COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PROVINCIA DI AREZZO PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PROVINCIA DI AREZZO PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI"

Transcript

1 PROVINCIA DI AREZZO PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI approvato con atto n. 18/CC del in vigore dal

2 Art. 1. Legislazione di riferimento CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Le norme contenute nel presente Piano integrano le disposizioni del vigente Regolamento comunale per la disciplina delle entrate tributarie Imposta di pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni, del vigente Codice della Strada e relativo Regolamento di attuazione e successive modifiche ed integrazioni. 2. Costituiscono norme di rinvio del presente Piano: - D.Lgs. n. 285 del Nuovo Codice della Strada. Pubblicato nella G.U. 18 Maggio 1992 n. 114, S.O. ; - D.P.R. n. 495 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada. Pubblicato nella G.U. del 28 Dicembre 1992, n. 303, S.O. - D.Lgs. n. 360 del Disposizioni correttive ed integrative del Codice della Strada, approvato con decreto legislativo 30 aprole 1992, n Pubblicato nel Suppl. ordinario alla G.U., n. 217 del 15 settembre. - D.P.R. n. 610 del Regolamento recante modifiche al D.P.R. 16 Dicembre 1992, n. 495, concernenteil regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada. - Legge n. 472 del Interventi nel settore dei trasporti.; - D.Lgs. n. 507 del Revisione ed armonizzazione dell imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, della tassa per l occupazione di spazi ed aree pubbliche dei comuni e delle provincie nonché della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani a norma dell art. 4 della legge 23 ottobre 1992, n. 421, concernente il riodino delle finanze territoriale. Pubblicato nella G.U. n. 288 del S.O. n. 108.; - Legge n. 388 del Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato( legge finanziaria 2001).Pubblicato nel S.O. n. 302 alla G.U. 29dicembre 2000, n D. Lgs. n. 42 del 22 gennaio Codice dei beni culturali e del paesaggio ai sensi dell art. 10 della legge 6 luglio 2002, n Pubblicato nel S.O. n. 28 della G.U. del 24 febbraio 2004, n Regolamento comunale per la disciplina delle entrate tributarie Imposta di pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni - Delimitazione dei centri abitati. Art. 2. Oggetto e campo di applicazione del Piano generale degli Impianti Pubblicitari 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari, indicato anche Piano, nel rispetto della vigente normativa, disciplina la tipologia e la grafica degli impianti pubblicitari e delle insegne d esercizio dell intero territorio comunale. 2. Il Piano disciplina inoltre, solo all interno della delimitazione dei centri abitati, il posizionamento degli impianti pubblicitari mediante l individuazione delle deroghe al Codice della Strada. Art. 3. Definizioni generali 1.Elementi di riferimento di primaria importanza per il Piano sono la perimetrazione dei centri abitati, riportata anche nella cartografia allegata, e le aree sottoposte a vincolo ambientale e storico-artistico; le successive variazioni alla delimitazione dei centri abitati o ai vincoli sono recepite integralmente ed automaticamente. 2

3 2. Il Piano disciplina l installazione degli impianti pubblicitari suddividendoli per le seguenti tipologie d uso: a) Impianti di Pubblicità Esterna (PE) o ordinaria, ovvero gli impianti a carattere permanente o temporaneo, di proprietà privata, destinati alla pubblicità esposta anche mediante supporti realizzati in materiale di qualsiasi natura. b) Impianti di Pubblica Affissione (PA), ovvero gli impianti di proprietà comunale atti a supportare comunicazioni, affisse mediante sovrapposizione di manifesti cartacei, inerenti: affissioni di natura istituzionale e affissioni di natura culturale, sportiva, sociale o comunque prive di natura commerciale; affissioni di carattere commerciale; affissioni di manifesti funebri. c) Impianti di Affissione Diretta (AD), ovvero gli impianti di proprietà privata sui quali vengono esposte comunicazioni di tipo commerciale, affisse mediante sovrapposizione di manifesti cartacei. d) Insegne d esercizio, ovvero impianti, installati nella sede dell attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa, realizzati e supportati con materiale di qualsiasi natura. 3. Le installazioni pubblicitarie si distinguono in: - Installazioni pubblicitarie permanenti: qualsiasi forma di pubblicità recante messaggio pubblicitario, realizzata con strutture fisse, vincolate al suolo o a parete da idonea struttura di sostegno, la cui collocazione ha durata superiore a tre mesi; - Installazioni pubblicitarie temporanee: qualsiasi forma di pubblicità recante messaggio pubblicitario, realizzata con strutture mobili installate per una durata non superiore a tre mesi. Art. 4. Zonizzazione 1. Il territorio comunale è suddiviso in: 1. Zone comprese all interno del perimetro dei centri abitati: A. Centri storici, zone di interesse storico-artistico e di valore ambientale; B. Restante parte del centro abitato. 2. Zone esterne ai centri abitati. 2. La zonizzazione è evidenziata nella cartografia allegata che fa parte integrante del Piano. 3. Le zone di cui al precedente comma - p.to 1 - si individuano nelle frazioni di: Civitella in Val di Chiana Tuori Viciomaggio Pieve a Maiano Pieve al Toppo Tegoleto Badia al Pino Albergo Oliveto Ciggiano Spoiano Art. 5. Classificazione dei mezzi pubblicitari 1. I mezzi pubblicitari sono classificati così come risulta nelle schede di seguito riportate. 3

4 Impianti permanenti Tipologie di manufatti Definizione Insegna di esercizio Insegna di esercizio Scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da marchi, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede dell attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta Preinsegna Preinsegna Scritta in caratteri alfanumerici, completata da freccia di orientamento, ed eventualmente da simboli e da marchi, realizzata su manufatto bifacciale e bidimensionale, utilizzabile su una sola o su entrambe le facce, supportato da una idonea struttura di sostegno, finalizzata alla pubblicizzazione direzionale della sede dove si esercita una determinata attività ed installata in modo da facilitare il reperimento della sede stessa e comunque nel raggio di 5 km. Non può essere luminosa, né per luce propria, né per luce indiretta. Cartello Cartello Cartello a messaggio mobile Tabella murale Tabella a messaggio mobile Poster Poster a muro Manufatto bidimensionale supportato da una idonea struttura di sostegno, con una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici sia direttamente, sia tramite sovrapposizione di altri elementi, quali manifesti, adesivi, ecc Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta Impianto pubblicitario di servizio Pensilina fermata bus Impianto pubblicitario di servizio (Transenna parapedonale Orologio) Manufatto avente quale scopo primario un servizio di pubblica utilità nell ambito dell arredo urbano e stradale recante uno spazio pubblicitario che può essere luminoso sia per luce diretta che per luce indiretta 4

5 Impianto di pubblicità o propaganda Trespolo polifacciale o Totem Manufatto finalizzato alla pubblicità o alla propaganda sia di prodotti che di attività e non individuabile secondo definizioni precedenti, né come insegna di esercizio, né come preinsegna, né come cartello, né come striscione, locandina o stendardo, né come segno orizzontale reclamistico, né come impianto pubblicitario di servizi. Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta Striscione, stendardo locandina, Impianti temporanei Tipologie di manufatti Striscione Locandina Stendardo Mezzo pubblicitario pittorico Definizione Elemento bidimensionale, realizzato in materiale di qualsiasi natura, privo di rigidezza, mancante di una superficie di appoggio o comunque non aderente alla stessa. Può essere luminoso per luce indiretta. La locandina, se posizionata sul terreno, può essere realizzata anche in materiale rigido 5

6 Art. 6. Caratteristiche generali e norme tecniche 1. Tutti gli impianti pubblicitari devono rispondere ad un unico criterio progettuale che tenga conto delle seguenti caratteristiche costruttive ed estetiche: - le strutture portanti (montanti o sostegni in genere) devono essere realizzate in metallo (alluminio, ferro, ghisa) verniciato con polveri epossidiche, in colore grigio ferro, previo trattamento di zincatura o ossidazione elettrolitica; - le parti di impianto destinate ad accogliere le affissioni devono essere dotate di una cornice metallica e costituite da una plancia in lamiera zincata; - le vetrine apribili (siano esse luminose o no) devono essere chiuse con vetro stratificato di spessore minimo 6 mm. o con policarbonato tipo LEXAN di spessore minimo 5 mm. e dotate di serratura. 2. I cartelli e gli altri mezzi pubblicitari, luminosi e non luminosi, devono essere realizzati con materiali non deperibili; le strutture di sostegno e di fondazione devono essere calcolate per resistere alla spinta del vento, saldamente realizzate ed ancorate, sia globalmente che nei singoli elementi. 3. Tutti i mezzi pubblicitari devono avere sagoma regolare, che in ogni caso non può essere quella di disco e di triangolo, e non deve generare confusione con la segnaletica stradale. 4. Il sistema di illuminazione deve essere realizzato a luce diretta, indiretta o riflessa, e comunque in conformità alle norme per la sicurezza degli impianti, ed alle prescrizioni del Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada. 5. I cartelli e gli altri mezzi pubblicitari, luminosi e non luminosi, devono essere realizzati in materiale avente le caratteristiche di consistenza, durevolezza, sicurezza e resistenza agli agenti atmosferici e dovranno risultare rifiniti anche sulla parte retrostante (anche se visibile solo parzialmente alla pubblica vista). 6. Le sorgenti luminose, i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari posti fuori dai centri abitati, lungo o in prossimità delle strade dove ne è consentita l installazione, devono essere conformi a quanto prescrive il Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada. 7. La pubblicità su ponteggi di cantiere ed altre strutture di servizio di pertinenza deve avere la caratteristica di impianto di pubblicità, che può essere luminoso per luce propria o per luce indiretta, ovvero di gigantografia su tela avente dimensione non superiore al 50% del prospetto dell edificio su cui insiste, garantendo le condizioni di abitabilità nel caso in cui l immobile fosse abitato. 8. Nei cantieri non è consentita l affissione direttamente sulle recinzioni, siano esse realizzate con steccati o lamiere ondulate; l affissione è consentita solamente su plance realizzate in lamiera e dotate di cornice, poste in opera in sicurezza, che devono essere collocate in modo ordinato. Art. 7. Disciplina per l installazione degli impianti pubblicitari 1. L installazione degli impianti pubblicitari all interno del centro abitato è disciplinata dall Abaco delle distanze; esternamente al centro abitato deve rispettare i disposti del Codice della Strada. 2. Eventuali impianti ricadenti nelle aree di confine tra Zona A e Zona B, con riferimento alla zonizzazione di cui al presente Piano, debbono sottostare alla normativa più restrittiva. 3. L Amministrazione comunale può consentire l esecuzione di progetti particolareggiati interessanti specifiche porzioni del centro abitato. 4. Tali progetti devono essere realizzati in conformità ad un unico progetto coerente con le caratteristiche descritte all art. 6 del presente Piano. Art. 8. Limitazioni e divieti 1. La collocazione di impianti pubblicitari nei luoghi sottoposti a vincolo di tutela di bellezze naturali, paesaggistiche e ambientali od in prossimità di essi è subordinata all approvazione da parte degli Enti competenti sulla compatibilità della collocazione. 2. La collocazione di impianti pubblicitari sugli immobili, nei luoghi di interesse storico ed artistico od in prossimità di essi, è subordinata all approvazione da parte della Soprintendenza sulla compatibilità della collocazione. 6

7 3. L uso dei colori, del colore rosso e di particolari abbinamenti cromatici non deve generare confusione con la segnaletica stradale; ed in particolare è da evitare che il colore utilizzato per i cartelli o per gli altri mezzi pubblicitari costituisca sfondo di segnali stradali, causandone una scarsa percettibilità. 4. Il posizionamento dei mezzi pubblicitari in genere deve avvenire in modo tale da consentire sempre la perfetta visibilità, nel senso di marcia, di semafori, incroci, segnali stradali di pericolo, attraversamenti pedonali. 5. Al fine di garantire l abbattimento delle barriere architettoniche, gli impianti posti sui marciapiedi devono sempre garantire un passaggio libero di larghezza non inferiore a 120 cm.. 6. Gli impianti posati diagonalmente rispetto all asse stradale devono rispettare le prescrizioni più restrittive previste nell Abaco delle distanze. 7. E comunque sempre vietata l installazione di mezzi per la pubblicità, permanente o temporanea, in corrispondenza delle intersezioni, lungo le curve nell area della corda interna tracciata tra i due punti di tangenza, in corrispondenza di cunette o dossi, sui cavalcavia e loro rampe, sui parapetti stradali, sulle banchine di sicurezza e sugli altri dispositivi laterali di protezione e di segnalamento, o comunque in modo tale da pregiudicare la sicurezza della circolazione veicolare e pedonale. 8. Non è consentito collocare impianti pubblicitari di qualsiasi genere sul muro di cinta e nella zona di rispetto dei cimiteri, ad eccezione delle pubbliche affissioni riservate esclusivamente ai necrologi. 9. Non è consentito collocare impianti pubblicitari di qualsiasi genere sui fregi, cornici, balaustre, inferriate decorate, elementi architettonici in genere di edifici anche se non vincolati. 10. E vietato utilizzare alberi, impianti di segnaletica stradale e strutture di sostegno dell illuminazione pubblica come supporti pubblicitari. 11. E vietato utilizzare strutture provvisorie per l apposizione di impianti pubblicitari, sia a carattere temporaneo che permanente, ad esclusione della tipologia denominata mezzo pubblicitario pittorico. 12. E vietato collocare impianti pubblicitari di qualsiasi genere o affiggere spazi pubblicitari su cabine delle reti tecnologiche (es. cabine Enel, Telecom, etc ). 13. Non è consentito utilizzare come supporti pubblicitari fioriere, panchine e cestini. 14. Vanno altresì rispettate limitazioni e divieti per le singole tipologie di impianti indicati dal presente Piano Art. 9. Vigilanza e competenze 1. Fatto salvo quanto previsto dal Codice della Strada in materia di vigilanza sulla corretta realizzazione e sull esatto posizionamento dei cartelli e degli altri mezzi pubblicitari, sullo stato di conservazione nonché sulla buona manutenzione dei cartelli e degli altri mezzi pubblicitari oltreché sui termini dei titoli autorizzativi, la violazione delle norme contenute nel presente Piano comporta l applicazione di sanzione amministrativa nella misura indicata al successivo articolo 10 e, ove ricorra il caso, la rimozione dell impianto nei termini indicati, ferma restando la possibilità di effettuare l immediata copertura della pubblicità abusiva. 2. In caso di inottemperanza nel termine fissato, il Comune procede alla rimozione, previa notifica all interessato della relativa ordinanza, addebitando all inadempiente le spese sostenute, 3. La rimozione, anche temporanea, o lo spostamento dell impianto possono essere disposti ed effettuati per sopravvenute ragioni di pubblico interesse, senza che l interessato possa vantare alcun diritto, fatta salva, in caso di rimozione, la cessazione dell obbligo al pagamenti di canoni o tributi. 4. La responsabilità di procedimento per l istallazione degli impianti compete ai Servizi Tecnici e la vigilanza sul territorio ai fini del rispetto della corretta applicazione delle norme del presente Piano è effettuata dal servizio di Polizia Municipale, ferma restando la competenza del Servizio Tributi in materia di tributi e canoni. Art. 10. Sanzioni 1. Fatta salva l applicabilità delle sanzioni previste in materia dal Codice della Strada, dalle norme tributarie, dalle norme sulla tutela dei beni paesistici e ambientali e dalle norme edilizie, chiunque violi le norme contenute nel presente Piano, se non diversamente sanzionabile, è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa da un minimo di 50,00 (euro cinquanta/00) ad un massimo di 300,00 (euro trecento/00). 7

8 CAPO II PUBBLICITA ESTERNA PERMANENTE Art. 11. Tipologie degli impianti pubblicitari consentiti 1. Gli impianti pubblicitari consentiti sono: Insegna di esercizio Preinsegna Cartello Cartello a messaggio variabile Tabella a messaggio variabile Poster Poster a muro Pensilina di fermata autobus Impianto pubblicitario di servizio Trespolo polifacciale o Totem 2. Il collocamento di tali impianti deve rispettare i parametri definiti per ciascuna tipologia e per ciascuna zona territoriale riportate nelle schede contenute nell Abaco. 3. Gli impianti pubblicitari possono essere posizionati su proprietà privata, su proprietà privata soggetta ad uso pubblico o su suolo pubblico, comunque secondo le prescrizioni del Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada, nel rispetto di quanto definito dal presente Piano, dal Regolamento di occupazione del suolo pubblico. Art. 12. Installazione su aree di proprietà comunale concessione a terzi 1. L installazione di impianti destinati alla pubblicità esterna permanente, su aree del demanio comunale o comunque di proprietà comunale, ovvero date in godimento al Comune, può essere affidata in gestione a soggetti terzi mediante apposita concessione, preceduta di norma dallo svolgimento di procedura ad evidenza pubblica. 2. La concessione è disciplinata da una convenzione riportante il numero, l ubicazione degli impianti da installare, la durata della concessione, il canone annuo dovuto (al Comune) nonché tutte le altre condizioni che regolano il rapporto con il Comune. Art. 13. Procedure per l installazione di impianti pubblicitari 1. L installazione degli impianti pubblicitari di cui al presente Capo avviene, ad esclusione delle preinsegne, nel rispetto delle procedure elencate nei successivi articoli. Art. 14. Procedura per l installazione di impianti permanenti mediante D.I.A. 1. Chiunque intenda installare, nel territorio comunale, impianti pubblicitari permanenti o variare quelli già installati, deve fare apposita dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) ai sensi della vigente normativa edilizia. 2. La relazione dovrà anche contenere l asseverazione circa la conformità degli impianti da installare al presente Piano e al vigente Codice della Strada nonchè l indicazione dell avvenuta autorizzazione da parte del proprietario della viabilità, ove ricorra il caso, se non comunale. 3. Nel caso di DIA connesse alle concessioni di suolo pubblico comunale, il titolo abilitativio avrà la stessa validità della occupazione di suolo pubblico, che non può superare i tre anni. 4. In caso di varianti in corso d opera, la denuncia di inizio attività è integrata con la descrizione delle variazioni apportate al progetto depositato; anche in questo caso si applicano le medesime disposizioni previste per la denuncia stessa. 5. Tutta la pubblicità permanente deve essere subordinata alle disposizioni del presente articolo, anche se si tratta di esposizione in luoghi aperti al pubblico, o comunque da quest ultimo percepibile, ad eccezione della pubblicità effettuata negli stadi, negli impianti sportivi ed all interno degli stabili dei centri commerciali, sempre e comunque fatto salvo il pagamento di imposte, diritti e canoni dovuti dalle vigenti disposizioni di legge. 8

9 6. Sono fatte salve le procedure indicate dal D.P.R. n. 447 del e dai regolamenti, statali e comunali, attuativi per le opere rientranti nel procedimento S.U.A.P. Art. 15. Obblighi dell istallatore. 1. L istallatore ha l obbligo di: - fissare saldamente all impianto un apposita targhetta metallica di identificazione, in posizione facilmente accessibile.. - mantenere l impianto in buono stato di manutenzione e conservazione; - effettuare tutti gli interventi necessari al mantenimento delle condizioni di sicurezza; - adempiere nei termini prescritti a tutte le disposizioni impartite dal Comune, sia al momento dell istallazione sia successivamente, a seguito di intervenute e motivate esigenze; - provvedere alla rimozione di quanto installato ed al ripristino dei luoghi in caso di scadenza, decadenza o revoca del titolo autorizzativo, ovvero a seguito di motivata richiesta da parte del Comune, senza diritto di rimborso alcuno, fatto salvo il rimborso dell imposta e/o del canone per le mensilità versate e non usufruite. 9

10 Scheda 1 Preinsegna Mezzo pubblicitario tipo di Impianto ABACO DELLE DISTANZE PREINSEGNA Tipologia d uso PRIVATO PE Durata PERMANENTE P Si considerano preinsegne le strutture supportate da un idoneo sostegno, realizzate su manufatti bifacciali e bidimensionali, utilizzabili su una sola o su entrambe le facce, finalizzate alla pubblicizzazione direzionale della sede dove si esercita una determinata attività ed installate in modo da facilitare il reperimento della sede stessa, recanti scritte in caratteri alfanumerici, completate eventualmente da simboli e da marchi, realizzate come definito all art. 134 del Codice della Strada. E ammesso un abbinamento di massimo sei preinsegne per ogni senso di marcia a condizione che le stesse abbiano le stesse dimensioni. Le preinsegne non possono essere posizionate ad una distanza maggiore di 5 km. dalla sede dell attività, misurata sul percorso stradale. La preinsegna non può essere luminosa, né per luce propria, né per luce indiretta. Caratteri dimensionali Le preinsegne devono avere forma rettangolare di dimensioni pari a cm. 125 x cm. 25. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 1,25 x 0,25 H min (margine inferiore) 2,2 (Singolo) 1,2 (Multiplo max. 6) H max (margine superiore) 2,7 (Multiplo max. 6) 1 Distanze da : Margine carreggiata della Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B ml 1,25 x 0,25 n.a n.a Fuori carreggiata Fuori carreggiata Altri impianti Segnali stradali e di prescrizione Curve, gallerie, cunette e dossi Intersezioni, semafori e segnali di pericolo 1,25 x 0,25 n.a n.a 1,25 x 0,25 n.a n.a 1,25 x 0,25 n.a n.a 1,25 x 0,25 n.a n.a In presenza di Cartelli Speciali le preinsegne devono essere poste ad una distanza minima di 50 mt. da questi impianti. Non potrà essere istallato un nuovo impianto nel caso che ne sia già presente uno con meno di 6 preinsegne a meno di 50 metri di distanza. Il primo installatore procederà a collocare la preinsegna partendo dall altezza massima consentita; le collocazioni successive avverranno in sequenza. L onere della fornitura e della posa in opera del supporto verticale è posta a carico del primo installatore. Il supporto installato è acquisito al patrimonio comunale ed il primo installatore non avrà titolo alcuno ad essere rimborsato dagli installatori successivi. 10

11 Scheda 2 Cartello ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario CARTELLO 2 Tipologia d uso Durata Caratteri dimensionali PRIVATO PE PERMANENTE P Elemento bifacciale vincolato al suolo da idonea struttura di sostegno, finalizzato alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici, sia direttamente sia tramite sovrapposizione di altri elementi, quali manifesti o simili La superficie non può essere < 1 mq. e > 18 mq. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 1 3 mq 3 9 mq 9 18 mq H min (margine inferiore) 1 1,5 2,2 H max (margine superiore) Distanze da : Margine carreggiata Altri impianti Segnali stradali, di prescrizione Curve, gallerie, cunette e dossi della Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq (*) 1 3 n.a. n.a. 1, n.a. n.a. 1, n.a. n.a. 1, n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a Intersezioni, 1 3 n.a. n.a semafori (**) e 3 9 n.a. n.a segnali di pericolo 9 18 n.a. n.a (*) Superficie per lato (**) Fatta salva, sempre, la visibilità di impianti semaforici 11

12 Scheda 3 Cartello a messaggio variabile ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario CARTELLO A MESSAGGIO VARIABILE 3 Tipologia d uso Durata Caratteri dimensionali PRIVATO PE PERMANENTE P Elemento mono o bifacciale assimilabile ad un cartello per caratteristiche strutturali e formali, idoneo all esposizione di messaggi pubblicitari variabili (prismi rotanti o altro), eventualmente luminoso o illuminato. Le distanze indicate si applicano per cartelli con tempo di variabilità del messaggio inferiore a 10. Per tempi superiori valgono le norme relative ai cartelli standard. Profondità inferiore a 50 cm. Non sono ammessi cartelli con superficie > 18 mq. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 1 mq 1 3 mq 3 9 mq 9 18 mq H min (margine inferiore) --- 1,2 1,5 2,2 H max (margine superiore) 3, Distanze da : Margine carreggiata Altri impianti Segnali stradali, di prescrizione Curve, gallerie, cunette e dossi della Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq (*) 1 n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a. 1, n.a. n.a. 1,5 6 1 n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a Intersezioni, 1 3 n.a. n.a semafori (**) e 3 9 n.a. n.a segnali di pericolo 9 18 n.a. n.a (*) Superficie per lato (**) Fatta salva, sempre, la visibilità di impianti semaforici 12

13 Scheda 4 Tabella a messaggio variabile ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario TABELLA A MESSAGGIO VARIABILE 4 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata PERMANENTE P Elemento monofacciale idoneo all esposizione di messaggi pubblicitari variabili con prismi rotanti o altro. Può essere luminoso o illuminato. Caratteri dimensionali La superficie non può essere < 3 mq. e > 18 mq. Profondità a 50 cm. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 3 9 mq 9 18 mq H min (margine inferiore) 1,5 2,2 H max (margine superiore) 5 7 Distanze da : Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq Margine della 3 9 n.a. n.a. 1,5 6 carreggiata 9 18 n.a. n.a. 1,5 6 Altri 3 9 n.a. n.a impianti 9 18 n.a. n.a Segnali stradali, 3 9 n.a. n.a di prescrizione 9 18 n.a. n.a Curve, gallerie, 3 9 n.a. n.a cunette e dossi 9 18 n.a. n.a Intersezioni, semafori (*) e segnali di pericolo 3 9 n.a. n.a n.a. n.a (*) Fatta salva, sempre, la visibilità di impianti semaforici 13

14 Scheda 5 Poster ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario POSTER 5 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata PERMANENTE P Elemento monofacciale o bifacciale assimilabile ad un cartello per caratteristiche strutturali e formali, idoneo all esposizione di messaggi pubblicitari tramite sovrapposizione di elementi quali manifesti. Non può essere luminoso o illuminato. Caratteri dimensionali La superficie non può essere < 3 mq. e > 18 mq. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 3 9 mq 9 18 mq H min (margine inferiore) 3 3,5 H max (margine superiore) Distanze da : Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq Margine della 3 9 n.a. n.a. 1,5 3 carreggiata 9 18 n.a. n.a. 1,5 3 Altri 3 9 n.a. n.a Impianti (*) 9 18 n.a. n.a Segnali stradali, 3 9 n.a. n.a di prescrizione 9 18 n.a. n.a Curve, gallerie, 3 9 n.a. n.a cunette e dossi 9 18 n.a. n.a Intersezioni, semafori e segnali di pericolo 3 9 n.a. n.a n.a. n.a (*) Nel caso di impianti paralleli all asse stradale, è consentito, per la stessa tipologia, l aggregazione di due impianti distanti tra loro 50 cm. 14

15 Scheda 6 Poster a muro ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario POSTER A MURO 6 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata PERMANENTE P Elemento monofacciale vincolato al muro con idonea struttura di sostegno, finalizzato alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici, tramite sovrapposizione di altri elementi quali manifesti o simili. Caratteri dimensionali Superficie consentita mq. 18 (6,00 x 3,00) Sporgenza massima consentita di cm. 10 POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 18 mq H min (margine inferiore) 2,5 H max (margine superiore) Distanze da : Margine carreggiata Altri Impianti (*) della Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq 18 n.a. n.a. 1, n.a. n.a Segnali stradali, di prescrizione 18 n.a. n.a Curve, gallerie, cunette e dossi 18 n.a. n.a Intersezioni, semafori e segnali di pericolo 18 n.a. n.a (*) Nel caso di impianti paralleli all asse stradale, è consentito, per la stessa tipologia, l aggregazione di due impianti distanti tra loro 50 cm. 15

16 Scheda 7 Pensilina di fermata autobus ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario PENSILINA DI FERMATA AUTOBUS 7 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata PERMANENTE P Struttura integrata con pensilina di attesa dei mezzi di trasporto pubblico, ad essa rigidamente vincolata, finalizzata alla diffusione dei messaggi pubblicitari o propagandistici, sia direttamente sia con sovrapposizione di altri elementi come manifesti o simili. La superficie pubblicitaria è ammessa parallela all asse viario; e se perpendicolare, solo sul lato opposto al senso di provenienza del mezzo pubblico. Sul lato opposto al senso di provenienza del mezzo è consentita solamente se impressa su supporto trasparente e tale da permettere una adeguata visibilità. Caratteri dimensionali E ammessa una superficie pubblicitaria totale non superiore a 5 mq. NOTE L abbinamento dei mezzi pubblicitari, disciplinati dalla presente scheda, alle strutture di uso pubblico in oggetto, è consentita per tutte le zone. Deve essere sempre garantita la piena visibilità di incroci, attraversamenti pedonali, impianti semaforici e segnali stradali, sia di attenzione che di prescrizione. Deve essere sempre garantito il transito pedonale (> 120 cm.). 16

17 Scheda 8 Impianto pubblicitario di servizio ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario IMPIANTO PUBBLICITARIO DI SERVIZIO 8 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata PERMANENTE P Impianto pubblicitario mono o bifacciale solidamente vincolato al suolo. Può essere luminoso o non luminoso. (Es. Transenna parapedonale, Orologio) Caratteri dimensionali E ammessa una superficie pubblicitaria inferiore a 2 mq. NOTE L abbinamento dei mezzi pubblicitari, disciplinati dalla presente scheda, alle strutture di uso pubblico in oggetto, è consentita quando la dimensione pubblicitaria sia inferiore a 2 mq. Qualora la superficie pubblicitaria eccedesse tali limiti, l installazione delle predette strutture sarà regolamentata dalle norme relative al mezzo pubblicitario cui sono assimilabili per forma, dimensione o caratteristiche, tipologia d uso e durata. Deve essere sempre garantita la piena visibilità di incroci, impianti semaforici e segnali stradali, sia di attenzione che di pericolo. Deve essere sempre garantito il transito pedonale (> 120 cm.). 17

18 Scheda 9 Trespolo polifacciale o totem ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario TRESPOLO POLIFACCIALE O TOTEM 9 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata PERMANENTE P Elemento tridimensionale multifacciale, vincolato al suolo da qualsiasi struttura di sostegno, finalizzato alla diffusione di messaggi pubblicitari, sia direttamente sia tramite sovrapposizione di altri elementi, quali manifesti o simili Caratteri dimensionali La superficie massima ammessa è 7 mq. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 3 mq 3 7 mq H min (margine inferiore) H max (margine superiore) 4,5 4,5 UBICAZIONE Distanze da : Superficie Impianto ZONA A ZONA B Mq (*) Margine della 3 1,5 1,5 1,5 1,5 carreggiata 3 7 n.a. n.a. 3 3 Altri impianti 3 7 n.a. n.a Segnali stradali, di prescrizione 3 7 n.a. n.a. 5 5 Curve, gallerie, cunette e dossi 3 7 n.a. n.a Intersezioni, semafori e segnali di pericolo n.a. n.a. 5 5 (*) Superficie intesa come spazio pubblicitario complessivo 18

19 CAPO III PUBBLICITA ESTERNA TEMPORANEA Art. 16. Tipologie degli impianti pubblicitari consentiti 1. Gli impianti di pubblicità temporanea consentiti sono: - Striscione - Locandina - Stendardo - Mezzo pubblicitario pittorico 2 Il collocamento di tali impianti deve rispettare i parametri definiti per ciascuna tipologia e per ciascuna zona territoriale riportate nelle schede contenute nell Abaco. Art. 17. Installazioni pubblicitarie inerenti strutture di vendita 1. L apposizione di installazioni pubblicitarie precarie reclamizzanti attività commerciali è consentita solo nel caso di nuova apertura, cambiamenti di sede o di settore merceologico, o per vendite straordinarie, per un periodo non superiore a 60 giorni. 2. L installazione di tali mezzi pubblicitari è consentita esclusivamente nella sede dell azienda o nelle immediate vicinanze, intendendosi con tale dicitura una distanza di mt. 500, misurata sul percorso stradale, dalla sede dell azienda commerciale oggetto di pubblicità. Art. 18. Modalità di apposizione 1. E consentita l apposizione di un numero massimo di 100 installazioni pubblicitarie per ogni singola richiesta e comunque secondo le modalità previste per ogni singolo impianto nelle schede dell Abaco. 2. E in ogni caso vietata qualsiasi installazione su paline di segnali stradali e di semafori, su supporti di illuminazione pubblica (lampioni), ovvero su opere d arte, ponti, parapetti, cavalcavia e loro rampe, e su ogni altra opera completamente attinente alla strada. Art. 19. Procedure 1. L installazione di preinsegne e la pubblicità temporanea sono subordinate alla presentazione di denuncia di inizio attività, nella quale dovrà essere dichiarata la conformità alle norme vigenti a alle disposizioni del presente Piano; alla denuncia dovrà, altresì essere allegato un bozzetto del messaggio in scala adeguata, con la specifica dei colori, nonchè una planimetria dell area interessata, ove è riportata la posizione del supporto. 2. L eventuale variazione del messaggio e del supporto è soggetta a nuova denuncia. 3. Alla D.I.A. si applicano i termini previsti dalla L.R.T. vigente in tema di attività edilizia. 4. Responsabile del procedimento è il servizio di Polizia Municipale, ferma restando la competenza del servizio tributi per quanto attiene canoni e tributi. 5. Dell avvenuta istallazione è data comunicazione al servizio responsabile e al servizio tributi, allegando alla comunicazione copia delle ricevute di versamento di canoni e tributi connessi. 19

20 Scheda 10 Striscione ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario STRISCIONE 10 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata TEMPORANEO T Elemento bidimensionale, realizzato con materiali di qualsiasi natura, privo di rigidezza propria, mancante di una superficie di appoggio e comunque non aderente ad essa. L esposizione è consentita in occasione di manifestazioni e spettacoli limitatamente al periodo di svolgimento dell iniziativa a cui si riferisce, oltre a 5 gg. prima dell inizio della manifestazione e sino a 5 gg. dopo la stessa. E consentita l apposizione di tali impianti esclusivamente su sostegni preposti. Caratteri dimensionali Non sono ammessi impianti di superficie superiore a 4 mq. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 1 mq 1 3 mq H min (margine inferiore) (*) 5,1 5,1 H max (margine superiore) Distanze da : Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq Margine della 1 n.a. n.a. n.a. 3 carreggiata 1 3 n.a. n.a. n.a. 3 Altri 1 n.a. n.a. n.a. 25 impianti 1 3 n.a. n.a. n.a. 25 Segnali stradali, 1 n.a. n.a. n.a. 50 di prescrizione 1 3 n.a. n.a. n.a. 50 Curve, gallerie, 1 n.a. n.a. n.a. 100 cunette e dossi 1 3 n.a. n.a. n.a. 100 Intersezioni, semafori e segnali di pericolo 3 n.a. n.a. n.a n.a. n.a. n.a. 50 (*) Per impianti perpendicolari all asse viario, in aree pedonali, l altezza minima dal piano di calpestio può essere pari a 2,80 m. Indipendentemente dalle misure sopra indicate gli striscioni possono essere installati nella postazione comunale sita in località Pieve al Toppo ed individuata nella cartografia. 20

21 Scheda 11 Locandina ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario LOCANDINA 11 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata TEMPORANEO T Elemento bifacciale vincolato al suolo da idonea struttura di sostegno, finalizzato alla diffusione di messaggi commerciali, direttamente, senza sovrapposizione di altri elementi quali manifesti o simili. L esposizione è consentita in occasione di iniziative commerciali limitatamente al periodo di svolgimento dell iniziativa, oltre a 7 gg. prima dell inizio della stessa e sino a 24 ore dopo il termine. L impianto non può comunque rimanere esposto per un tempo superiore a 180 giorni. E consentita l esposizione di massimo 10 elementi in serie. Caratteri dimensionali Non sono ammessi impianti di superficie superiore a 3 mq. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 1 mq 1 3 mq H min (margine inferiore) 1 1 H max (margine superiore) 2 2,4 Distanze da : Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq Margine della 1 n.a. n.a. 0,5 0,5 carreggiata 1 3 n.a. n.a. 0,5 0,5 Altri 1 n.a. n.a ,5 Impianti (*) 1 3 n.a. n.a ,5 Segnali stradali, 1 n.a. n.a di prescrizione 1 3 n.a. n.a Curve, gallerie, 1 n.a. n.a cunette e dossi 1 3 n.a. n.a Intersezioni, semafori e segnali di pericolo 3 n.a. n.a n.a. n.a (*) Distanza da impianti pubblicitari di diverso genere 21

22 Scheda 12 Stendardo ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario STENDARDO 12 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata TEMPORANEO T Elemento bidimensionale, realizzato con materiali di qualsiasi natura, privo di rigidezza propria, mancante di una superficie di appoggio e comunque non aderente ad essa, eventualmente luminoso per luce indiretta. L esposizione è consentita in occasione di manifestazioni e spettacoli, limitatamente al periodo di svolgimento dell iniziativa, oltre a 10 gg. prima dell inizio della stessa e sino a 5 gg. dopo il termine. E vietata l apposizione di tali impianti su pali per l illuminazione pubblica, segnaletica stradale, alberi, etc In zona A è consentita l esposizione solo presso la sede di svolgimento della manifestazione. Caratteri dimensionali Non sono ammessi impianti di superficie superiore a 3 mq. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 1 mq 1 3 mq H min (margine inferiore) (*) (*) H max (margine superiore) Distanze da : Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq Margine della 1 n.a. n.a. 1 3 carreggiata 1 3 n.a. n.a. 1 3 Altri 1 n.a. n.a. 12,5 25 Impianti 1 3 n.a. n.a. 12,5 25 Segnali stradali, 1 n.a. n.a di prescrizione 1 3 n.a. n.a Curve, gallerie, 1 n.a. n.a cunette e dossi 1 3 n.a. n.a Intersezioni, semafori e segnali di pericolo 3 n.a. n.a n.a. n.a (*) Per impianti perpendicolari all asse viario, l altezza minima dal piano di calpestio deve essere di cm. 280 in aree pedonali e di cm. 450 su sedi viarie 22

23 Scheda 13 Mezzo pubblicitario pittorico ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario MEZZO PUBBLICITARIO PITTORICO 13 Tipologia d uso PRIVATO PE Durata TEMPORANEO T Elemento bidimensionale realizzato in materiale di qualsiasi natura, caratterizzato dalla sua grande superficie, interamente vincolato in aderenza a strutture in elevazione, quali ponteggi. Eventualmente luminoso ma esclusivamente per luce indiretta. Caratteri dimensionali Superficie ammessa > mq. 18 La superficie complessiva non può essere superiore del 50% del prospetto su cui insiste. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto > 18 mq H min (margine inferiore) 4 H max (margine superiore) --- Distanze da : Margine carreggiata della Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq > 18 0,3 0,3 0,3 0,3 Altri Impianti > Segnali stradali, di prescrizione > Curve, gallerie, cunette e dossi > Intersezioni, semafori e segnali di pericolo > Nel caso in cui l immagine riproduca monumenti, opere d arte o, più semplicemente, la facciata dell edificio, i limiti indicati nella tabella non devono essere rispettati 23

24 Art. 20. Quantità CAPO IV PUBBLICHE AFFISSIONI 1. La superficie minima degli impianti destinati alle pubbliche affissioni è attualmente fissata nel Regolamento Comunale della disciplina delle entrate, nel rispetto della specifica norma in materia. 2. La superficie massima è fissata in mq L Amministrazione comunale dovrà gestire al meglio gli spazi a disposizione, garantendo la massima diffusione possibile dei manifesti istituzionali e sociali. Art. 21. Tipologia degli impianti di Pubblica Affissione 1. Gli impianti destinati alle pubbliche affissioni devono essere prevalentemente di tipo permanente. 2. Si prevedono le seguenti tipologie: Cartello Cartello speciale Tabella murale Trespolo polifacciale o Totem 3. Il posizionamento di tali impianti deve rispettare i parametri riportati nell Abaco delle distanze, definiti per ciascuna tipologia e per ciascuna zona territoriale. 4. Il Cartello Speciale è introdotto al fine di rispondere ad esigenze che non possono essere soddisfatte con la installazione degli altri mezzi pubblicitari. Art. 22. Identificazione 1. Gli impianti destinati alle pubbliche affissioni devono essere numerati e distinti per destinazione d uso (istituzionale/sociale, commerciale o necrologico). 2. Le tavole allegate al presente piano risultano cogenti per l individuazione degli impianti esistenti che debbono essere rimossi. Gli impianti individuati nello stato modificato rappresentano la previsione di installazione; il competente servizio potrà modificare detta previsione senza che ciò costituisca variante al Piano, nell ambito della quantità massima prevista, purchè le installazioni siano conformi al Codice della Strada ed alle indicazioni generali del Piano. Art. 23. Norme di rinvio per il Servizio delle pubbliche affissioni 1. L oggetto del servizio, il diritto dovuto, le modalità di pagamento, le riduzioni, le esenzioni e le modalità per le pubbliche affissioni sono disciplinate dal D.Lgs. n. 507 del , nonché dal vigente Regolamento comunale per la disciplina delle entrate tributarie Sezione I Imposta di pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni. 2. A tali disposizioni si rinvia integralmente. Art. 24. Manifesti istituzionali Per affissioni di manifesti di natura istituzionale si intendono quelle effettuate dal Servizio Affissioni per adempiere ad obblighi di legge o per comunicazioni dell Amministrazione comunale, su richiesta di soggetti pubblici ed in esenzione ai sensi dell art. 21 del Decreto. Art. 25. Affissione di manifesti sociali o privi di rilevanza commerciale 1. Le affissioni di manifesti di natura culturale, sportiva, sociale sono quelle richieste da soggetti senza scopo di lucro e comunque prive di natura commerciale, che godono di riduzione ai sensi dell art. 20 del Decreto 2. Su ogni manifesto è ammesso uno spazio massimo di 300 cm² da riservarsi all apposizione dei marchi di eventuali sponsor. 24

25 Art. 26. Affissione di manifesti commerciali 1. Si intendono per commerciali le affissioni aventi rilevanza economica, effettuate dal Servizio affissioni su istanza di soggetti privati, che non godono di alcuna riduzione o esenzione. Art. 27. Affissione di manifesti funebri 1. L Amministrazione comunale può autorizzare le imprese di pompe funebri ad affiggere direttamente, negli spazi riservati sugli impianti di proprietà comunale, gli annunci o i ringraziamenti relativi ad eventi luttuosi, previa accettazione sottoscritta da parte delle medesime imprese di attenersi alle condizioni poste nel presente Piano ed alle altre norme vigenti in materia. Art. 28. Affidamento a privati del servizio di affissione 1. L espletamento del servizio di affissione, qualora se ne ravvisi la convenienza in termini organizzativi ed economici, potrà essere concesso a terzi, previa procedura ad evidenza pubblica. Art. 29. Impianti privati per le affissioni dirette 1. Nel rispetto della tipologia, quantità, distribuzione degli impianti pubblicitari risultante dal presente Piano, l Amministrazione comunale può concedere a soggetti privati, mediante lo svolgimento di apposita procedura ad evidenza pubblica, la possibilità di collocare, sul territorio comunale, impianti pubblicitari per l affissione diretta di manifesti e simili. 2. La concessione è disciplinata da una apposita convenzione, nella quale dovranno essere elencati: il numero e l ubicazione degli impianti da installare, la durata della concessione ed il relativo canone annuo dovuto al Comune, nonché tutte le altre condizioni regolanti il rapporto. Art. 30. Impianti pubblici concessi in uso a privati 1. L Amministrazione comunale concede, per un minimo del 10% complessivo della superfice di cui al precedente art.23 comma 1, a soggetti privati, mediante lo svolgimento di apposita procedura ad evidenza pubblica, l utilizzo di impianti pubblicitari di proprietà comunale, appositamente predisposti, per l affissione diretta di manifesti e simili. 2. La concessione è disciplinata da una apposita convenzione, nella quale dovranno essere elencati: il numero e l ubicazione degli impianti concessi, la durata della concessione ed il relativo canone annuo dovuto al Comune, nonché tutte le altre condizioni che disciplinano il rapporto. Art. 31. Procedure e controlli 1. Per l installazione di impianti da parte di privati si rinvia a quanto già precedentemente disciplinato in materia. 2. Tutte le altre competenze in materia di pubbliche affissioni sono assegnate al Servizio Tributi. 25

26 Scheda 14 Cartello ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario CARTELLO 14 Tipologia d uso ISTITUZIONALE/ COMMERCIALE PA Durata PERMANENTE P Elemento bifacciale vincolato al suolo da idonea struttura di sostegno, finalizzato alla diffusione di messaggi istituzionali e/o pubblicitari - propagandistici, sia direttamente sia tramite sovrapposizione di altri elementi, quali manifesti o simili Caratteri dimensionali I cartelli devono avere forma rettangolare, orizzontale o verticale, di dimensioni cm. 200 x 140 Solo per i necrologi le dimensioni ammesse sono cm. 100 x 70 POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 2,00 x 1,40 H min (margine inferiore) 1 H max (margine superiore) --- Distanze da : Margine carreggiata della Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq 2,00 x 1,40 0,3 n.a. 0,3 n.a. Altri Impianti Segnali stradali e di prescrizione Curve, gallerie, cunette e dossi Intersezioni, semafori e segnali di pericolo 2,00 x 1,40 10 n.a. 10 n.a. 2,00 x 1,40 10 n.a. 10 n.a. 2,00 x 1,40 10 n.a. 10 n.a. 2,00 x 1,40 10 n.a. 10 n.a. N.B.: E consentita l aggregazione di impianti di Pubblica Affissione (Cartello 14), di diversa tipologia d uso (istituzionale, commerciale e necrologio), fino ad un massimo di 3, purché distanti tra loro almeno 15 cm. 26

27 Scheda 15 Cartello speciale ABACO DELLE DISTANZE Mezzo pubblicitario CARTELLO SPECIALE (*) 15 Tipologia d uso ISTITUZIONALE/ COMMERCIALE PA Durata PERMANENTE P Elemento bifacciale, utilizzabile su una sola o su entrambe le facce, vincolato al suolo da idonea struttura di sostegno o in aderenza a strutture edificate in elevazione, finalizzato alla pubblicizzazione direzionale della sede dove si esercita una determinata attività (istituzionale o commerciale) ed installato in modo da facilitare il reperimento della sede stessa, recante scritte in caratteri alfanumerici, completate eventualmente da simboli e da marchi. E ammesso un abbinamento di massimo sei elementi pubblicitari per ogni struttura di sostegno. Il cartello speciale non può essere luminoso, né per luce propria, né per luce indiretta. Caratteri dimensionali I cartelli speciali avranno una forma tale da permettere il loro impiego a seconda del luogo di utilizzo e che non creino confusione con la segnaletica stradale. Superficie impianto --- H min (margine inferiore) --- H max (margine superiore) --- POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Distanze da : Margine carreggiata della Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq -- 0,30 0,30 0,30 0,30 Altri Impianti Segnali stradali e di prescrizione Curve, gallerie, cunette e dossi Intersezioni, semafori e segnali di pericolo (*) La ditta o società che intende pubblicizzare la sede della propria attività tramite un elemento del cartello speciale deve farne richiesta all Amministrazione comunale, su appositi moduli predisposti, specificando l esatta dicitura e gli eventuali simboli o marchi da riprodurre. Il cartello speciale verrà installato dall ufficio preposto alle Pubbliche Affissioni dopo il pagamento del canone annuo e delle spese sostenute per la sua realizzazione. 27

28 Scheda 16 Tabella murale istituzionale ABACO DELLE DISTANZE Tipo di Impianto TABELLA MURALE ISTITUZIONALE 16 Tipologia d uso ISTITUZIONALE PA Durata PERMANENTE P Elemento bidimensionale realizzato in materiale di qualsiasi natura, vincolato completamente in aderenza a strutture edificate in elevazione, finalizzato alla diffusione di messaggi istituzionali, sia direttamente sia tramite sovrapposizione di altri elementi quali manifesti o simili. E vietata l installazione su recinzioni non in muratura. Caratteri dimensionali Profondità massima pari a 30 cm. La superficie massima ammessa deve essere 18 mq. POSIZIONAMENTO RISPETTO AL SUOLO Superficie impianto 1 mq 1 3 mq 3 9 mq 9 18 mq H min (margine inferiore) (*) 1 1 1,5 2,2 H max (margine superiore) Distanze da : Margine carreggiata Altri Impianti Segnali stradali, di prescrizione Curve, gallerie, cunette e dossi della Superficie Impianto UBICAZIONE ZONA A ZONA B Mq 1 0,3 0,3 0,3 0, ,3 0,3 0,3 0,3 3 9 n.a. n.a. 0,5 0, n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a n.a. n.a Intersezioni, semafori e 3 9 n.a. n.a segnali di pericolo 9 18 n.a. n.a (*) Per sporgenze maggiori a cm. 10: H min. dal suolo m. 2,40 28

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PIANO

REGOLAMENTO DEL PIANO COMUNE DI LUCCA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993 n.

Dettagli

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1 TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE DURATA Temporaneo T DESCRIZIONE E CARATTERI DIMENSIONALI Elemento bidimensionale, situato trasversalmente su vie o piazze, sostenuto unicamente

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

Comune di Galatina. Piano generale degli impianti pubblicitari NORME TECNICHE

Comune di Galatina. Piano generale degli impianti pubblicitari NORME TECNICHE Piano generale degli pubblicitari Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993 n. 360 in vigore dal 1 ottobre

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

COMUNE DI VITTORIO VENETO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE

COMUNE DI VITTORIO VENETO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE COMUNE DI VITTORIO VENETO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale Sportello Unico per le Imprese Servizio convenzionato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Colverde, Faloppio, Olgiate Comasco, Oltrona San Mamette, Rodero,

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE COMUNE DI FIDENZA PROVINCIA DI PARMA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE Elaborato: Oggetto: 2.2 NORME TECNICHE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 29 Art. 1 Oggetto

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI COMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993 n. 360

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL CENTRO ABITATO DI MALNATE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL CENTRO ABITATO DI MALNATE COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL CENTRO ABITATO DI MALNATE (Norme tecniche di attuazione del Piano Generale degli Impianti

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

COMUNE DI OLGIATE OLONA PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE

COMUNE DI OLGIATE OLONA PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE COMUNE DI OLGIATE OLONA PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE Approvato con deliberazione Giunta comunale n. 106 del 26 giugno 2008 1 Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI COMUNE DI OSTUNI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Pagina 1 di 61

COMUNE DI OSTUNI COMUNE DI OSTUNI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Pagina 1 di 61 COMUNE DI OSTUNI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI OSTUNI Pagina 1 di 61 PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 23 del 31.03.2007 Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI REV. 04 del Pag. 1 a 44 COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Ai sensi del D. Lgs. 15 novembre 1993, n.507 Oggetto: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Elaborato:

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA COMUNE DI BOVOLONE Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA

Dettagli

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti Comune di Medicina AREA GETIONE DEL TERRITORIO tel. 051 6979208; fax. 051 6979222 Medicina, 15/12/2010 Approvato dalla QUAP in data 15/12/2010 Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi

Dettagli

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA Allegato 1 Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA A2003121800074.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Contenuti e finalità Il Piano generale

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

COMUNE DI MONTEVARCHI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE

COMUNE DI MONTEVARCHI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE COMUNE DI MONTEVARCHI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari

Piano Generale Impianti Pubblicitari COMUNE DI TEOLO Provincia di Padova Piano Generale Impianti Pubblicitari NORME TECNICHE Approvazione con Delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 19/03/2012 1 INDICE... CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 100452 del 29/01/2008 OGGETTO: MODIFICA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI AFFISSIONALI E PUBBLICITARI

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 100452 del 29/01/2008 OGGETTO: MODIFICA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI AFFISSIONALI E PUBBLICITARI Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste AREA-02 Servizio: TRIBUTI Ufficio: TRIBUTI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 100452 del 29/01/2008 OGGETTO: MODIFICA PIANO GENERALE

Dettagli

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA' INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento e ambito di applicazione Art. 2 - Collocazione di

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Disciplina Generale degli Impianti pubblicitari. Piano generale degli Impianti

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Disciplina Generale degli Impianti pubblicitari. Piano generale degli Impianti COMUNE DI ABBIATEGRASSO Disciplina Generale degli Impianti pubblicitari Piano generale degli Impianti NORME TECNICHE Norme in deroga all art. 23 del Nuovo Codice della Strada D.Lgs. 30 aprile 1992 n. 285,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. (approvato con deliberazione di C.C. n. 96 del 28.11.2002)

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. (approvato con deliberazione di C.C. n. 96 del 28.11.2002) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI (approvato con deliberazione di C.C. n. 96 del 28.11.2002) 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART.1 Obiettivi del Piano Il piano disciplina la materia concernente

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

COMUNE DI GROSSETO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI GROSSETO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDICE CAPO I 1 2 6 8 DISPOSIZIONI GENERALI Oggetto e ambito di applicazione del Piano generale degli impianti pubblicitari... pag. Suddivisione

Dettagli

COMUNE di VICOPISANO

COMUNE di VICOPISANO COMUNE di VICOPISANO INDICAZIONE DELLE ZONE DI LOCALIZZAZIONE DEI CARTELLI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE AMBITI TIPOLOGICI INSEGNE (REDATTO PER CONTO DEL COMUNE DI VICOPISANO) PROGETTAZIONE: Arch. Luca PASQUINUCCI

Dettagli

COMUNE DI ALESSANDRIA

COMUNE DI ALESSANDRIA ALLEGATO 1) APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. n. 60/83/107028 del 10 Aprile 2002 MODIFICATO CON DELIBERAZIONE C.C. n. 61/107/113863 del 06 maggio 2003 MODIFICATO CON DELIBERAZIONE C.C. n. 61/155/260 del

Dettagli

COMUNE di CAMPOGALLIANO

COMUNE di CAMPOGALLIANO Allegato 1 COMUNE di CAMPOGALLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 2003121800073(A)01.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 4 Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI A CARATTERE TEMPORANEO E PERMANENTE APPROVATO CON

Dettagli

CITTA DI MATINO PROV. DI LECCE SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

CITTA DI MATINO PROV. DI LECCE SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI CITTA DI MATINO PROV. DI LECCE SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TITOLO I CRITERI GENERALI Art.1 Piano degli impianti pubblicitari: elaborati

Dettagli

Comune di Villasor Provincia di Cagliari

Comune di Villasor Provincia di Cagliari Comune di Villasor Provincia di Cagliari Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 9 aprile 2015 PIANO GENERALE DI ATTUAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte Marca da bollo da Euro 16,00 Settore 3 - Servizio Mezzi Pubblicitari - N Spazio riservato all Ufficio) Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte P.zza Vittoria, 47 56020 Santa Maria a Monte PI RICHIESTA

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI AFFISSIONE Capo 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto del Piano Art.2 Obiettivi del Piano Art.3 Ambito di applicazione Art.4 Zonizzazione Art.5 Tipologia

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI OGGETTO: Temporanea (max 90 giorni): dal al. Il/La Sottoscritto/a (cognome)..

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI OGGETTO: Temporanea (max 90 giorni): dal al. Il/La Sottoscritto/a (cognome).. AREA 3 Comune di Torri di Quartesolo Via Roma, 174 36040 TORRI DI QUARTESOLO (VI) Codice Fiscale Partita Iva : 00530900240 Posta Elettronica Certificata (PEC) : torridiquartesolo.vi@cert.ip-veneto.net

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Art. 1 Ambito di applicazione e definizione dei mezzi pubblicitari 1. Il presente regolamento si applica a tutto il territorio Comunale posto

Dettagli

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI **********************

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** 1 ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI Sono oggetto di disciplina del presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio provinciale Rep. Gen. 21/2003 atti 34079/03-1406/03 del 20 marzo 2003. Modificato dal

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE

Dettagli

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02.

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02. TITOLO I DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44

Dettagli

INDICE PARTE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE... 3. Art. 1 AMBITO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PIANO... 3

INDICE PARTE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE... 3. Art. 1 AMBITO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PIANO... 3 INDICE PARTE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE... 3 Art. 1 AMBITO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PIANO... 3 Art. 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 4 Art. 3 CLASSIFICAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI...

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO Bollo Euro 14,62 COMUNE DI CALOLZIOCORTE Settore Del Territorio Sportello Unico Per L Edilizia RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Allegato (n. 1) e approvato con deliberazione della

Dettagli

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER AUTORIZZAZIONE ED INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA PER IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA ED IL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano Regolamento per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente. Approvato con deliberazione consiliare n. 16 del

Dettagli

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Il dirigente dell Area Servizi alla Città

Dettagli

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri 1 PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO LE STRADE PROVINCIALI O IN VISTA

Dettagli

R E G O L A M E N T O P U B B L I C I T A R I O E P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I

R E G O L A M E N T O P U B B L I C I T A R I O E P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I R E G O L A M E N T O P U B B L I C I T A R I O E P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I Approvato con delibera di C.C. n 46 del 24/11/2014 INDICE TITOLO I GLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA

COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI APPROVATO CON DELIBERA DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO N. 88/2005, MODIFICATA CON DELIBERA DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 6 DEL 05.03.2009

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA PROVINCIA DI SALERNO Tecnico Territoriale Piano Generale Impianti pubblicitari e Pubbliche affissioni ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE AGGIORNAMENTO, INTEGRAZIONE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ALL. C) COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA RISORSE SERVIZIO ENTRATE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 Capo I NORME DI CARATTERE

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Cervia, agosto 2010 Approvato con atto C.C. n. 72 del 19.11.2001 Modificato con atto C.C. n. 16 del 29.04.2011 1 2 INDICE TITOLO I

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Approvato con delibera C.C. n. 9 del 26.03 2012 1 1 COMUNE DI MASSAROSA REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDICE Titolo

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme volume III ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 198/49697 P.G. NELLA SEDUTA DEL 17/11/1997 MODIFICATO CON DELIBERAZIONI N. 32/I74491 NELLA

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Il

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione Comune di Montecatini Terme Provincia di Pistoia Piano Generale degli Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attuazione Approvate dal C.C. con Deliberazione n. 48 del 13/06/2002, coordinate: - con le

Dettagli

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza Comune di Arzignano Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI Versione definitiva REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE committente: GESTOR s.p.a. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI

Dettagli

Comune di San Daniele del Friuli

Comune di San Daniele del Friuli Comune di San Daniele del Friuli REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLE INSEGNE COMMERCIALI ED AI MEZZI PUBBLICITARI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO Approvato con delibera del C.C. n.115 del 20.12.2001 e modificato

Dettagli

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n... dell 11/05/2015 Sommario CAPO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. l - Oggetto...

Dettagli

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 20.05.2004 Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ambito di Applicazione Art. 3 Tipologie e Definizioni

Dettagli

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi;

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi; Visto il vigente Regolamento Comunale per l applicazione dell Imposta sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni, approvato in conformità a quanto stabilito dal Capo I del D.Lgs. 15.11.1993

Dettagli

CITTÀ di VILLORBA (Provincia di Treviso)

CITTÀ di VILLORBA (Provincia di Treviso) CITTÀ di VILLORBA (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE entrato in vigore il 28 maggio 2014 Approvato con deliberazione di C.C. n. 18 del 14.4.2014 INDICE CAPO

Dettagli

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO «A» REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE Aggiornate a seguito delle modifiche disposte con:

Dettagli

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale 19.5.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 20 159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

Dettagli

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE 1 PARTE TERZA Norme di attuazione Sommario: Premessa pag. 3 Norme

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Elaborazione a cura di: Consulenza tecnica: Dott. Savino FILANNINO Arch.

Dettagli

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore Bilancio Claudia Zivieri

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore Bilancio Claudia Zivieri Comune di Faenza Settore Territorio P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I E D E G L I I M P I A N T I P E R L E P U B B L I C H E A F F I S S I O N I. - A D E G U

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI CARINI Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito e scopo del regolamento Art. 2

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ Comune di Modena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITÀ gruppo di lavoro Servizio Tributi Settore Pianificazione Territoriale Settore Polizia Municipale consulenza e collaborazione

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI TELESE TERME PROVINCIA DI BENEVENTO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI D.Lgs. 30/04/92 n.285 (Nuovo Codice della Strada D.P.R. 16/12/1992 n.495 (Regolamento di esecuzione e di attuazione

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati

Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati REGOLAMENTO PUBBLICITA STRADALE 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e campo di applicazione. pag.

Dettagli