REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE"

Transcript

1 CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) AREA PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO ED EDILIZIA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COORDINAMENTO PER LA REDAZIONE arch. Patrizia Di Nola ASSESSORE ALL EDILIZIA arch. Rolando De Stefanis REDAZIONE arch. Patrizia Di Nola arch. Marta Crognale CONSULENZA INTERNA geom. Dario Barnabei geom. Luana Vacca arch. Alessandra Natili ATTI AMMINISTRATIVI arch. Marta Crognale dott.ssa Anna Lupi Deliberazione di Consiglio comunale n. 6 del 23/03/2012 Deliberazione di Consiglio comunale n. 58 del 21/12/2012 Adozione Schema Nuovo Approvazione Nuovo Elaborato n. Descrizione Aggiornamenti / Approvazione Nuovo Febbraio 2012 Dicembre 2012

2 Indice TITOLO I NORME GENERALI 7 Capo I Principi 7 Art. 1 Autonomia normativa (L) 7 Art. 2 Competenze (L) 7 Art. 4 Rapporti tra Aree dell'amministrazione Comunale (L) 8 Art. 5 Soggetti pubblici e privati coinvolti nel processo edilizio (L) 8 Art. 6 Comunicazioni telematiche tramite posta elettronica certificata (L) 9 Capo II Obiettivi 9 Art. 7 Oggetto e contenuto del R.E.C. (L) 9 Art. 8 Obbligo di PdC, DIA, SCIA e CIL (L) 10 Art. 10 Uso di suolo pubblico (L) 10 Art. 11 Disposizioni sovraordinate e/o integrative del presente R.E.C. (L) 11 Art. 12 Adeguamento del R.E.C. alle nuove disposizioni nazionali e regionali (L) 11 TITOLO II INTERVENTI DI TRASFORMAZIONE DEL TERRITORIO 11 Capo I Definizione degli interventi edilizi 11 Art. 13 Elenco degli interventi edilizi (L) 11 Art. 14 Manutenzione ordinaria (L) 12 Art. 15 Manutenzione straordinaria (L) 13 Art. 16 Restauro e risanamento conservativo (L) 14 Art. 17 Ristrutturazione edilizia (L) 15 Art. 18 Ristrutturazione urbanistica (L) 16 Art. 19 Interventi di nuova costruzione (L) 17 Art. 20 Interventi sul patrimonio edilizio legittimato con concessione edilizia in sanatoria (L) 17 Art. 21 Interventi per l eliminazione delle barriere architettoniche su edifici privati ed edifici pubblici e privati aperti al pubblico (L) 18 Art. 22 Interventi urgenti (L) 22 Art. 23 Mutamento di destinazione d uso (L) 23 Art. 24 Attività edilizia libera AEL (L) 23 Art. 25 Realizzazione di recinzioni, muri di cinta e cancellate (L) 24 Art. 26 Manufatti accessori e locali tecnici (L) 27 Art. 27 Arredo urbano (L) 29 Art. 28 Manufatti temporanei e stagionali (L R) 30 Art. 29 Chioschi (L) 31 Art. 30 Spazi aperti (L) 32 Art. 31 Realizzazione di parcheggi (L) 32 Capo II Permesso di costruire 34 Art. 32 Soggetti aventi diritto a richiedere il PdC (L) 34 Art. 33 Interventi subordinati a PdC (L) 35 Art. 34 PdC in deroga agli strumenti urbanistici (L) 35 Art. 35 Domanda di PdC (L) 36 Art. 36 Documentazione di carattere generale da allegare alla domanda di PdC (L) 36 Art. 37 Documentazione tecnica da allegare alla domanda di PdC (L) 38 Art. 38 Procedure per l'esame della richiesta di PdC (R) 41 Art. 39 Determinazioni sulla richiesta di PdC (L - R) 42 Art. 40 Caratteristiche del PdC (L) 42 Art. 42 Trasferimento del PdC ad altro titolare (L) 44 Art. 43 Varianti al PdC (L) 45 Capo III Denuncia di inizio attività 46 Pagina 2 di 170

3 Art. 44 Opere soggette a Denuncia di Inizio Attività (L) 46 Art. 45 Disciplina della Denuncia di Inizio Attività (R) 46 Capo IV Segnalazione certificata di inizio attività 48 Art. 46 Opere soggette a SCIA (L) 48 Art. 47 Disciplina della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (R) 48 Capo V Autorizzazione paesaggistica ai sensi dell art. 146 del D.Lgs. n. 42/ Art. 48 Autorizzazione Paesaggistica Delega ai sensi della L.R. n. 59/95 (L) 50 Art. 49 Interventi non soggetti ad autorizzazione (L) 50 Art. 50 Domanda di Autorizzazione Paesaggistica (L) 50 Art. 51 Documentazione di carattere generale da allegare alla domanda (L) 51 Art. 52 Documentazione tecnica da allegare alla domanda (L) 52 Art. 53 Esame della domanda (R) 55 Art. 54 Esame della domanda di Autorizzazione Paesaggistica mediante procedimento semplificato (R) 56 Art. 55 Lavori realizzati in assenza o difformità dall'autorizzazione Paesaggistica (L) 57 Capo VI Altri interventi 58 Art. 56 Autorizzazione all esercizio di attività estrattive: cave (L) 58 Art. 57 Opere di urbanizzazione (L) 58 Art. 58 Attività edilizia delle pubbliche amministrazioni (L) 58 Art. 59 Attività edilizia dei privati in assenza di Piani Attuativi (L) 59 TITOLO III PRESCRIZIONI EDILIZIE RELATIVE ALL IGIENE, ALLA TUTELA DELL AMBIENTE, AL RISPARMIO E AL CONSUMO ENERGETICO 59 Capo I Igiene 59 Art. 60 Igiene dell ambiente (L) 59 Art. 61 Isolamento dall umidità (L) 59 Art. 62 Isolamento acustico (L) 60 Art. 63 Rifornimento idrico (L) 61 Art. 64 Allacciamento alla rete del gas (L) 61 Art. 65 Impianti elettrici (L) 61 Art. 66 Ventilazione meccanica (L) 62 Capo II Tutela dell ambiente 62 Art. 67 Eliminazione delle emissioni atmosferiche (L) 62 Capo III Normativa antincendio 62 Art. 68 Prevenzione incendi e sicurezza (L) 62 Art. 69 Centrali termiche e locali tecnici (R) 63 Art. 70 Centrali tecnologiche (R) 63 Art. 71 Depositi di olio combustibile, gasolio e GPL a servizio delle centrali termiche (R) 63 Art. 72 Canne fumarie al servizio degli impianti di riscaldamento (R) 64 Art. 73 Condotti di evacuazione di fumi e vapori per apparecchi a fiamma libera (R) 64 Art. 74 Altri condotti di evacuazione (R) 64 Art. 75 Impianti tecnici in edilizia (R) 64 Capo IV Prescrizioni antisismiche e di buona costruzione 66 Art. 76 Normativa antisismica (L) 66 Capo V Norme specifiche sul risparmio energetico ed idrico 66 Art. 77 Disposizioni Generali (L) 66 Art. 78 Requisiti relativi al risparmio energetico (L) 66 Art. 79 Risparmio energetico e definizione del volume imponibile (L) 69 Art. 80 Sistemi di accumulo, riutilizzazione delle acque meteoriche e di risparmio idrico (L) 70 Art. 81 Pavimentazioni, aree verdi, superfici ed aree libere del lotto (L) 71 Pagina 3 di 170

4 Art. 82 Utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili (L) 71 Art. 83 Progettazione di edifici e messa in esercizio di impianti (L) 72 Art. 84 Relazione tecnica sul rispetto delle prescrizioni del Capo VI del D.P.R. n. 380/2001 (L) 73 Art. 85 Certificazione delle opere e collaudo (L) 73 Art. 86 Controlli e verifiche (L) 73 Art. 87 Esonero dal contributo di costruzione (L) 73 Capo VI Requisiti dei locali 74 Art. 88 Piani interrati, seminterrati e sottotetti Cavedi e chiostrine (L) 74 Art. 89 Classificazione degli ambienti delle funzioni abitative (L) 75 Art. 90 Requisiti dei locali abitativi in funzione del posizionamento rispetto alle quote del terreno (R) 75 Art. 92 Requisiti di illuminazione degli ambienti abitabili (R) 75 Art. 93 Requisiti di areazione Principi generali (L) 76 Art. 94 Requisiti di areazione dell unità abitativa (L) 76 Art. 95 Requisiti di areazione naturale degli ambienti abitabili (L) 76 Art. 96 Requisiti di areazione degli ambienti funzionali (L) 76 Art. 97 Altezze interne degli ambienti per abitazioni (L) 77 Art. 98 Superficie netta degli ambienti o di unità immobiliari (L) 77 Art. 99 Dimensionamento e dotazione delle unità immobiliari destinate a funzioni abitative (L) 77 Art. 100 Dimensionamento e caratteristiche dei singoli ambienti (R) 77 Art. 101 Soppalchi per ambienti destinati a funzioni abitative (R) 78 Art. 102 Locali accessori (R) 78 Art. 103 Interventi su edifici esistenti (R) 78 Capo VII Requisiti specifici dei luoghi di lavoro 78 Art. 104 Classificazione dei luoghi di lavoro (L) 78 Art. 105 Ambienti di lavoro: requisiti in funzione del posizionamento rispetto alla quota del terreno (L) 79 Art. 106 Ambienti di lavoro: requisiti di areazione (L) 79 Art. 107 Ambienti di lavoro: requisiti di illuminazione (L) 80 Art. 108 Ambienti di lavoro: altezze e dimensioni (R) 81 Art. 109 Luoghi di lavoro: dotazione di ambienti funzionali all attività lavorativa (R) 81 Art. 110 Requisiti degli ambienti funzionali all attività lavorativa (R) 82 Art. 111 Soppalchi per i luoghi di lavoro (R) 82 Capo VIII Immobili destinati a funzioni diverse 83 Art. 112 Funzioni non regolate da norme specifiche (R) 83 Art. 113 Funzioni regolate da norme specifiche (R) 83 Capo IX Edilizia rurale 83 Art. 114 Impianti a servizio dell agricoltura (L) 83 Art. 115 Letamai e concimaie (L) 84 Art. 116 Serre (L) 84 Capo X Aspetto esterno degli edifici e degli spazi. Elementi di decoro urbano 86 Art. 117 Decoro degli edifici (L) 86 Art. 118 Decoro degli spazi (L) 86 Art. 119 Strade (L) 86 Art. 120 Tinteggiature degli edifici (L) 87 Art. 121 Elementi aggettanti (L) 87 Art. 122 Tende mobili e insegne (L) 87 Art. 123 Tabelle stradali e numeri civici (L) 88 Art. 124 Chioschi, cabine telefoniche e pensiline, armadietti delle Aziende erogatrici di servizi pubblici (L) 88 Pagina 4 di 170

5 Art. 125 Antenne radiotelevisive e collettori solari (L) 88 Art. 126 Parapetti, balaustre, ringhiere (L) 89 Art. 127 Canali di gronda, tubi pluviali, tubazioni e condotte sulle facciate (L) 89 Art. 128 Elementi di decoro urbano nel Centro storico (L) 89 Capo XI Mobilità pedonale e veicolare 92 Art. 129 Marciapiedi, porticati e percorsi pedonali (L) 92 Art. 130 Passi carrai e uscita dalle autorimesse (L) 93 TITOLO IV ESECUZIONE E CONTROLLO DELLE OPERE 94 Capo I Attuazione degli interventi 94 Art. 131 Atti propedeutici all esecuzione dei lavori (L R) 94 Art. 132 Cartello di cantiere (R) 94 Art. 133 La comunicazione di inizio dei lavori (R) 94 Art. 134 Documenti da conservare presso il cantiere (R) 95 Art. 135 Organizzazione e conduzione del cantiere Definizione di inizio e fine lavori (R) 96 Art. 136 Occupazione di aree pubbliche ai fini del cantiere (R) 97 Art. 137 Vigilanza sull attività edilizia Controlli sui titoli e sulle opere eseguite (R) 97 Art. 138 Comunicazione di fine lavori (L R) 98 TITOLO V AGIBILITÀ DEGLI EDIFICI 98 Capo I Certificato di agibilità 98 Art. 139 Opere soggette a certificato di agibilità (L) 98 Art. 140 Procedure, controlli ed accertamenti per il rilascio del certificato di agibilità (R) 99 Art. 141 Sanzioni amministrative (L) 101 Art. 142 Dichiarazione di inagibilità (L) 101 TITOLO VI ORGANI UFFICI PROCEDURE 101 Capo I Istituzione della Commissione comunale per il paesaggio 101 Art. 143 Competenze della Commissione Comunale per il Paesaggio (L) 101 Art. 144 Componenti della Commissione Comunale del Paesaggio e durata in carica dei membri (R) 102 Art. 145 Presidente della C.C.P. (R) 102 Art. 146 Funzioni della C.C.P. (L) 102 Art. 147 Funzionamento della C.C.P. (R) 102 Art. 148 Esame dei progetti (R) 103 Art. 149 Compensi (R) 103 Art. 150 Decadenza e sostituzione dei membri (R) 103 Art. 151 Segreteria della C.C.P. (R) 104 Capo II Istituzione della Commissione comunale per la valutazione dei P.U.A. 104 Art. 152 Competenze della Commissione Comunale per la Valutazione dei Piani di Utilizzazione Aziendale (L) 104 Art. 153 Componenti della C.C.V.P. e durata in carica dei membri (R) 104 Art. 154 Presidente della C.C.V.P. (R) 104 Art. 155 Funzioni della C.C.V.P. (L) 104 Art. 156 Funzionamento della C.C.V.P. (R) 104 Art. 157 Esame dei progetti (R) 105 Art. 158 Compensi (R) 105 Art. 159 Decadenza e sostituzione dei membri (R) 105 Art. 160 Segreteria della C.C.V.P. (R) 105 Capo III Uffici Procedure 106 Art. 161 Sportello Unico per l Edilizia (L) 106 Art. 162 Competenze (L) 106 Pagina 5 di 170

6 Capo IV Conferenza dei Servizi 107 Art. 163 Conferenza di Servizi tra strutture interne al Comune (L) 107 Art. 164 Conferenza di Servizi tra Amministrazioni diverse (L) 107 TITOLO VII DEFINIZIONI URBANISTICHE ED EDILIZIE 107 Art. 165 Parametri urbanistici ed edilizi (L) 107 Art. 166 Calcolo del volume convenzionale dell edificio (cubatura) (L) 112 TITOLO VIII NORME TRANSITORIE 114 Art. 167 Entrata in vigore (L) 114 Art. 168 Modifiche al R.E.C. ed alle N.T.A. del PRG (L R) 114 Art. 169 Abrogazione di precedenti norme (L R) 114 Art. 170 Violazioni del R.E.C. e sanzioni (L) 114 GLOSSARIO: Elenco delle abbreviazioni presenti nel testo 115 ALLEGATO N. 1: Abachi grafici Parametri urbanistici ed edilizi 117 ALLEGATO N. 2: Abachi grafici Parcheggi 126 ALLEGATO N. 3: Abachi grafici Norme specifiche sul risparmio energetico 131 ALLEGATO N. 4: Norme specifiche sul risparmio energetico 145 Pagina 6 di 170

7 TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI Art. 1 Autonomia normativa (L) 1. Il Comune esercita la potestà regolamentare nelle materie oggetto del presente Regolamento Edilizio Comunale, in osservanza dei principi legislativi che costituiscono limite inderogabile per l'autonomia regolamentare. Art. 2 Competenze (L) 1. Nel processo edilizio, così come definito al successivo art. 3, comma 3, sono coinvolte ed integrate le attività dei soggetti privati, dei soggetti che esercitano funzioni di pubblico servizio, nonché coloro che esplicano funzioni pubbliche, secondo quanto stabilito dall'ordinamento giuridico. 2. In particolare, il Comune esercita le seguenti funzioni in materia edilizia: a) emana gli atti a contenuto normativo e generale, nonché le disposizioni di dettaglio; b) svolge il compito di verifica e di vigilanza sulla conformità del processo edilizio alle norme urbanistico - edilizie nazionali e regionali; c) facilita l'attività degli attori del processo edilizio anche in sede di accordi procedimentali e di conferenza dei servizi; d) promuove il coordinamento tra i soggetti pubblici e privati, anche in relazione alla sottoscrizione di accordi e protocolli, secondo i principi di semplificazione di cui alla legge ed al R.E.C.; e) garantisce il periodico aggiornamento delle norme, sia al fine di migliorarne l applicabilità, sia al fine di garantirne la rispondenza con le eventuali modifiche normative; f) garantisce l'informazione secondo quanto previsto dal R.E.C. e dalle altre disposizioni vigenti in materia di diritto di informazione dei cittadini; g) ispira la propria azione amministrativa ai principi di cui al successivo art Sono di competenza del Dirigente responsabile le disposizioni tecnico organizzative relative alla modulistica, alla gestione dell'informazione, al raccordo con gli altri Settori comunali, ai criteri per l effettuazione dei controlli nonché ad ogni altro aspetto di carattere organizzativo e gestionale. Art. 3 Principi (L) 1. L attività amministrativa disciplinata dal presente R.E.C. è improntata ai seguenti principi: a) sussidiarietà ed integrazione delle attività pubbliche e private; b) ragionevolezza e proporzionalità dell'azione amministrativa; c) semplificazione ed economicità dell'azione amministrativa, anche nell'esercizio dei poteri di autotutela; d) salvaguardia della salute dei cittadini; e) valorizzazione dell'autocertificazione quale strumento privilegiato dell azione amministrativa, secondo la vigente normativa; f) potenziamento delle informazioni ai cittadini ed alle categorie economiche e professionali; g) valorizzazione e formazione delle conoscenze professionali pubbliche e private; Pagina 7 di 170

8 h) tutela dell affidamento del privato; i) conservazione dell'atto amministrativo, anche attraverso la modifica dei contenuti dello stesso che non siano incidenti sulla struttura del medesimo; j) sviluppo, potenziamento e fruibilità della rete civica informatica a favore dei cittadini e dei professionisti finalizzata alla semplificazione del procedimento, anche mediante promozione della trasmissione telematica di documenti tramite posta elettronica certificata di cui al successivo art Le disposizioni del R.E.C. sono applicate secondo i principi elencati al comma 1 del presente articolo. 3. Per processo edilizio, ai fini del R.E.C. si intende l'insieme di tutte le attività preordinate alla trasformazione strutturale e funzionale del territorio, naturale ed edificato, che inizia con l'accertamento della sostenibilità e della fattibilità dell'opera e si conclude con le verifiche finali sull'intervento effettuato. 4. I controlli e la vigilanza sull'attività edilizia, ai sensi di legge, vengono effettuati secondo gli indirizzi del Consiglio Comunale, gli orientamenti espressi dalla Giunta e i criteri fissati con Determinazione Dirigenziale dal Dirigente preposto. Il Consiglio può richiedere la presentazione di relazioni periodiche in ordine allo svolgimento e agli esiti dell'attività stessa. 5. Fatta salva l'ipotesi di errate o false rappresentazioni degli elementi di fatto, quando dalla formulazione del provvedimento siano sorte posizioni soggettive consolidate in capo ai destinatari del provvedimento medesimo, il potere di autotutela viene esercitato attraverso la ponderazione degli interessi in gioco da svolgersi, dove possibile, in contraddittorio con il privato e tenendo conto in particolare dei principi di ragionevolezza e proporzionalità dell'azione amministrativa e dell'affidamento del cittadino. Art. 4 Rapporti tra Aree dell'amministrazione Comunale (L) 1. Le attività del Comune in materia edilizia sono improntate al principio di leale cooperazione, attraverso il costante scambio di informazioni e documenti tra le diverse Aree, nel pieno rispetto delle competenze, dei tempi fissati dalla legge, dai Regolamenti ed in sede di accordo tra i soggetti interessati. Art. 5 Soggetti pubblici e privati coinvolti nel processo edilizio (L) 1. I soggetti che attuano, secondo le indicazioni del R.E.C., la trasformazione del territorio sono i protagonisti del processo edilizio così come individuato all art. 3, comma 3, del presente R.E.C. 2. Nel processo edilizio intervengono anche i soggetti esercenti servizi di pubblica necessità, fra i quali il/i progettista/i, il direttore lavori, i tecnici rilevatori e i pubblici ufficiali. 3. I soggetti di cui al comma 2 del presente articolo svolgono le competenze attribuite loro dalla legge, dal R.E.C., dagli atti generali e convenzionali anche definiti d'intesa con gli ordinamenti professionali a cui appartengono. 4. Nella gestione del processo edilizio il Comune si avvale delle aziende pubbliche e private aventi compiti di natura tecnica, strumentali e di consulenza (Aziende sanitarie e altri soggetti indicati dalla legge e dai Regolamenti vigenti). 5. Il Comune esercita poteri di direttiva e di coordinamento nei confronti dei soggetti di cui al precedente comma 4, nonché promuove la collaborazione con le Pubbliche Amministrazioni competenti nel processo edilizio e ne garantisce la partecipazione secondo quanto stabilito dalla legge e dal R.E.C. Pagina 8 di 170

9 Art. 6 Comunicazioni telematiche tramite posta elettronica certificata (L) 1. Il Comune, in conformità all art. 16, commi 6, 7, 8, 9 e all art. 10 del D.L. n. 185/08 come modificato in sede di conversione della L. n. 2/09 e, nel rispetto dei principi di semplificazione amministrativa sopra enunciati, intende avvalersi delle modalità di trasmissione di documenti informatici tramite le caselle di posta elettronica certificata, riconoscendo ai documenti così inviati (tramite ) lo stesso valore giuridico di quelli presentati manualmente allo S.U.E. 2. Le comunicazioni, da effettuarsi mediante la compilazione della modulistica pubblicata in modalità editabile sul sito internet del Comune di Fiumicino, dovranno essere inviate tramite e- mail da un utente in possesso di casella di posta elettronica certificata e i files, in essa contenuti, dovranno essere tutti sottoscritti con firma digitale. 3. L utente che intenda avvalersi della possibilità di invio dei suddetti documenti dovrà avere i seguenti due requisiti: a) possesso di casella di posta elettronica certificata; b) firma digitale. 4. I files di posta elettronica editati ed inviati secondo le modalità sopra descritte, saranno giuridicamente equivalenti a quelli presentati manualmente allo S.U.E. 5. Le così inviate, ai fini della decorrenza dei termini di legge, saranno considerate come ricevute il primo giorno lavorativo utile successivo alla data di invio della suddetta tramite PEC e con relativa firma digitale. 6. In mancanza di uno solo dei precedenti requisiti, le comunicazioni saranno considerate irricevibili. 7. Eventuali comunicazioni e ricevute saranno inviate, con le stesse modalità, dagli Uffici competenti all indirizzo di posta elettronica certificata dell utente, ed equivarranno giuridicamente alle comunicazioni o notifiche a mezzo posta. 8. L indirizzo di posta elettronica certificata dell Area Pianificazione del Territorio ed Edilizia del Comune di Fiumicino è il seguente: 9. Resta comunque valida la presentazione cartacea di uso corrente. CAPO II OBIETTIVI Art. 7 Oggetto e contenuto del R.E.C. (L) 1. Il R.E.C., individua gli obiettivi di sostenibilità, flessibilità e sussidiarietà da perseguire in materia di trasformazione del territorio, nel rispetto dei principi di semplificazione normativa, del decentramento dei livelli di decisione, della semplificazione amministrativa, nonché dei principi di cui al precedente Capo I Disciplina, ai sensi dell art. 2, comma 4 del D.P.R. n. 380/2001, tutte le attività di trasformazione del territorio sul suolo e nel sottosuolo, nonché le procedure del processo di intervento ed i controlli sull esecuzione dell attività edilizia, in relazione alla qualità del prodotto finale e nel rispetto della strumentazione urbanistica vigente. 2. Ai sensi dell art. 4 del D.P.R. n. 380/2001, disciplina le modalità costruttive, con particolare riguardo al rispetto delle normative tecniche ed estetiche, igienico-sanitarie, di sicurezza e di vivibilità degli immobili e delle pertinenze degli stessi. 3. In particolare il R.E.C. definisce: a) il procedimento relativo al rilascio: del PdC, del certificato di agibilità, del certificato di destinazione urbanistica e di ogni altro atto comunque denominato, nell ambito del processo edilizio; b) le competenze dell Amministrazione Comunale, i compiti, la composizione e il Pagina 9 di 170

10 funzionamento delle Commissioni Comunali previste dalla normativa vigente con gli interventi sottoposti al parere preventivo di tali organi; c) i rapporti tra il privato, l Amministrazione e, ove occorra, le altre amministrazioni tenute a pronunciarsi in ordine all intervento edilizio; d) i termini e le modalità di adempimento delle prescrizioni previste dal medesimo; e) i compiti e le responsabilità degli operatori della progettazione, della realizzazione e del controllo; f) la documentazione e gli elaborati necessari alla completezza delle istanze e le modalità da seguire per le relative comunicazioni; g) i requisiti e le specifiche di prestazioni cui devono rispondere le realizzazioni di cui al comma 1; h) le caratteristiche delle opere di urbanizzazione, di arredo urbano e ambientale. 4. Ogni intervento di trasformazione del territorio operato all interno della giurisdizione comunale, è soggetto all applicazione della normativa vigente per le zone sismiche, ai sensi del Capo IV del D.P.R. n. 380/2001. La normativa nazionale e regionale prevale sul presente R.E.C., in caso di discordanza tra le disposizioni in materia. Art. 8 Obbligo di PdC, DIA, SCIA e CIL (L) 1. Chiunque intenda eseguire opere di trasformazione del territorio, deve chiedere apposito PdC o, nei casi previsti dal R.E.C., presentare DIA o SCIA ai sensi dell art. 19 della L. n. 241/90 così come modificato dall art. 5 della L. n. 106/2011, oppure CIL, ai sensi dell art. 6 del D.P.R. n. 380/ Sono esclusi dall obbligo di richiesta del titolo abilitativo l attività edilizia libera di cui al successivo art. 24 e l attività edilizia delle pubbliche amministrazioni di cui al successivo art Sono altresì escluse dall obbligo di cui al comma 1 le opere provvisionali di assoluta urgenza indispensabili per evitare imminenti pericoli o danni a persone o cose, fermo restando l obbligo, da parte degli interessati, di intraprendere la procedura autorizzativa entro cinque giorni dall inizio dei lavori, dove si determini la necessità di opere consequenziali. Nel caso in cui le opere, di cui al presente comma, riguardino interventi di consolidamento, dovrà essere seguita la procedura autorizzativa di cui all art. 61, comma 2, del D.P.R. n. 380/2001. Art. 9 Onerosità dei titoli abilitativi (L) 1. Il rilascio del PdC comporta di norma la corresponsione all Amministrazione comunale di un contributo di costruzione, secondo quanto previsto dall art. 16 del D.P.R. n. 380/2001, commisurato all incidenza degli oneri di urbanizzazione ed al costo della costruzione. La presentazione della DIA e della SCIA comporta la corresponsione del contributo di cui sopra, nei casi previsti dalla vigente normativa Regionale in materia, come determinati da atti comunali. Art. 10 Uso di suolo pubblico (L) 1. È vietato occupare, anche temporaneamente, il suolo o lo spazio di proprietà dell Amministrazione comunale, senza preventiva autorizzazione specifica. 2. L Amministrazione, nell ambito dei propri regolamenti, può accordare l autorizzazione, quando ritenga l occupazione stessa non contrastante con il decoro cittadino e non dannosa per la pubblica igiene ed incolumità e non sia in contrasto con le esigenze della viabilità e delle proprietà confinanti. Pagina 10 di 170

11 Art. 11 Disposizioni sovraordinate e/o integrative del presente R.E.C. (L) 1. Sono norme sovraordinate al presente R.E.C.: a) L. n. 1150/1942 e s.m.i.; b) D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i. Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia; c) L.R. n. 38/99 e s.m.i.; d) D. Ministero Infrastrutture 14/01/2008; e) Tutte le vigenti leggi concernenti l edilizia e l urbanistica, sia di livello Nazionale che Regionale. 2. Sono norme integrative del presente R.E.C.: a) Il Piano Regolatore vigente del Comune e le relative N.T.A.; b) I piani attuativi vigenti e le relative N.T.A. Art. 12 Adeguamento del R.E.C. alle nuove disposizioni nazionali e regionali (L) 1. L entrata in vigore di nuove leggi statali o regionali attinenti alle materie considerate dal R.E.C. comporta l adeguamento automatico del testo regolamentare. 2. Le modifiche procedurali, emanate da Enti Sovraordinati e attinenti le materie del R.E.C., comportano l adeguamento automatico del testo dello stesso. TITOLO II INTERVENTI DI TRASFORMAZIONE DEL TERRITORIO CAPO I DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI Art. 13 Elenco degli interventi edilizi (L) 1. Tutti gli interventi edilizi devono essere conformi agli strumenti urbanistici adottati o approvati ed al R.E.C. vigente, nonché rispettare le norme di sicurezza e quelle igienico sanitarie, nonché i requisiti di qualità vigenti. 2. In attuazione della normativa vigente, delle N.T.A. del Piano Regolatore Comunale e del R.E.C., gli interventi edilizi e di trasformazione del territorio sono distinti in base alle seguenti categorie: Manutenzione ordinaria, Manutenzione straordinaria, Restauro e risanamento conservativo, Ristrutturazione edilizia, Ristrutturazione urbanistica, Nuova costruzione. Pagina 11 di 170

12 Art. 14 Manutenzione ordinaria 1 (L) 1. Costituiscono, ai sensi dell art. 3, lettera a), del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i., interventi di manutenzione ordinaria: quelli che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti. La realizzazione di tali interventi è libera e può essere eseguita su immobili regolarmente realizzati o legittimati ai sensi della L. n. 47/85, L. n. 724/94 e L. n. 326/ Tali interventi non possono comportare modifiche o alterazioni agli elementi architettonici o decorativi degli edifici. 3. La manutenzione ordinaria può essere effettuata sugli immobili soggetti a procedura espropriativa, previa presentazione di atto d obbligo per la rinuncia al plus valore. 4. Per gli edifici industriali ed artigianali sono considerate opere di manutenzione ordinaria 2 1 In forma non esaustiva, ma meramente indicativa, rientrano nella manutenzione ordinaria i seguenti interventi: Sostituzione di pavimenti e/o altre opere di finitura; Sostituzione e montaggio di rivestimenti interni compresi gli intonaci; Sostituzione degli infissi esterni esistenti con altri delle stesse dimensioni e fattezze, senza alterazioni dei tipi di materiali esistenti o delle tinte o delle tecnologie, ovvero la pulitura, riparazione e/o tinteggiatura degli stessi; Ripresa e sistemazione di intonaci, della cortina di finitura, degli elementi di finitura esistenti con l esclusione della totale rimozione e/o sostituzione e/o della completa realizzazione ex novo; Ripresa e sistemazione dei marcapiani, delle ringhiere e dei parapetti di balconi e/o scale, di soglie, copertine, senza alcuna alterazione dell aspetto e delle caratteristiche originarie; Riprese delle tinteggiature esterne; Sostituzione del manto di copertura (tegole, coppi, ecc.) e degli elementi dell orditura secondaria;impermeabilizzazione dei solai di copertura con massetto e guaine e/o tecniche equivalenti; Riparazione o sostituzione di grondaie, pluviali e canne fumarie, canne di aspirazione, camini, senza alterazione dei materiali esistenti; Sistemazione di impianti esistenti, finalizzata a mantenerne il corretto funzionamento, sempreché non attuata su immobili di particolare pregio architettonico, vincolati ai sensi del D.Lgs n. 42/2004; Impianti solari termici solari termici aventi superfici inferiore a 30 mq, pompe di calore atte a produrre esclusivamente acqua calda e di aria negli edifici pubblici e privati e negli spazi liberi annessi; impianti solari fotovoltaici parzialmente o totalmente integrati agli edifici pubblici e privati ovvero anche non integrati, qualora posti sulle coperture di edifici commerciali ed industriali, di potenza nominale uguale o inferiore a 20 kwp e, relativamente agli stabili condominiali, di potenza nominale uguale o inferiore a 5 kwp per unità immobiliare, fino a un massimo di 20 kwp per l intero stabile (ai sensi della l.r. n. 26 del 28/12/07); antenne e parabole riceventi di piccole dimensioni; sistemazione di giardini e cortili di pertinenza di edifici, come individuati catastalmente, senza alterazione delle quote esistenti anche mediante collocazione di modesti elementi ornamentali quali statue, fioriere, panchine, fontane, tende retrattili, barbecue con altezza ed ingombro non superiori rispettivamente a m 2,00 e a mq 2,00 (nel rispetto delle norme igienico sanitarie). Restano fermi l acquisizione della preventiva autorizzazione per l abbattimento o spostamento di specie vegetali sottoposte a tutela ai sensi delle norme vigenti in materia, nonché l obbligo di ripiantumazione in caso di abbattimento di specie arboree e arbustive, in misura non inferiore a quelle previste dalle prescrizioni normative edilizie/urbanistiche. 2 A titolo esemplificativo, si indicano di seguito, alcune opere che possono rientrare nella «categoria» di quelle di ordinaria manutenzione degli impianti industriali: costruzioni che non prevedono e non sono idonee alla presenza di manodopera, realizzate con lo scopo di proteggere determinati apparecchi o sistemi, quali: - cabine per trasformatori o per interruttori elettrici; - cabine per valvole di intercettazione fluidi, site sopra o sotto il livello di campagna; - cabine per stazioni di trasmissione dati e comandi, per gruppi di riduzione, purché al servizio dell'impianto. Sistemi per la canalizzazione dei fluidi mediante tubazioni, fognature, ecc., realizzati all'interno dello stabilimento stesso; serbatoi per lo stoccaggio e la movimentazione dei prodotti e relative opere; opere a carattere precario o facilmente amovibili: baracche ad elementi componibili, in legno, metallo o conglomerato armato;ricoveri protetti realizzati con palloni di plastica pressurizzata;chioschi per l'operatore di pese a bilico, per posti telefonici distaccati, per quadri di comando di apparecchiature non presidiate opere relative a lavori eseguiti all'interno di locali chiusi; installazione di pali porta tubi in metallo e conglomerato armato, semplici e composti; passerelle di sostegni in metallo o conglomerato armato per l'attraversamento delle strade interne con tubazioni di processo e servizi; trincee a cielo aperto, destinate a raccogliere tubazioni di processo e servizi, nonché canalizzazioni fognanti aperte e relative vasche di trattamento e decantazione; basamenti, incastellature di sostegno e apparecchiature all'aperto per la modifica e il miglioramento di impianti esistenti; Pagina 12 di 170

COMUNE DI FIUMICINO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI FIUMICINO PROVINCIA DI ROMA Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 23/03/2012 COMUNE DI FIUMICINO PROVINCIA DI ROMA AREA PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO ED EDILIZIA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COORDINAMENTO PER

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

Manutenzione ordinaria

Manutenzione ordinaria Manutenzione ordinaria Allarme (impianto) Androne Antenna Balconi Caldaia Caloriferi condizionatori Cancelli esterni Canna fumaria Cantine e Riparazione senza innovazioni o con sostituzione di alcuni elementi

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

TIPOLOGIA E CATEGORIA DELL INTERVENTO INDICAZIONI A TITOLO ESEMPLIFICATIVO NORMATIVA DI RIFERIMENTO E RELATIVE PRESCRIZIONI

TIPOLOGIA E CATEGORIA DELL INTERVENTO INDICAZIONI A TITOLO ESEMPLIFICATIVO NORMATIVA DI RIFERIMENTO E RELATIVE PRESCRIZIONI ROMA CAPITALE MUNICIPIO ROMA VII (U.O.T. ex Municipio Roma X) - URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA INTERVENTI EDILIZI, NORME, PROCEDURE,, SANZIONI - QUADRO SINOTTICO COMPRENDENTE LE DISPOSIZIONI IN MATERIA,

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi Con questo articolo si intende fornire un riepilogo, alla luce della normativa nazionale vigente dopo l entrata in vigore

Dettagli

D.L. 21/06/2013 n 69 Decreto del fare convertito in legge dalla L. 09/08/2013 n 98

D.L. 21/06/2013 n 69 Decreto del fare convertito in legge dalla L. 09/08/2013 n 98 D.L. 21/06/2013 n 69 Decreto del fare convertito in legge dalla L. 09/08/2013 n 98 a) «interventi di manutenzione ordinaria», gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni Al fine di rendere più agevole la procedura si elencano gli interventi previsti dall art. 5 del Regolamento

Dettagli

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune.

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO COMUNE DI PIADENA Provincia di Cremona Sede Municipale: Piazza Garibaldi n. 3 - Tel. 0375.98125 - Fax n. 0375.98733 VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI PREMESSA: Entrata in vigore della nuova disciplina degli interventi edilizi prevista dalla L.R. n. 15 del 2013 La disciplina degli interventi

Dettagli

Comune di Segariu (Provincia del Medio Campidano)

Comune di Segariu (Provincia del Medio Campidano) (Provincia del Medio Campidano) Interventi ammessi in assenza di Piano particolareggiato del Centro matrice (zona A) approvato dalla RAS AGOSTO 2012 Progettista Architetto Alan Batzella PREMESSA Nella

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A). (N.D.R.: Il termine di entrata in vigore del presente testo unico e' stato prorogato

Dettagli

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione CASISTICA DEGLI INTERVENTI E RELATIVO REGIME AUTORIZZATIVO OPERA INTERVENTO REGIME ALBERATURE - piantumazione o abbattimento - potatura (*) AMPLIAMENTO EDIFICI opere di ristrutturazione e di modifica che

Dettagli

enricomilone@hotmail.com Manarch nov.2013

enricomilone@hotmail.com Manarch nov.2013 enricomilone@hotmail.com Manarch nov.2013 CIL CILA SCIA PdC TIPI DI LAVORI EDILIZI La esecuzioni di lavori in edilizia è regolata da leggi e regolamenti. I lavori di nuova costruzione sono generalmente

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI 4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali spostamento di alcuni locali da

Dettagli

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche.

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. Barrier free design [STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. [EDIFICI SOCIALI] Circolare del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLORE (ALLEGATO 1 AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE)

REGOLAMENTO DEL COLORE (ALLEGATO 1 AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE) Regione Piemonte Provincia di Alessandria Comune di SALA MONFERRATO Via Roma n.1 - C.A.P. 15030 - Tel. 0142/48.67.21 - Fax 0142/48.67.73 REGOLAMENTO DEL COLORE (ALLEGATO 1 AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE)

Dettagli

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi.

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Al fine di poter compiutamente illustrare il quesito che si andrà a formulare, necessita introdurre una breve premessa. Per conoscere

Dettagli

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Urbanistica Edilizia privata Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori IL RESPONSABILE IV SETTORE Urbanistica - Edilizia Privata Ing. Ranieri

Dettagli

Prontuario dei Lavori Edili

Prontuario dei Lavori Edili TIPOLOGIA DESCRIZIONE STRUMENTO Abbaino Accorpamento di locali o altre unità immobiliari Adeguamento Antisismico Adeguamento igienico -funzionale Alberatura Realizzazione senza aumento di volume e coerente

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

Allarme (Sistema di segnalazione acustico e/o visivo di tentativi di furto, scasso, ecc.)

Allarme (Sistema di segnalazione acustico e/o visivo di tentativi di furto, scasso, ecc.) Accorpamento di unità immobiliari Adeguamento antisismico Interventi edilizi e titoli abilitativi L elenco di seguito riportato individua il titolo abilitativo necessario per l esecuzione di ciascuna delle

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITA EDILIZIA 6 GIUGNO 2008 N. 16 E S.M..

DISCIPLINA DELL ATTIVITA EDILIZIA 6 GIUGNO 2008 N. 16 E S.M.. DISCIPLINA DELL ATTIVITA EDILIZIA 6 GIUGNO 2008 N. 16 E S.M.. LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO 2008 N. 16 DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ EDILIZIA - PUBBLICATA SUL BURL N. 6 DEL 18.6.2008 PARTE I - COORDINATA CON LA

Dettagli

COMUNICAZIONE DI OPERE NON SOGGETTE AD ATTO ABILITATIVO ( art. 6 comma 1 lett. a), b),c),d),e) DPR 380/2001 e s.m.i.)

COMUNICAZIONE DI OPERE NON SOGGETTE AD ATTO ABILITATIVO ( art. 6 comma 1 lett. a), b),c),d),e) DPR 380/2001 e s.m.i.) Prot. COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo Via Casolini, n. 7-24030 Terno d Isola (BG) Tel. 035/49.40.001 - fax 035/90.44.98 www.comune.ternodisola.bg.it tecnico@comune.ternodisola.bg.it PRATICA

Dettagli

AGGIORNATO SECONDO PRESCRIZIONI REGIONALI DELIBERE GIUNTA REGIONALE VENETO

AGGIORNATO SECONDO PRESCRIZIONI REGIONALI DELIBERE GIUNTA REGIONALE VENETO Comune di: PROVINCIA DI PADOVA MEGLIADINO SAN FIDENZIO P.R.G. VARIANTE N. 3 AGGIORNATO SECONDO PRESCRIZIONI REGIONALI DELIBERE GIUNTA REGIONALE VENETO N. 3860 del 03 LUGLIO 1990 N. 5346 del 08 NOVEMBRE

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato P.G. CAT. VI CL. 03 FASC. 01 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinaria per interventi di cui alla successiva tabella B (articolo 22, commi 1 e 2, d.p.r. n. 380

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15/2013

LEGGE REGIONALE 15/2013 LEGGE REGIONALE 15/2013 SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA Pubblicata il 31 luglio 2013 In vigore dal 28 settembre 2013 -tranne art.55, in vigore dal 31 luglio 2013-13/10/09 - Esercitazione Pratica

Dettagli

Comune di Melegnano Provincia di Milano AREA GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO EDILIZIO. Vito Bellomo, Sindaco Lorenzo Pontiggia, Assessore

Comune di Melegnano Provincia di Milano AREA GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO EDILIZIO. Vito Bellomo, Sindaco Lorenzo Pontiggia, Assessore Comune di Melegnano Provincia di Milano AREA GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO EDILIZIO Vito Bellomo, Sindaco Lorenzo Pontiggia, Assessore 1 Adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 del

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 23 novembre 2014)

PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 23 novembre 2014) PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 23 novembre 2014) LEGENDA: AEL : Attività Edilizia Libera CIL : Comunicazione Inizio Lavori CILA : Comunicazione Inizio Lavori Asseverata SCIA : Segnalazione

Dettagli

Via/p.zza n. Sezione censuaria di Foglio n. Mappali. I sottoscritt dichiara altresì che le opere avranno inizio a decorrere dal giorno

Via/p.zza n. Sezione censuaria di Foglio n. Mappali. I sottoscritt dichiara altresì che le opere avranno inizio a decorrere dal giorno Comune di Tradate E dilizia P rivata/servizi U rbanistici COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 27 comma A della L.R. 12/2005 e art. 6 comma 1 del D.P.R. 380/01 modificato dalla Legge n. 73/10

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 ALLEGATO AL REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del

Dettagli

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 Norme tecniche di attuazione Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. \ RELATIVA ALL APPROVAZIONE DEL SECONDO REGOLAMENTO URBANISTICO NOVEMBRE 2013 Comune

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ Regione Lombardia Comune di Ticengo Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento:.. Protocollo Generale per interventi di cui alla successiva tabella A (articolo

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA Palazzo Mantegna Via Indipendenza, 41 35013 Cittadella (PD) P.I 00731540282 C.F. 81000370288 Tel. 049-9413411 Fax 049-9413419 4 SETTORE EDILIZIA PRIVATA ED URBANISTICA

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita'

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Testo vigente LEGGE REGIONALE 20 aprile 2015, n. 17 Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia ( B.U. 30 aprile 2015, n. 37 ) La pubblicazione del testo non ha carattere

Dettagli

COMUNE DI CASTELL UMBERTO

COMUNE DI CASTELL UMBERTO COMUNE DI CASTELL UMBERTO UFFICIO EDILIZIA Via Garibaldi, 27 98070 Castell Umberto e.mail. info@comune.castellumberto.me.it per. comune.castellumberto@pec.it Opere Interne Protocollo ALLO SPORTELLO UNICO

Dettagli

Allegato alla determinazione DU n. 6 del 08/04/2013

Allegato alla determinazione DU n. 6 del 08/04/2013 PRONTUARIO DEGLI INTERVENTI EDILIZI, DEI TITOLI ABILITATIVI E DELLE SANZIONI Tipologia di intervento edilizio Descrizione Titolo Abilitativo Sanzione 1 - Abbaino Creazione di aperture nella copertura in

Dettagli

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi Informativa per la clientela studio Aral Ai gentili Clienti OGGETTO: Decreto sblocca Italia: stop alla DIA Gentile Cliente, con il Decreto Legge Sblocca Italia gli interventi di ristrutturazione in casa

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA ANCE IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA 2015 SCIA DIA PDC CILA CIL D i r e z i o n e L e g i s l a z i o n e M e r c a t o P r i v a t o a g g i o r n a t o a l 1 7 m a r

Dettagli

(Provincia di Mantova)

(Provincia di Mantova) TITOLO I - NORME PROCEDURALI CAPO I - L iniziativa Sezione I - Soggetti Articolo 1 - Provvedimenti abilitativi, Denuncia di Inizio Attività e Segnalazione Certificata di Inizio Attività Articolo 2 - Autorizzazione

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE AGI COMUNE DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE MODULO DI RICHIESTA AGIBILITÀ PROTOCOLLO GENERALE Marca da Bollo 16,00 NUMERO PROTOCOLLO AGIBILITÀ ANNO 201 AL SINDACO DEL COMUNE DI GUSPINI

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

C O M U N E D O N G O. provincia di como. REGOLAMENTO EDILIZIO * a seguito dell accoglimento delle osservazioni

C O M U N E D O N G O. provincia di como. REGOLAMENTO EDILIZIO * a seguito dell accoglimento delle osservazioni C O M U N E D I D O N G O provincia di como REGOLAMENTO EDILIZIO * a seguito dell accoglimento delle osservazioni DELIBERA DI ADOZIONE C.C. N DEL DELIBERA DI APPROVAZIONE C.C. N DEL IL TECNICO IL SINDACO

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO A COMUNE DI CAORLE Provincia di Venezia PIANO REGOLATORE GENERALE REGOLAMENTO EDILIZIO Elaborato redatto ai sensi dell art. 4 del D.P.R. n 380 del 06 giugno 2001 Adottato con Deliberazione di

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Modalità di attuazione degli interventi edilizi Gli interventi edilizi devono

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio edilizio esistente: dal testo unico del 2001 alla SCIA

Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio edilizio esistente: dal testo unico del 2001 alla SCIA Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio

Dettagli

Mercoledì 18 giugno 2008 Anno XXXIX - N. 6 REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Genova - Via Fieschi 15

Mercoledì 18 giugno 2008 Anno XXXIX - N. 6 REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Genova - Via Fieschi 15 Mercoledì 18 giugno 2008 Anno XXXIX - N. 6 REPUBBLICA ITALIANA Direzione, Amministrazione: Tel. 010 54.851 Redazione: Tel. 010 5485663-4974 - Fax 010 5485531 Abbonamenti e Spedizioni: Tel. 010 5485363

Dettagli

ELENCO DELLE OPERE EDILIZIE ED I RELATIVI TITOLI ABILITATIVI

ELENCO DELLE OPERE EDILIZIE ED I RELATIVI TITOLI ABILITATIVI CITTA DI GUIDONIA MONTECEIO Provincia di Roma AREA IV URBANISTICA E ASSETTO DE TERRITORIO EENCO DEE OPERE EDIIZIE ED I REATIVI TITOI ABIITATIVI Elenco delle opere edilizie con l' indicazione della procedura

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEGLI ELABORATI ALLEGATI ALLA ISTANZA DI RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE E

Dettagli

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i.

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i. AL COMUNE DI RIVALTA di TORINO Settore Politiche del Territorio Servizio Edilizia Privata Protocollo generale Marca da Bollo. 14,62 Via Balma n. 5 10040 Rivalta (TO) Spazio riservato al servizio protocollo

Dettagli

CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO EDILIZIO INDICE GENERALE

CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO EDILIZIO INDICE GENERALE CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO EDILIZIO INDICE GENERALE Il presente Regolamento Edilizio disciplina tutte le attività di trasformazione edilizia e dello stato dei luoghi nel territorio comunale, integrando

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI DETRAZIONI FISCALI Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d imposta Irpef pari al 36%. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014 (termine

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 5/2/2010

Dettagli

ELENCO DESCRITTIVO DEGLI INTERVENTI EDILIZI CON RIFERIMENTO AL TITOLO ABILITATIVO A CUI SONO ASSOGGETTATI

ELENCO DESCRITTIVO DEGLI INTERVENTI EDILIZI CON RIFERIMENTO AL TITOLO ABILITATIVO A CUI SONO ASSOGGETTATI CARTA DEI SERVIZI CITTÀ DI FARA IN SABINA PROVINCIA DI RIETI 2013 SETTORE PIANIFICAZIONE ED ASSETTO DE TERRITORIO SPORTEO UNICO PER EDIIZIA - UFFICIO URBANISTICA CARTA DEI SERVIZI EENCO DESCRITTIVO DEGI

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI (50%)

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI (50%) LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI (50%) pag. 1/8 DESCRIZIONE L agevolazione è applicabile alle abitazioni facenti parte di edifici interamente ristrutturati dal 1 Gennaio 2008 al 31 Dicembre

Dettagli

AL COMUNE DI TRIESTE AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ED EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA MOBILITA E TRAFFICO

AL COMUNE DI TRIESTE AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ED EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA MOBILITA E TRAFFICO 01/04/2014 comune di trieste piazza Unità d'italia 4 34121 Trieste tel. 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 ORIGINALE DEL MODULO da consegnare al PROTOCOLLO GENERALE, sito al pianoterra

Dettagli

CITTÀ DI AVERSA AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SETTORE EDILIZIA PRIVATA Palazzo Comunale Piazza Municipio tel.

CITTÀ DI AVERSA AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SETTORE EDILIZIA PRIVATA Palazzo Comunale Piazza Municipio tel. Mod. B2 Spazio riservato al Protocollo CITTÀ DI AVERSA AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SETTORE EDILIZIA PRIVATA Palazzo Comunale Piazza Municipio tel. 0815049111 COPIA PER: COMUNE DICHIARANTE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata

COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata SERVIZIO URBANISTICA (FAQ: Frequently Asked Questions) Come si ottiene il rilascio di un certificato di destinazione urbanistica

Dettagli

In collaborazione con. Modulistica per Dichiarazione di Inizio Attività Edilizie Procedimento Mediante Autocertificazione

In collaborazione con. Modulistica per Dichiarazione di Inizio Attività Edilizie Procedimento Mediante Autocertificazione In collaborazione con Modulistica per Dichiarazione di Inizio Attività Edilizie Procedimento Mediante Autocertificazione M- DIA Autocertificazione del Richiedente Il/La sottoscritto/a, in qualità di [

Dettagli

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO. Kristina Tomic

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO. Kristina Tomic AREA CITTÀ E TERRITORIO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ed EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA e TRAFFICO ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO Kristina Tomic Responsabile Abusivismo Edilizio Comune

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO VENERDI 21 GENNAIO 2011 PRATO - PALAZZO DELLE PROFESSIONI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO VENERDI 21 GENNAIO 2011 PRATO - PALAZZO DELLE PROFESSIONI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO VENERDI 21 GENNAIO 2011 PRATO - PALAZZO DELLE PROFESSIONI La nuova disciplina comunale dell ATTIVITA EDILIZIA LIBERA alla luce della modifica dell art. 6 del T.U. n. 380/2001

Dettagli

CITTA DI RAGUSA www.comune.ragusa.gov.it

CITTA DI RAGUSA www.comune.ragusa.gov.it CITTA DI RAGUSA www.comune.ragusa.gov.it SETTORE XI Edilizia Privata e Produttiva ---------------------------------------------------------------------------------------------------------Dirigente: Arch.

Dettagli

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli

Dettagli

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia N.15 30 LUGLIO 2013 Analisi delle principali novità e prime indicazioni operative Ravenna, 26 settembre 2013 Sala D Attorre Art 1 Principi generali In coerenza con il titolo V costituzione e con i principi

Dettagli

Si ringrazia per la collaborazione: L Assessore all Ecologia ed Ambiente dott. Claudio Torrisi

Si ringrazia per la collaborazione: L Assessore all Ecologia ed Ambiente dott. Claudio Torrisi Si ringrazia per la collaborazione: L Assessore all Ecologia ed Ambiente dott. Claudio Torrisi La Soprintendenza ai BB.CC.AA di Catania L Ufficiale Sanitario Gli Ordini professionali della Provincia di

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli