Seminario su temi contabili e fiscali in campo funebre e cimiteriale Bologna, 19 giugno 2003 Dr. Luigi Marzullo (Agenzia delle Entrate)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario su temi contabili e fiscali in campo funebre e cimiteriale Bologna, 19 giugno 2003 Dr. Luigi Marzullo (Agenzia delle Entrate)"

Transcript

1 Seminario su temi contabili e fiscali in campo funebre e cimiteriale Bologna, 19 giugno 2003 Dr. Luigi Marzullo (Agenzia delle Entrate) IL TRATTAMENTO FISCALE APPLICABILE AI SERVIZI RESI NELL AMBITO CIMITERIALE Premessa Con la risoluzione n. 376 del 29 novembre 2002, l Agenzia delle Entrate ha avuto modo di precisare il trattamento fiscale agli effetti dell IVA applicabile all attività di concessione di loculi, cappelle ed altri manufatti nonché il regime IVA applicabile ai servizi cimiteriali posti in essere da una società privata affidataria alla quale un comune aveva commissionato, mediante un negozio giuridico di tipo privatistico, la realizzazione dei lavori di ampliamento di due cimiteri comunali ed, al contempo, la gestione delle opere e dei servizi cimiteriali, quali: - tumulazioni; - inumazioni; - esumazioni; - cremazioni; - illuminazione elettrica votiva. Il quesito posto dalla suddetta società, aveva per oggetto una serie di problematiche sorte, in particolare, da quando soprattutto i comuni possono esternalizzare i predetti servizi a soggetti riconosciuti attualmente dal testo unico sull ordinamento degli enti locali (D.Lgs. n. 267 del 2000), quali ad esempio le aziende speciali, le società per azioni, siano esse a partecipazione pubblica minoritaria o maggioritaria, previsti negli articoli 114, 115 e 116 del medesimo testo unico. Invero, quest ultimi soggetti furono istituiti con la legge n. 142 del 1990 (recante l ordinamento sulle autonomie locali), adesso sostanzialmente confluita nel suddetto testo unico, la quale prevedeva all articolo 22 che gli enti locali (comuni e province) potessero gestire i servizi pubblici, aventi per oggetto la produzione di beni ed attività, aventi rilevanza sociale e generale attraverso determinate forme di gestione quali: - in economia, quando per le modeste dimensioni o per le caratteristiche del servizio non fosse stato opportuno costituire un istituzione o un azienda; - in concessione a terzi, quando sussistevano ragioni tecniche, economiche e di opportunità sociale; - a mezzo di aziende speciali, anche per la gestione di più servizi di rilevanza economica ed imprenditoriale; - a mezzo di istituzioni per l esercizio di servizi sociali senza rilevanza imprenditoriale; - a mezzo di società per azioni o a responsabilità limitata, qualora non fosse stata opportuna in relazione alla natura o all ambito territoriale del servizio la partecipazione di più soggetti pubblici o privati. Prima di analizzare da vicino le conclusioni a cui è pervenuta la suddetta risoluzione, risulta opportuno sinteticamente esporre il sorgere di detti soggetti ed il trattamento tributario ad esso applicabile, in quanto ciò è indispensabile nel comprendere l orientamento dell Agenzia delle Entrate nell interpretare la norma sulle concessioni cimiteriali del Trattamento tributario applicabile alle aziende speciali, società per azioni Successivamente, l articolo 66, comma 14, del D.L. n. 331 del 1993, convertito nella legge n. 427, ha stabilito che: Nei confronti delle società per azioni e delle aziende speciali istituite ai sensi degli articoli 22 e 23 della legge 8 giugno 1990, n. 142, nonché nei confronti dei nuovi consorzi istituiti a norma degli articoli 25 e 60 della medesima legge si applicano, fino al termine del terzo anno dell esercizio successivo a quello rispettivamente di acquisizione della personalità giuridica o della

2 trasformazione in aziende speciali consortili, le disposizioni tributarie applicabili all ente di appartenenza. Relativamente al termine l articolo 70 della legge n. 549 del 1995, aveva stabilito che in ogni caso detto termine veniva fissato al 31 dicembre Con la risoluzione n. 81 del 2000, l Agenzia delle Entrate ha precisato che il significato della norma e la volontà del legislatore ad essa sottesa sono inequivocabili, nel senso quando esiste una norma tributaria e questa risulta applicabile all ente territoriale di appartenenza (comune), la medesima norma può essere applicata anche all azienda speciale, alla S.p.A. ed al consorzio. In questo e non in altro consiste l agevolazione introdotta dal citato articolo 66 del D.L. n. 331 del In materia di imposte sui redditi le disposizioni tributarie applicabili all ente territoriale di appartenenza sono, inconfutabilmente, quelle contenute nell articolo 88, primo comma, del TUIR, il quale recita Gli organi e le amministrazioni dello Stato, compresi, quelli ad ordinamento autonomo, anche se dotati di personalità giuridica, i comuni, i consorzi tra enti locali, le associazioni e gli enti gestori di demani collettivi, le comunità montane, le province e le regioni non sono soggetti all imposta.. Dunque, consistendo l agevolazione in esame nell applicazione alle aziende speciali e società per azioni, ecc. delle disposizioni tributarie applicabili al comune, in materia di imposte sui redditi, si rende possibile applicare ai medesimi soggetti quanto disposto dal citato articolo 88, i quali, quindi, pur divenendo autonomi soggetti d imposta nel momento in cui acquistano la personalità giuridica, restano però esclusi dall imposizione diretta, ovviamente per il periodo di moratoria fiscale. Dal punto di vista dell IVA,invece, una norma del tenore dell articolo 88, primo comma, appena richiamato non esiste. Non esistendo per l ente territoriale di appartenenza, detta norma non esiste nemmeno nei confronti dei soggetti sopra richiamati, né è possibile una sua applicazione analogica in campo IVA. Pertanto, alle aziende speciali, società per azioni ed aziende consortili possono soltanto applicarsi le disposizioni tributarie, consistenti in agevolazioni ed esoneri, cui sono assoggettati gli enti di appartenenza, risultando invece del tutto arbitrario estendere ai medesimi soggetti gli eventuali regimi fiscali particolari di cui beneficiano gli enti locali di appartenenza in quanto strettamente legati alla propria condizione soggettiva, ossia di soggetti che svolgono attività di pubblica autorità (attività istituzionale). Pertanto le aziende speciali, le S.p.A. ed i consorzi, come chiarito con la circolare n. 131/E del 1999 e con la risoluzione n. 135/E del 1999, devono ritenersi, invece, esonerati durante il periodo di moratoria fiscale, dalla presentazione delle dichiarazioni periodiche IVA ai sensi del D.P.R. n. 100 del 1998, essendo esonerati, per disposizione di legge, da tale adempimento gli enti locali. Normativa nazionale e comunitaria L articolo 4, quarto comma, del D.P.R. n. 633 del 1972 (che disciplina l IVA) stabilisce, tra l altro, che Per gli enti, ivi compresi quelli pubblici, che non abbiano per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali (enti non commerciali) si considerano effettuate nell esercizio di imprese soltanto le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nell esercizio di attività commerciali. Coerentemente, l articolo 4, paragrafo 5, della sesta direttiva CEE n. 77/388 del 17 maggio 1977, stabilisce espressamente che gli Stati, le regioni, le province, i comuni ed altri organismi di diritto pubblico non sono soggetti passivi di imposta per le attività ed operazioni che esercitano in quanto pubbliche autorità. Dal combinato disposto delle norme innanzi menzionate si può legittimamente dedurre che il legislatore (in particolare comunitario) ha inteso escludere dall IVA i suddetti enti pubblici per il loro peculiare status giuridico che, conseguentemente non può essere trasferito in capo a soggetti (quali aziende speciali, S.p.A. e consorzi) aventi una personalità del tutto autonoma rispetto all ente territoriale di appartenenza da cui promanano e natura giuridica privatistico-imprenditoriale (risoluzione n. 81 del 2000).

3 Conseguentemente, per le suddette ragioni, ai fini dell IVA, un eventuale applicazione ai soggetti di cui all articolo 66 del D.L. n. 331 del 1993, dello stesso trattamento tributario riservato agli enti territoriali di appartenenza sarebbe stato in palese contrasto con le disposizioni comunitarie. Concetto di pubblica autorità: Sentenza della Corte di Giustizia del 17 ottobre 1989 cause riunite nn. 231/87 e 129/88 (nozione di soggetto passivo - enti pubblici) Per comprendere la genesi della normativa concernente le concessioni cimiteriali risulta necessario richiamare la sentenza della Corte di Giustizia del 1989 che, nell esaminare la questione del trattamento IVA delle concessioni cimiteriali ha fornito un chiarimento sul concetto di soggetto passivo e soprattutto di ciò che si debba intendere per pubblica autorità. L articolo 4, paragrafo 5, primo comma, della sesta direttiva (Gli Stati, le regioni, le province e gli altri organismi di diritto pubblico non sono considerati soggetti passivi per le attività od operazioni che esercitano in quanto pubbliche autorità, anche quando in relazione a dette attività od operazioni, percepiscono diritti, canoni, contributi o retribuzioni), va interpretato nel senso che le attività esercitate in quanto pubbliche autorità ai sensi di tale norma sono quelle svolte dagli enti di diritto pubblico nell ambito del regime giuridico loro proprio, escluse le attività da essi svolte in forza dello stesso regime cui sono sottoposti gli operatori economici privati. Sono quindi escluse dal non assoggettamento le attività svolte dagli enti pubblici non già in veste di soggetti di diritto pubblico, bensì come soggetti di diritto privato. Spetta a ciascuno Stato membro scegliere la tecnica normativa più appropriata per trasporre nel diritto nazionale il principio del non assoggettamento sancito da detta norma. Il secondo comma (Se però tali enti esercitano attività od operazioni di questo genere, essi devono essere considerati soggetti passivi per dette attività od operazioni quando il loro non assoggettamento provocherebbe distorsioni di concorrenza di una certa importanza.) va interpretato nel senso che gli Stati membri sono tenuti a garantire l assoggettamento degli enti pubblici per le attività che svolgono in quanto pubbliche autorità allorché dette attività possono essere del pari esercitate da privati in concorrenza con essi secondo le norme del diritto privato oppure in base a concessioni amministrative qualora il loro non assoggettamento sia atto provocare distorsione di concorrenza di una certa importanza. Il terzo comma (In ogni caso, gli enti succitati sono sempre considerati come soggetti passivi per quanto riguarda le attività elencate nell allegato D quando esse non sono trascurabili) mira a garantire che talune categorie di attività economiche aventi un oggetto importante ed elencate nell allegato D alla sesta direttiva non vengano sottratte all IVA perché svolte da enti pubblici in veste di pubbliche autorità, va interpretato nel senso che gli Stati membri possono esentare dall assoggettamento obbligatorio dette attività qualora esse siano trascurabili, ma non sono tenuti ad avvalersi di detta facoltà. La norma non impone loro quindi l obbligo di recepire nella loro normativa tributaria nazionale il criterio del carattere non trascurabile inteso come condizione per l assoggettamento. Un ente di diritto pubblico può invocare l articolo 4, paragrafo 5 della sesta direttiva per opporsi all applicazione di una disposizione nazionale che sancisca il suo assoggettamento ad IVA per un attività svolta in quanto pubblica autorità che non sia elencata nell allegato D ed il cui non assoggettamento non sia atto provocare distorsioni di concorrenza di una certa rilevanza. La sentenza del 17 ottobre 1989 verteva, tra le varie controversie, sull individuazione del trattamento IVA delle concessioni di aree e loculi cimiteriali e della cessione di accessori per loculi cimiteriali realizzate dai comuni.in particolare la Corte è stata chiamata a pronunciarsi sull interpretazione da dare all articolo 4, paragrafo 5, della sesta direttiva. A tal riguardo, l Organo Comunitario ha confermato che per l applicazione dell esenzione (esonero) dall IVA devono essere soddisfatte due condizioni: A) l esercizio di attività da parte di un ente pubblico; B) l esercizio d attività in veste di pubblica autorità.

4 Per definire quest ultima condizione, prosegue la Corte, non è possibile fondarsi sull oggetto o sul fine dell attività dell ente pubblico, poiché questi elementi vengono presi in considerazione da altre norme della medesima direttiva e per altre finalità. Dall analisi della disposizione in argomento emerge, a parere della Corte, che le modalità dell esercizio dell attività consentono di determinare la portata del non assoggettamento degli enti pubblici. Infatti, laddove tale norma subordina il non assoggettamento degli enti di diritto pubblico alla condizione che essi agiscano in quanto pubblica autorità, essa esclude dal non assoggettamento le attività da essi svolte non in quanto soggetti di diritto pubblico, bensì in quanto soggetti di diritto privato. Per cui l unico criterio che consenta di distinguere con certezza queste due categorie di attività è, conseguentemente, il regime giuridico applicato in base al diritto nazionale di ogni Stato membro. Pertanto, gli enti di diritto pubblico di cui al suddetto articolo 4, paragrafo 5, della sesta direttiva esercitano attività in quanto pubbliche autorità ai sensi di tale norma qualora ciò avvenga nell ambito del regime giuridico loro proprio; quando, invece, essi agiscono in forza dello stesso regime cui sono sottoposti gli operatori economici privati, non si può ritenere che svolgano attività di pubblica autorità. La scelta di qualificare l attività in base a tale criterio spetta al giudice nazionale. In definitiva, si deve affermare, a parere della Corte di Giustizia, che il primo comma dell articolo 4, paragrafo 5, della sesta direttiva deve essere interpretato nel senso che le attività esercitate in veste di pubbliche autorità ai sensi di detta norma sono quelle svolte dagli enti di diritto pubblico nell ambito del regime giuridico loro proprio, escluse le attività da essi svolte in forza dello stesso regime giuridico cui sono sottoposti gli operatori privati e spetta a ciascuno Stato membro scegliere la tecnica normativa più consona per trasporre nel diritto nazionale il principio del non assoggettamento (limitarsi a riprendere la formula o l espressione utilizzata dalla sesta direttiva o redigere un elenco di attività per le quali i soggetti di diritto pubblico non devono considerarsi soggetti d imposta. Quindi, al fine di stabilire se l ente pubblico svolge effettivamente un attività di pubblica autorità occorre accertare quelle che sono le modalità in cui viene svolta l attività, ossia esse devono concretizzarsi in atti pubblicistici-amministrativi, che ovviamente non possono essere prerogativa di un soggetto avente natura privata. Concessione di loculi cimiteriali (legge n. 66 del 1992) alla luce delle modifiche intervenute con la legge n. 142 del 1990 e con il Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali (d.lgs. n. 267 del 2000) Con il D.L. n. 417 del 1991, convertito dalla legge n. 66 del 1992, il legislatore nel recepire la sentenza della Corte di Giustizia del 1989, aveva disposto che le concessioni di aree, loculi cimiteriali e di altri manufatti per sepoltura, non costituiscono attività di natura commerciale agli effetti dell IVA. Con la risoluzione n. 376 del 2002 l Agenzia delle Entrate ha avuto il merito di aver chiarito la portata della suddetta disposizione in relazione alle successive leggi che hanno modificato l assetto gestionale dei predetti servizi resi precedentemente dagli enti locali in via esclusiva. Infatti, nel caso prospettato nella risoluzione un comune aveva affidato ad una società concessionaria (S.r.l.) la gestione delle aree cimiteriali e dei relativi servizi, nell ambito di tale attività gestionale la società concessionaria, con scritture private, cede in concessione d uso per 99 anni i loculi cimiteriali. Pertanto, si poneva il problema del trattamento IVA applicabile alla concessione dei loculi cimiteriali posta in essere da un soggetto avente natura privatistica e separato dal comune. La suddetta disposizione non distingue dal punto di vista soggettivo, sembrerebbe, quindi, anzi avere una portata oggettiva, ossia applicabile in ogni caso a chiunque (comuni e società concessionarie) realizzasse l attività in argomento.

5 Al riguardo, l Agenzia delle Entrate con la suddetta risoluzione ha precisato che la giurisprudenza comunitaria (Corte di Giustizia UE), con riferimento all interpretazione da dare all articolo 4, paragrafo 5 della sesta direttiva, ha previsto che il regime di non assoggettamento ad IVA presuppone, oltre al fatto che l attività considerata sia esercitata in veste di pubblica autorità, l esercizio di tale attività sia reso da parte di ente pubblico. Quindi, ne consegue che lo svolgimento di una determinata attività da parte di un soggetto privato non è di per sé sufficiente ad escluderla dall IVA per il solo fatto di consistere nel compimento di atti che rientrano nelle prerogative della pubblica autorità. Sostanzialmente, vorrei aggiungere, la norma del 1990, si giustifica e si comprende unicamente nella misura in cui viene interpretata nell ambito temporale in cui essa si colloca; infatti, all epoca le concessioni cimiteriali erano rese dai comuni, soltanto successivamente (con la nascita dei soggetti di cui alla legge n. 142 del 1990) e soprattutto attualmente con il testo unico gli enti locali cominciano ad esternalizzare molti servizi, tra i quali anche quelli svolti nell ambito cimiteriale. Per cui alla luce dell evoluzione che ha subito la normativa che concerne la gestione delle attività, un tempo prerogativa dei comuni ed altri locali, non può più essere richiamata una disposizione comunitaria che invece riguarda esclusivamente determinati organismi pubblici e non le società commerciali. In definitiva, la risoluzione ha fornito un oggettiva e corretta interpretazione alla legge del 1992 in linea con l orientamento giurisprudenziale degli organi comunitari e lo sviluppo delle norme nazionali di settore. A tale conclusione è pervenuta, sostanzialmente, anche la risoluzione più recente emanata dall Agenzia delle Entrate (risoluzione n. 149 del 8 luglio 2003), la quale, infatti, ha chiarito che nel caso di un azienda speciale che stipula in nome e per proprio conto Trattamento IVA applicabile ai servizi funebri I servizi resi nell ambito cimiteriale possono essere individuati in tre tipologie: A) Servizi cimiteriali soggetti all IVA se resi da soggetti privati: a) inumazioni; b) tumulazioni; c) esumazioni; d) traslazione di salme; e) cremazioni Tali servizi rientrano nell ambito applicativo dell Iva con aliquota ordinaria, risultano esclusi soltanto nel caso in cui fossero resi dai comuni nella veste di pubblica autorità, non realizzando il presupposto soggettivo d imposta, ai sensi dell articolo 4, primo comma del D.P.R. n. 633 del B) Servizi cimiteriali soggetti all IVA in ogni caso: a) manutenzione delle tombe; b) l illuminazione elettrica con lampade votive; c) in genere tutti gli altri servizi disciplinati da disposizioni di natura privatistica, per i quali in assenza di specifiche disposizioni di rende applicabile l IVA nella misura del 20% Prestazioni cimiteriali esenti dall IVA (Art. 10, n. 27 del D.PR. n. 633 del 1972): a) disbrigo di pratiche e denunce municipali; b) allestimento della camera ardente; c) trasporto del feretro; d) cessioni del feretro e delle corone mortuarie; e) cerimonia funebre in chiesa. La disposizione di esenzione ha carattere oggettivo nel senso che essa si rende applicabile a prescindere dalla natura giuridica dei soggetti che intervengono nel rapporto tributario. Detto orientamento è stato, peraltro, ribadito dalla circolare n. 8 del 14 giugno 1993; pertanto, anche le

6 prestazioni di servizi di pompe funebri rese da imprese del settore nei confronti di altre imprese esercenti analoga attività realizzano appieno la previsione esentativa A tal riguardo con la risoluzione 5 luglio 1989 il Ministero delle finanze ha precisato che l esenzione si applica anche ai contratti di appalto avente per oggetto il servizio di trasporto delle salme affidato da un comune ad una determinata impresa e da quest ultima a sua volta affidati ad un terzo. Nell ambito della previsione normativa di cui all articolo 10, essendosi in presenza di prestazioni di servizi e non di cessioni di beni è stato precisato con la risoluzione del 4 luglio 1984 le imprese sono esonerate dall obbligo del rilascio dello scontrino fiscale mediante il registratore di cassa. Attività di cremazione resa contestualmente ai servizi funerari In relazione alla cremazione che viene resa unitamente ai servizi funerari, si è del parere che non possa essere richiamata un eventuale accessorietà ai fini dell IVA. Ai sensi dell articolo 12 del DPR n. 633 del 1972 le operazioni accessorie, siano esse cessioni o prestazioni, effettuati direttamente dal cedente o prestatore ovvero per suo conto e a sue spese non sono soggette autonomamente all imposta, ciò significa che l operazione accessoria segue il medesimo trattamento tributario dell operazione principale. Anche se non sussiste una definizione di accessorietà occorre affermare come dalla prassi dell Amministrazione finanziaria si evince un concetto generale in base al quale per accessoria si deve intendere l operazione che assume una posizione secondaria rispetto a quella principale ed è collegata con quest ultima da un nesso di condizionalità necessaria o da un nesso di funzionalità, ossia che la stessa operazione secondaria non può prescindere dalla sussistenza dell operazione principale e costituire eventualmente il mezzo per fruire nelle migliori condizioni del servizio principale. Nel caso di specie le due operazioni sembrano del tutto autonome per la cui l operazione che si pensa di definire accessoria (cremazione) in verità non rappresenta una condizione necessaria o funzionale a quella che si presume principale (servizi funerari). Pertanto, nel pacchetto andrebbero distinte le operazioni con corrispettivi separati e fatturate con esenzione il prezzo relativo ai servizi funerari e con aliquota del 20% quello concernente il servizio di cremazione; in caso contrario, divenendo una prestazione complessa a fronte di un unico corrispettivo, per un principio di carattere generale disciplinante l imposta sul valore aggiunto, si dovrebbe applicare l imposta nella misura del 20%. Costruzione degli impianti cimiteriali L articolo 26-bis della legge 28 febbraio 1990 n. 38, che ha convertito il decreto-legge n. 415 del 1989, come interpretato dall articolo 1 del decreto-legge n. 417 del 1991, convertito dalla legge n. 66 del 1992, gli impianti cimiteriali, ai soli effetti dell applicazione dell aliquota IVA, sono stati equiparati alle opere di urbanizzazione. Pertanto ai contratti di appalto per la costruzione delle suddette opere si rende applicabile l aliquota IVA del 10%, ai sensi del numero 127-septies, parte terza, della Tabella A allegata al D.P.R. n. 633 del 1972, il quale infatti dispone che alle prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto relativi alla costruzione degli impianti, opere di cui al 127 quinquies si applica l aliquota agevolata; infatti, nel numero 127-quinquies sono ricompresse, tra le altre, anche le opere di urbanizzazione la cui cessione è soggetta alla medesima aliquota del 10%. Risoluzione n. 149/E dell 8 luglio 2003 (IRPEG-imputazione al periodo di imposta) Con la risoluzione n. 149/E del 2003, ultima in ordine di tempo emanata dall Agenzia delle Entrate in materia cimiteriale, si è precisato il trattamento fiscale, agli effetti delle imposte sui redditi, applicabile ai corrispettivi derivanti dagli atti relativi alle concessioni d uso cimiteriali ed in particolare il periodo d imposta al quale devono essere imputati.

7 La suddetta risoluzione ha analizzato la fattispecie inerente alla gestione delle aree cimiteriali e relativi servizi posti in essere da un azienda speciale costituita ai sensi del decreto legislativo n. 267 del 2000 (TUEL). Sostanzialmente, sulla base di una convenzione tra il comune interessato, precedentemente gestore dei suddetti beni e servizi, e l azienda speciale quest ultima, a decorrere dal 2003, provvede in nome e per conto proprio a stipulare gli atti relativi alle concessioni d uso cimiteriali (aree e manufatti) facendo proprio i relativi corrispettivi versati dai privati. Nella risoluzione viene chiarito che gli atti (in forma di scrittura privata) con i quali l azienda speciale cede in concessione d uso beni pubblici (demaniali aggiungiamo), quali le aree e manufatti cimiteriali, a privati per un determinato periodo di anni, possono essere equiparati, con riferimento alla funzione che tendono ad assolvere, ad un tipico atto di concessione amministrativa, in quanto consentono ad un soggetto privato l esercizio di un diritto, nel fattispecie un diritto d uso determinato su dei beni pubblici generalmente sottratti alla disponibilità privata. Di fatto, a parere dell Agenzia, la società affidataria costituisce a favore del privato un diritto reale di godimento sulle aree o manufatti cimiteriali. Ai fini fiscali delle imposte sui redditi l Agenzia ha precisato che trattasi di contratti che hanno per oggetto cessioni a titolo oneroso, in virtù dell equiparazione, operata dall articolo 9, comma 5, del TUIR che assimila alle cessioni gli atti che, a titolo oneroso, costituiscono o trasferiscono diritti reali di godimento. In ragione di detta equiparazione la fattispecie è stata fatta rientrare nella previsione di cui all articolo 75, comma 2, lettera a), concernente la determinazione dell esercizio di competenza per i corrispettivi delle cessioni. In conclusione, i corrispettivi conseguiti a fronte dell attività di gestione dei beni cimiteriali posta in essere dalla azienda speciale deve considerarsi conseguito alla data della stipula, o alla data in cui si verifica l effetto costitutivo del diritto d uso, nell eventualità che essa, dal contratto, risulta diversa o successiva a quella della stipula.

Oggetto: Istanza di interpello - Trattamento IVA da riservare alle concessioni in uso a privati di loculi, cappelle ed altri manufatti cimiteriali.

Oggetto: Istanza di interpello - Trattamento IVA da riservare alle concessioni in uso a privati di loculi, cappelle ed altri manufatti cimiteriali. RISOLUZIONE N. 376/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 novembre 2002 Oggetto: Istanza di interpello - Trattamento IVA da riservare alle concessioni in uso a privati di loculi, cappelle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

Ve - Marghera, ELIOS S.R.L. VIA MATTEOTTI 115 30038 SPINEA (VE) Prot.

Ve - Marghera, ELIOS S.R.L. VIA MATTEOTTI 115 30038 SPINEA (VE) Prot. Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ve - Marghera, Ufficio Fiscalita' delle imprese e finanziaria ELIOS S.R.L. VIA MATTEOTTI 115 30038 SPINEA (VE) Prot. OGGETTO: Interpello -ART.11,

Dettagli

Provincia di Firenze. Premesso che:

Provincia di Firenze. Premesso che: Oggetto: Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012.

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA

ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA SOMMARIO: 1. Premessa 2. Il concetto di stabile organizzazione ai fini IVA 3. La rilevanza territoriale della stabile organizzazione 4. La rilevanza

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa RISOLUZIONE N. 55/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 marzo 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa La

Dettagli

Expo 2015. Expo 2015: le linee guida IVA fornite dalle Entrate di Stefano Cesati e Francesco Zondini. L approfondimento

Expo 2015. Expo 2015: le linee guida IVA fornite dalle Entrate di Stefano Cesati e Francesco Zondini. L approfondimento Expo 2015: le linee guida IVA fornite dalle Entrate di Stefano Cesati e Francesco Zondini L approfondimento Al fine di favorire la realizzazione e la partecipazione ad Expo 2015, l accordo stipulato tra

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Premessa Il presente lavoro è finalizzato a fornire una descrizione della normativa italiana in materia di IVA nel settore della nautica da

Dettagli

Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente.

Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente. RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 marzo 2002 Oggetto: Forniture di carburante a bordo di natanti da diporto gestiti in noleggio. Regime di non imponibilità Iva di

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma 25 marzo 2008

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma 25 marzo 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 25 marzo 2008 OGGETTO: Art. 1, commi 158 e159, della legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria per il 2008)

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 18 marzo 2008

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 18 marzo 2008 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 marzo 2008 OGGETTO: Esenzione IVA delle prestazioni educative e didattiche ai sensi dell articolo 10, n. 20) del decreto del Presidente

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

RISOLUZIONE N. 27/E. Roma, 1 aprile 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 27/E. Roma, 1 aprile 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 27/E Roma, 1 aprile 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Progetto X Card - natura della prestazione resa dal comune di X - obblighi ai fini dell imposta sul valore aggiunto - articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N.84/E. OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600

RISOLUZIONE N.84/E. OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600 RISOLUZIONE N.84/E Roma, 10 agosto 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600 Con l interpello specificato in

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633 RISOLUZIONE N. 305/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre

Dettagli

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Allegato Tabella 1 Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Persone fisiche Società esenti da Ires (1) (2) (3) Soggetti esclusi da Ires (art. 74 del Tuir - Stato ed enti pubblici) Società semplici,

Dettagli

La leva fiscale per far ripartire il mercato immobiliare

La leva fiscale per far ripartire il mercato immobiliare 49 * Sabrina Capilupi I fondi immobiliari La leva fiscale per far ripartire il mercato immobiliare DOI: 10.14609/Ti_1_14_4i Parole chiave: fondi immobiliari, organismi di investimento collettivo del risparmio,

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E INDICE

CIRCOLARE N. 20/E INDICE CIRCOLARE N. 20/E Roma, 18 giugno 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Articolo 3 del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito con modificazioni dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, e successive

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

Sport dilettantistico: sponsorizzazioni e diritto di detrazione IVA

Sport dilettantistico: sponsorizzazioni e diritto di detrazione IVA Sport dilettantistico: sponsorizzazioni e diritto di detrazione IVA di Marco Peirolo L approfondimento La Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia ha esaminato il caso di una società che ha

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 255/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 2 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 cessione dello sfruttamento economico del diritto d immagine

Dettagli

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 086 28 MARZO 2013 IVA LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 41, DL n. 331/93 Risoluzioni Agenzia Entrate 28.11.2007, n.

Dettagli

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Circolare N. 62 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2007 REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Come noto (si veda la circolare 070119 CF ), dal 2007, alle prestazioni

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009 RISOLUZIONE N. 126/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 maggio 2009 Oggetto: Acquisto di aeromobili e di altri beni e servizi destinati ad attività di trasporto aereo a prevalente carattere

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

Approfondimento: il trattamento fiscale e previdenziale dei rapporti di lavoro autonomo instaurati con soggetti non residenti

Approfondimento: il trattamento fiscale e previdenziale dei rapporti di lavoro autonomo instaurati con soggetti non residenti Approfondimento: il trattamento fiscale e previdenziale dei rapporti di lavoro autonomo instaurati con soggetti non residenti Nell ambito dell imposizione diretta il nostro ordinamento tributario stabilisce

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

Rivenditori di auto usate: recente sentenza della Corte UE ribadisce l impossibilità di applicare il regime del margine a cura di Luca Caramaschi

Rivenditori di auto usate: recente sentenza della Corte UE ribadisce l impossibilità di applicare il regime del margine a cura di Luca Caramaschi Il Punto sull Iva Rivenditori di auto usate: recente sentenza della Corte UE ribadisce l impossibilità di applicare il regime del margine a cura di Luca Caramaschi Con la recente sentenza datata 19 luglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 RISOLUZIONE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Chiarimenti in merito alla prova dell avvenuta cessione intracomunitaria

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 16 aprile 2015, C-42/14

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 16 aprile 2015, C-42/14 Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 16 aprile 2015, C-42/14 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione della direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

Roma, 03 dicembre 2008

Roma, 03 dicembre 2008 RISOLUZIONE N. 465/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 dicembre 2008 Oggetto: Determinazione della base imponibile per alcune imprese marittime (c.d. tonnage tax) Tassazione delle plusvalenze

Dettagli

Prot. 2009/182816 Oggetto: Interpello - ART. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212. - Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633

Prot. 2009/182816 Oggetto: Interpello - ART. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212. - Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 RISOLUZIONE N. 283/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 dicembre 2009 Prot. 2009/182816 Oggetto: Interpello - ART. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212. - Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA,

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 APPENDICE Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE MERIDIANA FLY S.P.A. 2012-2013 (il Regolamento ) Articolo 1 Warrant per la sottoscrizione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

Roma, 12 novembre 2008

Roma, 12 novembre 2008 RISOLUZIONE N. 432/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 novembre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA SRL - Interpretazione dell art. 17, sesto

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

La violazione dell obbligo di autofatturazione

La violazione dell obbligo di autofatturazione 092609CFC1009_X103.qxd 8-09-2009 10:24 Pagina 2 La violazione dell obbligo di autofatturazione Natura della violazione e conseguenze sanzionatorie Sandro Cerato Susanna Monte Sinthema Professionisti Associati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 212/E

RISOLUZIONE N. 212/E RISOLUZIONE N. 212/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso ROMA 22 maggio 2008 Oggetto: Consulenza giuridica Interpello IVA Fornitura di energia elettrica ai consorzi per uso irriguo, di sollevamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 31.2012 25/07/2012. NOVITA IVA IN EDILIZIA (Art. 9 D.L. n. 83/12 - Decreto Sviluppo ) PREMESSA

SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 31.2012 25/07/2012. NOVITA IVA IN EDILIZIA (Art. 9 D.L. n. 83/12 - Decreto Sviluppo ) PREMESSA SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 31.2012 25/07/2012 NOVITA IVA IN EDILIZIA (Art. 9 D.L. n. 83/12 - Decreto Sviluppo ) PREMESSA L art. 9 del DL 22 giugno 2012, n. 83 (pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 129

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

IL REGIME IVA DELLA RIVENDITA DEGLI AUTOVEICOLI A DETRAZIONE LIMITATA PROBLEMI APPLICATIVI

IL REGIME IVA DELLA RIVENDITA DEGLI AUTOVEICOLI A DETRAZIONE LIMITATA PROBLEMI APPLICATIVI IL REGIME IVA DELLA RIVENDITA DEGLI AUTOVEICOLI A DETRAZIONE LIMITATA PROBLEMI APPLICATIVI di Sandro Cerato dottore commercialista e revisore contabile, docente alla Scuola Superiore di Economia e Finanze

Dettagli

Modifica alla disciplina IVA delle prestazioni di servizi di telecomunicazione

Modifica alla disciplina IVA delle prestazioni di servizi di telecomunicazione Modifica alla disciplina IVA delle prestazioni di servizi di telecomunicazione In data 25 Marzo 2008 l Agenzia delle Entrate ha divulgato la Circ. n. 25/E in merito alle modifiche apportate alla disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2240 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Norme

Dettagli

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE - N. 7 /2012 OGGETTO: CIMITERI - INDIRIZZI ART. 4 DEL D. LGS. N. 165 DEL 2001. DETERMINAZIONE TARIFFE SPECIALI.

Dettagli

Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE

Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE In All. 1 si riporta la nota dell ANCI, con la quale si è avviata una indagine statistica

Dettagli

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni CIRCOLARE N.16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2013 OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni Pagina

Dettagli

CIRCOLARE N.29/E. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N.29/e

CIRCOLARE N.29/E. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N.29/e CIRCOLARE N.29/E Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N.29/e Roma, 27 giugno 2011 OGGETTO: Rilievi interpretativi inerenti quesiti posti nel corso del Modulo di aggiornamento professionale (MAP) del

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Messa a disposizione di spazi e relative attrezzature: ai fini IVA rileva come prestazione generica della Dott.ssa Cristina Seregni e dell Avv. Giuseppe Rigano L Approfondimento Nella prassi commerciale

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Sistema comune d imposta sul valore aggiunto Direttiva 2006/112/CE Gruppo IVA Fatturazione interna per i servizi forniti da

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona Determinazione del 16.04.2014 N Generale: 81 N Settoriale: 24 AREA AMMINISTRATIVA UFFICIO OGGETTO: APPALTO LAVORI CIMITERIALI. AFFIDAMENTO DIRETTO

Dettagli

Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta)

Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta) Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta) Ove non espressamente specificato, i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

CIRCOLARE N._43 /E INDICE

CIRCOLARE N._43 /E INDICE CIRCOLARE N._43 /E Roma, 29 settembre 2011 OGGETTO: IVA - Chiarimenti in tema di territorialità e di regime di non imponibilità delle operazioni relative al settore della nautica da diporto INDICE 1. Premessa...2

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 Fiscalità Direttiva 2003/49/CE Regime fiscale comune applicabile ai pagamenti di interessi e di canoni effettuati tra società consociate

Dettagli

38 CON DELIBERAZINE CONSILIARE N. 37/08.07.2009 SONO STATE APPROVATE LE SEGUENTI MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA, APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 100 IN DATA

Dettagli

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE.

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. Modena, 15 settembre 2014 PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. La Corte di Giustizia UE, con Sentenza relativa alla causa C- 255/13 del

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. I, sentenza 26 febbraio 2015, C-144/13 - C-154/13 - C-160/13

Corte di Giustizia UE, sez. I, sentenza 26 febbraio 2015, C-144/13 - C-154/13 - C-160/13 Corte di Giustizia UE, sez. I, sentenza 26 febbraio 2015, C-144/13 - C-154/13 - C-160/13 Sentenza 1 Le domande di pronuncia pregiudiziale vertono sull interpretazione dell articolo 17, paragrafi 1 e 2,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione delle Associazioni Sportive Dilettantistiche A cura del Dott. Fabio Romei Dottore

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009 CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 marzo 2009 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito al corretto trattamento fiscale delle spese relative a prestazioni alberghiere e

Dettagli