ESEMPIO PER LA RESIDENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESEMPIO PER LA RESIDENZA"

Transcript

1 COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO DELLA DOMANDA DI CONCESSIONE EDILIZIA

2 COMUNE DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO Progetto per la realizzazione di un complesso residenziale In via - P.ed.C.C. PROVVEDIMENTO PER L ABBBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE RELAZIONE TECNICA Nella presente relazione sono evidenziate le soluzioni adottate nella redazione progettuale di un edificio per abitazioni sito. a.., al fine di renderlo conforme alle Esigenze di coloro che hanno una ridotta capacità motoria o sensoriale in forma temporanea o permanente. Sul piano normativo si fa riferimento alla legge n. 13 del gennaio 1989: Disposizioni per favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati ed al Decreto Ministeriale n. 236 del 14 giugno 1989: Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l accessibilità, l adattabilità e la visibilità degli edifici privati e di edilizia residenziale, ai fini del superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche. 2

3 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO: ALLEGATO 1 L edificio da realizzare o da ristrutturare è: - tipo di proprietà: privato - tipo di residenza privata - numero livelli fuoriterra: quattro - Numero livelli interrati: garages - Parti in comune: spazi, percorsi, scale ed ascensore - Attività aperte al pubblico: negozio a piano terra CRITERI GENERALI DELLA PROGETTAZIONE: Un edificio con tali caratteristiche cade nel campo di applicazione del D.M. 236/89, il quale richiede che vengano garantiti i seguenti criteri, come indicato in tabella - (vedi art. 3 Allegato A): ACCESSIBILITA ο VISITABILITA ADATTABILITA ο ο ο UNITA IMMOBILIARI UNIFAMILIARI E PLURIFAMILIARI PRIVI DI PARTI COMUNI PARTI COMUNI PLURIFAMILIARI CON NON PIU DI TRE LIVELLI FUORITERRA EDIFICI RESIDENZIALI l l l UNITA IMMOBILIARI PARTI COMUNI ( ANNNERIRE I CASI SPECIFICI NECESSARI AL PROGETTO ) PLURIFAMILIARI CON PIU DI TRE LIVELLI FUORITERRA 1) L accessibilità, cioè la totale fruizione dello spazio costruito, per gli spazi esterni e le parti comuni senza deroga all installazione dell ascensore; 2) La visitabilità, ovvero la possibilità, anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria di accedere agli spazi di relazione ed ad almeno un servizio igienico di ogni unità immobiliare; 3) L adattabilità, ovvero l accessibilità differita nel tempo, per quanto riguarda le singole unità immobiliari. Negli edifici residenziali unifamiliari e plurifamiliari privi di parti in comune, é sufficiente il soddisfacimento del requisito d adattabilità. 4) Gli interventi di ristrutturazione sono intesi quelli definiti nella categoria d intervento definita al titolo IV art. 31 lettera d) della L. nr. 457 del ) L adeguamento, ovvero tutti i provvedimenti necessari a rendere gli spazi costruiti o di progetto conformi alle norme.la relazione é strutturata in modo che al riferimento normativo contenuto nelle colonne di sinistra, corrisponda a destra la relativa soluzione o prescrizione progettuale adottata. 3

4 COERENZA DELL' INTERVENTO DI NUOVA EDIFICAZIONE O RISTRUTTURAZIONE ALLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE D.M. 14 GIUGNO 1989 N. 236 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE PROGETTO Deve essere garantita l' accessibilità per quanto riguarda: - gli spazi esterni (3.2.a). - le parti comuni (3.2.b). Deve essere garantita la visitabilità di ogni unità immobiliare (3.4), cioè deve essere garantito il In tutti gli alloggi è prevista la visibilità del requisito dell' accessibilità per il soggiorno o la soggiorno, della cucina e dei relativi percorsi di sala da pranzo, un servizio igienico ed i relativi collegamento percorsi di collegamento interni alle unità immobiliari (3.4.a). Nelle unità immobiliari sedi di attività aperte al pubblico la visitabilità é soddisfatta se, gli spazi di relazione in cui il cittadino entra in rapporto con la funzione svolta, sono accessibili. Deve essere prevista l' accessibilità almeno ad un servizio igienico. Nelle unità immobiliari sedi di attività aperte al pubblico con superficie netta inferiore a 250 mq Nel negozio di mq 95 è prevista la visibilità negli la visitabilità é soddisfatta se sono accessibili gli spazi di relazione (vedi allegato grafico) spazi di relazione in cui il cittadino entra in rapporto con la funzione svolta. Deve essere garantita l' adattabilità di ogni unità immobiliare, qualunque sia la sua destinazione, per tutte le parti componenti per le quali non é In tutti gli alloggi è prevista l adattabilità dei bagni richiesta l' accessibilità e/o la visitabilità (3.5). (vedi allegato grafico) Negli interventi di edilizia residenziale sovvenzionata devono essere accessibili almeno il 5% degli alloggi, con un minimo di 1 unità immobiliare ogni intervento. Se le richieste di alloggi accessibili superano Non prevista la suddetta quota, alle richieste precedenti si applicano le disposizioni art. 17 DPR nr Negli spazi esterni e nelle parti comuni: scale, corridoi ed ascensore, è garantita l accessibilità (vedi allegato grafico) 4

5 Si analizzano di seguito specificatamente i requisiti richiesti alle varie parti dell' edificio come definite all' art.2: - Unitá immobiliari, - Parti comuni. UNITÀ IMMOBILIARI: devono essere visitabili, cioè deve essere garantito il requisito dell' accessibilitá per il soggiorno o la sala da pranzo, un servizio igienico ed i relativi percorsi di collegamento interni alle unità immobiliari (3.4), e devono inoltre essere adattabili ovvero garantire l' accessibilità differita, per tutte le loro parti e componenti. 1 ACCESSIBILITÀ NELLE PARTI COMUNI PROGETTO SCALE ( ) - Lr min = larghezza minima rampa - Lr min = 120 cm Lr rampa cm nelle scale e pianerottoli si deve garantire il Scala tipo: passaggio orizzontale di una barella con 9 alzate lunghezza rampa mt. 3,00 inclinazione del 15%; dislivello - gradini rapporto tra alzata e pedata : pedata minima = 30 cm, la somma tra il doppio dell' alzata e la pedata deve essere compresa tra 62/64 cm; pedata = 30 cm alzata = 16 cm 2a + p = 64 cm - parapetto con altezza minima di 100 cm, inattraversabile da una sfera con diametro di 10 cm; - il corrimano deve essere installato su entrambi i lati ed avere una altezza tra i 90/100 cm; - In corrispondenza delle interruzioni deve essere prolungato di 30 cm oltre il primo ed ultimo gradino; - il corrimano va distanziato di almeno 4 cm da parapetto o parete piena RAMPE ( ) - il dislivello di superamento non deve essere superiore a 3,20 mt ottenuto con rampe inclinate in successione; - Larghezza minima deve essere di 90 cm per il transito di persona su sedia a ruote e di 150 cm per l' incrocio di due persone; - la rampa deve avere un cordolo con altezza di almeno 10 cm; dislivello 40 cm larghezza 120 cm 5

6 - la pendenza non deve superare 8%; Pendenza rampa 8% - Ogni 10 mt di lunghezza ed in presenza di interruzioni con porte, deve essere previsto un ripiano orizzontale con dimensioni minime di 1,50x1,50 mt; - ripiano orizzontale di 1,40x1,70, 1,40 mt in senso trasversale e 1,70 in senso longitudinale al senso di marcia, oltre l'ingombro di eventuali porte; Lunghezza max rampa 5,00 mt ASCENSORI ( ) In edifici residenziali di nuova costruzione si ha: - cabina con dimensione minime: Cabina con dimensione: profondità 130 cm profondità 140 cm larghezza 95 cm larghezza 140 cm luce porta 80 cm luce porta 80 cm (vedi dettaglio) (nel caso di cabine con piú uscite laterali, rispettare le dimensioni che consentano le diverse rotazioni per cambiamento di direzione) piattaforma di distribuzione anteriore con dimensioni minime di 1,50x1,50 mt; dimensioni superiori a quelle richieste (vedi allegato grafico) - porte a livellamento automatico con apertura automatica e ritardo di chiusura; - bottoniera di comando interna ed esterna ad altezza compresa tra 110 e 140 cm, con caratteri di rilievo e traduzione in Braille, dotata di citofono e campanello di allarme - la bottoniera interna posta lateralmente a 35 cm dalla porta della cabina; - all' interno della cabina va previsto: - luce di emergenza con autonomia di 3 h - campanello di allarme e citofono ad altezza tra 110/130 cm - pulsanti di comando ai piani con caratteri Braille - segnalazione sonora di arrivo al piano. 6

7 1.4 - SERVOSCALA E PIATTAFORMA ELEVATRICE ( ) Servoscala e piattaforma sono apparecchiature alternative all' ascensore o alla rampa inclinata, per consentire il superamento di un dislivello a persone con ridotta o impedita capacità motoria. categorie di servoscala: a) pedana servoscala per trasporto di persona in piedi; b) sedile servoscala per trasporto di persona seduta; c) pedana servoscala a sedile ribaltabile per trasporto di persona in piedi o seduta; d) piattaforma servoscala a piattaforma ribaltabile per trasporto di persona su sedia a ruote; e) piattaforma servoscala a piattaforma e sedile ribaltabile per trasporto di persona su sedia a ruote o seduta. I servoscala sono consentiti in via alternativa ad ascensori e preferibilmente, per superare differenze di quota non superiore a 4 mt. Nei luoghi aperti al pubblico e di norma nelle parti comuni di un edificio, i servoscala devono consentire il superamento anche a persone su sedia a ruote: in tale caso, se la visuale libera tra persona su piattaforma e persona posta lungo il percorso dell' apparecchiatura sia inferiore a 2 mt, é necessario che l' intero spazio d' ingombro della piattaforma in movimento, sia delimitato e protetto con idoneo parapetto e siano posti cancelletti automatici all' estremità della corsa. Per le restanti disposizioni relative a dimensioni, portata, velocità, comandi, ancoraggi, sicurezza di comandi, elettrica, meccanica, anticaduta, sicurezza del percorso, si fa riferimento a quanto predisposto al punto PIATTAFORME ELEVATRICI Impianto non adottato Si utilizzano per superare dislivelli non superiori a 4 mt, - velocità non superiore a 0,1 m/s Impianto non adottato - portata utile minima di 130 Kg dimensioni minime vano corsa 80x120 cm Il vano corsa deve essere protetto e dotato di cancelletto. 7

8 Lo spazio sottostante la piattaforma deve essere protetto in modo tale da impedirne il raggiungimento, qualsiasi sia la posizione della piattaforma. Se disposte esternamente le piattaforme vanno protette dagli agenti atmosferici. Vanno rispettate compatibilmente tutte le prescrizioni tecniche specifiche per i servoscala AUTORIMESSE ( ) Devono essere servite da ascensore la cui quota L ascensore raggiunge la quota 3,50 relativo al di servizio deve raggiungere la quota di piano autorimessa stazionamento auto o raccordarsi a questa con rampe di modesto sviluppo. Le rampe carrabili e/o pedonali devono essere dotate di corrimano SPAZI ESTERNI (4.2) PERCORSI (8.2.1) - percorsi pedonali con larghezza min. di 90 cm, Larghezza superiore a quella prescritta, e con allargamenti per l'inversione di marcia, in rispetta la dimensione richiesta per l inversione di piano, ogni 10 mt di sviluppo lineare. marcia (vedi allegati grafici) - i cambi di direzione devono sempre avvenire in piano; - per svolte ortogonali la zona interessata deve avere 1,70 mt su ciascun lato a partire dal vertice esterno; il ciglio deve essere: - sopraelevato di 10 cm dal calpestio; - di colore e materiale diverso dalla pavimentazione; - non a spigoli vivi; -con varchi ogni 10 mt per accedere alle zone adiacenti non pavimentate. - la pendenza longitudinale non deve superare il 5%. Sono ammesse pendenze superiori in base alle disposizioni previste nel punto

9 - con pendenze al 5% vanno previste aree piane di sosta 150x150 ogni 15 mt di lunghezza di percorso; - pendenza trasversale max = 1% - in presenza di raccordo tra percorso e livello stradale, la somma delle due pendenze non deve essere inferiore al 22% Il dislivello ottimale tra piano di percorso e terreno o piano carrabile é di 2,5 cm Per rampe carrabili o raccordi stradali sono ammesse rampe con pendenza non superiore al 15% per un dislivello massimo di 15 cm. Fino a 2,10 mt dal calpestio non devono esistere ostacoli che possono causare infortunio a persone in movimento PARCHEGGI PER DISABILI (8.2.3) (solo se proprietà in comune) - vanno previsti nella misura di 1 ogni 50 o frazione di 50, posti auto di larghezza min 3,20, riservati gratuitamente a veicoli al servizio di persone disabili. - vanno ubicati in aderenza ai percorsi pedonali e nelle vicinanze di degli accessi agli edifici o attrezzature. 9

10 2 CRITERI DI PROGETTAZIONE PER LA VISITABILITÀ RIFERIMENTI NORMATIVI D.M. n. 236/89 PROGETTO Unità ambientali: PORTE ( ) Ln = luce netta - Ln minima accesso unità immobiliare = 80 cm - Ln minima altre porte = 75 cm - altezza maniglie compresa tra cm Ln = 90 cm Ln altre porte = 80 cm Altezza maniglie compresa tra 90 cm - per parti di corridoio e disimpegni sulle quali si aprono porte sono da adottare le soluzioni tecniche di cui al punto e SERVIZI IGIENICI ( ) - Negli alloggi di edilizia residenziale in cui é Requisito soddisfatto con l applicazione dei criteri prevista la visitabilità, il servizio igienico é di adattabilità accessibile quando una persona su sedia a ruote può arrivare in prossimità di una tazza wc e di un lavabo anche senza l' accostamento laterale per il wc e frontale per il lavabo. - l' asse della tazza w.c. o del bidet minimo 40 cm dalla parete laterale ed il bordo anteriore a cm dalla parete posteriore ed il piano superiore a cm dal calpestio PERCORSI ORIZZONTALI ( ) L min. = larghezza minima L = 120 cm - corridoi Lmin.=100 cm con allargamenti per l' inversione di marcia ogni 10 m di sviluppo lineare. - i corridoi devono essere privi di variazione di livello; (8.1.2) il dislivello del pavimento non deve superare i 2,5 cm. 10

11 - nei corridoi o disimpegni su cui si aprono porte vanno adottate le soluzione tecniche come indicate nel punto per le dimensioni minime degli spazi liberi necessari al passaggio, si fa riferimento al punto VISITABILITÀ CONDIZIONATA Negli edifici, unità immobiliari o ambientali aperti al pubblico non sottoposti a ristrutturazione, in Requisito non previsto, poiché vengono tutto o in parte non rispondenti ai criteri di soddisfatti i criteri previsti per l accessibilità accessibilità, in cui esiste la possibilità di fruizione mediante personale di aiuto deve essere disposto in prossimità dell' ingresso un apposito pulsante di chiamata con apposita segnalazione SERVIZI IGIENICI ( ) In aggiunta a quanto già definito, va reso possibile il soddisfacimento delle seguenti disposizioni: - accostamento laterale alla tazza wc, e al bidet spazio minimo 100 cm misurati dall' asse dell' apparecchio; - accostamento laterale alla vasca spazio minimo 140 cm lungo la vasca con profondità minima di 80 cm; - accostamento frontale al lavabo minimo 80 cm misurati dal bordo anteriore. (vedi dettaglio) (vedi dettaglio) (vedi dettaglio) 11

12 3 CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L' ADATTABILITÀ Gli edifici di nuova edificazione e le loro parti, sono adattabili quando, tramite l' esecuzione differita nel tempo di lavori che non modificano ne la struttura portante ne la rete di impianto comuni, gli edifici di nuova edificazione e le loro parti, possono essere resi idonei, a costi contenuti, garantendo i requisiti previsti per l' accessibilità. Negli interventi di ristrutturazione vanno soddisfatti gli stessi requisiti validi per gli edifici di nuova edificazione. 4 ELABORATI TECNICI - Gli elaborati devono evidenziare le soluzioni progettuali e gli accorgimenti tecnici adottati per garantire le prescrizioni di accessibilità, visibilità ed adattabilità. - Per quanto riguarda l`adattabilità e gli accorgimenti tecnici adottati devono essere descritti con specifici elaborati grafici. - Gli elaborati grafici devono essere accompagnati da una relazione tecnica specifica contenente la descrizione delle soluzioni progettuali e le opere previste per l` eliminazione delle barriere architettoniche, degli accorgimenti previsti a tale scopo; del grado di accessibilità delle soluzioni previste per garantire l`adeguamento dell`edificio. VEDI ALLEGATO 2. 12

13 5 SIMBOLOGIA DA ADOTTARSI NEGLI ALLEGATI GRAFICI DI PROGETTO 5.1 SPAZI DI MANOVRA PER SEDIE A RUOTE NEI CASI DI NUOVA PROGETTAZIONE Rotazione di 360 (cambiamento di direzione) Svolta di 90 Rotazione di 180 (inversione di direzione) Inversione di direzione con manovra combinata Rotazione di 90 13

14 6 PERCORSI ORIZZONTALI 1 Visibilità Le soluzioni adottate nel progetto per quanto riguarda gli spazi di manovra, sono come quelle sottoriportate. Cancellare la simbologia grafica non utilizzata in progetto. 6.1 PASSAGGIO IN VANO PORTA SU PARETE PERPENDICOLARE AL VERSO DI MARCIA DELLA SEDIA A RUOTE NEL PROGETTO SONO STATI RISPETTATI GLI SPAZI DI MANOVRA A SEGUITO A2 manovra semplice senza indietreggiare A3 manovra libera 6.2 PASSAGGIO IN VANO PORTA SU PARETE PARALLELA AL VERSO DI MARCIA DELLA SEDIA A RUOTE B 1 14

15 B 2 B 3 B PASSAGGIO IN DISIMPEGNI E ATTRAVERSO PORTE POSTE IN LINEA TRA LORO E SU PARETI PERPENDICOLARI AL VERSO DI MARCIA DELLA SEDIA A RUOTE C4 manovra semplice senza indietreggiare 15

16 C6 manovra semplice senza indietreggiare 6.4 PASSAGGIO IN DISIMPEGNI E ATTRAVERSO PORTE ORTOGONALI TRA LORO D1 D2 16

17 PROGETTO PER: Dichiarazione di conformitá del progettista ai sensi della Legge 9 gennaio 1989 n. 13 dettante "Disposizioni per favorire il superamento e l' eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati". Il sottoscritto progettista attesta che: tramite le soluzioni specificate nella relazione tecnica per l' abbattimento delle barriere architettoniche allegata, l' edificio interessato dal presente progetto è accessibile da parte di persone con ridotta capacità motoria garantendo il soddisfacimento dei requisiti previsti dettati dal D.M. 14 giugno 1989 n Il sottoscritto progettista certifica che: gli elaborati sono conformi alle disposizioni adottate ai sensi della legge 09/01/1989 n. 13. data:... IL PROGETTISTA... 17

18 COMUNE DI BOLZANO - PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO Progetto per la realizzazione di un complesso residenziale In via. P.Ed. e P.f...C.C. PROVVEDIMENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE - ELABORATI GRAFICI ESEMPIO - EDIFICIO PRIVATO ALLEGATO 2 - PIANTA PIANO INTERRATO SCALA 1:200 - PIANTA PIANO TERRA SCALA 1:200 - PIANTA PIANO TIPO SCALA 1:200 - DETTAGLIO ASCENSORE SCALA 1:25 - DETTAGLIO BAGNO SCALA 1:25 18

19 MARCIAPIEDE RAMPA 8% LEGENDA - LEGENDE VISITABILITA' DIE BESUCHBARKEIT vedi dettaglio A ADATTABILITA' DIE ANPASSUNGSFÄHIGKEIT Siehe Detail PERCORSI - GEHWEGE CUCINA CAMERA RIP. -0,40 CORRIDOIO RIP. INGRESSO W.C. SOGGIORNO RAMPA 8% A BAGNO -0,40 DIS. BAGNO CUCINA BAGNO A RIP. CUCINA A INGRESSO/CORRIDOIO INGRESSO/CORRIDOIO NEGOZIO BAGNO 44,00 mq CAMERA SOGGIORNO CAMERA CAMERA SOGGIORNO PIANO TERRA scala 1:200 - GRUNDRISS ERDGESCHOSS Maßstab 1:

20 GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE -3,50 GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE GARAGE PIANO INTERRATO scala 1:200 - GRUNDRIß UNTERGESCHOSS Maßstab 1:200 LEGENDA - LEGENDE VISITABILITA' DIE BESUCHBARKEIT A ADATTABILITA' DIE ANPASSUNGSFÄHIGKEIT Siehe Detail vedi dettaglio PERCORSI - GEHWEGE 20

21 SOGGIORNO CAMERA BAGNO SOGGIORNO BAGNO CAMERA CAMERA CAMERA CAMERA +2,60 PERCORSI - GEHWEGE INGRESSO/CORRIDOIO ANGOLO COTTURA SOGGIORNO CUCINA CUCINA DIS. A A INGRESSO INGRESSO/CORRIDOIO BAGNO A CUCINA INGR. A LEGENDA - LEGENDE VISITABILITA' DIE BESUCHBARKEIT A ADATTABILITA' DIE ANPASSUNGSFÄHIGKEIT Siehe Detail vedi dettaglio BAGNO BAGNO A RIP. DIS. BAGNO INGRESSO CUCINA INGRESSO A CUCINA SOGGIORNO CAMERA CAMERA CAMERA SOGGIORNO SOGGIORNO PIANO TIPO scala 1:200 - TYIPENGRUNDRISS Maßstab 1:

22 TIPOLOGIA ASCENSORE scala 1:25 - TYPOLOGIE DES AUFZUG Maßstab 1:25 min. 140 cm min. 140 cm 1,40 USCITA AL PIANO INTERRATO 80 1,40 UNTERGESCHOSS -AUSGANG min. 80 cm USCITA AI PIANI TERRA ERDGESHOSS -1-2 AUSGANG CABINA CON DUE USCITE ADIACENTI - ROTAZIONE 90 - DIMENSIONI MINIME 140X140 CM FAHRKORB MIT ZWEI TÜREN - DREHUNG 90 - MINDESTABMESSUNGEN 140X140 CM 22

23 min. 80 cm BAGNO BAD 1, ,1 0 1,20 CORRIDOIO - KORRIDOR DETTAGLIO BAGNO TIPO scala 1:25 - TYP BAD - DETAIL Maßstab 1:25 A = eliminando il bidet il bagno diventa accessibile il passaggio tra i sanitari è di 8O cm A = Durch den Verzicht auf das bidet wird das Bad zugänglich. Die Entfernung zwischen den Sanitären Einrichtungsteilen ist von 80 cm 23

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS Guida alla progettazione accessibile e funzionale prog_43giparte_cambion.qxp 03/08/2006 10.13 Pagina 3 PENSARE ACCESSIBILE E FUNZIONALE PER

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi Una casa su misura Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica A cura di Devis Trioschi Fisioterapista Centro Regionale Ausili di Bologna È un iniziativa Regione Emilia Romagna Programma

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

RESIDENZIALE : CON ALTEZZA LORDA INTERPIANO DI M. 3

RESIDENZIALE : CON ALTEZZA LORDA INTERPIANO DI M. 3 Livorno, 19/04/2007 Oggetto : PROSPETTO DEI CONTRIBUTI CONCESSORI - INTERVENTI VIA MEYER L.R.1/05 ELEMENTI DI VALUTAZIONE: Il calcolo dei contributi concessori e stato effettuato sulla base della presumibile

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita'

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Testo vigente LEGGE REGIONALE 20 aprile 2015, n. 17 Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia ( B.U. 30 aprile 2015, n. 37 ) La pubblicazione del testo non ha carattere

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 Cadute dall alto Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 ATTUA la direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

! "#$ %% %&& "&"9&5 ::88 ::! &"<% 1)))!

! #$ %% %&& &9&5 ::88 ::! &<% 1)))! ! "#$ %% %&& '()*#)+,',+''',-+-)+-./+ //))')' )/0-,-1'02'/-0-)/00!.-+,0-)/3-.'+''',',' -0/3-,/)'0-./))''-,+,--/1'0 '/3)'',''('',-/- 0'','4-1) +,',+''',/3/)'/3)//)),.)-1'0 //)) ')' )/0-,2'/-0-)/00 $.'4-/115'1+++,,-1'

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali LINEE GUIDA PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI LUOGHI

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02)

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) Direzione Centrale Sviluppo del Territorio e Mobilità REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) ESECUTIVO IL DELIBERA

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI (Delibera Dell Assemblea Legislativa regionale n. 149, del 17.12.

PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI (Delibera Dell Assemblea Legislativa regionale n. 149, del 17.12. I Quaderni del RUE I Quaderni del RUE N. 10.1/2014 Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli