CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D ONERI"

Transcript

1 AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. n del SERVIZIO DI MANUTENZIONE E GESTIONE AUSILI PER DISABILI IN USO DOMICILIARE OCCORRENTE ALL AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI VARESE PER IL PERIODO DI TRE ANNI. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDICE CAP. 1 OGGETTO DELL APPALTO CAP. 2 AVVIO DEL SERVIZIO CAP. 3 MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO CAP. 4 CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI E PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI CAP. 5 RESPONSABILITA DERIVANTI DALL ESECUZIONE DEL SERVIZIO CAP. 6 PENALITÀ CAP. 7 GARANZIA FIDEIUSSORIA CAP. 8 CONDIZIONI ECONOMICHE, FATTURAZIONE, PAGAMENTI, REVISIONE PREZZI E CESSIONE DEI CREDITI CAP. 9 SUBAPPALTO E CESSIONE DEL CONTRATTO CAP. 10 DURATA DEL CONTRATTO CAP. 11 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO CAP. 12 RECESSO CAP. 13 CONDIZIONI RISOLUTIVE ESPRESSE CAP. 14 SPESE ED ONERI CONTRATTUALI CAP. 15 PRIVACY E TRATTAMENTO DATI CAP. 16 CODICE ETICO CAP. 17 CONTROVERSIE CAP. 18 DISPOSIZIONI FINALI E DI RINVIO 1

2 CAP. 1 : OGGETTO DELL'APPALTO Il presente capitolato speciale disciplina l appalto del servizio di manutenzione e gestione ausili per disabili di proprietà dell ASL della Provincia di Varese (di seguito denominata ASL) in uso domiciliare agli aventi diritto residenti nel territorio della provincia. Gli ausili oggetto delle prestazioni regolate dal presente capitolato sono quelli compresi nel Nomenclatore Tariffario di cui al D.M. n. 332 del ed in particolare, a titolo esemplificativo: Carrozzine elettriche Carrozzine pieghevoli Carrozzine a telaio rigido Motocarrozzine Seggioloni polifunzionali Stabilizzatori Sistemi posturali Passeggini Tricicli Biciclette Sedie per wc e doccia Rialzi WC Deambulatori Letti ortopedici e aggiuntivi Cuscini antidecubito (per quanto riguarda i codici ISO e solo ritiro e smaltimento) Materassi antidecubito Sollevatori mobili Ausili attinenti la comunicazione e l informazione (solo ritiro e stoccaggio) Montascale a ruote Montascale mobile a cingoli L impresa aggiudicataria del servizio dovrà provvedere a : predisposizione e gestione di tutti gli aspetti tecnico-organizzativi necessari ad erogare i servizi richiesti, quali gli spazi di immagazzinamento, le strutture tecnico-logistiche atte alla sanificazione, ripristino e manutenzione tecnica degli ausili, nonché gli adeguati sistemi di conservazione, trasporto e quant altro necessario alla corretta e sicura espletazione del servizio; gestione informatizzata degli ausili, in rete con le strutture preposte dell ASL, nel rispetto dei sistemi di classificazione e inventariazione dell ASL, rendendo disponibili le relative informazioni ai competenti uffici protesi distrettuali ed all ufficio protesica centrale; nella fase di avvio dell appalto, recupero degli ausili giacenti presso il magazzino dell impresa che ha erogato il servizio nel corso del precedente appalto e immagazzinamento degli stessi presso il proprio deposito e inventariazione; immagazzinamento, inventariazione e gestione degli ausili nuovi acquistati dall ASL; consegna presso il domicilio degli utenti degli ausili recuperati o nuovi secondo le indicazioni degli uffici protesi dell ASL; ritiro dal domicilio dei pazienti degli ausili non più utilizzati o su cui occorre effettuare intervento tecnico / manutentivo; ripristino igienico e manutentivo degli ausili recuperati; effettuazione degli eventuali servizi correlati alla consegna degli ausili al domicilio del paziente (adeguamento strutturale, montaggio, istruzione/addestramento del personale di assistenza o del paziente stesso); 2

3 manutenzione periodica programmata di dispositivi quali montascale e sollevatori mobili ed altri eventualmente individuati dalla stazione appaltante. CAP. 2 AVVIO DEL SERVIZIO L impresa si impegna ad effettuare tutte le operazioni (recupero degli ausili dall attuale affidatario, stoccaggio, inventariazione, aggiornamento della banca dati, ecc.) necessarie all avvio del servizio entro 20 giorni lavorativi dalla stipula del contratto. Per tale attività non sarà riconosciuto alcun compenso aggiuntivo. CAP. 3 : MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO Il servizio di manutenzione e gestione ausili consiste nelle prestazioni di seguito descritte. 3.1 Creazione di un magazzino L impresa aggiudicataria dovrà provvedere, a propria cura e spese, al ritiro, trasporto e stoccaggio presso un proprio magazzino dei presidi depositati presso le attuali imprese appaltatrici (Media Reha S.r.l. di Lonate Pozzolo e Caporali 2000 Reha Service S.r.l. di Daverio). L impresa sarà responsabile dei beni presi in carico rispondendone sia per le operazioni di trasferimento, sia per lo stoccaggio e la buona conservazione. L immagazzinamento degli ausili dovrà avvenire in un luogo tale da garantire un pronto servizio su tutto il territorio dell ASL della Provincia di Varese. Il magazzino/officina dovrà prevedere spazi adeguati con apposite separazioni per le seguenti aree di attività: area stoccaggio materiale ritirato (in attesa di manutenzione/sanificazione) area materiale non riparabile in attesa di autorizzazione ASL per lo smaltimento area sanificazione area manutenzione/officina area materiale sanificato pronto per la consegna (gli ausili dovranno essere protetti e riparati dalla polvere) area stoccaggio ausili nuovi acquistati dall ASL area campionature. Dovrà essere garantito un accesso agevole (sono esclusi container e box prefabbricati) a tutte le aree sopra nominate ai funzionari ASL preposti al controllo sullo svolgimento dell appalto. 3.2 Inventariazione L impresa aggiudicataria avrà cura di provvedere, a proprie spese, all inventariazione dei beni presi in carico, sia quelli recuperati dal magazzino dell attuale aggiudicatario sia quelli che saranno successivamente ritirati dal domicilio dell utenza nel corso dello svolgimento del servizio, sia quelli nuovi acquistati direttamente dell ASL e conservati presso il magazzino dell impresa. Il numero di inventario che identifica ciascun ausilio dovrà essere visualizzabile sul software di gestione magazzino e dovrà essere apposto, tramite contrassegno, sull ausilio. 3.3 Ausili personalizzati Nel caso di ausili di cui all Elenco 1 del D.M. 332/99 che richiedano adeguamento secondo le indicazioni dello specialista prescrittore, la personalizzazione sarà effettuata da tecnico ortopedico abilitato che certificherà la propria attività con firma sulla modulistica di consegna. Il tecnico ortopedico dovrà garantire la propria presenza presso il magazzino in modo continuativo e in modo da garantire la fornitura di presidi personalizzati con i tempi stabiliti dal presente capitolato. Inoltre il tecnico ortopedico dovrà essere disponibile ad effettuare sopralluoghi presso il domicilio paziente in presenza di un rappresentante dell ASL, qualora fossero necessarie valutazioni per situazioni di particolare criticità. 3

4 In tal caso per l uscita del tecnico sarà riconosciuta la medesima tariffa prevista per il servizio di trasporto. 3.4 Consegna Gli ordini di consegna saranno disposti dagli addetti ASL utilizzando l applicativo informatico di gestione messo a disposizione dall impresa aggiudicataria. In caso di impreviste e incidentali interruzioni o malfunzionamenti della rete informatica dovrà essere garantita ad ogni Ufficio Protesi territoriale della ASL la possibilità di effettuare richieste di consegna urgenti, tramite telefax. Gli ausili dovranno essere consegnati al domicilio dell utente sotto la cura e responsabilità dell impresa aggiudicataria entro e non oltre due giorni lavorativi dalla ricezione della richiesta. L aggiudicatario, con la medesima tempistica, si impegna a consegnare al domicilio degli assistiti anche gli ausili nuovi, direttamente acquistati dall ASL e stoccati nel deposito dell impresa. Per detti ausili il prezzo per la consegna, eventuale montaggio e istruzione all uso sarà il medesimo determinato a seguito di aggiudicazione del presente appalto. Nei casi di particolare urgenza e gravità o in caso di rottura o malfunzionamento dell ausilio già in uso, l impresa si impegnerà a consegnare l ausilio entro un giorno lavorativo dalla richiesta. In caso di consegna di più ausili al medesimo utente sarà riconosciuta un unica tariffa di trasporto. Il personale qualificato che accede al domicilio dell utente dovrà avere padronanza della lingua italiana, dovrà essere munito di idoneo cartellino di identificazione con foto, nominativo e azienda di appartenenza. L impresa, una volta ricevuto l ordine, s impegna a prendere tempestivo contatto con l utente o i suoi familiari. In caso di mancata reperibilità dell utente l impresa effettuerà almeno tre tentativi di contatto telefonico in diverse fasce orarie dopodiché segnalerà all'ufficio protesi ordinante, tramite la procedura informatica di gestione magazzino, l impossibilità di consegna, specificando il motivo e le date dei tentativi di contatto. All atto della consegna al domicilio dell assistito l impresa aggiudicataria dovrà: se necessario, adeguare l ausilio secondo le indicazioni dello specialista utilizzando il proprio personale qualificato. In presenza di dispositivi di cui all elenco 1 del D.M. 332/99 la personalizzazione verrà effettuata a cura di tecnico ortopedico abilitato che certificherà la propria attività con firma sulla modulistica di consegna. istruire il paziente o suo famigliare sull uso degli ausili consegnati, sulle procedure di pulizia e ordinaria manutenzione con contestuale consegna di manuale di istruzioni in lingua italiana. far apporre sulla documentazione di consegna, come definita d intesa con l ASL, la data e la firma del ricevente del bene; compilare e far sottoscrivere al ricevente, separata documentazione in cui si attesti l avvenuta istruzione all uso e consegna del manuale di istruzione relativo ai dispositivi consegnati. I documenti di consegna ed i documenti attestanti l avvenuta istruzione e consegna del manuale d uso dovranno essere redatti in modo chiaro ed essere allegati in copia alle fatture emesse. effettuare, tramite proprio personale tecnico qualificato, eventuali piccole riparazioni direttamente presso il domicilio dell utente in casi particolari segnalati dagli Uffici Protesi dell ASL. Per tali interventi sarà riconosciuta, quale tariffa di uscita, la medesima prevista per la consegna oltre alla tariffa relativa alla voce di listino per le riparazioni effettuate. La consegna e l istruzione all uso dei montascale dovrà essere effettuata da personale abilitato che dovrà rilasciare attestazione di avvenuto addestramento dell utilizzatore. Qualora all atto della consegna si verifichi un anomalia meccanica o un problema di funzionamento dell ausilio non prontamente risolvibile in loco e tale da impedire l utilizzo dell ausilio, l addetto 4

5 dovrà sospendere la consegna e riportare l ausilio in magazzino per il ripristino. In tal caso l ausilio ripristinato o sostituito con altro identico dovrà essere riconsegnato al domicilio dell utente senza ulteriori addebiti all ASL entro due giorni lavorativi. Qualora, all atto della consegna, l impresa dovesse riscontrare particolari problemi presso il domicilio dell utente, quali ad esempio rischio sicurezza o inadeguatezza ambientale, sarà tenuta a darne immediata comunicazione, a mezzo procedura informatica, all ufficio protesi ordinante. In tal caso l ordine effettuato è da intendersi sospeso sino a nuove disposizioni fornite dal competente ufficio ASL. Nel caso in cui l ufficio interessato non provveda a fornire alcuna indicazione all impresa entro dieci giorni lavorativi, la stessa provvederà all annullamento dell ordine rendendo nuovamente disponibile l ausilio prenotato. Nel caso in cui il paziente o il familiare rifiuti la fornitura, l'addetto alla consegna annoterà sulla scheda/verbale i motivi del rifiuto. L impresa in tal caso sarà tenuta ad informare tempestivamente tramite la procedura informatica di gestione magazzino, l ufficio Protesi competente. 3.5 Ritiro Gli ordini di ritiro dei dispositivi per i quali è venuta meno la necessità d uso da parte dell utente, saranno disposti dagli addetti dell ASL utilizzando l applicativo informatico di gestione. L impresa aggiudicataria dovrà provvedere al ritiro degli ausili entro quattro giorni lavorativi dalla data della richiesta. In caso di ritiro di più ausili dal medesimo utente sarà riconosciuta un unica tariffa di trasporto. L impresa, una volta ricevuta la richiesta di ritiro, s impegna a prendere tempestivo contatto con l utente o i suoi familiari. In caso di mancata reperibilità dell utente l impresa effettuerà almeno tre tentativi di contatto telefonico dopodiché, tramite la procedura informatica di gestione magazzino, segnalerà all'ufficio Protesi richiedente l impossibilità di ritiro, specificando il motivo e le date dei tentativi di contatto. Il personale che accede al domicilio dell utente per il ritiro dovrà avere padronanza della lingua italiana e dovrà essere munito di idoneo cartellino di identificazione con foto, nominativo e azienda di appartenenza. In occasione del ritiro l impresa è tenuta alla compilazione di apposita scheda, convenuta fra le parti, nella quale dovranno risultare i dati anagrafici dell utente, la tipologia e lo stato di conservazione dell ausilio al momento del recupero, il numero di inventario qualora assegnato e la data di ritiro. L impresa dovrà registrare sul sistema informatico di gestione magazzino la data di ritiro dell ausilio che potrà essere visualizzata dagli uffici protesi al fine della verifica del rispetto dei tempi contrattuali. I documenti di ritiro, firmati dall utente o suo familiare, dovranno essere redatti in modo chiaro ed essere allegati alle fatture emesse. Qualora, all atto del ritiro, l impresa dovesse verificare che l ausilio sia gravemente danneggiato per presunta incuria o negligenza dell assistito, l impresa, successivamente al ritiro del bene, comunicherà tale circostanza, mediante procedura informatica, tempestivamente all ufficio protesi competente che procederà ai controlli al fine di accertare eventuali responsabilità dell utente. 3.6 Revisione, manutenzione e sanificazione degli ausili riutilizzabili Tale attività consiste nella manutenzione, riparazione, revisione ed igienizzazione degli ausili al fine di ripristinare tutti i necessari requisiti di efficienza funzionale ed estetica, con caratteristiche paragonabili al nuovo, per un eventuale riutilizzo. Gli ausili ritirati dovranno essere pronti all uso entro 5 giorni lavorativi dalla data del ritiro per una nuova consegna. Per interventi straordinari su dispositivi complessi (montascale, sollevatori mobili, sistemi posturali, seggioloni polifunzionali ed eventuali ulteriori ausili identificati in contraddittorio con l ASL) il 5

6 termine entro il quale dovranno essere resi disponibili è di dieci giorni consecutivi di calendario Detersione e sanificazione Per ciascun ausilio ritirato e giudicato riutilizzabile, si dovrà procedere a detersione e sanificazione. La pulizia dei presidi dovrà essere effettuata a fondo, con detergenti e disinfettanti adeguati alla tipologia e qualità del materiale trattato e rimuovendo tutte le parti mobili e accessorie. In tutti i casi in cui si proceda a sanificazione di carrozzine dotate di vaschette WC, si dovrà provvedere obbligatoriamente alla sostituzione di dette vaschette. Tutti i prodotti chimici impiegati per la detersione e sanificazione dovranno essere rispondenti alle normative vigenti in Italia. A ciascun ausilio pronto per la consegna dovrà essere allegata una dichiarazione di sanitarizzazione con indicazione del prodotto sanificante utilizzato Revisione e riparazione Per ciascun ausilio l impresa, dopo averne verificato il funzionamento anche tramite smontaggio e rimontaggio di una o più parti, procederà alla riparazione e alla verifica finale, ove necessario, di funzionalità e sicurezza del dispositivo. L ausilio ricondizionato dovrà essere adeguatamente imballato con materiale protettivo e stoccato in apposita area del magazzino pronto per la consegna. Ogni singolo intervento tecnico effettuato sull ausilio dovrà essere documentato da apposita modulistica (rapporto di lavoro) che sarà allegata alle fatture emesse. I dati contenuti nel rapporto di lavoro dovranno essere registrati entro 24 ore nella procedura informatica di gestione magazzino. Le informazioni che dovranno comparire ed essere consultabili dagli uffici protesi sono: identificazione dell ausilio (tipologia, marca e modello, codice ISO, numero inventario) data dell intervento tipologia di intervento e descrizione materiali di ricambio sostituiti nominativo del tecnico. Per casi di particolare complessità e su autorizzazione degli uffici protesi, l impresa aggiudicataria potrà ricorrere a ditte esterne purchè produttrici o autorizzate dal produttore per l assistenza tecnica sugli ausili. In tal caso tutti gli oneri derivanti dal coinvolgimento di terze ditte saranno a totale carico dell impresa aggiudicataria che potrà addebitare all ASL solo le voci dei corrispettivi previsti nel presente appalto ed alle condizioni di offerta. In ogni caso unico soggetto responsabile del servizio sarà considerato sempre l impresa aggiudicataria. Il corrispettivo per le operazioni di sanificazione, revisione, ricondizionamento, smontaggio e rimontaggio degli ausili sarà quello derivante dallo sconto percentuale sulla voce di prezzo revisione, ricondizionamento, sanificazione posta a base d asta. Il corrispettivi per i pezzi di ricambio necessari alle operazioni di manutenzione sono quelli derivanti dallo sconto unico percentuale sulle voci di prezzo indicate nel listino di cui all Allegato 1 al regolamento di gara. Il costo della riparazione comprensivo di ricondizionamento e disinfezione non dovrà superare, per ciascun ausilio, il 50% del costo previsto nel Nomenclatore Tariffario per il medesimo ausilio nuovo per quanto riguarda gli ausili di cui all Elenco 1 o il costo individuato a seguito di gara d appalto per gli ausili di cui all Elenco 2. Qualora il costo complessivo dovesse superare tale soglia, la valutazione per procedere a riparazione/ricondizionamento verrà effettuata in contraddittorio con un funzionario ASL. I componenti aggiunti e le parti di ricambio utilizzate devono essere rispondenti agli standard qualitativi previsti dalla vigente normativa. Ogni accessorio o ricambio dovrà essere marcato CE. 6

7 L impresa garantisce il buon funzionamento di ogni ausilio ricondizionato per un periodo di almeno quattro mesi dalla consegna anche in caso di guasto o difetti di funzionamento non imputabili alle lavorazioni effettuate dall impresa o ai ricambi da questa forniti. 3.7 Manutenzione straordinaria Per manutenzione straordinaria si intendono quegli interventi non riconducibili alle attività sopra descritte e che sono finalizzati ad apportare una miglioria funzionale o di sicurezza degli ausili tramite integrazioni rispetto alle configurazioni originarie. Tali attività di manutenzione straordinaria potranno essere effettuate solo se espressamente autorizzate dall ufficio centrale protesica dell ASL e sulla base di specifico preventivo. 3.8 Manutenzione programmata e monitoraggio ausili complessi L attività consiste nella verifica periodica di efficienza, funzionalità e sicurezza di ausili quali montascale, sollevatori mobili ed altri eventualmente individuati dall ASL tra quelli a maggior rischio incidente. Tale verifica dovrà avvenire, a cura di personale abilitato, presso il domicilio degli assistiti. Per tale attività manutentiva, l impresa aggiudicataria dovrà contattare gli utenti che hanno in uso gli apparecchi e concordare una data per l intervento. A tal fine la procedura informatica dovrà prevedere apposita sessione dedicata sulla quale dovranno essere registrate e dovranno essere consultabili in tempo reale le seguenti informazioni: descrizione ausilio ed estremi identificativi (cod. ISO, tipologia, modello, n. matricola, n. inventario); data di fabbricazione dell ausilio; utente avente in uso l apparecchio e sede di utilizzo; data consegna in uso; data controlli effettuati; esito dei controlli; operazioni effettuate; data prossimo controllo previsto. In occasione di ogni controllo effettuato, l impresa dovrà redigere apposito rapporto di lavoro contenente le informazioni sopra richiamate. Tale documento dovrà poi essere allegato alla fattura. Le visite di controllo periodiche sono da effettuarsi dopo un anno dalla data di consegna dell ausilio e successivamente con cadenza annuale. L attivazione dovrà avvenire con automatismo salvo diverse indicazioni da parte dell ASL. Entro 90 giorni consecutivi dalla data di attivazione del servizio oggetto del presente appalto, l impresa dovrà redigere, utilizzando il sistema informatizzato, il calendario degli interventi di manutenzione programmati. Successivamente, entro il 30 del mese di gennaio di ciascun anno, l impresa provvederà ad aggiornare detto calendario. L Ufficio Protesica Centrale dell ASL potrà comunicare eventuali osservazioni in merito. Per tale attività sarà riconosciuto dall ASL, quale corrispettivo, la voce di prezzo offerta relativamente alla consegna, alla revisione / ricondizionamento ed eventualmente le voci di prezzo delle parti di ricambio previste nell Allegato 1 al netto dello sconto offerto. 3.9 Irreparabilità del bene L impresa aggiudicataria, con cadenza da concordare tra le parti, dovrà segnalare al Sevizio Protesica Centrale dell ASL l eventuale irreparabilità degli ausili, registrando tale circostanza anche sul sistema informatico di gestione magazzino. Le dismissioni dei beni sono subordinate al parere del preposto funzionario ASL che redigerà, in contraddittorio con l impresa, apposito verbale contenente gli estremi identificativi dei beni (codice ISO e numero di inventario) e le motivazioni per cui se ne propone la dismissione. 7

8 A seguito di autorizzazione alla dismissione da parte dell ASL, l impresa provvederà, a proprie spese e senza ulteriori oneri per l ASL, allo smaltimento del materiale nel rispetto degli adempimenti previsti dalla vigente normativa. In caso di mancata autorizzazione alla rottamazione, sarà facoltà dell ASL pretendere che l impresa effettui le riparazioni necessarie al ripristino dell ausilio, riconoscendo al fornitore i corrispettivi pattuiti. Anche nel caso in cui il costo della riparazione risultasse superiore al 50% del valore di acquisto del nuovo, l ASL potrà autorizzare la dismissione del bene Informatizzazione L impresa dovrà mettere a disposizione dell ASL uno specifico software per la gestione delle informazioni connesse con le attività del presente appalto. L accesso a tale software sarà in tecnologia web su server dell impresa cui l ASL potrà collegarsi via internet dalle proprie postazioni (indicativamente 20 postazioni), senza costi per licenze a carico dell ASL e senza limiti di numero di postazioni. L impresa dovrà pertanto fornire all ASL tutte le informazioni per consentire il collegamento a tale portale web. La connessione tra le postazioni ed il sistema centrale dovrà avvenire tramite internet su un canale telematico e protetto al fine di salvaguardare la riservatezza dei dati secondo la normativa vigente. Le modalità di collegamento e di autenticazione degli operatori dovranno essere conformi alla normativa vigente in materia di Privacy (D. lgs. 196/2003 e s.m.i.), definendo opportuni profili utenti abbinati agli utenti ASL che permettano l inserimento delle richieste, le visualizzazioni, il monitoraggio delle attività e le interrogazioni di tipo statistico. Il software messo a disposizione dovrà, senza alcun ulteriore onere a carico dell ASL, essere compatibile ed interfacciarsi, per il trasferimento diretto o indiretto dei dati, con il sistema Assistant utilizzato in ASL e fornito dall impresa Santer. L applicativo dovrà consentire di conoscere in ogni momento l'esatta disponibilità dei beni, la quantità e la tipologia degli ausili presenti in deposito e/o forniti in uso all utenza, nonché tutte le informazioni circa gli ausili ritirati, gli ausili in manutenzione e gli ausili in attesa di autorizzazione dell ASL alla dismissione. Il database deve consentire l individuazione del dispositivo in qualunque fase che dovrà essere aggiornata a cura dell appaltatore in tempo reale. Per tutti i presidi in carico dovranno essere disponibili nel database le seguenti informazioni: numero di inventario cod. ISO di riferimento in base al D.M. 332/99 denominazione commerciale del prodotto (marca e modello); misure complete (seduta, ingombro, ruote, ecc.); Inoltre per le tipologie di ausili di seguito indicate dovranno essere specificate anche le seguenti informazioni: Carrozzine pieghevoli Carrozzine elettriche Dimensioni seduta e altezza dello schienale Ingombro esterno in larghezza e lunghezza a ruote estratte Presenza o assenza di ruote piene Caratteristiche (es. pedana unica, schienale tensionabile, ecc.) Aggiuntivi presenti Dimensioni seduta e altezza dello schienale Presenza di basculamento e verticalizzazione Aggiuntivi e optional presenti 8

9 Carrozzine a telaio rigido Sistemi posturali Seggioloni polifunzionali Deambulatori Sedia da doccia Rialzo wc Sollevatore mobile Cuscini Diametro ruotine Aggiuntivi presenti Specifiche sulle unità posturali componenti il sistema Dimensioni seduta e schienale Tipo di base (per esterni o per interni) Ruote (diametro, fisse/estraibili) Aggiuntivi presenti Diametro ruote Aggiuntivi presenti e/o optionals (es. ruote posteriori frenanti, ecc.) Presenza di basculamento Braccioli mobili o fissi Pedana, doppia o unica Diametro ruote Bracciolo fisso o ribaltabile Tipologia imbracatura Numero celle Per i dispositivi con caratteristiche superiori al corrispondente cod. ISO di Nomenclatore, per gli stabilizzatori, i sistemi posturali, i seggioloni polifunzionali, le carrozzine elettriche ed eventuali ulteriori dispositivi identificati dall ASL, la procedura informatica dovrà rendere visualizzabile, oltre alle informazioni sopra elencate, anche un immagine fotografica dell ausilio. Le fasi di attività da svolgersi a cura dell impresa aggiudicataria sono le seguenti: predisposizione del sistema applicativo in tecnologia web; predisposizione degli accessi alle postazioni identificate dalla ASL; definizione profili utente ASL (prevedendo la possibilità di accesso a figure centrali quali amministratori di sistema); importazione e gestione dati storici: l impresa dovrà provvedere al recupero di tutti i dati in formato elettronico esistenti su precedenti sistemi informativi di gestione magazzino ausili ed importarli sul proprio sistema software; avvio del sistema e formazione operatori ASL (almeno nella fase iniziale dovrà essere prevista assistenza in loco); servizio helpdesk agli operatori. L applicativo dovrà consentire di effettuare interrogazioni di tipo statistico finalizzate alla produzione di dati (in formato.xls e pdf.), quali ad esempio il riepilogo mensile dei ritiri e delle consegne. L impresa dovrà essere disponibile ad adattare tale reportistica ad eventuali esigenze specifiche dell ASL. L impresa aggiudicataria dovrà garantire, per tutta la durata del contratto, il tempestivo aggiornamento del software in relazione ad ogni eventuale novità normativa, il backup giornaliero dei dati Ulteriori obblighi del fornitore Durante l esecuzione del contratto l impresa dovrà: predisporre tutti gli strumenti e metodologie, comprensivi della relativa documentazione, atti a consentire all ASL di monitorare la conformità delle prestazioni a quanto previsto dal presente capitolato e dall offerta tecnica; comunicare all ASL, all atto dell attivazione del contratto, i nominativi dei referenti e degli 9

10 operatori dedicati alle attività oggetto dell appalto; comunicare all ASL tempestivamente eventuali variazioni intervenute in relazione alla propria struttura organizzativa coinvolta dell esecuzione del contratto; assicurare ai propri operatori momenti di formazione adeguati al ruolo svolto nel contratto di appalto. L ASL potrà richiedere, nel corso della durata del contratto, evidenza di tale attività formativa; su richiesta specifica dell ASL, consegnare gli ausili ad utenti temporaneamente domiciliati in zone confinanti con il territorio dell ASL della Provincia di Varese; assicurare un orario di operatività dei propri uffici preposti al rapporto con l ASL nei giorni da lunedì a giovedì dalle ore 8 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 16 e venerdì dalle ore 8 alle ore 13 (esclusi i festivi). Al termine del contratto l impresa dovrà: individuare in contraddittorio con funzionari ASL gli ausili giacenti in magazzino, prima del passaggio degli stessi alla nuova impresa subentrante; fornire alla nuova impresa subentrante la necessaria collaborazione per la presa in carico degli ausili di proprietà dell ASL depositati presso il proprio magazzino; consegnare all ASL, su supporto informatico, con le modalità che saranno convenute tra le parti, l archivio integrale degli ausili di proprietà dell ASL. CAP. 4 : CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI E PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI Il controllo dell esatto e puntuale espletamento del servizio secondo quanto previsto nel presente capitolato e nel contratto d appalto, nonché sul livello delle prestazioni rese verrà effettuato, anche mediante controlli al magazzino del fornitore, avvalendosi di personale dell ASL o di personale esterno allo scopo incaricato. Nel caso l appaltatore abbandonasse, sospendesse o interrompesse per qualsiasi motivo il servizio, o non fosse in grado di eseguire le prestazioni richieste secondo le modalità indicate nel presente capitolato, l ASL avrà diritto di applicare una penale per ogni infrazione accertata secondo quanto previsto al capitolo 6 nonchè, previa contestazione delle infrazioni e diffida ad adempiere, di provvedere direttamente all esecuzione del servizio o delle prestazioni non rese o rifiutate, nei modi giudicati più opportuni, anche rivolgendosi ad altre Imprese di propria fiducia, a libero mercato, addebitando all appaltatore inadempiente le spese da ciò derivanti nonché l eventuale maggior costo rispetto a quello che avrebbe sostenuto se il servizio e le prestazioni fossero stati eseguiti regolarmente. Quanto sopra fatta salva ogni altra azione che l ASL riterrà opportuna in idonea sede intesa all accertamento ed al risarcimento di eventuali danni derivanti dai suddetti inadempimenti compresa la risoluzione del contratto. CAP. 5 : RESPONSABILITÀ DERIVANTI DALL ESECUZIONE DEL SERVIZIO L appaltatore si obbliga ad adottare durante l esecuzione del servizio tutti i provvedimenti, le misure e le cautele necessarie per garantire la salute e l incolumità delle persone impiegate per il servizio, degli utenti nonché di terzi. L impresa aggiudicataria assume in proprio ogni responsabilità per infortunio, danni relativi a persone e beni, tanto della medesima impresa quanto dell ASL o di terzi, in dipendenza di omissioni, negligenze o altre inadempienze relative all esecuzione delle prestazioni contrattuali ad esso riferibili, anche se eseguite da terzi. A tal fine l impresa dovrà stipulare idonea polizza assicurativa, che deve avere un limite massimale di almeno unico sia per danni a persone che a cose per sinistro, che tiene indenne la ASL e terzi per qualsiasi danno dovesse occorrere nell esecuzione di tutte le attività di cui al presente appalto. Una copia della polizza dovrà essere consegnata all ASL prima dell inizio del servizio. L aggiudicatario si obbliga ad ottemperare a quanto previsto dal D. Lgs. 81/2008 testo vigente in 10

11 materia di sicurezza del lavoro, igiene, sicurezza, previdenza e disciplina infortunistica, assumendo a proprio carico i relativi oneri. L impresa si obbliga altresì ad applicare nei confronti dei propri dipendenti le condizioni normative e retributive previste dai contratti collettivi di lavoro applicabili alla data di stipula del contratto e loro successive modificazioni. A richiesta dell ASL l appaltatore dovrà fornire le prove di aver regolarmente soddisfatto gli obblighi relativi alle assicurazioni sociali ed infortunistiche obbligatorie nonchè agli obblighi contrattuali nei confronti del personale impiegato nell espletamento dell appalto. CAP. 6: PENALITA In caso di inadempienze nell esecuzione del servizio, l ASL, previa contestazione formale, avrà facoltà di applicare le seguenti penali: Qualora l avvio del servizio, compreso l avvio del sistema informatizzato di gestione, non avvenga entro i tempi previsti dal presente capitolato, l ASL potrà applicare una penale pari ad Euro 500,00= per ogni giorno di ritardo oltre il termine prescritto di 20 giorni lavorativi e fino a 30 giorni lavorativi. Decorso tale termine sarà facoltà dell ASL risolvere il contratto. In caso di ritardo nell esecuzione delle prestazioni rispetto ai termini stabiliti al capitolo 3, una penale di Euro 20,00= per ogni giorno di ritardo. Nel caso in cui le prestazioni non siano rese conformemente a quanto previste al capitolo 3 del presente capitolato, l ASL avrà facoltà di applicare una penale di Euro 300,00= per ciascuna infrazione accertata. In caso di esecuzione d ufficio del servizio di cui al capitolo 4 del presente capitolato verrà applicata, oltre all addebito all appaltatore dell eventuale maggiore prezzo a quello convenuto nonchè ogni costo aggiuntivo sostenuto, una penale di Euro 500,00. Le suddette penali verranno scontate mediante decurtazione dal corrispettivo convenuto in sede di pagamento dello stesso, senza obbligo di preventivo esperimento di azione giudiziaria. Nel caso in cui i corrispettivi liquidabili all appaltatore non fossero sufficienti a coprire l ammontare delle penali, nonchè dei danni dallo stesso arrecati, l ASL si rivarrà sul deposito cauzionale definitivo. Quanto sopra fatta salva ogni altra azione che l ASL riterrà opportuna in idonea sede intesa all accertamento ed al risarcimento di eventuali danni derivanti dai suddetti inadempimenti e fatta salva la facoltà di risolvere il contratto. CAP. 7: GARANZIA FIDEIUSSORIA Ai sensi dell art 113 del D. Lgs. 163/2006, l esecutore del contratto è obbligato a costituire una garanzia fideiussoria del 10% dell importo contrattuale con le modalità previste dall art. 113 del citato D. Lgs. In caso di aggiudicazione con ribasso d asta superiore al 10%, la garanzia fideiussoria è aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10%; ove il ribasso sia superiore al 20%, l aumento è di 2 punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20%. La fideiussione bancaria o la polizza assicurativa deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art c. 2 del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro 15 giorni, a semplice richiesta scritta dell ASL. La mancata costituzione della garanzia determina la revoca dell affidamento e l acquisizione della cauzione provvisoria da parte dell ASL che aggiudica l appalto al concorrente che segue nella graduatoria. 11

12 CAP. 8: CONDIZIONI ECONOMICHE, FATTURAZIONE, PAGAMENTI, REVISIONE PREZZI E CESSIONE DEI CREDITI I corrispettivi per il servizio oggetto del presente capitolato sono rappresentati da: Il prezzo offerto per il servizio di revisione, ricondizionamento, sanificazione ; I prezzi per le parti di ricambio determinati dallo sconto percentuale unico sui prezzi base d asta riportati nell Allegato 1 al regolamento di gara; Il prezzo offerto per il servizio di trasporto ritiro e consegna degli ausili al domicilio paziente. Il prezzo per il servizio di trasporto si intende unico per ordine-paziente indipendentemente dal numero di ausili consegnati o ritirati ed omnicomprensivo di tutte le prestazioni previste dal capitolo 3. Si precisa che alla voce corrispondente alla manodopera dovrà essere applicata l aliquota IVA del 20%, mentre sui singoli pezzi di ricambio o aggiuntivi si applicherà l aliquota del 4%. I corrispettivi sopra indicati si intendono comprensivi di tutte le prestazioni previste dal presente capitolato di gara. Le fatture dovranno essere emesse ed inviate nelle forme e nei termini di legge e dovranno essere intestate a: Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Varese Servizio Economico Finanziario Via O. Rossi, Varese Cod. Fiscale e P.IVA n La fatturazione dovrà avvenire con cadenza mensile per centro di costo di riferimento (n. 12 Uffici Protesi). Le fatture dovranno riportare, oltre agli estremi dei documenti di consegna e le altre indicazioni di legge, anche il nome degli utenti beneficiari dei servizi erogati. Alle stesse dovranno essere allegati i rapporti di manutenzione e riparazione, i documenti di ritiro e consegna, i verbali di istruzione e l ulteriore documentazione eventualmente concordata con l ASL. Il pagamento dei corrispettivi sarà effettuato entro 90 giorni fine mese data ricevimento fattura, previa attestazione di regolarità del servizio prestato da parte dei competenti Uffici ASL. Nella formulazione dell offerta l impresa dovrà tener conto di tali termini di pagamento. Il suddetto termine di 90 giorni per il pagamento sarà sospeso qualora: - la fattura non sia regolare dal punto di vista fiscale; - le condizioni economiche non corrispondano a quanto pattuito; - risulti non conformità tra il servizio reso e quanto ordinato. In tal caso, a seguito di formale comunicazione da parte dell ASL, a mezzo fax o e mail, i termini di pagamento rimarranno sospesi fino al momento della avvenuta risoluzione della causa di sospensione. Ai sensi dell'art. 115 e dell art. 7 comma 4 lettera c) e comma 5 del D. Lgs. n 163/ 06, il contratto potrà essere soggetto alla revisione periodica del prezzo, da effettuarsi con le forme e le modalità citate nello stesso articolo, dopo due anni dall affidamento del servizio. Le disposizioni di cui alla Legge 21 febbraio 1991 n. 52, sono estese ai crediti verso le stazioni appaltanti derivanti da contratti di forniture. Le cessioni di crediti possono essere effettuate a banche o intermediari finanziari disciplinati dalle leggi in materia bancaria e creditizia, il cui oggetto sociale preveda l esercizio di attività di acquisto di crediti di impresa. Ai fini dell opponibilità all ASL, le cessioni di crediti devono essere stipulate mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata e devono essere notificate all ASL. Le cessioni di crediti sono efficaci e opponibili all ASL qualora questa non le rifiuti con comunicazione da notificarsi al cedente e al cessionario entro 15 giorni dalla notifica della cessione. L ASL può opporre al cessionario tutte le eccezioni opponibili al cedente in base al contratto stipulato. 12

13 CAP. 9: SUBAPPALTO E CESSIONE DEL CONTRATTO Al subappalto si applica quanto previsto dall art. 118 del D. Lgs. 163/2006. La quota di prestazioni subappaltabili non può superare il 30% dell importo complessivo del contratto. Il subappalto non comporta alcuna modifica agli obblighi e oneri dell aggiudicatario che rimane unico e solo responsabile nei confronti dell ASL per il servizio in oggetto. L affidamento in subappalto è sottoposto alle seguenti condizioni: il concorrente, all atto dell offerta, deve indicare le attività/servizi che intende subappaltare; l aggiudicatario deve depositare presso l ASL copia autentica del contratto di subappalto venti giorni prima dell inizio dell esecuzione delle prestazioni subappaltate; l aggiudicatario deve allegare alla copia del contratto di subappalto: o la dichiarazione resa dal subappaltatore, in forma di autocertificazione, sottoscritta ed autenticata nei modi stabiliti dalla vigente normativa, attestante il possesso dei requisiti generali di cui all art. 38 del D. Lgs. 163/2006; o la certificazione comprovante che l impresa subappaltatrice possiede i requisiti in materia di qualificazione delle imprese; o la certificazione comprovante il possesso da parte del subappaltatore dei requisiti stabiliti dal capitolato speciale di gara per lo svolgimento delle attività ad esso affidate; o la dichiarazione relativa alla sussistenza o meno di eventuali forme di controllo o collegamento ai sensi dell art del codice civile con l impresa subappaltatrice. Inoltre l aggiudicatario deve praticare, per le prestazioni affidate in subappalto, gli stessi prezzi unitari risultanti dall aggiudicazione, con ribasso non superiore al 20%. L impresa aggiudicataria dovrà trasmettere all ASL, entro 20 giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato nei suoi confronti, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da esso corrisposti al subappaltatore. Salvo quanto previsto dall art. 116 del D. Lgs. 163/2006, è vietata la cessione del contratto. CAP. 10: DURATA DEL CONTRATTO Il contratto decorrerà presumibilmente dal 1 settembre 2010 e avrà durata di tre anni. Allo scadere del terzo anno, l ASL si riserva la facoltà di rinnovare il contratto per il periodo di ulteriori tre anni con le modalità previste all art. 57 comma 5 del D. Lgs. 163/2006. CAP. 11 : RISOLUZIONE DEL CONTRATTO L ASL potrà procedere di diritto, ex art del codice civile, alla risoluzione del contratto ed assicurare direttamente, a spese del fornitore inadempiente, la continuità del servizio nei seguenti casi: gravi violazioni delle clausole contrattuali e reiterate inadempienze nell esecuzione del contratto tali da compromettere la regolarità del servizio quali a titolo esemplificativo: interruzione del servizio senza giustificato motivo; fornitura di prodotti non conformi, inosservanza dei termini essenziali di consegna convenuti; reiterate e gravi inosservanze delle norme di legge e di regolamento applicabili all appalto in oggetto; grave negligenza o frode nell esecuzione degli obblighi contrattuali; violazione del codice etico. Ove le inadempienze siano ritenute non gravi, cioè tali da non compromettere la regolarità del servizio, le stesse saranno formalmente contestate dall ASL. Dopo n. 3 contestazioni formali per le quali non siano pervenute o non siano state accolte le giustificazioni dell appaltatore, l ASL potrà procedere di diritto, ex art c.c., alla risoluzione del contratto. La risoluzione del contratto, per qualsiasi motivo, comporta l incameramento della garanzia fideiussoria ed il risarcimento dei danni derivanti. 13

14 CAP. 12: RECESSO L ASL ha facoltà di recedere dal contratto stipulato, in qualsiasi momento ai sensi della norma di cui all art del codice civile, con un preavviso di 30 giorni da comunicarsi alla impresa appaltatrice con lettera raccomandata A/R. Tale facoltà non è concessa all appaltatore. L ASL si avvarrà di tale facoltà nei seguenti casi: motivi di interesse pubblico; giusta causa; mutamenti di carattere normativo o organizzativo sia a livello nazionale che regionale in materia di competenza e modalità di erogazione del servizio oggetto del presente capitolato; In caso di recesso dell ASL, l impresa aggiudicataria ha diritto al pagamento del servizio effettuato, purché correttamente ed a regola d arte, secondo il corrispettivo e le condizioni contrattuali rinunciando espressamente, ora per allora, a qualsiasi ulteriore eventuale pretesa, anche di natura risarcitoria, ed a ogni ulteriore compenso o indennizzo e/o rimborso delle spese, anche in deroga a quanto previsto dall art del codice civile. CAP. 13 CONDIZIONI RISOLUTIVE ESPRESSE Il contratto è condizionato in via risolutiva al verificarsi di uno dei seguenti casi: mancato avvio del servizio entro i termini previsti dal capitolo 2 del presente capitolato speciale; qualora sia accertata la non sussistenza o il venir meno di uno dei requisiti richiesti per la partecipazione alla gara; qualora gli accertamenti antimafia presso la Prefettura competente risultino positivi. La risoluzione del contratto comporta l incameramento della garanzia fideiussoria, salvo il risarcimento dell ulteriore danno derivante. CAP. 14: SPESE ED ONERI CONTRATTUALI Tutte le imposte, tasse e spese relative allo stipulando contratto sono ad esclusivo carico dell aggiudicatario. CAP. 15: PRIVACY E TRATTAMENTO DATI Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e s.m.i., l impresa aggiudicataria ha l obbligo di: Mantenere riservati i dati e le informazioni di cui venga in possesso e a conoscenza. Non divulgare dati e informazioni in alcun modo e sotto qualsiasi forma e di non farne oggetto di utilizzo per scopi diversi da quelli strettamente necessari all espletamento dell appalto. Adottare idonee e preventive misure di sicurezza atte ad eliminare o comunque a ridurre al minimo qualsiasi rischio di distruzione o perdita dei dati personali trattati, di accesso autorizzato o non conforme, nel rispetto delle disposizioni contenute nell art. 31 del D. Lgs. sopra citato. L impresa aggiudicataria è responsabile per l esatta osservanza degli obblighi di segretezza anzidetti da parte dei propri dipendenti, consulenti e collaboratori. CAP. 16: CODICE ETICO L ASL della Provincia di Varese, con deliberazione del Direttore Generale n. 399 del , ha adottato il Codice Etico aziendale che costituisce un complesso di regole di valore etico cui deve attenersi l ASL, i suoi dipendenti e tutti i soggetti che hanno rapporti con la medesima nello svolgimento delle attività di rispettiva competenza. L impresa aggiudicataria dovrà dichiarare di conoscere il contenuto del Codice Etico dell ASL di cui prenderà visione sul sito aziendale - Area Comunicazione e dovrà impegnarsi ad adottare nello svolgimento della sua attività comportamenti conformi alle previsioni in esso 14

15 contenute. La violazione del Codice Etico comporterà la risoluzione di diritto del rapporto contrattuale nonché il diritto dell ASL al risarcimento del danno per la lesione della sua immagine e onorabilità. CAP. 17 CONTROVERSIE Per eventuali controversie aventi ad oggetto l interpretazione o l esecuzione del contratto derivante dal presente appalto, sarà competente in via esclusiva il Foro di Varese. CAP. 18: DISPOSIZIONI FINALI E DI RINVIO L ASL si riserva la facoltà di sospendere la gara e/o di non procedere ad aggiudicazione nel caso in cui venga meno l interesse pubblico, nel caso in cui nessuna delle offerte sia ritenuta idonea rispetto alle esigenze dell ASL o nel caso in cui i prezzi offerti non siano ritenuti congrui ai sensi della vigente normativa o comunque convenienti. Le informazioni relative alla gara di cui al presente capitolato possono essere richieste, esclusivamente attraverso quesiti scritti, al Servizio Gestione Approvvigionamenti ASL della Provincia di Varese (fax 0332/277305). Eventuali comunicazioni relative alla gara in oggetto, compresi chiarimenti a quesiti posti, saranno pubblicati sul sito internet dell ASL di Varese nella sezione Bandi e Concorsi. A tutti gli effetti la fornitura disciplinata del presente capitolato è considerata pubblica fornitura. Per quanto non espressamente previsto dal presente capitolato speciale si applicano le norme di cui al D. Lgs. 163/2006 testo vigente, alla L. R. n. 7 del 05/02/2010, ai RR.DD. (Regi Decreti) 18/11/1923 n 2240 e 23/05/1924 n 827 e successive integrazioni e modificazioni sulla contabilità generale dello Stato nonché le norme del codice civile. Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e successive modificazioni e integrazioni, i dati di cui l ASL verrà in possesso saranno trattati nel rispetto di quanto disposto dalla citata normativa ed esclusivamente in ordine al procedimento instaurato per l affidamento del servizio oggetto del presente appalto. Il presente capitolato speciale d appalto si compone di n 18 capitoli redatti su n 15 fogli. Letto, confermato, accettato e sottoscritto. Ai sensi e per gli effetti della norma di cui agli artt e 1342 del c.c. sono espressamente approvate ed accettate le clausole di cui a tutti i capitoli del presente capitolato. N.B.: apporre la sigla su ogni foglio e firmare per esteso in calce al documento 15

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Pagina 1 di 6 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGTTO: Adesione al Lotto n. 5 della convenzione denominata AUSILI DISABILI 2, per la fornitura di Sollevatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento

Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento Dati dell'azienda intestataria della SIM Card PosteMobile Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento Ragione Sociale P.IVA Codice Fiscale Sede Legale: Indirizzo N civico Provincia Cap

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CAPITOLATO/DISCIPLINARE

CAPITOLATO/DISCIPLINARE CAPITOLATO/DISCIPLINARE Il presente bando è finalizzato all acquisto di nr. 1 trattore stradale usato per traino semirimorchi da utilizzare per il servizio di trasporto RSU prodotti nel territorio del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli