Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010"

Transcript

1 WP n.1 Titolo: Analisi dei bisogni e fattibilità Obiettivi: - Collegare le diverse analisi dei bisogni del gruppo target per individuare, definire e condividere le principali criticità registrate nei diversi contesti locali, nazionali, europei coinvolti; - analizzare i risultati conseguiti nei precedenti progetti sviluppati (Lapis, Vela) ed estrapolare gli aspetti di interesse congruenti con gli obiettivi del Progetto Ring; - definire le modalità di sostegno all auto apprendimento; - rilevare le esperienze del partenariato europeo nell ambito dei gruppi di auto - aiuto e delle soluzioni organizzative adottate. 1/11/ /1/ MESI A) Individuare le modalità sul tema della relazione d aiuto, per raggiungere in modo più efficace i soggetti che vivono in situazione di disagio relazionale e comportamentale determinato dalla condizione di immigrazione, difficoltà linguistiche e di inclusione sociale; B) Condividere una griglia per l inviduazione del target group rappresentativo a livello europeo; C) coinvolgimento del Comitato dei beneficiari, delle Parti Sociali, tramite gli Osservatori della Città di Torino; D) preparazione di un questionario di base per raccolta dati in relazione ai diversi contesti di lavoro e di bisogno della partnership; E) costruzione di una mappa sistematizzata dei risultati delle analisi, ricerche e supporti a favore del caregiver nella relazione con la persona demente; F) specificare l analisi di fattibilità in relazione alle caratteristiche territoriali, linguistiche, tecnologiche e alle specificità dei diversi partner; G) condividere il prodotto innovativo costituito dai 3 prodotti beta; H) valutare le necessità specifiche di traduzione del prodotto da importare; I) Project Launch - MEETING TRANSNAZIONALE a San Sebastian (Espana) a Novembre 2009 (3 giorni); J) avvio di focus group relativi all analisi dei bisogni specifici dei beneficiari finali; K) allestimento sito internet e definizione della sua struttura. L) report analisi dei bisogni e fattibilità. Responsabile del WP1 è il Partner Fondazione Ingema - Gruppo Matia di San Sebastian Spagna. Utilizzo del metodo collaborative working e dei suoi strumenti caratterizzanti (Analisi SWOT); in questa fase possono essere utilizzate le tecniche e le procedure del collaborative working per

2 l analisi ed il confronto dei segmenti di prodotti del consorzio, l elaborazione dei criteri per l individuazione degli stakeholders, nonché la valutazione delle indicazioni comunitarie in merito. Risultati: 1-Analizzato e condiviso il prodotto beta spagnolo con il consorzio - Programma innovativo di intervento psicosociale centrato sulla gestione delle emozioni del caregiver e miglioramento della relazione d aiuto con il demente senile. 2-Analizzato e condiviso il prodotto beta italiano con il consorzio - Guida sulle "Cure Palliative alla fine della vita" per chi si prende cura di persone anziane dementi. 3-Analizzato e condiviso il prodotto multimediale italiano con il consorzio - D.V.D. utilizzato in ambiti formativi quale supporto didattico nell'ambito del modulo sulla relazione d'aiuto. Prodotti tangibili: Copia dei prodotti del kit Ring in italiano e inglese a disposizione della partnership. WP n.2 Titolo: ADATTAMENTO E PERSONALIZZAZIONE Obiettivi - Integrare e adattare sotto l aspetto contenutistico, tecnologico. Linguistico, i 3 prototipi aggregandoli in un unico kit (Kit Ring)tenendo conto dei diversi contesti operativi ed organizzativi; - supportare i formatori nell utilizzo del Kit Ring; - definizione del manuale di utilizzo; - assicurare la rispondenza del prodotto ai fabbisogni rilevati in funzione del target group nei diversi contesti territoriali. 1/02/ /04/ mesi Coinvolgere direttamente i gruppi dei destinatari che a diverso livello possono beneficiare del trasferimento in modo da renderli attori della messa a regime; - somministrare interviste al target group, agli stakeholders (formatori, familiari di anziani assistiti, ecc) mirate a rilevare punti di forza e criticità; - avviare le azioni di informazione sui gruppi di formatori per l uso del materiale didattico, del manuale di utilizzo all interno del modulo formativo degli assistenti familiari o operatori sociosanitari (teoria/pratica;formazione frontale); - definire le diverse applicazioni del prodotto (digitale, cartaceo) e i supporti utilizzati nell ambito delle TIC (piattaforme, portali, cd); - quantificare il numero di copie del kit da produrre per la specifica fase; - produrre le traduzioni necessarie in funzione delle esigenze dei diversi paesi europei; - realizzare incontri a livello locale e nazionale; - meeting nazionale adattamento prodotto (a Cremona Fondazione Sospiro); - report - aggiornamento sito internet.

3 Responsabile del WP Centro Maderna (Stresa) Metodologia partecipativa, sostenuta dal coordinatore, dal Comitato dei beneficiari e dal Comitato Tecnico operativo. Risultati: 1. Aggregati i 3 prodotti beta nel Kit Ring prototipo (metodologia, guida cure palliative e DVD sulla relazione d aiuto), compreso di manuale di utilizzo 2. Kit Ring adattato sotto l'aspetto linguistico, culturale e tecnologico. Prodotti tangibili: manuale di utilizzo del Kit Ring e Kit ring adattato e personalizzato. WP n.3 Sperimentazione Obiettivi: Definire gruppi pilota di sperimentazione nei diversi contesti territoriali del Consorzio ed i protocolli di trasferimento; - sensibilizzare i soggetti che svolgeranno la funzione di accompagnamento durante la fase; - attivare e verificare la sperimentazione; - garantire la circolarità delle informazioni tra i referenti della sperimentazione ed il Coordinatore attraverso incontri a livello nazionale e transnazionale, utilizzo del sito dedicato; - valutare l andamento della sperimentazione nell ambito del Comitato tecnico-operativo e validare i risultati della sperimentazione da parte del Comitato tecnico-scientifico; - sensibilizzare gli attori di settore e istituzionali il cui coinvolgimento è indispensabile, affinchè il prodotto finale venga recepito dal sistema. 1/5/ /10/ mesi Allestimento del materiale necessario alla sperimentazione; - organizzazione di un incontro preliminare con i referenti delle diverse realtà partecipanti (associazioni, centri di formazione, fondazioni, ASL,ecc) per l individuazione del gruppo pilota e la consegna di tutti i materiali necessari ad effettuare la sperimentazione (KIT, manuale di utilizzo, schede di verifica, ecc); - sperimentazione del prodotto da parte dei gruppi pilota in appositi laboratori (meccanismi di incentivazione per la partecipazione dei caregiver); - attivazione della sperimentazione on line e valutazione di possibile applicazione e fruizione tramite piattaforma e learning; - raccolta ed analisi dei risultati ; - verifica da parte del Comitato operativo del funzionamento dei protocolli di trasferimento e introduzione di correttivi, di nuovi strumenti e modalità operative sulla base degli esiti della

4 sperimentazione; - aggiornamento sito con documentazione on line (tradotta per i paesi europei ); - contatti on line dei partner afferenti al tavolo nazionale per la comparazione dei risultati e dei feedback rilevati; - valutazione del grado di soddisfazione e di interesse dei partecipanti ai laboratori. - report finale di sperimentazione. Responsabile del WP Fondazione Sospiro (Cremona) Laboratori di sperimentazione nei diversi ambiti formativi per verificarne l efficacia, le criticità. Coinvolgimento per la sperimentazione non solo di tutti gli enti partner del progetto ma anche delle parti sociali. Sotto l aspetto operativo risulterà fondamentale la funzione di accompagnamento del Gruppo Pilota. Risultati: Sperimentato Kit Ring prototipo attraverso laboratori dedicati e attraverso modalità on line. Prodotti tangibili:report di sperimentazione e analisi a livello europeo dei risultati WP n.4 Titolo: VALUTAZIONE RISULTATI E VALIDAZIONE KIT RING Obiettivi: Sistematizzare i feed-back provenienti dai laboratori di sperimentazione; - analisi e razionalizzazione delle informazioni sulla base dei contributi degli attori istituzionali e non, che a vario livello intervengono sul sistema territoriale e locale; - ritarare il prototipo oggetto del trasferimento a regime; - valutare livelli di accessibilità del prodotto nell ambito tecnologico e dell auto-istruzione; - garantire la circolarità delle informazioni sui risultati della sperimentazione all interno del partenariato nazionale ed europeo; - valutare condizioni di trasferimento del prodotto su altri target. 1/11/ /1/ mesi - Adattare l accessibilità del prodotto nell ambito tecnologico e dell auto-istruzione, la rispondenza a criteri di rilevanza e utilità congruenti con obiettivi e destinatari; - registrare, analizzare i risultati, confrontare gli esiti emersi nei differenti contesti formativi di sperimentazione e nei diversi paesi del Consorzio; - seminario del partenariato a Istanbul (Turchia) dedicato alla condivisione dei risultati della sperimentazione e validazione; - validare il prodotto innovativo Kit Ring ;

5 - rilevare grado di accoglienza e gradimento dei partner attraverso modalità on line; - tradurre il prodotto finale. - report finale valutazione risultati. Responsabile del WP Turchia, Istanbul Municipalità di Istanbul Partecipata e circolare. Risultati: Partecipata e circolare. Prodotti tangibili: risultati di valutazione e validazione del KIT RING WP n.5 TRASFERIMENTO A SISTEMA E SOSTENIBILITA Obiettivi: Elaborare il Piano di Sostenibilità condividendone gli obiettivi, le azioni e gli output all'interno della partnership; - Trasferire e rendere disponibile il prodotto Kit Ring nei diversi contesti nazionali e europei dei partner coinvolti e le diverse associazioni collegate; - Favorire il trasferimento stimolando la cooperazione tra decisori politici, centri di formazione, attori chiave e stakeholders per il consolidamento dell utilizzo del KIT Ring in tutte le iniziative strutturate formative e nei punti informativi dedicati a persone immigrate impegnate nel lavoro di cura, sia per le persone dementi che per i disabili gravi, i malati mentali e i malati cronici non autosufficienti; - sviluppare al massimo la coesione dei soggetti, l impegno dei docenti e formatori che hanno partecipato al progetto per ampliare l intervento formativo sui caregiver e mantenerlo nel tempo; - ampliare il campione dei soggetti e dei contesti utilizzatori del prodotto; - favorire le articolazioni di processo relative alla sostenibilità dell innovazione; - programmare un Piano di comunicazione e valorizzazione con una funzionalità strategica che dia visibilità al prodotto e che attraverso la comunicazione on line intercetti gli stakeholders a livello nazionale ed europeo. 1/11/ /10/ MESI ATTIVITA ATTIVITA' TRASVERSALI (11/ /2011) a. Indicare le modalità attraverso le quali i risultati del progetto possono essere riprodotti e replicati da altri attori, settori, per specifici gruppi; b. produrre il piano di sostenibilità in modo partecipato e disegnare gli scenari futuri ipotizzati; c. discutere e condividere le azioni nel corso del 1 meeting d. mettere a disposizione per chiarimenti, illustrazione, tutoraggio, un formatore del proprio ente; e. portare e trasferire il prodotto all interno della propria rete, anche in occasione di incontri e convegni nazionali;

6 f. coinvolgere il Comitato dei beneficiari in modo da favorire la coesione dei diversi soggetti e migliorare l adeguatezza della formazione in collegamento con lo sviluppo locale; AZIONI DI TRASFERIMENTO A SISTEMA (02/ /2011) - validare con un certificato di frequenza il percorso formativo; - avviare le procedure per il riconoscimenti dei crediti formativi; - coinvolgere le parti sociali e sindacali per il potenziamento e il raccordo attivo nell ambito di un trasferimento efficace; - individuare, tramite le reti dei partner, altri organismi interessati a un trasferimento del prodotto per il suo utilizzo e l eventuale applicazione in altri contesti (malati cronici, disabili, malati mentali); - meeting nazionali in tutti i paesi del Consorzio Responsabile WP Città di Torino SFEP (Servizio Formazione Educazione Permanente in staff ) Partner in staff Città di Torino Settore Disabili e Comunicazione in Salute Ufficio Salute Città di Torino ( coordinatore ) Settore Famiglia Analisi S.W.O.T. Risultati: Kit Ring trasferito a sistema e reso sostenibile. Prodotti tangibili: Piano di sostenibilità in inglese e italiano WP n.6 Titolo: DISSEMINAZIONE E UTILIZZO DEI RISULTATI Obiettivi: - Elaborare Piano di disseminazione, messa a regime ed utilizzo con definizione degli strumenti e degli attori da coinvolgere; - condivisione del Piano di disseminazione con la partnership durante il 1 meeting in Spagna (Nov. 2009); - penetrazione e sfruttamento dei risultati attraverso un mainstreaming orizzontale e verticale declinato all interno di ciascuna realtà nazionale; - diffusione delle informazioni concernenti l efficacia, la qualità e la pertinenza dei risultati raggiunti nell ambito dell adattamento, sperimentazione e trasferimento del prodotto; - informare potenziali altri utilizzatori ed enti di riferimento per utilizzo del Kit Ring anche in altri target group evidenziandone le opportunità; - calibrare le azioni di disseminazione attraverso i diversi strumenti per potenziare la messa a sistema del prodotto innovativo Data di avvio 1/10/2009 Data di conclusione 31/10/ DISSEMINAZIONE 1. Rilevazione dell interesse e delle conseguenti potenzialità di utilizzo del prodotto in altri gruppi

7 target con partecipazione attiva degli stakeholders; 2. presa di contatti con altri network europei che operano su analoga problematica. 3. programmazione strumenti e modalità per dare continuità in ogni paese alla disseminazione a conclusione del progetto in accordo con il Piano di sostenibilità; 4. trasmissione degli aggiornamenti del progetto tramite newsletter trimestrale; 5. ampliamento continuo della rete di diffusione sul web del Kit Ring; STRUMENTI 1. Sito web del progetto; 2. Relazioni con altri progetti di cooperazione; 3. Specifiche attività di diffusione in occasione di eventi; 4. Newsletter elettronica trimestrale; 5. Meeting Europeo in Spagna - San Sebastian (Fondazione Ingema Gruppo Matia) a luglio del 2012 per garantire la circolarità delle informazioni rispetto al processo di disseminazione e per migliorare la sostenibilità dei risultati. Responsabile del WP Romania,Brasov Università di Medicina Utilizzo del metodo esperienziale: fare esperienza elaborare generalizzare applicare nei diversi paesi del consorzio. Analisi S.W.O.T. Risultati: Kit Ring disseminato attraverso un Piano di disseminazione specifico. Prodotti tangibili: Piano di disseminazione in italiano e inglese, Scheda di rilevazione della disseminazione WP n.7 Titolo: Monitoraggio e valutazione Obiettivi: - Presidiare l avanzamento di ogni fase, il controllo della congruenza tra obiettivi e risultati raggiunti, della qualità dei processi; - Articolare l attività del monitoraggio interno ed uno esterno, affidando quest ultimo a una figura professionale esterna; - Definire modalità di interrelazione tra il monitoraggio interno ed esterno. - Elaborare dispositivi e strumenti per la raccolta delle informazioni utili al monitoraggio interno e alla valutazione; - Restituire feed-back ai partner responsabili di WP relativi alla qualità ed efficacia delle informazioni sull avanzamento del progetto rilevate dai singoli partner del Consorzio anche sugli aspetti amministrativi e finanziari. - Organizzare e definire in cooperazione con il coordinatore del progetto, attraverso l uso di apposite griglie, gli indicatori di impatto sul target e area geografica, a breve e lungo termine; - Restituzione a tutti i partner di griglie sul grado di soddisfazione, di valore d uso e di valore di scambio del prodotto trasferito da parte dei beneficiari diretti e indiretti e degli stakeholders. 1/10/ /10/ mesi Attività - Elaborazione di strumenti di rilevazione per la raccolta mirata di informazioni presso i diversi partner sull andamento delle fasi di lavoro di loro competenza (book di accompagnamento e

8 sostegno per ricordare le fasi); - restituzione di feeback al fine di consentire il riallineamento dove necessario delle attività di competenza (valutazione con funzione learning); - predisposizione di griglie di questionari di soddisfazione; -produzione di materiale documentale analitico (rapporti di sintesi, metodologico applicativo, intermedio finale sia esterno che interno); - identificazione degli indicatori di monitoraggio e valutazione. - Report di monitoraggio / valutazione interna ed esterna. Responsabile del WP Università di Torino Facoltà di Scienze della Formazione ed Educazione Utilization Focused Evaluation per una corretta identificazione dei rispettivi destinatari di ciascuna funzione valutativa. Questionari di gradimento ai partner del Consorzio, book di accompagnamento e sostegno. Risultati: Report di monitoraggio. Prodotti tangibili: Schede griglie di valutazione e monitoraggio WP n.8 Titolo: MANAGEMENT Obiettivi: Individuare i flussi processuali, formalizzarli in diagrammi utili per la revisione, il monitoraggio e la valutazione; - Strutturare ruoli e competenze all interno della partnership; - Coordinare l insieme degli indicatori relativi al processo, al risultato e alla valutazione in un sistema omogeneo e verificabile; - Allestire sito dedicato al progetto con parte pubblica e parte ad accesso riservato ai partner del consorzio. Il sito dovrà rispettare le norme nazionali e le regole internazionali sull accessibilità alle persone disabili; - Coordinare il lavoro di tutti i referenti degli organismi del Consorzio favorendo la cooperazione, la partecipazione attiva, l equa distribuzione dei compiti, nell ambito di tutte le fasi progettuali in modo trasversale; - Programmare e coordinare i lavori dei Comitati Tecnico Scientifico ed Operativo; - Garantire il coinvolgimento del Comitato dei beneficiari; - Presidiare tutte le fasi del processo di rendicontazione; - Individuare strategie per il superamento dei conflitti interni al Consorzio. Data di avvio 1/10/2009 Data di conclusione 31/10/ mesi Attività - Nominare i componenti dei Comitati Tecnico scientifico ed Operativo in base all analisi delle competenze e dei ruoli istituzionali, convocarli periodicamente sulla base delle diverse funzioni e

9 coordinarne i lavori; - integrare e condividere l attività di monitoraggio e valutazione interni ed esterni per la verifica in itinere dei requisiti e degli outputs, compresa la rendicontazione; - attivare azioni per garantire circolarità delle informazioni attraverso l aggiornamento continuo del sito dedicato, forum, ; - utilizzare strumenti per prevenire conflitti nella partnership (questionari di rilevazione aspettative, criticità, ecc); - organizzare meeting di competenza, supportare i partner nell articolazione dei propri incontri nazionali ed europei e dei Task funzionali allo svolgimento di specifici segmenti di lavoro; - analizzare sotto l aspetto quali-quantitativo i risultati in itinere e finali; - verificare il rispetto delle consegne e la tempistica correlata da parte dei partner del Consorzio; - integrare con il responsabile del monitoraggio e il valutatore del progetto, in particolare nella fase di costruzione e allestimento, indicatori di qualità e impatto; - organizzare meeting europeo a Torino quale evento finale del progetto. Responsabile del WP Città di Torino Ufficio Salute Tutto il consorzio coinvolto. Metodo di lavoro del collaborative working e i suoi strumenti (Analisi S.W.O.T.). Questionari per la rilevazione delle aspettative della partnership, delle criticità nello svolgimento progettuale. Utilizzo del Project Cycle Management per seguire il ciclo del progetto, orientandolo secondo le indicazioni. Risultati: report finale del progetto Prodotti tangibili: tutti i prodotti necessari per un management efficace ed efficiente

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Introduzione Il progetto W.In D. (Women In Development) si inserisce nelle attività previste e finanziate

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI IQEA: UN PROGET TO PER DARE VALORE ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI GIANFRANCO MASSA - EXFOR Alcuni temi centrali per il welfare Assicurare qualità dell assistenza basata sulle competenze delle

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SSPA. PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ

PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SSPA. PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SSPA PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ Roma, 21 maggio 2013 Sala Polifunzionale PCM FINALITÀ DEL PROGETTO

Dettagli

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE ISTITUTO SILONE San Ferdinando di Puglia STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE REPORT FINALE DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Progetto di Ricerca finanziato da: REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SNA. PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ

PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SNA. PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ PROGRAMMA QUALITÀ E POTENZIAMENTO DELLA FORMAZIONE PUBBLICA Convenzione DFP e SNA PROGETTO Una Rete per la Formazione di Qualità RFQ Roma, 21 maggio 2013 Sala Polifunzionale PCM FINALITÀ DEL PROGETTO RFQ

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

DIONISO. European Virtual Academy For The Improvement Of The Wine And Gastronomic Culture

DIONISO. European Virtual Academy For The Improvement Of The Wine And Gastronomic Culture DIONISO European Virtual Academy For The Improvement Of The Wine And Gastronomic Culture (Progetto LdV Pilota Procedura B - I/05/B/F/PP- 154133) PRESENTAZIONE SOGGETTO CONTRAENTE IAL Cisl Emilia Romagna

Dettagli

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali Premessa Con. Solida ed Euricse condividono un approccio e un metodo per la realizzazione ed

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

Dalla relazione finale

Dalla relazione finale V.O.I.C.E.S. Project - Voluntary Organisation for International Children Teenagers And Women s Emergency Service - Daphne Initiative 1999 VIOLENCE IS WHEN... Violence against Women and Children from Telephonic

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

Reti di sostegno per bambini e famiglie in difficoltà

Reti di sostegno per bambini e famiglie in difficoltà SCHEDA DI PROGETTO relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza Titolo del progetto n. 7 Reti di sostegno per bambini e famiglie in difficoltà

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: A MAGLIE FITTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di Intervento: Attività di tutoraggio scolastico

Dettagli

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo Pagina1 Allegato A Monitoraggio delle formazioni docenti PON 2010/2011 e richieste specifiche per la valutazione e il monitoraggio delle azioni PON DIDATEC corso base e corso avanzato 1) Il Programma Operativo

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica

Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica Promuove la cultura della qualità dei servizi pubblici attraverso l introduzione

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Accordo SNA -CRUI- COINFO

Accordo SNA -CRUI- COINFO Accordo SNA -CRUI- COINFO Corso specialistico per Responsabili e Referenti Anticorruzione nelle Università Programma di dettaglio INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi...3 3. Destinatari...4 4. Coordinamento

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Prot. n. 1437/A6 Roma, 15 Marzo 2007 Linee di indirizzo EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VISTA la Costituzione della Repubblica Italiana; VISTO il D.P.R.

Dettagli

Cambiare vita, aprire la mente. Agenzia Erasmus+ Firenze. Partenariati strategici KA2 School to school

Cambiare vita, aprire la mente. Agenzia Erasmus+ Firenze. Partenariati strategici KA2 School to school Cambiare vita, aprire la mente. Agenzia Erasmus+ Firenze Partenariati strategici KA2 School to school Il nostro progetto è stato approvato e ora? Ecco i prossimi step da seguire: 2 Sottoscrizione del Accordo

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca V. dei Mille n. 4b- 25122 Brescia tel. 030 3753253 fax 030 3759618 www.ctrhbrescia.it E mail info@ctrhbrescia.it Brescia, 6 ottobre 2011 Prot. 213/b32 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche afferenti

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODRCAL.Registro Ufficiale(U).0015430.22-12-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio II Via Lungomare 259, 88100 CATANZARO - Tel. 0961734411 Codice

Dettagli

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE Premessa Il presente report illustra il progetto Cluster Open Source, progetto che mira a sviluppare dinamiche distrettuali all interno del sistema produttivo

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto: Giovani imprenditori per un futuro da protagonisti: saper essere e saper fare

Scheda descrittiva del progetto: Giovani imprenditori per un futuro da protagonisti: saper essere e saper fare Scheda descrittiva del progetto: Giovani imprenditori per un futuro da protagonisti: saper essere e saper fare Sezione 1 - Il Progetto Il Progetto, proposto dall Associazione per lo Sviluppo Sostenibile

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria

Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria Incontro di presentazione dei servizi attivati 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria L ambito del progetto Fondo FEI Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini

Dettagli

La partnership e il nucleo del team progettuale

La partnership e il nucleo del team progettuale PROGRAM DAPHNE III " Tripudium - WOMAN IN THE DANCE OF EUROPEAN CULTURE " ****** La partnership e il nucleo del team progettuale Il progetto prevede: Costruzione di una rete stabile e sinergica livello

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano Piano di formazione e informazione dei Team di Valutazione alle indagini nazionali e internazionali Conferenze di servizio per i dirigenti scolastici Presentazione delle attività formative. Obiettivi e

Dettagli

Descrizione del progetto

Descrizione del progetto Descrizione del progetto Motivazione intervento/rilevazione fabbisogni: Il progetto si rivolge all'area delle "nuove disuguaglianze". Gli anni '90 sono stati contrassegnati da processi sociali, economici

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE E MONITORAGGIO INTERMEDIO Fase sperimentale del Kit Ring

REPORT DI VALUTAZIONE E MONITORAGGIO INTERMEDIO Fase sperimentale del Kit Ring REPORT DI VALUTAZIONE E MONITORAGGIO INTERMEDIO Fase sperimentale del Kit Ring 1 Tutti i partner hanno lavorato in modo adeguato: sono stati infatti invitati un numero di caregivers formali ed informali

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L I C E O S T A T A L E G a l i l e o G a l i l e i Liceo Scientifico- Liceo delle Scienze Applicate - Liceo Linguistico Via S. Francesco n. 63-24043

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. C.A.S.A. Custodia e Assistenza Sociale per Anziani

COMUNE DI MASSAFRA. C.A.S.A. Custodia e Assistenza Sociale per Anziani COMUNE DI MASSAFRA PROGETTO: C.A.S.A. Custodia e Assistenza Sociale per Anziani P.O. FESR PUGLIA 2007-2013 Asse III Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e l attrattività territoriale

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Con il patrocinio della Convegno Nazionale Riconoscimento, validazione

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i docenti neoassunti Sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i docenti neoassunti Sperimentare un modello innovativo per l anno di prova MIUR USR per le Marche Ufficio V, Ambito Territoriale di AP/FM FORMAZIONE in ingresso per i docenti neoassunti Sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Primo Incontro 14 aprile 2015 Ufficio

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 LINEE GUIDA DEL 18 GENNAIO 2011 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s.

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s. ' ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 1 DI PORTO SANT ELPIDIO Via Fontanella, 2 PORTO SANT ELPIDIO (FM) Tel. 0734/992287 - C.F. 90055060447 e-mail:apic83600e@istruzione.it Fax : 0734/801181 URL:www. primocircolopse.it/isc1pse

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 FINANZIATO SUL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DEI CITTADINI DI PAESI TERZI AVVISI REGIONALI 2007-2013 INFORMAZIONI GENERALI Soggetto capofila: Regione

Dettagli

LINEEGUIDA PEDAGOGICHE

LINEEGUIDA PEDAGOGICHE LINEEGUIDA PEDAGOGICHE Le linee guida sono lo strumento di accompagnamento alle attività formative previste nel progetto europeo Uptake_ICT2life-cycle: digital literacy and inclusion to learners with disadvantaged

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1 Titolo del progetto ManiTese 2 Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Cod. aree di intervento: ASSISTENZA A 01 (Anziani)

Dettagli

Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto

Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto Info www.ascuoladiopencoesione.it ascuoladiopencoesione@dps.gov.it Pag. 1 1. Cos è A Scuola di OpenCoesione A Scuola di OpenCoesione [ASOC] è il

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

Il progetto Vindis: un'occasione per costruire una rete di esperienze significative a supporto dei DSA

Il progetto Vindis: un'occasione per costruire una rete di esperienze significative a supporto dei DSA Il progetto Vindis: un'occasione per costruire una rete di esperienze significative a supporto dei DSA Lucia Ferlino Istituto Tecnologie Didattiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Genova Luigi

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali All. D REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali LEGGE REGIONALE 22 MAGGIO 2009 n. 26 PIANO REGIONALE PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE PERIODO 2007/2010

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE Università degli Studi del Molise Città di d i Isernia Medaglia d oro Allegato B al DR n. 1368 del 18.10.2007 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTA DI ECONOMIA anno accademico 2007/2008 -------------------------------------

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013 MELTING BOX - FIERA DEI DIRITTI E DELLE PARI OPPORTUNITA PER TUTTI TORINO Centro Congressi Lingotto, 22-24 ottobre 2007 Diritti e Pari Opportunità nella nuova programmazione comunitaria 2007-2013 Il ruolo

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli