DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO"

Transcript

1 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E020AC596 Prestazioni energetiche degli edifici Parte 6: Determinazione del fabbisogno di energia per ascensori e scale mobili Energy performance of buildings Part 6: Evaluation of energy need for lifts and escalators ORGANO COMPETENTE CTI - Comitato Termotecnico Italiano CO-AUTORE Impianti di ascensori, montacarichi, scale mobili e apparecchi similari SOMMARIO La presente specifica tecnica fornisce dati e metodi per la determinazione del fabbisogno di energia elettrica per il funzionamento di impianti destinati al sollevamento e al trasporto di persone o persone accompagnate da cose in un edificio, sulla base delle caratteristiche dell'edificio e dell'impianto. I suddetti metodi di calcolo tengono in considerazione solo il fabbisogno di energia elettrica nei periodi di movimento e di sosta della fase operativa del ciclo di vita. UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E020AC596 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

2 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E020AC596 Questo testo NON è una norma UNI, ma è un progetto di norma sottoposto alla fase di inchiesta pubblica, da utilizzare solo ed esclusivamente per fini informativi e per la formulazione di commenti. Il processo di elaborazione delle norme UNI prevede che i progetti vengano sottoposti all'inchiesta pubblica per raccogliere i commenti degli operatori: la norma UNI definitiva potrebbe quindi presentare differenze -anche sostanziali- rispetto al documento messo in inchiesta. Questo documento perde qualsiasi valore al termine dell'inchiesta pubblica, cioè il: UNI non è responsabile delle conseguenze che possono derivare dall'uso improprio del testo dei progetti in inchiesta pubblica. RELAZIONI NAZIONALI RELAZIONI INTERN.LI PREMESSA La presente norma è stata elaborata sotto la competenza dell'ente federato - Comitato La Commissione Centrale Tecnica dell'uni ha dato la sua approvazione il giorno UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E020AC596 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

3 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E020AC596 VARIANTI NAZIONALI UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: E020AC596 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.

4 PREMESSA La determinazione delle prestazioni energetiche degli edifici richiede metodi di calcolo per: 1) il fabbisogno di energia termica utile per il riscaldamento e il raffrescamento ambiente; 2) il fabbisogno di energia termica utile per acqua calda sanitaria; 3) il fabbisogno di energia per la ventilazione meccanica; 4) l efficienza e il fabbisogno di energia primaria degli impianti di riscaldamento o di climatizzazione invernale; 5) l efficienza e il fabbisogno di energia primaria per la produzione di acqua calda sanitaria; 6) l efficienza e il fabbisogno di energia primaria degli impianti di raffrescamento o di climatizzazione estiva; 7) il fabbisogno di energia per l illuminazione degli ambienti interni ed esterni di pertinenza dell edificio; 8) la quota di energia rinnovabile utilizzata per il riscaldamento o climatizzazione invernale, raffrescamento o climatizzazione estiva, ventilazione, produzione di acqua calda sanitaria e illuminazione; 9) il fabbisogno di energia per ascensori, scale e marciapiedi mobili; 10) l'efficienza e il fabbisogno di energia primaria per ascensori, scale e marciapiedi mobili; 11) la conversione finale dei flussi di energia consegnata ed esportata in energia primaria, emissioni di CO2, costi ed altri indicatori complementari. I suddetti metodi di calcolo sono descritti nelle seguenti specifiche tecniche: UNI/TS UNI/TS UNI/TS UNI/TS UNI/TS UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell edificio per la climatizzazione estiva ed invernale; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione e per l illuminazione; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 3: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per riscaldamento di ambienti e produzione acqua calda sanitaria; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 5: Calcolo dell energia primaria e della quota da fonti rinnovabili; Prestazioni energetiche degli edifici Parte 6: Determinazione del fabbisogno di energia per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili La serie UNI/TS considera i seguenti servizi energetici degli edifici: - climatizzazione o riscaldamento invernale; - acqua calda sanitaria; - climatizzazione o raffrescamento estivo; - ventilazione; 1

5 - illuminazione; - trasporto di persone. La specifica fornisce dati e metodi di calcolo per la determinazione dei fabbisogni di energia termica utile richiesti dai suddetti servizi, nonché di energia fornita e di energia primaria per i vettori energetici considerati. Il documento è coerente con le norme elaborate dal CEN nell ambito del mandato M/343 a supporto della Direttiva Europea 2002/91/CE sulle prestazioni energetiche degli edifici. La presente specifica tecnica fornisce univocità di valori e di metodi per consentire la riproducibilità e confrontabilità dei risultati e ottemperare alle condizioni richieste da documenti a supporto di disposizioni nazionali. Gli indici di prestazione energetica dei vari servizi si calcolano sulla base dei fabbisogni determinati secondo la presente specifica tecnica (prospetto 1). Prospetto 1 - Classificazione dei servizi energetici, parametri di prestazione energetica e riferimenti per il calcolo Servizio Parametri correlati alla prestazione energetica Simbolo Unità di misura Riferimenti per il calcolo Energia termica utile per il riscaldamento Q H,nd [kwh] UNI/TS Climatizzazione invernale Acqua calda sanitaria Energia termica utile per l umidificazione Q H,hum,nd [kwh] UNI/TS Energia consegnata E del,h [kwh] UNI/TS UNI/TS Energia primaria E P,H [kwh] UNI/TS Energia termica utile Q W,nd [kwh] UNI/TS Energia consegnata E del,w [kwh] UNI/TS UNI/TS Energia primaria E P,W [kwh] UNI/TS Portata d aria per ventilazione meccanica q ve FC ve [m 3 /s] UNI/TS Temperatura d immissione dell aria θ sup [ C] UNI/TS Ventilazione Frazione temporale con ventilazione meccanica funzionante β [-] UNI/TS Energia consegnata E del,v [kwh] UNI/TS Energia primaria E P,V [kwh] UNI/TS Energia termica utile per il raffrescamento Q C,nd [kwh] UNI/TS Energia termica utile per la deumidificazione Q C,dhum,nd [kwh] UNI/TS Climatizzazione estiva Illuminazione Trasporto di persone Efficienza energetica media stagionale ε C [-] UNI/TS Energia consegnata E del,c [kwh] UNI/TS Energia primaria E P,C [kwh] UNI/TS Energia consegnata E del,l [kwh] UNI EN UNI/TS Energia primaria E P,L [kwh] UNI/TS Energia consegnata E del,t [kwh] UNI/TS Energia primaria E P,T [kwh] UNI/TS

6 INTRODUZIONE La serie UNI/TS può essere utilizzata per le seguenti applicazioni: 1) valutare il rispetto di regolamenti espressi in termini di obiettivi energetici; 2) confrontare le prestazioni energetiche di varie alternative progettuali per un edificio in progetto; 3) indicare un livello convenzionale di prestazione energetica degli edifici esistenti; 4) stimare l effetto di possibili interventi di risparmio energetico su un edificio esistente, calcolando il fabbisogno di energia prima e dopo ciascun intervento; 5) prevedere le esigenze future di risorse energetiche su scala nazionale o internazionale, calcolando i fabbisogni di energia di tipici edifici rappresentativi del parco edilizio. Le suddette applicazioni trovano riscontro in diversi tipi di valutazione energetica di calcolo. Nel caso di applicazione all intero edificio in modo omogeneo (progetto di nuovi edifici o ristrutturazioni globali o diagnosi energetica dell intero edificio) si fa riferimento al prospetto 2 ricavato dalla UNI EN Prospetto 2 - Classificazione tipologie di valutazione energetica per applicazioni omogenee all intero edificio A1 A2 A3 Tipo di valutazione Sul progetto (Design Rating) Standard (Asset Rating) Adattata all utenza (Tailored rating) Dati di ingresso Uso Clima Edificio Standard Standard Progetto Standard Standard Reale In funzione dello scopo Reale Nel caso di applicazione a edifici parzialmente ristrutturati e/o in casi di ampliamento di edifici esistenti, per una valutazione delle prestazioni energetiche globali di tali edifici i dati di ingresso sono in parte riferiti all edificio reale e in parte sul progetto. In tal caso la valutazione energetica diviene mista (design rating + asset rating) e quindi per la classificazione delle tipologie di valutazione energetica si fa riferimento al prospetto 3. Prospetto 3 - Classificazione tipologie di valutazione energetica e relative applicazioni Condizioni climatiche e comportamento dell utenza Standard Reale Edificio Progetto Reale Misto - Certificazione energetica - Richiesta del permesso di dell edificio - Richiesta di titolo abilitativo costruire (nuova costruzione) - Qualificazione energetica (ristrutturazione) - Certificazione energetica del dell edificio - Certificazione energetica del progetto (nuova costruzione) progetto (ristrutturazione) - Ottimizzazione del progetto (nuova costruzione) - Diagnosi energetica (analisi dell esistente) - Validazione modelli di calcolo (confronto con consumi reali) - Ottimizzazione del progetto (ristrutturazione) 3

7 La valutazione energetica sul progetto (A1) o standard (A2) permette di determinare un fabbisogno convenzionale, utile per confrontare edifici indipendentemente dal loro reale utilizzo. La valutazione adattata all'utenza (A3) può consentire una stima realistica dei consumi energetici. 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente specifica tecnica fornisce dati e metodi per la determinazione del fabbisogno di energia elettrica per il funzionamento di impianti destinati al sollevamento e al trasporto di persone o persone accompagnate da cose in un edificio, di seguito detti impianti, sulla base delle caratteristiche dell'edificio e dell'impianto. I suddetti metodi di calcolo tengono in considerazione solo il fabbisogno di energia elettrica nei periodi di movimento e di sosta della fase operativa del ciclo di vita. La presente specifica tecnica si applica ai seguenti impianti: - ascensori; - montascale; - piattaforme elevatrici; - montacarichi e montauto; - scale mobili; - marciapiedi mobili. La presente specifica tecnica si applica alle seguente tipologie di edifici: - edificio residenziale; - albergo; - ufficio; - ospedale; - edificio adibito ad attività scolastiche e ricreative; - centro commerciale; - edificio adibito ad attività sportive; - edificio adibito ad attività industriali e artigianali; - edificio adibito al servizio di trasporto pubblico (stazione, aeroporto, ecc.). Nota 1: Alla data di pubblicazione della presente specifica tecnica è in vigore la Legge 3 agosto 2013, n. 90 e successive modifiche e/o integrazioni, che nella prestazione energetica di un edificio considera gli impianti ascensori e scale mobili solo per il settore terziario. La presente specifica tecnica può essere applicata a tipologie di edifici diverse da quelle indicate, previa una valutazione preliminare specifica del traffico richiesto. L'Appendice A fornisce, a titolo informativo, esempi di calcolo del fabbisogno energetico. 4

8 2 RIFERIMENTI NORMATIVI La presente specifica tecnica rimanda a disposizioni contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte nella presente specifica tecnica come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti). UNI EN ISO Prestazioni energetiche di ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili - Parte 1: Misura del consumo di energia e verifica UNI EN ISO Prestazioni energetiche di ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili - Parte 2: Calcolo dell'energia e classificazione degli ascensori 3 TERMINI E DEFINIZIONI Ai fini della presente specifica tecnica si applicano i termini e le definizioni seguenti. 3.1 Definizioni relative ad ascensori, montascale, piattaforme elevatrici, montacarichi e montauto ciclo di funzionamento: Per tutti gli impianti, sequenza di salita e discesa tra due piani definiti, senza fermate intermedie, comprendente l'apertura e la chiusura delle porte ai piani coefficiente di bilanciamento della portata dell impianto: Frazione della portata bilanciata dal contrappeso, in aggiunta alla massa del supporto del carico corsa: Distanza verticale percorsa dall'impianto nel suo movimento tra due piani inverter: Azionamento del motore con frequenza e tensione variabili. Nota: l'inverter è anche chiamato azionamento VVVF manovra collettiva: Funzionamento di uno o più ascensori che possono rispondere ad una chiamata ai piani anche durante una corsa, in funzione delle impostazioni del gruppo di manovra supporto del carico Parte dell'impianto destinata a contenere e/o sostenere il carico da sollevare, comprese le parti strutturali. Nota: per esempio, nel caso di un ascensore tradizionale, il supporto del carico è fornito dalla cabina, comprese le porte di cabina, e dalla struttura di sostegno fino all'attacco delle funi di sospensione. 3.2 Definizioni relative a scale mobili e marciapiedi mobili condizione di attesa: Stato di quiete avviabile da personale autorizzato condizione di avviamento automatico: Stato di quiete in attesa di avviamento automatico all arrivo di un passeggero. 5

9 3.2.3 condizione di impianto non alimentato: Stato di quiete nel quale l impianto non è alimentato (tensione elettrica assente) condizione operativa con carico: Stato di funzionamento con la presenza di uno o più passeggeri condizione operativa di moto a bassa velocità: Stato di funzionamento a velocità ridotta esclusivamente senza passeggeri condizione operativa di moto a velocità nominale: Stato di funzionamento a velocità di progetto con o senza passeggeri condizione operativa senza carico: Stato di funzionamento a velocità nominale senza carico di passeggeri dislivello: Distanza verticale tra i piani serviti dalla scala mobile e dal marciapiede mobile inclinato velocità nominale: Velocità nella direzione di movimento dei gradini o dei segmenti quando l'impianto opera senza carico, definita dal costruttore in fase di progetto. 3.3 Definizioni comuni a tutte le tipologie di impianti servizio accessorio: Servizio opzionale non indispensabile per il sollevamento e trasporto di persone o persone accompagnate da cose. Nota 1: Nota 2: per gli ascensori, esempi non esaustivi sono la ventilazione forzata, il condizionamento, il monitor. per le scale mobili, esempi non esaustivi sono l'illuminazione della balaustra, i dispositivi di riscaldamento trasporto di persone: Servizio che, in un edificio, provvede al sollevamento o al trasporto di persone o persone accompagnate da cose attraverso l impiego di impianti ascensori, montascale, piattaforme elevatrici, scale mobili e marciapiedi mobili. 4 SIMBOLI E UNITA DI MISURA Ai fini della presente specifica tecnica si applicano i simboli e le unità di misura dati dal prospetto 4 e i pedici del prospetto 5. Prospetto 4 Simboli e unità di misura Simbolo Voce Unità di misura c numero medio di corse - CF fattore di correzione per scale e marciapiedi mobili Crd coefficiente di recupero energetico in discesa 6

10 Crs coefficiente di recupero energetico in salita d numero di giorni nel mese - E fabbisogno di energia kwh h corsa o dislivello, nel caso di scale e marciapiedi mobili m k coefficiente di bilanciamento della portata dell'impianto - l lunghezza del marciapiede mobile orizzontale m L lavoro J m massa media del passeggero kg N valore medio del numero di passeggeri al giorno P portata dell'impianto kg t tempo h v velocità dell'impianto m/s W potenza W Z massa del supporto del carico (comprende cabina, arcata, ecc.) kg Z% frazione bilanciata della massa del supporto del carico, espressa come valore numerico tra 0 e 1 angolo di inclinazione, per scale e marciapiedi mobili ƞ efficienza globale di sistema nella fase di movimento carico medio sul supporto del carico espresso come frazione della portata e valore numerico tra 0 e 1 rendimento coefficiente di attrito in condizioni di carico Prospetto 5 Pedici Pedice Voce A ascensore altri servizi accessori, da considerare specificatamente per tutta la durata del servizio app attesa auto av bv ccc apparecchiature di comando e segnalazione dell impianto, esclusa la fase di movimento del supporto del carico condizione di attesa condizione di avviamento automatico condizione operativa di moto a velocità nominale condizione operativa di moto a bassa velocità condizione operativa con carico 7

11 cm csc d G H ill m M off S spc T ciclo con corsa media condizione operativa senza carico giornaliero montacarichi e montauto Montascale e piattaforme elevatrici illuminazione del supporto del carico, esclusa la fase di movimento del supporto del carico valore medio marciapiede mobile condizione di impianto non alimentato scala mobile (energia) specifica di movimento sollevamento e trasporto di persone e persone accompagnate da cose 5 FABBISOGNO DI ENERGIA PER IL TRASPORTO DI PERSONE E/O COSE Il fabbisogno di energia per il trasporto di persone e/o cose E T è dato dalla somma dei fabbisogni di energia degli impianti atti a soddisfare tale servizio: E T = E A + E H + E G + E S + E M (1) I fabbisogni di energia di tali impianti sono fabbisogni di energia elettrica. 6 FABBISOGNO DI ENERGIA DEGLI ASCENSORI 6.1. Dati di ingresso Dati relativi all edificio Si deve definire la tipologia e uso dell'edificio, in conformità al prospetto 6. Nota: il prospetto 6 è il prospetto A.1 della UNI EN ISO adattato allo scopo della presente norma Dati relativi all impianto I dati relativi all'impianto da prendere in considerazione per il calcolo del fabbisogno di energia sono: - tipologia costruttiva dell'impianto; - portata; - velocità; - corsa massima e numero di fermate; - numero di impianti interconnessi in manovra collettiva. Nota: La UNI fornisce agli operatori della progettazione edilizia uno strumento utile a effettuare una corretta scelta e integrazione nell'edificio di un sistema di ascensori, in risposta alle esigenze proprie dell'utenza finale. 8

12 Prospetto 6 Tipologia degli ascensori e loro utilizzo in funzione del tipo di edificio Categoria d'uso 1A 2A 3A 4A 5A 6A 7A Tipologia e uso edifici fino a 4 unità edifici fino a 10 unità edifici fino a 20 unità edifici fino a 30 unità edifici fino a 50 unità edifici con più di 50 uffici in edifici con più dell'edificio immobiliari, che immobiliari, che immobiliari, che immobiliari, che residenziali (365) unità residenziali di 100 m di altezza possono essere: possono essere: possono essere: possono essere: uffici fino a 10 piani (365) (260) - residenziali (365) - residenziali (365) - residenziali (365) - residenziali (365) (260) uffici con più di 10 - uffici con ridotta - uffici con ridotta - uffici con media - uffici con media alberghi fino a 40 piani (260) operatività verso il operatività verso il operatività verso il operatività verso il camere (360) alberghi con più di 40 pubblico (260) pubblico (260) pubblico(260) pubblico(260) piccoli ospedali (365) camere (360) stazioni ferroviarie residenze per anziani, uffici fino a 4 piani di uffici fino a 6 piani di aeroporti (365) ospedali (365) secondarie case famiglia, ecc. un'unica società con un'unica società con università (260) suburbane (365) fino a 10 camere ridotta operatività ridotta operatività (365) verso il pubblico (260) verso il pubblico (260) centri commerciali (365) stazioni ferroviarie residenze per anziani, uffici fino a 4 piani di suburbane (365) case famiglia, ecc. più società con fino a 30 camere operatività verso il (365) edifici scolastici e pubblico (260) alberghi fino a 20 biblioteche (260) camere (360) stazioni ferroviarie parcheggi (365) principali (360) edifici per attività ricreative (360) Frequenza d'uso Molto bassa Bassa Medio-bassa Media Medio-alta Alta Molto alta Range di corse 25 > 25; 50 > 50; 100 > 100; 200 > 200; 500 > 500; 1000 > 1000 giornaliere Numero medio di corse giornaliere (c d ) Velocità tipica 0,63 m/s 0,63 m/s da 0,63 m/s a 1 m/s 1,00 m/s 1,60 m/s 2,50 m/s 5,00 m/s I numeri tra parentesi sono il numero tipico di giorni di servizio dell'ascensore nell'anno per quel tipo di fabbricato. Non è utilizzato nel calcolo del fabbisogno energetico, ma solo per la identificazione della tipologia di edificio. 9

13 6.2 Calcolo del fabbisogno energetico Generalità sul calcolo Il fabbisogno energetico degli ascensori di un edificio è calcolato su base mensile, in funzione del fabbisogno energetico giornaliero e del numero di giorni di utilizzo nel mese: E A = E A,d d espresso in [kwh] (2) Fabbisogno energetico giornaliero di un singolo ascensore Calcolo del fabbisogno energetico giornaliero Il fabbisogno energetico giornaliero E A,d di un ascensore è dato dalla somma dei fabbisogni in movimento e dei fabbisogni nella fase di sosta, calcolato come: E A,d = [10-6 (E A,cm /2) c d ] + E A,app,d + E A,ill,d + E altri,d espresso in [kwh] (3) dove: E A,cm è il fabbisogno energetico di un ascensore per un ciclo con corsa media [mwh]; c d è il numero medio di corse giornaliere dato dal prospetto 6; E A,app,d è il fabbisogno energetico giornaliero delle apparecchiature di comando e segnalazione dell ascensore, esclusa la fase di movimento della cabina; E A,ill,d E altri,d è il fabbisogno energetico giornaliero dell illuminazione della cabina dell ascensore, esclusa la fase di movimento della cabina; è il fabbisogno energetico giornaliero dei servizi accessori. I valori di E A,cm, E A,app,d, E A,ill,d ed E altri,d devono essere ricavati dai punti , , e In alternativa, per la valutazione del consumo energetico di un impianto reale, E A,app,d e E A,ill,d possono essere ricavati da documenti relativi al consumo dell'impianto, compilati in conformità alla UNI EN ISO o rilevati applicando la UNI EN ISO Fabbisogno energetico per un ciclo con corsa media Il lavoro necessario per movimentare una massa corrispondente alla portata P per un dislivello h, con un rendimento ƞ, vale: L = 9,81 P h / ƞ espresso in [J] (4) Considerando il coefficiente di bilanciamento della portata dell'impianto e l'efficienza globale del sistema nella fase di movimento, si ha: L = 9,81 P h (1 - k) / espresso in [J] (5) Poiché il consumo energetico di un ascensore presenta valori diversi durante la corsa di salita e quella di discesa, si considera il consumo energetico di un ciclo. Considerando: - il valore della corsa media, h m, come da prospetto 7; - per le specificità del mercato italiano, il carico in cabina assume valori della portata variabili dal 6% al 12%, come da prospetto 8; il fabbisogno energetico E A,cm nella fase di movimento di un ascensore per un ciclo con corsa media è dato da: E A,cm = [Z (1 - Z % ) + P ( k)] (Crs - Crd) x h m 9, / ( 3600) espresso in [mwh] (6) 10

14 Poiché: - per impianti idraulici ed elettrici ad argano agganciato si considera che il valore della massa della unità di trasporto del carico Z sia sufficientemente approssimabile a P; - per gli impianti elettrici a fune con contrappeso, Z è irrilevante in quanto è compensato dal contrappeso; allora: E A,cm = P x h m 1000 [(1 - Z % ) + ( k)] (Crs - Crd) 9,81 / ( 3600) = P x h m x 2 E spc espresso in [mwh] (7) dove: E spc = 1000 [(1 - Z % ) + ( k)] (Crs - Crd) 9,81 / 2 ( 3600) deve essere calcolato utilizzando i valori del prospetto 8. (8) In alternativa, può essere utilizzato il valore dell'energia specifica di movimento E spc calcolato in conformità alla EN ISO per l'impianto esistente o per un ascensore avente le medesime caratteristiche. Prospetto 7 Corsa media di un ascensore in percentuale rispetto alla corsa massima Categoria d'uso da 1A a 4A 5A da 6A a 7A Numero fermate Corsa media 2 100% 3 67% >3 49% 44% 39% Nota: il prospetto 7 è il prospetto 2 della UNI EN ISO adattato allo scopo della presente norma. Prospetto 8 Impianti elettrici a fune con contrappeso Parametri per l'ascensore Z Z% k a) Crs Crd c) per P 400 Kg: 0,12 Impianto elettrico a fune ad argano agganciato P - con massa di bilanciamento: 0,30 - senza massa di bilanciamento: 0 Impianti idraulici P con massa di bilanciamento: 0,30 - senza massa di bilanciamento: 0 b) - per P > 400 Kg e P 800 Kg: 0,08 - per P > 800 Kg: 0,06 0, con argano senza inverter e velocità fino a 1 m/s: 0,50 - con argano con inverter e velocità fino a 1 m/s: 0,65 - gearless con inverter e velocità fino a 1 m/s: 0,70 - gearless con inverter e velocità oltre 1 m/s: 0, , ,45 a) Nel caso k sia un dato di progetto noto, si deve utilizzare tale dato. b) Alla data di pubblicazione della presente specifica tecnica, per gli impianti idraulici l'ascensore senza massa di bilanciamento è quello più comunemente utilizzato. c) L'efficienza globale di sistema comprende l'impatto della fase a velocità costante e delle fasi di accelerazione e decelerazione. 11

15 Fabbisogno energetico delle apparecchiature di comando e segnalazione Il fabbisogno energetico giornaliero delle apparecchiature di comando e segnalazione di un ascensore E A,app,d assume il valore di: - 0,8 kwh, per quadro di comando a relè e relative segnalazioni; - 1,2 kwh, per quadro di comando con microprocessore e relative segnalazioni Nel caso sia presente un inverter, al valore di cui al punto si deve aggiungere: - 1 kwh, per impianti fino a 480 kg e per velocità fino a 1 m/s; - 1,5 kwh, per impianti di 480 kg e per velocità oltre 1 m/s e fino a 1,6 m/s e per impianti oltre 480 kg fino a 1000 kg e per velocità fino a 1,6 m/s - 2 kwh, per impianti oltre i 1000 kg Fabbisogno energetico per l illuminazione della cabina I valori relativi al fabbisogno energetico giornaliero per l illuminazione della cabina di un ascensore E A,ill,d, considerando un funzionamento continuo (24 h al giorno) ed escludendo i consumi nella fase di movimento (già considerati in E A,cm ), sono: - 4 kwh, per illuminazione con lampade incandescenza tradizionali; - 2 kwh, per illuminazione con lampade fluorescenti tradizionali; - 1,5 kwh, per illuminazione con lampade fluorescenti ad alta efficienza; - 2 kwh, per illuminazione con lampade alogene; - 0,7 kwh, per illuminazione a led Per l'illuminazione con lampade fluorescenti ad alta efficienza, con lampade alogene e a led la tecnologia attuale permette lo spegnimento nelle fasi di sosta. In tal caso, i valori di cui al punto devono essere moltiplicati per 0,1, per tener conto dei tempi di apertura e chiusura delle porte e di ingresso e uscita passeggeri Fabbisogno energetico giornaliero dei servizi accessori I valori relativi al fabbisogno energetico giornaliero di altri servizi operanti nella cabina dell'ascensore, E altri,d, devono essere determinati sulla base delle documentazione allegata ai dispositivi Fabbisogno energetico giornaliero nel caso di più ascensori Nel caso di più di un ascensore al servizio delle stesse utenze, si deve tenere conto della suddivisione dell'utenza sui singoli ascensori Nel caso di più ascensori con uguali caratteristiche e in manovra collettiva, si stima una riduzione complessiva del 15% del fabbisogno energetico giornaliero nella fase di movimento. Il fabbisogno energetico giornaliero E A,d di più impianti in manovra collettiva è dato da: 12

16 E A,d = Ʃ i E Ai,d = E A1,d + E A2,d + = = 0,85 (E A1,cm c d1 )/2 + E A1,app + E A1,ill + 0,85 (E A2,cm c d2 )/2 + E A2,app + E A2,ill + espresso in [kwh] (9) 7 FABBISOGNO DI ENERGIA DEI MONTASCALE E DELLE PIATTAFORME ELEVATRICI 7.1 Dati di ingresso Dati relativi all edificio Si deve definire la tipologia e uso dell'edificio, in conformità al prospetto Dati relativi all impianto I dati relativi all'impianto da prendere in considerazione per il calcolo del fabbisogno di energia sono: - portata; - corsa massima e numero di fermate. Prospetto 9 Tipologia degli impianti e loro utilizzo in funzione del tipo di edificio Categoria d'uso 1H 2H 3H 4H Tipologia e uso Edificio monofamiliare o Edificio plurifamiliare o Casa di riposo per Casa di riposo per dell'edificio servizio di accessibilità servizio di accessibilità anziani e/o accessibilità anziani e/o accessibilità pubblica in negozi o enti pubblica in uffici o centri pubblica in uffici e pubblica in uffici e pubblici commerciali, stazioni e aziende sanitarie aziende sanitarie aeroporti specifiche per disabili Frequenza d'uso Molto bassa Bassa Medio-bassa Media Numero medio di corse giornaliere (c d ) Velocità ammessa massima ,15 m/s 7.2 Calcolo del fabbisogno energetico Generalità sul calcolo Il fabbisogno energetico degli impianti di un edificio è calcolato su base mensile, in funzione del fabbisogno energetico giornaliero e del numero di giorni del mese: E H = E H,d d espresso in [kwh] (10) Fabbisogno energetico giornaliero di un singolo impianto Calcolo del fabbisogno energetico giornaliero Il fabbisogno energetico giornaliero E H,d di un impianto è dato dalla somma dei fabbisogni in movimento e dai fabbisogni nella fase di sosta, calcolato come: E H,d = [10-6 (E H,cm /2) c d ] + E H,app,d + E H,ill,d + E altri,d espresso in [kwh] (11) dove: è il fabbisogno energetico di un impianto per un ciclo con corsa media [mwh]; E H,cm 13

17 c d è il numero medio di corse giornaliere, dato dal prospetto 9; E H,app,d E H,ill,d E altri,d è il fabbisogno energetico giornaliero delle apparecchiature di comando e segnalazione dell impianto, esclusa la fase di movimento del supporto del carico; è il fabbisogno energetico giornaliero dell illuminazione del supporto del carico/della cabina dell impianto, esclusa la fase di movimento del supporto del carico/della cabina; è il fabbisogno energetico giornaliero dei servizi accessori. I valori di E H,cm, E H,app,d, E H,ill,d ed E altri,d devono essere ricavati dai punti , , e In alternativa, per la valutazione del consumo energetico di un impianto reale, E H,app,d e E H,ill,d possono essere ricavati da documenti relativi al consumo dell'impianto, compilati per analogia in conformità al EN ISO o rilevati applicando la UNI EN ISO Nota: La UNI EN ISO e la UNI EN ISO possono essere utilizzate come documenti di riferimento per impianti diversi dagli ascensori Fabbisogno energetico per un ciclo con corsa media Il lavoro necessario per movimentare una massa corrispondente alla portata P per un dislivello h, con un rendimento ƞ, vale: L = 9,81 P h / ƞ espresso in [J] (12) Considerando il coefficiente di bilanciamento della portata dell'impianto e l'efficienza globale del sistema nella fase di movimento, si ha: L = 9,81 P h (1 - k) / espresso in [J] (13) Poiché il consumo energetico di un impianto presenta valori diversi durante la corsa di salita e quella di discesa, si considera il consumo energetico di un ciclo. Considerando: - il valore della corsa media, h m, pari a: - la corsa nel caso di due fermate; - 67% della corsa per più di due fermate; - il carico medio,, pari al 15% della portata; il fabbisogno energetico E H,cm nella fase di movimento di un impianto per un ciclo con corsa media è dato da: E H,cm = [Z (1 - Z % ) + P (0,15 k)] (Crs - Crd) x h m 9, / ( 3600) espresso in [mwh] (14) Poiché: - per impianti idraulici ed elettrici ad argano agganciato si considera che il valore della massa della unità di trasporto del carico Z sia sufficientemente approssimabile a P; - per gli impianti elettrici a fune con contrappeso, Z è irrilevante in quanto è compensato dal contrappeso; allora: E H,cm = P x h m 1000 [(1 - Z % ) + (0,15 k)] (Crs - Crd) 9,81 / ( 3600) = P x h m x 2 E spc espresso in [mwh] (15) dove: 14

18 E spc = 1000 [(1 - Z % ) + (0,15 k)] (Crs - Crd) 9,81 / 2 ( 3600) deve essere calcolato utilizzando i valori del prospetto 10. (16) In alternativa, può essere utilizzato il valore dell'energia specifica di movimento E spc calcolato in conformità alla UNI EN ISO per l'impianto esistente o per un impianto avente le medesime caratteristiche. Nota: La UNI EN ISO e la UNI EN ISO possono essere utilizzate come documenti di riferimento per impianti diversi dagli ascensori. Prospetto 10 Parametri per il montascale e la piattaforma elevatrice Z Z% k a) Crs Crd b) Impianti elettrici ad aderenza con argano - 1 0, ,50 Impianto elettrico ad argano agganciato P ,45 Impianto elettrico con gruppo motoriduttore a P ,3 bordo Impianti idraulici P ,45 a) Nel caso k sia un dato di progetto noto, si deve utilizzare tale dato. b) L'efficienza globale di sistema comprende l'impatto della fase a velocità costante e delle fasi di accelerazione e decelerazione Fabbisogno energetico delle apparecchiature di comando e segnalazione Il fabbisogno energetico giornaliero delle apparecchiature di comando e segnalazione di un impianto E H,app,d assume il valore di: - 0,8 kwh, per quadro di comando a relè e relative segnalazioni; - 1,2 kwh, per quadro di comando con microprocessore e relative segnalazioni. Nel caso sia presente un inverter si deve aggiungere 1,2 kwh Fabbisogno energetico per l illuminazione del supporto del carico/della cabina I valori relativi al fabbisogno energetico giornaliero per i sistemi di illuminazione eventualmente presenti nel supporto del carico/della cabina E H,ill,d, considerando un funzionamento continuo (24 h al giorno) ed escludendo i consumi nella fase di movimento, sono: - 1 kwh, per illuminazione con lampade fluorescenti tradizionali; - 0,8 kwh, per illuminazione con lampade fluorescenti ad alta efficienza; - 1 kwh, per illuminazione con lampade alogene; - 0,5 kwh, per illuminazione a led Per l'illuminazione con lampade fluorescenti ad alta efficienza, con lampade alogene e a led la tecnologia attuale permette lo spegnimento nelle fasi di sosta: in tal caso, il fabbisogno energetico per l'illuminazione si annulla Fabbisogno energetico giornaliero dei servizi accessori I valori relativi al fabbisogno energetico giornaliero di altri servizi operanti, E altri,d, devono essere determinati sulla base delle documentazione allegata ai dispositivi. 15

19 8 FABBISOGNO DI ENERGIA DEI MONTACARICHI E MONTAUTO Si applica il punto 6, tenendo conto che: - il numero medio di corse giornaliere (c d ) deve essere fornito dal progettista dell'edificio, tenendo conto delle esigenze di movimentazione dei carichi; - il carico medio sul supporto del carico,, è pari a 0,25. 9 FABBISOGNO DI ENERGIA DI SCALE E MARCIAPIEDI MOBILI 9.1 Dati di ingresso I dati da prendere in considerazione per il calcolo del fabbisogno di energia sono: - il valore medio del numero di passeggeri al giorno, N, in funzione della tipologia dell'edificio. Tale valore deve essere dedotto dal prospetto 11 o, in alternativa, fornito dal progettista o ricavato da misurazioni; - il numero di giorni di funzionamento al mese, d, il tempo trascorso dall'impianto nella condizione di attesa, t attesa, il tempo trascorso dall'impianto nella condizione di avviamento automatico, t auto, il tempo trascorso dall'impianto nella condizione operativa di moto a bassa velocità, t bv, e il tempo trascorso dall'impianto nella condizione operativa a velocità nominale, t av,devono essere forniti dal progettista o ricavati da misurazioni; - il dislivello, h; - l'angolo di inclinazione, ; - la velocità, v; - la lunghezza, l, solo per i marciapiedi mobili orizzontali. Prospetto 11 Condizioni tipiche di utilizzo di scale e marciapiedi mobili Tipologia di installazione Valore medio del numero di passeggeri al giorno ( N ) Negozi, musei, biblioteche, luoghi di ricreazione Grandi magazzini, centri commerciali, aeroporti di media dimensione, stazioni per treni regionali, stazioni metropolitane con traffico basso, percorsi pedonali meccanizzati Aeroporti di grande dimensione, stazioni ferroviarie principali, stazioni metropolitane con traffico medio Stazioni metropolitane con traffico intenso

20 9.2 Calcolo del fabbisogno energetico Generalità sul calcolo Il fabbisogno energetico degli impianti è calcolato su base mensile, in funzione del fabbisogno energetico giornaliero e del numero di giorni del mese: - E S = E S,d d; (17) - E M = E M,d d (18) Fabbisogno energetico giornaliero di un singolo impianto Il fabbisogno energetico giornaliero E S,d o E M,d è dato da E attesa,d + E auto,d + E bv,d + E csc,d + E ccc,d + E altri,d dove: E attesa,d consumo di energia nella condizione di attesa, dato da 0,2 x t attesa,d, in [kwh]; t attesa,d tempo giornaliero trascorso dall'impianto nella condizione di attesa; NOTA 0,2 kw è il valore assunto per la potenza nella condizione di attesa (contattori, sistemi frenanti ed altri dispositivi non sono stati attivati). E pari al 50% della potenza del quadro elettrico nella condizione operativa senza carico. E auto,d t auto,d NOTA E bv,d W csc t bv,d E csc,d t av,d E ccc,d E altri,d consumo di energia in condizione di avviamento automatico, dato da 0,3 x t auto,d, in [kwh]; tempo giornaliero trascorso dall'impianto nella condizione di avviamento automatico; 0,3 kw è il valore assunto per la potenza nella condizione di avviamento automatico (tutti i vari controlli sono disattivati eccetto quelli di indicazione di accesso e direzione). E pari al 75% della potenza del quadro elettrico nella condizione operativa senza carico. consumo di energia in condizione operativa di moto a bassa velocità, dato da (Wcsc / 2) x t bv,d, in [kwh]; potenza in condizione operativa senza carico, data dal prospetto 12 per impianti a velocità v pari a 0,5 m/s; tempo giornaliero trascorso dall'impianto nella condizione operativa di moto a bassa velocità; consumo di energia in condizione operativa senza carico, dato da Wcsc x t av,d, in [kwh]; tempo giornaliero trascorso dall'impianto a velocità nominale; consumo di energia in condizione operativa con carico, dato dal prospetto 13, in [kwh]; consumo energetico giornaliero dei servizi accessori, dato sulla base della documentazione allegata ai dispositivi, in [kwh]. Si assume che la potenza del quadro elettrico nella condizione operativa senza carico sia 0,4 kw. In alternativa, per la valutazione del consumo energetico di un impianto reale, la potenza nella condizione di attesa, la potenza nella condizione di avviamento automatico, la potenza in condizione operativa senza carico e la potenza in condizione operativa di moto a bassa velocità possono essere rilevati applicando la UNI EN ISO

ANPE - 2a Conferenza Nazionale

ANPE - 2a Conferenza Nazionale Norme tecniche e attuazione della Direttiva UE 2010/31 arch. Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI RECEPIMENTO DIRETTIVA 31/2010/UE 2a Conferenza Nazionale

Dettagli

Bozza UNI Riproduzione riservata

Bozza UNI Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E02069985 Prestazioni energetiche degli edifici Parte 5: Calcolo dell energia primaria e dalla quota di energia da fonti rinnovabili Energy performance of buildings

Dettagli

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 I principali contenuti del Decreto Requisiti Minimi e la nuova Relazione Tecnica Guglielmina Mutani DENERG - Politecnico di Torino

Dettagli

Anteprima UNI TS 11300-3 Prestazioni energetiche degli edifici: climatizzazione estiva

Anteprima UNI TS 11300-3 Prestazioni energetiche degli edifici: climatizzazione estiva Anteprima UNI TS 11300-3 Prestazioni energetiche degli edifici: climatizzazione estiva Sala Consiglio della Camera di Commercio di Milano Palazzo Turati, via Meravigli 9/b, Milano Martedì 26 gennaio 2010

Dettagli

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO Giovanni Riva 1 DECRETO REQUISITI MINIMI Servizi considerati e metodologia di calcolo La

Dettagli

Nuova versione TERMO_CE 9.05

Nuova versione TERMO_CE 9.05 Nuova versione TERMO_CE 9.05 Principali migliorie rispetto alla versione precedente Fabbisogno di energia termica per climatizzazione invernale ed estiva Queste in sintesi le principali variazioni rispetto

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

Corso per Certificatori Energetici degli Edifici

Corso per Certificatori Energetici degli Edifici Corso per Certificatori Energetici degli Edifici Gli Indicatori di prestazione energetica degli edifici La normativa tecnica europea a supporto della Direttiva Europea 2002/91/CE Dott. Ing. Renzo Sonzogni

Dettagli

UNI/TS 11300:2014, novità e modifiche nel calcolo del fabbisogno energetico degli edifici

UNI/TS 11300:2014, novità e modifiche nel calcolo del fabbisogno energetico degli edifici La certificazione energetica degli edifici Stato dell arte e prospettive future UNI/TS 11300:2014, novità e modifiche nel calcolo del fabbisogno energetico degli edifici Paolo Baggio DICAM - Univ. di Trento

Dettagli

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3)

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3) Appendice A (Allegato 1, Capitolo 3) DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA SOMMARIO 1 PARAMETRI DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 Parametri relativi al fabbricato... 2 1.2

Dettagli

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300 CONVEGNO Requisiti di rendimento energetico e procedure di certificazione energetica degli edifici, la progettazione edilizia verso la riduzione dell utilizzo di energia fossile Certificazione energetica:

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ALLEGATO 5 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI RESIDENZIALI Codice Certificato Riferimenti catastali edificio - GENOVA (GENOVA) 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità

Dettagli

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 La Finestra sul PVC La Finestra sul PVC n. 80 del 08/10/2014 PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 Il 2 ottobre sono state pubblicate da UNI le nuove versioni della UNI/TS

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

I REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA PER EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI VALIDI DAL 01/10/2015

I REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA PER EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI VALIDI DAL 01/10/2015 I REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA PER EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI VALIDI DAL 01/10/2015 Approfondimento sul D.M. 26/06/2015 che definisce le nuove modalità di applicazione della metodologia di calcolo

Dettagli

Prestazioni energetiche degli edifici : le UNI/TS 11300-4 (e le energie rinnovabili)

Prestazioni energetiche degli edifici : le UNI/TS 11300-4 (e le energie rinnovabili) Comitato Termotecnico Italiano www.cti2000.it Prestazioni energetiche degli edifici : le UNI/TS 11300-4 (e le energie rinnovabili) prof. ing. Paolo Baggio - Univ. Trento Comitato Termotecnico Italiano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. INFORMAZIONI GENERALI

RELAZIONE TECNICA 1. INFORMAZIONI GENERALI RELAZIONE TECNICA OPERE RELATIVE A RISTRUTTURAZIONE TOTALE/PARZIALE O MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'INVOLUCRO EDILIZIO DI EDIFICIO ESISTENTE CON SUPERFICIE UTILE FINO A 1000 m 2 (art.3 comma 2, lett.c,

Dettagli

Bozza UNI - Riproduzione riservata

Bozza UNI - Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E01169291 Modalità operative per le verifiche metrologiche periodiche e casuali Parte 1: Generalità Operative instruction for periodic and random metrological

Dettagli

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Prof.Gianfranco Cellai Università di Firenze Laboratorio di Fisica Ambientale per

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N ALLEGATO 3 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III UNI/TS 11300-3: determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione

Dettagli

L'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

L'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI L'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI OPPORTUNITA' E RUOLI PER GLI ENERGY MANAGER Il punto sulla normativa relativa all'efficienza energetica L'evoluzione della normativa tecnica PRESTAZIONI ENERGETICHE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di MILANO. Provincia di MILANO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

RELAZIONE TECNICA. Comune di MILANO. Provincia di MILANO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Comune di MILANO Provincia di MILANO RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.192 Decreto Legislativo 29 dicembre

Dettagli

Termotecnica Pompe di Industriale

Termotecnica Pompe di Industriale Termotecnica Pompe di Industriale Calore LE POMPE DI CALORE NELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA UNI/TS 11300 4 Roberto Nidasio CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato

Dettagli

I nuovi requisiti di prestazione energetica

I nuovi requisiti di prestazione energetica Milano, 30 giugno 2015 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI: EDIFICIO DI NUOVA COSTRUZIONE: è un edificio il cui titolo abilitativo sia stato richiesto dopo l entrata in vigore del presente provvedimento. Sono

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazione: TT, TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea NORMATIVA Release 01/03/2015 LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI Il D.P.R. 59, la Direttiva 2012/27/UE e i regolamenti regionali attualmente in vigore, dove esistenti, prevedono che l installazione

Dettagli

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB)

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) 5 VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) I nuovi decreti sull efficienza energetica degli edifici L entrata in vigore del D.Lgs 192 nell ottobre 2005 ha portato alla ribalta anche nel nostro Paese il

Dettagli

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA I principali contenuti delle Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica e il modulo dell APE Arch. Luca Raimondo USO CONVENZIONALE L ATTESTATO DI PRESTAZIONE

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 01/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 000 Particella: 000 Subalterno: 000 edificio

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali Codice certificato Riferimenti catastali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Nessuno Validità Indirizzo edificio Piazza Della Repubblica 1, Varese

Dettagli

ENERGIA INTELLIGENTE PER LE GENERAZIONI FUTURE

ENERGIA INTELLIGENTE PER LE GENERAZIONI FUTURE ENERGIA INTELLIGENTE PER LE GENERAZIONI FUTURE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------- CERTIFICAZIONE

Dettagli

UNI/TS 11300-2 TESTO ITALIANO SPECIFICA TECNICA OTTOBRE 2014

UNI/TS 11300-2 TESTO ITALIANO SPECIFICA TECNICA OTTOBRE 2014 SPECIFICA TECNICA Prestazioni energetiche degli edifici Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale, per la produzione di acqua calda sanitaria,

Dettagli

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E.

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E. Manuale d uso SACE Modulo Controlli Certificatori Energetici Rev. 01 Rev. 01 del 03-12-2014 Rif. Progetto Sistema per l esecuzione di verifiche e controlli sulle attività di certificazione energetica degli

Dettagli

Revisione DPR 59. altissima prestazione energetica in cui i valori

Revisione DPR 59. altissima prestazione energetica in cui i valori Revisione DPR 59 ART. 1 (Finalità e campo di intervento) 1. Per le finalità di cui all articolo 1 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, per una applicazione omogenea, coordinata ed immediatamente

Dettagli

DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA

DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA Allegato B DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA SOMMARIO 1 PARAMETRI DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 Parametri relativi al fabbricato... 2 1.2 Parametri relativi agli

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO : Scuola Secondaria INDIRIZZO : Rogeno,Via vecchia Casletto

Dettagli

Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici

Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici 1. Informazioni Generali art. 28 Legge n. 10 del 09/01/91 D.Lgs. 29 dicembre

Dettagli

EPBD recast ed il nuovo quadro normativo nazionale: nuovi requisiti minimi e linee guida APE

EPBD recast ed il nuovo quadro normativo nazionale: nuovi requisiti minimi e linee guida APE : nuovi requisiti minimi e linee guida APE EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO - VERSO IL 2020 Il futuro delle costruzioni tra decreti NZEB, edifici di riferimento, certificazione ed efficienza energetica in

Dettagli

REQUISITI MINIMI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE, CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RELATIVA METODOLOGIA DI CALCOLO IN PROVINCIA DI TRENTO

REQUISITI MINIMI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE, CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RELATIVA METODOLOGIA DI CALCOLO IN PROVINCIA DI TRENTO Allegato parte integrante Allegato A ALLEGATO A REQUISITI MINIMI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE, CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RELATIVA METODOLOGIA DI CALCOLO IN PROVINCIA DI TRENTO Pag. 1 di 6 All. 002

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B TI PRESTAZIONI ENERGETICHE PARZIALI ALLEGATO 7 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali Codice Certificato 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità Riferimenti

Dettagli

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616 16 - Indicatori 611 Sommario 16.1 Energia termica... 614 16.2 Energia primaria... 616 16.3 Le note del certificatore... 620 612 Il modulo relativo agli Indicatori (1) contiene al suo interno le seguenti

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 17/12/2013 Riferimenti catastali Particella 2174 - Sub. 36 edificio via Rossini, 92-80027

Dettagli

La prestazione energetica degli edifici: concetti base e metodi di valutazione

La prestazione energetica degli edifici: concetti base e metodi di valutazione La prestazione energetica degli edifici: concetti base e metodi di valutazione Vincenzo Corrado - Dipartimento Energia, Politecnico di Torino Introduzione La direttiva 2009/28/CE sulla Promozione dell

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E RISCALDAMENTO

RISPARMIO ENERGETICO E RISCALDAMENTO RISPARMIO ENERGETICO E RISCALDAMENTO ing. arch. Luca Rollino, Ph. D. Esperto Gestione Energia UNI 11339 info@studiorollino.com www.studiorollino.com Alessandria, venerdì 18 marzo 2016 Argomenti trattati

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 03/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 6 Particella: 1430 Subalterno: 1 edificio

Dettagli

Verso Kirecò: dalla progettazione esecutiva all'avvio del cantiere

Verso Kirecò: dalla progettazione esecutiva all'avvio del cantiere WORKSHOP I Verso Kirecò: dalla progettazione esecutiva all'avvio del cantiere Edifici a energia quasi zero: dalla direttiva alla pratica - Logo ente-azienda relatore 2122 maggio 2014 2014 Direttiva 2010/31/UE

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 05/02/2014 Riferimenti catastali VICENZA Sez.: Foglio: Part.: Sub.: Indirizzo edificio

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Certificazione Energetica degli Edifici Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Bozza DM sulle Linee Guida Nazionali LINEE GUIDA NAZIONALI Bozza DM sulle Linee

Dettagli

Individuazione della zona climatica e dei gradi-giorno.

Individuazione della zona climatica e dei gradi-giorno. Individuazione della zona climatica e dei gradi-giorno. 1. Il territorio nazionale è suddiviso nelle seguenti sei zone climatiche in funzione dei gradi giorno, indipendentemente dalla ubicazione geografica:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Decreto

Dettagli

Anche i consumi energetici sono in gran parte relativi all attività di vendita e sono suddivisi principalmente fra

Anche i consumi energetici sono in gran parte relativi all attività di vendita e sono suddivisi principalmente fra Elementi per soggetti della grande distribuzione organizzata GDO su come elaborare la documentazione necessaria al rispetto degli obblighi previsti nell articolo 8 del decreto legislativo 102_2014 in tema

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B TI PRESTAZIONI ENERGETICHE PARZIALI ALLEGATO 6 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali Codice Certificato 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità Riferimenti

Dettagli

Seminario sulla Certificazione energetica degli edifici

Seminario sulla Certificazione energetica degli edifici Seminario sulla Certificazione energetica degli edifici Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli Seconda Università degli Studi di Napoli Necessità di contenere i consumi energetici nel settore edilizio

Dettagli

La Normativa Tecnica PARTE 2 - ASPETTI TECNICI. Servizio Politiche Energetiche

La Normativa Tecnica PARTE 2 - ASPETTI TECNICI. Servizio Politiche Energetiche 14 DICEMBRE 2006 Servizio Politiche Energetiche Recepimento Direttiva 2002/91/Ce IL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI IN EDILIZIA LE LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI PARTE 2 - ASPETTI TECNICI ARCH. STEFANO

Dettagli

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE Dal 1 ottobre 2015 entrano in vigore i nuovi decreti attuativi in materia di prestazione e certificazione energetica. Cosa cambia concretamente?

Dettagli

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI ALLEGATO 2 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA NORMATIVA Legge 373/76 Prima legge sul risparmio energetico Legge 10/91 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia,

Dettagli

La normativa di supporto

La normativa di supporto Seminario LA NUOVA DIRETTIVA SULLA PRESTAZIONE ENERGETICA NELL EDILIZIA La normativa di supporto Arch. Anna Martino CTI - Ente federato UN PO DI STORIA. Direttiva 2002/91/EC sul rendimento energetico nell

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

Allegato A ULTERIORI DEFINIZIONI

Allegato A ULTERIORI DEFINIZIONI Allegato A ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento e' l'insieme delle attivita' di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle opere e gli impianti siano

Dettagli

D.1 Direttiva Europea 2002/91/CE. Fonti Rinnovabili di Energia Prof. Claudia Bettiol A.A. 2003-04

D.1 Direttiva Europea 2002/91/CE. Fonti Rinnovabili di Energia Prof. Claudia Bettiol A.A. 2003-04 1 2 Obbiettivi: 1. Tutela dell ambiente DIRETTIVA 2002/91/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia 2. Emissioni di biossido di carbonio 3.

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice certificato xxxxxx Validità 10 anni, salvo quanto previsto nel D.L. 4 giugno 2013, n. 63 art. 6 Riferimenti catastali

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA E IL DLgs 192/2005: UNO STRUMENTO PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA E IL DLgs 192/2005: UNO STRUMENTO PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ARCHinNOVA Efficienza Energetica nelle costruzioni leggere. Riflessioni e dibattito Bologna 28 aprile 2006 ASSOCIAZIONE CULTURALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA E IL DLgs 192/2005: UNO STRUMENTO PER L EFFICIENZA

Dettagli

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI è un Organismo di Certificazione Ispezione e di Verifica, accreditato da SINCERT, con Certificati

Dettagli

MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI IL MINISTRO DELLA SALUTE

MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI IL MINISTRO DELLA SALUTE DECRETO 26 giugno 2015: Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici. (15A05198) (Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula

Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula NUOVA PRESTAZIONE ENERGETICA IN EDILIZIA Requisiti e modalità di calcolo, relazione di progetto e linee guida per la redazione dell APE in vigore dal 1 ottobre 2015 Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula

Dettagli

LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE

LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE Convegno Formativo Monza, 16 marzo 2012 LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE Ing. Alberto Colombo 1 SOMMARIO DEFINIZIONI METODI DI CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA NORME DI PRODOTTO ( UNI EN 834, UNI/TR

Dettagli

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO Appendice A ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 01.02.2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI Questo articolo illustra i nuovi schemi della relazione tecnica di progetto - contenuti nel D.M. 26/06/2015

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Caldaia a condensazione e pompa di calore

Caldaia a condensazione e pompa di calore 065_TER_gen_magri:46-48_TER_mar_profilo 8-02-2010 12:51 Pagina 65 efficienza energetica 65 C. Di Perna, G. Magri Caldaia a condensazione e pompa di calore confronto delle prestazioni stagionali Come ben

Dettagli

DPR 74/2013. pubblicato su Gazzetta Ufficiale n.149 del 27-6-2013. Entrato in vigore il 12 luglio 2013

DPR 74/2013. pubblicato su Gazzetta Ufficiale n.149 del 27-6-2013. Entrato in vigore il 12 luglio 2013 DPR 74/2013 «Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 20/09/2023 Riferimenti catastali Indirizzo edificio Nuova costruzione X Passaggio di proprietà

Dettagli

L AZIENDA Energy Zero S.r.l 50% 50% Energy Zero

L AZIENDA Energy Zero S.r.l 50% 50% Energy Zero Energy zero S.r.l. Stabilimento: Zona Industriale Termini Imerese (PA) 90018 - ITALY Ph: +39 091 8140385 - Fax: +39 091 8140176 E-mail: info@enerlift.com Sito Web: http://www.enerlift.com/ N.B. data descriptions

Dettagli

IL SUPPORTO DELLE NORME TECNICHE PER IL MIGLIORAMENTO. Anna Martino

IL SUPPORTO DELLE NORME TECNICHE PER IL MIGLIORAMENTO. Anna Martino IL SUPPORTO DELLE NORME TECNICHE PER IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Anna Martino 21 marzo 2013 Castelnuovo del Garda I a Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso Rigido

Dettagli

COMUNE DI ASTI PROVINCIA DI ASTI RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI ASTI PROVINCIA DI ASTI RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ASTI PROVINCIA DI ASTI RELAZIONE TECNICA ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI (art. 28 della Legge 9 gennaio 1991, n. 10,

Dettagli

Analisi per un impianto solare termico sul fabbricato di via Tovo Olgiate Olona. 034E05 Studi Solarge Versione 1. Stato del documento approvato

Analisi per un impianto solare termico sul fabbricato di via Tovo Olgiate Olona. 034E05 Studi Solarge Versione 1. Stato del documento approvato Analisi per un impianto solare termico sul fabbricato di via Tovo Olgiate Olona Codice 034E05 Studi Solarge Versione 1 Committente Ing. Piero Balossi Stato del documento approvato Autore Calderoni Revisione

Dettagli

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero ALLEGATO 1 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

ing. Sonia Subazzoli

ing. Sonia Subazzoli Corso per certificatori energetici degli edifici ing. Sonia Subazzoli BILANCIO ENERGETICO E METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEL SISTEMA EDIFICIO-IMPIANTO Ing. Sonia Subazzoli

Dettagli

Fattori di incertezza nella certificazione energetica

Fattori di incertezza nella certificazione energetica Incrementare il valore degli edifici civili e industriali Il valore dell affidabilità delle misure, prove e certificazioni nella Diagnosi Energetica 18 Aprile 2012 Fattori di incertezza nella certificazione

Dettagli

COMUNE DI BRISIGHELLA

COMUNE DI BRISIGHELLA S e r e n a L i v e r a n i S i l v i a M a g g i A r c h i t e t t i COMUNE DI BRISIGHELLA REDAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO DEI LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA STRUTTURA SCOLASTICA A MARZENO

Dettagli

ALLEGATO 8 METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

ALLEGATO 8 METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ALLEGATO 8 METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Sulla base delle diverse finalità e tenuto conto delle esperienze acquisite di diagnosi, certificazione, progettazione

Dettagli

G 3. GRAFICO DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE GLOBALE E PARZIALI (2)

G 3. GRAFICO DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE GLOBALE E PARZIALI (2) ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Poliambulatorio_SI Validità 10 anni Riferimenti catastali Foglio 52, Particella 249 Indirizzo

Dettagli

Cenni su efficienza energetica e certificazione energetica degli edifici: la direttiva europea 2002/91/CE ed i decreti legislativi 192/2005 e 311/2006

Cenni su efficienza energetica e certificazione energetica degli edifici: la direttiva europea 2002/91/CE ed i decreti legislativi 192/2005 e 311/2006 Cenni su efficienza energetica e certificazione energetica degli edifici: la direttiva europea 2002/91/CE ed i decreti legislativi 192/2005 e 311/2006 1) Cenni sull efficienza energetica degli edifici

Dettagli

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Legge Regionale della Lombardia D.G.R. 5018 "Disposizioni inerenti all'efficienza energetica in edilizia Metodo di calcolo e Normative Finalità

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI INTRODUZIONE

DETERMINAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI INTRODUZIONE UNI TS 11300 Parti 1, 2, 3 e 4 DETERMINAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI UN LUNGO CAMMINO INTRODUZIONE Prof. Ing. Giovanni Riva Ing. Augusto Colle Milano, 11 Novembre 2009 Argomenti trattati

Dettagli