del geometra Tra il giorno e la notte.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "del geometra Tra il giorno e la notte."

Transcript

1 il geometra ligure anno 51º - n. 6 novembre-dicembre 2002 Spedizione in abbonamento postale 70% - sede di Genova Autorizzazione del Tribunale di Genova n. 318 del 29/11/54 Direttore responsabile Segretari di redazione Redattori Servizio fotografico Arnoldo Juvara Maura Mignone Marco Russello Roberta Arena Pier Emilio Copello Alessio Danovaro Paolo De Lorenzi Ettore Fieramosca Filippo Finocchiaro Mario Gramigni Mauro Mattei Andrea Merello Adolfo Morasso Liliana Olcese Alessandro Ombrina Roberto Ombrina Carlo Papi Adriano Rodari Lorenzo Traverso Adolfo Morasso Foto di copertina del geom. Adolfo Morasso Direzione Amministrazione Genova Redazione e Distribuzione Viale Brigata Bisagno, 8/1-2 Tel sommario Tra il giorno e la notte. La presente pubblicazione è distribuita gratuitamente agli iscritti all albo professionale della Provincia di Genova ed ai Collegi dei Geometri d Italia. La riproduzione degli articoli, schizzi e fotografie è permessa solo citando la fonte. Le opinioni espresse dagli Autori, Redattori, Corrispondenti non impegnano né la Direzione, né la Redazione, né il Collegio di cui il periodico è l organo. Stampato nel mese di novembre 2002 dalle Grafiche Fassicomo - Via Imperiale, Genova Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana 230 Editoriale: Dopo due anni 232 Innovazione e tradizione nel nuovo percorso formativo professionale del geometra Congresso Nazionale Geometri - Catasto 238 Il costo dell acqua calda negli impianti centralizzati 241 La nuova sede del Collegio 244 L abbattimento delle barriere architettoniche 248 A proposito di Competenze professionali: una storia infinita. 249 A proposito di Gestione di immobili 251 Legislazione dello Stato 261 Legislazione Regionale 269 Giurisprudenza 274 L agenda informatica 276 Informativa Commissione provinciale per la determinazione delle indennità di esproprio provincia di La Spezia 279 Informativa I Geometri: primo appuntamento internazionale 280 Recensioni 284 Atti del Collegio

2 Editoriale Dopo due anni geom. Luciano Piccinelli Sono già trascorsi due anni da quando mi è stato affidato l incarico di Presidente del Collegio e, mentre sotto un certo aspetto mi sembra che la circostanza si sia verificata ieri, se penso a quante cose sono cambiate per me e per quanti mi stanno attorno, posso considerare questo biennio come uno dei periodi più densi della mia vita. Quando consegnai per la prima volta a queste pagine le mie emozioni ed i miei propositi, espressi anche la speranza di poter presto ritornare a farmi sentire, invece, il presto è diventato quasi due anni. Ma penso di essermi fatto sentire in altra forma ovvero con l attività svolta spesso in maniera frenetica, con decisioni non sempre facili o popolari, con una presenza diuturna e talvolta anche faticosa; e tutto ciò con grande entusiasmo e senso del dovere ma, soprattutto, con il supporto del Consiglio Direttivo e di tanti altri Colleghi che conoscono il valore umano e sociale dello spirito di servizio. È stato possibile, in tal modo, riuscire ad avere un rapporto diretto con i Colleghi che operano sparsi nel-

3 Editoriale l ampio territorio della provincia e con i Rappresentanti di Categoria presso il Consiglio Nazionale e la Cassa di Previdenza ed Assistenza, a fornire in maniera tempestiva le informazioni più importanti inerenti la nostra attività, a tenere i dovuti contatti con gli Enti Pubblici e con gli organismi professionali affini al nostro, a garantire la doverosa assistenza per le pratiche degli anziani, ad organizzare la formazione soprattutto a favore dei piu giovani, ad ottenere qualche corsia preferenziale presso alcuni Uffici, a tutelare laddove necessario le nostre competenze professionali, a sensibilizzare la stampa perché mantenga sempre viva presso l opinione pubblica la figura del geometra. Oggi provo un po meno tensione davanti ad un microfono, di fronte ad un pubblico numeroso, a colloquio con il Rappresentante di un Autorità, ma ho sempre la preoccupazione di fare bene l interesse degli Iscritti che rappresento; mi auguro di esserci riuscito discretamente seppur con i limiti di cui sono pienamente conscio. 231 Il testimone che mi è stato affidato due anni fa, dalla mano destra l ho già passato nella mano sinistra (chi mastica qualche nozione di atletica leggera capisce ciò che intendo dire). Non sta a me decidere quando dovrò affidarlo alla mano destra di un altro frazionista; io so solamente che, fino a quel momento, il mio dovere è di correre. Per il momento non mi resta altro che porgere a Voi ed alle Vostre famiglie un sincero augurio di Buon Natale e Buone Feste. Auguri! La redazione vuol formulare gli auguri più sentiti a tutti i lettori per un sereno e Santo Natale. Sereno perché il Natale sia un momento di raccoglimento e di conciliazione, Santo perché ricordi la nascita del Salvatore del mondo. Fotografia scattata dal collega geom. Gianni Marletta in Siberia il 29 marzo Interpretazione del geom. Adolfo Morasso.

4 Innovazione e tradizione nel nuovo percorso formativo professionale del geometra geom. Filippo Finocchiaro Nel contesto del 42 CONGRESSO NA- ZIONALE DEI GEOME- TRI, tenutosi in Venezia Isola di S. Giorgio presso la prestigiosa Fondazione CINI, anche con finalità di doveroso aggiornamento della Categoria, mi ritengo autorizzato a riportare e commentare i passi più salienti della relazione della Commissione Istruzione del Consiglio Nazionale dei Geometri, nel cui contesto spero di aver dato un modesto contributo quale Rappresentante del Comitato Regionale dei Collegi Liguri. La cornice del Congresso è stata senz altro all altezza della situazione; tutto traspirava di storia ultra secolare, con una garbata miscela di modernità e tecnologia nel rispetto della tradizione; quale miglior auspicio per il futuro della nostra professione così capillarmente radicata nella storia del Paese. In questa ambientazione i lavori si sono svolti con puntualità ed i numerosi interventi di relatori nazionali e stranieri sono stati molto pertinenti. Le attività ricreative e culturali, a mio parere, hanno trovato il loro momento più alto nel concerto per archi e fiati de I SOLISTI VENE- TI, diretti dal Maestro Clau- Bacino di San Marco a Venezia. (Antonio Canal detto il Canaletto).

5 Innovazione e tradizione nel nuovo percorso formativo professionale del geometra 233 dio SCIMONE, tenutosi nella Basilica di S. Marco la sera del 26 settembre 2002; in tale occasione il Consiglio Nazionale dei Geometri ha predisposto un libretto con cenni storico-artistici dal quale si è appreso della donazione fatta dallo stesso Consiglio Nazionale alla Procuratoria di San Marco con il restauro della teca della Madonna Nicopeia, importante riferimento di culto religioso dei veneziani. Dopo questi cenni di carattere generale, entrando nel merito, si è avuta forte la sensazione di ottimismo per la continuità della professione polivalente del geometra, con la difesa della polidisciplinarietà della relativa formazione; sono stati ribaditi concetti quali il sapere dato dall istruzione, in oggi ancora di tipo tradizionale, e il saper fare prodotto dalla formazione che si rivolge all approfondimento scientifico e pratico dell attività del geometra. L accesso al nostro Albo Professionale è regolato dalla normativa della legge 07 marzo 1985, n 75; l albo è unico e le competenze sono multidisciplinari per tutti gli iscritti. Nuove vie d accesso sono state introdotte dal D.P.R. 05 giugno 2001, n 328, che istituisce la laurea di primo livello e ammette la frequentazione di corsi IFTS, quali modi alternativi di tirocinio, con iscrizione obbligatoria al praticantato, ai fini dell accesso all Esame di Stato per l abilitazione alla professione di geometra. La relazione si spinge oltre, guarda al futuro sposando obiettivi tanto cari al concetto europeistico del lavoro, quali: - la formazione permanente che rappresenta un impegno crescente del Consiglio Nazionale e dei Collegi Provinciali per offrire opportunità di aggiornamento e approfondimento di specifiche discipline professionali; - la certificazione di qualità per la corretta organizzazione del lavoro autonomo e associato. Al titolo di geometra laureato s intende coralmente opporre quello di geometra, che rappresenta il raggiungimento delle aspettative della Categoria; la laurea di primo livello, alternativamente nelle classi IV (scienze dell architettura e dell ingegneria edile), VII (urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale) e VIII (ingegneria civile ed ambientale), è finalizzata allo scopo. Si dovrà incentivare la concertazione con l Università, insistendo per l applicazione dell esercizio del tirocinio, a partire dal secondo anno del corso triennale, secondo le direttive recentemente emanate dal Consiglio Nazionale. L auspicio della formazione di una quarta classe di laurea, ancor più puntuale e pluridisciplinare in assolvimento alle aspettative future della Categoria, potrebbe trovare il suo soddisfacimento con l introduzione di un manifesto universitario tipo di laurea di primo livello che rappresenti la guida del progetto corsuale riducendo, così, la forte variabilità delle casistiche e il non indifferente confronto con l ambiente universitario. La Categoria deve sostenere la polivalenza del proprio sapere e saper fare, proponendo nuovi sistemi professionalizzanti e nuove qualità. Il Consiglio Nazionale ha posto quale obiettivo fondamentale l impegno di volgere la conquista rappresentata dal D.P.R. 328/2001 in favore delle nostre esigenze professionali. Il Presidente del Consiglio Nazionale dei Geometri, Geom. Piero PANUNZI, nel Grazie Venezia per averci accolti! Anche nella costruzione delle tue case, nei tuoi ponti, nelle tue strade è passato il Geometra con il suo antico sapere.

6 234 Il geometra ligure Nel IV secolo a. C. Platone pose di fronte all ingresso dell Accademia la scritta: Non entri nessuno che non sa di geometria. suo discorso inaugurale, rilevata la forte tendenza internazionale all associazionismo professionale per aderire ad un sistema di reti prestazionali intellettuali, ha indicato la necessità di fare uso creativo delle varie conoscenze applicate ai campi del sapere e dei servizi. Ne consegue la necessità di plasmare la nostra figura professionale alle nuove esigenze senza disconoscere la tradizione da cui la stessa proviene. La salvaguardia del tecnico intermedio è richiesta per il fondamentale ruolo sociale che egli svolge sia nei settori tradizionali sia nelle nuove discipline (sicurezza nei cantieri, analisi dei rischi, analisi dei valori, prevenzione incendi, management edilizia, ecc.). È chiaro che questo quadro non puo essere disgiunto dalla revisione del regolamento professionale e che la riforma degli Ordini e Collegi delle professioni tecniche condiziona le diverse competenze; il riscatto e la garanzia per il futuro professionale possono essere rappresentati dalla formazione continua, quale prerogativa del geometra qualificato e certificato; in questa azione il ruolo propositivo del Consiglio Nazionale, di concerto con i Collegi Provinciali, e della Cassa Geometri è fondamentale. In questo senso una corposa relazione del Presidente della Cassa Italiana Geometri, Geom. Fausto SAVOLDI, ha portato un contributo suffragato da grafici e statistiche che hanno materializzato una realtà in evoluzione con tutte le difficoltà a comprenderne le logiche. Dopo i presupposti che condividono, all unisono con i precedenti interventi, la necessità di migliorare il livello formativo e di contenere la concorrenza di organizzazioni professionali interdisciplinari nazionali ed estere, la relazione si è addentrata nel cosa fare. La Cassa, che istituzionalmente deve controllare il flusso di iscrizioni agli albi, rilevato che il numero d iscritti provenienti dagli istituti tecnici per geometri è percentualmente esiguo, teme l ulteriore riduzione numerica con l elevazione all istruzione universitaria. La speranza è rappresentata dalla preparazione delle nuove generazioni, utilizzatrici di informatica, e dalla sensibilità con la quale sarà gestita la formazione con cambiamenti, anche repentini, che consentano il continuo adattamento alle esigenze della società e del mercato europeo. Il forte auspicio è che il geometra italiano sia portato emblematicamente quale modello formativo in campo europeo, evitando che altri ci impongano canoni formativi riduttivi e/o Oltre a tutte le già dette aspettative in futuro il geometra dovrà attendere a nuove incombenze per offrire le necessarie garanzie, sottoponendo il suo sapere a verifiche periodiche; in questa azione gli Organi istituzionali possono fare molto per individuare sicure linee guida evidenziando gli aspetti che ci differenziano dalle altre professioni tecniche. Bisogna agire sui giovani per la comprensione dei mo-

7 Innovazione e tradizione nel nuovo percorso formativo professionale del geometra 235 tivi culturali, economici, sociali e previdenziali che giustifichino la professione del geometra quale scelta di vita. Le prime iniziative regionali nel campo dell istruzione sono una prova della vivacità di alcuni Collegi che hanno avuto la sensibilità e l arditezza di inoltrarsi in percorsi difficili e quasi ostili per tutta una serie di motivazioni comprensibilmente relative ad ogni nuova esperienza in settori fin ora inesplorati. Lo sforzo, anche economico, che tali iniziative comportano dovrà trovare un ritorno nell incremento di adesione di iscritti agli albi. La Cassa, apprezzando questa azione che si integra con quelle già istituzionalmente a carico di Consiglio Nazionale e Collegi Provinciali, indica la necessità di proporre alla società ed al Governo un Regolamento professionale adeguato alle nuove esigenze. Tale regolamento dovrà richiamare le nuove vie d accesso all Albo, le caratteristiche concettuali del tirocinio riformato e la normativa transitoria per colmare il divario formativo con i precedenti iscritti; conseguentemente, dovrà essere rivisto anche il codice deontologico estendendo i noti concetti di tutela del cliente e di rapporti tra gli iscritti, alla promozione ed alla tutela della professione. Occorrerà, inoltre, confortare l attività dei Collegi con l incentivazione di strutture regionali direttamente operanti sul territorio di competenza giuridica, quali nostre fondazioni o società d ingegneria per arginare l azione delle società di capitale. Occorrerà rafforzare l azione promozionale e la partecipazione ai bandi pubblici per le attività professionali a noi congeniali, cogliendo tutte le occasioni che possano dare visibilità alla Categoria in campo tecnico. Per concludere, dopo tanto giusto dissertare sul futuro della Categoria, mi corre l obbligo di aggiornarvi sullo stato dell arte dei percorsi formativi progettati negli ultimi anni dai Collegi liguri: - corso di laurea triennale di primo livello per ingegneria edilizia classe IV multidisciplinare, rispondente al D.P.R. 328/2001 in quanto comprensiva del tirocinio di mesi sei con iscrizione al Registro dei Praticanti, per l accesso all Esame di Stato per l abilitazione professionale, è stato approvato dall Università e inserito nel regolamento della Facoltà d Ingegneria; - corso IFTS per la figura di Tecnico della gestione edilizia del territorio partecipazione al bando regionale con un progetto corsuale (in corso d esame da parte della Regione) multidisciplinare di 2400 ore, con tirocinio di sei mesi e preliminare iscrizione al Registro dei Praticanti per l Esame di Stato all abilitazione professionale; sarà gestito dall ITG. Cardarelli di La Spezia e delocalizzato nelle altre tre provincie per stages presso studi professionali, imprese edili e corsi specifici sul territorio. Il lavoro che attende la Categoria è molto impegnativo e riguarda tutti gli iscritti; queste problematiche non vanno viste con distacco perché ciascuno di noi è chiamato a partecipare alla loro soluzione per il futuro della Categoria che è il proprio futuro. Mentre sull isola di San Marco si svolgeva il 42 Congresso Nazionale Geometri ragazze del Nord vivevano la magia di Venezia.

8 42 Congresso Nazionale Geometri - Catasto geom. Daniele Torri Il termine per la riforma dell Agenzia del territorio per il trasferimento ai comuni delle funzioni catastali lentamente si avvicina. In occasione del 42 CON GRESSO NAZIONALE GEOMETRI, svoltosi a Venezia dal 23 al 28 settembre u.s., nella giornata dedicata al Catasto sono stati toccati alcuni temi importanti per la nostra Categoria. Innanzi tutto è stata ravvisata la necessità di un ottimizzazione della produttività ed efficienza dell Agenzia del Territorio (ex Catasto ex Ufficio del Territorio), e della semplificazione delle procedure tecnico-amministrative. Per la riforma dell Agenzia del Territorio è stata, ormai da tempo, fissata la data del 26/02/2004, quale termine ultimo per il trasferimento ai Comuni, che ne abbiano fatto richiesta, di tutte le funzioni catastali. Attualmente però, a meno di 18 mesi dal termine predetto per il completamento del decentramento, non siamo ancora in una fase avanzata, facendoci intravvedere il rischio di possibili disfunzioni per le attività professionali e per quelle istituzionali (vedere quanto è successo per l entrata in vigore del Docfa 3 alla data improcrastinabile del 01/01/2002 e con un programma non totalmente funzionante). Altro argomento importante è la prevista e soprattutto richiesta revisione degli estimi, ritenuti ormai obsoleti e non corrispondenti a valori equi. Sicuramente per le abitazioni ad esempio sarebbero più esatte rendite catastali aventi tariffe rapportate ai

9 42 CongressoNazionale Geometri - Catasto 237 metri quadrati di superficie, anziché al numero di vani come calcolato attualmente. Viene auspicata una revisione totale degli estimi, con tavoli di lavoro simili a quanto è avvenuto per le Microzone, dove la nostra Categoria avrà una delle posizioni preponderanti al fine di definire detti valori. È stata poi esaminata, con i dirigenti dell Agenzia del Territorio, l evoluzione nell ottica del miglioramento dei dati e dei servizi. Attualmente sono in corso i seguenti progetti: costituzione dell anagrafe tributaria, la definizione di una banca dati integrata, il supporto al decentramento delle funzioni catastali ai comuni e la definizione del modello e le regole per la revisione degli estimi; Tutto ciò dovrebbe portare ad una maggiore qualità, completezza e coerenza del dato, a servizi più efficaci ed efficienti per gli utenti, ad una perequazione ed equità fiscale. Inoltre per quanto riguarda l anagrafe dei beni immobiliari l attività dell Agenzia si compone di due fasi: la prima in corso e definita di sistemazione (recupero arretrato, informatizzazione documenti ed allineamento informazioni) della durata di ore; la seconda di completamento (completamento appalti per digitalizzazione planimetrie, attività di allineamento della banca dati planimetrie post appalti, completamento appalti per acquisizione note antecedenti la meccanizzazione della Pubblicità Immobiliare e dati amministrativi corrispondenti, vettorizzazione mappe, acquisizione dei soggetti, dei repertori, delle tavole alfabetiche, della Pubblicità Immobiliare) per un totale previsto di ore. L evoluzione degli aspetti gestionali dei flussi avviene attraverso l introduzione di nuovi software destinati ai professionisti, in parte già esistenti (Voltura 1.0, Docte 1.0, Docfa 3.0) ed altri in via di ultimazione (Pregeo 8.0), i quali permettono l aggiornamento automatico dei dati ed, in un prossimo futuro, potranno essere presentati anche attraverso la rete telematica. Riguardo al nuovo programma Pregeo 8.0, le sostanziali innovazioni dall attuale Pregeo 7.5 sono la proposta di aggiornamento cartografico (fatta direttamente dal tecnico sulla mappa fornita su supporto informatico), l altimetria e la possibilità di rilievo con strumentazione GPS, il tutto in modo da permettere l allineamento tra base-dati amministrativo-censuaria e cartografica, l integrazione della cartografia con dati altimetrici, il passaggio ad un unico sistema di riferimento, l adeguamento alle nuove metodologie di rilievo nell ottica della semplificazione operativa. L iter del nuovo programma attualmente è fermo alla sperimentazione di una versione beta in corso di test presso le Commissioni Catasto dei Collegi. Oggi siamo in attesa di una versione corretta e, comunque, è già previsto, che partirà da gennaio 2003 (?!) un periodo di doppia presentazione, da parte di noi tecnici, sia con l attuale versione, sia con la nuova. In sede di conferenza, il Presidente Nazionale, Geom. P. Panunzi, ha imposto ai Dirigenti dell Agenzia, che, detto programma, non diventerà comunque obbligatorio fintanto che non saranno realizzati corsi presso tutti i Collegi, per l apprendimento del nuovo software, (perché non accada quanto è già successo con l introduzione del Docfa 3.0). La conferenza è terminata con la speranza (istanza prioritaria) di una concertazione maggiore da parte dell Agenzia del Territorio, su qualsiasi attività prevista e sul miglioramento di quelle esistenti, principalmente con la Nostra Categoria, la primaria utilizzatrice e la più esperta delle attività catastali. Sono prigioniero con la porta aperta. Pablo Neruda

10 Il costo dell acqua calda negli impianti centralizzati geom. Ettore Fieramosca Se si parte dalla norma tecnica secondo la quale occorre 1 kcal per elevare di 1 C la temperatura di 1 kg (= 1 litro), d acqua potrebbe sembrare semplice determinare quanto costa scaldare l acqua per uso sanitario. Supponendo che la temperatura dell acqua in arrivo dall acquedotto sia di 10 C, che l acqua fuoriuscente dallo scambiatore di calore abbia una temperatura di 50 C, che il combustibile usato da noi sia gasolio e che un kg di gasolio sviluppi kcal, se non ci fossero altri fattori di cui tenere conto, il calcolo riferito ad un metro cubo (=1.000 litri) d acqua sarebbe il seguente: litri x (50 C - 10 C) = 3,92 kg di gasolio kcal/kg Purtroppo, come tutti sappiamo, gli altri fattori ci sono e hanno un incidenza enorme; vediamoli e determiniamone, per quanto possibile, il peso. Continuiamo a utilizzare i dati sopra esposti aggiungendo la supposizione di avere un impianto moderno e razionale costituito da una caldaia, uno scambiatore istantaneo, un circuito primario caldaia-scambiatore, un circuito secondario di distribuzione e circolazione, una pompa sul circuito primario e una sul circuito secondario, un sistema di termoregolazione, tubazione coibentata. Il rendimento effettivo della caldaia, cioè il rapporto tra la quantità di calore ceduto all acqua e la quantità di calore prodotto dalla combustione, nonché quello del circuito primario nel suo complesso, in pratica, non superano - globalmente - il valore di 0,80. Un kg di gasolio ci fornirà dunque: kcal x 0,80 = kcal Per il circuito secondario, ossia quello di distribuzione dell acqua calda di consumo, si devono fare ulteriori considerazioni. Infatti, per far sì che gli utenti, quando aprono il rubinetto, ricevano l acqua calda subito è necessario che nella tubazione principale dalla quale si dipartono le derivazioni alle singole utenze l acqua circoli sempre calda, e ciò indipendentemente dal prelievo. Sulla base di dati sperimentali, rilevati in un impianto moderno, possiamo affermare che - in caso di presenza totale degli utenti - la quantità di acqua ricircolata in un giorno è circa tre volte la quantità d acqua calda consumata, logicamente nella stessa unità di tempo. Sempre in forza della stessa esperienza è stato constatato che, mediamente, la differenza di temperatura dell acqua in uscita dallo scambiatore di calore (50 C) e quella di ricircolo in entrata (36 C) è di circa 14 C; la temperatura dell acqua in arrivo dall acquedotto è di 10 C. Ne consegue che, mentre per scaldare 1000 litri d acqua da 10 C a 50 C occorrono kcal, (1000 litri x 40 C), contemporaneamente si riscaldano da 36 C a 50 C altri 3000 litri d acqua da mantenere in circolo, con ulteriore assorbimento di kcal, (3000 litri x 14 C). La quantità di calore occorrente per utilizzare 1000 litri d acqua calda è dunque pari a kcal ( ). Ricollegandoci a quanto detto in precedenza circa la quantità di calore utilizzabile con

11 Il costo dell acqua calda negli impianti centralizzati la combustione di 1 kg di gasolio, avremo che per produrre kcal occorreranno: = 10,05 kg ( 12,03 litri ) di gasolio Ma attenzione! Non si possono basare i calcoli su questo dato. È stato infatti detto che i dati sperimentali iniziali che ci hanno portato a questo risultato si riferivano ad un periodo in cui erano presenti tutti gli utenti. Quando non tutti gli abitanti di un caseggiato sono in sede (ad esempio nel periodo delle ferie) o quando si fa un uso più contenuto dell acqua calda (ad esempio nel periodo estivo) l incidenza delle calorie assorbite dal ricircolo cresce vertiginosamente. Vediamo perché. Supponiamo che, indipendentemente dalla causa che determina il minor consumo, nella stessa unità di tempo (un giorno) - in cui si consumava un metro cubo d acqua - se ne consumi solo mezzo metro cubo. Poiché la quantità di acqua ricircolata rimane invariata avremo: calore necessario per elevare la temperatura di 500 litri d acqua da 10 C a 50 C 500 x (50-10) = kcal calore necessario per mantenere a 50 C l acqua di ricircolo = Kcal Per utilizzare, quindi, 500 litri d acqua calda sono necessarie Kcal ( ); per utilizzarne un metro cubo, in queste condizioni, il fabbisogno è pari a kcal e il consumo del gasolio sarà dato da : = 15,19 kg ( 18,19 litri ) È facile immaginare, a questo punto, a quanto salga il costo unitario dell acqua calda nei mesi di luglio ed agosto in certi caseggiati che rimangono pressoché disabitati! Ma senza aspettare i mesi estivi per fare mente locale a questo problema, è sufficiente pensare che lo stesso fenomeno avviene nelle ore notturne. Supponiamo sempre che un caseggiato 239 consumi mediamente 1000 litri d acqua calda al giorno; è verosimile che il consumo avvenga prevalentemente nelle ore diurne dalle 6 alle 22. Utilizzando i soliti dati sopra indicati avremo: = 62,5 lt / h (acqua di consumo) = 125 lt / h (acqua di ricircolo) 24 Il dispendio energetico del circuito secondario, nell arco della giornata, sarà: dalle 6 alle 22 (16 ore) 62,5 x 16 x (50-10) = kcal 125 x 16 x (50-36) = kcal dalle 22 alle 6 (8 ore) 125 x 8 x (50-36) = kcal Totale Kcal Se eliminiamo le dispersioni del circuito secondario nelle ore notturne, avremo che il consumo di gasolio sarà : / = 8,33 kg Produttore istantaneo di acqua calda

12 240 Il geometra ligure Acqua calda: dolcissimo conforto con un risparmio che, anche se la caldaia rimarrà in temperatura, risulterà sempre superiore al 15%. Per ottenere questo risultato è sufficiente installare un orologio che faccia funzionare la pompa di ricircolo solo nelle ore diurne. L unico inconveniente sarà che se qualche utente vorrà usare l acqua calda dopo l orario di coprifuoco dovrà far scorrere, prima di riceverla calda, una quantità maggiore d acqua fredda che il contatore contabilizzerà come calda; ma è anche giusto che sia così in quanto la comodità di pochi non deve gravare economicamente su tutti ed in misura eccessiva. Per quanto concerne la determinazione del costo complessivo del servizio di acqua calda non bisogna, ad avviso dello scrivente, prescindere da quanto è stato detto sopra in tutti i casi in cui l impianto di produzione acqua calda è in qualche modo collegato con l impianto di riscaldamento, con conseguenti difficoltà di estrapolare esattamente il costo d esercizio specifico. Infatti, tra i tanti criteri per fissare il costo unitario dell acqua calda, c è anche quello di fare la lettura dei contatori dell acqua rispettivamente all inizio ed al termine del periodo senza riscaldamento contestualmente alla lettura del livello del combustibile, dividendo i litri di gasolio consumato per i metri cubi d acqua utilizzata, moltiplicando il risultato per il prezzo medio del gasolio nel periodo considerato ed aggiungendo una quota delle altre spese accessorie. Poiché nel periodo preso in esame il consumo dell acqua, come è stato detto, è normalmente inferiore - a volte anche di molto - a quello medio annuo, ne consegue che il prezzo unitario risulta maggiore e quindi non attendibile. Per quanto concerne le altre voci che contribuiscono alla formazione del costo dell acqua calda qui di seguito viene sommariamente fornito qualche elemento per un approssimativa quantificazione. Le spese per energia elettrica, manutenzione e conduzione della centrale termica, diritti degli enti preposti ai controlli, ecc. possono essere facilmente determinate nella loro entità complessiva annuale trattandosi di importi ben definiti e rilevabili. Per la loro imputazione ai servizi di riscaldamento e di produzione acqua calda non ci si dovrebbe avventurare in sofisticati ed azzardati conteggi. A parere dello scrivente, dopo aver fissato un consumo medio unitario di combustibile che, in forza di quanto è emerso dalle precedenti considerazioni in merito, potrebbe essere ragionevolmente valutato in 12,5 kg/mc pari a circa 15 lt/mc, si può tranquillamente calcolare la proporzione tra il consumo di gasolio per uso riscaldamento ed il consumo per la produzione di acqua calda e, con lo stesso rapporto, ripartire le altre spese accessorie. Logicamente dovranno essere tenute separate e opportunamente addebitate ai rispettivi servizi quelle spese di manutenzione che risultano ben definite nella loro destinazione. Tutti i conteggi fin qui riportati si riferivano al gasolio per il quale si è assunto il p.c.i. di kcal/kg (pari a kcal/lt); assumendo il p.c.i. di kcal/mc per il gas metano si può valutare un consumo di 15,3 mc per ogni metro cubo di acqua calda utilizzata. Per avere i valori riferiti ad altri combustibili è sufficiente rapportare il rispettivo p.c.i.; non è stato, volutamente, preso in considerazione il costo in Euro per ovvi motivi.

13 La nuova sede del Collegio geom. Luigi Lanero Sapete tutti le motivazioni che ci hanno portato ad acquistare tramite la Cassa Italiana dei Geometri una nuova sede più consona per le attività che un Collegio moderno deve affrontare per riportare nella posizione che le compete la nostra Categoria nell ambito cittadino. Sala riunioni La ristrutturazione è stata impostata di conseguenza per creare una sala conferenze sufficiente alle nostre esigenze ma di non troppo costo anche di gestione, una sala informatica per gli iscritti e per i corsi di specializzazione, uno spazio adeguato

14 242 Il geometra ligure per la Segreteria che deve operare in maniera agile e veloce senza troppi impedimenti, un capace archivio per l enorme quantità di dati che il Collegio si trova nella necessità di archiviare soprattutto dopo l avvento del praticantato, una Presidenza ed adiacente sala riunioni di ottima rappresentanza, una sala adibita a biblioteca e redazione del Geometra Ligure, una stanza per il Segretario e i Consiglieri che devono ricevere i Colleghi per problematiche collegate con la professione, oltre alle riunioni per le Commissioni di taratura parcelle, ed infine servizi adeguati per il personale, i Consiglieri e per la sala conferenze. La scelta dei materiali è stata improntata sulla praticità ed economia dei costi con un buon risultato di finitura, oltre a soddisfare in alcuni casi la ricercatezza del senso estetico per i locali presidenza e sala consiglio che dovevano essere trattati in maniera particolare per la rappresentanza che rivestono nei contatti con l esterno. Le imprese che hanno partecipato alla realizzazione dei lavori, a condizioni particolarmente convenienti per il Collegio sono: La ditta BORNIA COSTRUZIONI s.r.l., del Collega geom. Stefano, ha provveduto alla realizzazione dei lavori di muratura; La ditta CRC s.r.l., del Collega geom. Ettore Fieramosca, ha provveduto al distacco dall impianto di riscaldamento centralizzato e alla realizzazione di nuovo impianto di condizionamento autonomo, caldo e freddo, separato tra la sala conferenze e l ufficio; Presidenza Segreteria Corridoio L artigiano SEGATORI Mauro Giulio, che ha realizzato tutti gli impianti idrici e di scarico; L ENEL.si, negozio di Genova, ha realizzato l impianto elettrico, videoconfe-

15 La nuova sede del Collegio 243 renza, telefonico compresa la fornitura degli elementi illuminanti; La ditta L. EMME s.r.l. ha fornito e montato porte e finestre oltre ai portoncini blindati ed alla nuova bussola; La ditta CARLO MASSA SERVIZI di Carlo Massa & C. s.a.s. ha montato i controsoffitti in tutti i locali del Collegio; L IDRAULICA FONTANABUONA s.r.l. ha fornito sanitari, rubinetterie e piastrelle che sono state posate dall artigiano Flavio SCARSO; Il coloritore Antonio ALLARCHI ha provveduto alla preparazione dei muri ed alle coloriture con materiale gentilmente fornito dalla BOERO s.p.a. tramite il rappresentante sig. Massimo TRINCA; La ditta API s.p.a. ha fornito la pavimentazione autolivellante in resina colorata per quasi tutta l estensione dell ufficio, posata dalla PROGEMI del sig. Rossi; La ditta A.S.P. PARQUET di Angelo Arzu e Alberto Sannino ha effettuato la fornitura e posa del parquet della presidenza e sala consiglio con le cornici realizzate e disegnate in opera. La Ditta Bordo di Fabrizio Bordo ha realizzato la pulizia dei marmi a davanzale e le pilastrate interne. L importo totale dei lavori ammonta a circa per una superficie di intervento di mq. 520 circa con un incidenza a metro quadro di circa. Le fotografie a corredo dell articolo mostrano in generale i lavori con le finiture realizzate. Inoltre, per l esecuzione dei lavori veniva predisposta idonea procedura edilizia per i lavori interni e la trasformazione di una finestra sul terrazzo in una portafinestra. Archivio Sala conferenze Bagni

16 L abbattimento delle barriere architettoniche Mario Federici La Legge 13 del 9 gennaio 1989, con i decreti successivamente emanati D.M. 236/89 e D.P.R. 503/96 recanti le prescrizioni tecniche da adottare, ha introdotto nel nostro ordinamento in maniera sufficientemente chiara ed organica i criteri ai quali uniformarsi sia nella progettazione di nuove costruzioni che nell adattamento di edifici esistenti al fine di rendere accessibili e fruibili a tutti gli spazi pubblici o privati; tale legge non solo ha imposto regole ma ha, contemporaneamente, stimolato la coscienza dei Tecnici, degli Amministratori Pubblici e di tutti i Cittadini che oggi hanno una sensibilità ed un attenzione più civile nei confronti di questo argomento. Chi ha avuto, negli anni 60 e 70, l opportunità di visitare paesi dell Europa settentrionale come l Inghilterra o la Svezia o l Olanda ha potuto notare, quasi con stupore, quanti disabili su sedie a rotelle si potessero incontrare per le strade, nei locali pubblici, nei negozi ; la prima considerazione che veniva alla mente era: ma quanti handicappati ci sono in questi paesi!!! ; purtroppo una stessa percentuale di persone disabili esisteva anche in Italia ma da noi gli handicappati non si vedevano in giro; queste persone restavano relegate nelle case sia per una sorta di pudore sia perché le nostre case, le nostre città, i nostri paesi erano costellati di barriere architettoniche che rendevano difficili gli spostamenti. Oggi le cose sono cambiate: c è una mentalità diversa, ci sono regole, ci sono contributi ed agevolazioni fiscali, molti interventi sono stati fatti sull esistente, i nuovi progetti sono licenziati solo se non si prevedono barriere architettoniche o se ne è previsto il superamento; ci siamo incamminati su una buona strada ma il cammino è ancora lungo. Gli strumenti che oggi consentono il superamento delle barriere architettoniche sono sostanzialmente: - di tipo tradizionale: rampe ed ascensori - di tipo innovativo: servoscale, piattaforme elevatrici e montascale mobili le rampe presentano il vantaggio di necessitare di manutenzione ridottissima, di essere utilizzabili quasi da chiunque; peraltro presentano alcuni svantaggi: ingombro elevatissimo, possibilità di superare solo piccoli dislivelli ed elevati oneri di costruzione; gli ascensori offrono un elevata sicurezza, la comodità e la facilità d uso da parte di chiunque; per contro hanno necessità di notevoli opere murarie, hanno grande ingombro (fossa e testata), costi rilevanti e tempi di realizzazione abbastanza lunghi; i servoscale comportano limitate o assenza di opere murarie, sono utilizzabili da chiunque, hanno elevata sicurezza ed hanno tempi minimi di installazione; comportano invece un ingombro delle guide sulle scale lungo tutto il percorso, hanno un estetica a volte non compatibile con l ambiente in cui devono essere installati, un impatto psicologico per cui sono utilizzati solo da chi non ne può fare a meno, hanno una limitata capacità di carico; le piattaforme elevatrici garantiscono un elevata sicurezza, hanno un estetica compatibile con il luogo di instal-

17 L abbattimento delle barriere architettoniche 245 lazione, comodità d uso, sono utilizzabili da chiunque e comportano limitate opere murarie con ingombri contenuti, potenza impegnata limitata (1,5 kw. circa); gli svantaggi di tali impianti sono: i limiti imposti dalla legge relativamente alla velocità ed ai comandi di tipo uomo presente i montascale mobili sono ottenibili in prestito d uso gratuito da parte delle ASL, non prevedono nessun ingombro fisso sulle scale, sono facilmente smontabili e trasportabili ed hanno tempi ridottissimi di consegna; per contro non possono superare pendenze superiori a 35, per l utilizzo hanno sempre necessità di un accompagnatore e quindi non consentono l autonomia del disabile, non sono usabili e/o adattabili a tutti i tipi di carrozzina (per esempio di tipo elettrico) Come abbiamo visto, esistono in Italia sia le leggi che prescrivono l abbattimento delle barriere architettoniche, negli edifici privati quanto in quelli pubblici, sia le norme che dettano i canoni su come deve essere perseguito lo scopo dell abbattimento delle barriere. Gli strumenti impiantistici per perseguire tale scopo, sono quelli che abbiamo sopra elencato e brevemente descritto, anche se ora occorre fare una disamina più approfondita di come deve essere un impianto per l abbattimento delle barriere e soprattutto sulle caratteristiche che deve avere con particolare riferimento a quelli che abbiamo definito di tipo innovativo (servoscale e piattaforme elevatrici) che sono forse meno conosciuti. Ci soffermeremo in particolare su alcune delle più significative contraddizioni che sia i costruttori di tali tipi di impianti che i progettisti si trovano ad affrontare, spesso senza possibilità di poterle sanare. Le prescrizioni tecniche cui ci vogliamo riferire sono quelle previste dal DM 236 e dalla norma tecnica UNI 9801, che, pensate molti anni fa, sono ora in qualche parte superate per le mutate esigenze delle persone portatrici di handicap, perché sono mutati gli altri ausili a loro disposizione ed anche perché sono cambiate le norme. Vediamo alcuni dei principali punti dove le norme sopra citate sono carenti: Portata: il D.M. 236 prescrive (8.1.13) portate non inferiori a 100 Kg e non superiori a 200 Kg per servoscale per persone in piedi o sedute e portate non inferiori a 150 Kg per servoscale con pedana per il trasporto di persona su sedia a ruote in luoghi aperti al pubblico e 130 Kg negli altri casi; la norma UNI 9801 ammette una portata minima di 130 Kg.; è evidente che le portate minime ammesse sono assolutamente insufficienti, essendo ormai da anni di uso comune le carrozzine elettriche, il cui peso,sommato a quello della persona trasportata prevarica largamente i 150 Kg.(il peso di una carrozzina elettrica va mediamente dai 60 ai 100 Kg). Autonomia: non si fa cenno alcuno alle difficoltà che Servoscale

18 246 Il geometra ligure Piattaforma elevatrice può oggettivamente avere un disabile nel manovrare autonomamente la pedana ribaltabile del servoscale, o la manovra a mano obbligatoria, prescrivendo di conseguenza la motorizzazione delle pedane e dispositivi di emergenza automatici in caso di blackout elettrico; non si prescrivono nemmeno gli automatismi sulle porte delle Piattaforme Elevatrici, non pensando alle evidenti difficoltà che può avere il disabile,anche solo per avere accesso all impianto. Vano corsa: per le Piattaforme Elevatrici si prescrive un vano corsa di dimensioni minime pari a mt 0,80 x 1,20 e una portata minima di 130 Kg; né la portata, per i motivi sopra citati, né le dimensioni minime del vano corsa, sono adeguati all uso del mezzo da parte di un disabile su carrozzina; pensiamo infatti a come possa l utilizzatore ruotare la carrozzina, in caso di accessi adiacenti, su spazi così limitati. Fruibilità del mezzo: non si fa cenno alcuno a norme o prescrizioni che garantiscano l uso del mezzo nel tempo, mediante idonei servizi di manutenzione; vediamo spesso in televisione servizi scandalistici sui servoscale installati nei luoghi pubblici che non funzionano, quasi esistessero macchine che possono funzionare illimitatamente nel tempo senza un minimo di manutenzione programmata. Il D.M. 236 (4.1.13), precisa anche: Fino all emanazione di una normativa specifica, le apparecchiature stesse devono essere rispondenti alle specifiche di cui al punto (sopra citate); questa normativa specifica è stata nel frattempo emanata per i Servoscale (UNI 9801), ma non è sta mai recepita ufficialmente con una Legge o Decreto specifico; al momento non vi è una Norma Europea Armonizzata per i Servoscale e le Piattaforme Elevatrici che possa essere utilizzata per avere la presunzione di conformità alla attuale Legge di riferimento, che è la Direttiva Macchine. La Direttiva Macchine è una direttiva europea recepita in Italia col D.P.R. 459 del 24/07/1996, Regolamento per l attuazione delle direttive 89/ 392/CEE, 91/368, 93/44 e 93/ 68 concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine, aggiornata con la successiva Direttiva 98/37/ CE, in vigore dal 22 Giugno Lo scopo della Direttiva Macchine è quello di far sì che siano presi,da parte dei costruttori di macchine o da chi le immette sul mercato, accorgimenti e misure tali da non pregiudicare la sicurezza e la salute delle persone, degli animali, dei beni. Prima di immettere un prodotto sul mercato è necessario verificare che esso ottemperi ai Requisiti Essenziali di Sicurezza come descritto nella Direttiva. La marcatura CE, che il costruttore o il responsabile dell immissione della macchina sul mercato devono obbligatoriamente apporre sulla macchina stessa, ha lo scopo di assicurare il fruitore del bene, sul rispetto dei Requisiti Essenziali di Sicurezza e Salute e può coprire anche altre direttive quali: - 73/23/CEE bassa tensione

19 L abbattimento delle barriere architettoniche /336/CEE compatibilità elettromagnetica. Uno dei punti principali della Direttiva è l analisi dei rischi, se esistono, e la loro eliminazione o riduzione. Il fabbricante o il responsabile dell immissione sul mercato, devono ottemperare a: - verifica di rispondenza dei requisiti di base. - sviluppo dell analisi dei rischi. - preparazione dei documenti/libretti d uso e manutenzione. - costituzione di un fascicolo tecnico. - definizione delle modalità di marcatura CE. - redazione di una dichiarazione di conformità. La Dichiarazione di Conformità è il documento che comprova la conformità della macchina ai Requisiti Essenziali della Direttiva ed è firmato dal costruttore o dal responsabile dell immissione sul mercato. Per quanto attiene ai Servoscale, la Dichiarazione di Conformità è un autocertificazione del costruttore stesso, che ovviamente si assume le responsabilità di quanto dichiarato. Per quanto riguarda invece le Piattaforme Elevatrici, con corsa superiore ai 3 metri, è obbligatorio sottoporre la macchina ad un Esame CE di Tipo, eseguito da un Ente di Certificazione Notificato, che comprovi la rispondenza della macchina ai Requisiti Essenziali della Direttiva Macchine. In ultima analisi, in relazione alla tipologia di impianti che si andrà ad installare, sarà fondamentale verificare che siano ottemperati almeno alcuni requisiti minimi, e precisamente: Piattaforme Elevatrici - Verifica del possesso da parte del costruttore del certificato attestante che la macchina è stata sottoposta all obbligatorio Esame CE di Tipo, eseguito da Ente Notificato (obbligatorio per le piattaforme con corsa superiore ai 3 mt). - Verifica del rispetto dei più elementari requisiti di sicurezza (spesso disattesi), quali: a) velocità massima b) comandi uomo presente c) corsa in vano chiuso. - Verifica che siano state fatte, da parte del cliente le Domande per il rilascio da parte del Comune delle obbligatorie Licenza di Impianto e Licenza di Esercizio. (Obbligatorio per tutte le piattaforme con corsa superiore ai 2 mt). - Verifica che siano stati effettivamente stipulati gli obbligatori contratti per la Manutenzione Programmata (almeno una visita di manutenzione l anno) con Azienda Abilitata e per la Verifica biennale (una visita ogni due anni) con Ente di Certificazione Notificato. (Obbligatorio per tutte le piattaforme con corsa superiore ai 2 mt). Servoscale - Richiedere portate minime di almeno 190 Kg (carrozzine elettriche). - Richiedere impianti con dispositivi di emergenza automatici per eventuali blackout elettrici. - Richiedere pedane a ribaltamento automatico per la maggiore autonomia degli utilizzatori. - Preferire impianti le cui autocertificazioni siano state verificate da Enti Certificanti Notificati. - Far seguire l acquisto dell impianto da Contratti di Manutenzione Programmata per avere la certezza dell efficienza della macchina nel tempo. Ho già avuto troppe parole, ho creduto troppo, fino a morire senza neppure sapere che la mia vita è servita solo a combattere battaglie che non erano le mie. Don Juan Stregone Yaqui (Sonora Messico)

20 A proposito di Competenze professionali: una storia infinita. geom. Pier Emilio Copello La storia sulle nostre competenze professionali pare davvero infinita: ecco qui di seguito un nuovo capitolo, datato 2002, che si propone (meglio si ripropone) a 73 anni dalla data in cui venne promulgato, con R.D. n 274, il nostro regolamento professionale. Il Direttivo del nostro Collegio, nella persona del Presidente Geom. Luciano Piccinelli, ha deciso di ricorrere al T.A.R. Liguria, avverso un provvedimento del Comune di Genova, neppure motivato, che inviava al Professionista Geom. Luciano Piccinelli una comunicazione di non conformità della relazione tecnica presentata in tema di isolamento termico, all art. 6 della Legge n. 46 e dell art, 4 del DPR n Il diniego, manifestatosi subito illegittimo e lesivo della sfera giuridica relativamente alle nostre competenze professionali, purtroppo era la riproposizione di simili casi rilevati presso altre Amministrazioni Comunali, risolti in maniera bonaria grazie all intervento del Collegio. Chi scrive ritiene però l occasione utile per rinnovare un invito a Tutti gli Iscritti: ogni Collega iscritto all Albo Professionale ha il diritto dovere di segnalare al Collegio se si verificano abusi, prese di posizioni contrarie alla Categoria, motivate e non e quanto altro possa costituire violazione alle Leggi dello Stato da parte di chicchessia. Tra i compiti istituzionali del Collegio e del Consiglio Nazionale vi sono infatti anche la difesa, nelle opportune Sedi, del nostro diritto al lavoro, previsto quindi in primis dalla Costituzione, entro gli ambiti riconosciuti alle nostre competenze professionali. Il testo del ricorso sopra citato è consultabile presso la segreteria del Collegio: il contenuto giuridico possa essere di aiuto e conforto per tutti Noi affinché meglio possiamo comprendere, come in questo caso, che è nostro dovere difendere gli ambiti di applicazione delle nostre competenze professionali, così come disposto per Legge dello Stato. L amore infantile segue il principio: amo perché sono amato. L amore maturo segue il principio: sono amato perché amo L amore immaturo dice: ti amo perché ho bisogno di te. L amore maturo dice: ho bisogno di te perché ti amo. Erich Fromm

3luglio. il geometra ligure. agosto settembre 2013

3luglio. il geometra ligure. agosto settembre 2013 il geometra ligure 3luglio agosto settembre 2013 Tariffa Regime Libero: Poste Italiane S.p.A. Sped. abb. post. 70% - DBC Genova In caso di mancato recapito restituire a: Collegio Geometri Viale Brigata

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

Presentazione. Il Catasto Energetico, uno strumento a supporto dell amministratore condominiale nel ruolo di energy manager

Presentazione. Il Catasto Energetico, uno strumento a supporto dell amministratore condominiale nel ruolo di energy manager Presentazione Il Catasto Energetico, uno strumento a supporto dell amministratore condominiale nel ruolo di energy manager Convegno Anaci Genova, 28 marzo 2013 Contesto Nel Comune di Genova esistono circa

Dettagli

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea NORMATIVA Release 01/03/2015 LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI Il D.P.R. 59, la Direttiva 2012/27/UE e i regolamenti regionali attualmente in vigore, dove esistenti, prevedono che l installazione

Dettagli

CASI ESAMINATI RISPARMI SULLA POTENZA IMPEGNATA: 1,4 MW SUI PICCHI

CASI ESAMINATI RISPARMI SULLA POTENZA IMPEGNATA: 1,4 MW SUI PICCHI Contea Contra Costa CASI ESAMINATI GLI EDIFICI INTELLIGENTI Il concetto edificio intelligente identifica le costruzioni progettate e realizzate in modo da consentire la gestione integrata degli impianti

Dettagli

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti LINEE GUIDA ALLEGATE AL BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA Premessa Il presente

Dettagli

ANACI FAST INFORMATION. La nuova frontiera dell aggiornamento professionale INCONTRO DI AGGIORNAMENTO

ANACI FAST INFORMATION. La nuova frontiera dell aggiornamento professionale INCONTRO DI AGGIORNAMENTO Presidente Geom. Angelo Spadari Centro Congressi Villa Cagnola Via Cagnola,, 17 21045 Gazzada Schianno (Va) 05/03/2011 L amministratore ANACI (che si aggiorna) il migliore investimento dopo il tuo corso!

Dettagli

Corsi di formazione per iscrizione ad elenco professionisti abilitati al rilascio della certificazione energetica di cui all art. 30 della L.R. 22/07.

Corsi di formazione per iscrizione ad elenco professionisti abilitati al rilascio della certificazione energetica di cui all art. 30 della L.R. 22/07. Anno XXXIX - N. 27 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 2.07.2008 - pag. 3778 Nazionale per la Protezione dell Ambiente, nonché l art. 11 lett. j), che affida all ARPAL l espletamento delle

Dettagli

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento Opuscolo tecnico Che cos è il teleriscaldamento Il Gruppo Hera, una delle più importanti multiutility italiane che opera nei servizi dell ambiente,

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

UFFICIO DELLE DOGANE DI ANCONA SOT DI FABRIANO AVVISO PUBBLICO DI INDAGINE DI MERCATO PER LOCAZIONE IMMOBILE IN FABRIANO

UFFICIO DELLE DOGANE DI ANCONA SOT DI FABRIANO AVVISO PUBBLICO DI INDAGINE DI MERCATO PER LOCAZIONE IMMOBILE IN FABRIANO UFFICIO DELLE DOGANE DI ANCONA SOT DI FABRIANO AVVISO PUBBLICO DI INDAGINE DI MERCATO PER LOCAZIONE IMMOBILE IN FABRIANO Prot. 314/RI del 10/02/2015 Richiamato il D.lgs n. 163 del12/04/2006; Rilevata la

Dettagli

XXXIX CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI

XXXIX CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari XXXIX CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI 25 OTTOBRE 2012-23 MAGGIO 2013 Elenco docenti:

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

Politiche e strumenti finanziari per il recupero energetico del patrimonio edilizio pubblico IL PUNTO DI VISTA DELLE ESCO

Politiche e strumenti finanziari per il recupero energetico del patrimonio edilizio pubblico IL PUNTO DI VISTA DELLE ESCO Politiche e strumenti finanziari per il recupero energetico del patrimonio edilizio pubblico IL PUNTO DI VISTA DELLE ESCO 2 Il Gruppo Sernet Il Gruppo Sernet nasce come evoluzione di Sernet SpA Management

Dettagli

formatevi per un solido futuro

formatevi per un solido futuro formatevi per un solido futuro g e n n a i o - l u g l i o 2 0 1 3 AL TUO FIANCO PER FARTI VINCERE NUOVE SFIDE FORMEDIL - BARI LA FORMAZIONE PROFESSIONALE PER L EDILIZIA nel territorio barese Formedil-Bari

Dettagli

Roma, 26 novembre 2013. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane. Alle Direzioni provinciali delle dogane. Agli Uffici delle dogane

Roma, 26 novembre 2013. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane. Alle Direzioni provinciali delle dogane. Agli Uffici delle dogane Roma, 26 novembre 2013 Protocollo: RU 137972 Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane Alle Direzioni provinciali delle dogane Agli Uffici delle dogane OGGETTO: Punti 9 e

Dettagli

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 60 del 02 dicembre 2002 PROVINCIA DI NAPOLI - Città Metropolitana Area Attività Produttive Ufficio di Coordinamento Via Don Bosco 4/f - 80144 Napoli - Tel.

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico Installazione del sistema solare termico L installazione dei pannelli solari è possibile in tutti gli edifici ed le abitazioni, dalle villette agli edifici plurifamiliari o nei condomini. L installazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Geom. Diego Buono

CURRICULUM VITAE. Geom. Diego Buono CURRICULUM VITAE Geom. Diego Buono DATI PERSONALI Cittadinanza: italiana Luogo e data di nascita: Napoli - 25/10/69 Recapiti telefonici: Roma tel. 06 32686211 - Napoli 081 5515115 Email: dbuono@cipag.it

Dettagli

RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO

RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO 1. Nel corso degli ultimi anni la legislazione regionale in materia edilizia ed urbanistica

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 35/I-II del 28/08/2012 / Amtsblatt Nr. 35/I-II vom 28/08/2012 49

Bollettino Ufficiale n. 35/I-II del 28/08/2012 / Amtsblatt Nr. 35/I-II vom 28/08/2012 49 Bollettino Ufficiale n. 35/I-II del 28/08/2012 / Amtsblatt Nr. 35/I-II vom 28/08/2012 49 80666 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Regolamento Formazione Professionale Continua

Regolamento Formazione Professionale Continua ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI VITERBO Regolamento Formazione Professionale Continua Aggiornato nella seduta consiliare del 11 marzo 2014 Via Marconi, 7 01100 Viterbo Tel.

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

COMUNE DI CREDERA RUBBIANO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI CREDERA RUBBIANO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI CREDERA RUBBIANO PROVINCIA DI CREMONA ORIGINALE Determinazione n. 41 del 24.03.2010 Oggetto: CONFERIMENTO INCARICO ALLA DITTA IDROTEK SRL DI POLA & BALZARI DI CREMA PER LA CONDUZIONE E MANUTENZIONE

Dettagli

settimanale di informazione adiconsum settimanale di informazione ADICONSUM note, studi e proposte su consumi, servizi, ambiente

settimanale di informazione adiconsum settimanale di informazione ADICONSUM note, studi e proposte su consumi, servizi, ambiente settimanale di informazione ADICONSUM note, studi e proposte su consumi, servizi, ambiente anno 10 - numero 40 6 novembre 1998 sommario: L'ENERGIA SOLARE E IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE ABITAZIONI 30 OTTOBRE

Dettagli

DI INGEGNERE ANNO 2002

DI INGEGNERE ANNO 2002 CONSIGLIO NAZIONALE INGEGNERI GIUNTA DEL COLLEGIO DEI PRESIDI DELLE FACOLTÀ DI INGEGNERIA ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE ANNO 2002 ULTERIORI LINEE DI INDIRIZZO

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione -

FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione - FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione - Edizione 2008 INDICE 1. PREMESSA...3 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO()...4 3. PROGETTO...5 4. RICHIESTA...6

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 02.12.2008 N. 1601 Certificazione energetica degli edifici: elenco dei professionisti e corsi di formazione.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 02.12.2008 N. 1601 Certificazione energetica degli edifici: elenco dei professionisti e corsi di formazione. Anno XXXIX - N. 53 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 31.12.2008 - pag. 6892 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 02.12.2008 N. 1601 Certificazione energetica degli edifici: elenco dei

Dettagli

Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione

Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione Premessa Ad oggi le procedure di informatizzazione, con inserimento manuale dei dati di controllo degli impianti termici, regolate attraverso

Dettagli

Con grande tempestività il

Con grande tempestività il GEOMETRI: IL FUTURO IN GIOCO Vittorio Meddi Il parere dei geometri del Lazio sui punti focali per il futuro della professione: iscrizione all Albo dei pubblici dipendenti e nuove strategie per la definizione

Dettagli

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza)

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza) Prot. 27547 Lissone, 3/6/2016 DISPOSIZIONI IN MERITO ALL ACCESSIBILITÀ DEI DISABILI AI LOCALI O SPAZI IN EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO PREMESSO che l art. 1, del Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE

LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE Convegno Formativo Monza, 16 marzo 2012 LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE Ing. Alberto Colombo 1 SOMMARIO DEFINIZIONI METODI DI CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA NORME DI PRODOTTO ( UNI EN 834, UNI/TR

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE. Si ricorda che prima dell emanazione del Decreto Sviluppo, per l acquisto dei prodotti, esistevano due regimi di agevolazioni:

PRIMA DI INIZIARE. Si ricorda che prima dell emanazione del Decreto Sviluppo, per l acquisto dei prodotti, esistevano due regimi di agevolazioni: PRIMA DI INIZIARE Il presente documento vuole essere un aiuto per tutti i Clienti Daikin Italy, siano essi professionisti del settore oppure utenti finali, a comprendere meglio i meccanismi legati agli

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

COMUNE DI CREDERA RUBBIANO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI CREDERA RUBBIANO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI CREDERA RUBBIANO PROVINCIA DI CREMONA COPIA Determinazione n. 173 del 29.12.2010 Oggetto: CONFERIMENTO INCARICO ALLA DITTA IDROTEK SRL DI POLA & BALZARI DI CREMA PER LA CONDUZIONE E MANUTENZIONE

Dettagli

La nostra azienda. Questi siamo noi.

La nostra azienda. Questi siamo noi. La nostra azienda Questi siamo noi. La nostra azienda opera nel settore delle costruzioni e delle ristrutturazioni da vent anni, in luoghi dai contesti unici e prestigiosi, prevalentemente in provincia

Dettagli

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Ecoincentivi: interventi sul risparmio energetico e modifiche apportate portate nella finanziaria 2008 per la detrazione

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Marzo 2012 Descrizione impianti - Quinzano Eureka Immobiliare

Dettagli

MODULI TECHEM PER LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONSUMI NEGLI IMPIANTI IDROTERMOSANITARI CENTRALIZZATI

MODULI TECHEM PER LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONSUMI NEGLI IMPIANTI IDROTERMOSANITARI CENTRALIZZATI MODULI TECHEM PER LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONSUMI NEGLI IMPIANTI IDROTERMOSANITARI CENTRALIZZATI Premessa: il riscaldamento nei condomini Negli ultimi decenni, anche grazie alla diffusione del gas metano,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia CONSULTA PER IL PROGETTO SOSTENIBILE E L EFFICIENZA ENERGETICA CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO DI QUALITA ED EFFICIENZA ENERGETICA ED AMBIENTALE Lezione del Venerdì 4 Aprile 2008 caso di studio:cooperative

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI PRESTAZIONI ENERGETICHE DI EDIFICI ED IMPIANTI NORMATIVE, INCENTIVI ED AGEVOLAZIONI FISCALI ING. FRANCO BAROSSO Rappresentante C.N.I. Commissione Impianti e c/o UNI-CTI

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale.

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale. Riiepiillogo delllla normatiiva speciifiica per ii Montascalle e lle Piiattaforme ellevatriicii LEGGE 13/89 La prima legge italiana emessa riguardante specificatamente l abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

CIRCOLARE N. 12. Dipartimento per le Politiche Fiscali.

CIRCOLARE N. 12. Dipartimento per le Politiche Fiscali. PROT. n UDA/2890 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: CIRCOLARE N. 12 Direzione Agenzia del Territorio. Introduzione dell euro nelle procedure gestite dall Agenzia del Territorio. DESTINATARI: Agenzia del Territorio:

Dettagli

Nessun posto è bello come casa mia. Dorothy Gale

Nessun posto è bello come casa mia. Dorothy Gale Nessun posto è bello come casa mia Dorothy Gale Sommario 3 casanuovacasa: presentazione e contatti 5 Perché scegliere casanuovacasa Per una ristrutturazione di qualità Per un prodotto di qualità chiavi

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO 2015-2016-2017 PIANO ANNUALE E TRIENNALE DELLE OPERE

RELAZIONE BILANCIO 2015-2016-2017 PIANO ANNUALE E TRIENNALE DELLE OPERE RELAZIONE BILANCIO 2015-2016-2017 PIANO ANNUALE E TRIENNALE DELLE OPERE La Sapienza dispone di un patrimonio immobiliare considerevole, dal punto di vista non solo della sua vastità ma anche e soprattutto

Dettagli

FORMAZIONE E CREDITI. CHIARIMENTI E MODALITA OPERATIVE

FORMAZIONE E CREDITI. CHIARIMENTI E MODALITA OPERATIVE FORMAZIONE E CREDITI. CHIARIMENTI E MODALITA OPERATIVE FORMAZIONE E CREDITI. CHIARIMENTI E MODALITA OPERATIVE Aggiornamento aprile 2015 Premessa Ai Presidenti degli Ordini Provinciali, ai consiglieri e

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI

LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO SUL RISPETTO DEI REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI Questo articolo illustra i nuovi schemi della relazione tecnica di progetto - contenuti nel D.M. 26/06/2015

Dettagli

1. Premessa... 2. 2. Come funzionano contabilizzazione e termoregolazione?... 2. 3. La scelta della valvola termostatica... 4

1. Premessa... 2. 2. Come funzionano contabilizzazione e termoregolazione?... 2. 3. La scelta della valvola termostatica... 4 LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE E LA TERMOREGOLAZIONE: UNA GUIDA PRATICA SOMMARIO 1. Premessa... 2 2. Come funzionano contabilizzazione e termoregolazione?... 2 3. La scelta della valvola termostatica...

Dettagli

APPROFONDIMENTO 07-08/2012

APPROFONDIMENTO 07-08/2012 APPROFONDIMENTO 07-08/2012 MADE EXPO. L ASSOCIAZIONE NAZIONALE GEOMETRI EDILIZIA E LAVORI PUBBLICI PROTAGONISTA ALLA FIERA DI MILANO Milano sarà il palcoscenico del rinnovamento architettonico e protagonista

Dettagli

Quando si applica il decreto

Quando si applica il decreto Quando si applica il decreto L applicazione nel caso degli interventi sugli edifici esistenti I fabbricati esclusi dall applicazione del decreto Le disposizioni contenute nel decreto ai fini del contenimento

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55%

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% LA CREAZIONE DI VALORE NEL SETTORE IMMOBILIARE: LE NUOVE OPPORTUNITA PER GLI INGEGNERI GESTIONALI Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% Ordine degli Ingegneri di Napoli Napoli Via del Chiostro 8 SISTEMA

Dettagli

Formazione professionale continua FAQ

Formazione professionale continua FAQ Formazione professionale continua FAQ 1) In cosa consiste la formazione professionale obbligatoria? L art. 7 del DPR 137/2012 e l art. 5 del Regolamento per l'aggiornamento e sviluppo professionale continuo

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

FAQ FORMAZIONE Ordine Architetti P.P. e C. di Palermo

FAQ FORMAZIONE Ordine Architetti P.P. e C. di Palermo FAQ FORMAZIONE Ordine Architetti P.P. e C. di Palermo Le seguenti Faq cercano di dare le prime semplici indicazioni e orientamenti in relazione all aggiornamento e allo sviluppo professionale continuo,

Dettagli

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO MOZIONE CONGRESSUALE 60 CONGRESSO NAZIONALE INGEGNERI VENEZIA 2 ottobre 2015 Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO che il Paese deve ancora uscire dalla crisi economica

Dettagli

Comune di Grumolo delle Abbadesse Provincia di Vicenza

Comune di Grumolo delle Abbadesse Provincia di Vicenza Comune di Grumolo delle Abbadesse Provincia di Vicenza Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2012 / 2014 Pag. 1 a 1 PREMESSA L e recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI La marcatura CE e le direttive di prodotto che ne istituiscono l obbligo per determinate categorie di prodotti hanno come fine la libera circolazione delle merci

Dettagli

ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI

ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI PREMESSA L'elettricista/installatore d impianti, è una figura professionale che dispone di conoscenze generali di elettrotecnica, disegno di schemi elettrici, impiantistica

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

10-05-2008 TECNO CAMP - RIGENERGIA 2008 - AOSTA. "Contabilizzazione e ripartizione del calore nei condomini con riscaldamento centralizzato"

10-05-2008 TECNO CAMP - RIGENERGIA 2008 - AOSTA. Contabilizzazione e ripartizione del calore nei condomini con riscaldamento centralizzato 10-05-2008 TECNO CAMP - RIGENERGIA 2008 - AOSTA "Contabilizzazione e ripartizione del calore nei condomini con riscaldamento centralizzato" dal 1990 in ITALIA come RAAB KARCHER e VITERRA ISTA ITALIA S.r.l.

Dettagli

Regime edilizio degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche

Regime edilizio degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche Regime edilizio degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche avv. Michele Parodi, Direttore ANCE Liguria Per una più compiuta comprensione dell attualità del tema è utile premettere

Dettagli

1. La ratio della legge. Le politiche regionali a favore dei piccoli comuni in situazione di disagio: cinque anni di attuazione della l.r.

1. La ratio della legge. Le politiche regionali a favore dei piccoli comuni in situazione di disagio: cinque anni di attuazione della l.r. Luglio 2010 Consiglio Regionale della Toscana Note informative sull attuazione delle politiche regionali n. 17 a cura del Settore Analisi della normazione Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

Analisi preliminare per una proposta di. efficientamento energetico. Condominio in Torino

Analisi preliminare per una proposta di. efficientamento energetico. Condominio in Torino Analisi preliminare per una proposta di efficientamento energetico Condominio in Torino Analisi preliminare Il condominio è un edificio di medie dimensioni composto da 60 unità abitative distribuite in

Dettagli

Comunità Montana di Valle Sabbia

Comunità Montana di Valle Sabbia FASE 2 - Azione e doc. 14 pagina 1 di 5 COMUNITA MONTANA DI VALLE SABBIA PERCORSO DI AGENDA 21 LOCALE IL PIANO D AZIONE IL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI ALTERNATIVE Riuniuone del Forum Ambientale del

Dettagli

Il Global Service di seconda generazione : le esperienze del Comune di Bologna

Il Global Service di seconda generazione : le esperienze del Comune di Bologna Il Global Service di seconda generazione : le esperienze del Comune di Bologna Enzo Scudellari Ancona, 19 gennaio 2006 1 Lavori pubblici La logica dei lavori pubblici è quella della realizzazione, dietro

Dettagli

COMMISSIONE IMPIANTI TECNOLOGICI CORSO DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE NEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI

COMMISSIONE IMPIANTI TECNOLOGICI CORSO DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE NEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI COMMISSIONE IMPIANTI TECNOLOGICI CORSO DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE NEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI Relatore Per. Ind. Angelo Parma 1 LA NORMA UNI 10200/2005 TITOLO 2 LA NORMA UNI

Dettagli

COMMISSIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA. Orientamenti interpretativi sulle Norme di attuazione

COMMISSIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA. Orientamenti interpretativi sulle Norme di attuazione COMMISSIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA Orientamenti interpretativi sulle Norme di attuazione del Regolamento di formazione professionale continua LUGLIO 2003 SOMMARIO Art. 1 - Formazione professionale

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

II Facoltà di Ingegneria

II Facoltà di Ingegneria II Facoltà di Ingegneria La II Facoltà di Ingegneria è una Facoltà giovane come te, in continua evoluzione, dove le nuove idee sono di casa. Ti offre la possibilità di seguire, sin dal primo anno, un percorso

Dettagli

La diagnosi energetica Che cos è ed a cosa serve LAURENT SOCAL

La diagnosi energetica Che cos è ed a cosa serve LAURENT SOCAL La diagnosi energetica Che cos è ed a cosa serve LAURENT SOCAL 1 Introduzione Oggi è molto di moda parlare di efficienza energetica. Si sottolinea la parola parlare, perché di pratica non se ne vede altrettanta.

Dettagli

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa)

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) 1. Introduzione Questa indagine nasce per fare luce su come il tema delle pari opportunità

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato (Approvato dal Consiglio Direttivo con decisione n. 304 del 17 ottobre 2007) Art. 1 Definizioni Ai fini del

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

INSIEL- Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A con socio unico IM 065-15 AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO

INSIEL- Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A con socio unico IM 065-15 AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO INSIEL- Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A con socio unico IM 065-15 AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO Insiel S.p.A., con sede legale in Trieste Via San Francesco 43, ricerca

Dettagli

Le ragioni ambientali

Le ragioni ambientali Intervento Alex Pratissoli (Comune di Reggio Emilia) Il Progetto ECOABITA Il successo di una iniziativa come la certificazione energetica degli edifici, passa attraverso la creazione di parternariati fra

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici.

Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici. CIRCOLARE N. 028 Bergamo, 24 gennaio 2014 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici.

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Risparmio energetico detrazione del 55% novità del decreto «anticrisi»

Risparmio energetico detrazione del 55% novità del decreto «anticrisi» Detrazione del 55% Risparmio energetico detrazione del 55% novità del decreto «anticrisi» Mario Jannaccone, La Settimana Fiscale, Il Sole24 Ore, 12 febbraio 2009, n. 6, p. 18 QUADRO NORMATIVO L art. 1,

Dettagli

3. Collegio dei docenti L elenco dei docenti, interni ed esterni, con relative qualifiche e competenze, è riportato in allegato 1.

3. Collegio dei docenti L elenco dei docenti, interni ed esterni, con relative qualifiche e competenze, è riportato in allegato 1. Università degli Studi G. D annunzio di Chieti - Pescara Master di primo livello in Building Manager - progettazione e gestione della manutenzione e della sicurezza. 1. Motivazioni In Italia si e' assistito

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Il mio parere sull argomento.

Il mio parere sull argomento. Un giovane Collega, iscritto al nostro Ordine Professionale, mi scrive segnalando una questione sorta sulle competenze professionali degli Ingegneri (Sez. A), iscritti in una delle sezioni (a, b, c), in

Dettagli

ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA

ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA ORGANISMI NOTIFICATI E ORGANISMI IN GENERE 1. Macchine (Direttiva 2006/42/CE) In attesa di recepimento 2. Compatibilità elettromagnetica (Direttiva 2004/108/CE) D.Lgs.

Dettagli