Programma delle Lezioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma delle Lezioni"

Transcript

1 UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO INTERNAZIONALE 1 Matteo Alvisi - Microeconomia Programma delle Lezioni 1. Analisi Di Equilibrio Economico Generale 2. Efficienza nello Scambio 3. I Due Teoremi dell Economia del Benessere 4. Equità ed Efficienza 5. Efficienza nella Produzione 6. La Frontiera delle Possibilità Produttive e il Saggio Marginale di Trasformazione 7. I Benefici del Libero Scambio: la Nozione di Vantaggio Comparato 2 Matteo Alvisi - Microeconomia 1

2 Un Tassa sulla Benzina Si ipotizzi che il governo imponga una tassa di 1 per litro di benzina sui produttori. Finora abbiamo analizzato l impatto di un tale intervento solo su mercato della benzina. Sappiamo in particolare che essa è interpretabile come uno spostamento verso l alto della curva di offerta di un ammontare pari alla tassa. La quantità scambiata si riduce e il prezzo della benzina aumenta. Prezzo (al litro) 1,5 1 T=1 0, O O D Benzina(mln di litri) 3 Un Tassa sulla Benzina _(cont) Questa però non può essere la fine della storia. La posizione della curva di domanda in ogni mercato dipende dal prezzo di beni correlati : Beni Sostituti (etanolo, diesel, GPL, idrogeno) Beni Complementi (auto) Una variazione nel prezzo della benzina ha un impatto sulla domanda (e dunque sul prezzo di mercato) dei sostituti e dei complementi, la quale a sua volta influenzerà la domanda e il prezzo della benzina, ecc..(effetti di feedback). Alla fine, tutti i mercati raggiungono un nuovo equilibrio, e tale equilibrio sarà diverso da quello previsto con gli strumenti di analisi dell equilibrio parziale. Matteo Alvisi- Microeconomia 4 Matteo Alvisi - Microeconomia 2

3 Effetti di Feedback e Beni Sostituti Prezzo (per litro) 1,8 1,5 1 O O Prezzo (per litro) 1 0,9 0,6 O 0,5 D D D D D Benzina(mln di litri) 20 GPL (mlndi litri) Matteo Alvisi- Microeconomia 5 Effetti di Feedback e Beni Sostituti_(cont) La tassa aumenta il prezzo di equilibrio della benzina da 1 a 1,5. Essendo il GPL un sostituto, un aumento del prezzo della benzina sposta la curva di domanda di GPL verso l alto, fino a D, e il prezzo di equilibrio va da 0,6 a 0,8. L aumento del prezzo del GPL aumenta a sua volta la domanda di benzina, la quale si sposta a D e il nuovo prezzo di equilibrio diventa 1,8. Questo aumenta ulteriormente la domanda di GPL. La sua domanda diventa D e il prezzo 1. Entrambi i mercati alla fine raggiungeranno un equilibrio. Nel nostro esempio, questi sono appunto 1,8 e 1, diversi da quelli previsti con un analisi parziale. Matteo Alvisi- Microeconomia 6 Matteo Alvisi - Microeconomia 3

4 Effetti di Feedback e Beni Complementi Prezzo (per litro) 1,5 1,3 1 O O Prezzo (migliaia) ,5 O D D D D D Benzina(mln di litri) 6 Numero di auto (milioni) 7 Effetti di Feedback e Beni Complementi_(cont) La tassa aumenta il prezzo di equilibrio da 1 a 1,5. Dato che le auto sono un bene complemento, un aumento del prezzo della benzina sposta la domanda di auto verso il basso, a D, e il prezzo di equilibrio va da 20 a 15,5. La diminuzione della domanda di auto diminuisce la domanda di benzina, che si sposta a D, con un nuovo prezzo di equilibrio a 1,3. La riduzione del prezzo della benzina aumenta la domanda di auto. La domanda è ora D e il prezzo 18. Alla fine entrambi i mercati raggiungeranno un equilibrio ad un prezzo intermedio tra quello iniziale e quello di primo impatto previsto dall analisi parziale. Quest ultima, dunque, sovrastima l effettivo prezzo finale. 8 Matteo Alvisi - Microeconomia 4

5 Analisi di Equilibrio Generale Analizzare i mercati con un approccio parziale fornisce a volte delle previsioni imprecise sui prezzi di equilibrio (in presenza di shock positivi della domanda sottostima gli effetti con i beni sostituti e li sovrastima con i beni complementi). Quando gli effetti di feedback sono importanti, è più corretto un approccio di equilibrio generale. Con esso, occorre risolvere rispetto al prezzo e alle quantità di equilibrio in tutti i mercati collegati simultaneamente. Questo calcolo in realtà è spesso molto complesso, e per di più non ci dà informazioni sulle decisioni dei singoli agenti economici nel mercato. C è tuttavia uno strumento più semplice (ma più completo a riguardo del comportamento degli individui) per un tale approccio: la Scatola di Edgeworth. 9 Pareto Efficienza In una economia di mercato, per ipotesi, nessuno può essere forzato ad uno scambio che lo danneggi. Dunque, gli scambi possono essere solo mutuamente benefici: non esistono in altre parole uno scambio che migliori la posizione di uno dei due agenti e peggiori quella dell altro. Si dice che in un mercato tutte le opportunità di scambio sono sfruttate quando un ulteriore scambio tra gli agenti peggiora la posizione di almeno uno di essi. In conclusione, una allocazione di beni è efficiente quando nessuno partendo da essa può migliorare la propria condizione senza peggiorare quella di qualcun altro (Pareto Efficienza). Abbiamo già indirettamente dimostrato come singoli mercati perfettamente competitivi siano Pareto-efficienti. Ci si chiede allora se lo sia anche un economia perfettamente competitiva nel suo complesso, ossia in una prospettiva di equilibrio generale 10 Matteo Alvisi - Microeconomia 5

6 Una Economia di Puro Scambio Si consideri una semplice economia, con due agenti (Jacopo e Katia) e due beni(ciboe vestiario). Inizialmente, Jacopo possiede7 unitàdi ciboe 1 unità di vestiario. Katia possiede 3 unità di cibo (pagnottedi pane) e 5 unitàdi vestiario. Questa è la cosiddetta allocazioneiniziale o dotazione iniziale : W J =(x J =7; y J =1); W K =(x K =3; y K =5) In totale W=(x=10; y=6) 11 SMS e Scambi Mutuamente Benefici C è spazio per uno scambio volontario in questa semplice economia? La risposta è positiva se e solo se entrambi gli agenti possono migliorare la loro posizione iniziale. Di fatto, la risposta dipende dalle loro preferenze. Jacopo ha molto pane. La sua U del pane è dunque bassa, per cui è disposto a dare via un numero relativamente elevato di pagnotte in cambio di una unità in più di vestiario. Ad esempio, il suo SMS V,C potrebbe essere pari a 1/2: egli è disposto a cedere una pagnotta per mezza unità di cibo, o anche 2 pagnotte per una unità di vestiario. Katia ha molto meno cibo. Potrebbe dunque essere disposta a cedere un buon numero di unità di vestiario per una pagnotta in più. Ad esempio, il SMS V,C di Katia potrebbe essere 2, ossia Katia è disposta a scambiare due unità di cibo per una pagnotta in più. C è quindi spazio per una scambio mutuamente benefico. Spostandosi da W (l allocazione iniziale) ad un altra allocazione migliora il benessere di entrambi. Possiamo illustrare questa conclusione con la scatola di Edgeworth. 12 Matteo Alvisi - Microeconomia 6

7 La Scatola di Edgeworth Vestiario=6 3 O K 1 5 W O J 7 Cibo=10 13 Scambio nella Scatola di Edgeworth Vestiario=6 4 3 O K B +1C V -1V 1 5-1C W O J 6 7 Cibo=10 Gli scambi avvengono ogniqualvolta gli SMS dei due agenti sono diversi. 14 Matteo Alvisi - Microeconomia 7

8 L Insieme degli Scambi Mutuamente Benefici Vestiario=6 O K D C B W O J Cibo=10 15 Scambio e Potere Contrattuale Tutte le allocazioni comprese tra le curve di indifferenza passanti per W formano l insieme dei possibili scambi mutuamente esclusivi. Accettando uno scambio che porti al punto B, Katia può collocarsi su una curva di in differenza più lontana dalla sua origine e dunque stare meglio che in W. Si ipotizzi che Jacopo sia un contraente più forte e possa imporre scambio alternativo, ad un tasso diverso (ad esempio a 2 unità di vestiario, il massimo che Katia sarebbe disposta a pagare per 1 unità di C), di modo che l allocazione finale sia D. In D, Katia avrebbe la stessa utilità della dotazione iniziale W, per cui sarebbe indifferente tra accettare la proposta o rifiutarla. In modo simile, se il contraente più forte è Katia, l ultima offerta accettabile da Jacopo sarebbe C. 16 Matteo Alvisi - Microeconomia 8

9 L Insieme delle Allocazioni Efficienti Ci si chiede tuttavia se per se B sia un allocazione efficiente. In B le curve di indifferenza dei due agenti si incrociano e dunque c è anche spazio per uno cambio mutuamente benefico. Si ipotizzi che un nuovo scambio avvenga allo stesso tasso 1 contro 1 fino al raggiungimento del punto E, nel quale le due curve di indifferenza passanti per esso sono tangenti. Quando le curve di indifferenza sono tangenti, la corrispondente allocazione è efficiente: a partire da essa non sono più possibili scambi mutuamente benefici. Tra D e C, ci sono molte allocazioni efficienti che potrebbero alternativamente essere raggiunte a seconda del potere contrattuale relativo dei due agenti. 17 Il Nucleo( Core ) dell Economia Partendo dall allocazione iniziale W, tutti i punti di tangenza tra C e D sono allocazioni efficienti. L insieme di tali punti di tangenza costituisce il nucleo ( core ) di una economia,data una allocazione delle risorse iniziale. Vestiario O K Infatti, con lo scambio volontario, l economia finirà sempre in una allocazione finale che appartiene a tale nucleo. C E D W O J Cibo 18 Matteo Alvisi - Microeconomia 9

10 La Curva dei Contratti Partendo da una qualsiasi allocazione iniziale nella scatola di Edgeworth, tci sarà sempre un insieme infinito di allocazioni efficienti. La curva dei contratti contiene tutte le allocazioni per le quali le curve di indifferenza dei consumatori sono tangenti. Tutti i punti sulla curva dei contratti sono allocazioni efficienti: nessuno da qui può migliorare la propria condizione senza peggiorare quella altrui. Dunque, le allocazioni efficienti sono caratterizzate dall uguaglianza degli SMS. SMS J = SMS K Vestiario O J G H I Cibo O K 19 Scambio di Mercato ed Equilibrio Concorrenziale Finora, abbiamo ipotizzato che i consumatori effettuino scambi attraverso la negoziazione fino a raggiungere la curva dei contratti. La negoziazione ha dunque fine una volta raggiunto un punto di tale curva. Ora vogliamo dimostrare che la curva dei contratti viene sempre raggiunta anche in un equilibrio perfettamente concorrenziale. In un sistema economico perfettamente concorrenziale, gli agenti non contrattano, ma semplicemente esprimono una domanda e una offerta di beni, considerando i prezzi di mercato come dati. 20 Matteo Alvisi - Microeconomia 10

11 Equilibrio Concorrenziale Con una allocazione iniziale W e un prezzo relativo p C /p V =3/4 Jacopo massimizza la sua utilità in G; Katia invece la massimizza in H Nessuno dei due mercati è in equilibrio Da W a G, Jacopo vende 1 Vestiario=6 7 pagnotta in cambio di 3/4 I 3 unità di V. Da A ad H, Katia vende 3 H 2 unità di C per ottenere 4 pagnotte di pane. L offerta totale (per coppia) di V è 3, la domanda totale è 3/ G L offerta totale (per coppia) di cibo è 1, la domanda 1 W 5 totale. Quindi, p V diminuisce e p C O 6 7 J aumenta. pendenza = -p C /p V = -3/4 Cibo=10 O K 21 Equilibrio Concorrenziale_(cont) Da W ad E, Jacopo Clothing=6 vende 2 unità di cibo in cambio di 2 C. Da W ad E, Katia vende 2 C per avere 2 3 unità di cibo. L offerta totale 1.75 uguaglia la domanda totale in ogni mercato. 1 Il sistema si trova in un equilibrio O concorrenziale. J Ora p C aumenta, p V diminuisce, per cui il vincolo di bilancio è più pendente. Si ipotizzi ad esempio che ora p C /p V =1 Sia Katia sia Jacopo massimizzano la loro utilità in E. 7 5 G 3 W 7 O K H 2 E Bread=10 22 Matteo Alvisi - Microeconomia 11

12 Equilibrio Concorrenziale ed Efficienza Nel punto E, Jacopo sta massimizzando la sua utilità considerando il prezzo relativo come un dato; Dunque, SMS J =p C /p V Anche Katia sta massimizzando la sua utilità come price-taker in E: SMS K =p C /p V Dunque, in un equilibrio concorrenziale SMS K =p C /p V= SMS J per cui ci si trova sulla curva dei contratti. Un equilibrio concorrenziale è (Pareto) efficiente. 23 Il Primo Teorema dell Economia del Benessere Se tutti gli agenti economici sono price-takers, l allocazione di equilibrio sul mercato sarà Pareto efficiente. Tutti gli scambi mutuamente benefici saranno realizzati. In forma breve: Ogni Equilibrio Economico Generale è Pareto Efficiente. Implicazioni: Il mercato non fallisce anche se è totalmente decentrato. Esso opera sempre sulla curva dei contratti. 24 Matteo Alvisi - Microeconomia 12

13 Equità ed Efficienza Sebbene esistano molte allocazioni efficienti, alcune possono essere più eque di altre. Il vero problema è decidere quale sia l allocazione più equa. E facile mostrare come non ci sia ragione di pensare che una allocazione (efficiente) di equilibrio in un sistema perfettamente competitivo debba essere anche equa. La scatola di Edgeworthmostra le possibilità di scambio di due agenti economici, a cui sono associate diversi livelli di utilità. La frontiera delle possibilità di utilità rappresenta tutte le allocazioni efficienti in termini dell utilità di Jacopo e Katia. In altre parole, mostra I livelli di benessere che essi possono raggiungere sulla curva dei contratti. Matteo Alvisi- Microeconomia 25 La Frontiera delle Possibilità di Utilità Utilitàdi Katia O J F G H L I O J Jacopo ha utilitànulla O K Katia ha utilitànulla G, H, I puntisullacurvadei contratti F inefficiente è possibile stare meglio nell aria colorata attraverso lo scambio L non raggiungibile O K Utilità di Jacopo Matteo Alvisi- Microeconomia 26 Matteo Alvisi - Microeconomia 13

14 Funzioni di Benessere Sociale Le FBS valutano il benessere di una sistema nel suo complesso e sono soprattutto utilizzate per definire in modo chiaro l impatto di quelle politiche economiche o sociali che hanno effetti diversi su membri diversi della società. Diverse posizioni sull equità e sulla giustizia sono associate a diverse FBS. 1. Visione Utilitarista: l allocazione più equa è quella che massimizza la media delle utilità di tutti i membri della società. 2. Visione Rawlsiana: l allocazione più equa è quella che massimizza l utilità dell individuo che nella società ex-post starà peggio in termini di utilità. 3. Visione Egaulitaria: un allocazione è equa se tutti gli individui ricevono la stessa quantità di beni. 4. Visione Orientata al Mercato: (non direttamente rappresentata da una FBS): l equilibrio di mercato non è solo efficiente, ma anche equo. 27 Equità ed Efficienza: Il Secondo Teorema dell Economia del Benessere Dato che le allocazioni efficienti non sono necessariamente eque e giuste, il governo potrebbe intervenire per redistribuire il reddito. (sistema fiscale, Servizi pubblici Sistema Sanitario Nazionale, Sussidi alle famiglie ecc..). Ci si chiede se tale forma di intervento pubblico non sia distorsivo, ossia se il governo non blocchi in questo modo il corretto funzionamento del mercato, impedendogli di raggiungere la curva dei contratti. Il primo teorema sostiene che il mercato è sempre in grado di raggiungere la curva dei contratti, per cui la redistribuzione potrebbe avvenire semplicemente modificando l allocazione iniziale e poi lasciando agire le forze di mercato. Una volta che la nuova allocazione iniziale è stata determinata (attraverso i trasferimenti di reddito), gli agenti economici scambieranno i loro beni fino allo sfruttamento di tutte le opportunità di aumento di benessere e si troveranno quindi sulla curva dei contratti. Questo, nella sostanza, è il messaggio del Secondo Teorema dell Economia del Benessere. 28 Matteo Alvisi - Microeconomia 14

15 Il Secondo Teoremadell Economiadel Benessere(cont_) Ogni allocazione efficiente (ogni punto sulla curva dei contratti) è un equilibrio concorrenziale per una qualche allocazione iniziale delle risorse. Per funzionare, il secondo teorema necessita di un intervento pubblico non distorsivo (ad esempio, tasse a somma unica). Sfortunatamente, quasi tutte le modalità di redistribuzione del reddito hanno effetti distorsivi: Le tasse possono spingere gli agenti a lavorare meno e le imprese ad alterare in modo inefficiente il loro rapporto ottimale nell uso degli input. Dunque, nella realtà un trade-off tra i criteri dell equità e dell efficienza appare inevitabile. I due teoremi dell economia del benessere restano tuttavia un riferimento essenziale per ogni discussione normativa legata a tali temi (si vedano corsi di Economia Pubblica) 29 Efficienza nella Produzione Di nuovo, si parta da un modello semplice come quello descritto in precedenza e si aggiunga il settore della produzione. Cibo e Vestiario sono prodotto usando capitale e lavoro. C è una dotazione iniziale fissa nel sistema di K e L. Quale è la quantità efficiente di ognuno dei due beni che può essere prodotta data la tecnologia esistente? In altre parole, come dovrebbero essere allocate le dotazioni iniziali fisse di lavoro e capitale tra i due processi produttivi per raggiungere l efficienza? Ci si chiede poi se i mercati perfettamente competitivi allochino (in forma decentrata) gli input in tale modo efficiente. La risposta è positiva e questo per tre diversi requisiti di efficienza : nello scambio, nei fattori produttivi e nella produzione. 30 Matteo Alvisi - Microeconomia 15

16 Efficienza nei Fattori Produttivi Se i mercati degli input sono concorrenziali e i produttori di ogni bene considerano i loro prezzi come un dato, allora verrà raggiunto una allocazione efficiente nei fattori produttivi. Infatti, Se i produttori di cibo minimizzano i costi di produzione, sceglieranno una combinazione di L e K tale per cui SMST C = P L/ P K =w/r In modo simile per i produttori di vestiario SMST V = P L/ P K =w/r Dunque, l equilibrio concorrenziale è efficiente nei fattori produttivi: SMST V = w/r= SMST C 31 La Frontiera della Possibilità di Produzione La Frontiera delle Possibilità di Produzione mostra le combinazioni efficienti di cibo e vestiario che possono essere prodotte con i livelli fissi di L e K, dato lo stato della tecnologia. Essa è la trasposizione sul grafico dei prodotti della curva dei contratti degli input. La FPP è inclinata negativamente: per produrre più cibo dobbiamo spostare alcune unità di input dal settore del vestiario, diminuendone la produzione. Il valore assoluto della pendenza della FPP è il Saggio Marginale di Trasformazione (SMT). Vestiario O C A B C D O V Cibo 32 Matteo Alvisi - Microeconomia 16

17 Il Saggio Marginale di Trasformazione La FPP è concava: la sua pendenza aumenta se aumentiamo la produzione di cibo riducendo quella del vestiario. La quantità di vestiario a cui dobbiamo rinunciare per produrre una pagnotta di pane in più aumenta all aumentare della produzione di pane. Ciò è dovuto ai rendimenti marginali decrescenti di entrambi gli input: Se ci si trova in O C, producendo solo vestiario, la P di entrambi gli input è relativamente bassa, data che essi sono tutti utilizzati in un unico processo produttivo. Se rimuoviamo alcune unità di L e K dal settore del vestiario e le dedichiamo alla produzione di cibo, la P di quelle unità di L e K sarà molto elevata, cosicché la prima unità di cibo richiede una diminuzione molto limitata della produzione di vestiario. Continuando a spostare L e K dal vestiario al cibo, la P nel settore del cibo diminuisce mentre quella nel vestiario aumenta, cosicché per produrre una pagnotta in più occorre rinunciare a quantità crescenti di vestiario. In altre parole, SMT= V/ C aumenta. 33 Il Saggio Marginale di Trasformazione_(cont) Vestiario O C V/ C= V D E C V C V/ C=-2 F O V Cibo 34 Matteo Alvisi - Microeconomia 17

18 Il Saggio Marginale di Trasformazione_(cont) E possibile esprimere il SMT in termini di costi marginali. Si supponga uno spostamento dal punto D, dove SMT=1, al punto E. Per aumentare C di 1 unità occorre diminuire V di 1 unità: quando i fattori produttivi vengono spostati da D a E 1 unità di ouput è guadagnata e un altra è persa. Se il costo dei fattori spostati è 100 (ad esempio, 10 unità di L a w=6 e 8 unità di K a r=5), il costo marginale di una unità addizionale di F è 100. Dato che si è persa 1 V, questo è anche il costo di tale unità di V non più prodotta. Ciò significa che il C di produrre una unità in più di C è esattamente pari al C che avrebbe dovuto essere sostenuto per produrre le unità di V non più prodotte. Più in generale, V/ C=C C /C V. 35 L Algebra dell Efficienza nella Produzione Affinché una economia allochi i fattori produttivi in modo efficiente, non solo i beni devono essere prodotti al minimo costo, ma anche in modo tale che SMT=SMS K =SMS J Per provare ciò, si pensi ad una allocazione in cui tale eguaglianza non si verifichi e in cui SMS=2>SMT=1. L individuo scambierebbe 2 V per 1 C in più; Il mercato trasforma quelle 2 V in 2 C, per cui l individuo sarebbe in grado di migliorare il proprio benessere (spostandosi su di una curva di indifferenza più elevata) cedendo 2 V per averle trasformate in 2 C. Questo significa che al momento l economia sta producendo troppo poco cibo rispetto a quanto i consumatori richiederebbero. Per raggiungere l efficienza nella produzione, il cibo deve aumentare e il vestiario diminuire. In tale movimento lungo la FPP, il SMT aumenta. I consumatori iniziano a domandare più C e meno V, cosicché il loro SMS diminuisce avvicinandosi al valore (in aumento) del SMT. (Tale movimento è accompagnato da un aumento del prezzo di C e una diminuzione di quello di V). Queste variazioni termineranno quando SMS=SMT. Matteo Alvisi- Microeconomia 36 Matteo Alvisi - Microeconomia 18

19 Equilibri Competitivi ed Efficienza nella Produzione L ottimizzazione dei consumatori implica SMS = p C /p V Il SMT è definito anche come C C /C V Si noti che in un mercato perfettamente competitivo, la massimizzazione del profitto porta le imprese a produrre in modo tale che p C = C C e p V = C V Dunque SMS= p C /p V =C C /C V =SMT e un equilibrio perfettamente concorrenziale è efficiente nella produzione. 37 Applicazione: I Benefici del Libero Scambo Ci sono sempre benefici ottenibili dal libero scambio ogniqualvolta una paese abbia un vantaggio comparatonel produrre un bene ed un altro paese lo abbia nel produrre un bene diverso. Il paese 1 ha un vantaggio assoluto nel produrre x se il costo di produzione di xè più basso rispetto a quello del paese 2. Il paese 1 ha un vantaggio comparato nel produrre il bene xse il suo costo di produrre xrispetto al costo di produrre yè più basso del costo di produzione di xnel paese 2, rispetto al costo di produrre yin Matteo Alvisi - Microeconomia 19

20 Vantaggio Comparato Il Giappone ha un vantaggio assoluto nella produzione di entrambi i beni; Ha inoltre un vantaggio comparato della produzione di lettori Mp3. La Grecia ha un vantaggio comparato nella produzione di vino. Ore di lavoronecessarie per produrre 1 lettoremp3 e unadamigiana di vino Lettore Vino Giappone 2 4 Grecia 12 6 Quando ognuno dei due paesi ha un vantaggio comparato possono migliorare il loro benessere specializzandosi nella produzione del bene su cui hanno tale vantaggio ed importare poi l altro bene. Per dimostrarlo, si ipotizzi per semplicità che, a livello mondiale, in assenza di barriere commerciali, i lettori MP3 ed il vino abbiano lo stesso prezzo (p mp3 =p V, cosicché il prezzo relativoèp mp3 /p V =1). Inoltre, immaginiamo piena occupazione in entrambi i paesi(cosicché la produzione di lettori può essere aumentata solo diminuendo la produzione di vino) e che il massimo ammontare di lavoro giornaliero a disposizione nei due paesi sia 24 ore al giorno. 39 Vantaggio Comparato_(cont) Con 24h di lavoro, il Giappone può produrre 12 lettori, 6 damigiane di vino o una combinazione dei due beni (ad esempio, 9 lettori mp3 e 1 damigiana e mezzo di vino). Il Giappone può in realtà fare anche meglio: produrre solo lettori Mp3 ( specializzarsi ) e vendere parte della produzione nel mercato mondiale in cambio di vino. Ad esempio, dopo aver prodotto 12 lettori potrebbe venderne 3 in cambio di 3 damigiane al prezzo mondiale. Ciò migliorerebbe la situazione del Giappone rispetto all autarchia, nella quale dopo la produzione di 9 lettori, data la dotazione di lavoro disponibile, si potrebbe ottenere solo una damigiana e mezzo di vino. La Grecia invece ha un interesse a specializzarsi nella produzione di vino (Perché?) Ore di lavoronecessarie per produrre un LettoreMP3 e unadamigiana di Vino Lettore Vino Giappone 2 4 Grecia 12 6 Senza commercio, la Grecia potrebbe produrre solo 2 lettori Mp3 o solo 4 damigiane di vino, o una combinazione dei due beni (ad esempio 1 lettore e 2 damigiane). Con il commercio, se producesse 4 damigiane di vino, potrebbe consumarne 2 e ottenere con le rimanenti 2 lettori al prezzo mondiale, e tale combinazione non sarebbe stata raggiungibile senza la specializzazione prima e lo scambio poi. 40 Matteo Alvisi - Microeconomia 20

21 Efficienza dei Mercati Concorrenziali_(cont) Se i prezzi del vino in Giappone fossero relativamente più alti che a livello mondiale e se il Giappone fosse protezionista: i produttori produrranno la combinazione A. L apertura al commercio implica l accettazione del prezzo relativo mondiale. B diventa la combinazione produttiva interna più desiderata (il vino è meno conveniente da produrre internamente) Dal canto loro, i consumatori vorranno consumare la combinazione D. In B, c è un eccesso di domanda di V e un eccesso di offerta di L, ma questi gap possono essere coperti con le importazioni (Vd-Vb) e con le esportazioni (Lb-La). L Lb Ld La B Vb A Va Vd D L efficienza nei mercati perfettamente competitivi si raggiungeanche quando le sceltedi produzione e di consumo avvengono in modo decentrato. V 41 Matteo Alvisi - Microeconomia 21

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere Equilibrio Economico Generale ed Economia del enessere lessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 EQUILIRIO ECONOMICO GENERLE E ECONOMI

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato Il vantaggio comparato Nel giorno di San Valentino la domanda statunitense di rose è di circa 10 milioni. Coltivare rose negli Stati Uniti d inverno è difficile. E necessario l uso di serre riscaldate.

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Sociali e Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 3 LA TEORIA DELL IMPRESA (b) CURVE DI COSTO

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Politica economica: Lezione 5

Politica economica: Lezione 5 Politica economica: Lezione 5 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Efficienza nella produzione Criterio

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Esercitazione. Capp. 1-5

Esercitazione. Capp. 1-5 Esercitazione Capp. 1-5 Esercizio 1 Elencate e spiegate sinteticamente: 1. I principi che regolano le scelte individuali 2. I principi che regolano l interazione tra gli individui Risposta: 1. Quattro

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 Appunto n. 1: Il giudizio di efficienza di Ernesto Longobardi 8 ottobre 2002 1 Sovranità del consumatore vs paternalismo

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Capitolo 1. Che cos è l economia

Capitolo 1. Che cos è l economia Capitolo 1 Che cos è l economia Economia, scarsità e scelta L'economia è una scienza sociale L economia è lo studio della scelta in condizioni di scarsità Scarsità e scelte individuali Scarsità di tempo

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 2: Equilibrio economico generale (part 2) Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

I COSTI NEL BREVE PERIODO

I COSTI NEL BREVE PERIODO Capitolo 10 Costi COSTI Occorre collegare la produzione dell impresa ai costi sostenuti per realizzarla, sia nel breve, sia nel lungo periodo Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. [1:cap.4]

Economia e politica di gestione del territorio. [1:cap.4] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.5: Efficienza ed Equità [1:cap.4] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

L efficienza del mercato

L efficienza del mercato L efficienza del mercato I mercantilisti, Smith e il mercato Prima di Smith, era ampiamente diffusa l idea che il migliore raggiungimento dell interesse pubblico richiedesse un intervento attivo dello

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Teorema di Heckscher-Ohlin Integrazione dei paragrafi del libro

Teorema di Heckscher-Ohlin Integrazione dei paragrafi del libro Teorema di Heckscher-hlin Integrazione dei paragrafi del libro G. i artlomeo Assunzioni Il modello 2 paesi (Stati Uniti e Italia) 2 beni (Computer e ) 2 fattori di produzione (K e L) Si assume Immobilità

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

12.4 Risposte alle domande di ripasso

12.4 Risposte alle domande di ripasso Il monopolio 81 12.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Controllo su input fondamentali; economie di scala; brevetti; economie di rete; licenze governative. Nel lungo periodo il controllo sugli input

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 Ampliamo la teoria ipotizzando che ci siano molti tipi differenti di lavoratori (i.e. specializzati, non specializzati) e molti tipi differenti

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale Capitolo 8 Gli strumenti della politica commerciale preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Analisi dei dazi in equilibrio parziale: offerta,

Dettagli

Esercitazione n 1/micro: 7 marzo 2008

Esercitazione n 1/micro: 7 marzo 2008 Esercitazione n 1/micro: 7 marzo 2008 1. Quale dei seguenti fatti implica un trade-off a. Comprare una nuova auto b. Andare all università c. Guardare una partita di calcio il sabato pomeriggio d. Tutte

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005 A Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES Istruzioni: rispondete alle domande segnando con una crocetta la lettera

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso Capitolo 5 La teoria della domanda Soluzioni delle Domande di ripasso 1. La curva prezzo-consumo mostra l insieme dei panieri ottimi di due beni, diciamo X e Y, corrispondenti a diversi livelli del prezzo

Dettagli

Teoria del commercio internazionale

Teoria del commercio internazionale Teoria del commercio internazionale (Krugman e Obstfeld Economia Internazionale Hoepli, 2003. Capp. 2, 4 leggere; 6 studiare) Vantaggi dallo scambio Differenze nelle caratteristiche dei paesi danno luogo

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Proprietà contratti e potere

Proprietà contratti e potere Proprietà contratti e potere Le istituzioni formali e informali Definiscono le regole dello scambio Possono risolvere i problemi di free riding Hanno effetti redistributivi 1) Definiscono e difendono i

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli