REPUBBLICA DI SAN MARINO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA DI SAN MARINO"

Transcript

1 REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO 31 maggio 2010 n.1 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 2 della Legge 13 novembre 1987 n.132 così come modificato dall articolo 2 della Legge 5 settembre 1997 n.99; Vista la deliberazione del Congresso di Stato n.8 adottata nella seduta del 29 marzo 2010; Visti l articolo 5, comma 5, della Legge Costituzionale n. 185/2005 e l articolo 13 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo e mandiamo a pubblicare il seguente regolamento: REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA E SICUREZZA DI PALAZZO PUBBLICO Art.1 (Finalità) Il presente Regolamento disciplina il servizio di sorveglianza e sicurezza di Palazzo Pubblico in attesa che venga adottata una disciplina organica in materia di sorveglianza e sicurezza di tutte le sedi istituzionali e obiettivi sensibili e di interesse che preveda anche l introduzione di sistemi centralizzati di videosorveglianza con regolamentazione uniforme e coordinata tra tutti i Corpi di Polizia. Art.2 (Organo preposto al servizio) Ai sensi dell articolo 2 della Legge 13 novembre 1987 n.132 così come modificato dalla Legge 5 settembre 1997 n.99, e fino all adozione della disciplina di cui al precedente articolo, il servizio di sorveglianza e sicurezza a Palazzo Pubblico è assicurato dal Nucleo Uniformato della Guardia di Rocca. Al Corpo della Gendarmeria competono le funzioni specifiche indicate nei successivi articoli 6, sesto comma, e 10. Art.3 (Svolgimento del servizio) Il servizio si svolge ininterrottamente nell orario di apertura di Palazzo Pubblico. La continuità del servizio anche fuori tale orario è disciplinata dal successivo articolo 9. 1

2 Il Palazzo Pubblico è normalmente aperto tutti i giorni dalle ore 7,00 alle ore 19,00 nel periodo invernale (ottobre maggio) e dalle ore 7,00 alle ore 20,00 nel periodo estivo (giugno settembre). L edificio rimane chiuso il 1 gennaio e il 25 dicembre di ogni anno. Le giornate di chiusura ai visitatori possono essere aggiornate annualmente con avviso della Direzione dei Musei di Stato. L edificio rimane altresì chiuso ai visitatori in occasione delle sedute del Consiglio Grande e Generale e delle Commissioni Consiliari Permanenti, delle udienze del Collegio Garante, delle riunioni di altri organismi istituzionali, delle Udienze ufficiali della Reggenza e delle Cerimonie Istituzionali nonché nei giorni precedenti e successivi alle stesse per consentire l allestimento delle sale di rappresentanza e per il successivo ripristino delle stesse. Il servizio di sorveglianza e di sicurezza deve essere comunque costantemente mantenuto per tutta la durata di detti eventi e/o riunioni e quindi, se necessario, anche fuori dal normale orario di apertura del Palazzo. Nelle occasioni di cui al precedente comma l accesso all edificio è consentito soltanto a chi partecipa alle riunioni e agli eventi indicati, al personale di servizio e a coloro che necessitano di recarsi negli uffici della Segreteria Istituzionale o, per ragioni d ufficio, nelle sale in cui hanno luogo le riunioni e gli eventi stessi. Sarà compito degli agenti preposti al servizio di sorveglianza e di sicurezza vigilare in proposito. Il pubblico può assistere alle sedute pubbliche delle Consiglio Grande e Generale e delle Commissioni Consiliari Permanenti con le modalità di cui al successivo articolo 6. La Segreteria Istituzionale è tenuta a comunicare con adeguato anticipo al Comando della Guardia di Rocca gli eventi e le riunioni di cui al terzo comma con l indicazione dei giorni e dei relativi orari. Copia della comunicazione viene trasmessa per conoscenza e per quanto di competenza anche al Comando della Gendarmeria e alla Direzione Musei. Art.4 (Compiti del servizio) Il servizio di sorveglianza ha per oggetto il controllo degli accessi di Palazzo Pubblico e la vigilanza mobile all interno dello stesso, quest ultima, in particolare, durante riunioni di organismi istituzionali, udienze della Reggenza e cerimonie dello Stato. Il servizio dovrà assicurare le seguenti attività: - apertura del portone principale dell edificio con l immediata successiva disattivazione dell allarme antiintrusione. L agente/milite che provvede all apertura del Palazzo dovrà altresì verificare il corretto funzionamento del sistema di allarme e prendere visione degli eventi dallo stesso registrati durante le ore di chiusura del Palazzo; - chiusura dell edificio, verificata l assenza al suo interno di altre persone e la corretta chiusura di tutte le finestre e le porte che danno accesso all esterno, e attivazione del sistema d allarme antiintrusione. Qualora all interno dell edificio si intrattengano i Capitani Reggenti, i membri del Consiglio Grande e Generale, i Segretari di Stato o i membri di altri organismi istituzionali per lo svolgimento delle relative funzioni, il Dirigente della Segreteria Istituzionale o altro personale dello stesso ufficio da questo autorizzato per motivi di servizio nonché il personale addetto alla custodia e pulizia dei locali per terminare l espletamento delle relative mansioni, l agente/milite preposto alla sorveglianza e vigilanza è tenuto ad attenderne l uscita; - sorveglianza del regolare flusso di accesso al Palazzo potendosi avvalere anche di apparecchiature per controllare che non vengano introdotte armi o comunque strumenti di offesa alle persone e/o alle cose; - identificazione di tutti coloro che, a qualunque titolo, chiedano di poter accedere agli uffici o alle sale del Palazzo, anche attraverso l utilizzo di strumenti e sistemi elettronici; - vigilare che non accedano o si introducano persone pericolose o malintenzionate; - dare le opportune indicazioni e informazioni all utenza; 2

3 - richiamare coloro che si introducono nell edificio, anche per visite turistiche, ad un comportamento consono al luogo e alle istituzioni che vi risiedono; - segnalare alla direzione della Segreteria Istituzionale eventuali danneggiamenti a cose e strutture; - conoscere l uso dei quadri elettrici e di tutti gli impianti, in particolare di quello antincendio, e dell ascensore; sorvegliare, di concerto con il personale addetto alla custodia dell edificio, il loro funzionamento, segnalandone possibili irregolarità alla Direzione della Segreteria Istituzionale; - sorvegliare, di concerto con il personale addetto alla custodia del Palazzo, lo stato dei beni immobili e mobili avvertendo la Direzione della Segreteria Istituzionale di eventuali anomalie riscontrate; - vigilare anche sugli spazi esterni adiacenti al Palazzo Pubblico, in particolare sulla Piazza della Libertà. A tal fine il Comando della Guardia di Rocca deve essere messo a conoscenza dei permessi di transito e sosta dei veicoli nel Centro Storico dall autorità competente al rilascio dei permessi medesimi. Art.5 (Accessi al Palazzo Pubblico) Le chiavi di tutti gli accessi di Palazzo Pubblico sono detenute e conservate in via esclusiva dal Dirigente della Segreteria Istituzionale, dal Comando della Guardia di Rocca e dal Comando del Corpo della Gendarmeria, così come i codici abilitanti all attivazione e alla disattivazione del sistema d allarme. L accesso all edificio è consentito solo attraverso l ingresso principale, salvo quanto previsto dal comma successivo. L accesso dalla porta di sicurezza posta al piano terzo seminterrato è consentita solamente alla Reggenza e loro accompagnatori, ai membri del Consiglio Grande e Generale e loro accompagnatori, ai Segretari di Stato e loro accompagnatori e al personale alle dipendenze della Segreteria Istituzionale. Il Dirigente della Segreteria Istituzionale potrà autorizzare l accesso ad altre persone per esigenze momentanee di servizio, dandone adeguata e preventiva comunicazione al Comando della Guardia di Rocca e/o al responsabile del Servizio di Vigilanza. L apertura della suddetta porta è attivata, dall agente della Guardia di Rocca preposto, previo accertamento dell identità del richiedente attraverso apposito dispositivo di videosorveglianza. Art.6 (Accesso del pubblico durante le sedute del Consiglio Grande e Generale e delle Commissioni Consiliari Permanenti) Il pubblico può assistere alle sedute pubbliche del Consiglio Grande e Generale o delle Commissioni Consiliari Permanenti solo dalla tribuna. Chi desidera assistere ad una seduta pubblica del Consiglio Grande e Generale o di una Commissione Consiliare Permanente deve comunicarlo all agente della Guardia di Rocca all ingresso di Palazzo Pubblico il quale, accertatane l identità e annotate le generalità in apposito registro, rilascia apposito pass che dovrà essere esibito al milite preposto al servizio di vigilanza e sorveglianza in tribuna. L accesso è consentito ai soli cittadini sammarinesi o residenti o ad altri soggetti autorizzati compatibilmente alla disponibilità dei posti nelle tribune per il pubblico. Le scolaresche possono richiedere di assistere ad una seduta pubblica del Consiglio o di una Commissione Consiliare Permanente. La richiesta va inoltrata dal direttore o preside della scuola alla Segreteria Istituzionale che provvederà a dare indicazioni sul giorno e l ora in cui l accesso sarà consentito, compatibilmente con gli orari di convocazione delle sedute e con l ordine dei lavori. 3

4 Tale comunicazione deve essere trasmessa tempestivamente dalla Segreteria Istituzionale anche al Comando della Guardia di Rocca. Per gli organi di stampa sono ammessi in tribuna i giornalisti sammarinesi o comunque impiegati presso testate giornalistiche sammarinesi. Per tutti gli altri l accesso in tribuna è consentito solo previa autorizzazione. Il servizio di vigilanza e sorveglianza in tribuna è svolto, per tutta la durata della seduta, da un Gendarme in occasione delle sedute consiliari e da una Guardia di Rocca in occasione delle sedute di Commissioni Consiliari; l agente preposto a tale servizio, prima di far accedere il pubblico, è tenuto a verificare che non siano presenti sul luogo o siano introdotti oggetti idonei a ledere l incolumità dei presenti in Aula Consiliare. Le persone ammesse in tribuna devono avere un abbigliamento decoroso, consono al luogo istituzionale. Devono altresì depositare all ingresso eventuali oggetti contundenti in loro possesso. Durante la seduta il pubblico è tenuto a mantenere il silenzio e ad attenersi a tutte le indicazioni e prescrizioni del milite preposto. Il pubblico è inoltre invitato a prendere formale visione delle norme comportamentali previste dal Regolamento Consiliare. Chiunque ostacoli lo svolgimento della seduta o turbi l ordine è allontanato dalla tribuna e punito in base alle vigenti norme penali; il pubblico è tenuto, inoltre, a lasciare la tribuna in tutti i casi di sospensione della seduta o quando sia disposto dalla Reggenza. Durante le sedute segrete nessuno può avere accesso alla tribuna e il milite preposto alla sorveglianza è tenuto a mantenere chiuso l accesso e ad impedire l ingresso. Le norme di comportamento dovranno essere illustrate al pubblico ed esposte in forma sintetica. Art.7 (Gestione e controllo degli impianti di sorveglianza) La Guardia di Rocca ha il controllo e la gestione esclusiva del sistema di antintrusione, sicurezza e di video sorveglianza installati a Palazzo Pubblico. Ogni evento anomalo o sospetto registrato dai suddetti impianti dovrà essere comunicato immediatamente al Comando della Guardia di Rocca da parte dell agente che lo rileva o di altro personale che ne sia venuto a conoscenza. Comunicazione dell evento dovrà altresì esser data alla Direzione della Segreteria Istituzionale. E compito del Comando della Guardia di Rocca conservare per almeno due anni le registrazioni e i tabulati relativi agli eventi segnalati dall impianto di allarme. Gli stessi potranno essere consultati dalla Reggenza e dal Dirigente della Segreteria Istituzionale in ogni momento oltre che dall autorità giudiziaria e dalle forze di polizia nel caso di indagini. La consultazione di cui al comma che precede dovrà avvenire alla presenza del responsabile della sorveglianza o suo delegato che dovrà redigere apposito verbale controfirmato da chi ha proceduto alla consultazione medesima. Art.8 (Manutenzione degli impianti di sorveglianza) In caso di mal funzionamento degli impianti antiintrusione, di sicurezza e di video sorveglianza, l agente/milite di turno è tenuto a darne immediata comunicazione al Comando della Guardia di Rocca che provvederà a contattare direttamente la ditta manutentrice nel più breve tempo possibile. Dei problemi di funzionamento dei suddetti impianti dovrà altresì essere data tempestiva comunicazione alla Direzione della Segreteria Istituzionale. Ogni decisione relativa alla manutenzione, aggiornamento, modifica o anche a nuova installazione dell impianto di antiintrusione, di sicurezza e di video sorveglianza sono di competenza della Segreteria Istituzionale, e pertanto qualsiasi intervento al riguardo, anche su 4

5 iniziativa del Comando della Guardia di Rocca/Responsabile del Servizio di Vigilanza, dovrà essere preventivamente autorizzato dalla Segreteria Istituzionale. Art.9 (Articolazione del servizio) Al fine di garantire il servizio di cui al presente Regolamento il Comando della Guardia di Rocca dovrà disporre la presenza costante a Palazzo Pubblico di almeno due agenti per turno, uno dei quali dovrà presidiare l ingresso principale dell edificio e l altro dovrà prendere posto davanti ai monitor dell impianto di videosorveglianza che verranno a tal fine installati nell atrio di Palazzo Pubblico. Il Comando dovrà provvedere altresì a designare un Sottoufficiale quale responsabile del Servizio di cui al presente Regolamento. Art.10 (Continuità del servizio durante la chiusura di Palazzo Pubblico La continuità del servizio di sorveglianza e sicurezza quando Palazzo Pubblico rimane chiuso è garantita dal Corpo della Gendarmeria, presso il cui comando è collegato l impianto antintrusione e antincendio durante la chiusura del Palazzo. A tal fine il Corpo della Gendarmeria è tenuto a conoscere il sistema di antiintrusione, di sicurezza e di video sorveglianza installati a Palazzo Pubblico. La Gendarmeria è tenuta a comunicare alla Direzione della Segreteria Istituzionale ogni evento anomalo o sospetto rilevato durante gli orari di chiusura di Palazzo Pubblico. Art.11 (Dotazioni tecnologiche) E in facoltà del Comando della Guardia di Rocca e del Comando della Gendarmeria di concerto con la Segreteria Istituzionale formulare alla Segreteria di Stato per gli Affari Interni proposte per dotare Palazzo Pubblico di nuovi impianti di sorveglianza e vigilanza, per aggiornare e/o modificare quelli esistenti, nonché di dotarsi di strumentazioni tecnologicamente appropriate al fine di garantire le più opportune condizioni di sicurezza. Dato dalla Nostra Residenza, addì 31 maggio 2010/1709 d.f.r I CAPITANI REGGENTI Marco Conti Glauco Sansovini IL SEGRETARIO DI STATO PER GLI AFFARI INTERNI Valeria Ciavatta 5

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44 Regolamento per l accesso alla sede del Consiglio regionale e uso delle Sale aperte al pubblico di Palazzo Cesaroni approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 12 maggio 2009, n. 352 Testo coordinato

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CASA COMUNALE. (Approvato con Delibera di C.C. n. 3 del 04/02/2015)

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CASA COMUNALE. (Approvato con Delibera di C.C. n. 3 del 04/02/2015) REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CASA COMUNALE (Approvato con Delibera di C.C. n. 3 del 04/02/2015) INDICE: Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Addetti al controllo dell ingresso principale Art. 3 Accesso agli

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO. Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino

REPUBBLICA DI SAN MARINO. Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO 10 giugno 2010 n.4 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 27 ottobre 2003 n.135 e le relative disposizioni applicative

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 5 maggio 2010 n.87 (Ratifica Decreto Delegato 26 marzo 2010 n.58) Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 26 marzo

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 6 agosto 2010 n.146 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 49 della Legge 21 dicembre 2009 n.168 e l articolo unico del

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO B) DISCIPLINARE TECNICO 1. LUOGO DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO: Il luogo di esecuzione del servizio è il seguente: Istituto Nazionale di Astrofisica Sede Centrale Viale del Parco Mellini n. 84 c.a.p.

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera consiglio comunale n. 175 del 22/11/2006 Modificato con delibera consiglio comunale n. 36 DEL 14/03/2013

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 30.11.2004 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle modalità svolgimento del.servizio di portierato. (Appendice al regolamento degli Uffici e dei Servizi)

Regolamento per la disciplina delle modalità svolgimento del.servizio di portierato. (Appendice al regolamento degli Uffici e dei Servizi) Regolamento per la disciplina delle modalità svolgimento del.servizio di portierato. (Appendice al regolamento degli Uffici e dei Servizi) di INDICE Art.l Oggetto, finalità ed ambito di applicazione. Art.2

Dettagli

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E LA TENUTA DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 50 del 25/11/2009 versione 3 03/11/2009 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Corbetta Provincia di Milano Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

COMUNE DI SALO Provincia di Brescia

COMUNE DI SALO Provincia di Brescia COMUNE DI SALO Provincia di Brescia Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 28 del 04.05.2015 Pubblicato all Albo dal 18.06.2015 al 03.07.2015

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 215/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO S O M M A R I O Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità Art. 3 Definizioni di riferimento Art. 4 - Individuazione delle banche dati Art. 5 Titolarità e responsabilità della banca dati Art. 6 Soggetti incaricati

Dettagli

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE Approvato con Delibera Consiglio comunale n 24 del 25-06-2013 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6

Dettagli

I10 Gestione e utilizzo sale riunioni

I10 Gestione e utilizzo sale riunioni I10 Gestione e utilizzo sale riunioni Responsabile processo: Strutture interessate: Segretario generale tutte Edizione 3 Modifiche a seguito modifiche organizzative a aggiunta descrizione sala biblioteca

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comando Polizia Locale REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO approvato con delibera di C.C. n. 72 del 28.11.2008

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO Decreto 15 febbraio 2006 n.37 REPUBBLICA DI SAN MARINO MODALITA E CRITERI PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI E PORTATORI DI DEFICIT NEI GRUPPI INTEGRATIVI E DI SUPPORTO DELL A.A.S.P., NELLE AZIENDE

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE

DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE COMUNE DI CARPANETO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. in data.. DISCIPLINA

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 67 del 28/05/2010 I ND I C E art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento art. 2 - Funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità di celebrazione dei matrimoni civili come regolati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI MORGANO PROVINCIA DI TREVISO sede municipale BADOERE REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 45 DEL 29.11.2013 IL SEGRETARIO

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA CITTA di PONTIDA REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 22.12.2008 Esecutivo dal CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n xx del xx.xx.2014 1/9 INDICE Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO LEGGE 22 giugno 2009 n.76 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visti i presupposti di necessità ed urgenza di cui all articolo 2, comma 2, punto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DEL SERVIZIO DI RICARICA CONTO FAMIGLIA PER LA MENSA SCOLASTICA

CAPITOLATO SPECIALE DEL SERVIZIO DI RICARICA CONTO FAMIGLIA PER LA MENSA SCOLASTICA Provincia di Torino SETTORE POLITICHE EDUCATIVE E SOCIALI UFFICIO ISTRUZIONE CAPITOLATO SPECIALE DEL SERVIZIO DI RICARICA CONTO FAMIGLIA PER LA MENSA SCOLASTICA PERIODO SETTEMBRE 2015 GIUGNO 2020 1 INDICE

Dettagli

Campolongo sul Brenta

Campolongo sul Brenta Comune di Campolongo sul Brenta Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA E LE PROCEDURE per l organizzazione del servizio di videosorveglianza del Comune di Campolongo sul Brenta Approvato

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio ARTICOLO 1 FINALITA Le finalità che la Città di Desio intende perseguire con il progetto di videosorveglianza

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano

COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA EDIFICI ED AREE PUBBLICHE Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 09.06.2011 1/5 Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 29 luglio 2014 n.126 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visti l articolo 2, comma 10 e l articolo 10, comma 3, della Legge 25 luglio

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.39 del 05/08/2011 I n d i c

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 164/39 in data 21/12/2009 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico;

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico; AREA SERVZI PATRIMONIALI E LOGISTICI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Repertorio n. 307/2016 Prot n. 50887 del 07/04/2016 IL RETTORE Visto il Decreto rettorale, 30 agosto 2012, n. 719 prot. n. 102538,

Dettagli

Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Città di Melegnano (Provincia di Milano) Città di Melegnano (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 81 del 27 novembre 2006 Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä

Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä IL SINDACO Dr. Raffaele Allocca IL SEGRETARIO GENERALE Dr. Maria Luisa Dovetto 1 S O M M A R I O ARTICOLO 1... pag.4 RIFERIMENTI NORMATIVI CAPO I PERSONALE ADDETTO

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.2012) Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare e fissare

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO per la costituzione e il funzionamento del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile del Comune di Premariacco

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA Testo approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 08/02/2010 Regolamento di Videosorveglianza Capo Primo Principi Generali art. 1 finalità e definizioni

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA PROTEZIONE CIVILE

ORGANIZZAZIONE DELLA PROTEZIONE CIVILE LEGGE 27 gennaio 2006 n.21 REPUBBLICA DI SAN MARINO ORGANIZZAZIONE DELLA PROTEZIONE CIVILE Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare la seguente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. 2 - TUTELA SANITARIA DEL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO 2 ART. 3 - DISINFEZIONE

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA

COMUNE DI DOMUS DE MARIA Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. del COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 Funzioni

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 17 settembre 2009 n.126 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 25 giugno 2009 n.85 Classi di prestazione energetica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del 26.2.2015 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 -

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO Approvato con deliberazione dell Assemblea della Comunità n. 5 del 10.02.2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

Circolare in merito alle Associazioni ed Enti no Profit e adempimenti di cui all art.37 legge 129/2010.

Circolare in merito alle Associazioni ed Enti no Profit e adempimenti di cui all art.37 legge 129/2010. REPUBBLICA DI SAN MARINO Segreteria di Stato per l Industria, l Artigianato e il Commercio San Marino, 1 Lulgio 2011/1710 d.f.r. Circolare in merito alle Associazioni ed Enti no Profit e adempimenti di

Dettagli

Comune di Montagnareale Provincia di Messina

Comune di Montagnareale Provincia di Messina REGOLAMENTO PER LA NOMINA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PER L ESAME DELLE NORME REGOLAMENTARI DELL ENTE INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento- definizioni. Art. 2 - Composizione,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AREA DI RICERCA ROMA II TOR VERGATA VIA FOSSO DEL CAVALIERE, 100 00133 ROMA TEL. 0649934542 FAX 0649934018

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AREA DI RICERCA ROMA II TOR VERGATA VIA FOSSO DEL CAVALIERE, 100 00133 ROMA TEL. 0649934542 FAX 0649934018 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AREA DI RICERCA ROMA II TOR VERGATA VIA FOSSO DEL CAVALIERE, 100 00133 ROMA TEL. 0649934542 FAX 0649934018 Procedura aperta per l appalto del SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

Alla Direzione Territoriale del Lavoro.

Alla Direzione Territoriale del Lavoro. FAC-SIMILE ISTANZA VIDEOSORVEGLIANZA In Bollo da 16,00 Alla Direzione Territoriale del Lavoro.. e p.c. alle RSA/RSU (eventualmente costituite in azienda) ISTANZA AI SENSI DELL ARTICOLO 4 LEGGE n 300 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI ai sensi del D.M. 5 agosto 1998, n. 363 in attuazione del D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626 e successive modificazioni emanato con D.D. n. 407 del

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Settore: Servizi Istituzionali Servizi Demografici

COMUNE DI BARLETTA Settore: Servizi Istituzionali Servizi Demografici COMUNE DI BARLETTA Settore: Servizi Istituzionali Servizi Demografici REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO.

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. Approvato con deliberazione di C.C. n. 24/2013 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO 2 luglio 2007 n.5 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Vista la deliberazione del Congresso di Stato n.33 adottata nella seduta del 25 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 11 in data 16 aprile 2007 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL

Dettagli

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Nibionno Provincia di Lecco Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

INDICE Articolo 1 Oggetto e definizioni Articolo 2 Finalità del sistema di videosorveglianza

INDICE Articolo 1 Oggetto e definizioni Articolo 2 Finalità del sistema di videosorveglianza INDICE Articolo 1 Oggetto e definizioni Articolo 2 Finalità del sistema di videosorveglianza Articolo 3 Titolare e Responsabile del trattamento dati Articolo 4 Incaricati del trattamento dati Articolo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI PIACENZA E LA QUESTURA DI PIACENZA Modalità di gestione del sistema di video - sorveglianza

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI PIACENZA E LA QUESTURA DI PIACENZA Modalità di gestione del sistema di video - sorveglianza PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI PIACENZA E LA QUESTURA DI PIACENZA Modalità di gestione del sistema di video - sorveglianza. L anno 2005 il giorno diciotto del mese di ottobre presso la residenza

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI delibera di C.C. n. 37 del 27/11/2013 INDICE Regolamento per l'organizzazione del servizio

Dettagli

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 48 in data 30 settembre 2004 INDICE ART. 1 Oggetto ART. 2 -

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI Approvato con delibera di C.C. n.28 del 12/09/1983 Art.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la tutela igienico-sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI GRANZE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI ---------- approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 3 del 27 marzo 2014 Indice Art. 1 Oggetto e Finalità pag.

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

COMUNE DI MONTORFANO

COMUNE DI MONTORFANO COMUNE DI MONTORFANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 40 del 23/09/2013 1 I N D I C E Articolo 1 - OGGETTO E FINALITA DEL

Dettagli

COMUNE DI MOMBAROCCIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI MOMBAROCCIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI ALLEGATO A) COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 30 DEL 30.08.2014 Indice generale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA TELEMATICA e-campus

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA TELEMATICA e-campus REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA TELEMATICA e-campus Art. 1 - Finalità e riferimenti normativi 1. Il presente Regolamento viene emanato al fine di disciplinare il divieto di fumo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato dalla Giunta Comunale con Deliberazione n. 201 in data 22.12.2011 Entrato in vigore dal 13.01.2012

Dettagli