Spirito Europeo AUSILI LEGGI INFORMAZIONI AUSILIOTECA VIRTUALE AUSILI: PERCORSI, STRUMENTI, RACCOMANDAZIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spirito Europeo AUSILI LEGGI INFORMAZIONI HTTP://WWW.ALIHANDICAP.ORG AUSILIOTECA VIRTUALE AUSILI: PERCORSI, STRUMENTI, RACCOMANDAZIONI"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE Spirito Europeo ASSESSORATO ALLA SANITÀ E ALL ASSISTENZA COMMISSIONE INTERASSESSORILE PER L ATTUAZIONE L.104/92 OSSERVATORIO REGIONALE DISABILITÀ AUSILI LEGGI INFORMAZIONI AUSILIOTECA VIRTUALE AUSILI: PERCORSI, STRUMENTI, RACCOMANDAZIONI A cura di Asl 19 Asti Coordinamento tecnico In collaborazione con Asl1 Torino, Asl14 Domodossola, Asl16 Mondovi, Asl22 Novi Ligure, Unita Spinale/C.R.F. Torino COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE V DELL OCCUPAZIONE,DELLE RELAZIONI INDUSTRIALI E DEGLI AFFARI SOCIALI INIZIATIVA COMUNITARIA OCCUPAZIONE HORIZON

2 INDICE GENERALE INTRODUZIONE A CHI CI RIVOLGIAMO E PERCHE INTRODUZIONE METODOLOGICA pag. pag. pag. CARROZZINA ELETTRONICA ( rosso ) A) individuazione della persona e dell ambiente pag. B) individuazione dell ausilio: raccomandazioni pag. C) problemi nell uso del Nomenclatore Tariffario D.M : raccomandazioni pag. D) note sul nuovo Nomenclatore Tariffario D.M pag. E) collaudo: raccomandazioni pag. F) consigli per l uso pag. APPARECCHIATURE DI SOLLEVAMENTO ( blu ) MONTASCALE MOBILE A) individuazione della persona e dell ambiente pag. B) individuazione dell ausilio: raccomandazioni pag. C) problemi nell uso del Nomenclatore Tariffario D.M : raccomandazioni pag. D) note sul nuovo Nomenclatore Tariffario D.M pag. E) collaudo: raccomandazioni pag. F) consigli per l uso pag. PEDANA ELEVATRICE A) individuazione della persona e dell ambiente pag. B) individuazione dell ausilio: raccomandazioni pag. C) problemi nell uso del Nomenclatore Tariffario pag. SERVOSCALA A) individuazione della persona e dell ambiente pag. B) individuazione dell ausilio: raccomandazioni pag. C) problemi nell uso del Nomenclatore Tariffario pag. AUSILI PER IL SOLLEVAMENTO ( verde ) SOLLEVATORE MOBILE A) individuazione della persona e dell ambiente pag. B) individuazione dell ausilio: raccomandazioni pag. C) problemi nell uso del Nomenclatore Tariffario D.M : raccomandazioni pag. D) note sul nuovo Nomenclatore Tariffario D.M pag. E) collaudo: raccomandazioni pag. F) consigli per l uso pag. SOLLEVATORE FISSO A) individuazione della persona e dell ambiente pag. B) individuazione dell ausilio: raccomandazioni pag. C) problemi nell uso del Nomenclatore Tariffario pag.

3 MATERASSO E CUSCINO ANTIDECUBITO ( giallo ) A) individuazione della persona e dell ambiente pag. B) individuazione dell ausilio: raccomandazioni pag. C) problemi nell uso dei Nomenclatori Tariffari D.M e D.M pag. D) collaudo: raccomandazioni pag. E) consigli per l uso pag. VERIFICA D USO FOLLOW UP ( arancione ) ESEMPI DI BUONA PRASSI ( grigio ) UNA PROCEDURA PER LA PRESCRIZIONE DEL MONTASCALE MOBILE PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE SISTEMA DI RILEVAZIONE DELLE PRESSIONI pag. pag. pag. ALLEGATI ( rosa ) TERMINI UTILI ACCESSIBILITA E SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE: INQUADRAMENTO NORMATIVO SCALE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI LESIONI DA DECUBITO CLASSIFICAZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO pag. pag. pag. pag. APPENDICE ( azzurro ) BIBLIOGRAFIA INDIRIZZI UTILI INTERNET SUGGERIMENTI pag. pag. pag. pag.

4 INTRODUZIONE AUSILI LEGGI INFORMAZIONI A cura di Dott.ssa Maspoli M. Assessorato alla Sanità e all Assistenza - Regione Piemonte

5 A CHI CI RIVOLGIAMO E PERCHE A cura di Dr.ssa Truscello M.P. - T.d.R. Marmo R. - T.d.R. Pia S. U.O.A. R.R.F. ASL 19 ASTI Dott. Fioretto F. U.O.A. N.P.I. ASL 16 MONDOVI

6 CHI SIAMO Siamo un gruppo di riabilitatori: Fisiatri, Neuropsichiatri Infantili, Terapisti della Riabilitazione che lavorano da anni in diverse aziende sanitarie del Piemonte sulle problematiche relative agli ausili nell ambito della presa in carico abilitativa-riabilitativa di disabili in età evolutiva e adulti. Fino al 1995 ogni esperienza locale ha seguito percorsi autonomi e isolati, stabilendo contatti solo con altre realtà nazionali (es.: Servizio Informazione Valutazione Ausili - S.I.V.A. della Fondazione Don Gnocchi di Milano, Ausilioteca di Bologna, etc). Il progetto A.L.I., in particolare il sottotema-azione Ausilioteca Virtuale, ha permesso e favorito la creazione di un gruppo regionale stabile di confronto e di lavoro: si è iniziata a tessere una rete di comunicazione e di servizi. Sono nate o si sono consolidate in Piemonte 5 ausilioteche in cui operiamo: a Mondovì (nata nel 1993), ad Asti (nata nel 1997), a Novi e Torino A.S.L. 1 (nate nel 1998), a Domodossola (nata nel 1999). L attività di autoformazione all interno del sottotema azione Ausilioteca Virtuale ha prodotto un primo volumetto divulgativo: AUSILI: DALL IDENTIFICAZIONE DEL BISOGNO ALLA SOLUZIONE, presentato in occasione del primo convegno sul progetto A.L.I. a Torino ( ). Esso è rivolto ai disabili, alle loro famiglie, ai Medici di Medicina Generale, agli Infermieri Professionali e più in generale agli operatori sanitari, sociali ed educativi. Il primo volumetto è stato validato dalle principali associazioni di disabili del Piemonte, grazie alla partecipazione e al contributo della Consulta per le Persone in Difficoltà. Sarà così possibile una prossima e più capillare diffusione ai servizi sanitari e sociali e alle associazioni, a livello regionale. Forti di questa prima esperienza positiva ( ) ci siamo lanciati in un impresa più difficile: riflettere sul nostro lavoro quotidiano e proporre una GUIDA alla SCELTA dell ausilio a noi stessi e agli altri operatori sanitari coinvolti nel percorso, spesso tortuoso, della riabilitazione. E nata così l idea di questo secondo volumetto come strumento di lavoro calato nella quotidianità: AUSILI: PERCORSI, STRUMENTI, RACCOMANDAZIONI. A CHI CI RIVOLGIAMO Il volumetto non è una disamina della letteratura o una sistematizzazione teorica dell argomento, ma una guida pratica in evoluzione per: gli operatori che già lavorano o lavoreranno nelle ausilioteche del Piemonte gli specialisti prescrittori fisioterapisti, terapisti occupazionali, logopedisti medici autorizzatori, responsabili degli Uffici Protesi delle A.S.L. infermieri professionali. La guida è, nelle nostre intenzioni, componibile e modificabile nel tempo e il formato futuro scelto è una struttura ad anelli per favorire la composizione a più mani, la sua revisione e aggiornamento continui grazie al confronto, all ampliamento e approfondimento delle conoscenze e delle esperienze.

7 Il secondo Convegno sul progetto A.L.I. a Torino ( ) sarà occasione per presentare i primi quattro fascicoli sugli ausili: carrozzina elettronica apparecchiature di sollevamento (montascale, pedana elevatrice, servoscala) ausili per il sollevamento (sollevatore) ausili antidecubito. I fascicoli successivi sono in corso di elaborazione e progettazione da parte dei riabilitatori delle aziende sanitarie che partecipano al progetto A.L.I.. PERCHÉ? Il nostro primo obiettivo è il confronto interno tra gli operatori delle ausilioteche, per il miglioramento qualitativo delle consulenze, grazie all uso di strumenti valutativi e di verifica comuni, utilizzati nelle diverse sedi. Parallelamente, l elaborazione di strumenti operativi comuni, e la revisione e il confronto tra le esperienze e con i consulenti di varie aziende sanitarie, sono state e saranno occasioni di crescita e di autoformazione. Il secondo obiettivo è quello di uniformare procedure e modulistica a livello regionale, proseguendo la collaborazione con il sottotema del progetto A.L.I. Ability Card, al fine di contribuire alla realizzazione di una cartella informatizzata che permetta il dialogo tra enti sanitari e sociali, tra unità operative dello stesso ente (N.P.I., R.R.F.), tra le figure professionali dell equipe. Il terzo obiettivo è quello di migliorare i rapporti con le ditte produttrici e i tecnici ortopedici, nostri interlocutori e collaboratori preziosi in questo difficile cammino, grazie alla loro preparazione e conoscenza degli ausili, dei loro materiali e delle possibilità di modifica o personalizzazione. In particolare il prossimo compito comune sarà quello di applicare il Nuovo Nomenclatore Tariffario (D.M. n. 332), approvato dopo lungo penare, il Purtroppo la pubblicazione del Nuovo Nomenclatore ha coinciso con la fine della stesura dei primi quattro fascicoli e pertanto questo primo prodotto andrà rivisto e integrato, in un successivo aggiornamento, alla luce delle nuove indicazioni e delle normative europee finalmente da applicare. Ci scusiamo pertanto per l incompletezza. Ci auguriamo che il sottotema - azione Ausilioteca Virtuale possa continuare ad essere un laboratorio di idee ed esperienze, un riferimento informativo e formativo per operatori sanitari e in particolare per riabilitatori, un interlocutore valido per l Assessorato alla Sanità e all Assistenza e un collaboratore attivo dell Osservatorio Regionale Disabilità. Il sottotema - azione è ovviamente aperto e grato per le critiche e i contributi utili per continuare la strada intrapresa.

8 E con molta soddisfazione che accolgo l invito a scrivere l introduzione al secondo volume prodotto dal sottotema/azione AUSILIOTECA VIRTUALE del Progetto A.L.I. perché rappresenta un ulteriore sviluppo della significativa esperienza ed attività della rete dei servizi coinvolti nel Progetto stesso. Il Progetto " A.L.I. - Ausili, Leggi, Informazioni - per la disabilità", promosso per dare attuazione alle previsioni contenute nella L. 104/92 e nel Piano Sanitario Regionale, riconosce e valorizza modalità di lavoro innovative per migliorare la qualità dei servizi offerti alle persone disabili, ne favorisce l'aggregazione in rete per permetterne l'incontro, l'integrazione ed il confronto al fine di estendere il vantaggio che ne deriva a tutti i cittadini ed operatori coinvolti. Inoltre attraverso l utilizzo delle nuove tecnologie, scelte come prioritario strumento di lavoro, si intende operare nel senso di facilitare l accesso ai servizi ed alle informazioni. In particolare, il PROGETTO A.L.I. persegue i seguenti obiettivi : - offrire un valido strumento di programmazione regionale basato sul feed back di informazioni e percorsi; - integrare le diverse agenzie pubbliche, del privato sociale e del privato convenzionato che intervengono nel settore della disabilità, riconoscendo il ruolo specifico di ognuna, sottolineando il valore di questo obiettivo per l'integrazione sociale del disabile e per un intervento più globale e pluridisciplinare; - favorire l accesso ai servizi e alle informazioni attraverso l'attivazione di risorse pienamente accessibili a tutti (ausilioteche, laboratori informatici, centri di documentazione, sportelli informativi, osservatorio epidemiologico) e la produzione di materiali per utenti ed operatori (depliant, volumetti divulgativi, software abilitativo, educativo e gestionale, cartelle cliniche informatizzate, pagine internet), al fine di poter operare costantemente scelte consapevoli e di diminuire lo svantaggio sociale conseguente alla carenza di opzioni; - ottimizzare le risorse già esistenti ed operanti attraverso il collegamento in rete di tutte le realtà coinvolte per partecipare le esperienze ed i percorsi e per permettere il confronto tra le stesse; - utilizzare le nuove tecnologie informatiche - valutate come opportunità e strumento indispensabile di comunicazione - a favore dei disabili, delle loro famiglie e delle istituzioni pubbliche e private che se ne occupano; - coordinare e favorire l'ingresso nella rete di tutte le realtà significative che operano nel settore.

9 Il PROGETTO A.L.I. è articolato in cinque sottotemi/azioni inerenti la disabilità : l'osservatorio epidemiologico, l'ausiolioteca virtuale, gli ausili e sussidi informatici per la disabilità, l'informahandicap, la cartella socio-sanitaria informatizzata. Questa articolazione del progetto permette : - il miglioramento della qualità e della produttività dei servizi attraverso l utilizzo avanzato di nuove tecnologie in tutti i sottotemi del progetto. In particolare la cartella clinica informatizzata ed i percorsi evidenziati in ambito di ausili individueranno linee guida comuni a tutta la Regione; - il miglioramento delle capacità di governo della domanda che viene ottenuto attraverso la maggiore conoscenza dei bisogni degli utenti disabili. L osservatorio epidemiologico ad esempio opera rilevando dati statistici di tipo generale (numero dei pazienti in carico, età, patologie raccolte secondo un unica classificazione, prese in carico, tipo di prestazioni offerte, etc.) sia effettuando approfondimenti trasversali su fasce di utenti (specifiche patologie, strategie di presa in carico, etc.); - il miglioramento delle capacità gestionali che è raggiunto ad esempio con l attivazione della rete delle ausilioteche virtuali (tra il resto attraverso la pratica del comodato gratuito); - il miglioramento dell accessibilità ai servizi di cittadini disabili e loro familiari raggiunto attraverso la rete di sportelli informativi previsti dall informa-handicap; - l introduzione di nuovi servizi e di nuove modalità di erogazione dei servizi attraverso l attivazione su tutto il territorio regionale della rete di ausilioteche, centri di documentazione e consulenza, laboratori informatici e sportelli informativi. Le reti sono sostenute dalle migliri tecnologie sanitarie ed informatiche disponibili; - la promozione ed il supporto all utilizzo di strumenti informatici nelle scuole come modalità di lavoro tesa a garantire pari opportunità tra bambini disabili e normodotati; - il miglioramento della comunicazione verso i cittadini e la valutazione della soddisfazione dell utente attraverso i rapporti con le associazioni. Per ogni sottotema sono stati individuati: - i Centri Pilota per i quali si configura un'attività di coordinamento interno al progetto, di rilevanza esterna relativamente ai necessari raccordi con altre esperienze italiane ed

10 europee, di collegamento tra i diversi servizi coinvolti, di produzione dei materiali divulgativi; - i Centri Satellite per i quali si configurano attività di sperimentazione dei percorsi indicati al fine di validarli, di collaborazione nella produzione dei prodotti, di raccordo con le altre agenzie territoriali che si occupano della disabilità (enti gestori dei servizi socioassistenziali, provveditorati agli studi, privato sociale, etc.); - i Centri Uditori o Aderenti per i quali si configura una partecipazione agli incontri e l utilizzo dei prodotti; - i Centri Consulenti che collaborano a diverso e specifico titolo alla predisposizione dei materiali. La coerenza dell impianto progettuale è assicurata dalla supervisione dell Assessorato alla Sanità e all Assistenza, Settore Programmazione Sanitaria, mentre il monitoraggio del Progetto è affidato alla Commissione Interassessorile per l applicazione della L.104/92. Le Deliberazioni della Giunta Regionale n e n hanno approvato il progetto A.L.I. trasformando ciò che fino a quel momento era stato un progetto sperimentale in un modello e in strumenti istituzionali di lavoro sul tema della disabilità. Si è ritenuto opportuno, con l approvazione delle suddette deliberazioni, individuare ufficialmente il Progetto A.L.I. quale esperienza propedeutica all avvio dell Osservatorio Regionale Disabilità per la competenza sanitaria gettando così le basi per un estensione ed una riproducibilità dello strumento di lavoro offerto dallo stesso. Le stesse Delibere pongono anche le basi per far si che il progetto A.L.I. diventi risorsa a tutto campo per i cittadini disabili riconoscendo alle A.S.L. sede di centri pilota la copertura alla spesa di un coadiutore amministrativo assunto a tempo indeterminato ed individuato nella categoria degli invalidi civili. I Centri Pilota sono : A.S.L. 1 - Unità Operativa non Autonoma settore di Educazione Sanitaria - per il sottotema/azione Informa-handicap ; AA.SS.LL. 9 e 17 - Unità Operativa Autonoma di Neuropsichiatria infantile - per il sottotema/azione Ausili e sussidi informatici per la disabilità ; A.S.L Unità Operativa Autonoma di Neuropsichiatria infantile - per il sottotema/azione Una cartella socio-sanitaria informatizzata : verso una ability card ;

11 A.S.L Unità Operativa Autonoma di Neuropsichiatria infantile e A.S.L Unità Operativa di Recupero e Rieducazione Funzionale, per il sottotema/azione Ausilioteca virtuale ; Azienda Ospedaliera di Alessandria - Unità Operativa Autonoma di Neuropsichiatria infantile - per il sottotema/azione Osservatorio epidemiologico. Vorrei in conclusione sottolineare l impegno diretto di ogni Azienda Sanitaria, Ente Locale, Ente gestore dei servizi socio-assistenziali, associazione coinvolti nel progetto : senza l entusiasmo, la partecipazione e l instancabile lavoro svolto da tutti gli operatori che lavorano sul campo qualsivoglia stimolo, impegno o finanziamento dell Amministrazione regionale è vano. Il Progetto A.L.I. ha sicuramente avuto la fortuna di trovare ai diversi livelli un terreno fertile in cui crescere ed in tal senso vorrei ringraziare tutti quelli che l hanno reso possibile. - Dott.sa Maria MASPOLI -

12 INTRODUZIONE METODOLOGICA A cura di Dott.ssa Truscello M.P. - T.d.R. Marmo R. - T.d.R. Pia S. U.O.A. R.R.F. ASTI - ASL 19

13 In queste prime pagine ci proponiamo di presentare i contenuti e l organizzazione della guida. La tematica principale affrontata è la metodologia di valutazione per la scelta degli ausili da parte dei riabilitatori. La metodologia di valutazione proposta presuppone tre postulati: 1) l ausilio è parte integrante dell iter abilitativo-riabilitativo della persona; 2) l indicazione dell ausilio deve scaturire dal dialogo tra specialista, terapista e tecnico ortopedico, che insieme valutano come l ausilio possa compensare il deficit o la disabilità e ridurre l handicap, migliorando la partecipazione della persona alla vita familiare, sociale, etc. in natura, qualità e durata. La responsabilità della prescrizione è dello specialista. La responsabilità della guida all utilizzo più o meno efficace non è solo dello specialista, ma va condivisa con il terapista e il tecnico; 3) la scelta finale è della persona disabile e del suo contesto familiare e sociale. Vengono quindi indicate, per ogni ausilio, le riflessioni che gli operatori devono percorrere, a nostro parere, per arrivare alla scelta dell ausilio per la singola persona. Non proponiamo, tranne che per gli ausili antidecubito, scale di valutazione, (in quanto non ne abbiamo trovate in letteratura), ma griglie di valutazione che portino alla corretta individuazione della persona e dell ausilio, basate sulla nostra esperienza e quindi modificabili e correggibili da una verifica d uso e dal confronto con altri operatori. La ricerca bibliografica da noi effettuata è stata particolarmente povera di letteratura specifica e di testi strutturati in tale senso. Abbiamo scelto di lavorare sulla persona e sull ambiente, consapevoli che: lavorare sulla persona consiste nel portarla alla soglia dell autonomia. Per perseguire quest ultima, occorre che il disabile lo voglia, che abbia trovato in sé le motivazioni per desiderarla. La voglia di autonomia è una scelta di vita; lavorare sull ambiente circostante e in particolare sul contesto umano significa coltivare il desiderio di autonomia, in modo che non svanisca di fronte alle difficoltà quotidiane. Qualsiasi ausilio, tecnicamente perfetto, fallisce, si dimostra inefficace, se la persona non è motivata ad utilizzarlo. Lo stile espositivo vuole essere quello del taccuino, dello strumento agile, di facile consultazione e memorizzazione, quasi un tascabile. Forse il desiderio di sintesi e di semplificazione è andato a scapito della profondità dell analisi. Speriamo di non essere stati superficiali e poco chiari. I primi fascicoli sono riferiti ognuno ad un ausilio e comprendono: A) INDIVIDUAZIONE DELLA PERSONA E DELL AMBIENTE In questo paragrafo cerchiamo di rispondere alla domanda: per chi è indicato l ausilio? In quale ambiente/i verrà utilizzato? La valutazione della persona inizia con l annotazione di alcune caratteristiche generali con l obiettivo di analizzare la domanda e cogliere il bisogno sottostante:

14 età: caratteristica discriminante e fondamentale per tutti gli ausili per differenziare la specificità delle problematiche dell età evolutiva peso: caratteristica tecnica importante per la sicurezza e il comfort nell uso dell ausilio attività svolte: indice della motivazione della persona, della complessità del problema relativo all accettazione dell ausilio, dell articolazione delle valutazioni ambientali successive frequenza d uso e tempo d uso quotidiano presumibili: sono elementi che approfondiscono l aspetto motivazionale e costituiscono indicatori del rapporto costo/beneficio dell ausilio accettazione dell ausilio anche da parte della famiglia specialmente per l età evolutiva: data la delicatezza e complessità di questo aspetto, ci siamo limitati per ora a rilevare il dato, rimandando a un approfondimento successivo della problematica da parte di un esperto Vengono successivamente valutate: Le specifiche abilità (motorie, visive, neuropsicologiche) indispensabili per l utilizzo dell ausilio. Le menomazioni (segni clinici) e disabilità che indicano l opportunità dell ausilio quale strumento di compenso e che, viceversa, ne sconsigliano la prescrizione per evitare rischi o sprechi. La valutazione dell ambiente interno ed esterno in cui sarà utilizzato l ausilio richiede una particolare attenzione e formazione degli operatori. Stiamo, con soddisfazione, sperimentando l opportunità di una consulenza specifica, specie in ambito formativo, da parte di un architetto esperto nel settore. Stiamo inoltre riflettendo su un problema di fondo del rapporto ausilio / ambiente: in che modo la valutazione dell ambiente incide sulla scelta dell ausilio (es.: carrozzina) e viceversa? La configurazione dell ambiente esistente può indurre in alcuni casi dei vincoli nella scelta dell ausilio, in altri l ambiente potrebbe essere modificato, anche in funzione dell ausilio. Occorre di volta in volta valutare: - fino a che punto sia l ausilio a doversi/potersi adattare all ambiente - fino a che punto sia l ambiente a doversi/potersi adattare all ausilio Ciò comporta valutazioni di tempi, costi, benefici e naturalmente di fattibilità. Ma come possiamo chiedere che il prescrittore faccia tutto ciò? È questo il punto delicato, per il quale riteniamo fondamentale il lavoro congiunto di chi è in grado di valutare gli aspetti ambientali e di chi quelli umani, sanitari, sociali per indirizzare verso la migliore soluzione, complessivamente valida e percorribile, per lo specifico caso. Non è facile attuarlo. Pertanto abbiamo affrontato gli argomenti privilegiando la prospettiva dell adattamento dell ausilio all ambiente perché ci è più nota e congeniale, essendo in prevalenza operatori sanitari e lavorando principalmente su casi clinici. Siamo consapevoli che una piena accessibilità e fruibilità degli ambienti richiederebbe la prospettiva opposta (cioè adattamento dell ambiente alla persona e all ausilio) per consentire una reale autonomia della persona disabile. B) INDIVIDUAZIONE DELL AUSILIO: RACCOMANDAZIONI

15 Il secondo momento, una volta ascoltata la domanda e valutati la persona e l ambiente, è costituito dalla raccolta di informazioni sui prodotti del mercato e dall individuazione delle caratteristiche tecniche dell ausilio da proporre. Per ogni ausilio abbiamo cercato di elencare le domande principali da saper porre al tecnico o alla casa produttrice riguardanti le caratteristiche tecniche, i componenti e le variabili dell ausilio in relazione alle caratteristiche della persona. C) PROBLEMI NELL USO DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO D.M RACCOMANDAZIONI Come già espresso nelle precedenti pagine, purtroppo non è stato possibile approfondire le problematiche dell uso del Nomenclatore Tariffario nella nuova versione del D.M. n. 332 del pubblicato sulla G.U. del Sarà nostra premura aggiornare le raccomandazioni. Rispetto all uso del vecchio Nomenclatore tariffario ( D.M ) abbiamo cercato di evidenziare alcune problematiche incontrate nell esperienza quotidiana e di dare spunti di riflessione e proposte utili al dibattito in particolare tra gli operatori curanti e prescrittori e chi autorizza la prescrizione, al fine di migliorare la reciproca integrazione. Tutte le problematiche evidenziate sono punti critici della ricerca di un corretto rapporto tra efficacia ed efficienza, tra costi e benefici. D) NOTE SUL NUOVO NOMENCLATORE TARIFFARIO D.M In questo breve paragrafo ci siamo limitati a riportare il testo del nuovo D.M. e alcune iniziali riflessioni, stimolate da una prima rapida e superficiale lettura del testo. Non sarebbe stato possibile fare altrimenti, non essendo ancora in uso la nuova normativa. E) COLLAUDO: RACCOMANDAZIONI Per ogni ausilio abbiamo cercato di elencare gli elementi che il prescrittore deve controllare per la verifica della congruità tecnica, clinica e ambientale. F) CONSIGLI PER L USO Non abbiamo affrontato il tema dell addestramento all uso, momento importantissimo di cui è attore principale il terapista, per difficoltà a reperire letteratura e per mancanza di tempo. Ci siamo limitati per ora ad elencare semplici consigli pratici d uso e di manutenzione che, sarebbe opportuno fornire al disabile e alla sua famiglia, spiegazioni chiare e precise anche per iscritto, ad integrazione dei manuali di istruzioni previsti secondo la normativa.

16 Il fascicolo riguardante Materasso e cuscino antidecubito presenta due variazioni che abbiamo introdotto per meglio articolare la problematica: - un introduzione generale per sottolineare l importanza della tematica che interessa in modo particolare, oltre che i riabilitatori, anche gli altri operatori dell ospedale e del territorio (medici di medicina generale, infermieri professionali, medici di distretto, specialisti di reparto) - le principali scale di valutazione per il rischio di lesioni da decubito (in allegato) affinché ciascuno scelga quella più adeguata alla propria realtà, al di là delle nostre preferenze. Negli allegati è inoltre riportata la classificazione delle lesioni da decubito. A completamento dell iter riabilitativo seguono alcuni fascicoli su aspetti di particolare rilievo in tema di ausili: verifica d uso follow up esempi di buona prassi allegati Il fascicolo Verifica d uso - follow-up sottolinea un buco nero del nostro lavoro quotidiano di riabilitatori, in quanto siamo consapevoli della sua rilevanza e delle difficoltà teoriche e pratiche per realizzarlo. Ci siamo proposti come sottotema-azione Ausilioteca Virtuale del Progetto A.L.I., di elaborare e sperimentare per il prossimo anno alcuni indicatori al fine di verificare l uso delle griglie di valutazione proposte e i cambiamenti indotti nelle prescrizioni stesse. Vorremmo inoltre cercare di individuare una metodologia comune di follow-up, per lo meno, tra le diverse ausilioteche. Il fascicolo Esempi di buona prassi ha lo scopo, oltre che di gratificarci, di raccogliere e confrontare esperienze locali positive. Ci auguriamo che il capitolo si arricchisca in futuro di tanti contributi. Gli Allegati comprendono un glossario di termini utili per favorire un linguaggio comune, alcuni riferimenti normativi correlati alle problematiche descritte, le scale di valutazione del rischio di lesione da decubito e una classificazione delle lesioni stesse. Nell Appendice sono contenuti: la bibliografia, gli indirizzi delle Ausilioteche nate nell ambito del Progetto A.L.I., il sito Internet in cui si possono reperire notizie sul progetto e i testi delle due pubblicazioni sugli ausili. Conclude il lavoro uno spazio per annotare suggerimenti / note / contributi utili per un ulteriore sviluppo della guida. Buona lettura.

17 CARROZZINA ELETTRONICA A cura di Dott.ssa Truscello M.P.- Dott.ssa Garrone L. T.d.R. Marmo R.- T.d.R. Pia S. U.O.A. R.R.F. ASTI - ASL 19 Dott.ssa Ravera R. U.O.A. R.R.F. CANELLI - ASL 19 T.d.R. Asteggiano C. U.O.n.a. N.P.I. - ASL 1 TORINO Con la consulenza di Arch. Ponzio M.T. Ing. Pellegrino M. MOTORIZZAZIONE CIVILE - ASTI

18 PREMESSA Il contenuto di questo fascicolo si riferisce alla carrozzina elettronica sia per adulti che per bambini (ISO ) e pertanto le indicazioni contenute sono da riferirsi, salvo diverse precisazioni, ad entrambe le categorie di utenti. A) INDIVIDUAZIONE DELLA PERSONA E DELL AMBIENTE 1. Valutazione delle caratteristiche della persona Età : 1. per l adulto il parametro dell età anagrafica è meno rilevante rispetto ad altri relativi alla persona e all ambiente 2. per l età evolutiva può essere importante la precocità della prescrizione; in linea generale prima della scuola elementare e secondo alcune esperienze addirittura all età di 3-4 anni. Motivazioni : aumento dell autonomia in previsione dell inserimento in scuola elementare sviluppo" delle capacità di esplorazione spaziale possibilità di adeguato addestramento Peso Attività svolte (lavoro, scuola, tempo libero) Frequenza d uso presumibile Tempo di uso quotidiano dell ausilio presumibile Accettazione dell ausilio anche da parte della famiglia specialmente per l età evolutiva 2. Valutazione delle specifiche abilità ABILITA MOTORIE 1. mantenimento della posizione seduta in carrozzina (anche con sostegno del capo e del tronco) in modo sicuro e confortevole, funzionale al comando della carrozzina 2. Possibilità di utilizzare una parte del corpo ( mano sinistra o destra, piedi, capo, etc) o una modalità per comandare l ausilio (soffio, voce), in modo veloce ed efficace, tale da permettere cambi di direzione, interruzione di marcia o retromarcia di fronte ad ostacoli 3. In caso di possibilità di utilizzo degli arti superiori occorre valutare quale dei due è il più idoneo (eventualmente posizionandolo in modo adeguato) a:

19 afferrare tenere e rilasciare il joystick muovere lo stesso premere e rilasciare un pulsante muovere il selettore di velocità Occorre valutare il tipo di presa residua per decidere il tipo di comando, se il joystick standard non è utilizzabile. Occorre quindi valutare la posizione migliore per collocare il comando (destra, sinistra, al centro). In caso gli arti superiori non siano utilizzabili dal paziente e sia necessario ricorrere ad altre parti del corpo, occorre individuare le loro possibilità di movimento (tipo di movimento possibile, arco, forza, esauribilità, etc.) per individuare la posizione in cui collocare il comando e la sua modalità di utilizzo. ABILITA VISIVE 1. Visus sufficiente anche con adeguata correzione con lenti ς 2. Modalità di compenso adeguate in caso di deficit di campo visivo ς 3. Adeguate strategie di fissazione, inseguimento ed esplorazione visiva in caso di alterazioni della funzione visiva 4. Coordinazione occhio-mano 5. Coordinazione occhio-capo ς NOTA : l unica normativa esistente riguarda l idoneità alla guida di auto con patente speciale. Poiché però in essa i limiti del visus e del campo visivo sono elencati nel Titolo IV Guida dei veicoli e conduzione degli animali, titolo che vale per la categoria veicoli cui la carrozzina non appartiene, si può ritenere che per la carrozzina non vi sia alcuna prescrizione. ABILITA NEUROPSICOLOGICHE 1. Motivazione allo spostamento autonomo 2. Percezione del pericolo 3. Comprensione di una consegna semplice contestuale 4. Capacità di dividere l attenzione 5. Comprensione del rapporto causa - effetto 6. Controllo visivo sullo spostamento prodotto 7. Percezione spaziale: nei bambini acquisizione dei parametri spaziali (lo spazio posteriore è acquisito dopo i 5 anni). Importante il precedente eventuale uso di carrozzina manuale ad autospinta o lo sviluppo di altre modalità di spostamento negli adulti percezione spaziale idonea (particolare attenzione è necessaria nei casi di Neglect ) 8. Orientamento nello spazio e comprensione / conoscenza della segnaletica (es.: codice stradale, segnaletica per trovare le vie di fuga) per l uso autonomo in ambienti esterni o interni diversi da quello domestico (es.: centro commerciale, scuola) 9. apprendimento procedurale conservato 10. capacità di pianificazione spaziale

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica Percorsi riabilitativi mirati alla valutazione e alla prescrizione degli ausili: l esempio del protocollo carrozzine elettroniche in atto tra ASL di Milano e Fondazione Don Gnocchi Rosa Maria Converti

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

PER LA PRESCRIZIONE DI

PER LA PRESCRIZIONE DI LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DI AUSILI LE FOTO CONTENUTE SONO ESEMPLIFICATIVE DEL PRODOTTO 1 PRESCRIVIBILITA AUSILI: AVENTI DIRITTO: soggetti con invalidita riconosciuta (diagnosi compatibile con ausilio

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 15/12/2010 Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: quali sfide e quali opportunità? Fra LEA e «Piano di Indirizzo per la Riabilitazione»: come si modifica la prescrizione

Dettagli

1 www.autonomy.bz.it CARROZZINE PIEGHEVOLI AD AUTOSPINTA CON DUE MANI SULLE RUOTE POSTERIORI

1 www.autonomy.bz.it CARROZZINE PIEGHEVOLI AD AUTOSPINTA CON DUE MANI SULLE RUOTE POSTERIORI DESCRIZIONE CODICE Listino aggiornato 2003 Listino 2000 CARROZINE PIEGHEVOLI CARROZZINE PIEGHEVOLI AD AUTOSPINTA CON DUE MANI SULLE RUOTE POSTERIORI A prevalente uso interno Caratteristiche: - telaio pieghevole

Dettagli

SCOIATTOLO. 30 anni di grande successo RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.

SCOIATTOLO. 30 anni di grande successo RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12. 2000 SCOIATTOLO Reg. n. 6130 UNI EN ISO 9001 : 2008 PRODOTTO IN ITALIA RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.006 30 anni di grande successo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI AUSILI

SCHEDA REQUISITI AUSILI ALLEGATO F4) SCHEDA REQUISITI AUSILI Procedura aperta per la Fornitura e affidamento del servizio di gestione manutentiva e di logistica distributiva di montascale di proprietà delle AA.SS.LL. della Regione

Dettagli

SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO

SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta per la Fornitura e affidamento del servizio di gestione manutentiva e di logistica distributiva di montascale di proprietà delle AA.SS.LL. della Regione Liguria

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 INDICE 1. OBIETTIVO... 2 2. ATTIVITA FISIOTERAPICA GENERALE... 2 2.1 PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 2.2 MODULISTICA... 3 2.3 STRUMENTI... 3 2.4 FREQUENZA... 3 MODALITÀ

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Carrozzine elettroniche e ausili per la mobilità esterna

PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Carrozzine elettroniche e ausili per la mobilità esterna PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Carrozzine elettroniche e ausili per la mobilità esterna Antonio Caracciolo Servizio DAT Centro IRCCS S.Maria Nascente Fondazione Don Carlo

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

Letti e Materassi antidecubito

Letti e Materassi antidecubito Letti e Materassi antidecubito Allegato alla Delib.G.R. n. 51/16 del 28.12.2012 Codifica CND Y18.12 18.12 Letti 18.12.07 Letti e reti smontabili a regolazione manuale Y181207 18.12.07.006 (1) 501.01.03

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Azalea Family. Una grande famiglia con il nuovo schienale Flex3 e nuovi colori telaio. Nel corso degli anni le carrozzine posturali/passive Invacare

Azalea Family. Una grande famiglia con il nuovo schienale Flex3 e nuovi colori telaio. Nel corso degli anni le carrozzine posturali/passive Invacare Family A L B E R COMPATIBILE + Inclinazione con compensazione + Basculamento a baricentro costante = Una grande famiglia con il nuovo schienale Flex3 e nuovi colori telaio Nel corso degli anni le carrozzine

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DEL FISIOTERAPISTA PERIODO DI PROVA

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DEL FISIOTERAPISTA PERIODO DI PROVA SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DEL FISIOTERAPISTA PERIODO DI PROVA Pagina 2 di 17 DIPARTIMENTO UNITA OPERATIVA..... COGNOME.NOME Periodo di prova dal.. al Valutazione formativa (3 mese) il Valutazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Ausili per la vita quotidiana

Ausili per la vita quotidiana Ausili per la vita quotidiana 52 Rialzo wc doccia Breezy 305 per doccia con sedile wc imbottito e ruote. Braccioli abbattibili al livello della seduta. Portata 95 Kg art. 08.01.0026 doccia doccia wc e

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE Che cosa è - perché è importante - come funziona obiettivo dei trattamenti COS E LA TERAPIA OCCUPAZIONALE E un trattamento per le persone che sono state colpite da:

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

La Domotica : il ruolo del Tecnico Ortopedico

La Domotica : il ruolo del Tecnico Ortopedico La Domotica : il ruolo del Tecnico Ortopedico Che cosa è la domotica: La domotica è la tecnologia che studia l automazione della casa. Con tale termine (domos automatique) si intende identificare tutte

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche ALLEGATO 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1 Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche LA DESCRIZIONE DEGLI AUSILI TECNICI PER PERSONE DISABILI E LE NORME TECNICHE

Dettagli

Invacare. Semplicemente unica!

Invacare. Semplicemente unica! J a n u s 2 0 1 0 d e l a S a n t é Semplicemente unica! rappresenta una rivoluzione nel settore delle carrozzine elettroniche non solo per la particolare forma del telaio, ma soprattutto per la versatilità

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma Fidenza, 21 Febbraio 2013 Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche BARRIERE SOCIALI

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: SEGNI MINIMI SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA DISABILI E ANZIANI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO 1. Sostenere le famiglie nel percorso di

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO SGUK0502 P ORTOGALLO

CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO SGUK0502 P ORTOGALLO SGUK0502 P ORTOGALLO CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO 1. Introduzione La carrozzina da autospinta che avete acquistato è parte della gamma prodotti Invacare ed è stata realizzata con

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani

Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Pianificazione e Sviluppo dei servizi sociali e socio - sanitari Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Ausili per la mobilità

Ausili per la mobilità Ausili per la mobilità Le persone affette da SMA mostrano una debolezza generalizzata dei muscoli; tuttavia le modalità con le quali si manifesta la malattia sono differenti da individuo a individuo. Nelle

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

"Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni"

Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni "Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni" Mario Melazzini Direttore Scientifico Centro Clinico NeMo, Fondazione Serena, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda, Milano Il punto di partenza

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria European Commission Directorate General for Competition State aid Registry HT 364 B 1049 Brussels Prot. N. BLD/im 474/07 Milano, 1 giugno 2007 Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale

Dettagli

V64 V65. Servoscale con pedana

V64 V65. Servoscale con pedana V64 V65 Servoscale con pedana V64 Servoscala con pedana a guida rettilinea I servoscala con piattaforma di Vimec rappresentano le soluzioni ideali per assicurare accessibilità a tutte le strutture abitative

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

J O L LY STANDARD 27000 U N I TA' VENDUTE RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.

J O L LY STANDARD 27000 U N I TA' VENDUTE RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12. J O L LY STANDARD RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.003 PRODOTTO IN ITALIA Reg. n. 6130 UNI EN ISO 9001 : 2008 O LT R E 27000 U N I TA'

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

CARROZZINE CARROZZINE PLUS CARROZZINE WINNER CARATTERISTICHE CARROZZINE ACCESSORI CARROZZINE PROPULSORE ELETTRICO PER CARROZZINE

CARROZZINE CARROZZINE PLUS CARROZZINE WINNER CARATTERISTICHE CARROZZINE ACCESSORI CARROZZINE PROPULSORE ELETTRICO PER CARROZZINE CARROZZINE CARROZZINE PLUS CARROZZINE WINNER CARROZZINE CARROZZINE PROPULSORE ELETTRICO PER CARROZZINE 15 CARROZZINE Carrozzina MILLENNIUM III 16Carrozzine Plus Cod. 1550001X Codice ISO: 12.21.06.039 (misure

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO"

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: CI VORREI ESSERE ANCH'IO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO" SETTORE e Area di Intervento: Area di intervento A Settore Assistenza Codifica 06 (Disabili)

Dettagli

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Il modello descritto nell ICF riflette i cambiamenti di prospettiva

Dettagli

Montascale a Piattaforma Supra

Montascale a Piattaforma Supra Montascale a Piattaforma Supra Libero accesso ovunque ThyssenKrupp Encasa Life in motion. Montascale a Piattaforma Muoversi in sicurezza Leader nel mercato dell accessibilità, in ThyssenKrupp Encasa da

Dettagli

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale Il percorso clinico assistenziale riabilitativo L'Unità Spinale Unipolare (U.S.U.) rappresenta una struttura complessa unipolare espressamente destinata all'assistenza delle Persone con lesioni al midollo

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

Fine istituzionale della Farmacia è dispensare i farmaci. A questo si aggiungono: Servizi di base,

Fine istituzionale della Farmacia è dispensare i farmaci. A questo si aggiungono: Servizi di base, PRINCIPI FONDAMENTALI Fine istituzionale della Farmacia è dispensare i farmaci. A questo si aggiungono: Servizi di base, Servizi socio sanitari specializzati, Servizi d informazione ed educazione sanitaria.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: ENEA Interventi

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

CORSO ESPERTO DI BARRIERE ARCHITTETTONICHE, PROGETTISTA PER L ACCESSIBILITÀ E L UTENZA AMPLIATA DAL 02.03.2011 AL 04.05.2011

CORSO ESPERTO DI BARRIERE ARCHITTETTONICHE, PROGETTISTA PER L ACCESSIBILITÀ E L UTENZA AMPLIATA DAL 02.03.2011 AL 04.05.2011 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MONZA E BRIANZA CORSO ESPERTO DI BARRIERE ARCHITTETTONICHE, PROGETTISTA PER L ACCESSIBILITÀ E L UTENZA AMPLIATA ORGANIZZATO DAL COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE nella REGIONE VENETO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE nella REGIONE VENETO PROGRAMMA DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE nella REGIONE VENETO Il programma di prevenzione cardiovascolare è stato attivato nella Regione Veneto nel corso del 2008, dopo una fase di preparazione durata

Dettagli

Protocollo - Punto in Comune

Protocollo - Punto in Comune AVVISO PUBBLICO PER ESPLORAZIONE DI INTERESSE A REALIZZARE SUL TERRITORIO COMUNALE UN POLO FORMAZIONE PER DISABILI SPERIMENTALE. RICHIESTA MANIFESTAZIONE D INTERESSE E SUCCESSIVE OFFERTE TECNICO-GESTIONALI

Dettagli