Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA"

Transcript

1 Capitolo 4 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA CARATTERISTICHE ENERGETICHE. CARICO IDRAULICO Nelle correnti a superficie libera l acqua scorre in canali aperti o chiusi (figura.), mantenendo una superficie a contatto con l aria. La sezione bagnata perciò non è completamente determinata dalle pareti dell alveo, ma varia a seconda che questo sia più o meno occupato dalla corrente. (a) (b) Figura. - Canale a) aperto e b) chiuso Mentre nelle correnti in pressione ogni portata attraversa una generica sezione con velocità ed altezza cinetica ben determinate, nelle correnti a superficie libera una qualsiasi portata può passare, in linea di principio, con una velocità qualunque. Ad ogni velocità corrisponde una sezione bagnata Ω e, di conseguenza, un'altezza d acqua h. Ciò rende lo studio delle correnti a superficie libera più complesso di quello delle correnti in pressione. Si consideri la sezione di alveo illustrata nella figura., in cui si è indicata con z o la quota del fondo rispetto ad un generico piano orizzontale. Se è h l altezza idrica, la quota piezometrica della corrente risulta: ζ = z + h 0 Se è Q la portata, la velocità media è:

2 Q U = Ω ( h) dove Ω(h) è l area della sezione bagnata, funzione dell altezza idrica h. Il carico totale è allora: αu αu αq H = ζ + = z0 + h + = z0 + h + (.) g g gω e risulta una funzione dell altezza idrica h. ( h) Figura. - Grandezze che interessano la generica sezione. ENERGIA SPECIFICA Nelle correnti a superficie libera conviene introdurre una nuova grandezza: l energia specifica E, definita come l energia meccanica per unità di peso della corrente calcolata rispetto al fondo dell alveo. Si ha pertanto: αq E = H z0 = h+ gω ( h) (.) L energia specifica differisce dal carico idraulico per una costante, la quota del fondo, ed è anch essa funzione di h. Esaminando la (.) risulta evidente che, fissata la portata Q: - per h che tende all infinito anche l energia specifica E tende all infinito; - per h che tende a zero E tende ancora all infinito, perché aumenta oltre ogni limite l altezza cinetica, in quanto Ω(h) tende anch essa a zero.

3 Ciò vuol dire che, se si vuol far passare una portata Q assegnata attraverso una sezione, pure essa assegnata, con una velocità molto forte o con un altezza d acqua elevatissima, la corrente deve avere una grande energia meccanica; nel primo caso cinetica, nel secondo caso di quota e di pressione. La funzione h(e) per Q assegnata è illustrata qualitativamente nella figura... CORRENTE CRITICA Il valore dell altezza d acqua per cui l energia specifica è minima viene chiamato altezza critica h c. All altezza critica corrisponde una sezione critica Ω c ed una velocità critica U c. Una corrente che defluisce con altezza critica si dice corrente critica. Nella figura. è indicata l altezza critica e con E c è indicata l energia minima (o critica)..5.0 corrente veloce corrente lenta.5 h (m) h c E (m) Figura. - Altezza idrica di una corrente a superficie libera in funzione dell energia specifica Il valore della sezione critica si ricava trovando il minimo della (.), ossia uguagliando a zero la derivata dell energia specifica E rispetto ad h: de dh = d dh h+ Q α gω d = αq Ω gω dh = 0 dω Poiché è = bh ( ), larghezza della superficie libera, sostituendo questa espressione nella dh precedente e ricavando Ω, si ottiene:

4 Ω c Ricordando che è U U c ( ) Qbhc = α (.) g c g Ωc = α bh Q =, dalla (.) si può ricavare l espressione della velocità critica: Ω ( ) c c (.4) Se l alveo è rettangolare si ha Ω =bh, con b costante. Dalla (.) si può ricavare l altezza critica: Q hc = α (.5) gb e dalla (.4) la velocità critica: U c g gq = h c = (.4 ) α α b Analogamente, per un energia specifica E assegnata, la portata che transita attraverso una sezione dipende dall altezza d acqua secondo la relazione ricavata dalla (.): Q = gω ( h)( E h) α (.6) È facile verificare che: - per h che tende a E l altezza cinetica è trascurabile e Q tende a zero; - per h che tende a zero, anche Ω(h) tende a zero e di conseguenza pure la portata Q tende a zero. La funzione Q(h) per E assegnata è illustrata qualitativamente nella figura.4. Il massimo valore Q c di Q si verifica quando h = h c, ossia quando la corrente è critica. In conclusione si può dire che la condizione critica per una corrente è quella in cui una portata assegnata passa con minima energia specifica, oppure in cui con un energia specifica assegnata transita la massima portata..4 CORRENTI LENTE E VELOCI Se l acqua scorre a superficie libera con un altezza idrica maggiore ed una velocità minore di quelle critiche, si dice che essa è in corrente lenta. Se invece l altezza idrica è minore e la velocità maggiore di quelle critiche, si dice che l acqua è in corrente veloce. Se altezza idrica e velocità sono proprio quelle critiche, l acqua si dice in corrente critica. Il fatto che la corrente sia lenta o veloce è indicato dal numero di Froude: 4

5 .5.0 h c.5 h (m) coorenti lente correnti veloci Q (m /s) Figura.4 - Altezza idrica di una corrente a superficie libera in funzione della portata dove: αb α Fr = U =U gω gh h = Ω b è l altezza media della corrente. Infatti confrontando la (.7) con la (.4) si vede che è: - Fr = se la corrente è critica; - Fr < se la corrente è lenta, in quanto Ω > Ω c ; - Fr > se la corrente è veloce, in quanto Ω < Ω c. (.7) (.8) CARATTERISTICHE CINEMATICHE La distinzione tra correnti lente e correnti veloci è molto importante, perché implica un comportamento completamente differente. Per comprendere questo fatto, si consideri una perturbazione provocata, ad esempio, dalla caduta di un sasso in uno specchio idrico in quiete. Essa genera delle onde, che possono essere considerate delle piccole perturbazioni se la loro altezza δ è trascurabile rispetto alla profondità dell acqua h. Le onde si allontanano dal punto in cui sono state generate con una celerità c. Il moto delle onde non comporta, però, un trasporto di massa, perché le particelle liquide non si allontanano dalla loro posizione, ma consiste soltanto in una trasmissione di perturbazioni. 5

6 Si può dimostrare che se in una corrente viene generata una piccola perturbazione, la sua celerità di propagazione è pari alla velocità della corrente se essa è in stato critico, e maggiore della velocità della corrente se essa è lenta ed è minore della velocità della corrente se essa è veloce. Per fissare le idee si consideri una corrente in un alveo rettangolare. Si può agevolmente dimostrare che in questo caso la celerità di propagazione delle piccole perturbazioni rispetto all acqua vale: c= gh (.9) - se è h = h c, la corrente è critica e U = U c : allora c= gh c e, a meno del coefficiente α che, com è noto, è molto prossimo all unità, la celerità di propagazione è uguale alla velocità della corrente, data dalla (.4 ). - se è h > h c, la corrente è lenta e U < U c : in questo caso, per la (.9), la celerità di propagazione è maggiore di U c e quindi, a maggior ragione, anche di U. - se è h < h c, la corrente è veloce e U > U c : in questo caso, per la (.9) la celerità di propagazione è minore di U c e quindi, a maggior ragione, anche di U. Si considerino ora le perturbazioni che tendono a propagarsi contro corrente: sia C la loro celerità di propagazione rispetto alle sponde del canale, e si assumano positive le celerità e le velocità dirette verso valle. Allora: - se la corrente è lenta si ha: C = U c<0, perché in corrente lenta è c > U: la perturbazione risale effettivamente verso monte; - se la corrente è critica si ha: C = U c=0, perché in corrente critica è c = U: la perturbazione non si muove rispetto alle sponde ed in particolare non risale verso monte; - se la corrente è veloce si ha: C = U c>0, perché in corrente veloce è c < U: la perturbazione può soltanto scendere rispetto alle sponde e quindi non risale verso monte. Ne consegue che se in una sezione di una corrente s introduce una causa di perturbazione del moto, ad esempio un ostacolo o una modifica dell alveo, la perturbazione può risalire verso monte solo se la corrente è lenta. In questo caso tutto il regime della corrente a monte della causa di perturbazione risente della perturbazione stessa. Nelle correnti veloci e nelle correnti critiche, invece, la perturbazione non risale la corrente, che non si modifica a monte del punto in cui è generata. Ad esempio, quando in una corrente si cala dall alto una paratoia, si possono verificare due casi: - se la corrente è lenta il livello idrico si innalza a monte fino a grande distanza dalla paratoia (figura.a); 6

7 - se la corrente è veloce, a monte si crea una intumescenza in corrente lenta, ma questa non riesce a risalire verso monte oltre un certo limite, al dilà del quale il deflusso resta indisturbato (figura.b). Figura. - Comportamento di a) correnti lente e b) veloci in presenza di un ostacolo MOTO UNIFORME. SCALA DI DEFLUSSO Si è visto che nelle correnti a superficie libera la forma dell alveo non determina completamente la sezione della corrente. Pertanto il fatto che l alveo abbia una sezione e una pendenza costante è condizione necessaria ma non sufficiente per l uniformità del moto a superficie libera. Occorre, infatti, che anche la superficie libera sia parallela al fondo, in modo che non cambino l area e la forma della sezione bagnata. Quindi il moto uniforme a superficie libera implica le seguenti condizioni: - alveo a sezione costante, - alveo a pendenza costante, - pendenza della superficie libera uguale a quella del fondo. Se queste condizioni sono rispettate la velocità non cambia nel senso del moto, e poiché la quota piezometrica coincide con la superficie libera, anche la pendenza piezometrica J coincide con la pendenza i del fondo, ossia: 7

8 J = i (.0) Facendo riferimento alla formula di Chezy, al variare della portata Q, non potendo variare la pendenza piezometrica J, che è fissata dalla (.0), devono variare l altezza della corrente h da cui dipendono la sezione bagnata Ω, il raggio idraulico R e, di conseguenza, anche il coefficiente di Chezy χ: Qh ( ) = Ω( h) χ ( h) Rhi ( ) = Q( h) i (.0a) Questa relazione prende il nome di scala di deflusso del canale. Il rapporto tra la portata e la radice quadrata della pendenza del canale: s Q Qs = i (.) è chiamata portata specifica e non dipende dalla pendenza del fondo; essa infatti è una caratteristica della sezione del canale. Il rapporto tra la portata specifica e l area della sezione bagnata è la velocità specifica: U s Qs Q = = A A i (.) In un canale a sezione trapezia isoscele, come quello illustrato nella figura., in cui è b o la base, h la profondità dell acqua e θ l angolo che le sponde formano con l orizzontale, l area della sezione bagnata è: h Ω = hb o + tgθ e il contorno bagnato è: C = h bo + sin θ da cui risulta il raggio idraulico: h bo + Ω tgθ R = = h C h bo + sinθ Adottando per χ la formula di Manning, con n indice di scabrezza, la scala di deflusso si esprime: n b h tgα bo h + tgθ h + sinθ ( ) = h b + h i Q h o o Se la sezione del canale è rettangolare, b o = b, larghezza del canale, tgθ, sinθ =, e la precedente diventa: 8

9 n h b + h ( ) = bh i Q h Se la sezione è rettangolare infinitamente larga, talché h<<b, si ha della scala di deflusso si riduce alla: 5 / bh Q( h) = i n R h e l espressione Nella figura. è illustrata la scala di deflusso di un canale a sezione rettangolare infinitamente larga, con indice di scabrezza n = 0,06, espressa in termini di portata specifica Q per unità di larghezza q s =. A tratteggio è riportato l andamento della velocità specifica l i U s. altezza (m) portata unitaria specifica velocità specifica velocità (m/s); portata (m /s) Figura. - Scala di deflusso in termini di portata e velocità specifiche. ALVEI A DEBOLE E A FORTE PENDENZA La scala di deflusso stabilisce una relazione biunivoca tra l altezza d acqua h e la portata Q in moto uniforme. Pertanto in un alveo assegnato, ad ogni portata Q corrispondono, in moto uniforme, un altezza d acqua h u, una sezione bagnata Ω u ed una velocità media U u ben determinate. Per un assegnata portata Q, un alveo si dice: - a debole pendenza, se la corrente uniforme con portata Q è lenta; - a pendenza critica, se la corrente uniforme con portata Q è critica; 9

10 - a forte pendenza, se la corrente uniforme con portata Q è veloce. Per un canale di forma assegnata, il fatto che un alveo sia a forte o a debole pendenza per una determinata portata Q dipende dalla sola pendenza i. In un alveo rettangolare a sezione molto larga, tale che il raggio idraulico R sia pari all altezza d acqua h, la portata Q è legata all altezza di moto uniforme h u dalla relazione: Q bh u = n Inversamente: h u = 5 / i 5 / 5 / n Q (.) 50 / / b i Se l alveo è a pendenza critica, vale anche la (.5): h u Q = hc = α gb che eguagliata alla (.) permette di ricavare la pendenza critica i = i c : 0/ 9 / 9 n g b ic = (.4) 0/ 9 / 9 α Q La (.4), il cui andamento è illustrato qualitativamente nella figura., mostra che in moto uniforme la pendenza critica i c diminuisce al crescere della portata Q. Ciò vuol dire che un generico alveo a pendenza i assegnata, risulta a debole pendenza per portate minori del valore Q c e a forte pendenza per portate maggiori di Q c. correnti critiche i (%) 0.4 alvei a forte pendenza 0. 0 alvei a debole pendenza ic Q (m /s) Figura. - Pendenza critica in funzione della portata 0

11 4 MOTO PERMANENTE 4. PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Nelle correnti a superficie libera, come in quelle in pressione, si verificano perdite di carico localizzate, legate soprattutto a rallentamenti locali della corrente che generano un brusco aumento di turbolenza. Questi rallentamenti sono dovuti a più o meno brusche variazioni dell alveo (variazioni di sezione, curve) o alla formazione di un risalto idraulico. Variazione di sezione Le variazioni della sezione dell alveo introducono una variazione dell altezza idrica h, per cui la sezione bagnata Ω della corrente cambia in funzione sia dell alveo sia di h. Inoltre una variazione di sezione è, in linea di principio, sempre accompagnata da un aumento localizzato di turbolenza che comporta una perdita di carico localizzata. Risalto idraulico Se un tratto di corrente veloce è seguito da una corrente lenta la transizione tra le due condizioni di moto avviene bruscamente, con una forte turbolenza. Per fissare le idee, si consideri la situazione illustrata nella figura 4., in cui una corrente veloce in un alveo a forte pendenza si trasforma in corrente lenta quando l alveo diventa bruscamente a debole pendenza. Il dislivello tra le due altezze d acqua di monte e di valle costituisce una perturbazione che tende a risalire verso monte, ma ne è impedita dalla presenza della corrente veloce, che defluisce con velocità maggiore della celerità di propagazione della perturbazione. Si crea allora sul piano verticale un vortice ad asse orizzonale, indicato dalle frecce, che prende il nome di risalto idraulico (o salto di Bidone). Nel risalto idraulico la turbolenza è molto elevata, e la dissipazione di carico elevatissima. Figura 4. - Risalto idraulico

12 Per determinare le caratteristiche del risalto, si fissi l attenzione su un tronco d alveo a sezione costante, con il fondo sensibilmente orizzontale, come illustrato nella figura 4.. Si consideri, quindi, l elemento di corrente compreso tra due sezioni normali σ e σ, disposte a monte e a valle del risalto, a una distanza tale per cui si possa considerare smorzato l eccesso di turbolenza provocato dal risalto stesso, in modo che la corrente risultia sufficientemente lineare, con distribuzione idrostatica delle pressioni. Si applichi a questo elemento l equazione globale: r r r r r G I + Π + M M = 0 (.4a) Figura 4. - Applicazione dell equazione globale del moto a un risalto idraulico In moto permanente è r I = 0 ; inoltre, proiettando la (.4a) nella direzione del moto, la componente del peso r G è nulla per la supposta orizzontalità dell alveo, e la (.4a) si riduce a: Π o + M M = 0 dove Π ο è la proiezione di alla parete, Πο vale: Π = Π Π o o o r Π (.5) nella direzione del moto. Se si trascurano gli sforzi tangenziali dove Π o e Π o sono le spinte sulle sezioni σ e σ. Dalla (.5) si ricava allora: Π o + M = Πo + M (.6) La (.6) dice che la somma della spinta Π o e del flusso della quantità di moto M è uguale nelle due sezioni σ e σ a monte e a valle del risalto idraulico. Siano h e h le altezze idriche nelle due sezioni; se l alveo è rettangolare di larghezza b, si ha: e: = γ Π o = γ bh Π o bh

13 M Q = ρ M bh Q = ρ bh dove β è il coefficiente di Coriolis per quantità di moto, introdotto per tenere conto del fatto che il flusso delle quantità di moto calcolato con le grandezze medie non è uguale alla media dei flussi calcolati nei singoli punti della sezione. Sostituendo le precedenti nella (.6) si ha: γbh ( h ) ρq + = 0 (.7) b h h La (.7) è la relazione che sussiste tra l altezza idrica a monte e a valle del risalto idraulico: la altezze h e h che soddisfano la (.7) si dicono altezze coniugate. In base alla (.7) si può ricavare facilmente la perdita di carico ΔH, che, essendo il fondo orizzontale, uguaglia la variazione di energia specifica E - E. Si ha : ( ) ΔH = H H = E E = h h 4 ( h + h ) hh (.8) Poiché il vortice causato dal risalto implica localmente velocità molto elevate, in grado di esplicare una forte azione erosiva, ha notevole interesse pratico poter determinare la lunghezza del risalto, vale a dire la distanza tra il punto d innesco del risalto a monte fino all estremità di valle del vortice. Questa lunghezza è stata determinata sperimentalmente e dipende dal numero di Froude. Cautelativamente si può assumere tale lunghezza pari a sette volte il livello idrico di valle. 4. PROFILI DI CORRENTE Nel paragrafo. sono state esaminate le caratteristiche energetiche della corrente in una singola sezione, ma non è stata fatta alcuna considerazione sulle modifiche d alveo e sulle dissipazioni d energia che avvengono al passaggio da una sezione alla successiva. Queste Infatti, per definizione di energia specifica è: Q E E = h h + gb h h che, ricavando dalla (.7): Q hh h h ( h h ) h h = = + gb 4 h h 4 diventa appunto: ( ) ( ) ( h+ h ) = h h + h h E E h h h h h h h h = + + hh 4 4 da cui si ottiene immediatamente la (.8). hh,

14 modifiche e dissipazioni condizionano il modo in cui varia la profondità dell acqua in moto permanente, e quindi la forma che assume il profilo di corrente (o profilo rigurgito), ossia il profilo della superficie libera della corrente. Nello studio dei profili di corrente occorre ricordare che: - quando l altezza idrica h è uguale a quella di moto uniforme h u la corrente dissipa il carico con la stessa rapidità con cui il fondo cala nel verso del moto, e l energia specifica E della corrente rimane costante; infatti, se h = : dh dz0 de = = 0 - quando l altezza idrica h è uguale all altezza critica h c la corrente possiede la minima energia specifica compatibile con la sua portata; più h è lontana da h c più grande è l energia specifica della corrente. Nel seguito si prendono in esame separatamente gli alvei a debole pendenza e quelli a forte pendenza. In entrambi i casi si farà riferimento ad una portata Q assegnata e ad un alveo a sezione e a pendenza costante. Alvei a debole pendenza Gli alvei a debole pendenza sono quelli in cui la corrente uniforme è lenta. Perciò l altezza di moto uniforme è maggiore di quella critica: h u > h c. Facendo riferimento alla figura 4., si considerino le condizioni del moto nella generica sezione σ. L altezza idrica in σ potrà avere un valore qualsiasi, in dipendenza da circostanze su cui, per ora, non ci si sofferma. In particolare l effettiva altezza idrica h potrà essere: - maggiore dell altezza di moto uniforme: h > h u (punto A nella figura 4.); - compresa tra l altezza di moto uniforme e quella critica: hu h hc (punto B nella figura 4.); - minore dell altezza critica: h h (punto C nella figura 4.). c > Se è h > h u (punto A) la corrente è lenta, e più lenta di quella di moto uniforme, per cui dissipa il carico più lentamente di questa, trovandosi progressivamente con energia specifica sempre maggiore. Procedendo verso valle il livello idrico deve allontanarsi dall altezza critica, in cui l energia specifica è minima, secondo la legge illustrata nella figura.. Il profilo di rigurgito è la curva A AA tracciata nella figura 4.. Esso scende sempre nel verso del moto e tende: - a monte al profilo di moto uniforme, - a valle al profilo orizzontale, perché man mano che la corrente rallenta, la perdita di carico diminuisce fino ad annullarsi con acqua ferma. Se è hu > h > hc (punto B) la corrente è ancora lenta, ma è meno lenta di quella di moto uniforme. Essa perciò dissipa il carico più rapidamente di questa e si trova progressivamente con energia specifica sempre minore. Il livello idrico deve allora avvicinarsi all altezza h u 4

15 critica, secondo la legge illustrata nella figura.. Il profilo di rigurgito è la curva B BB tracciata nella figura 4.. Esso scende sempre nel verso del moto e tende: - a monte al profilo di moto uniforme, - a valle a traversare verticalmente l altezza critica, perché in vicinanza di questa l energia specifica varia poco al variare dell altezza d acqua, come mostra la figura.. Va però notato che quando la pendenza della superficie libera è molto forte rispetto al fondo, vengono meno le condizioni di linearità del moto, supposte valide nella teoria, per cui tutte le considerazioni precedenti e gli sviluppi che seguiranno non possono essere considerati rigorosamente validi. Se è h c > h (punto C) la corrente è veloce e anche in questo caso è più veloce di quella di moto uniforme. Il livello idrico tende ancora ad avvicinarsi all altezza critica. Il profilo di rigurgito è la curva C CC illustrata nella figura 4.. Esso sale sempre rispetto al fondo nel verso del moto e tende: - a monte ad una pendenza finita sul fondo, - a valle a traversare verticalmente l altezza critica. Figura 4. - Profili di corrente in alvei a debole pendenza Alvei a forte pendenza Gli alvei a forte pendenza sono quelli in cui la corrente uniforme è veloce. Perciò l altezza critica è maggiore di quella di moto uniforme: h c > h u. Facendo riferimento alla figura 4.4, si considerino le condizioni del moto nella generica sezione σ. L altezza d acqua in σ potrà essere: - maggiore dell altezza critica: h> (punto A nella figura 4.4); h c - compresa tra l altezza critica e quella di moto uniforme: hc > h > hu (punto B nella figura 4.4); 5

16 - minore dell altezza di moto uniforme: h u > h (punto C nella figura 4.4). Se è h > h c, a maggior ragione è h > h u :la corrente è lenta ed è più lenta di quella di moto uniforme e dissipa meno carico di questa, trovandosi progressivamente con una energia specifica sempre maggiore. Il livello idrico deve allora allontanarsi dall altezza critica, che è di minima energia, secondo la legge illustrata nella figura.. Il profilo di rigurgito è la curva A AA tracciata nella figura 4.4. Esso sale sempre nel verso del moto e tende: - a monte a traversare verticalmente l altezza critica, - a valle al profilo orizzontale. Se è hc > h > hu la corrente è veloce, ma anche in questo caso è meno veloce di quella in moto uniforme e dissipa meno carico di questa, trovandosi progressivamente con energia specifica sempre maggiore. Il livello idrico deve allora allontanarsi dall altezza critica, secondo la legge illustrata nella figura.. Il profilo di rigurgito è la curva B BB tracciata nella figura 4.4. Esso scende sempre nel verso del moto e tende: - a monte a traversare verticalmente l altezza critica, - a valle al profilo di moto uniforme. Se è h u > h la corrente è veloce ed è più veloce di quella di moto uniforme e dissipa più carico di questa, trovandosi progressivamente con energia specifica sempre minore. Il livello idrico deve allora avvicinarsi all altezza critica, secondo la legge illustrata nella figura.. Il profilo di rigurgito è la curva C CC illustrata nella figura 4.4. Esso sale sempre rispetto al fondo nel verso del moto e tende: - a monte ad una pendenza finita sul fondo, - a valle al profilo di moto uniforme. Figura Profili di corrente in alvei a forte pendenza Il discorso può essere formalizzato studiando la variazione nel verso del moto del carico totale H, dato dalla (.). Se si deriva la (.) rispetto all ascissa s, si ottiene: 6

17 dh dz0 dh αq = + + g d dz0 dh αq = + + Ω ( h) g Ω dω dh dh Questa, tenendo presente che è d Ω dz = b, larghezza dell alveo in superficie, e 0 = i, dh pendenza del fondo, si può esprimere: dh dh αqb = i + gω (.9) Se si fa l ipotesi che la perdita di carico ripartita in moto permanente, dh, sia la stessa che si avrebbe in moto uniforme con la medesima altezza idrica, essa può essere messa in relazione alla portata tramite la formula di Chezy, scritta nella forma: da cui si ricava: Q= Ωχ R dh Q = Ω χ R dh Sostituendo la (.0) nella (.9) e ricavando dh dell altezza idrica: dh dh Q i + i Ω χ R = = αqb αqb gω gω (.0) si ottiene l espressione della variazione (.) La (.) può essere integrata soltanto in qualche caso particolare. Negli altri casi bisogna ricorrere ad un integrazione numerica. Se l alveo è rettangolare molto largo, talché h è trascurabile rispetto a b, si ha R = h e Ω = bh, e la (.) diventa: dh Q i b h χ = αq gb h Se si assume χ costante la (. ) è integrabile e si ottiene: (. ) 7

18 h c s s ( h h ) h F h = + F h u i h h h u u (.) u h dove, avendo posto y =, la funzione F h si esprime: ( ) F y = 6 y ln h u ( y ) h u + y + y arcctg + La precedente prende il nome di funzione di Bresse, ed è tabellata in funzione di y. Il numeratore del secondo membro della (.) non è altro che la derivata dell energia specifica E rispetto all ascissa s: de = i + dh per cui la (.) si può scrivere: de dh = αqb gω Se si ricorda la (.): Ω c da cui si ricava: (. ) Qb = α (.) g αq b gω c αqb = = gω c il denominatore del secondo membro della (.) può essere scritto: αqb αqb = gω g Ω Ω c (.) Si vede subito che la (.) è negativa se è Ω < Ω c e la corrente è veloce, ed è positiva se è Ω > Ω c e la corrente è lenta. È facile perciò verificare che nella (. ) dh è positivo, e quindi l altezza d acqua aumenta nel senso del moto quando: - la corrente è lenta, e perciò il denominatore è positivo, se è positivo anche il numeratore, ossia se l energia specifica cresce nel verso del moto; - la corrente è veloce, e perciò il denominatore è negativo, se è negativo anche il numeratore, ossia se l energia specifica decresce nel verso del moto. 8

19 Viceversa l altezza d acqua diminuisce quando l energia specifica decresce in corrente lenta o cresce in corrente veloce. Se la corrente è critica il denominatore del secondo membro della (.) si annulla, l altezza d acqua è critica e dh dh tende all infinito con un profilo verticale. In tal caso anche = 0 e il profilo è parallelo al fondo. Si richiama ancora una volta il fatto che il profilo della superficie libera in realtà non diventa mai verticale, perché vengono a mancare le condizioni di linearità del moto assunte come ipotesi per la validità della (.) e quindi anche della (.). Se il numeratore tende a zero anche dh tende a zero, per cui i profili di rigurgito raggiungono l altezza di moto uniforma soltanto asintoticamente. Le conclusioni ricavate dallo studio della (.) confermano gli andamenti dei profili di rigurgito illustrati nelle figure 4. e ESEMPI DI PROFILI DI RIGURGITO In questo paragrafo saranno esaminati alcuni profili di rigurgito in relazione alle cause che hanno provocato la perturbazione della superficie libera, rendendo l altezza d acqua diversa da quella di moto uniforme. Come cause di perturbazione si prenderanno in considerazione variazioni dell alveo od ostacoli disposti lungo la corrente. Verranno considerati separatamente gli alvei a debole pendenza e quelli a forte pendenza. Alvei a debole pendenza Sbocco in un serbatoio Il serbatoio può avere livelli diversi (figura 4.5): - livello superiore all altezza di moto uniforme (profilo aa, che coincide col profilo A AA della figura 4.); - con livello inferiore all altezza di moto uniforme e superiore all altezza critica (profilo bb, che coincide con un tratto del profilo B BB della figura 4.); - con livello inferiore all altezza critica (profilo cc, anch esso coincidente con il profilo B BB della figura 4.). 9

20 Figura Alveo a debole pendenza che sbocca in un serbatoio Traversa con altezza superiore a quella di moto uniforme La traversa fissa un altezza h o sulla soglia (il profilo coincide con quello A AA della figura 4.) (figura 4.6). Figura Alveo a debole pendenza sbarrato da una traversa Paratoia calata dall alto La paratoia può lasciare al disotto una luce h (figura 4.7): - più alta dell altezza critica (a): la corrente esce lenta e il profilo di moto uniforme a valle risale fino alla paratoia; - più bassa dell altezza critica (b): la corrente esce veloce (profilo che coincide con il C CC della figura 4.), e il profilo di moto uniforme risale fino al punto in cui la corrente veloce ha altezza h coniugata a quella di moto uniforme h u, dove ha luogo il risalto idraulico. 0

21 Subito a monte della paratoia si ha, in entrambi i casi, l altezza d acqua h o necessaria per fare defluire attraverso la luce la portata Q (il profilo a monte coincide con quello A AA della figura 4.). Aumento di pendenza Aumentando la pendenza l alveo (figura 4.8) può: - rimanere a debole pendenza (a): il profilo di moto uniforme di valle risale fino al punto D e a monte si ha un profilo di richiamo (analogo al B BB della figura.8); - diventare a forte pendenza (b): il profilo di moto uniforme di valle non può risalire perché la corrente è uniforme. A monte di D monte si ha un profilo di richiamo (analogo al B BB della figura 4.) e a valle di D un altro profilo di richiamo (analogo al B BB della figura 4.). Figura Alveo a debole pendenza sbarrato da una paratoia calata dall alto Figura Alveo a debole pendenza con aumento di pendenza Vedere il paragrafo del capitolo 8 sulle luci a battente.

22 Alvei a forte pendenza Il serbatoio può avere livelli diversi (figura 4.9) - superiore all altezza critica (profilo ab): dal livello del serbatoio il profilo cala verso monte (secondo il profilo A AA della figura 4.4) risalendo lungo l alveo fino a raggiungere l altezza h coniugata di h u, dove ha luogo il risalto idraulico; - inferiore all altezza critica (profilo ac): il profilo di moto uniforme prosegue verso valle fino al punto D dove l acqua stramazza nel serbatoio. Figura Alveo a forte pendenza che sbocca in un serbatoio Traversa con altezza superiore a quella critica La traversa fissa un altezza h o sopra la soglia (figura 4.0): si forma a monte della traversa un tratto di corrente lenta con profilo che cala verso monte (secondo il profilo A AA della figura 4.4) risalendo lungo l alveo fino a raggiungere l altezza h coniugata di h u, dove ha luogo il risalto idraulico. Figura Alveo a forte pendenza sbarrato da una traversa

23 Paratoia calata dall alto La paratoia può lasciare al disotto una luce h inferiore all altezza di moto uniforme (figura 4.): il profilo della vena effluente sale tendendo asintoticamente al profilo di moto uniforme (secondo il profilo C CC della figura 4.4); subito a monte della paratoia si ha un altezza d acqua h o - necessaria per fare defluire attraverso la luce la portata Q -che deve essere superiore all altezza critica, perché l energia specifica della corrente a monte della luce deve essere maggiore, o al limite uguale a quella della vena effluente, e ciò si può ottenere solo con un altezza h 0 superiore a h c. Il profilo a monte della paratoia cala verso monte (secondo il profilo A AA della figura 4.4) fino a raggiungere l altezza h coniugata di h u, dove ha luogo il risalto idraulico. Figura 4. - Alveo a forte pendenza sbarrato da una paratoia calata dall alto Variazione di pendenza La pendenza può: - diminuire, con passaggio a alveo a debole pendenza (figura 4.a): il profilo di moto uniforme di valle con altezza h u risale verso monte fino a D, e di qui cala (secondo un profilo analogo a quello A AA della figura.9) fino a raggiungere l altezza h coniugata dell altezza di moto uniforme di monte h u, dove ha luogo il risalto idraulico; - aumentare (figura 4.b): il profilo di moto uniforme di valle è veloce e non può risalire, ma si forma un profilo di moto uniforme di chiamata (analogo al B BB della figura 4.4) che parte dal punto D.

24 Figura 4. - Alveo a forte pendenza con variazione di pendenza In tutti gli esempi fatti, e in particolare nelle figure 4.7, 4.9, 4.0, 4.a e 4.b, si può constatare come la corrente veloce a monte non risenta delle perturbazioni di valle, salvo i tratti in cui è trasformata in corrente lenta. Nelle figure 4.7b, 4.8b, 4. e 4.b si vede, invece, che la corrente veloce risente delle perturbazioni di monte, assumendo un profilo di rigurgito comandato da monte. 4

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera 08/0/000 CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera Prof. E. Larcan - Ing. F. Ballio collaborazione dell'ing. Sara Marcante Sulla base dell'esperienza didattica nell'ambito dei

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

RELAZIONE DI IDRAULICA

RELAZIONE DI IDRAULICA Politecnico di Torino RELAZIONE DI IDRAULICA Relazione esercitazioni. Anno Accademico 2011/2012 Corso di Idraulica Professore: L. Ridolfi Studente: Eleonora Magnotta Matricola: 162010 1 INDICE ESERCITAZIONE

Dettagli

PROFILI DI MOTO PERMANENTE

PROFILI DI MOTO PERMANENTE PROFILI DI MOTO PERMANENTE Alcuni appunti Andrea Defina Novembre 010 Prefazione Spesso, gli studenti dei corsi di idraulica mi hanno sottolineato le perplessità e le difficoltà da loro incontrate nella

Dettagli

Correnti a pelo libero

Correnti a pelo libero Corso di Protezione Idraulica del Territorio Richiami sulle correnti a pelo libero Antonino Cancelliere Dipartimento di Ineneria Civile e Ambientale Università di Catania acance@dica.unict.it Correnti

Dettagli

Meccanica dei fluidi. Soluzione dei problemi Capitolo 13. McGraw-Hill

Meccanica dei fluidi. Soluzione dei problemi Capitolo 13. McGraw-Hill Yunus A. Çengel John M. Cimbala per l edizione italiana Giuseppe Cozzo Cinzia Santoro Meccanica dei fluidi Seconda edizione Soluzione dei problemi Capitolo 13 McGraw-Hill Indice 1 Introduzione e concetti

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe ombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 10: Foronomia nno ccademico 2008-2009 2009 1 Indice

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche Indice 1 Equazioni fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Equazionedicontinuità... 2 1.3 Principio di conservazione della quantità di moto.... 5 1.4 Principiodiconservazionedellaenergia... 8 1.5 Considerazioniconclusive...

Dettagli

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE 75 CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE La prova edometrica è una prova di compressione assiale senza deformazione laterale, serve a determinare le caratteristiche di comprimibilità dei

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Esercitazioni svolte INFRASTRUTTURE IDRAULICHE (II MODULO) Prof.ssa Elena Volpi

Esercitazioni svolte INFRASTRUTTURE IDRAULICHE (II MODULO) Prof.ssa Elena Volpi Oggetto Corso Docente Esercitazioni svolte INFRASTRUTTURE IDRAULICHE (II MODULO) Prof.ssa Elena Volpi Software usati: - OpenOffice Calc 2.0.3 (stesura testo, calcoli, tabelle, grafici) - OpenOffice Writer

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

NELLE CONDOTTE IN PRESSIONE

NELLE CONDOTTE IN PRESSIONE MOTO VARIO NELLE CONDOTTE IN PRESSIONE 1 Si originano da una variazione di portata in una sezione della corrente. Continua variazione da istante a istante e da sezione a sezione delle grandezze caratteristiche

Dettagli

Capitolo5: Analisi strutturale di opere in legname: Briglie di consolidamento

Capitolo5: Analisi strutturale di opere in legname: Briglie di consolidamento Verificadellastabilitàdiopereinlegname Capitolo5 Capitolo5: Analisistrutturalediopereinlegname: Brigliediconsolidamento Lebrigliesiconfiguranocomeunosbarramentotracimabiledipiccolaaltezzautilizzabileper

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Dinamica II Lavoro di una forza costante

Dinamica II Lavoro di una forza costante Dinamica II Lavoro di una forza costante Se il punto di applicazione di una forza subisce uno spostamento ed esiste una componente della forza che sia parallela allo spostamento, la forza compie un lavoro.

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

RESISTENZA E PORTANZA. P. Di Marco Termofluidodinamica Appl. RP-1

RESISTENZA E PORTANZA. P. Di Marco Termofluidodinamica Appl. RP-1 RESISTENZA E PORTANZA P. Di Marco Termofluidodinamica Appl. RP-1 DISTACCO DELLO STRATO LIMITE Al di fuori dello strato limite: nelle zone in cui la pressione aumenta (gradiente di pressione avverso), il

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

DOTT..ING. ANTONIO GARINO VIA BASSIGNANO 15 12100 CUNEO TEL 0171/634594 FAX 0171/634594 e-mail garino.antonio@libero.it COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO

DOTT..ING. ANTONIO GARINO VIA BASSIGNANO 15 12100 CUNEO TEL 0171/634594 FAX 0171/634594 e-mail garino.antonio@libero.it COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO PROPONENTE GAVOTTO Battista Dario Via Rosa Bianca 52 12082 MONDOVI Impianto idroelettrico PRESA SUL RIO CASOTTO LOCALITÀ MOLINI - CENTRALE

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE

ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE GIANFRANCO BECCIU ALESSANDRO PAOLETTI ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE Terza edizione CEDAM CASA EDITRICE DOTI. r\ NTONIO t'v\iu\ni 2005 Indice generale Premessa!tu/ice genem/e l n dice degli esercizi

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S.

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti il principio di conservazione dell'energia meccanica,

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA

CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA L introduzione dell energia potenziale e dell energia cinetica ci permette di formulare un principio potente e universale applicabile alla soluzione dei problemi che

Dettagli

Idraulica delle correnti: definizioni

Idraulica delle correnti: definizioni Idraulica delle correnti: definizioni Assumiamo un asse z verticale, positivo verso l alto, avente origine su un piano di riferimento orizzontale (nei calcoli per gli acquedotti si assume come riferimento

Dettagli

ENERGIA. Energia e Lavoro Potenza Energia cinetica Energia potenziale Principio di conservazione dell energia meccanica

ENERGIA. Energia e Lavoro Potenza Energia cinetica Energia potenziale Principio di conservazione dell energia meccanica 1 ENERGIA Energia e Lavoro Potenza Energia cinetica Energia potenziale Principio di conservazione dell energia meccanica 2 Energia L energia è ciò che ci permette all uomo di compiere uno sforzo o meglio

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

R.2.3 Relazione tecnica idraulica

R.2.3 Relazione tecnica idraulica Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.3 Relazione tecnica idraulica Rovato, novembre

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

ELEMENTI DI IDROSTATICA IDROSTATICA L'idrostatica (anche detta fluidostatica) è una branca della meccanica dei fluidi che studiailiquidi liquidiin instato statodi diquiete quiete. Grandezze caratteristiche

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

CONDOTTE DI ADDUZIONE. Trasportano una portata da un serbatoio ad un altro

CONDOTTE DI ADDUZIONE. Trasportano una portata da un serbatoio ad un altro CONDOTTE DI ADDUZIONE Trasportano una portata da un serbatoio ad un altro H 1 J Piezometrica Y H Y = J.L J = Cadente piezometrica Y = Carico disponibile L = Lunghezza della condotta Verifica di una condotta

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA A.A. 204/5 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Energia potenziale Problema 26 Una molla ha una costante elastica k uguale a 440 N/m. Di quanto

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

III ESONERO DI IDRAULICA

III ESONERO DI IDRAULICA III ESONERO DI IDRAULICA Politecnico di Bari, II Facoltà di Ingegneria - Taranto, Corso di Idraulica, A.A. 010-011 Ingegneria Civile e per l Ambiente e il Territorio ESERCIZIO 1 Data la rete aperta riportata

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta

Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta ESERCITAZIONE N. 1 (23 MARZO 2005) Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta PROBLEMA 1 Una portata Q di 1260 m 3 /h scorre in un canale circolare

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 ESERCIZI E1. Un proiettile del peso di m = 10 g viene sparato orizzontalmente con velocità v i contro un blocco di legno di massa M = 0.5 Kg, fermo su una superficie

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche.

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche. GRAFICI Servono per dare immediatamente e completamente le informazioni, che riguardano l andamento di una variabile in funzione dell altra. La Geometria Analitica c insegna che c è una corrispondenza

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Carlo Gregoretti Corso di Idraulica ed Idrologia Elementi di statist. per Idrolog.-7//4 ELEMETI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Introduzione Una variabile si dice casuale quando assume valori che dipendono

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo.

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo. Febbraio 1. Un aereo in volo orizzontale, alla velocità costante di 360 km/h, lascia cadere delle provviste per un accampamento da un altezza di 200 metri. Determina a quale distanza dall accampamento

Dettagli

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3.

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3. 7 LEZIONE 7 Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2 2 6x, x3 +2x 2 6x, 3x + x2 2, x3 +2x +3. Le derivate sono rispettivamente,

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

I ESERCITAZIONE. Soluzione

I ESERCITAZIONE. Soluzione I ESERCITAZIONE 1. Moto rettilineo uniforme Un bagnino B è sulla spiaggia a distanza d B = 50 m dalla riva e deve soccorrere un bagnante H che è in acqua a d H = 100 m dalla riva. La distanza tra il punto

Dettagli

Diagrammi di Bode. delle

Diagrammi di Bode. delle .. 3.2 delle Diagrammi di Bode La funzione di risposta armonica F(ω) = G(jω) può essere rappresentata graficamente in tre modi diversi: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols.

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 015 1. Indicando con i minuti di conversazione effettuati nel mese considerato, la spesa totale mensile in euro è espressa dalla funzione f()

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr.

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30 INDICE della lezione del 5/10/2010 argomento: Essiccamento Introduzione 1 Il legame tra il grado igrometrico e il

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d Esercizio 1 Un automobile viaggia a velocità v 0 su una strada inclinata di un angolo θ rispetto alla superficie terrestre, e deve superare un burrone largo d (si veda la figura, in cui è indicato anche

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli