DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO"

Transcript

1 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E020AC596 Prestazioni energetiche degli edifici Parte 6: Determinazione del fabbisogno di energia per ascensori e scale mobili Energy performance of buildings Part 6: Evaluation of energy need for lifts and escalators ORGANO COMPETENTE CTI - Comitato Termotecnico Italiano CO-AUTORE Impianti di ascensori, montacarichi, scale mobili e apparecchi similari SOMMARIO La presente specifica tecnica fornisce dati e metodi per la determinazione del fabbisogno di energia elettrica per il funzionamento di impianti destinati al sollevamento e al trasporto di persone o persone accompagnate da cose in un edificio, sulla base delle caratteristiche dell'edificio e dell'impianto. I suddetti metodi di calcolo tengono in considerazione solo il fabbisogno di energia elettrica nei periodi di movimento e di sosta della fase operativa del ciclo di vita. UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E020AC596 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

2 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E020AC596 Questo testo NON è una norma UNI, ma è un progetto di norma sottoposto alla fase di inchiesta pubblica, da utilizzare solo ed esclusivamente per fini informativi e per la formulazione di commenti. Il processo di elaborazione delle norme UNI prevede che i progetti vengano sottoposti all'inchiesta pubblica per raccogliere i commenti degli operatori: la norma UNI definitiva potrebbe quindi presentare differenze -anche sostanziali- rispetto al documento messo in inchiesta. Questo documento perde qualsiasi valore al termine dell'inchiesta pubblica, cioè il: UNI non è responsabile delle conseguenze che possono derivare dall'uso improprio del testo dei progetti in inchiesta pubblica. RELAZIONI NAZIONALI RELAZIONI INTERN.LI PREMESSA La presente norma è stata elaborata sotto la competenza dell'ente federato - Comitato La Commissione Centrale Tecnica dell'uni ha dato la sua approvazione il giorno UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E020AC596 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

3 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E020AC596 VARIANTI NAZIONALI UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E020AC596 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

4 PREMESSA La determinazione delle prestazioni energetiche degli edifici richiede metodi di calcolo per: 1) il fabbisogno di energia termica utile per il riscaldamento e il raffrescamento ambiente; 2) il fabbisogno di energia termica utile per acqua calda sanitaria; 3) il fabbisogno di energia per la ventilazione meccanica; 4) l efficienza e il fabbisogno di energia primaria degli impianti di riscaldamento o di climatizzazione invernale; 5) l efficienza e il fabbisogno di energia primaria per la produzione di acqua calda sanitaria; 6) l efficienza e il fabbisogno di energia primaria degli impianti di raffrescamento o di climatizzazione estiva; 7) il fabbisogno di energia per l illuminazione degli ambienti interni ed esterni di pertinenza dell edificio; 8) la quota di energia rinnovabile utilizzata per il riscaldamento o climatizzazione invernale, raffrescamento o climatizzazione estiva, ventilazione, produzione di acqua calda sanitaria e illuminazione; 9) il fabbisogno di energia per ascensori, scale e marciapiedi mobili; 10) l'efficienza e il fabbisogno di energia primaria per ascensori, scale e marciapiedi mobili; 11) la conversione finale dei flussi di energia consegnata ed esportata in energia primaria, emissioni di CO2, costi ed altri indicatori complementari. I suddetti metodi di calcolo sono descritti nelle seguenti specifiche tecniche: UNI/TS UNI/TS UNI/TS UNI/TS UNI/TS UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell edificio per la climatizzazione estiva ed invernale; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione e per l illuminazione; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 3: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per riscaldamento di ambienti e produzione acqua calda sanitaria; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 5: Calcolo dell energia primaria e della quota da fonti rinnovabili; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 6: Determinazione del fabbisogno di energia per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili La serie UNI/TS considera i seguenti servizi energetici degli edifici: - climatizzazione o riscaldamento invernale; - acqua calda sanitaria; - climatizzazione o raffrescamento estivo; - ventilazione; 1

5 - illuminazione; - trasporto di persone. La specifica fornisce dati e metodi di calcolo per la determinazione dei fabbisogni di energia termica utile richiesti dai suddetti servizi, nonché di energia fornita e di energia primaria per i vettori energetici considerati. Il documento è coerente con le norme elaborate dal CEN nell ambito del mandato M/343 a supporto della Direttiva Europea 2002/91/CE sulle prestazioni energetiche degli edifici. La presente specifica tecnica fornisce univocità di valori e di metodi per consentire la riproducibilità e confrontabilità dei risultati e ottemperare alle condizioni richieste da documenti a supporto di disposizioni nazionali. Gli indici di prestazione energetica dei vari servizi si calcolano sulla base dei fabbisogni determinati secondo la presente specifica tecnica (prospetto 1). Prospetto 1 - Classificazione dei servizi energetici, parametri di prestazione energetica e riferimenti per il calcolo Servizio Parametri correlati alla prestazione energetica Simbolo Unità di misura Riferimenti per il calcolo Energia termica utile per il riscaldamento Q H,nd [kwh] UNI/TS Climatizzazione invernale Acqua calda sanitaria Energia termica utile per l umidificazione Q H,hum,nd [kwh] UNI/TS Energia consegnata E del,h [kwh] UNI/TS UNI/TS Energia primaria E P,H [kwh] UNI/TS Energia termica utile Q W,nd [kwh] UNI/TS Energia consegnata E del,w [kwh] UNI/TS UNI/TS Energia primaria E P,W [kwh] UNI/TS Portata d aria per ventilazione meccanica q ve FC ve [m 3 /s] UNI/TS Temperatura d immissione dell aria θ sup [ C] UNI/TS Ventilazione Frazione temporale con ventilazione meccanica funzionante β [-] UNI/TS Energia consegnata E del,v [kwh] UNI/TS Energia primaria E P,V [kwh] UNI/TS Energia termica utile per il raffrescamento Q C,nd [kwh] UNI/TS Energia termica utile per la deumidificazione Q C,dhum,nd [kwh] UNI/TS Climatizzazione estiva Illuminazione Trasporto di persone Efficienza energetica media stagionale ε C [-] UNI/TS Energia consegnata E del,c [kwh] UNI/TS Energia primaria E P,C [kwh] UNI/TS Energia consegnata E del,l [kwh] UNI EN UNI/TS Energia primaria E P,L [kwh] UNI/TS Energia consegnata E del,t [kwh] UNI/TS Energia primaria E P,T [kwh] UNI/TS

6 INTRODUZIONE La serie UNI/TS può essere utilizzata per le seguenti applicazioni: 1) valutare il rispetto di regolamenti espressi in termini di obiettivi energetici; 2) confrontare le prestazioni energetiche di varie alternative progettuali per un edificio in progetto; 3) indicare un livello convenzionale di prestazione energetica degli edifici esistenti; 4) stimare l effetto di possibili interventi di risparmio energetico su un edificio esistente, calcolando il fabbisogno di energia prima e dopo ciascun intervento; 5) prevedere le esigenze future di risorse energetiche su scala nazionale o internazionale, calcolando i fabbisogni di energia di tipici edifici rappresentativi del parco edilizio. Le suddette applicazioni trovano riscontro in diversi tipi di valutazione energetica di calcolo. Nel caso di applicazione all intero edificio in modo omogeneo (progetto di nuovi edifici o ristrutturazioni globali o diagnosi energetica dell intero edificio) si fa riferimento al prospetto 2 ricavato dalla UNI EN Prospetto 2 - Classificazione tipologie di valutazione energetica per applicazioni omogenee all intero edificio A1 A2 A3 Tipo di valutazione Sul progetto (Design Rating) Standard (Asset Rating) Adattata all utenza (Tailored rating) Dati di ingresso Uso Clima Edificio Standard Standard Progetto Standard Standard Reale In funzione dello scopo Reale Nel caso di applicazione a edifici parzialmente ristrutturati e/o in casi di ampliamento di edifici esistenti, per una valutazione delle prestazioni energetiche globali di tali edifici i dati di ingresso sono in parte riferiti all edificio reale e in parte sul progetto. In tal caso la valutazione energetica diviene mista (design rating + asset rating) e quindi per la classificazione delle tipologie di valutazione energetica si fa riferimento al prospetto 3. Prospetto 3 - Classificazione tipologie di valutazione energetica e relative applicazioni Condizioni climatiche e comportamento dell utenza Standard Reale Edificio Progetto Reale Misto - Certificazione energetica - Richiesta del permesso di dell edificio - Richiesta di titolo abilitativo costruire (nuova costruzione) - Qualificazione energetica (ristrutturazione) - Certificazione energetica del dell edificio - Certificazione energetica del progetto (nuova costruzione) progetto (ristrutturazione) - Ottimizzazione del progetto (nuova costruzione) - Diagnosi energetica (analisi dell esistente) - Validazione modelli di calcolo (confronto con consumi reali) - Ottimizzazione del progetto (ristrutturazione) 3

7 La valutazione energetica sul progetto (A1) o standard (A2) permette di determinare un fabbisogno convenzionale, utile per confrontare edifici indipendentemente dal loro reale utilizzo. La valutazione adattata all'utenza (A3) può consentire una stima realistica dei consumi energetici. 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente specifica tecnica fornisce dati e metodi per la determinazione del fabbisogno di energia elettrica per il funzionamento di impianti destinati al sollevamento e al trasporto di persone o persone accompagnate da cose in un edificio, di seguito detti impianti, sulla base delle caratteristiche dell'edificio e dell'impianto. I suddetti metodi di calcolo tengono in considerazione solo il fabbisogno di energia elettrica nei periodi di movimento e di sosta della fase operativa del ciclo di vita. La presente specifica tecnica si applica ai seguenti impianti: - ascensori; - montascale; - piattaforme elevatrici; - montacarichi e montauto; - scale mobili; - marciapiedi mobili. La presente specifica tecnica si applica alle seguente tipologie di edifici: - edificio residenziale; - albergo; - ufficio; - ospedale; - edificio adibito ad attività scolastiche e ricreative; - centro commerciale; - edificio adibito ad attività sportive; - edificio adibito ad attività industriali e artigianali; - edificio adibito al servizio di trasporto pubblico (stazione, aeroporto, ecc.). Nota 1: Alla data di pubblicazione della presente specifica tecnica è in vigore la Legge 3 agosto 2013, n. 90 e successive modifiche e/o integrazioni, che nella prestazione energetica di un edificio considera gli impianti ascensori e scale mobili solo per il settore terziario. La presente specifica tecnica può essere applicata a tipologie di edifici diverse da quelle indicate, previa una valutazione preliminare specifica del traffico richiesto. L'Appendice A fornisce, a titolo informativo, esempi di calcolo del fabbisogno energetico. 4

8 2 RIFERIMENTI NORMATIVI La presente specifica tecnica rimanda a disposizioni contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte nella presente specifica tecnica come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti). UNI EN ISO Prestazioni energetiche di ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili - Parte 1: Misura del consumo di energia e verifica UNI EN ISO Prestazioni energetiche di ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili - Parte 2: Calcolo dell'energia e classificazione degli ascensori 3 TERMINI E DEFINIZIONI Ai fini della presente specifica tecnica si applicano i termini e le definizioni seguenti. 3.1 Definizioni relative ad ascensori, montascale, piattaforme elevatrici, montacarichi e montauto ciclo di funzionamento: Per tutti gli impianti, sequenza di salita e discesa tra due piani definiti, senza fermate intermedie, comprendente l'apertura e la chiusura delle porte ai piani coefficiente di bilanciamento della portata dell impianto: Frazione della portata bilanciata dal contrappeso, in aggiunta alla massa del supporto del carico corsa: Distanza verticale percorsa dall'impianto nel suo movimento tra due piani inverter: Azionamento del motore con frequenza e tensione variabili. Nota: l'inverter è anche chiamato azionamento VVVF manovra collettiva: Funzionamento di uno o più ascensori che possono rispondere ad una chiamata ai piani anche durante una corsa, in funzione delle impostazioni del gruppo di manovra supporto del carico Parte dell'impianto destinata a contenere e/o sostenere il carico da sollevare, comprese le parti strutturali. Nota: per esempio, nel caso di un ascensore tradizionale, il supporto del carico è fornito dalla cabina, comprese le porte di cabina, e dalla struttura di sostegno fino all'attacco delle funi di sospensione. 3.2 Definizioni relative a scale mobili e marciapiedi mobili condizione di attesa: Stato di quiete avviabile da personale autorizzato condizione di avviamento automatico: Stato di quiete in attesa di avviamento automatico all arrivo di un passeggero. 5

9 3.2.3 condizione di impianto non alimentato: Stato di quiete nel quale l impianto non è alimentato (tensione elettrica assente) condizione operativa con carico: Stato di funzionamento con la presenza di uno o più passeggeri condizione operativa di moto a bassa velocità: Stato di funzionamento a velocità ridotta esclusivamente senza passeggeri condizione operativa di moto a velocità nominale: Stato di funzionamento a velocità di progetto con o senza passeggeri condizione operativa senza carico: Stato di funzionamento a velocità nominale senza carico di passeggeri dislivello: Distanza verticale tra i piani serviti dalla scala mobile e dal marciapiede mobile inclinato velocità nominale: Velocità nella direzione di movimento dei gradini o dei segmenti quando l'impianto opera senza carico, definita dal costruttore in fase di progetto. 3.3 Definizioni comuni a tutte le tipologie di impianti servizio accessorio: Servizio opzionale non indispensabile per il sollevamento e trasporto di persone o persone accompagnate da cose. Nota 1: Nota 2: per gli ascensori, esempi non esaustivi sono la ventilazione forzata, il condizionamento, il monitor. per le scale mobili, esempi non esaustivi sono l'illuminazione della balaustra, i dispositivi di riscaldamento trasporto di persone: Servizio che, in un edificio, provvede al sollevamento o al trasporto di persone o persone accompagnate da cose attraverso l impiego di impianti ascensori, montascale, piattaforme elevatrici, scale mobili e marciapiedi mobili. 4 SIMBOLI E UNITA DI MISURA Ai fini della presente specifica tecnica si applicano i simboli e le unità di misura dati dal prospetto 4 e i pedici del prospetto 5. Prospetto 4 Simboli e unità di misura Simbolo Voce Unità di misura c numero medio di corse - CF fattore di correzione per scale e marciapiedi mobili Crd coefficiente di recupero energetico in discesa 6

10 Crs coefficiente di recupero energetico in salita d numero di giorni nel mese - E fabbisogno di energia kwh h corsa o dislivello, nel caso di scale e marciapiedi mobili m k coefficiente di bilanciamento della portata dell'impianto - l lunghezza del marciapiede mobile orizzontale m L lavoro J m massa media del passeggero kg N valore medio del numero di passeggeri al giorno P portata dell'impianto kg t tempo h v velocità dell'impianto m/s W potenza W Z massa del supporto del carico (comprende cabina, arcata, ecc.) kg Z% frazione bilanciata della massa del supporto del carico, espressa come valore numerico tra 0 e 1 angolo di inclinazione, per scale e marciapiedi mobili ƞ efficienza globale di sistema nella fase di movimento carico medio sul supporto del carico espresso come frazione della portata e valore numerico tra 0 e 1 rendimento coefficiente di attrito in condizioni di carico Prospetto 5 Pedici Pedice Voce A ascensore altri servizi accessori, da considerare specificatamente per tutta la durata del servizio app attesa auto av bv ccc apparecchiature di comando e segnalazione dell impianto, esclusa la fase di movimento del supporto del carico condizione di attesa condizione di avviamento automatico condizione operativa di moto a velocità nominale condizione operativa di moto a bassa velocità condizione operativa con carico 7

11 cm csc d G H ill m M off S spc T ciclo con corsa media condizione operativa senza carico giornaliero montacarichi e montauto Montascale e piattaforme elevatrici illuminazione del supporto del carico, esclusa la fase di movimento del supporto del carico valore medio marciapiede mobile condizione di impianto non alimentato scala mobile (energia) specifica di movimento sollevamento e trasporto di persone e persone accompagnate da cose 5 FABBISOGNO DI ENERGIA PER IL TRASPORTO DI PERSONE E/O COSE Il fabbisogno di energia per il trasporto di persone e/o cose E T è dato dalla somma dei fabbisogni di energia degli impianti atti a soddisfare tale servizio: E T = E A + E H + E G + E S + E M (1) I fabbisogni di energia di tali impianti sono fabbisogni di energia elettrica. 6 FABBISOGNO DI ENERGIA DEGLI ASCENSORI 6.1. Dati di ingresso Dati relativi all edificio Si deve definire la tipologia e uso dell'edificio, in conformità al prospetto 6. Nota: il prospetto 6 è il prospetto A.1 della UNI EN ISO adattato allo scopo della presente norma Dati relativi all impianto I dati relativi all'impianto da prendere in considerazione per il calcolo del fabbisogno di energia sono: - tipologia costruttiva dell'impianto; - portata; - velocità; - corsa massima e numero di fermate; - numero di impianti interconnessi in manovra collettiva. Nota: La UNI fornisce agli operatori della progettazione edilizia uno strumento utile a effettuare una corretta scelta e integrazione nell'edificio di un sistema di ascensori, in risposta alle esigenze proprie dell'utenza finale. 8

12 Prospetto 6 Tipologia degli ascensori e loro utilizzo in funzione del tipo di edificio Categoria d'uso 1A 2A 3A 4A 5A 6A 7A Tipologia e uso edifici fino a 4 unità edifici fino a 10 unità edifici fino a 20 unità edifici fino a 30 unità edifici fino a 50 unità edifici con più di 50 uffici in edifici con più dell'edificio immobiliari, che immobiliari, che immobiliari, che immobiliari, che residenziali (365) unità residenziali di 100 m di altezza possono essere: possono essere: possono essere: possono essere: uffici fino a 10 piani (365) (260) - residenziali (365) - residenziali (365) - residenziali (365) - residenziali (365) (260) uffici con più di 10 - uffici con ridotta - uffici con ridotta - uffici con media - uffici con media alberghi fino a 40 piani (260) operatività verso il operatività verso il operatività verso il operatività verso il camere (360) alberghi con più di 40 pubblico (260) pubblico (260) pubblico(260) pubblico(260) piccoli ospedali (365) camere (360) stazioni ferroviarie residenze per anziani, uffici fino a 4 piani di uffici fino a 6 piani di aeroporti (365) ospedali (365) secondarie case famiglia, ecc. un'unica società con un'unica società con università (260) suburbane (365) fino a 10 camere ridotta operatività ridotta operatività (365) verso il pubblico (260) verso il pubblico (260) centri commerciali (365) stazioni ferroviarie residenze per anziani, uffici fino a 4 piani di suburbane (365) case famiglia, ecc. più società con fino a 30 camere operatività verso il (365) edifici scolastici e pubblico (260) alberghi fino a 20 biblioteche (260) camere (360) stazioni ferroviarie parcheggi (365) principali (360) edifici per attività ricreative (360) Frequenza d'uso Molto bassa Bassa Medio-bassa Media Medio-alta Alta Molto alta Range di corse 25 > 25; 50 > 50; 100 > 100; 200 > 200; 500 > 500; 1000 > 1000 giornaliere Numero medio di corse giornaliere (c d ) Velocità tipica 0,63 m/s 0,63 m/s da 0,63 m/s a 1 m/s 1,00 m/s 1,60 m/s 2,50 m/s 5,00 m/s I numeri tra parentesi sono il numero tipico di giorni di servizio dell'ascensore nell'anno per quel tipo di fabbricato. Non è utilizzato nel calcolo del fabbisogno energetico, ma solo per la identificazione della tipologia di edificio. 9

13 6.2 Calcolo del fabbisogno energetico Generalità sul calcolo Il fabbisogno energetico degli ascensori di un edificio è calcolato su base mensile, in funzione del fabbisogno energetico giornaliero e del numero di giorni di utilizzo nel mese: E A = E A,d d espresso in [kwh] (2) Fabbisogno energetico giornaliero di un singolo ascensore Calcolo del fabbisogno energetico giornaliero Il fabbisogno energetico giornaliero E A,d di un ascensore è dato dalla somma dei fabbisogni in movimento e dei fabbisogni nella fase di sosta, calcolato come: E A,d = [10-6 (E A,cm /2) c d ] + E A,app,d + E A,ill,d + E altri,d espresso in [kwh] (3) dove: E A,cm è il fabbisogno energetico di un ascensore per un ciclo con corsa media [mwh]; c d è il numero medio di corse giornaliere dato dal prospetto 6; E A,app,d è il fabbisogno energetico giornaliero delle apparecchiature di comando e segnalazione dell ascensore, esclusa la fase di movimento della cabina; E A,ill,d E altri,d è il fabbisogno energetico giornaliero dell illuminazione della cabina dell ascensore, esclusa la fase di movimento della cabina; è il fabbisogno energetico giornaliero dei servizi accessori. I valori di E A,cm, E A,app,d, E A,ill,d ed E altri,d devono essere ricavati dai punti , , e In alternativa, per la valutazione del consumo energetico di un impianto reale, E A,app,d e E A,ill,d possono essere ricavati da documenti relativi al consumo dell'impianto, compilati in conformità alla UNI EN ISO o rilevati applicando la UNI EN ISO Fabbisogno energetico per un ciclo con corsa media Il lavoro necessario per movimentare una massa corrispondente alla portata P per un dislivello h, con un rendimento ƞ, vale: L = 9,81 P h / ƞ espresso in [J] (4) Considerando il coefficiente di bilanciamento della portata dell'impianto e l'efficienza globale del sistema nella fase di movimento, si ha: L = 9,81 P h (1 - k) / espresso in [J] (5) Poiché il consumo energetico di un ascensore presenta valori diversi durante la corsa di salita e quella di discesa, si considera il consumo energetico di un ciclo. Considerando: - il valore della corsa media, h m, come da prospetto 7; - per le specificità del mercato italiano, il carico in cabina assume valori della portata variabili dal 6% al 12%, come da prospetto 8; il fabbisogno energetico E A,cm nella fase di movimento di un ascensore per un ciclo con corsa media è dato da: E A,cm = [Z (1 - Z % ) + P ( k)] (Crs - Crd) x h m 9, / ( 3600) espresso in [mwh] (6) 10

14 Poiché: - per impianti idraulici ed elettrici ad argano agganciato si considera che il valore della massa della unità di trasporto del carico Z sia sufficientemente approssimabile a P; - per gli impianti elettrici a fune con contrappeso, Z è irrilevante in quanto è compensato dal contrappeso; allora: E A,cm = P x h m 1000 [(1 - Z % ) + ( k)] (Crs - Crd) 9,81 / ( 3600) = P x h m x 2 E spc espresso in [mwh] (7) dove: E spc = 1000 [(1 - Z % ) + ( k)] (Crs - Crd) 9,81 / 2 ( 3600) deve essere calcolato utilizzando i valori del prospetto 8. (8) In alternativa, può essere utilizzato il valore dell'energia specifica di movimento E spc calcolato in conformità alla EN ISO per l'impianto esistente o per un ascensore avente le medesime caratteristiche. Prospetto 7 Corsa media di un ascensore in percentuale rispetto alla corsa massima Categoria d'uso da 1A a 4A 5A da 6A a 7A Numero fermate Corsa media 2 100% 3 67% >3 49% 44% 39% Nota: il prospetto 7 è il prospetto 2 della UNI EN ISO adattato allo scopo della presente norma. Prospetto 8 Impianti elettrici a fune con contrappeso Parametri per l'ascensore Z Z% k a) Crs Crd c) per P 400 Kg: 0,12 Impianto elettrico a fune ad argano agganciato P - con massa di bilanciamento: 0,30 - senza massa di bilanciamento: 0 Impianti idraulici P con massa di bilanciamento: 0,30 - senza massa di bilanciamento: 0 b) - per P > 400 Kg e P 800 Kg: 0,08 - per P > 800 Kg: 0,06 0, con argano senza inverter e velocità fino a 1 m/s: 0,50 - con argano con inverter e velocità fino a 1 m/s: 0,65 - gearless con inverter e velocità fino a 1 m/s: 0,70 - gearless con inverter e velocità oltre 1 m/s: 0, , ,45 a) Nel caso k sia un dato di progetto noto, si deve utilizzare tale dato. b) Alla data di pubblicazione della presente specifica tecnica, per gli impianti idraulici l'ascensore senza massa di bilanciamento è quello più comunemente utilizzato. c) L'efficienza globale di sistema comprende l'impatto della fase a velocità costante e delle fasi di accelerazione e decelerazione. 11

15 Fabbisogno energetico delle apparecchiature di comando e segnalazione Il fabbisogno energetico giornaliero delle apparecchiature di comando e segnalazione di un ascensore E A,app,d assume il valore di: - 0,8 kwh, per quadro di comando a relè e relative segnalazioni; - 1,2 kwh, per quadro di comando con microprocessore e relative segnalazioni Nel caso sia presente un inverter, al valore di cui al punto si deve aggiungere: - 1 kwh, per impianti fino a 480 kg e per velocità fino a 1 m/s; - 1,5 kwh, per impianti di 480 kg e per velocità oltre 1 m/s e fino a 1,6 m/s e per impianti oltre 480 kg fino a 1000 kg e per velocità fino a 1,6 m/s - 2 kwh, per impianti oltre i 1000 kg Fabbisogno energetico per l illuminazione della cabina I valori relativi al fabbisogno energetico giornaliero per l illuminazione della cabina di un ascensore E A,ill,d, considerando un funzionamento continuo (24 h al giorno) ed escludendo i consumi nella fase di movimento (già considerati in E A,cm ), sono: - 4 kwh, per illuminazione con lampade incandescenza tradizionali; - 2 kwh, per illuminazione con lampade fluorescenti tradizionali; - 1,5 kwh, per illuminazione con lampade fluorescenti ad alta efficienza; - 2 kwh, per illuminazione con lampade alogene; - 0,7 kwh, per illuminazione a led Per l'illuminazione con lampade fluorescenti ad alta efficienza, con lampade alogene e a led la tecnologia attuale permette lo spegnimento nelle fasi di sosta. In tal caso, i valori di cui al punto devono essere moltiplicati per 0,1, per tener conto dei tempi di apertura e chiusura delle porte e di ingresso e uscita passeggeri Fabbisogno energetico giornaliero dei servizi accessori I valori relativi al fabbisogno energetico giornaliero di altri servizi operanti nella cabina dell'ascensore, E altri,d, devono essere determinati sulla base delle documentazione allegata ai dispositivi Fabbisogno energetico giornaliero nel caso di più ascensori Nel caso di più di un ascensore al servizio delle stesse utenze, si deve tenere conto della suddivisione dell'utenza sui singoli ascensori Nel caso di più ascensori con uguali caratteristiche e in manovra collettiva, si stima una riduzione complessiva del 15% del fabbisogno energetico giornaliero nella fase di movimento. Il fabbisogno energetico giornaliero E A,d di più impianti in manovra collettiva è dato da: 12

16 E A,d = Ʃ i E Ai,d = E A1,d + E A2,d + = = 0,85 (E A1,cm c d1 )/2 + E A1,app + E A1,ill + 0,85 (E A2,cm c d2 )/2 + E A2,app + E A2,ill + espresso in [kwh] (9) 7 FABBISOGNO DI ENERGIA DEI MONTASCALE E DELLE PIATTAFORME ELEVATRICI 7.1 Dati di ingresso Dati relativi all edificio Si deve definire la tipologia e uso dell'edificio, in conformità al prospetto Dati relativi all impianto I dati relativi all'impianto da prendere in considerazione per il calcolo del fabbisogno di energia sono: - portata; - corsa massima e numero di fermate. Prospetto 9 Tipologia degli impianti e loro utilizzo in funzione del tipo di edificio Categoria d'uso 1H 2H 3H 4H Tipologia e uso Edificio monofamiliare o Edificio plurifamiliare o Casa di riposo per Casa di riposo per dell'edificio servizio di accessibilità servizio di accessibilità anziani e/o accessibilità anziani e/o accessibilità pubblica in negozi o enti pubblica in uffici o centri pubblica in uffici e pubblica in uffici e pubblici commerciali, stazioni e aziende sanitarie aziende sanitarie aeroporti specifiche per disabili Frequenza d'uso Molto bassa Bassa Medio-bassa Media Numero medio di corse giornaliere (c d ) Velocità ammessa massima ,15 m/s 7.2 Calcolo del fabbisogno energetico Generalità sul calcolo Il fabbisogno energetico degli impianti di un edificio è calcolato su base mensile, in funzione del fabbisogno energetico giornaliero e del numero di giorni del mese: E H = E H,d d espresso in [kwh] (10) Fabbisogno energetico giornaliero di un singolo impianto Calcolo del fabbisogno energetico giornaliero Il fabbisogno energetico giornaliero E H,d di un impianto è dato dalla somma dei fabbisogni in movimento e dai fabbisogni nella fase di sosta, calcolato come: E H,d = [10-6 (E H,cm /2) c d ] + E H,app,d + E H,ill,d + E altri,d espresso in [kwh] (11) dove: è il fabbisogno energetico di un impianto per un ciclo con corsa media [mwh]; E H,cm 13

17 c d è il numero medio di corse giornaliere, dato dal prospetto 9; E H,app,d E H,ill,d E altri,d è il fabbisogno energetico giornaliero delle apparecchiature di comando e segnalazione dell impianto, esclusa la fase di movimento del supporto del carico; è il fabbisogno energetico giornaliero dell illuminazione del supporto del carico/della cabina dell impianto, esclusa la fase di movimento del supporto del carico/della cabina; è il fabbisogno energetico giornaliero dei servizi accessori. I valori di E H,cm, E H,app,d, E H,ill,d ed E altri,d devono essere ricavati dai punti , , e In alternativa, per la valutazione del consumo energetico di un impianto reale, E H,app,d e E H,ill,d possono essere ricavati da documenti relativi al consumo dell'impianto, compilati per analogia in conformità al EN ISO o rilevati applicando la UNI EN ISO Nota: La UNI EN ISO e la UNI EN ISO possono essere utilizzate come documenti di riferimento per impianti diversi dagli ascensori Fabbisogno energetico per un ciclo con corsa media Il lavoro necessario per movimentare una massa corrispondente alla portata P per un dislivello h, con un rendimento ƞ, vale: L = 9,81 P h / ƞ espresso in [J] (12) Considerando il coefficiente di bilanciamento della portata dell'impianto e l'efficienza globale del sistema nella fase di movimento, si ha: L = 9,81 P h (1 - k) / espresso in [J] (13) Poiché il consumo energetico di un impianto presenta valori diversi durante la corsa di salita e quella di discesa, si considera il consumo energetico di un ciclo. Considerando: - il valore della corsa media, h m, pari a: - la corsa nel caso di due fermate; - 67% della corsa per più di due fermate; - il carico medio,, pari al 15% della portata; il fabbisogno energetico E H,cm nella fase di movimento di un impianto per un ciclo con corsa media è dato da: E H,cm = [Z (1 - Z % ) + P (0,15 k)] (Crs - Crd) x h m 9, / ( 3600) espresso in [mwh] (14) Poiché: - per impianti idraulici ed elettrici ad argano agganciato si considera che il valore della massa della unità di trasporto del carico Z sia sufficientemente approssimabile a P; - per gli impianti elettrici a fune con contrappeso, Z è irrilevante in quanto è compensato dal contrappeso; allora: E H,cm = P x h m 1000 [(1 - Z % ) + (0,15 k)] (Crs - Crd) 9,81 / ( 3600) = P x h m x 2 E spc espresso in [mwh] (15) dove: 14

18 E spc = 1000 [(1 - Z % ) + (0,15 k)] (Crs - Crd) 9,81 / 2 ( 3600) deve essere calcolato utilizzando i valori del prospetto 10. (16) In alternativa, può essere utilizzato il valore dell'energia specifica di movimento E spc calcolato in conformità alla UNI EN ISO per l'impianto esistente o per un impianto avente le medesime caratteristiche. Nota: La UNI EN ISO e la UNI EN ISO possono essere utilizzate come documenti di riferimento per impianti diversi dagli ascensori. Prospetto 10 Parametri per il montascale e la piattaforma elevatrice Z Z% k a) Crs Crd b) Impianti elettrici ad aderenza con argano - 1 0, ,50 Impianto elettrico ad argano agganciato P ,45 Impianto elettrico con gruppo motoriduttore a P ,3 bordo Impianti idraulici P ,45 a) Nel caso k sia un dato di progetto noto, si deve utilizzare tale dato. b) L'efficienza globale di sistema comprende l'impatto della fase a velocità costante e delle fasi di accelerazione e decelerazione Fabbisogno energetico delle apparecchiature di comando e segnalazione Il fabbisogno energetico giornaliero delle apparecchiature di comando e segnalazione di un impianto E H,app,d assume il valore di: - 0,8 kwh, per quadro di comando a relè e relative segnalazioni; - 1,2 kwh, per quadro di comando con microprocessore e relative segnalazioni. Nel caso sia presente un inverter si deve aggiungere 1,2 kwh Fabbisogno energetico per l illuminazione del supporto del carico/della cabina I valori relativi al fabbisogno energetico giornaliero per i sistemi di illuminazione eventualmente presenti nel supporto del carico/della cabina E H,ill,d, considerando un funzionamento continuo (24 h al giorno) ed escludendo i consumi nella fase di movimento, sono: - 1 kwh, per illuminazione con lampade fluorescenti tradizionali; - 0,8 kwh, per illuminazione con lampade fluorescenti ad alta efficienza; - 1 kwh, per illuminazione con lampade alogene; - 0,5 kwh, per illuminazione a led Per l'illuminazione con lampade fluorescenti ad alta efficienza, con lampade alogene e a led la tecnologia attuale permette lo spegnimento nelle fasi di sosta: in tal caso, il fabbisogno energetico per l'illuminazione si annulla Fabbisogno energetico giornaliero dei servizi accessori I valori relativi al fabbisogno energetico giornaliero di altri servizi operanti, E altri,d, devono essere determinati sulla base delle documentazione allegata ai dispositivi. 15

19 8 FABBISOGNO DI ENERGIA DEI MONTACARICHI E MONTAUTO Si applica il punto 6, tenendo conto che: - il numero medio di corse giornaliere (c d ) deve essere fornito dal progettista dell'edificio, tenendo conto delle esigenze di movimentazione dei carichi; - il carico medio sul supporto del carico,, è pari a 0,25. 9 FABBISOGNO DI ENERGIA DI SCALE E MARCIAPIEDI MOBILI 9.1 Dati di ingresso I dati da prendere in considerazione per il calcolo del fabbisogno di energia sono: - il valore medio del numero di passeggeri al giorno, N, in funzione della tipologia dell'edificio. Tale valore deve essere dedotto dal prospetto 11 o, in alternativa, fornito dal progettista o ricavato da misurazioni; - il numero di giorni di funzionamento al mese, d, il tempo trascorso dall'impianto nella condizione di attesa, t attesa, il tempo trascorso dall'impianto nella condizione di avviamento automatico, t auto, il tempo trascorso dall'impianto nella condizione operativa di moto a bassa velocità, t bv, e il tempo trascorso dall'impianto nella condizione operativa a velocità nominale, t av,devono essere forniti dal progettista o ricavati da misurazioni; - il dislivello, h; - l'angolo di inclinazione, ; - la velocità, v; - la lunghezza, l, solo per i marciapiedi mobili orizzontali. Prospetto 11 Condizioni tipiche di utilizzo di scale e marciapiedi mobili Tipologia di installazione Valore medio del numero di passeggeri al giorno ( N ) Negozi, musei, biblioteche, luoghi di ricreazione Grandi magazzini, centri commerciali, aeroporti di media dimensione, stazioni per treni regionali, stazioni metropolitane con traffico basso, percorsi pedonali meccanizzati Aeroporti di grande dimensione, stazioni ferroviarie principali, stazioni metropolitane con traffico medio Stazioni metropolitane con traffico intenso

20 9.2 Calcolo del fabbisogno energetico Generalità sul calcolo Il fabbisogno energetico degli impianti è calcolato su base mensile, in funzione del fabbisogno energetico giornaliero e del numero di giorni del mese: - E S = E S,d d; (17) - E M = E M,d d (18) Fabbisogno energetico giornaliero di un singolo impianto Il fabbisogno energetico giornaliero E S,d o E M,d è dato da E attesa,d + E auto,d + E bv,d + E csc,d + E ccc,d + E altri,d dove: E attesa,d consumo di energia nella condizione di attesa, dato da 0,2 x t attesa,d, in [kwh]; t attesa,d tempo giornaliero trascorso dall'impianto nella condizione di attesa; NOTA 0,2 kw è il valore assunto per la potenza nella condizione di attesa (contattori, sistemi frenanti ed altri dispositivi non sono stati attivati). E pari al 50% della potenza del quadro elettrico nella condizione operativa senza carico. E auto,d t auto,d NOTA E bv,d W csc t bv,d E csc,d t av,d E ccc,d E altri,d consumo di energia in condizione di avviamento automatico, dato da 0,3 x t auto,d, in [kwh]; tempo giornaliero trascorso dall'impianto nella condizione di avviamento automatico; 0,3 kw è il valore assunto per la potenza nella condizione di avviamento automatico (tutti i vari controlli sono disattivati eccetto quelli di indicazione di accesso e direzione). E pari al 75% della potenza del quadro elettrico nella condizione operativa senza carico. consumo di energia in condizione operativa di moto a bassa velocità, dato da (Wcsc / 2) x t bv,d, in [kwh]; potenza in condizione operativa senza carico, data dal prospetto 12 per impianti a velocità v pari a 0,5 m/s; tempo giornaliero trascorso dall'impianto nella condizione operativa di moto a bassa velocità; consumo di energia in condizione operativa senza carico, dato da Wcsc x t av,d, in [kwh]; tempo giornaliero trascorso dall'impianto a velocità nominale; consumo di energia in condizione operativa con carico, dato dal prospetto 13, in [kwh]; consumo energetico giornaliero dei servizi accessori, dato sulla base della documentazione allegata ai dispositivi, in [kwh]. Si assume che la potenza del quadro elettrico nella condizione operativa senza carico sia 0,4 kw. In alternativa, per la valutazione del consumo energetico di un impianto reale, la potenza nella condizione di attesa, la potenza nella condizione di avviamento automatico, la potenza in condizione operativa senza carico e la potenza in condizione operativa di moto a bassa velocità possono essere rilevati applicando la UNI EN ISO

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore Mod Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore DIAMO VALORE AL VOSTRO EDIFICIO u v x OTIS presenta l ammodernamento con una tecnologia innovativa ad alta efficienza energetica u w v Azionamento

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 Le scritte in verde sono le integrazioni o variazioni apportate dal DPR 551/99 al DPR 412/93 Le scritte in nero sono il testo del DPR 412/93 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

POSIZIONE DI AiCARR SUL D.Lgs. 28/11 PER GLI ASPETTI RIGUARDANTI LE RINNOVABILI TERMICHE

POSIZIONE DI AiCARR SUL D.Lgs. 28/11 PER GLI ASPETTI RIGUARDANTI LE RINNOVABILI TERMICHE POSIZIONE DI AiCARR SUL D.Lgs. 28/11 PER GLI ASPETTI RIGUARDANTI LE RINNOVABILI TERMICHE 2011 AiCARR via M. Gioia, 168-20125 Milano Tel. 02.67479270 - Fax 02.67479262 www.aicarr.org Prima edizione 2011

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 3 Conto Energia DM 6 Agosto 2010 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 2010 - GSE Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. consultazione.ftv@gse.it

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA)

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) Studio Civilistico n. 657-2013/C LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) Approvato dall Area Scientifica Studi Pubblicistici il 19 settembre

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via NUOVO ALLEGATO A ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Aggiornamento alle UNI TS 11300 parte 4 Contiene la versione del software Termo versione Lite, sviluppato

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli