Metodologia di controllo. SERVIZI DI POMPE FUNEBRI (II edizione) Codice attività: Indice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodologia di controllo. SERVIZI DI POMPE FUNEBRI (II edizione) Codice attività: 93.03.0. Indice"

Transcript

1 Metodologia di controllo SERVIZI DI POMPE FUNEBRI (II edizione) Codice attività: Indice 1. MODALITÀ DI ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO METODOLOGIA DEL CONTROLLO L accesso Ricerche presso pubbliche amministrazioni Il controllo del volume d affari Altri controlli e riscontri Le indagini bancarie Richiesta al contribuente degli estremi identificativi dei conti Richiesta della copia dei conti agli istituti di credito e finanziari... 7 ALLEGATO: MODELLO DI QUESTIONARIO... 8 CHECK LIST... 9 Aggiornamento: Dicembre 1998

2 1. MODALITÀ DI ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ Il trasporto delle salme e di qualsiasi parte di cadavere o di ossa umane dal luogo del decesso o del ritrovamento al cimitero, è regolamentato dal D.P.R. 10/09/1990, n I soggetti che svolgono servizi di pompe funebri devono essere in possesso di licenza di pubblica sicurezza rilasciata dalla Questura competente secondo il luogo dove si intende esercitare l attività. Quando l attività è esercitata in più comuni dislocati in province diverse è necessario avere tante autorizzazioni per quante province sono interessate. Normalmente i servizi che le imprese prestano, in aggiunta al trasporto della salma, sono i seguenti: fornitura dei cofani e della relativa imbottitura; allestimento della camera ardente; vestizione della salma; materiale tipografico (manifesti lutto, manifesti di ringraziamento, ricordini, ecc.); affissione dei manifesti; fornitura di fiori; espletamento di tutte le pratiche comunali o presso la U.S.L. di competenza. Generalmente le imprese non dispongono di un vero e proprio magazzino ed i cofani che conservano sono utilizzati soltanto a scopo espositivo per i clienti i quali, peraltro, spesso operano la scelta sulla base di cataloghi fotografici. Tuttavia, in alcuni casi, la lontananza o la difficoltà a procurarsi i cofani dai fornitori rende necessaria la costituzione di scorte. I servizi resi dalle imprese funebri sono esenti ai fini dell I.V.A. Aggiornamento: Dicembre

3 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO Prima ancora di procedere all accesso si dovranno acquisire, mediante interrogazioni al sistema informativo dell Anagrafe Tributaria, le seguenti informazioni: posizione fiscale, dati relativi alle ultime dichiarazioni; luogo di conservazione delle scritture ed eventuale soggetto depositario; ubicazione delle sedi dell impresa (principale e secondarie) e dei locali utilizzati per l esercizio dell attività; precedenti fiscali, controlli già effettuati a qualunque titolo, inclusione in liste selettive di anni precedenti; elementi indicatori di capacità contributiva (possesso di auto, imbarcazioni, residenze secondarie, acquisto di immobili, ecc.) del titolare o dei componenti la compagine sociale; eventuali altri atti registrati; eventuale presenza di protesti a carico dell impresa (del titolare oppure dei soci) ovvero altre informazioni camerali, tramite la linea di interrogazione collegamenti telematici, a disposizione di tutti gli uffici finanziari dall 8 luglio 1998 (comunicazione C.I. n. 13/ ). Presso gli Uffici verranno inoltre reperiti altri elementi di accertamento (modd. 11/bis.). Aggiornamento: Dicembre

4 3. METODOLOGIA DEL CONTROLLO 3.1 L accesso E opportuno che al momento dell accesso i verificatori procedano a ricercare, sfruttando al massimo il fattore sorpresa, nell ambito dei vari locali utilizzati per l esercizio dell impresa, tutta la documentazione, contabile ed extracontabile, utile per il controllo. In particolare la ricerca va indirizzata al reperimento di preventivi, appunti o agende contenenti annotazioni, importi ed altri dati che dovrebbero trovare riscontro nelle scritture e nei documenti contabili. Saranno, altresì, acquisiti alla verifica i floppy-disk e gli altri supporti magnetici rinvenuti, onde procedere alla loro successiva lettura che dovrà riguardare, ovviamente, anche i dati presenti nell hard disk. Tale indagine può essere particolarmente proficua qualora si individui l esistenza del personal computer ad uso diretto del titolare, dell amministratore della società o di altri soggetti investiti di particolari responsabilità gestionali e direttive. Se dovesse essere necessario e ritenuto opportuno, le ricerche possono essere estese ai locali adibiti ad abitazione del titolare o dell amministratore della società, ovviamente previa acquisizione dell autorizzazione da parte dell Autorità Giudiziaria competente. Nel corso dell accesso si procederà inoltre: a) alla rilevazione degli automezzi, dell attrezzatura e degli altri beni strumentali utilizzati per l esercizio dell attività; b) ad acquisire il registro degli affari, vidimato dalla Questura (previsto dall art. 120 del T.U. di Pubblica Sicurezza n. 733 del 18/06/1931), ove debbono obbligatoriamente essere annotati i rapporti d affari instaurati (dal trasporto alle altre pratiche dell attività di pompe funebri); c) alla rilevazione del personale dipendente e degli altri addetti indicando, per ciascun nominativo, le mansioni svolte e la data di inizio dell attività lavorativa; d) ad inventariare i beni in magazzino verificando che tutte le giacenze siano coperte da fatture; e) all acquisizione del listino delle tariffe praticate per ogni singolo servizio prestato. Qualora l impresa non dovesse disporre né del catalogo, né del listino, i prezzi praticati potranno essere determinati in contraddittorio con la parte. Altre informazioni utili ad orientare l indagine ed a definire le potenzialità reddituali della ditta possono riguardare la sua data di costituzione ed il possesso della concessione comunale per determinati trasporti (relativi a salme di persone indigenti o decedute per morte violenta, ecc.). 3.2 Ricerche presso pubbliche amministrazioni Gli Uffici servizi necroscopici della maggior parte dei Comuni, quantomeno quelli di dimensioni medie e grandi, tengono, per lo più manualmente, il registro dei defunti ove è annotata, accanto al nominativo della persona deceduta nel Comune, alla sua data di nascita, alla data e luogo della morte ed al cimitero di destinazione, la denominazione dell impresa di pompe funebri incaricata del trasporto della salma. La trascrizione avviene nel momento in cui viene rilasciato il nulla osta alla tumulazione. Aggiornamento: Dicembre

5 Presso ogni Comune è obbligatoriamente tenuto anche il registro dei decessi dello Stato Civile Cimiteriale che si divide in tre parti, la prima relativa ai decessi domiciliari, la seconda relativa ai decessi ospedalieri o presso case di riposo e la terza riservata ai decessi fuori residenza. Dai riscontri che è stato possibile effettuare in alcune località italiane, tuttavia, si è rilevato che l indicazione dell impresa di onoranze funebri è solitamente riportata soltanto per i decessi domiciliari. All impresa si può comunque risalire attraverso l identificazione del soggetto che procede alla denuncia di morte all Ufficio di stato civile. Questa operazione, infatti, è solitamente curata dall agenzia cui è stato affidato il servizio funebre e il dichiarante (oppure testimone) è solitamente un addetto dell impresa stessa. Il nominativo del denunciante e/o dei testimoni è trascritto nel suddetto registro dei decessi ed è comunque rilevabile dalla denuncia di morte. Presso i Comuni sono reperibili anche altre informazioni consultando i prospetti per il pagamento dei diritti comunali e, soprattutto, le richieste di traslazioni, esumazioni, inumazioni, verifiche di stato delle salme in precedenza tumulate. Tali non infrequenti operazioni comportano sempre l intervento di imprese del settore, di cui rimane traccia nel fascicolo relativo, e sfuggono più facilmente agli obblighi di documentazione e contabilizzazione. Sempre presso i Comuni possono essere acquisite le tariffe dei servizi cimiteriali approvate dall Ente che costituiscono un riferimento minimo per la valutazione dei prezzi realmente praticati dall impresa controllata. Naturalmente l individuazione dei Comuni presso cui eseguire le indagini avverrà in base al raggio d azione territoriale dell impresa, rilevabile dalla licenza, dalla dislocazione dei cartelloni pubblicitari, dalle inserzioni sugli elenchi telefonici (pagine gialle). 3.3 Il controllo del volume d affari La principale forma di evasione adottata nel settore si realizza attraverso la mancata contabilizzazione dei corrispettivi, in particolare mediante la sottofatturazione del servizio principale (trasporto, fornitura del cofano) e/o la mancata fatturazione di alcuni servizi accessori (fiori, tipografia, ecc.). Tale comportamento è favorito dalla limitata deducibilità fiscale delle spese funerarie, per cui spesso i clienti si ritengono soddisfatti dal rilascio di una fattura di o poco più. Scopo dell indagine è quello di ricostruire con sufficiente attendibilità il volume complessivo dei servizi forniti e, di conseguenza, dei corrispettivi conseguiti. Devesi a tale proposito rilevare che le fatture attive recano spesso causali troppo generiche (del tipo corrispettivo del servizio di onoranze funebri per il defunto... ), in violazione dell art.21 del D.P.R. n. 633/72, che rendono difficile la rideterminazione dei servizi effettivamente prestati ed il riscontro della congruità degli importi. L inadempienza deve essere sanzionata e l individuazione dei servizi forniti potrà essere effettuata caso per caso, oppure complessivamente in via induttiva, sulla base della documentazione contabile ed extracontabile acquisita, delle ricerche presso i Comuni dianzi descritte, dei questionari inviati alla clientela o, in mancanza di altri elementi, in contraddittorio con la parte tenuto conto delle condizioni di esercizio dell attività.i questionari indirizzati ai clienti (congiunti del defunto) saranno tesi ad appurare i servizi realmente prestati dall impresa, gli importi effettivamente corrisposti e le modalità del pagamento. Tale mezzo istruttorio, tuttavia, non sempre si rivela efficace, specialmente nei piccoli centri, a causa dei rapporti amichevoli esistenti tra il titolare dell impresa ed i clienti che spesso induce questi ultimi a non Aggiornamento: Dicembre

6 smentire gli importi fatturati ancorché non veritieri. Diversa è, invece, la situazione nelle grandi città dove il rapporto tra le parti si esaurisce con la prestazione del servizio e non vi sono condizionamenti di sorta. Tutte le ricerche e le indagini sopra descritte sono volte alla ricostruzione dei servizi prestati ed a riscontrare che quantomeno tutti i trasporti annotati sui registri pubblici o risultanti da altra fonte siano stati fatturati. A tal fine si tenga presente che il servizio erogato è quasi sempre completo e che, in ogni caso, oltre ad un diritto di chiamata, riguarda almeno il trasporto della salma, la fornitura del feretro e della relativa imbottitura e l allestimento della camera ardente. Acquisiti tutti i possibili elementi di riscontro dell attività imprenditoriale si procederà alla quantificazione dei ricavi che può essere eseguita sulla base dei listini e dei tariffari rinvenuti al momento dell accesso, della documentazione extracontabile reperita (preventivi, appunti, commissioni sottoscritte dai clienti, ecc.), nonché sulla scorta di quanto fatturato per prestazioni similari nei casi (presumibilmente pochi) in cui l impresa sia stata costretta dal cliente ad indicare, in dettaglio e per intero, le prestazioni rese. Gli stessi elementi dovranno essere utilizzati per determinare la percentuale di ricarico da applicare ai beni e servizi complementari acquistati (fiori, materiale fotografico) al fine di determinare i correlativi ricavi. 3.4 Altri controlli e riscontri Un ultima serie di indizi può essere considerata al solo fine di valutare l attendibilità della dichiarazione ovvero la congruità minima di quanto accertato con gli elementi in precedenza descritti. Il capitale investito nell azienda (arredi, automezzi, magazzino), il possesso a titolo di proprietà dei locali utilizzati per l esercizio dell attività e la retribuzione figurativa del titolare e dei soci impegnati a tempo pieno nell azienda, il valore della licenza, sono altrettanti elementi che hanno un carattere indiziario. Si può infatti porre a confronto il reddito dell impresa con quello conseguibile da un impiego alternativo, privo di rischio, del capitale ricavabile dalla vendita dell esercizio (soprattutto della licenza), cui va sommata la retribuzione figurativa del titolare e dei soci. Occorre tener conto inoltre che il reddito dichiarato o accertato non dovrebbe mai collocarsi (quantomeno in modo ricorrente) al di sotto di quello virtuale costituito dalla somma: dei proventi ritraibili da un impiego alternativo del capitale investito nell azienda; del fitto figurativo dei locali (se di proprietà) ove si svolge l attività; della retribuzione conseguibile in posizione di lavoro dipendente nello stesso settore di attività. Altri elementi indiziari possono essere costituiti da manifestazioni di capacità contributiva del titolare o dei soci occupati nell impresa (possesso di auto, di imbarcazioni, acquisti di immobili, ecc.) particolarmente stridenti con l ammontare dei redditi dichiarati. In tal caso, soprattutto qualora non sia stato possibile addivenire ad una soddisfacente ricostruzione del volume d affari, si potrà procedere, sia pure ai soli fini dell imposizione diretta, all accertamento sintetico del reddito complessivo secondo la procedura di cui all art. 38, comma 4, del D.P.R. n. 600/73, nei confronti del titolare dell impresa e/o dei soci. Aggiornamento: Dicembre

7 3.5 Le indagini bancarie Gli accertamenti bancari costituiscono uno strumento molto incisivo per l esame della posizione fiscale del contribuente, in particolare delle persone fisiche, delle associazioni tra professionisti, delle società di persone e delle società di capitale a ristretta base azionaria. Il loro impiego comporta tuttavia un notevole assorbimento di capacità operativa e deve quindi rispondere a principi di economicità e di prevedibile proficuità dell azione di controllo. L indagine bancaria è certamente consigliabile in presenza di gravi indizi di evasione, ovvero qualora permanga un significativo divario tra il volume d affari ed i redditi accertati con la metodologia in precedenza descritta e quanto fondatamente attribuibile al contribuente sulla base delle condizioni di esercizio dell attività, della sua potenziale capacità reddituale, della consistenza del suo patrimonio ovvero di altri elementi di valutazione. Peraltro, la legge 28 dicembre 1995, n. 549 consente di graduare l indagine in relazione sia all entità degli indizi di evasione riscontrati che alle esigenze di progressivo approfondimento del controllo eventualmente scaturite dall analisi degli elementi acquisiti nel corso della verifica. Sono quindi delineabili diversificati percorsi d indagine, che potranno essere seguiti anche in via alternativa Richiesta al contribuente degli estremi identificativi dei conti (artt. 32, 1 comma n. 6-bis del D.P.R. 600/73 e 51,2 comma n. 6-bis del D.P.R. n. 633/72) In tal caso viene richiesta alla parte, previa autorizzazione del Direttore Regionale delle Entrate, la dichiarazione della natura, del numero e degli estremi identificativi dei rapporti intrattenuti con aziende di credito, con l amministrazione postale, con società fiduciarie ed ogni altro intermediario finanziario. Di conseguenza agli operatori finanziari segnalati dovrà essere richiesta la copia dei conti denunziati dal contribuente e l indicazione di tutti gli altri eventuali rapporti con lui intrattenuti Richiesta della copia dei conti agli istituti di credito e finanziari (artt. 32, 1 comma n. 7 del D.P.R. n. 600/73 e 51, 2 comma n. 7 del D.P.R. n. 633/72) Indipendentemente dall esercizio della facoltà di cui al punto precedente, i verificatori possono richiedere, sempre previa autorizzazione del Direttore Regionale delle Entrate, la copia dei conti direttamente agli istituti di credito ed agli intermediari finanziari. Tale modalità d indagine appare particolarmente opportuna quando siano stati frapposti ostacoli all azione dei verificatori o dell ufficio, ovvero quando le violazioni e le omissioni e le false indicazioni contabili siano così gravi e i dati a disposizione così scarsi, da rendere difficile la ricostruzione degli imponibili fiscali. Le indagini dovranno comunque essere condotte secondo selezionate opzioni investigative che restringano la forbice costi-benefici dell azione di accertamento (banche che hanno sportelli nella città ove operano il contribuente e i suoi familiari più stretti, nelle province contigue, nel luogo di nascita, nella località ove possiede residenze secondarie o comunque dove si supponga l esistenza di conti). L indagine può coinvolgere anche altri soggetti (familiari e non) motivatamente sospettati di essere intestatari di comodo di conti riferibili al contribuente o di cui il medesimo abbia la disponibilità. Aggiornamento: Dicembre

8 ALLEGATO: MODELLO DI QUESTIONARIO UFFICIO DISTRETTUALE DELLE IMPOSTE DIRETTE DI... Al Sig Il Direttore dell Ufficio suddetto, ai sensi dell art. 32, comma 8-bis, del D.P.R , n. 600, invita la S.V. a fornire, entro 15 giorni dalla notifica del presente questionario, le seguenti notizie relative all esecuzione del servizio di onoranze funebri effettuato dalla Ditta... e relativo al decesso del Sig.... avvenuto in data...: 1) elenco dettagliato delle prestazioni ricevute; 2) importo del corrispettivo pagato; 3) modalità di pagamento. Aggiornamento: Dicembre

9 CHECK LIST Aggiornamento: Dicembre

Commercio al dettaglio articoli di cartoleria, di cancelleria e forniture per ufficio 52.47.3. Check List. N processo verbale

Commercio al dettaglio articoli di cartoleria, di cancelleria e forniture per ufficio 52.47.3. Check List. N processo verbale Check List Codice Ufficio N processo verbale Anno Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale Check List versione nuova Categoria Economica - COMMERCIO AL DETTAGLIO ARTICOLI DI CARTOLERIA,

Dettagli

Check List. N processo verbale. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale. Check List versione nuova

Check List. N processo verbale. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale. Check List versione nuova Check List Codice Ufficio N processo verbale Anno Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale Check List versione nuova Categoria Economica - GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI - Codice

Dettagli

Metodologia di controllo. AGENZIE DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE (III edizione) Codice attività : 70.31.0. Indice

Metodologia di controllo. AGENZIE DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE (III edizione) Codice attività : 70.31.0. Indice Metodologia di controllo AGENZIE DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE (III edizione) Codice attività : 70.31.0 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Caratteristiche del settore... 2 1.2 Modalità operative di esercizio dell

Dettagli

Check List. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale

Check List. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale Check List Codice Ufficio N processo verbale Anno Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale Categoria Economica - RIPARAZIONI MECCANICHE ED ELETTRICHE DI AUTOVEICOLI - Codice Attività:

Dettagli

Metodologia di controllo. COMMERCIO EFFETTUATO PER MEZZO DI DISTRIBUTORI AUTOMATICI (II edizione) Codice attività: 52.63.2. Indice

Metodologia di controllo. COMMERCIO EFFETTUATO PER MEZZO DI DISTRIBUTORI AUTOMATICI (II edizione) Codice attività: 52.63.2. Indice Metodologia di controllo COMMERCIO EFFETTUATO PER MEZZO DI DISTRIBUTORI AUTOMATICI (II edizione) Codice attività: 52.63.2 Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Modalità di esercizio dell attività...2 2. ATTIVITÀ

Dettagli

Metodologia di Controllo TAPPEZZIERI. Codice attività: 36.11.2. Indice

Metodologia di Controllo TAPPEZZIERI. Codice attività: 36.11.2. Indice Metodologia di Controllo TAPPEZZIERI Codice attività: 36.11.2 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di esercizio dell attività... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 3. METODOLOGIA DEL CONTROLLO...

Dettagli

Metodologia di controllo SERVIZI DI PULIZIA. Codice attività: 74.70.1. Indice

Metodologia di controllo SERVIZI DI PULIZIA. Codice attività: 74.70.1. Indice Metodologia di controllo SERVIZI DI PULIZIA Codice attività: 74.70.1 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Confronto dati ISTAT INPS... 2 1.2 Canali tipici di evasione... 4 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO...

Dettagli

Check List. N processo verbale. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale. Check List versione nuova

Check List. N processo verbale. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale. Check List versione nuova Check List Codice Ufficio N processo verbale Anno Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale Check List versione nuova Categoria Economica - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI IDRAULICO SANITARI

Dettagli

Metodologia di controllo. COMMERCIO DI AUTOVEICOLI (II edizione) Codice attività: 50.10.0 Indice

Metodologia di controllo. COMMERCIO DI AUTOVEICOLI (II edizione) Codice attività: 50.10.0 Indice Metodologia di controllo COMMERCIO DI AUTOVEICOLI (II edizione) Codice attività: 50.10.0 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di esercizio dell attività... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3

Dettagli

Metodologia di controllo GESTIONE APPRODI TURISTICI. Codice Attività: 63.22.0. Indice

Metodologia di controllo GESTIONE APPRODI TURISTICI. Codice Attività: 63.22.0. Indice Metodologia di controllo GESTIONE APPRODI TURISTICI Codice Attività: 63.22.0 Indice 1.PREMESSA... 2 1.1 Caratteristiche del settore... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazioni dell

Dettagli

Metodologia di controllo. RIPARAZIONI DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI (III edizione)

Metodologia di controllo. RIPARAZIONI DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Metodologia di controllo RIPARAZIONI DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Codice attività ATECOFIN 1993: 50.20.2 - Riparazioni di carrozzerie di autoveicoli Codice attività ATECOFIN 2004: 50.20.2

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI FIORI Codice attività: 52.48.C Indice

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI FIORI Codice attività: 52.48.C Indice Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI FIORI Codice attività: Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Caratteristiche del settore...2 1.2 Dati sul settore...3 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO...4 3.

Dettagli

Metodologia di controllo. RIPARAZIONE E SOSTITUZIONE DI PNEUMATICI (II edizione) Codici attività: 50.20.4. Indice

Metodologia di controllo. RIPARAZIONE E SOSTITUZIONE DI PNEUMATICI (II edizione) Codici attività: 50.20.4. Indice Metodologia di controllo RIPARAZIONE E SOSTITUZIONE DI PNEUMATICI (II edizione) Codici attività: 50.20.4 Indice 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 4 2.1 Interrogazioni dell Anagrafe

Dettagli

VG55U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VG55U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 VG55U 96.03.00 Servizi di pompe funebri e attività connesse 1.

Dettagli

Metodologia di controllo SCUOLE PRIVATE. Codici attività: Indice

Metodologia di controllo SCUOLE PRIVATE. Codici attività: Indice Metodologia di controllo SCUOLE PRIVATE Codici attività: Istruzione di grado preparatorio 80.10.1 Istruzione primaria 80.10.2 Istruzione secondaria di primo grado 80.21.1 Istruzione secondaria di secondo

Dettagli

2.2.1 - Controllo delle informazioni relative al soggetto presenti in Internet *

2.2.1 - Controllo delle informazioni relative al soggetto presenti in Internet * Documenti Finanze 24.1.2001 - Metodologia di controllo e check-list per le discoteche Indice, Art.1, Art.2, Art.3, Allegato, Indice 1. INTRODUZIONE * 1.1 Modalità di esercizio dell attività cenni normativi

Dettagli

Metodologie di controllo. COMMERCIO DI MATERIALE PER OTTICA E FOTOGRAFIA (II edizione) Codice attività: 52.48.2. Indice

Metodologie di controllo. COMMERCIO DI MATERIALE PER OTTICA E FOTOGRAFIA (II edizione) Codice attività: 52.48.2. Indice Metodologie di controllo COMMERCIO DI MATERIALE PER OTTICA E FOTOGRAFIA (II edizione) Codice attività: 52.48.2 Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Individuazione del settore...2 1.2 Consuetudini commerciali...3

Dettagli

Metodologia di controllo. STABILIMENTI BALNEARI (III edizione) Codice attività: 92.72.1. Indice

Metodologia di controllo. STABILIMENTI BALNEARI (III edizione) Codice attività: 92.72.1. Indice Metodologia di controllo STABILIMENTI BALNEARI (III edizione) Codice attività: 92.72.1 Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Caratteristiche economico-aziendali del settore...2 1.2 Modalità di pagamento da parte

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIALISTI, RAGIONIERI E CONSULENTI TRIBUTARI. (III edizione) Codici attività: 74.12.A 74.12.B 74.12.C.

Metodologia di controllo COMMERCIALISTI, RAGIONIERI E CONSULENTI TRIBUTARI. (III edizione) Codici attività: 74.12.A 74.12.B 74.12.C. Metodologia di controllo COMMERCIALISTI, RAGIONIERI E CONSULENTI TRIBUTARI (III edizione) Codici attività: Indice 1. MODALITÀ DI ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO...

Dettagli

Metodologia di controllo DISTRIBUTORI DI CARBURANTE. Codici attività: 50.50.A 50.50.B. Indice

Metodologia di controllo DISTRIBUTORI DI CARBURANTE. Codici attività: 50.50.A 50.50.B. Indice Metodologia di controllo DISTRIBUTORI DI CARBURANTE Codici attività: Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Aspetti particolari del rapporto compagnia petrolifera/gestore...2 2. ATTIVITA PREPARATORIA AL CONTROLLO...3

Dettagli

Metodologia di controllo. RIPARAZIONI MECCANICHE ED ELETTRICHE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Codici attività: 50.20.1 50.20.3.

Metodologia di controllo. RIPARAZIONI MECCANICHE ED ELETTRICHE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Codici attività: 50.20.1 50.20.3. Metodologia di controllo RIPARAZIONI MECCANICHE ED ELETTRICHE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Codici attività: 50.20.1 50.20.3 Indice 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 4 2.1 Interrogazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

Metodologia di controllo STUDI ODONTOIATRICI. Codice attività: 85.13.0. Indice

Metodologia di controllo STUDI ODONTOIATRICI. Codice attività: 85.13.0. Indice Metodologia di controllo STUDI ODONTOIATRICI Codice attività: 85.13.0 Indice 1. MODALITÀ DI ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 4 3. METODOLOGIA DEL CONTROLLO... 5

Dettagli

Metodologia di controllo CASE DI CURA. Codici attività: 85.11.1 85.11.2 85.11.3. Indice

Metodologia di controllo CASE DI CURA. Codici attività: 85.11.1 85.11.2 85.11.3. Indice Metodologia di controllo CASE DI CURA Codici attività: 85.11.1 85.11.2 85.11.3 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di esercizio dell attività.... 2 1.2 - Attività di degenza... 2 1.3 Attività ambulatoriale...

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 130 DEL 20 DICEMBRE 2011 ART. 1 DEFINIZIONI Ai fini della Legge Regionale 3 agosto 2011 n. 15 costituisce trasporto

Dettagli

Metodologia di controllo LABORATORI ODONTOTECNICI. Codice attività: 33.10.3. Indice

Metodologia di controllo LABORATORI ODONTOTECNICI. Codice attività: 33.10.3. Indice Metodologia di controllo LABORATORI ODONTOTECNICI Codice attività: 33.10.3 Indice 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 3. METODOLOGIA DEL CONTROLLO... 4 3.1 L accesso... 4 3.2 Il

Dettagli

Metodologia di controllo. INGEGNERI, ARCHITETTI E GEOMETRI (II edizione)

Metodologia di controllo. INGEGNERI, ARCHITETTI E GEOMETRI (II edizione) Metodologia di controllo INGEGNERI, ARCHITETTI E GEOMETRI (II edizione) Codice attività ATECOFIN 1993: 74.20.1 - Studi di architettura 74.20.2 - - Codice attività ATECOFIN 2004: - - - Studi di architettura

Dettagli

Metodologia di controllo. STUDI NOTARILI (III edizione) Codice attività: 74.11.2. Indice

Metodologia di controllo. STUDI NOTARILI (III edizione) Codice attività: 74.11.2. Indice Metodologia di controllo STUDI NOTARILI (III edizione) Codice attività: 74.11.2 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di esercizio della professione... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 5 2.1 Controllo

Dettagli

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi Carta dei Servizi L Azienda Principi fondamentali Standard qualitativi PERCHÉ UNA CARTA DEI SERVIZI AMSEF s.r.l. onoranze funebri è Azienda multiservizi leader a livello nazionale nel settore con una

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA ART. 1 L Asp Centro Servizi alla Persona di Ferrara gestisce, in nome e per conto del Comune di Ferrara, la Camera Mortuaria ubicata a Ferrara in Via Fossato

Dettagli

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE TRA IL COMUNE E L IMPRESA DI ONORANZE FUNEBRI PER PRESTAZIONI DI SERVIZI FUNEBRI ANNO 2012 Approvato con determinazione n. 427 del 20/12/2011

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI FUNEBRI

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI FUNEBRI SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI FUNEBRI ART. 1 ACCORDO ED OGGETTO DELLA CONVENZIONE DA UNA PARTE: L impresa, Nome commerciale: Serena Onoranze Funebri Nome legale: Domenico Della Malva

Dettagli

- all art. 14 definisce gli elementi fondamentali per la formazione del cerimoniere delle strutture per il commiato;

- all art. 14 definisce gli elementi fondamentali per la formazione del cerimoniere delle strutture per il commiato; REGIONE PIEMONTE BU39S3 25/09/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 22 settembre 2014, n. 22-343 Disciplina regionale dei corsi di formazione professionale relativi ai servizi funebri e cimiteriali

Dettagli

Metodologia di controllo NOLEGGIO BARCHE DA DIPORTO. Codice attività: 71.40.2. Indice

Metodologia di controllo NOLEGGIO BARCHE DA DIPORTO. Codice attività: 71.40.2. Indice Metodologia di controllo NOLEGGIO BARCHE DA DIPORTO Codice attività: 71.40.2 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Tipologia di mezzi per la navigazione... 2 1.2 Tipologia dei servizi...2 1.2.1 - Attività di noleggio

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE PER FUNERALI A PREZZI CALMIERATI Approvato con Deliberazione Consiliare n. 30 del 28/04/2011 INDICE Art. 1 Oggetto della fornitura 2 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 53 del 13 ottobre 2003 ART. 1 ESERCIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI NEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO ARTICOLI DI CARTOLERIA, DI CANCELLERIA E FORNITURE PER UFFICIO. Codice attività: 52.47.3.

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO ARTICOLI DI CARTOLERIA, DI CANCELLERIA E FORNITURE PER UFFICIO. Codice attività: 52.47.3. Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO ARTICOLI DI CARTOLERIA, DI CANCELLERIA E FORNITURE PER UFFICIO Codice attività: 52.47.3 Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Caratteristiche economico - aziendali

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 674 Data : 20/07/2010 SETTORE: SETTORE SERVIZI ISTITUZIONALI Servizio : Stato Civile Leva Servizi Cimiteriali I.D. n. 4826767 del 20/07/2010 OGGETTO : Convenzione per

Dettagli

CONVENZIONE ART. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA

CONVENZIONE ART. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA Allegato A alla delibera di G.C. n. 127 del 30.11.2009 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott. Salvatore Velardi CONVENZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE E LE IMPRESE ESERCENTI ATTIVITA FUNEBRI PER I SERVIZI DI CUI

Dettagli

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari ANNO 2012 Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari Le novità introdotte dal Decreto «Salva Italia» e dalle manovre fiscali successive Milano 16 aprile 2012 Avv. Giampaolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma L attività istruttoria tributaria. Accertamento e Processo Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa Rossella Miceli L attività istruttoria tributaria. I PARTE 1 Poteri

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma I metodi di accertamento nel sistema delle imposte sul reddito e dell IVA. Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa Rossella Miceli I metodi di accertamento

Dettagli

FINANZIARIE. L ACCERTAMENTO BANCARIO. Padova, 4 aprile 2014. Avv. Prof. Stefano Loconte

FINANZIARIE. L ACCERTAMENTO BANCARIO. Padova, 4 aprile 2014. Avv. Prof. Stefano Loconte INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE. L ACCERTAMENTO BANCARIO. Padova, 4 aprile 2014 Avv. Prof. Stefano Loconte ACCERTAMENTO BANCARIO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI PRESUPPOSTI: Art. 32 D.P.R. 600/73 comma 1 I dati,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia di Trapani) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE (Approvato con deliberazione C.C. n 99 del 29/12/2008) CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli CONCORDATO FISCALE PREVENTIVO PER IL 2003 E 2004 (Art. 33 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269) Scheda di lettura Documento n. 17 del 24 ottobre 2003 Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA PERMANENTE AGENZIA DI AFFARI ART. 115 TULPS

DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA PERMANENTE AGENZIA DI AFFARI ART. 115 TULPS COMUNE DI CASALMAGGIORE Protocollo n Settore Commercio Polizia Amministrativa DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA PERMANENTE AGENZIA DI AFFARI ART. 115 TULPS la compilazione dei campi contrassegnati con l asterisco

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli CONCORDATO FISCALE PREVENTIVO PER IL 2003 E 2004 (Art. 33 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269,nel testo comprendente le modificazioni apportate dal Senato) Scheda di lettura n. 5/2003

Dettagli

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Come è noto la Legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) ha introdotto un regime

Dettagli

Metodologia di controllo PARRUCCHIERI E BARBIERI (IV EDIZIONE) Codici attività: 93.02.1 93.02.2. Indice

Metodologia di controllo PARRUCCHIERI E BARBIERI (IV EDIZIONE) Codici attività: 93.02.1 93.02.2. Indice Metodologia di controllo PARRUCCHIERI E BARBIERI (IV EDIZIONE) Codici attività: 93.02.1 93.02.2 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di evasione... 2 1.2 Dati sul settore... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA

Dettagli

RICHIEDENTE Cognome e Nome Sesso Codice fiscale Rapporto di parentela

RICHIEDENTE Cognome e Nome Sesso Codice fiscale Rapporto di parentela N. PRAT. CREMAZIONE Comune di morte Prov. Stato iniziale Luogo dove si trova la salma CHIUSURA ANTICIPATA Comune destinazione finale Prov. Stato finale DEFUNTO Cognome e Nome Sesso Cognome coniuge Codice

Dettagli

FASI DELLA VERIFICA PRESSO IL CONTRIBUENTE

FASI DELLA VERIFICA PRESSO IL CONTRIBUENTE Lee faassi f i d eel llaa l vveerri ifii ccaa fif i ssccaal lee FASI DELLA VERIFICA PRESSO IL CONTRIBUENTE ACCESSO PRESSO IL CONTRIBUENTE PRESENTAZIONE DEI VERIFICATORI INFORMAZIONI DELLE RAGIONI DELLA

Dettagli

LUCIDI II. Il procedimento di accertamento. Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento

LUCIDI II. Il procedimento di accertamento. Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento LUCIDI II Il procedimento di accertamento Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento 1 Dichiarazione tributaria (1) Periodicità: annuale Soggetti: Chi produce redditi (anche

Dettagli

Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001

Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001 Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001 1 CAPO l CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE Art. I Definizione di trasporto funebre 1. Costituisce trasporto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA FUNEBRE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI FUNEBRI A PREZZI CONCORDATI

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA FUNEBRE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI FUNEBRI A PREZZI CONCORDATI PROTOCOLLO D INTESA TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA FUNEBRE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI FUNEBRI A PREZZI CONCORDATI Premesso che: la Legge Regionale n. 33 del 30 dicembre

Dettagli

ART. 3 (PREZZI A BASE DI GARA) I prezzi a base di gara, con riferimento ai quale i concorrenti dovranno presentare l offerta sono i seguenti:

ART. 3 (PREZZI A BASE DI GARA) I prezzi a base di gara, con riferimento ai quale i concorrenti dovranno presentare l offerta sono i seguenti: FOGLIO CONDIZIONI PER I SERVIZI DI RECUPERO E TRASPORTO SALME ED I SERVIZI FUNEBRI PER PERSONE INDIGENTI E BISOGNOSE PERIODO 01.11.2010 30.09.2013 CON POSSIBILITA DI RINNOVO PER ANALOGO PERIODO. ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Servizi cimiteriali REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 18 del 28 maggio 2005 modificato ed integrato con deliberazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI. Comune di Caronno Pertusella P.zza Aldo Moro n 1-21042 Caronno Pertusella (VA) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI.

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 ACCERTAMENTO

Dettagli

CONVENZIONE FUNET SERVIZI FUNEBRI

CONVENZIONE FUNET SERVIZI FUNEBRI FUNET Servizi Funebri Web: www.funet.it Email: info@funet.it Tel. 06.79.171.79 Fax 06.62.298.694 Via Monte Grappa 20/22 00043 Ciampino (Roma) CONVENZIONE FUNET SERVIZI FUNEBRI L'Intento di FuNet è quello

Dettagli

T A R I F F E CIMITERIALI. approvate con delibera della Giunta Comunale n. 314 del 11.12.2013. Leverington cemetery, William Trost Richards, 1861

T A R I F F E CIMITERIALI. approvate con delibera della Giunta Comunale n. 314 del 11.12.2013. Leverington cemetery, William Trost Richards, 1861 T A R I F F E Leverington cemetery, William Trost Richards, 1861 CIMITERIALI approvate con delibera della Giunta Comunale n. 314 del 11.12.2013 IN VIGORE DAL 01.01.2014 Tariffe Cimiteriali in vigore dal

Dettagli

Metodologia di controllo SERVIZI DI POMPE FUNEBRI

Metodologia di controllo SERVIZI DI POMPE FUNEBRI Metodologia di controllo SERVIZI DI POMPE FUNEBRI Codice attività ATECOFIN 2004: 93.03.0 - Servizi di pompe funebri e attività connesse Codice attività ATECO 2007: 96.03.00 - Servizi di pompe funebri e

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

Metodologia di controllo. BAR E CAFFÈ (III edizione) Codice attività: 55.40.1. Indice

Metodologia di controllo. BAR E CAFFÈ (III edizione) Codice attività: 55.40.1. Indice Metodologia di controllo BAR E CAFFÈ (III edizione) Codice attività: 55.40.1 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Individuazione del settore... 2 1.2 Caratteristiche particolari dei bar/pasticceria... 3 1.3 Modalità

Dettagli

I POTERI DI ACCESSO E DI CONTROLLO NEI CONFRONTI DELLE A.S.D.

I POTERI DI ACCESSO E DI CONTROLLO NEI CONFRONTI DELLE A.S.D. I POTERI DI ACCESSO E DI CONTROLLO NEI CONFRONTI DELLE A.S.D. Bologna, 11 settembre 2015 Cap. Salvatore Casabranca I POTERI DI ACCESSO: Sono contemplati, in via generale: dall art 35 della Legge 07 gennaio

Dettagli

Cosa è meglio sapere e cosa si deve fare in caso di evento luttuoso. Meglio sapere che... A cura di Padovan Srl Vicenza

Cosa è meglio sapere e cosa si deve fare in caso di evento luttuoso. Meglio sapere che... A cura di Padovan Srl Vicenza Cosa è meglio sapere e cosa si deve fare in caso di evento luttuoso Meglio sapere che... A cura di Padovan Srl Vicenza 1 Un informazione utile e doverosa significa conoscenza, trasparenza, affidabilità.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Comune di Quinto di Treviso CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI La Carta dei servizi è lo strumento che permette agli utenti il controllo sull erogazione dei servizi anche in termini

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG55U ATTIVITÀ 96.03.00 SERVIZI DI POMPE FUNEBRI E ATTIVITÀ CONNESSE

STUDIO DI SETTORE UG55U ATTIVITÀ 96.03.00 SERVIZI DI POMPE FUNEBRI E ATTIVITÀ CONNESSE STUDIO DI SETTORE UG55U ATTIVITÀ 96.03.00 SERVIZI DI POMPE FUNEBRI E ATTIVITÀ CONNESSE Marzo 2008 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG55U Servizi di pompe funebri e attività connesse è stata

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AMBULANTE A POSTEGGIO FISSO DI CALZATURE E PELLETTERIE

Metodologia di controllo COMMERCIO AMBULANTE A POSTEGGIO FISSO DI CALZATURE E PELLETTERIE Metodologia di controllo COMMERCIO AMBULANTE A POSTEGGIO FISSO DI CALZATURE E PELLETTERIE Codice attività ATECOFIN 1993: 52.62.4 - Commercio al dettaglio ambulante a posteggio fisso di calzature e pelletterie

Dettagli

Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE

Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE In All. 1 si riporta la nota dell ANCI, con la quale si è avviata una indagine statistica

Dettagli

L attività istruttoria. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe.

L attività istruttoria. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. L attività istruttoria Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. Zizzo 1 oggetto della lezione l attività istruttoria la liquidazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA U.O. SERVIZI CIMITERIALI E POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, LA CONSERVAZIONE, L AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE

Dettagli

polizia amministrativa - agenzie di affari modello 6_01_01

polizia amministrativa - agenzie di affari modello 6_01_01 AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE ACCERTAMENTO Circolare del 18/10/2002 n. 80 - parte 8 Oggetto: Metodologie di controllo differenziate per attivita' economiche dirette al consumatore finale. Sintesi

Dettagli

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro parte v > misure contro L evasione 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. ALtre disposizioni Limiti all uso del denaro contante La comunicazione

Dettagli

Ai Gentili Clienti Loro sedi

Ai Gentili Clienti Loro sedi Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda n. 27 del 20 ottobre 2006 Ai Gentili Clienti Loro sedi LIBRI E REGISTRI CONTABILI: BOLLATURA

Dettagli

ASPETTI GENERALI. 1. Premessa

ASPETTI GENERALI. 1. Premessa Aspetti generali ASPETTI GENERALI 1. Premessa In un paese come l Italia, caratterizzato dalla presenza di un patrimonio culturale, storico e paesaggistico di enorme valore, il settore turistico rappresenta

Dettagli

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa Come fare la denuncia di morte La denuncia di morte deve essere fatta da un familiare o da una persona incaricata, entro 24 ore, all'ufficio di Stato Civile. Le pubbliche assistenze e le agenzie di pompe

Dettagli

prof. avv. Paola ROSSI

prof. avv. Paola ROSSI L UTILIZZAZIONE DELLE INDAGINI FINANZIARIE NELL ACCERTAMENTO TRIBUTARIO prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

Accertamenti e Controlli 2011

Accertamenti e Controlli 2011 Accertamenti e Controlli 2011 Manovra estiva 2010 D.L. n. 78/2010 Manovre estive 2011 D.L. n. 70/2011 D.L. n. 98/2011 D.L. n. 138/2011 28 SETTEMBRE 2011 Avv. Giampaolo Foresi ACCERTAMENTO SINTETICO (Art.

Dettagli

Tel. +39 010 9643790 +39 010 9443796 Fax +39 010 9643860 e-mail: info@agenzialberti.it Sito Internet: www.agenzialberti.it Siamo presenti anche su

Tel. +39 010 9643790 +39 010 9443796 Fax +39 010 9643860 e-mail: info@agenzialberti.it Sito Internet: www.agenzialberti.it Siamo presenti anche su Via Vittorio Veneto 27/1 C. A.P. 16012 Busalla (GE) P. IVA: 01579410992 Tel. +39 010 9643790 +39 010 9443796 Fax +39 010 9643860 e-mail: info@agenzialberti.it Sito Internet: www.agenzialberti.it Siamo

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

Obblighi contabili per una Organizzazione di Volontariato. Privacy per le Organizzazioni di Volontariato

Obblighi contabili per una Organizzazione di Volontariato. Privacy per le Organizzazioni di Volontariato collana strumenti 1 Costituzione di una Organizzazione di Volontariato 2 Responsabilità degli amministratori e delle Organizzazioni di Volontariato 3 Gestione di una Organizzazione di Volontariato 4 Obblighi

Dettagli

Regolamento per la cremazione, l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento per la cremazione, l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Provincia di Livorno Regolamento per la cremazione, l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 192 del

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 283 COPIA UFFICIO: STATO CIVILE N 3 29-03-2013 IL DIRETTORE DELL'AREA SERVIZI AL CITTADINO:

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 283 COPIA UFFICIO: STATO CIVILE N 3 29-03-2013 IL DIRETTORE DELL'AREA SERVIZI AL CITTADINO: Palazzo Comunale Via Tizzoni,2 Telefono 02.92.781 Fax 02.92.78.235 C.A.P. 20063 Codice Fiscale e Partita Iva 01217430154 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 283 COPIA UFFICIO: STATO CIVILE Data N 3 29-03-2013

Dettagli

Progetto Requiem Il software per la gestione dell azienda funebre

Progetto Requiem Il software per la gestione dell azienda funebre Progetto Requiem Il software per la gestione dell azienda funebre Progetto Requiem Soluzioni informatiche Pizzin è un azienda di recente costituzione nata con l obiettivo di offrire alle imprese funebri,

Dettagli

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE Circolare informativa per la clientela n. 10/2014 del 27 marzo 2014 RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE SOMMARIO 1. CATEGORIE OMOGENEE... 2 2. CRITERI di VALUTAZIONE... 2 Criterio base...

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTOSCUOLE (II edizione) Codice attività: 80.41.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTOSCUOLE (II edizione) Codice attività: 80.41.0. Indice Metodologia di controllo AUTOSCUOLE (II edizione) Codice attività: 80.41.0 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di svolgimento dell attività... 2 1.2 Soggetti... 2 1.3 Tipologia dei servizi offerti...

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano

COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano Determinazione Numero Data Data esecutività Servizi Demografici 5 22/02/2013 27/02/2013 Oggetto: AFFIDO SERVIZI ISTITUZIONALI DI CUI ALL'ART. 34 DEL REGOLAMENTO REGIONALE

Dettagli

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2014

LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2014 LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2015 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere alla stampa dei

Dettagli

Il sottoscritto nato a ( ) il residente a Via/Piazza N. Codice fiscale Cittadinanza [] in qualità di TITOLARE della ditta individuale omonima

Il sottoscritto nato a ( ) il residente a Via/Piazza N. Codice fiscale Cittadinanza [] in qualità di TITOLARE della ditta individuale omonima S.U.A.P. - CITTA DI TORRE DEL GRECO Segnalazione Certificata di Inizio Attività per l esercizio delle attività funerarie Commercio agenzia d affari trasporto funebre (Legge Regionale 24 Novembre 2001,

Dettagli

Allegato. Comune di Campogalliano

Allegato. Comune di Campogalliano Allegato Comune di Campogalliano REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con delibera di C.

Dettagli