SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI"

Transcript

1 SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Analisi fabbisogni su campione di aziende della provincia di Firenze Firenze, 15 Gennaio

2 INDICE INTRODUZIONE LO STRUMENTO DELL ANALISI I RISULTATI DELLE ANALISI Caratteri principali del campione d analisi Settori di appartenenza Età dell azienda Numero totale di dipendenti Principali investimenti fatti nell ultimo biennio Gli interventi formativi effettuati e le necessità espresse Corsi Sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro Corsi Sicurezza ed igiene degli alimenti CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

3 INTRODUZIONE Soluzione S.r.l., centro servizi tecnici, offre dal 1992 la possibilità di risolvere le problematiche in materia di miglioramento della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, tutela dell'ambiente e salubrità degli alimenti oltre a servizi di formazione per le imprese del commercio, turismo, artigianato, servizi ed industria. Al fine di garantire degli interventi efficaci e sempre in linea con i bisogni reali di formazione e di aggiornamento espressi dai propri clienti, Soluzione realizza una costante analisi delle necessità delle aziende e delle singole figure professionali attraverso canali e strumenti di rilevazione e monitoraggio. Quale società di servizi con portafoglio clienti composto prevalentemente da imprese piccole e medie appartenenti ai settori del commercio, turismo, artigianato, servizi ed industria e grazie anche alla collaborazione decennale con Confesercenti, sia nel campo della consulenza che nel campo della formazione, Soluzione S.r.l. ha l opportunità di lavorare a stretto contatto con la realtà produttiva fiorentina e di costituire così un osservatorio privilegiato e continuativo nel tempo sui fabbisogni formativi espressi attraverso un sistema integrato di rilevazioni. La società, anche attraverso la costante collaborazione con Confesercenti/Cescot, provvede alla continua rilevazione dei fabbisogni formativi attraverso: - la somministrazione di questionario di rilevazione dei bisogni formativi sia ai partecipanti dei vari corsi sia ai clienti che si rivolgono alla segreteria della società e al front office di Confesercenti/Cescot; - la somministrazione ai partecipanti dei vari corsi di un questionario di gradimento al termine delle attività formative. Attraverso questo questionario gli utenti possono esprimere il loro parere non solo sulla qualità e sull efficacia della formazione appena fruita, ma formulare richieste e suggerimenti relativi alla necessità di eventuali approfondimenti o 3

4 manifestare esigenze che possano costituire nuovi indirizzi per una futura progettazione sempre aderente alle loro richieste e aspettative; - gli spazi presenti sul sito internet di Soluzione S.r.l. e/o Confesercenti; - ultimo ma non per questo meno importante è il rapporto di comunicazione e fiducia che si viene e creare tra i partecipanti dei vari corsi ed il personale di Soluzione S.r.l. in aula, a testimonianza del continuo impegno della società nel mantenere l attenzione centrata sull utenza e sull identificazione delle sue necessità: indispensabile a gettare le basi per l ideazione di percorsi formativi sempre in linea con i bisogni di volta in volta manifestati non solo attraverso i canali ufficiali concepiti a questo proposito, ma anche in modo informale. La seguente relazione è impostata sull analisi dei dati ( ) emersi dalla distribuzione del questionario per la rilevazione dei fabbisogni formativi somministrato ad un campione di aziende dagli operatori della segretaria presso gli uffici di Soluzione S.r.l. in Via Vittorio Emanuele II, 131 a Firenze ed anche dagli operatori del front office presso gli uffici di Confesercenti/Cescot in Piazza Pier Vettori n 8/10 di Firenze. 4

5 1. LO STRUMENTO DELL ANALISI Il questionario distribuito ad un campione di 250 aziende (150 associati Confesercenti e 100 clienti Soluzione s.r.l.) attive nei settori del commercio, industria, artigianato, servizi e turismo, si struttura in due parti: la prima atta ad accertare la tipologia di attività oggetto d analisi e le sue caratteristiche distintive, la seconda a valutare la quantità e la qualità degli interventi formativi di cui ha usufruito o di cui intende usufruire (fabbisogni futuri). Gli elementi analizzati nella prima parte infatti riguardano: - settore d appartenenza (commercio, turismo, artigianato, servizi e industria) - età dell azienda (meno di 1 anno, da 1 a 10 anni, più di 10 anni) - numero totale di dipendenti (meno di 10, da 11 a 30, da 30 a 50, oltre i 50) - principali investimenti fatti negli ultimi due anni (pubblicità, ambienti di lavoro/infrastrutture, macchinari, automezzi, hardware, software, organizzazione/qualità, formazione del personale) Gli elementi analizzati nella seconda parte, invece, riguardano il tipo di interventi formativi effettuati dalle aziende negli ultimi due anni ed il grado di necessità (alto, medio, basso, nullo) che prevedono per il futuro in relazione a svariati aspetti delle varie discipline: - corsi sulla sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro : o Datore di lavoro/ RSPP (Responsabili Servizio prevenzione e protezione), o Pronto Soccorso o Antincendio o RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza) o Preposti o Lavoratori - corsi sulla sicurezza ed igiene alimentare: o Responsabili HACCP attività alimentare semplice o complessa o Addetti attività alimentare semplice o complessa 5

6 2. I RISULTATI DELLE ANALISI La ricerca è stata condotta su un campione complessivo di 250 aziende (150 associati Confesercenti e 100 clienti Soluzione s.r.l.) appartenenti ai settori del commercio, turismo, artigianato, servizi e industria, molte delle quali già coinvolte con successo nei percorsi formativi sia di Confesercenti/Cescot sia di Soluzione s.r.l. e perciò sensibili all importanza del valore aggiunto per la loro professionalità dalla continua implementazione delle proprie conoscenze attraverso la partecipazione alle attività formative. Le varie aziende sono infatti risultate essere interessate e motivate a esprimere opinioni e/o preferenze relativamente alla progettazione di nuovi corsi di formazione. 2.1 Caratteri principali del campione d analisi Settori di appartenenza Dall analisi dei dati emersi dalla distribuzione dei questionari risulta che un 38,40 % delle aziende intervistate appartengono al settore del commercio: si tratta per lo più di attività di tipo medio-piccolo (distribuzione al dettaglio e piccolo commercio di vicinato) spesso a carattere individuale. Le rilevazioni sono state effettuate su un campione costituito in buona parte da associati e/o clienti Confesercenti e clienti Soluzione S.r.l., motivo per cui si possono rintracciare nei principali caratteri del campione quelli che contraddistinguono l utenza tipica sia della società che dell associazione di categoria. Fanno eccezione alcune attività di tipo medio-grande rappresentate dal settore dell industria e che rappresentano il 2 % delle aziende intervistate. Per quello che riguarda il settore turismo, rappresentato prevalentemente da attività di tipo ricettivo (il campione delle attività intervistate è costituito da attività di tipo alberghiero, la percentuale delle aziende intervistate ammonta a un 18,80%. 6

7 Il settore dei servizi riguarda attività di consulenza, studi tecnici, legali e commerciali rappresenta il 15,60 % tra le aziende che sono state intervistate. Per quello che riguarda il settore dell artigianato, rappresentato prevalentemente da attività comunque di tipo medio-piccolo (pelletterie, parrucchieri, centri estetici, ecc) il campione delle attività intervistate ammonta ad un 25,20 % Età dell azienda In base a quanto rilevato, si nota che le aziende con una vita da 1 a dieci anni costituiscono la maggioranza degli intervistati rappresentando il 70,80 % del totale del campione, mentre per quello che riguarda le azienda di recentissima costituzione solo il 16 % risulta avere solo meno di una anno di attività alle spalle. A queste aziende, infine, si aggiunge un 13,20 % di attività che risulta in essere da più di dieci anni. Le aziende oggetto dell intervista risultano quindi essere, per la maggior parte, ben inserite e radicate nella realtà del tessuto economico fiorentino, dimostrando anche un buon livello di continuità nel tempo. A tale aspetto si aggiunge inoltre la rilevazione di una discreta vitalità economica per le zone di Firenze e provincia rappresentata, sia da nuove attività (diverse delle quali di titolarità di cittadini extracomunitari), sia dalla presenza di giovani aziende al di sotto dei dieci anni di attività Numero totale di dipendenti E stato riscontrato che la maggior parte delle imprese analizzate, il 91,20 %, è di piccole dimensioni, con un numero di dipendenti inferiore a 10, mentre le imprese di dimensioni medie e medio - grandi costituiscono il 5,20 %(da 11 a 30) e solo 2,40 % (da 30 a 50), percentuali pur sempre significative se si guarda alla tipicità delle attività commerciali della zona. Le imprese con un numero di dipendenti superiore a 50, infine, costituiscono l 1,20% dei soggetti intervistati. La natura di tali dati dipende in buona parte dal fatto che una porzione nutrita del campione di ricerca è costituito dai clienti di Soluzione S.r.l. e associati di 7

8 Confesercenti che fanno capo alla PMI, caratterizzandosi quindi per un ristretto numero di dipendenti; in certi casi, specialmente per quello che riguarda le piccole attività individuali di commercio di vicinato, di collaboratori familiari. Anche le aziende appartenenti al settore turistico seguono il trend delle attività commerciali presentandosi con dimensioni medio-piccole, sia che si tratti di attività ricettive di tipo alberghiero, che di ristoranti o pizzerie che si attestano mediamente su un numero di dipendenti che va da meno di 10 a massimo 20 dipendenti. Le uniche differenziazioni che si sono potute riscontrare rispetto a questo quadro generale riguardano alcuni esercizi specifici che si presentano con una dimensione medio-grande e diversi punti vendita sul territorio e alcune imprese del settore dell industria Principali investimenti fatti nell ultimo biennio I dati forniscono un quadro di quella che è l attuale realtà di mercato in Toscana relativamente alle numerose imprese di piccole e medie dimensioni che lo caratterizzano. Si rileva infatti una percentuale medio - bassa di investimenti in macchinari, automezzi ed organizzazione/qualità: per l acquisto di macchinari si oscilla tra il 35,20% di investimento medio, tenendo conto di attività come laboratori di pasticceria, ristoranti e pizzerie che per lo svolgimento delle proprie mansioni necessitano di attrezzature ad hoc, ed il 50,80% di livello di investimento basso; l investimento in automezzi invece risulta direttamente nullo per un 62,00% degli intervistati; per quello che riguarda gli investimenti in organizzazione/qualità, se si escludono le catene di negozi più importanti e le industrie più grandi, che comunque si attestano intorno ad un 4,40% il livello medio degli investimento risulta comunque poco sviluppato: il 29,60% basso ed il 39,20% addirittura nullo. Per la formazione del personale, il 27,60% delle aziende dichiara di non aver effettuato investimenti in merito, ma la percentuale più rilevante è costituita dal valore medio: ben il 55,20%. Le uniche tipologie di investimento in cui si riscontra un dato positivo, con una percentuale più alta sul livello medio di investimenti, sono: l informatica 8

9 (sommando le percentuali di investimento alto e medio il 58,80% dichiara di aver effettuato investimenti per hardware ed un 39,60% per software) le infrastrutture, specialmente per quello che riguarda le attività ristorative o i laboratori (79,20 %) e la pubblicità (68,80%). 2.2 Gli interventi formativi effettuati e le necessità espresse Di seguito si riportano i dati emersi dall analisi dei questionari relativi agli interventi formativi effettuati dal campione negli ultimi tre anni e alle sue necessità future utili alla progettazione di nuovi percorsi Corsi sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro In riferimento alla formazione degli ultimi 2 anni il 48% degli intervistati dichiara di aver frequentato corsi di formazione obbligatori rivolti ai Datori di Lavoro quando questi svolgono direttamente i compiti propri del Servizio di Prevenzione e Protezione dei rischi all interno della propria azienda. La percentuale del 52,00% fra coloro che non hanno frequentato tale corso può essere ascritta al fatto che non tutti i datori di lavoro sono obbligati ad adempiere tale obbligo (il datore di lavoro che ha inviato alla ASL la propria comunicazione di designazione quale R.S.P.P. entro il 31/12/96 ne è infatti esonerato) ed anche perché possono aver nominato un R.S.P.P. esterno all azienda, anche se la percentuale è comunque alta, indice cioè che alcuni datori di lavoro devono ancora ottemperare a tale obbligo. Tuttavia, analizzando la percezione della necessità futura di aggiornamento, emerge che la richiesta futura alta o media di corsi di aggiornamento viene espressa dal 91,60% degli intervistati: si tratta dunque di una necessità ritenuta essenziale e che i titolari del campione delle aziende appartenenti al settore del commercio (38,40%), del turismo (18,80%), dell artigianato (25,20%), dei servizi (15,60%) e dell industria (2%) ritengono essenziale anche 9

10 fra coloro che non hanno mai frequentato tale corso (27,20%). Ciò indica fra i datori di lavoro un interesse sempre più marcato verso i temi della sicurezza e salute sui luoghi di lavoro anche grazie alle campagne di sensibilizzazione promosse dalle istituzioni e dagli organi di informazione e una forte propensione futura degli investimenti economici ad una maggiore tutela sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro connessi all attività dell impresa in genere. Per quanto riguarda il corso di Pronto Soccorso il 69,20% degli intervistati sostiene che all interno della propria ditta è stato formato personale addetto; ma ancor più significativa è l analisi relativa alla necessità futura di aggiornamento dalla quale emerge che il 50,40% degli intervistati reputa necessario l aggiornamento anche se già previsto per legge ogni tre anni in merito alle procedure pratiche. L alta percentuale fra le ditte intervistate che ha ricevuto una formazione relativa all antincendio (72,00%) è da imputare al fatto che la prevenzione incendi è una funzione di preminente interesse pubblico e che per legge il datore di lavoro deve adottare misure idonee per prevenire gli incendi e per tutelare l incolumità dei lavoratori; inoltre la percezione di necessità di formazione di aggiornamento per il futuro viene comunque percepita come essenziale (25,20% alta e 40,40% media): emerge quindi la consapevolezza tra gli imprenditori che la formazione acquisita negli ultimi tre anni in tale ambito non sia sufficiente, per cui è necessario approfondire con ulteriori aggiornamenti. Per il corso relativo alla formazione dei Rappresentanti per la Sicurezza dei Lavoratori (RLS) il 68% delle aziende intervistate sostiene di non aver provveduto ad alcuna formazione negli ultimi tre anni ma il 53,20% però avverte un alta/media necessità di formazione in questo campo. 10

11 E invece emersa una profonda carenza nella formazione relativa alla sicurezza sul lavoro rivolta ai preposti e ai lavoratori (rispettivamente l 88% e il 93,20% delle aziende intervistate non ha effettuato formazione); per quanto riguarda la percezione di necessità di formazione per il futuro solo il 48% per i preposti e il 34% per il lavoratori ne avverte una alta/media necessità di formazione, probabilmente in corrispondenza delle aziende dove più alto è il numero di dipendenti Corsi sicurezza ed igiene degli alimenti Relativamente alla formazione sull igiene alimentare il (71,00%) degli intervistati dichiara di aver frequentato corsi di formazione obbligatori rivolti ai Datori di Lavoro/Responsabili HACCP. La restante percentuale riguardante i responsabili senza formazione può verificarsi nei casi di responsabili HACCP fra gli addetti, con l apposita nomina effettuata dal datore di lavoro. Tuttavia, analizzando la percezione della necessità futura di aggiornamento emerge che la richiesta alta o media di corsi di aggiornamento quinquennale viene espressa dal (60,5 %) degli intervistati: si tratta dunque di una necessità considerata molto importante anche fra coloro che non hanno mai frequentato questo corso (29,00%) Per quanto riguarda invece i corsi per gli addetti, è emersa una profonda carenza nella prima formazione rappresentata da un (47,00 %) delle aziende intervistate con personale che sostiene di non aver ricevuto alcuna formazione negli ultimi 2 anni ma il (43,80 %) però avverte un alta/media necessità di formazione in questo campo. Tale andamento conferma di fatto, il valore relativo alle aziende che non hanno organizzato o provveduto all aggiornamento della formazione degli addetti, trovandosi un (74,00%) di queste con solo la prima formazione eseguita più di cinque anni fa. 11

12 Infine si avverte in questi ultimi anni, un cambiamento verso una più favorevole valutazione dell importanza e necessità di questi corsi dovuto anche ai cambiamenti che in tema legislativo e di conseguenza sanzionatorio sono emersi a seguito dell entrata in vigore di alcuni Regolamenti comunitari. Tuttavia e come sopradetto, la situazione attuale vede ancora un (47,00%) di aziende che in provincia di Firenze operano con personale non formato in materia d igiene e sicurezza alimentare. 12

13 3. CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE L analisi dei dati conferma la necessità di progettare le proposte di formazione rivolgendosi all aggiornamento sia di titolari che di dipendenti di PMI con particolare riferimento a: sicurezza e igiene sul lavoro 1) Corsi Datore di lavoro / RSPP 2) Corsi Antincendio : corso per addetto antincendio in attività a rischio basso e corso per addetto antincendio in attività a rischio medio e corso per addetto antincendio in attività a rischio elevato 3) Corsi Primo soccorso : per aziende Gruppo A ( aziende con oltre 5 lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a 4; per aziende Gruppo B (aziende con più di 2 lavoratori non rientranti nel gruppo A) ; per aziende Gruppo C ( aziende con meno di 3 lavoratori non rientranti nel gruppo A) 4) Corsi Preposti : lavoratori che ricoprono in azienda il ruolo di capo-ufficio, capo-reparto, capo-officina, responsabile di linea, capoturno, capocantiere, capo-squadra 5) Corsi Lavoratori : informazione e formazione di tutti gli addetti sicurezza e igiene degli alimenti 1) Corsi sicurezza alimentare per responsabili HACCP : attività semplici o complesse 2) Corsi sicurezza alimentare per addetti : attività semplici o complesse Si evidenzia infine un notevole interesse a momenti formativi singoli e specifici da parte dei titolari delle attività, permettendo anche una progettazione diversa dallo stretto obbligo di legge. allegati: - n 2 tabelle di sintesi 13

14 ANALISI SU UN CAMPIONE DI 250 AZIENDE - ANNI DI RIFERIMENTO 2007 / 2008 SETTORE DI APPARTENENZA Commercio % Turismo % Artigianato % Servizi % Industria % 96 38, , , ,60 5 2,00 ETA' DELL'AZIENDA meno di 1 anno % da 1 a 10 anni % più di 10 anni % 40 16, , ,20 NUMERO TOTALE DI DIPENDENTI meno di 10 % da 11 a 30 % da 30 a 50 % oltre 50 % , ,20 6 2,40 3 1,20 PRINCIPALI INVESTIMENTI FATTI NEGLI ULTIMI TRE ANNI (livello) Alto % Medio % Basso % Nullo % Pubblicità 33 13, , , ,00 Ambienti di lavoro (infrastrutture) 35 14, , , ,20 Macchinari 15 6, , , ,00 Automezzi 2 0, , , ,00 Hardware 37 14, , , ,00 Software 12 4, , , ,20 Organizzazione/Qualità 11 4, , , ,20 Formazione del personale 18 7, , , ,60 14

15 INTERVENTI FORMATIVI (settore, interventi effettuati e necessità) Necessità futura D.LGS. 626/94 Effettuati negli % % Alto % Media % Bassa % Nulla % ultimi tre anni Sì No Corso datori di lavoro / RSPP , , , , ,80 9 3,60 Corso Pronto Soccorso , , , , , ,40 Corso Antincendio , , , , , ,00 Corso RLS 80 32, , , , , ,00 Corso Preposti 30 12, , , , , ,00 Corso lavoratori 17 68, , , , , ,00 Necessità futura CORSO HACCP Effettuati negli % % Alto % Media % Bassa % Nulla % ultimi tre anni Sì No 1 corso Responsabile HACCP 177,5 71,00 72,5 29,00 102,5 41,00 135,5 54,20 9 3,60 3 1,20 Aggiornamento quinquennale , ,00 60,5 24,20 93,5 37,40 56,5 22,60 39,5 15,80 Responsabile HACCP 1 Corso Addetti 132,5 53,00 117,5 47,00 91,75 36,70 109,5 43,80 41,5 16,60 7,25 2,90 Aggiornamento quinquennale 65 26, , ,40 117,5 47,00 130,75 52,30 27,75 11,10 Addetti 15

Obblighi E Fabbisogni Formativi Per Le Piccole Imprese Nel Settore Edile Data di pubblicazione: 12/06/2007

Obblighi E Fabbisogni Formativi Per Le Piccole Imprese Nel Settore Edile Data di pubblicazione: 12/06/2007 Obblighi E Fabbisogni Formativi Per Le Piccole Data di pubblicazione: 12/06/2007 1/7 Sommario: PREMESSA: 3 CORSI OBBLIGATORI SICUREZZA: 4 ESIGENZE FORMATIVE: 5 FORMULARIO: 6 CONCLUSIONI: 7 2/7 PREMESSA:

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI RELAZIONE TECNICA. dicembre 2011

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI RELAZIONE TECNICA. dicembre 2011 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI RELAZIONE TECNICA dicembre 2011 ZEFIRO SRL Via Amendola - Tel. 0550988601 Fax 0557188179 - C.a.p. 50058 SIGNA (FI) Cod. Fisc. e Part. IVA 06067320488 - web-site: www.zefirosrl.net

Dettagli

OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI

OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI Gli accordi Stato- Regioni del 21 dicembre sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 dell 11 gennaio 2012.

Dettagli

Docenti La docenza dei corsi è affidata a personale qualificato così come previsto dalla normativa di riferimento

Docenti La docenza dei corsi è affidata a personale qualificato così come previsto dalla normativa di riferimento L Agenzia per lo Sviluppo Empolese Valdelsa spa si è affermata in questi anni come soggetto in grado di dare risposta ai bisogni di formazione, consulenza e innovazione provenienti dal tessuto economico

Dettagli

Corso di formazione 15 marzo 2013

Corso di formazione 15 marzo 2013 Istituto Comprensivo di Ronco Scrivia a.s. 2012/13 Corso di formazione 15 marzo 2013 La sicurezza nei luoghi di lavoro Dirigente Scolastico: dott.silvio Peri RSPP: prof.ssa Perla Ferrari Argomenti del

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Div. VIII PMI e Artigianato Indagine su

Dettagli

I QUADERNI DI CONFCOMMERCIO SICUREZZA SUL LAVORO

I QUADERNI DI CONFCOMMERCIO SICUREZZA SUL LAVORO I QUADERNI DI CONFCOMMERCIO SICUREZZA SUL LAVORO Ascom Rimini - Confcommercio Imprese per l Italia EDITORIALE La sicurezza sul lavoro è un tema che nel corso degli anni ha acquisito sempre maggior importanza;

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

FABBISOGNI FORMATIVI Aree Valdichiana e Val D Elsa

FABBISOGNI FORMATIVI Aree Valdichiana e Val D Elsa Soluzioni per l Impresa www.studiopitagora.net PITAGORA SRL SECURITY PROJECT FABBISOGNI FORMATIVI Aree Valdichiana e Val D Elsa SEDE LEGALE: Montepulciano (SI) 53045 - Gracciano - Via Basilicata n.1/a

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA 2011 Ricordiamo che le finalità del D. Lgs. 81/2008 sono quelle di: Tutelare la salute delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro; Certificare i servizi che si erogano

Dettagli

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Con il Decreto Interministeriale del 30 Novembre 2012 sono state recepite le PROCEDURE STANDARDIZZATE per l effettuazione della valutazione dei rischi (art.

Dettagli

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE Per informazioni, contattare Novaconsult Via Gaggia n 1/a - 20139 MILANO Tel. +39 02.57408940 - Fax +39 02.57407100 e-mail: info@novaconsult.it www.novaconsult.it INDICE

Dettagli

Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale

Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale Presentazione del Rapporto di Ricerca Dott.ssa Valentina Albano, Ph.D. valentina.albano@uniroma3.it Bologna, 22 Ottobre 2014 Osservatorio sperimentale

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L articolo 28 del Decreto Legislativo n 81/2008 introduce l obbligo per il Datore di Lavoro di valutare, insieme agli altri rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori,

Dettagli

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA 1 INDICE ATTREZZATURE 4 LAVORATORI 5 CORSI TECNICO SPECIFICI 6 FORMAZIONE FORMATORI 7 RSPP 8 RLS 10 PREPOSTI 11 PREVENZIONI

Dettagli

Formazione 2012. Più valore alla tua Impresa" www.confcommercio.cs.it

Formazione 2012. Più valore alla tua Impresa www.confcommercio.cs.it Formazione 2012 LA GUIDA AI CORSI DI FORMAZIONE DI CONFCOMMERCIO COSENZA Più valore alla tua Impresa" www.confcommercio.cs.it 1 Indice L offerta formativa -------------------------------------------------------------------

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

Analisi dei Fabbisogni Formativi per la formazione continua in Provincia di Grosseto.

Analisi dei Fabbisogni Formativi per la formazione continua in Provincia di Grosseto. Analisi dei Fabbisogni Formativi per la formazione continua in Provincia di Grosseto. A seguito della pubblicazione del Bando di sistema di FONDIMPRESA, pubblicato in data 22 dicembre 2006, è stata effettuata

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs. Ente Bilaterale Mantovano Commercio Turismo Servizi Organismo Paritetico Provinciale I. Parte generale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it NOVACONSULT TEAM CORSI DI FORMAZIONE Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it www.novaconsult.it INDICE Premessa Corso base per lavoratori Corso di formazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XIV Lecco Ufficio Autonomia

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XIV Lecco Ufficio Autonomia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XIV Lecco Ufficio Autonomia SCHEDA MONITORAGGIO FORMAZIONE personale scolastico in materia

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare.

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. 1 GUIDA ALLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. INDICE 1. Introduzione: la sicurezza sui luoghi di lavoro

Dettagli

AREA LEGALE. RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (Cod. 01LEG)

AREA LEGALE. RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (Cod. 01LEG) RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (Cod. 01LEG) Il corso è rivolto ai dipendenti eletti dai lavoratori o designati nell ambito delle rappresentanze sindacali aziendali come RLS 32 ore

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 condotta da CE.S.CO.T Pistoia

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 condotta da CE.S.CO.T Pistoia INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 condotta da CE.S.CO.T Pistoia 1 INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 La presente analisi è stata effettuata nell ultimo biennio, in particolare riguarda

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda.

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. Catalogo Corsi Sicurezza Rischio Medio (d.lgs 81/08 e suc. mod.) Per la gamma completa di prodotti visita www.aforabruzzo.it corsi base 2 Corso

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMA DEL VERBALE DI RIUNIONE PERIODICA Modello A) BOZZA DI LETTERA

Dettagli

Milano, Lodi, Monza e Brianza CONSORZIO SIS LUCA GHISLETTI Varese CONSORZIO SOL.CO. ROBERTA NISOLI

Milano, Lodi, Monza e Brianza CONSORZIO SIS LUCA GHISLETTI Varese CONSORZIO SOL.CO. ROBERTA NISOLI Regione Lombardia sta per rendere disponibili per le micro e piccole imprese lombarde (da 0 a 49 dipendenti) la somma di 8.700.000 per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza attraverso l avviso

Dettagli

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi SICUREZZA INTRODUZIONE Cosa rende speciali i nostri corsi Formazione e informazione sono gli elementi chiave per prendere consapevolezza dei rischi presenti nel proprio ambiente di lavoro e per predisporre

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI SASSARI e pertinenze (OLBIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS01/3-2011 Sostituiscono le linee guida CTS01/2-2010

Allegato a) LINEE GUIDA CTS01/3-2011 Sostituiscono le linee guida CTS01/2-2010 Allegato a) LA INFORMAZIONE, FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO DEI LAVORATORI DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DI SECONDO GRADO AI SENSI DELL ART. 37 DEL D.LGS. 81/08 COME MODIFICATO DAL D.LGS. 106/09 LINEE GUIDA CTS01/3-2011

Dettagli

Settori di attività economica

Settori di attività economica ELABORAZIONE DEI DATI QUALITATIVI Chiara Lamuraglia 1. Premessa Al fine di ottenere informazioni di carattere qualitativo che consentissero di interpretare e leggere in modo più approfondito i dati statistici,

Dettagli

D. Lgs. 81/2008: i corsi di formazione obbligatori e l aggiornamento periodico

D. Lgs. 81/2008: i corsi di formazione obbligatori e l aggiornamento periodico D. Lgs. 81/2008: i corsi di formazione obbligatori e l aggiornamento periodico Dr. Giuseppe Vibracci Roma, 10 giugno 2011 Il D. Lgs. 81/2008 Il D. Lgs. 81/2008 prevede precisi obblighi formativi per i

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Lavoro sicuro 1 LAVORO SICURO 2 1. Sicurezza: i provvedimenti

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DEL COMPARTO TURISTICO DELL'AREA VASTA TOSCANA NORD (PISA, LUCCA, MASSA-CARRARA)

INDAGINE SUI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DEL COMPARTO TURISTICO DELL'AREA VASTA TOSCANA NORD (PISA, LUCCA, MASSA-CARRARA) INDAGINE SUI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DEL COMPARTO TURISTICO DELL'AREA VASTA TOSCANA NORD 1 Realizzata da CESCOT Toscana Nord in collaborazione con la Confesercenti d'area Vasta Toscana Nord,

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

DOVE SI FORMANO LE IMPRESE LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA. Corsi in Programmazione Da Settembre a Dicembre 2014 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA

DOVE SI FORMANO LE IMPRESE LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA. Corsi in Programmazione Da Settembre a Dicembre 2014 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA 2014 DOVE SI FORMANO LE IMPRESE LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA Corsi in Programmazione Da Settembre a Dicembre 2014 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA In questo Catalogo, interamente

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Preso atto che la somma da destinare alla formazione prevista nel bilancio di previsione dell Unione, è pari a 9.600,00 per l anno 2014;

Preso atto che la somma da destinare alla formazione prevista nel bilancio di previsione dell Unione, è pari a 9.600,00 per l anno 2014; Richiamate le delibera del Cda n. 20 del 30/12/2010 e dell Assemblea n. 5 del 13/06/2013 con le quali si recepisce il trasferimento all Unione dei Comuni il servizio per la gestione in forma associata

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

Principali adempimenti obbligatori ai sensi del D.LGS. 81/08

Principali adempimenti obbligatori ai sensi del D.LGS. 81/08 Principali adempimenti obbligatori ai sensi del D.LGS. 81/08 Gli obblighi per la SICUREZZA SUL LAVORO, stabiliti dal D.Lgs 81/2008 s.m.i. e di seguito descritti si rivolgono alle imprese/pubbliche amministrazioni

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure 30 ottobre 2008 - Como Nicoletta Cornaggia Art. 2 comma 1 - Definizioni aa) «formazione

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

Potenza 18.04.2013 Prot. 2206 AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI

Potenza 18.04.2013 Prot. 2206 AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Potenza 18.04.2013 Prot. 2206 AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI OGGETTO: CORSI DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA PER LAVORATORI, PREPOSTI, DIRIGENTI - ART. 37 D. LGS. 81/08 Accordi Stato Regioni del 21 dicembre

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

Processo di elaborazione

Processo di elaborazione Processo di elaborazione Questionario Esterno QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DELL UTENTE/VISITATORE Gruppo operativo 2.1.2. Performance 1. Nunzia Pandolfi 2. Simona Saltarelli 3. Annalina Notarantonio 4.

Dettagli

ekon srl Qualità, Ambiente e Sicurezza Consulenza e Formazione www.ekon.it SERVIZI ALLE IMPRESE Servizi alle aziende.

ekon srl Qualità, Ambiente e Sicurezza Consulenza e Formazione www.ekon.it SERVIZI ALLE IMPRESE Servizi alle aziende. SERVIZI ALLE IMPRESE Servizi alle aziende. Qualità, Ambiente e Sicurezza Consulenza e Formazione ekon srl [ Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

Oggetto: autocontrollo nelle industrie alimentari indicazioni a seguito delle modifiche al D.Lvo 155/97

Oggetto: autocontrollo nelle industrie alimentari indicazioni a seguito delle modifiche al D.Lvo 155/97 Direzione Sanità Pubblica Settore Vigilanza e Controllo Alimenti di Origine Animale Prot. n. /27.004 Torino, lì Ai Responsabili del SIAN delle ASL del Piemonte Ai Responsabili del Servizio Veterinario

Dettagli

OBBLIGHI FORMATIVI E DI ADDESTRAMENTO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA (Decreto Legislativo 81/2008) Catalogo generale

OBBLIGHI FORMATIVI E DI ADDESTRAMENTO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA (Decreto Legislativo 81/2008) Catalogo generale OBBLIGHI FORMATIVI E DI ADDESTRAMENTO IN MATERIA DI SALUTE E CUREZZA (Decreto Legislativo 81/2008) Catalogo generale modulo totale Obbligo di verifica apprendimento? % Frequenza minima Formazione per Datore

Dettagli

ENTE BILATERALE UNITARIO TERRITORIALE DEL SETTORE TURISMO PER LA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA

ENTE BILATERALE UNITARIO TERRITORIALE DEL SETTORE TURISMO PER LA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA Verbania, 20 FEBBRAIO 2015 Alla cortese attenzione delle AZIENDE ricettive aderenti ad E.B.TURISMO VCO SERVIZIO RTLS 2015 Oggetto: Chiarimenti e nuove modalità di erogazione del Servizio RTLS - anno 2015

Dettagli

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE MACCHINA TECNICA CONTROLLO UOMO CULTURA - FORMAZIONE IL PRIMO FINE DELLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA E SEMPRE LA PREVENZIONE DELL INFORTUNIO PER TUTELARE IL BENE PIU PREZIOSO CIOE LA SALUTE DELLE PERSONE

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE AGENZIA FORMATIVA ACCREDITATA DALLA REGIONE TOSCANA COD. AR 0919 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE RSPP DATORE DI LAVORO 16 ore per Aziende a rischio basso 32 ore per Aziende a rischio medio 48 ore per Aziende

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO Lo sviluppo turistico dell area sud della Basilicata attraverso la valorizzazione delle risorse e delle produzioni locali e la creazione

Dettagli

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA. Febbraio 2013 Luglio 2013

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA. Febbraio 2013 Luglio 2013 GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA Febbraio 2013 Luglio 2013 Tutte le Aziende italiane, nessuna esclusa, sono tenute ad ottemperare agli obblighi previsti dal D. Lgs. 81/2008 e dal successivo Accordo Stato-Regioni

Dettagli

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: - 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : htpp://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale Scuola Secondaria Superiore Formazione individuale Servizi scolastici pomeridiani Via Oss Mazzurana n 8 38122 TRENTO Qualificazione professionale Corsi FSE tel. 0461 233043 fax 0461 222441 Presa d'atto

Dettagli

H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Corso obbligatorio per le aziende al cui interno vi è un processo produttivo e di lavorazione, preparazione, vendita, somministrazione di alimenti, per garantire

Dettagli

Ti aiutiamo a costruire un ambiente di lavoro più sicuro

Ti aiutiamo a costruire un ambiente di lavoro più sicuro 2 Ti aiutiamo a costruire un ambiente di lavoro più sicuro Obiettivo SICUREZZA Negli ultimi anni in Italia vi sono state oltre 650mila denunce di infortunio sul lavoro di cui 1107 con esito mortale (oltre

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PRESCRIZIONI LEGALI

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PRESCRIZIONI LEGALI legali 0 18/05/09 1 6 PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PRESCRIZIONI LEGALI INDICE PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PRESCRIZIONI LEGALI...1 INDICE...1 1 Scopo...2 2 Campo di applicazione...2 3 Terminologia ed abbreviazioni...2

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

Decreto Interministeriale del 30.11.2012 Attuazione di quanto previsto dall art. 29 comma 5 del D.L.vo 81/08

Decreto Interministeriale del 30.11.2012 Attuazione di quanto previsto dall art. 29 comma 5 del D.L.vo 81/08 LE PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLE PICCOLE IMPRESE Decreto Interministeriale del 30.11.2012 Attuazione di quanto previsto dall art. 29 comma 5 del D.L.vo 81/08 (Ma anche dall

Dettagli

H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Corso obbligatorio per le aziende al cui interno vi è un processo produttivo e di lavorazione, preparazione, vendita, somministrazione di alimenti, per garantire

Dettagli

H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Corso obbligatorio per le aziende al cui interno vi è un processo produttivo e di lavorazione, preparazione, vendita, somministrazione di alimenti, per garantire

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: CHE FARE?

SICUREZZA SUL LAVORO: CHE FARE? Via Cesare Battisti n. 19 TERRALBA (OR) C.F./P.IVA 01042940955 CORSI AREA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: CHE FARE? CORSO DI FORMAZIONE GENERALE DEI LAVORATORI OBBLIGHI E ADEMPIMENTI

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

PREZZI CONVENZIONE IQS S.R.L. e FEDERFARMA SALERNO 2011

PREZZI CONVENZIONE IQS S.R.L. e FEDERFARMA SALERNO 2011 PREZZI CONVENZIONE IQS S.R.L. e FEDERFARMA SALERNO 2011 SICUREZZA SUL LAVORO DOCUMENTAZIONI OBBLIGATORIE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO D.Lgs. 81/08 e s.m.i. COSTO DEL SERVIZIO 300,00 + I.V.A. H.A.C.C.P.

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI Aprile 2002 1 STUDIO DI SETTORE SG82U Numero % sugli invii Invii 8.416 Ritorni 4.988

Dettagli

www.focusformazione.it CATALOGO DEI CORSI OBBLIGATORI SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D.LGS. 81/08

www.focusformazione.it CATALOGO DEI CORSI OBBLIGATORI SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D.LGS. 81/08 CATALOGO DEI CORSI OBBLIGATORI SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D.LGS. 81/08 Uno dei cardini della legge sulla sicurezza nei luoghi di lavoro è il concetto di formazione e informazione di tutti coloro che

Dettagli

RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI E DELLE COMPETENZE. INFORMATICHE DI BASE e/o AVANZATE

RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI E DELLE COMPETENZE. INFORMATICHE DI BASE e/o AVANZATE RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI E DELLE COMPETENZE INFORMATICHE DI BASE e/o AVANZATE 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 METODOLOGIA... 3 OBIETTIVI... 4 RISULTATI... 4 AZIENDE... 4 PRIVATI... 6 CONCLUSIONI... 7 2 L Indagine,

Dettagli

CORSI OBBLIGATORI. Anno Scolastico 2009/2010. Per ulteriori informazioni contattare : F.I.S.M. VICENZA. Federazione Italiana Scuole Materne

CORSI OBBLIGATORI. Anno Scolastico 2009/2010. Per ulteriori informazioni contattare : F.I.S.M. VICENZA. Federazione Italiana Scuole Materne F.I.S.M. VICENZA Federazione Italiana Scuole Materne Viale Verona, 108-36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax. 0444/291.448 e-mail: segreteria@fismvicenza.it Per ulteriori informazioni contattare : F.I.S.M.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI H.A.C.C.P. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Corso obbligatorio per le aziende al cui interno vi è un processo produttivo e di lavorazione, preparazione, vendita, somministrazione di alimenti, per garantire

Dettagli

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE Progetto Ideazione e realizzazione di un modello di gestione integrata delle acque dei bacini Lago di Varese, Lago di Comabbio e Palude Brabbia QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE La

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

ALLEGATO 4 Fac-simile modulistica

ALLEGATO 4 Fac-simile modulistica 2013 2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 4 Fac-simile modulistica (nomine per gli addetti alla lotta antincendio, primo soccorso, RLS, RSPP)

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

Gruppo Professionale QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE

Gruppo Professionale QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE Gruppo Professionale QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE Chi siamo. Cosa facciamo. Gruppo Professionale nasce con l obiettivo di diventare partner delle aziende, garantendo l erogazione di servizi semplici ed innovativi

Dettagli

Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE

Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE L art. 28 del D.Lgs. n. 81/2008 sulla sicurezza e salute

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS)

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) 1 di 6 VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (ai sensi dell'art. 47 del D.Lgs 9/04/2008, n. 81 e ss.mm.ii.). Il sottoscritto sig. in qualità di segretario di seggio

Dettagli