Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania"

Transcript

1 Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania

2 Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca dia segnali di indebolimento ed anche se le imprese, per il 2013, non attendono un vero e proprio periodo di ristagno, cionostante è importante sottolineare che investono di meno e non prevedono un aumento del numero delle persone occupate. Secondo le interviste svolte dal rinomato Istituto dell economia tedesca (IW) di Colonia presso imprese il 30% di loro stima la propria situazione attuale peggiorata rispetto ad un anno fa: nella scorsa primavera solo il 18% si esprimeva negativamente. Dopo un modesto incremento dello 0,7% del PIL nel 2012, la BUBA si attende per il 2013 un aumento dell 1%, nonostante solo pochi mesi fa gli esperti contavano ancora su una crescita del PIL del 2% nel Particolarmente difficile, secondo le aziende, sarà l andamento della produzione : molti imprenditori sono scettici riguardo alla propria produzione (28%) e solo il 24% di loro ne prevede l incremento. Anche la quota delle aziende che intende investire nel 2013 è calata: ben il 28% delle imprese ridurrà gli investimenti. Anche le previsioni per l export non sono più così ottimistiche come si rilevava ancora nel primo semestre dell anno in corso. Il Bundesverband der Deutschen Industrie e.v. (Istituto di ricerca sull economia) ha pubblicato nel mese di novembre 2012 la sua previsione sull andamento dell economia tedesca per il 2013(1). Il BDI mette in evidenza il fatto che, nonostante la situazione economica e finanziaria in Europa sia migliorata rispetto all autunno 2011, non ci si può ancora considerare fuori dalla crisi. L Istituto sottolinea inoltre che, nonostante le manovre economiche abbiano risollevato in parte la situazione nei paesi colpiti dalla crisi, non si sia del tutto scongiurato il rischio di una ricaduta. Nel 2011 la crescita del PIL tedesco è stata del 3,1%; nonostante il rallentamento del recupero iniziato nel secondo semestre dell anno, questo resta tra i risultati migliori della zona euro e dell'unione Europea. Come già nel 2010, è stato il mercato interno, prima di tutto, a sostenere l andamento positivo del PIL. Nel secondo trimestre 2012 il PIL è cresciuto dello 0,3% rispetto al trimestre precedente. Per una stabilizzazione della zona Euro, gli esperti prevedono che la politica economica tedesca potrà ottenere risultati soddisfacenti solo in un contesto europeo. Sono indispensabili riforme incentrate sulla struttura del mercato finanziario e sul cambiamento nell utilizzo delle fonti energetiche: dall energia nucleare e da combustibili fossili alle energie rinnovabili. La politica economica tedesca deve dunque fungere, in modo concreto, da motore e promuovere strategie innovative in Europa. -1

3 Germania: nel 2012 la crescita rallenta L economia tedesca ha superato in modo impressionante la peggior crisi economica che si è registrata in Europa dalla fine della seconda guerra mondiale, riprendendosi velocemente e dinamicamente. La crescita economica del 2010 è stata sostenuta dall export. Le aziende hanno approfittato della rapida ripresa dell economia a livello mondiale. La Germania ha potuto recuperare velocemente la sua capacità di esportazione non solo grazie alla vasta gamma di prodotti che è capace di offrire, sempre più apprezzati dai mercati emergenti, ma anche grazie alla sua forte competitività in termini di prezzi. Risultati economici del terzo trimestre 2012 Secondo i dati pubblicati dal Destatis (2) nel periodo luglio - settembre 2012, il PIL è cresciuto dello 0,2% rispetto al trimestre precedente. Nel 2011, il contributo del commercio estero (0,8%) è stato inferiore a quello dei consumi interni (+2,2%). Nel terzo trimestre 2012 il commercio estero ha contribuito per lo 0,3%, mentre il consumo interno è rimasto invariato (0,0%). Le importazioni di merci e servizi sono aumentate nel periodo luglio-settembre 2012 con un tasso leggermente inferiore (+1,0%) rispetto alle esportazioni (+1,4%). Già da un anno, gli investimenti in attrezzature (macchine, apparecchiature e mezzi di trasporto) subiscono una flessione. Anche nel terzo trimestre, sono stati rilevati segnali negativi negli investimenti in beni industriali che hanno registrato una diminuzione dello 2,0% mentre quelli edili sono aumentati dell 1,5%. Sia i consumi privati (+0,2%) che quelli statali (+0,1%) hanno fatto registrare un modesto incremento nel terzo trimestre rispetto al secondo trimestre del Mentre all inizio dell anno 2011, i consumi privati evidenziavano ancora una crescita del 2,1%, già nell ultimo trimestre il tasso di crescita è stato più modesto (+0,7%) in quanto i consumatori tedeschi hanno avuto un atteggiamento cauto e ciò per effetto della crisi internazionale del debito ed hanno considerato quale elemento frenante i prezzi elevati dei prodotti energetici. La produttività del lavoro calcolato sul PIL per lavoratore è diminuita nel terzo trimestre 2012 dello 0,5% rispetto allo stesso periodo nel Mentre la produttività per ogni ora di lavoro è salita dello 0,8%: si ritiene tuttavia che la causa di tale situazione sia da collegare al fatto che ogni lavoratore in media ha lavorato sensibilmente di meno (-1,3%); il terzo trimestre 2012 aveva meno giorni lavorativi rispetto allo stesso periodo del La produttività del lavoro può aumentare o diminuire a seconda degli anni, in relazione al numero delle ore effettivamente lavorate, un dato che cambia anche e soprattutto in base al numero delle festività che ogni lavoratore usufruisce. Analizzando le componenti del PIL, si evidenziano stimoli positivi piuttosto modesti dall estero ed un ristagno del mercato interno; segnali negativi pervengono anche dagli investimenti che, come abbiamo visto, sono in calo. -2

4 Il reddito nazionale lordo a prezzi correnti è salito dell 1,5% nel terzo trimestre rispetto al secondo trimestre Il reddito nazionale ( calcolato sommando i redditi da lavoro dipendente, i redditi da impresa e da patrimonio) è aumentato dell 1,0% rispetto all anno precedente. Il reddito da lavoro dipendente è cresciuto fortemente del 3,5%, i redditi da impresa e da patrimonio hanno registrato un calo del 3,5%. Il salario e lo stipendio netto dei lavoratori è stato, nonostante un contributo sociale chiaramente crescente, più alto del 3,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il reddito disponibile dei nuclei familiari è aumentato del 1,3%. La quota di risparmio dei bilanci familiari, nel secondo trimestre 2012 è calato all 8,8% (13,7% nel primo trimestre 2012). Il numero degli occupati ancora a livelli record Le riforme del mercato del lavoro avviate nel 2003 e 2004 non hanno solo portato ad una maggiore competitività ma hanno anche contribuito al raggiungimento dell obiettivo di correggere i precedenti errori nello sviluppo del mercato del lavoro. Dal 2005 e fino al 2009 è diminuito il numero dei disoccupati da 4,9 a 3,4 milioni, mentre il numero dei lavoratori è aumentato dai 38,7 (2005) ai quasi 40,2 milioni (2009). In particolare, si è rivelato molto solido il mercato tedesco del lavoro. Sicuramente il c. d. Kurzarbeit ha dato un contributo molto importante al mantenimento dei posti di lavoro, ma anche la veloce ripresa ha evitato una diminuzione dei posti di lavoro. Attualmente (2), i disoccupati sono circa 2,75 milioni, di meno rispetto al Il tasso di disoccupazione ammonta attualmente al 6,5%. Nel mese di ottobre 2012 il numero di lavoratori è di 42,6 milioni di persone, in più rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. In termini percentuali questo dato corrisponde ad un +0,9%. Aspettative per il futuro L indebolimento dell economia mondiale, l insicurezza dovuta ai debiti sovrani in alcuni Paesi della zona euro e le probabili conseguenze sul settore bancario dell attuale crisi finanziaria sono fattori che avranno sicuramente un effetto frenante sugli investimenti. Dopo un aumento degli investimenti in attrezzature pari al 7,6% nel 2011, si prevede un calo del 3,3% nel 2012 ed un ulteriore riduzione pari all 1,7% nel Più positive sono le previsioni per gli investimenti edili con un surplus dell 1,7%. In occasione delle recenti indagini sulla congiuntura economica, svolte dall Istituto di ricerca economica Ifo di Monaco, molte aziende si sono dichiarate più ottimistiche che in passato riguardo alle prospettive future di affari. Dal mese di ottobre 2011 l indice ha iniziato una lenta ma continua tendenza in salita, dopo sei mesi di calo. Il trend positivo in seguito ai segnali incoraggianti dall industria manifatturiera ed alla ripresa del commercio al dettaglio, si è interrotto a maggio Dopo aver raggiunto il picco di 109,90 ad aprile l indice è sceso a maggio di ben 3 punti fermandosi a 100,0 nel mese di ottobre Nel mese di novembre l indice è risalito la prima volta dopo 6 mesi di calo. L indice Ifo si basa su un inchiesta svolta tra circa imprenditori e sul giudizio che gli imprenditori danno sulla loro situazione attuale e sulle loro aspettative commerciali nei prossimi sei mesi. -3

5 Ordini industriali Gli ordini nell industria, dopo un livello alto nella metà dell anno passato, risultano negli ultimi mesi in arretramento. Da un confronto degli ultimi quattro mesi giugno settembre emerge che gli ordini del settore industriale sono calati complessivamente del 9%. Nel mese di settembre (ultimo dato disponibile) gli ordini hanno subito una flessione del 3,3%, dovuta in primo luogo alla riduzione della domanda dall estero del 4,5%. Gli ordini provenienti dai Paesi della zona euro sono calati del 10% nel mese di settembre. Deficit pubblico Mentre nel 2010 il tasso del disavanzo è stato del 4,3% rispetto al PIL (2), nel 2011 il deficit con un tasso di disavanzo dell 1,0% ha raggiunto i livelli del primo semestre Sia per il 2012 sia per il 2013 ci si attendo un disavanzo modesto dello 0,2%. Tasso d inflazione Per l intero anno 2011 l aumento dei prezzi al consumo ammontava al 2,3%. Sono stati in primo luogo i prodotti energetici ed i generi alimentari che hanno registrato un sensibile aumento in termini di prezzi. Anche per il 2012 ed il 2013 l aumento dei prezzi si aggirerà intorno al 2%.(2) Nel mese di ottobre 2012 si è registrato un tasso di inflazione del +2,0% rispetto ad ottobre Le spese per generi alimentari e bevande sono aumentate di più rispetto a quelle per beni di consumo, affitti e prodotti energetici. Il Commercio con l estero Import Dopo due anni di crisi il tasso d incremento delle importazioni è stato nel 2010 pari al 21,3% e nel 2011 pari al 13,2%. Il volume delle importazioni è dunque nel 2011 aumentato in termini reali da 797 a 902 miliardi di Euro. Nei primi nove mesi del 2012 le importazioni della Germania aumentano a ritmi più lenti : si registra infatti solamente un +1,2%, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, avendo gli acquisti tedeschi dall estero, in tale periodo, raggiunto il volume di 682 miliardi di Euro. Dal punto di vista della composizione merceologica delle importazioni, l aumento di 96 miliardi di Euro nel 2011 è dovuto per quasi 27,5 miliardi di Euro alle importazioni di olio minerale e prodotti petroliferi (+29%); a tale voce, si aggiungono più di 10 miliardi per importazioni di macchinari in generale (+11%), e 11 miliardi circa per autovetture (+18%). Nello stesso periodo i tassi di crescita superiori alla media si concentrano inoltre su: acciaio e ferro (+24%) e loro prodotti derivati (24%), pietre e metalli preziosi (+28%), gomma (30%) ed alluminio (+18%). L import di macchine elettriche (2%) e di prodotti farmaceutici (2%) è rimasto di gran lunga al di sotto della crescita media. Un andamento simile delle importazioni si può osservare anche nei primi tre trimestri 2012: in questo arco di tempo, si è registrato ancora un incremento delle importazioni pari a 8,4 miliardi di euro dovuto in primo luogo all aumento dell importazione di olio minerale e prodotti petroliferi di 9,9 miliardi di Euro (+11,9% rispetto al periodo gennaio settembre 2012). Ma a parte il comparto dei combustibili e delle materie prime su menzionate, ci sono pochi i settori con un trend positivo tra cui si segnalano: ancora i beni strumentali in generale con un incremento tuttavia modesto (+1,3%) e le autovetture, che fanno registrare un aumento del -4

6 2%; i valori reali dell aumento dell import di macchinari è ammontato a 1,1 miliardi di Euro ciascuno. Buoni margini di crescita si rilevano nelle importazioni di strumenti ottici e medicali (+5,7%), prodotti chimici organici (3,2%), e prodotti di plastica (+2,8%). In declino sono invece le importazioni di ferro e acciaio (-10,3%), alluminio (-6,6%) e rame e sue lavorazioni (-10,6%), prodotti farmaceutici (-4,0%) e abbigliamento (-3,4%). Ormai da 3 anni la Cina è il primo Paese fornitore con un volume di 57,9 miliardi di Euro nei primi nove mesi del 2012 (-1,4% rispetto allo stesso periodo dell anno scorso), seguono i Paesi Bassi con un volume di 57,8 miliardi di Euro ed un tasso di crescita pari al 3,3%. Al terzo posto figura la Francia che con 48,5 miliardi ha subito una flessione dell 1,4% delle proprie esportazioni verso la Germania. Nel periodo preso in considerazione le importazioni dall Italia sono aumentate del 3,5% raggiungendo la cifra di 37,1 miliardi di Euro. L'Italia occupa il quinto posto della graduatoria tra i primi 20 paesi fornitori della Germania dopo gli Stati Uniti. In crescita al di sopra della media sono state anche le importazioni dagli Stati Uniti (+6,4%) dalla Svizzera (+3,2%) e dalla Russia(+10,9%). Export Dal 2003 (anno in cui è stato registrato il sorpasso sugli Stati Uniti) fino al 2008 la Germania è stato il primo esportatore mondiale di merci (gli Usa sono in testa per i servizi) e la componente estera della domanda ha rappresentato il più forte e costante fattore di sostegno alla crescita economica tedesca, con rilevanti saldi positivi della bilancia commerciale, che non sono stati intaccati neppure dal forte apprezzamento dell Euro sul dollaro. Nel 2008 il tasso di crescita delle esportazioni tedesche si è ridotto al 2,7%. Il 2009 è stato l anno peggiore nella storia tedesca per quanto riguarda la riduzione delle esportazioni, facendo rilevare un calo significativo pari a -17,9%. Nel 2009 la Germania ha anche perso il primato del maggiore Paese esportatore a vantaggio della Cina e ciò è dovuto soprattutto al fatto che il fabbisogno di beni d investimento - nei quali è specializzata la Germania - è calato di più rispetto alla vendita di beni di consumo prodotti delle imprese cinesi. Nel 2010 e nel 2011 le esportazioni hanno comunque ripreso vigore. Complessivamente nei primi nove mesi 2012 la Germania registra ancora un +4,4% anche se nel mese di settembre le esportazioni sono calate del 3,4% rispetto allo stesso mese dell anno scorso. Sul versante dei paesi acquirenti l Italia è al sesto posto con 61,5 miliardi di Euro nel Le esportazioni tedesche verso l Italia sono aumentate del 5,7%. La quota dell Italia è del 6% sulle esportazioni tedesche. Nel periodo gennaio settembre 2012 l'italia è invece al settimo posto, essendo stata sorpassata dall Austria. In effetti le esportazioni tedesche verso il nostro paese diminuiscono del 10,5%, per un totale di 41,8 miliardi di Euro. Nelle prime tre posizioni dei paesi acquirenti si notano la Francia e gli Stati Uniti, rispettivamente con 78,1 e 65,2 miliardi di Euro. Seguono poi il Regno Unito con 52,8 miliardi ed i Paesi Bassi con 51,7 miliardi di Euro. Le esportazioni tedesche verso gli Stati Uniti sono aumentate del 20,9% e verso il Regno Unito del 9,7% ; l export verso l Italia e la Spagna ha subito invece una flessione di oltre il 10% mentre le vendite in Belgio si sono contratte del 7,4%. La Bilancia commerciale e delle Partite correnti Il carattere fortemente export oriented dell economia tedesca, per la quale la componente estera risulta sempre essere il fattore di traino della congiuntura, si riflette nei saldi di bilancia -5

7 commerciale. Come si può osservare il saldo dell interscambio tedesco con il resto del mondo presenta un avanzo molto consistente e fino ad oggi in costante aumento, grazie al fatto che il tasso di crescita delle esportazioni supera quasi sempre quello delle importazioni. Lo stesso fenomeno si verifica nell interscambio con l Italia. Nel 2009 il surplus delle esportazioni tedesche si è ridotto del 35%, in quanto sono diminuite sia le importazioni dall Italia (-15,2% ) sia le esportazioni tedesche verso l Italia (-17,6%). Nel 2011 e soprattutto nei primi nove mesi i saldi sono incrementati a favore dell Italia. Come si può vedere nella tabella che segue sono cresciute in più le importazioni dall Italia che le esportazione tedesche verso l Italia. Il mercato dell odontoiatria Quadro generale e target-group Il giro d affari nel settore che riguarda la salute vive una crescita costante. Sin dall inizio degli anni Novanta questo settore ha cominciato a crescere in maniera superiore alla media. In parte questo sviluppo positivo dipende dai cambiamenti demografici nella popolazione tedesca, in parte la salute riveste un ruolo sempre più importante, che porta ad una disponibilità elevata ad investire nel benessere fisico. Per quanto riguarda l evoluzione demografica si prevede che per il 2050 la piramide dell età della popolazione sarà capovolta. Nel 2030 un terzo della popolazione tedesca avrà più di 60 anni e di conseguenza il fabbisogno di prestazioni per la salute aumenterà notevolmente. Spesa sanitaria Nel 2010 la spesa sanitaria in Germania ha raggiunto un volume di 287,3 miliardi di Euro (+3,2% rispetto all anno precedente), pari ad un aliquota pro capite di Euro. I costi corrispondono all 11,6% del PIL. La metà delle spese sanitarie per beni e servizi è stata effettuata dagli ambulatori (140 miliardi di Euro); di esse, 43,1 miliardi di Euro (+1,9%) vanno agli studi medici, 40,9 miliardi (+1,9%) alle farmacie e 10,0 miliardi (+7,6%) servizi di assistenza medica (per esempio assistenza a domicilio per gli anziani). Analizzando il tipo di spesa, si nota un calo di quella destinata alla tutela della salute ed alla prevenzione (da 11,1 a 10,4 miliardi di Euro) mentre sono in aumento le spese per la terapia (da 65,5 a 68,6 miliardi di Euro). Le spese per protesi dentali, inclusi i costi per materiale e di laboratorio, che avevano subito nel 2005 una riduzione da 5,5 a 5,1 miliardi di Euro, hanno raggiunto nel 2010 un volume di 6,6 miliardi di Euro (+3,9% rispetto al 2009). La frenata nella domanda interna viene attribuita principalmente alla riforma sanitaria avviata il primo gennaio 2005, che ha provocato un disorientamento sia fra i medici che fra i pazienti ed una riduzione del 10% della richiesta di prestazioni odontoiatriche e di protesi dentarie. Tuttavia il rimborso forfettario del costo della protesi, ha incoraggiato il paziente a scegliere i materiali più adatti alle sue necessità, sopratutto ceramica di alta qualità. L uso di denti in metalli preziosi si è ridotto sicuramente anche a causa dei prezzi elevati delle materie prime. Le spese sostenute dalle casse malattia per il trattamento odontoiatrico nel 2010 si sono ridotte in termini reali - del 27% rispetto al Il fatturato dei laboratori dentistici è rimasto nel 2011 sullo stesso livello dell anno precedente e nei primi nove mesi del 2012 ha subìto una flessione dell 1,1%. Di conseguenza anche le -6

8 stime per l intero anno 2012 sono peggiorate. Un terzo dei laboratori valuta negativamente la propria situazione, solo il 20% si dichiara ottimista.tuttavia l attuale situazione di stagnazione degli investimenti potrebbe in molti casi essere interpretata come un momento di riflessione in attesa delle novità tecniche che saranno presentate in occasione della IDS. Le spese delle mutue per prestazioni dentistiche ammontavano nel 2010 (ultimo dato disponibile) a 11,4 miliardi di Euro (+1,8% rispetto al 2009). Il tasso d incremento è stato inferiore a quello per le prestazioni dei medici (+2,8%) e degli ospedali (+4,5%). Le spese per prodotti farmaceutici sono rimaste nel 2010 sullo stesso livello del Tra le prestazioni odontoiatriche sono quelle per l ortodonzia a registrare il tasso maggiore d incremento (+4,0%), seguite da quelle per le protesi (+2,9%), per le cure delle paraodontopatie (+2,3%) ed infine da quelle per cure dentali a lungo termine (+0,7%). Gli odontoiatri hanno raggiunto il numero di (+1% rispetto al 2009) con un rapporto di uno per 1,206 abitanti. L industria dentaria tedesca Il fatturato totale dell industria dentaria tedesca inclusa la produzione delle filiali all estero - ammonta ad un volume di 4,1 miliardi di euro (2011) (+2,4% rispetto al 2010). Il 59,2% del fatturato viene realizzato grazie ad esportazioni all estero, nel 2011 pari a 2,4 miliardi di euro (2,3 mrd. di Euro nel 2010). Il fatturato del mercato interno invece è salito del 2,5%, raggiungendo 1,62 miliardi di Euro. Nel settore odontoiatrico operano addetti, lo 0,9% in più rispetto all anno precedente. Mentre negli anni 2010 e 2011 solo il 46% delle imprese tedesche prevedeva un aumento delle proprie esportazioni, per il 2012 tale percentuale è salita al 68% mentre il 30% si aspetta gli stessi livelli dell anno precedente; solo il 2% degli operatori prevede un calo dell export. I Paesi europei occidentali sono il primo mercato di sbocco per i prodotti tedeschi, ma anche l export verso i Paesi europei orientali si mostra dinamico. Per quanto riguarda il mercato interno le aspettative sono più contenute: solo il 55% delle aziende prevede un aumento del fatturato. Le incertezze legate alla politica sanitaria giocano un importante ruolo. I fattori che influenzeranno positivamente l andamento del settore odontoiatrico sono: - l invecchiamento della popolazione in quasi tutti i Paesi - il crescente interesse per l odontoiatria estetica - il successo dei trattamenti conservativi, grazie ai progressi tecnici - una maggiore propensione alla prevenzione mediante visite di controllo periodiche e cure preventive ( détartrage ) - il tenore di vita in continua crescita nei Paesi emergenti quali Brasile, Russia, India e Cina Mentre durante la crisi il consumo di materiali di uso giornaliero non ha subito alcuna flessione, gli investimenti in attrezzature più complesse sono stati rinviati. In futuro, grazie alle previsioni di ripresa, gli odontoiatri investiranno di nuovo per ammodernare le apparecchiature degli studi. -7

9 Il commercio con l estero Per quanto riguarda gli strumenti per odontoiatria, nel 2011 si registra un aumento delle importazioni pari al 5,9%, per un volume complessivo di 305 milioni di Euro. Nei primi 11 mesi del 2012 l import è cresciuto dell 11,1% ad un volume di 307,2 milioni di Euro. I principali Paesi fornitori sono la Svizzera con una quota del 37% e gli Stati Uniti con il 16%. L Italia figura al quinto posto dopo il Giappone e l Austria con una quota pari al 7,5% ed un incremento del 19% nel 2011 e del 7% nel periodo gennaio - novembre In questo comparto il saldo commerciale risulta molto positivo per la Germania. Le esportazioni hanno raggiunto un valore pari a circa 861 milioni di Euro contro i 305 milioni dell import nel 2011, nei primi 11 mesi del 2012 il valore delle esportazioni è stato pari a 882 milioni di Euro contro i 307 milioni di Euro delle importazioni. All interno di questo comparto, l Italia è diventata, a partire del 2011, il primo fornitore di trapani; altre apparecchiature per dentisti registrano una crescita del 24% nel 2011 e addirittura del 40% nel La quota dell Italia ha registrato un notevole incremento: dall 11% nel 2009 al 52% nel periodo gennaio-novembre L import di altri prodotti come cementi, cere, paste, è cresciuto nel 2011 del 5%, raggiungendo un volume di 184 milioni di. Nei primi nove mesi del 2012 l incremento è stato del 16% con un volume di 194 milioni di. La quota dell Italia ammonta a circa il 2,6%, per il 2012 con un sensibile aumento del 17% rispetto al Anche in questo comparto i principali Paesi fornitori sono gli Stati Uniti e la Svizzera. L import di denti artificiali ammonta nel 2011 a 232 milioni di Euro (-5%) e nel periodo gennaio novembre 2012 a 213 milioni di Euro (-0,4%). I principali paesi fornitori sono la Svizzera (38%), gli Stati Uniti (13%), e la Cina (12%). Tassi elevati di crescita si registrano per l Italia: + 110% nel 2011 e + 53% nel 2012, raggiungendo un volume di 9 milioni di Euro. Le esportazioni tedesche sono aumentate da 96,6 milioni di Euro nel 2007 a 248 milioni nel 2011 ed a 235 milioni di Euro nei primi nove mesi del II primo Paese di sbocco è la Francia con 29 milioni di Euro, corrispondenti ad una quota del 12%, seguita dall Italia con 22 milioni (9%). Il volume di export di dentifrici e prodotti per l igiene dentale supera di gran lunga quello dell import. Le esportazioni ammontavano nel 2011 a 433 milioni di Euro (+7,2%), le importazioni invece a 181 milioni di Euro (+12,7%). Il primo Paese di sbocco è l Italia con una quota del 9%, il primo paese fornitore è invece il Regno Unito, con il 21%. L Italia come fornitore figura al quinto posto con una quota pari all 11%. -8

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responsabilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato nell autunno 2011 il suo parere sull andamento economico nel

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responibilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato recentemente il suo parere sull andamento economica nel 2011/2012

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico

Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico Milano, 20 dicembre 2011 Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico Fabio Rossello Presidente Unipro Scenario mondiale Rallentamento dell economia americana e difficile ripresa per le altre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA Per le vendite al dettaglio complessive in Europa durante il periodo natalizio si prevede un aumento

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico

Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico Milano, 18 luglio 2011 Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico Fabio Rossello Presidente Unipro Gli scenari dell indagine: Mondo Ripresa globale delle economie, in particolare delle tre

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro)

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro) Il quadro macroeconomico Il fatturato del sistema sportivo italiano può essere valutato nel 2001 in circa 31,6 miliardi di euro. Tale cifra rappresenta la somma di quanto è speso dalle famiglie italiane,

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. Buttrio (UD) via Nazionale n. 41 Capitale sociale Euro 81.304.566 i.v. Numero iscrizione al Registro Imprese di Udine, codice fiscale e P.IVA: 00167460302 www.danieli.com

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Presentazione del Rapporto

Presentazione del Rapporto Presentazione del Rapporto Cremona, 5 giugno 5 L economia della Lombardia Paola Rossi Banca d Italia Sede di Milano Divisione Analisi e Ricerca economica territoriale Camera di Commercio di Cremona L economia

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE 22 giugno 211 Maggio 211 STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE A maggio 211 entrambi i flussi commerciali registrano una flessione congiunturale, più marcata per le importazioni (-2,2%) rispetto

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli