Torino, 6 novembre 2012 L IVA. Parte I I presupposti applicativi. Dott. Andrea Gippone Dott. Riccardo Petrignani

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Torino, 6 novembre 2012 L IVA. Parte I I presupposti applicativi. Dott. Andrea Gippone Dott. Riccardo Petrignani"

Transcript

1 Torino, 6 novembre 2012 L IVA Parte I I presupposti applicativi Dott. Andrea Gippone Dott. Riccardo Petrignani

2 L Imposta sul Valore Aggiunto si applica sulle cessioni di beni e le prestazioni di servizio effettuate nel territorio dello Stato nell esercizio di imprese o di arti e professioni, nonché sulle importazioni (art.1 DPR 633/1972). 2

3 Affinché sia possibile applicare l Iva devono verificarsi contemporaneamente i tre seguenti presupposti: - Presupposto oggettivo - Presupposto soggettivo - Presupposto territoriale 3

4 Requisito oggettivo (art.2 e 3 DPR 633/1972) Occorre che si realizzino, anche alternativamente, delle cessioni di beni o delle prestazioni di servizio. 4

5 Cessioni di beni Ai fini Iva si considerano tali gli atti che hanno per oggetto il trasferimento del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento su beni di ogni genere. Inoltre la norma individua ed elenca una serie di operazioni che in nessun caso costituiscono cessioni di beni. 5

6 Prestazioni di servizi Sono tali le operazioni rese dietro pagamento di corrispettivo, in dipendenza di contratti d'opera, di appalto, trasporto, mandato, agenzia, ecc., nonché le prestazioni derivanti da obblighi di fare, non fare, permettere, indipendentemente dalla causale. Anche in questo caso la norma prosegue con un elenco tassativo di operazioni che non si considerano prestazioni di servizio. 6

7 Requisito soggettivo (art.4 e 5 DPR 633/1972) Le operazioni devono essere rese nell esercizio di imprese o di arti e professioni, affinché vengano individuati i soggetti passivi, intesi quali soggetti obbligati al versamento dell imposta (così come ulteriormente disciplinato dall art.17 DPR 633/1972). 7

8 Esercizio di imprese Consiste nell esercizio in forma abituale, anche se non esclusiva, delle attività commerciali (o agricole) previste dal codice civile (artt e 2135 del c.c.). 8

9 Esercizio di arti o professioni Consiste nell esercizio in forma abituale, anche se non esclusiva, di qualsiasi attività di lavoro autonomo da parte di persone fisiche, società semplici, associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche per l esercizio in forma associata delle attività stesse. 9

10 Requisito territoriale (art.7 PR 633/1972) Le cessioni di beni e le prestazioni di servizio rientrano nel campo applicativo dell Iva qualora sia soddisfatto il requisito della territorialità, nel senso che si devono considerare effettuate sul territorio dello Stato Italiano. 10

11 Torino, 6 novembre 2012 L IVA Parte II Base imponibile, rivalsa e detrazione Dott. Andrea Gippone Dott. Riccardo Petrignani

12 Base imponibile (art.13 PR 633/1972) La base imponibile rappresenta l importo su cui va applicata l Iva. Essa è costituita dall ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti contrattualmente al cedente o prestatore. Fanno inoltre parte della base imponibile gli oneri accessori, nonché gli oneri e i debiti accollati all acquirente e le integrazioni dovute ai terzi. 12

13 Base imponibile (art.13 PR 633/1972) La determinazione della base imponibile avviene in riferimento al concetto di valore normale, intendendo con tale espressione l intero importo che il cessionario o committente dovrebbe pagare in condizioni di libera concorrenza ad un cedente o prestatore, al medesimo grado di commercializzazione di quello in cui avviene la cessione del bene o la prestazione di servizio. 13

14 Rivalsa (art.18 PR 633/1972) L obbligo di rivalsa in capo al cedente/prestatore va inteso nel senso che il soggetto passivo è tenuto ad applicare l Iva (nei casi e modi previsti per legge) sulle operazioni attive rivalendosi per questo direttamente sul cessionario/committente. 14

15 Detrazione (art.19 PR 633/1972) Per detrazione si intende la possibiltà di recupero da parte dei soggetti passivi, dell Iva assolta (ossia pagata ) sugli acquisti di beni o servizi, nonché sulle importazioni, nell esercizio dell attività. 15

16 Detrazione (art.19 PR 633/1972) Affinché il soggetto passivo possa esercitare il diritto alla detrazione è necessario che venga rispettato il principio dell inerenza; ossia è indispensabile verificare che i beni o i servizi acquistati, per i quali si vuole detrarre l Iva, siano attinenti all attività esercitata. 16

17 Limiti alla detrazione (art.19 PR 633/1972) Il diritto a detrarre dall'iva sulle fatture emesse quella assolta sugli acquisti effettuati non è assoluto e incondizionato ma deve rispettare due diverse tipologie di limiti: - Limiti oggettivi; -- Limiti soggettivi 17

18 Limiti oggettivi(art.19-bis1 PR 633/1972) Riguardano la natura degli acquisti di beni e servizi, per i quali valgono le stesse considerazioni operanti nei confronti dei consumatori finali. L art.19-bis1 reca una elencazione dettagliata e tassativa di tali tipologie di spese. 18

19 Limiti oggettivi(art.19-bis1 PR 633/1972) -- Areomobili e relativi servizi; -- Veicoli stradali a motore e relativi servizi; -- Pedaggi autostradali; -- Trasporto di persone; -- Omaggi e spese di rappresentanza, di costo unitario superiore a 25,82 euro; -- Alimenti e bevande; -- Telefoni cellulari; - Beni ad utilizzo promiscuo. 19

20 Limiti soggettivi(art.19 PR 633/1972) -Sono legate alla natura dell'impresa o del lavoratore autonomo, ed in particolare dipendono dalla tipologia di operazioni effettuate. Qualora vengano rese prestazioni di servizio o ceduti beni in esenzione di imposta, tali soggetti hanno il diritto di detrarre l'iva afferente gli acquisti in misura proporzionale a quanto emerge applicando il calcolo del prorata. 20

21 Limiti soggettivi(art.19 PR 633/1972) -L'applicazione del pro-rata può fornire o la % di detraibilità o quella di indetraibilità. -% di DETRAIBILITA = OPERAZIONI IMPONIBILI x TOTALE DELLE OPERAZIONI 21

22 Limiti soggettivi(art.19 PR 633/1972) -Nel caso della percentuale di indetraibilità: -% di INDETRAIBILITA = OPERAZIONI ESENTI x TOTALE DELLE OPERAZIONI 22

23 Operazioni esenti (art.10 PR 633/1972) -Si tratta di operazioni che, pur rientrando tra quelle che possiedono tutti i requisiti per l'applicazione dell'imposta, ne sono esentati per espressa predisposizione normativa. Di seguito viene fornito un elenco che ripropone le più ricorrenti. 23

24 Operazioni esenti (art.10 PR 633/1972) - - Operazioni di finanziamento e concessione di crediti; - - Assicurazioni; - - Locazioni e leasing di immobili (sia abitativi che strumentali); - - Cessioni di immobili abitativi e strumentali; - - Cessione gratuita di beni di propria produzione ad Onlus e ad altri soggetti; - - Prestazioni sanitarie rese alla persona; 24

25 Operazioni esenti (art.10 PR 633/1972) - - Prestazioni di asili, colonie, case di riposo e ostelli della gioventù; - - Servizi delle pompe funebri; - - Corsi di formazione sovvenzionati da enti pubblici; - - Prestazioni educative e didattiche; - - Cessioni di beni acquistati senza diritto alla detrazione totale. 25

26 Operazioni escluse (art.15 PR 633/1972) - Si tratta di operazioni che sono formalmente escluse dall applicazione dell Iva, sebbene vengano riaddebitate dal fornitore ed effettivamente pagate. I casi più ricorrenti sono solitamente i riaddebiti di interessi di mora o penalità, gli sconti, premi o abbuoni in natura e le anticipazioni in nome e per conto. 26

27 Aliquote d'imposta (art.16 PR 633/1972) - L aliquota ordinaria è ad oggi fissata nella misura del 21%, oltre a due aliquote ridotte pari al 4% e 10% che vanno applicate esclusivamente nei casi previsti ed elencati nella Tabella A, allegata al D.P.R. 633/1972. Le aliquote ridotte sono collegate a beni e servizi di prima necessità (4%) e di largo consumo (10%). 27

28 Aliquote d'imposta (art.16 PR 633/1972) - Nel caso di prestazioni accessorie soggette ad aliquota differente rispetto a quella prevista per l operazione principale, qualora non sia possibile separare le due operazioni, si applica su tutto il corrispettivo l aliquota del bene/servizio principale. 28

29 Note di variazione (art.26 PR 633/1972) - Possono riguardare sia la base imponibile che l imposta e si distinguono in due categorie: - - Rettifiche in aumento (dette note di addebito ); - - Rettifiche in diminuzione (dette note di accredito ). 29

30 Note di addebito (art.26 PR 633/1972) - Le rettifiche in aumento (o note di addebito) sono sempre obbligatorie e, nel caso in cui occorra variare la base imponibile, scontano la stessa aliquota iva dell operazione originale. 30

31 Note di accredito (art.26 PR 633/1972) - Le rettifiche in diminuzione (o note di accredito) non sono obbligatorie e, nel caso in cui occorra variare la base imponibile, scontano la stessa aliquota iva dell operazione originale, solo se la variazione interviene entro un anno dalla data di emissione del documento cui fa riferimento. Inoltre, le note di accredito possono avvenire solo in casi specifici, individuati dalla norma. 31

32 Torino, 6 novembre 2012 L IVA Parte III La distinzione delle operazioni (imponibili, non imponibili, escluse, esenti) ed il volume d affari Dott. Andrea Gippone Dott. Riccardo Petrignani

33 A. Il momento imponibile Assume particolare rilevanza - ai fini di un corretto adempimento ai fini IVA - identificare con chiarezza il momento imponibile, ossia quando l operazione soggetta ad Iva si consideri effettuata e quindi di conseguenza, quando l imposta diviene esigibile da parte dell Erario. Il momento imponibile, generalmente, salvo alcuni casi particolari, coincide con l effettuazione delle operazioni. L art. 6 del D.P.R. 633/1972 illustra i criteri in base ai quali identificare tale momento, distinguendo tra: 1. cessioni di beni mobili ed immobili 2. prestazioni di servizi 33

34 1. Momento imponibile in caso di cessioni di beni 1.1. Beni immobili: Come principio generale l operazione si considera effettuata e l imposta diviene esigibile nel momento della stipulazione del contratto. Esempio: Una società immobiliare vende un immobile. L operazione assume rilevanza ai fini Iva nel momento in cui viene stipulato il contratto di compravendita nella forma dell atto pubblico Beni mobili L operazione si considera effettuata nel momento della consegna o della spedizione del bene. Esempio: La società ALFA vende una partita di merce alla società BETA. L operazione assume rilevanza ai fini Iva nel momento della consegna o della spedizione della merce. 34

35 1.3. Eccezioni Al principio generale fanno eccezione le cessioni i cui effetti traslativi o costitutivi della proprietà si producono successivamente alla consegna o alla spedizione, al verificarsi di determinate clausole. Clausole sospensive (riserva di gradimento, vendita a prova, etc ) Se si tratta di cessioni di beni mobili, esse si considerano comunque effettuate se è trascorso almeno un anno dalla spedizione o dalla consegna. Esempio La società ALFA commissiona alla società BETA la costruzione di un bene con clausola di riserva di gradimento (art.1520 C.C). In questo caso l operazione assume rilevanza ai fini Iva nel momento in cui la società ALFA, dopo aver visionato (ed eventualmente collaudato) il bene, manifesta alla società BETA il gradimento per il bene commissionato. (R.M ). Clausole risolutive In questo caso le cessioni si considerano comunque effettuate nel momento della consegna o della spedizione, salvo il verificarsi di una condizione risolutiva che dà origine all emissione di una nota di variazione di cui all art. 26 D.P.R. 633/

36 1.4. Casi particolari Cessioni di beni per atto della pubblica autorità e cessioni periodiche o continuative di beni in esecuzione di contratti di somministrazione di cose: l operazione si considera effettuata nel momento del pagamento del corrispettivo e non rispettivamente nel momento dell esproprio e di ogni singola consegna. Per quanto riguarda i contratti di somministrazione viene richiesta, a titolo di prova, la forma scritta. Destinazione dei beni al consumo personale o familiare dell imprenditore o ad altra finalità estranea all esercizio dell impresa: l operazione si considera effettuata (e l imposta diviene esigibile) nel momento in cui vengono prelevati i beni. 36

37 Passaggi dal committente al commissionario o viceversa in esecuzione di contratti di commissione di acquisto o di vendita. Bisogna distinguere due casi: il soggetto A dà la commissione al soggetto B di vendere della merce al soggetto C (vendita che sarà effettuata da B in nome proprio ma per conto di A): l operazione si considera effettuata (e l imposta diviene esigibile) nel momento in cui la merce viene consegnata o spedita a C; il soggetto A dà la commissione al soggetto B di acquistare della merce dal soggetto C (acquisto che sarà effettuata da B in nome proprio ma per conto di A): l operazione si considera effettuata (e l imposta diviene esigibile) nel momento in cui la merce viene consegnata o spedita al committente A. Cessioni di beni inerenti a contratti estimatori: l operazione si considera effettuata (e l imposta diviene esigibile) nel momento della rivendita dei beni ai terzi; per i beni non restituiti, alla scadenza del termine convenuto dalle parti e comunque allo scadere di un anno dalla consegna o dalla spedizione. 37

38 Assegnazioni in proprietà di case di abitazione fatte ai soci di cooperative edilizie a proprietà divisa: l operazione si considera effettuata alla data del rogito notarile. Acconti e pagamenti anticipati. In deroga al principio generale in base al quale l operazione si considera effettuata nel momento della consegna o della spedizione del bene, l operazione si considera effettuata (e l imposta diviene esigibile) nel momento in cui viene pagato un acconto, un anticipo o addirittura tutto il corrispettivo pattutito. Esempio A vende a B della merce con consegna a gg.60 a decorrere da oggi. B paga in data odierna a titolo di acconto il 20% del prezzo pattuito. L operazione si considera effettuata e l imposta diviene esigibile, seppur parzialmente, nel momento in cui viene pagato l acconto: infatti A emetterà una fattura di acconto pari al 20% dell operazione complessiva. 38

39 2. Momento imponibile in caso di prestazioni di servizi Le prestazioni di servizi si considerano effettuate nel momento del pagamento del corrispettivo. Se il pagamento del corrispettivo avviene in parte (ad esempio viene corrisposto un acconto) la prestazione si considera effettuata, seppur parzialmente, nel momento del pagamento dell acconto. Se il pagamento avviene mediante bonifico bancario, l operazione si considera effettuata nel momento in cui si riceve comunicazione da parte della banca. Esempio Un professionista presta in data 1 Giugno una consulenza ad un suo cliente che provvede a pagarlo in contanti in data 15 Luglio. La prestazione di servizi resa dal professionista diventa rilevante ai fini Iva nel momento in cui il cliente paga il corrispettivo della consulenza e cioè il 15 Luglio. Esempio Un professionista presta in data 1 Giugno una consulenza ad un suo cliente che provvede a pagarlo mediante bonifico bancario datato 30 Giugno e con valuta 27 Giugno. La contabile bancaria perviene al professionista in data 2 luglio. Il momento in cui l operazione assume rilevanza ai fini Iva coincide con la data del 2 luglio. 39

40 3. Momento imponibile non coincidente con il momento di effettuazione delle operazioni Vi sono dei casi, in deroga al principio generale, in cui l imposta non è esigibile nel momento di effettuazione delle operazioni ma nel momento in cui il corrispettivo viene pagato. I casi in esame sono i seguenti: cessioni di prodotti farmaceutici; cessioni di beni e prestazioni di servizi ai soci, associati o partecipanti; cessioni di beni e prestazioni di servizi a: Stato e a suoi organi, enti pubblici territoriali e CCIAA, istituti universitari, unità sanitarie locali, enti ospedalieri, enti pubblici di ricovero e cura aventi prevalente carattere scientifico, enti pubblici di assistenza e beneficenza e a quelli di previdenza. In questi casi l imposta diviene esigibile all atto del pagamento dei relativi corrispettivi, mentre ai fini dell emissione e dell annotazione delle fatture ai sensi degli artt. 21 e 23 del D.P.R. 633/1972 si considera sempre il momento di effettuazione dell operazione. Rimane comunque salva la facoltà di applicare la regola generale e,quindi, di rinunciare al differimento del pagamento dell imposta. Il fornitore di beni o il prestatore di servizi deve apporre sulla fattura emessa una delle seguenti diciture: IVA ad esigibilità immediata IVA ad esigibilità differita Se non viene specificato nulla in fattura, si presume il differimento dell imposta. 40

41 B. LE OPERAZIONI NON IMPONIBILI L ambito delle operazioni non imponibili comprende, per contro, l insieme di quelle operazioni economiche per le quali non sussistono i presupposti di assoggettamento. In particolare, tra queste occorre prendere in esame le operazioni di esportazione e quelle a queste assimilabili. B.1. Le cessioni all esportazione (art. 8 d.p.r. 633/1972) Le condizioni che devono essere rispettate affinché si realizzi un operazione di cessione all esportazione sono le seguenti: trasferimento della proprietà o di un diritto reale di godimento di uno o più beni; uscita dei beni fuori dal territorio della Comunità europea.

42 E opportuno ricordare che esiste una sostanziale differenza tra: cessioni all esportazione rilevanti ai fini IVA cessioni all esportazione rilevanti ai fini della normativa doganale (D.P.R. 43/1973) sebbene la normativa Iva sulle esportazioni si richiami alla normativa doganale. Esempio. Un azienda tessile italiana esporta temporaneamente dei tessuti in Tunisia dove vengono lavati, stampati e, quindi, rinviati in Italia. Questa operazione è a tutti gli effetti un operazione di cessione all esportazione ai fini doganali poiché la merce che proviene da un Paese comunitario esce dal territorio doganale della UE. Non rileva invece ai fini Iva perché manca la prima delle condizioni anzidette e cioè il trasferimento della proprietà dei beni.

43 Costituiscono cessioni all esportazione: le esportazioni dirette e congiunte (anche tramite commissionari) le esportazioni triangolari (anche tramite commissionari) le esportazioni con consegna di beni in Italia le cessioni di beni e prestazioni di servizi ad esportatori abituali Sono esportatori abituali i soggetti residenti che nell anno solare precedente o nei 12 mesi precedenti, abbiano registrato (cfr. C.M. 145/E del ).: cessioni all esportazione cessioni intracomunitarie operazioni assimilate per un ammontare complessivo superiore al 10% del volume d affari determinato ai sensi dell art. 20 del D.P.R. 633/1972.

44 L operatore che ha la caratteristica di esportatore abituale può acquistare beni e servizi senza pagamento dell IVA nel limite del cosiddetto plafond cioè dell ammontare complessivo delle: cessioni all esportazione cessioni intracomunitarie operazioni assimilate annotate nel registro delle fatture emesse dell anno solare precedente (plafond fisso) o nei 12 mesi precedenti (plafond mobile) al mese di effettuazione degli acquisti senza assoggettamento all IVA.

45 La dichiarazione di intento. Deve essere inviata dall esportatore abituale al fornitore prima della data di effettuazione dell operazione. Nella dichiarazione d intento, datata e numerata, devono essere indicati: i dati anagrafici dell esportatore abituale, la P.IVA, gli Uffici Iva (o delle Entrate) territorialmente competenti con riferimento all esportatore abituale e al fornitore; il periodo di validità delle operazioni o l ammontare massimo delle operazioni sulle quali non deve essere applicata l IVA (la dichiarazione di intento può essere rilasciata per una sola o più operazioni tra le parti); firma dell esportatore abituale. Le dichiarazioni in oggetto devono essere annotate su un apposito registro tenuto a norma dell art. 39 del D.P.R. 633/1072 oppure in apposita sezione dei registri di cui agli artt. 23 e 24 D.P.R. 633/1972.

46 Adempimenti dell operatore economico che effettua cessioni ad esportatori abituali numerare la dichiarazione d intento; annotare la dichiarazione d intento entro 15 giorni dalla data di ricevimento su apposito registro o nel registro delle fatture emesse o in quello dei corrispettivi; emissione della fattura ai sensi dell art. 21 del D.P.R. 633/1972 con annotazione: della dicitura operazione non imponibile ai sensi dell art. 8 co.1 lett.c) del D.P.R. 633/1972 ; e degli estremi (numero e data di emissione) della dichiarazione d intento.

47 C. LE OPERAZIONI ESENTI Il legislatore ha infine individuato un insieme di operazioni per le quali, ancorché sussistano i presupposti soggettivi, oggettivi e territoriali, ha ritenuto, per ragioni di opportunità economica e sociale di non dare luogo ad assoggettamento all imposta sul valore aggiunto. La norma di riferimento è l art. 10 del D.P.R. 633/1972 il quale elenca una serie di operazioni alle quali non viene applicata l imposta. Si riportano di seguito quelle che si ritiene possano essere più frequenti nei nostri studi professionali. C.1. Operazioni finanziarie Si tratta in genere delle operazioni di finanziamento effettuate dalle banche alle imprese ed anche tra imprese, ivi comprese le dilazioni di pagamento alla clientela. A tal proposito si precisa che le dilazioni di pagamento concesse da un soggetto al proprio cliente a seguito di una cessione di beni non vengono mai considerate, ai fini IVA, accessorie e, pertanto, mantengono il regime di esenzione IVA.

48 Come esempio di operazione esente possiamo considerare la fatturazione di interessi passivi a fronte di un finanziamento soci fruttifero. E opportuno soffermare l attenzione sul differente trattamento Iva tra l addebito di interessi per dilazione di pagamento (esenti ex art. 10) e l addebito di interessi di mora (esclusi ex. art. 15) in caso di ritardo nei pagamenti non prestabiliti tra le parti. In quest ultimo caso infatti gli interessi rivestono la natura di un indennizzo del danno subito dal cedente a fronte del ritardo nell adempimento relativo al pagamento del corrispettivo. C.2. Operazioni di assicurazione Pagamento del premio ed gli oneri accessori, quali ad esempio i diritti di incasso, sono esenti Iva

49 C.3. Operazioni relative ad azioni ed obbligazioni E esente da Iva la compravendita di azioni, obbligazioni e quote sociali da parte di imprese. Sono esenti da Iva le prestazioni di mandato, di mediazione e di intermediazione relative alle suddette operazioni. Si precisa che sono esenti da Iva le compravendite di titoli che non siano però rappresentative di merci poiché in tal caso si avrebbe una compravendita equiparabile a tutti gli effetti ad una compravendita di merce e, pertanto, imponibile ai fini IVA. C.4. Locazioni di beni immobili Sono esenti da Iva le locazioni non finanziarie e gli affitti di : terreni ed aziende agricole aree diverse da quelle destinate a parcheggio dei veicoli, senza destinazione edificatoria fabbricati, comprese le pertinenze, esclusi: quelli strumentali per natura (categoria catastale A/10, B, C, D, E): la locazione sconta l Iva con aliquota al 21% e quelli di civile abitazione locati dalle imprese che li hanno costruiti per la rivendita: la locazione sconta l Iva con aliquota al 10%.

50 C.5. Cessioni di beni immobili Sono esenti da Iva : le cessioni di fabbricati a destinazione abitativa (categorie catastali A/1 A/9 e A/11) le cessioni di porzioni di fabbricati a destinazione abitativa quando effettuate da soggetti diversi da: imprese costruttrici degli stessi, imprese che hanno eseguito o fatto eseguire interventi di restauro, risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia e di ristrutturazione urbanistica imprese che hanno per oggetto esclusivo o principale dell attività svolta la rivendita dei predetti fabbricati o delle predette porzioni.

51 C.6. Prestazioni sanitarie Sono esenti da Iva le prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione rese alla persona nell esercizio delle professioni e arti sanitarie soggette a vigilanza. Con il D.M. 21 Gennaio 1994 sono state individuate le prestazioni esenti che rientrano nelle professioni sanitarie soggette a vigilanza. Sono tali quelle rese da: medici infermieri o assistenti sanitari ostetriche, odontotecnici, ottici, tecnici ortopedici biologi psicologi Sono esenti da Iva se accompagnate da prescrizione medica quelle rese da: terapisti della riabilitazione e dell ortottica massaggiatori e massafieroterapisti diplomati podologi

52 Si precisa infine che devono ritenersi esenti solo le prestazioni sanitarie rese a scopo terapeutico, diagnostico e curativo e non anche quelle rese per scopi di ricerca scientifica. Esempio: Un medico dentista effettua una prestazione sanitaria nei confronti di un suo paziente. Egli dovrà emettere fattura esente art. 10 n.18 D.P.R. 633/1972 ART. 10 co.1 n.27 quinquies D.P.R. 633/1972 Sono esenti da Iva le cessioni di beni il cui acquisto o importazione non ha concesso la detrazione totale dell imposta ai sensi degli artt.19, 19bis1 e 19bis2 del D.P.R. 633/1972. Esempio: Una società ha acquistato nel 2009 un autovettura nuova che non ha formato oggetto dell attività propria dell impresa né è stata destinata ad essere esclusivamente utilizzata come strumentale nell attività propria e, pertanto prudenzialmente, l IVA non è stata detratta. La società nel 2011 vende l auto ad un altra società. Nella fattura di vendita dovrà essere indicato che l operazione è esente art. 10 n.27 quinquies) D.P.R. 633/1972

53 D. LE OPERAZIONI ESCLUSE Non concorrono alla formazione della base imponibile, ai sensi di quanto previsto dall art. 15, le seguenti fattispecie. D.1. interessi moratori e penalità Trattasi di somme riaddebitate ai clienti aventi natura non contrattuale ma meramente risarcitoria a fronte di ritardi o altre irregolarità nell adempimento dei propri obblighi contrattuali. D.2. Sconti, premi ed abbuoni Il valore normale dei beni ceduti a titolo di sconto, premio ed abbuono è escluso dalla base imponibile a condizione che: siano previsti contrattualmente il bene ceduto a titolo di sconto, premio ed abbuono non sia soggetto ad aliquota più alta rispetto a quello che ha formato principalmente l oggetto della cessione a titolo oneroso.

54 D.3. Imballaggi e recipienti Sono esclusi dalla formazione della base imponibile gli importi degli imballaggi e dei recipienti a condizione che ne sia stato pattuito espressamente il rimborso alla resa entro un termine convenuto. D.4. Spese anticipate in nome e per conto Sono escluse dalla base imponibile le somme dovute a titolo di rimborso delle anticipazioni fatte in nome e per conto della controparte purché regolarmente documentate. Si considerino i seguenti casi.

55 SPESE ANTICIPATE IN NOME E PER CONTO DELLA CONTROPARTE (MANDATO CON RAPPRESENTANZA) SPESE ANTICIPATE IN NOME PROPRIO MA PER CONTO DELLA CONTROPARTE (MANDATO SENZA RAPPRESENTANZA) SPESE ADDEBITATE ACCESSORIE A RAPPORTO PRINCIPALE TRA LE PARTI Escluse ai sensi dell art. 15 del D.P.R. 633/1972 (Esempio 1) Il riaddebito delle spese è imponibile e segue il regime di imponibilità dell operazione principale (Esempio 3) SPESE ADDEBITATE NON ACCESSORIE A RAPPORTO PRINCIPALE TRA LE PARTI Il riaddebito configura una mera cessione di denaro non soggetta ad Iva ai sensi dell art. 2 del D.P.R. 633/1972 (Esempio 2) Le spese riaddebitate costituiscono un operazione autonoma che viene disciplinata ai fini Iva secondo le disposizioni ordinarie (Esempio 4)

56 Esempio 1 La società ALFA cede un macchinario alla società BETA ed anticipa in nome e per conto della società BETA il costo del trasporto fatturato dall autotrasportatore GAMMA alla società BETA per complessivi 5.000,00 + Iva al 21%. Nella fattura che ALFA emetterà nei confronti di BETA dovrà indicare separatamente: l operazione imponibile costituita dalla cessione del macchinario l operazione esclusa ai sensi dell art. 15 del D.P.R. 633/1972 rappresentata dall anticipo delle spese di trasporto comprensive dell IVA (= 6.050,00). Risulta evidente che la fattura emessa da GAMMA non dovrà essere registrata da ALFA poiché è intestata a BETA. Esempio 2 La società ALFA anticipa in nome e per conto della società BETA le spese di consulenza rese da GAMMA e fatturate a BETA. L operazione si configura come una mera cessione di denaro non soggetta ad Iva ai sensi dell art. 2 D.P.R. 633/1972.

57 Esempio 3 La società ALFA cede un macchinario alla società BETA ed anticipa in nome proprio ma per conto della società BETA il costo del trasporto fatturato dall autotrasportatore GAMMA alla società ALFA per complessive 5.000,00 + Iva al 21%. Nella fattura che ALFA emette nei confronti di BETA indicherà nell imponibile anche il riaddebito delle spese di trasporto che seguirà la stessa disciplina ed aliquota del bene ceduto. E ovvio rilevare che in questo caso la fattura emessa da GAMMA deve essere annotata nella contabilità generale ed Iva di ALFA. Esempio 4 La società ALFA anticipa in nome proprio ma per conto della società francese BETA le spese di pubblicità rese da GAMMA e fatturate ad ALFA. Il riaddebito delle spese da ALFA a BETA sarà fuori campo Iva ai sensi dell art. 7 D.P.R. 633/1972.

58 E. IL VOLUME D AFFARI Altro concetto fondamentale di riferimento nel procedimento di determinazione dell imposta dovuta è il volume d affari, individuato ai sensi di quanto previsto dall art. 20 del D.P.R. 633/1972 Il volume d affari è dato da tutte le cessioni di beni e prestazioni di servizi: imponibili non imponibili esenti inesistenti (purché fatturate) soggette ad Iva ma senza applicazione dell imposta registrate (nei registri di cui agli artt. 23 e 24 D.P.R. 633/1972) o soggette a registrazione (per esempio quelle che si sarebbero dovute registrare ma che non si sono registrate per errore o dimenticanza). Nella determinazione del volume d affari bisogna tener conto anche delle variazioni di cui all art. 26 D.P.R. 633/1972 a condizione che queste siano registrate nell anno. Non rientrano nel volume d affari: le cessioni di beni ammortizzabili i passaggi di beni e servizi tra attività separate.

59 Torino, 6 novembre 2012 L IVA Parte IV Obblighi dei Contribuenti (fatturazione, annotazione, liquidazione) Dott. Andrea Gippone Dott. Riccardo Petrignani

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72 IVA Liquidazioni Periodiche e Versamenti Art. 27 del D.P.R. 633/72 Periodicità delle liquidazioni Mensile Trimestrale per opzione Limiti Prestazioni di servizi: 309.874,14 Altre attività: 516.456,90 L

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA VIENE UTILIZZATA DALLA GENERALITA DEI SOGGETTI PASSIVI SIA QUANDO EFFETTUANO OPERAZIONI IMPONIBILI, NON

Dettagli

DAL 1 OTTOBRE 2013 L ALIQUOTA IVA ORDINARIA PASSA AL 22%

DAL 1 OTTOBRE 2013 L ALIQUOTA IVA ORDINARIA PASSA AL 22% DAL 1 OTTOBRE 2013 L ALIQUOTA IVA ORDINARIA PASSA AL 22% In conseguenza del mancato ulteriore rinvio dell'aumento dell'aliquota ordinaria dell'iva e per effetto dell'art.11, co.1, lett. a), D.L. n.76/13

Dettagli

Padova, 30 Settembre 2013. Spett.li Signori Clienti. Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA n. 11/2013 L AUMENTO DELL ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

Padova, 30 Settembre 2013. Spett.li Signori Clienti. Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA n. 11/2013 L AUMENTO DELL ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Avv. Marianovella Gianfreda Dott. Giulia Zanardi Dott. Luca Lombardo Padova, 30 Settembre 2013

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Con la legge di stabilità per il 2013 (legge n. 228 del 24.12.2012) il legislatore ha recepito il contenuto della direttiva n. 2006/112/UE in materia di

Dettagli

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 01.04.15 SETTORI: TESSILE, ABBIGLIAMENTO, MODA, CALZATURE, PELLI E CUOIO (PICCOLA INDUSTRIA) AUMENTO MINIMI CONTRATTUALI: seguiranno apposite circolari con nuovi

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti).

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti). Ai Gentili Clienti Gli omaggi natalizi Considerato l avvicinarsi delle festività natalizie, in occasione delle quali costituisce una prassi diffusa tra gli operatori economici effettuare omaggi a clienti

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini

Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli - Commercialista Tel. 0586-891762 Rag. Michele Cinini - Commercialista Fax 0586-882512 Rag.

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 1 ottobre 2013. CIRCOLARE N. 10 / 2013. AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Dall 1/10/2013 l aliquota IVA ordinaria passa dal 21% al 22%. Come da Comunicato stampa

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

Informative e news per la clientela di studio

Informative e news per la clientela di studio Informative e news per la clientela di studio AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Si informa che, in conseguenza del mancato rinvio dell IVA annunciato dal governo italiano nelle settimane precedenti,

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 25 del 16 dicembre 2011 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI L avvicinarsi delle festività natalizie rappresenta l occasione da parte di aziende

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Con Provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15.1.2016 sono state aggiornate le istruzioni

Dettagli

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O Baschi 27 novembre 2012 VERSAMENTO DELL IVA DOPO LA RISCOSSIONE DEL CORRISPETTIVO (Art. 32 bis D.L. 83/2012 Decreto Min. Economia del 11 ottobre 2012 Provvedimento Direttore Agenzia Entrate n. 165764/2012

Dettagli

In collaborazione con L A.GI.FOR.

In collaborazione con L A.GI.FOR. MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Nota n. 3 del 5 maggio 2009 Versamento dell IVA dopo la riscossione del

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Scade il prossimo 28 febbraio 2013 il termine per trasmettere esclusivamente in via telematica la Comunicazione annuale dei dati Iva

Dettagli

REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI

REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI Circolare N. 22 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 22 marzo 2011 REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI Per le operazioni territorialmente rilevanti in Italia poste

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

REGISTRAZIONI CONTABILI

REGISTRAZIONI CONTABILI REGISTRAZIONI CONTABILI presupposti civilistici risvolti fiscali perchè devo fare le registrazioni? come e quando devo fare le registrazioni? FINALITÀ CIVILISTICA art. 2423 definire con chiarezza un bilancio

Dettagli

semp mp ilf i i f cat ca a

semp mp ilf i i f cat ca a È il documento fondamentale per la certificazione delle operazioni commerciali e generalmente deve essere emessa dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione di servizio. Ha lo scopo

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

Studio Dott. Begni & Associati news 03 / 2015

Studio Dott. Begni & Associati news 03 / 2015 Oggetto: LO SPLIT PAYMENT E LE FATTURE EMESSE AGLI ENTI PUBBLICI DALL 01.01.2015 Nell ambito della Finanziaria 2015 è contenuto un nuovo metodo antievasione per il versamento dell IVA all Erario, in base

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

IL NUOVO REGIME DELL IVA PER CASSA

IL NUOVO REGIME DELL IVA PER CASSA IL NUOVO REGIME DELL IVA PER CASSA Il D.L. n.83/12, all art.32-bis, ha introdotto un nuovo regime che prevede la liquidazione dell Iva secondo una contabilità di cassa (c.d. regime Iva per cassa ). L entrata

Dettagli

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Normativa Roma, 26 novembre 2012 OGGETTO: Liquidazione dell IVA secondo la contabilità di cassa, cd. Cash accounting Articolo 32-bis del d.l. 22 giugno 2012, n. 83,

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

Ai Gentili Clienti Loro sedi

Ai Gentili Clienti Loro sedi Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda n. 27 del 20 ottobre 2006 Ai Gentili Clienti Loro sedi LIBRI E REGISTRI CONTABILI: BOLLATURA

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2010

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2010 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2010 Entro il 31 Dicembre 2011 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere alla stampa dei registri

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Prossimo appuntamento con lo spesometro. 10 aprile per i contribuenti mensili e 20 aprile per tutti gli altri Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che

Dettagli

Avv. Dott. Rag. Giuseppe Di Dio Avvocato - Commercialista e Revisore Contabile

Avv. Dott. Rag. Giuseppe Di Dio Avvocato - Commercialista e Revisore Contabile Bergamo, 10 gennaio 2007 A tutti i clienti Loro Sedi Circolare n. 7/2007 Oggetto: SCHEDA CARBURANTE Il D.P.R. 444/1997 regolamenta le annotazioni da apporre sulle schede relative all acquisto dei carburanti

Dettagli

Padova, 21 settembre 2011. Spett.li Signori Clienti. Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA n. 12/2011 DAL 17.9.2011 L ALIQUOTA IVA ORDINARIA È PARI AL 21%

Padova, 21 settembre 2011. Spett.li Signori Clienti. Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA n. 12/2011 DAL 17.9.2011 L ALIQUOTA IVA ORDINARIA È PARI AL 21% Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Dott. Fabio Salvagno Dott. Francesca Parravicini Dott. Luisa Stritoni Dott. Marzio Bucciol Padova,

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II RTB NETWORK Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto Parte II (Prof. Giuseppe D ANDREA) Obiettivi Proseguire l analisi della struttura dell Imposta sul Valore Aggiunto. Classificazione delle operazioni

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE Art.43 Base imponibile ed aliquota 1. Per gli acquisti intracomunitari di

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 01/12/2015 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

LORO SEDI. Oggetto: DAL 1 OTTOBRE 2013 PASSA AL 22% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA

LORO SEDI. Oggetto: DAL 1 OTTOBRE 2013 PASSA AL 22% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA Sondrio, 1 ottobre 2013 A tutti i Sigg. Clienti LORO SEDI CIRCOLARE N. 5/2013 Oggetto: DAL 1 OTTOBRE 2013 PASSA AL 22% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA L articolo 40, comma 1-ter, del decreto legge del 6 luglio

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 17 Dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI Il Decreto Legislativo 21 novembre 2014 nr. 175, cosiddetto Semplificazione fiscale e dichiarazione dei

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione

Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione A partire dal 1 gennaio 2015, per le persone fisic he che fruiranno del nuovo regime forfettario, è previsto un regime IVA analogo a quello

Dettagli

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA - OPERATIVO DALL 1.12.2012

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA - OPERATIVO DALL 1.12.2012 Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Avv. Marianovella Gianfreda Dott. Francesca Parravicini Dott. Fabio Salvagno Padova, 19 novembre

Dettagli

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Rapporti con la PA - dal 01.01.2015 l IVA non viene incamerata dal privato ma versata dall ente pubblico (Legge di stabilita per il 2015 - art. 1 commi 629, 630, 632

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto;

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

Oggetto: NOVITA IVA 2013

Oggetto: NOVITA IVA 2013 Bassano del Grappa, 04 Marzo 2013 Circolare n. 07/2013 Oggetto: NOVITA IVA 2013 Con l intento di uniformare gli adempimenti in ambito comunitario, la Legge di Stabilità 2013 ha introdotto dal 1 gennaio

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

Il ciclo di approvvigionamento

Il ciclo di approvvigionamento 1 Il ciclo di approvvigionamento Gli acquisti imponibili Al momento del ricevimento della fattura di acquisto (regolamento a 30 gg.), si ha : V. E. - V. E. + Materie c/acquisti 100 Iva ns. credito 21 Debiti

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

Elaborazione dati e dichiarazioni fiscali. C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3

Elaborazione dati e dichiarazioni fiscali. C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3 C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3 Montagna, lì 28 gennaio 2013 1) Fatturazione nuove regole dal 2013 a) Contenuto della fattura b) Numerazione delle fatture - chiarimento c) Momento di effettuazione delle

Dettagli

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI INFORMATIVA N. 241 27 OTTOBRE 2011 IVA GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI Art. 21, DL n. 78/2010 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2011, n. 24/E Documento Agenzia Entrate 11.10.2011

Dettagli