Burocrazia, uno dei mali che uccide le aziende. Ci vuole uno sforzo per snellire le procedure e limitare i costi IL PERIODICO DELLA CNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Burocrazia, uno dei mali che uccide le aziende. Ci vuole uno sforzo per snellire le procedure e limitare i costi IL PERIODICO DELLA CNA"

Transcript

1 - Anno VI - Dicembre Direttore responsabile: Raffaello Ginanneschi Editore: Cna di Siena - Aut. Trib. Siena n.257 del 28/02/1964 Stampa - Futura Studio - Siena Sped. abb. postale D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n.46), art.1 comma 1, DCBS. La Voce Sede Provinciale e Direzione Via S.Martini, 18 Siena Centralino: Fax IL PERIODICO DELLA CNA Burocrazia, uno dei mali che uccide le aziende. Ci vuole uno sforzo per snellire le procedure e limitare i costi

2 LA NOVITÀ Export, le imprese verso l estero. Un passo concreto contro la crisi. Cna e Api presentano un nuovo servizio per le aziende Cna e Api hanno presentato un nuovo servizio a supporto degli scambi con l'estero. La gamma è completa: dagli adempimenti obbligatori alle consulenze, al sistema di relazioni associative ed istituzionali. Ecco i contenuti dell'offerta e le modalità per prenotare un approfondimento gratuito in azienda. Mercati esteri e imprese, un orizzonte ed un obiettivo sempre più vicino per le aziende. Cna di Siena ed Api Siena, per queste ragioni, hanno organizzato un vero e proprio Servizio Estero, in grado di assistere e accompagnare le imprese attraverso tutti i passaggi che l esportazione e la promozione oltre frontiera implica. Davanti ad un calo generalizzato e molto pesante della domanda interna, fin dagli ultimi mesi del 2011, le imprese associate ad Api e Cna Siena, di quasi tutti i settori, hanno iniziato a richiedere servizi, assistenza ed azioni da parte di Imprendia, che le aiutassero ad avere rapporti commerciali con paesi esteri, dove, nonostante le difficoltà, si riscontra una maggiore vivacità della domanda e maggiori tutele per il pagamento. Per soddisfare queste esigenze con un approccio di tipo associativo, e quindi con un forte rapporto con le imprese, adesso c'è iò servizio estero. La gamma sarà completa: dagli adempimenti obbligatori alle consulenze, al sistema di relazioni associative ed istituzionali. Sul sito della Cna è possibile scaricare il catalogo del servizio estero. Per , , , , , Al fianco delle imprese per la gestione della Sicurezza Aziendale Medicina &lavoro SIENA SINALUNGA POGGIBONSI Via A.Rosi, 38 Tel Fax Piazza E. Ferrari, 12 Tel Fax Via Salceto, 123 Tel Fax Divisione Medicina e Lavoro Sede Operativa e Ambulatori Siena - Via Rosi, 60 Tel Fax Mail: 2 LA VOCE ARTIGIANA IL PERIODICO DELLE PMI

3 Economia, è necessario invertire la tendenza per puntare alla ripresa Intervento di Paolo Parodi, presidente Cna Siena: I consorzi fidi da soli non ce la possono fare. Più credito e fiducia nei progetti delle aziende. INTERVENTO Ogni giorno assistiamo ad aumenti delle tasse, tagli dei trasferimenti ai comuni, alle regioni, con la conseguenza di innalzamento delle tasse a livello locale, vedi Imu, Irap,e altro. E' come accanirsi su di un ferito, la conclusione è la sicura morte delle imprese, del sistema sociale. Tutti sono buoni a dire che bisogna far ripartire il lavoro, ma nessuno fa niente per invertire l'attuale tendenza. Le imprese e gli operai assistono inermi a questo stillicidio. Il governo ha fatto senz'altro bene a rimettere in carreggiata questa disastrata Italia, a far capire a tutti che senza un periodo di rigore ed il ritorno alle buone regole non si può pensare di uscire da questa situazione. Così facendo abbiamo riacquistato credibilità a livello internazionale. Ma ora è venuto il momento di una iniezione di fiducia nel tessuto produttivo, una fiducia che parte dal reale abbassamento delle tasse per chi lavora, agevolazioni forti a chi crea nuovi posti di lavoro a chi riesce a mantenere la propria forza lavoro. Un inversione di tendenza, ecco quello che ci vuole, una speranza che il cammino verso un futuro migliore sia iniziato. Oggi trovare credito è un impresa ardua, e nel momento in cui si riceve i tassi di interesse sono così elevati da mettere in discussione il progetto stesso. I nostri consorzi fidi (Artigiancredito Toscano in particolare per gli artigiani e le pmi) stanno facendo molto, ma da soli non possono farcela, la politica deve dare una mano, la società deve aiutare l'economia reale a ripartire. E' con azioni concrete che si può immettere fiducia. Occorre immettere liquidità sul mercato, dare più possibilità a tutti di far circolare moneta, abbassare le tasse sulla busta paga, creare lavoro, dare fiducia alle imprese, sono state il motore del nostro territorio e sono in grado di ripetere questi risultati. La Cna manda questo messaggio ai comuni, alle regioni e al governo. La priorità è agire sui costi, evitare gli sprechi, contrastare l'evasione fiscale e non agire solo sui tagli ai servizi e all'innalzamento delle tasse. Nella situazione attuale, nessuno è in grado o intenzionato a spendere, il sistema si è bloccato, dobbiamo invertire questa tendenza, dobbiamo farlo presto o sarà troppo tardi. Paolo Parodi Presidente Cna Siena Con i criteri del Decreto Sviluppo l innovazione mondiale non sarebbe forse avvenuta Gli interventi per favorire l innovazione previsti dal Decreto Sviluppo sono old innovation style, centrati sulla grande impresa, l università e i grandi centri di ricerca e inaccessibili alle micro e piccole imprese. L'innovazione, invece, nasce dal basso e coinvolge molteplici attori, piccoli e grandi, tra cui le Pmi e i cittadini. Lo ha sottolineato, per Rete Imprese Italia, Cesare Fumagalli il quale, ieri, ad un audizione presso la Commissione Industria del Senato, ha sollecitato modifiche alle misure del Decreto riguardanti l agenda digitale, i progetti di ricerca e innovazione, le start up innovative, per renderle fruibili alle aziende di piccole dimensioni. Secondo Rete Imprese Italia le misure del Decreto sviluppo non tengono conto della realtà produttiva italiana costituita per il 99,4% da aziende fino a 50 addetti e delle opportunità che la diffusione delle tecnologie digitali offre proprio per migliorare la competitività delle piccole imprese. Con i criteri del Decreto sviluppo sulle start up innovative, ad esempio, colossi come Apple, Microsoft e Facebook, fondate da imprenditori non laureati, non avrebbero avuto il riconoscimento di start up innovative. Tra le altre modifiche al Decreto Sviluppo, Rete Imprese Italia sollecita l inclusione dei Consorzi fidi non vigilati dalla Banca d Italia nelle misure per rafforzare la patrimonializzazione dei Confidi. Modifiche sono state chieste anche sulla disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari, recentemente modificata dal decreto legge 1/2012 3

4 TRASPORTO Fita, non piace il bando sulla formazione. Superficiali i contenuti emanati dal ministero Sopra il presidente della Cna Fita Giancarlo Betti Sul bando del Ministero dei Trasporti di 23 milioni di euro destinati alla formazione nell'autotrasporto la Cna Fita ritiene fondate e pertinenti le perplessità emerse. Sul sito ci sono tutti i riferimenti utili in materia. Nel bando, è vero, mancano riferimenti economici chiari e trasparenti riferibili ai costi per la realizzazione dei corsi; il bando inoltre non dà certezza ai controlli perché la realizzazione e la rendicontazione dei corsi può essere anche antecedente alla formale accettazione di finanziamento del progetto da parte del Ministero che in tal caso non avrebbe alcuna possibilità di effettuare verifiche. Inoltre, non essendovi nessun parametro economico di riferimento, i controlli sono di fatto riferibili esclusivamente all effettivo svolgimento dei corsi. Per questo, nelle scorse settimane, la Cna Fita ha predisposto un'approfondita verifica dei progetti presentati dalle proprie strutture e imprese tramite Ecipa, l ente nazionale per la formazione e le sue espressioni territoriali. E' stato verificato che i parametri economici dei progetti fossero in linea con i valori europei e di mercato così come obiettato nell'inchiesta del Corriere dei Trasporti. Ci auguriamo che per il bene e la credibilità comune del settore e della sua rappresentanza si dia massima trasparenza sulle informazioni relative ai progetti presentati. Al momento, nonostante oggi scada il termine ultimo previsto dal bando per la comunicazione obbligatoria del Ministero dei Trasporti di accettazione o meno della richiesta di finanziamento, nessuna delle nostre imprese ha ricevuto comunicazioni ufficiali e nessun progetto è stato formalmente accettato o rifiutato. Cna Fita aggiunge che è fondata la preoccupazione di chi teme di non poter proseguire nella realizzazione dei progetti formativi perché non più certa l'entità dei finanziamenti. La costruzione del bando è stata a nostro avviso a dir poco superficiale e oggi non può dare garanzie in tal senso. La Cna Fita ritiene dunque necessario approfondire tale vicenda e per questo, nei prossimi giorni, presenterà al Ministero una formale richiesta di accesso agli atti per acquisire maggiori elementi di conoscenza, per valutare il tenore e l'opportunità di ulteriori determinazioni. Cna Fita contro l aumento della quota d iscrizione. I trasportatori della Cna sempre più arrabbiati nella protesta per il provvedimento Il Comitato Centrale dell Albo Autotrasportatori si è riunito ponendo all ordine del giorno la votazione dell aumento delle quote d iscrizione a carico delle imprese di quasi 10 euro. Conseguentemente a questa decisione è stato anche messo ai voti il bilancio di previsione con l incremento conseguente pari a euro. Indipendentemente dalle finalità che sono state poi addotte per motivare tale aumento la Cna Fita, in tutte le riunioni preparatorie negli organi ristretti fino alla seduta deliberativa, ha coerentemente sostenuto l inopportunità di tale provvedimento votando sempre contro. Per quanto riguarda invece le motivazioni Cna Fitacontinua a ritenere che sia stato un errore rendere esclusivo il pagamento solo on-line tramite il portale dell Albo pregiudicando così le altre possibilità di pagamento fino ad ora esistenti e che semmai rendevano, con la pluralità di scelta fornita, un implicito servizio; in più la Cna Fita, oltre all inopportunità dell aumento della quota rispetto al difficile momento economico che vede le imprese continuamente costrette a sostenere il rialzo dei costi, non ha condiviso neanche la finalizzazione degli aumenti che ha portato a destinare gli incrementi di budget modello 730 modello ici-isee-red 730 Per lavoratori dipendenti, pensionati e collaboratori a progetto Per lavoratori dipendenti, pensionati e collaboratori a progetto ici-isee-red Servizi caf Servizi 4 caf Prendi appuntamento, entro il 31 maggio. Farai tutto in un unico Prendi incontro, appuntamento, senza attese. entro Tra i 24 uffici il della provincia, 31 maggio. scegli quello Farai a te più vicino. tutto Per informazioni: un unico Siena incontro, Via delle Regioni, senza 78-Tel attese preventivati sulla formazione. Cna Fita quindi, contrariamente a quanto discusso e deciso, ha ritenuto che non vi fosse alcun bisogno di potenziare la formazione e per questo ha espresso voto contrario anche alla previsione di bilancio. Tra i 24 Via uffici S. Martini, della provincia, 18-Tel scegli quello a te più Via vicino. Rosi, Per 26-Tel. informazioni: Amiata Tel Tel Siena Via delle Regioni, 78-Tel Valdelsa Tel Tel Via S. Martini, 18-Tel Valdichiana Via Rosi, Tel. 26-Tel Tel Amiata Tel Tel Valdelsa Tel Tel Valdichiana Tel Tel

5 Nuovo prodotto per le fidejussioni alle imprese del settore trasporto con Artigiancredito Toscano Il consorzio fidi degli artigiani interviene su una materia molto sentita da tutti gli addetti del comparto, per migliorare una costosa incombenza. TRASPORTO Le fidejussioni sono da tempo un passaggio obbligato per le imprese interessate ad ottenere anticipi su agevolazioni pubbliche e uno degli strumenti a disposizione delle imprese dell autotrasporto, chiamate annualmente a dimostrare la propria idoneità finanziaria per il mantenimento dei requisiti all Albo dei Trasportatori. Un'ulteriore, e costosa, incombenza che grava su queste aziende. Un problema, quello delle fidejussioni, su cui più volte Confartigianato e Cna della Toscana hanno chiesto di intervenire sia alle Istituzioni che alle banche e alle assicurazioni e a cui, oggi, Artigiancredito Toscano (ACT) dà una risposta concreta. E' uno strumento importante commentano Valter Tamburini e Fabio Banti, Presidenti di Cna e Confartigianato Toscana e una risposta concreta che le Associazioni Artigiane, attraverso ACT, consorzio di loro primario riferimento, mettono a disposizione delle imprese in genere e di quelle dell autotrasporto in particolare. Il trasporto merci è in seria difficoltà a causa di tante problematiche ormai note, come l'aumento quotidiano smisurato del gasolio o i ritardi dei pagamenti dei committenti, solo per citarne alcune, che stanno mettendo in ginocchio migliaia di imprese su tutto il territorio nazionale - sottolineano Franco Coppelli e Mauro Squarcia, Presidenti Cna Fita e Confartigianato Trasporti della Toscana -. Anche mantenere un impresa iscritta all'albo, oggi come oggi, rappresenta un problema a causa dei numerosi e quotidiani balzelli burocratici. Scadenze a catena, come quella del 4 dicembre, che richiedono sforzi importanti alle imprese anche in termini di adeguamento della propria capacità finanziaria, che può essere data anche attraverso una garanzia fidejussoria sempre più difficile da avere e mantenere ed il cui rilascio non è certo favorito dalle difficoltà in cui versa il sistema finanziario nel suo complesso. La fidejussione quindi è uno degli strumenti per la dimostrazione della capacità finanziaria, condizione indispensabile per l iscrizione all'albo Nazionale degli autotrasportatori e quindi per poter restare sul mercato. Fabrizio Campaioli, Presidente Artigiancredito Toscano rileva che ACT affianca al proprio segmento tradizionale di lavoro, cioè le garanzie, questo nuovo prodotto, le fidejussioni, che interessano nell immediato le imprese del settore autotrasporto, ma in futuro anche altri comparti dell artigianato e della piccola impresa. Un prodotto che si inserisce in un rinnovato rapporto con le Associazioni di categoria e con il settore autotrasporto in particolare. Per informazioni nella provincia di Siena sono a disposizione gli uffici Cna oppure la sede provinciale di Artigiancredito Toscano, viale Mazzini 11, Siena. Telefono

6 AMBIENTE Conto energia termico, un atto per la crescita del settore impiantistico. Bene il decreto di incentivazione per energia termica ed efficienza accolto con favore dagli impiantisti lo schema E stato di decreto ministeriale di incentivazione di interventi di piccola dimensione per l incremento dell efficienza energetica e per la produzione di energia rinnovabile termica che il Ministro d e l l o Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente, ha varato in attuazione dell articolo 28 del decreto legislativo 28/2011. Il testo è stato trasmesso alla Conferenza Unificata, di cui si attende il parere. Il decreto, secondo la Cna, può costituire un forte volano per la crescita del settore in un momento particolarmente difficile per le imprese in quanto rilancia i consumi interni che costituiscono il mercato principale delle nostre aziende. Sarà necessaria una grande campagna informativa per dare modo ai cittadini di conoscere nel dettaglio le opportunità che il provvedimento offre e mettere a punto strumenti utili a facilitare quelli che saranno i nostri clienti per l espletamento delle pratiche burocratiche previste. Il decreto prevede un tetto di spesa annua cumulata pari a 900 milioni di cui 700 milioni per interventi in favore di soggetti privati (famiglie, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa) e 200 milioni per interventi in favore della pubblica amministrazione. Raggiunti tali limiti è previsto che i Ministeri effettuino un aggiornamento delle misure di incentivazione. Gli interventi incentivabili per i privati riguardano interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza: sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore, riscaldamento di serre con generatori di calore a biomassa, installazione di collettori solari termici, sostituzione di scalda acqua elettrici con sistemi a pompa di calore. DIAMO ENERGIA AL TUO BUSINESS Offerte soggette a condizioni limitative. ImpresAttiva gas Scegli l offerta legata alle quotazioni di mercato! ValoreImpresa gas Scegli di bloccare il prezzo del gas per 12 mesi! Tel

7 Case verdi, un atto che piace alle imprese AMBIENTE Nelle prossime settimane gli atti e quant altro necessario per aziende e cittadini per poter accedere alle agevolazioni. Saranno possibili e di conseguenza agevolabili anche gli interventi fatti dalla pubblica amministrazione. Info sul sito Cna Siena. La Cna informa che il Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente, ha varato lo schema di decreto ministeriale di incentivazione di interventi di piccola dimensione per l incremento dell efficienza energetica e per la produzione di energia rinnovabile termica, in attuazione dell articolo 28 del decreto legislativo 28/2011. Il testo è stato trasmesso alla Conferenza Unificata, di cui si attende il parere. Attraverso la messaggistica ed i tradizionali canali informativi, la Cna terrà informate le imprese artigiane su questo importante provvedimento. Per tutti gli interessati è a disposizione una newsletter molto approfondita. L iscrizione può essere richiesta sul sito Sempre sul sito della Cna sono disponibili esempi ed altri documenti. Il decreto prevede un tetto di spesa annua cumulata pari a 900 milioni, di cui 700 milioni per interventi in favore di soggetti privati (famiglie, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa) e 200 milioni per interventi in favore della pubblica amministrazione. Raggiunti tali limiti è previsto che i Ministeri effettuino un aggiornamento delle misure di incentivazione. Gli interventi incentivabili riguardano:per i privati, interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza: sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore, riscaldamento di serre con generatori di calore a biomassa, installazione di collettori solari termici, sostituzione di scalda acqua elettrici con sistemi a pompa di calore. Gli enti della pubblica amministrazione potranno accedere agli incentivi per i medesimi interventi di cui al punto precedente e, in aggiunta, per interventi di miglioramento dell'efficienza energetica: isolamento termico di superfici opache, sostituzione di vetri e infissi, sostituzione di impianti di riscaldamento con caldaie a condensazione, installazione di sistemi di ombreggiamento e schermatura. Per gli interventi di miglioramento dell efficienza energetica nella pubblica amministrazione, l incentivo si attesta al 40% delle spese qualificabili; per gli interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza, l incentivo viene calcolato su una formula che valorizza, per ogni singola tecnologia, la stima dell energia prodotta. L erogazione avverrà in 5 anni, o in 2 nel caso degli interventi più piccoli. Gli incentivi andranno richiesti al Gse; tra i documenti da allegare evidenziamo:, la certificazione energetica, le schede tecniche di componenti e apparecchiature, asseverazione di un tecnico abilitato, le fatture, eventuale diagnosi energetica, eventuale titolo autorizzativo, dichiarazione di conformità redatta da un installatore avente i requisiti professionali previsti dal decreto 28/2011. La documentazione dovrà essere altresì conservata, dal soggetto responsabile, per i 5 anni successivi all intervento. Gli interventi non saranno cumulabili con altri incentivi, fatti salvi i contributi in conto interesse o fondi di garanzia/rotazione. Le risorse per la copertura degli incentivi verranno recuperate attraverso le tariffe del gas naturale. Cinque per mille Irpef Nella prossima denuncia dei redditi potrete anche voi dare un aiuto concreto alla Fondazione Stefano Bellaveglia. Nata nel 2006, questa associazione opera prevalentemente sul territorio della provincia di Siena, a sostegno di opere verso le persone deboli e l infanzia. Mario Rossi Trascrivendo negli spazi appositi dei modelli CUD UNICO il numero di codice fiscale con la vostra firma, destinando il cinque per mille dell Irpef, potrete anche voi portare un sostegno concreto affinché nel tempo la figura di Stefano Bellaveglia possa essere ricordata degnamente. Info: Mail: 7

8 IL FISCO Semplificazione fiscale, le idee della Cna. L Agenzia delle Entrate sta effettuando una mappatura per tagliare la burocrazia delle Entrate ha avviato un lavoro di mappatura di tutti gli adempimenti L Agenzia a carico dei cittadini/contribuenti, per verificare la possibile adozione di iniziative di normazione primaria e secondaria volte alla loro semplificazione e alla riduzione del loro costo sociale. Pertanto, il gruppo di lavoro interno alla stessa Agenzia ha stilato e reso noto di recente un primo elenco di ricognizione degli adempimenti fiscali, invitando le associazioni di categoria a procedere ad una sua integrazione con proposte di semplificazione. Per il buon esito del processo di semplificazione risulta necessario valutare gli oneri amministrativi, ovvero la stima dei tempi necessari ed i costi sostenuti dai cittadini, nonché individuare le proposte di semplificazione degli adempimenti ritenuti obsoleti, ridondanti ed eccessivamente complessi da eseguire. A tal fine la Cna insieme alle altre associazioni di Rete Impresa Italia ha provveduto alla stesura di un primo documento (scaricabile su contenente le proposte di semplificazione da apportare ad alcuni degli adempimenti fiscali individuati dalla stessa Agenzia. Cna si è riservata l onere di integrare il documento presentato, con altre proposte di semplificazione concernenti adempimenti che non erano presenti nella mappatura fatta dall Agenzia delle Entrate, tuttavia ugualmente onerosi per le imprese. La Cna ha partecipato fattivamente alla stesura del documento con il valido aiuto di Cna Interpreta. Accise trasporto, la Cna chiede semplificazioni. Proposto all Agenzia delle Dogane un procedimento con meno burocrazia per le imprese La procedura telematica messa a punto dall'agenzia delle Dogane, a decorrere dal 2012, per il rimborso trimestrale dell'accisa pagata dagli autotrasportatori cose conto terzi sui carburanti utilizzati per lo svolgimento dell'attività sta creando non pochi problemi agli operatori economici. Tale procedura risulta, infatti, molto complessa e di difficile applicazione, soprattutto per gli operatori che, in qualità di fornitori di servizi, si trovano a gestire centinaia di domande di rimborso di imprese di trasporto di piccole dimensioni. In un'ottica di semplificazione di risorse e costi a carico delle imprese, Cna ha proposto alla stessa Agenzia, con una lettera indirizzata al Direttore Generale Dott. Peleggi una soluzione operativa che prevede la possibilità di trasmettere le suddette istanze di rimborso attraverso lo stesso canale telematico utilizzato per l'invio dei modelli Intrasat, rinnovando la richiesta già a suo tempo presentata dalla Confederazione. Nella citata lettera Cna, assieme alle altre associazioni di Rete Impresa Italia, ha formulato, inoltre, altre eventuali soluzioni, quale la possibilità di consentire a tutti gli intermediari abilitati alla trasmissione telematica di qualificarsi come "Soggetto delegato", per trasmettere tutti i documenti da inviare alla stessa Agenzia. Non solo, ma anche quella di aprire il canale Entratel, al quale le nostre società di servizi sono già abilitate, per l'invio delle istanze in oggetto. Infine Cna si è resa disponibile a incontrare il Direttore dell'agenzia delle Dogane per fornire tutte le informazioni del caso e per definire insieme le modalità operative in grado di superare le attuali difficoltà nel rispetto della logica di semplificazione. 8

9 Le imprese edili tirano un piccolo sospiro di sollievo, anche se ancora non c è la certezza che il Governo abbia inserito i lavori pubblici nel decreto per la velocizzazione dei pagamenti, fino a qualche giorno fa esclusi, almeno nell interpretazione data dalla Cna. Questa la sintesi del decreto legislativo del 9 novembre 2012, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre 2002, n.231, per l'integrale recepimento della direttiva 2001/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, a norma dell'articolo 10, comma 1, della legge 11 novembre 2011, n.180, indicato nei giorni scorsi tra gli atti firmati da Presidente della Repubblica è stato pubblicato giovedì scorso sulla Gazzetta Ufficiale: le nuove regole si applicheranno alle transazioni commerciali concluse a decorrere dal 1 gennaio Il suddetto richiamo all'integrale recepi- C mento della Direttiva, previsto dalla legge delega, sembrerebbe indicare la volontà di dare attuazione anche all'undicesimo «considerando» inserito nelle premesse al testo della Direttiva 2011/7/Ue, dove si prevede che «la fornitura di merci e la prestazione di servizi dietro corrispettivo a cui si applica la presente direttiva dovrebbero includere anche la progettazione e l esecuzione di opere e edifici pubblici, nonché lavori di ingegneria civile». Il fatto, però, che nel testo del nuovo decreto, non si faccia alcun riferimento al settore dei lavori, ma si citino solo la consegna di merci o la prestazione di servizi, preoccupa Cna Costruzioni, anche perché già sulla base della precedente regolamentazione comunitaria -fortemente richiesta dalla nostra confederazione-, invariata sul punto, il settore dei lavori era di fatto rimasto nell ombra, grazie ad un inter- COSTRUZIONI Pagamenti e lavori pubblici, Cna vuole chiarezza. Gli edili artigiani ancora preoccupati per le norme in materia vento interpretativo che, strumentalmente, tendeva ad escluderlo non tenendo conto che i lavori rientrano (anche fiscalmente) tra i servizi, e non considerando che già la prima direttiva sui pagamenti citava anche quella sulle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori (allora la Direttiva 93/37/Cee del Consiglio, del 14 giugno 1993 ), cosa assolutamente inutile laddove i lavori fossero stati da considerare fuori dal suo ambito d applicazione. Appalti pubblici, difficoltà nelle regole pubblico-privato ome spesso accade l'avvio dell'operatività delle innovazioni non sempre è agevole: la rivista Edilizia e Territorio prova a fare il punto della situazione rendicontando i risultati -per ora negatividelle prime quattro gare del genere da essa censite. Ma forse dipende dal fatto che ci si trova ancora in una fase di "rodaggio" Questo nuovo tipo di contratto, lo ricordiamo, è stato introdotto nel Codice, dal marzo di quest'anno, dall'art. 44 della legge (24 marzo 2012, n. 27) che ha convertito il Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1: troppo presto per tirare le somme sulla valenza di un'istituto con il quale, sinora soprattutto enti locali, tentano di superare i vincoli imposti dal patto di stabilità, che si sommano alla situazione di difficoltà derivante dalla crisi finanziaria in atto. Vincoli che limitano fortemente la possibilità di effettuare nuovi investimenti, trattando in maniera indifferenziata tutte le spese delle pubbliche amministrazioni, a prescindere dalla loro valenza. Sopra il presidente di Cna Costruzioni Giuliano Ianunzio 9

10 LE NORME Soa, certificazione più facile. Contributi per poterla avere La Cna vicina alle imprese. L attestazione Soa necessaria per lavori pubblici con importo superiore a ,00. Ottenere l attestazione SOA adesso sarà più facile. E stato pubblicato un bando che comprende infatti un contributo a fondo perduto per il rilascio o il rinnovo di tale documento. Ricordiamo che l'attestazione SOA è il documento che consente alle imprese di partecipare agli appalti di lavori pubblici con importo a base d asta superiore a ,00. Le aziende interessate devono al più presto contattare gli uffici Qualità della Cna di Siena, ai recapiti sotto indicati. Il contributo infatti sarà accordato in base all'ordine di presentazione delle domande, che devono pervenire tramite associazioni di categoria. I nostri uffici vi assisteranno nella verifica dei requisiti minimi necessari e nella presentazione della domanda. Cna ricorda anche per le imprese iscritte alla Cia-Fsr sono sempre disponibili finanziamenti a fondo perduto per l ottenimento dell attestazione SOA (25% del costo sostenuto con un massimo di 2.600,00) e certificazione di qualità ISO9001. Per avviare le pratiche di attestazione SOA o per qualsiasi altra informazione, potete contattare i nostri consulenti presso l ufficio Qualità ai seguenti recapiti telefonici /531/533 - Cell Prevenzione incendi stato pubblicato nella Gazzetta E Ufficiale n. 201 del 28 agosto u.s. l annunciato DM 7/8/12 "Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare, ai sensi dell'articolo 2, comma 7, del decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151 che si prefigge di uniformate le procedure di prevenzione incendi. Il Decreto del Ministero dell Interno abroga il DM 4/5/98, il quale continua ad applicarsi, limitatamente all'art. 7, comma 2 e 3 e all'allegato 6, al fine di determinare l'importo dei corrispettivi dovuti ai Vigili del Fuoco fino alla pubblicazione del decreto previsto dal DPR 151/11, art. 2, comma 8. La modulistica per la presentazione delle istanze, delle segnalazioni (Scia) e delle dichiarazioni sarà oggetto di un prossimo decreto del direttore centrale per la prevenzione e sicurezza tecnica del Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile. Cia Cassa Integrazione Assistenza - Siena Rimborsa alle aziende iscritte i costi del personale dipendente in malattia, infortunio, maternità, visite mediche, terapie ambulatoriali, malattia del bambino e congedi parentali Rimborsa anche i costi per garantire l 80% del salario ai dipendenti, per un periodo massimo di sei mesi all anno, in caso mancanza di lavoro. Rimborsa inoltre i costi di formazione e aggiornamento professionale e prevede interventi a fondo perduto per sviluppo, innovazione e sicurezza. Cia, vantaggi e certezze dei costi per le imprese iscritte Per maggiori informazioni telefonate al n nelle ore di ufficio. 10

11 Ascensori, più sicurezza per i vecchi impianti. Le richieste delle imprese Cna chiede un provvedimento per quelli installati prima del Necessarie regole certe e norme omogenee per poter lavorare meglio. LE NORME Con una lettera unitaria inviata al Capo di Gabinetto del Ministero dello Sviluppo Economico, Cna insieme ad altre associazioni del comparto ascensoristico, ha chiesto l approvazione di una norma che tenesse conto della Raccomandazione della Commissione Europea 95/216/ Ce dell'8 giugno 1995 sul miglioramento della sicurezza degli ascensori esistenti, mai recepita nel nostro paese, al contrario della maggioranza dei paesi della Unione Europea. Secondo la Cna è infatti necessario colmare la lacuna del Dpr 162/99 che, diversamente dalle leggi precedenti, non ha previsto delle azioni specifiche per l'adeguamento degli ascensori installati prima della sua entrata in vigore, per un graduale adeguamento delle norme di sicurezza obbligatorie per quelli di nuova installazione. L'occasione, secondo la Cna, è data dalla necessità di una ulteriore modifica del Dpr 162/99 (e del successivo Dpr 214/10) per regolamentare e unificare le procedure per quanto riguarda le verifiche periodiche anche per le altre tipologie di impianti di sollevamento diversi dagli ascensori ma simili per utilizzo(es. piattaforme elevatrici, montascale, servoscale, scale mobili, etc.). Dalle indagini condotte e pubblicate da vari operatori del settore ascensoristico, emerge che le principali situazioni di pericolo presenti sugli ascensori installati e mantenuti in esercizio in Italia sono le seguenti:intrappolamento in cabina con dispositivo di allarme non adeguato; precisione di fermata e di livellamento; urto con porte automatiche scorrevoli orizzontalmente; mancato adeguamento degli ascensori idraulici installati prima del DPR 268/94; mancanza della illuminazione permanente di emergenza in cabina; inadeguata illuminazione del locale macchinario; mancanza del dispositivo per la chiusura automatica delle porte di piano scorrevoli orizzontalmente. L Italia, ricorda la Cna, è un paese che con i suoi oltre 900 mila impianti installati, prevalentemente nei condomini, è secondo al mondo, per numero di impianti, soltanto alla Cina. Questo significa oltre cento milioni di corse giornaliere per oltre dieci milioni di italiani che quotidianamente utilizzano un ascensore di cui però oltre il 40% è in funzione da più di trenta anni. Ne deriva che la gran parte di questi impianti, si stima almeno il 60%, non sia adeguato alle attuali norme di sicurezza che ne rendono l utilizzo più sicuro. 11

12 12

13 Damiani: Non abbiate paura a denunciare i delinquenti. Aglieco: Gli anziani un punto di riferimento solido per tutti noi SOCIALE Sala gremita a Siena nella giornata della prevenzione a truffe e raggiri con i Carabinieri. Tanti pensionati hanno voluto sottolineare con la loro presenza l importanza della prevenzione a truffe e raggiri. L occasione è stata offerta da Cna Pensionati di Siena che assieme all Arma dei Carabinieri lo scorso 9 novembre ha organizzato nella cittadina toscana una bellissima e riuscitissima iniziativa, durante la quale il colonnello Aglieco, Comandate dei Carabinieri della Provincia di Siena, ha illustrato le truffe ed i raggiri più tradizionali che vedono come vittime gli anziani. Ai presenti è stato distribuito un libretto. Lo stesso può essere scaricato sul sito della Cna di Siena, oppure ritirato in tutti gli uffici dell associazione della provincia di Siena. Siamo vicini alla popolazione ed accettiamo in pieno la collaborazione dei pensionati, che svolgono un ruolo importantissimo nella nostra società. Con la loro esperienza sono infatti un punto di riferimento. Nessuno deve avere paura a denunciare truffe o raggiri. Dobbiamo collaborare sempre di più per una corretta prevenzione. Grande soddisfazione anche del presidente di Cna Pensionati di Siena Roberto Damiani: Sono felicissimo che i pensionati abbiano risposto in massa al nostro appello. Sembra quasi che stasera abbiamo costruito un muro contro chi vorrebbe farci del male, ma non hanno capito che siamo forti e determinati a combatterli. Siamo una generazione abituata alla fatica ed al lavoro e non ci fa paura nulla. Ribadisco il nostro appello a collaborare con i Carabinieri e con le forze dell ordine in generale. Non abbiamo paura o timore a denunciare i delinquenti. La nostra azione eviterà che altri possano cadere nella stessa rete di questi delinquenti. Non sono voluti mancare neppure il questore di Siena ed il prefetto Andrea Saccone, che nel suo intervento ha ribadito: La collaborazione fra tutte le forze è fondamentale. Unire le forze e fare squadra è un valore aggiunto per il territorio. Plaudiamo a questa iniziativa di Cna Pensionati di Siena. All iniziativa era presente anche Giancarlo Pallanti, presidente nazionale di Cna Pensionati: La nostra associazione è una forza sociale importantissima, sia a Siena che in tutta Italia. Vedere così tante persone che si sono unite alla nostra lotta è il miglior stimolo ad andare avanti con determinazione assoluta, la stessa che chiediamo allo Stato, affinché non siano tagliati i fondi alle forze dell ordine. Vogliamo poi certezza della pena, per chi è preso con le mani nel sacco a fare del male alle persone per bene. Sopra Roberto Damiani presidente Cna Pensionati di Siena. Nella pagina foto del convegno. 13

14 L INIZIATIVA Tutte le modalità contrattuali Lo scorso 24 ottobre è entrata in vigore una nuova disposizione di legge che ridefinisce le modalità contrattuali e di pagamento nella filiera agroalimentare all interno dello stato italiano. La Cna pone l attenzione sulle possibili ripercussioni che tale normativa apporterà al settore alimentare in particolare nei rapporti, non solo tra Pmi e Grande Distribuzione Organizzata, ma anche tra imprese piccole e medie interessate all acquisto, alla vendita o alla produzione su commissione o conto terzi di prodotti agroalimentari. Di questo la Cna ha parlato venerdì 30 novembre 2012 svolto presso la Cna di Sinalunga. Sono intervenuti su questa delicata materia Gabriele Rotini Responsabile Nazionale Cna Unione Alimentare (Art 62, attività svolte dalla Cna, proposte e modifiche); Francesco Marchionni Responsabile Area Fiscale Cna Servizi. Le conclusioni sono state svolte da Paolo Meacci Presidente Provinciale Cna Unione Alimentare della filiera agroalimentare. Un interessante convegno Cna è stato organizzato a Sinalunga (nella foto). Ha coordinato i lavori Mauro Vestri Responsabile Provinciale Cna Unione Alimentare. Nella consapevolezza delle implicazioni che si vengono a creare nelle attività in assenza di modalità semplificate e agevoli per le Pmi, Cna ha avanzato proposte e indicazioni che sono state recepite nella stesura del Regolamento di attuazione dell articolo 62, come convertito nella Legge n. 27 del 24 marzo 2012, ancora in bozza presso il Ministero in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e fermo al Consiglio di Stato. Si metteranno a disposizione delle imprese, nel pieno rispetto della normativa, informazioni, strumenti e possibili schemi contrattuali rivolti a facilitare i rapporti tra imprese. Durante il convegno sono stati affrontati temi quali l obbligatorietà della forma scritta da adottare per ogni rapporto contrattuale in atto, che la Cna ha richiesto fosse il più ampio e semplificato possibile, i termini vincolanti di pagamento e l impianto. L incontro è stato completato dalla consegna ai presenti del materiale informativo. L incontro era rivolto a titolari e dirigenti di imprese interessate a: definire i prodotti deperibili e stabilire i termini di pagamento obbligatori; valutare e conoscere le forme contrattuali da sottoporre ai propri fornitori, clienti e/o committenti; attivare il processo di ridefinizione delle modalità contrattuali in conformità alle norme dal Per informazioni: Mauro Vestri tel. 0578/

15 Telecomunicazioni Viale Toselli, Siena Tel Fax e.mail: 15

16 Sedi Cna in Provincia di Siena SIENA- DIREZIONE PROVINCIALE Via Simone Martini, 18 Direttore Generale CNA: Gianni Castagnini Tel Fax COLLE DI VAL D'ELSA Via dello Spuntone, 8/c Responsabile: Leonardo Boschi Tel Fax ROSIA Sovicille via Campo al Moro, 23 Responsabile: Alessio Bardini Tel /1/2 - Fax SIENA- CENTRO SERVIZI Via delle Regioni, 78 Direttore Cna Servizi: Fabio Ceccherini Direttore CESAM.: Stefano Guerri Tel Fax MONTALCINO Via del Poggiolo, 10 - S. Giusto Riferimento: Paola Giorni Tel Fax SAN GIMIGNANO Via XX Settembre, 1 Riferimento: Antonella Spinelli Tel Fax SIENA - CONTABILITA' E CONSULENZE FISCALI Via Rosi, 46/48 Responsabile: Gianni Bari Tel Fax MONTEPULCIANO Via G. Marino, 6/A Direttore CEDA: Gianni Rossi Riferimento: Roberta Carpini Tel Fax SAN QUIRICO D'ORCIA via F. Tozzi, 10 Riferimento: Paola Giorni Tel Fax ABBADIA SAN SALVATORE Via Gorizia, 38 Responsabile: Lauro Simonetti Tel Fax MONTERONI D'ARBIA via del Risorgimento, 628/F Responsabile: Raffaella Turchi Tel Fax SARTEANO Via del Bagno Santo, 5 Responsabile: Alessandro Brilli Riferimento: Luciano Bernardini Tel Fax ASCIANO Via Bruno Buozzi 29/31 Responsabile: Roberto Pianigiani Tel Fax PIANCASTAGNAIO via Vespa, 94 Riferimento: Leonardo Angelini Tel Fax SINALUNGA P.za Enzo Ferrari, n.12 Responsabile: Gianni Saletti Tel / Fax BUONCONVENTO P.zza Gramci, 5 Responsabile: Raffaella Turchi Tel Fax POGGIBONSI via Salceto, 123 Direttore CASAP: Maurizio Lazzerini Tel Fax TORRITA DI SIENA P.za Nazioni Unite, n.21 Responsabile: Marco Grilli Tel Fax CHIANCIANO TERME Via Dante, 34 Responsabile: Leonardo Caponeri Tel Fax CHIUSI SCALO Via Oslavia, 47 Responsabile: Alessandro Brilli Tel / Fax RADDA IN CHIANTI strada vicinale Lame dei Frati, 101/M Riferimento: Roberto Manganelli Tel Fax RAPOLANO TERME via G. di Vittorio, 11 Responsabile: Susanna Casini Tel Fax Sede Provinciale e Direzione Via S.Martini, 18 - Siena Centralino Fax Web:

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli