Seminario su temi contabili e fiscali in campo funebre e cimiteriale Bologna, 19 giugno 2003 Dr. Luigi Marzullo (Agenzia delle Entrate)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario su temi contabili e fiscali in campo funebre e cimiteriale Bologna, 19 giugno 2003 Dr. Luigi Marzullo (Agenzia delle Entrate)"

Transcript

1 Seminario su temi contabili e fiscali in campo funebre e cimiteriale Bologna, 19 giugno 2003 Dr. Luigi Marzullo (Agenzia delle Entrate) IL TRATTAMENTO FISCALE APPLICABILE AI SERVIZI RESI NELL AMBITO CIMITERIALE Premessa Con la risoluzione n. 376 del 29 novembre 2002, l Agenzia delle Entrate ha avuto modo di precisare il trattamento fiscale agli effetti dell IVA applicabile all attività di concessione di loculi, cappelle ed altri manufatti nonché il regime IVA applicabile ai servizi cimiteriali posti in essere da una società privata affidataria alla quale un comune aveva commissionato, mediante un negozio giuridico di tipo privatistico, la realizzazione dei lavori di ampliamento di due cimiteri comunali ed, al contempo, la gestione delle opere e dei servizi cimiteriali, quali: - tumulazioni; - inumazioni; - esumazioni; - cremazioni; - illuminazione elettrica votiva. Il quesito posto dalla suddetta società, aveva per oggetto una serie di problematiche sorte, in particolare, da quando soprattutto i comuni possono esternalizzare i predetti servizi a soggetti riconosciuti attualmente dal testo unico sull ordinamento degli enti locali (D.Lgs. n. 267 del 2000), quali ad esempio le aziende speciali, le società per azioni, siano esse a partecipazione pubblica minoritaria o maggioritaria, previsti negli articoli 114, 115 e 116 del medesimo testo unico. Invero, quest ultimi soggetti furono istituiti con la legge n. 142 del 1990 (recante l ordinamento sulle autonomie locali), adesso sostanzialmente confluita nel suddetto testo unico, la quale prevedeva all articolo 22 che gli enti locali (comuni e province) potessero gestire i servizi pubblici, aventi per oggetto la produzione di beni ed attività, aventi rilevanza sociale e generale attraverso determinate forme di gestione quali: - in economia, quando per le modeste dimensioni o per le caratteristiche del servizio non fosse stato opportuno costituire un istituzione o un azienda; - in concessione a terzi, quando sussistevano ragioni tecniche, economiche e di opportunità sociale; - a mezzo di aziende speciali, anche per la gestione di più servizi di rilevanza economica ed imprenditoriale; - a mezzo di istituzioni per l esercizio di servizi sociali senza rilevanza imprenditoriale; - a mezzo di società per azioni o a responsabilità limitata, qualora non fosse stata opportuna in relazione alla natura o all ambito territoriale del servizio la partecipazione di più soggetti pubblici o privati. Prima di analizzare da vicino le conclusioni a cui è pervenuta la suddetta risoluzione, risulta opportuno sinteticamente esporre il sorgere di detti soggetti ed il trattamento tributario ad esso applicabile, in quanto ciò è indispensabile nel comprendere l orientamento dell Agenzia delle Entrate nell interpretare la norma sulle concessioni cimiteriali del Trattamento tributario applicabile alle aziende speciali, società per azioni Successivamente, l articolo 66, comma 14, del D.L. n. 331 del 1993, convertito nella legge n. 427, ha stabilito che: Nei confronti delle società per azioni e delle aziende speciali istituite ai sensi degli articoli 22 e 23 della legge 8 giugno 1990, n. 142, nonché nei confronti dei nuovi consorzi istituiti a norma degli articoli 25 e 60 della medesima legge si applicano, fino al termine del terzo anno dell esercizio successivo a quello rispettivamente di acquisizione della personalità giuridica o della

2 trasformazione in aziende speciali consortili, le disposizioni tributarie applicabili all ente di appartenenza. Relativamente al termine l articolo 70 della legge n. 549 del 1995, aveva stabilito che in ogni caso detto termine veniva fissato al 31 dicembre Con la risoluzione n. 81 del 2000, l Agenzia delle Entrate ha precisato che il significato della norma e la volontà del legislatore ad essa sottesa sono inequivocabili, nel senso quando esiste una norma tributaria e questa risulta applicabile all ente territoriale di appartenenza (comune), la medesima norma può essere applicata anche all azienda speciale, alla S.p.A. ed al consorzio. In questo e non in altro consiste l agevolazione introdotta dal citato articolo 66 del D.L. n. 331 del In materia di imposte sui redditi le disposizioni tributarie applicabili all ente territoriale di appartenenza sono, inconfutabilmente, quelle contenute nell articolo 88, primo comma, del TUIR, il quale recita Gli organi e le amministrazioni dello Stato, compresi, quelli ad ordinamento autonomo, anche se dotati di personalità giuridica, i comuni, i consorzi tra enti locali, le associazioni e gli enti gestori di demani collettivi, le comunità montane, le province e le regioni non sono soggetti all imposta.. Dunque, consistendo l agevolazione in esame nell applicazione alle aziende speciali e società per azioni, ecc. delle disposizioni tributarie applicabili al comune, in materia di imposte sui redditi, si rende possibile applicare ai medesimi soggetti quanto disposto dal citato articolo 88, i quali, quindi, pur divenendo autonomi soggetti d imposta nel momento in cui acquistano la personalità giuridica, restano però esclusi dall imposizione diretta, ovviamente per il periodo di moratoria fiscale. Dal punto di vista dell IVA,invece, una norma del tenore dell articolo 88, primo comma, appena richiamato non esiste. Non esistendo per l ente territoriale di appartenenza, detta norma non esiste nemmeno nei confronti dei soggetti sopra richiamati, né è possibile una sua applicazione analogica in campo IVA. Pertanto, alle aziende speciali, società per azioni ed aziende consortili possono soltanto applicarsi le disposizioni tributarie, consistenti in agevolazioni ed esoneri, cui sono assoggettati gli enti di appartenenza, risultando invece del tutto arbitrario estendere ai medesimi soggetti gli eventuali regimi fiscali particolari di cui beneficiano gli enti locali di appartenenza in quanto strettamente legati alla propria condizione soggettiva, ossia di soggetti che svolgono attività di pubblica autorità (attività istituzionale). Pertanto le aziende speciali, le S.p.A. ed i consorzi, come chiarito con la circolare n. 131/E del 1999 e con la risoluzione n. 135/E del 1999, devono ritenersi, invece, esonerati durante il periodo di moratoria fiscale, dalla presentazione delle dichiarazioni periodiche IVA ai sensi del D.P.R. n. 100 del 1998, essendo esonerati, per disposizione di legge, da tale adempimento gli enti locali. Normativa nazionale e comunitaria L articolo 4, quarto comma, del D.P.R. n. 633 del 1972 (che disciplina l IVA) stabilisce, tra l altro, che Per gli enti, ivi compresi quelli pubblici, che non abbiano per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali (enti non commerciali) si considerano effettuate nell esercizio di imprese soltanto le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nell esercizio di attività commerciali. Coerentemente, l articolo 4, paragrafo 5, della sesta direttiva CEE n. 77/388 del 17 maggio 1977, stabilisce espressamente che gli Stati, le regioni, le province, i comuni ed altri organismi di diritto pubblico non sono soggetti passivi di imposta per le attività ed operazioni che esercitano in quanto pubbliche autorità. Dal combinato disposto delle norme innanzi menzionate si può legittimamente dedurre che il legislatore (in particolare comunitario) ha inteso escludere dall IVA i suddetti enti pubblici per il loro peculiare status giuridico che, conseguentemente non può essere trasferito in capo a soggetti (quali aziende speciali, S.p.A. e consorzi) aventi una personalità del tutto autonoma rispetto all ente territoriale di appartenenza da cui promanano e natura giuridica privatistico-imprenditoriale (risoluzione n. 81 del 2000).

3 Conseguentemente, per le suddette ragioni, ai fini dell IVA, un eventuale applicazione ai soggetti di cui all articolo 66 del D.L. n. 331 del 1993, dello stesso trattamento tributario riservato agli enti territoriali di appartenenza sarebbe stato in palese contrasto con le disposizioni comunitarie. Concetto di pubblica autorità: Sentenza della Corte di Giustizia del 17 ottobre 1989 cause riunite nn. 231/87 e 129/88 (nozione di soggetto passivo - enti pubblici) Per comprendere la genesi della normativa concernente le concessioni cimiteriali risulta necessario richiamare la sentenza della Corte di Giustizia del 1989 che, nell esaminare la questione del trattamento IVA delle concessioni cimiteriali ha fornito un chiarimento sul concetto di soggetto passivo e soprattutto di ciò che si debba intendere per pubblica autorità. L articolo 4, paragrafo 5, primo comma, della sesta direttiva (Gli Stati, le regioni, le province e gli altri organismi di diritto pubblico non sono considerati soggetti passivi per le attività od operazioni che esercitano in quanto pubbliche autorità, anche quando in relazione a dette attività od operazioni, percepiscono diritti, canoni, contributi o retribuzioni), va interpretato nel senso che le attività esercitate in quanto pubbliche autorità ai sensi di tale norma sono quelle svolte dagli enti di diritto pubblico nell ambito del regime giuridico loro proprio, escluse le attività da essi svolte in forza dello stesso regime cui sono sottoposti gli operatori economici privati. Sono quindi escluse dal non assoggettamento le attività svolte dagli enti pubblici non già in veste di soggetti di diritto pubblico, bensì come soggetti di diritto privato. Spetta a ciascuno Stato membro scegliere la tecnica normativa più appropriata per trasporre nel diritto nazionale il principio del non assoggettamento sancito da detta norma. Il secondo comma (Se però tali enti esercitano attività od operazioni di questo genere, essi devono essere considerati soggetti passivi per dette attività od operazioni quando il loro non assoggettamento provocherebbe distorsioni di concorrenza di una certa importanza.) va interpretato nel senso che gli Stati membri sono tenuti a garantire l assoggettamento degli enti pubblici per le attività che svolgono in quanto pubbliche autorità allorché dette attività possono essere del pari esercitate da privati in concorrenza con essi secondo le norme del diritto privato oppure in base a concessioni amministrative qualora il loro non assoggettamento sia atto provocare distorsione di concorrenza di una certa importanza. Il terzo comma (In ogni caso, gli enti succitati sono sempre considerati come soggetti passivi per quanto riguarda le attività elencate nell allegato D quando esse non sono trascurabili) mira a garantire che talune categorie di attività economiche aventi un oggetto importante ed elencate nell allegato D alla sesta direttiva non vengano sottratte all IVA perché svolte da enti pubblici in veste di pubbliche autorità, va interpretato nel senso che gli Stati membri possono esentare dall assoggettamento obbligatorio dette attività qualora esse siano trascurabili, ma non sono tenuti ad avvalersi di detta facoltà. La norma non impone loro quindi l obbligo di recepire nella loro normativa tributaria nazionale il criterio del carattere non trascurabile inteso come condizione per l assoggettamento. Un ente di diritto pubblico può invocare l articolo 4, paragrafo 5 della sesta direttiva per opporsi all applicazione di una disposizione nazionale che sancisca il suo assoggettamento ad IVA per un attività svolta in quanto pubblica autorità che non sia elencata nell allegato D ed il cui non assoggettamento non sia atto provocare distorsioni di concorrenza di una certa rilevanza. La sentenza del 17 ottobre 1989 verteva, tra le varie controversie, sull individuazione del trattamento IVA delle concessioni di aree e loculi cimiteriali e della cessione di accessori per loculi cimiteriali realizzate dai comuni.in particolare la Corte è stata chiamata a pronunciarsi sull interpretazione da dare all articolo 4, paragrafo 5, della sesta direttiva. A tal riguardo, l Organo Comunitario ha confermato che per l applicazione dell esenzione (esonero) dall IVA devono essere soddisfatte due condizioni: A) l esercizio di attività da parte di un ente pubblico; B) l esercizio d attività in veste di pubblica autorità.

4 Per definire quest ultima condizione, prosegue la Corte, non è possibile fondarsi sull oggetto o sul fine dell attività dell ente pubblico, poiché questi elementi vengono presi in considerazione da altre norme della medesima direttiva e per altre finalità. Dall analisi della disposizione in argomento emerge, a parere della Corte, che le modalità dell esercizio dell attività consentono di determinare la portata del non assoggettamento degli enti pubblici. Infatti, laddove tale norma subordina il non assoggettamento degli enti di diritto pubblico alla condizione che essi agiscano in quanto pubblica autorità, essa esclude dal non assoggettamento le attività da essi svolte non in quanto soggetti di diritto pubblico, bensì in quanto soggetti di diritto privato. Per cui l unico criterio che consenta di distinguere con certezza queste due categorie di attività è, conseguentemente, il regime giuridico applicato in base al diritto nazionale di ogni Stato membro. Pertanto, gli enti di diritto pubblico di cui al suddetto articolo 4, paragrafo 5, della sesta direttiva esercitano attività in quanto pubbliche autorità ai sensi di tale norma qualora ciò avvenga nell ambito del regime giuridico loro proprio; quando, invece, essi agiscono in forza dello stesso regime cui sono sottoposti gli operatori economici privati, non si può ritenere che svolgano attività di pubblica autorità. La scelta di qualificare l attività in base a tale criterio spetta al giudice nazionale. In definitiva, si deve affermare, a parere della Corte di Giustizia, che il primo comma dell articolo 4, paragrafo 5, della sesta direttiva deve essere interpretato nel senso che le attività esercitate in veste di pubbliche autorità ai sensi di detta norma sono quelle svolte dagli enti di diritto pubblico nell ambito del regime giuridico loro proprio, escluse le attività da essi svolte in forza dello stesso regime giuridico cui sono sottoposti gli operatori privati e spetta a ciascuno Stato membro scegliere la tecnica normativa più consona per trasporre nel diritto nazionale il principio del non assoggettamento (limitarsi a riprendere la formula o l espressione utilizzata dalla sesta direttiva o redigere un elenco di attività per le quali i soggetti di diritto pubblico non devono considerarsi soggetti d imposta. Quindi, al fine di stabilire se l ente pubblico svolge effettivamente un attività di pubblica autorità occorre accertare quelle che sono le modalità in cui viene svolta l attività, ossia esse devono concretizzarsi in atti pubblicistici-amministrativi, che ovviamente non possono essere prerogativa di un soggetto avente natura privata. Concessione di loculi cimiteriali (legge n. 66 del 1992) alla luce delle modifiche intervenute con la legge n. 142 del 1990 e con il Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali (d.lgs. n. 267 del 2000) Con il D.L. n. 417 del 1991, convertito dalla legge n. 66 del 1992, il legislatore nel recepire la sentenza della Corte di Giustizia del 1989, aveva disposto che le concessioni di aree, loculi cimiteriali e di altri manufatti per sepoltura, non costituiscono attività di natura commerciale agli effetti dell IVA. Con la risoluzione n. 376 del 2002 l Agenzia delle Entrate ha avuto il merito di aver chiarito la portata della suddetta disposizione in relazione alle successive leggi che hanno modificato l assetto gestionale dei predetti servizi resi precedentemente dagli enti locali in via esclusiva. Infatti, nel caso prospettato nella risoluzione un comune aveva affidato ad una società concessionaria (S.r.l.) la gestione delle aree cimiteriali e dei relativi servizi, nell ambito di tale attività gestionale la società concessionaria, con scritture private, cede in concessione d uso per 99 anni i loculi cimiteriali. Pertanto, si poneva il problema del trattamento IVA applicabile alla concessione dei loculi cimiteriali posta in essere da un soggetto avente natura privatistica e separato dal comune. La suddetta disposizione non distingue dal punto di vista soggettivo, sembrerebbe, quindi, anzi avere una portata oggettiva, ossia applicabile in ogni caso a chiunque (comuni e società concessionarie) realizzasse l attività in argomento.

5 Al riguardo, l Agenzia delle Entrate con la suddetta risoluzione ha precisato che la giurisprudenza comunitaria (Corte di Giustizia UE), con riferimento all interpretazione da dare all articolo 4, paragrafo 5 della sesta direttiva, ha previsto che il regime di non assoggettamento ad IVA presuppone, oltre al fatto che l attività considerata sia esercitata in veste di pubblica autorità, l esercizio di tale attività sia reso da parte di ente pubblico. Quindi, ne consegue che lo svolgimento di una determinata attività da parte di un soggetto privato non è di per sé sufficiente ad escluderla dall IVA per il solo fatto di consistere nel compimento di atti che rientrano nelle prerogative della pubblica autorità. Sostanzialmente, vorrei aggiungere, la norma del 1990, si giustifica e si comprende unicamente nella misura in cui viene interpretata nell ambito temporale in cui essa si colloca; infatti, all epoca le concessioni cimiteriali erano rese dai comuni, soltanto successivamente (con la nascita dei soggetti di cui alla legge n. 142 del 1990) e soprattutto attualmente con il testo unico gli enti locali cominciano ad esternalizzare molti servizi, tra i quali anche quelli svolti nell ambito cimiteriale. Per cui alla luce dell evoluzione che ha subito la normativa che concerne la gestione delle attività, un tempo prerogativa dei comuni ed altri locali, non può più essere richiamata una disposizione comunitaria che invece riguarda esclusivamente determinati organismi pubblici e non le società commerciali. In definitiva, la risoluzione ha fornito un oggettiva e corretta interpretazione alla legge del 1992 in linea con l orientamento giurisprudenziale degli organi comunitari e lo sviluppo delle norme nazionali di settore. A tale conclusione è pervenuta, sostanzialmente, anche la risoluzione più recente emanata dall Agenzia delle Entrate (risoluzione n. 149 del 8 luglio 2003), la quale, infatti, ha chiarito che nel caso di un azienda speciale che stipula in nome e per proprio conto Trattamento IVA applicabile ai servizi funebri I servizi resi nell ambito cimiteriale possono essere individuati in tre tipologie: A) Servizi cimiteriali soggetti all IVA se resi da soggetti privati: a) inumazioni; b) tumulazioni; c) esumazioni; d) traslazione di salme; e) cremazioni Tali servizi rientrano nell ambito applicativo dell Iva con aliquota ordinaria, risultano esclusi soltanto nel caso in cui fossero resi dai comuni nella veste di pubblica autorità, non realizzando il presupposto soggettivo d imposta, ai sensi dell articolo 4, primo comma del D.P.R. n. 633 del B) Servizi cimiteriali soggetti all IVA in ogni caso: a) manutenzione delle tombe; b) l illuminazione elettrica con lampade votive; c) in genere tutti gli altri servizi disciplinati da disposizioni di natura privatistica, per i quali in assenza di specifiche disposizioni di rende applicabile l IVA nella misura del 20% Prestazioni cimiteriali esenti dall IVA (Art. 10, n. 27 del D.PR. n. 633 del 1972): a) disbrigo di pratiche e denunce municipali; b) allestimento della camera ardente; c) trasporto del feretro; d) cessioni del feretro e delle corone mortuarie; e) cerimonia funebre in chiesa. La disposizione di esenzione ha carattere oggettivo nel senso che essa si rende applicabile a prescindere dalla natura giuridica dei soggetti che intervengono nel rapporto tributario. Detto orientamento è stato, peraltro, ribadito dalla circolare n. 8 del 14 giugno 1993; pertanto, anche le

6 prestazioni di servizi di pompe funebri rese da imprese del settore nei confronti di altre imprese esercenti analoga attività realizzano appieno la previsione esentativa A tal riguardo con la risoluzione 5 luglio 1989 il Ministero delle finanze ha precisato che l esenzione si applica anche ai contratti di appalto avente per oggetto il servizio di trasporto delle salme affidato da un comune ad una determinata impresa e da quest ultima a sua volta affidati ad un terzo. Nell ambito della previsione normativa di cui all articolo 10, essendosi in presenza di prestazioni di servizi e non di cessioni di beni è stato precisato con la risoluzione del 4 luglio 1984 le imprese sono esonerate dall obbligo del rilascio dello scontrino fiscale mediante il registratore di cassa. Attività di cremazione resa contestualmente ai servizi funerari In relazione alla cremazione che viene resa unitamente ai servizi funerari, si è del parere che non possa essere richiamata un eventuale accessorietà ai fini dell IVA. Ai sensi dell articolo 12 del DPR n. 633 del 1972 le operazioni accessorie, siano esse cessioni o prestazioni, effettuati direttamente dal cedente o prestatore ovvero per suo conto e a sue spese non sono soggette autonomamente all imposta, ciò significa che l operazione accessoria segue il medesimo trattamento tributario dell operazione principale. Anche se non sussiste una definizione di accessorietà occorre affermare come dalla prassi dell Amministrazione finanziaria si evince un concetto generale in base al quale per accessoria si deve intendere l operazione che assume una posizione secondaria rispetto a quella principale ed è collegata con quest ultima da un nesso di condizionalità necessaria o da un nesso di funzionalità, ossia che la stessa operazione secondaria non può prescindere dalla sussistenza dell operazione principale e costituire eventualmente il mezzo per fruire nelle migliori condizioni del servizio principale. Nel caso di specie le due operazioni sembrano del tutto autonome per la cui l operazione che si pensa di definire accessoria (cremazione) in verità non rappresenta una condizione necessaria o funzionale a quella che si presume principale (servizi funerari). Pertanto, nel pacchetto andrebbero distinte le operazioni con corrispettivi separati e fatturate con esenzione il prezzo relativo ai servizi funerari e con aliquota del 20% quello concernente il servizio di cremazione; in caso contrario, divenendo una prestazione complessa a fronte di un unico corrispettivo, per un principio di carattere generale disciplinante l imposta sul valore aggiunto, si dovrebbe applicare l imposta nella misura del 20%. Costruzione degli impianti cimiteriali L articolo 26-bis della legge 28 febbraio 1990 n. 38, che ha convertito il decreto-legge n. 415 del 1989, come interpretato dall articolo 1 del decreto-legge n. 417 del 1991, convertito dalla legge n. 66 del 1992, gli impianti cimiteriali, ai soli effetti dell applicazione dell aliquota IVA, sono stati equiparati alle opere di urbanizzazione. Pertanto ai contratti di appalto per la costruzione delle suddette opere si rende applicabile l aliquota IVA del 10%, ai sensi del numero 127-septies, parte terza, della Tabella A allegata al D.P.R. n. 633 del 1972, il quale infatti dispone che alle prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto relativi alla costruzione degli impianti, opere di cui al 127 quinquies si applica l aliquota agevolata; infatti, nel numero 127-quinquies sono ricompresse, tra le altre, anche le opere di urbanizzazione la cui cessione è soggetta alla medesima aliquota del 10%. Risoluzione n. 149/E dell 8 luglio 2003 (IRPEG-imputazione al periodo di imposta) Con la risoluzione n. 149/E del 2003, ultima in ordine di tempo emanata dall Agenzia delle Entrate in materia cimiteriale, si è precisato il trattamento fiscale, agli effetti delle imposte sui redditi, applicabile ai corrispettivi derivanti dagli atti relativi alle concessioni d uso cimiteriali ed in particolare il periodo d imposta al quale devono essere imputati.

7 La suddetta risoluzione ha analizzato la fattispecie inerente alla gestione delle aree cimiteriali e relativi servizi posti in essere da un azienda speciale costituita ai sensi del decreto legislativo n. 267 del 2000 (TUEL). Sostanzialmente, sulla base di una convenzione tra il comune interessato, precedentemente gestore dei suddetti beni e servizi, e l azienda speciale quest ultima, a decorrere dal 2003, provvede in nome e per conto proprio a stipulare gli atti relativi alle concessioni d uso cimiteriali (aree e manufatti) facendo proprio i relativi corrispettivi versati dai privati. Nella risoluzione viene chiarito che gli atti (in forma di scrittura privata) con i quali l azienda speciale cede in concessione d uso beni pubblici (demaniali aggiungiamo), quali le aree e manufatti cimiteriali, a privati per un determinato periodo di anni, possono essere equiparati, con riferimento alla funzione che tendono ad assolvere, ad un tipico atto di concessione amministrativa, in quanto consentono ad un soggetto privato l esercizio di un diritto, nel fattispecie un diritto d uso determinato su dei beni pubblici generalmente sottratti alla disponibilità privata. Di fatto, a parere dell Agenzia, la società affidataria costituisce a favore del privato un diritto reale di godimento sulle aree o manufatti cimiteriali. Ai fini fiscali delle imposte sui redditi l Agenzia ha precisato che trattasi di contratti che hanno per oggetto cessioni a titolo oneroso, in virtù dell equiparazione, operata dall articolo 9, comma 5, del TUIR che assimila alle cessioni gli atti che, a titolo oneroso, costituiscono o trasferiscono diritti reali di godimento. In ragione di detta equiparazione la fattispecie è stata fatta rientrare nella previsione di cui all articolo 75, comma 2, lettera a), concernente la determinazione dell esercizio di competenza per i corrispettivi delle cessioni. In conclusione, i corrispettivi conseguiti a fronte dell attività di gestione dei beni cimiteriali posta in essere dalla azienda speciale deve considerarsi conseguito alla data della stipula, o alla data in cui si verifica l effetto costitutivo del diritto d uso, nell eventualità che essa, dal contratto, risulta diversa o successiva a quella della stipula.

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Le attività Comunali e L IVA

Le attività Comunali e L IVA Convegno: IL COMUNE QUALE SOGGETTO ATTIVO E PASSIVO D'IMPOSTA Le attività Comunali e L IVA MILANO, 12 ottobre 2010 dott. Giuseppe Munafò IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Premessa Per poter meglio comprendere

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Relazione ai sensi dell articolo 34, comma 20, del D.L. 18.10.2012, n. 179, convertito con legge n. 221/2012.

Relazione ai sensi dell articolo 34, comma 20, del D.L. 18.10.2012, n. 179, convertito con legge n. 221/2012. Relazione ai sensi dell articolo 34, comma 20, del D.L. 18.10.2012, n. 179, convertito con legge n. 221/2012. Quadro generale e definizione di servizio pubblico locale La disciplina dei servizi pubblici

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli