Ostacoli senza barriere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ostacoli senza barriere"

Transcript

1 Ostacoli senza barriere Le barriere architettoniche dovrebbero essere scomparse o quanto meno diminuite notevolmente grazie a normative specifiche e al, pur lento, diffondersi di una cultura dell'accessibilità. Nella quotidianità delle persone anziane o con disabilità gli ostacoli, invece, ci sono eccome. Ecco allora che o si ristruttura la propria abitazione oppure si ricorre ad ausili. Ma come orientarsi? La voglia di vivere delle persone con disabilità si scontra quotidianamente con ostacoli creati, a volte con notevole ingegno, da altre persone. Ci riferiamo alla persone con disabilità forse perché sono la punta più visibile di un iceberg. Ma quante volte questi stessi ostacoli sono di impedimento per anziani, bambini, genitori con passeggini, persone che per un qualsiasi motivo, anche transitorio, non sono nel pieno della "prestanza fisica"? Si è quindi costretti ad intervenire con mezzi ausiliari per consentire la mobilità a chi non è in grado di superare questi ostacoli. Naturalmente l'utilizzo di questi ausili richiede un investimento in termini economici (costo dei materiali) e di personale (gestione e movimentazione dell'ausilio) che, se ben considerati, sono talvolta maggiori rispetto ad un effettivo abbattimento della barriera da superare. A volte però vi è effettivamente la necessità di utilizzare questi particolari ausili, quindi bisogna valutarli con attenzione ponendoli in relazione con la specifica situazione. L'ASCENSORE Questo sistema di superamento di dislivelli - se a norma e di misure idonee per contenere la persona con ciò che utilizza abitualmente, carrozzina, passeggino ecc.- è sicuramente quello più comodo e quello che garantisce la massima autonomia della persona stessa. Non vi sono limiti legati al dislivello da superare e garantisce la massima integrazione tra i vari possibili utilizzatori: l'ascensore è di comodità per tutti. I problemi legati all'adozione di questo sistema sono dati dai costi e dalle opere murarie necessarie per una sua installazione, messa a norma o modifiche legate ad eventuale adeguamento delle nuove esigenze dell'utente.

2 LE PIATTAFORME ELEVATRICI Gli ausili che più si avvicinano agli ascensori, ma che a loro differenza non richiedono solitamente interventi murari, sono le piattaforme elevatrici. Questi sistemi permettono, nella maggior parte dei casi, di superare un dislivello di un piano garantendo una pressoché totale autonomia da parte dell'utilizzatore. Questi sistemi richiedono comunque un certo ingombro, interno o esterno a seconda del modello prescelto, e pertanto non in tutte le situazioni sono installabili. Le piattaforme elevatrici richiedono generalmente meno interventi murari rispetto agli ascensori. Hanno una portata adeguata per ospitare almeno una persona su carrozzina a motore e un accompagnatore; rispetto all'ascensore possono raggiungere una velocità piuttosto limitata ma più che soddisfacente. Laddove è possibile istallarle rappresentano una buona soluzione, considerando il rapporto prestazioni - prezzo, paragonandole agli ascensori e ai servoscala. I SERVOSCALA I servoscala (o montascale fissi) hanno la caratteristica comune che una volta installati diventano parte integrante della scala da superare; in sostanza devono essere ancorati alla parete o alla stessa scala. Esistono due famiglie di servoscala: il servoscala a seggiolino e quello a pedana/piattaforma. Questi due sistemi sono indicati per situazioni che possono richiedere il superamento delle scale da parte di una persona con difficoltà di deambulazione, con cardiopatia grave, problemi ortopedici legati agli arti inferiori che impediscono il movimento per il superamento del gradino, oppure da chi utilizza un ausilio per gli spostamenti come una carrozzina, un passeggino o altro. A seconda delle esigenze si dovrà o potrà prendere in considerazione uno dei due sistemi (seggiolino o pedana). Questi ausili permettono il superamento sia di tratte lineari che di più rampe di scale. In questo secondo caso si dovrà considerare l'ampiezza della curva della scala per scegliere il modello con le dimensioni e caratteristiche più idonee. Ambedue le soluzioni possono essere comandate autonomamente dall'utilizzatore grazie ad adeguate pulsantiere che, anche in questo caso, dovranno essere provate per verificarne l'effettiva rispondenza alle esigenze di chi dovrà poi usarle. Questi tipi di montascale, a seconda dei modelli, possono essere installati o sul lato corrimano o sul lato muro. La scelta viene proposta dal tecnico della ditta installatrice in base alle caratteristiche tecniche e strutturali del montascale da installare e dalla conformazione della scala da superare. L'angolo di curva dato dal pianerottolo a volte è l'ostacolo che determina l'impossibilità di utilizzare questo tipo di ausilio anche se alcuni modelli particolari risolvono questo problema con un sistema di binario a soffitto che però non sempre è utilizzabile o gradito dall'utilizzatore.

3 I MONTASCALE MOBILI Questi ausili, a differenza dei precedenti, richiedono il supporto di una persona (accompagnatore) che gestisca le varie funzioni (aggancio/sgancio del sistema di seduta, salita/discesa dalle scale). Come già accennato possono essere impiegati da persone che usano una carrozzina, sia manuale che elettrica, un passeggino ecc. Con i montascale è possibile il superamento sia di tratte lineari che di più rampe. Anche per questa tipologia di ausilio vengono distinte due "famiglie" con differenze anche rilevanti tra loro. Si tratta dei montascale mobili a cingoli e dei montascale mobili a ruote. La scelta di un tipo di sistema rispetto all'altro è solitamente condizionato dalla tipologia e dalla conformazione della scala da superare. Il montascale a cingoli richiede una scala con un pianerottolo con misure adeguate per permettere la salita sulla rampa successiva. Gli spazi di manovra sul pianerottolo, per il modello di montascale più ridotto, non devono essere inferiori ai 100x100 cm o 125x125 cm per i modelli che possono trasportare carrozzine elettriche o passeggini. L'utilizzo di questo tipo di montascale è sconsigliato quando vi sono gradini a "piè d'oca", cioè a spicchio: in questi casi, infatti, i cingoli non sono completamente appoggiati al gradino e l'uso non sarebbe sicuro. Nel caso in cui ci si dovesse trovare nella necessità di superare scale che non permettono l'utilizzo di un montascale a cingoli si potrebbe utilizzarne uno a ruote. Questi tipi di montascale possono essere già dotati di un sedile su cui dovrà trasferirsi l'utilizzatore per la salita/discesa dalla scala. Questo sistema potrebbe essere valido se l'utilizzatore non ha già un suo sistema di postura, altrimenti vi sarebbe la necessità o di avere un doppio ausilio o un accompagnatore che lo porti al piano che si vuole raggiungere. Un altro tipo di montascale a ruote permette l'utilizzo della propria carrozzina previo adattamento della stessa con installazione di agganci che si fisseranno al montascale.

4 MONTASCALE le differenze La sostanziale differenza tra questi due tipi di montascale è data, oltre che dal tipo di tecnologia utilizzata e quindi dalla possibilità o meno di essere utilizzati su una certa tipologia di scale, dal sistema di aggancio dell'ausilio di postura al montascale stesso e dalla necessità o meno di apportare modifiche all'ausilio di postura in uso. Come già si diceva questo tipo di ausili necessitano di un accompagnatore che li faccia funzionare. Questa persona dovrà essere addestrata sulle funzioni del sistema e, in particolare per i montascale a ruote, dovrà essere particolarmente attento e "presente" durante tutte le fasi di impiego: una distrazione potrebbe provocare la caduta dell'ausilio e dell'utente con conseguenze ben immaginabili. Una ulteriore valutazione va quindi effettuata su chi sarà l'accompagnatore potenziale o reale. Un particolare montascale mobile che permette una completa gestione in piena autonomia da parte dell'utilizzatore è un modello con sedile, molto simile ad una carrozzina elettrica che grazie ai cingoli di cui è dotato è in grado di superare anche rampe di scale. Rampe e scivoli Nel caso in cui il dislivello da superare si limita a pochi gradini si possono utilizzare sistemi a volte tecnologicamente "poveri" rispetto ai precedenti ma che garantiscono in ogni caso il superamento della barriera. Questi ausili, spesso trasportabili, vengono appoggiati all'ostacolo e l'utilizzatore può, o da solo se il dislivello è minimo o accompagnato se la pendenza è per lui eccessiva, superarlo. Vi sono in commercio anche piccole piattaforme che permettono il superamento di dislivelli in orizzontale nell'ordine di pochi gradini. Questo tipo di sistema, pur garantendo un buon livello di autonomia da parte dell'utilizzatore, richiede un certo spazio e predisposizione dell'ambiente in cui dovrà essere collocato. Requisiti indispensabili Tutti i sistemi di superamento di barriere dovrebbero rispondere ai requisiti di sicurezza richiesti dalle norme, italiane e comunitarie, vigenti. Le aziende più serie allegano ai loro prodotti le certificazioni di conformità. Queste certificazioni vanno sempre e comunque richieste. Altrettanto chiari devono essere i termini di garanzia e di assistenza tecnica in caso di guasti. Purtroppo si assiste ancora a situazioni in cui una azienda installa o fornisce un montascale ma poi, in caso di necessità, si rende irreperibile. Quindi si ribadisce il consiglio: prima di procedere ad un qualsiasi accordo con l'azienda fornitrice di avere ben specificati i termini di garanzia e di assistenza.

5 QUALE MONTASCALE E' fondamentale una valutazione seria di quale sia il montascale più idoneo alla persona e più congruo alle esigenze. Questa valutazione è spesso legata a fattori tecnici, strutturali o di costo che fanno propendere per un certo ausilio anche se non è il più idoneo. In altri casi è importante poter avere a disposizione una ampia gamma di ipotetiche soluzioni sulle quali operare una scelta. Le maggiori aziende del settore mettono a disposizione i loro tecnici, a titolo gratuito, per poter svolgere sopralluoghi e, in base alle possibili soluzioni, proporre dei preventivi di fattibilità e di costi. L'ideale sarebbe che fossero operatori non legati ad aziende a svolgere questo tipo di valutazione, operatori dei centri di riabilitazione, operatori di centri consulenza ausili ecc... Purtroppo non sempre ciò è possibile però ritengo sia una strada da percorrere onde evitare il rischio che una soluzione sia proposta per interesse commerciale e non come effettiva soluzione legata alle esigenze dell'utilizzatore. La fornitura Il Nomenclatore Tariffario delle Protesi, lo strumento che regola la fornitura degli ausili a carico del Servizio Sanitario Nazionale, prevede la possibilità di fornitura di "montascale mobile a cingoli" e di "montascale a ruote". Questi dispositivi possono essere forniti a persone non deambulanti e dimoranti in edifici sprovvisti di ascensore idoneo, "serviti da scale non superabili mediante installazione di una rampa di cui al Decreto del Ministero dei Lavoro Pubblici del 14 agosto 1989, n.236; oppure di barriere architettoniche interne all'abitazione". Oltre alla prescrizione è necessaria un'indagine sociale che dovrà attestare l'assoluta indispensabilità di tale ausilio. Questa norma permette quindi, a chi ne fa richiesta e previa rispondenza dei requisiti richiesti, di poter avere in fornitura questo tipo di ausili. I montascale rientrano fra quei prodotti acquistati direttamente dalle Aziende ULS e dati in comodato d'uso ai cittadini che ne abbiano diritto. Per quanto riguarda invece i servoscala e le piattaforme elevatrici, è consigliabile fare riferimento ai contributi previsti dalla legge 13/1989 per l'eliminazione o il superamento delle barriere architettoniche. La richiesta va inoltrata al comune dove è sito l'immobile interessato dall'intervento prima di iniziare i lavori. Alcune regioni, poi, prevedono contributi ulteriori rispetto alla legge 13 citata. Bisogna infine ricordare che gli interventi di istallazione di servoscala o piattaforme elevatrici rientra fra quelli su cui è possibile detrarre in denuncia dei redditi il 36% della spesa sostenuta. In questo caso la prima condizione da ricordare è la trasmissione - prima dell'inizio dei lavori - al Centro di Servizio delle imposte dirette e indirette competente della comunicazione preventiva relativa all'unità immobiliare su cui si intende fruire della detrazione.

SOLUZIONI PER L ABBATTIMENTOL DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

SOLUZIONI PER L ABBATTIMENTOL DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE SOLUZIONI PER L ABBATTIMENTOL DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Vimec s.r.l. Via Parri, 7 42045 Luzzara (RE) Tel. +39 0522 970666 Fax +39 0522 970677 www.vimec.biz comm@vimec.biz 1 Dislivelli in genere BARRIERE:

Dettagli

SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO

SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta per la Fornitura e affidamento del servizio di gestione manutentiva e di logistica distributiva di montascale di proprietà delle AA.SS.LL. della Regione Liguria

Dettagli

SCHEDA REQUISITI AUSILI

SCHEDA REQUISITI AUSILI ALLEGATO F4) SCHEDA REQUISITI AUSILI Procedura aperta per la Fornitura e affidamento del servizio di gestione manutentiva e di logistica distributiva di montascale di proprietà delle AA.SS.LL. della Regione

Dettagli

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Spesso le abitazioni private non sono completamente accessibili per coloro che si spostano con una carrozzina o che comunque hanno difficoltà nella

Dettagli

Ausili e nuove tecnologie per il superamento delle barriere verticali

Ausili e nuove tecnologie per il superamento delle barriere verticali Ausili e nuove tecnologie per il superamento delle barriere verticali Lucia Sciuto Terapista Occupazionale (Bologna) Barriere Verticali Il superamento delle barriere verticali per accedere alle abitazioni

Dettagli

STANDARD JUNIOR 2 MINI RAMP RAMP PLUS 2006 JUNIOR PLUS 2006 BREVETTATO

STANDARD JUNIOR 2 MINI RAMP RAMP PLUS 2006 JUNIOR PLUS 2006 BREVETTATO d a l 1 9 7 8 STANDARD JUNIOR 2 MINI RAMP RAMP PLUS 2006 JUNIOR PLUS 2006 TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE JOLLY Jolly è un montascale

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

J O L LY STANDARD 27000 U N I TA' VENDUTE RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.

J O L LY STANDARD 27000 U N I TA' VENDUTE RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12. J O L LY STANDARD RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.003 PRODOTTO IN ITALIA Reg. n. 6130 UNI EN ISO 9001 : 2008 O LT R E 27000 U N I TA'

Dettagli

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma Fidenza, 21 Febbraio 2013 Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche BARRIERE SOCIALI

Dettagli

PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Carrozzine elettroniche e ausili per la mobilità esterna

PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Carrozzine elettroniche e ausili per la mobilità esterna PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Carrozzine elettroniche e ausili per la mobilità esterna Antonio Caracciolo Servizio DAT Centro IRCCS S.Maria Nascente Fondazione Don Carlo

Dettagli

SCOIATTOLO. 30 anni di grande successo RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.

SCOIATTOLO. 30 anni di grande successo RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12. 2000 SCOIATTOLO Reg. n. 6130 UNI EN ISO 9001 : 2008 PRODOTTO IN ITALIA RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.006 30 anni di grande successo

Dettagli

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente Scheda CORSO TEORICO ausili PRATICO SULLA VALUTAZIONE DEGLI AUSILI PER IL MIGLIORAMENTO DELL APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili

Dettagli

GLI IMPIANTI PER ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

GLI IMPIANTI PER ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova CONSULTA COMUNALE E PROVINCIALE PER I PROBLEMI DEGLI HANDICAPPATI - GENOVA PROGETTARE PER TUTTI Corso di Formazione Professionale per una Progettazione

Dettagli

NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI...

NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI... NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI... ASCENSORI I nostri ascensori utilizzano le tecnologie più avanzate e innovative per conseguire elevati standard di affidabilità, sicurezza, comfort di marcia e rispetto

Dettagli

Progettare per tutti Seminario Peccioli, 23 novembre 2012

Progettare per tutti Seminario Peccioli, 23 novembre 2012 L uso degli ausili per la mobilità negli edifici pubblici e privati di Stefano Maurizio (architetto; titolare dell'omonimo studio di architettura presso Marcon - Venezia; componente del CERPA Italia Onlus

Dettagli

V64 V65. Servoscale con pedana

V64 V65. Servoscale con pedana V64 V65 Servoscale con pedana V64 Servoscala con pedana a guida rettilinea I servoscala con piattaforma di Vimec rappresentano le soluzioni ideali per assicurare accessibilità a tutte le strutture abitative

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

Contributi e Detrazioni Fiscali. Indice

Contributi e Detrazioni Fiscali. Indice Contributi e Detrazioni Fiscali Indice Contributi per l abbattimento delle barriere architettoniche Detrazioni fiscali per abbattimento barriere architettoniche e per ristrutturazioni edilizie Aliquota

Dettagli

DOMUSTAIR LINEA DOMUS DOMUSLIFT DOMUSPLAT. Soluzioni per l abbattimento delle barriere architettoniche

DOMUSTAIR LINEA DOMUS DOMUSLIFT DOMUSPLAT. Soluzioni per l abbattimento delle barriere architettoniche LINEA DOMUS Soluzioni per l abbattimento delle barriere architettoniche DOMUSLIFT DOMUSPLAT DOMUSTAIR DOMUSLIFT L elevatore personale! DOMUSLIFT è l elevatore pensato per risolvere le esigenze di mobilità

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

V64-V65 Servoscale con pedana

V64-V65 Servoscale con pedana V64-V65 Servoscale con pedana SEMPLICI DA USARE SICURE E AFFIDABILI CONSEGNA RAPIDA I servoscala con piattaforma Questi prodotti Vimec rappresentano le soluzioni ideali per assicurare accessibilità a tutte

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

Associazione Crescere

Associazione Crescere Associazione Crescere Gli Incontri del Sabato: AGEVOLAZIONI FISCALI PER L ADATTAMENTO DELLA CASA Bologna 29 gennaio 2011 Relazione della dr. Giulia Dolcetta 1 QUALI INTERVENTI? STRUTTURALI AUTOMAZIONI

Dettagli

escalino Il pratico montascale Superare le scale facilmente e in sicurezza www.aat-online.de

escalino Il pratico montascale Superare le scale facilmente e in sicurezza www.aat-online.de Il pratico montascale escalino Superare le scale facilmente e in sicurezza www.aat-online.de Le scale o i singoli gradini possono presentarsi come barriere architettoniche insuperabili. Con il montascale

Dettagli

Accessibilità. Una soluzione per ogni barriera. I Montascale Mobili T09 Roby T10 Scalacombi

Accessibilità. Una soluzione per ogni barriera. I Montascale Mobili T09 Roby T10 Scalacombi Accessibilità Una soluzione per ogni barriera I Montascale Mobili T09 Roby T10 Scalacombi T09 Roby T09 Roby il montascale mobile a cingoli al top per comfort e sicurezza. Roby consente alle persone in

Dettagli

www.siva.it Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service AUSILI PER IL BAGNO

www.siva.it Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service AUSILI PER IL BAGNO SIVA Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service www.siva.it AUSILI PER IL BAGNO Antonio Caracciolo Terapista della Riabilitazione SIVA (Servizio Informazione

Dettagli

A c c e s s i b i l i t à U n a s o l u z i o n e p e r o g n i b a r r i e r a. Montascale Mobili T09 Roby

A c c e s s i b i l i t à U n a s o l u z i o n e p e r o g n i b a r r i e r a. Montascale Mobili T09 Roby A c c e s s i b i l i t à U n a s o l u z i o n e p e r o g n i b a r r i e r a Montascale Mobili T09 Roby T09 Roby T09 Roby il montascale mobile a cingoli al top per comfort e sicurezza. Roby è il montascale

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

Accessibilità Una soluzione per ogni barriera. Montascale Mobili T09 Roby T06 Comfort

Accessibilità Una soluzione per ogni barriera. Montascale Mobili T09 Roby T06 Comfort Accessibilità Una soluzione per ogni barriera Montascale Mobili T09 Roby T06 Comfort T09 Roby T09 Roby il montascale mobile a cingoli al top per comfort e sicurezza. Roby è il montascale mobile a cingoli

Dettagli

Accessibilità Una soluzione per ogni barriera. Montascale Mobili T09 Roby T06 Comfort

Accessibilità Una soluzione per ogni barriera. Montascale Mobili T09 Roby T06 Comfort Accessibilità Una soluzione per ogni barriera Montascale Mobili T06 Comfort Ergonomico e funzionale Le caratteristiche del montascale mobile Roby sono tutte rivolte all assistito ed al suo operatore. Ad

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

T09 T10. Roby Scalacombi. I montascale mobili

T09 T10. Roby Scalacombi. I montascale mobili T09 T10 Roby Scalacombi I montascale mobili T09 Roby T09 Roby il montascale mobile a cingoli al top per comfort e sicurezza. Roby consente alle persone in carrozzina di superare le barriere architettoniche,

Dettagli

Capri. La poltroncina elegante, comoda e sicura. www.vimec.biz

Capri. La poltroncina elegante, comoda e sicura. www.vimec.biz Capri La poltroncina elegante, comoda e sicura www.vimec.biz Capri Il servoscala con poltroncina ideale per il comfort della persona e l eleganza della scala Facilità di utilizzo Salita e discesa: una

Dettagli

Accessibilità Una soluzione per ogni barriera. Servoscale con pedana V64 a guida rettilinea V65 a guida curvilinea

Accessibilità Una soluzione per ogni barriera. Servoscale con pedana V64 a guida rettilinea V65 a guida curvilinea Accessibilità Una soluzione per ogni barriera Servoscale con pedana V64 a guida rettilinea V65 a guida curvilinea V64 I servoscala con piattaforma di Vimec rappresentano le soluzioni ideali per assicurare

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ESERCIZI COMMERCIALI Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE IN PRESENZA DI PARCHEGGIO PRIVATO, E PRESENTE

Dettagli

T09 ROBY T10 SCALACOMBI

T09 ROBY T10 SCALACOMBI T09 ROBY T10 SCALACOMBI MONTASCALE MOBILI SEMPLICI DA USARE SICURI E AFFIDABILI CONSEGNA RAPIDA T09 ROBY T09 Roby è il montascale mobile a cingoli al top per comfort e sicurezza. Roby consente alle persone

Dettagli

CAPRI POLTRONCINA MONTASCALE COMODA E SICURA INGOMBRI MINIMI CONSEGNA RAPIDA

CAPRI POLTRONCINA MONTASCALE COMODA E SICURA INGOMBRI MINIMI CONSEGNA RAPIDA CAPRI POLTRONCINA MONTASCALE COMODA E SICURA INGOMBRI MINIMI CONSEGNA RAPIDA Capri Grazie alla sua tecnologia e alla guida curvilinea, si distingue per compattezza, eleganza e solidità. Capri è la poltroncina

Dettagli

DomuStair. Montascale a poltroncina

DomuStair. Montascale a poltroncina DomuStair DomuStair Montascale a poltroncina 1966 1972 IGV nasce a Milano, fondata dall Ingegnere Giuseppe Volpe Pubblica il primo numero di Elevatori, ancora oggi rivista di riferimento nel settore della

Dettagli

Meglio un montascale a pedana portacarrozzine o un elevatore in verticale?

Meglio un montascale a pedana portacarrozzine o un elevatore in verticale? Le vostre domande Lo scooter elettrico è una carrozzina per disabili? Che cos'è un sollevapersone? Meglio un montascale a pedana portacarrozzine o un elevatore in verticale? Una piattaforma elevatrice

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO TAVOLA: 9 COMUNE DI SANSEPOLCRO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO Edificio Via N. Aggiunti n. 90 TITOLO TAVOLA: ASSEVERAZIONE L. 13/89 COMMITTENTE: FINTRUCKS S.p.a Ing. Bacchi Camillo PROGETTISTA: Dott. ENRICO

Dettagli

AZIENDA CON SISTEMA DI QUALITA CERTIFICATO SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 9001:2800 LLOYD S REGISTER QUALITY ASSURANCE APPROVAZIONE NR.

AZIENDA CON SISTEMA DI QUALITA CERTIFICATO SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 9001:2800 LLOYD S REGISTER QUALITY ASSURANCE APPROVAZIONE NR. MONTASCALE A RUOTE CARROZZINA MOD. LG 2030 PER IMMISSIONE IN COMMERCIO ANNO 2014 PEZZI DI RICAMBIO FACILMENTEREPERIBILI SUL MERCATO E DISPONIBILI PER 10 ANNI CLASSIFICAZIONE ISO 18.30.12.006 - CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Fisioterapista Glenda Rigoni Il vero fare per gli altri è mettere gli altri in condizione di fare da soli EQUAZIONE DELLE 4 A Ambiente accessibile

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

Ascensori e montascale

Ascensori e montascale Ascensori e montascale Specializzata nel superamento delle barriere architettoniche, Spim è un punto di riferimento nel campo degli ascensori, dei miniascensori, dei montascale sia fissi che trasferibili,

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA smartstair100 minielevatore per corse fino a 100 cm (scheda tecnica ss100.002 del 27/3/2015)

SCHEDA TECNICA smartstair100 minielevatore per corse fino a 100 cm (scheda tecnica ss100.002 del 27/3/2015) SCHEDA TECNICA smartstair100 minielevatore per corse fino a 100 cm (scheda tecnica ss100.002 del 27/3/2015) Il Microelevatore SmartStair100 è un piccolo elevatore per il superamento delle barriere architettoniche

Dettagli

MOBILITY - HOME - OUTDOOR

MOBILITY - HOME - OUTDOOR MOBILITY - HOME - OUTDOOR con NOI P.2 che operiamo in tutta Italia da oltre 10 anni con più di 5.000 impianti installati. puoi MUOVERTI P.4 CON NOI PUOI MUOVERTI A CASA E FUORI attraverso sistemi innovativi

Dettagli

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma.

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma. Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4 comma. Individuazione dei criteri in base ai quali il Servizio Lavori Pubblici degli Enti

Dettagli

Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97)

Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97) Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97) 1. Finalità La Legge regionale n.29/97, al fine di limitare le situazioni di dipendenza assistenziale e per

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Anche un solo gradino all ingresso può compromettere l accessibilità del locale alle persone che utilizzano la carrozzina. ACCESSIBILITÀ

Dettagli

C A IA BREVETT BREVET AT TA O

C A IA BREVETT BREVET AT TA O TECN CNOL OLOG OGIA C HE SER ERVE BREVETTATO d a l 1 9 7 8 TECN CNOL OLOG OGIA CHE SER ERVE T ECNO NOLO LOGI A CHE SERV RVE TECN CNOL OLOG OGIA CHE S ERVE T ECNO NOLO LOGI A CH E SERV RVE SCOIATTOLO Scoiattolo,

Dettagli

ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi

ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi 172 ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi 173 ELENCO N. 3: Tavola di corrispondenza fra sistemi di classificazione FAMIGLIE

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI sala polivalente/cento sociale ricreativo utilizzo di cicli Schema tratto da AA.VV., Enciclopedia pratica per PROGETTARE COSTRUIRE 8 ed. - Hoepli. pag. 28 ERGONOMIA E DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Montascale universale

Montascale universale Montascale universale Sicuro e confortevole sulle scale www.aat-online.de La mobilità è un aspetto molto importante della qualità della vita. Per questo motivo la sua libertà di movimento non deve essere

Dettagli

www.obiettivosicurezza.si dott Alessandro Diviacco

www.obiettivosicurezza.si dott Alessandro Diviacco INTRODUZIONE: L'accessibilità in Italia si fonda sulla Costituzione, ma la normativa che disciplina l'accessibilità e l'abbattimento delle barriere architettoniche è la Legge 13/89, che stabilisce i termini

Dettagli

VANTAGGI FISCALI. Detrazioni

VANTAGGI FISCALI. Detrazioni VANTAGGI FISCALI L'acquisto di un montascale a poltroncina o di una piattaforma elevatrice per l'utilizzo in abitazioni private gode di agevolazioni e benefici fiscali in quanto bene finalizzato all'abbattimento

Dettagli

Capri. Servoscala con poltroncina a guida curva

Capri. Servoscala con poltroncina a guida curva I Capri Servoscala con poltroncina a guida curva Il servoscala Capri è un prodotto Vimec, nella continuità di una reputazione trentennale. Caratterizzato da un design innovativo ed ergonomico che lo rende

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

BARRIERE VERTICALI. La situazione, le soluzioni

BARRIERE VERTICALI. La situazione, le soluzioni BARRIERE VERTICALI La situazione, le soluzioni INdice Accessibilità. La situazione attuale 3 Le parole chiave 4 Edilizia pubblica o aperta al pubblico 7 Edilizia residenziale 9 Barriere verticali 10 I

Dettagli

LINEA DOMUS. Liberi dalle scale. DomusLift DomuStair DomusPlat

LINEA DOMUS. Liberi dalle scale. DomusLift DomuStair DomusPlat LINEA DOMUS Liberi dalle scale DomusLift DomuStair DomusPlat DOMUSLIFT L elevatore personale DomusLift è l elevatore pensato per risolvere le esigenze di mobilità verticale negli edifici pubblici e privati.

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale.

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale. Riiepiillogo delllla normatiiva speciifiica per ii Montascalle e lle Piiattaforme ellevatriicii LEGGE 13/89 La prima legge italiana emessa riguardante specificatamente l abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

architetto STEFANO MARTINUZZI Centro Adattamento Ambiente Domestico BOLOGNA

architetto STEFANO MARTINUZZI Centro Adattamento Ambiente Domestico BOLOGNA PROGETTARE L ACCESSIBILITA PER L ABOLIZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE 27 Aprile 25 Maggio 2011 Auditorium Casa del giovane, Via Gavazzeni 13, BERGAMO 1 BARRIERE ARCHITETTONICHE... SOGGETTI di BARZELLETTE

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO.

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. All. n. 1 Deliberazione n. 2008 06681/38 CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. ARTICOLO 31, comma 5, DEL REGOLAMENTO EDILIZIO DELLA

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Aventi diritto alle prestazioni ANFFAS Brescia Onlus ASSISTENZA PROTESICA 1) invalidi civili (con valutazione superiore al 33%), di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti 2) minori di anni 18 che necessitano

Dettagli

Guida alle agevolazioni previste ai soggetti beneficiari della Legge 80/06

Guida alle agevolazioni previste ai soggetti beneficiari della Legge 80/06 COORDINAMENTO ATTIVITA SOCIALI S.S. MEDICINA LEGALE Guida alle agevolazioni previste ai soggetti beneficiari della Legge 80/06 Lo Stato italiano eroga prestazioni e servizi di tipo assistenziale e previdenziale

Dettagli

In particolare dall imposta lorda a carico del contribuente è possibile detrarre:

In particolare dall imposta lorda a carico del contribuente è possibile detrarre: Introduzione L acquisto di ausili quale servoscale (es.montascale OtoLift), piattaforme elevatrici per l utilizzo in abitazioni private, in quanto considerati mezzi finalizzati all abbattimento delle barriere

Dettagli

Comune di Cesenatico

Comune di Cesenatico Comune di Cesenatico Provincia di Forlì Cesena Settore Servizi alla Persona, Turismo e Sport Ufficio Servizi Sociali Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art.10

Dettagli

NORMATIVA SULL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI CONDOMINI

NORMATIVA SULL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI CONDOMINI NORMATIVA SULL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI CONDOMINI La legge dedicata all eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati,

Dettagli

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO

L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO Mercoledì 16 ottobre 1996 L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO PREMESSA Tutti i provvedimenti che oggi fanno parte dell intero quadro di normative che regolamentano i comportamenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

SCHEDA TECNICA MONTASCALE MOBILE MOD.T09 ROBY. Sistema mobile di trasporto per persona in carrozzina

SCHEDA TECNICA MONTASCALE MOBILE MOD.T09 ROBY. Sistema mobile di trasporto per persona in carrozzina MONTASCALE MOBILE A CINGOLI MOD. T09 ROBY STANDARD Cod. Ex D.M. 28/12/92: 22.41.020 Cod. ISO ex D.M. n. 332/99: 18.3012.003 SCHEDA TECNICA MONTASCALE MOBILE MOD.T09 ROBY Sistema mobile di trasporto per

Dettagli

T09 T10. R oby S calaco m b i. I mo nta sc a le mo bi li

T09 T10. R oby S calaco m b i. I mo nta sc a le mo bi li T09 T10 R oby S calaco m b i I mo nta sc a le mo bi li T09 Roby T09 Roby il montascale mobile a cingoli al top per comfort e sicurezza. architettoniche, siano esse interne o esterne al fabbricato e ne

Dettagli

Capri. La poltroncina elegante, comoda e sicura

Capri. La poltroncina elegante, comoda e sicura M o b i l i t à M u o v e r s i i n p i e n a i n d i p e n d e n z a Capri La poltroncina elegante, comoda e sicura Capri Il servoscala con poltroncina ideale per il comfort della persona e l eleganza

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE Corso di Formazione teorico-pratico 8 febbraio 2013 L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE SAV e CTVAI DUE PROGETTI PER L AUTONOMIA arch. Tiziana Cretti 1 il Il Servizio

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002 Fonte: Progettare per tutti senza barriere architettoniche, Maggioli editore, Rimini 1997 Titolo: SICUREZZA E RACCORDI CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO Prof. Arch. Fabrizio Vescovo SICUREZZA E RACCORDI CON

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

Centro di I livello per l adattamento dell ambiente domestico del Comune di REGGIO NELL EMILIA Via F.lli Cervi n. 70 Tel. 0522/585540 Fax 0522/585582

Centro di I livello per l adattamento dell ambiente domestico del Comune di REGGIO NELL EMILIA Via F.lli Cervi n. 70 Tel. 0522/585540 Fax 0522/585582 Assessorato alle Politiche Sociali. Immigrazione. Progetto giovani.cooperazione internazionale Centro di I livello per l adattamento dell ambiente domestico del Comune di REGGIO NELL EMILIA Via F.lli Cervi

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Il superamento delle barriere architettoniche

Il superamento delle barriere architettoniche Il superamento delle barriere architettoniche Penalizzato il quorum dalla riforma del condominio - Se l assemblea temporeggia - Servoscala, rampa e ascensore - Contributi e informazioni Maggioranza più

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria degliausili Come orientarsi nel mondo Sommario GLI AUSILI 6 CHE COS È UN AUSILIO? 6 A CHI PUÒ ESSERE NECESSARIO UN AUSILIO? 7 COME OTTENERE UN AUSILIO? 7 DOVE

Dettagli

Mobilità Muoversi in piena indipendenza. Ischia. La poltroncina confortevole e semplice da usare V53. La poltroncina robusta, pratica e sicura

Mobilità Muoversi in piena indipendenza. Ischia. La poltroncina confortevole e semplice da usare V53. La poltroncina robusta, pratica e sicura Mobilità Muoversi in piena indipendenza Ischia La poltroncina confortevole e semplice da usare V53 La poltroncina robusta, pratica e sicura Ischia La poltroncina confortevole e semplice da usare ISCHIA

Dettagli

Elevatore. Easy Move. Comodo, silenzioso, elegante.

Elevatore. Easy Move. Comodo, silenzioso, elegante. Elevatore Easy Move Comodo, silenzioso, elegante. EASY MOVE Occupa solo lo spazio necessario per garantire comfort e sicurezza per l utilizzatore Diverse opportunità di personalizzazione Adatto sia alle

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA SCHEDA TECNICA N.08 BAR.ARCH.2010_UPagina 1 di 13 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA GRUPPO DIPARTIMENTALE NIP CAMPO CONTENUTO N. 08 GIUGNO 2010 OGGETTO DESCRIZIONE SCOPO ELEMENTI DI SCELTA VINCOLI LEGISLATIVI

Dettagli

Il Centro Provinciale per l Adattamento dell Ambiente Domestico

Il Centro Provinciale per l Adattamento dell Ambiente Domestico Il Centro Provinciale per l Adattamento dell Ambiente Domestico Un abitare di qualità, per tutti A.S. Annalisa Rolli Come nasce il Centro Delibera Consiglio Regionale n.514/2003 I Centri di informazione

Dettagli

Stairiser BC. piattaforma automatica

Stairiser BC. piattaforma automatica Stairiser BC piattaforma automatica Stairiser BC. L esperienza e l innovazione del numero 1 nel mondo. Stairiser BC è una piattaforma montascale per rampe diritte completamente automatica. E innovativa

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni tecniche di riferimento sono contenute nella circolare ministeriale

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca dimensionamento tavoli per lettura/consultazione testi e ricerca per biblioteca o

Dettagli

Le parole chiave della mobilità

Le parole chiave della mobilità Le parole chiave della mobilità Nella normativa a favore dell' eliminazione delle barriere architettoniche esistono alcuni termini che rivestono una particolare importanza rispetto al concetto ed al diritto

Dettagli

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi Finanziamenti e contributi I contributi per abbattimento barriere architettoniche e acquisto di presidi e ausili Silvia Pellegrini (Comune di Parma) Rappresentano un opportunità per i cittadini che devono

Dettagli