POSITION PAPER 01/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POSITION PAPER 01/2013"

Transcript

1 Risposta alla consultazione del MEF sul Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011,, n. 70, convertito con legge 12 luglio 2011, n. 106 gennaio 2013 POSITION PAPER 01/2013

2 Premessa Il Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF) il 19 dicembre 2012 ha posto in pubblica consultazione, fino al 21 gennaio 2013, lo schema di regolamento attuativo del Decreto Legge 13 maggio 2011 n. 70, convertito con modificazioni dalla legge 12 luglio 2011, n. 106 (d ora in avanti Regolamento o Provvedimento). Questo Regolamento reca disposizioni attuative delle modifiche apportate alla Legge Assegni (Regio Decreto n del ) dal menzionato Decreto Legge n. 70/2011, volte ad attribuire valore giuridico alla presentazione al pagamento in forma elettronica degli assegni bancari e circolari e all utilizzo della forma elettronica negli atti di constatazione del mancato pagamento (protesto e constatazione equivalente) di assegni presentati elettronicamente. L ABI, raccolte le osservazioni da un rappresentativo numero di propri Associati, ha redatto d intesa con il Consorzio ABI Lab ed il Consorzio CBI - il presente position paper di risposta alla consultazione che si trasmette al competente Dipartimento del Tesoro del MEF. Si informa, inoltre, che ha contribuito ai lavori per la redazione di questo documento anche Poste Italiane SpA in quanto soggetto che partecipa, più in generale, al progetto ABI per la Trasmissione digitale delle immagini degli assegni tra banche. Pagina 2 di 11

3 1. Considerazioni di carattere generale Il settore bancario ha da tempo sollecitato l attuazione di modifiche alla Legge Assegni volte a riconoscere valore giuridico alla presentazione al pagamento degli assegni in forma elettronica e condivide dunque ratio e contenuti dell art. 8, comma 7 del D.L. n. 70/2011. L industria bancaria intende cogliere appieno le opportunità che derivano dalle nuove disposizioni ed auspica il passaggio ad uno scenario operativo in cui l immagine dell assegno, sostituendo la materialità originale da cui è tratta, possa essere utilizzata: - ai fini della presentazione al pagamento e, più in generale, in tutti i rapporti interbancari; - per richiedere il protesto in forma elettronica dei titoli risultati impagati e per svolgere gli adempimenti previsti dalla disciplina sanzionatoria sugli assegni; - per svolgere l eventuale azione di regresso e per risolvere controversie di carattere giudiziale o stragiudiziale. Il settore ritiene opportuno che l avvio della nuova operatività possa realizzarsi in tempi il più possibile ristretti, risultando tali innovazioni fonte di maggiore efficienza nei processi di lavorazione degli assegni da parte delle banche. Il progetto di digitalizzazione degli assegni rappresenta d altronde la prima attuazione di un processo fortemente innovativo sotto molteplici profili e per tale ragione pare necessario disporre di una normativa secondaria (disposizioni attuative e regole tecniche) che elimini qualsiasi elemento di incertezza che possa frenare l innovazione. L industria bancaria ha quindi accolto con favore la pubblicazione per consultazione del Regolamento di cui, in via generale, si apprezzano i contenuti e che appare come un primo importante traguardo rispetto all obiettivo della dematerializzazione degli assegni. In particolare si condividono i contenuti dell articolo 2 ( Presentazione elettronica dell assegno ) dello schema di Provvedimento nel quale oltre a trovare più dettagliata conferma la disposizione primaria che attribuisce validità giuridica alla presentazione al pagamento in forma elettronica viene riconosciuta la possibilità di presentare al pagamento assegni mediante l invio dei soli dati contabili del titolo per i casi che saranno definiti dalle Regole Tecniche della Banca d Italia (immaginiamo secondo una linea di continuità rispetto all attuale assetto delle procedure interbancarie che vede la trasmissione dei soli dati per assegni bancari di importo fino a euro e per assegni circolari senza limiti di importo: cosiddetti assegni sotto soglia ). Si esprime apprezzamento inoltre per le soluzioni adottate con riferimento al protesto e alla constatazione equivalente, che potranno essere richiesti in modalità telematica. Pagina 3 di 11

4 Si condivide anche il rinvio alla normativa del Codice dell amministrazione digitale (CAD) in materia di conservazione delle copie informatiche. Con riferimento invece alla conservazione della materialità originale degli assegni si ritiene opportuno che venga meglio esplicitata la possibilità di procedere alla distruzione di detta materialità a seguito del processo di creazione della copia informatica che sostituisce a tutti gli effetti di legge l originale (ai sensi di quanto previsto dall art. 66, comma 2, della Legge Assegni). Il settore bancario reputa infine opportuni i rinvii alla regolamentazione della Banca d Italia (di seguito Regole Tecniche) contenuti nella bozza di Provvedimento in consultazione, fatta eccezione per taluni specifici casi (di seguito precisati) per i quali si reputa più opportuno demandare ad accordi interbancari la relativa disciplina di dettaglio. Pagina 4 di 11

5 2. Osservazioni puntuali sugli articoli del Provvedimento Art. 1 Definizioni Si propone di aggiungere la seguente definizione: «emittente : la banca o altro soggetto abilitato che emette l assegno circolare». Posto che la nuova disciplina si applica anche agli assegni circolari tale integrazione mira a ricomprendere tra le definizioni anche quella del soggetto che emette l assegno circolare. Limitare al solo negoziatore e trattario le definizioni rischia di lasciare dubbi in merito all applicabilità di tali norme anche agli assegni circolari come invece evidentemente chiarito nella normativa primaria (cfr. art. 8, comma 7, lett. b), punto 4 del D.L. n.70/2011: all art. all'articolo 86, primo comma, è aggiunto, infine, il seguente periodo: "All'assegno circolare si applica altresì la disposizione dell'assegno bancario di cui all'articolo 31, terzo comma"). L accoglimento da parte di codesto Ministero di tale proposta dovrebbe condurre ad una revisione di tutti gli articoli del Provvedimento nell ottica di affiancare al termine trattario quello di emittente. Una proposta alternativa che risponde al medesimo obiettivo senza richiedere una rivisitazione dell intera bozza di Provvedimento potrebbe essere quella di riformulare la definizione di trattario come segue: «trattario : la banca o altro soggetto abilitato presso cui è detenuto il conto di traenza dell assegno bancario o la provvista dell assegno circolare». Art. 2 Presentazione elettronica dell assegno Si propone di modificare il comma 1 come segue: «Ai sensi dell art. 31, ultimo comma, della legge assegni, l assegno è presentato al pagamento in forma elettronica salvo specifici casi definiti con regolamento della Banca d Italia.» Al fine di realizzare modalità più efficienti e standardizzate di lavorazione degli assegni, attraverso l adozione di un unica modalità di presentazione al pagamento dei titoli tra banche, si ritiene necessario chiarire che la presentazione al pagamento deve necessariamente avvenire in modalità elettronica. La richiesta di modifica vuole quindi evitare che l utilizzo della locuzione «può» possa costituire un ostacolo per la generalizzata ed uniforme applicazione della nuova procedura basata sulla presentazione al pagamento in forma elettronica, con ricadute negative non solo per le banche ma anche per la clientela. Si è tuttavia consapevoli che escludere del tutto la possibilità che l assegno venga presentato al pagamento in modalità cartacea risulterebbe troppo stringente avendo chiaro che questa modalità risulterà per certo utilizzata nel caso di presentazione al pagamento direttamente presso lo stabilimento trattario e non potendo escludere che in taluni casi eccezionali la presentazione elettronica non risulti possibile. Per tale ragione si è voluto introdurre nella versione del Pagina 5 di 11

6 comma 1 proposta il rinvio alle Regole Tecniche della Banca d Italia per la definizione puntuale delle eventuali eccezioni alla presentazione al pagamento in forma elettronica. Con riferimento al comma 3, si ritiene opportuno limitare il rinvio alle Regole Tecniche della Banca d Italia per la sola individuazione dei casi in cui la presentazione al pagamento avviene con la trasmissione dei soli dati contabili. Si reputa infatti opportuno che le modalità attraverso le quali si procederà alla presentazione al pagamento nei casi di specie siano definite nell ambito di appositi accordi interbancari, trattandosi di aspetti di particolare dettaglio sui quali pare preferibile lasciare alle banche maggiore flessibilità d intervento. Si propone di conseguenza la seguente riformulazione del comma 3: Ai fini del comma 1, si ha altresì presentazione in forma elettronica quando nei casi stabiliti dal regolamento della Banca d Italia il trattario riceve dal negoziatore le sole informazioni di cui al comma 2. In relazione al comma 4 si evidenzia che le previsioni in esso contenute introducono delle complicazioni nel processo di lavorazione degli assegni di non poco conto in quanto il negoziatore sarebbe chiamato, per tutti gli assegni ceduti all incasso (assegni bancari e circolari di qualsiasi importo), a verificare se il titolo è pagabile nello stesso comune in cui è stato emesso ( su piazza ), in altro comune della Repubblica o in altri territori ( fuori piazza ) al fine di determinare i termini di presentazione al pagamento (e di protesto) del titolo e verificare la sussistenza del presupposto di presentazione nell ultimo giorno utile. Tale procedimento pregiudica la realizzazione di processi di lavorazione degli assegni automatizzati e più efficienti, come auspicato da codesto Ministero nella stessa relazione illustrativa del Regolamento, e, per tale motivo, si chiede l eliminazione del comma 4. Nel presupposto che, come pare doversi intendere, la disposizione di cui al comma 4 mira a garantire l adozione della modalità di presentazione elettronica al pagamento che in maniera più celere consentirebbe al trattario di poter procedere alla richiesta dell eventuale protesto, pare peraltro opportuno sottolineare quanto segue: gli assegni presentati l ultimo giorno utile risultati impagati e per i quali è necessaria la levata del protesto rappresentano un fenomeno numericamente trascurabile; la procedura d incasso degli assegni, basata sulla trasmissione delle immagini digitali che l industria bancaria intende adottare, consentirà al trattario per entrambe le ipotesi di presentazione al pagamento individuate nei commi 2 e 3 di svolgere i controlli di competenza in via anticipata rispetto alla tempistica oggi prevista nei casi di presentazione al pagamento tramite Stanza di Compensazione o in modalità Check Truncation, concedendo al trattario maggior tempo per effettuare la richiesta di levata del protesto/constatazione equivalente; Pagina 6 di 11

7 la procedura di colloquio telematico tra banche e pubblici ufficiali/banca d Italia per la levata del protesto/constatazione equivalente che dovrà essere posta in essere ai fini della realizzazione del processo in discorso garantirà verosimilmente maggiore flessibilità nella tempistica di gestione di questo processo. Qualora il Ministero ritenesse di non accogliere la proposta di eliminazione del comma 4 si suggerisce, in subordine, di riformulare la disposizione come segue: Gli assegni emessi in forma libera girati per l incasso l ultimo giorno utile possono essere presentati al pagamento dal negoziatore solo con la modalità di cui al comma 2. Si ritiene che una tale riformulazione risponderebbe all obiettivo che si rinviene nell attuale formulazione della norma, in quanto verrebbe assicurata sempre la tempestiva trasmissione delle immagini in tutti quei casi in cui può ravvisarsi l esigenza di tutela dell azione di regresso che implica la necessità di far levare il protesto richiamato esigenza non sussistente per i titoli, la maggioranza, muniti della clausola di non trasferibilità - ponendo tuttavia minori oneri a carico delle banche che sarebbero viceversa chiamate a ricorrere alla modalità di presentazione al pagamento di cui al comma 2 per tutti gli assegni a prescindere dal giorno di presentazione degli stessi. Art. 3 Tempi Si chiede di eliminare il comma 1 o, in subordine, di riformularlo come segue: «Il negoziatore presenta l assegno al pagamento al trattario, di norma e salvo casi eccezionali, il giorno lavorativo successivo a quello in cui l assegno gli è stato girato per l incasso». Sebbene possa intendersi che il termine indicato per la presentazione al pagamento da parte del negoziatore sia un termine ordinatorio, pare preferibile demandare agli accordi interbancari la definizione di aspetti riguardanti la tempistica di lavorazione degli assegni anche tenuto conto della possibilità che una banca a fronte di eventi eccezionali, trovandosi impossibilitata a rispettare tale termine, possa ritenere di non procedere alla negoziazione del titolo. Allo stato, in fattispecie eccezionali di questo tipo, le banche - negli interessi della clientela (beneficiario e traente) - procedono comunque alla negoziazione del titolo, assumendosi eventuali rischi di credito (riconoscimento della disponibilità economica al beneficiario, nei termini previsti dalla legge, in via anticipata rispetto alla definitività del ciclo di incasso). Si propone di modificare il comma 2 come segue: Nel caso di presentazione eseguita secondo le modalità di cui all art. 2, comma 3, il trattario e il negoziatore, al fine di consentire controlli di regolarità del titolo, si attivano con tempestività, rispettivamente, per richiedere e per trasmettere le Pagina 7 di 11

8 immagini degli assegni in tempo utile per l eventuale invio dell esito impagato del titolo. La proposta di riformulazione tiene fermo l obiettivo di consentire al trattario di eseguire i controlli di regolarità del titolo anche nei casi di presentazione al pagamento secondo le modalità di cui all art. 2, comma 3, entro i termini previsti per l invio dell eventuale esito impagato del titolo (2 giorni lavorativi successivi alla data di presentazione al pagamento). Le modifiche richieste consentirebbero tuttavia di non circoscrivere al solo negoziatore le responsabilità connesse all esecuzione di determinate attività (l invio dell immagine nel caso in esame) funzionali al controllo del titolo, che dovrebbero invece gravare anche sul trattario (che deve attivarsi per richiedere l immagine dell assegno). Il comma 3 dell art. 36 del d.lgs. n. 11/2010 richiamato dall art. 3, comma 3, dello schema di regolamento - ha apportato modifiche all art. 2, comma 1, del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n Il citato comma 1 dell art. 2 del dl n. 78/2009 è stato poi abrogato dall art. 6, comma 1-bis, lett. d), d.lgs. 13 agosto 2010, n. 141, come modificato dall art. 4, comma 1, d.lgs. 14 dicembre 2010, n Per tale motivo si ritiene necessario far riferimento all art. 120 del TUB. Il comma 3 potrebbe essere quindi riformulato in questo modo: Resta fermo quanto previsto dall art. 120 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n Art. 4 Protesto e constatazione equivalente Nel condividere i contenuti del comma 1, secondo cui per un assegno presentato al pagamento in forma elettronica il protesto o la constatazione equivalente devono essere richiesti esclusivamente in modalità telematica, pare opportuno chiarire - in un ottica di massima standardizzazione e razionalizzazione dei processi - che la richiesta di protesto e della constatazione equivalente possano essere gestite con tale modalità anche laddove gli assegni siano presentati al pagamento in modalità cartacea; modalità questa per certo prevista nel caso di presentazione direttamente presso il trattario e per gli altri eventuali casi definiti anch essi con Regole Tecniche della Banca d Italia (si vedano le nostre considerazioni relative all art. 2, comma 1). Del resto tale impostazione risulta coerente con quanto emerge nel commento all art. 4 della relazione illustrativa. Sotto altro profilo, si chiede di eliminare dal comma 1 il riferimento al negoziatore, prevedendo invece un generico riferimento alla richiesta di protesto che potrà essere disposta in coerenza con quanto previsto dalla Legge Assegni (che non fa mai espresso riferimento al negoziatore) e secondo la prassi ordinaria che in taluni casi vede peraltro la disponibilità di informazioni e documenti utili ai fini del protesto presso il trattario. Pagina 8 di 11

9 Ciò premesso, si riporta di seguito la proposta di riformulazione del comma 1 dell art. 4: «In caso di mancato pagamento di un assegno presentato al pagamento in forma elettronica o cartacea, l eventuale richiesta di protesto o della constatazione equivalente viene eseguita esclusivamente in modalità telematica secondo le regole definite nel Regolamento della Banca d Italia.». Deve intendersi che anche le previsioni contenute al comma 2 dell art. 4 (il protesto o la constatazione equivalente vengono effettuati in modalità telematica esclusivamente sulla base dell immagine dell assegno e delle informazioni ricevute) dovrebbero trovare applicazione anche con riferimento ad assegni presentati al pagamento in forma cartacea, in coerenza con la proposta di riformulazione del comma 1. Si reputa tuttavia che l attuale formulazione del comma 2 possa già ricomprendere tale casistica qualora accolta la modifica richiesta al comma 1. Si propone la seguente riformulazione del comma 3: L azione di regresso per gli assegni con più girate, presentati al pagamento in forma elettronica può essere esercitata dal portatore purché il rifiuto del pagamento ai sensi dell'art. 45 della legge assegni sia constatato in forma elettronica." Tale riformulazione limiterebbe la necessità di levare il protesto ai soli casi in cui sussistono esigenze di tutela dell'azione di regresso, con conseguente contenimento dei costi a carico della banca. Si propone, inoltre, di riformulare il comma 4 come segue: Il portatore riceve copia informatica o analogica degli assegni presentati al pagamento in forma elettronica o cartacea e degli eventuali documenti elettronici che ne attestano il mancato pagamento secondo le regole definite nel Regolamento della Banca d Italia. Se il portatore riceve copia analogica dell assegno presentato al pagamento in forma elettronica o cartacea, la conformità di tale copia rispetto al documento informatico da cui è tratta è attestata dal negoziatore. La modifica proposta mira a chiarire che la banca negoziatrice così come da normativa primaria garantisce la conformità della copia informatica dell assegno rispetto all originale da cui è tratto - è anche legittimata a creare e consegnare all occorrenza al portatore una copia su supporto analogico dell immagine dell assegno. Art. 5 Sicurezza Si chiede di eliminare il comma 2 che rinvia alle Regole Tecniche della Banca d Italia in tema di requisiti uniformi dei moduli cartacei, ritenendo più opportuno che la definizione di tali aspetti sia demandata ad accordi interbancari. Pagina 9 di 11

10 Art. 6 Dematerializzazione degli assegni e conservazione sostitutiva Posto che l'art. 66, comma 2, della legge assegni individua la finalità (sostituzione ad ogni effetto di legge delle copie informatiche agli originali) per cui è prevista la possibilità di incaricare soggetti terzi per la trasformazione dei titoli cartacei, si richiede, al comma 1, di sostituire la locuzione "Ai sensi" con "Ai fini". Il comma risulterebbe quindi: Ai fini di quanto previsto dall art. 66, comma 2, della legge assegni, le banche e gli altri soggetti abilitati, sotto la propria ed esclusiva responsabilità, possono incaricare soggetti terzi per effettuare la trasformazione elettronica degli assegni cartacei Si propone di riformulare il comma 2 come segue: La copia informatica degli assegni è conservata in conformità con quanto previsto dal Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e dalle relative norme di attuazione, in materia di conservazione sostitutiva di documenti informatici. Resta fermo che la copia informatica degli assegni produce, anche nel periodo precedente la suddetta conservazione, gli effetti ad essa attribuiti dall art. 66, comma 2 come modificato dall art. 8, comma 7, del Decreto Legge 13 maggio n. 70/2011». La modifica proposta lascia invariati i contenuti della disposizione come previsti dal Ministero e vuole meramente fornire elementi di chiarimento utili per meglio circostanziare il rinvio alla parte rilevante della più ampia disciplina del CAD e per confermare in maniera più esplicita la validità della copia informatica dell assegno sin dalla sua fase di creazione. Si apprezzano i contenuti del comma 3 nel quale pare potersi leggere che decorso il periodo di sei mesi la materialità originale del titolo può essere distrutta. Si ritiene infatti che in relazione alle modifiche introdotte con Decreto Legge n. 70/2011 e considerata la natura degli assegni, la materialità del titolo una volta creata l immagine ad esso conforme non possa che essere definitivamente distrutta presso il negoziatore per evitare il rischio di una doppia circolazione. In altri termini non si ritiene possibile ipotizzare che nel nuovo scenario operativo possano in un determinato momento coesistere la materialità originale e la copia informatica ad essa conforme che, in quanto tale, sostituisce e priva di efficacia la materialità. Si ritiene peraltro, sotto altri profili, che il mantenimento della materialità presso le banche per un periodo di tempo di 6 mesi potrebbe frenare un reale processo di cambiamento fondato sul pieno riconoscimento della validità del documento informatico da parte di tutti gli attori coinvolti (clientela, Pubblici Ufficiali, Autorità giudiziaria, ecc.) i quali, nel periodo in cui la materialità è ancora presente, potrebbero voler disporre solo di questa per le diverse finalità previste (risoluzione di controversie giudiziali e stragiudiziali). Per dare dunque effettività alle nuove disposizioni si reputa che la previsione di mantenimento della materialità per un periodo di tempo di sei mesi potrebbe risultare negativa. Pagina 10 di 11

11 Premesso quanto sopra, si è consapevoli delle difficoltà che potrebbero emergere in sede di prima attuazione di un processo così innovativo e per tale ragione l industria bancaria, fortemente convinta della necessità di procedere alla distruzione della materialità per le motivazioni sopra indicate, non esclude che si possa giungere alla completa dematerializzazione, con conseguente distruzione della materialità, solo decorso un congruo periodo di rodaggio della nuova procedura. Tenuto conto di tutto quanto precede si propone una riformulazione del comma 3 come segue: Gli assegni cartacei possono essere distrutti una volta completato il processo di conservazione a norma della copia informatica ad essi conforme. Pagina 11 di 11

Bozza 18 dicembre 2012. Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011, n. 70, convertito dalla legge 12 luglio 2011, n. 106.

Bozza 18 dicembre 2012. Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011, n. 70, convertito dalla legge 12 luglio 2011, n. 106. Bozza 18 dicembre 2012 Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011, n. 70, convertito dalla legge 12 luglio 2011, n. 106. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto l articolo 8, comma

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente Spett.le Banca d Italia Servizio Normativa e Politiche di Vigilanza Divisione Normativa Primaria Via Milano n. 53 00184 Roma Oggetto: Osservazioni inerenti la pubblica consultazione in materia di Trasparenza

Dettagli

a) GENERAZIONE DELL IMMAGINE DELL ASSEGNO (art. 3 e capitoli 1 e 2 dell Allegato tecnico)

a) GENERAZIONE DELL IMMAGINE DELL ASSEGNO (art. 3 e capitoli 1 e 2 dell Allegato tecnico) Osservazioni a cura di ANORC (Associazione Nazionale Operatori e Responsabili della Conservazione digitale), ANORC Professioni e AIFAG (Associazione Italiana Firma elettronica Avanzata biometrica e grafometrica)

Dettagli

Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013

Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013 Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013 Pubblicazione cartacea degli avvisi e dei bandi ex art.

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Consultazione pubblica relativa allo schema recante recepimento della direttiva 2009/110/CE e, concernente l avvio, l esercizio

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 OGGETTO: Consulenza giuridica Fatturazione delle prestazioni rese dai medici di medicina generale operanti in regime di convenzione con

Dettagli

S E A V OGGETTO: FT. ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

S E A V OGGETTO: FT. ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Bergamo, marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/Consulenza aziendale OGGETTO: FT. ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dal 31.3.2015 scatta l obbligo di utilizzo generalizzato della fattura elettronica nei confronti

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency Osservazioni di Confindustria 27 ottobre 2015 Premessa Lo scorso Lo scorso 12 ottobre il Ministero dell economia e delle finanze (di

Dettagli

Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane

Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane Contatti: Avv. Pierfilippo Verzaro, Servizio Affari Legali e tributari FEDERCASSE email: pverzaro@federcasse.bcc.it, tel. +39.06.7207.2620 Avv. Francesco Arcanà, Servizio Affari Legali e tributari FEDERCASSE

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE 1. Premessa. In data 29 gennaio 2013 l Organismo per la gestione degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi (di seguito l o l Organismo ) ha avviato

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati RISOLUZIONE N. 52/E Roma, 17 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Spett.le. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA

Spett.le. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA Spett.le Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, n. 3 00198 ROMA Roma, 26 novembre 2014 A mezzo SIPE (Sistema Integrato per l Esterno) Oggetto:

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di Regolamento di riordino dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV, ai sensi dell articolo 26 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1,

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

Articolo Comma Osservazioni e proposte

Articolo Comma Osservazioni e proposte Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 Legenda

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA ALLA PA E LE AMMINISTRAZIONI DESTINATARIE

LA FATTURA ELETTRONICA ALLA PA E LE AMMINISTRAZIONI DESTINATARIE INFORMATIVA N. 076 11 MARZO 2015 IVA LA FATTURA ELETTRONICA ALLA PA E LE AMMINISTRAZIONI DESTINATARIE Art. 1, commi da 209 a 2014, Legge n. 244/2007 DD.MM. 3.4.2013, n. 55 e 17.6.2014 Circolare Agenzia

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

SCONTO / SBF / DOPO INCASSO DI PORTAFOGLIO (GESTIONE INCASSI CARTACEI)

SCONTO / SBF / DOPO INCASSO DI PORTAFOGLIO (GESTIONE INCASSI CARTACEI) SCONTO / SBF / DOPO INCASSO DI PORTAFOGLIO (GESTIONE INCASSI CARTACEI) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Federico Del Vecchio s.p.a. Sede legale: Via dei Banchi n.5-50123 Firenze - Sede amministrativa:, Viale

Dettagli

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica.

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. di Leda Rita Corrado (*) Riferimenti: Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa

Dettagli

Spett.le Dipartimento del Tesoro Direzione IV dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it dt.direzione5.ufficio4@tesoro.it

Spett.le Dipartimento del Tesoro Direzione IV dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it dt.direzione5.ufficio4@tesoro.it Spett.le Dipartimento del Tesoro Direzione IV dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it dt.direzione5.ufficio4@tesoro.it Oggetto: osservazioni al documento di consultazione del Ministero dell economia e delle finanze,

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Regolamento della Banca d Italia recante regole tecniche in materia di presentazione al pagamento in forma elettronica degli assegni bancari e circolari e di protesto o constatazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Modifiche al Regolamento recante la disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di garanzia e delle relative società di gestione adottato dalla Consob e dalla Banca d Italia

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 119 25.06.2014 Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Categoria: IVA Sottocategoria: Fattura L Agenzia delle Entrate, dopo aver

Dettagli

Le operazioni con la Pubblica Amministrazione e la fattura elettronica

Le operazioni con la Pubblica Amministrazione e la fattura elettronica Le operazioni con la Pubblica Amministrazione e la fattura elettronica Al fine di attuare una semplificazione della fatturazione nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni la Finanziaria 2008 ha introdotto

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 74/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 agosto 2015 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Condominio minimo - Detrazione spese per interventi edilizi - art. 16-bis

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012 Il sito web della scuola Efficiente strumento del CAD CAD Codice dell'amministrazione digitale Dlgs 7 marzo 2005, n. 82 Dlgs 30 dicembre 2010, n. 235 Testo vigente al 22/12/2011 Testo redatto al solo fine

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito con

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 839 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa dei senatori PEDRIZZI, BONATESTA, BEVILACQUA, MULAS, MUGNAI, SALERNO e PACE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 NOVEMBRE 2001 Norme

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C.

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015 Annulla / Sostituisce: Oggetto: Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. Auto Emittente: BROKER Destinatari: A tutti

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Premessa 1) Istanza di certificazione del credito 2) Avvio della procedura di certificazione 3) Certificazione del credito 4)

Dettagli

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con

Dettagli

Commenti ABI al Position Paper CONSOB in materia di Aumenti di Capitale con rilevante effetto diluitivo

Commenti ABI al Position Paper CONSOB in materia di Aumenti di Capitale con rilevante effetto diluitivo Commenti ABI al Position Paper CONSOB in materia di Aumenti di Capitale con rilevante effetto diluitivo 03/06/2010 POSITION PAPER Premessa La tematica della gestione degli aumenti di capitale con rilevante

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di Pagamento diretto dei subappaltatori e anticipazione su fattura: due novità che faranno discutere di Massimo Gentile 1. In attuazione di quanto disposto dall articolo 25, comma 3, della Legge 18 aprile

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Approfondimento L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università Riferimenti

Dettagli

Conservazione elettronica della fatturapa

Conservazione elettronica della fatturapa Conservazione elettronica della fatturapa Tanti i dubbi legati agli adempimenti amministrativi e in Unico 2015. Lo scorso 31.03.2015 si è realizzato il definitivo passaggio dalla fattura cartacea a quella

Dettagli

Cancellazione della segnalazione alla CAI: applicabile la tutela cautelare ex art. 700 c.p.c. anche dopo il d.lgs. 150/2011

Cancellazione della segnalazione alla CAI: applicabile la tutela cautelare ex art. 700 c.p.c. anche dopo il d.lgs. 150/2011 Cancellazione della segnalazione alla CAI: applicabile la tutela cautelare ex art. 700 c.p.c. anche dopo il d.lgs. 150/2011 Trib. Milano, sez. VI, ordinanza 15 ottobre 2014 (es. Silvia Brat) Centrale di

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Nella presente tavola, si dà conto esclusivamente dei commenti aventi ad oggetto le disposizioni secondarie di competenza della Banca d Italia ( Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 81/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015

RISOLUZIONE N. 81/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015 RISOLUZIONE N. 81/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 settembre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Comunicazione del luogo di conservazione in modalità elettronica dei

Dettagli

CONVENZIONE TRA MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PER

CONVENZIONE TRA MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PER ṭ. CONVENZIONE TRA MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE E L'ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA PER L'ACCESSO DA PARTE DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ALLA PIATTAFORMA ELETTRONICA PER LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

COMMENTI DI BORSA ITALIANA ALLA CONSULTAZIONE SULLA COMUNICAZIONE IN TEMA DI MERCATI

COMMENTI DI BORSA ITALIANA ALLA CONSULTAZIONE SULLA COMUNICAZIONE IN TEMA DI MERCATI Allegato 1 COMMENTI DI BORSA ITALIANA ALLA CONSULTAZIONE SULLA COMUNICAZIONE IN TEMA DI MERCATI Nelle pagine successive sono riportate le osservazioni alle proposte di modifica che riguardano la Comunicazione

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

Circolare ABI - Serie Tecnica n. 21-12 giugno 2014

Circolare ABI - Serie Tecnica n. 21-12 giugno 2014 461,25 Circolare ABI - REQUISITI STANDARD PER LA STAMPA DEGLI ASSEGNI E MISURE ANTIFRODE Aggiornamento sul progetto avviato in sede ABI per la digitalizzazione degli assegni - Comunicazione delle soluzioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 RISOLUZIONE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Chiarimenti in merito alla prova dell avvenuta cessione intracomunitaria

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE CONSILIARE NR. 32 DD. 13/10/2011 OGGETTO: Esame ed approvazione schema contratto di servizio a disciplina delle modalità amministrative e tecniche per l affidamento a Trentino Riscossioni

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 gennaio 2013 Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006 (Fascicolo «Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche»). Chiarimenti interpretativi L'acclusa nota tecnica contiene

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli