEDOLINO DELLO STIPENDIO. ProfessionistiScuola.it

COME SI LEGGE IL CEDOLINO DELLO STIPENDIO. ProfessionistiScuola.it COME SI LEGGE IL CEDOLINO DELLO STIPENDIO Numero Partita = è il numero identificativo di Partita di Spesa Fissa del dipendente. È importante indicare tale numero identificativo ogni volta che si debba

Dettagli

LEGGERE LA BUSTA PAGA

LEGGERE LA BUSTA PAGA LEGGERE LA BUSTA PAGA Maria Elisa Caldera Consulente del Lavoro Iscritta al n 839 dell'ordine Provinciale di Brescia info@calderaconsulenzalavoro.it Programma di Lavoro Busta paga: Cos'è A cosa serve Le

Dettagli

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi Corsi Centro Paghe...al Servizio del Professionista Corso Base Corso Avanzato Corso Base Paghe e contributi >> Costituzione del rapporto di lavoro e retribuzione Malattia, maternità, infortunio e adempimenti

Dettagli

Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello. Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare

Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello. Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare -TFR Corpo cedolino(parte2) -Area previdenziale -Ferie

Dettagli

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane N E W S L E T T E R Area Risorse Umane SPECIALE BUSTA PAGA CHIARA Numero 10-29 ottobre 2002 Questo numero speciale della N E W S L E T T E R tratta un tema molto tecnico e da addetti ai lavori, ma che

Dettagli

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE. - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi operai Pag. 3

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE. - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi operai Pag. 3 CASSA EDILE BRESCIA VIA DEI MILLE 18 25122 BRESCIA TEL. 030 289061 FAX 030 3756321 / 030 5030823 www.cassaedilebrescia.it ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi

Dettagli

Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI

Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI Obiettivi Obiettivo principale del corso è creare un operatore autonomo nella scelta e nella gestione delle varie tipologie di contratti e soprattutto con una

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

LAVORO DOMESTICO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

LAVORO DOMESTICO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO M:\Manuali\VARIE\Manuale_Lavoro_Domestico.doc LAVORO DOMESTICO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO SOMMARIO 1. CODIFICA DIPENDENTE E DITTA 2 2. I N A I L 3 3. I N P S 3 4. I R P E F 4 5. M O V I M E N T O

Dettagli

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE LA RETRIBUZIONE PREVIDENZIALE E FISCALE Esempi pratici a cura di Alessandra Gerbaldi xx 1 SCHEDA SINTETICA DEGLI IMPONIBILI PREVIDENZIALI E FISCALI Di seguito si riporta una scheda sintetica (Esempio A),

Dettagli

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 21 FATTORE LAVORO Fonti che regolano il rapporto

Dettagli

GESTIONE INFORTUNIO 1. CALCOLO DALLA DENUNCIA INFORTUNIO

GESTIONE INFORTUNIO 1. CALCOLO DALLA DENUNCIA INFORTUNIO M:\Manuali\VARIE\MANUALI_RICHIESTI\Manuale_Gestione Infortunio.doc GESTIONE INFORTUNIO Per eseguire in automatico il calcolo dell anticipo dell indennità di inabilità temporanea assoluta a carico dell

Dettagli

Trattamento Economico del personale tecnico amministrativo e calcolo dello stipendio mensile

Trattamento Economico del personale tecnico amministrativo e calcolo dello stipendio mensile Strumento utile alla lettura del Cedolino Stipendi Trattamento Economico Fonti normative Le fonti normative che regolano il trattamento economico del personale in servizio presso le Università si differenziano

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga.

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. Lavorofisco.it Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. La legge di Stabilità 2015 prevede, infatti, in via sperimentale

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI INDICE Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI Definizione di TFR... pag. 10 Fonti normative...» 10 Soggetti beneficiari... pag. 12 Decesso del dipendente...» 12 Cessione e pignoramento del TFR...» 13 Calcolo

Dettagli

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz I rapporti di lavoro Tamara Capradossi capradossi@esplora.biz TIPOLOGIE DEI RAPPORTI DI LAVORO LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE) LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER) LAVORO PARASUBORDINATO (CO.CO.PRO., MINI CO.CO.CO,

Dettagli

PRIMO CORSO FINANZIATO IL RAPPORTO DI LAVORO NELLE COOPERATIVE (3gg.) e IL RAPPORTO DI LAVORO GIORNALISTICO (3gg.)

PRIMO CORSO FINANZIATO IL RAPPORTO DI LAVORO NELLE COOPERATIVE (3gg.) e IL RAPPORTO DI LAVORO GIORNALISTICO (3gg.) PRIMO CORSO FINANZIATO IL RAPPORTO DI LAVORO NELLE COOPERATIVE (3gg.) e IL RAPPORTO DI LAVORO GIORNALISTICO (3gg.) Durata: 6 gg. (1 incontro a settimana) Calendario: 3/10/17 luglio 4/11/18 settembre 2012

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

ESPERTO DI AMMINISTRAZIONE

ESPERTO DI AMMINISTRAZIONE ESPERTO DI AMMINISTRAZIONE Obiettivi Il progetto promuove un intervento formativo, finalizzato alla formazione e all aggiornamento di giovani diplomati, interessati a svolgere attività nel settore amministrativo

Dettagli

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono La busta paga La legge prevede che la busta paga deve contenere tutti gli elementi utili perché diventi comprensibile e identificabile per il lavoratore interessato. Gli elementi indispensabili per il

Dettagli

Gli elementi della retribuzione

Gli elementi della retribuzione Gli elementi della retribuzione Che cosa è la retribuzione netta Con questa lezione entriamo nel vivo della compilazione della busta paga, dopo aver appreso le nozioni preliminari necessarie alla comprensione

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI PRESENTAZIONE SOMMARIO GLI AUTORI Capitolo 1 - IL TFR DEFINIZIONE DI TFR Indennità di anzianità Trattamento di Fine Rapporto BENEFICIARI ANTICIPAZIONI 1. Limiti numerici al numero dei richiedenti 2. Limitazioni

Dettagli

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare 26 gennaio 2015 Quali cambiamenti sono disciplinati dalla Legge di Stabilità 1 1. Da marzo 2015

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini.

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini. TB1502: Tabella contributi Colf La Tabella contributi Colf viene creata dal comando di conversione (successivamente verrà aggiornata con l aggiornamento delle tabelle fisse) e contiene gli elementi da

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Gestione del rapporto di lavoro Jobs Act

Gestione del rapporto di lavoro Jobs Act 10 giugno 2015 11:30 13:00 Auditorium Incubatore Gestione del rapporto di lavoro Jobs Act Il Nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti Gli altri contratti di lavoro. Incentivi, agevolazioni

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE A cura del GRUPPO SULLE PROBLEMATICHE DEL LAVORO dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino, Ivrea e Pinerolo Relatore dottoressa Luisella

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Il TFR TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti:

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti: LA GESTIONE E L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE di Giuliana Airaghi Masina Destinatari: alunni classi IV IGEA IV IPSC Obiettivi: conoscere il diverso significato di lavoro subordi nato e lavoro autonomo

Dettagli

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro I commi da 26 a 34, introducono, in via sperimentale dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, la possibilità, per il lavoratore dipendente, che abbia un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2016 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2016 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2016 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Filctem Michelin: Formazione Sindacale. La Busta Paga. di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it

Filctem Michelin: Formazione Sindacale. La Busta Paga. di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it 1 La Busta Paga di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it Indice: Che Legge La Regola? Quali Informazioni Contiene? 2 Cos è La Busta Paga? Le Voci Economiche Elementi Fissi e Variabili A Cosa Serve? Contributi

Dettagli

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA SOMMARIO 1. Rapporto di lavoro subordinato pag. 1 Definizione» 1 Elementi del lavoro subordinato» 2 Periodo di prova» 2 Cessazione del rapporto di lavoro» 3 Dimissioni» 3 Licenziamento» 4 Risoluzione consensuale»

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Addetto alle Paghe e contributi

Addetto alle Paghe e contributi Addetto alle Paghe e contributi (livello base) Presentazione e obiettivi In un contesto economico sempre più dinamico e competitivo le aziende hanno sempre più bisogno di flessibilità e di una gestione

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA 2015

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 CERTIFICAZIONE UNICA 201 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART., COMMI -ter e -quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 199, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 201 DATI ANAGRAFICI AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO

Dettagli

a cura del Rag. Vassilli TIENGO

a cura del Rag. Vassilli TIENGO Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia

Confronto degli oneri contributivi. e fiscali e delle prestazioni sociali. in Austria ed Italia Confronto degli oneri contributivi e fiscali e delle prestazioni sociali in Austria ed Italia di K. Schönach, G. Innerhofer, G. Auer SINTESI (a cura di Klaus Schönach e Andrea Zeppa) Bolzano / Innsbruck,

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE

CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE Percentuali contributive - Percentuali accantonamento Coefficienti malattia e infortunio IN VIGORE DAL MESE DI DICEMBRE 2012 2 TABELLE

Dettagli

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe 1 \ 6 Cos è TeamSystem la gestione PDF Gecom Paghe FAQ CUD 2006 2 \ 6 Per un dipendente licenziato e riassunto viene stampato un solo CUD con i dati dell ultima matricola Non sono stati inseriti i dati

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

Paghe. Casi pratici. Adempimenti dei datori di lavoro. Trattenuta della contribuzione a carico del lavoratore

Paghe. Casi pratici. Adempimenti dei datori di lavoro. Trattenuta della contribuzione a carico del lavoratore Paghe Mancato pagamento della retribuzione per indisponibilità finanziaria Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Negli ultimi anni le imprese si sono trovate in alcuni casi nell impossibilità di procedere

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR)

La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR) La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR) Indice 1. Introduzione 1 2. Datore di lavoro: calcolo dell imposta, dati del 770 ed esempi 2 3. Agenzia delle entrate: calcolo dell imposta, dati del

Dettagli

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia.

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia. IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Agosto 2010 1 Sommario 1. Un po di storia... 3 2. La normativa attuale

Dettagli

GUIDA AL PREMIO AZIENDALE

GUIDA AL PREMIO AZIENDALE GUIDA AL PREMIO AZIENDALE 1 ANCHE QUEST ANNO UNA TRATTATIVA DIFFICILE Il 2 luglio è stato siglato l accordo sindacale per l erogazione del premio aziendale di competenza dell anno 2013. Al termine di una

Dettagli

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti Roma lì 04/05/2014 Prot. 202/2014 A tutti i Centri e Sportelli Circolare n. 52 Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti L art. 51 bis del DL 69/2013 (Decreto del fare) ha previsto

Dettagli

Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine Rapporto (aggiornamento dicembre 09) Trattamento di Fine Rapporto Edizione novembre 2010 Pagina 1 (aggiornamento novembre 2010) INDICE 1 NOZIONI GENERALI pag. 3 2 TFR E FONDI PENSIONE pag. 3 3 TRATTAMENTO FISCALE

Dettagli