La certificazione delle professioni ICT in accordo alla norma UNI accreditata ISO ed in collaborazione con:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La certificazione delle professioni ICT in accordo alla norma UNI 11506 accreditata ISO 17024 ed in collaborazione con:"

Transcript

1 La certificazione delle professioni ICT in accordo alla norma UNI accreditata ISO ed in collaborazione con: Dott. Franco Fontana Direttore certificazione delle persone Kiwa Cermet Italia S.p.A. Cell

2 Certificazioni di sistema Certificazione di servizio Laboratorio ISO 9001 ISO OHSAS ISO Istituti di vigilanza Sanità Biblioteche Certificazione di prodotto Ispezioni Formazione Sicurezza e prestazione Marcatura CE Certificazione delle professioni FGAS UNI UNI UNI UNI UNI EN UNI EN Metrologia Prove distruttive Prove non distruttive Taratura Tecnica Manageriale Specialistica Kiwa è leader nella certificazione delle persone a livello internazionale con più di professionisti certificati.

3 Certificazione? Sistema Prodotti Servizi Persone Accreditamento ISO ISO 9001 ISO ISO Accreditamento ISO UNI UNI UNI Accreditamento ISO UNI UNI UNI UNI 10459

4 Certificazione delle persone Certificazione delle persone Professioni Competenze La ISO parla di certificazione delle persone, quindi analizzando i due estremi: Certificare una professione significa valutare una complessità, un professionista in termini di abilità, conoscenze e competenze Certificare una competenza significa valutare una competenza specifica tendenzialmente legata ad un saper fare

5 Amichevolmente La 4 e La 13 Sia la prima, in modo diretto ed importante, sia la seconda in misura minore, parlano di certificazione. Nella 4: Art 5, contenuti degli elementi informativi, punto «e», eventuale certificazione ISO 9001 Art 6, Autoregolamentazione volontaria, punto «2» la qualificazione della prestazione professionale si basa sulla conformità della medesima a norme tecniche UNI Art 7, sistema di attestazione, punto «f»... eventuale possesso da parte del professionista iscritto di una certificazione rilasciata da un organismo accreditato relativa alla conformità alla norma tecnica UNI. Art 9, certificazione di conformità a norme tecniche UNI punto «1 e 2» Nella 13: Formazione non formale ovvero norma ISO Servizi per l'apprendimento relativi all'istruzione e alla formazione non formale - Requisiti di base per i fornitori del servizio

6 Certificazione delle professioni in accordo alla legge 4/2013 e d.l. 13/2013. La certificazione del professionista è volontaria, la stessa legge 4 dice «eventuale»; È altresì vero che cominciano a delinearsi quadri normativi che rimandano ad una obbligatorietà del professionista certificato secondo norma UNI; La certificazione, come richiamato dalla legge 4, può avvenire solo su norma UNI anche se vi sono alcune interpretazioni anomale; Nel d.l. 13/2013, cap 2, art 4, paragrafo 5 «per l erogazione di servizi di certificazione delle competenze in conformità alle norme tecniche UNI in quanto applicabili, devono essere in possesso dell accreditamento da parte dell organismo nazionale italiano di accreditamento Attenzione il legislatore nella legge 4 non ha omesso o frainteso ma ha, a mio avviso, voluto espressamente sottolineare che solo in presenza di norma UNI o EN o ISO la certificazione è valida e soprattutto deve essere fatta da un Ente Accreditato nello specifico ambito. Questo costituisce un elemento di garanzia per il mercato, i consumatori e tutti gli stakeholder in generale.

7 Dettaglio La norma ISO riporta che la certificazione avviene secondo uno schema di certificazione, non secondo una norma. Quindi ogni ente di certificazione potrebbe istituire degli schemi di certificazione proprietari senza una norma di riferimento. Teoricamente se una associazione sviluppa una sua norma proprietaria potrebbe andare da un Ente e chiedergli di creare uno schema di certificazione basato su tale «norma».

8 Accreditamento Genesi Il Regolamento (CE) n. 765/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 9 luglio 2008, che pone norme in materia di accreditamento e vigilanza del mercato per quanto riguarda la commercializzazione dei prodotti, è stato pubblicato in GU il Si applica dal 1 gennaio 2010 Fa parte di un pacchetto (Revisione del nuovo approccio) insieme a: - Decisione 768: quadro comune per la commercializzazione dei prodotti; - Regolamento 764: applicazione di regole tecniche nazionali a prodotti commercializzati in altri Stati membri. Obiettivi Agevolare la libera circolazione dei prodotti nell UE attraverso un rafforzamento del mutuo riconoscimento delle norme tecniche nazionali e della vigilanza del mercato.

9 Accreditamento normazione Mondo IAF International Accreditation Forum ILAC International Laboratory Accreditation Cooperation ISO Europa EA European co-operation for Accreditation EN CEN Italia Accredia Ente Italiano di Accreditamento UNI Organismi di Certificazione Kiwa Cermet Italia Oltre 150 organismi

10 Accreditamento Premesse importanti: L accreditamento fa parte di un sistema globale, che comprende la valutazione della conformità e la vigilanza del mercato, concepito al fine di valutare e garantire conformità alle norme applicabili. Il valore particolare dell accreditamento sta nel fatto che esso fornisce un attestazione dotata di autorità della competenza tecnica degli organismi cui spetta assicurare conformità alle norme applicabili. Definizioni importanti: «valutazione della conformità» la procedura atta a dimostrare se le prescrizioni specifiche relative a un prodotto, a un processo, a un servizio, a un sistema, a una persona o a un organismo siano state rispettate; «accreditamento» attestazione da parte di un organismo nazionale di accreditamento che certifica che un determinato organismo di valutazione della conformità soddisfa i criteri stabiliti da norme armonizzate e, ove appropriato, ogni altro requisito supplementare, compresi quelli definiti nei rilevanti programmi settoriali, per svolgere una specifica attività di valutazione della conformità;specifica attività di valutazione della conformità.

11 Accreditamento L accreditamento non è generalista ma è peculiare. Se un Ente di certificazione è accreditato ISO 17024, lo è su specifiche norme, ad esempio secondo la norma UNI (amministratori di condominio). Ovviamente un Ente per accreditarsi deve dimostrare di essere in grado e quindi deve certificare almeno 5 persone e dopo può chiedere l estensione di Accreditamento. È mandatorio però che un ente dopo questo numero minimo si adoperi alle seconda sessione di esame nel richiedere l estensione di Accreditamento. Un certificato relativo ad una norma UNI fuori Accreditamento non ha alcun valore se non quello legato al brand dell Ente.

12 Principi alla base del sistema di accreditamento della ISO 17024

13 Dalla norma al certificato Norma ISO o EN o UNI La certificazione delle competenze può avvenire sia in presenza di norma ufficiale sia in presenza di norma proprietaria o privata (eventualmente sviluppato da una associazione professionale in autonomia) L ente di certificazione definisce un comitato di schema Il comitato di schema, composto da soggetti «indiscutibilmente» rappresentativi rispetto la professione, recependo la norma, definisce le regole di certificazione ovvero lo schema di certificazione. Il comitato di schema definisce e qualifica gli esaminatori e i deliberatori In seguito alla definizione delle regole di esame viene definita la persona o il team che sarà demandato a effettuare gli esami e le delibere.

14 Dalla norma al certificato In questa fase si intuisce il ruolo fondamentale delle Associazioni, l Ente di certificazione è esperto sul metodo ma non sugli aspetti Norma ISO o EN o UNI L ente di certificazione definisce un comitato di schema Il comitato di schema definisce e qualifica gli esaminatori e i deliberatori La certificazione delle competenze può avvenire sia in presenza specifici di norma quindi ufficiale necessita sia in presenza delle di norma proprietaria o privata (eventualmente sviluppato da una associazione professionale in autonomia) Associazioni per inserire i cosiddetti «grandparent» ovvero quelle figure indiscutibilmente esperte e Il comitato di schema, composto da soggetti «indiscutibilmente» competenti nello rappresentativi specifico. rispetto la Chi professione, recependo la norma, definisce le regole di certificazione meglio di ovvero loro schema può definire di certificazione. come valutare le abilità, le conoscenze e le competenze di un professionista. AIP ha quindi definito i grandparent che costituiscono il comitato di Schema In seguito alla definizione delle regole di esame viene definita la persona o il team che sarà demandato a effettuare gli esami e le delibere.

15 Dalla norma al certificato Eventuale qualifica o riconoscimento del corso In base a quanto definito dalla norma o dallo schema ed in base a quando deliberato dal comitato di schema può essere necessario il riconoscimento di un corso propedeutico all esame. Quindi una attività non formale specifica per l ottenimento dei requisiti di conoscenza atti al raggiungimento della certificazione. Definizione delle procedure di iscrizione all esame Il comitato di schema, in base alla norma, definisce quali elementi sono necessari per accedere all esame: Eventuale frequenza ad un corso Anni di servizio attivo nell ambito specifico Appartenenza ad una associazione Titolo di studio. Definizione delle modalità di erogazione degli esami Il comitato di schema, sempre riferendosi alla norma, definisce come avviene l esame, prova scritta, orale, simulazioni, casi aziendali, esame via web ecc. ecc. oltre a definire quali siano gli ispettori e i deliberatori.

16 Dalla norma al certificato Eventuale qualifica o riconoscimento del corso Definizione delle procedure di iscrizione all esame Definizione delle modalità di erogazione degli esami In base a quanto definito dalla norma o schema proprietario ed in base a quando deliberato dal comitato di schema può essere necessario il riconoscimento di un corso propedeutico all esame. Riconoscere un corso significa verificarne le Il comitato di schema definisce quali elementi sono necessari caratteristiche per intrinseche accedere all esame: di rispetto alla norma, Eventuale frequenza ad un corso obiettivi e finalità compreso il sistema di qualifica Anni di servizio attivo nell ambito specifico dei docenti, che Appartenenza a loro volta ad una associazione vengono qualificati. Titolo di studio Su questo aspetto Ecc ecc vi può essere un forte legame con la perché consentirebbe, ai corsi non formali finalizzati alla certificazione delle Il comitato di schema definisce come avviene l esame, prova professioni, di scritta, essere orale, simulazioni, riconosciuti casi aziendali, da esame un ente via web ecc. di ecc. oltre a definire quali siano gli ispettori o grand parent. certificazione, quindi validati come propedeutici alla certificazione del professionista.

17 Dalla Nel caso norma in cui vi al siano certificato portali o software in uso alle associazioni, soprattutto se validati dall ente di certificazione, ad esempio Kiwa Cermet, tali applicativi possono essere utilizzati per l analisi preliminare e/o alleggerire la prima fase del processo di certificazione riducendo Eventuale tempi e costi. In Tali base strumenti a quanto definito devono dalla norma dare o dallo garanzie schema ed in base a sull univocità qualifica delle o informazioni quando deliberato riferite dal comitato al singolo di schema professionista. può essere necessario il riconoscimento di un corso propedeutico all esame. Quindi una Informazioni riconoscimento sia anagrafiche attività non ma formale anche specifica di conoscenza, per l ottenimento dei abilità requisiti e di conoscenza atti al raggiungimento della certificazione. competenza. del corso Informazioni che verranno poi sancite e confermate dal processo di certificazione di terza parte. Definizione delle procedure di iscrizione all esame Il comitato di schema, in base alla norma, definisce quali elementi sono necessari per accedere all esame: Eventuale frequenza ad un corso Anni di servizio attivo nell ambito specifico Appartenenza ad una associazione Titolo di studio. Definizione delle modalità di erogazione degli esami Il comitato di schema, sempre riferendosi alla norma, definisce come avviene l esame, prova scritta, orale, simulazioni, casi aziendali, esame via web ecc. ecc. oltre a definire quali siano gli ispettori e i deliberatori.

18 Dalla norma al certificato Erogazione dell esame L esame viene erogato in base ad un numero minimo e massimo di partecipanti in base a quanto definito dal comitato di schema. Superato l esame la commissione esaminatrice propone il candidato alla certificazione che viene confermata dal comitato tecnico di schema attraverso una delibera. Certificati e validità Il candidato che supera positivamente l esame ottiene, previa accettazione della regolamentazione dell ente: Un certificato personale di qualifica ove è riportato un numero di registro Un marchio elettronico che può essere riportato su carta intestata, sito, biglietti da visita Un timbro Un tesserino che costituisce copia del certificato cartaceo Iscrizione a registro Mantenimento Rinnovo L ente di certificazione procede all iscrizione del candidato al registro Dalla data di emissione decorrono i dodici mesi per il mantenimento che avviene per 2 volte e al terzo anno si procede al rinnovo (dipende ovviamente da norma a norma) Quali siano le incombenze a carico del professionista per mantenimento e rinnovo dipende dalla norma e dallo schema definito dal comitato tecnico.

19 Dalla norma al certificato La finalità dell esame è verificare la conformità di un professionista rispetto ad una norma di certificazione di persone. Quindi si è parlato di abilità, conoscenza e L esame viene erogato in base ad un numero minimo e massimo Erogazione competenza, di partecipanti in base l Ente a quanto di definito certificazione dal comitato di schema. dovrà Superato l esame la commissione esaminatrice propone il dell esame misurare candidato alla il certificazione sapere, che saper viene confermata essere dal comitato e saper tecnico di schema attraverso una delibera. fare. Il riferimento è sempre la norma e i requisiti o le caratteristiche riportate nella Il candidato che supera positivamente l esame ottiene, previa accettazione stessa. della regolamentazione L esaminatore dell ente: è, nel caso della Un certificato personale di qualifica ove è riportato un numero di registro Certificati e Uni 11506, marchio elettronico un che membro può essere riportato del su comitato carta intestata, sito, di validità biglietti da visita schema Un timbro nominato da AIP Un tesserino che costituisce copia del certificato cartaceo Iscrizione a registro Mantenimento Rinnovo L ente di certificazione procede all iscrizione del candidato al registro Dalla data di emissione decorrono i dodici mesi per il mantenimento che avviene per 2 volte e al terzo anno si procede al rinnovo (dipende ovviamente da norma a norma). Quali siano le incombenze a carico del professionista per mantenimento e rinnovo dipende dallo schema definito dal comitato tecnico.

20 Dalla norma al certificato Erogazione dell esame Attestazioni e validità L esame viene erogato in base ad un numero minimo e massimo di partecipanti in base a quanto definito dal comitato di schema. Superato l esame la commissione esaminatrice propone il candidato alla certificazione che viene confermata dal comitato tecnico di schema attraverso una delibera. Normalmente per il mantenimento si deve dare prova dell esercizio effettivo dell attività, dell assenza di reclami e della frequenza a corsi di aggiornamento. Per il rinnovo normalmente si effettua di nuovo l esame attraverso una procedura semplificata dato che non si devono dare tutte le evidenze iniziali. Il candidato che supera positivamente l esame ottiene, previa accettazione della regolamentazione dell ente: Un certificato personale di qualifica ove è riportato un numero di registro Un marchio elettronico che può essere riportato su carta intestata, sito, biglietti da visita Un timbro Un tesserino che costituisce copia del certificato cartaceo Iscrizione a registro Mantenimento Rinnovo L ente di certificazione procede all iscrizione del candidato al registro Dalla data di emissione decorrono i dodici mesi per il mantenimento che avviene per 2 volte e al terzo anno si procede al rinnovo (dipende ovviamente da norma a norma). Quali siano le incombenze a carico del professionista per mantenimento e rinnovo dipende dallo schema definito dal comitato tecnico.

21 Dalla norma al certificato Nel caso in cui l Ente sia accreditato sullo L esame viene erogato in base ad un numero minimo e massimo specifico schema, di partecipanti il in Registro base a quanto definito dell Ente dal comitato corrisponde di schema. Superato l esame la commissione esaminatrice propone il al Registro di candidato Accredia, alla certificazione quindi che viene sul confermata sito dell ente dal comitato di tecnico di schema attraverso una delibera. accreditamento compariranno i nomi e i certificati delle persone che hanno superato l iter di certificazione e/o sono in regola con il mantenimento e/o rinnovo. Erogazione dell esame Certificati e validità Il candidato che supera positivamente l esame ottiene, previa accettazione della regolamentazione dell ente: Un certificato personale di qualifica ove è riportato un numero di registro Un marchio elettronico che può essere riportato su carta intestata, sito, biglietti da visita Un timbro Un tesserino che costituisce copia del certificato cartaceo Iscrizione a registro Mantenimento Rinnovo L ente di certificazione procede all iscrizione del candidato al registro Dalla data di emissione decorrono i dodici mesi per il mantenimento che avviene per 2 volte e al terzo anno si procede al rinnovo (dipende ovviamente da norma a norma). Quali siano le incombenze a carico del professionista per mantenimento e rinnovo dipende dallo schema definito dal comitato tecnico.

22 L iter di certificazione Norma UNI O Norma proprietaria Attività formativa non formale finalizzata alla certificazione del professionista Domanda di certificazione ed esame dei pre-requisiti Esame Delibera ed emissione del certificato

23 Dalla norma alla certificazione Norma di riferimento. (UNI, EN, CEN, ISO o Proprietaria) Attività formativa specifica sulla Norma Domanda di certificazione ed esame dei pre-requisiti Esame Delibera ed emissione del certificato Attività PRECLUSA all Ente di Certificazione I corsi formali o non formali possono essere condotti dalle Università, Enti di formazione, Enti Bilaterali, Associazioni e vengono qualificati da Kiwa Cermet Italia Attività afferenti a Kiwa Cermet Italia ma in base alla ISO possono essere delegate all esterno sotto il controllo di Kiwa Cermet Italia In base alla ISO è una attività ESCLUSIVA di Kiwa Cermet Italia

24 Domanda di certificazione ed analisi dei prerequisiti I candidati per sostenere un esame devono compiere un atto formale detto «domanda di certificazione» e una verifica di ammissibilità all esame. L analisi dei prerequisiti di ammissione all esame si basa su quanto definito dalla norma e dallo schema di certificazione e differisce da norma a norma. Tendenzialmente si basa su: Anni si esperienza Curriculum Vitae Formazione pregressa Conoscenze, abilità e competenze specifiche I requisiti devono essere comprovati da evidenze oggettive, non sono ammesse autodichiarazioni (quindi, incarichi, titoli di studio, buste paga ecc. ecc.) L avvio di tale fase avviene a fronte di un pagamento che non comprende la quota di esame ma solo di analisi dei prerequisiti.

25 Esame Il candidato, in linea con i prerequisiti e che ha versato la quota dovuta può accedere all esame vero e proprio. La tipologia di esame dipende da quanto definito nella norma di riferimento, tendenzialmente può essere composto da: Scritto Orale Simulazioni Project work o caso aziendale Prova pratica Gli esaminatori sono esperti del settore, a volte dei «pari» che sono stati formati e qualificati come esaminatori; non possono essere i formatori di coloro che esaminano. L esame può essere condotto in modalità on line o frontale anche in sessioni separate. L esame non definisce un livello di bravura, non vi è voto, ma sancisce unicamente se il candidato può essere un certificato o meno come professionista.

26 Delibera, emissione del certificato ed Iscrizione al registro Nel caso in cui l esito dell esame sia positivo, tutta la documentazione, sia quella comprovante i prerequisiti sia quella di esame, viene riesaminata da chi delibera che fa un ultimo controllo sia sulla corretta erogazione dell esame sia sui contenuti dell esame. Solo dopo questo ulteriore controllo avviene la delibera e quindi la certificazione. Il deliberatore non è solo un garante del metodo e del processo ma entra anche nel merito dei contenuti per sancire indiscutibilmente l avvenuta certificazione. Ad avvenuta delibera vengono emessi il certificato ed eventuali altri documenti come il tesserino ed il timbro e Kiwa Cermet Italia procede ad aggiornare i registri sia propri sia di Accredia ove previsto.

27 Attenzione! Uno dei principi cardine della ISO (ovvero la norma che regola gli enti di certificazione del personale) impone il principio di indipendenza, imparzialità ed obiettività di giudizio nella fase di certificazione. Quindi un Ente di certificazione non dovrebbe erogare formazione nell ambito della specifica certificazione. Non vi deve essere una correlazione diretta o di propedeuticità tra «un corso» e l esame. (la percezione «se fai questo corso passi l esame» deve essere fugata in modo assoluto) Colui che eroga sul medesimo gruppo di persone la formazione non può in alcun modo essere esaminatore sugli stessi, come non può essere nemmeno colui che delibera. Parallelamente colui che delibera non può essere esaminatore o formatore sul medesimo gruppo di persone.

28 Un occhio di riguardo per le associazioni Kiwa Cermet Italia ritiene cruciale il ruolo delle Associazioni e ha definito una strategia specifica per coinvolgere direttamente le Associazioni nel processo di certificazione, andando oltre a quanto la legge 4 concede rispetto l Attestazione.

29 Il ruolo delle associazioni Come potete immaginare è quasi impossibile che un Ente di certificazione operi senza attivare una collaborazione ed una sinergia con le Associazioni. L Ente di certificazione ha il metodo, non ha i contenuti ed anche in presenza di norma, questa, in ogni caso, deve essere interpretata e contestualizzata. Solo le Associazioni hanno la proprietà intellettuale di questi elementi cruciali: Conoscenza della professione Contestualizzazione della stessa nel mercato Se poi l Associazione è strutturata ed ha anche un applicativo informatico forte è possibile, per l Ente di certificazione, agganciarsi ed avere a disposizione velocemente tutte le informazioni utili per l esame documentale, riducendo tempi e costi per i professionisti.

30 I nostri servizi sinergici alle Associazioni Supporto alle Associazioni per definire il profilo professionale e definire la norma proprietaria secondo i modelli EQF e la linea guida CEN 14 ed eventuali altre norme correlate, il tutto finalizzato o ad una certificazione diretta o per fare richiesta di normazione ad UNI Certifichiamo le Associazioni ISO 9001 con una linea guida consolidata Qualifichiamo i corsi non formali propedeutici alla certificazione delle professioni Qualifichiamo le Associazioni come centri di esame Certifichiamo i professionisti

31 Per qualsiasi informazione Cell

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XII COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ AUDIZIONE INFORMALE A. S. 1611 DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ FUNERARIE 15 SETTEMBRE 2015 pag.: 1/6 ACCREDIA ACCREDIA è l'ente Unico Nazionale di Accreditamento,

Dettagli

La Certificazione del Personale. Schema CDP Privacy Officer e Consulente della Privacy

La Certificazione del Personale. Schema CDP Privacy Officer e Consulente della Privacy La Certificazione del Personale Schema CDP Privacy Officer e Consulente della Privacy Slide 1 TÜV Italia: breve presentazione TÜV Italia è un ente indipendente di certificazione, ispezione, testing, collaudi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ITSMS (IT SERVICE MANAGEMENT SYSTEMS) AUDITOR/RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ITSMS (IT SERVICE MANAGEMENT SYSTEMS) AUDITOR/RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ITSMS (IT SERVICE MANAGEMENT

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Le norme per le certificazioni connesse ai sistemi di gestione dell'energia Filippo Trifiletti Direttore Generale Roma - 15 luglio 2014 Le norme per le certificazioni

Dettagli

La Certificazione del Personale

La Certificazione del Personale La Certificazione del Personale Slide 1 Certificazione del Personale Cos è la Certificazione del Personale? Valutazione delle conoscenze (formazione) e delle abilità professionali (competenze) del candidato

Dettagli

25 26 giugno 2014. Ing. Luciano Rivieccio Amministratore Delegato

25 26 giugno 2014. Ing. Luciano Rivieccio Amministratore Delegato LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE: OPPORTUNITÀ PER QUALIFICARE LA PROFESSIONE Ing. Amministratore Delegato CERSA S.r.l. è un Organismo di Certificazione; i opera in osservanza degli standard internazionali

Dettagli

COORDINATORE DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI

COORDINATORE DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI Pagina 2 di 6 1. PROFILO E COMPETENZE 1.1. PROFILO 1.2. COMPETENZE Il Coordinatore della sicurezza nei cantieri, temporanei o mobili, in fase di Progettazione CSP ed in fase di Esecuzione CSE (di seguito

Dettagli

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP)

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) Pagina 2 di 6 1. PROFILO E COMPETENZE 1. PROFILO 1.2. COMPETENZE 2. ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2.1. ISTRUZIONE 2.2. FORMAZIONE Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (di seguito definito

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E IN FASE DI ESECUZIONE (CSP CSE)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E IN FASE DI ESECUZIONE (CSP CSE) Pag. 1 di 5 PROGETTAZIONE E IN FASE DI ESECUZIONE (CSP 0 04/10/2011 Rev. Data Motivazioni Convalida Approvazione Pag. 2 di 5 PROFILI COMPETENZE (dimostrata capacità di saper utilizzare conoscenze e abilità

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEL CONSULENTE TECNICO DELLA SICUREZZA SUL LAVORO (CT)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEL CONSULENTE TECNICO DELLA SICUREZZA SUL LAVORO (CT) Pag. 1 di 6 LAVORO (CT) CONSULENTE TECNICO SENIOR DELLA SICUREZZA SUL LAVORO (CTSS) 0 04/10/2011 1 emissione Rev. Data Motivazioni Convalida Approvazione Pag. 2 di 6 PROFILI Nella presente scheda si caratterizzano

Dettagli

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la 17000:2005 e l architettura concettuale di Giovanni Mattana INTRODUZIONE La valutazione della conformità di prodotti, sistemi,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE UNI EN ISO 22000 PACKAGING

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE UNI EN ISO 22000 PACKAGING Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO

Dettagli

FORMATORI DELLA SALUTE E SICUREZZA

FORMATORI DELLA SALUTE E SICUREZZA Pagina 2 di 5 1. PROFILO E COMPETENZE 1.1. PROFILO 1.2. COMPETENZE 2. ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2.1. ISTRUZIONE 2.2. FORMAZIONE Il Formatore della salute e sicurezza è un professionista in possesso di competenze

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Seminari MESAP La gestione della qualità, affidabilità, compatibilità, sicurezza e conformità L accreditamento come strumento di sostegno alla competitività sui

Dettagli

Kiwa Cermet Italia. Kiwa Cermet Italia è un Ente di Certificazione accreditato per certificare sistemi, prodotti, servizi e persone.

Kiwa Cermet Italia. Kiwa Cermet Italia è un Ente di Certificazione accreditato per certificare sistemi, prodotti, servizi e persone. in partenariato con Kiwa Cermet Italia Kiwa Cermet Italia è un Ente di Certificazione accreditato per certificare sistemi, prodotti, servizi e persone. Il gruppo Kiwa è leader a livello internazionale

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas.

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG10 Pag. 1 di 7 - AUDITOR E RESPONSABILI DEL

Dettagli

SCHEMA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE

SCHEMA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE Rev. 03 Pagina 1 di 5 a) Titolo di studio(*) formale) b) Esperienza lavorativa in campo specifico (*) informale) c) Formazione specifica non formale) Professionista della Security I livello (operativo,

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG08 Pag. 1 di 6 0 01.10.2013 CEPAS srl R.A. Favorito

Dettagli

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! 1 Regolamento CE 303/2008 2aprile 2008 Si ricorda che deve essere certificato la persona fisica che svolge le seguenti attività: a) Controllo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI/ CONSULENTI SENIOR DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI/ CONSULENTI SENIOR DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG04 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI/

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11476

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11476 PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11476 INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Giugno 2013 Articolo 3 CONDIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.) Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH 193 Pag. 1 di 5 AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI (S.G.E.) 0 01.10.2013

Dettagli

CSP- CSE RSPP FSL - FFSL - CTS CTSS*

CSP- CSE RSPP FSL - FFSL - CTS CTSS* PROCEDURA GESTIONALE sigla:pd20 Pag. 1 di 5 DEL CSP- CSE RSPP FSL - FFSL - CTS CTSS* 0 1 emissione Rev. Data Motivazioni Convalida Approvazione Pag. 2 di 5 INDICE 1.0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2.0

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE degli ESPERTI IN GESTIONE DELL

Dettagli

SCHEMA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DI AUDITOR E LEAD AUDITOR NEL SETTORE SICUREZZA. Rev. 08 Pagina 1 di 7

SCHEMA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DI AUDITOR E LEAD AUDITOR NEL SETTORE SICUREZZA. Rev. 08 Pagina 1 di 7 Rev. 08 Pagina 1 di 7 REQUISITI PER L ISCRIZIONE A REGISTRO a) Titoli di studio minimo b) Competenza (rif. Tabella 1 Regolamento QI 100100) Diploma di Istruzione secondaria superiore terminologia, principi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ Associazione Rappresentativa Italiana Formatori ed Operatori Sicurezza sul lavoro Sede legale: Via Castello, snc 81039 Villa Literno Cod. fiscale: 90036750611 info@arifos.it A.R.I.F.O.S. R EGOLAMENTO DI

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA

QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA 1 REQUISITI ISO/IEC17025 E ACCREDIA RIFERIBILITA DELLE MISURE REQUISITI COGENTI QUALITA DEL DATO METODO DI PROVA CONFRONTI INTERLABORATORIO

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO PERCORSO DI FORMAZIONE PER LEAD AUDITOR SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO La realizzazione del percorso formativo per Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza e

Dettagli

DC-RMT Requisiti minimi degli auditor termografici

DC-RMT Requisiti minimi degli auditor termografici Requisiti minimi degli auditor termografici Cod. DC-RMT DC-RMT Requisiti minimi degli auditor termografici Estensori del documento Codice DG DC-RMT Approvazione Data di emissione DG 21/07/2009 Tipo di

Dettagli

Efficacia e fattibilità della semplificazione per le aziende certificate

Efficacia e fattibilità della semplificazione per le aziende certificate Efficacia e fattibilità della semplificazione per le aziende certificate Francesca Nizzero Relazioni esterne ACCREDIA Il sistema europeo di gestione per la qualità Regolamento 765/2008/CE del Parlamento

Dettagli

SCHEMA CESI-ISPEZIONI

SCHEMA CESI-ISPEZIONI Pagina 1 di 6 SCHEMA CESI-ISPEZIONI ISPEZIONI DI TIPO A REGOLAMENTO Documento approvato dal Comitato Tecnico per la Certificazione del CESI (CTC) nella riunione del 23 Novembre 2006 [D042.02-CTC(Segr)]

Dettagli

Presentazione CEPAS, ogni riproduzione deve essere preventivamente autorizzata

Presentazione CEPAS, ogni riproduzione deve essere preventivamente autorizzata 1 Presentazione della nuova Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 Valutazione della conformità Requisiti generali per gli organismi che operano la certificazione delle persone Giancarlo Colferai Presidente

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 14/06/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI ALL ARMAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI ALL ARMAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI ALL ARMAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione Articolo 2 Documentazione correlata e modelli

Dettagli

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei Centri di contatto in accordo alla UNI EN 15838, seguendo i criteri della UNI 11200. Directives for accreditation

Dettagli

DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 12/13 della seduta del 31 luglio 2013 Elenco degli Ispettori della Qualità e Sicurezza delle Imprese di Autotrasporto, in attuazione dell articolo 9, comma 2, lettera f) del decreto legislativo

Dettagli

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione Camera dei Deputati Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici Audizione Schema di decreto legislativo concernente modifiche ed integrazioni del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 155, recante

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

Giorgio Colato LA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO. IL FILO ROSSO CHE LEGA LA RESPONSABILITA, CONTRATTI E QUALITA

Giorgio Colato LA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO. IL FILO ROSSO CHE LEGA LA RESPONSABILITA, CONTRATTI E QUALITA LA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO. IL FILO ROSSO CHE LEGA LA RESPONSABILITA, CONTRATTI E QUALITA 1 Il Comitato Centrale cui obbligatoriamente devono iscriversi tutte le Aziende di autotrasporto, anche alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

Date e orari delle lezioni 01-10-14 dicembre 2015. Sede del corso. Segreteria organizzativa Direzione didattica. Obiettivi e Finalità del corso

Date e orari delle lezioni 01-10-14 dicembre 2015. Sede del corso. Segreteria organizzativa Direzione didattica. Obiettivi e Finalità del corso FORMAZIONE FORMATORI Elementi di didattica per la qualificazione Art. 6, comma 8, lettera m-bis, D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i Decreto interministeriale 6 marzo 2013 Corso di specializzazione con ESAME FINALE

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG26 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI

Dettagli

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 2 Riferimenti normativi 2 3 Definizioni 2 4 Condizioni generali 3 4.1 Requisiti 3 4.2 Accesso agli schemi di certificazione/qualificazione 3 5 Processo di certificazione

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO NELLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO NELLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004 Sistemi Valutazione della conformità - Requisiti generali

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16 Data della verifica: Certificatore Verificato (specificare nome e cognome) Certificato Verificato (numero certificato, revisione e data rilascio) Responsabile del Gruppo di Verifica (specificare nome e

Dettagli

Partecipa e innoviamo insieme il networkaias

Partecipa e innoviamo insieme il networkaias Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace www.aias-sicurezza.it Il networkaias incrementa la tua professionalità e il tuo business (Giancarlo

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11558

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11558 PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11558 INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Dicembre 2014 Articolo 2 CONDIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

Linea Guida. Termini e Definizioni

Linea Guida. Termini e Definizioni Istituto Meridiana S.r.l. Linea Guida 03 Linea Guida Termini e Definizioni 2 27.02.12 Rilievo Accredia e adeguamento normativo RQ RQ CT 1 10.11.11 Prima Emissione RQ RQ DG Em. Data Descrizione Redazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

CEPAS Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it

CEPAS Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 0 23.09.2010 1ª Emissione Presidente Comitato di Certificazione Presidente

Dettagli

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato (Approvato dal Consiglio Direttivo con decisione n. 304 del 17 ottobre 2007) Art. 1 Definizioni Ai fini del

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Qualità. (ISO 19011:2012 - ISO 9001:2008) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Qualità. (ISO 19011:2012 - ISO 9001:2008) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazione/Specialist Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Qualità (ISO 19011:2012 - ISO 9001:2008) (40 ore) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 ore Filippo Brunelleschi

Dettagli

La certificazione delle figure professionali in Italia. Qualificazione e certificazione delle competenze per gli operatori nel settore energetico

La certificazione delle figure professionali in Italia. Qualificazione e certificazione delle competenze per gli operatori nel settore energetico ACCREDIA L ente italiano di accreditamento La certificazione delle figure professionali in Italia Qualificazione e certificazione delle competenze per gli operatori nel settore energetico Roma, Filippo

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG45 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI ESPERTI

Dettagli

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE NELLA REGIONE UMBRIA

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE NELLA REGIONE UMBRIA ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE NELLA REGIONE UMBRIA L Istituto dell Accreditamento nasce in Italia nel 1992 con la riforma del Sistema Sanitario Nazionale (DL.502/92) e viene ulteriormente definito e dettagliato

Dettagli

ICPrev/BAN-FORM-DOC FORMATORE E DOCENTE CHE OPERA NELL AMBITO DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO E PROTEZIONE DELL AMBIENTE

ICPrev/BAN-FORM-DOC FORMATORE E DOCENTE CHE OPERA NELL AMBITO DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO E PROTEZIONE DELL AMBIENTE Pagina 1 di 10 BANDO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI FORMATIVO-DIDATTICHE DI UN FORMATORE E DOCENTE CHE OPERA NELL AMBITO DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO E PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Dettagli

Progetto ECDL INFORMAZIONI GENERALI

Progetto ECDL INFORMAZIONI GENERALI Progetto ECDL INFORMAZIONI GENERALI La Nuova ECDL è stata introdotta da AICA in Italia nel secondo semestre del 2013 e rinnova in profondità sia la struttura che i contenuti della Patente Europea del Computer

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

CONVEGNO UNI LA CERTIFICAZIONE DELLE FIGURE PROFESSIONALI OPERANTI SUGLI IMPIANTI A GAS. Paolo Giuiuzza Direttore CONFORMA

CONVEGNO UNI LA CERTIFICAZIONE DELLE FIGURE PROFESSIONALI OPERANTI SUGLI IMPIANTI A GAS. Paolo Giuiuzza Direttore CONFORMA CONVEGNO UNI LA CERTIFICAZIONE DELLE FIGURE PROFESSIONALI OPERANTI SUGLI IMPIANTI A GAS Paolo Giuiuzza Direttore CONFORMA CONFORMA in breve Associazione di Organismi di Certificazione, Ispezione, Prove

Dettagli

Tipologia corso obbligatorio Corsi di formazione (formazione non formale) coerente con i contenuti della UNI 9994-1;

Tipologia corso obbligatorio Corsi di formazione (formazione non formale) coerente con i contenuti della UNI 9994-1; DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Manutentore di estintori: Figura che opera nel: controllo; manutenzione o riparazione degli estintori portatili e carrellati, al fine di garantirne l efficienza operativa

Dettagli

Io mediatore familiare oggi: mi certifico o non mi certifico?

Io mediatore familiare oggi: mi certifico o non mi certifico? Seminario di aggiornamento professionale GeA 2015 Io mediatore familiare oggi: mi certifico o non mi certifico? Materiale ad uso esclusivo nei corsi GeA Antonella Profeta Legge n.4/2013 Disposizioni in

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH131 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione Articolo 2 Documentazione

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA...1 a) I principi di gestione della qualità evidenziati dalla Vision 2000...2 b) I principali cambiamenti introdotti dalla Vision 2000...4 c) Il processo di certificazione...5

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

CEPAS Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it

CEPAS Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: scrivi_a@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 0 12.07.2007 1ª Emissione Presidente Comitato di Certificazione Presidente

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DEI FORNITORI DI PRODOTTI PER L INFRASTRUTTURA

NORMATIVA DEL SISTEMA DEI FORNITORI DI PRODOTTI PER L INFRASTRUTTURA NORMATIVA DEL SISTEMA DEI FORNITORI DI PRODOTTI PER L INFRASTRUTTURA Rev. 1 edizione maggio 2015 Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione Articolo 2 Documentazione correlata e modelli

Dettagli

SCHEMA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER FOOD SAFETY AUDITOR / LEAD AUDITOR

SCHEMA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER FOOD SAFETY AUDITOR / LEAD AUDITOR Rev. 02 Pagina 1 di 5 Individua un Responsabile didattico Il quale coordina, definisce la struttura dei corsi ed è l interfaccia con l Organismo di Certificazione. Prevede: max 20 partecipanti ü no. 2

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE SCHEMA DEI REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTO NELLA GESTIONE DELL ENERGIA - ENERGY MANAGER Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE associazione italiana per la sicurezza della circolazione REGOLAMENTO PARTICOLARE per il rilascio della certificazione di conformità (Marchio CE) per i prodotti da costruzione (Direttiva del Consiglio

Dettagli

Docente: Anna Bortoluzzi Lead Auditor, Specialista di materiali, Tecnologo

Docente: Anna Bortoluzzi Lead Auditor, Specialista di materiali, Tecnologo auditor / lead auditor di sistemi di gestione uni en iso 22000 packaging auditor / lead auditor di standard di prodotto e gmp nel packaging alimentare. Corso organizzato da e promosso in collaborazione

Dettagli

FUTURI CHEF CORSO PROFESSIONALE

FUTURI CHEF CORSO PROFESSIONALE FUTURI CHEF CORSO PROFESSIONALE IL corso Il corso di cucina professionale è concepito per formare aspiranti chef con competenze che spaziano dalla conoscenza e scelta delle materie prime, alle basi della

Dettagli

SCHEMA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR/LEAD AUDITOR QUALITA /AMBIENTE

SCHEMA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR/LEAD AUDITOR QUALITA /AMBIENTE Rev. 11 Pagina 1 di 5 Organizzazione Individua un Responsabile didattico il quale coordina, definisce la struttura dei Corsi ed è l'interfaccia con l'organismo di Certificazione (es. comunica per ogni

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

Responsabili tecnici di imprese e consorzi esercenti il servizio di revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi

Responsabili tecnici di imprese e consorzi esercenti il servizio di revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi Standard formativo relativo alla formazione dei Responsabili tecnici di imprese e consorzi esercenti il servizio di revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi e dei Responsabili tecnici

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA

REGOLAMENTO GENERALE PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA CERSA S.r.l. a socio unico Organismo di Certificazione Via G. De Castillia, 10 20124 Milano tel. 02.86.57.30 02.86.57.37 fax 02.72.09.63.80 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA. Rev. 2 edizione novembre 2014 Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Regolamento per la certificazione delle figure professionali

Regolamento per la certificazione delle figure professionali Regolamento per la certificazione delle figure professionali 00 22/05/2015 Emissione. Sostituisce e aggiorna secondo la norma UNI EN ISO/IEC 17024 in ultima edizione il doc ICIM 0191CR_03 Regolamento per

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER

Dettagli

Co-funded by the Intelligent Energy Europe Program of the European Union SCHEMA DI QUALIFICAZIONE FORMATORE DI CANTIERE

Co-funded by the Intelligent Energy Europe Program of the European Union SCHEMA DI QUALIFICAZIONE FORMATORE DI CANTIERE Co-funded by the Intelligent Energy Europe Program of the European Union SCHEMA DI QUALIFICAZIONE FORMATORE DI CANTIERE Pag. 2/11 INDICE 1.# SCOPO#E#CAMPO#DI#APPLICAZIONE#...#3# 2.# PROFILO#PROFESSIONALE#...#3#

Dettagli

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Premessa L attuazione di uno schema di certificazione prevede, al fine della sua credibilità,

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 4 Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI

MINISTERO DEI TRASPORTI MINISTERO DEI TRASPORTI DELIBERAZIONE 27 giugno 2006 Istituzione dell'«elenco degli Ispettori della qualita' e sicurezza delle imprese di autotrasporto», in attuazione dell'articolo 9, comma 2, lettera

Dettagli