Burocrazia, uno dei mali che uccide le aziende. Ci vuole uno sforzo per snellire le procedure e limitare i costi IL PERIODICO DELLA CNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Burocrazia, uno dei mali che uccide le aziende. Ci vuole uno sforzo per snellire le procedure e limitare i costi IL PERIODICO DELLA CNA"

Transcript

1 - Anno VI - Dicembre Direttore responsabile: Raffaello Ginanneschi Editore: Cna di Siena - Aut. Trib. Siena n.257 del 28/02/1964 Stampa - Futura Studio - Siena Sped. abb. postale D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n.46), art.1 comma 1, DCBS. La Voce Sede Provinciale e Direzione Via S.Martini, 18 Siena Centralino: Fax IL PERIODICO DELLA CNA Burocrazia, uno dei mali che uccide le aziende. Ci vuole uno sforzo per snellire le procedure e limitare i costi

2 LA NOVITÀ Export, le imprese verso l estero. Un passo concreto contro la crisi. Cna e Api presentano un nuovo servizio per le aziende Cna e Api hanno presentato un nuovo servizio a supporto degli scambi con l'estero. La gamma è completa: dagli adempimenti obbligatori alle consulenze, al sistema di relazioni associative ed istituzionali. Ecco i contenuti dell'offerta e le modalità per prenotare un approfondimento gratuito in azienda. Mercati esteri e imprese, un orizzonte ed un obiettivo sempre più vicino per le aziende. Cna di Siena ed Api Siena, per queste ragioni, hanno organizzato un vero e proprio Servizio Estero, in grado di assistere e accompagnare le imprese attraverso tutti i passaggi che l esportazione e la promozione oltre frontiera implica. Davanti ad un calo generalizzato e molto pesante della domanda interna, fin dagli ultimi mesi del 2011, le imprese associate ad Api e Cna Siena, di quasi tutti i settori, hanno iniziato a richiedere servizi, assistenza ed azioni da parte di Imprendia, che le aiutassero ad avere rapporti commerciali con paesi esteri, dove, nonostante le difficoltà, si riscontra una maggiore vivacità della domanda e maggiori tutele per il pagamento. Per soddisfare queste esigenze con un approccio di tipo associativo, e quindi con un forte rapporto con le imprese, adesso c'è iò servizio estero. La gamma sarà completa: dagli adempimenti obbligatori alle consulenze, al sistema di relazioni associative ed istituzionali. Sul sito della Cna è possibile scaricare il catalogo del servizio estero. Per , , , , , Al fianco delle imprese per la gestione della Sicurezza Aziendale Medicina &lavoro SIENA SINALUNGA POGGIBONSI Via A.Rosi, 38 Tel Fax Piazza E. Ferrari, 12 Tel Fax Via Salceto, 123 Tel Fax Divisione Medicina e Lavoro Sede Operativa e Ambulatori Siena - Via Rosi, 60 Tel Fax Mail: 2 LA VOCE ARTIGIANA IL PERIODICO DELLE PMI

3 Economia, è necessario invertire la tendenza per puntare alla ripresa Intervento di Paolo Parodi, presidente Cna Siena: I consorzi fidi da soli non ce la possono fare. Più credito e fiducia nei progetti delle aziende. INTERVENTO Ogni giorno assistiamo ad aumenti delle tasse, tagli dei trasferimenti ai comuni, alle regioni, con la conseguenza di innalzamento delle tasse a livello locale, vedi Imu, Irap,e altro. E' come accanirsi su di un ferito, la conclusione è la sicura morte delle imprese, del sistema sociale. Tutti sono buoni a dire che bisogna far ripartire il lavoro, ma nessuno fa niente per invertire l'attuale tendenza. Le imprese e gli operai assistono inermi a questo stillicidio. Il governo ha fatto senz'altro bene a rimettere in carreggiata questa disastrata Italia, a far capire a tutti che senza un periodo di rigore ed il ritorno alle buone regole non si può pensare di uscire da questa situazione. Così facendo abbiamo riacquistato credibilità a livello internazionale. Ma ora è venuto il momento di una iniezione di fiducia nel tessuto produttivo, una fiducia che parte dal reale abbassamento delle tasse per chi lavora, agevolazioni forti a chi crea nuovi posti di lavoro a chi riesce a mantenere la propria forza lavoro. Un inversione di tendenza, ecco quello che ci vuole, una speranza che il cammino verso un futuro migliore sia iniziato. Oggi trovare credito è un impresa ardua, e nel momento in cui si riceve i tassi di interesse sono così elevati da mettere in discussione il progetto stesso. I nostri consorzi fidi (Artigiancredito Toscano in particolare per gli artigiani e le pmi) stanno facendo molto, ma da soli non possono farcela, la politica deve dare una mano, la società deve aiutare l'economia reale a ripartire. E' con azioni concrete che si può immettere fiducia. Occorre immettere liquidità sul mercato, dare più possibilità a tutti di far circolare moneta, abbassare le tasse sulla busta paga, creare lavoro, dare fiducia alle imprese, sono state il motore del nostro territorio e sono in grado di ripetere questi risultati. La Cna manda questo messaggio ai comuni, alle regioni e al governo. La priorità è agire sui costi, evitare gli sprechi, contrastare l'evasione fiscale e non agire solo sui tagli ai servizi e all'innalzamento delle tasse. Nella situazione attuale, nessuno è in grado o intenzionato a spendere, il sistema si è bloccato, dobbiamo invertire questa tendenza, dobbiamo farlo presto o sarà troppo tardi. Paolo Parodi Presidente Cna Siena Con i criteri del Decreto Sviluppo l innovazione mondiale non sarebbe forse avvenuta Gli interventi per favorire l innovazione previsti dal Decreto Sviluppo sono old innovation style, centrati sulla grande impresa, l università e i grandi centri di ricerca e inaccessibili alle micro e piccole imprese. L'innovazione, invece, nasce dal basso e coinvolge molteplici attori, piccoli e grandi, tra cui le Pmi e i cittadini. Lo ha sottolineato, per Rete Imprese Italia, Cesare Fumagalli il quale, ieri, ad un audizione presso la Commissione Industria del Senato, ha sollecitato modifiche alle misure del Decreto riguardanti l agenda digitale, i progetti di ricerca e innovazione, le start up innovative, per renderle fruibili alle aziende di piccole dimensioni. Secondo Rete Imprese Italia le misure del Decreto sviluppo non tengono conto della realtà produttiva italiana costituita per il 99,4% da aziende fino a 50 addetti e delle opportunità che la diffusione delle tecnologie digitali offre proprio per migliorare la competitività delle piccole imprese. Con i criteri del Decreto sviluppo sulle start up innovative, ad esempio, colossi come Apple, Microsoft e Facebook, fondate da imprenditori non laureati, non avrebbero avuto il riconoscimento di start up innovative. Tra le altre modifiche al Decreto Sviluppo, Rete Imprese Italia sollecita l inclusione dei Consorzi fidi non vigilati dalla Banca d Italia nelle misure per rafforzare la patrimonializzazione dei Confidi. Modifiche sono state chieste anche sulla disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari, recentemente modificata dal decreto legge 1/2012 3

4 TRASPORTO Fita, non piace il bando sulla formazione. Superficiali i contenuti emanati dal ministero Sopra il presidente della Cna Fita Giancarlo Betti Sul bando del Ministero dei Trasporti di 23 milioni di euro destinati alla formazione nell'autotrasporto la Cna Fita ritiene fondate e pertinenti le perplessità emerse. Sul sito ci sono tutti i riferimenti utili in materia. Nel bando, è vero, mancano riferimenti economici chiari e trasparenti riferibili ai costi per la realizzazione dei corsi; il bando inoltre non dà certezza ai controlli perché la realizzazione e la rendicontazione dei corsi può essere anche antecedente alla formale accettazione di finanziamento del progetto da parte del Ministero che in tal caso non avrebbe alcuna possibilità di effettuare verifiche. Inoltre, non essendovi nessun parametro economico di riferimento, i controlli sono di fatto riferibili esclusivamente all effettivo svolgimento dei corsi. Per questo, nelle scorse settimane, la Cna Fita ha predisposto un'approfondita verifica dei progetti presentati dalle proprie strutture e imprese tramite Ecipa, l ente nazionale per la formazione e le sue espressioni territoriali. E' stato verificato che i parametri economici dei progetti fossero in linea con i valori europei e di mercato così come obiettato nell'inchiesta del Corriere dei Trasporti. Ci auguriamo che per il bene e la credibilità comune del settore e della sua rappresentanza si dia massima trasparenza sulle informazioni relative ai progetti presentati. Al momento, nonostante oggi scada il termine ultimo previsto dal bando per la comunicazione obbligatoria del Ministero dei Trasporti di accettazione o meno della richiesta di finanziamento, nessuna delle nostre imprese ha ricevuto comunicazioni ufficiali e nessun progetto è stato formalmente accettato o rifiutato. Cna Fita aggiunge che è fondata la preoccupazione di chi teme di non poter proseguire nella realizzazione dei progetti formativi perché non più certa l'entità dei finanziamenti. La costruzione del bando è stata a nostro avviso a dir poco superficiale e oggi non può dare garanzie in tal senso. La Cna Fita ritiene dunque necessario approfondire tale vicenda e per questo, nei prossimi giorni, presenterà al Ministero una formale richiesta di accesso agli atti per acquisire maggiori elementi di conoscenza, per valutare il tenore e l'opportunità di ulteriori determinazioni. Cna Fita contro l aumento della quota d iscrizione. I trasportatori della Cna sempre più arrabbiati nella protesta per il provvedimento Il Comitato Centrale dell Albo Autotrasportatori si è riunito ponendo all ordine del giorno la votazione dell aumento delle quote d iscrizione a carico delle imprese di quasi 10 euro. Conseguentemente a questa decisione è stato anche messo ai voti il bilancio di previsione con l incremento conseguente pari a euro. Indipendentemente dalle finalità che sono state poi addotte per motivare tale aumento la Cna Fita, in tutte le riunioni preparatorie negli organi ristretti fino alla seduta deliberativa, ha coerentemente sostenuto l inopportunità di tale provvedimento votando sempre contro. Per quanto riguarda invece le motivazioni Cna Fitacontinua a ritenere che sia stato un errore rendere esclusivo il pagamento solo on-line tramite il portale dell Albo pregiudicando così le altre possibilità di pagamento fino ad ora esistenti e che semmai rendevano, con la pluralità di scelta fornita, un implicito servizio; in più la Cna Fita, oltre all inopportunità dell aumento della quota rispetto al difficile momento economico che vede le imprese continuamente costrette a sostenere il rialzo dei costi, non ha condiviso neanche la finalizzazione degli aumenti che ha portato a destinare gli incrementi di budget modello 730 modello ici-isee-red 730 Per lavoratori dipendenti, pensionati e collaboratori a progetto Per lavoratori dipendenti, pensionati e collaboratori a progetto ici-isee-red Servizi caf Servizi 4 caf Prendi appuntamento, entro il 31 maggio. Farai tutto in un unico Prendi incontro, appuntamento, senza attese. entro Tra i 24 uffici il della provincia, 31 maggio. scegli quello Farai a te più vicino. tutto Per informazioni: un unico Siena incontro, Via delle Regioni, senza 78-Tel attese preventivati sulla formazione. Cna Fita quindi, contrariamente a quanto discusso e deciso, ha ritenuto che non vi fosse alcun bisogno di potenziare la formazione e per questo ha espresso voto contrario anche alla previsione di bilancio. Tra i 24 Via uffici S. Martini, della provincia, 18-Tel scegli quello a te più Via vicino. Rosi, Per 26-Tel. informazioni: Amiata Tel Tel Siena Via delle Regioni, 78-Tel Valdelsa Tel Tel Via S. Martini, 18-Tel Valdichiana Via Rosi, Tel. 26-Tel Tel Amiata Tel Tel Valdelsa Tel Tel Valdichiana Tel Tel

5 Nuovo prodotto per le fidejussioni alle imprese del settore trasporto con Artigiancredito Toscano Il consorzio fidi degli artigiani interviene su una materia molto sentita da tutti gli addetti del comparto, per migliorare una costosa incombenza. TRASPORTO Le fidejussioni sono da tempo un passaggio obbligato per le imprese interessate ad ottenere anticipi su agevolazioni pubbliche e uno degli strumenti a disposizione delle imprese dell autotrasporto, chiamate annualmente a dimostrare la propria idoneità finanziaria per il mantenimento dei requisiti all Albo dei Trasportatori. Un'ulteriore, e costosa, incombenza che grava su queste aziende. Un problema, quello delle fidejussioni, su cui più volte Confartigianato e Cna della Toscana hanno chiesto di intervenire sia alle Istituzioni che alle banche e alle assicurazioni e a cui, oggi, Artigiancredito Toscano (ACT) dà una risposta concreta. E' uno strumento importante commentano Valter Tamburini e Fabio Banti, Presidenti di Cna e Confartigianato Toscana e una risposta concreta che le Associazioni Artigiane, attraverso ACT, consorzio di loro primario riferimento, mettono a disposizione delle imprese in genere e di quelle dell autotrasporto in particolare. Il trasporto merci è in seria difficoltà a causa di tante problematiche ormai note, come l'aumento quotidiano smisurato del gasolio o i ritardi dei pagamenti dei committenti, solo per citarne alcune, che stanno mettendo in ginocchio migliaia di imprese su tutto il territorio nazionale - sottolineano Franco Coppelli e Mauro Squarcia, Presidenti Cna Fita e Confartigianato Trasporti della Toscana -. Anche mantenere un impresa iscritta all'albo, oggi come oggi, rappresenta un problema a causa dei numerosi e quotidiani balzelli burocratici. Scadenze a catena, come quella del 4 dicembre, che richiedono sforzi importanti alle imprese anche in termini di adeguamento della propria capacità finanziaria, che può essere data anche attraverso una garanzia fidejussoria sempre più difficile da avere e mantenere ed il cui rilascio non è certo favorito dalle difficoltà in cui versa il sistema finanziario nel suo complesso. La fidejussione quindi è uno degli strumenti per la dimostrazione della capacità finanziaria, condizione indispensabile per l iscrizione all'albo Nazionale degli autotrasportatori e quindi per poter restare sul mercato. Fabrizio Campaioli, Presidente Artigiancredito Toscano rileva che ACT affianca al proprio segmento tradizionale di lavoro, cioè le garanzie, questo nuovo prodotto, le fidejussioni, che interessano nell immediato le imprese del settore autotrasporto, ma in futuro anche altri comparti dell artigianato e della piccola impresa. Un prodotto che si inserisce in un rinnovato rapporto con le Associazioni di categoria e con il settore autotrasporto in particolare. Per informazioni nella provincia di Siena sono a disposizione gli uffici Cna oppure la sede provinciale di Artigiancredito Toscano, viale Mazzini 11, Siena. Telefono

6 AMBIENTE Conto energia termico, un atto per la crescita del settore impiantistico. Bene il decreto di incentivazione per energia termica ed efficienza accolto con favore dagli impiantisti lo schema E stato di decreto ministeriale di incentivazione di interventi di piccola dimensione per l incremento dell efficienza energetica e per la produzione di energia rinnovabile termica che il Ministro d e l l o Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente, ha varato in attuazione dell articolo 28 del decreto legislativo 28/2011. Il testo è stato trasmesso alla Conferenza Unificata, di cui si attende il parere. Il decreto, secondo la Cna, può costituire un forte volano per la crescita del settore in un momento particolarmente difficile per le imprese in quanto rilancia i consumi interni che costituiscono il mercato principale delle nostre aziende. Sarà necessaria una grande campagna informativa per dare modo ai cittadini di conoscere nel dettaglio le opportunità che il provvedimento offre e mettere a punto strumenti utili a facilitare quelli che saranno i nostri clienti per l espletamento delle pratiche burocratiche previste. Il decreto prevede un tetto di spesa annua cumulata pari a 900 milioni di cui 700 milioni per interventi in favore di soggetti privati (famiglie, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa) e 200 milioni per interventi in favore della pubblica amministrazione. Raggiunti tali limiti è previsto che i Ministeri effettuino un aggiornamento delle misure di incentivazione. Gli interventi incentivabili per i privati riguardano interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza: sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore, riscaldamento di serre con generatori di calore a biomassa, installazione di collettori solari termici, sostituzione di scalda acqua elettrici con sistemi a pompa di calore. DIAMO ENERGIA AL TUO BUSINESS Offerte soggette a condizioni limitative. ImpresAttiva gas Scegli l offerta legata alle quotazioni di mercato! ValoreImpresa gas Scegli di bloccare il prezzo del gas per 12 mesi! Tel

7 Case verdi, un atto che piace alle imprese AMBIENTE Nelle prossime settimane gli atti e quant altro necessario per aziende e cittadini per poter accedere alle agevolazioni. Saranno possibili e di conseguenza agevolabili anche gli interventi fatti dalla pubblica amministrazione. Info sul sito Cna Siena. La Cna informa che il Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente, ha varato lo schema di decreto ministeriale di incentivazione di interventi di piccola dimensione per l incremento dell efficienza energetica e per la produzione di energia rinnovabile termica, in attuazione dell articolo 28 del decreto legislativo 28/2011. Il testo è stato trasmesso alla Conferenza Unificata, di cui si attende il parere. Attraverso la messaggistica ed i tradizionali canali informativi, la Cna terrà informate le imprese artigiane su questo importante provvedimento. Per tutti gli interessati è a disposizione una newsletter molto approfondita. L iscrizione può essere richiesta sul sito Sempre sul sito della Cna sono disponibili esempi ed altri documenti. Il decreto prevede un tetto di spesa annua cumulata pari a 900 milioni, di cui 700 milioni per interventi in favore di soggetti privati (famiglie, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa) e 200 milioni per interventi in favore della pubblica amministrazione. Raggiunti tali limiti è previsto che i Ministeri effettuino un aggiornamento delle misure di incentivazione. Gli interventi incentivabili riguardano:per i privati, interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza: sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore, riscaldamento di serre con generatori di calore a biomassa, installazione di collettori solari termici, sostituzione di scalda acqua elettrici con sistemi a pompa di calore. Gli enti della pubblica amministrazione potranno accedere agli incentivi per i medesimi interventi di cui al punto precedente e, in aggiunta, per interventi di miglioramento dell'efficienza energetica: isolamento termico di superfici opache, sostituzione di vetri e infissi, sostituzione di impianti di riscaldamento con caldaie a condensazione, installazione di sistemi di ombreggiamento e schermatura. Per gli interventi di miglioramento dell efficienza energetica nella pubblica amministrazione, l incentivo si attesta al 40% delle spese qualificabili; per gli interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza, l incentivo viene calcolato su una formula che valorizza, per ogni singola tecnologia, la stima dell energia prodotta. L erogazione avverrà in 5 anni, o in 2 nel caso degli interventi più piccoli. Gli incentivi andranno richiesti al Gse; tra i documenti da allegare evidenziamo:, la certificazione energetica, le schede tecniche di componenti e apparecchiature, asseverazione di un tecnico abilitato, le fatture, eventuale diagnosi energetica, eventuale titolo autorizzativo, dichiarazione di conformità redatta da un installatore avente i requisiti professionali previsti dal decreto 28/2011. La documentazione dovrà essere altresì conservata, dal soggetto responsabile, per i 5 anni successivi all intervento. Gli interventi non saranno cumulabili con altri incentivi, fatti salvi i contributi in conto interesse o fondi di garanzia/rotazione. Le risorse per la copertura degli incentivi verranno recuperate attraverso le tariffe del gas naturale. Cinque per mille Irpef Nella prossima denuncia dei redditi potrete anche voi dare un aiuto concreto alla Fondazione Stefano Bellaveglia. Nata nel 2006, questa associazione opera prevalentemente sul territorio della provincia di Siena, a sostegno di opere verso le persone deboli e l infanzia. Mario Rossi Trascrivendo negli spazi appositi dei modelli CUD UNICO il numero di codice fiscale con la vostra firma, destinando il cinque per mille dell Irpef, potrete anche voi portare un sostegno concreto affinché nel tempo la figura di Stefano Bellaveglia possa essere ricordata degnamente. Info: Mail: 7

8 IL FISCO Semplificazione fiscale, le idee della Cna. L Agenzia delle Entrate sta effettuando una mappatura per tagliare la burocrazia delle Entrate ha avviato un lavoro di mappatura di tutti gli adempimenti L Agenzia a carico dei cittadini/contribuenti, per verificare la possibile adozione di iniziative di normazione primaria e secondaria volte alla loro semplificazione e alla riduzione del loro costo sociale. Pertanto, il gruppo di lavoro interno alla stessa Agenzia ha stilato e reso noto di recente un primo elenco di ricognizione degli adempimenti fiscali, invitando le associazioni di categoria a procedere ad una sua integrazione con proposte di semplificazione. Per il buon esito del processo di semplificazione risulta necessario valutare gli oneri amministrativi, ovvero la stima dei tempi necessari ed i costi sostenuti dai cittadini, nonché individuare le proposte di semplificazione degli adempimenti ritenuti obsoleti, ridondanti ed eccessivamente complessi da eseguire. A tal fine la Cna insieme alle altre associazioni di Rete Impresa Italia ha provveduto alla stesura di un primo documento (scaricabile su contenente le proposte di semplificazione da apportare ad alcuni degli adempimenti fiscali individuati dalla stessa Agenzia. Cna si è riservata l onere di integrare il documento presentato, con altre proposte di semplificazione concernenti adempimenti che non erano presenti nella mappatura fatta dall Agenzia delle Entrate, tuttavia ugualmente onerosi per le imprese. La Cna ha partecipato fattivamente alla stesura del documento con il valido aiuto di Cna Interpreta. Accise trasporto, la Cna chiede semplificazioni. Proposto all Agenzia delle Dogane un procedimento con meno burocrazia per le imprese La procedura telematica messa a punto dall'agenzia delle Dogane, a decorrere dal 2012, per il rimborso trimestrale dell'accisa pagata dagli autotrasportatori cose conto terzi sui carburanti utilizzati per lo svolgimento dell'attività sta creando non pochi problemi agli operatori economici. Tale procedura risulta, infatti, molto complessa e di difficile applicazione, soprattutto per gli operatori che, in qualità di fornitori di servizi, si trovano a gestire centinaia di domande di rimborso di imprese di trasporto di piccole dimensioni. In un'ottica di semplificazione di risorse e costi a carico delle imprese, Cna ha proposto alla stessa Agenzia, con una lettera indirizzata al Direttore Generale Dott. Peleggi una soluzione operativa che prevede la possibilità di trasmettere le suddette istanze di rimborso attraverso lo stesso canale telematico utilizzato per l'invio dei modelli Intrasat, rinnovando la richiesta già a suo tempo presentata dalla Confederazione. Nella citata lettera Cna, assieme alle altre associazioni di Rete Impresa Italia, ha formulato, inoltre, altre eventuali soluzioni, quale la possibilità di consentire a tutti gli intermediari abilitati alla trasmissione telematica di qualificarsi come "Soggetto delegato", per trasmettere tutti i documenti da inviare alla stessa Agenzia. Non solo, ma anche quella di aprire il canale Entratel, al quale le nostre società di servizi sono già abilitate, per l'invio delle istanze in oggetto. Infine Cna si è resa disponibile a incontrare il Direttore dell'agenzia delle Dogane per fornire tutte le informazioni del caso e per definire insieme le modalità operative in grado di superare le attuali difficoltà nel rispetto della logica di semplificazione. 8

9 Le imprese edili tirano un piccolo sospiro di sollievo, anche se ancora non c è la certezza che il Governo abbia inserito i lavori pubblici nel decreto per la velocizzazione dei pagamenti, fino a qualche giorno fa esclusi, almeno nell interpretazione data dalla Cna. Questa la sintesi del decreto legislativo del 9 novembre 2012, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre 2002, n.231, per l'integrale recepimento della direttiva 2001/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, a norma dell'articolo 10, comma 1, della legge 11 novembre 2011, n.180, indicato nei giorni scorsi tra gli atti firmati da Presidente della Repubblica è stato pubblicato giovedì scorso sulla Gazzetta Ufficiale: le nuove regole si applicheranno alle transazioni commerciali concluse a decorrere dal 1 gennaio Il suddetto richiamo all'integrale recepi- C mento della Direttiva, previsto dalla legge delega, sembrerebbe indicare la volontà di dare attuazione anche all'undicesimo «considerando» inserito nelle premesse al testo della Direttiva 2011/7/Ue, dove si prevede che «la fornitura di merci e la prestazione di servizi dietro corrispettivo a cui si applica la presente direttiva dovrebbero includere anche la progettazione e l esecuzione di opere e edifici pubblici, nonché lavori di ingegneria civile». Il fatto, però, che nel testo del nuovo decreto, non si faccia alcun riferimento al settore dei lavori, ma si citino solo la consegna di merci o la prestazione di servizi, preoccupa Cna Costruzioni, anche perché già sulla base della precedente regolamentazione comunitaria -fortemente richiesta dalla nostra confederazione-, invariata sul punto, il settore dei lavori era di fatto rimasto nell ombra, grazie ad un inter- COSTRUZIONI Pagamenti e lavori pubblici, Cna vuole chiarezza. Gli edili artigiani ancora preoccupati per le norme in materia vento interpretativo che, strumentalmente, tendeva ad escluderlo non tenendo conto che i lavori rientrano (anche fiscalmente) tra i servizi, e non considerando che già la prima direttiva sui pagamenti citava anche quella sulle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori (allora la Direttiva 93/37/Cee del Consiglio, del 14 giugno 1993 ), cosa assolutamente inutile laddove i lavori fossero stati da considerare fuori dal suo ambito d applicazione. Appalti pubblici, difficoltà nelle regole pubblico-privato ome spesso accade l'avvio dell'operatività delle innovazioni non sempre è agevole: la rivista Edilizia e Territorio prova a fare il punto della situazione rendicontando i risultati -per ora negatividelle prime quattro gare del genere da essa censite. Ma forse dipende dal fatto che ci si trova ancora in una fase di "rodaggio" Questo nuovo tipo di contratto, lo ricordiamo, è stato introdotto nel Codice, dal marzo di quest'anno, dall'art. 44 della legge (24 marzo 2012, n. 27) che ha convertito il Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1: troppo presto per tirare le somme sulla valenza di un'istituto con il quale, sinora soprattutto enti locali, tentano di superare i vincoli imposti dal patto di stabilità, che si sommano alla situazione di difficoltà derivante dalla crisi finanziaria in atto. Vincoli che limitano fortemente la possibilità di effettuare nuovi investimenti, trattando in maniera indifferenziata tutte le spese delle pubbliche amministrazioni, a prescindere dalla loro valenza. Sopra il presidente di Cna Costruzioni Giuliano Ianunzio 9

10 LE NORME Soa, certificazione più facile. Contributi per poterla avere La Cna vicina alle imprese. L attestazione Soa necessaria per lavori pubblici con importo superiore a ,00. Ottenere l attestazione SOA adesso sarà più facile. E stato pubblicato un bando che comprende infatti un contributo a fondo perduto per il rilascio o il rinnovo di tale documento. Ricordiamo che l'attestazione SOA è il documento che consente alle imprese di partecipare agli appalti di lavori pubblici con importo a base d asta superiore a ,00. Le aziende interessate devono al più presto contattare gli uffici Qualità della Cna di Siena, ai recapiti sotto indicati. Il contributo infatti sarà accordato in base all'ordine di presentazione delle domande, che devono pervenire tramite associazioni di categoria. I nostri uffici vi assisteranno nella verifica dei requisiti minimi necessari e nella presentazione della domanda. Cna ricorda anche per le imprese iscritte alla Cia-Fsr sono sempre disponibili finanziamenti a fondo perduto per l ottenimento dell attestazione SOA (25% del costo sostenuto con un massimo di 2.600,00) e certificazione di qualità ISO9001. Per avviare le pratiche di attestazione SOA o per qualsiasi altra informazione, potete contattare i nostri consulenti presso l ufficio Qualità ai seguenti recapiti telefonici /531/533 - Cell Prevenzione incendi stato pubblicato nella Gazzetta E Ufficiale n. 201 del 28 agosto u.s. l annunciato DM 7/8/12 "Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare, ai sensi dell'articolo 2, comma 7, del decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151 che si prefigge di uniformate le procedure di prevenzione incendi. Il Decreto del Ministero dell Interno abroga il DM 4/5/98, il quale continua ad applicarsi, limitatamente all'art. 7, comma 2 e 3 e all'allegato 6, al fine di determinare l'importo dei corrispettivi dovuti ai Vigili del Fuoco fino alla pubblicazione del decreto previsto dal DPR 151/11, art. 2, comma 8. La modulistica per la presentazione delle istanze, delle segnalazioni (Scia) e delle dichiarazioni sarà oggetto di un prossimo decreto del direttore centrale per la prevenzione e sicurezza tecnica del Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile. Cia Cassa Integrazione Assistenza - Siena Rimborsa alle aziende iscritte i costi del personale dipendente in malattia, infortunio, maternità, visite mediche, terapie ambulatoriali, malattia del bambino e congedi parentali Rimborsa anche i costi per garantire l 80% del salario ai dipendenti, per un periodo massimo di sei mesi all anno, in caso mancanza di lavoro. Rimborsa inoltre i costi di formazione e aggiornamento professionale e prevede interventi a fondo perduto per sviluppo, innovazione e sicurezza. Cia, vantaggi e certezze dei costi per le imprese iscritte Per maggiori informazioni telefonate al n nelle ore di ufficio. 10

11 Ascensori, più sicurezza per i vecchi impianti. Le richieste delle imprese Cna chiede un provvedimento per quelli installati prima del Necessarie regole certe e norme omogenee per poter lavorare meglio. LE NORME Con una lettera unitaria inviata al Capo di Gabinetto del Ministero dello Sviluppo Economico, Cna insieme ad altre associazioni del comparto ascensoristico, ha chiesto l approvazione di una norma che tenesse conto della Raccomandazione della Commissione Europea 95/216/ Ce dell'8 giugno 1995 sul miglioramento della sicurezza degli ascensori esistenti, mai recepita nel nostro paese, al contrario della maggioranza dei paesi della Unione Europea. Secondo la Cna è infatti necessario colmare la lacuna del Dpr 162/99 che, diversamente dalle leggi precedenti, non ha previsto delle azioni specifiche per l'adeguamento degli ascensori installati prima della sua entrata in vigore, per un graduale adeguamento delle norme di sicurezza obbligatorie per quelli di nuova installazione. L'occasione, secondo la Cna, è data dalla necessità di una ulteriore modifica del Dpr 162/99 (e del successivo Dpr 214/10) per regolamentare e unificare le procedure per quanto riguarda le verifiche periodiche anche per le altre tipologie di impianti di sollevamento diversi dagli ascensori ma simili per utilizzo(es. piattaforme elevatrici, montascale, servoscale, scale mobili, etc.). Dalle indagini condotte e pubblicate da vari operatori del settore ascensoristico, emerge che le principali situazioni di pericolo presenti sugli ascensori installati e mantenuti in esercizio in Italia sono le seguenti:intrappolamento in cabina con dispositivo di allarme non adeguato; precisione di fermata e di livellamento; urto con porte automatiche scorrevoli orizzontalmente; mancato adeguamento degli ascensori idraulici installati prima del DPR 268/94; mancanza della illuminazione permanente di emergenza in cabina; inadeguata illuminazione del locale macchinario; mancanza del dispositivo per la chiusura automatica delle porte di piano scorrevoli orizzontalmente. L Italia, ricorda la Cna, è un paese che con i suoi oltre 900 mila impianti installati, prevalentemente nei condomini, è secondo al mondo, per numero di impianti, soltanto alla Cina. Questo significa oltre cento milioni di corse giornaliere per oltre dieci milioni di italiani che quotidianamente utilizzano un ascensore di cui però oltre il 40% è in funzione da più di trenta anni. Ne deriva che la gran parte di questi impianti, si stima almeno il 60%, non sia adeguato alle attuali norme di sicurezza che ne rendono l utilizzo più sicuro. 11

12 12

13 Damiani: Non abbiate paura a denunciare i delinquenti. Aglieco: Gli anziani un punto di riferimento solido per tutti noi SOCIALE Sala gremita a Siena nella giornata della prevenzione a truffe e raggiri con i Carabinieri. Tanti pensionati hanno voluto sottolineare con la loro presenza l importanza della prevenzione a truffe e raggiri. L occasione è stata offerta da Cna Pensionati di Siena che assieme all Arma dei Carabinieri lo scorso 9 novembre ha organizzato nella cittadina toscana una bellissima e riuscitissima iniziativa, durante la quale il colonnello Aglieco, Comandate dei Carabinieri della Provincia di Siena, ha illustrato le truffe ed i raggiri più tradizionali che vedono come vittime gli anziani. Ai presenti è stato distribuito un libretto. Lo stesso può essere scaricato sul sito della Cna di Siena, oppure ritirato in tutti gli uffici dell associazione della provincia di Siena. Siamo vicini alla popolazione ed accettiamo in pieno la collaborazione dei pensionati, che svolgono un ruolo importantissimo nella nostra società. Con la loro esperienza sono infatti un punto di riferimento. Nessuno deve avere paura a denunciare truffe o raggiri. Dobbiamo collaborare sempre di più per una corretta prevenzione. Grande soddisfazione anche del presidente di Cna Pensionati di Siena Roberto Damiani: Sono felicissimo che i pensionati abbiano risposto in massa al nostro appello. Sembra quasi che stasera abbiamo costruito un muro contro chi vorrebbe farci del male, ma non hanno capito che siamo forti e determinati a combatterli. Siamo una generazione abituata alla fatica ed al lavoro e non ci fa paura nulla. Ribadisco il nostro appello a collaborare con i Carabinieri e con le forze dell ordine in generale. Non abbiamo paura o timore a denunciare i delinquenti. La nostra azione eviterà che altri possano cadere nella stessa rete di questi delinquenti. Non sono voluti mancare neppure il questore di Siena ed il prefetto Andrea Saccone, che nel suo intervento ha ribadito: La collaborazione fra tutte le forze è fondamentale. Unire le forze e fare squadra è un valore aggiunto per il territorio. Plaudiamo a questa iniziativa di Cna Pensionati di Siena. All iniziativa era presente anche Giancarlo Pallanti, presidente nazionale di Cna Pensionati: La nostra associazione è una forza sociale importantissima, sia a Siena che in tutta Italia. Vedere così tante persone che si sono unite alla nostra lotta è il miglior stimolo ad andare avanti con determinazione assoluta, la stessa che chiediamo allo Stato, affinché non siano tagliati i fondi alle forze dell ordine. Vogliamo poi certezza della pena, per chi è preso con le mani nel sacco a fare del male alle persone per bene. Sopra Roberto Damiani presidente Cna Pensionati di Siena. Nella pagina foto del convegno. 13

14 L INIZIATIVA Tutte le modalità contrattuali Lo scorso 24 ottobre è entrata in vigore una nuova disposizione di legge che ridefinisce le modalità contrattuali e di pagamento nella filiera agroalimentare all interno dello stato italiano. La Cna pone l attenzione sulle possibili ripercussioni che tale normativa apporterà al settore alimentare in particolare nei rapporti, non solo tra Pmi e Grande Distribuzione Organizzata, ma anche tra imprese piccole e medie interessate all acquisto, alla vendita o alla produzione su commissione o conto terzi di prodotti agroalimentari. Di questo la Cna ha parlato venerdì 30 novembre 2012 svolto presso la Cna di Sinalunga. Sono intervenuti su questa delicata materia Gabriele Rotini Responsabile Nazionale Cna Unione Alimentare (Art 62, attività svolte dalla Cna, proposte e modifiche); Francesco Marchionni Responsabile Area Fiscale Cna Servizi. Le conclusioni sono state svolte da Paolo Meacci Presidente Provinciale Cna Unione Alimentare della filiera agroalimentare. Un interessante convegno Cna è stato organizzato a Sinalunga (nella foto). Ha coordinato i lavori Mauro Vestri Responsabile Provinciale Cna Unione Alimentare. Nella consapevolezza delle implicazioni che si vengono a creare nelle attività in assenza di modalità semplificate e agevoli per le Pmi, Cna ha avanzato proposte e indicazioni che sono state recepite nella stesura del Regolamento di attuazione dell articolo 62, come convertito nella Legge n. 27 del 24 marzo 2012, ancora in bozza presso il Ministero in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e fermo al Consiglio di Stato. Si metteranno a disposizione delle imprese, nel pieno rispetto della normativa, informazioni, strumenti e possibili schemi contrattuali rivolti a facilitare i rapporti tra imprese. Durante il convegno sono stati affrontati temi quali l obbligatorietà della forma scritta da adottare per ogni rapporto contrattuale in atto, che la Cna ha richiesto fosse il più ampio e semplificato possibile, i termini vincolanti di pagamento e l impianto. L incontro è stato completato dalla consegna ai presenti del materiale informativo. L incontro era rivolto a titolari e dirigenti di imprese interessate a: definire i prodotti deperibili e stabilire i termini di pagamento obbligatori; valutare e conoscere le forme contrattuali da sottoporre ai propri fornitori, clienti e/o committenti; attivare il processo di ridefinizione delle modalità contrattuali in conformità alle norme dal Per informazioni: Mauro Vestri tel. 0578/

15 Telecomunicazioni Viale Toselli, Siena Tel Fax e.mail: 15

16 Sedi Cna in Provincia di Siena SIENA- DIREZIONE PROVINCIALE Via Simone Martini, 18 Direttore Generale CNA: Gianni Castagnini Tel Fax COLLE DI VAL D'ELSA Via dello Spuntone, 8/c Responsabile: Leonardo Boschi Tel Fax ROSIA Sovicille via Campo al Moro, 23 Responsabile: Alessio Bardini Tel /1/2 - Fax SIENA- CENTRO SERVIZI Via delle Regioni, 78 Direttore Cna Servizi: Fabio Ceccherini Direttore CESAM.: Stefano Guerri Tel Fax MONTALCINO Via del Poggiolo, 10 - S. Giusto Riferimento: Paola Giorni Tel Fax SAN GIMIGNANO Via XX Settembre, 1 Riferimento: Antonella Spinelli Tel Fax SIENA - CONTABILITA' E CONSULENZE FISCALI Via Rosi, 46/48 Responsabile: Gianni Bari Tel Fax MONTEPULCIANO Via G. Marino, 6/A Direttore CEDA: Gianni Rossi Riferimento: Roberta Carpini Tel Fax SAN QUIRICO D'ORCIA via F. Tozzi, 10 Riferimento: Paola Giorni Tel Fax ABBADIA SAN SALVATORE Via Gorizia, 38 Responsabile: Lauro Simonetti Tel Fax MONTERONI D'ARBIA via del Risorgimento, 628/F Responsabile: Raffaella Turchi Tel Fax SARTEANO Via del Bagno Santo, 5 Responsabile: Alessandro Brilli Riferimento: Luciano Bernardini Tel Fax ASCIANO Via Bruno Buozzi 29/31 Responsabile: Roberto Pianigiani Tel Fax PIANCASTAGNAIO via Vespa, 94 Riferimento: Leonardo Angelini Tel Fax SINALUNGA P.za Enzo Ferrari, n.12 Responsabile: Gianni Saletti Tel / Fax BUONCONVENTO P.zza Gramci, 5 Responsabile: Raffaella Turchi Tel Fax POGGIBONSI via Salceto, 123 Direttore CASAP: Maurizio Lazzerini Tel Fax TORRITA DI SIENA P.za Nazioni Unite, n.21 Responsabile: Marco Grilli Tel Fax CHIANCIANO TERME Via Dante, 34 Responsabile: Leonardo Caponeri Tel Fax CHIUSI SCALO Via Oslavia, 47 Responsabile: Alessandro Brilli Tel / Fax RADDA IN CHIANTI strada vicinale Lame dei Frati, 101/M Riferimento: Roberto Manganelli Tel Fax RAPOLANO TERME via G. di Vittorio, 11 Responsabile: Susanna Casini Tel Fax Sede Provinciale e Direzione Via S.Martini, 18 - Siena Centralino Fax Web:

INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR

INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR 991/2013 ( CRITERI E MODALITA PER UTILIZZO RISORSE DESTINATE ALL EDILIZIA SCOLASTICA - BILANCIO DI PREVISIONE 2013, PROGRAMMA OPERATIVO ANNUALE APPROVATO

Dettagli

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni PRIVATI, tipologia e

Dettagli

Iniziativa della. Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena. in collaborazione con la

Iniziativa della. Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena. in collaborazione con la BANDO PER LA CONCESSIONE ALLE PMI DEL SETTORE AGRICOLO DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI FINALIZZATI AGLI INVESTIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE, LA TRASFORMAZIONE

Dettagli

AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a COMMISSIONE INDUSTRIA COMMERCIO E TURISMO

AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a COMMISSIONE INDUSTRIA COMMERCIO E TURISMO AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a COMMISSIONE INDUSTRIA COMMERCIO E TURISMO Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso per l'energia da fonti

Dettagli

Conto Termico: arrivano le regole applicative per accedere agli inventivi

Conto Termico: arrivano le regole applicative per accedere agli inventivi Conto Termico: arrivano le regole applicative per accedere agli inventivi Il D.M. 8 dicembre 01, cosiddetto "Conto Termico" (v. articolo BibLus-net "Conto Energia Termico: arrivano incentivi fino al 40%

Dettagli

ALLE SOCIETÀ IN INDIRIZZO LORO SEDI

ALLE SOCIETÀ IN INDIRIZZO LORO SEDI STUDIO COMMERCIALISTA BUSCEMI Viale Monte Nero, 17 20135 MILANO Tel. 02/54.100.190 (R.A.) Fax 02/54.100.511 www.studiobuscemi.it e-mail: studiobuscemi@legalmail.it Prot. Circolare n. 14/2013 Milano, 04

Dettagli

Conto Energia Termico 2012

Conto Energia Termico 2012 Studio Bernardi di Andrea Per.Ind. Bernardi Progettazione impianti tecnologici, antincendio e consulenze energetiche Conto Energia Termico 2012 Versione 1 21/11/2012 Via Roma, 223/B 30038 Spinea (VE) -

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

Conto termico, via agli incentivi

Conto termico, via agli incentivi CIRCOLARE A.F. N. 73 del Maggio 013 Ai gentili clienti Loro sedi Conto termico, via agli incentivi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che sono state pubblicate sul sito della GSE le

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE. Settembre 2014. 9. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale

NOVITA LEGISLATIVE. Settembre 2014. 9. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale NOVITA LEGISLATIVE Settembre 2014 1. Tremonti quater bonus macchinari 2. F24 online dal 01.10.2014 3. Tasi: scadenza del 16.10.2014 4. Modello 770: proroga pag. 2 pag. 3 pag. 4 pag. 4 sommario 5. Riduzione

Dettagli

Guida Autorizzazioni per impianti alimentati da fonti rinnovabili

Guida Autorizzazioni per impianti alimentati da fonti rinnovabili A cura del Punto Assistenza Risparmio Energetico Guida Autorizzazioni per impianti alimentati da fonti rinnovabili Pisa Ambiente Innovazione Via Benedetto Croce,62 56125 Pisa Tel. 050 503926 Fax 050 2207745

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

Circolare N.73 del 2 Maggio 2013

Circolare N.73 del 2 Maggio 2013 Circolare N.73 del 2 Maggio 2013 Conto termico, via agli incentivi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che sono state pubblicate sul sito della GSE le regole tecniche per beneficiare

Dettagli

Cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 D.L. 1/2012 - bozza di DM attuativo.

Cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 D.L. 1/2012 - bozza di DM attuativo. Cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 D.L. 1/2012 - bozza di DM attuativo. L art. 62 del Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla Legge 24 marzo 2012,

Dettagli

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 IN QUESTA NEWSLETTER: Contributo ai Comuni per il minor gettito IMU Certificazione patto di stabilità: il test firma digitale sospensione dell IMU: il decreto sospensione

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Riduzione degli oneri amministrativi: dalle norme al risultato

Riduzione degli oneri amministrativi: dalle norme al risultato 21 novembre 2013 : dalle norme al risultato DOCUMENTAZIONE Ministro i per la pubblica amministrazione i i e la semplificazione i La graduatoria Doing Business 2014 2 Il recentissimo rapporto Doing Business

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ALLEGATO Schema di DPR di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modifiche e integrazioni, concernente Attuazione della direttiva

Dettagli

FINANZIARIA 2007: INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO IRPEF 36% E IVA 10%

FINANZIARIA 2007: INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO IRPEF 36% E IVA 10% FINANZIARIA 2007: INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO IRPEF 36% E IVA Premessa Con l art. 1, comma 387, della Legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) sono state prorogate al 31 dicembre 2007 le

Dettagli

Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali. Premesso e considerato

Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali. Premesso e considerato BOZZA Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali Premesso e considerato il decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n. 156 recante

Dettagli

Il Conto Termico D.M. 28 dicembre 2012 Status Quo & Evoluzione, il Conto Termico 2.0 (CT 2.0) Filippo Marcelli Unità Conto Termico

Il Conto Termico D.M. 28 dicembre 2012 Status Quo & Evoluzione, il Conto Termico 2.0 (CT 2.0) Filippo Marcelli Unità Conto Termico Il Conto Termico D.M. 28 dicembre 2012 Status Quo & Evoluzione, il Conto Termico 2.0 (CT 2.0) Filippo Marcelli Unità Conto Termico Seminario : «Le novità del Conto Termico 2,0" Modena 27 aprile 2016 Il

Dettagli

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di

Dettagli

NOTA Decreto ministeriale 28 dicembre 2012 sugli incentivi per la produzione di energia termica (c.d. conto termico )

NOTA Decreto ministeriale 28 dicembre 2012 sugli incentivi per la produzione di energia termica (c.d. conto termico ) NOTA Decreto ministeriale 28 dicembre 2012 sugli incentivi per la produzione di energia termica (c.d. conto termico ) Con il decreto ministeriale 28 dicembre 2012 sono stati approvati le modalità ed i

Dettagli

NOTA DI AGGIORNAMENTO RELAZIONE COMPLESSIVA CONTENENTE IL BILANCIO ANNUALE. Anno 2014. (Art. 8, comma 2-bis, legge 11 novembre 2011, n.

NOTA DI AGGIORNAMENTO RELAZIONE COMPLESSIVA CONTENENTE IL BILANCIO ANNUALE. Anno 2014. (Art. 8, comma 2-bis, legge 11 novembre 2011, n. RELAZIONE COMPLESSIVA CONTENENTE IL BILANCIO ANNUALE DEGLI ONERI AMMINISTRATIVI INTRODOTTI ED ELIMINATI Anno 2014 (Art. 8, comma 2-bis, legge 11 novembre 2011, n. 180) NOTA DI AGGIORNAMENTO AL 31 MAGGIO

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille Segreteria Federale Roma, 3 aprile 2015 Circolare n. 46/2015 A tutte le Società affiliate Organi Centrali e Territoriali Ufficiali di Gara LORO INDIRIZZI OGGETTO: Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs act

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs act Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs act 24 settembre 2015 da RSS TeleConsul Editore S.p.A. Pubblicati, nella G.U.S.O. 23 settembre 2015, gli ultimi 4 decreti

Dettagli

Conto Termico 2013. Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Vic Energy

Conto Termico 2013. Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Vic Energy Conto Termico 2013 Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili Introduzione Questo decreto nasce con lo scopo di incentivare interventi di piccole dimensioni per

Dettagli

EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE: UN PROMEMORIA IN 10 STEP Giugno 2013

EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE: UN PROMEMORIA IN 10 STEP Giugno 2013 EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE: UN PROMEMORIA IN 10 STEP Giugno 2013 Queste note si rivolgono al Comune che, in assenza di risorse economiche, intende diminuire i costi delle

Dettagli

Visto l articolo 7 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 il quale:

Visto l articolo 7 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 il quale: Protocollo d intesa tra l Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture e la Regione Lombardia per la definizione dell articolazione dell Osservatorio dei contratti pubblici

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica GRANDI RISCHI COMMENTO 58 N. 2-29 gennaio 2013 IL SOLE 24 ORE www.ambientesicurezza24.com Dal MinInterno nuove disposizioni con il D.M. 20 dicembre 2012 ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova

Dettagli

Iniziativa della. Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena. in collaborazione con la

Iniziativa della. Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena. in collaborazione con la BANDO PER LA CONCESSIONE ALLE PMI DEI SETTORI INDUSTRIA E ARTIGIANATO DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI PER LA RICERCA INDUSTRIALE E LO SVILUPPO PRECOMPETITIVO, PER INTERVENTI DI CAPITALIZZAZIONE

Dettagli

DETRAZIONI E INCENTIVI SAPER SCEGLIERE PER OFFRIRE UNA CORRETTA CONSULENZA

DETRAZIONI E INCENTIVI SAPER SCEGLIERE PER OFFRIRE UNA CORRETTA CONSULENZA SAPER SCEGLIERE PER OFFRIRE UNA CORRETTA CONSULENZA PERCHE INCENTIVARE? DETRAZIONI E INCENTIVI IN ITALIA E VIGENTE IL D.LGS. N 28/2011 GLI INCENTIVI AGLI IMPIANTI SONO OBBLIGATORIAMENTE PREVISTI DA DIRETTIVA

Dettagli

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Decreto del ministero dello Sviluppo economico 21 marzo 2013 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 2 luglio 2013 n.

Dettagli

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 16 ottobre 2014 - Unione dei Comuni Colline di Langa e del Barolo INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE Relatore: Geom. Fabio Girolametti NOVITÀ INTRODOTTE DALLA

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO il decreto legislativo n. 28 del 2011; CONSIDERATO che l Italia ha pienamente

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

Visto Visto Visti Visto Vista Visto

Visto Visto Visti Visto Vista Visto Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il Ministro per la Semplificazione

Dettagli

Articolo 1. (Detassazione degli investimenti in impianti e macchinari)

Articolo 1. (Detassazione degli investimenti in impianti e macchinari) Articolo 1 (Detassazione degli investimenti in impianti e macchinari) 1. E escluso dall'imposizione sul reddito di impresa il 50 per cento del valore degli investimenti in nuovi macchinari e in nuove apparecchiature

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Provinciale

Verbale di Deliberazione della Giunta Provinciale Verbale di Deliberazione della Giunta Provinciale n. 92 - Riunione del 12 Maggio 2009 Oggetto: Bando provinciale per l erogazione di contributi per attività di diagnosi e progettazione di interventi di

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%)

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) GUIDA ALL APPLICAZIONE DEL DECRETO 83/2012 ART. 11 CONVERTITO CON LEGGE 7 AGOSTO 2012 N 134 (SETTEMBRE 2012) Indice: 1. INTRODUZIONE...2 2. TESTO DISPOSIZIONE: ARTICOLO

Dettagli

Risparmio energetico detrazione del 55% novità del decreto «anticrisi»

Risparmio energetico detrazione del 55% novità del decreto «anticrisi» Detrazione del 55% Risparmio energetico detrazione del 55% novità del decreto «anticrisi» Mario Jannaccone, La Settimana Fiscale, Il Sole24 Ore, 12 febbraio 2009, n. 6, p. 18 QUADRO NORMATIVO L art. 1,

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65%

AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65% OGGETTO: Circolare 7.2014 Seregno, 14 marzo 2014 AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65% Sulle spese sostenute dal 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del Dl 63/2013) al 31 dicembre 2014, per

Dettagli

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013 SOMMARIO Pag. 2. CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: MODIFICATO IL BANDO E LE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO Pag. 3. RINNOVABILI TERMICHE: PUBBLICATO IL DECRETO IN GAZZETTA

Dettagli

REGIONE TOSCANA OSSERVATORIO REGIONALE CONTRATTI PUBBLICI (ex L.R. 38/07) SEZIONE REGIONALE OSSERVATORIO CONTRATTI PUBBLICI (ex D.Lgs.

REGIONE TOSCANA OSSERVATORIO REGIONALE CONTRATTI PUBBLICI (ex L.R. 38/07) SEZIONE REGIONALE OSSERVATORIO CONTRATTI PUBBLICI (ex D.Lgs. REGIONE TOSCANA OSSERVATORIO REGIONALE CONTRATTI PUBBLICI (ex L.R. 38/07) SEZIONE REGIONALE OSSERVATORIO CONTRATTI PUBBLICI (ex D.Lgs. 163/06) AVVISO TRASMISSIONE DEI DATI DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI,

Dettagli

Studio Legale Salvemini. Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011

Studio Legale Salvemini. Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011 Studio Legale Salvemini Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011 La nuova normativa antincendio prevista dal D.P.R. 1 agosto 2011 n. 151 Collegio dei Periti Industriali

Dettagli

INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI. Contenuto della disposizione

INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI. Contenuto della disposizione Oggetto Interventi su edifici esistenti finalizzati al conseguimento di un predefinito valore limite del fabbisogno di energia primaria annuo Interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI SU CAMINETTI E STUFE

DETRAZIONI FISCALI SU CAMINETTI E STUFE DETRAZIONI FISCALI SU CAMINETTI E STUFE Periodo in cui sono sostenute le spese Fino al 25/06/2012 Dal 26/06/2012 al 31/12/2012 Dal 01/01/2013 al 30/06/2013 Dal 01/07/2013 Opere finalizzate al risparmio

Dettagli

INCENTIVI FISCALI 55% - 36%

INCENTIVI FISCALI 55% - 36% INCENTIVI FISCALI 55% - 36% GUIDA ALL APPLICAZIONE DEL DECRETO 83/2012 ART. 11 LUGLIO 2012 www.anit.it Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Indice: 1. INTRODUZIONE... 1 2. TESTO DEL

Dettagli

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività.

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Principali novità: Riferimento alla normativa europea e regionale in particolare a "Una

Dettagli

CONFCOMMERCIO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. (Genova, 18 maggio 2009) INTERVENTO

CONFCOMMERCIO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. (Genova, 18 maggio 2009) INTERVENTO CONFCOMMERCIO FISCALITÀ E PMI: UN FISCO SOSTENIBILE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (Genova, 18 maggio 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Grazie dottor Paternostro.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 37 del 17 03 2015 8883 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 209 D.P.R. N.380/2001. Modulistica di riferimento per i procedimenti relativi

Dettagli

I VANTAGGI FISCALI PER GLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA CONTO TERMICO E DETRAZIONE FISCALE

I VANTAGGI FISCALI PER GLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA CONTO TERMICO E DETRAZIONE FISCALE I VANTAGGI FISCALI PER GLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA CONTO TERMICO E DETRAZIONE FISCALE FONTE: HTTP://WWW.CASA.GOVERNO.IT HTTP://WWW.GSE.IT I VANTAGGI FISCALI PER GLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

CDR 16 Gioventù e Servizio civile nazionale

CDR 16 Gioventù e Servizio civile nazionale CDR 16 Gioventù e Servizio civile nazionale MISSIONE 001 Organi Costituzionali a rilevanza Costituzionale e Presidenza del Consiglio dei Ministri Programma 003 Presidenza del Consiglio dei ministri MISSIONE

Dettagli

entrata in vigore delle norme armonizzate e della fine del periodo di coesistenza delle disposizioni legislative nazionali preesistenti.

entrata in vigore delle norme armonizzate e della fine del periodo di coesistenza delle disposizioni legislative nazionali preesistenti. La direttiva 89/106 sui prodotti da costruzione e la normativa tecnica - Il ruolo dell UNI Ruggero Lensi Direttore Tecnico UNI Fin dal primo giorno del suo insediamento il Comitato Costruzioni UNI ha individuato

Dettagli

INCENTIVI FONTI RINNOVABILI - ESCLUSO FOTOVOLTAICO (articolo 24)

INCENTIVI FONTI RINNOVABILI - ESCLUSO FOTOVOLTAICO (articolo 24) PROMOZIONE DELL USO DELL ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI D.Lgs. 3 marzo n. 28 Nella Gazzetta Ufficiale n. 71 del 28 marzo (supplemento ordinario n. 81) è stato pubblicato il D.Lgs. 3 marzo, n. 28 recante

Dettagli

CIRCOLARE 06/02/2016 NOVITA SULLE DETRAZIONI 50% E 65%

CIRCOLARE 06/02/2016 NOVITA SULLE DETRAZIONI 50% E 65% CIRCOLARE 06/02/2016 NOVITA SULLE DETRAZIONI 50% E 65% La Legge di Stabilità 2016 ha prorogato anche per l anno 2016, mantenendo le aliquote potenziate del 50% e del 65%, le detrazioni per interventi di

Dettagli

Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le

Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le detrazioni relative alle spese su manutenzioni e ristrutturazioni

Dettagli

Le detrazioni per gli interventi sugli immobili. A cura dell Ufficio Tributario dell Unione Provinciale Artigiani di Padova

Le detrazioni per gli interventi sugli immobili. A cura dell Ufficio Tributario dell Unione Provinciale Artigiani di Padova Le detrazioni per gli interventi sugli immobili A cura dell Ufficio Tributario dell Unione Provinciale Artigiani di Padova Le tipologie di detrazioni 50% recupero del patrimonio edilizio (art. 16-bis DPR

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 7 aprile 2008 Disposizioni in materia di detrazione per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, ai sensi dell'articolo

Dettagli

La fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione

La fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione La fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione GAETANO MESIANO DIRIGENTE SETTORE IMPOSTE INDIRETTE ASSONIME 1 Il nuovo obbligo dei soggetti IVA Dal 6 giugno scorso l emissione,

Dettagli

Davide Bonori Unione Installazione Impianti CNA Bologna 07/11/2012. Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI

Davide Bonori Unione Installazione Impianti CNA Bologna 07/11/2012. Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Progetto 20-20-20 Traguardo Condomini Con il contributo di: Sponsor dell iniziativa: Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Bologna, 5 novembre 2012 Davide Bonori Unione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Gianluca Ruggieri Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate DiSTA Uninsubria Brescia, Scuola Edile Bresciana 9 maggio 2013 La dipendenza

Dettagli

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Roma, 12 febbraio 2014 IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Le imprese, in attesa da troppo tempo di una ripresa che sembra non arrivare mai, chiedono azioni concrete e rapide e non più progetti astratti per la soluzione

Dettagli

Il quadro normativo europeo in estrema sintesi è rappresentato dalle seguenti direttive ed è riportato in modo completo in allegato.

Il quadro normativo europeo in estrema sintesi è rappresentato dalle seguenti direttive ed è riportato in modo completo in allegato. ALLEGATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO AGGIORNATO Le politiche europee su energia e clima al 2020 vanno inquadrate nell ambito della Convenzione ONU sui cambiamenti climatici (UNFCC) e del negoziato

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 Como, 17.3.2015 INFORMATIVA N. 14/2015 Fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione Estensione dal 31.3.2015 INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Soggetti interessati... pag. 2 2.1 Fornitori

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO 1. Misure per il credito alle PMI Confronto con ABI pag. 1 2. Fondo di Garanzia per le PMI pag. 1 FINANZA 3. Crowdfunding Raccolta di capitali di rischio

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

Ristrutturazione della casa: guida alle detrazioni 2016

Ristrutturazione della casa: guida alle detrazioni 2016 Ristrutturazione della casa: guida alle detrazioni 2016 Ristrutturazione della casa: prorogati per il 2016 il bonus Irpef sulle ristrutturazioni edilizie del 50%, l ecobonus del 55%, e il bonus mobili

Dettagli

GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI

GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI GUIDA ALLE DETRAZIONI ED AGLI INCENTIVI FISCALI LE DETRAZIONI E GLI INCENTIVI 65% PER RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Come funziona? Fino a quando è in vigore? Quali sono gli interventi agevolati?

Dettagli

CIRCOLARE n. 14 del 31/07/2014 FATTURA ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CIRCOLARE n. 14 del 31/07/2014 FATTURA ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CIRCOLARE n. 14 del 31/07/2014 FATTURA ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1. SOGGETTI INTERESSATI 1.1 Fornitori della pubblica amministrazione 1.2 Pubbliche amministrazioni interessate

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni Numero 01040/2015 e data 01/04/2015 R E P U B

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/69/CU7/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/69/CU7/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/69/CU7/C5 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL DECRETO LEGISLATIVO 4 LUGLIO 2014, N. 102, DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA

Dettagli

conto energia termico

conto energia termico conto energia FV FER TO certificati verdi detrazioni fiscali 50% e 65% certificati bianchi o TEE conto energia termico decreto ministeriale 28 dicembre 2012 incentivazione della produzione di energia termica

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

ADEMPIMENTI. Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti

ADEMPIMENTI. Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti CIRCOLARE MENSILE GIUGNO 2012 LAVORO - NOVITA DEL MESE NEWS DI GIUGNO ADEMPIMENTI Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con nota n.8367 del 2 maggio,

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI Modena, 07 aprile 2015 Fiscale Spazio aziende è destinato alle impresa dello Studio e contiene, con un linguaggio semplice e sintetico, un riepilogo delle ultime novità fiscali, alcuni commenti relativi

Dettagli

La riqualificazione energetica

La riqualificazione energetica La riqualificazione energetica Come funzionano le detrazioni CASA DOLCE CASA è un progetto realizzato con il contributo di Che cos è la riqualificazione energetica Si parla di riqualificazione energetica

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

MODELLO 730/2014: alcune novità

MODELLO 730/2014: alcune novità MODELLO 730/2014: alcune novità a cura di: Dott. Maurizio Belli Dott. Alberto Bandinelli 1.1 Il modello 730/2014 Con Provvedimento del 15 gennaio 2014 l Agenzia delle Entrate ha pubblicato il modello definitivo

Dettagli

Legge di stabilità 2013 e ultime novità. Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture

Legge di stabilità 2013 e ultime novità. Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture Circolare n. 1/2013 Legge di stabilità 2013 e ultime novità In sintesi: Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture Riaperti i termini per rivalutare terreni e partecipazioni societarie

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Incentivi economici per edifici a basso consumo

Incentivi economici per edifici a basso consumo Incentivi economici per edifici a basso consumo Ing. Del Pero Legge 296/06 n 296 (Finanziaria 2007) (modalità attuative emanate con Decreto Ministeriale 19 febbraio 2007) Ha previsto agevolazioni fiscali

Dettagli

Al via il 5 per mille 2016 VOLABO attiva un servizio di iscrizione per le Organizzazioni di Volontariato

Al via il 5 per mille 2016 VOLABO attiva un servizio di iscrizione per le Organizzazioni di Volontariato La Formica Alata Newsletter speciale 5 per mille 2016 Al via il 5 per mille 2016 VOLABO attiva un servizio di iscrizione per le Organizzazioni di Volontariato Sommario dei contenuti: Informazioni generali

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI IL MINISTRO DELLA SALUTE

MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI IL MINISTRO DELLA SALUTE DECRETO 26 giugno 2015: Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici. (15A05198) (Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale

Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale Ai Gentili Clienti Loro sedi Milano, 13 luglio 2012 Oggetto: TAX NEWSLETTER N. 8/2012 NOVITA FISCALI SUGLI IMMOBILI DETENUTI DA IMPRESE: LE NUOVE REGOLE PER IL BONUS SUL RISPARMIO ENERGETICO E LA NUOVA

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014 Oggetto: Definizione degli ambiti prioritari di intervento ed attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema normativo e amministrativo regionale in favore del tessuto imprenditoriale sardo.

Dettagli